Torquato Tasso

La Gerusalemme Liberata

POEMA DEL SIGNOR TORQUATO TASSO

AL SERENISSIMO SIGNORE

IL SIGNOR DONNO ALFONSO II D’ESTE DUCA DI FERRARA

Edizione di riferimento

Torquato Tasso, Gerusalemme Liberata, a cura di Lanfranco Caretti, Collana "I Meridiani", Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1976 - L’edizione riprende quella de "I classici Mondadori (Milano 1957

Le ottave introduttive sono tratte dall’edizione fiorentina del MDCCCXXIV dell’Editore Giuseppe Molini

CANTO PRIMO

Proemio e dedica - Mentre l’esercito cristiano sverna in Tortosa , Dio manda a Goffredo l’arcangelo Gabriele, per indurlo ad adunare i principi per affrettare l’impresa e ricevere il comando dell’esercito secondo la volontà stessa di Dio. I Principi, adunati a congresso, lo eleggono infatti Duce supremo. Fatta la rassegna dell’esercito (Roberto, Baldovino, Tancredi, Goffredo di Buglione, Rinaldo, Raimondo da Tolosa), i Crociati muovono verso Gerusalemme; Goffredo, intanto, manda il suo messaggero Enrico al Principe dei Dani, atteso finora invano. La fama dell’avvenimento si sparge subito per i territori circostanti. Conosciuta l’intenzione dei Cristiani, Aladino, il re di Gerusalemme, si prepara alla difesa.

Argomento

Manda a Tortosa Dio l’Angelo, u’ poi

Goffredo Aduna i Principi Cristiani.

Quivi concordi que’ famosi Eroi

Lui Duce fan degli altri Capitani.

Quinci egli pria vuol rivedere i suoi

Sotto l’insegne; e poi gl’invia ne’ piani

Ch’a Sion vanno: intanto di Giudea

Il Re si turba alla novella rea.

 

1

 

 

 

 

 

 

 

2

 

 

 

 

 

 

 

3

 

 

 

 

 

 

 

4

 

 

 

 

 

 

 

5

 

 

 

 

 

 

 

6

 

 

 

 

 

 

 

7

 

 

 

 

 

 

 

8

 

 

 

 

 

 

 

9

 

 

 

 

 

 

 

10

 

 

 

 

 

 

 

11

 

 

 

 

 

 

 

12

 

 

 

 

 

 

 

13

 

 

 

 

 

 

 

14

 

 

 

 

 

 

 

15

 

 

 

 

 

 

 

16

 

 

 

 

 

 

 

17

 

 

 

 

 

 

 

18

 

 

 

 

 

 

 

19

 

 

 

 

 

 

 

20

 

 

 

 

 

 

 

21

 

 

 

 

 

 

 

22

 

 

 

 

 

 

 

23

 

 

 

 

 

 

 

24

 

 

 

 

 

 

 

25

 

 

 

 

 

 

 

26

 

 

 

 

 

 

 

27

 

 

 

 

 

 

 

28

 

 

 

 

 

 

 

29

 

 

 

 

 

 

 

30

 

 

 

 

 

 

 

31

 

 

 

 

 

 

 

32

 

 

 

 

 

 

 

33

 

 

 

 

 

 

 

34

 

 

 

 

 

 

 

35

 

 

 

 

 

 

 

36

 

 

 

 

 

 

 

37

 

 

 

 

 

 

 

38

 

 

 

 

 

 

 

39

 

 

 

 

 

 

 

40

 

 

 

 

 

 

 

41

 

 

 

 

 

 

 

42

 

 

 

 

 

 

 

43

 

 

 

 

 

 

 

44

 

 

 

 

 

 

 

45

 

 

 

 

 

 

 

46

 

 

 

 

 

 

 

47

 

 

 

 

 

 

 

48

 

 

 

 

 

 

 

49

 

 

 

 

 

 

 

50

 

 

 

 

 

 

 

51

 

 

 

 

 

 

 

52

 

 

 

 

 

 

 

53

 

 

 

 

 

 

 

54

 

 

 

 

 

 

 

55

 

 

 

 

 

 

 

56

 

 

 

 

 

 

 

57

 

 

 

 

 

 

 

58

 

 

 

 

 

 

 

59

 

 

 

 

 

 

 

60

 

 

 

 

 

 

 

61

 

 

 

 

 

 

 

62

 

 

 

 

 

 

 

63

 

 

 

 

 

 

 

64

 

 

 

 

 

 

 

65

 

 

 

 

 

 

 

66

 

 

 

 

 

 

 

67

 

 

 

 

 

 

 

68

 

 

 

 

 

 

 

69

 

 

 

 

 

 

 

70

 

 

 

 

 

 

 

71

 

 

 

 

 

 

 

72

 

 

 

 

 

 

 

73

 

 

 

 

 

 

 

74

 

 

 

 

 

 

 

75

 

 

 

 

 

 

 

76

 

 

 

 

 

 

 

77

 

 

 

 

 

 

 

78

 

 

 

 

 

 

 

79

 

 

 

 

 

 

 

80

 

 

 

 

 

 

 

81

 

 

 

 

 

 

 

82

 

 

 

 

 

 

 

83

 

 

 

 

 

 

 

84

 

 

 

 

 

 

 

85

 

 

 

 

 

 

 

86

 

 

 

 

 

 

 

87

 

 

 

 

 

 

 

88

 

 

 

 

 

 

 

89

 

 

 

 

 

 

 

90

 

 

 

 

 

 

 

Canto l’arme pietose e ’l capitano

che ’l gran sepolcro liberò di Cristo.

