Pietro Verri

CRONACA DI COLA DE LI PICIRILLI

Edizione di riferimento:

Verri Pietro, Cronaca di Cola de li Picirilli. - Milano, edizione della Biblioteca comunale, 1997. (I  quaderni di Palazzo Sormani; 22). ISBN 88-85262-27-9. - Palazzo Sormani  -  Corso di Porta Vittoria,  6,  Milano - 1999

Edizione elettronica di riferimento:

http://fc.retecivica.milano.it/Palazzo%20Marino%20LD/Biblioteche%20Pubbliche%20Comunali/Biblioteca%20Sormani/Testi/S00C05B40-019DE7E0.0/cronaca.rtf

Nel concludere il mio lavoro presso la Biblioteca Comunale di Milano, vorrei riesumare un testo che presenta indubitabili collegamenti col Palazzo nel quale dal 1956 ha sede questa istituzione culturale.

L’autore, Pietro Verri, aveva inserito il manoscritto in un volume miscellaneo proveniente da Palazzo Verri e poi finito per ragioni ereditarie, unitamente alle tele attribuite al Grechetto, a Palazzo Sormani, dove fu conservato sino al momento della cessione dell’edificio all’amministrazione comunale.

Si tratta di una Cronaca, stesa in un ipotetico dialetto napoletano, che vede scorrere personaggi e fatti di vita milanese innanzi agli occhi dell’ipotetico personaggio Cola de li Piccirilli.

Una riesumazione non priva di collegamenti con la nostra attualità, o, perlomeno, con certe nostre problematiche.

                                                                            PIETRO FLORIO

                                                                            Direttore della Biblioteca Comunale

                                                                            di Milano

Palazzo Sormani, Festa di Sant’Ambrogio 1998

Cronaca di Cola De Li Picirilli

degli avvenimenti pubblici di Milano

dell’anno 1763

Chissa Cronaca aggio scritta de mea propia manu e pe’ meo propio devertimiento io Cola da li Picirilli l’anno dello Signore mille setteciento e sessanta tre: né me curo che alcuno la legga o che sea de gusto ad alcuno; ben sapiendo che le guste son varj e che massimamente in Melano dove pe’ malora mia songo costretto de restare, le cervielli della gente sono assae diviersi dallo mio. Quello che so pe’ scrivere in chissa Cronaca so’ appunto le coglionerie che aggio veduto capetare in chissa nobule Metropole entro lo brieve spazio d’un anno.

Allo bello prencipio de lo mese de Jennaro no cierto panciuto soldato che se nomenava pe’ nome Maresciallo de lo Serbellone [1], usciva de so’ casa entro na carrozza pe’ trovasse a na sessione che se teneva in Corte: Un’autra carroza pe’ malanno passanno rosecò no poco la carrozza de Si Maresciallo, e lo Si Maresciallo lo vide de mal occhio, e vinne alla Sessione, e ve fu de mal umore, e tutti chilli della Sessione, e in particolare no cierto Conte de Firmiano che avia lo titolo de Plenipotente [2] funno rammarecati no puoco, et non sapiendo chi fosse la carrozza che avia rosecato no puoco passanno la carrozza de lo soldato panciuto de lo Serbellone, se desputò assae, e se concluse che besognava darne no esempio, e gastigare tutte le carrozze de chissa malorata Metropole. Lo jorno veniente na Signora pe’ nome contessa Brebbia se ne uscia de so casa buonamente no pensanno a male, né sapienno che la carrozza de lo Si Maresciallo fosse stato lo jorno precedente rosecata da un autra, e la Signora se ne annava come le autre jorni in carrozza. Improvvisamente le sgherri che se trovavano sparse pe’ la Metropole, slancia na grossa stanga de rovere entro le razze de le ruote de la Signora, che no sapeva la rosecatura de la carrozza de lo Si de lo Serbellone, e lo cocchiero de la Signora se vide cascare come no fascio de salice in mezzo de li so’ Cavalle, e le sgherre te lo acchiappano e te lo portano pregione, e la Signora restò a piede e n’ebbe despiacere; e se pubblecò no ordene che nessuno no podisse correre pe’ la Metropole, e le sgherre fermavano da tutte le bande e mettevano pregione, e giudecavano se le carrozze corressero o annassero, e se feciono cose maravigliose assae, et se messero sgherre a cavallo e a piede pe’ sovrastare su le carrozze de la Metropole pe’ quindeci jorni [3]. E poi se retornò a annare come se fa in ogni parte de lo monno a so modo, e se dementicò de le cose passate, et se non ve fosse io Cola de li Picirilli che scrive de mia propia manu, e pe’ mio divertimiento, non se ne parleria mai chiù.

Alle ventotto de lo mese de Jennaro essenno recevimiento a Corte, ve fue na cierta Signora pe’ nome Teresa, figlia de lo Teniente Colonnello Blasco e mogliera de lo Si Marchese Cesare Beccaria uomo de molta vertù ne lo cuore e de molta acutezza de cerviello mo chissa Signora vinne co na cuffia fatta no già de lino, ma de penne de uciello, et chilla cuffia facia na bella comparza pech’era sovra no viso jovene e che avia na grazia et venustà singolare. Si che le autre femmene videro la rarità de lo fatto; fero de lo susurro fra de isse, e chi rise, chi schiamazzanno fece le su riflessioni tutto en somma fue sozzopra lo femmineo regno, e molti cavaleri che cercava occasione pe’ fasse spiretosi, corrian attorno pe’ le case de la Metropole a raccontar lo avenimiento, e se vuole che dalla morte de lo duca Francisco a chillo jorno non sea mai capitato in chissa Metropole avvenimiento che aggia fatto più romore de chillo de la cuffia [4] et chisso se dimenticaria, se io Cola de li Picirilli no lo avisse scritto de mia propia manu e pe’ mio divertimiento.

