Torquato Tasso

La Gerusalemme Liberata

POEMA DEL SIGNOR TORQUATO TASSO

AL SERENISSIMO SIGNORE

IL SIGNOR DONNO ALFONSO II D’ESTE DUCA DI FERRARA

Edizione di riferimento

Torquato Tasso, Gerusalemme Liberata, a cura di Lanfranco Caretti, Collana "I Meridiani", Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1976 - L’edizione riprende quella de "I classici Mondadori (Milano 1957

Le ottave introduttive sono tratte dall’edizione fiorentina del MDCCCXXIV dell’Editore Giuseppe Molini

CANTO SECONDO

Il mago Ismeno consiglia il re Aladino di rubare un’immagine della Madonna da un tempio dei Cristiani e di custodirla in Gerusalemme: in questo modo sarebbe stato sicuro di non perdere il suo regno. Ma l’immagine sacra scompare misteriosamente. Aladino allora minaccia di porre a morte tutti i Cristiani di Gerusalemme se non si scopre l’autore del furto. Sofronia e poi Olindo, benchè innocenti, si dichiarano colpevoli e sono condannati al rogo; ma vengono salvati dall’intervento di Clorinda, che, in cambio della loro vita, offre ad Aladino il suo aiuto in guerra. Giungono intanto nel campo cristiano Alete e Argante, ambasciatori del re d’Egitto, con proposte di alleanza, che Goffredo non accetta. Argante dichiara la guerra.

Argomento

Novo canto fa Ismen che vano uscito,

Vuole Aladin che muoja ogni Cristiano.

La pudica Sofronia e Olindo ardito,

Perché cessi il furor del re Pagano,

Voglion morir. Clorinda il caso udito,

Non lascia lor più de’ ministri in mano.

Argante, poi che quel ch’Alete dice,

Non cura il Franco, a lui guerra aspra indice.

 

1

 

 

 

 

 

 

 

2

 

 

 

 

 

 

 

3

 

 

 

 

 

 

 

4

 

 

 

 

 

 

 

5

 

 

 

 

 

 

 

6

 

 

 

 

 

 

 

7

 

 

 

 

 

 

 

8

 

 

 

 

 

 

 

9

 

 

 

 

 

 

 

10

 

 

 

 

 

 

 

11

 

 

 

 

 

 

 

12

 

 

 

 

 

 

 

13

 

 

 

 

 

 

 

14

 

 

 

 

 

 

 

15

 

 

 

 

 

 

 

16

 

 

 

 

 

 

 

17

 

 

 

 

 

 

 

18

 

 

 

 

 

 

 

19

 

 

 

 

 

 

 

20

 

 

 

 

 

 

 

21

 

 

 

 

 

 

 

22

 

 

 

 

 

 

 

23

 

 

 

 

 

 

 

24

 

 

 

 

 

 

 

25

 

 

 

 

 

 

 

26

 

 

 

 

 

 

 

27

 

 

 

 

 

 

 

28

 

 

 

 

 

 

 

29

 

 

 

 

 

 

 

30

 

 

 

 

 

 

 

31

 

 

 

 

 

 

 

32

 

 

 

 

 

 

 

33

 

 

 

 

 

 

 

34

 

 

 

 

 

 

 

35

 

 

 

 

 

 

 

36

 

 

 

 

 

 

 

37

 

 

 

 

 

 

 

38

 

 

 

 

 

 

 

39

 

 

 

 

 

 

 

40

 

 

 

 

 

 

 

41

 

 

 

 

 

 

 

42

 

 

 

 

 

 

 

43

 

 

 

 

 

 

 

44

 

 

 

 

 

 

 

45

 

 

 

 

 

 

 

46

 

 

 

 

 

 

 

47

 

 

 

 

 

 

 

48

 

 

 

 

 

 

 

49

 

 

 

 

 

 

 

50

 

 

 

 

 

 

 

51

 

 

 

 

 

 

 

52

 

 

 

 

 

 

 

53

 

 

 

 

 

 

 

54

 

 

 

 

 

 

 

55

 

 

 

 

 

 

 

56

 

 

 

 

 

 

 

57

 

 

 

 

 

 

 

58

 

 

 

 

 

 

 

59

 

 

 

 

 

 

 

60

 

 

 

 

 

 

 

61

 

 

 

 

 

 

 

62

 

 

 

 

 

 

 

63

 

 

 

 

 

 

 

64

 

 

 

 

 

 

 

65

 

 

 

 

 

 

 

66

 

 

 

 

 

 

 

67

 

 

 

 

 

 

 

68

 

 

 

 

 

 

 

69

 

 

 

 

 

 

 

70

 

 

 

 

 

 

 

71

 

 

 

 

 

 

 

72

 

 

 

 

 

 

 

73

 

 

 

 

 

 

 

74

 

 

 

 

 

 

 

75

 

 

 

 

 

 

 

76

 

 

 

 

 

 

 

77

 

 

 

 

 

 

 

78

 

 

 

 

 

 

 

79

 

 

 

 

 

 

 

80

 

 

 

 

 

 

 

81

 

 

 

 

 

 

 

82

 

 

 

 

 

 

 

83

 

 

 

 

 

 

 

84

 

 

 

 

 

 

 

85

 

 

 

 

 

 

 

86

 

 

 

 

 

 

 

87

 

 

 

 

 

 

 

88

 

 

 

 

 

 

 

89

 

 

 

 

 

 

 

90

 

 

 

 

 

 

 

91

 

 

 

 

 

 

 

92

 

 

 

 

 

 

 

93

 

 

 

 

 

 

 

94

 

 

 

 

 

 

 

95

 

 

 

 

 

 

 

96

 

 

 

 

 

 

 

97

 

 

 

 

 

 

 

 Mentre il tiranno s’apparecchia a l’armi,

soletto Ismeno un dí gli s’appresenta,

Ismen che trar di sotto a i chiusi marmi

può corpo estinto, e far che spiri e senta,

Ismen che al suon de’ mormoranti carmi

sin ne la reggia sua Pluton spaventa,

e i suoi demon ne gli empi uffici impiega

pur come servi, e gli discioglie e lega.

