Brancaleone da Faenza

Sermone sul dý del Giudizio.

[Il cantare del Giudizio]

Edizione di riferimento:

Un manoscritto ferrarese quattrocentesco di scritture popolareggianti, a cura di Gianfranco Contini, L.S. Olschki Firenze 1938, Estr. da: 'Archivium Romanicum', XXXII, 1938, p. [281] - 319

1

Al nome de Dio voio comenšare,

Dela fin[e] del mondo voio dire,

De quelle cose che poi de' incontrare

Innanci che 'l mo[n]do debia fenire

Gran pestilentie in terra e in mare

E grandi segni in aiere aparire,

SÝ come parla lo sancto vanšelo;

Nostra fede tuta crede in ello.

2

Tutte le cose non poria dire,

Mo pure alquanto ve dir˛ al presente

Innanci che 'l mo[n]do debia fenire

El serÓ grandj segni apparisente,

e Gran pestilentie converÓ venire

In terra, in mare e in fra l'umana zente.

Per la scriptura sancta el vero spande:

In terra piovera[no] vermi grandi.

3

Qui vermi seran come scorpione,

Intendan vedove, maridÓ e donšelle.

I quali hano fatto le incantatione

E le crude malitie che fanno elle;

I vermi che serano in quella staxone

Dal petto i cavarano le mammelle:

Guai a coloro che seran lÝ a tondo,

Meio serebe non essere al mondo.

4

Lo mondo pianšerÓ li invidioxi

E impij, superbi e auarj,

E quilli falsi che del mal dire Ŕ uxi

I soi mal fare averÓ ben cari;

A li quindixe dÝ serÓ angustiuxi

Quilli ch'a torto le guerre Ó fatto fare.

E qui se comenš˛ a deschiarare:

Lo primo dý se levarÓ lo mare.

5

Lo mare se leuarÓ e starÓ dritto

Quaranta braša sopra ciascun monte;

e Li homini se desecharÓ lý adrito

Per paura ch'adosso no li monti;

E coloro che averÓ mal facto e ditto,

Re e baroni, cavalierj e conte,

I diletti del mondo non valerÓ lÝe.

Assai porÓ piancere ogni dÝe.

6

Lo segondo dý lo mare calarÓ sý forte

Che apena l'aqua vedere se porano,

E li pissi che serano in quelle sorte

Lo teršo dý a terra vegnerano:

I peccadurj averÓ paura forte,

Ad alta voxe i pissi cridarano

Con quelle stride tanto dolorose

Che fina in cielo andarÓ le voxe.

7

A voxe cridaran tutti li oxelli,

e Tutte le bestie e ciascum animale,

A voxe cridarano tutti quilli

Che non hano in loro spirito rationale,

E lamendosse di peccadurj felli

Che al mondo sempre Ó ditto e fatto male:

Alora serÓ lagreme con langue.

Al[o] quinto dÝ pioverÓ la sangue.

8

PioverÓ sangue al[o] quinto dý tanto

Ben se porÓ i peccadurj bagnare,

Quilli ch'averÓ lo nostro sangue spanto

In le bataie per terra e per mare;

Al mondo serÓ smexurado pianto,

Guai sera[no] ch'elo dorÓ provare.

Per la scriptura sancta se concede:

Lo sexto dý combatterÓ le prede.

9

CombaterÓ tutte le pre del mondo,

e L'una cum l'altra sÝ se spešarano.

A lo septimo dý a tondo a tondo

Tutti i diffitij a terra caderano,

E tore e palaxij andarano a fondo

E pi¨ de sopra non se vederano;

e Le voluntÓ serano tutte externe,

E li morti insirano fuora de le caverne.

10

De le caverne dove serÓ stadi

A otto dý insirano fuora tutti

E serano sÝ forte spaventati

Che lÝ no parlarano como muti.

Beadi quilli che non haveran peccadi,

Quando serano i forti taramoti.

ăiascun intenda ben, che 'l dire non era

el TremarÓ el cielo e tremarÓ la terra.