Vicino a chilli jorni s’intese pe’ la Metropole na terribile fezione de ladroneggi, et quase tutte le notte s’intendeva svalegiata qualche bottega, Ve fu chi propose d’illumenare la notte la Metropole, lo che s’intende dire che sea d’usanza in autre pajese e terre: ma le buone Metropolite resposero che chilla saria stata l’ultima malora de chisso popolo, e che Dresden è più piccola de Melano, et che Paris è più granne de Melano si ben che se in chille due terre s’illumena la notte no ne viene conseguenza pe’ Melano; e se disse de chiù che se deve pagar de buona voglia no milione e mezzo e chiù a lo Banco dito de Santo Ambrosio; ma che no se deve pagar lo stoppino et l’olio pe’ far chiaro la notte, et se stabilì che la notte in Melano sarebbe scura, se non ve sia lo lumenare menore [5]; et chisso pure l’aggio scritto io Cola de li Picirilli de mea propia manu e pe’ mio divertimiento.

In chilli tempi come la fezione de le ladroneggi iva ogni jorno chiù inferocendo, fu ordenato che ogni uomo de qualunque fosse grado o condizione portasse lo suo bravo moccolo acceso pe’ le vie de la Metropole, et fienno spedite diverse Togati pe’ le vie co le sgherre pe’ castigare chi no avisse lo moccolo; et se die’ l’incontro, che essenno lo Togato de giro lo Si Antonio  de li  Capetani de Arzago [6], inciampasse in uno che no avia lo moccolo; et chisso se trovò Camoriere de lo Si Residente de Vinegia; et lo Si Capetano de Arzago reconosciendolo lo fece relasciare da li sgherre che se lo aviano desposto pe’ condurre pregione, et lo jorno veniente fece dire a lo Si Capetano de Arzago, che avia besogno de parlar con illo, et lo Si Capetano vinne da lo Conte Firmiano che era chillo che lo jorno veniente le avia fatto dire che avia besogno de parlar con illo; et lo Si Capetano vinne temendo che lo Conte non li facisse na bravata peché avia trascurato l’ordene, et avia lasciato ire in pace lo Camoriere de lo Si Residente de Vinegia; et lo Conte se lagnò peché se fosse fermato nella strada lo Camoriere de lo Si Residente de Vinegia, et se trovò no mezzo termine, et fu lo Si Don Carlo de Dugnani [7] che a nome de lo Si Capetano de Arzago annò da lo Si Residente de Vinegia a chieder scusa dell’occorzo. Et poi l’affare fu fenito, et tutte le Metropolite poco a poco tornaro a no portare moccolo come prima, et nessuno non se ne recordaria chiù se io Cola de li Picirilli no l’avisse scritto de mea manu, et pe’ mio devertimiento.

Lo jorno vente de Marzo lo Marchese Fagnani [8] fu condotto in Castello da lo Si Capetano de Justizia, peché se dicia che volisse sposare na cierta cantarina Gabrieli [9], peché è verissimo che lo matrimonio è libero et che le Teologi scommunicano chi decesse lo contrario, ma chi avenno Padre volisse ascoltar la Teologia su chisso ponto saria posto in carcere in prova de libertà, come apponto avinne de lo Marchese Fagnani, che ve fue pe’ quaranta nove giorni sino allo diece de lo mese de Majo, et chisso pure se dimenticaria se io Cola de li Picirilli non lo avisse scritto de mia mano et pe’ mio devertimiento.

Circa lo mese de Majo lo Conte Algarotti mannò a Melano in regalo a la Si Antonia figlia de lo Conte de Belgiojoso et moliera de lo Conte Somaglia [10] no libro che avia fatto stampare de la Vita de lo Poeta Orazio [11]; et come lo libro piaciva molto, et che alcune ne voliano, la Si Antonia cercò de fallo stampare un’autra volta in Melano; ma come le Revisore de li libri et lo secretario Bersano [12] sopra ogni autro videro che lo Rege Friderico de Prussia vi era lodato, no ce vollero consentire. Lo ‘nbroglio fue quanno lo Secretario vinne a sapere, che la stampa dello libro premeva a la Si Antonia, et n’ebbe tremore peché la Si Antonia è figlia de no Consegliero de Stato, ed è mogliera de no Ciamberlano che può spendere vinti mila scuti all’anno [13], e lo secretario se dechiarò pronto a consentire se la Si Antonia voliva falle cauzione contro le Ministri. Ma lo libro no fue stampato peché no cierto Todisco che se nomeneva Conte Vilseck granne alievo de lo Plenipotente [14], scrisse a la Si Antonia che no se potiva, sebben no libro no sia no fucile et le Monarchie no perischino lodanno chi è stato nemico, et chisso pure se dimenticaria, se io Cola da li Picirilli no lo avisse scritto de mea manu et pe’ mio propio devertimiento.

