Torquato Tasso

LA CAVALETTA

O VERO

DE LA POESIA TOSCANA.

1584.

Edizione di riferimento

I Dialoghi di Torquato Tasso, a cura di Cesare Guasti, vol. 3, Ed. Felice Le Monnier, Firenze 1859.

Notizia bibliografica

« Gemeva il Tasso già da cinque anni nella prigione di Sant’Anna in Ferrara, quando il duca Alfonso, mosso dalle molte istanze che da ogni parte gli venivano fatte, ordinò che fosse a quell’infelice allargata la carcere, e che potesse alcuna volta uscir a diporto in compagnia di qualche gentiluomo suo conoscente. Ciò accadde nel principio del 1584; e fu in cotal tempo (secondo che scrive il Serassi) ch’egli compose questo dialogo. » Così il Mortara; il quale ha dato notizia degli interlocutori nell’Argomento qui riprodotto.

Fu stampato per la prima volta il dialogo presente nel 1587, nella Quinta e sesta Parte delle Rime e Prose del Tasso, edite dal Vasalino; con la dedicatoria dell’Autore a Cristoforo Tasso suo parente e amico la quale si trova con qualche variante fra le le Lettere di Torquato.

Orsina Cavaletta, il suo marito Ercole, col Forestiero Napoletano, che è l’autore medesimo, ne sono gli interlocutori.

ARGOMENTO.

Orsina Cavalletta, gentildonna ferrarese, non meno chiara per bellezza che per virtù, fu assai leggiadra rimatrice, e tenuta dal Tasso in così gran pregio, che nel cognome di lei volle egli intitolar questo Dialogo. Ella è qui introdotta a ragionare della Toscana Poesia col proprio marito Ercole Cavalletto, uomo di molte lettere, e col Tasso medesimo, che sotto il nome di Forestiero Napoletano si ricopre. Al qual colloquio dà occasione un sonetto di Francesco Beccuti, detto il Coppetta, che vien posto in comparazione di uno del Casa, trattanti e l’uno e l’altro quasi della stessa materia. Si comincia dall’esaminare le varie testure de’ sonetti, e si parla dei caratteri dello stile, che secondo le dette forme o testure sono da adoperarsi. Si stabilisce che nella testura gravissima, a cui si conviene altissimo soggetto e gravissimo stile, deesi cercare nel fine di accrescere la gravità, il numero e la grandezza. Si recano gli esempi del modo con che si debbono chiudere i sonetti, avuto riguardo alle forme ed a’ caratteri del principio. Si applicano questi insegnamenti ai due sonetti paragonati, e si conchiude che quello del Coppetta è trattato con minore artificio dell’altro del Casa. Parlando appresso dei sonetto in generale, si osserva che quantunque la sua testura sia moltiforme, egli è tuttavolta poco acconcio a ricevere bassezza ed umiltà; e che sebbene Dante lo abbia messo dopo le ballate, nondimeno il Petrarca, il Bembo ed altri lo hanno nobilitato di tal maniera, che nella sua prima umiltà è pressochè disprezzato. Si toccano alcune cose delle forme de’ componimenti convenevoli alle materie umili ed alle umili diciture; e si vien quindi a discorrere delle canzoni, esponendo le dottrine dell’Alighieri, che nel suo libro del Volgare Eloquio fu il primo a raccogliere sotto regole il magistero dell’arte di esse, che sino a lui era stato preso casualmente. Entrasi poscia a favellare dell’arte, e del giudicio nel comporre. Si fa conoscere che il poeta non in tutte le cose, nè sempre può o debb’essere artificioso; che puossi talora concedere al giudicio il luogo che togliesi all’ arte; e che insieme col giudicio e coll’arte possono star anche il caso e la fortuna, come avviene in quasi tutte le arti. Susseguentemente questionasi della certezza dell’ artificio; si determina in che consista, e si dichiara ch’essa è la regola. Cercasi poi se siano o no da osservarsi intieramente le regole, e si mostra che coloro, i quali vollero scrivere e poetare come grandi, bene spesso le disprezzarono, e che alcuni perfino si partirono da quelle medesime, che essi stessi avevano date. Di qui si passa a dire come, oltre all’arte del rimare, sono nella poesia altre arti secrete, le quali furono primamente da Giulio Cammilli toccate. Si tiene discorso delle costui dottrine, e si accenna com’egli avrebbe potuto raccogliere nella sua Topica un maggior numero di massime proposizioni, che sarebbero state i luoghi degli argomenti, che deggiono usare i poeti per acquistare benevolenza, e per persuadere. Si tratta dell’argomentare nella poesia, e si prova che in essa pure si argomenta. Ragionasi per ultimo della musica come condimento della poesia; si dimostra quali sieno le composizioni, che più o meno di questo condimento ricevono; e si chiude coll’avvertire, ch’ei non debb’essere nè stemperato nè soverchio. — (Mortara.)

AL MOLTO REVERENDO ED ILLUSTRE SIGNORE

E PARENTE OSSERVANDISSIMO

IL SIGNOR CRISTOFORO TASSO.

La Poesia Toscana è tanto nobile per la bellezza de la favella, guanto per l’eccellenza de gli scrittori; laonde potrebbe far dubbia la palma de gli antichi Greci e Latini. Ma senza dubbio è degna d’essere imitata dagli autori de l’altre lingue, ch’ oggi son più famose, e posta inanzi per esempio di gravità e di leggiadria; e qualunque s’è più atta ad esprimere gli amorosi concetti, e gli altri più gravi, molti ornamenti [1] può da lei ricevere, e molte ricchezze. Grandissima impresa, dunque, e malagevole è il trattarne; imperochè di lei scrivendo, par che si scriva a tutte le nazioni, e che l’uomo sottoponga il suo parere, quasi in un teatro, ad infiniti giudici. Ma pur fra tutti gli altri modi estimo questo, usato nel dialogo, il più dilettevole, e ’l meno odioso: perch’altri non v’insegna il vero con autorità di maestro, ma il ricerca a guisa di compagno; e ricercandolo per sì fatta maniera, è più grato il ritrovarlo. E come i cacciatori mangiano più volentieri la preda ne la quale ebber parte de la fatica; così quelli, ch’insieme investigaron la verità, participano con maggior diletto de la commune laude: e gli altri leggono ed ascoltano più volentieri una amichevole contesa d’ingegni e d’opinioni, massimamente coloro che possono darne giudicio, come Vostra Signoria molto reverenda, e metter la sua insieme con quella de gli altri. A lei dunque il mando, sapendo di non poter ritrovar nè più dotto nè più sincero giudice; quantunque non le s appresenti come litigante che voglia sentenza, ma quasi dono che ricerchi benevolenza.

Di Vostra Signoria molto reverenda

affezionatissimo parente e servitore Torquato Tasso.

INTERLOCUTORI:

ORSINA CAVALETTA, FORESTIERE NAPOLITANO,

ERCOLE CAVALETTO.

O. C. Siete arrivato in buona occasione di por fine a le nostre contese, le quali erano di voi e per voi cominciate, e senza voi non pareva che potessero tra noi terminare.

F. N. E quali contese erano queste ?

O. C. Mi diceva il signor Ercole avere udita raccontare come vostra opinione, che quel sonetto del Coppetta, il qual comincia, Locar sopra gli abissi i fondamenti, tanto lodato e comendato da ciascuno, a voi non pare degno di lode nè di comendazione. La qual’opinione a me non poteva esser persuasa come vostra; anzi mi pare tanto lontana da ogni verità, quanto il vostro giudicio da ogni biasmo è securo.

F. N. Vi ringrazio che giudichiate così amichevolmente del mio giudicio: ma però non v’ingannate punto in questo particolare; perchè nè mai parole sì fatte uscirono de la mia lingua, nè io soglio ragionare de gli uomini eccellenti, e de le composizioni famose, o con tanto disprezzo, o pur con tanta presunzione: ma chi parlasse di questo sonetto non assolutamente, ma in comparazione di quel di monsignor de la Casa, Questa vita mortal, ch’in una o ’n due ec., non molto si dilungarebbe da la verità: perciochè sì come il bene minor in rispetto del maggiore è riputato male; così la minor lode, in paragone de la maggiore, suole aver similitudine di biasimo; e mentre io lodava quel di monsignor de la Casa, parve in alcun modo che questo altro vituperassi: ma per se stesso considerandolo, non ho mai senza molta lode fatta menzione de la poesia, o del suo poeta; ed averei peraventura schivato questo paragone, come odioso, se non fossi stato provocato da le soverchie lodi che gli furono date in Bologna da monsignor Galbiato, auditor del Legato, già vescovo di Narni, ed ora cardinal di Cesi; il quale, lodandolo, fece quel che sogliono fare quasi tutti i lodatori, ne l’aggrandire co le similitudini e con gli smoderamenti la bellezza de le cose lodate; e tanto inanzi trascorse, ch’osò d’affermare che niun altro se ne legga in questa lingua d’egual perfezione: a le quali parole io, che mi trovava presente, non potei raffrenarmi, ma ponendogli a l’incontra quello di Monsignore, nel qual si tratta quasi del medesimo soggetto, cioè de la creazione del mondo, mi sforzai di mostrare che la materia istessa fosse da lui trattata con maggiore artificio.

O. C. La vostra opinione può essere ascoltata in queste parti, senza vostro biasimo, ma non senza dispiacere de’ molti belli ingegni, a’ quali il sonetto del Coppetta è piaciuto maravigliosamente.

F. N. E se ’l vostro è un di quelli, com’ io ho conosciuto, a voi parimente dispiacerei.

O. C. Niuna vostra laude a me potrebbe essere dispiacevole; la quale son così amica de la vostra reputazione, come voi de la verità: ma ’l sentir scemar quelle di coloro a’ quali son parimente affezionata, parrebbe in qualche modo temperare quel diletto ch’ io ne prenderei. Ditemi, adunque, che disse il Galbiato lodando, e che fosse risposto da voi a rincontra.

F. N. Già sono tanti anni passati, ch’io a pena mi ricordarci d’alcune poche cose, non che di tutte, le quali non furono però molte; perciochè egli fu più tosto grande che lungo lodatore, ed io brevemente risposi come in quella Corte parea convenirsi. Ma fra le mie risposte fu questa, che nel fine del sonetto il Coppetta diminuisce il suono, il quale accresce Monsignore: perchè la rima del primo verso, inanzi l’ultima vocale ha due consonanti; ma quella de l’ultima è semplice, laonde a pena ferisce gli orecchi: ma da rima poco sonora comincia il suo Monsignore, e ’l fornisce con due consonanti inanzi l’ultima vocale. E peraventura questa risposta fu assai giovenile: nondimeno, se non riguardiamo tanto il soggetto, quanto l’artificio de lo spiegarlo, non è una de le minori considerazioni.

O. C. Qualunque ella sia, fu dal Coppetta o non avertita o non prezzata con l’esempio di tanti altri, ch’inanzi a lui poetarono, e particolarmente del Petrarca. Il quale in quel sonetto,

Come il candido piè per l’erba fresca,

indebolisce il fine:

Che son fatto un augel notturno al sole.

Ma più gli toglie di forza in queir altro,

Quando giunse a Simon l’alto concetto;

avegnachè la prima rima sia molto sonora, come potete udire, ma l’ultima è di suono assai debole:

N’ avesti quel, che solo una i’ vorrei.

E molti esempi, oltre questi, si potrebbono raccorre dal Petrarca: ma assai notabile è quello del sonetto,

Quando gionsi per gli occhi al cor profondo;

il qual finisce :

E far qual’io mi soglio in vista fare.

Nè da questa imitazione si sono allontanati il Bembo e gli altri famosi scrittori di questa lingua. Ma che replicò il Galbiato a la vostra risposta? che questo doveva io prima ricercare.

F. N. Si fondava in autorità simili a queste, con le quali cercava di provare, che l’avertimento non fosse degno di molta stima.

O. C. E vi condusse con queste ragioni ne la sua credenza? o pur voi ne le vostre irrepugnabili, quasi in una rete, a volgendolo, il tiraste ne la contraria opinione?

F. N. Le mie non hanno tanta forza, che possano legar gli uomini; quantunque di loro io vorrei fare quel che Dedalo già soleva de le sue statue; perciochè elle da le mie ragioni legate, di mobili divenissero stabili e ferme; e quasi ardirei d’affermarvi che alcuna potesse tosto divenir scienza, se non temessi che questa paresse soverchia presunzione di se stesso.

O. C. Non può ritrovarsi soverchia presunzione, ove non manca il merito.

F. N. È minor senza dubbio, che non sarebbe, s’io mi vantassi di poter legare l’intelletto di coloro a’ quali ragiono; e forse è operazione molto più lodevole: perchè quella è propria del sofista, o almeno gli è commune co ’l dialettico; e questa nè a l’uno nè a l’altro par che si convenga, essendo l’uno e l’altro vago ed incostante ne le sue opinioni, e amator di gloria e d’apparenza; ma chi l’ha già legate, ama la costanza e la verità. Quella dunque, ch’era mia opinione disciolta ed errante, ora spero di confermare con quelle ragioni che voi udirete, se vi piacerà di prender quella persona che sosteneva il Galbiato.

