Torquato Tasso

La Gerusalemme Liberata

POEMA DEL SIGNOR TORQUATO TASSO

AL SERENISSIMO SIGNORE

IL SIGNOR DONNO ALFONSO II D’ESTE DUCA DI FERRARA

Edizione di riferimento

Torquato Tasso, Gerusalemme Liberata, a cura di Lanfranco Caretti, Collana "I Meridiani", Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1976 - L’edizione riprende quella de "I classici Mondadori (Milano 1957

Le ottave introduttive sono tratte dall’edizione fiorentina del MDCCCXXIV dell’Editore Giuseppe Molini

CANTO QUATTORDICESIMO

Durante la notte Dio vigila dal Cielo e manda il suo sguardo favorevole a Goffredo che vede in sogno Ugone, che gli consiglia di permettere il ritorno di Rinaldo. Il giorno dopo Guelfo, per ispirazione di Dio, propone a Goffredo, che acconsente, di richiamare l’eroe. Si offrono Carlo ed Ubaldo, che, dopo essere stati ricevuti da Pietro l’Eremita, vanno alla ricerca di Rinaldo; si dirigono verso il mare, raggiungendo Ascalona: qui appare loro un mago, un vecchio che era nato di fede pagana e li conduce con sé nella sua grotta sottomarina, nel grembo immenso della terra dove si convertì al cristianesimo e acquisì la sua grande cultura. Parlando di sé, li conduce nella meravigliosa dimora in cui abita e narra come Armida prese prigioniero Rinaldo e con quali arti lo trattiene; svela che si nasconde nell’oceano, nell’isola Fortuna, dove nessuna nave arriva mai, che incontreranno una giovinetta che tenterà di ammaliarli; infine raggiungeranno il castello posto sopra una montagna, dove troveranno Rinaldo. Finito di parlare, li porta a riposare.

Argomento

Intende in sogno il Capitan Franzese,

Come Dio vuol che si richiami all’oste

Il buon Rinaldo: ond’egli poi cortese

De’ principi risponde alle proposte.

Ma Piero che già prima il tutto intese,

I messi invia là dov’han cortese oste

Un mago; il qual lor pria d’Armia scopre

Gli occulti inganni indi gli aiuta all’opre.

 

1

 

 

 

 

 

 

 

2

 

 

 

 

 

 

 

3

 

 

 

 

 

 

 

4

 

 

 

 

 

 

 

5

 

 

 

 

 

 

 

6

 

 

 

 

 

 

 

7

 

 

 

 

 

 

 

8

 

 

 

 

 

 

 

9

 

 

 

 

 

 

 

10

 

 

 

 

 

 

 

11

 

 

 

 

 

 

 

12

 

 

 

 

 

 

 

13

 

 

 

 

 

 

 

14

 

 

 

 

 

 

 

15

 

 

 

 

 

 

 

16

 

 

 

 

 

 

 

17

 

 

 

 

 

 

 

18

 

 

 

 

 

 

 

19

 

 

 

 

 

 

 

20

 

 

 

 

 

 

 

21

 

 

 

 

 

 

 

22

 

 

 

 

 

 

 

23

 

 

 

 

 

 

 

24

 

 

 

 

 

 

 

25

 

 

 

 

 

 

 

26

 

 

 

 

 

 

 

27

 

 

 

 

 

 

 

28

 

 

 

 

 

 

 

29

 

 

 

 

 

 

 

30

 

 

 

 

 

 

 

31

 

 

 

 

 

 

 

32

 

 

 

 

 

 

 

33

 

 

 

 

 

 

 

34

 

 

 

 

 

 

 

35

 

 

 

 

 

 

 

36

 

 

 

 

 

 

 

37

 

 

 

 

 

 

 

38

 

 

 

 

 

 

 

39

 

 

 

 

 

 

 

40

 

 

 

 

 

 

 

41

 

 

 

 

 

 

 

42

 

 

 

 

 

 

 

43

 

 

 

 

 

 

 

44

 

 

 

 

 

 

 

45

 

 

 

 

 

 

 

46

 

 

 

 

 

 

 

47

 

 

 

 

 

 

 

48

 

 

 

 

 

 

 

49

 

 

 

 

 

 

 

50

 

 

 

 

 

 

 

51

 

 

 

 

 

 

 

52

 

 

 

 

 

 

 

53

 

 

 

 

 

 

 

54

 

 

 

 

 

 

 

55

 

 

 

 

 

 

 

56

 

 

 

 

 

 

 

57

 

 

 

 

 

 

 

58

 

 

 

 

 

 

 

59

 

 

 

 

 

 

 

60

 

 

 

 

 

 

 

61

 

 

 

 

 

 

 

62

 

 

 

 

 

 

 

63

 

 

 

 

 

 

 

64

 

 

 

 

 

 

 

65

 

