Torquato Tasso

La Gerusalemme Liberata

POEMA DEL SIGNOR TORQUATO TASSO

AL SERENISSIMO SIGNORE

IL SIGNOR DONNO ALFONSO II D’ESTE DUCA DI FERRARA

Edizione di riferimento

Torquato Tasso, Gerusalemme Liberata, a cura di Lanfranco Caretti, Collana "I Meridiani", Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1976 - L’edizione riprende quella de "I classici Mondadori (Milano 1957

Le ottave introduttive sono tratte dall’edizione fiorentina del MDCCCXXIV dell’Editore Giuseppe Molini

CANTO QUINTO

Goffredo dispone che i cavalieri di ventura eleggano un capo in sostituzione di Dudone. Eustazio astutamente chiede a Rinaldo di diventarne il capo, sperando che questi avrebbe rifiutato di accompagnare Armida perché poca gloria ci sarebbe stata nel conquistare Damasco di notte e con l’inganno, anziché in battaglia. Ma Rinaldo non rifiuta e non accetta; allora Gernando chiede di essere scelto, parlando spinto da un maligno spirito infernale. Arde lo sdegno fra Rinaldo e Gernando, che vengono a contesa: nel combattimento Gernando viene ucciso. Davanti a Goffredo si apre una sorta di processo contro Rinaldo, che viene accusato da Arnalto e difeso da Tancredi. Se ne sdegna Goffredo e vuol punire l’uccisore; ma questi, per consiglio di Tancredi e di Guelfo, si allontana dal campo. Intanto Armida cerca di ammaliare altri cristiani spingendoli a seguirla facendoli innamorare; cerca anche con Goffredo e con Tancredi. Nel giorno stabilito Armida si presenta a Goffredo per ricevere il promesso aiuto; il Capitano fa scrivere i nomi dei cavalieri e li fa porre in un’urna da cui vengono estratti i dieci "fortunati" che partono con lei; ma altri, come Eustazio, la seguono. Mentre pensa ai danni che i Cavalieri potranno ricevere da questa avventura, a Goffredo appare un messo polveroso che annunzia l’arrivo dell’armata del re d’Egitto.

Argomento

Sdegna Gernando che Rinaldo aspire

Al grado, ov’egli esser assunto agogna:

Perciò ministro a se del suo morire,

Lui, che l’uccide poi, forte rampogna,

Va l’uccisor in bando: né patire

Vuol che catena, o ceppi altri gli pogna.

Parte Armida contenta; ma dal mare

Vengono al gran Buglion novelle amare.

 

1

 

 

 

 

 

 

 

2

 

 

 

 

 

 

 

3

 

 

 

 

 

 

 

4

 

 

 

 

 

 

 

5

 

 

 

 

 

 

 

6

 

 

 

 

 

 

 

7

 

 

 

 

 

 

 

8

 

 

 

 

 

 

 

9

 

 

 

 

 

 

 

10

 

 

 

 

 

 

 

11

 

 

 

 

 

 

 

12

 

 

 

 

 

 

 

13

 

 

 

 

 

 

 

14

 

 

 

 

 

 

 

15

 

 

 

 

 

 

 

16

 

 

 

 

 

 

 

17

 

 

 

 

 

 

 

18

 

 

 

 

 

 

 

19

 

 

 

 

 

 

 

20

 

 

 

 

 

 

 

21

 

 

 

 

 

 

 

22

 

 

 

 

 

 

 

23

 

 

 

 

 

 

 

24

 

 

 

 

 

 

 

25

 

 

 

 

 

 

 

26

 

 

 

 

 

 

 

27

 

 

 

 

 

 

 

28

 

 

 

 

 

 

 

29

 

 

 

 

 

 

 

30

 

 

 

 

 

 

 

31

 

 

 

 

 

 

 

32

 

 

 

 

 

 

 

33

 

 

 

 

 

 

 

34

 

 

 

 

 

 

 

35

 

 

 

 

 

 

 

36

 

 

 

 

 

 

 

37

 

 

 

 

 

 

 

38

 

 

 

 

 

 

 

39

 

 

 

 

 

 

 

40

 

 

 

 

 

 

 

41

 

 

 

 

 

 

 

42

 

 

 

 

 

 

 

43

 

 

 

 

 

 

 

44

 

 

 

 

 

 

 

45

 

 

 

 

 

 

 

46

 

 

 

 

 

 

 

47

 

 

 

 

 

 

 

48

 

 

 

 

 

 

 

49

 

 

 

 

 

 

 

50

 

 

 

 

 

 

 

51

 

 

 

 

 

 

 

52

 

 

 

 

 

 

 

53

 

 

 

 

 

 

 

54

 

 

 

 

 

 

 

55

 

 

 

 

 

 

 

56

 

 

 

 

 

 

 

57

 

 

 

 

 

 

 

58

 

 

 

 

 

 

 

59

 

 

 

 

 

 

 

60

 

 

 

 

 

 

 

61

 

 

 

 

 

 

 

62

 

 

 

 

 

 

 

63

 

 

 

 

 

 

 

64

 

 

 

 

 

 

 

65

 

 

 

 

 

 

 

66

 

 

 

 

 

 

 

67

 

 

 

 

 

 

 

68

 

 

 

 

 

 

 

69

 

 

 

 

 

 

 

70

 

 

 

 

 

 

 

71

 

 

 

 

 

 

 

72

 

 

 

 

 

 

 

73

 

 

 

 

 

 

 

74

 

 

 

 

 

 

 

75

 

 

 

 

 

 

 

76

 

 

 

 

 

