Torquato Tasso

La Gerusalemme Liberata

POEMA DEL SIGNOR TORQUATO TASSO

AL SERENISSIMO SIGNORE

IL SIGNOR DONNO ALFONSO II D’ESTE DUCA DI FERRARA

Edizione di riferimento

Torquato Tasso, Gerusalemme Liberata, a cura di Lanfranco Caretti, Collana "I Meridiani", Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1976 - L’edizione riprende quella de "I classici Mondadori (Milano 1957

Le ottave introduttive sono tratte dall’edizione fiorentina del MDCCCXXIV dell’Editore Giuseppe Molini

CANTO NONO

La Furia Aletto, visto che nulla più avrebbe potuto contro i Cristiani, passa nel campo dei Turchi e cerca Solimano presentandosi a lui sotto le spoglie d’un vecchio e lo incita ad assaltare i Cristiani. Solimano incita i suoi all’attacco e Aletto dà il segnale della battaglia colla sua tromba. Mentre comincia la battaglia, Aletto lascia Solimano ed al tramonto entra in Gerusalemme e sotto le vesti di un messaggero gli annunzia la battaglia incitandolo al combattimento. Si scatena la battaglia: l’esercito di Goffredo viene circondato e il Soldano fa orribile strage. Nella terribile battaglia ci sono atti di grande eroismo, come quello in cui Latino e i suoi cinque figli assalgono Solimano ma restano tutti uccisi . Goffredo si slancia nella battaglia e al suo passare raccoglie i cristiani sbandati; ordina una certa strategia con Guelfo cercando di attaccare il nemico da due lati. Goffredo cerca di rincuorare i Cristiani sbandati, mentre la battaglia si fa più aspra ed equilibrata. Anche Guelfo rincuora i Cristiani, mentre Dio dall’alto dei Cieli guarda la battaglia, chiama l’Arcangelo Michele e lo invia sulla terra per ricacciare i demoni nell’Inferno, mentre sulla terra scintilla l’arcobaleno. Argante e Clorinda combattono strenuamente, come l’eroina cristiana Gildippe; lo stesso Guelfo si slancia contro Clorinda; è ormai l’alba; Argillano si libera dalla sua prigione e si getta nella battaglia, uccide Saladino ed altri, tra cui Ariadino che gli predice morendo una morte ormai vicina; tra i sagittari pagani si trova Lesbino, un giovane paggio del Sultano: contro di lui si scatena Argillano; in aiuto di Lesbino arriva proprio il Sultano, ma troppo tardi: piange sul corpo del paggio dopo aver ucciso lo stesso Argillano. All’improvviso cinquanta cavalieri (erano quelli che avevano seguito Armida) dietro l’insegna della Croce arrivano e mettono scompiglio nelle schiere nemiche, che cominciano a fuggire verso la città. Solimano assiste impotente alla fuga generale delle forze pagane, anch’egli incapace di continuare a combattere, ma il suo spirito si ribella e non cede.

Argomento

Trova la Furia Solimano, e ’l move

A far a’ Franchi aspra notturna guerra.

Il giusto Dio che l’infernali prove

Mira dal Ciel, manda Michele in terra.

Così, poiché il soccorso si rimove

Dell’Inferno ai Pagani, e si disserra

A lor danni il drappel che seguì Armida,

Fugge, e di vincer Soliman diffida.

 

1

 

 

 

 

 

 

 

2

 

 

 

 

 

 

 

3

 

 

 

 

 

 

 

4

 

 

 

 

 

 

 

5

 

 

 

 

 

 

 

6

 

 

 

 

 

 

 

7

 

 

 

 

 

 

 

8

 

 

 

 

 

 

 

9

 

 

 

 

 

 

 

10

 

 

 

 

 

 

 

11

 

 

 

 

 

 

 

12

 

 

 

 

 

 

 

13

 

 

 

 

 

 

 

14

 

 

 

 

 

 

 

15

 

 

 

 

 

 

 

16

 

 

 

 

 

 

 

17

 

 

 

 

 

 

 

18

 

 

 

 

 

 

 

19

 

 

 

 

 

 

 

20

 

 

 

 

 

 

 

21

 

 

 

 

 

 

 

22

 

 

 

 

 

 

 

23

 

 

 

 

 

 

 

24

 

 

 

 

 

 

 

25

 

 

 

 

 

 

 

26

 

 

 

 

 

 

 

27

 

 

 

 

 

 

 

28

 

 

 

 

 

 

 

29

 

 

 

 

 

 

 

30

 

 

 

 

 

 

 

31

 

 

 

 

 

 

 

32

 

 

 

 

 

 

 

33

 

 

 

 

 

 

 

34

 

 

 

 

 

 

 

35

 

 

 

 

 

 

 

36

 

 

 

 

 

 

 

37

 

 

 

 

 

 

 

38

 

 

 

 

 

 

 

39

 

 

 

 

 

 

 

40

 

 

 

 

 

 

 

41

 

 

 

 

 

 

 

42

 

 

 

 

 

 

 

43

 

 

 

 

 

 

 

44

 

 

 

 

 

 

 

45

 

 

 

 

 

 

 

46

 

 

 

 

 

 

 

47

 

 

 

 

 

 

 

48

 

 

 

 

 

 

 

49

 

 

 

 

 

 

 

50

 

 

 

 

 

 

 

51

 

 

 

 

 

 

 

52

 

 

 

 

 

 

 

53

 

 

 

 

 

 

 

54

 

 

 

 

 

 

 

55

 

 

 

 

 

 

 

56

 

 

 

 

 

 

 

57

 

 

 

 

 

 

 

58

 

 

 

 

 

 

 

59

 

 

 

 

 

 

 

60

 

 

 

 

 

 

 

61

 

 

 

 

 

 

 

62

 

 

 

 

 

 

 

63

 

 

 

 

 

 

 

64

 

 

 

 

 

 

 

65

 

 

 

 

 

 

 

66

 

 

 

 

 

 

 

67

 

 

 

 

 

 

 

68

 

 

 

 

 

 

 

69

 

 

 

 

 