 

 

 

 

 

 

66

 

 

 

 

 

 

 

67

 

 

 

 

 

 

 

68

 

 

 

 

 

 

 

69

 

 

 

 

 

 

 

70

 

 

 

 

 

 

 

71

 

 

 

 

 

 

 

72

 

 

 

 

 

 

 

73

 

 

 

 

 

 

 

74

 

 

 

 

 

 

 

75

 

 

 

 

 

 

 

76

 

 

 

 

 

 

 

77

 

 

 

 

 

 

 

78

 

 

 

 

 

 

 

79

 

 

 

 

 

 

 

 Usciva omai dal molle e fresco grembo

de la gran madre sua la notte oscura,

aure lievi portando e largo nembo

di sua rugiada preziosa e pura;

e scotendo del vel l’umido lembo,

ne spargeva i fioretti e la verdura,

e i venticelli, dibattendo l’ali,

lusingavano il sonno de’ mortali.  

 Ed essi ogni pensier che ’l dí conduce

tuffato aveano in dolce oblio profondo.

Ma vigilando ne l’eterna luce

sedeva al suo governo il Re del mondo,

e rivolgea dal Cielo al franco duce

lo sguardo favorevole e giocondo;

quinci a lui ne inviava un sogno cheto

perché gli rivelasse alto decreto.  

 Non lunge a l’auree porte ond’esce il sole

è cristallina porta in oriente,

che per costume inanti aprir si sòle

che si dischiuda l’uscio al dí nascente.

Da questa escono i sogni, i quai Dio vòle

mandar per grazia a pura e casta mente;

da questa or quel ch’al pio Buglion discende

l’ali dorate inverso lui distende.  

 Nulla mai vision nel sonno offerse

altrui sí vaghe imagini o sí belle

come ora questa a lui, la qual gli aperse

i secreti del cielo e de le stelle;

onde, sí come entro uno speglio, ei scerse

ciò che là suso è veramente in elle.

Pareagli esser traslato in un sereno

candido e d’auree fiamme adorno e pieno;  

 e mentre ammira in quell’eccelso loco

l’ampiezza, i moti, i lumi e l’armonia,

ecco cinto di rai, cinto di foco,

un cavaliero incontra a lui venia,

e ’n suono, a lato a cui sarebbe roco

qual piú dolce è qua giú, parlar l’udia:

"Goffredo, non m’accogli? e non ragione

al fido amico? or non conosci Ugone?"  

 Ed ei gli rispondea: "Quel novo aspetto

che par d’un sol mirabilmente adorno,

da l’antica notizia il mio intelletto

sviat’ ha sí che tardi a lui ritorno."

Gli stendea poi con dolce amico affetto

tre fiate le braccia al collo intorno,

e tre fiate invan cinta l’imago

fuggia, qual leve sogno od aer vago.  

 Sorridea quegli, e: "Non già, come credi,"

dicea "son cinto di terrena veste:

semplice forma e nudo spirto vedi

qui cittadin de la città celeste.

Questo è tempio di Dio: qui son le sedi

de’ suoi guerrieri, e tu avrai loco in queste."

"Quando ciò fia?" rispose "il mortal laccio

sciolgasi omai, s’al restar qui m’è impaccio."  

 "Ben" replicogli Ugon "tosto raccolto

ne la gloria sarai de’ trionfanti;

pur militando converrà che molto

sangue e sudor là giú tu versi inanti.

Da te prima a i pagani esser ritolto

deve l’imperio de’ paesi santi,

e stabilirsi in lor cristiana reggia

in cui regnare il tuo fratel poi deggia.  

 Ma perché piú lo tuo desir s’avvive

ne l’amor di qua su, piú fiso or mira

questi lucidi alberghi e queste vive

fiamme che mente eterna informa e gira,

e ’n angeliche tempre odi le dive

sirene e ’l suon di lor celeste lira.

China" poi disse (e gli additò la terra)

"gli occhi a ciò che quel globo ultimo serra.  

 Quanto è vil la cagion ch’a la virtude

umana è colà giú premio e contrasto!

in che picciolo cerchio e fra che nude

solitudini è stretto il vostro fasto!

Lei come isola il mare intorno chiude,

e lui, ch’or ocean chiamat’è or vasto,

nulla eguale a tai nomi ha in sé di magno,

ma è bassa palude e breve stagno."  

 Cosí l’un disse; e l’altro in giuso i lumi

volse, quasi sdegnando, e ne sorrise,

ché vide un punto sol, mar, terre e fiumi,

che qui paion distinti in tante guise,

ed ammirò che pur a l’ombre, a i fumi,

la nostra folle umanità s’affise,

servo imperio cercando e muta fama,

né miri il ciel ch’a sé n’invita e chiama.  