11

Lo cielo e lla terra tremarano

A[l]i nove dý molto fortemente;

A[l]i diexi [dý] sÝ se spianarano

Le montagne tutte veramente;

Ai dodexe dý sÝ se mudarano

Signj e pianiti e stelle relucente:

Alora s'abassarÓ i grandi e i torti,

Ai dodexe dý seran pianti forti,

12

Amari pianti cum molta fortuna

Quando i pianiti mudaran colore:

Rossa cum sangue vegnerÓ la luna

E perderÓ la luxe el so spiandore

E' l solle non harÓ chiaritÓ nessuna

E perderÓ tutto el so calore.

Di corpi morti oscuri e tenebruxi

Ai tredexe dý serÓ maraviosi,

13

Signi grandi a li tredexe dýe,

E li morti suxo sÝ se levarano

Sovra le sepulture e starÓ lýe

E 'l gran iudicio sÝ aspettarano.

Beato chi bene fatto averÓ quie,

biate quelle alme che salve serano

Quando aparerÓ innanšo al dolce Cristo.

Ai quatordexe dý serÓ pianto tristo,

14

Amaro pianto cum molta flagella,

E non lý serÓ pi¨ canto nŔ šuocho.

Alora dal cielo vegnerÓ su quella

Uno ardente e smisurato fuogho

Che l'aqua del mar bruxarano in quella

Come se 'l fosse solfano in quel luogho,

E poi quilli che serano dapnati

Se partirano tutti dai beati.

15

Beati i šusti che serÓ quel giorno,

Che soa somente renderÓ bon frutto.

Ai qui[n]dixe dý sonarÓ la tromba atorno,

Che se oldirÓ per el mondo tutto,

Onde denanti averÓ gran scorno

Oldendo la voxe: Leva suxo al tutto

OldirÓ la voxe como voi oldite:

Levati suxo, al šudixio venite.

16

VegnÝ al šudixio, pi¨ non demorati.

Tosto presto sÝ resuscitarano

Quanti ch'al mondo seran sta creati,

Di trentatrÝ anni šascun serano:

Da poi che seran tutti resuscitadi,

Solo un capello non li mancharano.

E qui fašo punto al bel sermone:

Lucifer vegnerÓ col confalone.

17

Con el confalone vegnerÓ lo malegno,

Con šas[ad]un demonio da l'inferno;

La prima parte superbia da o regno

SÝ fo chašadi šo al fuogo eterno;

Chayn ch'anšixe Abel zusto e benigno,

Lo suo fratello che fo zusto e superno,

E per invidia ancixe e fo dapnato,

SÝ vegnerÓ col confalon livato.

18

Chayn[o] vignerÓ col confalone

De mecediali ladri et assassini;

Con la soberbia vegnerÓ Pharaone

Che sempre chaš˛ i poveri vexinj

E a torto gli tolse le possessione

E fe' li andare per lo mondo meschinj;

E doppo questo poi i luxuriosi,

Como l'inferno tristi doluruxj.

19

Con li adultri e cum i luxuriosi

Dives si vegnerÓ con li avari

E Lucio con li rufiam ch'Ŕ uxi

A far putanamenti per dinari:

Donšelle e maridate sÝ conduxi

A far peccadi despiatadi e amari;

Infra costoro tanto tromentadi

Herodes vegnerÓ cum i desperadi.

20

Con i desperadi Pilato verÓ alora

E Iuda desperado de prexente;

Sotto [de] luj, de Iuda traditore,

Vegneran coloro che fa i tradimenti

E Simon mago che fo incantadore,

VerÓ cum lui chi fa incantamenti.

ăaschum vegnerÓ con le sue doctrine,

Li indivini con le false indivine.

21

Le false indovine che fano le malie,

Homini e donne che fano le facture

E i usurari tutti seran lýe

E impij et avari con rampinaduri:

In la val de Ioxafat in quello dýe

Dal sinistro lado serÓ i peccadurj,

e vederan li soi peccadi sÝ crudeli.

Dal ciel vegnerÓ messere san Michele.

