Anonimo

Contrasto del povero e del ricco

Edizione di riferimento

Poesia del Duecento e del Trecento, vol. I del Parnaso italiano, a cura di Carlo Muscetta e Paolo Rivalta, Giulio Einaudi editore, Torino 1956

 

Tipicamente popolari, sia nell'argomento che nell'intonazione e nell'esecuzione, le laude drammatiche umbre (cosí importanti per lo sviluppo cui daranno luogo in seguito fino alle sacre rappresentazioni toscane del secolo XV) costituiscono una delle espressioni più singolari della religiosità del Duecento. Varie di contenuto e di valore artistico, si rivolgono soprattutto al pubblico meno qualificato con intenti pratici di commozione e di esortazione morale, di propaganda e di istruzione religiosa e liturgica. Pur composte quasi esclusivamente da chierici di varie confraternite, forniti di una notevole cultura, esse tuttavia, tenendo appunto conto dello spettatore cui erano destinate, riescono ad una espressione ingenua ed elementare. Il Contrasto del Povero e del Ricco è una delle anonime « laudes Evangeliorum » dei laudari delle confraternite di Perugia, e svolge, in forma drammatica, la parabola del povero Lazzaro e del ricco Epulone (Vangelo di Luca, XVI).

 

Dice il Povero (presentandosi alla casa del Ricco):

Per mercè, voi che vedete

la dolente carne nuda,

se podere alcuno avete,

a una necessetà sí cruda

sovenite, ché mia vita

non faccia sí dura partita.

Il Ricco dice al Povero:

Assai pietà de voie ce prende

ché sí pover te vedemo;

ma tale scusa ce defende,

ch'aitare non te podemo.

Vanne a coluie ch' ha dell'avere,

che bien fare ha buon podere.

Il Povero:

Tu se' ricco, per Dio,

fanne alcuna caritade,

ché bien sano non so' io

colla molta povertade;

per amore de chi el t'ha dato,

che io te sia racomandato.

Il Ricco:

Chi è coluie ch'el m'ha donato

che per suo amor io te ne dia?

Io sí el m'aggio aguadagnato

procurando notte e dia,

e parte fo del pate mio,

però te dico: - Va' con Dio -.

Il Povero:

Tutte quante avemo un Pate

de tutta gente criatore;

de quiste cose aradunate

tu ne se' despensatore,

e de le tua despensazione

tu arenderai ragione.

Il Ricco:

Se noie tutte avemo un Pate

donqua semo noi frateglie.

Perché non semo aguagliate

de ricchezza onne chiveglie.

L'uno ricco l'altro none

chi meie procura quillo ha piune.

Il Povero:

Frate mio, la veritade

ensieme unite ragioniamo.

El nostro Pate ha una citade,

vuol che tutte ci andiamo,

e lasú sarim biate

quante ce seron locate.

Il Ricco:

Bien se può tener biato

chi ha al mondo agio e deletto,

ed è ricco ed adagiato

e d'onne biene agio è refetto.

Io non curo d'altra vita,

ché questa aggio bien fornita.

Il Povero:

Frate, non te deie durare,

non ci poner toa speranza,

fa' quil ben che tu puo'

fare de la tua grande abundanza

onne cosa lasseraie

e nudo te departeraie.

Il Ricco (irritato, scacciandolo):

Tu m'haie tolto el mio udire

tanto m'haie favellato;

brígate de partire

se non vuole essere mazegiato!

Veie che posso sí godere,

e tu me parli del morire!

Il Povero:

Ricco, perché me descacce

e dàime tante bastonate?

Date m'haie molte pontacce

con grandissime guanciate.

Tu sí te fede en tuo avere

e non crede maio morire.

Fallita t'è la tua speranza,

va' che verraie strangolato.

Ed io te giuro en mia lianza,

lasseraie ciò ch'haie aradunato,

seraie menato en giú lo 'nferno

a quil fuoco sempiterno.

Ancora il Povero (solo nella strada,
davanti alla casa del Ricco)

Io te rengrazio, Segnor mio,

de tanta pena ch'io sostengo

piú andare non posso io,

e piú erto non me tengo,

un pocolin me vòi posare,

mo me posso mei giullare.

