Torquato Tasso

La Gerusalemme Liberata

POEMA DEL SIGNOR TORQUATO TASSO

AL SERENISSIMO SIGNORE

IL SIGNOR DONNO ALFONSO II D’ESTE DUCA DI FERRARA

Edizione di riferimento

Torquato Tasso, Gerusalemme Liberata, a cura di Lanfranco Caretti, Collana "I Meridiani", Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1976 - L’edizione riprende quella de "I classici Mondadori (Milano 1957

Le ottave introduttive sono tratte dall’edizione fiorentina del MDCCCXXIV dell’Editore Giuseppe Molini

CANTO DECIMO

Solimano sale in groppa a un cavallo ormai senza cavaliere e anonimo si allontana dalla battaglia, disponendosi infine ad andare nel campo del Re d’Egitto, e quando tutto tace nella notte si addormenta. Gli appare in sogno il mago Ismeno, che gli promette di portarlo tra le mura di Gerusalemme; all’alba salgono su un carro reso invisibile da una nube. Meravigliato Solimano gli chiede chi sia e il mago gli parla brevemente di sé, mentre col carro passano sopra il campo cristiano. Smontano dal carro e si avviano a piedi verso il monte su cui sorge Gerusalemme, ai piedi del quale s’apre una grotta: al centro si trova una porta che nasconde un sotterraneo cammino. Arrivano in una sala dove sono a consiglio i capi arabi e il re Aladino. Solimano ascolta Aladino, Argante e Orcano, che cerca di persuadere Aladino alla prudenza. Dissoltasi la nube, appare allora Solimano, che minaccia Orcano affermando che Francesi e Arabi mai potranno vivere su una stessa terra, ed è accolto con stupore e gioia da Aladino e dagli altri. Intanto Goffredo, completate le esequie dei caduti, chiama alla presenza di pochi intimi e di Pietro l’Eremita i cinquanta cavalieri che avevano salvato le sorti della battaglia e si fa raccontare cos’era successo con Armida; parla Guglielmo, il figlio minore di Goffredo, e racconta come Armida con arti magiche aveva mutato ogni loro pensiero e chiesto che si facessero pagani e combattessero contro i Cristiani, ma tutti si ribellarono; come un giorno vi sia capitato Tancredi, che viene tenuto ancora prigioniero; come furono inviati in catene come dono al re d’Egitto, ma durante il viaggio vennero liberati da Rinaldo. Che Rinaldo sia vivo, viene confermato anche da Pietro l’Eremita che, trasfigurato in volto, predice le grandi future glorie della Casa d’Este, cui Rinaldo appartiene.

Argomento

Al Soldan che dormìa, si mostra Ismeno,

E occultamente entro a Sion l’ha posto.

Quivi il vigor dell’animo, che meno

Nel Re venia, costui rinfranca tosto.

De’ suoi Goffredo ode gli errori appieno;

Ma poi che di Rinaldo ha ognun deposto,

Ch’ei sia morto il timor, fa Piero aperto

De’ nepoti di lui le lodi e ’l merto.

 

1

 

 

 

 

 

 

 

2

 

 

 

 

 

 

 

3

 

 

 

 

 

 

 

4

 

 

 

 

 

 

 

5

 

 

 

 

 

 

 

6

 

 

 

 

 

 

 

7

 

 

 

 

 

 

 

8

 

 

 

 

 

 

 

9

 

 

 

 

 

 

 

10

 

 

 

 

 

 

 

11

 

 

 

 

 

 

 

12

 

 

 

 

 

 

 

13

 

 

 

 

 

 

 

14

 

 

 

 

 

 

 

15

 

 

 

 

 

 

 

16

 

 

 

 

 

 

 

17

 

 

 

 

 

 

 

18

 

 

 

 

 

 

 

19

 

 

 

 

 

 

 

20

 

 

 

 

 

 

 

21

 

 

 

 

 

 

 

22

 

 

 

 

 

 

 

23

 

 

 

 

 

 

 

24

 

 

 

 

 

 

 

25

 

 

 

 

 

 

 

26

 

 

 

 

 

 

 

27

 

 

 

 

 

 

 

28

 

 

 

 

 

 

 

29

 

 

 

 

 

 

 

30

 

 

 

 

 

 

 

31

 

 

 

 

 

 

 

32

 

 

 

 

 

 

 

33

 

 

 

 

 

 

 

34

 

 

 

 

 

 

 

35

 

 

 

 

 

 

 

36

 

 

 

 

 

 

 

37

 

 

 

 

 

 

 

38

 

 

 

 

 

 

 

39

 

 

 

 

 

 

 

40

 

 

 

 

 

 

 

41

 

 

 

 

 

 

 

42

 

 

 

 

 

 

 

43

 

 

 

 

 

 

 

44

 

 

 

 

 

 

 

45

 

 

 

 

 

 

 

46

 

 