Mo viene no granne accidente che se vide in Aprile, et fue che lo ‘Nfante de Parma avia voglia de fare na pubbreca Beblioteca in la su Corte, et sapiendo che li Si Pertusati de Melano avieno na copiosa Beblioteca da vennere, mannò a chissa Metropole no Frate lo quale interpellasse lo Plenipotente et se isso no avisse difficoltà trattasse co’ Si Pertusati per la compera. Lo Si Plenipotente disse a lo Frate che avia piacere de dare tutta la facilità a lo ‘Nfante pe’ provvedesse de Beblioteca, et vitava sovente lo Frate a pranzare con isso et lo Frate gli annava diciendo le progressi che se stavano faciendo in lo contratto della Beblioteca, et già se stabelì lo prezzo de sedici mila Zecchini. Mentre se faciva tutto chisso, lo Plenipotente avia scritto alla Corte de Vienna che la Beblioteca saria no sproposito lascialla uscire dallo Stato, et che potiva essere no mobile pe’ lo Arciduca che no jorno dovisse venire in chissa Metropole, sendo issa composta pe’ la major parte de libri Teologali, Scolasteci, et de assae Biblie de tutte sorte; et disse de chiù lo Plenipotente che lo pubblico de chisso Stato era ambizioso de comperare la Beblioteca pe’ fanne no regalo a lo Si Arciduca futuro quanno venisse; et lo Frate interim avia fatto fare le casse per trasportare la Beblioteca, et quanno fue a lo punto, lo Plenipotente disse a lo Frate che isso non avia facoltà de permettere chisso contratto, et che ve volia l’assenso de la Corte de Vienna, et lo Nfante, informato de tutto chisso se ne lavò le mane, et non volle saperne autro. Lo Plenipotente credette che lo Stato avria fatto la compera spontaneamente; ma le Cremonesi et le Lodigiani vennero in isso parere, et le Comaschi et le Pavesi se dechiararono de fare chillo che le Metropolite de Melano avriano fatto. Le Metropolite lo jorno 25 de Aprile se radunarono et resposero che no essendo issi padroni de aggravare lo tributo su le Popoli avriano ecceduto la comissione loro se avissero sponte aderito a no sopracarico arbitrario. Lo Plenipotente se l’ebbe a male et chiamò a parte l’Oratore de Pavia, et chillo de Como, et faciendo vedere ad issi delle speranze di essere riconosciuti da lo Principe, et faciendo travedere buona desposizione de far revivere le antiche pretensioni de le Comaschi et de le Pavesi contro le Metropolite, se le Comaschi et le Pavesi consentivano, tirò Como et Pavia de lo suo partito, et fece intrare le Oratori delle quattro Città, Lodi, Cremona, Pavia et Como, uno ad uno a darli parola per l’affirmazione in presenzia de no Secretario che facia da Notaro. Ciò fatto lo Plenipotente fece dire a lo Vicario de Provisione che radunasse la Congregazione dello Stato pe’ l’affare della Beblioteca: lo Vicario che vide lo giuoco de far restar le Milanesi soli, credenno che ciò fosse male cercò de convocare de fretta lo Comune de Melano et le Metropolite dissero de sì lo jorno quattro de Majo, et la Beblioteca fu comperata [15], et acciò no se ne perda la memoria, io Cola da li Picirilli l’aggio scritto de mea manu et pe’ mio devertimiento.

Era lo jorno sette de Julio no cierto Si Paolo Meroni nella casa de no cierto Si Verri Judece ne lo Senato de Melano, et chisso Si Meroni, mentre lo Causideco de la parte aversa chiamato Calvi [16] stava vantannosi che lo Si Meroni le avia de grandi obregazioni quia avia isso Causidico operato con onore, et che autrimente faciendo lo Si Meroni saria stato rovenato, ma che non l’avia fatto, peché era galantomo; lo Si Merone sentendose sonare al orecchio la parola de galantomo respose a lo Calvi che non se ne era mai potuto accorgere da lo so procedere, et chisso Calvi s’anniede a lagniare da lo Si Verri Judice ne lo Senato, et disse che lo Si Meroni lo avia strapazzato, et lo Si Merone respose che isso non avia ditto che la pura verità et che se lo Calvi avia cosa in contrario, isso Meroni lo avria soddisfatto come lo Calvi volia, et lo Calvi che no gusta le soddisfazioni che mette in compromesso de ricevere na stoccata se ne stette zitto et lo jorno veniente scrisse na Supreca a lo Senato come qualmente lo Si Merone avisse perduto lo rispetto a no Dottore in la casa de no Judice ne lo Senato e che se dovisse isso Si Merone gastigare, et lo Senato senz’autro reguardo lo decretò de prigionia, si che dovette lo si Merone annar ne l’officio de lo Capetano de Justitia e star ivi na notte sino allo jorno veniente, et chisso peché se trova na legge in Melano fatta da li Juristi che un omo che tiene descorso che non piaccia a no Jurista tanto che lo Jurista faccia l’officio suo, sea tenuto un tal omo a descolparse in carcere come se fosse colpevole de delitto capitale. Et chisso pure se dimenticaria, se io Cola de li Picirilli no lo scrivesse de mea propia manu et pe’ mio divertimiento.