 

 

70

 

 

 

 

 

 

 

71

 

 

 

 

 

 

 

72

 

 

 

 

 

 

 

73

 

 

 

 

 

 

 

74

 

 

 

 

 

 

 

75

 

 

 

 

 

 

 

76

 

 

 

 

 

 

 

77

 

 

 

 

 

 

 

78

 

 

 

 

 

 

 

79

 

 

 

 

 

 

 

80

 

 

 

 

 

 

 

81

 

 

 

 

 

 

 

82

 

 

 

 

 

 

 

83

 

 

 

 

 

 

 

84

 

 

 

 

 

 

 

85

 

 

 

 

 

 

 

86

 

 

 

 

 

 

 

87

 

 

 

 

 

 

 

88

 

 

 

 

 

 

 

89

 

 

 

 

 

 

 

90

 

 

 

 

 

 

 

91

 

 

 

 

 

 

 

92

 

 

 

 

 

 

 

93

 

 

 

 

 

 

 

94

 

 

 

 

 

 

 

95

 

 

 

 

 

 

 

96

 

 

 

 

 

 

 

97

 

 

 

 

 

 

 

98

 

 

 

 

 

 

 

99

 

 

 

 

 

 

 

 Ma il gran mostro infernal, che vede queti

que’ già torbidi cori e l’ire spente,

e cozzar contra ’l fato e i gran decreti

svolger non può de l’immutabil Mente,

si parte, e dove passa i campi lieti

secca, e pallido il sol si fa repente;

e d’altre furie ancora e d’altri mali

ministra, a nova impresa affretta l’ali.

 Ella, che dall’essercito cristiano

per industria sapea de’ suoi consorti

il figliuol di Bertoldo esser lontano,

Tancredi e gli altri piú temuti e forti,

disse: "Che piú s’aspetta? or Solimano

inaspettato venga e guerra porti.

Certo (o ch’io spero) alta vittoria avremo

di campo mal concorde e in parte scemo."

 Ciò detto, vola ove fra squadre erranti,

fattosen duce, Soliman dimora,

quel Soliman di cui non fu tra quanti

ha Dio rubelli, uom piú feroce allora

né se per nova ingiuria i suoi giganti

rinovasse la terra, anco vi fòra.

Questi fu re de’ Turchi ed in Nicea

la sede de l’imperio aver solea,

 e distendeva incontra a i greci lidi

dal Sangario al Meandro il suo confine,

ove albergàr già Misi e Frigi e Lidi,

e le genti di Ponto e le bitine;

ma poi che contra i Turchi e gli altri infidi

passàr ne l’Asia l’arme peregrine,

fur sue terre espugnate, ed ei sconfitto

ben fu due fiate in general conflitto.

 Ma riprovata avendo in van la sorte

e spinto a forza dal natio paese,

ricoverò del re d’Egitto in corte,

ch’oste gli fu magnanimo e cortese;

ed ebbe a grado che guerrier sí forte

gli s’offrisse compagno a l’alte imprese,

proposto avendo già vietar l’acquisto

di Palestina a i cavalier di Cristo.

 Ma prima ch’egli apertamente loro

la destinata guerra annunziasse,

volle che Solimano, a cui molto oro

diè per tal uso, gli Arabi assoldasse.

Or mentre ei d’Asia e dal paese moro

l’oste accogliea, Soliman venne e trasse

agevolmente a sé gli Arabi avari,

ladroni in ogni tempo o mercenari.

 Cosí fatto lor duce, or d’ogni intorno

la Giudea scorre, e fa prede e rapine

sí che ’l venire è chiuso e ’l far ritorno

da l’essercito franco a le marine;

e rimembrando ognor l’antico scorno

e de l’imperio suo l’alte ruine,

cose maggior nel petto acceso volve,

ma non ben s’assecura o si risolve.

 A costui viene Aletto, e da lei tolto

è ’l sembiante d’un uom d’antica etade:

vòta di sangue, empie di crespe il volto,

lascia barbuto il labro e ’l mento rade,

dimostra il capo in lunghe tele avolto,

la veste oltra ’l ginocchio al piè gli cade,

la scimitarra al fianco, e ’l tergo carco

de la faretra, e ne le mani ha l’arco.

 "Noi" gli dice ella "or trascorriam le vòte

piaggie e l’arene sterili e deserte,

ove né far rapina omai si pote,

né vittoria acquistar che loda merte.

Goffredo intanto la città percote,

e già le mura ha con le torri aperte;

e già vedrem, s’ancor si tarda un poco,

insin di qua le sue ruine e ’l foco.

 Dunque accesi tuguri e greggie e buoi

gli alti trofei di Soliman saranno?

Cosí racquisti il regno? e cosí i tuoi

oltraggi vendicar ti credi e ’l danno?

Ardisci, ardisci; entro a i ripari suoi

di notte opprimi il barbaro tiranno.

Credi al tuo vecchio Araspe, il cui consiglio

e nel regno provasti e ne l’essiglio.

 Non ci aspetta egli e non ci teme, e sprezza

gli Arabi ignudi in vero e timorosi,

né creder mai potrà che gente avezza

a le prede, a le fughe, or cotanto osi;

ma feri li farà la tua fierezza

contra un campo che giaccia inerme e posi."

Cosí gli disse, e le sue furie ardenti

spirogli al seno, e si mischiò tra’ venti.

 Grida il guerrier, levando al ciel la mano:

"O tu, che furor tanto al cor m’irriti

(ned uom sei già, se ben sembiante umano

mostrasti), ecco io ti seguo ove m’inviti.

Verrò, farò là monti ov’ora è piano,

monti d’uomini estinti e di feriti,

farò fiumi di sangue. Or tu sia meco,

e tratta l’armi mie per l’aer cieco."

 Tace, e senza indugiar le turbe accoglie

e rincora parlando il vile e ’l lento,

e ne l’ardor de le sue stesse voglie

accende il campo a seguitarlo intento.

Dà il segno Aletto de la tromba, e scioglie

di sua man propria il gran vessillo al vento.