 

 

 

 

 

47

 

 

 

 

 

 

 

48

 

 

 

 

 

 

 

49

 

 

 

 

 

 

 

50

 

 

 

 

 

 

 

51

 

 

 

 

 

 

 

52

 

 

 

 

 

 

 

53

 

 

 

 

 

 

 

54

 

 

 

 

 

 

 

55

 

 

 

 

 

 

 

56

 

 

 

 

 

 

 

57

 

 

 

 

 

 

 

58

 

 

 

 

 

 

 

59

 

 

 

 

 

 

 

60

 

 

 

 

 

 

 

61

 

 

 

 

 

 

 

62

 

 

 

 

 

 

 

63

 

 

 

 

 

 

 

64

 

 

 

 

 

 

 

65

 

 

 

 

 

 

 

66

 

 

 

 

 

 

 

67

 

 

 

 

 

 

 

68

 

 

 

 

 

 

 

69

 

 

 

 

 

 

 

70

 

 

 

 

 

 

 

71

 

 

 

 

 

 

 

72

 

 

 

 

 

 

 

73

 

 

 

 

 

 

 

74

 

 

 

 

 

 

 

75

 

 

 

 

 

 

 

76

 

 

 

 

 

 

 

77

 

 

 

 

 

 

 

78

 

 

 

 

 

 

 

 Cosí dicendo ancor vicino scorse

un destrier ch’a lui volse errante il passo;

tosto al libero fren la mano ei porse

e su vi salse, ancorch’afflitto e lasso.

Già caduto è il cimier ch’orribil sorse,

fasciando l’elmo inonorato e basso;

rotta è la sopravesta, e di superba

pompa regal vestigio alcun non serba.

 Come dal chiuso ovil cacciato viene

lupo talor che fugge e si nasconde,

che, se ben del gran ventre omai ripiene

ha l’ingorde voragini profonde,

avido pur di sangue anco fuor tiene

la lingua e ’l sugge da le labra immonde,

tale ei se ’n gía dopo il sanguigno strazio,

de la sua cupa fame anco non sazio.

 E come è sua ventura, a le sonanti

quadrella, ond’a lui intorno un nembo vola,

a tante spade, a tante lancie, a tanti

instrumenti di morte alfin s’invola,

e sconosciuto pur camina inanti

per quella via ch’è piú deserta e sola;

e rivolgendo in sé quel che far deggia,

in gran tempesta di pensieri ondeggia.

 Disponsi alfin di girne ove raguna

oste sí poderosa il re d’Egitto,

e giunger seco l’arme, e la fortuna

ritentar anco di novel conflitto.

Ciò prefisso tra sé, dimora alcuna

non pone in mezzo e prende il camin dritto,

ché sa le vie, né d’uopo ha di chi il guidi

di Gaza antica a gli arenosi lidi.

 Né perché senta inacerbir le doglie

de le sue piaghe, e grave il corpo ed egro,

vien però che si posi e l’arme spoglie,

ma travagliando il dí ne passa integro.

Poi quando l’ombra oscura al mondo toglie

i vari aspetti e i color tinge in negro,

smonta e fascia le piaghe, e come pote

meglio, d’un’alta palma i frutti scote;

 e cibato di lor, su ’l terren nudo

cerca adagiare il travagliato fianco,

e la testa appoggiando al duro scudo

quetar i moti del pensier suo stanco.

Ma d’ora in ora a lui si fa piú crudo

sentire il duol de le ferite, ed anco

roso gli è il petto e lacerato il core

da gli interni avoltoi, sdegno e dolore.

 Alfin, quando già tutto intorno chete

ne la piú alta notte eran le cose,

vinto egli pur da la stanchezza, in Lete

sopí le cure sue gravi e noiose,

e in una breve e languida quiete

l’afllitte membra e gli occhi egri compose;

e mentre ancor dormia, voce severa

gli intonò su l’orecchie in tal maniera:

 "Soliman, Solimano, i tuoi sí lenti

riposi a miglior tempo omai riserva,

ché sotto il giogo di straniere genti

la patria ove regnasti ancor è serva.

In questa terra dormi, e non rammenti

ch’insepolte de’ tuoi l’ossa conserva?

ove sí gran vestigio è del tuo scorno,

tu neghittoso aspetti il novo giorno?"

 Desto il Soldan alza lo sguardo, e vede

uom che d’età gravissima a i sembianti

co ’l ritorto baston del vecchio piede

ferma e dirizza le vestigia erranti.

"E chi sei tu," sdegnoso a lui richiede

"che fantasma importuno a i viandanti

rompi i brevi lor sonni? e che s’aspetta

a te la mia vergngna o la vendetta?"

 "Io mi son un" risponde il vecchio "al quale

in parte è noto il tuo novel disegno,

e sí come uomo a cui di te piú cale

che tu forse non pensi, a te ne vegno;

né il mordace parlare indarno è tale,

perché de la virtú cote è lo sdegno.

