Torquato Tasso

La Gerusalemme Liberata

POEMA DEL SIGNOR TORQUATO TASSO

AL SERENISSIMO SIGNORE

IL SIGNOR DONNO ALFONSO II D’ESTE DUCA DI FERRARA

Edizione di riferimento

Torquato Tasso, Gerusalemme Liberata, a cura di Lanfranco Caretti, Collana "I Meridiani", Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1976 - L’edizione riprende quella de "I classici Mondadori (Milano 1957

Le ottave introduttive sono tratte dall’edizione fiorentina del MDCCCXXIV dell’Editore Giuseppe Molini

CANTO TREDICESIMO

Ismeno pensa a nuovi sistemi per rendere sempre più sicura la città di Gerusalemme; non lontano dalla città si estende la selva di Saron, popolata di streghe, violata dai Cristiani per procurarsi legna; qui si reca Ismeno e la popola di demoni; poi se ne torna dal re Aladino per rassicurarlo. Intanto Goffredo di Buglione decide di far ricostruire la torre e manda i fabbri nel bosco per tagliare il legno occorrente, ma fuggono, respinti da uno strano timore. Alcasto sorride ironico al racconto e chiede di essere mandato nella selva, dove vede un gran fuoco e dei mostri e fugge anche lui impaurito. Anche Tancredi, dopo aver sepolto Clorinda, va verso la selva: ma s’arresta di fronte ad apparizioni strane; con coraggio percuote una pianta con la spada e sente la voce di Clorinda; gli cade di mano la spada e subito s’innalza un vento impetuoso, per questo desiste: tornato al campo racconta tutto a Goffredo: della voce di Clorinda, d’un meraviglioso fuoco, degli alberi che parlano e stillano sangue. Pietro l’Eremita cerca di rincuorare tutti dicendo che ormai è prossima l’ora in cui cadrà Gerusalemme. Intanto il campo cristiano è afflitto dalla siccità; cominciano i lamenti; qualcuno, come il duce dei Greci Tatino, abbandona di notte il campo cristiano, seguito da altri quando si sparge la notizia. Goffredo allora volge al Cielo un’ardente preghiera, che viene ascoltata da Dio che ordina che cessi la persecuzione dei demoni contro i Crociati e manda sul campo una pioggia abbondante.

Argomento

A custodir la selva Ismeno caccia

Gli empi demoni; e questi in strani mostri

Conversi, sol l’aspetto lor discaccia

Quei che van per tagliar gli ombrosi chiostri.

Vavvi Tancredi che secura faccia;

Ma pietà il tien, che ’l suo valor non mostri.

Il campo cui soverchia arsura offende,

Copiosa pioggia vigoroso rende.

 

1

 

 

 

 

 

 

 

2

 

 

 

 

 

 

 

3

 

 

 

 

 

 

 

4

 

 

 

 

 

 

 

5

 

 

 

 

 

 

 

6

 

 

 

 

 

 

 

7

 

 

 

 

 

 

 

8

 

 

 

 

 

 

 

9

 

 

 

 

 

 

 

10

 

 

 

 

 

 

 

11

 

 

 

 

 

 

 

12

 

 

 

 

 

 

 

13

 

 

 

 

 

 

 

14

 

 

 

 

 

 

 

15

 

 

 

 

 

 

 

16

 

 

 

 

 

 

 

17

 

 

 

 

 

 

 

18

 

 

 

 

 

 

 

19

 

 

 

 

 

 

 

20

 

 

 

 

 

 

 

21

 

 

 

 

 

 

 

22

 

 

 

 

 

 

 

23

 

 

 

 

 

 

 

24

 

 

 

 

 

 

 

25

 

 

 

 

 

 

 

26

 

 

 

 

 

 

 

27

 

 

 

 

 

 

 

28

 

 

 

 

 

 

 

29

 

 

 

 

 

 

 

30

 

 

 

 

 

 

 

31

 

 

 

 

 

 

 

32

 

 

 

 

 

 

 

33

 

 

 

 

 

 

 

34

 

 

 

 

 

 

 

35

 

 

 

 

 

 

 

36

 

 

 

 

 

 

 

37

 

 

 

 

 

 

 

38

 

 

 

 

 

 

 

39

 

 

 

 

 

 

 

40

 

 

 

 

 

 

 

41

 

 

 

 

 

 

 

42

 

 

 

 

 

 

 

43

 

 

 

 

 

 

 

44

 

 

 

 

 

 

 

45

 

 

 

 

 

 

 

46

 

 

 

 

 

 

 

47

 

 

 

 

 

 

 

48

 

 

 

 

 

 

 

49

 

 

 

 

 

 

 

50

 

 

 

 

 

 

 

51

 

 

 

 

 

 

 

52

 

 

 

 

 

 

 

53

 

 

 

 

 

 

 

54

 

 

 

 

 

 

 