 Onde rispose: "Poi ch’a Dio non piace

del mio carcer terreno anco disciorme,

prego che del camin, ch’è men fallace

fra gli errori del mondo, or tu m’informe."

" replicogli Ugon "la via verace

questa che tieni; indi non torcer l’orme:

sol che richiami dal lontano essiglio

il figliuol di Bertoldo io ti consiglio.  

 Perché se l’alta Providenza elesse

te de l’impresa sommo capitano,

destinò insieme ch’egli esser dovesse

de’ tuoi consigli essecutor soprano.

A te le prime parti, a lui concesse

son le seconde: tu sei capo, ei mano

di questo campo; e sostener sua vece

altrui non pote, e farlo a te non lece.  

 A lui sol di troncar non fia disdetto

il bosco c’ha gli incanti in sua difesa;

e da lui il campo tuo che, per difetto

di gente, inabil sembra a tanta impresa,

e par che sia di ritirarsi astretto,

prenderà maggior forza a nova impresa;

e i rinforzati muri e d’Oriente

supererà l’essercito possente."  

 Tacque, e ’l Buglion rispose: "Oh quanto grato

fòra a me che tornasse il cavaliero!

Voi che vedete ogni pensier celato,

sapete s’amo lui, se dico il vero.

Ma di’, con quai proposte od in qual lato

si deve a lui mandarne il messaggiero?

Vuoi ch’io preghi o comandi? e come questo

atto sarà legitimo ed onesto?"  

 Allor ripigliò l’altro: "Il Rege eterno,

che te di tante somme grazie onora,

vuol che da quegli onde ti diè il governo

tu sia onorato e riverito ancora.

Però non chieder tu (né senza scherno

forse del sommo imperio il chieder fòra),

ma richiesto concedi; ed al perdono

scendi degli altrui preghi al primo suono.  

 Guelfo ti pregherà (Dio sí l’inspira)

ch’assolva il fer garzon di quell’errore

in cui trascose per soverchio d’ira,

sí che al campo egli torni ed al suo onore.

E bench’or lunge il giovene delira

e vaneggia ne l’ozio e ne l’amore,

non dubitar però che ’n pochi giorni

opportuno a grand’uopo ei non ritorni;  

 ché ’l vostro Piero, a cui lo Ciel comparte

l’alta notizia de’ secreti sui,

saprà drizzare i messaggieri in parte

ove certe novelle avran di lui,

e sarà lor dimostro il modo e l’arte

di liberarlo e di condurlo a vui.

Cosí al fin tutti i tuoi compagni erranti

ridurrà il Ciel sotto i tuoi segni santi.  

 Or chiuderò il mio dir con una breve

conclusion che so ch’a te fia cara:

sarà il tuo sangue al suo commisto, e deve

progenie uscirne gloriosa e chiara."

Qui tacque, e sparve come fumo leve

al vento o nebbia al sole arida e rara;

e sgombrò il sonno, e gli lasciò nel petto

di gioia e di stupor confuso affetto.  

 Apre allora le luci il pio Buglione

e nato vede e già cresciuto il giorno,

onde lascia i riposi, e sovrapone

l’arme a le membra faticose intorno.

E poco stante a lui nel padiglione

venieno i duci al solito soggiorno,

ove a consiglio siedono, e per uso

ciò ch’altrove si fa quivi è concluso.  

 Quivi il buon Guelfo, che ’l novel pensiero

infuso avea ne l’inspirata mente,

incominciando a ragionar primiero

disse a Goffredo: "O principe clemente,

perdono a chieder ne vegn’io, ch’in vero

è perdon di peccato anco recente,

onde potrà parer per aventura

frettolosa dimanda ed immatura;  

 ma pensando che chiesto al pio Goffredo

per lo forte Rinaldo è tal perdono,

e riguardando a me che in grazia il chiedo

che vile a fatto intercessor non sono,

agevolmente d’impetrar mi credo

questo ch’a tutti fia giovevol dono.

Deh! consenti ch’ei rieda e che, in ammenda

del fallo, in pro comune il sangue spenda.  

 E chi sarà, s’egli non è, quel forte

ch’osi troncar le spaventose piante?

chi girà incontra a i rischi de la morte

con piú intrepido petto e piú costante?

Scoter le mura ed atterrar le porte

vedrailo, e salir solo a tutti inante.

Rendi al tuo campo omai, rendi per Dio

lui ch’è sua alta speme e suo desio.  

 Rendi il nipote a me, sí valoroso

e pronto essecutor rendi a te stesso;

né soffrir ch’egli torpa in vil riposo,

ma rendi insieme la sua gloria ad esso.

Segua il vessillo tuo vittorioso,

sia testimonio a sua virtú concesso,

faccia opre di sé degne in chiara luce

e rimirando te maestro e duce."  

 Cosí pregava, e ciascun altro i preghi

con favorevol fremito seguia.