 Questi or Macone adora, e fu cristiano,

ma i primi riti anco lasciar non pote;

anzi sovente in uso empio e profano

confonde le due leggi a sé mal note,

ed or da le spelonche, ove lontano

dal vulgo essercitar suol l’arti ignote,

vien nel publico rischio al suo signore:

a re malvagio consiglier peggiore.

 "Signor," dicea "senza tardar se ’n viene

il vincitor essercito temuto,

ma facciam noi ciò che a noi far conviene:

darà il Ciel, darà il mondo a i forti aiuto.

Ben tu di re, di duce hai tutte piene

le parti, e lunge hai visto e proveduto.

S’empie in tal guisa ogn’altro i propri uffici,

tomba fia questa terra a’ tuoi nemici.

 Io, quanto a me, ne vegno, e del periglio

e de l’opre compagno, ad aiutarte:

ciò che può dar di vecchia età consiglio,

tutto prometto, e ciò che magica arte.

Gli angeli che dal Cielo ebbero essiglio

constringerò de le fatiche a parte.

Ma dond’io voglia incominciar gl’incanti

e con quai modi, or narrerotti avanti.

 Nel tempio de’ cristiani occulto giace

un sotterraneo altare, e quivi è il volto

di Colei che sua diva e madre face

quel vulgo del suo Dio nato e sepolto.

Dinanzi al simulacro accesa face

continua splende; egli è in un velo avolto.

Pendono intorno in lungo ordine i voti

che vi portano i creduli devoti.

 Or questa effigie lor, di là rapita,

voglio che tu di propria man trasporte

e la riponga entro la tua meschita:

io poscia incanto adoprerò sí forte

ch’ognor, mentre ella qui fia custodita,

sarà fatal custodia a queste porte;

tra mura inespugnabili il tuo impero

securo fia per novo alto mistero."

 Sí disse, e ’l persuase; e impaziente

il re se ’n corse a la magion di Dio,

e sforzò i sacerdoti, e irreverente

il casto simulacro indi rapio;

e portollo a quel tempio ove sovente

s’irrita il Ciel co ’l folle culto e rio.

Nel profan loco e su la sacra imago

susurrò poi le sue bestemmie il mago.

 Ma come apparse in ciel l’alba novella,

quel cui l’immondo tempio in guardia è dato

non rivide l’imagine dov’ella

fu posta, e invan cerconne in altro lato.

Tosto n’avisa il re, ch’a la novella

di lui si mostra feramente irato,

ed imagina ben ch’alcun fedele

abbia fatto quel furto, e che se ’l cele.

 O fu di man fedele opra furtiva,

o pur il Ciel qui sua potenza adopra,

che di Colei ch’è sua regina e diva

sdegna che loco vil l’imagin copra:

ch’incerta fama è ancor se ciò s’ascriva

ad arte umana od a mirabil opra;

ben è pietà che, la pietade e ’l zelo

uman cedendo, autor se ’n creda il Cielo.

 Il re ne fa con importuna inchiesta

ricercar ogni chiesa, ogni magione,

ed a chi gli nasconde o manifesta

il furto o il reo, gran pene e premi impone.

Il mago di spiarne anco non resta

con tutte l’arti il ver; ma non s’appone,

ché ’l Cielo, opra sua fosse o fosse altrui,

celolla ad onta de gl’incanti a lui.

 Ma poi che ’l re crudel vide occultarse

quel che peccato de’ fedeli ei pensa,

tutto in lor d’odio infellonissi, ed arse

d’ira e di rabbia immoderata immensa.

Ogni rispetto oblia, vuol vendicarse,

segua che pote, e sfogar l’alma accensa.

"Morrà," dicea "non andrà l’ira a vòto,

ne la strage comune il ladro ignoto.

 Pur che ’l reo non si salvi, il giusto pèra

e l’innocente; ma qual giusto io dico?

è colpevol ciascun, né in loro schiera

uom fu giamai del nostro nome amico.

S’anima v’è nel novo error sincera,

basti a novella pena un fallo antico.

Su su, fedeli miei, su via prendete

le fiamme e ’l ferro, ardete ed uccidete."

 Cosí parla a le turbe, e se n’intese

la fama tra’ fedeli immantinente,

ch’attoniti restàr, sí gli sorprese

il timor de la morte omai presente;

e non è chi la fuga o le difese,

lo scusar o ’l pregare ardisca o tente.

Ma le timide genti e irrisolute

donde meno speraro ebber salute.

 Vergine era fra lor di già matura

verginità, d’alti pensieri e regi,

d’alta beltà; ma sua beltà non cura,

o tanto sol quant’onestà se ’n fregi.

È il suo pregio maggior che tra le mura

d’angusta casa asconde i suoi gran pregi,

e de’ vagheggiatori ella s’invola

a le lodi, a gli sguardi, inculta e sola.

 Pur guardia esser non può ch’in tutto celi

beltà degna ch’appaia e che s’ammiri;

né tu il consenti, Amor, ma la riveli

d’un giovenetto a i cupidi desiri.

Amor, ch’or cieco, or Argo, ora ne veli

di benda gli occhi, ora ce gli apri e giri,

tu per mille custodie entro a i piú casti

verginei alberghi il guardo altrui portasti.

 Colei Sofronia, Olindo egli s’appella,

d’una cittade entrambi e d’una fede.

Ei che modesto è sí com’essa è bella,

brama assai, poco spera, e nulla chiede;

né sa scoprirsi, o non ardisce; ed ella

o lo sprezza, o no ’l vede, o non s’avede.

