Torquato Tasso

La Gerusalemme Liberata

POEMA DEL SIGNOR TORQUATO TASSO

AL SERENISSIMO SIGNORE

IL SIGNOR DONNO ALFONSO II D’ESTE DUCA DI FERRARA

Edizione di riferimento

Torquato Tasso, Gerusalemme Liberata, a cura di Lanfranco Caretti, Collana "I Meridiani", Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1976 - L’edizione riprende quella de "I classici Mondadori (Milano 1957

Le ottave introduttive sono tratte dall’edizione fiorentina del MDCCCXXIV dell’Editore Giuseppe Molini

CANTO OTTAVO

Calmatasi la tempesta, all’alba il demone Astragorre invita la Furia Aletto a seminare zizzania fra i Crociati. Il cavaliere Carlo il Danese narra la morte di Sveno, signore dei Danesi, che, desideroso di gloria, con uno stuolo di scelti compagni era partito per Gerusalemme; dopo varie peripezie, una notte Sveno e i suoi sono assaliti da un gran numero di barbari; fino al mattino dura la battaglia: Sveno muore ucciso da Solimano e dei duemila restano solo in cento; Carlo cade svenuto. Al suo risveglio vede due eremiti; si alza e vanno vicino al corpo di Sveno: uno dei due monaci prende dalla mano del principe morto la spada e l’affida a Carlo perché la consegni a Rinaldo che con essa possa vendicare la morte del giovane Sveno. Il racconto commuove tutti e fa venire in mente Rinaldo. Intanto tornano al campo cristiano quelli che erano usciti per depredare e raccogliere vitto per i Crociati, e fra le altre cose riportano indietro anche le armi e le vesti insanguinate di Rinaldo. Goffredo si fa raccontare da Aliprando ciò che è successo. Aliprando racconta il ritrovamento del corpo di Rinaldo, senza la testa e senza il braccio destro, e come un ragazzino gli abbia rivelato che era stato assalito e ucciso da un gruppo di armati che usciva dal bosco, forse cristiani. Nella notte ad Argillano appare in sogno il cadavere di Rinaldo che regge nella mano sinistra la sua testa e lo invita a fuggire dalle tende cristiane e dal feroce Goffredo. Sbigottito si sveglia Argillano e raduna i guerrieri d’Italia rivelando loro il suo sogno accusando Goffredo e i suoi Francesi. Intanto la furia Aletto eccita gli animi. Ne nasce un tumulto; Baldovino accorre in aiuto di Goffredo e rivolge una preghiera a Dio affinchè illumini la mente degli uomini. Goffredo, illuminato dal Cielo, parla agli uomini e frena gli audaci e fa mettere in catene Argillano. Goffredo decide che Gerusalemme sarebbe stata assalita dopo due o tre giorni e torna a sovrintendere i lavori di preparazione dell’assalto. In seguito tutti narreranno un prodigio: un alato guerriero teneva alto lo scudo a proteggere Goffredo mentre parlava.

Argomento

 Narra a Goffredo del signor de’ Dani

Il valor prima un messo, e poi la morte

Credendo quei d’Italia a’ segni vani,

Stimano estinto il lor Rinaldo forte.

Dunque al furor ch’Aletto spira, insani,

di soverchia ira, e d’odio apron le porte:

E minaccia Goffredo: ei con la voce

Sola in lor frena l’impeto feroce.

 

1

 

 

 

 

 

 

 

2

 

 

 

 

 

 

 

3

 

 

 

 

 

 

 

4

 

 

 

 

 

 

 

5

 

 

 

 

 

 

 

6

 

 

 

 

 

 

 

7

 

 

 

 

 

 

 

8

 

 

 

 

 

 

 

9

 

 

 

 

 

 

 

10

 

 

 

 

 

 

 

11

 

 

 

 

 

 

 

12

 

 

 

 

 

 

 

13

 

 

 

 

 

 

 

14

 

 

 

 

 

 

 

15

 

 

 

 

 

 

 

16

 

 

 

 

 

 

 

17

 

 

 

 

 

 

 

18

 

 

 

 

 

 

 

19

 

 

 

 

 

 

 

20

 

 

 

 

 

 

 

21

 

 

 

 

 

 

 

22

 

 

 

 

 

 

 

23

 

 

 

 

 

 

 

24

 

 

 

 

 

 

 

25

 

 

 

 

 

 

 

26

 

 

 

 

 

 

 

27

 

 

 

 

 

 

 

28

 

 

 

 

 

 

 

29

 

 

 

 

 

 

 

30

 

 

 

 

 

 

 

31

 

 

 

 

 

 

 

32

 

 

 

 

 

 

 

33

 

 

 

 

 

 

 

34

 

 

 

 

 

 

 

35

 

 

 

 

 

 

 

36

 

 

 

 

 

 

 

37

 

 

 

 

 

 

 

38

 

 

 

 

 

 

 

39

 

 

 

 

 

 

 

40

 

 

 

 

 

 

 

41

 

 

 

 

 

 

 

42

 

 

 

 

 

 

 

43

 

 

 

 

 

 

 

44

 

 

 

 

 

 

 

45

 

 

 

 

 

 

 

46

 

 

 

 

 

 

 

47

 

 

 

 

 

 

 

48

 

 

 

 

 

 

 

49

 