Prendi in grado, signor, che ’l mio sermone

al tuo pronto valor sia sferza e sprone.

 Or perché, s’io m’appongo, esser dée vòlto

al gran re de l’Egitto il tuo camino,

che inutilmente aspro viaggio tolto

avrai, s’inanzi segui, io m’indovino;

ché, se ben tu non vai, fia tosto accolto

e tosto mosso il campo saracino,

né loco è là dove s’impieghi e mostri

la tua virtú contra i nemici nostri.

 Ma se ’n duce me prendi, entro quel muro,

che da l’arme latine è intorno astretto,

nel piú chiaro del dí pórti securo,

senza che spada impugni, io ti prometto.

Quivi con l’arme e co’ disagi un duro

contrasto aver ti fia gloria e diletto;

difenderai la terra insin che giugna

l’oste d’Egitto a rinovar la pugna."

 Mentre ei ragiona ancor, gli occhi e la voce

de l’uomo antico il fero turco ammira,

e dal volto e da l’animo feroce

tutto depone omai l’orgoglio e l’ira.

"Padre," risponde "io già pronto e veloce

sono a seguirti: ove tu vuoi mi gira.

A me sempre miglior parrà il consiglio

ove ha piú di fatica e di periglio."

 Loda il vecchio i suoi detti; e perché l’aura

notturna avea le piaghe incrudelite,

un suo licor v’instilla, onde ristaura

le forze e salda il sangue e le ferite.

Quinci veggendo omai ch’Apollo inaura

le rose che l’aurora ha colorite:

"Tempo è" disse "al partir, ché già ne scopre

le strade il sol ch’altrui richiama a l’opre."

 E sovra un carro suo, che non lontano

quinci attendea, co ’l fer niceno ei siede;

le briglie allenta, e con maestra mano

ambo i corsieri alternamente fiede.

Quei vanno sí che ’l polveroso piano

non ritien de la rota orma o del piede;

fumar li vedi ed anelar nel corso,

e tutto biancheggiar di spuma il morso.

 Maraviglie dirò: s’aduna e stringe

l’aer d’intorno in nuvolo raccolto,

sí che ’l gran carro ne ricopre e cinge,

ma non appar la nube o poco o molto,

né sasso, che mural machina spinge,

penetraria per lo suo chiuso e folto;

ben veder ponno i duo dal curvo seno

la nebbia intorno e fuori il ciel sereno.

 Stupido il cavalier le ciglia inarca,

ed increspa la fronte, e mira fiso

la nube e ’l carro ch’ogni intoppo varca

veloce sí che di volar gli è aviso.

L’altro, che di stupor l’anima carca

gli scorge a l’atto de l’immobil viso,

gli rompe quel silenzio e lui rappella,

ond’ei si scote e poi cosí favella:

 "O chiunque tu sia, che fuor d’ogni uso

pieghi natura ad opre altere e strane,

e spiando i secreti, entro al piú chiuso

spazii a tua voglia de le menti umane,

s’arrivi co ’l saper, ch’è d’alto infuso,

a le cose remote anco e lontane,

deh! dimmi qual riposo o qual ruina

ai gran moti de l’Asia il Ciel destina.

 Ma pria dimmi il tuo nome, e con qual arte

far cose tu sí inusitate soglia,

ché se pria lo stupor da me non parte,

com’esser può ch’io gli altri detti accoglia?"

Sorrise il vecchio, e disse: "In una parte

mi sarà leve l’adempir tua voglia.

Son detto Ismeno, e i Siri appellan mago

me che de l’arti incognite son vago.

 Ma ch’io scopra il futuro e ch’io dispieghi

de l’occulto destin gli eterni annali,

troppo è audace desio, troppo alti preghi:

non è tanto concesso a noi mortali.

Ciascun qua giú le forze e ’l senno impieghi

per avanzar fra le sciagure e i mali,

ché sovente adivien che ’l saggio e ’l forte

fabro a se stesso è di beata sorte.

 Tu questa destra invitta, a cui fia poco

scoter le forze del francese impero,

non che munir, non che guardar il loco

che strettamente oppugna il popol fero,

contra l’arme apparecchia e contra ’l foco:

osa, soffri, confida; io bene spero.

Ma pur dirò, perché piacer ti debbia,

ciò che oscuro vegg’io quasi per nebbia.

 Veggio o parmi vedere, anzi che lustri

molti rivolga il gran pianeta eterno,

uom che l’Asia ornerà co’ fatti illustri,

e del fecondo Egitto avrà il governo.

Taccio i pregi de l’ozio e l’arti industri,

mille virtú che non ben tutte io scerno;

basti sol questo a te, che da lui scosse

non pur saranno le cristiane posse,

 ma insin dal fondo suo l’imperio ingiusto

svelto sarà ne l’ultime contese,

e le afflitte reliquie entro uno angusto

giro sospinte e sol dal mar difese.