Ne lo jorno tredeci de Julio avinne n’autro grazioso incidente che me ne vengo a scrivere; et besogna sapere che la Duchessa de lo Serbellone cognata de lo Si Maresciallo, et de lo Si Cardenale de isso cognome [17], non avia voluto prenderse la briga de abbadare agl’interessi de lo Si Cardenale, et che lo Si Cardenale la pregò lungamente né issa Duchessa ve acconsentì che quanno lo Si Conte de Firmiano Plenipotente vi se mise de mezzo et se esebì de assisterla in ogni occorrenza, et de alleggerirne lo peso de l’intrigo; et besogna sapere ancora che lo Si Cardenale avia molte case su per lo Corzo de Porta Arienza [18], dove per ordine governativo se stava chiudenno no fosso; et besogna sapere ancora che essenno issa copertura de fosso fatta no già pe’ voglia de le padrone de le case de isso Corzo, ma pe’ voglia de lo Govierno, nondimanco se vociferava che lo reparto de la pecunia spesa in chissa copertura se saria fatta su le padrone de le sole case de ditto Corzo; et besogna sapere ancora che tutti le padroni de le case de ditto Corzo recorsero a la Duchessa de lo Serbellone come avinte più case d’ogni autro peché facisse intendere a lo Si Plenipotente che lo reparto de la copertura de lo fosso se facisse co legitima sentenzia de qualche judice, come de jure, no già a capriccio su le padrone de le ditte case, ma su tutta la Metropole. Mo che avite saputo tutto chisso ve diraggio che la Duchessa de lo Serbellone fece recorzo a lo Si Plenipotente peché destinasse quale judice doveva decidere la questione, et lo Si Plenipotente de prima istanza strapazzò lo avvocato de la Si Duchessa, et dechiarò che no se dovisse ascoltare, et chisso pure se perderia alla memoria dei posteri se io Cola da li Picirilli no l’avisse scritto de mea propia manu et pe’ mio devertimiento.

Ne lo mese de Augusto se vociferò molto pe’ la Metropole de na cierta Cademia de Pugni, et se diceva che cierti studiosi pe’ nome Beccaria, Longo, Lambertenghi, Blasco, Visconti, et due frati Verri, Alessandro et Pietro se adunassero pe’ darse de’ pugni. Et tutta la Metropole fue in gran suzzurro pe’ chisso affare et se dicieva che chilli studiosi erano Retici et de chiù scommunecati, peché se dicieva che dicessero ch’era na buona cosa che le moliere facisser becche le mariti, et cose simile, et chissa vociferazione durò molto pe’ la Metropole, et ognuno la contava a modo suo [19], et se seppe poi che tutto sto rumore vinne da no cierto sonatore de cimbalo che se nomenava lo Monzino, et che chisso Monzino avia immaginato tutto chisso peché era desgustato de lo Si Pietro Verri, et era desgustato de lo Si Pietro Verri peché lo Si Pietro Verri no avia volsuto comprare de la musica de lo ditto cimbalista, et così lo cimbalista fece parlar tutte le nobele Metropolite come le sautarelle de lo cimbalo [20], et chisso pure se saria dimenticato, se io Cola da li Picirilli non l’avisse scritto de mea manu , et pe’ mio devertimiento.

Ne lo ditto mese de Augusto era stato condannato ad essere frustato et poi mannato pe’ cinqu’anni in Remigio no povero jovine de diciott’anni pe’ nome Tonio Cinago, che pe’ forza de torture s’era accusato d’aver rubato nella casa d’uno mercante che avia nome Valdi. No cierto briccone pe’ nome Gian Francisco Righi, ladro celeberrino confessò d’aver fatto isso il furto, et d’essere stato solo, et fue appiccato, et se conobbe che lo povero jovine era innocente, et lo Senato lo consolò lasciannoli la tortura che avia avuto gratis et de chiù liberandolo no già come innocente ma pe’ grazia rebus stantibus; lo che significa molto chiù ch’io no saprei dire peché no saccio troppo bene de latinità, et ciò serva d’esempio et de consolatione, che a tal fine io Cola da li Picirilli l’aggio scritto de mea manu, et pe’ mio propio devertimiento.

Mo viene n’autra coglioneria fatta da lo Si Plenipotente ne lo mese de Augusto, et fue che trovannose a Melano na cierta Signora che se nomenava Contessa de la Torre, sora de lo Si Duca de lo Serbellone, et de lo Si Maresciallo et de lo Si Cardenale de isso nome, et essenno stata pe’ alcuni anni issa Contessa de la Torre assae male ne li suoi interesse, le so frati, lo Duca, lo Maresciallo, et lo Cardenale schivonno sempre d’aver che fare con issa, et issa no poté aver manco la consolazione de parlare na sol volta con lo Si Maresciallo o con lo Si Cardenale. Avinne che la Si Contessa de la Torre se fece ricca pe’ n’eredità, et avindo issa conosciuto lo cuore de li Serbellone se mise a vivere da se senza curarse de la Serbellonara, et no cierto Frate de le Serve che se nomenava Porro, Priore de lo Convento de San Dionigi [21], regolava gl’interessi de chilla Signora con tutto onore. Li Si de lo Serbellone aspettonno che la sora fosse malata et no se podisse movere, et dissono a lo Si Plenipotente che lo Frate rovenava la sora loro, et mostronno granne compassione per la sora, et dissono che lo Frate era no furfante, et lo Si Plenipotente, senza cercanne autro, fece di notte acchiappar de li sgherre lo Frate Porro, et condussero fuore de città, et la Si de La Torre se trovò la casa ripiena de parenti che voliano comannare et se parecchiavano a spartire lo spoglio, et tutta la Metropole seppe che chissa era na injustizia e qualcosa se ne disse; ma chisso pure se saria dimenticato, se io Cola de li Picirilli non lo avesse scritto de mia manu et pe mio devertimiento.