55

 

 

 

 

 

 

 

56

 

 

 

 

 

 

 

57

 

 

 

 

 

 

 

58

 

 

 

 

 

 

 

59

 

 

 

 

 

 

 

60

 

 

 

 

 

 

 

61

 

 

 

 

 

 

 

62

 

 

 

 

 

 

 

63

 

 

 

 

 

 

 

64

 

 

 

 

 

 

 

65

 

 

 

 

 

 

 

66

 

 

 

 

 

 

 

67

 

 

 

 

 

 

 

68

 

 

 

 

 

 

 

69

 

 

 

 

 

 

 

70

 

 

 

 

 

 

 

71

 

 

 

 

 

 

 

72

 

 

 

 

 

 

 

73

 

 

 

 

 

 

 

74

 

 

 

 

 

 

 

75

 

 

 

 

 

 

 

76

 

 

 

 

 

 

 

77

 

 

 

 

 

 

 

78

 

 

 

 

 

 

 

79

 

 

 

 

 

 

 

80

 

 

 

 

 

 

 

 Ma cadde a pena in cenere l’immensa

machina espugnatrice de la mura,

che ’n sé novi argomenti Ismen ripensa

perché piú resti la città secura;

onde a i Franchi impedir ciò che dispensa

lor di materia il bosco egli procura,

onde contra Sion battuta e scossa

torre nova rifarsi indi non possa.

 Sorge non lunge a le cristiane tende

tra solitarie valli alta foresta,

foltissima di piante antiche, orrende,

che spargon d’ogni intorno ombra funesta.

Qui, ne l’ora che ’l sol piú chiaro splende,

è luce incerta e scolorita e mesta,

quale in nubilo ciel dubbia si vede

se ’l dí a la notte o s’ella a lui succede.

 Ma quando parte il sol, qui tosto adombra

notte, nube, caligine ed orrore

che rassembra infernal, che gli occhi ingombra

di cecità, ch’empie di tema il core;

né qui gregge od armenti a’ paschi, a l’ombra

guida bifolco mai, guida pastore,

né v’entra peregrin, se non smarrito,

ma lunge passa e la dimostra a dito.

 Qui s’adunan le streghe, ed il suo vago

con ciascuna di lor notturno viene;

vien sovra i nembi, e chi d’un fero drago,

e chi forma d’un irco informe tiene:

concilio infame, che fallace imago

suol allettar di desiato bene

a celebrar con pompe immonde e sozze

i profani conviti e l’empie nozze.

 Cosí credeasi, ed abitante alcuno

dal fero bosco mai ramo non svelse;

ma i Franchi il violàr, perch’ei sol uno

somministrava lor machine eccelse.

Or qui se ’n venne il mago, e l’opportuno

alto silenzio de la notte scelse,

de la notte che prossima successe,

e suo cerchio formovvi e i segni impresse.

 E scinto e nudo un piè nel cerchio accolto,

mormorò potentissime parole.

Girò tre volte a l’oriente il volto,

tre volte a i regni ove dechina il sole,

e tre scosse la verga ond’uom sepolto

trar de la tomba e dargli il moto sòle,

e tre co ’l piede scalzo il suol percosse;

poi con terribil grido il parlar mosse:

 "Udite, udite, o voi che da le stelle

precipitàr giú i folgori tonanti:

sí voi che le tempeste e le procelle

movete, abitator de l’aria erranti,

come voi che a le inique anime felle

ministri sète de li eterni pianti;

cittadini d’Averno, or qui v’invoco,

e te, signor de’ regni empi del foco.

 Prendete in guardia questa selva, e queste

piante che numerate a voi consegno.

Come il corpo è de l’alma albergo e veste,

cosí d’alcun di voi sia ciascun legno,

onde il Franco ne fugga o almen s’arreste

ne’ primi colpi, e tema il vostro sdegno."

Disse, e quelle ch’aggiunse orribil note,

lingua, s’empia non è, ridir non pote.

 A quel parlar le faci, onde s’adorna

il seren de la notte, egli scolora;

e la luna si turba e le sue corna

di nube avolge, e non appar piú fora.

Irato i gridi a raddoppiar ei torna:

"Spirti invocati, or non venite ancora?

onde tanto indugiar? forse attendete

voci ancor piú potenti o piú secrete?

 Per lungo disusar già non si scorda

de l’arti crude il píú efficace aiuto;

e so con lingua anch’io di sangue lorda

quel nome proferir grande e temuto,

a cui né Dite mai ritrosa o sorda

né trascurato in ubidir fu Pluto.

Che sí?... che sí?..." Volea piú dir, ma intanto

conobbe ch’esseguito era lo ’ncanto.

 Venieno innumerabili, infiniti

spirti, parte che ’n aria alberga ed erra,

parte di quei che son dal fondo usciti

caliginoso e tetro de la terra;

lenti e del gran divieto anco smarriti,

ch’impedí loro il trattar l’arme in guerra,

ma già venirne qui lor non si toglie

e ne’ tronchi albergare e tra le foglie.

