Torquato Tasso

La Gerusalemme Liberata

POEMA DEL SIGNOR TORQUATO TASSO

AL SERENISSIMO SIGNORE

IL SIGNOR DONNO ALFONSO II D’ESTE DUCA DI FERRARA

Edizione di riferimento

Torquato Tasso, Gerusalemme Liberata, a cura di Lanfranco Caretti, Collana "I Meridiani", Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1976 - L’edizione riprende quella de "I classici Mondadori (Milano 1957

Le ottave introduttive sono tratte dall’edizione fiorentina del MDCCCXXIV dell’Editore Giuseppe Molini

CANTO UNDICESIMO

Mentre Goffredo sta apprestando le opere per dar l’assalto a Gerusalemme, viene raggiunto da Pietro l’Eremita che lo invita a fare una processione per invocare l’aiuto del Cielo. Il mattino dopo si snoda la processione che si dirige verso il Monte Oliveto con canti e preghiere. Dalle mura i pagani guardano ammirati gli strani riti, ma cominciano a gridare non appena s’attenua la sensazione della novità dello spettacolo; i Cristiani, giunti sul colle, erigono l’altare per la celebrazione della Messa. L’assalto viene fissato per il mattino seguente. All’alba comincia l’attacco, mentre sulle mura di Gerusalemme tutti sono pronti alla difesa, soprattutto nel punto in cui è più facile l’assalto: qui si portano Solimano, Argante e Clorinda. Disposto l’esercito Goffredo dà il segnale della battaglia e per primo Alcasto dà l’assalto alle mura, sulle quali si distinguono Argante e Clorinda che abbatte sette cristiani colle sue frecce. Intanto Goffredo attacca con una torre da un’altra parte, ma viene ferito da una freccia di Clorinda. L’attacco viene respinto, vengono feriti Sigiero, Guelfo, Raimondo ed Eustazio. Si distingue soprattutto Argante che insieme a Solimano attaccano improvvisamente i Cristiani uscendo dalle mura, che con Tancredi si difendono disperatamente. Goffredo, cui Eròtimo cerca di curare la ferita, viene guarito da un angelo e ritorna alla battaglia ferendo Argante. La notte separa i combattenti. L’alta torre, che i cristiani stavano ritraendo indietro dalle mura, cade e perde due ruote. Si mandano i fabbri a raccomodarla.

Argomento

Con puro sacrificio e sacre note,

Il soccorso del Cielo invoca il campo.

Poi dell’alta città le mura scote,

Ch’al suo furore omai non avean scampo;

Quando Clorinda il Capitan percote,

E ’l colpo è a lui d’alta vittoria inciampo.

Ben dall’Angel sanato ei torna in guerra:

Ma già il diurno raggio ito è sotterra.

 

1

 

 

 

 

 

 

 

2

 

 

 

 

 

 

 

3

 

 

 

 

 

 

 

4

 

 

 

 

 

 

 

5

 

 

 

 

 

 

 

6

 

 

 

 

 

 

 

7

 

 

 

 

 

 

 

8

 

 

 

 

 

 

 

9

 

 

 

 

 

 

 

10

 

 

 

 

 

 

 

11

 

 

 

 

 

 

 

12

 

 

 

 

 

 

 

13

 

 

 

 

 

 

 

14

 

 

 

 

 

 

 

15

 

 

 

 

 

 

 

16

 

 

 

 

 

 

 

17

 

 

 

 

 

 

 

18

 

 

 

 

 

 

 

19

 

 

 

 

 

 

 

20

 

 

 

 

 

 

 

21

 

 

 

 

 

 

 

22

 

 

 

 

 

 

 

23

 

 

 

 

 

 

 

24

 

 

 

 

 

 

 

25

 

 

 

 

 

 

 

26

 

 

 

 

 

 

 

27

 

 

 

 

 

 

 

28

 

 

 

 

 

 

 

29

 

 

 

 

 

 

 

30

 

 

 

 

 

 

 

31

 

 

 

 

 

 

 

32

 

 

 

 

 

 

 

33

 

 

 

 

 

 

 

34

 

 

 

 

 

 

 

35

 

 

 

 

 

 

 

36

 

 

 

 

 

 

 

37

 

 

 

 

 

 

 

38

 

 

 

 

 

 

 

39

 

 

 

 

 

 

 

40

 

 

 

 

 

 

 

41

 

 

 

 

 

 

 

42

 

 

 

 

 

 

 

43

 

 

 

 

 

 

 

44

 

 

 

 

 

 

 

45

 

 

 

 

 

 

 

46

 

 

 

 

 

 

 

47

 

 

 

 

 

 

 

48

 

 

 

 

 

 

 

49

 

 

 

 

 

 

 

50

 

 

 

 

 

 

 

51

 

 

 

 

 

 

 

52

 

 

 

 

 

 

 

53

 

 

 

 

 

 

 

54

 

 

 

 

 

 

 

55

 

 

 

 

 

 

 

56

 

 

 

 

 

 

 

57

 

 

 

 

 

 

 

58

 

 

 

 

 

 

 

59

 

 

 

 

 

 

 