Cosí fin ora il misero ha servito

o non visto, o mal noto, o mal gradito.

 S’ode l’annunzio intanto, e che s’appresta

miserabile strage al popol loro.

A lei, che generosa è quanto onesta,

viene in pensier come salvar costoro.

Move fortezza il gran pensier, l’arresta

poi la vergogna e ’l verginal decoro;

vince fortezza, anzi s’accorda e face

sé vergognosa e la vergogna audace.

 La vergine tra ’l vulgo uscí soletta,

non coprí sue bellezze, e non l’espose,

raccolse gli occhi, andò nel vel ristretta,

con ischive maniere e generose.

Non sai ben dir s’adorna o se negletta,

se caso od arte il bel volto compose.

Di natura, d’Amor, de’ cieli amici

le negligenze sue sono artifici.

 Mirata da ciascun passa, e non mira

l’altera donna, e innanzi al re se ’n viene.

Né, perché irato il veggia, il piè ritira,

ma il fero aspetto intrepida sostiene.

"Vengo, signor," gli disse "e ’ntanto l’ira

prego sospenda e ’l tuo popolo affrene:

vengo a scoprirti, e vengo a darti preso

quel reo che cerchi, onde sei tanto offeso."  

 A l’onesta baldanza, a l’improviso

folgorar di bellezze altere e sante,

quasi confuso il re, quasi conquiso,

frenò lo sdegno, e placò il fer sembiante.

S’egli era d’alma o se costei di viso

severa manco, ei diveniane amante;

ma ritrosa beltà ritroso core

non prende, e sono i vezzi esca d’Amore.

 Fu stupor, fu vaghezza, e fu diletto,

s’amor non fu, che mosse il cor villano.

"Narra" ei le dice "il tutto; ecco, io commetto

che non s’offenda il popol tuo cristiano."

Ed ella: "Il reo si trova al tuo cospetto:

opra è il furto, signor, di questa mano;

io l’imagine tolsi, io son colei

che tu ricerchi, e me punir tu déi."

 Cosí al publico fato il capo altero

offerse, e ’l volse in sé sola raccòrre.

Magnanima menzogna, or quand’è il vero

sí bello che si possa a te preporre?

Riman sospeso, e non sí tosto il fero

tiranno a l’ira, come suol, trascorre.

Poi la richiede: "I’ vuo’ che tu mi scopra

chi diè consiglio, e chi fu insieme a l’opra."

 "Non volsi far de la mia gloria altrui

né pur minima parte"; ella gli dice

"sol di me stessa io consapevol fui,

sol consigliera, e sola essecutrice."

"Dunque in te sola" ripigliò colui

"caderà l’ira mia vendicatrice."

Diss’ella: "È giusto: esser a me conviene,

se fui sola a l’onor, sola a le pene."

 Qui comincia il tiranno a risdegnarsi;

poi le dimanda: "Ov’hai l’imago ascosa?"

"Non la nascosi," a lui risponde "io l’arsi,

e l’arderla stimai laudabil cosa;

cosí almen non potrà piú violarsi

per man di miscredenti ingiuriosa.

Signore, o chiedi il furto, o ’l ladro chiedi:

quel no ’l vedrai in eterno, e questo il vedi.

 Benché né furto è il mio, né ladra i’ sono:

giust’è ritòr ciò ch’a gran torto è tolto."

Or, quest’udendo, in minaccievol suono

freme il tiranno, e ’l fren de l’ira è sciolto.

Non speri piú di ritrovar perdono

cor pudico, alta mente e nobil volto;

e ’ndarno Amor contr’a lo sdegno crudo

di sua vaga bellezza a lei fa scudo.

 Presa è la bella donna, e ’ncrudelito

il re la danna entr’un incendio a morte.

Già ’l velo e ’l casto manto a lei rapito,

stringon le molli braccia aspre ritorte.

Ella si tace, e in lei non sbigottito,

ma pur commosso alquanto è il petto forte;

e smarrisce il bel volto in un colore

che non è pallidezza, ma candore.

 Divulgossi il gran caso, e quivi tratto

già ’l popol s’era: Olindo anco v’accorse.

Dubbia era la persona e certo il fatto;

venia, che fosse la sua donna in forse.

Come la bella prigionera in atto

non pur di rea, ma di dannata ei scorse,

come i ministri al duro ufficio intenti

vide, precipitoso urtò le genti.

 Al re gridò: "Non è, non è già rea

costei del furto, e per follia se ’n vanta.

Non pensò, non ardí, né far potea

donna sola e inesperta opra cotanta.

Come ingannò i custodi? e de la Dea

con qual arti involò l’imagin santa?

Se ’l fece, il narri. Io l’ho, signor, furata."

Ahi! tanto amò la non amante amata.

 Soggiunse poscia: "Io là, donde riceve

l’alta vostra meschita e l’aura e ’l die,

di notte ascesi, e trapassai per breve

fòro tentando inaccessibil vie.

A me l’onor, la morte a me si deve:

non usurpi costei le pene mie.

Mie son quelle catene, e per me questa

fiamma s’accende, e ’l rogo a me s’appresta."

 Alza Sofronia il viso, e umanamente

con occhi di pietade in lui rimira.

"A che ne vieni, o misero innocente?

qual consiglio o furor ti guida o tira?

Non son io dunque senza te possente

a sostener ciò che d’un uom può l’ira?

Ho petto anch’io, ch’ad una morte crede

di bastar solo, e compagnia non chiede."

 Cosí parla a l’amante; e no ’l dispone

sí ch’egli si disdica, e pensier mute.

Oh spettacolo grande, ove a tenzone

sono Amore e magnanima virtute!

ove la morte al vincitor si pone

in premio, e ’l mai del vinto è la salute!