 

 

77

 

 

 

 

 

 

 

78

 

 

 

 

 

 

 

79

 

 

 

 

 

 

 

80

 

 

 

 

 

 

 

81

 

 

 

 

 

 

 

82

 

 

 

 

 

 

 

83

 

 

 

 

 

 

 

84

 

 

 

 

 

 

 

85

 

 

 

 

 

 

 

86

 

 

 

 

 

 

 

87

 

 

 

 

 

 

 

88

 

 

 

 

 

 

 

89

 

 

 

 

 

 

 

90

 

 

 

 

 

 

 

91

 

 

 

 

 

 

 

92

 

 

 

 

 

 

Mentre in tal guisa i cavalieri alletta

ne l’amor suo l’insidiosa Armida,

né solo i diece a lei promessi aspetta

ma di furto menarne altri confida,

volge tra sé Goffredo a cui commetta

la dubbia impresa ov’ella esser dée guida,

ché de gli aventurier la copia e ’l merto

e ’l desir di ciascuno il fanno incerto.

 Ma con provido aviso al fin dispone

ch’essi un di loro scelgano a sua voglia,

che succeda al magnanimo Dudone

e quella elezion sovra sé toglia.

Cosí non averrà ch’ei dia cagione

ad alcun d’essi che di lui si doglia,

e insieme mostrerà d’aver nel pregio,

in cui deve a ragion, lo stuolo egregio.

 A sé dunque li chiama, e lor favella:

"Stata è da voi la mia sentenza udita,

ch’era non di negare a la donzella,

ma di darle in stagion matura aita.

Di novo or la propongo, e ben pote ella

esser dal parer vostro anco seguita,

ché nel mondo mutabile e leggiero

costanza è spesso il variar pensiero.

 Ma se stimate ancor che mal convegna

al vostro grado il rifiutar periglio,

e se pur generoso ardire sdegna

quel che troppo gli par cauto consiglio,

non sia ch’involontari io vi ritegna,

né quel che già vi diedi or mi ripiglio;

ma sia con esso voi, com’esser deve,

il fren del nostro imperio lento e leve.

 Dunque lo starne o ’l girne i’ son contento

che dal vostro piacer libero penda:

ben vuo’ che pria facciate al duce spento

successor novo, e di voi cura ei prenda,

e tra voi scelga i diece a suo talento;

non già di diece il numero trascenda,

ch’in questo il sommo imperio a me riservo:

non fia l’arbitrio suo per altro servo."

 Cosí disse Goffredo; e ’l suo germano,

consentendo ciascun, risposta diede:

"Sí come a te conviensi, o capitano,

questa lenta virtú che lunge vede,

cosí il vigor del core e de la mano,

quasi debito a noi, da noi si chiede.

E saria la matura tarditate,

ch’in altri è providenza, in voi viltate.

 E poi che ’l rischio è di sí leve danno

posto in lance co ’l pro che ’l contrapesa,

te permettente, i diece eletti andranno

con la donzella a l’onorata impresa."

Cosí conclude, e con sí adorno inganno

cerca di ricoprir la mente accesa

sotto altro zelo; e gli altri anco d’onore

fingon desio quel ch’è desio d’amore.

 Ma il piú giovin Buglione, il qual rimira

con geloso occhio il figlio di Sofia,

la cui virtute invidiando ammira

che ’n sí bel corpo piú cara venia,

no ’l vorrebbe compagno, e al cor gli inspira

cauti pensier l’astuta gelosia,

onde, tratto il rivale a sé in disparte,

ragiona a lui con lusinghevol arte:

 "O di gran genitor maggior figliuolo,

che ’l sommo pregio in arme hai giovenetto,

or chi sarà del valoroso stuolo,

di cui parte noi siamo, in duce eletto?

Io, ch’a Dudon famoso a pena, e solo

per l’onor de l’età, vivea soggetto;

io, fratel di Goffredo, a chi piú deggio

cedere omai? se tu non sei, no ’l veggio.

 Te, la cui nobiltà tutt’altre agguaglia,

gloria e merito d’opre a me prepone,

né sdegnerebbe in pregio di battaglia

minor chiamarsi anco il maggior Buglione.

Te dunque in duce bramo, ove non caglia

a te di questa sira esser campione,

né già cred’io che quell’onor tu curi

che da’ fatti verrà notturni e scuri;

 né mancherà qui loco ove s’impieghi

con piú lucida fama il tuo valore.

Or io procurerò, se tu no ’l neghi,

ch’a te concedan gli altri il sommo onore;

ma perché non so ben dove si pieghi

l’irresoluto mio dubbioso core,

impetro or io da te, ch’a voglia mia

o segua poscia Armida o teco stia."

 Qui tacque Eustazio, e questi estremi accenti

non proferí senza arrossarsi in viso,

e i mal celati suoi pensier ardenti

l’altro ben vide, e mosse ad un sorriso;

ma perch’a lui colpi d’amor piú lenti

non hanno il petto oltra la scorza inciso,

né molto impaziente è di rivale,

né la donzella di seguir gli cale

 ben altamente ha nel pensier tenace

l’acerba morte di Dudon scolpita,

e si reca a disnor ch’Argante audace

gli soprastia lunga stagion in vita;

e parte di sentir anco gli piace

quel parlar ch’al dovuto onor l’invita,

e ’l giovenetto cor s’appaga e gode

del dolce suon de la verace lode.