60

 

 

 

 

 

 

 

61

 

 

 

 

 

 

 

62

 

 

 

 

 

 

 

63

 

 

 

 

 

 

 

64

 

 

 

 

 

 

 

65

 

 

 

 

 

 

 

66

 

 

 

 

 

 

 

67

 

 

 

 

 

 

 

68

 

 

 

 

 

 

 

69

 

 

 

 

 

 

 

70

 

 

 

 

 

 

 

71

 

 

 

 

 

 

 

72

 

 

 

 

 

 

 

73

 

 

 

 

 

 

 

74

 

 

 

 

 

 

 

75

 

 

 

 

 

 

 

76

 

 

 

 

 

 

 

77

 

 

 

 

 

 

 

78

 

 

 

 

 

 

 

79

 

 

 

 

 

 

 

80

 

 

 

 

 

 

 

81

 

 

 

 

 

 

 

82

 

 

 

 

 

 

 

83

 

 

 

 

 

 

 

84

 

 

 

 

 

 

 

85

 

 

 

 

 

 

 

86

 

 

 

 

 

 

 

 Ma ’l capitan de le cristiane genti,

vòlto avendo a l’assalto ogni pensiero,

giva apprestando i bellici instrumenti

quando a lui venne il solitario Piero;

e trattolo in disparte, in tali accenti

gli parlò venerabile e severo:

"Tu movi, o capitan, l’armi terrene,

ma di là non cominci onde conviene.

 Sia dal Cielo il principio; invoca inanti

ne le preghiere pubbliche e devote

la milizia de gli angioli e de’ santi,

che ne impetri vittoria ella che puote.

Preceda il clero in sacre vesti, e canti

con pietosa armonia supplici note;

e da voi, duci gloriosi e magni,

pietate il vulgo apprenda e n’accompagni."

 Cosí gli parla il rigido romito,

e ’l buon Goffredo il saggio aviso approva:

"Servo" risponde "di Giesú gradito,

il tuo consiglio di seguir mi giova.

Or mentre i duci a venir meco invito,

tu i Pastori de’ popoli ritrova,

Guglielmo ed Ademaro, e vostra sia

la cura de la pompa sacra e pia."

 Nel seguente mattino il vecchio accoglie

co’ duo gran sacerdoti altri minori,

ov’entro al vallo tra sacrate soglie

soleansi celebrar divini onori.

Quivi gli altri vestír candide spoglie,,

vestír dorato ammanto i duo Pastori

che bipartito sovra i bianchi lini

s’affibbia al petto, e incoronaro i crini.

 Va Piero solo inanzi e spiega al vento

il segno riverito in Paradiso,

e segue il coro a passo grave e lento

in duo lunghissimi ordini diviso.

Alternando facean doppio concento

in supplichevol canto e in umil viso,

e chiudendo le schiere ivano a paro

i principi Guglielmo ed Ademaro.

 Venia poscia il Buglion, pur come è l’uso

di capitan senza compagno a lato;

seguiano a coppia i duci, e non confuso

seguiva il campo in lor difesa armato.

Sí procedendo se n’uscia del chiuso

de le trinciere il popolo adunato,

né s’udian trombe o suoni altri feroci

ma di pietate e d’umiltà sol voci.

 Te Genitor, te Figlio eguale al Padre,

e te che d’ambo uniti amando spiri,

e te d’Uomo e di Dio vergine Madre

invocano propizia a i lor desiri;

o Duci, e voi che le fulgenti squadre

del ciel movete in triplicati giri,

o Divo, e te che de la diva fronte

la monda umanità lavasti al fonte,

 chiamano; e te che sei pietra e sostegno

de la magion di Dio fondato e forte,

ove ora il novo successor tuo degno

di grazia e di perdono apre le porte,

e gli altri messi del celeste regno

che divulgàr la vincitrice morte,

e quei che ’l vero a confermar seguiro,

testimoni di sangue e di martiro;

 quegli ancor la cui penna o la favella

insegnata ha del Ciel la via smarrita,

e la cara di Cristo e fida ancella

ch’elesse il ben de la piú nobil vita;

e le vergini chiuse in casta cella

che Dio con alte nozze a sé marita;

e quell’altre magnanime a i tormenti,

sprezzatrici de’ regi e de le genti.

 Cosí cantando, il popolo devoto

con larghi giri si dispiega e stende,

e drizza a l’Oliveto il lento moto,

monte che da l’olive il nome prende,

monte per sacra fama al mondo noto,

ch’oriental contra le mura ascende,

e sol da quelle il parte e ne ’l discosta

la cupa Giosafà ch’in mezzo è posta.

 Colà s’invia l’essercito canoro,

e ne suonan le valli ime e profonde

e gli alti colli e le spelonche loro,

e da ben mille parti Ecco risponde,

e quasi par che boscareccio coro

fra quegli antri si celi e in quelle fronde,

sí chiaramente replicar s’udia

or di Cristo il gran nome, or di Maria,

 D’in su le mura ad ammirar fra tanto

cheti si stanno e attoniti i pagani

que’ tardi avolgimenti e l’umil canto,

e l’insolite pompe e i riti estrani.