O. C. Io non vorrei già vestirmi di persona così grave come quella de l’Auditore, perch’io non so bene s’io potesse longamente portarla: ma se pur fa di mestieri ch’io ne prenda alcuna parte, sarò volontieri auditrice de le vostre ragioni.

F. N. Già non contesi con l’Auditore di quelle cose de le quali si disputa ne le scuole fra’ dottori, nè di quelle per cui si litiga manzi al tribunal de’ giudici; ma co ’l Galbiato, gentiluomo di belle lettere, parlai de la toscana Poesia in presenza di monsignor Francesco Caburaccio, filosofo molto eccellente, e poeta parimente, e d’alcun altri. Or se de le cose medesime vorrem tra noi discorrere, vi prego ch’ascoltiate e rispondiate, quando vi parrà ch’ io dimandi cosa, a la quale non si debba negar la risposta. Ditemi dunque: il sonetto è uniforme, o multiforme? dico, d’ una sola testura, o di più?

O. C. Di più, senza dubio: perciochè quattro sono le forme de’ quaternari, le quali io trovo nel Petrarca; e cinque quelle de’ ternari.

F. N. Ma a ciascuna di quelle forme daremo noi una particolare forma, di quelle che sono dette ancora idee o caratteri del parlare? o pur, ciascuna de le forme del sonetto, di tutte quelle del parlare sarà capace?

O. C. Ciascuna di tutte; perchè in ciascuna d’esse diversi caratteri sono stati usati.

F. N. Forsi in quella guisa, che nel verso esametro de’ Latini, non solamente lo stile alto si adoperò, ma il basso e ’l mediocre; o pur come ne’ versi lirici gli amori de le donne e de’ fanciulli sono stati cantati, ma più altamente le lodi de’ re e de gli eroi?

O. C. In questa guisa veramente mi pare, che ciascuna de le forme del sonetto possa ricevere tutti i caratteri, e gli abbia sin ora molte volte ricevuti.

F. N. Pur se non vogliamo aver tanto risguardo a quel che si possa, o che si usi, o che sia stato per l’addietro usato, quant’ a quello che si dovrebbe usare; ciascuna forma a ciascuna forma sarà conveniente, e la nobilissima particolarmente a la nobilissima.

O. C. Così mi pare.

F. N. Ma le nobili sono prima de l’altre, o poi?

O. C. Prima.

F. N. Dunque, sarà quella nobilissima, da la quale cominciò il Petrarca quel nobilissimo sonetto :

Voi, ch’ ascoltate in rime sparse il suono;

perch’ è prima per natura e per dignità.

O. C. Così stimo.

F. N. Il Coppetta volse eleggere questa, ne la qual si risponde co ’l primo verso del secondo ternario al primo del primo, co ’l secondo al secondo, e co ’l terzo al terzo. Il qual ordine in alcune de l’altre testure suole esser perturbato: ed in alcune de l’altre essendo corrispondente non di tre rime a tre rime, ma di due in tre, a due in tre altri, o di due in due, a due in quattro versi; quanto s’acquista ne la dolcezza, tanto si perde ne la gravità.

O. C. Così mi par ch’ avegna.

F. N. Ma le cose gravi e le basse, o sono le medesime, o pur varie; e se sono le medesime, e le leggiere e le alte ancora sono l’istesse? Sono: percioch’il foco, il quale è altissimo tra gli elementi, è leggerissimo; e la terra, ch’è bassissima, è gravissima.

O. C. Così mi par che si provi per questa ragione.

F. N. Dunque, l’alto stile sarà il leggiero, e ’l grave sarà il basso.

O. C. Così pare.

F. N. Ma le cose basse sono più nobili, o meno de l’alte?

O. C. Meno.

F. N. Le bassissime, dunque, saranno le ignobilissime?

O. C. Senza dubbio.

F. N. Dunque le bassissime poesie saranno le gravissime, e l’ignobilissime; e le leggierissime saranno altissime e nobilissime; e la tragedia sarà bassissima ed ignobilissima; e fra le comedie, quella ch’è leggierissima, sarà l’altissima e la nobilissima?

O. C. Così mi par che conchiuda questa vostra ragione, la qual non persuade, ma fa violenza.

F. N. Or non vorremo difenderci quanto potemo, per non essere sforzati?

O. C. Defendiamci.

F. N. Ditemi adunque: il grave in tutte le cose ha l’istesso contrario, o pur diverso? Ed acciochè meglio m’intendiate, io vi chiedo se ne la voce al grave s’oppone quel medesimo che ne’ corpi, o ver altro?

O. C. Non si dice de le voci, ch’elle sian gravi e leggiere, come ne’ corpi.

F. N. Ma qual nome darem noi a questa opposizione?

O. C. L’uno opposto chiamerem grave, e l’altro acuto.

F. N. Dunque, ancora ne l’elocuzione, la qual è una specie di voce, potremo opponere altro contrario al grave, che ’l leggiero: e s’al grave non è contrario il leggiero, l’altezza e la nobiltà, che ne’ corpi seguitano la leggerezza, non saranno ne l’elocuzione ripugnanti a la gravità.

O. C. No, per questa ragione, la qual assai m’appaga.

F. N. Oltre di ciò, quelle stesse condizioni o qualità, che precedono o seguono la gravità ne’ corpi, vi pare che si congiungano insieme ne le voci?

O. C. A nissun modo; perchè non diremo che la voce sia calda, nè fredda, nè umida, nè secca, nè rara, nè densa.

F. N. Dunque nel parlar ancora non s’accompagneranno con la gravità e con la leggerezza quelle medesime qualità , le quali s’accoppiano ne’ corpi naturali.

O. C. No certo.

F. N. E la nobiltà e l’ignobiltà sarà peraventura una di quelle, ch’avrà nel parlare compagnia diversa da quella c’ha ne’ corpi semplici, o ver composti.

O. C. Così avviene senz’alcun fallo; anzi io stimo che sian congiugate ne lo stile al contrario modo.

F. N. Direm dunque, che lo stil grave sia il nobile e l’alto; il gravissimo, il nobilissimo e l’altissimo.

O. C. Diremo, senza dubbio.

F. N. E da l’altra parte, l’opposto al gravissimo sarà il bassissimo e l’ignobilissimo.

O. C. Ne lo stesso modo.

F. N. E ’l nobilissimo e l’altissimo e ’l gravissimo stilo si converrà a quella testura de’ sonetti, ne’ quali saranno le medesime condizioni.

O. C. Converrassi.

F. N. Avendo il Coppetta, dunque, fatta elezione di nobilissimo soggetto, e scelta la testura gravissima, dovea [2] parimente quel carattere o quella forma che fosse nobilissima oltre tutti gli altri, che nel sonetto potesse usarsi.

O. C. Doveva, a mio giudicio.

F. N. Ma in questa forma sarebbe sconvenevole che ’l suono e ’l numero e la gravità de’ versi andasse tanto più scemando, quanto più s’avicina al fine: perciochè sì come una zolla di terra, o una pietra, o altro corpo grave, acquista gravità nel movimento, quando già s’avicina al proprio luogo; così ancora lo stilo grave dee accrescer ne l’ultimo la gravità, il numeroso il numero, il grande la grandezza.

O. C. Così mi pare assai ragionevole.

F. N. Ma pur altramente fece il Coppetta; perchè avendo egli cominciato da parole piene di molta gravità e di molto suono, come sono quelle:

Locar sovra gli abbissi i fondamenti [3]

De l’ampia terra,

fornisce in quell’altre:

Dicalo il Verbo tuo, che sol l’intese.

Le quali dal giudico superbissimo de gli orecchi non sono egualmente prezzate, quantunque sodisfacciano a l’intelletto: laonde io stimo ch’egli abbia fatto il contrario di ciò ch’ è laudevole ne l’arte del parlare, o del rimare, ch’imitando la natura in tutte le forme da lei ritrovate, accresce verso il fine la qualità ch’ è propria di ciascuna.

O. C. Assai è buona la similitudine.

F. N. Ma ditemi: l’arte del rimare stimate voi che sia simile a la musica, o pur dissimile?

O. C. Simile.

F. N. Tutta volta, noi sappiamo che Timoteo dispose in maniera le corde, che, cominciando da la gravissima, terminava ne l’acutissima: laonde a questa simiglianza le rime gravissime dovrebbono finire ne l’acutissime.

O. C. Così pare: e suole esser molto da molti lodato, che l’acutezza sia riserbata ne l’ultimo; la qual pugna gli animi in quella guisa che l’ago de l’api suol rimaner ne le ferite, ed insieme gli unga e radolcisca.

F. N. Colui ch’ è sempre ferito da sezzo, suol preveder il tempo nel quale egli è percosso: [4] e prevedendolo, può guardarsene, e non sentir la percossa per la continua usanza.

O. C. Può questo non diffìcilmente avvenire.

F. N. Oltre di ciò, le percosse improvise portano seco maggior maraviglia e maggior diletto, se c’è diletto alcuno ne le percosse sì fatte.

O. C. Ve n* è molto, senza dubbio.

F. N. Dunque, non sempre l’acutezza dee usarsi nel medesimo luogo e tempo, ma in diversi. E sì può l’auditore o ’l lettore, mentre egli sì spazia per le dilettevoli rime, assomigliar a l’uccello, il quale ove men teme, ivi più spesso è colto: perciochè molte volte è colpito dal poeta nel principio e nel mezzo de’ componimenti, ove se n’ha minor suspizione.

O. C. Così pare per quest’altra ragione.

F. N. E peraventura sì come ebbe il premio nel saettare colui, il quale colse la colomba già disciolta; così quel poeta il merita, il quale non legando l’ascoltatore con le sue regole, saetta a segno incerto con maraviglia maggiore. E se ciò è vero, l’acume sempre non dee esser ne l’ultime parti; ma posto ch’egli dovesse essere, l’acutezza, la qual dolcemente ferisce gli animi di coloro che leggono le maravigliose poesie, è più tosto ne la sentenza e nel concetto, che ne la voce.

O. C. Per certo.

F. N. Dunque, poco importa quel che si dice in questo proposito di Timoteo; perch’egli dispose l’acuto e ’l grave secondo il suono che percote gli orecchi: e noi sogliamo considerarlo ne le cose, da le voci significate. E questa considerazione è propria de l’oratore e del poeta; e l’ebbe il Casa non meno d’alcuno altro, il quale, tutto che non eleggesse la testura più degna de l’arte, ma una, ch’è quasi trasgressione de la prima, a guisa di buon cavaliero che salti là ove non può andar di passo; nondimeno, perchè egli scelse pur una di quelle che sono più tosto acconce a la grandezza ed a la gravità, ch’a la dolcezza ed a la piacevolezza, molto l’avanza nel fine del sonetto con la scelta de le parole, e con i lumi e con gli ornamenti, e particolarmente con la pienezza de le consonanze, e co ’l numero e co ’l suono de’ versi.

O. C. I quali non sono parimente sonori e numerosi.

F. N. Quello che da molti gli sia rimproverato, che nel principio fossero usate da lui parole basse e di picciol suono, come son quelle « in una o ’n due, » [5] può esser riputata giudiciosa elezione; perciochè queste parole meglio ci pongono inanzi gli occhi la brevità de la nostra vita mortale, e la poca stima che di lei si dee fare: e le rime che poi seguono, per la differenza de l’altre che sono precedute, paiono più nobili che non parerebbono da se stesse.

O. C. Così è veramente; ed in questa parte non vedo che si possa replicare a le vostre ragioni.

F. N. Ma s’alcuna forma è contraria a questa, la qual è chiamata da gli scrittori con diversi nomi, vi pare egli convenevole ch’ accresca verso il fine la gravità e l’altre qualità che sogliono insieme accompagnarsi? o pur sì come il fuoco, il quale è contrario a la terra, nel fine del movimento accresce la sua leggerezza; così le forme opposte, ne l’ultimo de’ sonetti, accrescano le qualità opposte?

O. C. Questa opinione mi par che debba essere più tosto seguita.

F. N. Dunque, quando leggiamo alcune composizioni, le quali forniscono in rime più dolci e men sonore, che non son quelle del principio, se ’l carattere in loro impresso dal maestro è contrario a l’alto, ragionevolmente sono terminate in quel modo; anzi, s’altramente fornissero, non averebbono quel fine che si richiede ne la sua forma.

O. C. Non avrebbono.

F. N. E s’ alcuna forma è, la qual fra l’una e l’altra sia interposta, e de l’una e de l’altra quasi temperata, dee tenere altra maniera: e se participerà più de la grave, fornire con gravità, ma non equale a quella de l’idea, ch’ è grave semplicemente; ma s’avere parte maggiore de l’opposto, dovrà aver più dolce e piacevol fine, come hanno que’ versi che voi poco inanzi adduceste del Petrarca, e molti altri che si potrebbono recare per esempio dal medesimo poeta, com’io stimo che vi parranno questi :

Per mirar Policleto a prova fiso,

Con mille ch’ebber fama di quell’arte.