 

 

 

 

 

 

50

 

 

 

 

 

 

 

51

 

 

 

 

 

 

 

52

 

 

 

 

 

 

 

53

 

 

 

 

 

 

 

54

 

 

 

 

 

 

 

55

 

 

 

 

 

 

 

56

 

 

 

 

 

 

 

57

 

 

 

 

 

 

 

58

 

 

 

 

 

 

 

59

 

 

 

 

 

 

 

60

 

 

 

 

 

 

 

61

 

 

 

 

 

 

 

62

 

 

 

 

 

 

 

63

 

 

 

 

 

 

 

64

 

 

 

 

 

 

 

65

 

 

 

 

 

 

 

66

 

 

 

 

 

 

 

67

 

 

 

 

 

 

 

68

 

 

 

 

 

 

 

69

 

 

 

 

 

 

 

70

 

 

 

 

 

 

 

71

 

 

 

 

 

 

 

72

 

 

 

 

 

 

 

73

 

 

 

 

 

 

 

74

 

 

 

 

 

 

 

75

 

 

 

 

 

 

 

76

 

 

 

 

 

 

 

77

 

 

 

 

 

 

 

78

 

 

 

 

 

 

 

79

 

 

 

 

 

 

 

80

 

 

 

 

 

 

 

81

 

 

 

 

 

 

 

82

 

 

 

 

 

 

 

83

 

 

 

 

 

 

 

84

 

 

 

 

 

 

 

85

 

 

 

 

 

 

 

 Già cheti erano i tuoni e le tempeste

e cessato il soffiar d’Austro e di Coro,

e l’alba uscia de la magion celeste

con la fronte di rose e co’ piè d’oro.

Ma quei che le procelle avean già deste

non rimaneansi ancor da l’arti loro,

anzi l’un d’essi, ch’Astragorre è detto,

cosí parlava a la compagna Aletto:

 "Mira, Aletto, venirne (ed impedito

esser non può da noi) quel cavaliero

che da le fere mani è vivo uscito

del sovran difensor del nostro impero.

Questi, narrando del suo duce ardito

e de’ compagni a i Franchi il caso fero,

paleserà gran cose; onde è periglio

che si richiami di Bertoldo il figlio.

 Sai quanto ciò rilevi e se conviene

a i gran princípi oppor forza ed inganno.

Scendi tra i Franchi adunque, e ciò ch’a bene

colui dirà tutto rivolgi in danno:

spargi le fiamme e ’l tòsco entro le vene

del Latin, de l’Elvezio e del Britanno,

movi l’ire e i tumulti a fa’ tal opra

che tutto vada il campo al fin sossopra.

 L’opra è degna di te, tu nobil vanto

te ’n désti già dinanzi al signor nostro."

Cosí le parla, e basta ben sol tanto

perché prenda l’impresa il fero mostro.

Giunto è su ’l vallo dei cristiani intanto

quel cavaliero il cui venir fu mostro,

e disse lor: "Deh, sia chi m’introduca

per mercede, o guerrieri, al sommo duca."

 Molti scorta gli furo al capitano,

vaghi d’udir del peregrin novelle.

Egli inchinollo, e l’onorata mano

volea baciar che fa tremar Babelle;

"Signor," poi dice "che con l’oceano

termini la tua fama e con le stelle,

venirne a te vorrei piú lieto messo."

Qui sospirava, e soggiungeva appresso:

 "Sveno, del re de’ Dani unico figlio,

gloria e sostegno a la cadente etade,

esser tra quei bramò che ’l tuo consiglio

seguendo han cinto per Giesú le spade;

né timor di fatica o di periglio,

né vaghezza del regno, né pietade

del vecchio genitor, sí degno affetto

intepidír nel generoso petto.

 Lo spingeva un desio d’apprender l’arte

de la milizia faticosa e dura

da te, sí nobil mastro, e sentia in parte

sdegno e vergogna di sua fama oscura,

già di Rinaldo il nome in ogni parte

con gloria udendo in verdi anni matura;

ma piú ch’altra cagione, il mosse il zelo

non del terren ma de l’onor del Cielo.

 Precipitò dunque gli indugi, e tolse

stuol di scelti compagni audace e fero,

e dritto invèr la Tracia il camin volse

a la città che sede è de l’impero.

Qui il greco Augusto in sua magion l’accolse,

qui poi giunse in tuo nome un messaggiero.

Questi a pien gli narrò come già presa

fosse Antiochia, e come poi difesa;

 difesa incontra al Perso, il qual con tanti

uomini armati ad assediarvi mosse,

che sembrava che d’arme e d’abitanti

vòto il gran regno suo rimaso fosse.

Di te gli disse, e poi narrò d’alquanti

sin ch’a Rinaldo giunse, e qui fermosse;

contò l’ardita fuga, e ciò che poi

fatto di glorioso avea tra voi.

 Soggiunse al fin come già il popol franco

veniva a dar l’assalto a queste porte;

e invitò lui ch’egli volesse almanco

de l’ultima vittoria esser consorte.

Questo parlare al giovenetto fianco

del fero Sveno è stimolo sí forte,

ch’ogn’ora un lustro pargli infra pagani

rotar il ferro e insanguinar le mani.