Questi fia del tuo sangue." E qui il vetusto

mago si tacque, e quegli a dir riprese:

"O lui felice, eletto a tanta lode!"

e parte ne l’invidia e parte gode.

 Soggiunse poi: "Girisi pur Fortuna

o buona o rea, come è là su prescritto,

ché non ha sovra me ragione alcuna

e non mi vedrà mai se non invitto.

Prima dal corso distornar la luna

e le stelle potrà, che dal diritto

torcere un sol mio passo." E in questo dire

sfavillò tutto di focoso ardire.

 Cosí gír ragionando insin che furo

là ’ve presso vedean le tende alzarse.

Che spettacolo fu crudele e duro!

E in quante forme ivi la morte apparse!

Si fe’ ne gli occhi allor torbido e scuro,

e di doglia il Soldano il volto sparse.

Ahi con quanto dispregio ivi le degne

mirò giacer sue già temute insegne!

 E scorrer lieti i Franchi, e i petti e i volti

spesso calcar de’ suoi piú noti amici,

e con fasto superbo a gli insepolti

l’arme spogliare e gli abiti infelici;

molti onorare in lunga pompa accolti

gli amati corpi de gli estremi uffici,

altri suppor le fiamme, e ’l vulgo misto

d’Arabi e Turchi a un foco arder ha visto.

 Sospirò dal profondo, e ’l ferro trasse

e dal carro lanciossi e correr volle,

ma il vecchio incantatore a sé il ritrasse

sgridando, e raffrenò l’impeto folle;

e fatto che di novo ei rimontasse,

drizzò il suo corso al piú sublime colle.

Cosí alquanto n’andaro, insin ch’a tergo

lasciàr de’ Franchi il militare albergo.

 Smontaro allor del carro, e quel repente

sparve; e presono a piedi insieme il calle

ne la solita nube occultamente

discendendo a sinistra in una valle,

sin che giunsero là dove al ponente

l’alto monte Siòn volge le spalle.

Quivi si ferma il mago e poi s’accosta

quasi mirando, a la scoscesa costa.

 Cava grotta s’apria nel duro sasso,

di lunghissimi tempi avanti fatta;

ma disusando, or riturato il passo

era tra i pruni e l’erbe ove s’appiatta.

Sgombra il mago gli intoppi, e curvo e basso

per l’angusto sentiero a gir s’adatta,

e l’una man precede e il varco tenta,

l’altra per guida al principe appresenta.

 Dice allora il Soldan: "Qual via furtiva

è questa tua, dove convien ch’io vada?

Altra forse miglior io me n’apriva,

se ’l concedevi tu, con la mia spada."

"Non sdegnar," gli risponde "anima schiva,

premer co ’l forte piè la buia strada,

ché già solea calcarla il grande Erode,

quel c’ha ne l’arme ancor sí chiara lode.

 Cavò questa spelonca allor che porre

volse freno a i soggetti il re ch’io dico,

e per essa potea da quella torre,

ch’egli Antonia appellò dal chiaro amico,

invisibile a tutti il piè raccòrre

dentro la soglia del gran tempio antico,

e quindi occulto uscir de la cittate

e trarne genti ed introdur celate.

 Ma nota è questa via solinga e bruna

or solo a me de gli uomini viventi.

Per questa andremo al loco ove raguna

i piú saggi a conciglio e i piú potenti

il re ch’al minacciar de la fortuna,

piú forse che non dée, par che paventi.

Ben tu giungi a grand’uopo: ascolta e taci,

poi movi a tempo le parole audaci."

 Cosí gli disse, e ’l cavaliero allotta

co ’l gran corpo ingombrò l’umil caverna,

e per le vie dove mai sempre annotta

seguí colui che ’l suo camin governa.

Chini pria se n’andàr, ma quella grotta

piú si dilata quanto piú s’interna,

sí ch’asceser con agio e tosto furo

a mezzo quasi di quell’antro oscuro.

 Apriva allora un picciol uscio Ismeno,

e se ne gian per disusata scala

a cui luce mal certo e mal sereno

l’aer che giú d’alto spiraglio cala.

In sotterraneo chiostro al fin venieno,

e salian quindi in chiara e nobil sala.

Qui con lo scettro e co ’l diadema in testa

mesto sedeasi il re fra gente mesta.

 Da la concava nube il turco fero

non veduto rimira e spia d’intorno,

e ode il re fra tanto, il qual primiero

incomincia cosí dal seggio adorno:

"Veramente, o miei fidi, al nostro impero

fu il trapassato assai dannoso giorno;

e caduti d’altissima speranza,

sol l’aiuto d’Egitto omai n’avanza.

 Ma ben vedete voi quanto la speme

lontana sia da sí vicin periglio.

