Torquato Tasso

La Gerusalemme Liberata

POEMA DEL SIGNOR TORQUATO TASSO

AL SERENISSIMO SIGNORE

IL SIGNOR DONNO ALFONSO II D’ESTE DUCA DI FERRARA

Edizione di riferimento

Torquato Tasso, Gerusalemme Liberata, a cura di Lanfranco Caretti, Collana "I Meridiani", Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1976 - L’edizione riprende quella de "I classici Mondadori (Milano 1957

Le ottave introduttive sono tratte dall’edizione fiorentina del MDCCCXXIV dell’Editore Giuseppe Molini

CANTO SESTO

Il re Aladino, mentre sovrintende ai lavori di rafforzamento della difesa di Gerusalemme, viene raggiunto da Argante che gli rimprovera di osare poco; questi gli risponde che occorre pazienza, ma Argante non vuol sentir ragioni, chiama un araldo e lo manda al campo cristiano per portare un’ambasciata: la sfida a duello di cinque grandi cavalieri cristiani. La sfida viene accettata; Argante esce dalla città accompagnato da Clorinda e da mille cavalieri, secondo la volontà del re Aladino. Gli si muove incontro Tancredi; ma questi vede Clorinda e ammaliato si dirige verso di lei; allora si lancia in duello Ottone, che viene abbattuto; Tancredi si riprende e ingaggia un grandioso duello con Argante: ma la notte interrompe il combattimento e i due sono divisi da due araldi, il franco Arideo e il pagano Pindoro, con la promessa che sarebbe stato ripreso. Tutti restano ammirati, solo Erminia, segretamente innamorata di Tancredi, soffre vedendo il duello da un’alta torre. Vorrebbe accorrere dall’amato e curargli le ferite, col cuore che oscilla tra l’Amore e l’Onore. Erminia era molto amica di Clorinda; un giorno vedendo le armi dell’amica appese alla parete, decide di vestirsene, di uscire dalla città, sicura che le guardie non l’avrebbero fermata, e di andare verso il campo cristiano. Concertato tutto con uno scudiero, al calar della notte esce dalla città con una fidata ancella, raggiunge lo scudiero e lo manda come messaggero da Tancredi. Ma mentre attende ansiosa, un raggio di luna colpisce il suo cimiero, che viene riconosciuto da alcuni cavalieri cristiani che la scambiano per Clorinda. Erminia viene assalita e costretta a fuggire.

Argomento

Argante ogni Cristiano a giostra appella:

Indi Otton non eletto, a lui s’oppone

Audace troppo, e tolto vien di sella;

Onde sen va nella città prigione.

Tancredi pur con lui pugna novella

Comincia; ma a lei tregua il bujo impone.

Erminia che del suo signor si crede

Curare il mal, move notturna il piede.

 

1

 

 

 

 

 

 

 

2

 

 

 

 

 

 

 

3

 

 

 

 

 

 

 

4

 

 

 

 

 

 

 

5

 

 

 

 

 

 

 

6

 

 

 

 

 

 

 

7

 

 

 

 

 

 

 

8

 

 

 

 

 

 

 

9

 

 

 

 

 

 

 

10

 

 

 

 

 

 

 

11

 

 

 

 

 

 

 

12

 

 

 

 

 

 

 

13

 

 

 

 

 

 

 

14

 

 

 

 

 

 

 

15

 

 

 

 

 

 

 

16

 

 

 

 

 

 

 

17

 

 

 

 

 

 

 

18

 

 

 

 

 

 

 

19

 

 

 

 

 

 

 

20

 

 

 

 

 

 

 

21

 

 

 

 

 

 

 

22

 

 

 

 

 

 

 

23

 

 

 

 

 

 

 

24

 

 

 

 

 

 

 

25

 

 

 

 

 

 

 

26

 

 

 

 

 

 

 

27

 

 

 

 

 

 

 

28

 

 

 

 

 

 

 

29

 

 

 

 

 

 

 

30

 

 

 

 

 

 

 

31

 

 

 

 

 

 

 

32

 

 

 

 

 

 

 

33

 

 

 

 

 

 

 

34

 

 

 

 

 

 

 

35

 

 

 

 

 

 

 

36

 

 

 

 

 

 

 

37

 

 

 

 

 

 

 

38

 

 

 

 

 

 

 

39

 

 

 

 

 

 

 

40

 

 

 

 

 

 

 

41

 

 

 

 

 

 

 

42

 

 

 

 

 

 

 

43

 

 

 

 

 

 

 

44

 

 

 

 

 

 

 

45

 

 

 

 

 

 

 

46

 

 

 

 

 

 

 

47

 

 

 

 

 

 

 

48

 

 

 

 

 

 

 

49

 

 

 

 

 

 

 

50

 

 

 

 

 

 

 

51

 

 

 

 

 

 

 

52

 

 

 

 

 

 

 

53

 

 

 

 

 

 

 

54

 

 

 

 

 

 

 

55

 

 

 

 

 

 

 

56

 

 

 

 

 

 

 

57

 

 

 

 

 

 

 

58

 

 

 

 

 

 

 

59

 

 

 

 

 

 

 

60

 

 

 

 

 

 

 

61

 

 

 

 

 

 

 

62

 

 

 

 

 

 

 

63

 

 

 

 

 

 

 

64

 

 

 

 

 

 

 

65

 

 

 

 

 

 

 

66

 

 

 

 

 

 

 

67

 

 

 

 

 

 

 

68

 

 

 

 

 

 

 

69

 

 

 

 

 

 

 

70

 

 

 

 

 

 

 

71

 

 

 

 

 

 

 

72

 

 

 

 

 

 

 

73

 

 

 

 

 

 

 

74

 

 

 

 

 

 

 

75

 

 

 

 

 

 

 

76

 

 

 

 

 

 

 

77

 

 

 

 

 

 

 

78

 

 

 

 

 

 

 

79

 

 

 

 

 

 

 

80

 

 

 

 

 

 

 

81

 

 

 

 

 

 

 

82

 

 

 

 

 

 

 

83

 

 

 

 

 

 

 

84

 

 

 

 

 

 

 

85

 

 

 

 

 

 

 

86

 

 

 

 

 

 

 

87

 

 

 

 

 

 

 

88

 

 

 

 

 

 

 

89

 

 

 

 

 

 

 

90

 

 

 

 

 

 

 

91

 

 

 

 

 

 

 

92

 

 

 

 

 

 

 

93

 

 

 

 

 

 

 

94

 

 

 

 

 

 

 

95

 

 

 

 

 

 

 

96

 

 

 

 

 

 

 

97

 

 

 

 

 

 

 

98

 

 

 

 

 

 

 

99

 

 

 

 

 

 

 

100

 

 

 

 

 

 

 

101

 

 

 

 

 

 

 

102

 

 

 

 

 

 

 

103

 

 

 

 

 

 

 

104

 

 

 

 

 

 

 

105

 

 

 

 

 

 

 

106

 

 

 

 

 

 

 

107

 

 

 

 

 

 

 

108

 

 

 

 

 

 

 

109

 

 

 

 

 

 

 

110

 

 

 

 

 

 

 

111

 

 

 

 

 

 

 

112

 

 

 

 

 

 

 

113

 

 

 

 

 

 

 

114

 

 

 

 

 

 

 

 Ma d’altra parte l’assediate genti

speme miglior conforta e rassecura,

ch’oltra il cibo raccolto altri alimenti

son lor dentro portati a notte oscura,

ed han munite d’arme e d’instrumenti

di guerra verso l’Aquilon le mura,

che d’altezza accresciute e sode e grosse

non mostran di temer d’urti o di scosse.