Il fine :

Cortesia fè’, nè la potea far poi,

Che fu disceso a provar caldo e gielo,

E del mortal sentiron gli occhi suoi:

nel qual egli scelse quella testura de’ sonetti eh’ è più acconcia a la maniera temperata. Parimente in quell’altro:

Lieti fiori, felici e ben nate erbe,

Che madonna passando premer suole ;

così fornisce ne’ terzetti :

O soave contrada, o puro fiume,

Che bagni il suo bel viso e gli occhi chiari,

E prendi qualità dal vivo lume,

Quanto v’invidio gli atti onesti e cari!

Non fia omai scoglio in voi, che per costume

D’arder con la mia fiamma non impari.

O. C. Sì veramente.

F. N. E questi altri ancora :

Come il candido piè per l’erba fresca

I dolci passi onestamente move.

I terzetti son questi :

E con l’andare, e co ’l soave sguardo

S’accordan le dolcissime parole,

E l’atto mansueto, umile, e tardo.

Di tai quattro faville, e non già sole,

Nasce il gran foco, di ch’io vivo et ardo;

Che son fatto un augel notturno al sole.

Ed in quell’altro:

In qual parte del cielo, in qual’ idea

Era l’esempio, onde natura tolse;

udite i terzetti:

Per divina bellezza indarno mira

Chi gli occhi di costei giamai non vide,

Come soavemente ella gli gira.

Non sa com’ Amor sana, e com’ ancide,

Chi non sa come dolce ella sospira,

E come dolce parla e dolce ride.

I quali sonetti sono tutti de la forma temperata; e nel temperamento la dolcezza eccede la gravità; e per questa ragione hanno quel fine, che più conviene a dolci componimenti.

O. C. Dolcissimo, oltre tutti gli altri.

F. N. Ma in quelli altri, ne’ quali la gravità avanza la piacevolezza, hanno quello ch’è proprio de la maniera grave; come potremo conoscere in questi altri esempi, ch’io recherò, del medesimo poeta:

Ben sapev’io, che natural consiglio,

Amor, contra di te giamai non valse;

del qual sono i ternari :

Io fuggìa le tue mani, e per cammino

Agitandomi i venti, e ’l gielo, e l’onde,

M’andava sconosciuto e peregrino;

Quando ecco i tuoi ministri (i’non so donde)

Per darmi a diveder ch’al suo destino,

Mal chi contrasta, e mal chi si nasconde.

E di quell’altro:

La sera desiar, odiar l’aurora

Soglion questi tranquilli e lieti amanti;

i ternari :

Come già fece allor, ch’ i primi rami

Verdeggiar, che nel cor radice m’hanno,

Per cui sempre altrui più che me stesso ami.

Così di me due contrarie ore fanno:

E chi m’acqueta è ben ragion ch’ io brami,

E tema et odi chi m’adduce affanno.

E di quell’altro:

Io pur ascolto, e non odo novella

De la dolce ed amata mia nemica;

ascoltate i ternari :

Anzi un sole: e se questo è, la mia vita,

E i miei corti riposi, e i lunghi affanni

Son giunti al fine. O dura dipartita,

Perchè lontan m’hai fatto de’ miei danni?

La mia favola breve è già compita,

E fornito il mio tempo a mezzo gli anni!

E di quello:

È questo ’l nido, in che la mia Fenice

Mise l’aurate e le purpuree penne?

eccovi i ternari :

E m’ha lassato qui misero e solo,

Tal che pien di duol sempre al loco torno,

Che per te consecrato onoro e colo,

Veggendo a’ colli oscura notte intorno,

Onde prendesti al ciel l’ultimo volo,

E dove gli occhi tuoi solean far giorno.

E di quello :

Gli occhi, di ch’io parlai sì caldamente,

E le braccia, e le mani, e i piedi, e ’l viso;

i terzetti :

Ed io pur vivo; onde mi doglio e sdegno,

Rimaso senz’ il lume, ch’ amai tanto

In gran fortuna, e ’n disarmato legno.

Or sia qui fine al mio amoroso canto:

Secca è la vena de l’usato ingegno,

E la cetera mia rivolta in pianto.

O. C. Assai bene per questi esempi si può comprendere quel che voi dite.

F. N. Ma oltre questi, molti altri potrebbono essere, in alcuni de’ quali essendo temperata la dolcezza e la gravità, supera la dolcezza; ne gli altri è superata: sì come veggiamo avvenire ne gli elementi situati fra la terra e ’l fuoco, l’uno de’ quali verso il fine del suo movimento accresce la sua gravità, l’altro la sua leggerezza.

O. C. Assai in alcune cose è simile la comparazione de gli elementi.

F. N. A l’altre similitudini mi par che si possa aggiunger questa; che sì come niuno elemento è puro e semplice intieramente, perciochè il fuoco è mescolato con l’aria, e l’aria co ’l fuoco e con l’acqua, e l’acqua con l’aria e con la terra; così ancora ciascuna maniera di parlare è mescolata: nè solamente ne le rime già dette, ma in quelle che sono stimate gravissime, e’ è qualche mistione di piacevolezza.

O. C. Veramente i versi, ne’ quali non è qualche mescolanza sì fatta, assai meno sogliono piacer de gli altri, nè possono lungamente esser ascoltati senza fastidio.

F. N. Le forme, dunque, del parlare sono in questo simili a le forme naturali, le quali essendo raccolte nel grembo de la materia, non possono ritrovarsi affatto pure: quinci avviene, ch’in quelle testure ancora, le quali noi assegniamo come proprie al carattere sublime, ci sia alcuno temperamento: ma vi sarà forse grave che questa cosa si consideri più minutamente.

O. C. Anzi, niuna mi potrebbe esser tanto piacevole; però vi priego che seguitiate.

F. N. Io dico che ’l carattere nobilissimo dee usarsi in due de le testure usate dal Petrarca: la prima, la qual risponde ordinariamente co ’l primo del secondo terzetto al primo del primo, co ’l secondo al secondo, e co ’l terzo al terzo, com’ è questa:

E le rose vermiglie infra la neve

Mover da l’ora, e discovrir l’avorio,

Che fa di marmo chi d’appresso il guarda;

E tutto quel, perchè nel viver breve

Non rincresco a me stesso, anzi mi glorio

D’esser servato a la stagion più tarda.

E la seconda, che risponde co ’l primo del secondo al secondo del primo, e co ’l secondo del secondo al primo del primo, e co ’l terzo al terzo, com’ è questa:

E s’io ’l consento, a gran torto mi doglio:

Fra sì contrari venti in frale barca

Mi trovo in alto mar senza governo.

Sì leve di saper, d’error sì carca,

Ch’ io medesmo non so quel che mi voglio,

E tremo a mezza state, ardendo il verno.

Ma altre ne daremo a la forma temperata; l’una de le quali risponde co ’l terzo del primo al primo del primo, e co ’l primo del secondo al secondo del primo; e poi seguita ne gli altri versi l’ordine medesimo, com’ è questo:

Io che ’l suo ragionare intendo allora,

M’agghiaccio dentro a guisa d’uom ch’ascolta

Novella, che di subito l’accora.

Poi torna il primo, e questo dà la volta.

Qual vincerà non so: ma infino ad ora

Combattuto hanno, e non pur una volta.

E l’altra, ch’ è poco da questa differente ; ma concorda il primo co ’l terzo e co ’l quarto e co ’l sesto, concatenando il secondo co ’l quinto in questa guisa:

Onde Amor paventoso fugge al core,

Lasciando ogni sua impresa, e piange, e trema :

Ivi s’asconde, e non appar più fore.

Che penso far, temendo il mio signore,

Se non star seco insino a l’ora estrema?

Che bel fin fa, chi ben amando more.

E questo io dico de le maniere usate dal Petrarca: ma l’altre ancora mi paiono degne di considerazione, nè debbono esser lasciate a dietro.

O. C. Sono state scritte con esso loro tante cose belle, che non devrebbono tralasciarsi in modo alcuno.

F. N. Quella usata da monsignor de la Casa in questo sonetto, dal quale abbiamo preso occasione di ragionare, è trasgressione, o trapasso de la prima; però l’assignaremo parimente a la maniera grave: e quella, che risponde co ’l primo verso del secondo ternario al secondo del primo, e co ’l secondo del secondo al terzo del primo, e co ’l terzo del secondo al primo del primo, è pure un trapasso de la seconda testura. Laonde a la forma grave sarà conceduto; e ne addurrò l’esempio:

E ’n pianto mi ripose, e ’n vita acerba,

Ove non fonti, ove non lauro, od ombra,

Ma falso d’onor segno in pregio è posto.

Or con la mente non d’invidia sgombra

Te giunto miro a giogo alto e riposto,

Ove non segnò pria vestigio l’erba.

E quella che risponde co ’l primo verso del secondo ternario al più vicino del primo, e segue quest’ordine diritto, come la seguente:

E questa man d’avorio tersa e bianca,

E queste braccia, e queste bionde chiome

Fian per inanzi a te sferza e tormento.

Onde parte di duol strugger mi sento,

E parte leggo in due begli occhi, come

Non dee mai riposar quest’alma stanca.

La qual non è nuova, ma rinovata, perchè si trova fra quelle di Dante ; e ’l suo trapasso è usato da Cino:

Laonde di ciò mi struggo, e vo’ morire,

Chiamando morte, che per mio riposo

Mi toglia inanzi ched io mi disperi.

Miran là gli occhi miei sì volentieri,

Che con tra ’l mio voler mi fanno gire,

Per veder lei, cui sol guardar non oso.

Perchè questa forma può acconciamente servirsi così de le testure che son fatte con ordine diretto, come di quelle che son composte con l’obliquo, le quali ho nominate trapassi e trasgressioni: ed a l’altre testure, che son convenevoli ne la forma più grave, aggiungeremo quella che in ciascuno de’ ternari risponde co ’l terzo al primo, e l’uno e l’altro congiunge quasi legando il secondo del secondo co ’l secondo del primo :

Taccian per l’aere i venti, e caldo e gielo

Come pria no ’l distempre, e tutti i lumi,

Che portan pace, a noi raccenda il cielo;

Alti pensieri, care, oneste voglie,

Leggiadre arti, cortesi e bei costumi

Rivesta il mondo, e mai non se ne spoglie.

Ma a la temperata lascieremo quella ch’usò messer Cino; ne la quale al primo verso de’ ternari risponde il quarto, e gli altri fra loro, com’ è questo:

Per dimostrar a lei, che conoscente

Si faccia poscia de li miei martiri,

Ma non può far pietà ch’ ella vi miri.

Perchè ne vivo isconsolatamente,

E vo pensoso ne li miei desiri;

Che son color, che levano i sospiri.

E quella di Guido Cavalcante, che risponde al primo co ’l terzo e co ’l quarto, e concorda gli altri insieme:

Io veggio a lui spirito apparire

Alto, e gentile, e di tanto valore,

Che fa le sue virtù tutte fuggire.

Deh! io vi prego, che deggiate dire,

A l’alma trista, che parla in dolore,

Com’ella tu, e fia sempre d’Amore.

Nè de l’una e de l’altra mi ricordo aver udito esempio fra’ moderni: ma io ho così lungamente ragionato, che mi pare d’avervi posto addosso quella persona d’auditore, che voi nel principio del vostro ragionamento mostraste di ricusare; la qual tanto vi deve parere grave, quanto il ragionamento è stato più lungo. Ma nondimeno mi pare di raccogliere da’ vostri sembianti, ch’aspettiate ch’io aggiunga alcuna cosa a le già dette.

O. C. Io aspettava veramente, perchè avete compartite in guisa tutte le testure de’ sonetti, che no n’ avete lasciata alcuna al carattere umile, il qual parimente con diversi nomi è chiamato. Laonde mi pare ch’in questa guisa abbiate voluto escluderla affatto dal sonetto, se forse non gli è rimasa quella, ne la quale dopo i terzetti seguono molti ritornelli, e ciascuno dietro a l’eptasillabo, o al verso di sette sillabe, che vogliamo nominarlo: ed in vero non mi par l’autorità del Bernia così picciola, che egli non si possa contentar di quella forma che fu approvata da lui; perciochè il Bernia tanto s’ avanza in questo genere di poesia, che peraventura non sono stati maggiori nel loro molti gravi.

F. N. Io non aveva riservata alcuna de le testure del sonetto a l’umile o a la bassa forma; perchè non solo il Petrarca, ma Dante ancora l’avea quasi bandita dal sonetto: il quale benchè sia moltiforme, nondimeno in ciascuna forma è poco acconcio a ricever la bassezza e l’umiltà; e de l’altre quelle più gli sono convenevoli, ch’ abbiamo detto esser proprie de la maniera temperata, come potremo conoscere da questi luoghi di Dante, ch’ io recherò; e l’uno è quello :

E’ non è legno di sì forti nocchi,

Nè anco tanto dura alcuna pietra;

il qual finisce in questi ternari :

Deh perchè tanta virtù data fue

A gli occhi d’una donna così acerba,

Che suo fede! nissuno in vita serba?

Ed è contr’a pietà tanto superba,

Che s’altro nrmor per lei, non mira pine,

Anzi gli asconde le bellezze sue.

E dell’altro: [6]

Ahi lasso! non credea trovar pietate

Quando si fosse la mia donna accorta ;

i terzetti del quale son questi :

Però parla un pensier, che mi rampogna,

Com’io più vivo, non sperando mai

Che tra lei e pietà pace si pogna.