Ma piú s’irrita il re quant’ella ed esso

è piú costante in incolpar se stesso.

 Pargli che vilipeso egli ne resti,

e ch’in disprezzo suo sprezzin le pene.

"Credasi" dice "ad ambo; e quella e questi

vinca, e la palma sia qual si conviene."

Indi accenna a i sergenti, i quai son presti

a legar il garzon di lor catene.

Sono ambo stretti al palo stesso; e vòlto

è il tergo al tergo, e ’l volto ascoso al volto.  

 Composto è lor d’intorno il rogo omai,

e già le fiamme il mantice v’incita,

quand’il fanciullo in dolorosi lai

proruppe, e disse a lei ch’è seco unita:

"Quest’è dunque quel laccio ond’io sperai

teco accoppiarmi in compagnia di vita?

questo è quel foco ch’io credea ch’i cori

ne dovesse infiammar d’eguali ardori?

 Altre fiamme, altri nodi Amor promise,

altri ce n’apparecchia iniqua sorte.

Troppo, ahi! ben troppo, ella già noi divise,

ma duramente or ne congiunge in morte.

Piacemi almen, poich’in sí strane guise

morir pur déi, del rogo esser consorte,

se del letto non fui; duolmi il tuo fato,

il mio non già, poich’io ti moro a lato.

 Ed oh mia sorte aventurosa a pieno!

oh fortunati miei dolci martíri!

s’impetrarò che, giunto seno a seno,

l’anima mia ne la tua bocca io spiri;

e venendo tu meco a un tempo meno,

in me fuor mandi gli ultimi sospiri."

Cosí dice piangendo. Ella il ripiglia

soavemente, e ’n tai detti il consiglia:

 "Amico, altri pensieri, altri lamenti,

per piú alta cagione il tempo chiede.

Ché non pensi a tue colpe? e non rammenti

qual Dio prometta a i buoni ampia mercede?

Soffri in suo nome, e fian dolci i tormenti,

e lieto aspira a la superna sede.

Mira ’l ciel com’è bello, e mira il sole

ch’a sé par che n’inviti e ne console."

 Qui il vulgo de’ pagani il pianto estolle:

piange il fedel, ma in voci assai piú basse.

Un non so che d’inusitato e molle

par che nel duro petto al re trapasse.

Ei presentillo, e si sdegnò; né volle

piegarsi, e gli occhi torse, e si ritrasse.

Tu sola il duol comun non accompagni,

Sofronia; e pianta da ciascun, non piagni.

 Mentre sono in tal rischio, ecco un guerriero

(ché tal parea) d’alta sembianza e degna;

e mostra, d’arme e d’abito straniero,

che di lontan peregrinando vegna.

La tigre, che su l’elmo ha per cimiero,

tutti gli occhi a sé trae, famosa insegna.

insegna usata da Clorinda in guerra;

onde la credon lei, né ’l creder erra.

 Costei gl’ingegni feminili e gli usi

tutti sprezzò sin da l’età piú acerba:

a i lavori d’Aracne, a l’ago, a i fusi

inchinar non degnò la man superba.

Fuggí gli abiti molli e i lochi chiusi,

ché ne’ campi onestate anco si serba;

armò d’orgoglio il volto, e si compiacque

rigido farlo, e pur rigido piacque.

 Tenera ancor con pargoletta destra

strinse e lentò d’un corridore il morso;

trattò l’asta e la spada, ed in palestra

indurò i membri ed allenogli al corso.

Poscia o per via montana o per silvestra

l’orme seguí di fer leone e d’orso;

seguí le guerre, e ’n esse e fra le selve

fèra a gli uomini parve, uomo a le belve.

 Viene or costei da le contrade perse

perch’a i cristiani a suo poter resista,

bench’altre volte ha di lor membra asperse

le piaggie, e l’onda di lor sangue ha mista.

Or quivi in arrivando a lei s’offerse

l’apparato di morte a prima vista.

Di mirar vaga e di saper qual fallo

condanni i rei, sospinge oltre il cavallo.

 Cedon le turbe, e i duo legati insieme

ella si ferma a riguardar da presso.

Mira che l’una tace e l’altro geme,

e piú vigor mostra il men forte sesso.

Pianger lui vede in guisa d’uom cui preme

pietà, non doglia, o duol non di se stesso;

e tacer lei con gli occhi ai ciel sí fisa

ch’anzi ’l morir par di qua giú divisa.

 Clorinda intenerissi, e si condolse

d’ambeduo loro e lagrimonne alquanto.

Pur maggior sente il duol per chi non duolse,

piú la move il silenzio e meno il pianto.

Senza troppo indugiare ella si volse

ad un uom che canuto avea da canto:

"Deh! dimmi: chi son questi? ed al martoro

qual gli conduce o sorte o colpa loro?"

 Cosí pregollo, e da colui risposto

breve ma pieno a le dimande fue.

Stupissi udendo, e imaginò ben tosto

ch’egualmente innocenti eran que’ due.

Già di vietar lor morte ha in sé proposto,

quanto potranno i preghi o l’armi sue.

Pronta accorre a la fiamma, e fa ritrarla,

che già s’appressa, ed a i ministri parla:

 "Alcun non sia di voi che ’n questo duro

ufficio oltra seguire abbia baldanza,

sin ch’io non parli al re: ben v’assecuro

ch’ei non v’accuserà de la tardanza."

Ubidiro i sergenti, e mossi furo

da quella grande sua regal sembianza.

Poi verso il re si mosse, e lui tra via

ella trovò che ’ncontra lei venia.

 "Io son Clorinda:" disse "hai forse intesa

talor nomarmi; e qui, signor, ne vegno

per ritrovarmi teco a la difesa

de la fede comune e del tuo regno.

Son pronta, imponi pure, ad ogni impresa:

l’alte non temo, e l’umili non sdegno;

voglimi in campo aperto, o pur tra ’l chiuso

de le mura impiegar, nulla ricuso."