Marcia il campo veloce, anzi sí corre

che de la fama il volo anco precorre.

 Va seco Aletto, e poscia il lascia e veste,

d’uom che rechi novelle, abito e viso;

e ne l’ora che par che il mondo reste

fra la notte e fra ’l dí dubbio e diviso,

entra in Gierusalemme, e tra le meste

turbe passando al re dà l’alto aviso

del gran campo che giunge e del disegno,

e del notturno assalto e l’ora e ’l segno.

 Ma già distendon l’ombre orrido velo

che di rossi vapor si sparge e tigne;

la terra in vece del notturno gelo

bagnan rugiade tepide e sanguigne;

s’empie di mostri e di prodigi il cielo,

s’odon fremendo errar larve maligne:

votò Pluton gli abissi, e la sua notte

tutta versò da le tartaree grotte.

 Per sí profondo orror verso le tende

de gli inimici il fer Soldan camina;

ma quando a mezzo dal suo corso ascende

la notte, onde poi rapida dechina,

a men d’un miglio, ove riposo prende

il securo Francese, ei s’avicina.

Qui fe’ cibar le genti, e poscia d’alto

parlando confortolle al crudo assalto:

 "Vedete là di mille furti pieno

un campo piú famoso assai che forte,

che quasi un mar nel suo vorace seno

tutte de l’Asia ha le ricchezze absorte?

Questo ora a voi (né già potria con meno

vostro periglio) espon benigna sorte:

l’arme e i destrier d’ostro guerniti e d’oro

preda fian vostra, e non difesa loro.

 Né questa è già quell’oste onde la persa

gente e la gente di Nicea fu vinta,

perché in guerra sí lunga e sí diversa

rimasa n’è la maggior parte estinta;

e s’anco integra fosse, or tutta immersa

in profonda quiete e d’arme è scinta.

Tosto s’opprime chi di sonno è carco,

ché dal sonno a la morte è un picciol varco.

 Su, su, venite: io primo aprir la strada

vuo’ su i corpi languenti entro a i ripari;

ferir da questa mia ciascuna spada,

e l’arti usar di crudeltate impari.

Oggi fia che di Cristo il regno cada,

oggi libera l’Asia, oggi voi chiari."

Cosí gli infiamma a le vicine prove,

indi tacitamente oltre lor move.

 Ecco tra via le sentinelle ei vede

per l’ombra mista d’una incerta luce,

né ritrovar, come secura fede

avea, pote improviso il saggio duce.

Volgon quelle gridando indietro il piede,

scorto che sí gran turba egli conduce,

sí che la prima guardia è da lor desta,

e com’ può meglio a guerreggiar s’appresta.

 Dan fiato allora a i barbari metalli

gli Arabi, certi omai d’essere sentiti.

Van gridi orrendi al cielo, e de’ cavalli

co ’l suon del calpestio misti i nitriti.

Gli alti monti muggír, muggír le valli,

e risposer gli abissi a i lor muggiti,

e la face inalzò di Flegetonte

Aletto, e ’l segno diede a quei del monte.

 Corre inanzi il Soldano, e giunge a quella

confusa ancora e inordinata guarda

rapido sí che torbida procella

da’ cavernosi monti esce piú tarda.

Fiume ch’arbori insieme e case svella,

folgore che le torri abbatta ed arda,

terremoto che ’l mondo empia d’orrore,

son picciole sembianze al suo furore.

 Non cala il ferro mai ch’a pien non colga,

né coglie a pien che piaga anco non faccia,

né piaga fa che l’alma altrui non tolga;

e piú direi, ma il ver di falso ha faccia.

E par ch’egli o s’infinga o non se ’n dolga

o non senta il ferir de l’altrui braccia,

se ben l’elmo percosso in suon di squilla

rimbomba e orribilmente arde e sfavilla.

 Or quando ei solo ha quasi in fuga vòlto

quel primo stuol de le francesche genti,

giungono in guisa d’un diluvio accolto

di mille rivi gli Arabi correnti.

Fuggono i Franchi allora a freno sciolto,

e misto il vincitor va tra’ fuggenti,

e con lor entra ne’ ripari, e ’l tutto

di ruine e d’orror s’empie e di lutto.

 Porta il Soldan su l’elmo orrido e grande

serpe che si dilunga e il collo snoda,

su le zampe s’inalza e l’ali spande

e piega in arco la forcuta coda.

Par che tre lingue vibri e che fuor mande

livida spuma, e che ’l suo fischio s’oda.

Ed or ch’arde la pugna, anch’ei s’infiamma

nel moto, e fumo versa insieme e fiamma.

 E si mostra in quel lume a i riguardanti

formidabil cosí l’empio Soldano,

come veggion ne l’ombra i naviganti

fra mille lampi il torbido oceano.

Altri danno a la fuga i piè tremanti,

danno altri al ferro intrepida la mano;

e la notte i tumulti ognor piú mesce,

ed occultando i rischi, i rischi accresce.

 Fra color che mostraro il cor piú franco,

Latin, su ’l Tebro nato, allor si mosse,

a cui né le fatiche il corpo stanco,

né gli anni dome aveano ancor le posse.

Cinque suoi figli quasi eguali al fianco

gli erano sempre, ovunque in guerra ei fosse,

d’arme gravando, anzi il tor tempo molto,

le membra ancor crescenti e ’l molle volto.

 Ed eccitati dal paterno essempio

aguzzavano al sangue il ferro e l’ire.

Dice egli loro: "Andianne ove quell’empio

veggiam ne’ fuggitivi insuperbire,

né già ritardi il sanguinoso scempio,

ch’ei fa de gli altri, in voi l’usato ardire,

però che quello, o figli, è vile onore

cui non adorni alcun passato orrore."

 Cosí feroce leonessa i figli,

cui dal collo la coma anco non pende

né con gli anni lor sono i feri artigli

cresciuti e l’arme de la bocca orrende,

mena seco a la preda ed a i perigli,

e con l’essempio a incrudelir gli accende

nel cacciator che le natie lor selve

turba e fuggir fa le men forti belve.