 E ’l re pur sempre queste parti e quelle

lor fa inalzare e rafforzare i fianchi,

o l’aureo sol risplenda od a le stelle

ed a la luna il fosco ciel s’imbianchi;

e in far continuamente arme novelle

sudano i fabri affaticati e stanchi.

In sí fatto apparecchio intolerante

a lui se ’n venne, e ragionolli Argante:

 "E insino a quando ci terrai prigioni

fra queste mura in vile assedio e lento?

Odo ben io stridere incudi, e suoni

d’elmi e di scudi e di corazze sento,

ma non veggio a quel uso; e quei ladroni

scorrono i campi e i borghi a lor talento,

né v’è di noi chi mai lor passo arresti,

né tromba che dal sonno almen gli desti.

 A lor né i prandi mai turbati e rotti,

né molestate son le cene liete,

anzi egualmente i dí lunghi e le notti

traggon con securezza e con quiete.

Voi da i disagi e da la fame indotti

a darvi vinti a lungo andar sarete

od a morirne qui, come codardi,

quando d’Egitto pur l’aiuto tardi.

 Io per me non vuo’ già ch’ignobil morte

i giorni miei d’oscuro oblio ricopra,

né vuo’ ch’al novo dí fra queste porte

l’alma luce del sol chiuso mi scopra.

Di questo viver mio faccia la sorte

quel che già stabilito è là di sopra;

non farà già che senza oprar la spada

inglorioso e invendicato io cada.

 Ma quando pur del valor vostro usato

cosí non fosse in voi spento ogni seme,

non di morir pugnando ed onorato,

ma di vita e di palma anco avrei speme.

A incontrare i nemici e ’l nostro fato

andianne pur deliberati insieme,

ché spesso avien che ne’ maggior perigli

sono i piú audaci gli ottimi consigli.

 Ma se nel troppo osar tu non isperi,

né sei d’uscir con ogni squadra ardito,

procura almen che sia per duo guerrieri

questo tuo gran litigio or difinito.

E perch’accetti ancor piú volentieri

il capitan de’ Franchi il nostro invito,

l’arme egli scelga e ’l suo vantaggio toglia,

e le condizion formi a sua voglia.

 Ché se ’l nemico avrà due mani ed una

anima solo, ancor ch’audace e fera,

temer non déi, per isciagura alcuna,

che la ragion da me difesa pèra.

Pote in vece di fato e di fortuna

darti la destra mia vittoria intera,

ed a te se medesma or porge in pegno

che se ’l confidi in lei salvo è il tuo regno."

 Tacque, e rispose il re: "Giovene ardente,

se ben me vedi in grave età senile,

non sono al ferro queste man sí lente,

né sí quest’alma è neghittosa e vile

ch’anzi morir volesse ignobilmente

che di morte magnanima e gentile,

quando io temenza avessi o dubbio alcuno

de’ disagi ch’annunzii e del digiuno.

 Cessi Dio tanta infamia! Or quel ch’ad arte

nascondo altrui, vuo’ ch’a te sia palese.

Soliman di Nicea, che brama in parte

di vendicar le ricevute offese,

de gli Arabi le schiere erranti e sparte

raccolte ha fin dal libico paese,

e i nemici assalendo a l’aria nera

darne soccorso e vettovaglia spera.

 Tosto fia che qui giunga; or se fra tanto

son le nostre castella oppresse e serve,

non ce ne caglia, pur che ’l regal manto

e la mia nobil reggia io mi conserve.

Tu l’ardimento e questo ardore alquanto

tempra, per Dio, che ’n te soverchio ferve,

ed opportuna la stagione aspetta

a la tua gloria ed a la mia vendetta."

 Forte sdegnossi il saracino audace,

ch’era di Solimano emulo antico,

sí amaramente ora d’udir gli spiace

che tanto se ’n prometta il rege amico.

"A tuo senno" risponde "e guerra e pace

farai, signor: nulla di ciò piú dico.

S’indugi pure, e Soliman s’attenda;

ei, che perdé il suo regno, il tuo difenda.

 Vengane a te quasi celeste messo,

liberator del popolo pagano,

ch’io, quanto a me, bastar credo a me stesso,

e sol vuo’ libertà da questa mano.

Or nel riposo altrui siami concesso

ch’io ne discenda a guerreggiar nel piano:

privato cavalier, non tuo campione,

verrò co’ Franchi a singolar tenzone."

 Replica il re: "Se ben l’ire e la spada

dovresti riserbare a migliore uso,

che tu sfidi però, se ciò t’aggrada,

alcun guerrier nemico, io non ricuso."

Cosí gli disse, ed ei punto non bada:

"Va," dice ad un araldo "or colà giuso,

ed al duce de’ Franchi, udendo l’oste,

fa’ queste mie non picciole proposte:

 ch’un cavalier, che d’appiattarsi in questo

forte cinto di muri a sdegno prende,

brama di far con l’armi or manifesto

quanto la sua possanza oltra si stende;

e ch’a duello di venirne è presto

nel pian ch’è fra le mura e l’alte tende

per prova di valore, e che disfida

qual piú de’ Franchi in sua virtú si fida;

 e che non solo è di pugnare accinto

e con uno e con duo del campo ostile,

ma dopo il terzo, il quarto accetta e ’l quinto,

sia di vulgare stirpe o di gentile:

dia, se vuol, la franchigia, e serva il vinto

al vincitor come di guerra è stile."

Cosí gli impose, ed ei vestissi allotta

la purpurea de l’arme aurata cotta.

 E poi che giunse a la regal presenza

del principe Goffredo e de’ baroni,

chiese: "O signore, a i messaggier licenza

dassi tra voi di liberi sermoni?"

"Dassi," rispose il capitano "e senza

alcun timor la tua proposta esponi."

