LA  LOMBARDIA NEL  SECOLO  XVII

RAGIONAMENTI

DI

CESARE CANTÙ

 

 

 

 

MILANO, 1854

A SPESE DEGLI EDITORI VOLPATO E COMP.

Contrada del Zenzuino N. 529

La presente opera è posta sotto la salvaguardia delle leggi

essendosi adempiuto quanto esse prescrivono

Tipografia Lombardi

Edizione di riferimento:

Cesare Cantù, La Lombardia nel secolo XVII, ragionamenti, editori Volpati e C., Milano 1854 A SPESE DEGLI EDITORI VOLPATO E COMP. Contrada del Zenzuino N. 529, Tipografia Lombardi.

[Parte Quinta]

Appendice E.

Statistica dello Stato di Milano.

Ecclesiasticamente la Diocesi di Milano comprendeva gli stessi paesi d’oggi, eccetto le parrocchie della Val San Martino e le altre di là dall’Adda, cedute nel 1718: e a mezzo il 1600 si contavano in Milano 226 chiese,30 conventi di frati e 34 di monache, dopo che gli ebbe minorati san Carlo: 2200 preti sparsi nelle 67 pievi,le quali comprendeano 740 ville, e da 78 parrocchie: oltre 750 chiese semplici o sussidiarie; 600 oratorj, 20 chiese di regolari e 30 di monache. All’arcivescovo si valutavano 81,000 lire di rendita: 36 a quel di Cremona e di Novara, 42 a quel di Pavia, 21 a quel di Como. Pinguissimi benefizj erano l’abazia di San Dionigi a porta Orientale di lire 32,000; quella di sant’Antonio di 16,000; di Gratasoglio di 16,000; la prepositura di Viboldone di 34,000.

Civilmente lo Stato componeasi el ducato milanese , el principato di Pavia, e dei contadi di Cremona, di Alessandria, di Tortona, di Como di Novara , di Vigevano, di Lodi , di Bobbio.

Il milanese comprendeva le Pievi di:

Gallarate i cui paesi erano infeudati ai Visconti, eccetto Busto ai Marliani.

Dairago con feudi degli Arconati, dei Rasini, dei Croce. dei Visconti.

Vimercate feudo dei Secco Borella.

Nerviano, con feudi dei Fossati (Nerviano), Rainoldi (Caronno), Borromeo (Lainate), Bigli (Saronno), Grassi (Pogliano), Dugnani (Cornaredo).

Parabiago feudo dei Castelli.

Appiano dei Branda Castiglioni.

Pontirolo dei Visconti, con Vaprio e Cassano dei Bonello, Trezzo dei Cavenago, Busnago degli Schiaffinati, Concesa dei Gallarati.

Somma dei Visconti.

Oggiono con Ello feudo degli Orrigoni.

Angera de’ Borromei con Sesto dei Cusani.

Valcuvia dei Cotta e dei Borromei.

Galliano dei Pietrasanta.

Bruzzano con Chignolo dei Cusani, e Attori dei Russi.

Desio dei Menrico, e Seregno dei Missaglia.

Trennodei Melzi.

San Giuliano sotto cui Landriano feudo dei Taverna, Bescapè dei Bescapè, Villarzino dei Masserati, Pairana dei Brivio, Carpiano della Certosa di Pavia, Sesto Ulteriano dei Trivulzi, ecc.

San Donato con Melegnano, marchesato dei Medici.

Binasco con feudi dei Biumi, degli Sforza, dei Visconti, dei Maggi.

Varese non infeudata.

Castelseprio dei Castiglioni.

Leggiuno dei Besozzi.

Brebbia dei Borromei.

Sattala dei Trivulzi.

Cornegliano dei Trivulzi come pure Segrate e Gorgonzola.

Olgiate Olona dei Visconti.

Corbetta non infeudato, con Magenta dei Melzi, Robecco dei Borromeo, Ossona e Sanvito dei Visconti,

Cesano.

Mariano dei Mariani.