 Segue il buon genitor l’incauto stuolo

de’ cinque, e Solimano assale e cinge;

e in un sol punto un sol consiglio, e un solo

spirito quasi, sei lunghe aste spinge.

Ma troppo audace il suo maggior figliuolo

l’asta abbandona e con quel fer si stringe,

e tenta in van con la pungente spada

che sotto il corridor morto gli cada.

 Ma come a le procelle esposto monte,

che percosso da i flutti al mar sovraste,

sostien fermo in se stesso i tuoni e l’onte

del ciel irato e i venti e l’onde vaste,

cosí il fero Soldan l’audace fronte

tien salda incontra a i ferri e incontra a l’aste,

ed a colui che il suo destrier percote

tra i cigli parte il capo e tra le gote.

 Aramante al fratel che giú ruina

porge pietoso il braccio, e lo sostiene.

Vana e folle pietà! ch’a la ruina

altrui la sua medesma a giunger viene,

ché ’l pagan su quel braccio il ferro inchina

ed atterra con lui chi lui s’attiene.

Caggiono entrambi, e l’un su l’altro langue

mescolando i sospiri ultimi e ’l sangue.

 Quinci egli di Sabin l’asta recisa,

onde il fanciullo di lontan l’infesta,

gli urta il cavallo addosso e ’l coglie in guisa

che giú tremante il batte, indi il calpesta.

Dal giovenetto corpo uscí divisa

con gran contrasto l’alma, e lasciò mesta

l’aure soavi de la vita e i giorni

de la tenera età lieti ed adorni.

 Rimanean vivi ancor Pico e Laurente,

onde arricchí un sol parto il genitore:

similissima coppia e che sovente

esser solea cagion di dolce errore.

Ma se lei fe’ natura indifferente,

differente or la fa l’ostil furore:

dura distinzion ch’a l’un divide

dal busto il collo, a l’altro il petto incide.

 Il padre, ah non piú padre! (ahi fera sorte,

ch’orbo di tanti figli a un punto il face!),

rimira in cinque morti or la sua morte

e de la stirpe sua che tutta giace.

Né so come vecchiezza abbia sí forte

ne l’atroci miserie e sí vivace

che spiri e pugni ancor; ma gli atti e i visi

non mirò forse de’ figliuoli uccisi,

 e di sí acerbo lutto a gli occhi sui

parte l’amiche tenebre celaro.

Con tutto ciò nulla sarebbe a lui,

senza perder se stesso, il vincer caro.

Prodigo del suo sangue, e de l’altrui

avidissimamente è fatto avaro;

né si conosce ben qual suo desire

paia maggior, l’uccidere o ’l morire.

 Ma grida al suo nemico: "È dunque frale

sí questa mano, e in guisa ella si sprezza,

che con ogni suo sforzo ancor non vale

a provocar in me la tua fierezza?"

Tace, e percossa tira aspra e mortale

che le piastre e le maglie insieme spezza,

e su ’l fianco gli cala e vi fa grande

piaga onde il sangue tepido si spande.

 A quel grido, a quel colpo, in lui converse

il barbaro crudel la spada e l’ira.

Gli aprí l’usbergo, e pria lo scudo aperse

cui sette volte un duro cuoio aggira,

e ’l ferro ne le viscere gli immerse.

Il misero Latin singhiozza e spira,

e con vomito alterno or gli trabocca

il sangue per la piaga, or per la bocca.

 Come ne l’Appennin robusta pianta

che sprezzò d’Euro e d’Aquilon la guerra,

se turbo inusitato al fin la schianta,

gli alberi intorno ruinando atterra,

cosí cade egli, e la sua furia è tanta

che piú d’un seco tragge a cui s’afferra;

e ben d’uom sí feroce è degno fine

che faccia ancor morendo alte ruine.

 Mentre il Soldan sfogando l’odio interno

pasce un lungo digiun ne’ corpi umani,

gli Arabi inanimiti aspro governo

anch’essi fanno de’ guerrier cristiani:

l’inglese Enrico e ’l bavaro Oliferno

moiono, o fer Dragutte, a le tue mani;

a Gilberto, a Filippo, Ariadeno

toglie la vita, i quai nacquer su ’l Reno;

 Albazàr con la mazza abbatte Ernesto,

cade sotto Algazelle Otton di spada.

Ma chi narrar potria quel modo o questo

di morte, e quanta plebe ignobil cada?

Sin da quei primi gridi erasi desto

Goffredo, e non istava intanto a bada;

già tutto è armato, e già raccolto un grosso

drapello ha seco, e già con lor s’è mosso.

 Egli, che dopo il grido udí il tumulto

che par che sempre piú terribil suoni,

avisò ben che repentino insulto

esser dovea de gli Arabi ladroni;

ché già non era al capitano occulto

ch’essi intorno scorrean le regioni,

benché non istimò che sí fugace

vulgo mai fosse d’assalirlo audace.

 Or mentre egli ne viene, ode repente

"Arme! arme!" replicar da l’altro lato,

ed in un tempo il cielo orribilmente

intonar di barbarico ululato.

Questa è Clorinda che del re la gente

guida l’assalto, ed have Argante a lato.

Al nobil Guelfo, che sostien sua vice,

allor si volge il capitano e dice:

 "Odi qual novo strepito di Marte

di verso il colle e la città ne viene;

d’uopo là fia che ’l tuo valore e l’arte

i primi assalti de’ nemici affrene.

Vanne tu dunque e là provedi, e parte

vuo’ che di questi miei teco ne mene;

con gli altri io me n’andrò da l’altro canto

a sostener l’impeto ostile intanto."

 Cosí fra lor concluso, ambo gli move

per diverso sentiero egual fortuna.

Al colle Guelfo, e ’l capitan va dove

gli Arabi omai non han contesa alcuna.

Ma questi andando acquista forza, e nove

genti di passo in passo ognor raguna,

tal che già fatto poderoso e grande

giunge ove il fero turco il sangue spande.