Riprese quegli: "Or si parrà se grata

o formidabil fia l’alta ambasciata."

 E seguí poscia, e la disfida espose

con parole magnifiche ed altere.

Fremer s’udiro, e si mostràr sdegnose

al suo parlar quelle feroci schiere;

e senza indugio il pio Buglion rispose:

"Dura impresa intraprende il cavaliere;

e tosto io creder vuo’ che glie ne incresca

sí che d’uopo non fia che ’l quinto n’esca.

 Ma venga in prova pur, che d’ogn’oltraggio

gli offero campo libero e securo;

e seco pugnerà senza vantaggio

alcun de’ miei campioni, e cosí giuro."

Tacque, e tornò il re d’arme al suo viaggio

per l’orme ch’al venir calcate furo,

e non ritenne il frettoloso passo

sin che non diè risposta al fier circasso.

 "Armati," dice "alto signor; che tardi?

la disfida accettata hanno i cristiani,

e d’affrontarsi teco i men gagliardi

mostran desio, non che i guerrier soprani.

E mille i’ vidi minacciosi sguardi,

e mille al ferro apparecchiate mani:

loco securo il duce a te concede."

Cosí gli dice; e l’arme esso richiede,

 e se ne cinge intorno e impaziente

di scenderne s’affretta a la campagna.

Disse a Clorinda il re, ch’era presente:

"Giusto non è ch’ei vada e tu rimagna.

Mille dunque con te di nostra gente

prendi in sua securezza, e l’accompagna;

ma vada inanzi a giusta pugna ei solo,

tu lunge alquanto a lui ritien lo stuolo."

 Tacque ciò detto; e poi che furo armati,

quei del chiuso n’uscivano a l’aperto,

e giva inanzi Argante e de gli usati

arnesi in su ’l cavallo era coperto.

Loco fu tra le mura e gli steccati

che nulla avea di diseguale e d’erto:

ampio e capace, e parea fatto ad arte

perch’egli fosse altrui campo di Marte.

 Ivi solo discese, ivi fermosse

in vista de’ nemici il fero Argante,

per gran cor, per gran corpo e per gran posse

superbo e minaccievole in sembiante,

qual Encelado in Flegra, o qual mostrosse

ne l’ima valle il filisteo gigante,

ma pur molti di lui tema non hanno,

ch’anco quanto sia forte a pien non sanno.

 Alcun però, dal pio Goffredo eletto

come il miglior, ancor non è fra molti.

Ben si vedean con desioso affetto

tutti gli occhi in Tancredi esser rivolti,

e dichiarato infra i miglior perfetto

dal favor manifesto era de’ volti;

e s’udia non oscuro anco il bisbiglio,

e l’approvava il capitan co ’l ciglio.

 Già cedea ciascun altro, e non secreto

era il volere omai del pio Buglione:

"Vanne," a lui disse "a te l’uscir non vieto,

e reprimi il furor di quel fellone."

E tutto in volto baldanzoso e lieto

per sí alto giudizio, il fer garzone

a lo scudier chiedea l’elmo e ’l cavallo,

poi seguito da molti uscia del vallo.

 Ed a quel largo pian fatto vicino,

ov’Argante l’attende, anco non era,

quando in leggiadro aspetto e pellegrino

s’offerse a gli occhi suoi l’alta guerriera.

Bianche via piú che neve in giogo alpino

avea le sopraveste, e la visiera

alta tenea dal volto; e sovra un’erta,

tutta, quanto ella è grande, era scoperta.

 Già non mira Tancredi ove il circasso

la spaventosa fronte al cielo estolle,

ma move il suo destrier con lento passo,

volgendo gli occhi ov’è colei su ’l colle;

poscia immobil si ferma, e pare un sasso:

gelido tutto fuor, ma dentro bolle.

Sol di mirar s’appaga, e di battaglia

sembiante fa che poco or piú gli caglia.

 Argante, che non vede alcun ch’in atto

dia segno ancor d’apparecchiarsi in giostra:

"Da desir di contesa io qui fui tratto";

grida "or chi viene inanzi, e meco giostra?"

L’altro, attonito quasi e stupefatto,

pur là s’affissa e nulla udir ben mostra.

Ottone inanzi allor spinse il destriero,

e ne l’arringo vòto entrò primiero.

 Questi un fu di color cui dianzi accese

di gir contra il pagano alto desio;

pur cedette a Tancredi, e ’n sella ascese

fra gli altri che seguírlo e seco uscio.

Or veggendo sue voglie altrove intese

e starne lui quasi al puguar restio,

prende, giovene audace e impaziente,

l’occasione offerta avidamente;

 e veloce cosí che tigre o pardo

va men ratto talor per la foresta,

corre a ferire il saracin gagliardo,

che d’altra parte la gran lancia arresta.

Si scote allor Tancredi, e dal suo tardo

pensier, quasi da un sonno, al fin si desta,

e grida ei ben: "La pugna è mia; rimanti."

Ma troppo Ottone è già trascorso inanti.

 Onde si ferma; e d’ira e di dispetto

avampa dentro, e fuor qual fiamma è rosso,

perch’ad onta si reca ed a difetto

ch’altri si sia primiero in giostra mosso.

Ma intanto a mezzo il corso in su l’elmetto

dal giovin forte è il saracin percosso;

egli a l’incontro a lui co ’l ferro nudo

fende l’usbergo, e pria rompe lo scudo.

 Cade il cristiano, e ben è il colpo acerbo,

poscia ch’avien che da l’arcion lo svella.

Ma il pagan di piú forza e di piú nerbo

non cade già, né pur si torce in sella;

indi con dispettoso atto superbo

sovra il caduto cavalier favella:

"Renditi vinto, e per tua gloria basti

che dir potrai che contra me pugnasti."

 "No," gli risponde Otton "fra noi non s’usa

cosí tosto depor l’arme e l’ardire;

altri del mio cader farà la scusa,

io vuo’ far la vendetta o qui morire."

In sembianza d’Aletto e di Medusa

freme il circasso, e par che fiamma spire:

"Conosci or" dice "il mio valor a prova,

poi che la cortesia sprezzar ti giova."

 Spinge il destrier in questo, e tutto oblia

quanto virtú cavaleresca chiede.

Fugge il franco l’incontro e si desvia,

e ’l destro fianco nel passar gli fiede,

ed è sí grave la percossa e ria

che ’l ferro sanguinoso indi ne riede;

ma che pro, se la piaga al vincitore

forza non toglie e giunge ira e furore?

 Argante il corridor dal corso affrena,

e indietro il volge; e cosí tosto è vòlto,

che se n’accorge il suo nemico a pena,

e d’un grand’urto a l’improviso è colto.