Onde Goffredo allor, quasi egli pieghi

la mente a cosa non pensata in pria,

"Come esser può" dicea "che grazia i’ neghi

che da voi si dimanda e si desia?

Ceda il rigore, e sia ragione e legge

ciò che ’l consenso universale elegge.  

 Torni Rinaldo, e da qui inanzi affrene

piú moderato l’impeto de l’ire,

e risponda con l’opre a l’alta spene

di lui concetta ed al comun desire.

Ma il richiamarlo, o Guelfo, a te conviene:

frettoloso egli fia, credo, al venire;

tu scegli il messo, e tu l’indrizza dove

pensi che ’l fero giovene si trove."  

 Tacque, e disse sorgendo il guerrier dano:

"Esser io chieggio il messaggier che vada,

né ricuso camin dubbio o lontano

per far il don de l’onorata spada."

Questi è di cor fortissimo e di mano,

onde al buon Guelfo assai l’offerta aggrada:

vuol che sia l’un de’ messi e che sia l’altro

Ubaldo, uom cauto ed aveduto e scaltro.  

 Veduti Ubaldo in giovenezza e cerchi

vari costumi avea, vari paesi,

peregrinando da i piú freddi cerchi

del nostro mondo a gli Etiopi accesi,

e come uom che virtute e senno merchi,

le favelle, l’usanze e i riti appresi;

poscia in matura età da Guelfo accolto

fu tra’ compagni, e caro a lui fu molto.  

 A tai messaggi l’onorata cura

di richiamar l’alto campion si diede;

e gli indrizzava Guelfo a quelle mura

tra cui Boemondo ha la sua regia sede,

ché per publica fama, e per secura

opinion, ch’egli vi sia si crede.

Ma ’l buon romito, che lor mal diretti

conosce, entra fra loro e turba i detti,  

 e dice: "O cavalier, seguendo il grido

de la fallace opinion vulgare,

duce seguite temerario e infido

che vi fa gire indarno e traviare.

Or d’Ascalona nel propinquo lido

itene, dove un fiume entra nel mare.

Quivi fia che v’appaia uom nostro amico:

credete a lui; ciò che diravvi, io ’l dico.  

 Ei molto per sé vede, e molto intese

del preveduto vostro alto viaggio

(già gran tempo ha) da me: so che cortese

altrettanto vi fia quanto egli è saggio."

Cosí lor disse: e piú da lui non chiese

Carlo o l’altro che seco iva messaggio,

ma furo ubidienti a le parole

che spirito divin dettar gli suole.  

 Preser commiato, e sí il desio gli sprona

che, senza indugio alcun posti in camino,

drizzano il lor corso ad Ascalona

dove a i lidi si frange il mar vicino.

E non udian ancor come risuona

il roco ed alto fremito marino,

quando giunsero a un fiume il qual di nova

acqua accresciuto è per novella piova,  

 sí che non può capir dentro al suo letto,

e se ’n va piú che stral corrente e presto.

Mentre essi stan sospesi, a lor d’aspetto

venerabile appare un vecchio onesto,

coronato di faggio, in lungo e schietto

vestir che di lin candido è contesto.

Scote questi una verga, e ’l fiume calca

co’ piedi asciutti e contra il corso il valca.  

 Sí come soglion là vicino al polo,

s’avien che ’l verno i fiumi agghiacci e indure,

correr su ’l Ren le villanelle a stuolo

con lunghi strisci e sdrucciolar secure,

cosí ei ne vien sovra l’instabil suolo

di queste acque non gelide e non dure;

e tosto colà giunse onde in lui fisse

tenean le luci i due guerrieri, e disse:  

 "Amici, dura e faticosa inchiesta

seguite; e d’uopo è ben ch’altri vi guidi,

ché ’l cercato guerrier lunge è da questa

terra in paesi incogniti ed infidi.

Quanto, oh quanto de l’opra anco vi resta!

quanti mar correrete e quanti lidi!

E convien che si stenda il cercar vostro

oltre i confini ancor del mondo nostro.  

 Ma non vi spiaccia entrar ne le nascose

spelonche ov’ho la mia secreta sede,

ch’ivi udrete da me non lievi cose

e ciò ch’a voi saper piú si richiede."

Disse, e ch’a lor dia loco a l’acqua impose;

ed ella tosto si ritira e cede,

e quinci e quindi di montagna in guisa

curvata pende e ’n mezzo appar divisa.  

 Ei, presili per man, ne le piú interne

profondità sotto del rio lor mena.

Debile e incerta luce ivi si scerne,

qual tra boschi di Cinzia ancor non piena;

ma pur gravide d’acqua ampie caverne

veggiono, onde tra noi sorge ogni vena

la qual rampilli in fonte, o in fiume vago

discorra, o stagni o si dilati in lago.  