Dunque voi tutti ho qui raccolti insieme

perch’ognun porti in mezzo il suo consiglio."

Qui tace, e quasi in bosco aura che freme

suona d’intorno un picciolo bisbiglio.

Ma con la faccia baldanzosa e lieta

sorgendo Argante il mormorare accheta.

 "O magnanimo re," fu la risposta

del cavaliero indomito e feroce

"perché ci tenti? e cosa a nullo ascosta

chiedi, ch’uopo non ha di nostra voce?

Pur dirò: sia la speme in noi sol posta;

e s’egli è ver che nulla a virtú noce,

di questa armiamci, a lei chiediamo aita,

né piú ch’ella si voglia amiam la vita.

 Né parlo io già cosí perch’io dispere

de l’aiuto certissimo d’Egitto,

ché dubitar, se le promesse vere

fian del mio re, non lece e non è dritto;

ma il dico sol perché desio vedere

in alcuni di noi spirto piú invitto,

ch’egualmente apprestato ad ogni sorte

si prometta vittoria e sprezzi morte."

 Tanto sol disse il generoso Argante

quasi uom che parli di non dubbia cosa.

Poi sorse in autorevole sembiante

Orcano, uom d’alta nobiltà famosa,

e già ne l’arme d’alcun pregio inante;

ma or congiunto a giovanetta sposa,

e lieto omai di figli, era invilito

ne gli affetti di padre e di marito.

 Disse questi: "O signor, già non accuso

il fervor di magnifiche parole,

quando nasce d’ardir che star rinchiuso

tra i confini del cor non può né vòle;

però se ’l buon circasso a te per uso

troppo in vero parlar fervido sòle,

ciò si conceda a lui che poi ne l’opre

il medesmo fervor non meno scopre.

 Ma si conviene a te, cui fatto il corso

de le cose e de’ tempi han sí prudente,

impor colà de’ tuoi consigli il morso

dove costui se ne trascorre ardente,

librar la speme del lontan soccorso

co ’l periglio vicino, anzi presente,

e con l’arme e con l’impeto nemico

i tuoi novi ripari e ’l muro antico.

 Noi (se lece a me dir quel ch’io ne sento)

siamo in forte città di sito e d’arte,

ma di machine grande e violento

apparato si fa da l’altra parte.

Quel che sarà, non so; spero e pavento

i giudizi incertissimi di Marte,

e temo che s’a noi piú fia ristretto

l’assedio, al fin di cibo avrem difetto.

 Però che quegli armenti e quelle biade

ch’ieri tu ricettasti entro le mura,

mentre nel campo a insanguinar le spade

s’attendea solo, e fu alta ventura,

picciol esca a gran fame, ampia cittade

nutrir mal ponno se l’assedio dura;

e forza è pur che duri, ancor che vegna

l’oste d’Egitto il dí ch’ella disegna.

 Ma che fia, se piú tarda? Or sú, concedo

che tua speme prevegna e sue promesse;

la vittoria però, però non vedo

liberate, o signor, le mura oppresse.

Combattremo, o buon re, con quel Goffredo

e con que’ duci e con le genti istesse

che tante volte han già rotti e dispersi

gli Arabi, i Turchi, i Soriani e i Persi.

 E quali sian, tu ’l sai, che lor cedesti

sí spesso il campo, o valoroso Argante,

e sí spesso le spalle anco volgesti

fidando assai ne le veloci piante;

e ’l sa Clorinda teco ed io con questi

ch’un piú de l’altro non convien si vante.

Né incolpo alcuno io già, ché vi fu mostro

quanto potea maggiore il valor nostro.

 E dirò pur (benché costui di morte

bieco minacci e ’l vero udir si sdegni):

veggio portar da inevitabil sorte

il nemico fatale a certi segni,

né gente potrà mai, né muro forte

impedirlo cosí ch’al fin non regni;

ciò mi fa dir (sia testimonio il Cielo)

del signor, de la patria, amore e zelo.

 Oh saggio il re di Tripoli, che pace

seppe impetrar da i Franchi e regno insieme!

Ma il Soldano ostinato o morto or giace,

or pur servil catena il piè gli preme,

o ne l’essiglio timido e fugace

si va serbando a le miserie estreme;

e pur, cedendo parte, avria potuto

parte salvar co’ doni e co ’l tributo."

 Cosí diceva, e s’avolgea costui

con giro di parole obliquo e incerto,

ch’a chieder pace, a farsi uom ligio altrui

già non ardia di consigliarlo aperto.

Ma sdegnoso il Soldano i detti sui

non potea omai piú sostener coperto,

quando il mago gli disse: "Or vuoi tu darli

agio, signor, ch’in tal materia parli?"

 "Io per me" gli risponde "or qui mi celo

contra mio grado, e d’ira ardo e di scorno."