 Onde cosí rispose: "I gradi primi

piú meritar che conseguir desio,

né, pur che me la mia virtú sublimi,

di scettri altezza invidiar degg’io;

ma s’a l’onor mi chiami, e che lo stimi

debito a me, non ci verrò restio,

e caro esser mi dée che sia dimostro

sí bel segno da voi del valor nostro.

 Dunque io no ’l chiedo e no ’l rifiuto; e quando

duce io pur sia, sarai tu de gli eletti."

Allora il lascia Eustazio, e va piegando

de’ suoi compagni al suo voler gli affetti;

ma chiede a prova il principe Gernando

quel grado, e bench’Armida in lui saetti,

men può nel cor superbo amor di donna

ch’avidità d’onor che se n’indonna.

 Sceso Gernando è da’ gran re norvegi,

che di molte provincie ebber l’impero;

e le tante corone e’ scettri regi

e del padre e de gli avi il fanno altero.

Altero è l’altro de’ suoi propri pregi,

piú che de l’opre che i passati fèro,

ancor che gli avi suoi cento e piú lustri

stati sian chiari in pace e ’n guerra illustri.

 Ma il barbaro signor, che sol misura

quanto l’oro o ’l domino oltre si stenda,

e per sé stima ogni virtute oscura

cui titolo regal chiara non renda,

non può soffrir che ’n ciò ch’egli procura

seco di merto il cavalier contenda,

e se ne cruccia sí ch’oltra ogni segno

di ragione il trasporta ira e disdegno.

 Tal che ’l maligno spirito d’Averno,

ch’in lui strada sí larga aprir si vede,

tacito in sen gli serpe ed al governo

de’ suoi pensieri lusingando siede.

E qui piú sempre l’ira e l’odio interno

inacerbisce, e ’l cor stimola e fiede;

e fa che ’n mezzo a l’alma ognor risuona

una voce ch’a lui cosí ragiona:

 "Teco giostra Rinaldo: or tanto vale

quel suo numero van d’antichi eroi?

Narri costui, ch’a te vuol farsi eguale,

le genti serve e i tributari suoi;

mostri gli scettri, e in dignità regale

paragoni i suoi morti a i vivi tuoi.

Ah quanto osa un signor d’indegno stato,

signor che ne la serva Italia è nato!

 Vinca egli o perda omai, ché vincitore

fu insino allor ch’emulo tuo divenne,

che dirà il mondo? (e ciò fia sommo onore):

`Questi già con Gernando in gara venne.’

Poteva a te recar gloria e splendore

il nobil grado che Dudon pria tenne;

ma già non meno esso da te n’attese:

costui scemò suo pregio allor che ’l chiese.

 E se, poi ch’altri piú non parla o spira,

de’ nostri affari alcuna cosa sente,

come credi che ’n Ciel di nobil ira

il buon vecchio Dudon si mostri ardente,

mentre in questo superbo i lumi gira

ed al suo temerario ardir pon mente,

che seco ancor, l’età sprezzando e ’l merto,

fanciullo osa agguagliarsi ed inesperto?

 E l’osa pure e ’l tenta, e ne riporta

in vece di castigo onor e laude,

e v’è chi ne ’l consiglia e ne l’essorta

(o vergogna comune!) e chi gli applaude.

Ma se Goffredo il vede, e gli comporta

che di ciò ch’a te déssi egli ti fraude,

no ’l soffrir tu; né già soffrirlo déi,

ma ciò che puoi dimostra e ciò che sei."

 Al suon di queste voci arde lo sdegno

e cresce in lui quasi commossa face;

né capendo nel cor gonfiato e pregno,

per gli occhi n’esce e per la lingua audace.

Ciò che di riprensibile e d’indegno

crede in Rinaldo, a suo disnor non tace;

superbo e vano il finge, e ’l suo valore

chiama temerità pazza e furore.

 E quanto di magnanimo e d’altero

e d’eccelso e d’illustre in lui risplende,

tutto adombrando con mal arti il vero,

pur come vizio sia, biasma e riprende,

e ne ragiona sí che ’l cavaliero,

emulo suo, publico il suon n’intende;

non però sfoga l’ira o si raffrena

quel cieco impeto in lui ch’a morte il mena,

 ché ’l reo demon che la sua lingua move

di spirto in vece, e forma ogni suo detto,

fa che gl’ingiusti oltraggi ognor rinove,

esca aggiungendo a l’infiammato petto.

Loco è nel campo assai capace, dove

s’aduna sempre un bel drapello eletto,

e quivi insieme in torneamenti e in lotte

rendon le membra vigorose e dotte.

 Or quivi, allor che v’è turba piú folta,

pur, com’è suo destin, Rinaldo accusa,

e quasi acuto strale in lui rivolta

la lingua, del venen d’Averno infusa;

e vicino è Rinaldo e i detti ascolta,

né pote l’ira omai tener piú chiusa,

ma grida: "Menti," e adosso a lui si spinge,

e nudo ne la destra il ferro stringe.

 Parve un tuono la voce, e ’l ferro un lampo

che di folgor cadente annunzio apporte.

Tremò colui, né vide fuga o scampo

da la presente irreparabil morte;

pur, tutto essendo testimonio il campo,

fa sembianti d’intrepido e di forte,

e ’l gran nemico attende, e ’l ferro tratto

fermo si reca di difesa in atto.

 Quasi in quel punto mille spade ardenti

furon vedute fiammeggiar insieme,

ché varia turba di mal caute genti

d’ogn’intorno v’accorre, e s’urta e preme.

D’incerte voci e di confusi accenti

un suon per l’aria si raggira e freme,

qual s’ode in riva al mare, ove confonda

il vento i suoi co’ mormorii de l’onda.