 Il mago, poi ch’omai nulla piú manca

al suo disegno, al re lieto se ’n riede:

"Signor, lascia ogni dubbio e ’l cor rinfranca

ch’omai secura è la regal tua sede,

né potrà rinovar piú l’oste franca

l’alte machine sue come ella crede."

Cosí gli dice, e poi di parte in parte

narra i successi de la magica arte.

Soggiunse appresso: "Or cosa aggiungo queste

fatte da me ch’a me non meno aggrada.

Sappi che tosto nel Leon celeste

Marte co ’l sol fia ch’ad unir si vada,

né tempreran le fiamme lor moleste

aure, o nembi di pioggia o di rugiada,

ché quanto in cielo appar, tutto predice

aridissima arsura ed infelice;

 onde qui caldo avrem qual l’hanno a pena

gli adusti Nasamoni o i Garamanti.

Pur a noi fia men grave in città piena

d’acque e d’ombre sí fresche e d’agi tanti,

ma i Franchi in terra asciutta e non amena

già non saranlo a tolerar bastanti;

e pria dómi dal cielo, agevolmente

fian poi sconfitti da l’egizia gente.

 Tu vincerai sedendo, e la fortuna

non cred’io che tentar piú ti convegna.

Ma se ’l circasso alter che posa alcuna

non vuole e, benché onesta, anco la sdegna,

t’affretta come sòle e t’importuna,

trova modo pur tu ch’a freno il tegna,

ché molto non andrà che ’l Cielo amico

a te pace darà, guerra al nemico."

 Or questo udendo il re, ben s’assecura,

sí che non teme le nemiche posse.

Già riparate in parte avea le mura

che de’ montoni l’impeto percosse;

con tutto ciò non rallentò la cura

di ristorarle, ove sian rotte o smosse.

Le turbe tutte, e cittadine e serve,

s’impiegan qui: l’opra continua ferve.

 Ma in questo mezzo il pio Buglion non vòle

che la forte cittade in van si batta,

se non è prima la maggior sua mole

ed alcuna altra machina rifatta.

E i fabri al bosco invia che porger sòle

ad uso tal pronta materia ed atta.

Vanno costor su l’alba a la foresta,

ma timor novo al suo apparir gli arresta.

 Qual semplice bambin mirar non osa

dove insolite larve abbia presenti,

o come pave ne la notte ombrosa,

imaginando pur mostri e portenti,

cosí temean, senza saper qual cosa

siasi quella però che gli sgomenti,

se non che ’l timor forse a i sensi finge

maggior prodigi di Chimera o Sfinge.

 Torna la turba, e misera e smarrita

varia e confonde sí le cose e i detti

ch’ella nel riferir n’è poi schernita,

né son creduti i mostruosi effetti.

Allor vi manda il capitano ardita

e forte squadra di guerrieri eletti,

perché sia scorta a l’altra e ’n esseguire

i magisteri suoi le porga ardire.

 Questi, appressando ove lor seggio han posto

gli empi demoni in quel selvaggio orrore,

non rimiràr le nere ombre sí tosto,

che lor si scosse e tornò ghiaccio il core.

Pur oltra ancor se ’n gian, tenendo ascosto

sotto audaci sembianti il vil timore;

e tanto s’avanzàr che lunge poco

erano omai da l’incantato loco.

 Esce allor de la selva un suon repente

che par rimbombo di terren che treme,

e ’l mormorar de gli Austri in lui si sente

e ’l pianto d’onda che fra scogli geme.

Come rugge il leon, fischia il serpente,

come urla il lupo e come l’orso freme

v’odi, e v’odi le trombe, e v’odi il tuono:

tanti e sí fatti suoni esprime un suono.

 In tutti allor s’impallidír le gote

e la temenza a mille segni apparse,

né disciplina tanto o ragion pote

ch’osin di gire inanzi o di fermarse,

ch’a l’occulta virtú che gli percote

son le difese loro anguste e scarse.

Fuggono al fine; e un d’essi, in cotal guisa

scusando il fatto, il pio Buglion n’avisa:

 "Signor, non è di noi chi piú si vante

troncar la selva, ch’ella è sí guardata

ch’io credo (e ’l giurerei) che in quelle piante

abbia la reggia sua Pluton traslata.

Ben ha tre volte e piú d’aspro diamante

ricinto il cor chi intrepido la guata;

né senso v’ha colui ch’udir s’arrischia

come tonando insieme rugge e fischia."

 Cosí costui parlava. Alcasto v’era

fra molti che l’udian presente a sorte:

l’uom di temerità stupida e fera,

sprezzator de’ mortali e de la morte;

che non avria temuto orribil fèra,

né mostro formidabile ad uom forte,

né tremoto, né folgore, né vento,

né s’altro ha il mondo piú di violento.

