Fazio degli Uberti

 

Rime

 

 

 

 

 

XVII

AI SIGNORI E POPOLI D’ITALIA,

SERVENTESE

 

O pellegrina Italia,

Che è che sì t’ammalia

Che cacci via la balia, — e muor’ di fame?

O nobile reame,

Come veggio in te grame                                                                  5

Donne donzelle e dame!...

Ben è peggio che morto

Colui che non s’è accorto — di tal male.

O nido imperïale,

O sito liberale,                                                                                     10

Le virtù c’hai, in male — hai promutate.

O genti desolate

Per cupidigie state,

Or siete in tale stremo

Che noli me tangere!                                                                           15

I’ ti veggo sì frangere,

Che a pena puoi piangere.

Il giudicio si fermi.

Per li tuoi molti infermi

E frodolenti schermi,                                                                          20

Di vermi — ti vegg’io fare dogana

E di pelle e di lana.

E per molte fiumana

Ti converrà nuotare,

E nel mar affogare — e toccar fondo.                                               25

Io più non mi nascondo;

Però che tutto ’l mondo

Par che si senta mondo — d’ogni bene;

Ma dicer mi conviene;

Però che senza spene — son rimaso....                                             30

Italia, il tuo martìre

Intendo far sentire;

E non pensar fuggire — per peggiorare.

 

E vòmmi incominciare

Dal barattier che tien l’anguilla in mano. [1]                                   35

Tu che guardi Milano

E poi fai capitano

Di casa tua la morte,

Tu se’ verace morte

Di giustizia e di pace.                                                                        40

Ogni guerra ti piace,

E ogni verace — t’è mortal nemico.

Io pure te lo dico :

Per non conoscer fico,

Ti fiadata la sorba; [2]                                                                        45

I’ dico sorba nè mézza nè macera.

La gente già si macera;

E la biscia [3] getta il pasto e l’orgoglio:

Ed al passar del soglio

Ti fiadata la stretta.                                                                           50

Ognun che vuol vendetta

Non abbia fretta:

Chè la giusta vendetta

Non tarda a chi l’attende.

Or senza padiglioni e senza tende                                                    55

Le bende [4] avranno spaccio:

Senza tendere il laccio,

Avaccio avaccio [5] — entrerai nella rete;

I’ dico in rete

Non di mura o parete, — ma di ferro.                                              60

Ed il monte del ferro [6]

Fa già chiocciar il ferro

Alla città del ferro [7] e a’ suffragani [8]

Colle man de’ paesani

E di molti più strani.                                                                          65

E la cicogna [9] rivorrà la torre

Con quelli dalla Torre,

Perché vi vuol su porre — i cicognini.

Al tempo de’ pulcini

Vedrai fatti gli uncini;                                                                        70

Ed i pulcin fatti pollastri,

E di guerra far mastri,

E tagliar volpi lupi e leopardi

E di molti Lombardi.

E tal crederà tardi                                                                              75

Esser venuto, e fiaassai per tempo.

I’ veggo assai per tempo

Di te fatto cornacchia: [10]

Dico cornacchia

Chesi vestì, fu già, dell’altrui penne;                                                80

E quando a corte venne

Degli uccelli, convenne — pur cantare;

Vedendola gracchiare,

Ciascun l’andò pelare — delle sue penne.

Questa favola intenda                                                                       85

Chïunque ha fatto co’ graffi e co’ morsi,

Chè io veggo gli orsi

Pigliar dentro le tane:

Osti agguati e gualdane [11]

La giustizia di Dio ti mena all’uscio.                                                90

In male serra l’uscio

Colui c’ha dentro all’uscio

Quel che fa la mostarda [12].

Questa mostarda

Toglie alla biscia ardire :                                                                    95

Ella suol partorire

Pe’ fianchi, e or partorisce per la bocca. [13]

Ora noti a cui tocca

Quel che ’l mio dire iscocca

Di questa cosa grave.                                                                         100

In su l’antica nave

Con quella di Soave

Veggio che si raccoglie.