Poi che cessò de lo spettacol santo

la novitate, i miseri profani

alzàr le strida; e di bestemmie e d’onte

muggí il torrente e la gran valle e ’l monte.

 Ma da la casta melodia soave

la gente di Giesú però non tace,

né si volge a que’ gridi o cura n’have

piú che di stormo avria d’augei loquace;

né perché strali aventino, ella pave

che giungano a turbar la santa pace

di sí lontano, onde a suo fin ben pote

condur le sacre incominciate note.

 Poscia in cima del colle ornan l’altare

che di gran cena al sacerdote è mensa,

e d’ambo i lati luminosa appare

sublime lampa in lucid’oro accensa.

Quivi altre spoglie, e pur dorate e care,

prende Guglielmo, e pria tacito pensa,

indi con chiaro suon la voce spiega,

se stesso accusa e Dio ringrazia e prega.

 Umili intorno ascoltano i primieri,

le viste i piú lontani almen v’han fisse.

Ma poi che celebrò gli alti misteri

del puro sacrificio: "Itene" ei disse;

e in fronte alzando a i popoli guerrieri

la man sacerdotal, li benedisse.

Allor se ’n ritornàr le squadre pie

per le dianzi da lor calcate vie.

 Giunti nel vallo e l’ordine disciolto,

si rivolge Goffredo a sua magione,

e l’accompagna stuol calcato e folto

insino al limitar del padiglione.

Quivi gli altri accommiata indietro vòlto,

ma ritien seco i duci il pio Buglione,

e li raccoglie a mensa, e vuol ch’a fronte

di Tolosa gli sieda il vecchio conte.

 Poi che de’ cibi il natural amore

fu in lor ripresso e l’importuna sete,

disse a i duci il gran duce: "Al novo albore

tutti a l’assalto voi pronti sarete:

quel fia giorno di guerra e di sudore,

questo sia d’apparecchio e di quiete.

Dunque ciascun vada al riposo, e poi

se medesmo prepari e i guerrier suoi."

 Tolser essi congedo, e manifesto

quinci gli araldi a suon di trombe fèro

ch’essere a l’arme apparecchiato e presto

dée con la nova luce ogni guerriero.

Cosí in parte al ristoro e in parte questo

giorno si diede a l’opre ed al pensiero,

sin che fe’ nova tregua a la fatica

la cheta notte, del riposo amica.

 Ancor dubbia l’aurora ed immaturo

ne l’oriente il parto era del giorno,

né i terreni fendea l’aratro duro,

né fea il pastore a i prati anco ritorno;

stava tra i rami ogni augellin securo,

e in selva non s’udia latrato o corno,

quando a cantar la mattutina tromba

comincia: "A l’arme! A l’arme!" il ciel rimbomba.

 "A l’arme! a l’arme!" subito ripiglia

il grido universal di cento schiere.

Sorge il forte Goffredo e già non piglia

la gran corazza usata o le schiniere;

ne veste un’altra ed un pedon somiglia

in arme speditissime e leggiere;

e indosso avea già l’agevol pondo,

quando gli sovraggiunse il buon Raimondo.

 Questi, veggendo armato in cotal modo

il capitano, il suo pensier comprese:

"Ov’è" gli disse "il grave usbergo e sodo?

ov’è, signor, l’altro ferrato arnese?

perché sei parte inerme? Io già non lodo

che vada con sí debili difese.

Or da tai segni in te ben argomento

che sei di gloria ad umil mèta intento.

 Deh! che ricerchi tu? privata palma

di salitor di mura? Altri le saglia,

ed esponga men degna ed util alma

(rischio debito a lui) ne la battaglia;

tu riprendi, signor, l’usata salma

e di te stesso a nostro pro ti caglia.

L’anima tua, mente del campo e vita,

cautamente per Dio sia custodita."

 Qui tace, ed ei risponde: "Or ti sia noto

che quando in Chiaramonte il grande Urbano

questa spada mi cinse, e me devoto

fe’ cavalier l’onnipotente mano,

tacitamente a Dio promisi in voto

non pur l’opera qui di capitano,

ma d’impiegarvi ancor, quando che fosse,

qual privato guerrier l’arme e le posse.

 Dunque, poscia che fian contra i nemici

tutte le genti mie mosse e disposte,

e ch’a pieno adempito avrò gli uffici

che son dovuti al principe de l’oste,

ben è ragion (né tu, credo, il disdici)

ch’a le mura pugnando anch’io m’accoste,

e la fede promessa al Cielo osservi:

egli mi custodisca e mi conservi."

 Cosí concluse, e i cavalier francesi

seguír l’essempio e i duo minor Buglioni;

gli altri principi ancor men gravi arnesi

parte vestiro e si mostràr pedoni.

Ma i pagani fra tanto erano ascesi

là dove a i sette gelidi Trioni

si volge e piega a l’occidente il muro,

che nel piú facil sito è men securo.