Seveso con Meda e Barlassina degli Aresi, Lentate dei Carcassola, Misinto dei Bianchi.

Agliate dei Crivelli.

Missaglia dei Sormani, con Torrrevilla dei Sirtori, Montevecchia dei Panigarola, Osnago dei Lucini poi degli Aresi, Barzago dei Brebbia, Rovagnate dei Delfinoni.

Brivio dei Brebbia, con Robbiate dei Corio, Paderno dei Pietrasanta, Mondonico dei Giussani.

Garlate.

La squadra dei Mauri comprendeva Civate, Suello, Cesana degli Sfondrati.

La squadra di Nibionno comprendeva Cibrone, Tabiago, Maggiolino, feudi degli Sfondrati e dal Verme.

La Corte di Monza dei Durini.

La Pieve di Rosate dei Varese.

La Pieve di   Mezzate.

                     di Locate.

                     di Incino degli Archinti, dei Novati, degli Annoni.

                     di Settimo feudo dei Menrico.

La Geradadda comprendeva Canonica dei Visconti, Dovera feudo del magistrato straordinario, Rivolta degli Stampa, Vailate dei Rosales, Treviglio immune, Caravaggio dei Visconti Sforza, Agnadello dei Mariani, Vidalengo dei Corradi.

Pieve d’Arcisate degli Arcimboldi e Borromei.

Corte di Casale con Canzo feudo dei Missaglia.

Val Travaglia dei Mariani e Borromei

Riviera di Lecco con Lecco degli Airoldi: Mandello, Bellano, Varenna degli Sfondrati.

La Valsolda feudo dell’ arcivescovo.

La Valsassina con molti feudi dei Monti. Inoltre molto terre in riva al Lago Maggiore, feudo dei Borromei e dei Visconti.

 

Nel Principato di Pavia erano 384 terre e borghi. Infeudate molte ai Mandelli, al marchese di Caravaggio (Casteggio), ai Beccaria, ai Belgiojoso, al marchese d’Este (Cortolona), agli Isimbardi (Pieve ciel Cairo), ai Gattinara (Sartirana) ecc.

Il Contado di Cremona abbracciava 284 terre di cui erano infeudati gli Schinchinelli, i Del Maino, i Melzi, i Salazar, gli Affaitati, gli Stampa, i Rosales, gli Schizzi.

Il Contado d’Alessandria aveva 24 terre, infeudate ai Visconti, ai Trotti, agli Stampa, agli Spinola, ai Bonello, ai Pallavicino di Genova.

Il Contado di Tortona 43 ville con feudi di Spinola Cavalchini, Spigno, Marini.

Il Contado di Como 60 terre, fra cui principali Menaggio, Bellagio dei signori della Riviera, Gravedona dei Gallio, Domaso dei duchi d’Alvito, Dingo dei Crivelli, Colico degli Alberti.

Il Contado di Novara contava 133 feudi de’ Borromei (Borgoticino), de’ Tornielli (Biandrate), de’ Bolognini (Oleggio), dei Tornielli, de’ Caccia, de’ Serbelloni (Romagnano), dei Cicogna (Tornato), ecc.

Il Contado di Vigevano con 12 terre, fra cui Gambolò dei Litta, Cilavegna dei Taverna, Gravellona dei Barbavara, Robbio dei Trotti.

Il Contado di Lodi con 176 terre, di cui appartenevano Casalpusterlengo ai Castelli, Castione ai Serbelloni, san Fiorano ai Pallavicino, Codogno ai Trivulzi, Zorlesco ai Modrone, Somaglia ai Somaglia, Lodi vecchio ai Masserati.

Il Contado di Bobbio avea 21 terra.

Il Finale sulla riviera di Genova fu comperato dai Genovesi, e serviva di comunicazione fra il Milanese e il mare.

La popolazione del Milanese calcolavasi di 1,600,000 abitanti, sulla superficie di 18,000 pertiche milanesi, con 1538 villaggi e borghi.

Indice Biblioteca Parte sesta - Leggi annonarie - fame - sollevazioni di Milano

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 28 agosto 2011