 Par che la sua viltà rimproverarsi

senta ne l’altrui gloria, e se ne rode;

e ch’il consiglia e ch’il prega a fermarsi,

o che non l’essaudisce o che non l’ode.

Rischio non teme, fuor che ’l non trovarsi

de’ tuoi gran rischi a parte e di tua lode;

questo gli sembra sol periglio grave,

de gli altri o nulla intende o nulla pave.

 Egli medesmo sua fortuna affretta,

fortuna che noi tragge e lui conduce,

però ch’a pena al suo partire aspetta

i primi rai de la novella luce.

È per miglior la via piú breve eletta;

tale ei la stima, ch’è signor e duce,

né i passi piú difficili o i paesi

schivar si cerca de’ nemici offesi.

 Or difetto di cibo, or camin duro

trovammo, or violenza ed or aguati;

ma tutti fur vinti i disagi, e furo

or uccisi i nemici ed or fugati.

Fatto avean ne’ perigli ogn’uom securo

le vittorie e insolenti i fortunati,

quando un dí ci accampammo ove i confini

non lunge erano omai de’ Palestini.

 Quivi da i precursori a noi vien detto

ch’alto strepito d’arme avean sentito,

e viste insegne e indizi onde han sospetto

che sia vicino essercito infinito.

Non pensier, non color, non cangia aspetto,

non muta voce il signor nostro ardito,

benché molti vi sian ch’al fero aviso

tingan di bianca pallidezza il viso.

 Ma dice: `Oh quale omai vicina abbiamo

corona o di martirio o di vittoria!

L’una spero io ben piú, ma non men bramo

l’altra ove è maggior merto e pari gloria.

Questo campo, o fratelli, ove or noi siamo,

fia tempio sacro ad immortal memoria,

in cui l’età futura additi e mostri

le nostre sepolture e i trofei nostri.’

 Cosí parla, e le guardie indi dispone

e gli uffici comparte e la fatica.

Vuol ch’armato ognun giaccia, e non depone

ei medesmo gli arnesi o la lorica.

Era la notte ancor ne la stagione

ch’è piú del sonno e del silenzio amica,

allor che d’urli barbareschi udissi

romor che giunse al cielo ed a gli abissi.

 Si grida `A l’armi! a l’armi!’, e Sveno involto

ne l’armi inanzi a tutti oltre si spinge,

e magnanimamente i lumi e ’l volto

di color d’ardimento infiamma e tinge.

Ecco siamo assaliti, e un cerchio folto

da tutti i lati ne circonda e stringe,

e intorno un bosco abbiam d’aste e di spade

e sovra noi di strali un nembo cade.

 Ne la pugna inegual (però che venti

gli assalitori sono incontra ad uno)

molti d’essi piagati e molti spenti

son da cieche ferite a l’aer bruno;

ma il numero de gli egri e de’ cadenti

fra l’ombre oscure non discerne alcuno:

copre la notte i nostri danni, e l’opre

de la nostra virtute insieme copre.

 Pur sí fra gli altri Sveno alza la fronte

ch’agevol cosa è che veder si possa,

e nel buio le prove anco son conte

a chi vi mira, e l’incredibil possa.

Di sangue un rio, d’uomini uccisi un monte

d’ogni intorno gli fanno argine e fossa;

e dovunque ne va, sembra che porte

lo spavento ne gli occhi, e in man la morte.

 Cosí pugnato fu sin che l’albore

rosseggiando nel ciel già n’apparia.

Ma poi che scosso fu il notturno orrore

che l’orror de le morti in sé copria,

la desiata luce a noi terrore

con vista accrebbe dolorosa e ria,

ché pien d’estinti il campo e quasi tutta

nostra gente vedemmo omai destrutta.

 Duomila fummo, e non siam cento. Or quando

tanto sangue egli mira e tante morti,

non so se ’l cuor feroce al miserando

spettacolo si turbi e si sconforti;

ma già no ’l mostra, anzi la voce alzando:

`Seguiam’ ne grida `que’ compagni forti

ch’al Ciel lunge da i laghi averni e stigi

n’han segnati co ’l sangue alti vestigi.’

 Disse, e lieto (credo io) de la vicina

morte cosí nel cor come al sembiante,

incontra alla barbarica ruina

portonne il petto intrepido e costante.

Tempra non sosterrebbe, ancor che fina

fosse e d’acciaio no, ma di diamante,

i feri colpi, onde egli il campo allaga,

e fatto è il corpo suo solo una piaga.

 La vita no, ma la virtú sostenta

quel cadavero indomito e feroce.

Ripercote percosso e non s’allenta,

ma quanto offeso è piú tanto piú noce.

Quando ecco furiando a lui s’aventa

uom grande, c’ha sembiante e guardo atroce;

e dopo lunga ed ostinata guerra,

con l’aita di molti al fin l’atterra.

 Cade il garzone invitto (ahi caso amaro!),

né v’è fra noi chi vendicare il possa.

Voi chiamo in testimonio, o del mio caro

signor sangue ben sparso e nobil ossa,

ch’allor non fui de la mia vita avaro,

né schivai ferro né schivai percossa;

e se piaciuto pur fosse là sopra

ch’io vi morissi, il meritai con l’opra.

 Fra gli estinti compagni io sol cadei

vivo, né vivo forse è chi mi pensi;

né de’ nemici piú cosa saprei

ridir, sí tutti avea sopiti i sensi.