Figlie sirocchie [14] e moglie

Veggo pianger per doglie,                                                                 105

Predate o tolte senza anello o dote;

Panni squarciar e gote,

E star le genti ignote

Come se fosser pazzi.

Perder veggio sollazzi,                                                                       110

E le strade e li spazzi [15]

Sanguigni e pien di morti;

Tagliar catene e porti,

E Giuda e Tolomeo e Ganellone

Diventar qui Sansone,                                                                        115

Enea ed Antenorre dar l’entrata.

Che valterra murata?

Ah mente scellerata!

Quel da Posterla guata — il suo oltraggio.

Oh quanti aspettan maggio — per dir:                                            120

Moia! Ma di tutte le cuoia

Non se ne fa pavesi [16].

O ciechi Milanesi, Bresciani e Piemontesi!

Tutti li vostri arnesi — fien distrutti;

E molti pianti e lutti                                                                           125

Vi lascerano asciutti — d’ogni bene.

Alla Scala conviene

Di quel ch’ell’ha e tiene

Lasciar di quattro i trene, - e quel non fermo:

Entrato c’è il vermo.                                                                          130

E per lo fermo — quelli da Gonzaga,

Parmigiani e Carrara,

Con quelli daFerrara,

Andranno insieme in bara; — ma non al Santo [17].

 

Lo ippocrito ammanto — di Vinegia                                    135

Del titol che la egregia — fia vacante.

La gente soprastante

Superba ed arrogante

Di Genova e sua banda

Farà tosto ghirlanda — di novi guai.                                              140

Ma non fieno i sezzai [18]

Di quella terra che manuca [19] il senno :

Io parlo qui per senno,

Ch’ella manuca senno,

E poi serve a malizia                                                                         145

Usura ed avarizia

Colla perfida gola.

Ma colui che la ’ngola

Vuol mostrar che la imbola :

Ma egli è pur di quelli del biscione [20].                                          150

Tosto farà ragione

D’altro che di Bologna:

E sua rogna — sarà foco salvatico...

Ma il popolo scismatico

Raddoppierà lo statico [21] — al tiranno;                                       155

E già per questo danno

Non riavranno — gli scacchi e ’l tavoliere.

Il panno in molte terre

Si misura senza canna [22].

Il ciel m’ammanna                                                                           160

Che a chi fiadi zanna

E a chi dato d’uncino [23].

 

O romagnuol giardino,

O vedovo meschino,

Come veggio tapino — ogni tuo nato;                                            165

E de’ tuoi far mercato

Come di gente schiava!

E a cui piace, e a cui grava.

E Imola Faenza e sua montagna

Tende a Forlì la ragna [24];                                                                170

Meldola a Bertinoro [25].

A questo concistoro

Chi è chiamato capo fia [26] percosso.

Ora si guardi il dosso

La terra del Savio: [27]                                                                        175

Or si parrà se il savio

Sa fuggir il giudizio.

Chi non fuggirà il vizio

Non fuggirà la spada;

Che molto poco aggrada                                                                   180

A quelli da Polenta. [28]

In ciascun par che spenta

Sia in lui ogni ragione :

Vuol saltar Rubicone,

E di te far fastello [29].                                                                       185

Aspetta il martello

Ed il coltello — con quel da Verrucchio,

E con chi succhio

Per vïolenza tra’ dell’altrui bene.

In te daranle rene                                                                              190

E desinari e cene — del mal frate,

E l’opre dispietate

Di Tibaldello e di Ravenna.

Io pur meno la penna,

E giustizia mi assenna                                                                       200

Del fatto di montagna e quel di Fano.

Tutto ’l tuo monte e ’l piano

I’ veggo pien di ragne

E di fosse terragne [30].

Vegga giustizia l’opere tue ladre:                                                      205

Chente [31] saranno le dolenti madri! [32]

 

Vo’ritornar a’ padri — de’ miei falli,

L’aguglie e’ gigli gialli,

Per cui i vaghi galli

Che son due fanno sciarra [33].                                                           210

Vòmmi far dalla lepre [34] che si sfarra

E gitta via la sbarra — alla pantera.