Molto egli oprò co ’l senno e con la mano,

molto soffrí nel glorioso acquisto;

e in van l’Inferno vi s’oppose, e in vano

s’armò d’Asia e di Libia il popol misto.

Il Ciel gli diè favore, e sotto a i santi

segni ridusse i suoi compagni erranti.

O Musa, tu che di caduchi allori

non circondi la fronte in Elicona,

ma su nel cielo infra i beati cori

hai di stelle immortali aurea corona,

tu spira al petto mio celesti ardori,

tu rischiara il mio canto, e tu perdona

s’intesso fregi al ver, s’adorno in parte

d’altri diletti, che de’ tuoi, le carte.

Sai che là corre il mondo ove piú versi

di sue dolcezze il lusinghier Parnaso,

e che ’l vero, condito in molli versi,

i piú schivi allettando ha persuaso.

Cosí a l’egro fanciul porgiamo aspersi

di soavi licor gli orli del vaso:

succhi amari ingannato intanto ei beve,

e da l’inganno suo vita riceve.

Tu, magnanimo Alfonso, il quale ritogli

al furor di fortuna e guidi in porto

me peregrino errante, e fra gli scogli

e fra l’onde agitato e quasi absorto,

queste mie carte in lieta fronte accogli,

che quasi in voto a te sacrate i’ porto.

Forse un dí fia che la presaga penna

osi scriver di te quel ch’or n’accenna.

È ben ragion, s’egli averrà ch’in pace

il buon popol di Cristo unqua si veda,

e con navi e cavalli al fero Trace

cerchi ritòr la grande ingiusta preda,

ch’a te lo scettro in terra o, se ti piace,

l’alto imperio de’ mari a te conceda.

Emulo di Goffredo, i nostri carmi

intanto ascolta, e t’apparecchia a l’armi.

Già ’l sesto anno volgea, ch’in oriente

passò il campo cristiano a l’alta impresa;

e Nicea per assalto, e la potente

Antiochia con arte avea già presa.

L’avea poscia in battaglia incontra gente

di Persia innumerabile difesa,

e Tortosa espugnata; indi a la rea

stagion diè loco, e ’l novo anno attendea.

E ’l fine omai di quel piovoso inverno,

che fea l’arme cessar, lunge non era;

quando da l’alto soglio il Padre eterno,

ch’è ne la parte piú del ciel sincera,

e quanto è da le stelle al basso inferno,

tanto è piú in su de la stellata spera,

gli occhi in giú volse, e in un sol punto e in una

vista mirò ciò ch’in sé il mondo aduna.

Mirò tutte le cose, ed in Soria

s’affisò poi ne’ principi cristiani;

e con quel guardo suo ch’a dentro spia

nel piú secreto lor gli affetti umani,

vide Goffredo che scacciar desia

de la santa città gli empi pagani,

e pien di fé, di zelo, ogni mortale

gloria, imperio, tesor mette in non cale.

Ma vede in Baldovin cupido ingegno,

ch’a l’umane grandezze intento aspira:

vede Tancredi aver la vita a sdegno,

tanto un suo vano amor l’ange e martira:

e fondar Boemondo al novo regno

suo d’Antiochia alti princípi mira,

e leggi imporre, ed introdur costume

ed arti e culto di verace nume;

e cotanto internarsi in tal pensiero,

ch’altra impresa non par che piú rammenti:

scorge in Rinaldo e animo guerriero

e spirti di riposo impazienti;

non cupidigia in lui d’oro o d’impero,

ma d’onor brame immoderate, ardenti:

scorge che da la bocca intento pende

di Guelfo, e i chiari antichi essempi apprende.

Ma poi ch’ebbe di questi e d’altri cori

scòrti gl’intimi sensi il Re del mondo,

chiama a sé da gli angelici splendori

Gabriel, che ne’ primi era secondo.

È tra Dio questi e l’anime migliori

interprete fedel, nunzio giocondo:

giú i decreti del Ciel porta, ed al Cielo

riporta de’ mortali i preghi e ’l zelo.

Disse al suo nunzio Dio: "Goffredo trova,

e in mio nome di’ lui: perché si cessa?

perché la guerra omai non si rinova

a liberar Gierusalemme oppressa?

Chiami i duci a consiglio, e i tardi mova

a l’alta impresa: ei capitan fia d’essa.

Io qui l’eleggo; e ’l faran gli altri in terra,

già suoi compagni, or suoi ministri in guerra."

Cosí parlogli, e Gabriel s’accinse

veloce ad esseguir l’imposte cose:

la sua forma invisibil d’aria cinse

ed al senso mortal la sottopose.

Umane membra, aspetto uman si finse,

ma di celeste maestà il compose;

tra giovene e fanciullo età confine

prese, ed ornò di raggi il biondo crine.

Ali bianche vestí, c’han d’or le cime,

infaticabilmente agili e preste.

Fende i venti e le nubi, e va sublime

sovra la terra e sovra il mar con queste.

Cosí vestito, indirizzossi a l’ime

parti del mondo il messaggier celeste:

pria sul Libano monte ei si ritenne,

e si librò su l’adeguate penne;

e vèr le piagge di Tortosa poi

drizzò precipitando il volo in giuso.