O Signor che me criaste,

resguarda le miei povertade,

vo tutto nudo e pien de stracce,

non trovo chi me voglia aitare;

al ricco chiese per tuo amore,

cacciato m'ha con gran romore.

Gli appare un Angelo:

Vien qua, pover descacciato,

colla molta povertade;

el paradiso t'ho servato

che sia la tua redetate;

el ricco colla sua ricchezza

starà en pena ed en tristezza.

Ancora l'Angelo (minacciando,
verso la casa del Ricco)

Vede tu, divizioso

che pense avere lunga vita!

Tu se' molto superbioso,

tosto faraie la partita;

d'onne bien seraie privato,

perché al pover se' stato engrato.

Il Ricco (nella sua bella casa)

Or te gode, anima mia,

a tuo modo tra' deletto,

piena è la tua massaría,

d'onne mal tu haie refetto:

lungamente puoi godere,

de nulla cosa non temere.

Lucifero ai Demoni (nell'Inferno)

Balzabutte sta' su en pieie,

vanne al ricco de presente:

de mia parte sí 'l richiede

ch'a me si venga amantenente;

perch'egli ha el pover descacciato

da noi deve esser tormentato.

I Demoni al Ricco (nella casa del Ricco)

Viene devante a Satanasse,

ch'el te comanda per vero,

e le recchezze tu sí lasse,

e coprirte vòi de nero,

per darte l'arra de lo 'nferno

lagiú staraie en sempiterno.

Il Ricco:

Perché me daie quista entenza,

e i mieie dilette sí me guaste?

I Demoni:

Ché tu non feste penetenza,

né al povero non donaste,

aveste el tempo e non voleste,

vien quagiú cogli altri triste.

Il Ricco:

Io non vorría maio esser nato,

puoie ch'io or n'ho tanta pena!

Cristo sí m'ha abandonato

e la Vergene Maria.

Cristo, la tua divinitade

biastimerolla sempremaie.

I Demoni al Ricco (traendolo a forza nell'Inferno)

Vienne, avaro pecunioso,

ch'adoraste la moneta,

giú 'n lo 'nferno a star doglioso,

a patere pena enfinita;

en cangno del mondan tesoro

daglie demonia gran martòro.

Lucifero:

Longamente t'ho aspettato

per poterte tormentare;

ministre mie, or lo pigliate

e qui se faccia el macellare;

Asmodeo e Belzabutte,

Astaroth dico, Aliabutte.

Il Ricco:

Aqua, gliacciò e fuoco arsente,

quiste sono le mie pene; 140

io so' messo tra i serpente,

mangiano le carni mieie.

Cristo, perché me curaste,

puoie ch'a lo 'nferno me dannaste?

Lucifero:

Stemperate oro e argento,

daiteglielo per beveraggio;

fuoco e fiamma e gran tormento

sempre faccia quisto saggio,

ch'eglie l'ha bien meretato.

Starà con noie acompagnato.

Il Ricco (volgendosi alla soglia
del Paradiso, grida ad Abramo):

Abraam, per cortesia

or m'entende un pocolello.

Dimme a Lazaro savía

ch'el suo dito mignarello

entro l'acqua sí l'entenga,

e sí mel pona su la lengua.

Abramo:

Ricco, tu ne seie privato,

nol poderaie aver giammaie.

Tra noie e voie è un gran fossato,

non curàm de vostre guaie;

tu del pover non curaste

staraie en pena e grande bastie.

Il Ricco:

Abraam, vògliete pregare

che me deggie ancora udire.

Fa' alcun morto suscitare,

ai mieie parente tu i fa' gire

che faccian sí buona vita,

non siano dannate a la partita.

Abramo:

Eglie aggion la Scrittura:

non bisogna suscitare;

entendenla con dirittura,

come l'odon predecare;

chi serà ricco de malo afetto

con esso teco serà en letto.

Ancora Abramo (volgendosi agli spettatori)

A tutte doie quisto conseglio,

che viviate en caritade.

Cristo el disse: - Per lo meglio

fa' col povero amistade,

perciò che suo è el paradiso;

el ricco se ne sta diviso -.

Anco questo ve recordo

de far sempre penetenza,

a l'uom dannato sí remorde

sempremaie la coscienza;

coluie che ne recomparòne

sí ve conduca a salvazione.

Indice Biblioteca Progetto Cantari e serventesi

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 03 giugno 2007