 Cosí scendendo dal natio suo monte

non empie umile il Po l’angusta sponda,

ma sempre piú, quanto è piú lunge al fonte,

di nove forze insuperbito abonda;

sovra i rotti confini alza la fronte

di tauro, e vincitor d’intorno inonda,

e con piú corna Adria respinge e pare

che guerra porti e non tributo al mare.

 Goffredo, ove fuggir l’impaurite

sue genti vede, accorre e le minaccia:

"Qual timor" grida "è questo? ove fuggite?

Guardate almen chi sia quel che vi caccia.

Vi caccia un vile stuol, che le ferite

né ricever né dar sa ne la faccia;

e se ’l vedranno incontra sé rivolto,

temeran l’arme lor del vostro volto."

 Punge il destrier, ciò detto, e là si volve

ove di Soliman gli incendi ha scorti.

Va per mezzo del sangue e de la polve

e de’ ferri e de’ rischi e de le morti;

con la spada e con gli urti apre e dissolve

le vie piú chiuse e gli ordini piú forti,

e sossopra cader fa d’ambo i lati

cavalieri e cavalli, arme ed armati.

 Sovra i confusi monti a salto a salto

de la profonda strage oltre camina.

L’intrepido Soldan che ’l fero assalto

sente venir, no ’l fugge e no ’l declina;

ma se gli spinge incontra, e ’l ferro in alto

levando per ferir gli s’avicina.

Oh quai duo cavalier or la fortuna

da gli estremi del mondo in prova aduna!

 Furor contra virtute or qui combatte

d’Asia in un picciol cerchio il grande impero.

Chi può dir come gravi e come ratte

le spade son? quanto il duello è fero?

Passo qui cose orribili che fatte

furon, ma le coprí quell’aer nero,

d’un chiarissimo sol degne e che tutti

siano i mortali a riguardar ridutti.

 Il popol di Giesú, dietro a tal guida

audace or divenuto, oltre si spinge,

e de’ suoi meglio armati a l’omicida

Soldano intorno un denso stuol si stringe.

Né la gente fedel piú che l’infida,

né piú questa che quella il campo tinge,

ma gli uni e gli altri, e vincitori e vinti,

egualmente dan morte e sono estinti.

 Come pari d’ardir, con forza pare

quinci Austro in guerra vien, quindi Aquilone,

non ei fra lor, non cede il cielo o ’l mare,

ma nube a nube e flutto a flutto oppone;

cosí né ceder qua, né là piegare

si vede l’ostinata aspra tenzone:

s’affronta insieme orribilmente urtando

scudo a scudo, elmo a elmo e brando a brando.

 Non meno intanto son feri i litigi

da l’altra parte, e i guerrier folti e densi.

Mille nuvole e piú d’angeli stigi

tutti han pieni de l’aria i campi immensi,

e dan forza a i pagani, onde i vestigi

non è chi indietro di rivolger pensi;

e la face d’inferno Argante infiamma,

acceso ancor de la sua propria fiamma.

 Egli ancor dal suo lato in fuga mosse

le guardie, e ne’ ripari entrò d’un salto;

di lacerate membra empié le fosse,

appianò il calle, agevolò l’assalto,

sí che gli altri il seguiro e fèr poi rosse

le prime tende di sanguigno smalto.

E seco a par Clorinda o dietro poco

se ’n gio, sdegnosa del secondo loco.

 E già fuggiano i Franchi allor che quivi

giunse Guelfo opportuno e ’l suo drapello,

e volger fe’ la fronte a i fuggitivi

e sostenne il furor del popol fello.

Cosí si combatteva, e ’l sangue in rivi

correa egualmente in questo lato e in quello.

Gli occhi fra tanto a la battaglia rea

dal suo gran seggio il Re del Ciel volgea.

 Sedea colà dond’Egli e buono e giusto

dà legge al tutto e ’l tutto orna e produce

sovra i bassi confin del mondo angusto,

ove senso o ragion non si conduce;

e de l’Eternità nel trono augusto

risplendea con tre lumi in una luce.

Ha sotto i piedi il Fato e la Natura,

ministri umili, e ’l Moto e Chi ’l misura,

 e ’l Loco e Quella che, qual fumo o polve,

la gloria di qua giuso e l’oro e i regni,

come piace là su, disperde e volve,

né, diva, cura i nostri umani sdegni.

Quivi ei cosí nel suo splendor s’involve,

che v’abbaglian la vista anco i piú degni:

d’intorno ha innumerabili immortali,

disegualmente in lor letizia eguali.

 Al gran concento de’ beati carmi

lieta risuona la celeste reggia.

Chiama Egli a sé Michele, il qual ne l’armi

di lucido adamante arde e lampeggia,

e dice lui: "Non vedi or come s’armi

contra la mia fedel diletta greggia

l’empia schiera d’Averno, e insin dal fondo

de le sue morti a turbar sorga il mondo?

 Va’, dille tu che lasci omai le cure

de la guerra a i guerrier, cui ciò conviene,

né il regno de’ viventi, né le pure

piaggie del ciel conturbi ed avenene.

Torni a le notti d’Acheronte oscure,

suo degno albergo, a le sue giuste pene;

quivi se stessa e l’anime d’abisso

crucii. Cosí commando e cosí ho fisso."

 Qui tacque, e ’l duce de’ guerrieri alati

s’inchinò riverente al divin piede;

indi spiega al gran volo i vanni aurati,

rapido sí ch’anco il pensiero eccede.

Passa il foco e la luce, ove i beati

hanno lor gloriosa immobil sede,

poscia il puro cristallo e ’l cerchio mira

che di stelle gemmato incontra gira;

 quinci, d’opre diversi e di sembianti,

da sinistra rotar Saturno e Giove

e gli altri, i quali esser non ponno erranti

s’angelica virtú gli informa e move;

vien poi da’ campi lieti e fiammeggianti

d’eterno dí là donde tuona e piove,

ove se stesso il mondo strugge e pasce,

e ne le guerre sue more e rinasce.

 Venia scotendo con l’eterne piume

la caligine densa e i cupi orrori;

s’indorava la notte al divin lume

che spargea scintillando il volto fuori.