Sorgeva il novo sol da i lidi eoi,

parte già fuor, ma ’l piú ne l’onde chiuso;

e porgea matutini i preghi suoi

Goffredo a Dio, come egli avea per uso;

quando a paro co ’l sol, ma piú lucente,

l’angelo gli apparí da l’oriente;

e gli disse: "Goffredo, ecco opportuna

già la stagion ch’al guerreggiar s’aspetta;

perché dunque trapor dimora alcuna

a liberar Gierusalem soggetta?

Tu i principi a consiglio omai raguna,

tu al fin de l’opra i neghittosi affretta.

Dio per lor duce già t’elegge, ed essi

sopporran volontari a te se stessi.

Dio messaggier mi manda: io ti rivelo

la sua mente in suo nome. Oh quanta spene

aver d’alta vittoria, oh quanto zelo

de l’oste a te commessa or ti conviene!"

Tacque; e, sparito, rivolò del cielo

a le parti piú eccelse e piú serene.

Resta Goffredo a i detti, a lo splendore,

d’occhi abbagliato, attonito di core.

Ma poi che si riscote, e che discorre

chi venne, chi mandò, che gli fu detto,

se già bramava, or tutto arde d’imporre

fine a la guerra ond’egli è duce eletto.

Non che ’l vedersi a gli altri in Ciel preporre

d’aura d’ambizion gli gonfi il petto,

ma il suo voler piú nel voler s’infiamma

del suo Signor, come favilla in fiamma.

Dunque gli eroi compagni, i quai non lunge

erano sparsi, a ragunarsi invita;

lettere a lettre, e messi a messi aggiunge,

sempre al consiglio è la preghiera unita;

ciò ch’alma generosa alletta e punge,

ciò che può risvegliar virtù sopita,

tutto par che ritrovi, e in efficace

modo l’adorna sí che sforza e piace.

Vennero i duci, e gli altri anco seguiro,

e Boemondo sol qui non convenne.

Parte fuor s’attendò, parte nel giro

e tra gli alberghi suoi Tortosa tenne.

I grandi de l’essercito s’uniro

(glorioso senato) in dí solenne.

Qui il pio Goffredo incominciò tra loro,

augusto in volto ed in sermon sonoro:

"Guerrier di Dio, ch’a ristorar i danni

de la sua fede il Re del Cielo elesse,

e securi fra l’arme e fra gl’inganni

de la terra e del mar vi scòrse e resse,

sí ch’abbiam tante e tante in sí pochi anni

ribellanti provincie a lui sommesse,

e fra le genti debellate e dome

stese l’insegne sue vittrici e ’l nome,

già non lasciammo i dolci pegni e ’l nido

nativo noi (se ’l creder mio non erra),

né la vita esponemmo al mare infido

ed a i perigli di lontana guerra,

per acquistar di breve suono un grido

vulgare e posseder barbara terra,

ché proposto ci avremmo angusto e scarso

premio, e in danno de l’alme il sangue sparso.

Ma fu de’ pensier nostri ultimo segno

espugnar di Sion le nobil mura,

e sottrarre i cristiani al giogo indegno

di servitù cosí spiacente e dura,

fondando in Palestina un novo regno,

ov’abbia la pietà sede secura;

né sia chi neghi al peregrin devoto

d’adorar la gran tomba e sciòrre il voto.

Dunque il fatto sin ora al rischio è molto,

piú che molto al travaglio, a l’onor poco,

nulla al disegno, ove o si fermi o vòlto

sia l’impeto de l’armi in altro loco.

Che gioverà l’aver d’Europa accolto

sí grande sforzo, e posto in Asia il foco,

quando sia poi di sí gran moti il fine

non fabbriche di regni, ma ruine?

Non edifica quei che vuol gl’imperi

su fondamenti fabricar mondani,

ove ha pochi di patria e fé stranieri

fra gl’infiniti popoli pagani,

ove ne’ Greci non conven che speri,

e i favor d’Occidente ha sí lontani;

ma ben move ruine, ond’egli oppresso

sol construtto un sepolcro abbia a se stesso.

Turchi, Persi, Antiochia (illustre suono

e di nome magnifico e di cose)

opre nostre non già, ma del Ciel dono

furo, e vittorie fur meravigliose.

Or se da noi rivolte e torte sono

contra quel fin che ’l donator dispose,

temo ce ’n privi, e favola a le genti

quel sí chiaro rimbombo al fin diventi.

Ah non sia alcun, per Dio, che sí graditi

doni in uso sí reo perda e diffonda!

A quei che sono alti princípi orditi

di tutta l’opra il filo e ’l fin risponda.

Ora che i passi liberi e spediti,

ora che la stagione abbiam seconda,

ché non corriamo a la città ch’è mèta

d’ogni nostra vittoria? e che piú ’l vieta?

Principi, io vi protesto (i miei protesti

udrà il mondo presente, udrà il futuro,

l’odono or su nel Cielo anco i Celesti):

il tempo de l’impresa è già maturo;

men diviene opportun piú che si resti,

incertissimo fia quel ch’è securo.

Presago son, s’è lento il nostro corso,

avrà d’Egitto il Palestin soccorso."