Ne lo mese de Ottobre comparve na cedola fatta pubrecare da lo Si Presidente de lo Senato pre reformare le studi de Pavia, et chissa cedola chiamava le dotte all’asta come se può chiamare le fornari pe’ affittare no forno, et voliva no matematico che ‘nsegnasse tutte le Matematiche ‘n una volta, et no erudito che ‘nsegnasse lo Greco, lo Ebreo, lo Siriaco, lo Caldeo, et la Biblea tutto ‘n un fiato et chiamava issa cedola le scienze col nome de Leterarie materie et varie cose simele che faciva da ridere [22]; et ne lo mese de Decembre poe se volle far lo esame de chilli aspiranti a le catedre et fue cosa amena molto, peché no jorno fra li autri se volle saminare pe’ la Bottanica et fue no cierto miedego pe’ nome Adriani [23] et era isso lo Protofiseco de la nobole Metropole et chillo miedego volle interrogare le pazienti Bottaniste et diede loro pe’ quesito chisse parole: deficiente horto vivo sufficit hortus mortuus, et chilli pazienti Bottaniste scrivonno no foglio de carta pe’ lodare le orte morti et pe dire che le orte vive non vanno un acca. Et io Cola da li Picirilli me prenno spasso a scriverlo de mea manu propia et pe mio propio devertimiento.

Ne lo mese de Ottobre fece pure n’autra grossa scartata lo Si Plenipotente et fue che, avenno ricevuto na lettera da no birbante siliato sotto pena de furcis pre insigne baronate, dove in issa lettera dicieva a lo Plenipotente che isso siliato era galantomo et che le iudici s’erano errate peché no briccone era no cierto pizzicheruolo che logiava a la Bala et se nomenava Tommaso Salterio; et lo Si Plenipotente, senz’informasse se lo ditto Tommaso Salterio fosse veramente omo de mal affare, prestò credenza a la lettera de lo siliato sotto pena de furcis, et ordenò a lo Podestà de Melano d’annare na notte ‘n casa de lo ditto Tommaso Salterio, et lo Podestà ve fue, et ve trovonno salame et prosciutti, et tutto quanto se deve trovare ‘n una casa de no Pizzicheruolo da bene, et de chiù ve trovonno na moliera jovene et bella ch’ebbe no granne raccapriccio pe li sgherre, et tutto chisso fece poco rumore peché avinne ne la casa de no pover omo, et se dimenticaria pure se io Cola da li Picirilli no l’avisse scritto de mea propia manu et pe’ mio devertimiento.

Viene no pezzo de Sessanta et fue che lo Cellentissimo Senato ne lo mese de Decembre reformò la Università de Pavia et pe’ reforma stabilì che ve fosse no Matematico senza Osservatorio, no Fiseco senza macchine, no Bottanista senz’orto, no Natomico senza cadaveri, et na Università senza Beblioteca [24]; et lo Senato ordenò a no buon omo che se chiama Monsignor Negroni [25], Prelato Romano, de no portare le cauze pavonazze, ma de portalle nigre, pechè no cierto bracicorto Conomo Regio pe’ nome Daverio [26], aveva ‘nvidia peché le avia portate anch’isso, et non le podiva portar chiù lo che fue de molta dificazione a chi ama lo justo et le cosse grande et chisso pure se dimenticaria se io Cola da li Picirilli no l’avisse scritto de mea manu et pe’ mio propio devertimiento.

Et chisse poche bagatelle aggio vedute capetare nella nobole Metropole de Melano nell’anno de lo Signore mille setteciento sessanta tre, et le aggio scritte peché no vorria che le nostre successori podisse ‘nvidiare gli omeni che viviano ne lo ditto anno. Avria potuto scrivere na lunghissima Cronaca se avisse volsuto scrivere le coglionerie de li particolare, et si songo state assae: ma io Cola da li Picirilli non aggio volsuto togliere lo nome a li omene privati, peché me pare che no ve sia legge che obreghi un omo a no essere coglione se no è in careca, et quanno le omeni in careca fanno male, songo nemici nostri et ce danno deritto de dire lo pensiero nostro, et de obregare le successori a no scortecare senza timore d’essere scortecati almanco ne lo credito; et chissa reflessione pure pe’ concludere aggio scritta io Cola da li Picirilli de manu propia et pe’ mio devertimiento. Amen

Finis [27]

Note

_____________________________

Quest’operetta è stata pubblicata la prima volta nel 1911 (in «Il Libro e la stampa», luglio-dicembre 1911) da Francesco Novati. Nuovamente trascritta da Salvatore Sammarco che, nel 1951, poneva inizio alle edizioni All’Insegna del Biscione (Milano, 1951) appunto con la Cronaca di Cola de li Picirilli. Dalla seconda redazione, collazionata dalla fonte, allora di proprietà dei Sormani Andreani Verri, è tratta la stesura qui adottata, si son mantenute le note dovute invece prevalentemente al Novati con aggiunte e modifiche del Sammarco e nostre.

Si ringrazia Renzo Rizzi per la disponibilità e le notizie, altrimenti di difficile recupero, fornite in merito all’edizione del 1951.

                                                                                                          Gian Franco Grechi

Il testo di questa Cronaca è stato trascritto dal codice miscellaneo, che ha per titolo:

Cose varie buone e mediocri, del conte Pietro Verri, fatte nei tempi di sua gioventù, le quali con eroica pazienza ha trascritte di sua mano nell’anno I763, ad uso soltanto proprio e degli intimi amici suoi.

È un grosso volume in-4°, che il Verri stesso fece solidamente rilegare in pelle, e in cui copiò con bella scrittura i suoi lavori giovanili inediti aggiungendo anche qualcuno di quelli pubblicati, dei quali inserì le pagine a stampa, per evitarne la copiatura. Sono 524 pagine numerate, di cui l’ultima bianca, più un fascicoletto in fine, senza numerazione. La nostra Cronaca occupa le pagine 505-523.

Quanto alla stranissima forma dialettale usata in questo scritto, C. A. Vianello (in «Archivio Storico Lombardo», 1943, pag. 118-119) è del parere che il Verri possa avere avuto l’ispirazione dalla Historia di Cola de Rienzi, scribente Julio Taurusio (principio del secolo XVII) che si conserva alla Biblioteca Ambrosiana, e che è scritta in un insolito dialetto romanesco. (S.S.)