Tale il sol ne le nubi ha per costume

spiegar dopo la pioggia i bei colori;

tal suol, fendendo il liquido sereno,

stella cader de la gran madre in seno.

 Ma giunto ove la schiera empia infernale

il furor de’ pagani accende e sprona,

si ferma in aria in su ’l vigor de l’ale,

e vibra l’asta, e lor cosí ragiona:

"Pur voi dovreste omai saper con quale

folgore orrendo il Re del mondo tuona,

o nel disprezzo e ne’ tormenti acerbi

de l’estrema miseria anco superbi.

 Fisso è nel Ciel ch’al venerabil segno

chini le mura, apra Sion le porte.

A che pugnar co ’l fato? a che lo sdegno

dunque irritar de la celeste corte?

Itene, maledetti, al vostro regno,

regno di pene e di perpetua morte;

e siano in quegli a voi dovuti chiostri

le vostre guerre ed i trionfi vostri.

 Là incrudelite, là sovra i nocenti

tutte adoprate pur le vostre posse

fra i gridi eterni e lo stridor de’ denti,

e ’l suon del ferro e le catene scosse."

Disse, e quei ch’egli vide al partir lenti

con la lancia fatal pinse e percosse;

essi gemendo abbandonàr le belle

region de la luce e l’auree stelle,

 e dispiegàr verso gli abissi il volo

ad inasprir ne’ rei l’usate doglie.

Non passa il mar d’augei sí grande stuolo

quando a i soli piú tepidi s’accoglie,

né tante vede mai l’autunno al suolo

cader co’ primi freddi aride foglie.

Liberato da lor, quella sí negra

faccia depone il mondo e si rallegra.

 Ma non perciò nel disdegnoso petto

d’Argante vien l’ardire o ’l furor manco,

benché suo foco in lui non spiri Aletto,

né flagello infernal gli sferzi il fianco.

Rota il ferro crudel ove è piú stretto

e piú calcato insieme il popol franco;

miete i vili e i potenti, e i piú sublimi

e piú superbi capi adegua a gli imi.

 Non lontana è Clorinda, e già non meno

par che di tronche membra il campo asperga.

Caccia la spada a Berlinghier nel seno

per mezzo il cor, dove la vita alberga,

e quel colpo a trovarlo andò sí pieno

che sanguinosa uscí fuor de le terga;

poi fère Albin là ’ve primier s’apprende

nostro alimento, e ’l viso a Gallo fende.

 La destra di Gerniero, onde ferita

ella fu già, manda recisa al piano:

tratta anco il ferro, e con tremanti dita

semiviva nel suol guizza la mano.

Coda di serpe è tal, ch’indi partita

cerca d’unirsi al suo principio invano.

Cosí mal concio la guerriera il lassa,

poi si volge ad Achille e ’l ferro abbassa,

 e tra ’l collo e la nuca il colpo assesta;

e tronchi i nervi e ’l gorgozzuol reciso,

gío rotando a cader prima la testa,

prima bruttò di polve immonda il viso,

che giú cadesse il tronco; il tronco resta

(miserabile mostro) in sella assiso,

ma libero del fren con mille rote

calcitrando il destrier da sé lo scote.

 Mentre cosí l’indomita guerriera

le squadre d’Occidente apre e flagella,

non fa d’incontra a lei Gildippe altera

de’ saracini suoi strage men fella.

Era il sesso il medesmo, e simil era

l’ardimento e ’l valore in questa e in quella.

Ma far prova di lor non è lor dato,

ch’a nemico maggior le serba il fato.

 Quinci una e quindi l’altra urta e sospinge,

né può la turba aprir calcata e spessa;

ma ’l generoso Guelfo allora stringe

contra Clorinda il ferro e le s’appressa,

e calando un fendente alquanto tinge

la fera spada nel bel fianco, ed essa

fa d’una punta a lui cruda risposta

ch’a ferirlo ne va tra costa e costa.

 Doppia allor Guelfo il colpo e lei non coglie,

ch’a caso passa il palestino Osmida

e la piaga non sua sopra sé toglie,

la qual vien che la fronte a lui recida.

Ma intorno a Guelfo omai molta s’accoglie

di quella gente ch’ei conduce e guida;

e d’altra parte ancor la turba cresce,

sí che la pugna si confonde e mesce.

 L’aurora intanto il bel purpureo volto

già dimostrava dal sovran balcone,

e in quei tumulti già s’era disciolto

il feroce Argillan di sua prigione;

e d’arme incerte il frettoloso avolto,

quali il caso gli offerse o triste o buone,

già se ’n venia per emendar gli errori

novi con novi merti e novi onori.

 Come destrier che da le regie stalle,

ove a l’uso de l’arme si riserba,

fugge, e libero al fin per largo calle

va tra gli armenti o al fiume usato o a l’erba:

scherzan su ’l collo i crini, e su le spalle

si scote la cervice alta e superba,

suonano i pié nel corso e par ch’avampi,

di sonori nitriti empiendo i campi;

 tal ne viene Argillano: arde il feroce

sguardo, ha la fronte intrepida e sublime;

leve è ne’ salti e sovra i pié veloce,

sí che d’orme la polve a pena imprime,

e giunto fra nemici alza la voce

pur com’uom che tutto osi e nulla stime:

"O vil feccia del mondo, Arabi inetti,

ond’è ch’or tanto ardire in voi s’alletti?

 Non regger voi de gli elmi e de gli scudi

sète atti il peso, o ’l petto armarvi e il dorso,

ma commettete paventosi e nudi

i colpi al vento e la salute al corso.

L’opere vostre e i vostri egregi studi

notturni son; dà l’ombra a voi soccorso.

Or ch’ella fugge, chi fia vostro schermo?

D’arme è ben d’uopo e di valor piú fermo."  

 Cosí parlando ancor diè per la gola

ad Algazèl di sí crudel percossa

che gli secò le fauci, e la parola

troncò ch’a la risposta era già mossa.

A quel meschin súbito orror invola

il lume, e scorre un duro gel per l’ossa:

cade, e co’ denti l’odiosa terra

pieno di rabbia in su ’l morire afferra.