Disse, e a i detti seguí breve bisbiglio;

ma sorse poscia il solitario Piero,

che privato fra’ principi a consiglio

sedea, del gran passaggio autor primiero:

"Ciò ch’essorta Goffredo, ed io consiglio,

né loco a dubbio v’ha, sí certo è il vero

e per sé noto: ei dimostrollo a lungo,

voi l’approvate, io questo sol v’aggiungo:

se ben raccolgo le discordie e l’onte

quasi a prova da voi fatte e patite,

i ritrosi pareri, e le non pronte

e in mezzo a l’esseguire opre impedite,

reco ad un’altra originaria fonte

la cagion d’ogni indugio e d’ogni lite,

a quella autorità che, in molti e vari

d’opinion quasi librata, è pari.

Ove un sol non impera, onde i giudíci

pendano poi de’ premi e de le pene,

onde sian compartite opre ed uffici,

ivi errante il governo esser conviene.

Deh! fate un corpo sol de’ membri amici,

fate un capo che gli altri indrizzi e frene,

date ad un sol lo scettro e la possanza,

e sostenga di re vece e sembianza."

Qui tacque il veglio. Or quai pensier, quai petti

son chiusi a te, sant’Aura e divo Ardore?

Inspiri tu de l’Eremita i detti,

e tu gl’imprimi a i cavalier nel core;

sgombri gl’inserti, anzi gl’innati affetti

di sovrastar, di libertà, d’onore,

sí che Guglielmo e Guelfo, i piú sublimi,

chiamàr Goffredo per lor duce i primi.

L’approvàr gli altri: esser sue parti denno

deliberare e comandar altrui.

Imponga a i vinti legge egli a suo senno,

porti la guerra e quando vòle e a cui;

gli altri, già pari, ubidienti al cenno

siano or ministri de gl’imperii sui.

Concluso ciò, fama ne vola, e grande

per le lingue de gli uomini si spande.

Ei si mostra a i soldati, e ben lor pare

degno de l’alto grado ove l’han posto,

e riceve i saluti e ’l militare

applauso, in volto placido e composto.

Poi ch’a le dimostranze umili e care

d’amor, d’ubidienza ebbe risposto,

impon che ’l dí seguente in un gran campo

tutto si mostri a lui schierato il campo.

Facea ne l’oriente il sol ritorno,

sereno e luminoso oltre l’usato,

quando co’ raggi uscí del novo giorno

sotto l’insegne ogni guerriero armato,

e si mostrò quanto poté piú adorno

al pio Buglion, girando il largo prato.

S’era egli fermo, e si vedea davanti

passar distinti i cavalieri e i fanti.

Mente, de gli anni e de l’oblio nemica,

de le cose custode e dispensiera,

vagliami tua ragion, sí ch’io ridica

di quel campo ogni duce ed ogni schiera:

suoni e risplenda la lor fama antica,

fatta da gli anni omai tacita e nera;

tolto da’ tuoi tesori, orni mia lingua

ciò ch’ascolti ogni età, nulla l’estingua.

Prima i Franchi mostràrsi: il duce loro

Ugone esser solea, del re fratello.

Ne l’Isola di Francia eletti foro,

fra quattro fiumi, ampio paese e bello.

Poscia ch’Ugon morí, de’ gigli d’oro

seguí l’usata insegna il fer drapello

sotto Clotareo, capitano egregio,

a cui, se nulla manca, è il nome regio.

Mille son di gravissima armatura,

sono altrettanti i cavalier seguenti,

di disciplina a i primi e di natura

e d’arme e di sembianza indifferenti;

normandi tutti, e gli ha Roberto in cura,

che principe nativo è de le genti.

Poi duo pastor de’ popoli spiegaro

le squadre lor, Guglielmo ed Ademaro.

L’uno e l’altro di lor, che ne’ divini

uffici già trattò pio ministero,

sotto l’elmo premendo i lunghi crini,

essercita de l’arme or l’uso fero.

Da la città d’Orange e da i confini

quattrocento guerrier scelse il primiero;

ma guida quei di Poggio in guerra l’altro,

numero egual, né men ne l’arme scaltro.

Baldovin poscia in mostra addur si vede

co’ Bolognesi suoi quei del germano,

ché le sue genti il pio fratel gli cede

or ch’ei de’ capitani è capitano.

Il conte di Carnuti indi succede,

potente di consiglio e pro’ di mano;

van con lui quattrocento, e triplicati

conduce Baldovino in sella armati.

Occupa Guelfo il campo a lor vicino,

uom ch’a l’alta fortuna agguaglia il merto:

conta costui per genitor latino

de gli avi Estensi un lungo ordine e certo.

Ma german di cognome e di domino,

ne la gran casa de’ Guelfoni è inserto:

regge Carinzia, e presso l’Istro e ’l Reno

ciò che i prischi Suevi e i Reti avièno.

A questo, che retaggio era materno,

acquisti ei giunse gloriosi e grandi.

Quindi gente traea che prende a scherno

d’andar contra la morte, ov’ei comandi:

usa a temprar ne’ caldi alberghi il verno,

e celebrar con lieti inviti i prandi.

Fur cinquemila a la partenza, e a pena

(de’ Persi avanzo) il terzo or qui ne mena.