In precedenza, Francesco Novati aveva, nel 1911, avanzato l’ipotesi che la Cronaca rappresentasse una parodia «di que’ vecchi testi storici dell’Italia meridionale» rinvenibili «nella gran raccolta de’ Rerum Italicarum Scriptores» (G.F.G.)

Qui di seguito si riportano le note di Francesco Novati con le eventuali integrazioni di Salvatore Sammarco (S.S.) e Gian Franco Grechi (G.F.G.).

Finito di stampare il 18 aprile 1999 presso la Tipografia Campi.

Edizione di 1500 copie di cui 99 con un’acquaforte originale di Luigi Volpi

[1] - Il Conte Giambattista, figlio del conte D. Giovanni, Duca di San Gabrio Cerbelon, e di D. Maria Giulia Trotti. Fu dapprima generale di cavalleria, e come tale si distinse assai tanto nella guerra di Successione (1740-1748), quanto in quella de’ Sette Anni (1756-1763) e guadagnò il titolo di Feld-Maresciallo. Nominato poi Comandante generale in Lombardia, si domiciliò a Milano, dove morì il 7 settembre 1778 in età di ottantaquattr’anni. Vedasi C. Von Wurzbach, Biographisches Lexikon des Kaiserthums Oesterreich, Wien, 1886, v. XXXIV, p. 136 sg.

[2] Il conte Carlo di Firmian (1716-1782), inviato a Milano nel 1758, dopo la morte del conte B. Cristiani, in qualità di Ministro Plenipotenziario presso il Governo della Lombardia Austriaca, vi rimase ventitré anni. Vi ha grande disparità di criteri nel giudicar l’azione da lui esercitata in mezzo a noi tra gli storici; cfr. Cusani, Storia di Milano, Milano, 1865, v. III, p. 303 sg.; v. IV, p. 94 sg. [Se il Verri non è tanto tenero in questa Cronaca e in altre opere nei riguardi del Firmian, è dovuto al fatto che avendogli presentato i due scritti Tributo del Sale (1761) e la Grandezza e Decadenza del Commercio in Milano, vennero accolti assai freddamente dal Governatore. Il Verri da questo insuccesso ritirò i due lavori, e d’indole assai scontrosa, tanto si adontò da serbare rancore verso il Firmian. Un’altra ragione di questo sdegno si può arguire dall’aneddoto citato nella Bibliografia, p. 89 (Storia di Milano, 1a edizione). (S.S.)]

[3] L’offesa recata alla contessa Brebbia nata Donati fu risentita vivamente dall’aristocrazia milanese. Il Verri che, in questo caso, come in altri parecchi, è interprete fedele della classe a cui apparteneva, ha più d’una volta recato innanzi questo tenue episodio come grave indizio dello sgoverno del Firmian. Vedi così Pensieri sullo stato politico del Milanese nel 1790, in P. V[erri], Scritti vari, Firenze, Le Monnier, 1854, v. II, App., p. 10.

[4] Questo muliebre pettegolezzo, sorto a cagione d’«una cuffia di Parigi di piume bianche che portò a corte la marchesina Beccaria», venne distesamente narrato da Pietro in uno scritto che intitolò Relazione d’una prodigiosa cometa osservata a Milano l’anno I763, [che si legge nella Miscellanea] Cose varie, [buone, mediocri, del conte P. V., fatte ne’ tempi di sua gioventù], p. 103-112. Vedi anche Il Mal di Milza, «Astrologiche osservazioni per l’anno bisestile 1764», in Zibit, presso Enea Aretas (Milano, 1764), maggio, 22, p. 43; e cfr. P. I. Bianchi, Elogio storico di Pietro Verri, Cremona, Tip. Manini, MDCCCIII, p. 301, Cat. II, n. VII. [Va ricordato che l’eroina del pettegolezzo era destinata ad essere, tramite la figlia Giulia, nonna di Alessandro Manzoni. (G.F.G.)]

[5] L’illuminazione notturna a Milano non fu introdotta che ventidue anni più tardi, nel 1785, per iniziativa del conte G.B. di Wilzeck: cfr. Verri, Memorie Cronologiche dei cambiamenti pubblici dello Stato di Milano, 1750-1791, in Lettere e Scritti Inediti a cura di Casati, v. IV, p. 373.

[6] D. Francesco Antonio de Capitani d’Arzago, G.C.C., fu poi Regio Vicario di Giustizia, Gentiluomo di Camera delle LL.MM., Senatore e Pretore di Cremona, ecc.

[7] D. Carlo, figlio del conte D. Giulio Dugnani, e di D. Maddalena Pallavicini, G.C.C., Vicario di Provvisione nel 1753, de’ LX Decurioni, ecc. Egli aveva sposato D. Giuseppa del conte Antonio della Somaglia, ed era quindi cognato del conte Gabriele Verri, che era marito di Barbara, sorella di Giuseppa. D. Carlo morì nel 1769. Cfr. Carteggio di P. e A. Verri, Milano, 1910, v. II, p. 193.

[8] Allude a D. Giacomo, figlio del marchese D. Federico Fagnani e di D. Rosa Clerici, giovane di natura impetuosa e leggera. La prigionia fece certo sbollire gli ardori suoi per la famosa cantatrice. Egli sposò più tardi, con poca soddisfazione de’ parenti, la contessina D. Costanza Brusati, che non fece colla condotta sua tropp’onore al marito. Su questa coppia mal assortita si vegga il Carteggio di P. e A. Verri cit, v. II.