O volpe [35] iniqua e fera,

Tu se’ giunta alla sera,

Chè ciascun uomo spera — te diserta!                                              215

Tu sarai Tebe certa,

Per l’innocente sangue che bevesti!

Quel da Milan prendesti,

Per sacrificio ’l desti

Lui e’ figliuoli al serpe. [36]                                                                  220

Ahi anime crude più che serpe,

Ch’è de’ figliuoli del conte e di lor fame? [37]

Distrutto il tuo reame

Sarà colla tuarabbia;

Per grattar la pantera [38] avrai la scabbia,                                       225

Con fuochi sangue prede guasti e ratti;

E tra questi baratti

Terminerà la pantera, — e sarà sera.

L’orsa [39] cupida e stanca

Sarà come chi affoga;                                                                         230

Camperalla la soga [40] — ch’ella tiene.

Ma ella pur conviene

Pagar lo malo scotto;

I’ dico ilcrudo e ’l cotto;

Ché il veltro [41] e San Cerbon [42] son invitati                                  235

Con altri disfrenati

Che sono inebrïati — all’altrui vino.

Lo lion del gran giardino [43]

Da dritto e da mancino — s’arrosterà,

E darà e torrà,                                                                                     240

E fuoco metterà — per molte selve

Pagando molte belve ...;

Ma e’ darà a ogni morso ’l pelo,

Vedovo scuro sarà con suo velo;

Questo mi mostra ’l cielo;                                                                  245

Ma grande rimarrà in fra’ dispersi.

Volgo allalupa [44] vana i tristi versi,

Che spera in Talamone e nella Diana;

Lascerà l’altrui tana,

E nella sua sarà poco sicura;                                                              250

Arroterà la scura,

Che taglierà da piede ’l suo riposo.

Io pur noto e pur chioso.

La pulce [45] to’ riposo

A chi dorme e a chi vegghia,                                                             255

Per molte torte cha nell’altrui tegghia.

Vedrai menare stregghia

Al cavallo sfrenato [46]

Più anni ammantellato;

Ma e’ fia liberato                                                                                260

poi inceppato — dalla mala petra :

La mala petra scende la Scatorbia. [47]

Quadrella senza gorbia [48]

Veggio piover per turma:

Veggio per porta eburna [49]                                                             265

Entrar i novi gotti [50],

Ch’oggi son pegolotti.

E le ciance co’ motti

Saranno del grifon [51] mortal tormento,

S’avuto n’ha il talento;                                                                       270

E per suo amor vorrebbe

Ercol e Cacco;

Ben ne fiarotto e fiacco.

 

Or vedrai novo macco [52]

Nella Marca Ducato e Patrimonio:                                                   275

Dice ciascun che sa più del dimonio;

Ma e’ fian messi al conio,

E merti giusti avran di lor dispetti.

Lasso! il sasso dell’oca [53] ne’ miei detti

la vita de’ vecchi [54] e suoi gentili,                                                    280

Per far più brievi stili,

Saran pagati col gran prete errante. [55]

Volgomi al leofante [56]

Che fu del mondo tutto dominante,

Che perderà le tre partidel cuore;                                                     285

E il suo maggior dolore

Ragguaglierà il minore. — E la sua balia,

Ed il corno d’Italia, [57]

E le isole del zolfo e del foco, [58]

E il côrso e il sardo loco,                                                                     290

Col lor traditor giuoco,

Piangeranno i lor morti

Ed i lor vivi torti;

fialor colpa e pena pareggiata.

 

Gente con gente cruda e dispietata,                                         300

Re contro a re armata;

popoli e province stretti a’ ferri,

di moltiplicati erri [59];

Di Ninivee di Tebe odo le strida

E le troiane grida,                                                                               305

Gli stormi pompeiani e di Guiscardo,

E ’l figlio longobardo;

Attila Brenno Annibale affricano;

Tutti gli scempi che femai romano

Serseo Dario o Ciro o Maccabeo                                                      310

O vuoi cristian saracino o giudeo;

Ceperan [60], Montaperto, Campaldino,

Altopascio e Montecatino.