 Ma per le voci altrui già non s’allenta

ne l’offeso guerrier l’impeto e l’ira.

Sprezza i gridi e i ripari e ciò che tenta

chiudergli il varco, ed a vendetta aspira;

e fra gli uomini e l’armi oltre s’aventa,

e la fulminea spada in cerchio gira,

sí che le vie si sgombra e solo, ad onta

di mille difensor, Gernando affronta.

 E con la man, ne l’ira anco maestra,

mille colpi vèr lui drizza e comparte:

or al petto, or al capo, or a la destra

tenta ferirlo, ora a la manca parte,

e impetuosa e rapida la destra

è in guisa tal che gli occhi inganna e l’arte,

tal ch’improvisa e inaspettata giunge

ove manco si teme, e fère e punge.

 Né cessò mai sin che nel seno immersa

gli ebbe una volta e due la fera spada.

Cade il meschin su la ferita, e versa

gli spirti e l’alma fuor per doppia strada.

L’arme ripone ancor di sangue aspersa

il vincitor, né sovra lui piú bada;

ma si rivolge altrove, e insieme spoglia

l’animo crudo e l’adirata voglia.

 Tratto al tumulto il pio Goffredo intanto,

vede fero spettacolo improviso:

steso Gernando, il crin di sangue e ’l manto

sordido e molle, e pien di morte il viso;

ode i sospiri e le querele e ’l pianto

che molti fan sovra il guerrier ucciso.

Stupido chiede: "Or qui, dove men lece,

chi fu ch’ardí cotanto e tanto fece?"

 Arnalto, un de’ piú cari al prence estinto,

narra (e ’l caso in narrando aggrava molto)

che Rinaldo l’uccise e che fu spinto

da leggiera cagion d’impeto stolto,

e che quel ferro, che per Cristo è cinto,

ne’ campioni di Cristo avea rivolto,

e sprezzato il suo impero e quel divieto

che fe’ pur dianzi e che non è secreto;

 e che per legge è reo di morte e deve,

come l’editto impone, esser punito,

sí perché il fallo in se medesmo è greve,

sí perché ’n loco tale egli è seguito;

che se de l’error suo perdon riceve,

fia ciascun altro per l’essempio ardito,

e che gli offesi poi quella vendetta

vorranno far ch’a i giudici s’aspetta;

 onde per tal cagion discordie e risse

germoglieran fra quella parte e questa.

Rammentò i merti de l’estinto, e disse

tutto ciò ch’o pietate o sdegno desta.

Ma s’oppose Tancredi e contradisse,

e la causa del reo dipinse onesta.

Goffredo ascolta, e in rigida sembianza

porge piú di timor che di speranza.

 Soggiunse allor Tancredi: "Or ti sovegna,

saggio signor, chi sia Rinaldo e quale:

qual per se stesso onor gli si convegna,

e per la stirpe sua chiara e regale,

e per Guelfo suo zio. Non dée chi regna

nel castigo con tutti esser eguale:

vario è l’istesso error ne’ gradi vari,

e sol l’egualità giusta è co’ pari."

 Risponde il capitan: "Da i piú sublimi

ad ubidire imparino i piú bassi.

Mal, Tancredi, consigli e male stimi

se vuoi ch’i grandi in sua licenza io lassi.

Qual fòra imperio il mio s’a vili ed imi,

sol duce de la plebe, io commandassi?

Scettro impotente e vergognoso impero:

se con tal legge è dato, io piú no ’l chero.

 Ma libero fu dato e venerando,

né vuo’ ch’alcun d’autorità lo scemi.

E so ben io come si deggia e quando

ora diverse impor le pene e i premi,

ora, tenor d’egualità serbando,

non separar da gli infimi i supremi."

Cosí dicea; né rispondea colui,

vinto da riverenza, a i detti sui.

 Raimondo, imitator de la severa

rigida antichità, lodava i detti.

"Con quest’arti" dicea "chi bene impera

si rende venerabile a i soggetti,

ché già non è la disciplina intera

ov’uom perdono e non castigo aspetti.

Cade ogni regno, e ruinosa è senza

la base del timor ogni clemenza."

 Tal ei parlava, e le parole accolse

Tancredi, e piú fra lor non si ritenne,

ma vèr Rinaldo immantinente volse

un suo destrier che parve aver le penne.

Rinaldo, poi ch’al fer nemico tolse

l’orgoglio e l’alma, al padiglion se ’n venne.

Qui Tancredi trovollo, e de le cose

dette e risposte a pien la somma espose.

 Soggiunse poi: "Bench’io sembianza esterna

del cor non stimi testimon verace,

ché ’n parte troppo cupa e troppo interna

il pensier de’ mortali occulto giace,

pur ardisco affermar, a quel ch’io scerna

nel capitan ch’in tutto anco no ’l tace,

ch’egli ti voglia a l’obligo soggetto

de’ rei comune e in suo poter ristretto."

 Sorrise allor Rinaldo, e con un volto

in cui tra ’l riso lampeggiò lo sdegno:

"Difenda sua ragion ne’ ceppi involto

chi servo è" disse "o d’esser servo è degno.

Libero i’ nacqui e vissi, e morrò sciolto

pria che man porga o piede a laccio indegno:

usa a la spada è questa destra ed usa

a le palme, e vil nodo ella ricusa.

 Ma s’a i meriti miei questa mercede

Goffredo rende e vuol impregionarme

pur com’io fosse un uom del vulgo, e crede

a carcere plebeo legato trarme,

venga egli o mandi, io terrò fermo il piede.