[9] Si tratta, com’è facile intendere, della celeberrima Caterina Gabrielli, [detta la «Cuochetta» perché figlia del cuoco del Principe Gabrielli (S.S.)], nata a Roma il 12 nov. 1730. [Dotata di bellissima voce, ed educata al canto, esordì nel 1747, e per la sua fama fu chiamata dal Metastasio a Vienna e nominata prima cantante di Corte. Passò per i maggiori teatri d’Italia. A Parma nel ‘59 l’Infante Don Filippo s’invaghì di lei ed ebbe per rivale il conte Paolo Monti milanese, che seguitala in questa città, fece pazzie per lei. Fu in Russia per vari anni, chiamata da Caterina. Reduce dai trionfi di Pietrogrado con molti denari e gran numero di gioielli, venne allontanata da Milano per una sua tresca amorosa col marchesino Fagnani, e uguale trattamento le venne riservato a Napoli nel ‘67 con ordinanza reale per scandali suscitati. Nel ‘71 a Roma venne conosciuta dal Casanova, e dopo essere stata a Londra nel ’75 ricomparve a Milano nel ’79-80 dove cantò nell’Armida. La sua ultima comparsa fu a Venezia nel ’81-82, quindi si ritirò a Roma, a palazzo Cesarini, dove morì nell’aprile del 1796. (S.S.)] La Gabrielli fece girar la testa a mezzo mondo allora. Cfr. G. Grove, A Dictionary of Music and Musicians, London, 1879, v. II, p. 578.

[10] È la zia di Pietro Verri, che ebbe per lei una viva amicizia in questi anni; amicizia che andò poi raffreddandosi, soprattutto per l’ascendente preso sull’animo della gentildonna dal Carli, dal Pecci, dal Longo, con cui il Nostro non aveva più buon sangue. Per la Somaglia vedi Calvi, Famiglie notabili milanesi, v. I, Barbiano di Belgioioso, tav. IV.

[11] Il Saggio sopra la vita d’Orazio, del conte Fr. Algarotti, era comparso in luce a Venezia nel 1760. 

[12] Giulio Cesare Bersani, segretario del Senato, per cui vedi più innanzi.

[13] Il conte Antonio Dati della Somaglia aveva raccolto in sé parecchie pingui eredità, e passava quindi a ragione come uno de’ più ricchi signori milanesi.

[14] Il conte Giovanni Giuseppe di Wilzeck, di nobile famiglia boema, nato il 18 giugno 1738, appena terminati gli studi, era entrato nella carriera amministrativa. Maria Teresa l’aveva nominato nel 1766 membro del Supremo Consiglio d’Economia di Milano, dove egli si trattenne fino al 1771, nel qual anno passò come Ambasciatore straordinario e Ministro Plenipotenziario alla corte di Toscana. Cfr. C. Von Wurzbach, op. cit., v. LVI, p. 115.

[15] L’acquisto della biblioteca del fu conte Carlo Pertusati fatto dalla città di Milano e dalle altre del Ducato per render omaggio all’Arciduca, futuro Governatore di Lombardia (allora si credeva dovesse esser Pietro Leopoldo), è uno de’ fatti che sogliono allegarsi più comunemente per celebrare il mecenatismo del Conte di Firmian e, cosa anche più curiosa, di Maria Teresa. Cfr. Cusani, op. cit., v. IV, p. 62 sg.; Gli Istituti Scientifici Letter. ed Artistici di Milano, Milano, 1880, p. 209. Il Verri ci mostra qui il rovescio della medaglia.

[16] Non so niente del Meroni; in quanto all’Azzeccagarbugli protetto dal conte Reggente, esso potrebb’essere quell’Antonio di Paolo Calvi che fu ascritto nel 1754 al Collegio dei Causidici e Notai di Milano, e morì il 25 maggio 1804. Il Calvi, op. cit., v. II, Calvi di Val Brembana, tav. II, ci dice però che anche un fratello d’Antonio, chiamato Felice, fu Causidico negli anni medesimi. [Ovviamente il «cierto Si Verri Judece ne lo Senato de Melano» era il padre di Pietro, Conte Gabriele. (G.F.G.)]

[17] È D. Maria Vittoria Ottoboni-Boncompagni, moglie del duca Gabrio Serbelloni, fratello del cardinale D. Fabrizio e del maresciallo D. Giambattista, La gran Vittoria illustre che per virtù risplende, è troppo nota, perché ci dobbiam qui intrattenere a discorrerne. [Era intima amica del Nostro e fu per suo invito che tradusse il teatro di Destouches, opera che porta la Prefazione del Verri. (S.S.)] In quanto al cardinale, esso è D. Fabrizio (1695-1775), che, entrato in prelatura, fu nel 1750 mandato in qualità di Vice-Legato a Ferrara, poi di Nunzio a Vienna, quindi nel 1753 creato cardinale e fatto Legato in Bologna. Nel 1774 ottenne la sede d’Ostia, donde passò poi a quella d’Albano. Per la promozione sua al cardinalato uscì alla luce (Milano, Richini, 1753) una raccolta di Rime [per la elezione al cardinalato... (S.S.)], alla  quale col Parini, il Passeroni, il Balestrieri, l’Imbonati, il Giulini, collaborò anche il Nostro. Vedi A.G. Spinelli, Alcuni fogli sparsi del Parini, Milano, 1884, (Nozze Herly-Longoni, dieci esemplari).

[18] Sul corso di Porta Orientale, la P. Venezia attuale.

