Anonimo

LA NAVIGAZIONE DI SAN BRANDANO

versione veneta

Edizione di riferimento

La navigazione di San Brandano", a cura di Maria Antonietta Grignani e Carla Sanfilippo, Bompiani editore, Milano 1975

La navigazione di San Brandano

Navigatio Sancti Brendani

versione veneta

[1]

Misier sen Brandan, fiolo de Sinlochia, nievo de Alchi, de la sciata de Cogni, de la partida de una contrada che à nome Stagno, si nasiè in Tumeneso, e fo omo de gran penetenzia e de astinenzia e de molte vertude e fo abado de mmm munegi o cerca ziò. Elo siando in so penetenzia et in uno luogo de uno monestier, che se dise salto de la vertù de Bre[n]da[n], et una fiada avene che in l'ora de besporo li sovravene uno santo pare e munego, lo qual aveva nome Barinto e iera so nievo. E lo dito sen Brandan lo domandà de molte cose, voiando saver da lui novele, ziò (e o') ch'elo iera stado e s'elo aveva vezudo e sentido alguna cosa strania. E stagando in queste parole devotamente, dito Barinto comenzò a lagremar e gitarse in tera e asè stete cusì devoto in orazion. Elo siando sì como trasandado, san Brandan lo prese e levàlo suso e basiàlo digando cusì a lui: "O pare, perché es-tu stado cusì tristo e cusì perdudo? Credes-tu che nui siemo grami de lo to avinimento? Tu pò ben saver che nui avemo alegreza granda de lo to avinimento, e perzò deves-tu dar alegreza a tuti nui e mostrarne consolazion e far careze a li frari de questo luogo. Plaquate de dirne qualque bona parola de Dio a pasier le nostre aneme de li diversi miracoli che tu à' vezudi in le parte de lo mar Ozian o' che tu è' stado".

E in quela fiada, quando fo dito queste parole, lo dito abado Barinto sì comenzà a dir parole de una isola e dise: "Lo fio mio Menoe è percurador de li poveri de Cristo; elo fuzì da mi e, non voiando star con mi, volse star solitario. E andando trovà una isola a pruovo una (montagna) che à nome Lopisile, la qual isola si è molto morbeda e deliziosa, e là stete un gran tenpo. E driedo quelo tenpo a mi fo dito ch'elo aveva molti munesi soto de si e Dio per lui sì mostrà molti miracoli e cose stranie. E io andiè per vederlo, e siando là da pruovo elo vene là da mi per spazio de tre dì con li suo' frari e per questo [io so] che Dio li revelà lo mio avenimento. E 'l nostro andar s'iera per nave, e andando nu' per nave in quella predita isola, da diverse parte ne vene incontra molti munegi vestidi de diverse vise, e iera plui spesi in le so conpagnie che non è le ave da la miele, et ancora el' iera de diverse parte e de diverse vestimente, el' iera tuti boni e savii in una fe' e in una speranza e in una caritade, e aveva una gliesia in la qual eli s'asunava a l'ofizio de Dio, e non manzava altra cosa se no pan e nosie e radise de arquante erbe. E questi frari abiando cantado la conpleta devotamente in la gliesia eli si andà en le so zelete, e ziascun sì aveva la soa e steva in orazion infina primo sono, e quando li gali aveva cantado, eli se conzava a posar. E nui cercasemo tuta la isola et io vini a tanto che questo mio fiolo me menà a lo lido de lo mar contra ozidente o' iera la nave soa e dise a mi: 'O pare mio, monté in nave e navegemo inver levante, a ziò che nui posemo andar a quella isola là, che vien dito tera de promision de li santi, la qual devemo dar a li nostri suzesori driedo nui'.