 Tacque; e rispose il re: "Qual sí disgiunta

terra è da l’Asia, o dal camin del sole,

vergine gloriosa, ove non giunta

sia la tua fama, e l’onor tuo non vòle?

Or che s’è la tua spada a me congiunta,

d’ogni timor m’affidi e mi console:

non, s’essercito grande unito insieme

fosse in mio scampo, avrei piú certa speme.

 Già già mi par ch’a giunger qui Goffredo

oltra il dover indugi; or tu dimandi

ch’impieghi io te: sol di te degne credo

l’imprese malagevoli e le grandi.

Sovr’a i nostri guerrieri a te concedo

lo scettro, e legge sia quel che comandi."

Cosí parlava. Ella rendea cortese

grazie per lodi, indi il parlar riprese:

 "Nova cosa parer dovrà per certo

che preceda a i servigi il guiderdone;

ma tua bontà m’affida: i’ vuo’ ch’in merto

del futuro servir que’ rei mi done.

In don gli chieggio: e pur, se ’l fallo è incerto

gli danna inclementissima ragione;

ma taccio questo, e taccio i segni espressi

onde argomento l’innocenza in essi.

 E dirò sol ch’è qui comun sentenza

che i cristiani togliessero l’imago;

ma discordo io da voi, né però senza

alta ragion del mio parer m’appago.

Fu de le nostre leggi irriverenza

quell’opra far che persuase il mago:

ché non convien ne’ nostri tèmpi a nui

gl’idoli avere, e men gl’idoli altrui.

 Dunque suso a Macon recar mi giova

il miracol de l’opra, ed ei la fece

per dimostrar ch’i tèmpi suoi con nova

religion contaminar non lece.

Faccia Ismeno incantando ogni sua prova,

egli a cui le malie son d’arme in vece;

trattiamo il ferro pur noi cavalieri:

quest’arte è nostra, e ’n questa sol si speri."

 Tacque, ciò detto; e ’l re, bench’a pietade

l’irato cor difficilmente pieghi,

pur compiacer la volle; e ’l persuade

ragione, e ’l move autorità di preghi.

"Abbian vita" rispose "e libertade,

e nulla a tanto intercessor si neghi.

Siasi questa o giustizia over perdono,

innocenti gli assolvo, e rei gli dono."

 Cosí furon disciolti. Aventuroso

ben veramente fu d’Olindo il fato,

ch’atto poté mostrar che ’n generoso

petto al fine ha d’amore amor destato.

Va dal rogo a le nozze; ed è già sposo

fatto di reo, non pur d’amante amato.

Volse con lei morire: ella non schiva,

poi che seco non muor, che seco viva.

 Ma il sospettoso re stimò periglio

tanta virtú congiunta aver vicina;

onde, com’egli volse, ambo in essiglio

oltra i termini andàr di Palestina.

Ei, pur seguendo il suo crudel consiglio,

bandisce altri fedeli, altri confina.

Oh come lascian mesti i pargoletti

figli, e gli antichi padri e i dolci letti!

 Dura division! scaccia sol quelli

di forte corpo e di feroce ingegno;

ma il mansueto sesso, e gli anni imbelli

seco ritien, sí come ostaggi, in pegno.

Molti n’andaro errando, altri rubelli

fèrsi, e piú che ’l timor poté lo sdegno.

Questi unírsi co’ Franchi, e gl’incontraro

a punto il dí che ’n Emaús entraro.

 Emaús è città cui breve strada

da la regal Gierusalem disgiunge,

ed uom che lento a suo diporto vada,

se parte matutino, a nona giunge.

Oh quant’intender questo a i Franchi aggrada!

Oh quanto piú ’l desio gli affretta e punge!

Ma perch’oltra il meriggio il sol già scende,

qui fa spiegare il capitan le tende.

 L’avean già tese, e poco era remota

l’alma luce del sol da l’oceano,

quando duo gran baroni in veste ignota

venir son visti, e ’n portamento estrano.

Ogni atto lor pacifico dinota

che vengon come amici al capitano.

Del gran re de l’Egitto eran messaggi,

e molti intorno avean scudieri e paggi.

 Alete è l’un, che da principio indegno

tra le brutture de la plebe è sorto;

ma l’inalzaro a i primi onor del regno

parlar facondo e lusinghiero e scòrto,

pieghevoli costumi e vario ingegno

al finger pronto, a l’ingannare accorto:

gran fabro di calunnie, adorne in modi

novi, che sono accuse, e paion lodi.

 L’altro è il circasso Argante, uom che straniero

se ’n venne a la regal corte d’Egitto;

ma de’ satrapi fatto è de l’impero,

e in sommi gradi a la milizia ascritto:

impaziente, inessorabil, fero,

ne l’arme infaticabile ed invitto,

d’ogni dio sprezzatore, e che ripone

ne la spada sua legge e sua ragione.

 Chieser questi udienza ed al cospetto

del famoso Goffredo ammessi entraro,

e in umil seggio e in un vestire schietto

fra’ suoi duci sedendo il ritrovaro;

ma verace valor, benché negletto,

è di se stesso a sé fregio assai chiaro.

Picciol segno d’onor gli fece Argante,

in guisa pur d’uom grande e non curante.

 Ma la destra si pose Alete al seno,

e chinò il capo, e piegò a terra i lumi,

e l’onorò con ogni modo a pieno

che di sua gente portino i costumi.

Cominciò poscia, e di sua bocca uscièno

piú che mèl dolci d’eloquenza i fiumi;

e perché i Franchi han già il sermone appreso

de la Soria, fu ciò ch’ei disse inteso.