Seguia la gente poi candida e bionda

che tra i Franchi e i Germani e ’l mar si giace,

ove la Mosa ed ove il Reno inonda,

terra di biade e d’animai ferace;

e gl’insulani lor, che d’alta sponda

riparo fansi a l’ocean vorace:

l’ocean che non pur le merci e i legni,

ma intere inghiotte le cittadi e i regni.

Gli uni e gli altri son mille, e tutti vanno

sotto un altro Roberto insieme a stuolo.

Maggior alquanto è lo squadron britanno;

Guglielmo il regge, al re minor figliuolo.

Sono gl’Inglesi sagittari, ed hanno

gente con lor ch’è piú vicina al polo:

questi da l’alte selve irsuti manda

la divisa dal mondo ultima Irlanda.

Vien poi Tancredi, e non è alcun fra tanti

(tranne Rinaldo) o feritor maggiore,

o piú bel di maniere e di sembianti,

o piú eccelso ed intrepido di core.

S’alcun’ombra di colpa i suoi gran vanti

rende men chiari, è sol follia d’amore:

nato fra l’arme, amor di breve vista,

che si nutre d’affanni, e forza acquista.

È fama che quel dí che glorioso

fe’ la rotta de’ Persi il popol franco,

poi che Tancredi al fin vittorioso

i fuggitivi di seguir fu stanco,

cercò di refrigerio e di riposo

a l’arse labbia, al travagliato fianco,

e trasse ove invitollo al rezzo estivo

cinto di verdi seggi un fonte vivo.

Quivi a lui d’improviso una donzella

tutta, fuor che la fronte, armata apparse:

era pagana, e là venuta anch’ella

per l’istessa cagion di ristorarse.

Egli mirolla, ed ammirò la bella

sembianza, e d’essa si compiacque, e n’arse.

Oh meraviglia! Amor, ch’a pena è nato,

già grande vola, e già trionfa armato.

Ella d’elmo coprissi, e se non era

ch’altri quivi arrivàr, ben l’assaliva.

Partí dal vinto suo la donna altera,

ch’è per necessità sol fuggitiva;

ma l’imagine sua bella e guerriera

tale ei serbò nel cor, qual essa è viva;

e sempre ha nel pensiero e l’atto e ’l loco

in che la vide, esca continua al foco.

E ben nel volto suo la gente accorta

legger potria: "Questi arde, e fuor di spene";

cosí vien sospiroso, e cosí porta

basse le ciglia e di mestizia piene.

Gli ottocento a cavallo, a cui fa scorta,

lasciàr le piaggie di Campagna amene,

pompa maggior de la natura, e i colli

che vagheggia il Tirren fertili e molli.

Venian dietro ducento in Grecia nati,

che son quasi di ferro in tutto scarchi:

pendon spade ritorte a l’un de’ lati,

suonano al tergo lor faretre ed archi;

asciutti hanno i cavalli, al corso usati,

a la fatica invitti, al cibo parchi:

ne l’assalir son pronti e nel ritrarsi,

e combatton fuggendo erranti e sparsi.

Tatin regge la schiera, e sol fu questi

che, greco, accompagnò l’arme latine.

Oh vergogna! oh misfatto! or non avesti

tu, Grecia, quelle guerre a te vicine?

E pur quasi a spettacolo sedesti,

lenta aspettando de’ grand’atti il fine.

Or, se tu se’ vil serva, è il tuo servaggio

(non ti lagnar) giustizia, e non oltraggio.

Squadra d’ordine estrema ecco vien poi

ma d’onor prima e di valor e d’arte.

Son qui gli aventurieri, invitti eroi,

terror de l’Asia e folgori di Marte.

Taccia Argo i Mini, e taccia Artù que’ suoi

erranti, che di sogni empion le carte;

ch’ogni antica memoria appo costoro

perde: or qual duce fia degno di loro?

Dudon di Consa è il duce; e perché duro

fu il giudicar di sangue e di virtute,

gli altri sopporsi a lui concordi furo,

ch’avea piú cose fatte e piú vedute.

Ei di virilità grave e maturo,

mostra in fresco vigor chiome canute;

mostra, quasi d’onor vestigi degni,

di non brutte ferite impressi segni.

Eustazio è poi fra i primi; e i propri pregi

illustre il fanno, e piú il fratel .

Gernando v’è, nato di re norvegi,

che scettri vanta e titoli e corone.

Ruggier di Balnavilla infra gli egregi

la vecchia fama ed Engerlan ripone;

e celebrati son fra’ piú gagliardi

un Gentonio, un Rambaldo e due Gherardi.

Son fra’ lodati Ubaldo anco, e Rosmondo

del gran ducato di Lincastro erede;

non fia ch’Obizzo il Tosco aggravi al fondo

chi fa de le memorie avare prede,

né i tre frati lombardi al chiaro mondo

involi, Achille, Sforza e Palamede,

o ’l forte Otton, che conquistò lo scudo

in cui da l’angue esce il fanciullo ignudo.

Né Guasco né Ridolfo a dietro lasso,

né l’un né l’altro Guido, ambo famosi,

non Eberardo e non Gernier trapasso

sotto silenzio ingratamente ascosi.

Ove voi me, di numerar già lasso,

Gildippe ed Odoardo, amanti e sposi,

rapite? o ne la guerra anco consorti,

non sarete disgiunti ancor che morti!

Ne le scole d’Amor che non s’apprende?

Ivi si fe’ costei guerriera ardita:

va sempre affissa al caro fianco, e pende

da un fato solo l’una e l’altra vita.