Giudici fian tra noi la sorte e l’arme:

fera tragedia vuol che s’appresenti

per lor diporto a le nemiche genti."

 Ciò detto, l’armi chiede; e ’l capo e ’l busto

di finissimo acciaio adorno rende

e fa del grande scudo il braccio onusto,

e la fatale spada al fianco appende,

e in sembiante magnanimo ed augusto,

come folgore suol, ne l’arme splende.

Marte, e’ rassembra te qualor dal quinto

cielo di ferro scendi e d’orror cinto.

 Tancredi intanto i feri spirti e ’l core

insuperbito d’ammollir procura.

"Giovene invitto," dice "al tuo valore

so che fia piana ogn’erta impresa e dura,

so che fra l’arme sempre e fra ’l terrore

la tua eccelsa virtute è piú secura;

ma non consenta Dio ch’ella si mostri

oggi sí crudelmente a’ danni nostri.

 Dimmi, che pensi far? vorrai le mani

del civil sangue tuo dunque bruttarte?

e con le piaghe indegne de’ cristiani

trafigger Cristo, ond’ei son membra e parte?

Di transitorio onor rispetti vani,

che qual onda del mar se ’n viene e parte,

potranno in te piú che la fede e ’l zelo

di quella gloria che n’eterna in Cielo?

 Ah non, per Dio!, vinci te stesso e spoglia

questa feroce tua mente superba.

Cedi! non fia timor, ma santa voglia,

ch’a questo ceder tuo palma si serba.

E se pur degna ond’altri essempio toglia

è la mia giovenetta etate acerba,

anch’io fui provocato, e pur non venni

co’ fedeli in contesa e mi contenni;

 ch’avend’io preso di Cilicia il regno,

e l’insegne spiegatevi di Cristo,

Baldovin sopragiunse, e con indegno

modo occupollo e ne fe’ vile acquisto;

ché, mostrandosi amico ad ogni segno,

del suo avaro pensier non m’era avisto.

Ma con l’arme però di ricovrarlo

non tentai poscia, e forse i’ potea farlo.

 E se pur anco la prigion ricusi

e i lacci schivi, quasi ignobil pondo,

e seguir vuoi l’opinioni e gli usi

che per leggi d’onore approva il mondo,

lascia qui me ch’al capitan ti scusi,

e ’n Antiochia tu vanne a Boemondo,

ché né soppórti in questo impeto primo

a’ suoi giudizi assai securo stimo.

 Ben tosto fia, se pur qui contra avremo

l’arme d’Egitto o d’altro stuol pagano,

ch’assai piú chiaro il tuo valore estremo

n’apparirà mentre sarai lontano;

e senza te parranne il campo scemo,

quasi corpo cui tronco è braccio o mano."

Qui Guelfo sopragiunge e i detti approva,

e vuol che senza indugio indi si mova.

 A i lor consigli la sdegnosa mente

de l’audace garzon si svolge e piega,

tal ch’egli di partirsi immantinente

fuor di quell’oste a i fidi suoi non nega.

Molta intanto è concorsa amica gente,

e seco andarne ognun procura e prega;

egli tutti ringrazia e seco prende

sol duo scudieri, e su ’l cavallo ascende.

 Parte, e porta un desio d’eterna ed alma

gloria ch’a nobil core è sferza e sprone;

a magnanime imprese intent’ha l’alma,

ed insolite cose oprar dispone:

gir fra i nemici, ivi o cipresso o palma

acquistar per la fede ond’è campione,

scorrer l’Egitto, e penetrar sin dove

fuor d’incognito fonte il Nilo move.

 Ma Guelfo, poi che ’l giovene feroce

affrettato al partir preso ha congedo,

quivi non bada, e se ne va veloce

ove egli stima ritrovar Goffredo,

il qual, come lui vede, alza la voce:

"Guelfo," dicendo "a punto or te richiedo,

e mandato ho pur ora in varie parti

alcun de’ nostri araldi a ricercarti."

 Poi fa ritrarre ogn’altro, e in basse note

ricomincia con lui grave sermone:

"Veracemente, o Guelfo, il tuo nepote

troppo trascorre, ov’ira il cor gli sprone,

e male addursi a mia credenza or pote

di questo fatto suo giusta cagione.

Ben caro avrò ch’ella ci rechi tale,

ma Goffredo con tutti è duce eguale;

 e sarà del legitimo e del dritto

custode in ogni caso e difensore,

serbando sempre al giudicare invitto

da le tiranne passioni il core.

Or se Rinaldo a violar l’editto

e de la disciplina il sacro onore

costretto fu, come alcun dice, a i nostri

giudizi venga ad inchinarsi, e ’l mostri.

 A sua retenzion libero vegna:

questo, ch’io posso, a i merti suoi consento.

Ma s’egli sta ritroso e se ne sdegna

(conosco quel suo indomito ardimento),

tu di condurlo a proveder t’ingegna

ch’ei non isforzi uom mansueto e lento

ad esser de le leggi e de l’impero

vendicator, quanto è ragion, severo."

 Cosí disse egli; e Guelfo a lui rispose;

"Anima non potea d’infamia schiva

voci sentir di scorno ingiuriose,

e non farne repulsa ove l’udiva.

E se l’oltraggiatore a morte ei pose,

chi è che mèta a giust’ira prescriva?

chi conta i colpi o la dovuta offesa,

mentre arde la tenzon, misura e pesa?

 Ma quel che chiedi tu, ch’al tuo soprano

arbitrio il garzon venga a sottoporse,

duolmi ch’esser non può, ch’egli lontano

da l’oste immantinente il passo torse.