Onde morir più non conviene omai;

E posso dir, che mal vidi Bologna,

E quella bella donna ch’io guardai.

O. C. Assai umile è lo stile di questi sonetti.

F. N. Ma io lascerei i sonetti a le materie gravi, ed a la forma ancora : e se pur io talvolta gli abbassassi, non passarci la mediocrità, e mi parrebbe di riporli nel primo stato loro più vicino al nascimento; perchè Dante e gli altri inanzi, più volentieri composero il sonetto con stile mezzano: laonde egli in que’ suoi libri ch’intitolò de la Volgare Eloquenza [7], disse di voler trattar del sonetto nel quarto, dove dovea trattare del volgare mediocre; e paragonando il sonetto a la ballata, affermò che ’l modo de la ballata era più nobile: [8] da la quale opinione s’allontanò il Petrarca, e ’l Bembo, e ’l Casa, e ’l Capello, e ’l Tasso. Però mi pare che del sonetto, coltivato da loro, sia avenuto quello ch’a viene d’alcune erbe, che per la coltura s’inalzano e trapassano ne la natura di piante.

O. C. L’ accrescimento di così artificiosi cultori senza dubio è stato maraviglioso; onde il sonetto in quella sua prima umiltà è quasi disprezzato.

F. N. Ma per le materie umili, e per l’umili diciture è assai convenevole la forma de’ madrigali, e fra’ madrigali quelli ancora sono più convenienti a l’umil dicitore, i quali veggiamo ripieni d’eptasillabi, o regolari o irregolari ch’elli siano: perciochè quelli altri che sono stati tenuti dal Petrarca in assai artificiose testure de’ versi endecasillabi, potrebbono ad alcuno parer del carattere mediocre, quantunque da alcuni siano dette ballate; e son queste :

Non al suo amante più Dïana piacque,

Quando, per tal ventura, tutta ignuda

La vide in mezzo de le gelide acque;

Ch’a me la pastorella alpestra e cruda,

Posta a bagnare un leggiadretto velo,

Ch’a Laura il biondo e vago capel chiuda;

Tal che mi fece or, quando egli arde il cielo,

Tutto tremar d’uno amoroso gelo.

Nova angelelta sovra l’ale accorta,

Scesa dal cielo in su la fresca riva,

Là ond’io passava sol per mio destino,

Poi che senza compagna e senza scorta

Mi vide, un laccio, che di seta ordiva,

Tese fra l’erba, ond’è verde il cammino:

Allor fui preso, e non mi spiacque poi,

Sì dolce lume uscia de gli occhi suoi.

Or vedi, Amor, che giovenetta donna

Tuo regno sprezza, e del mio mal non cura,

E tra duo ta’ nemici è sì secura.

Tu se’ armato, ed ella in trecce e ’n gonna

Si siede, e scalza in mezzo i fiori e l’erba,

Ver me spietata, e contra te superba.

I’ son prigion; ma se pietà ancor serba

L’arco tuo saldo, e qualcuna saetta,

Fa di te e di me, signor, vendetta.

Benchè questo madrigale, se così vogliamo più tosto chiamarlo, nel Petrarca comentato dal Vellutello, si legge senza il quinto verso, senz’alcun danno de la testura. E il quarto è:

Perchè al viso d’Amor portava insegna,

Mosse una pellegrina il mio cor vano,

Ch’ogni altra mi parea d’onor men degna:

E lei seguendo su per l’erbe verdi,

Udii dir alta voce di lontano:

Ahi quanti passi per la selva perdi!

Allor mi strinsi a l’ombra d’un bel faggio

Tutto pensoso; e rimirando intorno,

Vidi assai periglioso il mio viaggio;

E torna’ indietro quasi a mezzo il giorno.

E del carattere istesso ancora paiono quelle che da tutti son dette ballate; fra le quali è la prima quella che comincia :

Lassare il velo, o per sole o per ombra.

Ed oltre a questa, sei altre si leggono nel Petrarca, parte nude, parte vestite, cioè parte di una, parte di più stanze, ed in tutte si ripiglia ne gli ultimi versi la rima de’ primi: ma quelle di Dante e del Boccaccio e de gli antichi s’inchinano più a l’umil forma di dire, come si può conoscere da quella: [9]

Io non dimando, Amore,

Perchè potrebbe il tuo piacer gradire:

Così t’amo seguire

In ciascun tempo, dolce mio signore.

E son in ciascun tempo egual d’amare

Quella donna gentile,

Che mi mostrasti, Amor, subitamente

Un giorno, che m’entrò sì ne la mente

La sua sembianza umile,

Veggendo te ne’ suoi begli occhi stare;

Che dilettare il core

Da poi non s’è voluto in altra cosa,

Fuor che in quella amorosa

Vista, ch’io vidi, rimembrar tutt’ore.

Questa membranza, Amor, tanto mi piace,

E sì l’ho imaginata,

Ch’io veggio sempre quel ch’io vidi allora:

Ma dir non lo potria, tanto m’accora;

Che sol mi s’è passata

Entro la mente: però mi do pace,

Che ’l verace colore

Chiarir non si porria per mie parole.

Amor, come si vuole,

Di’ tu per me, là ov’ io son servitore.

Ben deggio sempre, Amore,

Rendere a te onor, perchè desire

Mi desti ad ubbedire

A quella donna, ch’è di tal valore.

E alcune ballate si fanno, ne le quali si volge il parlare a la ballata, come ne le canzoni si volge a le canzoni: e ne abbiamo l’esempio in Guido Cavalcante:

Vanne a Tolosa, ballatetta mia,

Ed entra quetamente a l’adorata:

Ed ivi chiama, che per cortesia

D’ alcuna bella donna sia menata

Dinanzi a quella, di cui t’ho pregata.

E s’ella ti riceve,

Dille con voce lieve:

Per mercè vegno a voi.

E di simil natura sono, in quanto a l’umiltà del dire, quei componimenti illegitimi che si chiamano comunemente madrigali. E quantunque il Bembo ne gli Asolani chiamasse gli uni e gli altri canzone, gli chiamò co ’l nome del genere, perchè tutte le composizioni in rima, le quali si cantano, possono esser dette canzoni. Ma ne le umili e ne le mediocri, benchè l’ultima rima fosse manco sonora de la prima, o per aver una sola consonante inanzi l’ultima vocale, o per due vocali, non mi parrebbe che si peccasse nel convenevole: sì come non si pecca per l’istessa cagione ne la canzone elegiaca, o pur ne la comica; la quale, come pare a Dante, [10] è detta cantilena propriamente: ma ne la tragica, la qual dev’essere scritta in volgare altissimo, e con altissimo stile, mi par assai conveniente che l’ultime parole non siano manco risonanti de le prime, o manco nobili e pellegrine.

O. C. In questo ragionamento mi è avenuto quello che nel principio io non credeva, cioè, ch’io ho quasi appresa l’arte del sonetto e de la ballata: ma l’arte de la canzona chi m’insegnerà? perciochè queste distinzioni che voi adducete son tali, ch’io entro in grandissimo desiderio d’intenderla compiutamente.

F. N. Io, quando cominciai a ragionare, pensava di quello ch’ a me non si conviene, ma non so come il corso del ragionamento m’ha trasportato; però quel ch’avanza, potemo tutti imparare dal signor Ercole, il quale avendo taciuto lungamente, alleggerirà di questo peso me, che son stanco di portarlo.

E. C. Questo vostro è nuovo artificio non insegnato da Dante, nè sempre osservato dal Petrarca e da gli altri che poetarono doppo lui, avegnachè ne’ loro altissimi componimenti l’abbiano avuto; e de le cose che si fanno e non si fanno egualmente, non si dà alcun’arte: laonde io non porrei in ciò l’arte del sonetto in modo altissimo, anzi più presto direi che non ce ne fosse arte, perchè que’ libri ne’ quali Dante ne ragiona, son perduti: e s’alcun artificio è del sonetto, altrove si de’ ricercare.

F. N. Piacciavi dunque d’insegnatloci.

E. C. In questa parte voi non intendereste da me alcuna cosa di nuovo, nè forse la Orsina; la qual, benchè sia molto studiosa del Petrarca, e de gli altri poeti più nuovi, non disprezza gli antichi ammaestramenti.

O. C. Non disprezzo veramente; ma di quello che molto apprezzo, non molto intendo.

E. C. Dirò dunque per sodisfarvi, e comincierò da la definizione de la poesia, data da l’Alighieri, [11] la quale è questa: La poesia è una finzione retorica, posta in musica. Ma ricercando Dante la sua nobilissima specie, dice [12] che le cose ottime, secondo porta il dovere, sono degne de l’ottime; laonde essendo il volgare illustre, ottimo sopra gli altri volgari, l’ottime materie sono degne d’esser trattate in esso; le quali egli riduce a tre, che sono: la salute, i piaceri di Venere, e la virtù; e ciascuna di loro è obietto d’una de le potenze de l’anima nostra: e soggiunge, [13] che ’l modo eccellentissimo e nobilissimo, co ’l quale si debbono stringere queste materie, è quel de le canzoni, perchè ne le canzoni si comprende tutta l’arte. E che ciò sia vero, si manifesta in questo, che tutto quello che si trova de l’arte, è in esso; ma non si converte, che tutto ciò ch’è in lui, sia de l’arte; la quale sino a’ tempi de l’Alighieri fu presa casualmente da’ piccioli poeti, avengachè i poeti a caso siano differenti da’ grandi. Ma Dante prima la ridusse sotto le regole di questo nobilissimo magisterio: e diffinisce la canzona [14] una compiuta azione di colui che detta parole armonizzate ed atte al canto, distinguendola in tre modi; tragico, comico ed elegiaco; e mostrando [15] come tutta l’arte consista in tre precetti: il primo de’quali è intorno la divisione del canto, l’altra de l’abitudine de le parti, la terza del numero de i versi: ma de le rime non fece menzione, percioch’elle non sono proprie de l’arte de la canzona, essendo lecito certamente in ciascuna stanza ritrovar le rime, e quelle medesime a suo piacer replicare : il che, se la rima fosse de la propria arte de la canzona, non sarebbe lecito. E cominciando da la prima parte, eh’è la divisione del canto, c’insegna [16] ch’alcune stanze procedono sin al fine senza replicazione di modulazione e senza divisione, la qual volgarmente è detta « volta, » perchè fa voltare da l’un modo ne l’altro, come è quella:

Al poco giorno, ed al gran cerchio d’ombra

Son giunto, lasso! ed al bianchir de’ colli,

Quando si perde lo color ne l’erba:

È ’l mio desio però non cangia il verde,

Sì è barbato ne la duraà pietra,

Che parla e sente come fosse donna.

La qual communemente è detta sestina, quantunque non tutte le stanze d’una sola oda siano sestine; perciochè quella ancora del Petrarca è sì fatta:

Verdi panni, sanguigni, oscuri e persi

Non vestì donna unquanco,

Nè d’or capelli in bionda treccia attorse

Sì bella come questa, cbe mi spoglia

D’arbitrio, e del camin di libertade,

Seco mi tira sì, ch’ io non sostegno

Alcun giogo men grave.

E questa maniera di stanze usò Arnaldo Daniello, quasi in tutte le sue canzoni. Altre sono che patiscono divisione, la qual non può esser, se non si fa la replicazione de l’oda, o davanti solamente, o solamente doppo, o da tutte due le parti. E se la repetizione de l’oda si fa davanti la divisione, si dice la stanza aver piedi; se dopo, aver i versi; se prima e poi, i piedi e i versi: ma s’ella è senza la divisione de la prima parte, è detta fronte; ma se non ha la divisione de la seconda, è detta sirima o coda: e la fronte co’ versi, e i piedi con la sirima, e i piedi con versi possono star insieme; ma la fronte con la coda non si congiunge insieme in una medesima testura: cioè, la parte semplice con la doppia, e la doppia con la semplice, e la doppia con la doppia s’accoppiano; ma la semplice con la semplice non suol esser tessuta insieme. E questo in quanto al primo precetto, nel quale peraventura avereste desiderata da me brevità maggiore.

F. N. Niuna cosa è stata soverchia nel vostro ragionamento; però non possiamo dolerci de la lunghezza.

E. C.Passerò, dunque, al secondo precetto, il quale è de l’abitudine de le parti, [17] ne la quale la fronte alcuna volta eccede i versi, e alcuna è superata; ed i piedi alcuna volta avanzano la coda, alcuna son superati; e i piedi e i versi ancora vicendevolmente vincono e sono vinti.

F. N. La brevità nulla toglie a la chiarezza.

E. C. Potrò dunque discendere al terzo, [18] nel quale attribuisce l’endecasillabo a la canzone tragica, volendo che tutte le stanze siano tessute d’endecasillabi, o che almeno gli endecasillabi superino di numero gli eptasillabi e i pentasillabi, de’ quali concede che possa essere uno solamente; ma la parte, ne la quale si tesse un solo eptasillabo, non può esser se non fronte o sirima; perciochè ne’ piedi e ne’ versi è ricercata l’equalità di versi e di sillabe. E ’l verso ne l’uno significato chiamo quelli che son tessuti di versi, e ne l’altro quelli che si compongono di sillabe. Laonde il numero dispari ha luogo solamente ne la fronte e ne la coda. Ed in questa ultima parte c’insegna ancora come le canzoni tragiche debbano prendere il principio da l’endecasillabo; perciochè quelle, le quali cominciano dal verso di sette, non sono senza ombra d’elegia: e che l’endecasillabo e l’eptasillabo debbano essere disposti ne le diverse parti, in guisa, che si corrispondano ne l’abitudine; dico quel di undeci a quel di undeci, e quel di sette a quel di sette. Ma forse vi parrò troppo lungo.