[19] Ecco l’origine della famosa denominazione! Tra le tante ciarle si diceva anche che i pugni fossero stati scambiati tra Pietro Verri e Cesare Beccaria, alla presenza della Contessa della Somaglia; ed è a questa ciarla che allude il Nostro nel Mal di Milza, maggio, 1° quarto, p. 45: «Due uomini conosciuti altronde onesti si daranno potentissimi pugni in presenza d’una signora per decidere una questione». Le quali parole son così commentate in Cose varie, buone mediocri... p. 473: «Nella state scorsa tutta la città era ripiena di questa favola, cioè che io e Beccaria ci fossimo dati de’ potentissimi pugni per decidere una questione: e siccome ci radunavamo a passar la sera insieme con Longo e mio fratello e Lambertenghi e Blasco, si diede il nome dal pubblico a quest’adunanza, l’Accademia dei Pugni».

[20] Il «Monzino» è certamente Carlo Monza, che viveva allora assai magramente del frutto di lezioni private e dell’impiego di organista in varie chiese di Milano. Era uomo di dubbio carattere, ma d’ingegno non comune, ed alcune sue opere, rappresentate sui teatri di Torino, di Venezia, di Roma, ebbero successo. Cfr. Cart. di P. ed A. V., v. II, p. 95, dove Alessandro scrive al fratello, in data 10 dicembre 1768: «Abbiamo un’opera del nostro Monza, inventore dell’Accademia dei Pugni»; e anche p. 121; v. III, p. 156, 201. Più tardi il Monza divenne maestro di Cappella della Corte e del Duomo di Milano. F. J. Fétis, Biographie univers. des Musiciens, Bruxelles, 1840, v. VI, p. 454, lo dice nato nel 1744, morto nel 1801: ma queste date non debbono essere molto esatte.

[21] Il noto convento de’ PP. Serviti.

[22] Contro queste disposizioni prese dal segretario del Senato, G. C. Bersani, il Verri si scaglia anche nel Mal di Milza cit., giugno, ultimo quarto, p. 47. Le sue ire erano, del resto, condivise da altri parecchi, e più potenti di lui, e più capaci, allora, di farsi udire in alto loco. Difatti il principe di Kaunitz, desideroso di rilevare gli Studi in Lombardia, trovò che il primo mezzo a cui dovevasi ricorrere, era quello di toglier al Senato ogni autorità in materia d’istruzione; ciò che fu fatto con R. Dispaccio del 24 nov. 1765, in virtù del quale venne creata una Deputazione per la direzione degli studi. Cfr. Casati, op. cit., v. IV, p. 353; Bortolotti, G. Parini, Milano, 1900, p. 52 sgg. Con suo vivo dolore, e anche non senza danno pecuniario, il Bersani si trovò così allontanato dall’ufficio di «moderator studiorum» che aveva per trent’anni tenuto; e delle sue querimonie troviam l’eco in una lettera latina da lui diretta al Firmian, ed intitolata Mediolanensibus Litteris Felicitatem, che, sotto la data del 1° aprile 1766, «ex aula Senatus», sta tra le carte dell’Arch. di Stato. Quattr’anni dopo, non ancora rassegnato, egli esprimeva il suo dolore allo Sperges che, rispondendogli il 28 ottobre 1770, gli dava buone parole. Cfr. Jo. Spergesii Palentini Centuria Literarum ad Italos, Vindobonae, MDCCXCIII, Ep. II, p. 2.

[23] D. Giovanni Girolamo del senator Pietro Paolo Andreani, Regio Ducal Protofisico generale dello Stato di Milano, morto fra il 1770 ed il 1776.

[24] Anche nel Mal di Milza cit., ottobre luna piena, p. 64, il Verri si burla del preteso riordinamento dell’università pavese: «In Smirne quel Bassà a tre code che vi comanda, sta per erigere le scuole pubbliche; ei vuole un Matematico, che insegni l’astronomia, il calcolo differenziale, il calcolo integrale, la geometria elementare, la nautica, l’idraulica, la statica, l’optica, la legge del moto: a questo ha assegnato venti soldi al giorno; di più vuole un erudito che insegni la lingua chinese, la persiana antica, la lingua antica del Mongol, e l’antica lingua della Tracia, e spieghi altresì i libri del Vedam e dell’Ezorvedam. E a questo si daranno soldi ventidue e mezzo al giorno. Alcuni di quegl’ignoranti Levantini credono che non sia possibile trovare un uomo che sappi tutte queste cose in una volta, e che quand’anche le sapesse, non potrebbe aver tempo nelle ventiquattr’ore del giorno (che anche a Smirne è di ventiquattr’ore) d’insegnare tutto quello, ecc.». E in Cose varie..., p. 478, postilla: «Nell’Università di Pavia v’è un solo matematico, e si è stabilita la cattedra nelle Scuole Palatine di Milano al P. Porta coll’obbligo d’insegnare il vecchio e nuovo Testamento e quattro lingue orientali».

[25] Mons. D. Carlo Negroni.

[26] L’ab. Michele Daverio, Economo Regio (1750-180..), era anch’esso però canonico del Duomo, ma apparteneva all’ordine suddiaconale. Cfr. su di lui Calvi, op. cit., v. I, Daveri, tav.II.

[27] Con la Cronaca di Cola sembra che il volume delle Cose varie originariamente terminasse. Le Considerazioni sulla proposizione di restringere il lusso nello Stato di Milano che seguono, sono scritte sopra un fascicoletto aggiunto e le carte che le comprendono, non sono numerate. La c. 524 è bianca, e dopo di essa ve n’era un’altra che il Verri recise.

Indice Biblioteca Progetto Settecento

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 16 aprile 2008