 E veder ponno onde il Po nasca ed onde

Idaspe, Gange, Eufrate, Istro derivi,

ond’esca pria la Tana, e non asconde

gli occulti suoi princípi il Nilo quivi.

Trovano un rio piú sotto, il qual diffonde

vivaci zolfi e vaghi argenti e vivi;

questi il sol poi raffina, e ’l licor molle

stringe in candide masse e in auree zolle.  

 E miran d’ogni intorno il ricco fiume

di care pietre il margine dipinto;

onde, come a piú fiaccole s’allume,

splende quel loco, e ’l fosco orror n’è vinto.

Quivi scintilla con ceruleo lume

il celeste zafiro ed il giacinto;

vi fiammeggia il carbonchio, e luce il saldo

diamante, e lieto ride il bel smeraldo.  

 Stupidi i guerrier vanno e ne le nove

cose sí tutto il lor pensier s’impiega

che non fanno alcun motto. Al fin pur move

la voce Ubaldo e la sua scorta prega:

"Deh, padre, dinne ove noi siamo ed ove

ci guidi, e tua condizion ne spiega,

ch’io non so se ’l ver miri o sogno od ombra,

cosí alto stupore il cor m’ingombra."  

 Risponde: "Sète voi nel grembo immenso

de la terra, che tutto in sé produce;

né già potreste penetrar nel denso

de le viscere sue senza me duce.

Vi scòrgo al mio palagio, il qual accenso

tosto vedrete di mirabil luce.

Nacqui io pagan, ma poi ne le sant’acque

rigenerarmi a Dio per grazia piacque.  

 Né in virtú fatte son d’angioli stigi

l’opere mie meravigliose e conte

(tolga Dio ch’usi note o suffumigi

per isforzar Cocito e Flegetonte),

ma spiando me ’n vo’ da’ lor vestigi

qual in sé virtú celi o l’erba o ’l fonte,

e gli altri arcani di natura ignoti

contemplo, e de le stelle i vari moti.  

 Però che non ognor lunge dal cielo

tra sotterranei chiostri è la mia stanza,

ma su ’l Libano spesso e su ’l Carmelo

in aerea magion fo dimoranza;

ivi spiegansi a me senza alcun velo

Venere e Marte in ogni lor sembianza,

e veggio come ogn’altra o presto o tardi

roti, o benigna o minaccievol guardi.  

 E sotto i piè mi veggio or folte or rade

le nubi, or negre ed or pinte da Iri;

e generar le pioggie e le rugiade

risguardo, e come il vento obliquo spiri,

come il folgor s’infiammi e per quai strade

tortuose in giú rispinto ei si raggiri;

scorgo comete e fochi altri sí presso

che soleva invaghir già di me stesso.  

 Di me medesmo fui pago cotanto

ch’io stimai già che ’l mio saper misura

certa fosse e infallibile di quanto

può far l’alto Fattor de la natura;

ma quando il vostro Piero al fiume santo

m’asperse il crine e lavò l’alma impura,

drizzò piú su il mio guardo, e ’l fece accorto

ch’ei per se stesso è tenebroso e corto.  

 Conobbi allor ch’augel notturno al sole

è nostra mente a i rai del primo Vero,

e di me stesso risi e de le fole

che già cotanto insuperbir mi fèro;

ma pur seguito ancor, come egli vòle,

le solite arti e l’uso mio primiero.

Ben son in parte altr’uom da quel ch’io fui,

ch’or da lui pendo e mi rivolgo a lui,  

 e in lui m’acqueto. Egli comanda e insegna,

mastro insieme e signor sommo e sovrano,

né già per nostro mezzo oprar disdegna

cose degne talor de la sua mano.

Or sarà cura mia ch’al campo vegna

l’invitto eroe dal suo carcer lontano,

ch’ei la m’impose; e già gran tempo aspetto

il venir vostro, a me per lui predetto."  

 Cosí con lor parlando, al loco viene

ov’egli ha il suo soggiorno e ’l suo riposo.

Questo è in forma di speco e in sé contiene

camare e sale, grande e spazioso.

E ciò che nudre entro le ricche vene

di piú chiaro la terra e prezioso,

splende ivi tutto; ed ei n’è in guisa ornato

ch’ogni suo fregio è non fatto, ma nato.  

 Non mancàr qui cento ministri e cento

che accorti e pronti a servir gli osti foro,

né poi in mensa magnifica d’argento

mancàr gran vasi e di cristallo e d’oro;

ma quando sazio il natural talento

fu de’ cibi e la sete estinta in loro:

"Tempo è ben" disse a i cavalieri il mago

"che ’l maggior desir vostro omai sia pago."  

 Quivi ricominciò: "L’opre e le frodi

note in parte a voi son de l’empia Armida:

come ella al campo venne, e con quai modi

molti guerrier ne trasse e lor fu guida.