Tremar le gambe, e indebolir la lena,

sbigottir l’alma e impallidir il volto

fègli l’aspra percossa, e frale e stanco

sovra il duro terren battere il fianco.

 Ne l’ira Argante infellonisce, e strada

sovra il petto del vinto al destrier face;

e: "Cosí" grida "ogni superbo vada,

come costui che sotto i piè mi giace."

Ma l’invitto Tancredi allor non bada,

ché l’atto crudelissimo gli spiace,

e vuol che ’l suo valor con chiara emenda

copra il suo fallo e, come suol, risplenda.

 Fassi inanzi gridando: "Anima vile,

che ancor ne le vittorie infame sei,

qual titolo di laude alto e gentile

da modi attendi sí scortesi e rei?

Fra i ladroni d’Arabia o fra simíle

barbara turba avezzo esser tu déi.

Fuggi la luce, e va’ con l’altre belve

a incrudelir ne’ monti e tra le selve."

 Tacque; e ’l pagano, al sofferir poco uso,

morde le labra e di furor si strugge.

Risponder vuol, ma il suono esce confuso

sí come strido d’animal che rugge;

o come apre le nubi ond’egli è chiuso

impetuoso il fulmine, e se ’n fugge,

cosí pareva a forza ogni suo detto

tonando uscir da l’infiammato petto.

 Ma poi ch’in ambo il minacciar feroce

a vicenda irritò l’orgoglio e l’ira,

l’un come l’altro rapido e veloce,

spazio al corso prendendo, il destrier gira.

Or qui, Musa, rinforza in me la voce,

e furor pari a quel furor m’inspira,

sí che non sian de l’opre indegni i carmi

ed esprima il mio canto il suon de l’armi.

 Posero in resta e dirizzaro in alto

i duo guerrier le noderose antenne;

né fu di corso mai, né fu di salto,

né fu mai tal velocità di penne,

né furia eguale a quella ond’a l’assalto

quinci Tancredi e quindi Argante venne.

Rupper l’aste su gli elmi, e volàr mille

tronconi e scheggie e lucide faville.

 Sol de i colpi il rimbombo intorno mosse

l’immobil terra, e risonàrne i monti;

ma l’impeto e ’l furor de le percosse

nulla piegò de le superbe fronti.

L’uno e l’altro cavallo in guisa urtosse

che non fur poi cadendo a sorger pronti.

Tratte le spade, i gran mastri di guerra

lasciàr le staffe e i piè fermaro in terra.

 Cautamente ciascuno a i colpi move

la destra, a i guardi l’occhio, a i passi il piede;

si reca in atti vari, in guardie nove:

or gira intorno, or cresce inanzi, or cede,

or qui ferire accenna e poscia altrove,

dove non minacciò ferir si vede,

or di sé discoprire alcuna parte

e tentar di schernir l’arte con l’arte.

 De la spada Tancredi e de lo scudo

mal guardato al pagan dimostra il fianco;

corre egli per ferirlo, e intanto nudo

di riparo si lascia il lato manco.

Tancredi con un colpo il ferro crudo

del nemico ribatte, e lui fère anco;

né poi, ciò fatto, in ritirarsi tarda,

ma si raccoglie e si restringe in guarda.

 Il fero Argante, che se stesso mira

del proprio sangue suo macchiato e molle,

con insolito orror freme e sospira,

di cruccio e di dolor turbato e folle;

e portato da l’impeto e da l’ira,

con la voce la spada insieme estolle,

e torna per ferire, ed è di punta

piagato ov’è la spalla al braccio giunta.

 Qual ne l’alpestri selve orsa, che senta

duro spiedo nel fianco, in rabbia monta,

e contra l’arme se medesma aventa

e i perigli e la morte audace affronta,

tale il circasso indomito diventa:

giunta or piaga a la piaga, ed onta a l’onta,

e la vendetta far tanto desia

che sprezza i rischi e le difese oblia.

 E congiungendo a temerario ardire

estrema forza e infaticabil lena,

vien che sí impetuoso il ferro gire

che ne trema la terra e ’l ciel balena;

né tempo ha l’altro ond’un sol colpo tire,

onde si copra, onde respiri a pena,

né schermo v’è ch’assecurar il possa

da la fretta d’Argante e da la possa.

 Tancredi, in sé raccolto, attende in vano

che de’ gran colpi la tempesta passi.

Or v’oppon le difese, ed or lontano

se ’n va co’ giri e co’ veloci passi;

ma poi che non s’allenta il fer pagano,

è forza al fin che trasportar si lassi,

e cruccioso egli ancor con quanta pote

violenza maggior la spada rote.

 Vinta da l’ira è la ragione e l’arte,

e le forze il furor ministra e cresce.

Sempre che scende, il ferro o fòra o parte

o piastra o maglia, e colpo in van non esce.

Sparsa è d’arme la terra, e l’arme sparte

di sangue, e ’l sangue co ’l sudor si mesce.

Lampo nel fiammeggiar, nel romor tuono,

fulmini nel ferir le spade sono.

 Questo popolo e quello incerto pende

da sí nuovo spettacolo ed atroce,

e fra tema e speranza il fin n’attende,

mirando or ciò che giova, or ciò che noce;

e non si vede pur, né pur s’intende

picciol cenno fra tanti o bassa voce,

ma se ne sta ciascun tacito e immoto,

se non se in quanto ha il cor tremante in moto.

 Già lassi erano entrambi, e giunti forse

sarian pugnando ad immaturo fine,

ma sí oscura la notte intanto sorse

che nascondea le cose anco vicine.

Quinci un araldo e quindi un altro accorse

per dipartirli, e li partiro al fine.

L’uno è il franco Arideo, Pindoro è l’altro,

che portò la disfida, uom saggio e scaltro.

 I pacifici scettri osàr costoro

fra le spade interpor de’ combattenti,

con quella securtà che porgea loro

l’antichissima legge de le genti.

"Sète, o guerrieri," incominciò Pindoro

"con pari onor, di pari ambo possenti;

dunque cessi la pugna, e non sian rotte

le ragioni e ’l riposo de la notte.

 Tempo è da travagliar mentre il sol dura,

ma ne la notte ogni animale ha pace,

e generoso cor non molto cura

notturno pregio che s’asconde e tace."

Risponde Argante: "A me per ombra oscura

la mia battaglia abbandonar non piace,

ben avrei caro il testimon del giorno!

Ma che giuri costui di far ritorno!"

 Soggiunse l’altro allora: "E tu prometti

di tornar rimenando il tuo prigione,

perch’altrimenti non fia mai ch’aspetti

per la nostra contesa altra stagione."

Cosí giuraro; e poi gli araldi, eletti

a prescriver il tempo a la tenzone,

per dare spazio a le lor piaghe onesto,

stabiliro il mattin del giorno sesto.