 Crollava il capo e sorridea dicendo:

"Dove costui non osa, io gir confido;

io sol quel bosco di troncar intendo

che di torbidi sogni è fatto nido.

Già no ’l mi vieterà fantasma orrendo

né di selva o d’augei fremito o grido,

o pur tra quei sí spaventosi chiostri

d’ir ne l’inferno il varco a me si mostri."

 Cotal si vanta al capitano, e tolta

da lui licenza il cavalier s’invia;

e rimira la selva, e poscia ascolta

quel che da lei novo rimbombo uscia,

né però il piede audace indietro volta

ma securo e sprezzante è come pria;

e già calcato avrebbe il suol difeso,

ma gli s’oppone (o pargli) un foco acceso.

 Cresce il gran foco, e ’n forma d’alte mura

stende le fiamme torbide e fumanti;

e ne cinge quel bosco, e l’assecura

ch’altri gli arbori suoi non tronchi e schianti.

Le maggiori sue fiamme hanno figura

di castelli superbi e torreggianti,

e di tormenti bellici ha munite

le rocche sue questa novella Dite.

 Oh quanti appaion mostri armati in guardia

de gli alti merli e in che terribil faccia!

De’ quai con occhi biechi altri il riguarda,

e dibattendo l’arme altri il minaccia.

Fugge egli al fine, e ben la fuga è tarda,

qual di leon che si ritiri in caccia,

ma pure è fuga; e pur gli scote il petto

timor, sin a quel punto ignoto affetto.

 Non s’avide esso allor d’aver temuto,

ma fatto poi lontan ben se n’accorse;

e stupor n’ebbe e sdegno, e dente acuto

d’amaro pentimento il cor gli morse.

E, di trista vergogna acceso e muto,

attonito in disparte i passi torse,

ché quella faccia alzar, già sí orgogliosa,

ne la luce de gli uomini non osa.

 Chiamato da Goffredo, indugia e scuse

trova a l’indugio, e di restarsi agogna.

Pur va, ma lento; e tien le labra chiuse

o gli ragiona in guisa d’uom che sogna.

Diffetto e fuga il capitan concluse

in lui da quella insolita vergogna,

poi disse: "Or ciò che fia? forse prestigi

son questi o di natura alti prodigi?

 Ma s’alcun v’è cui nobil voglia accenda

di cercar que’ salvatichi soggiorni,

vadane pure, e la ventura imprenda

e nunzio almen piú certo a noi ritorni."

Cosí disse egli, e la gran selva orrenda

tentata fu ne’ tre seguenti giorni

da i piú famosi; e pur alcun non fue

che non fuggisse a le minaccie sue.

Era il prence Tancredi intanto sorto

a sepellir la sua diletta amica,

e benché in volto sia languido e smorto

e mal atto a portar elmo o lorica,

nulla di men, poi che ’l bisogno ha scorto,

ei non ricusa il rischio o la fatica,

ché ’l cor vivace il suo vigor trasfonde

al corpo sí che par ch’esso n’abbonde.

 Vassene il valoroso in sé ristretto,

e tacito e guardingo, al rischio ignoto,

e sostien de la selva il fero aspetto

e ’l gran romor del tuono e del tremoto;

e nulla sbigottisce, e sol nel petto

sente, ma tosto il seda, un picciol moto.

Trapassa, ed ecco in quel silvestre loco

sorge improvisa la città del foco.

Allor s’arretra, e dubbio alquanto resta

fra sé dicendo: "Or qui che vaglion l’armi?

Ne le fauci de’ mostri, e ’n gola a questa

devoratrice fiamma andrò a gettarmi?

Non mai la vita, ove cagione onesta

del comun pro la chieda, altri risparmi,

ma né prodigo sia d’anima grande

uom degno; e tale è ben chi qui la spande.

 Pur l’oste che dirà, s’indarno i’ riedo?

qual altra selva ha di troncar speranza?

Né intentato lasciar vorrà Goffredo

mai questo varco. Or s’oltre alcun s’avanza,

forse l’incendio che qui sorto i’ vedo

fia d’effetto minor che di sembianza;

ma seguane che pote." E in questo dire,

dentro saltovvi. Oh memorando ardire!

 Né sotto l’arme già sentir gli parve

caldo o fervor come di foco intenso;

ma pur, se fosser vere fiamme o larve,

mal poté giudicar sí tosto il senso,

perché repente a pena tocco sparve

quel simulacro, e giunse un nuvol denso

che portò notte e verno; e ’l verno ancora

e l’ombra dileguossi in picciol ora.

 Stupido sí, ma intrepido rimane

Tancredi; e poi che vede il tutto cheto,

mette securo il piè ne le profane

soglie e spia de la selva ogni secreto.