Sapete ancor che di tenaci nodi

gli avinse poscia, albergatrice infida,

e ch’indi a Gaza gli inviò con molti

custodi, e che tra via furon disciolti.  

 Or vi narrerò quel ch’appresso occorse,

vera istoria da voi non anco intesa.

Poi che la maga rea vide ritòrse

la preda sua, già con tant’arte presa,

ambe le mani per dolor si morse

e fra sé disse di disdegno accesa:

"Ah! vero unqua non fia che d’aver tanti

miei prigion liberati egli si vanti.  

Se gli altri sciolse, ei serva ed ei sostegna

le pene altrui serbate e ’l lungo affanno;

né questo anco mi basta: i’ vo’ che vegna

su gli altri tutti universale il danno."

Cosí tra sé dicendo, ordir disegna

questo ch’or udirete iniquo inganno.

Viensene al loco ove Rinaldo vinse

in pugna i suoi guerrieri, e parte estinse.  

 Quivi egli avendo l’arme sue deposto,

indosso quelle d’un pagan si pose;

forse perché bramava irsene ascosto

sotto insegne men note e men famose.

Prese l’armi la maga, e in esse tosto

un tronco busto avolse e poi l’espose;

l’espose in ripa a un fiume ove doveva

stuol de’ Franchi arrivar, e ’l prevedeva.  

 E questo antiveder potea ben ella

che mandar mille spie solea d’intorno,

onde spesso del campo avea novella

e s’altri indi partiva o fea ritorno;

oltre che con gli spirti anco favella

sovente, e fa con lor lungo soggiorno.

Collocò dunque il corpo morto in parte

molto opportuna a sua ingannevol arte.  

 Non lunge un sagacissimo valletto

pose, di panni pastorai vestito,

e impose lui ciò ch’esser fatto o detto

fintamente doveva; e fu essequito.

Questi parlò co’ vostri, e di sospetto

sparse quel seme in lor ch’indi nutrito

fruttò risse e discordie, e quasi al fine

sediziose guerre e cittadine.  

 Ché fu, com’ella disegnò, creduto

per opra del Buglion Rinaldo ucciso,

benché alfine il sospetto a torto avuto

del ver si dileguasse al primo aviso.

Cotal d’Armida l’artificio astuto

primieramente fu qual io diviso.

Or udirete ancor come seguisse

poscia Rinaldo, e quel ch’indi avenisse.  

 Qual cauta cacciatrice, Armida aspetta

Rinaldo al varco. Ei su l’Oronte giunge,

ove un rio si dirama e, un’isoletta

formando, tosto a lui si ricongiunge;

e ’n su la riva una colonna eretta

vede, e un picciol battello indi non lunge.

Fisa egli tosto gli occhi al bel lavoro

del bianco marmo e legge in lettre d’oro:  

 "O chiunque tu sia, che voglia o caso

peregrinando adduce a queste sponde,

meraviglie maggior l’orto o l’occaso

non ha di ciò che l’isoletta asconde.

Passa, se vuoi vederla." È persuaso

tosto l’incauto a girne oltra quell’onde;

e perché mal capace era la barca,

gli scudieri abbandona ed ei sol varca.  

 Come è là giunto, cupido e vagante

volge intorno lo sguardo, e nulla vede

fuor ch’antri ed acque e fiori ed erbe e piante,

onde quasi schernito esser si crede;

ma pur quel loco è cosí lieto e in tante

guise l’alletta ch’ei si ferma e siede,

e disarma la fronte e la ristaura

al soave spirar di placid’aura.  

 Il fiume gorgogliar fra tanto udio

con novo suono, e là con gli occhi corse,

e mover vide un’onda in mezzo al rio

che in se stessa si volse e si ritorse;

e quinci alquanto d’un crin biondo uscio,

e quinci di donzella un volto sorse,

e quinci il petto e le mammelle, e de la

sua forma infin dove vergogna cela.  

 Cosí dal palco di notturna scena

o ninfa o dea, tarda sorgendo, appare.

Questa, benché non sia vera sirena

ma sia magica larva, una ben pare

di quelle che già presso a la tirrena

piaggia abitàr l’insidioso mare;

né men ch’in viso bella, in suono è dolce,

e cosí canta, e ’l cielo e l’aure molce:  

 `O giovenetti, mentre aprile e maggio

v’ammantan di fiorite e verdi spoglie,

di gloria e di virtú fallace raggio

la tenerella mente ah non v’invoglie!

Solo chi segue ciò che piace è saggio,

e in sua stagion de gli anni il frutto coglie.

Questo grida natura. Or dunque voi

indurarete l’alma a i detti suoi?  

 Folli, perché gettate il caro dono,

che breve è sí, di vostra età novella?

Nome, e senza soggetto idoli sono

ciò che pregio e valore il mondo appella.