O. C. Non temiate d’offenderci, se non con la brevità.

E. C. Ultimamente, parlando de l’abitudine de le rime, [19] dimostra ch’alcune parti non abbiano l’abitudine, altre l’abbiano: e di queste alcune accordino tutti i versi, altre ne lascino uno scompagnato, il quale è detto chiave; e può esser non solo uno, ma due; la desinenza de’ quali è poi ripresa ne la stanza seguente: e l’abitudine de le rime può essere o de’ versi che sono inanzi la divisione, o di quelli che sono inanzi e quelli che sono dopo, in modo die sia l’abitudine fra le rime de runa e l’altra parte, lodando, oltre tutte le desinenze, quelle che si chiudono in rime accordate: il che però è da schivar ne’ piedi. E ’l primo di loro può essere di versi pari o dispari, di cadenze accompagnate o scompagnate; ma ne gli altri piedi dee servarsi l’ordine stesso: e ne’ versi ancora quasi sempre, quantunque a venga ch’alcuna volta non s’osservi: e si dee schivare la repetizione, l’equivocazione e l’asperità de le rime. E per conchiusione c’insegna, [20] che le cose le quali si cantano circa il destro, vadano con lunghezza convenevole verso l’estremo; e s’affrettino quelle che si cantano circa il sinistro: e chiama le cose che si cantano intorno al destro, il persuadere, il rallegrarsi, e ’l laudare; e quelle che si cantano verso il sinistro, il dissuadere, e l’infingere, e ’l vituperare.

F. N. Assai la signora Orsina ed io abbiamo appreso de l’arte de la canzona; ma s’in lei si comprende tutta l’arte, ci sarà contenuta ancora quella del sonetto e de l’altre poesie.

E. C. Il sonetto è picciola poesia, in rispetto de la canzona, e di picciolo pregio.

F. N. E per questa cagione l’arte sua potrà rinchiudersi in quella di poesia così grande, com’è la canzona. Ma volete trarla fuori, acciochè noi la conosciamo? Il signor Ercole non risponde, quasi troppo avaro di queste preziose ricchezze; ma io cercherò per improntitudine di trarne la risposta, e non voglio che ce ne partiamo senza nuovo guadagno.

E. C. Se così fosse, come voi divisate, non sarei io troppo scarso, ma voi troppo cupido.

F. N. La cupidità de le cose oneste è laudevole. Però ditemi: non avete voi detto, o più tosto Dante, con le parole del quale avete quasi parlato, mostrando sì maravigliosa memoria, che tutta l’arte de la canzona consiste in tre precetti?

E. C. Così dice l’Alighieri.

F. N. Ma riducetevi, di grazia, a mente quali siano questi tre precetti; perchè io, dopo quella mia lunga infirmità, la qual ebbi in Mantova, facilmente mi dimentico di molte cose.

E. C. L’uno è intorno a la divisione del sonetto, l’altro de le abitudini de le parti, la terza poi de le sillabe e de’ versi.

F. N. Ma ’l primo serve al sonetto parimente, o non serve?

E. C. Serve.

F. N. Forsi, perchè il sonetto si divide in molte parti, come la canzona.

E. C. Per questa ragione.

F. N. E però si può fare la replicazione de la modulazione.

E. C. Si può, senza dubbio.

F. N. Ma l’altro de l’abitudine de le parti, si dee considerare nel sonetto, o non si deve?

E. C. Si dee.

F. N. E vi pare che sia alcuna proporzione fra le parti del sonetto e de la canzona; cioè, che tali siano i quaternari, in rispetto de’ ternari, quali i piedi sono e i versi?

E. C. Sì, veramente: onde assai bene Antonio da Tempo divise il sonetto in piedi ed in volte.

F. N. Questo era quello ch’io aspettava a punto che ci dichiaraste. Ma passando al terzo, non è determinato nel sonetto il numero de’ versi e de le sillabe?

E. C. È.

F. N. Dunque, egli prende questo ammaestramento ancora da la canzona. Ma de l’abitudine de le rime, che diremo noi?

E. C. Le rime non sono de la propria arte de la canzona.

F. N. Nondimeno, da l’ultima parte, ne la qual Dante c’insegna alcune cose de l’abitudine de le rime, possiamo raccogliere che non sia affatto inutile questa considerazione.

E. C. Considerazione, o vero osservazione, sarà peraventura la vostra, ma non arte; perchè l’arte è de le cose certe, quali sono quelle che ci ha insegnate Dante nel suo magisterio, il qual sino a lui fu preso casualmente.

F. N. Altramente parve forse a Dante medesimo, s’io l’ho ben inteso; perciochè se le rime non sono de la propria arte de la canzona, sì com’ egli dice, sono d’alcun’arte ch’a lei non è propria: e s’egli avesse giudicato che non fossero d’ alcuna arte, non avrebbe detto ch’elle non fossero de l’arte propria.

E. C. E qual sarà quest’arte, che non è propria de la canzona?

F. N. L’arte del rimare: la qual non è propria de la canzona; perciochè conviene al sonetto, a la ballata, al madrigale, a l’ottava, al capitolo ed a l’altre poesie ancora illegitime e irregolari.

E. C. E questa, se pur è arte, è solamente in quelle cose, de le quali si può dar certa ragione; ma l’incerte ed incostanti, le quali alcune volte si raccolgono sotto regole, ed alcune non si raccolgono, non ricevono eccellente magisterio nè buono artificio.

F. N. Dunque, se questo ch’egli ci diede, è buono artificio, dovrà esser certo parimente.

E. C. Dovrà, senza fallo.

F. N. Or, se vi piace, consideriamo se questa certezza si trova ne le sue medesime canzoni; che da poi ci sarà più lecito di ricercare in quelle del Petrarca e del Casa, il qual ha dato principio al nostro ragionamento, ch’ in lui non s’è potuto fermare.

O. C. Questa considerazione al signor Ercole non potrà dispiacere. Ma da quale cominciarem noi?

F. N. Da quella, se vi pare, la quale è la prima:

Donne, ch’ avete intelletto d’amore,

Io vo’ con voi de la mia donna dire;

Non perch’io creda sua lode finire,

Ma ragionar per isfogar la mente.

Io dico che, pensando al suo valore,

Amor sì dolce mi si fa sentire,

Che, s’io allora non perdessi ardire,

Farei parlando innamorar la gente:

Ed io non vo’ parlar sì altamente,

Ch’io divenissi per temenza vile;

Ma tratterò del suo stato gentile

A rispetto di lei leggieramente,

Donne e donzelle amorose, con vui;

Che non son cose da narrarle altrui.

Ancora mi ricordo i versi, quantunque de le prose mi ho quasi affatto dimenticato. Ma lasciam questo, che non monta niente: e ditemi fra quali canzoni la riporreste.

E. C. Questa è fra le tragiche, di versi tutti endecasillabi composta, di due piedi, e di due versi; e l’un piede è eguale a l’altro, e l’un verso a l’altro: e l’abitudine è non solamente fra le rime de l’un piede e quelle de l’altro, ma tra quelle ancora de’ piedi e quelle de’ versi. Laonde io non veggio che manchi alcuna cosa a la sua perfezione, s’alcuno forse non desiderasse la mescolanza del verso eptasillabo, per lo quale, come pare a Dante, insuperbisce l’endecasillabo: o se non voleste porre in considerazione, ch’in tragica canzona chiuda la stanza con due rime, che per le vocali sono più tosto di suono dolce, che di grande e superbo. La qual cosa tuttavia egli non fa senza molto giudicio, perchè diminuisce co ’l suono il concetto, dicendo:

Ma tratterò del suo stato gentile

A rispetto di lei leggieramente,

Donne e donzelle amorose, con vui;

Che non son cose da narrarle altrui.

F. N. Ma il giudicio è de le cose certe, o de le incerte? dico, de le universali, de le quali si può aver certa scienza; o più tosto de le particolari che sono sottoposte al senso?

E. C. Non si può negare che ’l giudicio non sia de le particolari.

F. N. E l’arte è de’ particolari, che sono infiniti, o pur de gli universali? Voi non rispondete: insomma, troppo avaro sete del sapere. Piaccia a voi, signora Orsina, di rispondere in sua vece, s’a lui par grave darmi la risposta.

O. C. L’arte, senza dubbio, è de gli universali

F. N. Ma se l’arte è de gli universali, e ’l giudicio non è de gli universali, l’arte non sarà di quelle cose de le quali è il giudicio.

E. C. A questo si può rispondere, che non si può dimostrar l’arte e ’l giudicio ne le medesime cose; ma non si niega che il poeta in alcune sia artificioso, in altre giudicioso.

F. N. A me basta che il poeta non in tutte le cose, nè sempre, possa o debba essere artificioso: e ’l luogo che si toglie a l’arte, sarà conceduto al giudicio?

F. C. A l’inerzia più tosto.

F. N. Ma l’inerzia, se pur è in alcuno che sia giudicioso, dee manifestarsi, o star coperta e nascosa?

E. C. Stare ascosa.

F. N. Dunque, dove ella si palesa non potrà dimostrarsi il giudicio, e ’l merito avrà luogo in una stessa composizione. Ma il caso e la fortuna possono star insieme co ’l giu dicio?

E. C. Possono; perciochè egli suol discoprirsi in quelle cose medesime che sono sottoposte a la sorte: e queste io chiamo l’instabili e l’incerte.

F. N. Dunque, benchè sia vero ch’i gran poeti siano differenti da quelli i quali compongono a caso, ciò si deve intendere di que’ poeti che sempre, o ’l più de le volte, compongono in questo modo.

E. C. Di quelli.

F. N. E gli altri, che sono buoni, sono simili a gli altri buoni artefici?

E. C. Sono.

F. N. Ma ’l capitano che vince molte volte per la sua prudenza, vince alcuna volta per fortuna.

E. C. Vince.

F. N. E ’l nocchiero che spesso conduce la nave in porto con l’arte marinaresca, ve la conduce talora per fortuna.

E. C. Per fortuna ancora.

F. N. E ’l pittor dipinge alcuna cosa per ventura.

E. C. Colui che gittò la spongia ne la tavola per disdegno ed impacienza, dipinse a questo modo la spuma del cavallo.

F. N. Dunque molte cose che son fatte per arte e per intelligenza, son fatte ancora a caso: e quantunque non tutte l’arti participino de la fortuna egualmente, pur quasi tutte ne participano, chi più e chi meno.

O. C. Questo meno a Dante che a ciascun altro dovrebbe parer sconvenevole; il qual vuole che la fortuna sia una intelligenza, posta al governo de la sfera umana. [21] Laonde, quel che si fa per fortuna, par che si faccia per intelligenza.

F. N. Dunque, l’arte sua de le canzoni non fu scompagnata da la fortuna. Ma diteci, signor Ercole: non è una de le regole di Dante, che la concordanza di due rime vicine, la qual è laudevolissima ne la chiusa, si dee schivar ne’ piedi?

O. C. È certo de le sue, ch’ io me ne ricordo.

F. N. Tutta volta, ne l’uno e ne l’altro piede di questa canzone sono accordate due rime vicine: il che fece Dante pera ventura con quel medesimo giudicio ch’egli ne l’altre sue composizioni maravigliosamente ha dimostrato. Ma questo vi parrà di poca importanza; e di maggiore, che si considerino in alcuna altra canzone, come stiano quelle parti, ch’ egli chiama piede, o fronte, o versi, o sirima.

O. C. Sì, certo ; perciochè io potrei averle intese assai meglio.

F. N. Considerando, dunque, co ’l signor Ercole, prendiamo quella:

Donna pietosa, e di novella etate,

Adorna assai di gentilezze umane,

Era là ’ve io chiamava spesso morte.

Veggendo gli occhi miei pien di pietate,

Ed ascollando le parole vane,

Si mosse con paura a pianger forte:

E l’altre donne, che sì fûr accorte

Di me per quella che meco piangia,

Fecer lei partir via;

Ed appressarsi per farsi sentire.

Qual dice: non dormire;

E qual dice: perchè sì ti sconforte?

Allor lassai la nova fantasia,

Chiamando il nome de la donna mia.

E dubiterà forse la signora Orsina se quella stanza sia tessuta di fronte e di versi, o di piedi, o di sirima, o pur di piedi o di versi?

E. C. Di piedi e di versi non può essere, secondo le regole di Dante; perciochè i versi sarebbeno ineguali: nè per l’istessa ragione di fronte e di versi è composta; dunque di sirima e di piedi. E non è sconvenevole che ’l sirima superi i piedi in lunghezza; perchè egli c’insegna che i piedi possono avanzare il sirima, ed esser avanzati.