 Però ch’altronde la città non teme

de l’assalto nemico offesa alcuna,

quivi non pur l’empio tiranno insieme

il forte vulgo e gli assoldati aduna,

ma chiama ancora a le fatiche estreme

fanciulli e vecchi l’ultima fortuna;

e van questi portando a i piú gagliardi

calce e zolfo e bitume e sassi e dardi.

 E di macchine e d’arme han pieno inante

tutto quel muro a cui soggiace il piano,

e quinci in forma d’orrido gigante

da la cintola in su sorge il Soldano,

quindi tra’ merli il minaccioso Argante

torreggia, e discoperto è di lontano,

e in su la torre altissima Angolare

sovra tutti Clorinda eccelsa appare.

 A costei la faretra e ’l grave incarco

de l’acute quadrella al tergo pende.

Ella già ne le mani ha preso l’arco,

e già lo stral v’ha su la corda e ’l tende;

e desiosa di ferire, al varco

la bella arciera i suoi nemici attende.

Tal già credean la vergine di Delo

tra l’alte nubi saettar dal cielo.

 Scorre piú sotto il re canuto a piede

da l’una a l’altra porta, e ’n su le mura

ciò che prima ordinò cauto rivede

e i difensor conforta e rassecura;

e qui genti rinforza e là provede

di maggior copia d’arme, e ’l tutto cura.

Ma se ne van l’afflitte madri al tempio

a ripregar nume bugiardo ed empio.

 "Deh! spezza tu del predator francese

l’asta, Signor, con la man giusta e forte;

e lui, che tanto il tuo gran nome offese,

abbatti e spargi sotto l’alte porte."

Cosí dicean, né fur le voci intese

là giú tra ’l pianto de l’eterna morte.

Or mentre la città s’appresta e prega,

le genti e l’arme il pio Buglion dispiega.

 Tragge egli fuor l’essercito pedone

con molta providenza e con bell’arte,

e contra il muro ch’assalir dispone

obliquamente in duo lati il comparte.

Le baliste per dritto in mezzo pone

e gli altri ordigni orribili di Marte,

onde in guisa di fulmini si lancia

vèr le merlate cime or sasso, or lancia.

 E mette in guardia i cavalier de’ fanti

da tergo, e manda intorno i corridori.

il segno poi de la battaglia, e tanti

i sagittari sono e i frombatori

e l’arme da le machine volanti,

che scemano fra i merli i difensori.

Altri v’è morto e ’l loco altri abbandona;

già men folta del muro è la corona.

 La gente franca impetuosa e ratta

allor quanto piú puote affretta i passi;

e parte scudo a scudo insieme adatta,

e di quegli un coperchio al capo fassi,

e parte sotto machine s’appiatta

che fan riparo al grandinar de’ sassi;

ed arrivando al fosso, il cupo e ’l vano

cercano empirne ed adeguarlo al piano.

 Non era il fosso di palustre limo

(ché no ’l consente il loco) o d’acqua molle,

onde l’empieno, ancor che largo ed imo,

le pietre e i fasci e gli arbori e le zolle.

L’audacissimo Alcasto intanto il primo,

scopre la testa ed una scala estolle,

e no ’l ritien dura gragnuola o pioggia

di fervidi bitumi, e su vi poggia.

 Vedeasi in alto il fier elvezio asceso

mezzo l’aereo calle aver fornito,

segno a mille saette, e non offeso

d’alcuna sí che fermi il corso ardito;

quando un sasso ritondo e di gran peso,

veloce come di bombarda uscito,

ne l’elmo il coglie e il risospinge a basso;

e ’l colpo vien dal lanciator circasso.

 Non è mortal, ma grave il colpo e ’l salto

sí ch’ei stordisce, e giace immobil pondo.

Argante allor in suon feroce ed alto:

"Caduto è il primo, or chi verrà secondo?

Ché non uscite a manifesto assalto,

appiattati guerrier, s’io non m’ascondo?

Non gioveranvi le caverne estrane,

ma vi morrete come belve in tane."

 Cosí dice egli, e per suo dir non cessa

la gente occulta, e tra i ripari cavi

e sotto gli alti scudi unita e spessa

le saette sostiene e i pesi gravi;

già gli arieti e la muraglia appressa,

machine grandi e smisurate travi,

c’han testa di monton ferrata e dura:

temon le porte il cozzo, e l’alte mura.

 Gran mole intanto è di là su rivolta

per cento mani al gran bisogno pronte,

che sovra la testugine piú folta

ruina, e par che vi trabocchi un monte;

e de gli scudi l’union disciolta,

piú d’un elmo vi frange e d’una fronte,

e ne riman la terra sparsa e rossa

d’arme, di sangue, di cervella e d’ossa.

 L’assalitore allor sotto al coperto

de le machine sue piú non ripara,

ma da i ciechi perigli al rischio aperto

fuori se n’esce e sua virtú dichiara.

Altri appoggia le scale e va per l’erto,

altri percote i fondamenti a gara.

Ne crolla il muro, e ruinoso i fianchi

già fesso mostra a l’impeto de’ Franchi.

 E ben cadeva a le percosse orrende,

che doppia in lui l’espugnator montone,

ma sin da’ merli il popolo il difende

con usata di guerra arte e ragione,

ch’ovunque la gran trave in lui si stende

cala fasci di lana e li frapone;

prende in sé le percosse e fa piú lente

la materia arrendevole e cedente.