22

L'archanšelo Michele per raxone

VignerÓ cum li anšuli gloriosi,

E lui portarÓ el sancto confalone

De li anšuli et archanšuli pretiusi;

In l'aiera starÓ senša demoraxone

A quilli canti delictusi

Chom fa li ave che fano el dolce samo.

De vita eterna sÝ vegnerÓ Habramo.

23

Habrame nostro padre benedetto

Con li patriarchi vegnerÓ davanti,

E David[e] propheta, como Ŕ scripto,

VegnerÓ con i propheti tutti quanti;

El principo san Piero benedetto

SÝ vegnerÓ cum li apostoli sancti,

[E] da poi quisti sancti benedicti

Lo primo Batista, cum i remiti.

24

Cum i remiti e cum li penitente

VegnerÓ lo dolce Batista beato,

E sancto Salvestro lÝ al presente

Cum li confessurj a confalon levato,

Ch'eno stati humili e paciente;

Dov'Ŕ Cristo, apresso el suo costato,

Cum le alme lucente e spiriti šoiuxi

Da ciel vegnerÓ i marturj gloriuxi.

25

I marturi glorioxi serÓ in ogni canto,

E sancto Stephano martiro d'onore

Lui portarÓ lo confalone sancto,

De tutti i marturj lo vermio colore,

E ciascaduno ch'arÓ lo sangue sparto

Per l'amore de Iesu Cristo salvadore,

Acompagnati dala gratia divina.

De vita eterna vegnerÓ la raina,

26

la Dolce regina madre de pietade,

La nostra donna Vergene Maria.

E tutte li altre vergene honorade

Serano cum lei in la soa compagnia;

Quelle seran de tanta degnetade

Che lengua mai contare nol poria.

Amantinente dela gloria super[n]a

SÝ vegnerÓ lo Re de vita eterna.

27

De vita eterno verÓ lo Salvadore

Mostrando la sententia imperiale,

E non serÓ picolo nÚ mašore

Quando mont˛ su la croxe mortale,

E poi verÓ a noi cum gran furore

Mostrando la possanša soa eternale;

In quello punto lo creatore soprano

Si vegnerÓ como la spada in mano.

28

Christo portarÓ la spada in mam taiente

Per dare iustitia a ciascadun dapnato,

I peccaduri tremaran fortemente

Vešando Christo sÝ forte turbato,

Christo turbato parerÓ fortemente,

Ali peccaduri dal sinistro lato,

SerÓ tremore scuro el suo parlare

Quando comenšarÓ noi a šudicare.

29

[La] terra tuone aš˛ che no ne veša

Lo volto de Dio cum tanta fortuna

I peccadurj parerÓ che friša

Aspettando la sententia cum paura,

Li humili e pacienti, ciascun creza,

Loro vedran Christo cum bella figura,

E dolce parole lui dirÓ a questi:

Da bever e da manšar assai me desti.

30

[Da] bevere e manšare me fo dato

E dato a mi gran consolatione,

Era infermo e fu vixitato,

E tratto m'aviti de ogne prexone.

Alora li zusti da lo dextro lato

DirÓ:Messere, quando fo questo done?

Cum humile e [con] lo cuor[e] fissi.

Nessuno non pare che mai ve vedissi.

31

Da voi fu ben servito veramente,

Ed ai mei poveri infirmi e apenadi

Voi dessi manšare, bere e vestimente,

e Di mei poveri voi si ben portadi.

Era mi desso', dirÓ 'lo certamente,

Voio che ben[e] siadi meritadi.

CussÝ dirÓ lo Salvadore benigno:

Veniti, benedecti, a tuore el sancto regno,

32

El sancto regno el quale v'˛ prestado,

Benedicti fioli dalo padre mio.

Ai peccadurj dal [si]nistro lato,

Che in questo mondo sempre male fio,

Christo se mostrarÓ cussÝ flagellado

Como fo morto lo figliolo de Dio

Sopra la croxe lo vegnerdÝ sancto:

Per voi salvare sparse sangue tanto.