O. C. Questo aveva considerato anch’io: nondimeno, perciochè allora chiamiamo l’ultima parte de la stanza sirima, o ver coda, quando dopo la divisione non si fa la repetizione d’alcuna modulazione; e quando si fa, diciamo ch’ella ha versi: mi parerebbe che non dovesse esser grande il numero de’ versi, il qual fosse cantato senza replicazion di modulazione; perciochè dove si fa il punto fermo o la pausa, ivi mi par che si possa acconciamente replicar le modulazioni.

F. N. Vorrei che ne chiedeste a messer Alfonso da la Viola, a lo Striggio, a l’Animuccio, al Lucciasco, o al Fiorino, o a fra Iacomo Moro, o ad altro musico eccellente, dal qual udirei anch’io cantar questa canzone, o alcuna, in guisa ch’io sentissi inanzi la divisione la replicazione del modo, e dopoi non l’udissi.

E. C. Voi sarete peraventura simile a Socrate, ch’imparò musica ne la sua vecchiezza.

F. N. In questo vorrei assomigliarlo, o ne la virtù de l’animo. Ma consideriamo l’istesso in alcun’ altra canzone.

La dispietata mente, che pur mira

Di dietro al tempo che se n’ è andato,

Da l’un de’ lati mi combatte il core:

E ’l desio amoroso, che mi tira

Verso ’l dolce paese c’ho lasciato,

Da l’altra parte è con forza d’amore.

Qui si fa, se non m’inganno, la divisione, la qual seguono questi versi :

Nè dentro a lui sent’io tanto valore,

Che possa lungamente far difesa,

Gentil madonna, se da voi non vene.

Dopo i quali stimarebbe la signora Orsina che si potessi prender riposo convenevolmente, come dopo i tre primi?

E. C. Si potrebbe; ma Dante non ha avuto questo riguardo, perciochè a la repetizione de la modulazione si ricerca l’egualità de le parti.

F. N. Ma ciò pare anzi cosa volontaria, che necessaria: e se pur c’è ragione, ella vi prega che la ci insegnate.

E. C. Voi sapete che Dante chiama la stanza quella, la quale è ricetto di tutte l’arti; per similitudine de le abitazioni ne le quali albergano gli uomini: ma sì come ne’ palagi l’una stanza corrisponde a l’altra con bella proporzione, di maniera che sono eguali le parti superiori a l’inferiori, e quelle che son poste a lo incontro, e ’l compartimento de le finestre parimente, e de l’altre cose, che sono per necessità o per ornamento; così ne la canzone debbono i piedi essere eguali a’ piedi, e i versi a’ versi.

F. N. Questa ragione vera potrebbe essere in qualche modo; ma non so già s’ella sia certa, perchè alcuna volta avviene altramente ne i palagi fabricati con buona architettura: laonde ne le stanze ancora, quantunque il più de le volte ciò dovesse osservarsi, alcuna fiata dovrebbe esser lecito di partirsi da questo ordine.

E. C. Sempre è assai certa quella ragione, ch’è fondata sovra la proporzione.

F. N. Ma sovra qual proporzione la fondaremo noi? Sovra la geometrica, o sovra l’aritmetica, o sovra la musica più tosto?

E. C. Sovra la musica.

F. N. Ma la proporzion musica è sempre di egualità, o pur anco di maggior inegualità alcuna volta, alcuna di minore?

E. C. De l’una e de l’altra.

F. N. Dunque, secondo la vostra ragione, le parti de le canzoni sempre non debbono essere eguali, ma qualche volta ineguali; o pur intendo poco quel che dite.

E. C. Non per poco, ma per troppo intendere, non m’intendete.

F. N. Perchè adunque meglio v’intenda, consideriamo ancora le canzoni del Petrarca, o del Casa, e prendiamo quella ch’è quasi reina fra l’altre:

Nel dolce tempo de la prima etate,

Che nascer vide, ed ancor quasi in erba

La fera voglia che per mio mal crebbe;

Perchè cantando il duol si disacerba,

Canterò come vissi in libertate

Fin ch’Amor nel mio albergo a sdegno s’ ebbe:

Poi seguirò, sì come a lui n’increbbe

Troppo altamente, e che di ciò m’avvenne;

Di ch’ io son fatto a molta gente esempio:

Ben che ’l mio duro scempio

Sia scritto altrove, sì che mille penne

Ne son già stanche, e quasi in ogni valle

Rimbomba ’l suon de’ miei gravi sospiri,

Ch’acquistali fede a la penosa vita.

E se qui la memoria non m’aita,

Come suol far, iscusinla i martiri,

Ed un pensier, che solo angoscia dalle,

Tal ch’ ad ogn’altro fa voltar le spalle;

E mi face obliar me stesso a forza,

Che tien di me quel d’entro, ed io la scorza.

Questa canzone, non dico a me, ma ad alcun altro potrebbe parer di piedi e di versi; perciochè diranno ch’inanzi e dopo la divisione possa farsi la replicazione de la modulazione, in guisa che siano due piedi, e tre o più versi, nè c’è alcuna certa ragione del compartimento: terminerei nondimeno i due primi piedi nel sesto verso; laonde mi par che ivi si possa, scrivendo e leggendo, far punto fermo, e prendere convenevole riposo, quantunque nella terza trapassi co ’l sentimento sin a l’ottavo verso. E questo medesimo si potrebbe osservare in molte altre canzoni del Petrarca, per le quali cagioni è nato il dubbio.

E. C. Il dubbio è nato più tosto da l’ignoranza de’ lettori, che dal poco artificio del poeta.

F. N. Questo potrebbe avvenir facilmente: e porrò fra gli altri me stesso, che per la picciola cognizione che io ho de la musica, ho di ciò altre volte dubitato. Nondimeno non mi parea picciolo artificio quel del poeta, ma incerto: laonde, siasi pur grande quanto a voi pare, solo che voi a me concediate che egli non sia certo.

E. C. Grande e incerto non possono insieme stare: nè parve a Dante, il qual lasciò scritte queste precise parole: «Perciochè sono certamente poeti, se dirittamente la poesia consideriamo: la quale non è altro che una finzione retorica, e posta in musica. Nondimeno son differenti da’ gran poeti, cioè da’ regolati; perciochè quelli hanno usato sermone ed arte regolata, e questi, come s’è detto, hanno ogni cosa a caso. » [22]

F. N. I poeti grandi sono, come parve a Dante, i regolati ; ma eh’ i regolati usino certo artificio, non ho ancora appreso da Dante. Non però vi sia grave di rispondere a quel ch’ io vi dimanderò per impararlo.

E. C. Chiedete quel che vi piace.

F. N. Non vi pare che ci siano alcune cose vere che non son certe?

E. C. Senza dubbio; perciochè assai spesso avviene che la buona moglie abbia dato repulsa a l’amante, tutta volta è incerto: e vero sarà parimente, ch’un ladrone abbia spogliato gli altari; ma di ciò non avremo certezza.

F. N. Ma fra le cose certe, ce ne saranno alcune che non sian vere.

E. C. Niuna cosa è che sia certa, e non vera.

F. N. Dunque, tutto quello ch’è certo, è vero; ma non è converso?

E. C. È, come voi dite.

F. N. E se l’artificio del poeta è certo, sarà parimente vero.

E. C. Sarà.

F. N. Ma la poesia, come Dante la diffinì, è una finzione retorica posta in musica.

E. C. È veramente.

F. N. Dunque il vero artificio sarà artificio d’una finzione.

E. C. Non so quanto ciò sia sconvenevole: ma voi sete troppo solecito investigatore di quel ch’importa assai poco.

F.N.Se questo non vi pare sconvenevole a bastanza, seguiamo oltre; e consideriamo la differenza che segue: la quale essendo parte de la diffinizione, non può esser soverchia. E ditemi: l’arte oratoria, o retorica che vi piaccia nominarla, non dà precetti di quelle cose, de le quali l’uomo si consiglia, e de le quali egli può far deliberazione?

F. C. Di queste, e non d’altre.

F. N. Ma queste sono elle certe, o di quelle che possono avvenire o non avvenire ?

F. C. De la seconda maniera.

F. N. Dunque, incerte.

F. C. Incerte.

F. N. Il vero artificio, dunque, è del falso, e l’incerto del certo: la qual cosa a me par falsa, o almeno incerta.

O. C. E perchè non usate voi chiamarla falsa certamente?

F. N. Perchè l’arte è abito, e quasi forma; e le cose de le quali è arte, sono quasi materia: e benchè la materia sia incerta, non si toglie la sua certezza a la forma. Il che, se vi piace, considererò con voi in questa guisa, sinchè al signor Ercole piacerà darci la risoluzione. Non istimate che la forma sia termine ?

O. C. Senza fallo.

F. N. Ma il termine, è certo o incerto ?

O. C. Può essere certo ed incerto.

F. N. Dunque il fine può essere certo ed incerto.

O. C. Può.

F. N. E se ’l fine può esser certo ed incerto, quel c’ha fine potrà esser certo, ed incerto ancora.

O. C. Può.

F. N. Ma quel che non ha fine, è infinito, ed è sempre incerto.

O. C. Così stimo.

F. N. Dunque il finito, in quanto egli è finito, è certo.

O. C. È.

F. N. E questa certezza egli prende dal fine, o dal termine: laonde io direi, ch’il termine, in quanto egli è termine, fosse certo sempre; o che le cose terminate, in quanto terminate, fossero certe. La forma dunque de l’arte, determinando la materia, le dà qualche certezza. Ma pur se ci inganniamo, toccherà al signor Ercole ed a gli altri dotti a trarci di errore.

O. C. A me così pare che segua da le cose dette.

F. N. Diremo, dunque, che questa certezza sia la regola.

O. C. La regola, e non altra.

F. N. Ma avete voi osservato, ch’alcuna volta non potendosi la materia adattare a la regola, la regola si piega a la materia? come avveniva di quella che fu detta regola Lesbia.

O. C. L’ho osservato, o letto più tosto.

F. N. Inquesta guisa, dunque, la materia de le cose contingenti, la quale è molte fiate dura e malagevole da trattare, ricerca che la regola sua si torca, e si pieghi secondo l’occasioni: il qual piegamento è il giudicio de l’artefice, o almeno egli non è senza il giudicio. Però io concederei assai facilmente a l’Alighieri, ch’i poeti gravi siano i regolati; purchè voi a me concediate che la regola non sta di queste rigide e dure, che non si possano torcere in alcuna maniera, ma de l’altre, che sono arrendevoli e pieghevoli di leggieri.

O. C. Questo vi sarà da me conceduto agevolmente, acciochè se mai vi piacerà darlaci, cerchiate di scrivere l’artificio vostro al gusto de gli uomini che ci vivono.

F. N. Io non son tale che possa dar le regole, se non peraventura a me stesso; ma de le regole dateci da gli altri, molte volte ho dubitato, se fosse o non fosse convenevole osservarle intieramente.

O. C. E per qual cagione ?

F. N. Se voleste ch’io vi manifestassi l’origine, e quasi aprissi il fonte de’ miei passati dubbi, non saprei negare di compiacervi, particolarmente in presenza del signor Ercole.

O. C. A tutti farete cosa grata oltramisura.

F. N. Non abbiam già detto, che la poesia è una finzione retorica posta in musica?

O. C. Abbiamo.

F. N. La qual definizione è molto somigliante a quella che già diede l’antico Gorgia de la tragedia; cioè, ch’ella fosse un inganno, per lo quale gli ingannatori sono migliori di quelli che non ingannano, e gli ingannati più saggi de’ non ingannati; e dico assai somigliante, o più tosto in parte l’istessa, percioch’ogni finzione è inganno: ma se questa è finzione retorica, sì come parve a Dante, è inganno retorico.

O. C. È senza dubbio.

F. N. I retori, dunque, sono ingannatori.

O. C. Sono.

F. N. E ingannatori eziandio gli oratori, che da loro apprendono quest’arte de l’ingannare.

O. C. Così credo.

F. N. E questi oratori sono i poeti ; e i poeti oratori simili a’ medici, che volendo che sia presa la medicina, ungono di mele i labbri del vaso, [23] e dopo che la medicina è stata presa,

*

 

porgono sempre o confetto, o narancio, o altra cosa, per la quale l’odore de la medicina non offenda l’infermo.

O. C. Molto somiglianti sono tutti questi ne gli artificii loro.

F. N. Ma gli ingannatori sogliono manifestare, o ricoprire gli artificii ?

O. C. Ricoprire.

F. N. Da gli oratori dunque, e da’ poeti, sempre, o assai spesso, ci sarà coperto il loro artificio.

O. C. Sarà.

F. N. E ricoprendo, inganneranno meno agevolmente, o più facilmente?

O. C. Più facilmente.

F. N. E l’ingannare più agevolmente, è minor o maggior artificio?

O. C. Maggiore.

F. N. Il nasconder dunque l’inganno, e, per così dire, la dissimulazione de l’arte, è sommo artificio: e quello solamente, ch’è stato usato da gli uomini grandi, che governarono i regni e le republiche e gli eserciti; qual fu Pericle, Demostene, Alcibiade, Scipione, Catone, Lelio, Cesare, Pompeo. E quantunque Marco Tullio insegnasse l’arte de l’oratore, nondimeno sprezzò tutta quella certezza, o più tosto minutezza, o bassezza d’artificio, la quale da’ retori s’insegnava con picciola mercede: però non solamente l’esercitò nel senato, e fra’ giudici a la grande, e come a gran senatore pareva convenirsi; ma ne scrisse parimente come grande, e sprezzatore di tutte l’esquisite diligenze.