Né piú apparenze inusitate e strane,

né trova alcun fra via scontro o divieto,

se non quanto per sé ritarda il bosco

la vista e i passi inviluppato e fosco.

 Al fine un largo spazio in forma scorge

d’anfiteatro, e non è pianta in esso,

salvo che nel suo mezzo altero sorge,

quasi eccelsa piramide, un cipresso.

Colà si drizza, e nel mirar s’accorge

ch’era di vari segni il tronco impresso,

simili a quei che in vece usò di scritto

l’antico già misterioso Egitto.

 Fra i segni ignoti alcune note ha scorte

del sermon di Soria ch’ei ben possede:

"O tu che dentro a i chiostri de la morte

osasti por, guerriero audace, il piede,

deh! se non sei crudel quanto sei forte,

deh! non turbar questa secreta sede.

Perdona a l’alme omai di luce prive:

non dée guerra co’ morti aver chi vive."

 Cosí dicea quel motto. Egli era intento

de le brevi parole a i sensi occulti:

fremere intanto udia continuo il vento

tra le frondi del bosco e tra i virguiti,

e trarne un suon che flebile concento

par d’umani sospiri e di singulti,

e un non so che confuso instilla al core

di pietà, di spavento e di dolore.

 Pur tragge al fin la spada, e con gran forza

percote l’alta pianta. Oh meraviglia!

manda fuor sangue la recisa scorza,

e fa la terra intorno a sé vermiglia.

Tutto si raccapriccia, e pur rinforza

il colpo e ’l fin vederne ei si consiglia.

Allor, quasi di tomba, uscir ne sente

un indistinto gemito dolente,

 che poi distinto in voci: "Ahi! troppo" disse

"m’hai tu, Tancredi, offeso; or tanto basti.

Tu dal corpo che meco e per me visse,

felice albergo già, mi discacciasti:

perché il misero tronco, a cui m’affisse

il mio duro destino, anco mi guasti?

Dopo la morte gli aversari tuoi,

crudel, ne’ lor sepolcri offender vuoi?

 Clorinda fui, né sol qui spirto umano

albergo in questa pianta rozza e dura,

ma ciascun altro ancor, franco o pagano,

che lassi i membri a piè de l’alte mura,

astretto è qui da novo incanto e strano,

non so s’io dica in corpo o in sepoltura.

Son di sensi animati i rami e i tronchi,

e micidial sei tu, se legno tronchi."

 Qual l’infermo talor ch’in sogno scorge

drago o cinta di fiamme alta Chimera,

se ben sospetta o in parte anco s’accorge

che ’l simulacro sia non forma vera,

pur desia di fuggir, tanto gli porge

spavento la sembianza orrida e fera,

tal il timido amante a pien non crede

a i falsi inganni, e pur ne teme e cede.

 E, dentro, il cor gli è in modo tal conquiso

da vari affetti che s’agghiaccia e trema,

e nel moto potente ed improviso

gli cade il ferro, e ’l manco è in lui la tema.

Va fuor di sé: presente aver gli è aviso

l’offesa donna sua che plori e gema,

né può soffrir di rimirar quel sangue,

né quei gemiti udir d’egro che langue.

 Cosí quel contra morte audace core

nulla forma turbò d’alto spavento,

ma lui che solo è fievole in amore

falsa imago deluse e van lamento.

Il suo caduto ferro intanto fore

portò del bosco impetuoso vento,

sí che vinto partissi; e in su la strada

ritrovò poscia e ripigliò la spada.

 Pur non tornò, né ritentando ardio

spiar di novo le cagioni ascose.

E poi che giunto al sommo duce unio

gli spirti alquanto e l’animo compose,

incominciò: "Signor, nunzio son io

di non credute e non credibil cose.

Ciò che dicean de lo spettacol fero

e del suon paventoso, è tutto vero.

 Meraviglioso foco indi m’apparse,

senza materia in un istante appreso,

che sorse e dilatando un muro farse

parve, e d’armati mostri esser difeso.

Pur vi passai, ché né l’incendio m’arse,

né dal ferro mi fu l’andar conteso.

Vernò in quel punto ed annottò; fe’ il giorno

e la serenità poscia ritorno.

 Di piú dirò: ch’a gli alberi dà vita

spirito uman che sente e che ragiona.

Per prova sollo; io n’ho la voce udita

che nel cor flebilmente anco mi suona.

Stilla sangue de’ tronchi ogni ferita,

quasi di molle carne abbian persona.

No, no, piú non potrei (vinto mi chiamo)

né corteccia scorzar, né sveller ramo."

 Cosí dice egli, e ’l capitano ondeggia

in gran tempesta di pensieri intanto.

Pensa s’egli medesmo andar là deggia

(che tal lo stima) a ritentar l’incanto,

o se pur di materia altra proveggia

lontana piú, ma non difficil tanto.