 Lasciò la pugna orribile nel core

de’ saracini e de’ fedeli impressa

un’alta meraviglia ed un orrore

che per lunga stagione in lor non cessa.

Sol de l’ardir si parla e del valore

che l’un guerriero e l’altro ha mostro in essa,

ma qual si debbia di lor due preporre,

vario e discorde il vulgo in sé discorre;

 e sta sospeso in aspettando quale

avrà la fera lite avenimento,

e se ’l furore a la virtú prevale

o se cede l’audacia a l’ardimento.

Ma piú di ciascun altro a cui ne cale,

la bella Erminia n’ha cura e tormento,

che da i giudizi de l’incerto Marte

vede pender di sé la miglior parte.

 Costei, che figlia fu del re Cassano

che d’Antiochia già l’imperio tenne,

preso il suo regno, al vincitor cristiano

fra l’altre prede anch’ella in poter venne.

Ma fulle in guisa allor Tancredi umano

che nulla ingiuria in sua balia sostenne;

ed onorata fu, ne la ruina

de l’alta patria sua, come reina.

 L’onorò, la serví, di libertate

dono le fece il cavaliero egregio,

e le furo da lui tutte lasciate

le gemme e gli ori e ciò ch’avea di pregio.

Ella vedendo in giovanetta etate

e in leggiadri sembianti animo regio,

restò presa d’Amor, che mai non strinse

laccio di quel piú fermo onde lei cinse.

 Cosí se ’l corpo libertà riebbe,

fu l’alma sempre in servitute astretta.

Ben molto a lei d’abbandonar increbbe

il signor caro e la prigion diletta;

ma l’onestà regal, che mai non debbe

da magnanima donna esser negletta,

la costrinse a partirsi, e con l’antica

madre a ricoverarsi in terra amica.

 Venne a Gierusalemme, e quivi accolta

fu dal tiranno del paese ebreo;

ma tosto pianse in nere spoglie avolta

de la sua genitrice il fato reo.

Pur né ’l duol che le sia per morte tolta,

né l’essiglio infelice, unqua poteo

l’amoroso desio sveller dal core,

né favilla ammorzar di tanto ardore.

 Ama ed arde la misera, e sí poco

in tale stato che sperar le avanza

che nudrisce nel sen l’occulto foco

di memoria via piú che di speranza;

e quanto è chiuso in piú secreto loco,

tanto ha l’incendio suo maggior possanza.

Tancredi al fine a risvegliar sua spene

sovra Gierusalemme ad oste viene.

 Sbigottír gli altri a l’apparir di tante

nazioni, e sí indomite e sí fere;

fe’ sereno ella il torbido sembiante

e lieta vagheggiò le squadre altere,

e con avidi sguardi il caro amante

cercando gio fra quelle armate schiere.

Cercollo in van sovente ed anco spesso:

"Eccolo" disse, e ’l riconobbe espresso.

 Nel palagio regal sublime sorge

antica torre assai presso a le mura,

da la cui sommità tutta si scorge

l’oste cristiana, e ’l monte e la pianura.

Quivi, da che il suo lume il sol ne porge

in sin che poi la notte il mondo oscura,

s’asside, e gli occhi verso il campo gira

e co’ pensieri suoi parla e sospira.

 Quinci vide la pugna, e ’l cor nel petto

sentí tremarsi in quel punto sí forte

che parea che dicesse: "Il tuo diletto

è quegli là ch’in rischio è de la morte."

Cosí d’angoscia piena e di sospetto

mirò i successi de la dubbia sorte,

e sempre che la spada il pagan mosse,

sentí ne l’alma il ferro e le percosse.

 Ma poi ch’il vero intese, e intese ancora

che dée l’aspra tenzon rinovellarsi,

insolito timor cosí l’accora

che sente il sangue suo di ghiaccio farsi.

Talor secrete lagrime e talora

sono occulti da lei gemiti sparsi:

pallida, essangue e sbigottita in atto,

lo spavento e ’l dolor v’avea ritratto.

 Con orribile imago il suo pensiero

ad or ad or la turba e la sgomenta,

e via piú che la morte il sonno è fero,

sí strane larve il sogno le appresenta.

Parle veder l’amato cavaliero

lacero e sanguinoso, e par che senta

ch’egli aita le chieda; e desta intanto,

si trova gli occhi e ’l sen molle di pianto.

 Né sol la tema di futuro danno

con sollecito moto il cor le scote,

ma de le piaghe ch’egli avea l’affanno

è cagion che quetar l’alma non pote;

e i fallaci romor, ch’intorno vanno,

crescon le cose incognite e remote,

sí ch’ella avisa che vicino a morte

giaccia oppresso languendo il guerrier forte.

 E però ch’ella da la madre apprese

qual piú secreta sia virtú de l’erbe,

e con quai carmi ne le membra offese

sani ogni piaga e ’l duol si disacerbe

(arte che per usanza in quel paese

ne le figlie de i re par che si serbe),

vorria di sua man propria a le ferute

del suo caro signor recar salute.

 Ella l’amato medicar dasia,

e curar il nemico a lei conviene;

pensa talor d’erba nocente e ria

succo sparger in lui che l’avelene,

ma schiva poi la man vergine e pia

trattar l’arti maligne, e se n’astiene.

Brama ella almen ch’in uso tal sia vòta

di sua virtude ogn’erba ed ogni nota.

 Né già d’andar fra la nemica gente

temenza avria, ché peregrina era ita,

e viste guerre e stragi avea sovente,

e scorsa dubbia e faticosa vita,

sí che per l’uso la feminea mente

sovra la sua natura è fatta ardita,

e di leggier non si conturba e pave

ad ogni imagin di terror men grave.

 Ma piú ch’altra cagion, dal molle seno

sgombra Amor temerario ogni paura,

e crederia fra l’ugne e fra ’l veneno

de l’africane belve andar secura;

pur se non de la vita, avere almeno

de la sua fama dée temenza e cura,

e fan dubbia contesa entro al suo core

duo potenti nemici, Onore e Amore.

 L’un cosí le ragiona: "O verginella,

che le mie leggi insino ad or serbasti,

io mentre ch’eri de’ nemici ancella

ti conservai la mente e i membri casti;

e tu libera or vuoi perder la bella

verginità ch’in prigionia guardasti?

Ahi! nel tenero cor questi pensieri

chi svegliar può? che pensi, oimè? che speri?

 Dunque il titolo tu d’esser pudica

sí poco stimi, e d’onestate il pregio,

che te n’andrai fra nazion nemica,

notturna amante, a ricercar dispregio?