Colpo che ad un sol noccia unqua non scende,

ma indiviso è il dolor d’ogni ferita;

e spesso è l’un ferito, e l’altro langue,

e versa l’alma quel, se questa il sangue.

Ma il fanciullo Rinaldo, e sovra questi

e sovra quanti in mostra eran condutti,

dolcemente feroce alzar vedresti

la regal fronte, e in lui mirar sol tutti.

L’età precorse e la speranza, e presti

pareano i fior quando n’usciro i frutti;

se ’l miri fulminar ne l’arme avolto,

Marte lo stimi; Amor, se scopre il volto.

Lui ne la riva d’Adige produsse

a Bertoldo Sofia, Sofia la bella

a Bertoldo il possente; e pria che fusse

tolto quasi il bambin da la mammella,

Matilda il volse, e nutricollo, e instrusse

ne l’arti regie; e sempre ei fu con ella,

sin ch’invaghí la giovanetta mente

la tromba che s’udia da l’oriente.

Allor (né pur tre lustri avea forniti)

fuggí soletto, e corse strade ignote;

varcò l’Egeo, passò di Grecia i liti,

giunse nel campo in region remote.

Nobilissima fuga, e che l’imíti

ben degna alcun magnanimo nepote.

Tre anni son che è in guerra, e intempestiva

molle piuma del mento a pena usciva.

Passati i cavalieri, in mostra viene

la gente a piede, ed è Raimondo inanti.

Regea Tolosa, e scelse infra Pirene

e fra Garona e l’ocean suoi fanti.

Son quattromila, e ben armati e bene

instrutti, usi al disagio e toleranti;

buona è la gente, e non può da piú dotta

o da piú forte guida esser condotta.

Ma cinquemila Stefano d’Ambuosa

e di Blesse e di Turs in guerra adduce.

Non è gente robusta o faticosa,

se ben tutta di ferro ella riluce.

La terra molle, lieta e dilettosa,

simili a sé gli abitator produce.

Impeto fan ne le battaglie prime,

ma di leggier poi langue, e si reprime.

Alcasto il terzo vien, qual presso a Tebe

già Capaneo, con minaccioso volto:

seimila Elvezi, audace e fera plebe,

da gli alpini castelli avea raccolto,

che ’l ferro uso a far solchi, a franger glebe,

in nove forme e in piú degne opre ha vòlto;

e con la man, che guardò rozzi armenti,

par ch’i regni sfidar nulla paventi.

Vedi appresso spiegar l’alto vessillo

co ’l diadema di Piero e con le chiavi.

Qui settemila aduna il buon Camillo

pedoni, d’arme rilucenti e gravi,

lieto ch’a tanta impresa il Ciel sortillo,

ove rinovi il prisco onor de gli avi,

o mostri almen ch’a la virtú latina

o nulla manca, o sol la disciplina.

Ma già tutte le squadre eran con bella

mostra passate, e l’ultima fu questa,

quando Goffredo i maggior duci appella,

e la sua mente a lor fa manifesta:

"Come appaia diman l’alba novella

vuo’ che l’oste s’invii leggiera e presta,

sí ch’ella giunga a la città sacrata,

quanto è possibil piú, meno aspettata.

Preparatevi dunque ed al viaggio

ed a la pugna e a la vittoria ancora."

Questo ardito parlar d’uom cosí saggio

sollecita ciascuno e l’avvalora.

Tutti d’andar son pronti al novo raggio,

e impazienti in aspettar l’aurora.

Ma ’l provido Buglion senza ogni tema

non è però, benché nel cor la prema.

Perch’egli avea certe novelle intese

che s’è d’Egitto il re già posto in via

inverso Gaza, bello e forte arnese

da fronteggiare i regni di Soria.

Né creder può che l’uomo a fere imprese

avezzo sempre, or lento in ozio stia;

ma, d’averlo aspettando aspro nemico,

parla al fedel suo messeggiero Enrico:  

"Sovra una lieve saettia tragitto

vuo’ che tu faccia ne la greca terra.

Ivi giunger dovea (cosí m’ha scritto

chi mai per uso in avisar non erra)

un giovene regal, d’animo invitto,

ch’a farsi vien nostro compagno in guerra:

prence è de’ Dani, e mena un grande stuolo

sin da i paesi sottoposti al polo.

Ma perché ’l greco imperator fallace

seco forse userà le solite arti,

per far ch’o torni indietro o ’l corso audace

torca in altre da noi lontane parti,

tu, nunzio mio, tu, consiglier verace,

in mio nome il disponi a ciò che parti

nostro e suo bene, e di’ che tosto vegna,

ché di lui fòra ogni tardanza indegna.

Non venir seco tu, ma resta appresso

al re de’ Greci a procurar l’aiuto,

che già piú d’una volta a noi promesso

e per ragion di patto anco è dovuto."

Cosí parla e l’informa, e poi che ’l messo

le lettre ha di credenza e di saluto,

toglie, affrettando il suo partir, congedo,

e tregua fa co’ suoi pensier Goffredo.

Il dí seguente, allor ch’aperte sono

del lucido oriente al sol le porte,

di trombe udissi e di tamburi un suono,

ond’al camino ogni guerrier s’essorte.

Non è sí grato a i caldi giorni il tuono

che speranza di pioggia al mondo apporte,

come fu caro a le feroci genti

l’altero suon de’ bellici instrumenti.