 "O degno sol cui d’ubidire or degni

questa adunanza di famosi eroi,

che per l’adietro ancor le palme e i regni

da te conobbe e da i consigli tuoi,

il nome tuo, che non riman tra i segni

d’Alcide, omai risuona anco fra noi,

e la fama d’Egitto in ogni parte

del tuo valor chiare novelle ha sparte.

 Né v’è fra tanti alcun che non le ascolte

come egli suol le meraviglie estreme,

ma dal mio re con istupore accolte

sono non sol, ma con diletto insieme;

e s’appaga in narrarle anco e le volte,

amando in te ciò ch’altri invidia e teme:

ama il valore, e volontario elegge

teco unirsi d’amor, se non di legge.

 Da sí bella cagion dunque sospinto,

l’amicizia e la pace a te richiede,

e l’ mezzo onde l’un resti a l’altro avinto

sia la virtú s’esser non può la fede.

Ma perché inteso avea che t’eri accinto

per iscacciar l’amico suo di sede,

volse, pria ch’altro male indi seguisse,

ch’a te la mente sua per noi s’aprisse.

 E la sua mente è tal, che s’appagarti

vorrai di quanto hai fatto in guerra tuo,

né Giudea molestar, né l’altre parti

che ricopre il favor del regno suo,

ei promette a l’incontro assecurarti

il non ben fermo stato. E se voi duo

sarete uniti, or quando i Turchi e i Persi

potranno unqua sperar di riaversi?

 Signor, gran cose in picciol tempo hai fatte

che lunga età porre in oblio non pote:

esserciti, città, vinti, disfatte,

superati disagi e strade ignote,

sí ch’al grido o smarrite o stupefatte

son le provincie intorno e le remote;

e se ben acquistar puoi novi imperi,

acquistar nova gloria indarno speri.

 Giunta è tua gloria al sommo, e per l’inanzi

fuggir le dubbie guerre a te conviene,

ch’ove tu vinca, sol di stato avanzi,

né tua gloria maggior quinci diviene;

ma l’imperio acquistato e preso inanzi

e l’onor perdi, se ’l contrario aviene.

Ben gioco è di fortuna audace e stolto

por contra il poco e incerto il certo e ’l molto.  

 Ma il consiglio di tal cui forse pesa

ch’altri gli acquisti a lungo ancor conserve,

e l’aver sempre vinto in ogni impresa,

e quella voglia natural, che ferve

e sempre è piú ne’ cor piú grandi accesa,

d’aver le genti tributarie e serve,

faran per aventura a te la pace

fuggir, piú che la guerra altri non face.

 T’essorteranno a seguitar la strada

che t’è dal fato largamente aperta,

a non depor questa famosa spada,

al cui valore ogni vittoria è certa,

sin che la legge di Macon non cada,

sin che l’Asia per te non sia deserta:

dolci cose ad udir e dolci inganni

ond’escon poi sovente estremi danni.

 Ma s’animosità gli occhi non benda,

né il lume oscura in te de la ragione,

scorgerai, ch’ove tu la guerra prenda,

hai di temer, non di sperar cagione,

ché fortuna qua giú varia a vicenda

mandandoci venture or triste or buone,

ed ai voli troppo alti e repentini

sogliono i precipizi esser vicini.

 Dimmi: s’a’ danni tuoi l’Egitto move,

d’oro e d’arme potente e di consiglio,

e s’avien che la guerra anco rinove

il Perso e ’l Turco e di Cassano il figlio,

quai forzi opporre a sí gran furia o dove

ritrovar potrai scampo al tuo periglio?

T’affida forse il re malvagio greco

il qual da i sacri patti unito è teco?

 La fede greca a chi non è palese?

Tu da un sol tradimento ogni altro impara,

anzi da mille, perché mille ha tese

insidie a voi la gente infida, avara.

Dunque chi dianzi il passo a voi contese,

per voi la vita esporre or si prepara?

chi le vie che comuni a tutti sono

negò, del proprio sangue or farà dono?

 Ma forse hai tu riposta ogni tua speme

in queste squadre ond’ora cinto siedi.

Quei che sparsi vincesti, uniti insieme

di vincer anco agevolmente credi,

se ben son le tue schiere or molto sceme

tra le guerre e i disagi, e tu te ’l vedi;

se ben novo nemico a te s’accresce

e co’ Persi e co’ Turchi Egizi mesce.

 Or quando pure estimi esser fatale

che non ti possa il ferro vincer mai,

siati concesso, e siati a punto tale

il decreto del Ciel qual tu te l’ fai;

vinceratti la fame: a questo male

che rifugio, per Dio, che schermo avrai?

Vibra contra costei la lancia, e stringi

la spada, e la vittoria anco ti fingi.

 Ogni campo d’intorno arso e distrutto

ha la provida man de gli abitanti,

e ’n chiuse mura e ’n alte torri il frutto

riposto, al tuo venir piú giorni inanti.

Tu ch’ardito sin qui ti sei condutto,

onde speri nutrir cavalli e fanti?

Dirai: `L’armata in mar cura ne prende.’

Da i venti dunque il viver tuo dipende?

 Comanda forse tua fortuna a i venti,

e gli avince a sua voglia e gli dislega?

e ’l mar ch’a i preghi è sordo ed a i lamenti,

te sol udendo, al tuo voler si piega?

O non potranno pur le nostre genti,

e le perse e le turche unite in lega,

cosí potente armata in un raccòrre

ch’a questi legni tuoi si possa opporre?

 Doppia vittoria a te, signor, bisogna,

s’hai de l’impresa a riportar l’onore.

Una perdita sola alta vergogna

può cagionarti e danno anco maggiore:

ch’ove la nostra armata in rotta pogna

la tua, qui poi di fame il campo more;

e se tu sei perdente, indarno poi

saran vittoriosi i legni tuoi.

 Ora se in tale stato anco rifiuti

co ’l gran re de l’Egitto e pace e tregua,

(diasi licenza ai ver) l’altre virtuti

questo consiglio tuo non bene adegua.