Onde il superbo vincitor ti dica:

`Perdesti il regno, e in un l’animo regio;

non sei di me tu degna’, e ti conceda

vulgare a gli altri e mal gradita preda."

 Da l’altra parte, il consiglier fallace

con tai lusinghe al suo piacer l’alletta:

"Nata non sei tu già d’orsa vorace,

né d’aspro e freddo scoglio, o giovanetta,

ch’abbia a sprezzar d’Amor l’arco e la face

ed a fuggir ognor quel che diletta,

né petto hai tu di ferro o di diamante

che vergogna ti sia l’esser amante.

 Deh! vanne omai dove il desio t’invoglia.

Ma qual ti fingi vincitor crudele?

Non sai com’egli al tuo doler si doglia,

come compianga al pianto, a le querele?

Crudel sei tu, che con sí pigra voglia

movi a portar salute al tuo fedele.

Langue, o fera ed ingrata, il pio Tancredi,

e tu de l’altrui vita a cura siedi!

 Sana tu pur Argante, acciò che poi

il tuo liberator sia spinto a morte:

cosí disciolti avrai gli obblighi tuoi,

e sí bel premio fia ch’ei ne riporte.

È possibil però che non t’annoi

quest’empio ministero or cosí forte

che la noia non basti e l’orror solo

a far che tu di qua te ’n fugga a volo?

 Deh! ben fòra, a l’incontra, ufficio umano,

e ben n’avresti tu gioia e diletto,

se la pietosa tua medica mano

avicinassi al valoroso petto;

ché per te fatto il tuo signor poi sano

colorirebbe il suo smarrito aspetto,

e le bellezze sue, che spente or sono,

vagheggiaresti in lui quasi tuo dono.

 Parte ancor poi ne le sue lodi avresti,

e ne l’opre ch’ei fèsse alte e famose,

ond’egli te d’abbracciamenti onesti

faria lieta, e di nozze aventurose.

Poi mostra a dito ed onorata andresti

fra le madri latine e fra le spose

là ne la bella Italia, ov’è la sede

del valor vero e de la vera fede."

 Da tai speranze lusingata (ahi stolta!)

somma felicitate a sé figura;

ma pur si trova in mille dubbi avolta

come partir si possa indi secura,

perché vegghian le guardie e sempre in volta

van di fuori al palagio e su le mura,

né porta alcuna, in tal rischio di guerra,

senza grave cagion mai si disserra.

 Soleva Erminia in compagnia sovente

de la guerriera far lunga dimora.

Seco la vide il sol da l’occidente,

seco la vide la novella aurora;

e quando son del dí le luci spente,

un sol letto le accolse ambe talora:

e null’altro pensier che l’amoroso

l’una vergine a l’altra avrebbe ascoso.

 Questo sol tiene Erminia a lei secreto

e s’udita da lei talor si lagna,

reca ad altra cagion del cor non lieto

gli affetti, e par che di sua sorte piagna.

Or in tanta amistà senza divieto

venir sempre ne pote a la campagna,

né stanza al giunger suo giamai si serra,

siavi Clorinda, o sia in consiglio o ’n guerra.

 Vennevi un giorno ch’ella in altra parte

si ritrovava, e si fermò pensosa,

pur tra sé rivolgendo i modi e l’arte

de la bramata sua partenza ascosa.

Mentre in vari pensier divide e parte

l’incerto animo suo che non ha posa,

sospese di Clorinda in alto mira

l’arme e le sopraveste: allor sospira.

 E tra sé dice sospirando: "O quanto

beata è la fortissima donzella!

quant’io la invidio! e non l’invidio il vanto

o ’l feminil onor de l’esser bella.

A lei non tarda i passi il lungo manto,

né ’l suo valor rinchiude invida cella,

ma veste l’armi, e se d’uscirne agogna,

vassene e non la tien tema o vergogna.

 Ah perché forti a me natura e ’l cielo

altrettanto non fèr le membra e ’l petto,

onde potessi anch’io la gonna e ’l velo

cangiar ne la corazza e ne l’elmetto?

Ché sí non riterrebbe arsura o gelo,

non turbo o pioggia il mio infiammato affetto,

ch’al sol non fossi ed al notturno lampo,

accompagnata o sola, armata in campo.

 Già non avresti, o dispietato Argante,

co ’l mio signor pugnato tu primiero,

ch’io sarei corsa ad incontrarlo inante;

e forse or fòra qui mio prigionero

e sosterria da la nemica amante

giogo di servitú dolce e leggiero,

e già per li suoi nodi i’ sentirei

fatti soavi e alleggeriti i miei.

 O vero a me da la sua destra il fianco

sendo percosso, e riaperto il core,

pur risanata in cotal guisa almanco

colpo di ferro avria piaga d’Amore;

ed or la mente in pace e ’l corpo stanco

riposariansi, e forse il vincitore

degnato avrebbe il mio cenere e l’ossa

d’alcun onor di lagrime e di fossa.

 Ma lassa! i’ bramo non possibil cosa,

e tra folli pensier in van m’avolgo;

io mi starò qui timida e dogliosa

com’una pur del vil femineo volgo.

Ah! non starò: cor mio, confida ed osa.

Perch’una volta anch’io l’arme non tolgo?

perché per breve spazio non potrolle

sostener, benché sia debile e molle?

 Sí potrò, sí, ché mi farà possente

a tolerarne il peso Amor tiranno,

da cui spronati ancor s’arman sovente

d’ardire i cervi imbelli e guerra fanno.

Io guerreggiar non già, vuo’ solamente

far con quest’armi un ingegnoso inganno:

finger mi vuo’ Clorinda; e ricoperta

sotto l’imagin sua, d’uscir son certa.

 Non ardirieno a lei far i custodi

de l’alte porte resistenza alcuna.

Io pur ripenso, e non veggio altri modi:

aperta è, credo, questa via sol una.

Or favorisca l’innocenti frodi

Amor che le m’inspira e la Fortuna.

E ben al mio partir commoda è l’ora,

mentre co ’l re Clorinda anco dimora."

 Cosí risolve; e stimolata e punta

da le furie d’Amor, piú non aspetta,

ma da quella a la sua stanza congiunta

l’arme involate di portar s’affretta.

E far lo può, ché quando ivi fu giunta,

diè loco ogn’altro, e si restò soletta;

e la notte i suoi furti ancor copria,

ch’a i ladri amica ed a gli amanti uscia.

 Essa veggendo il ciel d’alcuna stella

già sparso intorno divenir piú nero,

senza fraporvi alcuno indugio appella

secretamente un suo fedel scudiero

ed una sua leal diletta ancella,

e parte scopre lor del suo pensiero.

Scopre il disegno de la fuga, e finge

ch’altra cagion a dipartir l’astringe.