 Mentre con tal valor s’erano strette

l’audaci schiere e la tenzon murale,

curvò Clorinda sette volte, e sette

rallentò l’arco e n’aventò lo strale;

e quante in giú se ne volàr saette,

tante s’insanguinaro il ferro e l’ale,

non di sangue plebeo ma del piú degno,

ché sprezza quell’altera ignobil segno.

 Il primo cavalier ch’ella piagasse

fu l’erede minor del rege inglese.

Da’ suoi ripari a pena il capo ei trasse

che la mortal percossa in lui discese,

e che la destra man non gli trapasse

il guanto de l’acciar nulla contese;

sí che inabile a l’arme ei si ritira

fremendo, e meno di dolor che d’ira.

 Il buon conte d’Ambuosa in ripa al fosso,

e su la scala poi Clotareo il franco:

quegli morí trafitto il petto e ’l dosso,

questi da l’un passato a l’altro fianco.

Sospingeva il monton, quando è percosso

al signor de’ Fiamminghi il braccio manco,

sí che tra via s’allenta, e vuol poi trarne

lo strale, e resta il ferro entro la carne.

 A l’incauto Ademar, ch’era da lunge

la fera pugna a riguardar rivolto,

la fatal canna arriva e in fronte il punge.

Stende ei la destra al loco ove l’ha colto,

quando nova saetta ecco sorgiunge

sovra la mano e la confige al volto;

onde egli cade, e fa del sangue sacro

su l’arme feminili ampio lavacro.

 Ma non lungi da’ merli a Palamede,

mentre ardito disprezza ogni periglio

e su per gli erti gradi indrizza il piede,

cala il settimo ferro al destro ciglio,

e trapassando per la cava sede

e tra i nervi de l’occhio esce vermiglio

diretro per la nuca; egli trabocca

e more a’ piè de l’assalita rocca.

 Tal saetta costei. Goffredo intanto

con novo assalto i difensori opprime.

Avea condotto ad una porta a canto

de le machine sue la piú sublime.

Questa è torre di legno, e s’erge tanto

che può del muro pareggiar le cime;

torre che grave d’uomini ed armata,

mobile è su le rote e vien tirata.

  Viene aventando la volubil mole

lancie e quadrella, e quanto può s’accosta,

e come nave in guerra nave suole,

tenta d’unirsi a la muraglia opposta;

ma chi lei guarda ed impedir ciò vuole,

l’urta la fronte e l’una e l’altra costa,

la respinge con l’aste e le percote

or con le pietre i merli ed or le rote.

 Tanti di qua, tanti di là fur mossi

e sassi e dardi ch’oscuronne il cielo.

S’urtàr due nembi in aria, e là tornossi

talor respinto, onde partiva, il telo.

Come di fronde sono i rami scossi

da la pioggia indurata in freddo gelo

e ne caggiono i pomi anco immaturi,

cosí cadeano i saracin da i muri,

 però che scende in lor piú greve il danno,

che di ferro assai meno eran guerniti.

Parte de’ vivi ancora in fuga vanno,

de la gran mole al fulminar smarriti.

Ma quel che già fu di Nicea tiranno

vi resta, e fa restarvi i pochi arditi;

e ’l fero Argante a contraporsi corre,

presa una trave, a la nemica torre,

 e da sé la respinge e tien lontana

quanto l’abete è lungo e ’l braccio forte.

Vi scende ancor la vergine sovrana,

e de’ perigli altrui si fa consorte.

I Franchi intanto a la pendente lana

le funi recideano e le ritorte

con lunghe falci, onde cadendo a terra

lasciava il muro disarmato in guerra.

 Cosí la torre sovra, e piú di sotto

l’impetuoso il batte aspro ariete,

onde comincia ormai forato e rotto

a discoprir le interne vie secrete.

Essi non lunge il capitan condotto,

al conquassato e tremulo parete,

nel suo scudo maggior tutto rinchiuso

che rade volte ha di portar in uso.

 E quivi cauto rimirando spia,

e scender vede Solimano a basso

e porsi a la difesa ove s’apria

tra le ruine il periglioso passo,

e rimaner della sublime via

Clorinda in guardia e ’l cavalier circasso.

Cosí guardava, e già sentiasi il core

tutto avampar di generoso ardore.

 Onde rivolto dice al buon Sigiero,

che gli portava un altro scudo e l’arco:

"Ora mi porgi, o fedel mio scudiero,

cotesto men gravoso e grande incarco,

ché tenterò di trapassar primiero

su i dirupati sassi il dubbio varco;

e tempo è ben che qualche nobil opra

de la nostra virtute omai si scopra."

 Cosí mutato scudo a pena disse,

quando a lui venne una saetta a volo,

e ne la gamba il colse e la trafisse

nel piú nervoso, ove è piú acuto il duolo.

Che di tua man, Clorinda, il colpo uscisse,

la fama il canta, e tuo l’onor n’è solo;

se questo dí servaggio e morte schiva

la tua gente pagana, a te s’ascriva.