O. C. Questo ch’ora dite, quantunque sia detto con ragioni assai nuove, è nondimeno conforme a l’opinione di molti.

F. N. Ma i poeti o siano gli stessi che gli oratori, come si raccoglie da la definizione, o pur tanto simili che molte cose de l’artificio siano communi, debbono in questo modo infingere e ricoprire l’arte, per ingannare con maggior agevolezza.

O. C. Così poi potranno meglio ingannare.

F. N. I poeti, dunque, sono simulatori, e i musici, e gli istrioni: e particolarmente la scena simula l’azione de gli eroi, come dice Aristotele: ed allora l’arte de’ poeti sarà ne la somma eccellenza, che sarà ne la somma simulazione.

E. C. Non avrebbe concesso Platone questa maniera d’infingere a’ poeti; i quali, come nel sonetto leggeste, d’Omero, sono biasimati da gli uomini sciocchi.

F. N. Non so quel ch’ io dica d’Omero e d’Esiodo, perchè sono tanto antichi, che non n’è passata alcuna certa cognizione; tutta volta io credo, ch’essi fossero i primi maestri de’ costumi. Ma di Solone, chi dubitare qual egli fosse?

O. C. Niun certo, perchè parendogli picciola ogn’altra finzione, s’infinse pazzo, e come pazzo volle persuader al popolo ateniese la ricuperazione d’Egina.

F. N. Di Sofocle parimente, d’Euripide e d’Agatone, vi pare che si possa dubitare, ch’essi non fossero uomini civili?

O. C. Di questi ancora s’ha la medesima opinione.

F. N. E fra’ Latini fu osservata questa maniera istessa d’infingere, per la qual Virgilio acquistò tanta riputazione, che fu degno d’essere con Mecenate e Agrippa chiamato al consiglio d’Augusto, quand’egli pensava diporre la monarchia: ed Orazio, e quelli che seco fiorirono, e quelli che furono in pregio al tempo de gl’imperatori, con questo artificio de l’infingere s’aprirono la strada a molti onori. E quantunque grandi non fossero ne la republica, tutti nondimeno volsero scrivere e poetare come grandi.

O. C. Così avvenne.

F. N. E quinci nacque il disprezzo de le regole, per lo quale non acquistorno biasimo e vergogna alcuna, ma fama ed onore. E ne la nostra lingua Dante, il quale fu non solamente poeta, ma cittadino illustre, poco osservò alcuna di quelle regole ch’egli medesimo avea date.

O. C. Già questo abbiamo in parte conosciuto.

F. N. Nè l’osservò poi il Petrarca: il qual, benchè per le poesie latine volesse prender la corona de l’alloro dal buon re Roberto, ne le volgari nondimeno egli non ricercò altro onore, che la grazia de la sua donna; e per questa ragione tanto solamente del magisterio ci volle discoprire, quanto a gentile amante parea convenirsi. Non l’osservò il Bembo, perchè nacque gentiluomo veneziano, e visse ne la corte lungamente fra’ grandi come grande, ed ultimamente fu creato cardinale. Nè sempre l’osservò monsignor de la Casa, per le medesime cagioni: nè ’l Capello, perchè la sorte non gli tolse quel che gli diede il nascimento: nè il Tasso, uomo di fortuna molto inferiore, ma d’ingegno eguale, e di facilità e di felicità nel poetare più vicino al primo ch’al secondo. Ma perciochè fra tutti questi niuno ricercò più la grandezza del signor Giovanni de la Casa, quantunque non conseguisse quel grado ch’ era dovuto a’ suoi meriti singolari; chiunque vorrà scrivere come conviene a’ grandi, a mio parere, dovrebbe proporselo per esempio. Non vi spiaccia, dunque, che ci mettiamo inanzi alcuna de le sue canzoni.

O. C. Questo io aspettava, e mi ricordava che voi avevate promesso di farlo, e non so come ve n’ eravate scordato.

F. N. Prendiam questa:

Errai gran tempo; e del cammino incerto,

Misero peregrin, molt’anni andai

Con dubbio piè, sentier cangiando spesso,

Nè posa seppi ritrovar giamai

Per piano calle, o per alpestre ed erto,

Terra cercando, e mar, lunge e d’appresso:

Tal che ’n ira e ’n dispregio ebbi me stesso;

E tutti i miei pensier mi spiacquer poi

Ch’ io non potea trovar scorta o consiglio.

Ahi! cieco mondo, or veggio i frutti tuoi,

Come in tutto dal fior nascon diversi.

Pietosa istoria a dir quel ch’ io soffersi,

In così lungo esiglio,

Peregrinando, fôra;

Non già eh’ io scorga il dolce albergo ancora;

Ma ’l mio santo Signor con novo raggio

La via mi mostra; e mia colpa è s’io caggio.

Ne la quale io prego il signor Ercole, che mi dica se i primi sei versi, ne’ quali è terminato il sentimento, sia fronte de la canzona, o piedi. Ma la dimanda potrà forse parere disdicevole a molti; perciochè la fronte è la parte superiore de l’uomo, e i piedi l’inferiore: laonde, se con questa proporzione dovessero considerarsi ne le stanze, l’una dovrebbe esser la parte suprema, e l’altra l’infima. Nondimeno, perchè Dante, il quale trovò questi nomi, diede l’uno e l’altro a la prima, io vi chiedo, se questi sei versi siano fronte o piedi.

E. C. Piedi.

F. N. Ma quelli che seguono, saranno versi, o sirima.

E. C. Versi.

F. N. Ma essendo questi versi composti di nove endecasillabi e due eptasillabi, saranno ineguali.

E. C. Saranno. Ma io non doveva concedervi che la divisione si facesse dopo i sei primi versi. Farò dunque come i giocatori di scacchi, i quali avendo mal giocato un pezzo, il ripigliano, e ’l ritornano a giocare; perciochè dirò che l’altra oda comincia nel nono verso: laonde i nove primi saranno tre piedi eguali, e gli otto ultimi, o sarà sirima, o pur due versi eguali.

F. N. Se così dividerete la canzone, fuggirete questa sconvenevolezza : ma ne la seconda non schiveremo quello ch’ad alcuno pare sconvenevole, ed a me degno di molta lode; cioè, che ’l poeta trapassa da l’una a l’altra partede la stanza senza ritegno e senza legge alcuna; perciochè dal settimo passa ne l’ottavo :

Con sì fatto desio, com’ i’le tue

Dolcezze, Amor, cercava .  .  .  . :

nè si fermando al nono, discende al decimo senza freno, a guisa di velocissimo cavallo di Partia; o pur di fiume, che discenda altretanto chiaro, quanto veloce. Ma ricerchiamo, se vi piace, in una de le canzoni di Dante quello che sin qui non abbiamo potuto ritrovare.

E. C. Ricerchiamo.

F. N. Or prendiam questa, ch’ è de la leggiadria:

Poscia ceh’Amor del tutto m’ha lasciato,

Non per mio grato;

Che stato non avea tanto gioioso.

Ma però che pietoso

Fu tanto del mio core,

Che non sofferse d’ascoltar suo pianto;

Io canterò .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .

Piacevi che questi sei primi sien fronte, o piedi?

E. C. Fronte ; perchè sono di sillabe ineguali, quantunque siano eguali i versi.

F. N. Questa è picciola differenza: però se vogliamo che non si metta in considerazione, facciam come vi pare.

E. C. È tanta, che basta.

F. N. Dunque, volete che sia fronte? siasi: ma quelli che seguono sono tredeci, nò possono esser sirima; perciochè fronte e sirima non stanno insieme: segue, dunque, che siano versi. Or vedete se de’ tredici versi, de’ quali sette sono endecasillabi, e gli altri eptasillabi, possete far versi eguali di sillabe e di versi : e se non potete, o pur se non si possono, ne segue che la replicazione de la modulazione si faccia non solamente di versi eguali, ma d’ineguali.

O. C. A me pare che la conclusione sia tanto provata, che non ci sia mestieri di prova.

F. N. Peraventura n’ ha bisogno; perchè alcuno difenderebbe, più volontieri l’altra parte, che la fronte possa tessersi co ’l sirima. È dunque l’arte dataci da l’Alighieri, vera il più de le volte: ha nondimeno alcune eccezioni, per le quali mi pare che la regola si potesse accrescere, e ricever le reposizioni ancora de’ versi dispari; ma ’l mio parere non è fermo, che alcuna volta non passi ne l’altra parte, che si può difendere similmente. Nè questi solamente sono i miei dubbi; ma n’ho alcun’ altri maggiori, che temo di palesare.

O. C. Fra noi si può dir ogni cosa assai securamente; perdìo tutti staranno tanto celati, quanto a voi parrà.

F. N. Io dirò, adunque, assicurato da la vostra fede, che l’arte del rimare insegnataci dal poeta, fu quella ch’egli volle insegnare publicamente; e che ce ne siano altre più secrete, che da molti non furono conosciute, da molti non rivelate a’ volgari.

O. C. E quali son queste, per vita del Principe ?

F. N. Non dico quali siano, ma quali credo ch’elle siano. Queste, a mio parere, sono la retorica e la dialettica: e ’l primo ch’ardisse di manifestarle, dopo Dante, il qual pose la retorica per genere de la poesia, o per differenza ne la definizione, fu Giulio Camillo: laonde così potea lamentarsi di lui il re Francesco, come fece Alessandro d’Aristotele, ch’avesse divolgati i libri de la metafisica. Tuttavolta egli picciola parte di questo artificio dimostrò ne’ poeti, ed in quella seguì anzi Marco Tullio che Aristotele, ch’assai più larga dottrina ci avea lasciata, scritta in otto libri de la Topica, oltre i luoghi trattati ne la Retorica: e qual sia la diversità ch’è fra l’uno e l’altro, stimo che vi debba esser manifesta.

O. C. Quel ch’ io ne so, è poco in comparazione di quello ch’ io ne posso imparare: però non vi sia grave dimostrarmi la varietà ch’ è fra questi due famosi scrittori.

F. N. Io la raccorrò in brievi parole, perchè è cosa detta da gli altri, la qual non acquetò i miei dubbi, ma gli mosse. Dico che l’uno, cioè Aristotele, vuole ch’i luoghi de gli argomenti fossero le massime proposizioni, le quali sono in guisa credute per se stesse, che non hanno bisogno di prova: e l’altro raccolse la moltitudine loro, ch’è grandissima, in poche differenze, le quali sono quasi luoghi de’ luoghi, facendo l’arte quanto più facile, tanto men copiosa: e Giulio Camillo da poi mostrò, esser usata da’ poeti, e particolarmente dal Petrarca nel formar l’elocuzione topica, che fu cavata da quelli istessi luoghi, da’ quali si traggono gli argomenti.

O. C. Non veggio sin’ora di che debbiate dubitare.

F. N. Qual vi pare ne la poesia parte principale: l’elocuzione o la sentenza?

O. C. L’ elocuzione.

F. N. Perchè, dunque, insegna ne l’elocuzione quel che prima doveva insegnarci ne la sentenza?

O. C. Forse giudicò altramente Giulio Camillo, il quale non seguì la dottrina d’Aristotele.

F. N. E per questa cagione egli raccoglie ne la sua picciola Topica alcuni pochi luoghi, e non si serve del numero così grande de le proporzioni.

O. C. Per questo.

F. N. Avrebbe nondimeno potuto raccorre quelle che sono sparse ne’ libri d’Omero, di Museo, d’Esiodo, di Pindaro, di Teognide, di Focillide, di Saffo, d’Anacreonte, d’Eschilo, d’Euripide, di Sofocle, d’Aristofane, di Teocrito, d’Apollonio, di Quinto Calabro, di Plauto, di Terenzio, di Lucrezio, di Virgilio, d’Omero, d’Ovidio, di Catullo, di Tibullo, di Properzio, di Dante, e del Petrarca, e di tanti altri non solo poeti, ma istorici e filosofi.

O. C. Avrebbe, con l’aiuto del re di Francia.

F. N. E le massime proporzioni sarebbono stati i luoghi de gli argomenti che debbono usare i poeti, non solo per acquistar la benevolenza de la sua donna, ma in persuadere a’ principi l’unione e la pace e ’l ben publico, o la guerra contro gl’ infedeli, come fece il Petrarca in quelle tre canzoni :

Italia mia, benchè ’l parlar sia indarno ;

Spirto gentil, che quelle membra reggi;

O aspettata in del beata e bella;

ne le quali egli ha sì pochi imitatori, quantunque n’abbia tanti ne le materie amorose.

O. C. E più n’ averà forse per l’avvenire.

F. N. In loro è stato usato soverchio artificio, laonde, dovrebbono esser più tosto ristrette le leggi al piacere, ch’allargate.