 Lo scudiero fedel súbito appresta

ciò ch’al lor uopo necessario crede.

Erminia intanto la pomposa vesta

si spoglia, che le scende insino al piede,

e in ischietto vestir leggiadra resta

e snella sí ch’ogni credenza eccede;

né, trattane colei ch’a la partita

scelta s’avea, compagna altra l’aita.

 Co ’l durissimo acciar preme ed offende

il delicato collo e l’aurea chioma,

e la tenera man lo scudo prende,

pur troppo grave e insopportabil soma.

Cosí tutta di ferro intorno splende,

e in atto militar se stessa doma.

Gode Amor ch’è presente, e tra sé ride,

come allor già ch’avolse in gonna Alcide.

 Oh! con quanta fatica ella sostiene

l’inegual peso e move lenti i passi,

ed a la fida compagnia s’attiene

che per appoggio andar dinanzi fassi.

Ma rinforzan gli spirti Amore e spene

e ministran vigore a i membri lassi,

sí che giungono al loco ove le aspetta

lo scudiero, e in arcion sagliono in fretta.

 Travestiti ne vanno, e la piú ascosa

e piú riposta via prendono ad arte,

pur s’avengono in molti e l’aria ombrosa

veggon lucer di ferro in ogni parte;

ma impedir lor viaggio alcun non osa,

e cedendo il sentier ne va in disparte,

ché quel candido ammanto e la temuta

insegna anco ne l’ombra è conosciuta.

 Erminia, benché quinci alquanto sceme

del dubbio suo, non va però secura,

ché d’essere scoperta a la fin teme

e del suo troppo ardir sente or paura;

ma pur, giunta a la porta, il timor preme

ed inganna colui che n’ha la cura.

"Io son Clorinda," disse "apri la porta,

ché ’l re m’invia dove l’andare importa."

 La voce feminil sembiante a quella

de la guerriera agevola l’inganno

(chi crederia veder armata in sella

una de l’altre ch’arme oprar non sanno?),

sí che ’l portier tosto ubidisce, ed ella

n’esce veloce e i duo che seco vanno;

e per lor securezza entro le valli

calando prendon lunghi obliqui calli.

 Ma poi ch’Erminia in solitaria ed ima

parte si vede, alquanto il corso allenta,

ch’i primi rischi aver passati estima,

né d’esser ritenuta omai paventa.

Or pensa a quello a che pensato in prima

non bene aveva; ed or le s’appresenta

difficil piú ch’a lei non fu mostrata

dal frettoloso suo desir, l’entrata.

 Vede or che sotto il militar sembiante

ir tra feri nemici è gran follia;

né d’altra parte palesarsi, inante

ch’al suo signor giungesse, altrui vorria.

A lui secreta ed improvisa amante

con secura onestà giunger desia;

onde si ferma, e da miglior pensiero

fatta piú cauta parla al suo scudiero:

 "Essere, o mio fedele, a te conviene

mio precursor, ma sii pronto e sagace.

Vattene al campo, e fa’ ch’alcun ti mene

e t’introduca ove Tancredi giace,

a cui dirai che donna a lui ne viene

che gli apporta salute e chiede pace:

pace, poscia ch’Amor guerra mi move,

ond’ei salute, io refrigerio trove;

 e ch’essa ha in lui sí certa e viva fede

ch’in suo poter non teme onta né scorno.

Di’ sol questo a lui solo; e s’altro ei chiede,

di’ non saperlo e affretta il tuo ritorno.

Io (ché questa mi par secura sede)

in questo mezzo qui farò soggiorno."

Cosí disse la donna, e quel leale

gía veloce cosí come avesse ale.

 E ’n guisa oprar sapea, ch’amicamente

entro a i chiusi ripari era raccolto,

e poi condotto al cavalier giacente,

che l’ambasciata udia con lieto volto;

e già lasciando ei lui, che ne la mente

mille dubbi pensier avea rivolto,

ne riportava a lei dolce risposta:

ch’entrar potrà, quando piú lice, ascosta.

 Ma ella intanto impaziente, a cui

troppo ogni indugio par noioso e greve,

numera fra se stessa i passi altrui

e pensa: "or giunge, or entra, or tornar deve."

E già le sembra, e se ne duol, colui

men del solito assai spedito e leve.

Spingesi al fine inanti, e ’n parte ascende

onde comincia a discoprir le tende.

 Era la notte, e ’l suo stellato velo

chiaro spiegava e senza nube alcuna

e già spargea rai luminosi e gelo

di vive perle la sorgente luna.

L’innamorata donna iva co ’l cielo

le sue fiamme sfogando ad una ad una,

e secretari del suo amore antico

fea i muti campi e quel silenzio amico.

 Poi rimirando il campo ella dicea:

"O belle a gli occhi miei tende latine!

Aura spira da voi che mi ricrea

e mi conforta pur che m’avicine;

cosí a mia vita combattuta e rea

qualche onesto riposo il Ciel destine,

come in voi solo il cerco, e solo parmi

che trovar pace io possa in mezzo a l’armi.

 Raccogliete me dunque, e in voi si trove

quella pietà che mi promise Amore

e ch’io già vidi, prigioniera altrove,

nel mansueto mio dolce signore.

Né già desio di racquistar mi move

co ’l favor vostro il mio regale onore;

quando ciò non avenga, assai felice

io mi terrò se ’n voi servir mi lice."

 Cosí parla costei, che non prevede

qual dolente fortuna a lei s’appreste.

Ella era in parte ove per dritto fiede

l’armi sue terse il bel raggio celeste,

sí che da lunge il lampo lor si vede

co ’l bel candor che le circonda e veste,

e la gran tigre ne l’argento impressa

fiammeggia sí ch’ognun direbbe: "È dessa."

 Come volle sua sorte, assai vicini

molti guerrier disposti avean gli aguati;

e n’eran duci duo fratei latini,

Alcandro e Poliferno, e fur mandati

per impedir che dentro a i saracini

greggie non siano e non sian buoi menati;

e se ’l servo passò, fu perché torse

piú lunge il passo e rapido trascorse.

 Al giovin Poliferno, a cui fu il padre

su gli occhi suoi già da Clorinda ucciso,

viste le spoglie candide e leggiadre,

fu di veder l’alta guerriera aviso,

e contra le irritò l’occulte squadre;

né frenando del cor moto improviso

(com’era in suo furor súbito e folle)

gridò: "Sei morta", e l’asta in van lanciolle.

  come cerva ch’assetata il passo

mova a cercar d’acque lucenti e vive,

ove un bel fonte distillar da un sasso

o vide un fiume tra frondose rive,

s’incontra i cani allor che ’l corpo lasso

ristorar crede a l’onde, a l’ombre estive,

volge indietro fuggendo, e la paura

la stanchezza obliar face e l’arsura;

 cosí costei, che de l’amor la sete,

onde l’infermo core è sempre ardente,

spegner ne l’accoglienze oneste e liete

credeva, e riposar la stanca mente,

or che contra gli vien chi glie ’l diviete,

e ’l suon del ferro e le minaccie sente,

se stessa e ’l suo desir primo abbandona

e ’l veloce destrier timida sprona.