"E montando nui su la nave e navegando, sovravene nuvole che ne covrì da ogni parte e sì fortemente che apena che quelli de pope 'nde podea veder da proa, e questa tenebria durà per lo spazio de una ora. E pasando questo caligo, sovravene una gran luse, e parète a nui de veder una tera spaziosa e plena de preziose erbe e de flori e de molti fruti, sì como belli pomeri ben cargadi de pome e de altre maniere de frute asè. E la nave se 'nde andè a lo lido e là stete, e in quella fiada nui desmontase(mo) de la nave in tera e conmenzasemo andar in qua e in là per quella isola in lo spazio de xv dì, e non podesemo trovar cavo nì fin, e non iera erba senza flori nì albori senza fruti, e per tera s'iera molte piere preziose de asè maniere de colori belli; e in cavo de quelli xv dì nu' trovasemo uno gran flume, oltra lo qual non parea via nesuna, mo parea (volzer da) lo levante a lo ponente. E nu' stagando cusì e vegando tute queste cose, nui non savevemo che far, e plasète 'nde de pasar questo flume, e stagando là aspetasemo lo conseio de Dio, e abiando ordenado enfra nu' queste cose, sì 'nde aparete uno omo dananti molto bello e luseva tuto, lo qual sì ne saludà e menzonàne tuti per nome e puo' dise cusì: 'O servi de Dio, che se' omeni frari, vui sié i ben vegnudi; alegréve e confortéve seguramentre, che in veritade misier Domenedio sì ve à conduti qua e ave mostrado per gran grazia questa tera, e (si è) quella tera che vui andavi zercando, e diela dar a li suo' santi. E devé saver che quella mitade si è de qua o' che vui se' e l'altra mitade si è oltra questo gran flume, che vui volé pasar, e a Dio non plase che andé plui avanti, onde portévelo in pazienzia e voié tornar indriedo onde vui se' vegnudi'.

"E como ello ave dito cusì, uno de quelli frari lo domandà onde ello iera e como ello aveva nome. Ello li dise: 'Ti, perché me domandi donde io son e como io nomo? Lasa star quello che tu dis e puo' me domanda de questa isola e farà' meio, e se tu lo vol saver, varda ben per tuto, e cusì como tu la vedi mo', e cusì è stada fin lo conmenzamento del mondo. Or me di': besògnate manzar nì ber né vestir? Sepi ch'elo è cusì la veritade como io te dirò: tu non à' fame nì sede nì te besogna vestimente nì dormir. Ello è ancuò uno ano che tu e' in questa isola con li tuo' conpagni e non a' manzado nì beudo nì (e' stado) agrevado de sono nì a' vezudo vegnir note, mo par dì. Mo' sepi che in questo luogo nonn-è mai note, mo senpre si è claro e mai no 'nde pluove nì no 'nde par nivola che turba l'aiere, e mai non se 'nde à fame nì sede nì sono nì infermitade, nì non incresie de star, nì nonn-è grameza de alguna cosa, nì se può algun invegir nì morir. E la gran luse è qua, et ella nonn-è de sol nì de luna nì de stelle, mo si è de lo preziosio Dio nostro Signor, dal qual nasie tuti li beni e tute le grazie e tute le luse; et ave fato ben gran grazia, e puochi è quelli che sia degni de aver questo che vui avé vezudo e sentido'. Et abiando quello cusì dito, incontinente se conmenzà de volerse partir e dise: ' 'Nde partìve de qua, ch'io sì vignerè con vui a lo lido o' è la vostra navesela'. E siando zonto a lo lido, nui sì intrasemo in la nave e questo omo non aparse plui.

"E conmenzasemo a navegar e in pizola ora elo ne vene ancora tal caligo e tenebre como vene l'altra fiada e duràne per spazio de una ora; e pasando, nu' trovasemo l'isola deviziosa de cotanti flori e albori, e tanto navegasemo a la ventura de Dio che nu' trovasemo li nostri frari, li qual ne aveva aspetadi con gran desiderio de vederne e ave granda alegreza de lo nostro avinimento, e de zo che nui ieremo stadi cotanto elli aveva planto asè e fati molti pensieri e aveva dito asè parole, onde elli iera stadi in grieve pena per lo aspetar che elli aveva fato, lo qual iera stado uno ano e dì xviii. Puo' comenzà a dir: 'O signori nostri e pari nostri, vui se' andadi e se' stadi cotanto; mo perché ne lasé-u senza retor in questa selva scura, sì como omeni eradegadi? Nui savemo ben che misier l'abado nostro spese fiade se suol partir e va in alguna parte solo, nì no savemo o', nì como lonzi; e ben suol star uno mese a la fiada e tal fiada do setemane e tal fiada pur una e tal fiada men, e puo' torna salvo e sano. Mo' si è stado soperchio, e nonn-è da meraveiarse se nui semo stadi grami e pensarosi'. Et io, abiando cusì oldido e inteso li frari, sì li conmenziè a confortar digando: 'Carisimi mie' frari, non inpensé de zo alguna cosa se no de ben. Vui se' in bon luogo e la vostra conversazion si è puoco lonzi da la porta de lo Paradiso che Dio plantà in questo mondo; sapié ch'el è qua da pruovo quela isola preziosa, che vien apelada tera de promision de li santi, e in questa isola sì nonn-è mai note nì non se fenisie lo dì e senpre 'd'è luse e l'aiere seren là e i oseleti che non cala dolzementre de cantar la primavera, l'erbe si è in flori de ogna natura, li albori si è tuti cargadi de li so' flori e fruti. Là non se à mai fame nì sede nì doia de cavo nì grameza nì inpensieri de alguna cosa, tanto è l'alegreza e la consolazion, e mai non recresie a star là. E in questa isola va speso l'abado [Mernoc], questo mio fiolo in Cristo e conpagnon, e trovà lui la via de questo prezioso luogo; e devé saver che uno agnolo de Dio, meraveioso da veder, sì varda questa isola e no 'nde può andar nesun senza lizenzia'. E puo' li dise: 'Mo' non cognosé-u per l'odor de le nostre vestimente che nui semo stadi in Paradiso?'. E in quela fiada li frari sì respose digando: 'O abado, nui avemo ben sapudo che per quello odor e per altro che vui se' stadi in bon luogo; volentiera vosemo da vui saver o' è questo Paradiso; nui non lo savemo e disemove cusì che ben à durado xl dì l'odor de le vostre vestimente, quando vui se' tornadi donde se' vegnudi'. E ello sì li dise ch'elo iera stado in quello luogo cusì prezioso per lo spazio de do setemane con lo mio fiol Menoe senza manzar e senza ber e senza dormir; e ieremo sì aliegri e sì consoladi de zo che nui vedevemo, che nui ieremo sazii e pleni, como nui avesemo manzado cose a nostra voia. E siando pasado li XL dì e abiando rezeudo la benedizion de li frari e de lo abado Menoe, io me son retornado con li mie' frari indriedo per dover tornar a la zela mia, a la qual io doveva andar la doman".