 Quinci per vari casi e Saladino

ed Agricalte e Muleasse uccide,

e da l’un fianco a l’altro a lor vicino

con esso un colpo Aldiazíl divide;

trafitto a sommo il petto Ariadino

atterra, e con parole aspre il deride.

Ei, gli occhi gravi alzando a l’orgogliose

parole, in su ’l morir cosí rispose:

 "Non tu, chiunque sia, di questa morte

vincitor lieto avrai gran tempo il vanto;

pari destin t’aspetta, e da piú forte

destra a giacer mi sarai steso a canto."

Rise egli amaramente e: "Di mia sorte

curi il Ciel," disse "or tu qui mori intanto

d’augei pasto e di cani"; indi lui preme

co ’l piede, e ne trae l’alma e ’l ferro insieme.  

 Un paggio del Soldan misto era in quella

turba di sagittari e lanciatori,

a cui non anco la stagion novella

il bel mento spargea de’ primi fiori.

Paion perle e rugiade in su la bella

guancia irrigando i tepidi sudori,

giunge grazia la polve al crine incolto

e sdegnoso rigor dolce è in quel volto.

 Sotto ha un destrier che di candore agguaglia

pur or ne l’Apennin caduta neve;

turbo o fiamma non è che roti o saglia

rapido sí come è quel pronto e leve.

Vibra ei, presa nel mezzo, una zagaglia,

la spada al fianco tien ritorta e breve,

e con barbara pompa in un lavoro

di porpora risplende intesta e d’oro.

 Mentre il fanciullo, a cui novel piacere

di gloria il petto giovenil lusinga,

di qua turba e di là tutte le schiere,

e lui non è chi tanto o quanto stringa,

cauto osserva Argillan tra le leggiere

sue rote il tempo in che l’asta sospinga;

e, colto il punto, il suo destrier di furto

gli uccide e sovra gli è, ch’a pena è surto,

 ed al supplice volto, il qual in vano

con l’arme di pietà fea sue difese,

drizzò, crudel!, l’inessorabil mano,

e di natura il piú bel pregio offese.

Senso aver parve e fu de l’uom piú umano

il ferro, che si volse e piatto scese.

Ma che pro, se doppiando il colpo fero

di punta colse ove egli errò primiero?

 Soliman, che di là non molto lunge

da Goffredo in battaglia è trattenuto,

lascia la zuffa, e ’l destrier volve e punge

tosto che ’l rischio ha del garzon veduto;

e i chiusi passi apre co ’l ferro, e giunge

a la vendetta sí, non a l’aiuto,

perché vede, ahi dolor!, giacerne ucciso

il suo Lesbin, quasi bel fior succiso.

 E in atto sí gentil languir tremanti

gli occhi e cader su ’l tergo il collo mira;

cosí vago è il pallore, e da’ sembianti

di morte una pietà sí dolce spira,

ch’ammollí il cor che fu dur marmo inanti,

e il pianto scaturí di mezzo a l’ira.

Tu piangi, Soliman? tu, che destrutto

mirasti il regno tuo co ’l ciglio asciutto?

 Ma come vede il ferro ostil che molle

fuma del sangue ancor del giovenetto,

la pietà cede, e l’ira avampa e bolle,

e le lagrime sue stagna nel petto.

Corre sovra Argillano e ’l ferro estolle,

parte lo scudo opposto, indi l’elmetto,

indi il capo e la gola; e de lo sdegno

di Soliman ben quel gran colpo è degno.

 Né di ciò ben contento, al corpo morto

smontato del destriero anco fa guerra,

quasi mastin che ’l sasso, ond’a lui porto

fu duro colpo, infellonito afferra.

Oh d’immenso dolor vano conforto

incrudelir ne l’insensibil terra!

Ma fra tanto de’ Franchi il capitano

non spendea l’ire e le percosse invano.

 Mille Turchi avea qui che di loriche

e d’elmetti e di scudi eran coperti,

indomiti di corpo a le fatiche,

di spirto audaci e in tutti i casi esperti;

e furon già de le milizie antiche

di Solimano, e seco ne’ deserti

seguír d’Arabia i suoi errori infelici,

ne le fortune averse ancora amici.

 Questi ristretti insieme in ordin folto

poco cedeano o nulla al valor franco.

In questi urtò Goffredo, e ferí il volto

al fier Corcutte ed a Rosteno il fianco,

a Selin da le spalle il capo ha sciolto,

troncò a Rossano il destro braccio e ’l manco;

né già soli costor, ma in altre guise

molti piagò di loro e molti uccise.

 Mentre ei cosí la gente saracina

percote, e lor percosse anco sostiene,

e in nulla parte al precipizio inchina

la fortuna de’ barbari e la spene,

nova nube di polve ecco vicina

che folgori di guerra in grembo tiene,

ecco d’arme improvise uscirne un lampo

che sbigottí de gli infedeli il campo.

 Son cinquanta guerrier che ’n puro argento

spiegan la trionfal purpurea Croce.

Non io, se cento bocche e lingue cento

avessi, e ferrea lena e ferrea voce,

narrar potrei quel numero che spento

ne’ primi assalti ha quel drapel feroce.

Cade l’Arabo imbelle, e ’l Turco invitto

resistendo e pugnando anco è trafitto.

 L’orror, la crudeltà, la tema, il lutto,

van d’intorno scorrendo, e in varia imago

vincitrice la Morte errar per tutto

vedresti ed ondeggiar di sangue un lago.

Già con parte de’ suoi s’era condutto

fuor d’una porta il re, quasi presago

di fortunoso evento; e quindi d’alto

mirava il pian soggetto e ’l dubbio assalto.

 Ma come prima egli ha veduto in piega

l’essercito maggior, suona a raccolta,

e con messi iterati instando prega

ed Argante e Clorinda a dar di volta.

La fera coppia d’esseguir ciò nega,

ebra di sangue e cieca d’ira e stolta;

pur cede al fine, e unite almen raccòrre

tenta le turbe e freno a i passi imporre.