Ben m’offro io di provar con questa mano

a lui ch’a torto in falsa accusa il morse,

o s’altri v’è di sí maligno dente,

ch’ei puní l’onta ingiusta giustamente.

 A ragion, dico, al tumido Gernando

fiaccò le corna del superbo orgoglio.

Sol, s’egli errò, fu ne l’oblio del bando;

ciò ben mi pesa, ed a lodar no ’l toglio."

Tacque, e disse Goffredo: "Or vada errando,

e porti risse altrove; io qui non voglio

che sparga seme tu di nove liti:

deh, per Dio, sian gli sdegni anco forniti."  

 Di procurare il suo soccorso intanto

non cessò mai l’ingannatrice rea.

Pregava il giorno, e ponea in uso quanto

l’arte e l’ingegno e la beltà potea;

ma poi, quando stendendo il fosco manto

la notte in occidente il dí chiudea,

tra duo suoi cavalieri e due matrone

ricovrava in disparte al padiglione.

 Ma benché sia mastra d’inganni, e i suoi

modi gentili e le maniere accorte,

e bella sí che ’l ciel prima né poi

altrui non dié maggior bellezza in sorte,

tal che del campo i piú famosi eroi

ha presi d’un piacer tenace e forte;

non è però ch’a l’esca de’ diletti

il pio Goffredo lusingando alletti.

 In van cerca invaghirlo, e con mortali

dolcezze attrarlo a l’amorosa vita,

ché qual saturo augel, che non si cali

ove il cibo mostrando altri l’invita,

tal ei sazio del mondo i piacer frali

sprezza, e se ’n poggia al Ciel per via romita,

e quante insidie al suo bel volo tende

l’infido amor, tutte fallaci rende.

 Né impedimento alcun torcer da l’orme

pote, che Dio ne segna, i pensier santi.

Tentò ella mill’arti, e in mille forme

quasi Proteo novel gli apparse inanti,

e desto Amor, dove piú freddo ei dorme,

avrian gli atti dolcissimi e i sembianti,

ma qui (grazie divine) ogni sua prova

vana riesce, e ritentar non giova.

 La bella donna, ch’ogni cor piú casto

arder credeva ad un girar di ciglia,

oh come perde or l’alterezza e ’l fasto!

e quale ha di ciò sdegno e meraviglia!

Rivolger le sue forze ove contrasto

men duro trovi al fin si riconsiglia,

qual capitan ch’inespugnabil terra

stanco abbandoni, e porti altrove guerra.

 Ma contra l’arme di costei non meno

si mostrò di Tancredi invitto il core,

però ch’altro desio gli ingombra il seno,

né vi può loco aver novello ardore;

ché si come da l’un l’altro veneno

guardar ne suol, tal l’un da l’altro amore.

Questi soli non vinse: o molto o poco

avampò ciascun altro al suo bel foco.

 Ella, se ben si duol che non succeda

sí pienamente il suo disegno e l’arte,

pur fatto avendo cosí nobil preda

di tanti eroi, si riconsola in parte.

E pria che di sue frodi altri s’aveda,

pensa condurgli in piú secura parte,

ove gli stringa poi d’altre catene

che non son quelle ond’or presi li tiene.

 E sendo giunto il termine che fisse

il capitano a darle alcun soccorso,

a lui se ’n venne riverente e disse:

"Sire, il dí stabilito è già trascorso,

e se per sorte il reo tiranno udisse

ch’i’ abbia fatto a l’arme tue ricorso,

prepareria sue forze a la difesa,

né cosí agevol poi fòra l’impresa.

 Dunque, prima ch’a lui tal nova apporti

voce incerta di fama o certa spia,

scelga la tua pietà fra i tuoi piú forti

alcuni pochi, e meco or or gli invia,

ché se non mira il Ciel con occhi torti

l’opre mortali o l’innocenza oblia,

sarò riposta in regno, e la mia terra

sempre avrai tributaria in pace e in guerra."

 Cosí diceva, e ’l capitano a i detti

quel che negar non si potea concede,

se ben, ov’ella il suo partir affretti,

in sé tornar l’elezion ne vede;

ma nel numero ognun de’ diece eletti

con insolita instanza esser richiede,

e l’emulazion che ’n lor si desta

piú importuni li fa ne la richiesta.

 Ella, che ’n essi mira aperto il core,

prende vedendo ciò novo argomento,

e su ’l lor fianco adopra il rio timore

di gelosia per ferza e per tormento;

sapendo ben ch’al fin s’invecchia Amore

senza quest’arti e divien pigro e lento,

quasi destrier che men veloce corra

se non ha chi lui segua e chi ’l precorra.

 E in tal modo comparte i detti sui

e ’l guardo lusinghiero e ’l dolce riso,

ch’alcun non è che non invidii altrui,

né il timor de la speme è in lor diviso.

La folle turba de gli amanti, a cui

stimolo è l’arte d’un fallace viso,

senza fren corre, e non li tien vergogna,

e loro indarno il capitan rampogna.

 Ei ch’egualmente satisfar desira

ciascuna de le parti e in nulla pende,

se ben alquanto or di vergogna or d’ira

al vaneggiar de’ cavalier s’accende,

poi ch’ostinati in quel desio li mira,

novo consiglio in accordarli prende:

"Scrivansi i vostri nomi ed in un vaso

pongansi," disse "e sia giudice il caso."

 Subito il nome di ciascun si scrisse,

e in picciol’urna posti e scossi foro,

e tratti a sorte; e ’l primo che n’uscisse

fu il conte di Pembrozia Artemidoro.