 Fugge Erminia infelice, e ’l suo destriero

con prontissimo piede il suol calpesta.

Fugge ancor l’altra donna, e lor quel fero

con molti armati di seguir non resta.

Ecco che da le tende il buon scudiero

con la tarda novella arriva in questa,

e l’altrui fuga ancor dubbio accompagna,

e gli sparge il timor per la campagna.

 Ma il piú saggio fratello, il quale anch’esso

la non vera Clorinda avea veduto,

non la volle seguir, ch’era men presso,

ma ne l’insidie sue s’è ritenuto;

e mandò con l’aviso al campo un messo

che non armento od animal lanuto,

né preda altra simíl, ma ch’è seguita

dal suo german Clorinda impaurita;

 e ch’ei non crede già, né ’l vuol ragione,

ch’ella, ch’è duce e non è sol guerriera,

elegga a l’uscir suo tale stagione

per opportunità che sia leggiera;

ma giudichi e comandi il pio Buglione,

egli farà ciò che da lui s’impera.

Giunge al campo tal nova, e se ne intende

il primo suon ne le latine tende.

 Tancredi, cui dinanzi il cor sospese

quell’aviso primiero, udendo or questo,

pensa: "Deh! forse a me venia cortese,

e ’n periglio è per me", né pensa al resto.

E parte prende sol del grave arnese,

monta a cavallo e tacito esce e presto;

e seguendo gli indizi e l’orme nove

rapidamente a tutto corso il move.

 

 

 

 

5

 

 

 

 

10

 

 

 

 

15

 

 

 

 

20

 

 

 

 

25

 

 

 

 

30

 

 

 

 

35

 

 

 

 

40

 

 

 

 

45

 

 

 

 

50

 

 

 

 

55

 

 

 

 

60

 

 

 

 

65

 

 

 

 

70

 

 

 

 

75

 

 

 

 

80

 

 

 

 

85

 

 

 

 

90

 

 

 

 

95

 

 

 

 

100

 

 

 

 

105

 

 

 

 

110

 

 

 

 

115

 

 

 

 

120

 

 

 

 

125

 

 

 

 

130

 

 

 

 

135

 

 

 

 

140

 

 

 

 

145

 

 

 

 

150

 

 

 

 

155

 

 

 

 

160

 

 

 

 

165

 

 

 

 

170

 

 

 

 

175

 

 

 

 

180

 

 

 

 

185

 

 

 

 

190

 

 

 

 

195

 

 

 

 

200

 

 

 

 

205

 

 

 

 

210

 

 

 

 

215

 

 

 

 

220

 

 

 

 

225

 

 

 

 

230

 

 

 

 

235

 

 

 

 

240

 

 

 

 

245

 

 

 

 

250

 

 

 

 

255

 

 

 

 

260

 

 

 

 

265

 

 

 

 

270

 

 

 

 

275

 

 

 

 

280

 

 

 

 

285

 

 

 

 

290

 

 

 

 

295

 

 

 

 

300

 

 

 

 

305

 

 

 

 

310

 

 

 

 

315

 

 

 

 

320

 

 

 

 

325

 

 

 

 

330

 

 

 

 

335

 

 

 

 

340

 

 

 

 

345

 

 

 

 

350

 

 

 

 

355

 

 

 

 

360

 

 

 

 

365

 

 

 

 

370

 

 

 

 

375

 

 

 

 

380

 

 

 

 

385

 

 

 

 

390

 

 

 

 

395

 

 

 

 

400

 

 

 

 

405

 

 

 

 

410

 

 

 

 

415

 

 

 

 

420

 

 

 

 

425

 

 

 

 

430

 

 

 

 

435

 

 

 

 

440

 

 

 

 

445

 

 

 

 

450

 

 

 

 

455

 

 

 

 

460

 

 

 

 

465

 

 

 

 

470

 

 

 

 

475

 

 

 

 

480

 

 

 

 

485

 

 

 

 

490

 

 

 

 

495

 

 

 

 

500

 

 

 

 

505

 

 

 

 

510

 

 

 

 

515

 

 

 

 

520

 

 

 

 

525

 

 

 

 

530

 

 

 

 

535

 

 

 

 

540

 

 

 

 

545

 

 

 

 

550

 

 

 

 

555

 

 

 

 

560

 

 

 

 

565

 

 

 

 

570

 

 

 

 

575

 

 

 

 

580

 

 

 

 

585

 

 

 

 

590

 

 

 

 

595

 

 

 

 

600

 

 

 

 

605

 

 

 

 

610

 

 

 

 

615

 

 

 

 

620

 

 

 

 

625

 

 

 

 

630

 

 

 

 

635

 

 

 

 

640

 

 

 

 

645

 

 

 

 

650

 

 

 

 

655

 

 

 

 

660

 

 

 

 

665

 

 

 

 

670

 

 

 

 

675

 

 

 

 

680

 

 

 

 

685

 

 

 

 

690

 

 

 

 

695

 

 

 

 

700

 

 

 

 

705

 

 

 

 

710

 

 

 

 

715

 

 

 

 

720

 

 

 

 

725

 

 

 

 

730

 

 

 

 

735

 

 

 

 

740

 

 

 

 

745

 

 

 

 

750

 

 

 

 

755

 

 

 

 

760

 

 

 

 

765

 

 

 

 

770

 

 

 

 

775

 

 

 

 

780

 

 

 

 

785

 

 

 

 

790

 

 

 

 

795

 

 

 

 

800

 

 

 

 

805

 

 

 

 

810

 

 

 

 

815

 

 

 

 

820

 

 

 

 

825

 

 

 

 

830

 

 

 

 

835

 

 

 

 

840

 

 

 

 

845

 

 

 

 

850

 

 

 

 

855

 

 

 

 

860

 

 

 

 

865

 

 

 

 

870

 

 

 

 

875

 

 

 

 

880

 

 

 

 

885

 

 

 

 

890

 

 

 

 

895

 

 

 

 

900

 

 

 

 

905

 

 

 

 

910

 

 Indice

01 - 02 - 03 - 04 - 05 - 06 - 07 - 08 - 09 - 10

 

11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20

Indice Biblioteca ProgettoTasso Indice Gerusalemme Liberata

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 04 ottobre 2009