Ciò disse a pena, e immantinente il velo

de la nube, che stesa è lor d’intorno,

si fende e purga ne l’aperto cielo,

ed ei riman nel luminoso giorno,

e magnanimamente in fero viso

rifulge in mezzo, e lor parla improviso:

 "Io, di cui si ragiona, or son presente,

non fugace e non timido Soldano,

ed a costui ch’egli è codardo e mente

m’offero di provar con questa mano.

Io che sparsi di sangue ampio torrente,

che montagne di strage alzai su ’l piano,

chiuso nel vallo de’ nemici e privo

al fin d’ogni compagno, io fuggitivo?

 Ma se piú questi o s’altri a lui simíle,

a la sua patria, a la sua fede infido,

motto osa far d’accordo infame e vile,

buon re, sia con tua pace, io qui l’uccido.

Gli agni e i lupi fian giunti in un ovile

e le colombe e i serpi in un sol nido,

prima che mai di non discorde voglia

noi co’ Francesi alcuna terra accoglia."

 Tien su la spada, mentre ei sí favella,

la fera destra in minaccievol atto.

Riman ciascuno a quel parlar, a quella

orribil faccia, muto e stupefatto.

Poscia con vista men turbata e fella

cortesemente inverso il re s’è tratto:

"Spera," gli dice "alto signor, ch’io reco

non poco aiuto: or Solimano è teco."

 Aladin, ch’a lui contra era già sorto,

risponde: "Oh come lieto or qui ti veggio,

diletto amico! Or del mio stuol ch’è morto

non sento il danno; assai temea di peggio.

Tu lo mio stabilire e in tempo corto

puoi ridrizzar il tuo caduto seggio,

se ’l Ciel no ’l vieta." Indi le braccia al collo,

cosí detto, gli stese e circondollo.

 Finita l’accoglienza, il re concede

il suo medesmo soglio al gran niceno.

Egli poscia a sinistra in nobil sede

si pone, ed al suo fianco alluoga Ismeno,

e mentre seco parla ed a lui chiede

di lor venuta, ed ei risponde a pieno,

l’alta donzella ad onorar in pria

vien Solimano; ogn’altro indi seguia.

 Seguí fra gl’altri Ormusse, il qual la schiera

di quegli Arabi suoi a guidar tolse;

e mentre la battaglia ardea piú fera,

per disusate vie cosí s’avolse

ch’aiutando il silenzio e l’aria nera

lei salva al fin nella città raccolse,

e con le biade e con rapiti armenti

aita porse a l’affamate genti.

 Sol con la faccia torva e disdegnosa

tacito si rimase il fer circasso,

a guisa di leon quando si posa,

girando gli occhi e non movendo il passo.

Ma nel Soldan feroce alzar non osa

Orcano il volto, e ’l tien pensoso e basso.

Cosí a conciglio il palestin tiranno

e ’l re de’ Turchi e i cavalier qui stanno.

 Ma il pio Goffredo la vittoria e i vinti

avea seguiti, e libere le vie,

e fatto intanto a i suoi guerrieri estinti

l’ultimo onor di sacre essequie e pie;

ed ora a gli altri impon che siano accinti

a dar l’assalto nel secondo die,

e con maggiore e piú terribil faccia

di guerra i chiusi barbari minaccia.

 E perché conosciuto avea il drapello,

ch’aiutò lui contra la gente infida,

esser de’ suoi piú cari ed esser quello

che già seguí l’insidiosa guida,

e Tancredi con lor, che nel castello

prigion restò de la fallace Armida,

ne la presenza sol de l’Eremita

e d’alcuni piú saggi a sé gli invita;

 e dice lor: "Prego ch’alcun racconti

de’ vostri brevi errori il dubbio corso,

e come poscia vi trovaste pronti

in sí grand’uopo a dar sí gran soccorso."

Vergognando tenean basse le fronti,

ch’era al cor picciol fallo amaro morso.

Al fin del re britanno il chiaro figlio

ruppe il silenzio, e disse alzando il ciglio:

 "Partimmo noi che fuor de l’urna a sorte

tratti non fummo, ognun per sé nascoso,

d’Amor, no ’l nego, le fallaci scorte

seguendo e d’un bel volto insidioso.

Per vie ne trasse disusate e torte

fra noi discordi, e in sé ciascun geloso.

Nutrian gli amori e i nostri sdegni (ah! tardi

troppo il conosco) or parolette, or guardi.

 Al fin giungemmo al loco ove già scese

fiamma dal cielo in dilatate falde,

e di natura vendicò l’offese

sovra le genti in mal oprar sí salde.

Fu già terra feconda, almo paese,

or acque son bituminose e calde

e steril lago; e quanto ei torpe e gira,

compressa è l’aria e grave il puzzo spira.

 Questo è lo stagno in cui nulla di greve

si getta mai che giunga insino al basso,

ma in guisa pur d’abete o d’orno leve

l’uom vi sornuota e ’l duro ferro e ’l sasso.