Il giudicio divino

Farà novelli a noi li detti scempi.                                                       315

E fien propinqui i tempi

Che fiapestata la dolente salsa

Con molta gente falsa,

Serpi, sirene, nottole e leoni,

Mosche, cani e scorpioni,                                                                  320

Pecoron grossi e bramidi avvoltori.

E sotto i copertori

Donne infinite andranno sole a letto,

E in cambio di diletto

Ogni sospetto avranno in compagnìa.                                             330

Perirà qui la buona per la ria,

Spoglieransi le chiese e’ monasteri;

Color sanguigni e neri

Varranno più che scarlatti o velluti;

Li stormenti e liuti                                                                              335

Saranno le campanee’ tamburelli;

Le gualdane e’ drappelli

Risponder cenni ed ammattar [61] insegne;

D’ogni maniera legne

Si troveranno a due spietati fuochi.                                                  340

Oh quanto saran pochi

Que’che Saturno e Marte a gloria serba!

O mala italic’erba,

Come ti veggo acerba — iscellerare,

E il prezzo a rovinare — diventar esca!                                            345

Molta gente tedesca

Inghilese e francesca

E gli Ungheri e gli Schiavi e gli Spagnoli

Perderan padri fratelli e figliuoli

Con agghiadati [62] duoli:                                                                   350

L’offerta loro a Marte sarà sangue.

Crudele è chi non langue,

Veggendo il demon angue [63]

Nelle sue reti entrar con tanta preda.

Non fiapiù quistïon di chi sia reda, [64]                                             355

Ma per niente fiaquel ch’or è più caro.

Or pianga ogni uomo avaro,

E que’che fan suo dio argento ed oro.

Ov’è Mida con l’oro?

Ov’è Sardanapalo                                                                               360

E il traditor Neccalo?

Ov’è la tirannìa col suo affanno?

Ov’è ogni tiranno

Ch’al nostro tempo portav’alto ’l capo?

Tu rispondrai — Non sapo. —                                                           365

Ov’è superbia in ogni far e dire,

Ove i vizi seguire

E lasciar le virtù chiare ed aperte?

Ma state, o genti, certe,

Ch’egli è de’ santi articoli veraci                                                         370

Diofar bene a’ veraci

E punire i fallaci

E la mala famiglia.

E chi ben qui con meco si assottiglia,

Non li parrà questo dir meraviglia.                                                    375

Giustizia m’assicura e dà valore,

Vero frutto verrannedopo il fiore.

 

(Fu pubblicato da F. Trucchi con altre poesie dell’Uberti nel 1841 in Firenze; poi con miglior lezione nel vol. II delle cit. Poesie italiane inedite.)

 

Note

____________________________

 

[1] (Postille dei Codici.) Barattier che tien languilla in mano: ciò è il signor di Lombardia.

[2] sorba: frutto del sorbo di sapore aspro e acidulo; "per apprezzare il sapore dolce del fico devi provare prima quello della sorba", metaforicamente: per apprezzare le cose belle della vita devi prima provare i colpi dolorosi della sorte.

[3] la biscia scappa per salvarsi

[4] bende: banda bianca portata da vittime sacrificali in segno di consacrazione e di purificazione avvenuta

[5] Avaccio avaccio: presto, subitamente

[6] Il monte del ferro: ciò è la Magna.

[7] La città del ferro: ciò è Milano.

[8] suffragani: coloro che svolgono una funzione subordinata o sussidiaria (al posto di...) rispetto a un altro, superiore per grado e importanza

[9] La cicogna: ciò è Crema.

[10] cornacchia: persona che crede di essere diventata avveduta, che sa bene analizzare i fatti e prevedere ragionevolmente quel che sta per succedere, ma a conti fatti resta sempre piuttosto ingenuo e avventato, tanto da essere facilmente scoperto quando ha dovuto agire

[11] gualdane: scorrerie fatte da torme di cavalieri in territorio nemico

[12] mostarda: situazione difficile creata da qualcuno, agguato

[13] partorisce per la bocca: forse perché viene schiacciata

[14] sirocchie: sorelle

[15] spazzo: terreni pianeggianti sgombri di ostacoli, adatti alla battaglia (alla fine della quale restano pieni di morti e feriti)

[16] pavesi: scudi rettangolari della misura di 1 metro per 2, rivestiti di pelle o di cuoio; ma non tutti i tipi di cuoio sono adatti a rivestire un pavese.