 Ma il fortissimo eroe, quasi non senta

il mortifero duol de la ferita,

dal cominciato corso il piè non lenta,

e monta su i dirupi e gli altri invita.

Pur s’avede egli poi che no ’l sostenta

la gamba, offesa troppo ed impedita,

e ch’inaspra agitando ivi l’ambascia,

onde sforzato alfin l’assalto lascia.

 E chiamando il buon Guelfo a sé con mano,

a lui parlava: "Io me ne vo constretto:

sostien persona tu di capitano

e di mia lontananza empi il diffetto.

Ma picciol’ora io vi starò lontano:

vado e ritorno." E si partia, ciò detto;

ed ascendendo in un leggier cavallo,

giunger non può che non sia visto al vallo.

 Al dipartir del capitan, si parte

e cede il campo la fortuna franca.

Cresce il vigor ne la contraria parte,

sorge la speme e gli animi rinfranca;

e l’ardimento co ’l favor di Marte

ne’ cor fedeli e l’impeto già manca:

già corre lento ogni lor ferro al sangue,

e de le trombe istesse il suono langue.

 E già tra’ merli a comparir non tarda

lo stuol fugace che ’l timor caccionne,

e mirando la vergine gagliarda,

vero amor de la patria arma le donne.

Correr le vedi e collocarsi in guarda

con chiome sparse e con succinte gonne,

e lanciar dardi e non mostrar paura

d’esporre il petto per l’amate mura.

 E quel ch’a i Franchi piú spavento porge,

e ’l toglie a i difensor de la cittade,

è che ’l possente Guelfo (e se n’accorge

questo popol e quel) percosso cade.

Tra mille il trova sua fortuna e scòrge

d’un sasso il corso per lontane strade;

e da sembiante colpo al tempo stesso

colto è Raimondo, onde giú cade anch’esso.

 Ed aspramente allora anco fu punto

ne la proda del fosso Eustazio ardito.

Né in questo a i Franchi fortunoso punto

contra lor da’ nemici è colpo uscito

(che n’uscír molti) onde non sia disgiunto

corpo da l’alma o non sia almen ferito.

E in tal prosperità via piú feroce

divenendo il circasso, alza la voce:

 "Non è questa Antiochia, e non è questa

la notte amica a le cristiane frodi.

Vedete il chiaro sol, la gente desta,

altra forma di guerra ed altri modi.

Dunque favilla in voi nulla piú resta

de l’amor de la preda e de le lodi,

che sí tosto cessate e sète stanche

per breve assalto, o Franchi no, ma Franche?"

 Cosí ragiona, e in guisa tal s’accende

ne le sue furie il cavaliero audace

che quell’ampia città ch’egli difende

non gli par campo del suo ardir capace,

e si lancia a gran salti ove si fende

il muro e la fessura adito face;

ed ingombra l’uscita, e grida intanto

a Soliman che si vedeva a canto:

 "Soliman, ecco il loco ed ecco l’ora

che del nostro valor giudice fia.

Che cessi? o di che temi? or costà fora

cerchi il pregio sovran chi piú ’l desia."

Cosí gli disse, e l’uno e l’altro allora

precipitosamente a prova uscia;

l’un da furor, l’altro da onor rapito

e stimolato dal feroce invito.

 Giunsero inaspettati ed improvisi

sovra i nemici, e in paragon mostràrsi;

e da lor tanti furo uomini uccisi,

e scudi ed elmi dissipati e sparsi,

e scale tronche ed arieti incisi,

che di lor parve quasi un monte farsi,

e mescolati a le ruine alzaro,

in vece del caduto, alto riparo.

 La gente che pur dianzi ardí salire

al pregio eccelso di mural corona,

non ch’or d’entrar ne la cittate aspire,

ma sembra a le difese anco mal buona;

e cede al nuovo assalto, e in preda a l’ire

de’ duo guerrier le machine abbandona,

ch’ad altra guerra ormai saran mal atte

tanto è ’l furor che le percote e batte.

 L’uno e l’altro pagan, come il trasporta

l’impeto suo, già piú e piú trascorre;

già ’l foco chiede a i cittadini, e porta

duo pini fiammeggianti invèr la torre.

Cotali uscir da la tartarea porta

sogliono, e sottosopra il mondo porre,

le ministre di Pluto empie sorelle,

lor ceraste scotendo e lor facelle.

 Ma l’invitto Tancredi, il qual altrove

confortava a l’assalto i suoi latini,

tosto che vide l’incredibil prove,

e la gemina fiamma e i duo gran pini,

tronca in mezzo le voci, e presto move

a frenar il furor de’ saracini;

e tal del suo valor dà segno orrendo

che chi vinse e fugò fugge or perdendo.

 Cosí de la battaglia or qui lo stato

co ’l variar de la fortuna è vòlto,

e in questo mezzo il capitan piagato

ne la gran tenda sua già s’è raccolto

co ’l buon Sigier, con Baldovino a lato,

de i mesti amici in gran concorso e folto;

ei che s’affretta e di tirar s’affanna

de la piaga lo stral, rompe la canna,

 e la via piú vicina e piú spedita

a la cura di lui vuol che si prenda,

scoprasi ogni latebra a la ferita

e largamente si risechi e fenda.