Legger poi di Gherardo il nome udisse,

ed uscí Vincilao dopo costoro:

Vincilao che, sí grave e saggio inante,

canuto or pargoleggia e vecchio amante.

 Oh come il volto han lieto, e gli occhi pregni

di quel piacer che dal cor pieno inonda,

questi tre primi eletti, i cui disegni

la fortuna in amor destra seconda!

D’incerto cor, di gelosia dan segni

gli altri il cui nome avien che l’urna asconda,

e da la bocca pendon di colui

che spiega i brevi e legge i nomi altrui.

 Guasco quarto fuor venne, a cui successe

Ridolfo ed a Ridolfo indi Olderico,

quinci Guglielmo Ronciglion si lesse,

e ’l bavaro Eberardo, e ’l franco Enrico.

Rambaldo ultimo fu, che farsi elesse

poi, fé cangiando, di Giesú nemico

(tanto pote Amor dunque?); e questi chiuse

il numero de’ diece, e gli altri escluse.

 D’ira, di gelosia, d’invidia ardenti,

chiaman gli altri Fortuna ingiusta e ria,

a te accusano, Amor, che le consenti,

che ne l’imperio tuo giudice sia.

Ma perché instinto è de l’umane genti

che ciò che piú si vieta uom piú desia,

dispongon molti ad onta di fortuna

seguir la donna come il ciel s’imbruna.

 Voglion sempre seguirla a l’ombra al sole,

e per lei combattendo espor la vita.

Ella fanne alcun motto, e con parole

tronche e dolci sospir a ciò gli invita,

ed or con questo ed or con quel si duole

che far convienle senza lui partita.

S’erano armati intanto, e da Goffredo

toglieano i diece cavalier congedo.

 Gli ammonisce quel saggio a parte a parte

come la fé pagana è incerta e leve,

e mal securo pegno; e con qual arte

l’insidie e i casi aversi uom fuggir deve;

ma son le sue parole al vento sparte,

né consiglio d’uom sano Amor riceve.

Lor dà commiato al fine, e la donzella

non aspetta al partir l’alba novella.

 Parte la vincitrice, e quei rivali

quasi prigioni al suo trionfo inanti

seco n’adduce, e tra infiniti mali

lascia la turba poi de gli altri amanti.

Ma come uscí la notte, e sotto l’ali

menò il silenzio e i levi sogni erranti,

secretamente, com’Amor gl’informa,

molti d’Armida seguitaron l’orma.

 Segue Eustazio il primiero, e pote a pena

aspettar l’ombre che la notte adduce;

vassene frettoloso ove ne ’l mena

per le tenebre cieche un cieco duce.

Errò la notte tepida e serena;

ma poi ne l’apparir de l’alma luce

gli apparse insieme Armida e ’l suo drapello,

dove un borgo lor fu notturno ostello.

 Ratto ei vèr lei si move, ed a l’insegna

tosto Rambaldo il riconosce, e grida

che ricerchi fra loro e perché vegna.

"Vengo" risponde "a seguitarne Armida,

ned ella avrà da me, se non la sdegna,

men pronta aita o servitú men fida."

Replica l’altro: "Ed a cotanto onore,

di’, chi t’elesse?" Egli soggiunge: "Amore.

 Me scelse Amor, te la Fortuna: or quale

da piú giusto elettore eletto parti?"

Dice Rambaldo allor: "Nulla ti vale

titolo falso, ed usi inutil arti;

né potrai de la vergine regale

fra i campioni legitimi meschiarti,

illegitimo servo." "E chi" riprende

cruccioso il giovenetto "a me il contende?"

 "Io te ’l difenderò" colui rispose,

e feglisi a l’incontro in questo dire,

e con voglie egualmente in lui sdegnose

l’altro si mosse e con eguale ardire;

ma qui stese la mano, e si frapose

la tiranna de l’alme in mezzo a l’ire,

ed a l’uno dicea: "Deh! non t’incresca

ch’a te compagno, a me campion s’accresca.

 S’ami che salva i’ sia, perché mi privi

in sí grand’uopo de la nova aita?"

Dice a l’altro: "Opportuno e grato arrivi

difensor di mia fama e di mia vita;

né vuol ragion, né sarà mai ch’io schivi

compagnia nobil tanto e sí gradita."

Cosí parlando, ad or ad or tra via

alcun novo campion le sorvenia.

 Chi di là giunge e chi di qua, né l’uno

sapea de l’altro, e il mira bieco e torto.

Essa lieta gli accoglie, ed a ciascuno

mostra del suo venir gioia e conforto.

Ma già ne lo schiarir de l’aer bruno

s’era del lor partir Goffredo accorto,

e la mente, indovina de’ lor danni,

d’alcun futuro mal par che s’affanni.

 Mentre a ciò pur ripensa, un messo appare

polveroso, anelante, in vista afflitto,

in atto d’uom ch’altrui novelle amare

porti, e mostri il dolore in fronte scritto.

Disse costui: "Signor, tosto nel mare

la grande armata apparirà d’Egitto;

e l’aviso Guglielmo, il qual comanda

a i liguri navigli, a te ne manda."

 Soggiunse a questo poi che, da le navi

sendo condotta vettovaglia al campo,

i cavalli e i cameli onusti e gravi

trovato aveano a mezza strada inciampo,

e ch’i lor difensori uccisi o schiavi

restàr pugnando, e nessun fece scampo,

da i ladroni d’Arabia in una valle

assaliti a la fronte ed a le spalle;

 e che l’insano ardire e la licenza

di que’ barbari erranti è omai sí grande

ch’in guisa d’un diluvio intorno senza

alcun contrasto si dilata e spande,

onde convien ch’a porre in lor temenza

alcuna squadra di guerrier si mande,

ch’assecuri la via che da l’arene

del mar di Palestina al campo viene.