[17] Santo: Padova

[18] sezzai: ultimi (Ma non saranno gli ultimi di quella terra ad angustiare

[19] manuca: mangia; metaforicamente: tormenta, angustia. Qui è il verbo è usato probabilmente col significato di "servirsi, utilizzare, fare sfoggio": Veneza fa sfoggio di assennatezza e saggezza, ma poi usa con malizia usura ed avarizia

[20] allude a Luchino Visconti, crudele e gozzovigliatore

[21] statico: pegno (cosa o persona) che il tiranno si fa dare come garanzia di fedeltà

[22] canna: serviva come elemento di misura lineare (in toscana equivaleva a m. 5.45

[23] La storia mi insegna che alcuni saranno azzannati, altri saranno presi negli artigli

[24] tende la ragna: tende la rete, ordisce l'inganno

[25] Bertinoro: nei suoi pressi si trova il castello di Polenta sede dell'omonima famiglia

[26] fia percosso: sarà ucciso

[27] La terra del Savio: ciò è Cesena, dal fiume Savio che gli corre da lato.

[28] Che molto poco piace a quelli della famiglia dei Da Polenta

[29] far fastello: gettare alla rinfusa insie ad altre persone o cose

[30] fosse terragne: fosse di terra per la sepoltura

[31] Come saranno le dolenti madri!

[32] Quanto dolenti saranno le madri

[33] fanno sciarra: litigano, si azzuffano

[34] Lepre e volpe: ciò è la città di Pisa.

   lepre che si sfarra: Pisa che si intorbida nelle lotte fratricide (ndr)

[35] volpe: Pisa

[36] Visconti da Milano.

[37] riferimento al Conte Ugolino

[38] La pantera : ciò è Lucca.

[39] L’orsa: ciò è Pistoia.

[40] soga: correggia, corda di cuoio

[41] Il veltro: ciò è Volterra.

[42] San Cerbone : cióè Massa.

[43] Lo lione del gran giardino: ciò è Firenze.

[44] Lupa: ciò è Siena.

[45] La pulce: ciò è Montepulciano.

[46] Cavallo sfrenato : ciòè Arezzo.

[47] Scatorbia: una fiumana. (Carducci)

[Scatorbia (fosso). Provincia di Perugia.  Nasce alle pendici del monte Fumo (m 869). Affluente di sinistra del fiume Tevere a Città di Castello. (ndr)]

[48] quadrella senza gorbia: freccia senza punta di ferro (spuntata)

[49] porta eburna: porta principale, dalla quale passavano i trionfatori

[50] entrare i nuovi signori che ora sono semplici lavoranti

[51] Grifone : ciò è Grosseto.

[52] [macco: strage]

[53] Sasso delloca : ciò è Orvieto.

[54] Vita de vecchi : ciò è Viterbo.

[55] Gran prete errante : cióè il Papa.

[56]  Leofante : cióè Roma.

[57] Corno’ dItalia: ciò è Roma.

[58] L’isole del regno di Sicilia.

[59] [erri, dal tedesco Herr: Signore] ndr

[60] il pensiero ai versi di Dante, che ricorda la battaglia di Ceprano sulle rive del fiume Liri nel 1266, tra Manfredi e Carlo d'Angiò,  (Inf. XXVIII 15-18) :

(La gente)

 il cui ossame ancor s'accoglie

A Ceperan, là dove fu bugiardo

Ciascun pugliese e là da Tagliacozzo

Ove senz'arme visse il vecchio Alardo.

[61] ammattar: agitare

[62] [agghiadati: agghiacciati dallo spavento, da agghiadare, agghiacciare, trafiggere] ndr

[63] angue: serpente (la forma sombolica del demonio tentatore)

[64] [reda: erede] ndr

 

 

 

Indice Biblioteca Indice delle rime di Fazio degli Uberti

© 1996 - Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 19 ottobre 2004