Ma voglia il Ciel che ’l tuo pensier si muti,

s’a guerra è vòlto, e che ’l contrario segua,

sí che l’Asia respiri omai da i lutti,

e goda tu de la vittoria i frutti.

 Né voi che del periglio e de gli affanni

e de la gloria a lui sète consorti,

il favor di fortuna or tanto inganni

che nove guerre a provocar v’essorti.

Ma qual nocchier che da i marini inganni

ridutti ha i legni a i desiati porti,

raccòr dovreste omai le sparse vele,

né fidarvi di novo al mar crudele."

 Qui tacque Alete, e ’l suo parlar seguiro

con basso mormorar que’ forti eroi;

e ben ne gli atti disdegnosi apriro

quanto ciascun quella proposta annoi.

Il capitan rivolse gli occhi in giro

tre volte e quattro, e mirò in fronte i suoi,

e poi nel volto di colui gli affisse

ch’attendea la risposta, e cosí disse:

 "Messaggier, dolcemente a noi sponesti

ora cortese, or minaccioso invito.

Se ’l tuo re m’ama e loda i nostri gesti,

è sua mercede, e m’è l’amor gradito.

A quella parte poi dove protesti

la guerra a noi del paganesmo unito,

risponderò, come da me si suole,

liberi sensi in semplici parole.

 Sappi che tanto abbiam sin or sofferto

in mare, in terra, a l’aria chiara e scura,

solo acciò che ne fosse il calle aperto

a quelle sacre e venerabil mura,

per acquistarne appo Dio grazia e merto

togliendo lor di servitú sí dura,

né mai grave ne fia per fin sí degno

esporre onor mondano e vita e regno;

 ché non ambiziosi avari affetti

ne spronaro a l’impresa, e ne fur guida

(sgombri il Padre del Ciel da i nostri petti

peste sí rea, s’in alcun pur s’annida;

né soffra che l’asperga, e che l’infetti

di venen dolce che piacendo ancida),

ma la sua man ch’i duri cor penètra

soavemente, e gli ammollisce e spetra.

 Questa ha noi mossi e questa ha noi condutti,

tratti d’ogni periglio e d’ogni impaccio;

questa fa piani i monti e i fiumi asciutti,

l’ardor toglie a la state, al verno il ghiaccio;

placa del mare i tempestosi flutti,

stringe e rallenta questa a i venti il laccio;

quindi son l’alte mura aperte ed arse,

quindi l’armate schiere uccise e sparse;

 quindi l’ardir, quindi la speme nasce,

non da le frali nostre forze e stanche,

non da l’armata, e non da quante pasce

genti la Grecia e non da l’arme franche.

Pur ch’ella mai non ci abbandoni e lasce,

poco dobbiam curar ch’altri ci manche.

Chi sa come difende e come fère,

soccorso a i suoi perigli altro non chere.

 Ma quando di sua aita ella ne privi,

per gli error nostri o per giudizi occulti,

chi fia di noi ch’esser sepulto schivi

ove i membri di Dio fur già sepulti?

Noi morirem, né invidia avremo a i vivi;

noi morirem, ma non morremo inulti,

né l’Asia riderà di nostra sorte,

né pianta fia da noi la nostra morte.

 Non creder già che noi fuggiam la pace

come guerra mortal si fugge e pave,

ché l’amicizia del tuo re ne piace,

né l’unirci con lui ne sarà grave;

ma s’al suo impero la Giudea soggiace,

tu ’l sai; perché tal cura ei dunque n’have?

De’ regni altrui l’acquisto ei non ci vieti,

e regga in pace i suoi tranquilli e lieti."

 Cosí rispose, e di pungente rabbia

la risposta ad Argante il cor trafisse;

né ’l celò già, ma con enfiate labbia

si trasse avanti al capitano e disse:

"Chi la pace non vuol, la guerra s’abbia,

ché penuria giamai non fu di risse;

e ben la pace ricusar tu mostri,

se non t’acqueti a i primi detti nostri."

 Indi il suo manto per lo lembo prese,

curvollo e fenne un seno; e ’l seno sporto,

cosí pur anco a ragionar riprese

via piú che prima dispettoso e torto:

"O sprezzator de le piú dubbie imprese,

e guerra e pace in questo sen t’apporto:

tua sia l’elezione; or ti consiglia

senz’altro indugio, e qual piú vuoi ti piglia."

 L’atto fero e ’l parlar tutti commosse

a chiamar guerra in un concorde grido,

non attendendo che risposto fosse

dal magnanimo lor duce Goffrido.

Spiegò quel crudo il seno e ’l manto scosse,

ed: "A guerra mortal" disse "vi sfido";

e ’l disse in atto sí feroce ed empio

che parve aprir di Giano il chiuso tempio.

 Parve ch’aprendo il seno indi traesse

il Furor pazzo e la Discordia fera,

e che ne gli occhi orribili gli ardesse

la gran face d’Aletto e di Megera.

Quel grande già che ’ncontra il cielo eresse

l’alta mole d’error, forse tal era;

e in cotal atto il rimirò Babelle

alzar la fronte e minacciar le stelle.

 Soggiunse allor Goffredo: "Or riportate

al vostro re che venga, e che s’affretti,

che la guerra accettiam che minacciate;

e s’ei non vien, fra ’l Nilo suo n’aspetti."

Accommiatò lor poscia in dolci e grate

maniere, e gli onorò di doni eletti.

Ricchissimo ad Alete un elmo diede

ch’a Nicea conquistò fra l’altre prede.

 Ebbe Argante una spada; e ’l fabro egregio

l’else e ’l pomo le fe’ gemmato e d’oro,

con magistero tal che perde il pregio

de la ricca materia appo il lavoro.