Siede in esso un castello, e stretto e breve

ponte concede a’ peregrini il passo.

Ivi n’accolse, e non so con qual arte

vaga è là dentro e ride ogni sua parte.

 V’è l’aura molle e ’l ciel sereno e lieti

gli alberi e i prati e pure e dolci l’onde,

ove fra gli amenissimi mirteti

sorge una fonte e un fiumicel diffonde:

piovono in grembo a l ’erbe i sonni queti

con un soave mormorio di fronde,

cantan gli augelli: i marmi io taccio e l’oro

meravigliosi d’arte e di lavoro.

 Apprestar su l’erbetta, ov’è piú densa

l’ombra e vicino al suon de l’acque chiare,

fece di sculti vasi altera mensa

e ricca di vivande elette e care.

Era qui ciò ch’ogni stagion dispensa,

ciò che dona la terra o manda il mare,

ciò che l’arte condisce; e cento belle

servivano al convito accorte ancelle.

 Ella d’un parlar dolce e d’un bel riso

temprava altrui cibo mortale e rio.

Or mentre ancor ciascuno a mensa assiso

beve con lungo incendio un lungo oblio,

sorse e disse: `Or qui riedo.’ E con un viso

ritornò poi non sí tranquillo e pio.

Con una man picciola verga scote,

tien l’altra un libro, e legge in basse note.

 Legge la maga, ed io pensiero e voglia

sento mutar, mutar vita ed albergo.

(Strana virtú) novo pensier m’invoglia:

salto ne l’acqua, e mi vi tuffo e immergo.

Non so come ogni gamba entro s’accoglia,

come l’un braccio e l’altro entri nel tergo,

m’accorcio e stringo, e su la pelle cresce

squamoso il cuoio; e d’uom son fatto un pesce.

 Cosí ciascun de gli altri anco fu vòlto

e guizzò meco in quel vivace argento.

Quale allor mi foss’io, come di stolto

vano e torbido sogno, or me ’n rammento.

Piacquele al fin tornarci il proprio volto;

ma tra la meraviglia e lo spavento

muti eravam, quando turbata in vista

in tal guisa ne parla e ne contrista:

 `Ecco, a voi noto è il mio poter’ ne dice

`e quanto sopra voi l’imperio ho pieno.

Pende dal mio voler ch’altri infelice

perda in prigione eterna il ciel sereno,

altri divenga augello, altri radice

faccia e germogli nel terrestre seno,

o che s’induri in scelce, o in molle fonte

si liquefaccia, o vesta irsuta fronte.

 Ben potete schivar l’aspro mio sdegno,

quando servire al mio piacer v’aggrade:

farvi pagani, e per lo nostro regno

contra l’empio Buglion mover le spade.’

Ricusàr tutti ed aborrír l’indegno

patto; solo a Rambaldo il persuade.

Noi (ché non val difesa) entro una buca

di lacci avolse ove non è che luca.

 Poi nel castello istesso a sorte venne

Tancredi, ed egli ancor fu prigioniero.

Ma poco tempo in carcere ci tenne

la falsa maga; e (s’io n’intesi il vero)

di seco trarne da quell’empia ottenne

del signor di Damasco un messaggiero,

ch’al re d’Egitto in don fra cento armati

ne conduceva inermi e incatenati.

 Cosí ce n’andavamo; e come l’alta

providenza del Cielo ordina e move,

il buon Rinaldo, il qual piú sempre essalta

la gloria sua con opre eccelse e nove,

in noi s’aviene, e i cavalieri assalta

nostri custodi e fa l’usate prove:

gli uccide e vince, e di quell’arme loro

fa noi vestir che nostre in prima foro.

 Io ’l vidi, e ’l vider questi; e da lui porta

ci fu la destra, e fu sua voce udita.

Falso è il romor che qui risuona e porta

sí rea novella, e salva è la sua vita;

ed oggi è il terzo dí che con la scorta

d’un peregrin fece da noi partita

per girne in Antiochia, e pria depose

l’arme che rotte aveva e sanguinose."

 Cosí parlava, e l’Eremita intanto

volgeva al cielo l’una e l’altra luce.

Non un color, non serba un volto: oh quanto

piú sacro e venerabile or riluce!

Pieno di Dio, rapto dal zelo, a canto

a l’angeliche menti ei si conduce;

gli si svela il futuro, e ne l’eterna

serie de gli anni e de l’età s’interna.

 e la bocca sciogliendo in maggior suono

scopre le cose altrui ch’indi verranno.

Tutti conversi a le sembianze, al tuono

de l’insolita voce attenti stanno.

"Vive" dice "Rinaldo, e l’altre sono

arti e bugie di femminile inganno.

Vive, e la vita giovanetta acerba

a piú mature glorie il Ciel riserba.

 Presagi sono e fanciulleschi affanni

questi ond’or l’Asia lui conosce e noma.