Tosto ciascun, da gran desio compunto,

veste le membra de l’usate spoglie,

e tosto appar di tutte l’arme in punto,

tosto sotto i suoi duci ogn’uom s’accoglie,

e l’ordinato essercito congiunto

tutte le sue bandiere al vento scioglie:

e nel vessillo imperiale e grande

la trionfante Croce al ciel si spande.

Intanto il sol, che de’ celesti campi

va piú sempre avanzando e in alto ascende,

l’arme percote e ne trae fiamme e lampi

tremuli e chiari, onde le viste offende.

L’aria par di faville intorno avampi,

e quasi d’alto incendio in forma splende,

e co’ feri nitriti il suono accorda

del ferro scosso e le campagne assorda.

Il capitan, che da’ nemici aguati

le schiere sue d’assecurar desia,

molti a cavallo leggiermente armati

a scoprire il paese intorno invia;

e inanzi i guastatori avea mandati,

da cui si debbe agevolar la via,

e i vòti luoghi empire e spianar gli erti,

e da cui siano i chiusi passi aperti.

Non è gente pagana insieme accolta,

non muro cinto di profondo fossa,

non gran torrente, o monte alpestre, o folta

selva, che ’l lor viaggio arrestar possa.

Cosí de gli altri fiumi il re tal volta,

quando superbo oltra misura ingrossa,

sovra le sponde ruinoso scorre,

né cosa è mai che gli s’ardisca opporre.

Sol di Tripoli il re, che ’n ben guardate

mura, genti, tesori ed arme serra,

forse le schiere franche avria tardate,

ma non osò di provocarle in guerra.

Lor con messi e con doni anco placate

ricettò volontario entro la terra,

e ricevé condizion di pace,

sí come imporle al pio Goffredo piace.

Qui del monte Seir, ch’alto e sovrano

da l’oriente a la cittade è presso,

gran turba scese de’ fedeli al piano

d’ogni età mescolata e d’ogni sesso:

portò suoi doni al vincitor cristiano,

godea in mirarlo e in ragionar con esso,

stupia de l’arme pellegrine; e guida

ebbe da lor Goffredo amica e fida.

Conduce ei sempre a le maritime onde

vicino il campo per diritte strade,

sapendo ben che le propinque sponde

l’amica armata costeggiando rade,

la qual può far che tutto il campo abonde

de’ necessari arnesi e che le biade

ogni isola de’ Greci a lui sol mieta,

e Scio pietrosa gli vendemmi e Creta.

Geme il vicino mar sotto l’incarco

de l’alte navi e de’ piú levi pini,

sí che non s’apre omai securo varco

nel mar Mediterraneo a i saracini;

ch’oltra quei c’ha Georgio armati e Marco

ne’ veneziani e liguri confini,

altri Inghilterra e Francia ed altri Olanda,

e la fertil Sicilia altri ne manda.

E questi, che son tutti insieme uniti

con saldissimi lacci in un volere,

s’eran carchi e provisti in vari liti

di ciò ch’è d’uopo a le terrestri schiere,

le quai, trovando liberi e sforniti

i passi de’ nemici a le frontiere,

in corso velocissimo se ’n vanno

là ’ve Cristo soffrí mortale affanno.

Ma precorsa è la fama, apportatrice

de’ veraci romori e de’ bugiardi,

ch’unito è il campo vincitor felice,

che già s’è mosso e che non è chi ’l tardi;

quante e qual sian le squadre ella ridice,

narra il nome e ’l valor de’ piú gagliardi,

narra i lor vanti, e con terribil faccia

gli usurpatori di Sion minaccia.

E l’aspettar del male è mal peggiore,

forse, che non parrebbe il mal presente;

pende ad ogn’aura incerta di romore

ogni orecchia sospesa ed ogni mente;

e un confuso bisbiglio entro e di fore

trascorre i campi e la città dolente.

Ma il vecchio re ne’ già vicin perigli

volge nel dubbio cor feri consigli.

Aladin detto è il re, che, di quel regno

novo signor, vive in continua cura:

uom già crudel, ma ’l suo feroce ingegno

pur mitigato avea l’età matura.

Egli, che de’ Latini udí il disegno

c’han d’assalir di sua città le mura,

giunge al vecchio timor novi sospetti,

e de’ nemici pave e de’ soggetti.

Però che dentro a una città commisto

popolo alberga di contraria fede:

la debil parte e la minore in Cristo,

la grande e forte in Macometto crede.

Ma quando il re fe’ di Sion l’acquisto,

e vi cercò di stabilir la sede,

scemò i publici pesi a’ suoi pagani,

ma piú gravonne i miseri cristiani.

Questo pensier la ferità nativa,

che da gli anni sopita e fredda langue,

irritando inasprisce, e la ravviva

sí ch’assetata è piú che mai di sangue.

Tal fero torna a la stagione estiva

quel che parve nel gel piacevol angue,

cosí leon domestico riprende

l’innato suo furor, s’altri l’offende.

"Veggio" dicea "de la letizia nova

veraci segni in questa turba infida;

il danno universal solo a lei giova,

sol nel pianto comun par ch’ella rida;

e forse insidie e tradimenti or cova,

rivolgendo fra sé come m’uccida,

o come al mio nemico, e suo consorte

popolo, occultamente apra le porte.