 Ma chi dà legge al vulgo ed ammaestra

la viltade e ’l timor? La fuga è presa.

Altri gitta lo scudo, altri la destra

disarma; impaccio è il ferro, e non difesa.

Valle è tra il piano e la città, ch’alpestra

da l’occidente al mezzogiorno è stesa;

qui fuggon essi, e si rivolge oscura

caligine di polve invèr le mura.

 Mentre ne van precipitosi al chino,

strage d’essi i cristiani orribil fanno;

ma poscia che salendo omai vicino

l’aiuto avean del barbaro tiranno,

non vuol Guelfo d’alpestro erto camino

con tanto suo svantaggio esporsi al danno.

Ferma le genti; e ’l re le sue riserra,

non poco avanzo d’infelice guerra.

 Fatto intanto ha il Soldan ciò che è concesso

fare a terrena forza, or piú non pote;

tutto è sangue e sudore, e un grave e spesso

anelar gli ange il petto e i fianchi scote.

Langue sotto lo scudo il braccio oppresso,

gira la destra il ferro in pigre rote:

spezza, e non taglia; e divenendo ottuso

perduto il brando omai di brando ha l’uso.

 Come sentissi tal, ristette in atto

d’uom che fra due sia dubbio, e in sé discorre

se morir debba, e di sí illustre fatto

con le sue mani altrui la gloria tòrre,

o pur, sopravanzando al suo disfatto

campo, la vita in securezza porre.

"Vinca" al fin disse "il fato, e questa mia

fuga il trofeo di sua vittoria sia.

 Veggia il nemico le mie spalle, e scherna

di novo ancora il nostro essiglio indegno,

pur che di novo armato indi mi scerna

turbar sua pace e ’l non mai stabil regno.

Non cedo io, no; fia con memoria eterna

de le mie offese eterno anco il mio sdegno.

Risorgerò nemico ognor piú crudo,

cenere anco sepolto e spirto ignudo."

 

 

 

 

5

 

 

 

 

10

 

 

 

 

15

 

 

 

 

20

 

 

 

 

25

 

 

 

 

30

 

 

 

 

35

 

 

 

 

40

 

 

 

 

45

 

 

 

 

50

 

 

 

 

55

 

 

 

 

60

 

 

 

 

65

 

 

 

 

70

 

 

 

 

75

 

 

 

 

80

 

 

 

 

85

 

 

 

 

90

 

 

 

 

95

 

 

 

 

100

 

 

 

 

105

 

 

 

 

110

 

 

 

 

115

 

 

 

 

120

 

 

 

 

125

 

 

 

 

130

 

 

 

 

135

 

 

 

 

140

 

 

 

 

145

 

 

 

 

150

 

 

 

 

155

 

 

 

 

160

 

 

 

 

165

 

 

 

 

170

 

 

 

 

175

 

 

 

 

180

 

 

 

 

185

 

 

 

 

190

 

 

 

 

195

 

 

 

 

200

 

 

 

 

205

 

 

 

 

210

 

 

 

 

215

 

 

 

 

220

 

 

 

 

225

 

 

 

 

230

 

 

 

 

235

 

 

 

 

240

 

 

 

 

245

 

 

 

 

250

 

 

 

 

255

 

 

 

 

260

 

 

 

 

265

 

 

 

 

270

 

 

 

 

275

 

 

 

 

280

 

 

 

 

285

 

 

 

 

290

 

 

 

 

295

 

 

 

 

300

 

 

 

 

305

 

 

 

 

310

 

 

 

 

315

 

 

 

 

320

 

 

 

 

325

 

 

 

 

330

 

 

 

 

335

 

 

 

 

340

 

 

 

 

345

 

 

 

 

350

 

 

 

 

355

 

 

 

 

360

 

 

 

 

365

 

 

 

 

370

 

 

 

 

375

 

 

 

 

380

 

 

 

 

385

 

 

 

 

390

 

 

 

 

395

 

 

 

 

400

 

 

 

 

405

 

 

 

 

410

 

 

 

 

415

 

 

 

 

420

 

 

 

 

425

 

 

 

 

430

 

 

 

 

435

 

 

 

 

440

 

 

 

 

445

 

 

 

 

450

 

 

 

 

455

 

 

 

 

460

 

 

 

 

465

 

 

 

 

470

 

 

 

 

475

 

 

 

 

480

 

 

 

 

485

 

 

 

 

490

 

 

 

 

495

 

 

 

 

500

 

 

 

 

505

 

 

 

 

510

 

 

 

 

515

 

 

 

 

520

 

 

 

 

525

 

 

 

 

530

 

 

 

 

535

 

 

 

 

540

 

 

 

 

545

 

 

 

 

550

 

 

 

 

555

 

 

 

 

560

 

 

 

 

565

 

 

 

 

570

 

 

 

 

575

 

 

 

 

580

 

 

 

 

585

 

 

 

 

590

 

 

 

 

595

 

 

 

 

600

 

 

 

 

605

 

 

 

 

610

 

 

 

 

615

 

 

 

 

620

 

 

 

 

625

 

 

 

 

630

 

 

 

 

635

 

 

 

 

640

 

 

 

 

645

 

 

 

 

650

 

 

 

 

655

 

 

 

 

660

 

 

 

 

665

 

 

 

 

670

 

 

 

 

675

 

 

 

 

680

 

 

 

 

685

 

 

 

 

690

 

 

 

 

695

 

 

 

 

700

 

 

 

 

705

 

 

 

 

710

 

 

 

 

715

 

 

 

 

720

 

 

 

 

725

 

 

 

 

730

 

 

 

 

735

 

 

 

 

740

 

 

 

 

745

 

 

 

 

750

 

 

 

 

755

 

 

 

 

760

 

 

 

 

765

 

 

 

 

770

 

 

 

 

775

 

 

 

 

780

 

 

 

 

785

 

 

 

 

790

 

 Indice

01 - 02 - 03 - 04 - 05 - 06 - 07 - 08 - 09 - 10

 

11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20

Indice Biblioteca ProgettoTasso Indice Gerusalemme Liberata

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 05 ottobre 2009