Poi che la tempra e la ricchezza e ’l fregio

sottilmente da lui mirati foro,

disse Argante al Buglion: "Vedrai ben tosto

come da me il tuo dono in uso è posto."

 Indi tolto il congedo, è da lui ditto

al suo compagno: "Or ce n’andremo omai,

io a Gierusalem, tu verso Egitto,

tu co ’l sol novo, io co’ notturni rai,

ch’uopo o di mia presenza, o di mio scritto

essere non può colà dove tu vai.

Reca tu la risposta, io dilungarmi

quinci non vuo’, dove si trattan l’armi."

 Cosí di messaggier fatto è nemico,

sia fretta intempestiva o sia matura:

la ragion de le genti e l’uso antico

s’offenda o no, né ’l pensa egli, né ’l cura.

Senza risposta aver, va per l’amico

silenzio de le stelle a l’alte mura,

d’indugio impaziente, ed a chi resta

già non men la dimora anco è molesta.

 Era la notte allor ch’alto riposo

han l’onde e i venti, e parea muto il mondo.

Gli animai lassi, e quei che ’l mar ondoso

o de liquidi laghi alberga il fondo,

e chi si giace in tana o in mandra ascoso,

e i pinti augelli, ne l’oblio profondo

sotto il silenzio de’ secreti orrori

sopian gli affanni e raddolciano i cori.

 Ma né ’l campo fedel, né ’l franco duca

si discioglie nel sonno, o almen s’accheta,

tanta in lor cupidigia è che riluca

omai nel ciel l’alba aspettata e lieta,

perché il camin lor mostri, e li conduca

a la città ch’al gran passaggio è mèta.

Mirano ad or ad or se raggio alcuno

spunti, o si schiari de la notte il bruno.

 

 

 

 

5

 

 

 

 

10

 

 

 

 

15

 

 

 

 

20

 

 

 

 

25

 

 

 

 

30

 

 

 

 

35

 

 

 

 

40

 

 

 

 

45

 

 

 

 

50

 

 

 

 

55

 

 

 

 

60

 

 

 

 

65

 

 

 

 

70

 

 

 

 

75

 

 

 

 

80

 

 

 

 

85

 

 

 

 

90

 

 

 

 

95

 

 

 

 

100

 

 

 

 

105

 

 

 

 

110

 

 

 

 

115

 

 

 

 

120

 

 

 

 

125

 

 

 

 

130

 

 

 

 

135

 

 

 

 

140

 

 

 

 

145

 

 

 

 

150

 

 

 

 

155

 

 

 

 

160

 

 

 

 

165

 

 

 

 

170

 

 

 

 

175

 

 

 

 

180

 

 

 

 

185

 

 

 

 

190

 

 

 

 

195

 

 

 

 

200

 

 

 

 

205

 

 

 

 

210

 

 

 

 

215

 

 

 

 

220

 

 

 

 

225

 

 

 

 

230

 

 

 

 

235

 

 

 

 

240

 

 

 

 

245

 

 

 

 

250

 

 

 

 

255

 

 

 

 

260

 

 

 

 

265

 

 

 

 

270

 

 

 

 

275

 

 

 

 

280

 

 

 

 

285

 

 

 

 

290

 

 

 

 

295

 

 

 

 

300

 

 

 

 

305

 

 

 

 

310

 

 

 

 

315

 

 

 

 

320

 

 

 

 

325

 

 

 

 

330

 

 

 

 

335

 

 

 

 

340

 

 

 

 

345

 

 

 

 

350

 

 

 

 

355

 

 

 

 

360

 

 

 

 

365

 

 

 

 

370

 

 

 

 

375

 

 

 

 

380

 

 

 

 

385

 

 

 

 

390

 

 

 

 

395

 

 

 

 

400

 

 

 

 

405

 

 

 

 

410

 

 

 

 

415

 

 

 

 

420

 

 

 

 

425

 

 

 

 

430

 

 

 

 

435

 

 

 

 

440

 

 

 

 

445

 

 

 

 

450

 

 

 

 

455

 

 

 

 

460

 

 

 

 

465

 

 

 

 

470

 

 

 

 

475

 

 

 

 

480

 

 

 

 

485

 

 

 

 

490

 

 

 

 

495

 

 

 

 

500

 

 

 

 

505

 

 

 

 

510

 

 

 

 

515

 

 

 

 

520

 

 

 

 

525

 

 

 

 

530

 

 

 

 

535

 

 

 

 

540

 

 

 

 

545

 

 

 

 

550

 

 

 

 

555

 

 

 

 

560

 

 

 

 

565

 

 

 

 

570

 

 

 

 

575

 

 

 

 

580

 

 

 

 

585

 

 

 

 

590

 

 

 

 

595

 

 

 

 

600

 

 

 

 

605

 

 

 

 

610

 

 

 

 

615

 

 

 

 

620

 

 

 

 

625

 

 

 

 

630

 

 

 

 

635

 

 

 

 

640

 

 

 

 

645

 

 

 

 

650

 

 

 

 

655

 

 

 

 

660

 

 

 

 

665

 

 

 

 

670

 

 

 

 

675

 

 

 

 

680

 

 

 

 

685

 

 

 

 

690

 

 

 

 

695

 

 

 

 

700

 

 

 

 

705

 

 

 

 

710

 

 

 

 

715

 

 

 

 

720

 

 

 

 

725

 

 

 

 

730

 

 

 

 

735

 

 

 

 

740

 

 

 

 

745

 

 

 

 

750

 

 

 

 

755

 

 

 

 

760

 

 

 

 

765

 

 

 

 

770

 

 

 

 

775

 Indice

01 - 02 - 03 - 04 - 05 - 06 - 07 - 08 - 09 - 10

 

11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20

Indice Biblioteca ProgettoTasso Indice Gerusalemme Liberata

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 04 ottobre 2009