Ma no ’l farà: prevenirò questi empi

disegni loro, e sfogherommi a pieno.

Gli ucciderò, faronne acerbi scempi,

svenerò i figli a le lor madri in seno,

arderò loro alberghi e insieme i tèmpi,

questi i debiti roghi a i morti fièno;

e su quel lor sepolcro in mezzo a i voti

vittime pria farò de’ sacerdoti."

Cosí l’iniquo fra suo cor ragiona,

pur non segue pensier sí mal concetto;

ma s’a quegli innocenti egli perdona,

è di viltà, non di pietade effetto,

ché s’un timor a incrudelir lo sprona,

il ritien piú potente altro sospetto:

troncar le vie d’accordo, e de’ nemici

troppo teme irritar l’arme vittrici.

Tempra dunque il fellon la rabbia insana,

anzi altrove pur cerca ove la sfoghi;

i rustici edifici abbatte e spiana,

e dà in preda a le fiamme i culti luoghi;

parte alcuna non lascia integra o sana

ove il Franco si pasca, ove s’alloghi;

turba le fonti e i rivi, e le pure onde

di veneni mortiferi confonde.

Spietatamente è cauto, e non oblia

di rinforzar Gierusalem fra tanto.

Da tre lati fortissima era pria,

sol verso Borea è men secura alquanto;

ma da’ primi sospetti ei le munia

d’alti ripari il suo men forte canto,

e v’accogliea gran quantitade in fretta

di gente mercenaria e di soggetta.

 

 

 

 

5

 

 

 

 

10

 

 

 

 

15

 

 

 

 

20

 

 

 

 

25

 

 

 

 

30

 

 

 

 

35

 

 

 

 

40

 

 

 

 

45

 

 

 

 

50

 

 

 

 

55

 

 

 

 

60

 

 

 

 

65

 

 

 

 

70

 

 

 

 

75

 

 

 

 

80

 

 

 

 

85

 

 

 

 

90

 

 

 

 

95

 

 

 

 

100

 

 

 

 

105

 

 

 

 

110

 

 

 

 

115

 

 

 

 

120

 

 

 

 

125

 

 

 

 

130

 

 

 

 

135

 

 

 

 

140

 

 

 

 

145

 

 

 

 

150

 

 

 

 

155

 

 

 

 

160

 

 

 

 

165

 

 

 

 

170

 

 

 

 

175

 

 

 

 

180

 

 

 

 

185

 

 

 

 

190

 

 

 

 

195

 

 

 

 

200

 

 

 

 

205

 

 

 

 

210

 

 

 

 

215

 

 

 

 

220

 

 

 

 

225

 

 

 

 

230

 

 

 

 

235

 

 

 

 

240

 

 

 

 

245

 

 

 

 

250

 

 

 

 

255

 

 

 

 

260

 

 

 

 

265

 

 

 

 

270

 

 

 

 

275

 

 

 

 

280

 

 

 

 

285

 

 

 

 

290

 

 

 

 

295

 

 

 

 

300

 

 

 

 

305

 

 

 

 

310

 

 

 

 

315

 

 

 

 

320

 

 

 

 

25

 

 

 

 

330

 

 

 

 

335

 

 

 

 

340

 

 

 

 

345

 

 

 

 

350

 

 

 

 

355

 

 

 

 

360

 

 

 

 

365

 

 

 

 

370

 

 

 

 

375

 

 

 

 

380

 

 

 

 

385

 

 

 

 

390

 

 

 

 

395

 

 

 

 

400

 

 

 

 

405

 

 

 

 

410

 

 

 

 

415

 

 

 

 

420

 

 

 

 

425

 

 

 

 

430

 

 

 

 

435

 

 

 

 

440

 

 

 

 

445

 

 

 

 

450

 

 

 

 

455

 

 

 

 

460

 

 

 

 

465

 

 

 

 

470

 

 

 

 

475

 

 

 

 

480

 

 

 

 

485

 

 

 

 

490

 

 

 

 

495

 

 

 

 

500

 

 

 

 

505

 

 

 

 

510

 

 

 

 

515

 

 

 

 

520

 

 

 

 

525

 

 

 

 

530

 

 

 

 

535

 

 

 

 

540

 

 

 

 

545

 

 

 

 

550

 

 

 

 

555

 

 

 

 

560

 

 

 

 

565

 

 

 

 

570

 

 

 

 

575

 

 

 

 

580

 

 

 

 

585

 

 

 

 

590

 

 

 

 

595

 

 

 

 

600

 

 

 

 

605

 

 

 

 

610

 

 

 

 

615

 

 

 

 

620

 

 

 

 

625

 

 

 

 

630

 

 

 

 

635

 

 

 

 

640

 

 

 

 

645

 

 

 

 

650

 

 

 

 

655

 

 

 

 

660

 

 

 

 

665

 

 

 

 

670

 

 

 

 

675

 

 

 

 

680

 

 

 

 

685

 

 

 

 

690

 

 

 

 

695

 

 

 

 

700

 

 

 

 

705

 

 

 

 

710

 

 

 

 

715

 

 

 

 

720

 Indice

01 - 02 - 03 - 04 - 05 - 06 - 07 - 08 - 09 - 10

 

11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20

Indice Biblioteca ProgettoTasso Indice Gerusalemme Liberata

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 04 ottobre 2009