Ma dal profondo de’ pensieri suoi

l’Eremita il rappella, e dice poi:

 "Lascia il pensier audace: altri conviene

che de le piante sue la selva spoglie.

Già già la fatal nave a l’erme arene

la prora accosta e l’auree vele accoglie;

già, rotte l’indegnissime catene,

l’aspettato guerrier dal lido scioglie;

non è lontana omai l’ora prescritta

che sia presa Sion, l’oste sconfitta."

 Parla ei cosí, fatto di fiamma in volto,

e risuona piú ch’uomo in sue parole.

E ’l pio Goffredo a pensier novi è vòlto,

ché neghittoso già cessar non vòle.

Ma nel Cancro celeste omai raccolto

apporta arsura inusitata il sole,

ch’a i suoi disegni, a i suoi guerrier nemica,

insopportabil rende ogni fatica.

 Spenta è del cielo ogni benigna lampa;

signoreggiano in lui crudeli stelle,

onde piove virtú ch’informa e stampa

l’aria d’impression maligne e felle.

Cresce l’ardor nocivo, e sempre avampa

piú mortalmente in queste parti e in quelle;

a giorno reo notte piú rea succede,

e dí peggior di lei dopo lei vede.

 Non esce il sol giamai, ch’asperso e cinto

di sanguigni vapori entro e d’intorno

non mostri ne la fronte assai distinto

mesto presagio d’infelice giorno;

non parte mai che in rosse macchie tinto

non minacci egual noia al suo ritorno,

e non inaspri i già sofferti danni

con certa tema di futuri affanni.

 Mentre li raggi poi d’alto diffonde,

quanto d’intorno occhio mortal si gira,

seccarsi i fiori e impallidir le fronde,

assetate languir l’erbe rimira,

e fendersi la terra e scemar l’onde,

ogni cosa del ciel soggetta a l’ira,

e le sterili nubi in aria sparse

in sembianza di fiamme altrui mostrarse.

 Sembra il ciel ne l’aspetto atra fornace

né cosa appar che gli occhi almen ristaure:

ne le spelonche sue Zefiro tace,

e ’n tutto è fermo il vaneggiar de l’aure;

solo vi soffia (e par vampa di face)

vento che move da l’arene maure,

che, gravoso e spiacente, e seno e gote

co’ densi fiati ad or ad or percote.

 Non ha poscia la notte ombre piú liete,

ma del caldo del sol paiono impresse,

e di travi di foco e di comete

e d’altri fregi ardenti il velo intesse.

Né pur misera terra, a la tua sete

son da l’avara luna almen concesse

sue rugiadose stille, e l’erbe e i fiori

bramano indarno i lor vitali umori.

 Da le notti inquiete il dolce sonno

bandito fugge, e i languidi mortali

lusingando ritrarlo a sé no ’l ponno;

ma pur la sete è il pessimo de’ mali,

però che di Giudea l’iniquo donno

con veneni e con succhi aspri e mortali

piú de l’inferna Stige e d’Acheronte

torbido fece e livido ogni fonte.

 E il picciol Siloè, che puro e mondo

offria cortese a i Franchi il suo tesoro,

or di tepide linfe a pena il fondo

arido copre e dà scarso ristoro;

né il Po, qualor di maggio è piú profondo,

parria soverchio a i desideri loro,

né ’l Gange o ’l Nilo, allor che non s’appaga

de’ sette alberghi, e ’l verde Egitto allaga.

 S’alcun giamai tra frondeggianti rive

puro vide stagnar liquido argento,

o giú precipitose ir acque vive

per alpe o ’n piaggia erbosa a passo lento,

quelle al vago desio forma e descrive

e ministra materia al suo tormento,

ché l’imagine lor gelida e molle

l’asciuga e scalda e nel pensier ribolle.

 Vedi le membra de’ guerrier robuste,

cui né camin per aspra terra preso,

né ferrea salma onde gír sempre onuste,

né domò ferro a la lor morte inteso,

ch’or risolute e dal calore aduste

giacciono a se medesme inutil peso;

e vive ne le vene occulto foco

che pascendo le strugge a poco a poco.

 Langue il corsier già sí feroce, e l’erba

che fu suo caro cibo a schifo prende,

vacilla il piede infermo, e la superba

cervice dianzi or giú dimessa pende;

memoria di sue palme or piú non serba,

né piú nobil di gloria amor l’accende:

le vincitrici spoglie e i ricchi fregi

par che quasi vil soma odii e dispregi.

 Languisce il fido cane, ed ogni cura

del caro albergo e del signor oblia,

giace disteso ed a l’interna arsura

sempre anelando aure novelle invia;

ma s’altrui diede il respirar natura

perché il caldo del cor temprato sia,

or nulla o poco refrigerio n’have,

sí quello onde si spira è denso e grave.