"Rimandatemi in guerra, onde fornita

non sia co ’l dí prima ch’a lei mi renda."

Cosí dice; e premendo il lungo cerro

d’una gran lancia, offre la gamba al ferro.

 E già l’antico Eròtimo, che nacque

in riva al Po, s’adopra in sua salute,

il qual de l’erbe e de le nobil acque

ben conosceva ogni uso, ogni virtute;

caro a le Muse ancor, ma si compiacque

ne la gloria minor de l’arti mute,

sol curò tòrre a morte i corpi frali,

e potea far i nomi anco immortali.

 Stassi appoggiato, e con secura faccia

freme immobile al pianto il capitano.

Quegli in gonna succinto e da le braccia

ripiegato il vestir, leggiero e piano

or con l’erbe potenti in van procaccia

trarne lo strale, or con la dotta mano;

e con la destra il tenta e co ’l tenace

ferro il va riprendendo, e nulla face.

 L’arte sue non seconda ed al disegno

par che per nulla via fortuna arrida;

e nel piagato eroe giunge a tal segno

l’aspro martír che n’è quasi omicida.

Or qui l’angiol custode, al duol indegno

mosso di lui, colse dittamo in Ida:

erba crinita di purpureo fiore

c’have in giovani foglie alto valore.

 E ben mastra natura a le montane

capre n’insegna la virtú celata,

qualor vengon percosse e lor rimane

nel fianco affissa la saetta alata.

Ouesta, benché da parti assai lontane,

in un momento l’angelo ha recata,

e non veduto entro le mediche onde

de gli apprestati bagni il succo infonde,

 e del fonte di Lidia i sacri umori

e l’odorata panacea vi mesce.

Ne sparge il vecchio la ferita, e fuori

volontario per sé lo stral se ’n esce

e si ristagna il sangue; e già i dolori

fuggono da la gamba e ’l vigor cresce.

Grida Eròtimo allor: "L’arte maestra

te non risana o la mortal mia destra,

 maggior virtú ti salva: un angiol, credo,

medico per te fatto, è sceso in terra,

ché di celeste mano i segni vedo:

prendi l’arme; che tardi? e riedi in guerra."

Avido di battaglia il pio Goffredo

già ne l’ostro le gambe avolge e serra,

e l’asta crolla smisurata, e imbraccia

il già deposto scudo e l’elmo allaccia.

 Uscí dal chiuso vallo, e si converse

con mille dietro a la città percossa:

sopra di polve il ciel gli si coperse,

tremò sotto la terra al moto scossa;

e lontano appressar le genti averse

d’alto il miraro, e corse lor per l’ossa

un tremor freddo e strinse il sangue in gelo.

Egli alzò tre fiate il grido al cielo.

 Conosce il popol suo l’altera voce

e ’l grido eccitator de la battaglia,

e riprendendo l’impeto veloce

di novo ancora a la tenzon si scaglia.

Ma già la coppia de i pagan feroce

nel rotto accolta s’è de la muraglia,

difendendo ostinata il varco fesso

dal buon Tancredi e da chi vien con esso.

 Qui disdegnoso giunge e minacciante

chiuso ne l’arme il capitan di Francia,

e ’n su la prima giunta al fero Argante

l’asta ferrata fulminando lancia.

Nessuna mural machina si vante

d’aventar con piú forza alcuna lancia.

Tuona per l’aria la nodosa trave,

v’oppon lo scudo Argante e nulla pave.

 S’apre lo scudo al frassino pungente,

né la dura corazza anco il sostiene,

ché rompe tutte l’arme, e finalmente

il sangue saracino a sugger viene.

Ma si svelle il circasso (e il duol non sente)

da l’arme il ferro affisso e da le vene,

e ’n Goffredo il ritorce: "A te" dicendo

"rimando il tronco, e l’armi tue ti rendo."

 L’asta, ch’offesa or porta ed or vendetta,

per lo noto sentier vola e rivola,

ma già colui non fère ove è diretta,

ch’egli si spiega e ’l capo al colpo invola;

coglie il fedel Sigiero, il qual ricetta

profondamente il ferro entro la gola,

né gli rincresce, del suo caro duce

morendo in vece, abbandonar la luce.

 Quasi in quel punto Soliman percote

con una scelce il cavalier normando;

e questi al colpo si contorce e scote

e cade in giú come paleo rotando.

Or piú Goffredo sostener non pote

l’ira di tante offese, e impugna il brando,

e sovra la confusa alta ruina

ascende, e move omai guerra vicina.

 E ben ei vi facea mirabil cose,

e contrasti seguiano aspri e mortali,

ma fuor uscí la notte e ’l mondo ascose

sotto il caliginoso orror de l’ali;

e l’ombre sue pacifiche interpose

fra tante ire de’ miseri mortali,

sí che cessò Goffredo e fe’ ritorno.

Cotal fine ebbe il sanguinoso giorno.