La fama che invaghisce a un dolce suono

voi superbi mortali, e par sí bella,

è un’ecco, un sogno, anzi del sogno un’ombra,

ch’ad ogni vento si dilegua e sgombra.  

 Goda il corpo sicuro, e in lieti oggetti

l’alma tranquilla appaghi i sensi frali;

oblii le noie andate, e non affretti

le sue miserie in aspettando i mali.

Nulla curi se ’l ciel tuoni o saetti,

minacci egli a sua voglia e infiammi strali.

Questo è saver, questa è felice vita:

sí l’insegna natura e sí l’addita.’  

 Sí canta l’empia, e ’l giovenetto al sonno

con note invoglia sí soavi e scórte.

Quel serpe a poco a poco, e si fa donno

sovra i sensi di lui possente e forte;

né i tuoni omai destar, non ch’altri, il ponno

da quella queta imagine di morte.

Esce d’aguato allor la falsa maga

e gli va sopra, di vendetta vaga.  

 Ma quando in lui fissò lo sguardo e vide

come placido in vista egli respira,

e ne’ begli occhi un dolce atto che ride,

benché sian chiusi (or che fia s’ei li gira?),

pria s’arresta sospesa, e gli s’asside

poscia vicina, e placar sente ogn’ira

mentre il risguarda; e ’n su la vaga fronte

pende omai sí che par Narciso al fonte.  

 E quei ch’ivi sorgean vivi sudori

accoglie lievemente in un suo velo,

e con un dolce ventillar gli ardori

gli va temprando de l’estivo cielo.

Cosí (chi ’l crederia?) sopiti ardori

d’occhi nascosi distempràr quel gelo

che s’indurava al cor piú che diamante,

e di nemica ella divenne amante.  

 Di ligustri, di gigli e de le rose

le quai fiorian per quelle piaggie amene,

con nov’arte congiunte, indi compose

lente ma tenacissime catene.

Queste al collo, a le braccia, a i piè gli pose:

cosí l’avinse e cosí preso il tiene;

quinci, mentre egli dorme, il fa riporre

sovra un suo carro, e ratta il ciel trascorre.  

 già ritorna di Damasco al regno,

né dove ha il suo castello in mezzo a l’onde;

ma ingelosita di sí caro pegno,

e vergognosa del suo amor, s’asconde

ne l’oceano immenso, ove alcun legno

rado, o non mai, va de le nostre sponde,

fuor tutti i nostri lidi; e quivi eletta

per solinga sua stanza è un’isoletta.  

 Un’isoletta la qual nome prende

con le vicine sue da la Fortuna.

Quinci ella in cima a una montagna ascende

disabitata e d’ombre oscura e bruna,

e per incanto a lei nevose rende

le spalle e i fianchi, e senza neve alcuna

gli lascia il capo verdeggiante e vago,

e vi fonda un palagio appresso un lago,  

 ove in perpetuo april molle amorosa

vita seco ne mena il suo diletto.

Or da cosí lontana e cosí ascosa

prigion trar voi dovete il giovenetto,

e vincer de la timida e gelosa

le guardie, ond’è difeso il monte e ’l tetto;

e già non mancherà chi là vi scòrga,

e chi per l’alta impresa arme vi porga.  

 Trovarete, del fiume a pena sorti,

donna giovin di viso, antica d’anni,

ch’a i lunghi crini in su la fronte attorti

fia nota ed al color vario de’ panni.

Questa per l’alto mar fia che vi porti

piú ratta che non spiega aquila i vanni,

piú che non vola il folgore; né guida

la trovarete al ritornar men fida.  

 A piè del monte ove la maga alberga,

sibilando strisciar novi pitoni

e cinghiali arrizzar l’aspre lor terga

ed aprir la gran bocca orsi e leoni

vedrete; ma scotendo una mia verga,

temeranno appressarsi ove ella suoni.

Poi via maggior (se dritto il ver s’estima)

si troverà il periglio in su la cima.  

 Un fonte sorge in lei che vaghe e monde

ha l’acque sí che i riguardanti asseta;

ma dentro a i freddi suoi cristalli asconde

di tòsco estran malvagità secreta,

ch’un picciol sorso di sue lucide onde

inebria l’alma tosto e la fa lieta,

indi a rider uom move, e tanto il riso

s’avanza alfin ch’ei ne rimane ucciso.  

 Lunge la bocca disdegnosa e schiva

torcete voi da l’acque empie omicide,

né le vivande poste in verde riva

v’allettin poi, né le donzelle infide

che voce avran piacevole e lasciva

e dolce aspetto che lusinga e ride;

ma voi, gli sguardi e le parole accorte

sprezzando, entrate pur ne l’alte porte.  

 Dentro è di muri inestricabil cinto

che mille torce in sé confusi giri,

ma in breve foglio io ve ’l darò distinto,

sí che nessun error fia che v’aggiri.