 Cosí languia la terra, e ’n tale stato

egri giaceansi i miseri mortali,

e ’l buon popol fedel, già disperato

di vittoria, temea gli ultimi mali;

e risonar s’udia per ogni lato

universal lamento in voci tali:

"Che piú spera Goffredo o che piú bada,

sí che tutto il suo campo a morte cada?"

 Deh! con quai forze superar si crede

gli alti ripari de’ nemici nostri?

onde machine attende? ei sol non vede

l’ira del Cielo a tanti segni mostri?

de la sua mente aversa a noi fan fede

mille novi prodigi e mille mostri,

ed arde a noi cosí che minore uopo

di refrigerio ha l’Indo e l’Etiopo.

 Dunque stima costui che nulla importe

che n’andiam noi, turba negletta, indegna,

vili ed inutil alme, a dura morte,

perch’ei lo scettro imperial mantegna?

Cotanto dunque fortunata sorte

rassembra quella di colui che regna,

che ritener si cerca avidamente

a danno ancor de la soggetta gente?

 Or mira d’uom c’ha il titolo di pio

providenza pietosa, animo umano:

la salute de’ suoi porre in oblio

per conservarsi onor dannoso e vano;

e veggendo a noi secchi i fonti e ’l rio,

per sé l’acque condur fa dal Giordano,

e fra pochi sedendo a mensa lieta,

mescolar l’onde fresche al vin di Creta."

 Cosí i Franchi dicean; ma ’l duce greco,

che ’l lor vessillo è di seguir già stanco,

"Perché morir qui?" disse "e perché meco

far che la schiera mia ne vegna manco?

Se ne la sua follia Goffredo è cieco,

siasi in suo danno e del suo popol franco;

a noi che noce?" E senza tòr licenza,

notturna fece e tacita partenza.

 Mosse l’essempio assai, come al dí chiaro

fu noto; e d’imitarlo alcun risolve.

Quei che seguír Clotareo ed Ademaro

e gli altri duci ch’or son ossa e polve,

poi che la fede che a color giuraro

ha disciolto colei che tutto solve,

già trattano di fuga, e già qualcuno

parte furtivamente a l’aer bruno.

 Ben se l’ode Goffredo e ben se ’l vede,

e i piú aspri rimedi avria ben pronti,

ma gli schiva ed aborre; e con la fede

che faria stare i fiumi e gir i monti,

devotamente al Re del mondo chiede

che gli apra omai de la sua grazia i fonti:

giunge le palme, e fiammeggianti in zelo

gli occhi rivolge e le parole al Cielo:

 "Padre e Signor, s’al popol tuo piovesti

già le dolci rugiade entro al deserto,

s’a mortal mano già virtú porgesti

romper le pietre e trar del monte aperto

un vivo fiume, or rinnovella in questi

gli stessi essempi; e s’ineguale è il merto,

adempi di tua grazia i lor difetti,

e giovi lor che tuoi guerrier sian detti."

 Tarde non furon già queste preghiere

che derivàr da giusto umil desio,

ma se ’n volaro al Ciel pronte e leggiere

come pennuti augelli inanzi a Dio.

Le accolse il Padre eterno, ed a le schiere

fedeli sue rivolse il guardo pio;

e di sí gravi lor rischi e fatiche

gli increbbe, e disse con parole amiche:

 "Abbia sin qui sue dure e perigliose

aversità sofferte il campo amato,

e contra lui con armi ed arti ascose

siasi l’inferno e siasi il mondo armato.

Or cominci novello ordin di cose,

e gli si volga prospero e beato.

Piova; e ritorni il suo guerriero invitto,

e venga a gloria sua l’oste d’Egitto."

 Cosí dicendo, il capo mosse; e gli ampi

cieli tremaro e i lumi erranti e i fissi,

e tremò l’aria riverente, e i campi

de l’oceano, e i monti e i ciechi abissi.

Fiammeggiare a sinistra accesi lampi

fur visti, e chiaro tuono insieme udissi.

Accompagnan le genti il lampo e ’l tuono

con allegro di voci ed alto suono.

 Ecco súbite nubi, e non di terra

già per virtú del sole in alto ascese,

ma giú del ciel, che tutte apre e disserra

le porte sue, veloci in giú discese:

ecco notte improvisa il giorno serra

ne l’ombre sue, che d’ogni intorno ha stese.

Segue la pioggia impetuosa, e cresce

il rio cosí che fuor del letto n’esce.

 Come talor ne la stagione estiva,

se dal ciel pioggia desiata scende,

stuol d’anitre loquaci in secca riva

con rauco mormorar lieto l’attende,

e spiega l’ali al freddo umor, né schiva

alcuna di bagnarsi in lui si rende,

e là ’ve in maggior fondo ei si raccoglia,

si tuffa e spegne l’assetata voglia;

 cosí gridando, la cadente piova

che la destra del Ciel pietosa versa,

lieti salutan questi; a ciascun giova

la chioma averne non che il manto aspersa:

chi bee ne’ vetri e chi ne gli elmi a prova,

chi tien la man ne la fresca onda immersa,

chi se ne spruzza il volto e chi le tempie,

chi scaltro a miglior uso i vasi n’empie.