Ma poi che tornò il lume a gli occhi miei,

ch’eran d’atra caligine condensi,

notte mi parve, ed a lo sguardo fioco

s’offerse il vacillar d’un picciol foco.

 Non rimaneva in me tanta virtude

ch’a discerner le cose io fossi presto,

ma vedea come quei ch’or apre or chiude

gli occhi, mezzo tra ’l sonno e l’esser desto;

e ’l duolo omai de le ferite crude

piú cominciava a farmisi molesto,

ché l’inaspria l’aura notturna e ’l gelo

in terra nuda e sotto aperto cielo.

 Piú e piú ognor s’avicinava intanto

quel lume e insieme un tacito bisbiglio,

sí ch’a me giunse e mi si pose a canto.

Alzo allor, bench’a pena, il debil ciglio

e veggio due vestiti in lungo manto

tener due faci, e dirmi sento: `O figlio,

confida in quel Signor ch’a’ pii soviene,

e con la grazia i preghi altrui previene.’

 In tal guisa parlommi: indi la mano

benedicendo sovra me distese;

e susurrò con suon devoto e piano

voci allor poco udite e meno intese.

`Sorgi’, poi disse; ed io leggiero e sano

sorgo, e non sento le nemiche offese

(oh miracol gentile!), anzi mi sembra

piene di vigor novo aver le membra.

 Stupido lor riguardo, e non ben crede

l’anima sbigottita il certo e il vero;

onde l’un d’essi a me: `Di poca fede,

che dubbii? o che vaneggia il tuo pensiero?

Verace corpo è quel che ’n noi si vede:

servi siam di Giesú, che ’l lusinghiero

mondo e ’l suo falso dolce abbiam fuggito,

e qui viviamo in loco erto e romito.

 Me per ministro a tua salute eletto

ha quel Signor che ’n ogni parte regna,

ché per ignobil mezzo oprar effetto

meraviglioso ed alto egli non sdegna,

né men vorrà che sí resti negletto

quel corpo in cui già visse alma sí degna,

lo qual con essa ancor, lucido e leve

e immortal fatto, riunir si deve.

 Dico il corpo di Sveno a cui fia data

tomba, a tanto valor conveniente,

la qual a dito mostra ed onorata

ancor sarà da la futura gente.

Ma leva omai gli occhi a le stelle, e guata

là splender quella, come un sol lucente;

questa co’ vivi raggi or ti conduce

là dove è il corpo del tuo nobil duce.’

 Allor vegg’io che da la bella face,

anzi dal sol notturno, un raggio scende

che dritto là dove il gran corpo giace,

quasi aureo tratto di pennel, si stende;

e sovra lui tal lume e tanto face

ch’ogni sua piaga ne sfavilla e splende,

e subito da me si raffigura

ne la sanguigna orribile mistura.

 Giacea, prono non già, ma come vòlto

ebbe sempre a le stelle il suo desire,

dritto ei teneva inverso il cielo il volto

in guisa d’uom che pur là suso aspire.

Chiusa la destra e ’l pugno avea raccolto

e stretto il ferro, e in atto è di ferire;

l’altra su ’l petto in modo umile e pio

si posa, e par che perdon chieggia a Dio.

 Mentre io le piaghe sue lavo co ’l pianto,

né però sfogo il duol che l’alma accora,

gli aprí la chiusa destra il vecchio santo,

e ’l ferro che stringea trattone fora:

`Questa’ a me disse `ch’oggi sparso ha tanto

sangue nemico, e n’è vermiglia ancora,

è come sai perfetta, e non è forse

altra spada che debba a lei preporse.

 Onde piace là su che, s’or la parte

dal suo primo signor acerba morte,

oziosa non resti in questa parte,

ma di man passi in mano ardita e forte

che l’usi poi con egual forza ed arte,

ma piú lunga stagion con lieta sorte;

e con lei faccia, perché a lei s’aspetta,

di chi Sveno le uccise aspra vendetta.

 Soliman Sveno uccise, e Solimano

dée per la spada sua restarne ucciso.

Prendila dunque, e vanne ov’il cristiano

campo fia intorno a l’alte mura assiso;

e non temer che nel paese estrano

ti sia il sentier di novo anco preciso,

ché t’agevolerà per l’aspra via

l’alta destra di Lui ch’or là t’invia.

 Quivi Egli vuol che da cotesta voce,

che viva in te servò, si manifesti

la pietate, il valor, l’ardir feroce

che nel diletto tuo signor vedesti,

perché a segnar de la purpurea Croce

l’arme con tale essempio altri si desti,

ed ora e dopo un corso anco di lustri

infiammati ne sian gli animi illustri.

 Resta che sappia tu chi sia colui

che deve de la spada esser erede.

Questi è Rinaldo, il giovenetto a cui

il pregio di fortezza ogn’altro cede.

A lui la porgi, e di’ che sol da lui

l’alta vedetta il Cielo e ’l mondo chiede.’

Or mentre io le sue voci intento ascolto,

fui da miracol novo a sé rivolto,

 ché là dove il cadavero giacea

ebbi improviso un gran sepolcro scorto,

che sorgendo rinchiuso in sé l’avea,

come non so né con qual arte sorto;

e in brevi note altrui vi si sponea

il nome e la virtú del guerrier morto.