33

MostrarÓ le piaghe e dirÓ a lore:

Voi me haveti impiagato e ferito,

E gran pene portai per vostro amore,

E pur m'aviti sempre perseguito,

Sempre m'aviti fatto dexenore

E mai per voi non poti esser guarito.

Alora dirÓ: Habiati per fede,

Al mondo havi fame e gran[de] sede.

34

Avi sede e da bevere no me desti,

NÚ da manšare siando affamado;

Era nudo e no me revestisti,

Era infermo e non fu visitado,

Era in prexone e da mi non venisti,

Era pellegrino e non fu albergato.

Lanmentarse Ó'l Signor glorificato:

Al mondo fu povero e molto apenato.

35

e Fu povero, dirÓ Christo omnipotente,

Qua[n]do a[l]i vostri albergi fu vegnudo,

Da voi me schašasti amantinente,

Amaramente che fu recevudo.

I peccadurj tremaran fortemente,

DirÓ: messere Non fusti da noi cognosuto,

Volendo si covrire li peccati tristi,

A li nostri albergi mai non venisti.

36

Alli albergi nostri mai non venisti

Pover nÚ infermo che mai te vedesse,

NÚ bever nÚ manšare no ne cheristi

Per algun modo che alcun te cognoscesse.

Credemo noi che quilli che dicisti

Ch'a quella guixa inganare ne dovesse,

No li cognosando per poveri de Christo?

Quest'Ŕ quel peccato ch'al mondo ve fa tristo.

37

Quello che dixeva, dirÓ lo Salvadore,

LÝ era scripto che v'avea impromesso;

Colui che fa ben al povero per mio honore

Saver possivj che hera mio messo,

Colui che lo domandava per mio amore

[Saver] possivj che e era mi instesso.

e Voi li chašavj con parole traffite:

Le opere vostre e li ˛ tutte scripte.

38

ăa[s]cuno haverÓ scripti i suoi peccati

Suxo dal fronte scolpite nel viso,

299E lore e i punti tutti amesurati,

E in che modo Christo haverÓ offeso,

Donde che certo seran manifestati

Denanti da voi, Signore del paradiso,

E ciascun devrÓ i soi manchamenti.

De loro se lamentarÓ i quatro helimenti.

39

Di eleme[n]ti parlarÓ la terra

E dirÓ: O Dio, io vi voio pregare,

Dame i peccadurj et a mi indesera,

E suxo la terra pi¨ no i lassare.

Tamanto Ŕ el so peccato, risa e guera

Che tutta la terra ha fatto impušare.

Amantinente sencia pi¨ dimora

Propriamente parlarÓ l'aqua alora.

40

ParlarÓ l'aqua e dirÓ alora:

Quisti peccaduri chašali via:

Tamanto Ŕ el so peccato e la brutura

Che tutta l'aqua impušar faxia,

E le sue machie de tanta calura

L'aqua del mondo lavar non poria.

Simel[e]mente l'aier[e] parlando

DirÓ: Signore, non voio questo ingano.

41

ParlerÓ l'aiere con gran remore:

Quisti peccadurj sÝ m'ano impušato,

Tamanto Ŕ 'l so peccato e rio fiadore

Che tutto l'aiere ha contaminado.

El fuogo parlarÓ cum gran furore

E dirÓ: Questo done a mi sia dato:

Dolce Signore, dimoranša non sia

Che quisti peccadurj habia in mia bailia,

42

Che li abia in bailia de presente,

E torÓ' me la luxe e lo spiandore,

Che li peccadurj non vešano niente,

E redopia el calore e l'ardore.

I peccaturj tremaran fortemente,

Spectando la sententia del Signore,

E de presente subito in quel luogo

Christo Ies¨ darÓ la gratia al fuogo.

43

El fuogho da l'inferno perderÓ la luxe,

e RedopiarÓ'li l'arsura e'l calore;

I peccadurj che mal se conduxe

Sempre starano in pena e in dolore,

E tutti quanti cridarano a voxe.