Ecco chiaro vegg’io, correndo gli anni,

ch’egli s’oppone a l’empio Augusto e ’l doma

e sotto l’ombra de gli argentei vanni

l’aquila sua copre la Chiesa e Roma,

che de la fèra avrà tolte a gli artigli;

e ben di lui nasceran degni i figli.

 De’ figli i figli, e chi verrà da quelli,

quinci avran chiari e memorandi essempi;

e da’ Cesari ingiusti e da’ rubelli

difenderan le mitre e i sacri tèmpi. Premer gli alteri e sollevar gli imbelli,

difender gli innocenti e punir gli empi,

fian l’arti lor: cosí verrà che vóle

l’aquila estense oltra le vie del sole.

 E dritto è ben che, se ’l ver mira e ’l lume,

ministri a Pietro i folgori mortali.

U’ per Cristo si pugni, ivi le piume

spiegar dée sempre invitte e trionfali,

ché ciò per suo nativo alto costume

dielle il Cielo e per leggi a lei fatali.

Onde piace là su che in questa degna

impresa, onde partí, chiamato vegna."

 Qui dal soggetto vinto il saggio Piero

stupido tace, e ’l cor ne l’alma faccia

troppo gran cose de l’estense altero

valor ragiona, onde tutto altro spiaccia.

Sorge intanto la notte, e ’l velo nero

per l’aria spiega e l’ampia terra abbraccia;

vansene gli altri e dan le membra al sonno,

ma i suoi pensieri in lui dormir non ponno.

 

 

 

 

5

 

 

 

 

10

 

 

 

 

15

 

 

 

 

20

 

 

 

 

25

 

 

 

 

30

 

 

 

 

35

 

 

 

 

40

 

 

 

 

45

 

 

 

 

50

 

 

 

 

55

 

 

 

 

60

 

 

 

 

65

 

 

 

 

70

 

 

 

 

75

 

 

 

 

80

 

 

 

 

85

 

 

 

 

90

 

 

 

 

95

 

 

 

 

100

 

 

 

 

105

 

 

 

 

110

 

 

 

 

115

 

 

 

 

120

 

 

 

 

125

 

 

 

 

130

 

 

 

 

135

 

 

 

 

140

 

 

 

 

145

 

 

 

 

150

 

 

 

 

155

 

 

 

 

160

 

 

 

 

165

 

 

 

 

170

 

 

 

 

175

 

 

 

 

180

 

 

 

 

185

 

 

 

 

190

 

 

 

 

195

 

 

 

 

200

 

 

 

 

205

 

 

 

 

210

 

 

 

 

215

 

 

 

 

220

 

 

 

 

225

 

 

 

 

230

 

 

 

 

235

 

 

 

 

240

 

 

 

 

245

 

 

 

 

250

 

 

 

 

255

 

 

 

 

260

 

 

 

 

265

 

 

 

 

270

 

 

 

 

275

 

 

 

 

280

 

 

 

 

285

 

 

 

 

290

 

 

 

 

295

 

 

 

 

300

 

 

 

 

305

 

 

 

 

310

 

 

 

 

315

 

 

 

 

320

 

 

 

 

325

 

 

 

 

330

 

 

 

 

335

 

 

 

 

340

 

 

 

 

345

 

 

 

 

350

 

 

 

 

355

 

 

 

 

360

 

 

 

 

365

 

 

 

 

370

 

 

 

 

375

 

 

 

 

380

 

 

 

 

385

 

 

 

 

390

 

 

 

 

395

 

 

 

 

400

 

 

 

 

405

 

 

 

 

410

 

 

 

 

415

 

 

 

 

420

 

 

 

 

425

 

 

 

 

430

 

 

 

 

435

 

 

 

 

440

 

 

 

 

445

 

 

 

 

450

 

 

 

 

455

 

 

 

 

460

 

 

 

 

465

 

 

 

 

470

 

 

 

 

475

 

 

 

 

480

 

 

 

 

485

 

 

 

 

490

 

 

 

 

495

 

 

 

 

500

 

 

 

 

505

 

 

 

 

510

 

 

 

 

515

 

 

 

 

520

 

 

 

 

525

 

 

 

 

530

 

 

 

 

535

 

 

 

 

540

 

 

 

 

545

 

 

 

 

550

 

 

 

 

555

 

 

 

 

560

 

 

 

 

565

 

 

 

 

570

 

 

 

 

575

 

 

 

 

580

 

 

 

 

585

 

 

 

 

590

 

 

 

 

595

 

 

 

 

600

 

 

 

 

605

 

 

 

 

610

 

 

 

 

615

 

 

 

 

620

 

 

 

 Indice

01 - 02 - 03 - 04 - 05 - 06 - 07 - 08 - 09 - 10

 

11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20

Indice Biblioteca ProgettoTasso Indice Gerusalemme Liberata

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 05 ottobre 2009