 D’una in un’altra lingua in un momento

ne trapassa la fama e si distende,

e ’l vulgo de’ soldati alto spavento

ha de la fame che vicina attende.

Il saggio capitan, che l’ardimento

solito loro in essi or non comprende,

cerca con lieto volto e con parole

come li rassecuri e riconsole:

 "O per mille perigli e mille affanni

meco passati in quelle parti e in queste,

campion di Dio, ch’a ristorare i danni

de la cristiana sua fede nasceste;

voi, che l’arme di Persia e i greci inganni,

e i monti e i mari e ’l verno e le tempeste,

de la fame i disagi e de la sete

superaste, voi dunque ora temete?

 Dunque il Signor che v’indirizza e move,

già conosciuto in caso assai piú rio,

non v’assecura, quasi or volga altrove

la man de la clemenza e ’l guardo pio?

Tosto un dí fia che rimembrar vi giove

gli scorsi affanni, e sciòrre i voti a Dio.

Or durate magnanimi, e voi stessi

serbate, prego, a i prosperi successi."

 Con questi detti le smarrite menti

consola e con sereno e lieto aspetto,

ma preme mille cure egre e dolenti

altamente riposte in mezzo al petto.

Come possa nutrir sí varie genti

pensa fra la penuria e tra ’l difetto,

come a l’armata in mar s’opponga, e come

gli Arabi predatori affreni e dome.

 

 

 

5

 

 

 

 

10

 

 

 

 

15

 

 

 

 

20

 

 

 

 

25

 

 

 

 

30

 

 

 

 

35

 

 

 

 

40

 

 

 

 

45

 

 

 

 

50

 

 

 

 

55

 

 

 

 

60

 

 

 

 

65

 

 

 

 

70

 

 

 

 

75

 

 

 

 

80

 

 

 

 

85

 

 

 

 

90

 

 

 

 

95

 

 

 

 

100

 

 

 

 

105

 

 

 

 

110

 

 

 

 

115

 

 

 

 

120

 

 

 

 

125

 

 

 

 

130

 

 

 

 

135

 

 

 

 

140

 

 

 

 

145

 

 

 

 

150

 

 

 

 

155

 

 

 

 

160

 

 

 

 

165

 

 

 

 

170

 

 

 

 

175

 

 

 

 

180

 

 

 

 

185

 

 

 

 

190

 

 

 

 

195

 

 

 

 

200

 

 

 

 

205

 

 

 

 

210

 

 

 

 

215

 

 

 

 

220

 

 

 

 

225

 

 

 

 

230

 

 

 

 

235

 

 

 

 

240

 

 

 

 

245

 

 

 

 

250

 

 

 

 

255

 

 

 

 

260

 

 

 

 

265

 

 

 

 

270

 

 

 

 

275

 

 

 

 

280

 

 

 

 

285

 

 

 

 

290

 

 

 

 

295

 

 

 

 

300

 

 

 

 

305

 

 

 

 

310

 

 

 

 

315

 

 

 

 

320

 

 

 

 

325

 

 

 

 

330

 

 

 

 

335

 

 

 

 

340

 

 

 

 

345

 

 

 

 

350

 

 

 

 

355

 

 

 

 

360

 

 

 

 

365

 

 

 

 

370

 

 

 

 

375

 

 

 

 

380

 

 

 

 

385

 

 

 

 

390

 

 

 

 

395

 

 

 

 

400

 

 

 

 

405

 

 

 

 

410

 

 

 

 

415

 

 

 

 

420

 

 

 

 

425

 

 

 

 

430

 

 

 

 

435

 

 

 

 

440

 

 

 

 

445

 

 

 

 

450

 

 

 

 

455

 

 

 

 

460

 

 

 

 

465

 

 

 

 

470

 

 

 

 

475

 

 

 

 

480

 

 

 

 

485

 

 

 

 

490

 

 

 

 

495

 

 

 

 

500

 

 

 

 

505

 

 

 

 

510

 

 

 

 

515

 

 

 

 

520

 

 

 

 

525

 

 

 

 

530

 

 

 

 

535

 

 

 

 

540

 

 

 

 

545

 

 

 

 

550

 

 

 

 

555

 

 

 

 

560

 

 

 

 

565

 

 

 

 

570

 

 

 

 

575

 

 

 

 

580

 

 

 

 

585

 

 

 

 

590

 

 

 

 

595

 

 

 

 

600

 

 

 

 

605

 

 

 

 

610

 

 

 

 

615

 

 

 

 

620

 

 

 

 

625

 

 

 

 

630

 

 

 

 

635

 

 

 

 

640

 

 

 

 

645

 

 

 

 

650

 

 

 

 

655

 

 

 

 

660

 

 

 

 

665

 

 

 

 

670

 

 

 

 

675

 

 

 

 

680

 

 

 

 

685

 

 

 

 

690

 

 

 

 

695

 

 

 

 

700

 

 

 

 

705

 

 

 

 

710

 

 

 

 

715

 

 

 

 

720

 

 

 

 

725

 

 

 

 

730

 

 

 

 

735

 Indice

01 - 02 - 03 - 04 - 05 - 06 - 07 - 08 - 09 - 10

 

11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20

Indice Biblioteca ProgettoTasso Indice Gerusalemme Liberata

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 04 ottobre 2009