Io non sapea da tal vista levarmi,

mirando ora le lettre ed ora i marmi.

 `Qui’ disse il vecchio `appresso a i fidi amici

giacerà del tuo duce il corpo ascoso,

mentre gli spirti amando in Ciel felici

godon perpetuo bene e glorioso.

Ma tu co ’l pianto omai gli estremi uffici

pagato hai loro, e tempo è di riposo.

Oste mio ne sarai sin ch’al viaggio

matutin ti risvegli il novo raggio.’

 Tacque, e per lochi ora sublimi or cupi

mi scòrse onde a gran pena il fianco trassi,

sin ch’ove pende da selvaggie rupi

cava spelonca raccogliemmo i passi.

Questo è il suo albergo: ivi fra gli orsi e i lupi

co ’l discepolo suo securo stassi,

ché difesa miglior ch’usbergo e scudo

è la santa innocenza al petto ignudo.

 Silvestre cibo e duro letto porse

quivi a le membra mie posa e ristoro.

Ma poi ch’accesi in oriente scorse

i raggi del mattin purpurei e d’oro,

vigilante ad orar subito sorse

l’uno e l’altro eremita, ed io con loro.

Dal santo vecchio poi congedo tolsi

e qui, dov’egli consigliò, mi volsi."

 Qui si tacque il tedesco, e gli rispose

il pio Buglione: "O cavalier, tu porte

dure novelle al campo e dolorose

onde a ragion si turbi e si sconforte,

poi che genti sí amiche e valorose

breve ora ha tolte e poca terra absorte,

e in guisa d’un baleno il signor vostro

s’è in un sol punto dileguato e mostro.

 Ma che? felice è cotal morte e scempio

via piú ch’acquisto di provincie e d’oro,

né dar l’antico Campidoglio essempio

d’alcun può mai sí glorioso alloro.

Essi del ciel nel luminoso tempio

han corona immortal del vincer loro:

ivi credo io che le sue belle piaghe

ciascun lieto dimostri e se n’appaghe.

 Ma tu, che a le fatiche ed al periglio

ne la milizia ancor resti del mondo,

devi gioir de’ lor trionfi, e ’l ciglio

render quanto conviene omai giocondo;

e perché chiedi di Bertoldo il figlio,

sappi ch’ei fuor de l’oste è vagabondo,

né lodo io già che dubbia via tu prenda

pria che di lui certa novella intenda."

 Questo lor ragionar ne l’altrui mente

di Rinaldo l’amor desta e rinova,

e v’è chi dice: "Ahi! fra pagana gente

il giovenetto errante or si ritrova."

E non v’è quasi alcun che non rammente,

narrando al dano, i suoi gran fatti a prova;

e de l’opere sue la lunga tela

con istupor gli si dispiega e svela.

 Or quando del garzon la rimembranza

avea gli animi tutti inteneriti,

ecco molti tornar, che per usanza

eran d’intorno a depredare usciti.

Conducean questi seco in abbondanza

e mandre di lanuti e buoi rapiti

e biade ancor, benché non molte, e strame

che pasca de’ corsier l’avida fame.

 E questi di sciagura aspra e noiosa

segno portàr che ’n apparenza è certo:

rotta del buon Rinaldo e sanguinosa

la sopravesta ed ogni arnese aperto.

Tosto si sparse (e chi potria tal cosa

tener celata?) un romor vario e incerto.

Corre il vulgo dolente a le novelle

del guerriero e de l’arme, e vuol vedelle.

 Vede, e conosce ben l’immensa mole

del grand’usbergo e ’l folgorar del lume,

e l’arme tutte ove è l’augel ch’al sole

prova i suoi figli e mal crede a le piume;

ché di vederle già primiere o sole

ne le imprese piú grandi ebbe in costume,

ed or non senza alta pietate ed ira

rotte e sanguigne ivi giacer le mira.

 Mentre bisbiglia il campo, e la cagione

de la morte di lui varia si crede,

a sé chiama Aliprando il pio Buglione,

duce di quei che ne portàr le prede,

uom di libera mente e di sermone

veracissimo e schietto, ed a lui chiede:

"Di’ come e donde tu rechi quest’arme,

e di buono o di reo nulla celarme."

 Gli rispose colui: "Di qui lontano

quanto in duo giorni un messaggiero andria,

verso il confin di Gaza un picciol piano

chiuso tra colli alquanto è fuor di via;

e in lui d’alto deriva e lento e piano

tra pianta e pianta un fiumicel s’invia,

e d’arbori e di macchie ombroso e folto

opportuno a l’insidie il loco è molto.

 Qui greggia alcuna cercavam che fosse

venuta a i paschi de l’erbose sponde,

e in su l’erbe miriam di sangue rosse

giacerne un guerrier morto in riva a l’onde.

A l’arme ed a l’insegne ogn’uom si mosse,

che furon conosciute ancor che immonde.

Io m’appressai per discoprirgli il viso,

ma trovai ch’era il capo indi reciso.

 Mancava ancor la destra, e ’l busto grande

molte ferite avea dal tergo al petto;

e non lontan, con l’aquila che spande

le candide ali, giacea il vòto elmetto.