 Né pur l’umana gente or si rallegra

e dei suoi danni a ristorar si viene,

ma la terra, che dianzi afflitta ed egra

di fessure le membra avea ripiene,

la pioggia in sé raccoglie e si rintegra,

e la comparte a le piú interne vene,

e largamente i nutritivi umori

a le piante ministra, a l’erbe, a i fiori;

 ed inferma somiglia a cui vitale

succo le interne parti arse rinfresca,

e disgombrando la cagion del male,

a cui le membra sue fur cibo ed esca,

la rinfranca e ristora e rende quale

fu ne la sua stagion piú verde e fresca;

tal ch’obliando i suoi passati affanni

le ghirlande ripiglia i lieti panni.

 Cessa la pioggia al fine e torna il sole,

ma dolce spiega e temperato il raggio,

pien di maschio valor, sí come sòle

tra ’l fin d’aprile e ’l cominciar di maggio.

Oh fidanza gentil, chi Dio ben cole,

l’aria sgombrar d’ogni mortale oltraggio,

cangiare a le stagioni ordine e stato,

vincer la rabbia de le stelle e ’l fato.

 

 

 

 

5

 

 

 

 

10

 

 

 

 

15

 

 

 

 

20

 

 

 

 

25

 

 

 

 

30

 

 

 

 

35

 

 

 

 

40

 

 

 

 

45

 

 

 

 

50

 

 

 

 

55

 

 

 

 

60

 

 

 

 

65

 

 

 

 

70

 

 

 

 

75

 

 

 

 

80

 

 

 

 

85

 

 

 

 

90

 

 

 

 

95

 

 

 

 

100

 

 

 

 

105

 

 

 

 

110

 

 

 

 

115

 

 

 

 

120

 

 

 

 

125

 

 

 

 

130

 

 

 

 

135

 

 

 

 

140

 

 

 

 

145

 

 

 

 

150

 

 

 

 

155

 

 

 

 

160

 

 

 

 

165

 

 

 

 

170

 

 

 

 

175

 

 

 

 

180

 

 

 

 

185

 

 

 

 

190

 

 

 

 

195

 

 

 

 

200

 

 

 

 

205

 

 

 

 

210

 

 

 

 

215

 

 

 

 

220

 

 

 

 

225

 

 

 

 

230

 

 

 

 

235

 

 

 

 

240

 

 

 

 

245

 

 

 

 

250

 

 

 

 

255

 

 

 

 

260

 

 

 

 

265

 

 

 

 

270

 

 

 

 

275

 

 

 

 

280

 

 

 

 

285

 

 

 

 

290

 

 

 

 

295

 

 

 

 

300

 

 

 

 

305

 

 

 

 

310

 

 

 

 

315

 

 

 

 

320

 

 

 

 

325

 

 

 

 

330

 

 

 

 

335

 

 

 

 

340

 

 

 

 

345

 

 

 

 

350

 

 

 

 

355

 

 

 

 

360

 

 

 

 

365

 

 

 

 

370

 

 

 

 

375

 

 

 

 

380

 

 

 

 

385

 

 

 

 

390

 

 

 

 

395

 

 

 

 

400

 

 

 

 

405

 

 

 

 

410

 

 

 

 

415

 

 

 

 

420

 

 

 

 

425

 

 

 

 

430

 

 

 

 

435

 

 

 

 

440

 

 

 

 

445

 

 

 

 

450

 

 

 

 

455

 

 

 

 

460

 

 

 

 

465

 

 

 

 

470

 

 

 

 

475

 

 

 

 

480

 

 

 

 

485

 

 

 

 

490

 

 

 

 

495

 

 

 

 

500

 

 

 

 

505

 

 

 

 

510

 

 

 

 

515

 

 

 

 

520

 

 

 

 

525

 

 

 

 

530

 

 

 

 

535

 

 

 

 

540

 

 

 

 

545

 

 

 

 

550

 

 

 

 

555

 

 

 

 

560

 

 

 

 

565

 

 

 

 

570

 

 

 

 

575

 

 

 

 

580

 

 

 

 

585

 

 

 

 

590

 

 

 

 

595

 

 

 

 

600

 

 

 

 

605

 

 

 

 

610

 

 

 

 

615

 

 

 

 

620

 

 

 

 

625

 

 

 

 

630

 

 

 

 

635

 

 

 

 

640

 Indice

01 - 02 - 03 - 04 - 05 - 06 - 07 - 08 - 09 - 10

 

11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20

Indice Biblioteca ProgettoTasso Indice Gerusalemme Liberata

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 05 ottobre 2009