O. C. L’imitazione mi par bella e grande; ma l’argomentar mi par cosa anzi da loico, che d’oratore o di poeta.

F. N. Vi par, dunque, che ’l Petrarca non argomenti ne le canzoni già dette, e ne l’altre sue, e ne’ sonetti? e che non argomenti assai spesso Virgilio ed Omero, egli altri, de’ quali abbiamo ragionato?

O. C. Argomentano, ma rare volte, e spesso fanno altro che argomentare.

F. N. E che altro fanno ?

O. C. Imitano o assomigliano.

F. N. E la similitudine non è una maniera d’argomento?

O. C. Or mi sovviene ch’il luogo da’ simili, da’ quali si traggono tanti argomenti, è quello che più conviene a’ poeti ed a gli oratori.

F. N. Ed oltre questo, sapete che due sono le forme de gli argomenti usati da l’oratore, l’esempio e l’entimema, sì come è del loico l’induzione e ’l silogismo.

O. C. Sollo.

F. N. Ma ciascuno ch’assomiglia, non si propone qualche esempio d’assomigliare?

O. C. Senza dubbio.

F. N. Dunque, in qualche modo argomenta, quantunque l’argomento non sia messo in forma, ma ricoperto con quella finzione, de la quale abbiam ragionato: ma quanto egli è meno manifesto, tanto egli è più acconcio a persuadere.

O. C. Veramente, leggendo i poeti, molto sono stata persuasa a l’onore, a la gloria ed a la virtù; e quasi più che da’ filosofi stessi.

F. N. Ma oltre gli esempi, vogliami noi credere ch’il poeta usi giamai gli entimemi?

O. C. Credo che ve ne siano a dovizia.

F. N. E chiunque dimostra che ’l soggetto sia nel predicato, o non sia, usa in qualche modo questo argomento.

O. C. Così stimo.

F. N. Crediamo che ’l Petrarca l’usi mai?

O. C. Io non mi son accorta ancora di questo artificio.

F. N. Ma riguardando forse più diligentemente, potrete peraventura riconoscere molti vestigi.

O. C. E dove, o come ?

F. N. Ponendo il soggetto de la canzonetta da l’una parte; e sia il soggetto madonna Laura, e le cose le quali seguono o precedono, overo sono aliene; e da l’altra, il predicato, che sarà l’esser bella, e le cose parimente che sono precedenti a la bellezza, o seguenti, o pur aliene: e appariranno molti modi da congiungere il predicato al soggetto, o da separarli da quelle cose che sono sconvenevoli a l’uno ed a l’altro.

O. C. Non sarò tarda a riguardarci.

F. N. Nè solo questo metodo mi par di riconoscere; ma ne la canzona veggio quasi una imagine o un’ombra del divisivo, e nel sonetto del compositivo. Perciochè ne l’una si sparge, e raccoglie ne l’altro: e l’una risponde a l’ode greca o latina, l’altro a l’epigramma. Ma ’l considerar queste cose più minutamente, sarebbe fatica d’alcuno meno occupato.

O. C. Sarebbe veramente, nè io ardirei d’impor tanto peso a chi n’ha sostenuta maggior parte di quella ch’io avrei creduta da principio che dovesse portare; ma tutto è stato vostra cortesia e nostro guadagno.

F. N. Anzi, pur l’acquisto è stato commune; che s’io averò detto cosa che non vi dispiaccia, mi piacerà l’avere dubitato d’alcune cose, ed in altre confermata la mia opinione co ’l vostro giudicio.

O. C. Se ’l mio parere è degno d’alcuna stima, non lasciamo la musica ch’ è la dolcezza, e quasi l’anima de la poesia, come poco inanzi accennaste di voler fare.

F. N. Ma non accettaremo noi quella definizione di Dante, ne la quale concede il suo luogo a la musica ?

O. C. Accettaremo.

F. N. Dunque il genere suo, e quasi la materia, sarà la finzione; e sue forme saranno retorica e musica.

O. C. Saranno.

F. N. Ma se non m’inganno, l’ultima forma fu aggiunta da lui, non come essenziale, ma quasi accidentale a la poesia, ne la quale sono alcuni parlari nudi e senza condimento, che per sè stessi sogliono esser ascoltati e letti volontieri; altri, e’ hanno bisogno di questo condimento: la qual differenza Dante medesimo mostrò di conoscere, dicendo che le canzoni adempiono per sè stesse tutto quello che denno, il che le ballate non fanno, però hanno bisogno de’ sonatori: e quinci seguita, che le canzoni debbano esser stimate più nobili.

O. C. Assai in questo manifesta la sua opinione.

F. N. Ma non tanto, che non porga occasione di nuovi dubbi; perchè se le ballate hanno bisogno di sonatori, mi par che lo debbano aver de’ ballarini ancora, a’ quali mi paiono fatte più tosto. E a voi che ne pare ?

O. C. Questo medesimo.

F. N. I sonetti, dunque, avranno bisogno di sonatori.

O. C. Avranno.

F. N. E per questa ragione le canzoni, quantunque non abbiano bisogno di questi nè di quelli, l’hanno di cantori o di cantatrici.

O. C. Sì veramente.

F. N. Par dunque che ’l lor modo sia nobilissimo, oltre tutti gli altri di questa specie e di questo genere, perchè ha solo bisogno di chi le canta; ma i sonetti, oltre il canto, ricercano il suono: nè le canzoni medesime il rifiutano; perchè Aristotele dice ne’ Problemi, che sono udite più volontieri al suon di lira: e le ballate, oltre il suono e ’l canto, desiderano il ballo. Ma sovra le canzoni c’ è un altro poema di un altro genere, il quale non ha bisogno d’esser cantato: e questo modo fu da lui conosciuto peraventura come si antiveggono le cose future, quando egli disse ch’ alcuno sino a’ suoi tempi non avea cantato de l’armi, de le quali si suol cantare e scrivere ne l’epopeia, in guisa che ’l canto non toglie alcun pregio a le cose scritte, ma giunge più tosto: nondimeno sono bastevoli per sè stesse, onde possono esser domandati non solo canti ma libri; ne’ quali s’è usata l’ottava rima, come quella ch’essendo più uniforme, riceve minor varietà di modulazioni.

O. C. In questo modo io ho già sentito cantare i versi di Virgilio a la lira.

F. N. E può meglio far senza il canto, che non può alcuna de le già dette composizioni; laonde è molto più acconcia a la narrazione. Perciochè l’ineguale s’accommoda a la grandezza del dolore e de l’affanno, come dice Aristotele; ma a l’incontro, quel ch’è eguale, come sono i versi tutti endecasillabi, è meno acconcio al pianto. Questo, dunque, a me pare che debba essere stimato il nobilissimo modo. E voi che ne dite?

O. C. Io lascio facilmente persuadermi. E l’altro ch’egli chiama nobilissimo, è forse così chiamato per alcuna similitudine fra questo modo e l’eroico, il quale da lui è detto tragico, come appare in que’ versi :

Euripilo ebbe nome, e così il canta

L’alta mia tragedia in alcun loco. [24]

F. N. Ed in ciò seguitò il giudicio di Platone, il quale prima di lui chiama Omero poeta tragico.

O. C. Dietro a così grande autore non si può errare.

F. N. Direm dunque, s’al signor Ercole non pare sconvenevole, che la tragedia sia un genere subalterno di quella ch’è propriamente tragedia, e de la epopeia, e di queste picciole composizioni che partecipano de le passioni tragiche, e de la sua nobiltà.

O. C. Tutto quello che non è negato dal signor Ercole, prenderem quasi conceduto.

F. N. Ma le canzoni hanno bisogno de la musica quasi per condimento. Ma quale cercherem noi che sia questo condimento? qual piace a’ giovani lascivi fra’ conviti e fra’ balli de le saltatrici; o pur quello ch’a gli uomini gravi ed a le donne suol convenire?

O. C. Questo più tosto.

F. N. Dunque lasciarem da parte tutta quella musica, la qual, degenerando, è divenuta molle ed effeminata: e pregheremo lo Striggio, e Iacches e ’l Lucciasco, e alcuno altro eccellente maestro di musica eccellente, che voglia richiamarla a quella gravità, da la quale traviando, è spesso traboccata in parte, di cui è più bello il tacere che ’l ragionare. E questo modo grave sarà simile a quello che Aristotele chiama, δοριστὶ il quale è magnifico, costante e grave, e sopra tutti gli altri accomodato a la cetera.

O. C. Cotesto non mi spiace: ma pur niuna cosa, scompagnata da la dolcezza, può essere dilettevole.

F. N. Io non biasimo la dolcezza e la soavità, ma ci vorrei il temperamento; perch’io stimo che la musica sia com’una de le altre arti pur nobili, ciascuna de le quali è seguita da un lusinghiero simile ne l’apparenza, ma ne l’operazioni molto dissomigliante: e come l’arte de la cucina lusinga a la medicina, il calunniatore a l’oratore, il sofista al filosofo; così la musica lasciva a la temperata.

O. C. Fra tanti lusinghieri sono in molto pericolo non solamente gli uomini, ma l’arti medesime, e quelli e queste in gran parte contaminate.

F.N.Dunque, il nostro poeta da l’una parte si guarderà di non cadere ne le arguzie de’ sofisti, le quali hanno ripiene molte composizioni che piacciono al mondo: da l’altra, che ’l condimento de la musica non sia stemperato nè soverchio; ma, come Tirteo tra gli Spartani, doverà esser fra gl’Italiani, o fra’ Cristiani più tosto, in queste guerre che sono tra loro e i Turchi e i Mori e gli altri c’ hanno perduto il lume de la vera fede: e cantando ora circa il sinistro, ora circa il destro, si dovrà proporre, come per esempio, il movimento del primo cielo, che si muove da l’oriente a l’occidente, o pur da la destra a la sinistra, e quelli de gli altri ancora, che sono mossi diversamente; i quali duo moti assomiglia l’anima nostra con la volontà e con l’appetito.

SONETTI

DI FRANCESCO BECCUTI DETTO IL COPPETTA

(sonetto citato a pagina 74-5 dell’edizione cartacea.)

Locar sovra gli abbissi i fondamenti

De l’ampia terra, e come un picciol velo

L’aria spiegar con le tue mani, e il cielo

E le stelle formar chiare e lucenti;

Por leggi al mare, a le tempeste, a i venti,

L’umido unire al suo contrario e ’l gelo,

Con infinita providenza e zelo,

E creare e nudrir tutti i viventi;

Signor, fu poco a la tua gran possanza:

Ma che tu re, tu creator, volessi

E nascere e morir per chi t’offese;

Cotanto l’opra de’ sei giorni avanza,

Ch’ io dir no ’l so, no ’l san gli angeli stessi:

Dicalo il Verbo tuo, che sol l’intese.

E DI MONSIGNOR GIOVANNI DELLA CASA.

(sonetto citato a pagina 75 dell’edizione cartacea.)

Questa vita mortai, che ’n una o ’n due

Brevi e notturne ore trapassa, oscura,

E fredda, involto avea fin qui la pura

Parte di me ne l’atre nubi sue.

Or, a mirar le grazie tante tue

Prendo, che frutti e fior, gelo ed arsura,

E sì dolce del ciel legge e misura,

Eterno Dio, tuo magisterio fue:

Anzi ’l dolce aer puro, e questa luce

Chiara, che ’l mondo a gli occhi nostri scopre,

Traesti tu d’abissi oscuri e misti;

E tutto quel, che ’n terra o ’n ciel riluce,

Di tenebre era chiuso, e tu l’apristi;

E ’l giorno e ’l sol de le tue man son opre.

Note

________________________

[1] Variante: di gravità e di leggiadria a qualunque s’è più atta ad esprimere gli amorosi concetti, e gli altri più gravi; perchè molti ornamenti, ec.

[2] Intendi, dovea scegliere.

[3] Vedasi il sonetto per disteso a piè del Dialogo.

[4] Quindi disse Dante (Paradiso, XVII), Che saetta previsa vien più lenta.

[5] Vedi anche il sonetto del Casa a piè del Dialogo

[6] Questo è di Cino da Pistoia.

[7] Volg. Eloq., lib. II, cap. 4

[8] Ivi , cap. 3

[9] è di Cino.

[10] Volg. Eloq., lib. II, cap. 8.

[11] Volg. Eloq., lib. II, cap. 4.

[12] Ivi, cap. 2.

[13] Ivi, cap. 3.

[14] Ivi, cap. 8.

[15] Ivi, cap. 9.

[16] Ivi, cap. 10.

[17] Volg. Eloq., lib. II, cap. 41. Per abitudine (habiludo) Dante intese disposizione, o, come dicevano gli aristotelici, relatio ad aliquid.

[18] Volg. Eloq. lib. II, cap. 12.

[19] Ivi, cap. 13.

[20] Volg. Eloq. Lib.II, cap. 14.

[21] Inferno, canto VII.

[22] Volg. Eloq., lib. II, cap. 4.

[23] Gerusalemme Liberata ,1,3:

Così l’egro fanciul porgiamo aspersi

Di soave licor gli orli del vaso, ec.

[24] Dante, Inferno, XX, 112-13.

Indice Biblioteca Progetto Pirandello

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 01 ottobre 2008