Mentre cerco d’alcuno a cui dimande,

un villanel sopragiungea soletto

che ’ndietro il passo per fuggirne torse

subitamente che di noi s’accorse.

 Ma seguitato e preso, a la richiesta

che noi gli facevamo, al fin rispose

che ’l giorno inanti uscir de la foresta

scorse molti guerrieri, onde ei s’ascose;

e ch’un d’essi tenea recisa testa

per le sue chiome bionde e sanguinose,

la qual gli parve, rimirando intento,

d’uom giovenetto e senza peli al mento;

 e che ’l medesmo poco poi l’avolse

in un zendado da l’arcion pendente.

Soggiunse ancor ch’a l’abito raccolse

ch’erano i cavalier di nostra gente.

Io spogliar feci il corpo, e sí me ’n dolse

che piansi nel sospetto amaramente,

e portai meco l’arme e lasciai cura

ch’avesse degno onor di sepoltura.

 Ma se quel nobil tronco è quel ch’io credo,

altra tomba, altra pompa egli ben merta."

Cosí detto, Aliprando ebbe congedo,

però che cosa non avea piú certa.

Rimase grave e sospirò Goffredo;

pur nel tristo pensier non si raccerta,

e con piú chiari segni il monco busto

conoscer vuole e l’omicida ingiusto.

 Sorgea la notte intanto, e sotto l’ali

ricopriva del cielo i campi immensi;

e ’l sonno, ozio de l’alme, oblio de’ mali,

lusingando sopia le cure e i sensi.

Tu sol punto, Argillan, d’acuti strali

d’aspro dolor, volgi gran cose e pensi,

né l’agitato sen né gli occhi ponno

la quiete raccòrre o ’l molle sonno.

 Costui pronto di man, di lingua ardito,

impetuoso e fervido d’ingegno,

nacque in riva del Tronto e fu nutrito

ne le risse civil d’odio e di sdegno;

poscia in essiglio spinto, i colli e ’l lito

empié di sangue e depredò quel regno,

sin che ne l’Asia a guerreggiar se ’n venne

e per fama miglior chiaro divenne.

 Al fin questi su l’alba i lumi chiuse;

né già fu sonno il suo queto e soave,

ma fu stupor ch’Aletto al cor gl’infuse,

non men che morte sia profondo e grave.

Sono le interne sue virtú deluse

e riposo dormendo anco non have,

ché la furia crudel gli s’appresenta

sotto orribili larve e lo sgomenta.

 Gli figura un gran busto, ond’è diviso

il capo e de la destra il braccio è mozzo,

e sostien con la manca il teschio inciso,

di sangue e di pallor livido e sozzo.

Spira e parla spirando il morto viso,

e ’l parlar vien co ’l sangue e co ’l singhiozzo:

"Fuggi, Argillan; non vedi omai la luce?

Fuggi le tende infami e l’empio duce.

 Chi dal fero Goffredo e da la frode

ch’uccise me, voi, cari amici, affida?

D’astio dentro il fellon tutto si rode,

e pensa sol come voi meco uccida.

Pur, se cotesta mano a nobil lode

aspira, e in sua virtú tanto si fida,

non fuggir, no; plachi il tiranno essangue

lo spirto mio co ’l suo maligno sangue.

 Io sarò teco, ombra di ferro e d’ira

ministra, e t’armerò la destra e ’l seno."

Cosí gli parla, e nel parlar gli spira

spirito novo di furor ripieno.

Si rompe il sonno, e sbigottito ei gira

gli occhi gonfi di rabbia e di veneno;

ed armato ch’egli è, con importuna

fretta i guerrier d’Italia insieme aduna.

 Gli aduna là dove sospese stanno

l’arme del buon Rinaldo, e con superba

voce il furore e ’l conceputo affanno

in tai detti divulga e disacerba:

"Dunque un popolo barbaro e tiranno,

che non prezza ragion, che fé non serba,

che non fu mai di sangue e d’or satollo,

ne terrà ’l freno in bocca e ’l giogo al collo?

 Ciò che sofferto abbiam d’aspro e d’indegno

sette anni omai sotto sí iniqua soma,

è tal ch’arder di scorno, arder di sdegno

potrà da qui a mill’anni Italia e Roma.

Taccio che fu da l’arme e da l’ingegno

del buon Tancredi la Cilicia doma,

e ch’ora il Franco a tradigion la gode,

e i premi usurpa del valor la frode.

 Taccio ch’ove il bisogno e ’l tempo chiede

pronta man, pensier fermo, animo audace,

alcuno ivi di noi primo si vede

portar fra mille morti o ferro o face;

quando le palme poi, quando le prede

si dispensan ne l’ozio e ne la pace,

nostri in parte non son, ma tutti loro

i trionfi, gli onor, le terre e l’oro.

 Tempo forse già fu che gravi e strane

ne potevan parer sí fatte offese;

quasi lievi or le passo: orrenda, immane

ferità leggierissime l’ha rese.

Hanno ucciso Rinaldo, e con l’umane

l’alte leggi divine han vilipese.

E non fulmina il Cielo? e non l’inghiotte

la terra entro la sua perpetua notte?

 Rinaldo han morto, il qual fu spada e scudo

di nostra fede; ed ancor giace inulto?

inulto giace e su ’l terreno ignudo

lacerato il lasciaro ed insepulto.

Ricercate saper chi fosse il crudo?