 Ma pria che ’l pio Buglione il campo ceda,

fa indietro riportar gli egri e i languenti,

e già non lascia a’ suoi nemici in preda

l’avanzo de’ suoi bellici tormenti;

pur salva la gran torre avien che rieda,

primo terror de le nemiche genti,

come che sia da l’orrida tempesta

sdruscita anch’essa in alcun loco e pesta.

 Da’ gran perigli uscita ella se ’n viene

giungendo a loco omai di sicurezza.

Ma qual nave talor ch’a vele piene

corre il mar procelloso e l’onde sprezza,

poscia in vista del porto o su l’arene

o su i fallaci scogli un fianco spezza;

o qual destrier passa le dubbie strade

e presso al dolce albergo incespa e cade;

 tale inciampa la torre, e tal da quella

parte che volse a l’impeto de’ sassi

frange due rote debili, sí ch’ella

ruinosa pendendo arresta i passi.

Ma le suppone appoggi e la puntella

lo stuol che la conduce e seco stassi,

insin che i pronti fabri intorno vanno

saldando in lei d’ogni sua piaga il danno,

 Cosí Goffredo impone, il qual desia

che si racconci inanzi al novo sole,

ed occupando questa e quella via

dispon le guardie intorno a l’alta mole;

ma ’l suon ne la città chiaro s’udia

di fabrili instrumenti e di parole,

e mille si vedean fiaccole accese,

onde seppesi il tutto o si comprese.

 

 

 

 

5

 

 

 

 

10

 

 

 

 

15

 

 

 

 

20

 

 

 

 

25

 

 

 

 

30

 

 

 

 

35

 

 

 

 

40

 

 

 

 

45

 

 

 

 

50

 

 

 

 

55

 

 

 

 

60

 

 

 

 

65

 

 

 

 

70

 

 

 

 

75

 

 

 

 

80

 

 

 

 

85

 

 

 

 

90

 

 

 

 

95

 

 

 

 

100

 

 

 

 

105

 

 

 

 

110

 

 

 

 

115

 

 

 

 

120

 

 

 

 

125

 

 

 

 

130

 

 

 

 

135

 

 

 

 

140

 

 

 

 

145

 

 

 

 

150

 

 

 

 

155

 

 

 

 

160

 

 

 

 

165

 

 

 

 

170

 

 

 

 

175

 

 

 

 

180

 

 

 

 

185

 

 

 

 

190

 

 

 

 

195

 

 

 

 

200

 

 

 

 

205

 

 

 

 

210

 

 

 

 

215

 

 

 

 

220

 

 

 

 

225

 

 

 

 

230

 

 

 

 

235

 

 

 

 

240

 

 

 

 

245

 

 

 

 

250

 

 

 

 

255

 

 

 

 

260

 

 

 

 

265

 

 

 

 

270

 

 

 

 

275

 

 

 

 

280

 

 

 

 

285

 

 

 

 

290

 

 

 

 

295

 

 

 

 

300

 

 

 

 

305

 

 

 

 

310

 

 

 

 

315

 

 

 

 

320

 

 

 

 

325

 

 

 

 

330

 

 

 

 

335

 

 

 

 

340

 

 

 

 

345

 

 

 

 

350

 

 

 

 

355

 

 

 

 

360

 

 

 

 

365

 

 

 

 

370

 

 

 

 

375

 

 

 

 

380

 

 

 

 

385

 

 

 

 

390

 

 

 

 

395

 

 

 

 

400

 

 

 

 

405

 

 

 

 

410

 

 

 

 

415

 

 

 

 

420

 

 

 

 

425

 

 

 

 

430

 

 

 

 

435

 

 

 

 

440

 

 

 

 

445

 

 

 

 

450

 

 

 

 

455

 

 

 

 

460

 

 

 

 

465

 

 

 

 

470

 

 

 

 

475

 

 

 

 

480

 

 

 

 

485

 

 

 

 

490

 

 

 

 

495

 

 

 

 

500

 

 

 

 

505

 

 

 

 

510

 

 

 

 

515

 

 

 

 

520

 

 

 

 

525

 

 

 

 

530

 

 

 

 

535

 

 

 

 

540

 

 

 

 

545

 

 

 

 

550

 

 

 

 

555

 

 

 

 

560

 

 

 

 

565

 

 

 

 

570

 

 

 

 

575

 

 

 

 

580

 

 

 

 

585

 

 

 

 

590

 

 

 

 

595

 

 

 

 

600

 

 

 

 

605

 

 

 

 

610

 

 

 

 

615

 

 

 

 

620

 

 

 

 

625

 

 

 

 

630

 

 

 

 

635

 

 

 

 

640

 

 

 

 

645

 

 

 

 

650

 

 

 

 

655

 

 

 

 

660

 

 

 

 

665

 

 

 

 

670

 

 

 

 

675

 

 

 

 

680

 

 

 

 

685

 

 

 Indice

01 - 02 - 03 - 04 - 05 - 06 - 07 - 08 - 09 - 10

 

11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20

Indice Biblioteca ProgettoTasso Indice Gerusalemme Liberata

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 05 ottobre 2009