Alora parlarÓ Christo Salvadore:

Per li vostri peccati e gran diffetti

Partive[ne] da mi, o maleditti.

44

Maledicti, fioli eternali de morte,

Andative al fuocho da l'inferno

Cum Lucifero a stare a la sua corte

E dai demonij aver mal sošerno

Alora darÓ quella sententia forte

Che mai non se rivoltarÓ in eterno:

Li anime dapnate e i corpi penuxi

ăoxo a l'inferno e non vederÓ 'i pi¨ luxe.

45

In eterno starano in qui doluri

ăoxo da l'inferno a le pene eternale,

E draghi e serpi e rospi cum legurj,

Aspidi e baxalischi naturale,

Lo dÝ e la notte in quilli luoghi scurj

Che in questo mondo Ó ditto e fatto male.

Dapoi che serÓ fatto questo cerna

Christo cum li zusti andarÓ in vita eterna.

46

In vita eterna dov'Ŕ canto e šuogo

La gloria di zusti serÓ tanta

Che šascaduno starÓ in lo so luogo

A quella vita eternale e sancta.

E poi da cielo vignerÓ un gran fugo,

Che brusarÓ la terra tutta quanta,

e L'aqua e la terra tutta bruxarano,

Prede e saxi e šo che trovarano.

47

Terra, aqua, albori e oxeli,

E bruxara[no] tutto šo che trova,

E cenere farÓ doventare po quilli.

Infinamente su la terra nova

La terra s'avrirÓ ai peccadurj felli

Aš˛ che 'l fuogo e la fiama i cuovra.

In tal modo starÓ i danati tristi:

alora Se levarÓ quatro venti maestri.

48

Qui quatri venti sÝ recoierano

Tutta la šente e la puša del mondo

E sovra i peccadurj la šetarano

Intro la fossa de l'inferno fondo;

Le porte de l'inferno sera[ra]no

E mai non insirÓ spirito del mo[n]do

Tenebria, obscuritÓ serÓ lÓ sotte

E sempre mai serÓ lÓ dentro notte.

49

Mai pi¨ [la] notte non serae quie,

Como da mešo šorno die luxire,

E 'l solle starÓ fermo in mešo dÝe,

e La luna ab aquilione romagnere,

E signi e pianiti e stelle per sie

StarÓ ferme e no de'intorno zire:

Non zirÓ e cielo e no produrÓ frutto,

Quel ch'Ŕ sta parlado ogni cosa Ŕ compiuto.

50

Chiara romagnerÓ la terra con cristallo,

E li aque del mondo vive olioxe;

La gloria di zusti non haverÓ mai callo,

Sempre starÓ in cosse preciose,

E šascadum corpo zusto senša fallo

AverÓ quatro vert˙ glorioxe,

Come la sancta scriptura favela:

La prima vertu serÓ [re]lucente e bella.

51

La prima virt˙ serÓ relucente

septe volte pi˙ che non Ŕ el sole.

La segonda virt˙ serÓ sÝ possente

Ch'el non sentirÓ zamai pi˙ dolore.

La terša virt˙, serÓ al prexente

In cielo e in terra e in che parte vole.

L'arma zusta serÓ de tanto afare

LÓ dove ilora porÓ insire e intrare.

52

La quarta virtu, ch'el porÓ intrare e insire

Como lo sole che 'l vedro non trapassa;

e Non serÓ cosa che 'l possa tenire

In questo mondo, non alta, non bassa.

Perh˛ non se poria tanto servire

A l'alto Dio Segnore che fosse massa

Devotamente cum la mente pia

Che noi scampiamo da tanta dolia.

53

La vergene madre de lo Salvadore

Ne 'l faša servire lui in penitentia,

Devotamente e cum perfetto cuore,

Quando se darÓ la crudel sententia.

Missere Branchalione da Faenza doctore

La fine del mondo spian˛ in reverentia,

Coimo lÝ narra el vangelio benedetto.

Al onore de Christo questo sermone Ŕ ditto.

Indice Biblioteca Progetto Quattrocento

ę 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 18 maggio 2008