A chi pote, o compagni, esser occulto?

Deh! chi non sa quanto al valor latino

portin Goffredo invidia e Baldovino?

 Ma che cerco argomenti? Il Cielo io giuro

(il Ciel che n’ode e ch’ingannar non lice),

ch’allor che si rischiara il mondo oscuro,

spirito errante il vidi ed infelice.

Che spettacolo, oimè, crudele e duro!

Quai frode di Goffredo a noi predice!

Io ’l vidi, e non fu sogno; e ovunque or miri,

par che dinanzi a gli occhi miei s’aggiri.

 Or che faremo noi? dée quella mano,

che di morte sí ingiusta è ancora immonda,

reggerci sempre? o pur vorrem lontano

girne da lei, dove l’Eufrate inonda,

dove a popolo imbelle in fertil piano

tante ville e città nutre e feconda,

anzi a noi pur? Nostre saranno, io spero,

né co’ Franchi comune avrem l’impero.

 Andianne, e resti invendicato il sangue

(se cosí parvi) illustre ed innocente,

benché, se la virtú che fredda langue

fosse ora in voi quanto dovrebbe ardente,

questo che divorò, pestifero angue,

il pregio e ’l fior de la latina gente,

daria con la sua morte e con lo scempio

a gli altri mostri memorando essempio.

 Io, io vorrei, se ’l vostro alto valore,

quanto egli può, tanto voler osasse,

ch’oggi per questa man ne l’empio core,

nido di tradigion, la pena entrasse."

Cosí parla agitato, e nel furore

e ne l’impeto suo ciascuno ei trasse.

"Arme! arme!" freme il forsennato, e insieme

la gioventú superba "Arme! arme!" freme.

 Rota Aletto fra lor la destra armata,

e co ’l foco il venen ne’ petti mesce.

Lo sdegno, la follia, la scelerata

sete del sangue ognor piú infuria e cresce;

e serpe quella peste e si dilata,

e de gli alberghi italici fuor n’esce,

e passa fra gli Elvezi, e vi s’apprende,

e di là poscia a gli Inghilesi tende.

 Né sol l’estrane genti avien che mova

il duro caso e ’l gran publico danno,

ma l’antiche cagioni a l’ira nova

materia insieme e nutrimento danno.

Ogni sopito sdegno or si rinova:

chiamano il popol franco empio e tiranno,

e in superbe minaccie esce diffuso

l’odio che non può starne omai piú chiuso.

 Cosí nel cavo rame umor che bolle

per troppo foco, entro gorgoglia e fuma;

né capendo in se stesso, al fin s’estolle

sovra gli orli del vaso, e inonda e spuma.

Non bastano a frenare il vulgo folle

que’ pochi a cui la mente il vero alluma;

e Tancredi e Camillo eran lontani,

Guglielmo e gli altri in podestà soprani.

 Corrono già precipitosi a l’armi

confusamente i popoli feroci,

e già s’odon cantar bellici carmi

sediziose trombe in fere voci.

Gridano intanto al pio Buglion che s’armi

molti di qua di là nunzi veloci,

e Baldovin inanzi a tutti armato

gli s’appresenta e gli si pone a lato.

 Egli, ch’ode l’accusa, i lumi al cielo

drizza e pur come suole a Dio ricorre:

"Signor, tu che sai ben con quanto zelo

la destra mia del civil sangue aborre,

tu squarcia a questi de la mente il velo,

e reprimi il furor che sí trascorre;

e l’innocenza mia, che costà sopra

è nota, al mondo cieco anco si scopra."

 Tacque, e dal Cielo infuso ir fra le vene

sentissi un novo inusitato caldo.

Colmo d’alto vigor, d’ardita spene

che nel volto si sparge e ’l fa piú baldo,

e da’ suoi circondato, oltre se ’n viene

contra chi vendicar credea Rinaldo;

né, perché d’arme e di minaccie ei senta

fremito d’ogni intorno, il passo allenta.

 Ha la corazza indosso, e nobil veste

riccamente l’adorna oltra ’l costume.

Nudo è le mani e ’l volto, e di celeste

maestà vi risplende un novo lume:

scote l’aurato scettro, e sol con queste

arme acquetar quegli impeti presume.

Tal si mostra a coloro e tal ragiona,

né come d’uom mortal la voce suona:

 "Quali stolte minaccie e quale or odo

vano strepito d’arme? e chi il commove?

Cosí qui riverito e in questo modo

noto son io, dopo sí lunghe prove,

ch’ancor v’è chi sospetti e chi di frodo

Goffredo accusi? e chi l’accuse approve?

Forse aspettate ancor ch’a voi mi pieghi,

e ragioni v’adduca e porga preghi?

 Ah non sia ver che tanta indignitate

la terra piena del mio nome intenda.

Me questo scettro, me de l’onorate

opre mie la memoria e ’l ver difenda;

e per or la giustizia a la pietate

ceda, né sovra i rei la pena scenda.

A gli altri merti or questo error perdono,

ed al vostro Rinaldo anco vi dono.

 Co ’l sangue suo lavi il comun difetto

solo Argillan, di tante colpe autore,

che, mosso a leggierissimo sospetto,

sospinti gli altri ha nel medesmo errore."