Siede in mezzo un giardin del labirinto

che par che da ogni fronde amore spiri;

quivi in grembo a la verde erba novella

giacerà il cavaliero e la donzella.  

 Ma come essa lasciando il caro amante

in altra parte il piede avrà rivolto,

vuo’ ch’a lui vi scopriate, e d’adamante

un scudo ch’io darò gli alziate al volto,

sí ch’egli vi si specchi, e ’l suo sembiante

veggia e l’abito molle onde fu involto,

ch’a tal vista potrà vergogna e sdegno

scacciar dal petto suo l’amor indegno.  

 Altro che dirvi omai nulla m’avanza

se non ch’assai securi ir ne potrete

e penetrar de l’intricata stanza

ne le piú interne parti e piú secrete,

perché non fia che magica possanza

a voi ritardi il corso o ’l passo viete;

né potrà pur, cotal virtú vi guida,

il giunger vostro antiveder Armida.  

 Né men secura da gli alberghi suoi

l’uscita vi sarà poscia e ’l ritorno.

Ma giunge omai l’ora del sonno, e voi

sorger diman dovete a par co ’l giorno."

Cosí lor disse, e li menò dopoi

ove essi avean la notte a far soggiorno.

Ivi lasciando lor lieti e pensosi,

si ritrasse il buon vecchio a i suoi riposi.  

 

 

 

 

5

 

 

 

 

10

 

 

 

 

15

 

 

 

 

20

 

 

 

 

25

 

 

 

 

30

 

 

 

 

35

 

 

 

 

40

 

 

 

 

45

 

 

 

 

50

 

 

 

 

55

 

 

 

 

60

 

 

 

 

65

 

 

 

 

70

 

 

 

 

75

 

 

 

 

80

 

 

 

 

85

 

 

 

 

90

 

 

 

 

95

 

 

 

 

100

 

 

 

 

105

 

 

 

 

110

 

 

 

 

115

 

 

 

 

120

 

 

 

 

125

 

 

 

 

130

 

 

 

 

135

 

 

 

 

140

 

 

 

 

145

 

 

 

 

150

 

 

 

 

155

 

 

 

 

160

 

 

 

 

165

 

 

 

 

170

 

 

 

 

175

 

 

 

 

180

 

 

 

 

185

 

 

 

 

190

 

 

 

 

195

 

 

 

 

200

 

 

 

 

205

 

 

 

 

210

 

 

 

 

215

 

 

 

 

220

 

 

 

 

225

 

 

 

 

230

 

 

 

 

235

 

 

 

 

240

 

 

 

 

245

 

 

 

 

250

 

 

 

 

255

 

 

 

 

260

 

 

 

 

265

 

 

 

 

270

 

 

 

 

275

 

 

 

 

280

 

 

 

 

285

 

 

 

 

290

 

 

 

 

295

 

 

 

 

300

 

 

 

 

305

 

 

 

 

310

 

 

 

 

315

 

 

 

 

320

 

 

 

 

325

 

 

 

 

330

 

 

 

 

335

 

 

 

 

340

 

 

 

 

345

 

 

 

 

350

 

 

 

 

355

 

 

 

 

360

 

 

 

 

365

 

 

 

 

370

 

 

 

 

375

 

 

 

 

380

 

 

 

 

385

 

 

 

 

390

 

 

 

 

395

 

 

 

 

400

 

 

 

 

405

 

 

 

 

410

 

 

 

 

415

 

 

 

 

420

 

 

 

 

425

 

 

 

 

430

 

 

 

 

435

 

 

 

 

440

 

 

 

 

445

 

 

 

 

450

 

 

 

 

455

 

 

 

 

460

 

 

 

 

465

 

 

 

 

470

 

 

 

 

475

 

 

 

 

480

 

 

 

 

485

 

 

 

 

490

 

 

 

 

495

 

 

 

 

500

 

 

 

 

505

 

 

 

 

510

 

 

 

 

515

 

 

 

 

520

 

 

 

 

525

 

 

 

 

530

 

 

 

 

535

 

 

 

 

540

 

 

 

 

545

 

 

 

 

550

 

 

 

 

555

 

 

 

 

560

 

 

 

 

565

 

 

 

 

570

 

 

 

 

575

 

 

 

 

580

 

 

 

 

585

 

 

 

 

590

 

 

 

 

595

 

 

 

 

600

 

 

 

 

605

 

 

 

 

610

 

 

 

 

615

 

 

 

 

620

 

 

 

 

625

 

 

 

 

630

 

 Indice

01 - 02 - 03 - 04 - 05 - 06 - 07 - 08 - 09 - 10

 

11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20

Indice Biblioteca ProgettoTasso Indice Gerusalemme Liberata

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 05 ottobre 2009