Lampi e folgori ardean nel regio aspetto,

mentre ei parlò, di maestà, d’onore;

tal ch’Argillano attonito e conquiso

teme (chi ’l crederia?) l’ira d’un viso.

 E ’l vulgo, ch’anzi irriverente, audace,

tutto fremer s’udia d’orgogli e d’onte,

e ch’ebbe al ferro, a l’aste ed a la face

che ’l furor ministrò, le man sí pronte,

non osa (e i detti alteri ascolta, e tace)

fra timor e vergogna alzar la fronte,

e sostien ch’Argillano, ancor che cinto

de l’arme lor, sia da’ ministri avinto.

 Cosí leon, ch’anzi l’orribil coma

con muggito scotea superbo e fero,

se poi vede il maestro onde fu doma

la natia ferità del core altero,

può del giogo soffrir l’ignobil soma

e teme le minaccie e ’l duro impero,

né i gran velli, i gran denti e l’ugne c’hanno

tanta in sé forza, insuperbire il fanno.

 È fama che fu visto in volto crudo

ed in atto feroce e minacciante

un alato guerrier tener lo scudo

de la difesa al pio Buglion davante,

e vibrar fulminando il ferro ignudo

che di sangue vedeasi ancor stillante:

sangue era forse di città, di regni,

che provocàr del Cielo i tardi sdegni.

 Cosí, cheto il tumulto, ognun depone

l’arme, e molti con l’arme il mal talento;

e ritorna Goffredo al padiglione,

a varie cose, a nove imprese intento,

ch’assalir la cittate egli dispone

pria che ’l secondo o ’l terzo dí sia spento;

e rivedendo va l’incise travi,

già in machine conteste orrende e gravi.

 

 

 

 

5

 

 

 

 

10

 

 

 

 

15

 

 

 

 

20

 

 

 

 

25

 

 

 

 

30

 

 

 

 

35

 

 

 

 

40

 

 

 

 

45

 

 

 

 

50

 

 

 

 

55

 

 

 

 

60

 

 

 

 

65

 

 

 

 

70

 

 

 

 

75

 

 

 

 

80

 

 

 

 

85

 

 

 

 

90

 

 

 

 

95

 

 

 

 

100

 

 

 

 

105

 

 

 

 

110

 

 

 

 

115

 

 

 

 

120

 

 

 

 

125

 

 

 

 

130

 

 

 

 

135

 

 

 

 

140

 

 

 

 

145

 

 

 

 

150

 

 

 

 

155

 

 

 

 

160

 

 

 

 

165

 

 

 

 

170

 

 

 

 

175

 

 

 

 

180

 

 

 

 

185

 

 

 

 

190

 

 

 

 

195

 

 

 

 

200

 

 

 

 

205

 

 

 

 

210

 

 

 

 

215

 

 

 

 

220

 

 

 

 

225

 

 

 

 

230

 

 

 

 

235

 

 

 

 

240

 

 

 

 

245

 

 

 

 

250

 

 

 

 

255

 

 

 

 

260

 

 

 

 

265

 

 

 

 

270

 

 

 

 

275

 

 

 

 

280

 

 

 

 

285

 

 

 

 

290

 

 

 

 

295

 

 

 

 

300

 

 

 

 

305

 

 

 

 

310

 

 

 

 

315

 

 

 

 

320

 

 

 

 

325

 

 

 

 

330

 

 

 

 

335

 

 

 

 

340

 

 

 

 

345

 

 

 

 

350

 

 

 

 

355

 

 

 

 

360

 

 

 

 

365

 

 

 

 

370

 

 

 

 

375

 

 

 

 

380

 

 

 

 

385

 

 

 

 

390

 

 

 

 

395

 

 

 

 

400

 

 

 

 

405

 

 

 

 

410

 

 

 

 

415

 

 

 

 

420

 

 

 

 

425

 

 

 

 

430

 

 

 

 

435

 

 

 

 

440

 

 

 

 

445

 

 

 

 

450

 

 

 

 

455

 

 

 

 

460

 

 

 

 

465

 

 

 

 

470

 

 

 

 

475

 

 

 

 

480

 

 

 

 

485

 

 

 

 

490

 

 

 

 

495

 

 

 

 

500

 

 

 

 

505

 

 

 

 

510

 

 

 

 

515

 

 

 

 

520

 

 

 

 

525

 

 

 

 

530

 

 

 

 

535

 

 

 

 

540

 

 

 

 

545

 

 

 

 

550

 

 

 

 

555

 

 

 

 

560

 

 

 

 

565

 

 

 

 

570

 

 

 

 

575

 

 

 

 

580

 

 

 

 

585

 

 

 

 

590

 

 

 

 

595

 

 

 

 

600

 

 

 

 

605

 

 

 

 

610

 

 

 

 

615

 

 

 

 

620

 

 

 

 

625

 

 

 

 

630

 

 

 

 

635

 

 

 

 

640

 

 

 

 

645

 

 

 

 

650

 

 

 

 

655

 

 

 

 

660

 

 

 

 

665

 

 

 

 

670

 

 

 

 

675

 

 

 

 

680

 Indice

01 - 02 - 03 - 04 - 05 - 06 - 07 - 08 - 09 - 10

 

11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20

Indice Biblioteca ProgettoTasso Indice Gerusalemme Liberata

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 05 ottobre 2009