E abiando oldide queste cose, sen Brandan con tuta la so conpagna se gità in tera loldando misier Domenedio e dise: "Loldà sia misier Domenedio in tute le so vie, perch'ele è santo in tute le so ovre, che à revelado a li suo' servi tute cose e cotal meraveie; e sia benedeto de le suo done, le qual ne à ancuò apasudo de cotal pasture spiritual e de cotal bevanda". E, abiando fenide queste parole, san Brandan sì dise a li so' frari: "Andemo a manzar segondo nostra usanza cose corporal". E cusì fo fato; e siando quela note pasada e abiando tolta la benedizion de li frari, da doman san Brandan andà a la zella soa e lasà andar via so nievo Berinto.

[2]

Qua se conseià li vii frari con san Brandan

Or in quela fiada san Brandan de tuta la so congregazion si alese vii frari molto boni e seràse entro lo rifituorio con elli, e là li parlà cusì digando: "O vui mie' conpagnoni de penetenzia, li qual nui ieremo, io sì ve priego che vui me consié, inperché lo cuor mio e li mie' inpensieri si è tuti asunadi in una volontade. Pur ch'ela sia la volentade de Dio, la tera, de la qual parlà lo abado Barinto, de promision de li santi, io sì ò proponudo de andar 'de e non calar mai sin 'de seré. Mo' che ve par de zo e che conseio me ne volé-u dar?". Et elli, cognosando la so volontade de lo dito pare santo, quasi tuti a una ora e a una bósie de boca dise cusì: "O abado, cotal volontade como è la toa, cusì è la nostra. No sas-tu ben che nui avemo abandonado parenti e la nostra 'reditade de lo siegolo per servir a Dio? Nui semo apariadi de vegnir con vui a morte e a vita, pur ch'el sia la volontà de Dio".

E cusì entro si andè via e fe fin de parlar. E sen Brandan con elli sì à ordenado de far uno dezunio de xl dì continui e puo' andar via al so viazo.

[3]

Qua intrà san Brandan in nave

E, siando conplido li dezunii de li xl dì e abiando saludado li frari, eli intrà in nave e comenzà a far la via inver ponente e andè a una isola de uno santo pare, che aveva nome Zeoade, e (tolse) la soa benedizion e de tuti li munesi che iera con lui, e andà de fin lo cavo de quela contrada, in la qual stava lo so parentado e non volse veder algun; mo sì andà su una altisima montagna per veder como se destendeva lo mar Ozian. E vete da pruovo un luogo, la qual diseva la stanzia de Brandan, zo fo luogo so donde ello se partì, e là elo tornà zoso a baso e fese una stanzia, inperché elo n'iera una intrada de una nave. E lo dito san Brandan con tuti queli che iera con lui si acatà feramenti e fese là una nave molto forte e liziera de andar per mar e fela ben forte e plena de legname, segondo che mo' le se fasea in quele contrade, e si nomè coca, e siando conplida questa coca e ben savornada, sì la coverse de fuora tuta de cuoro de bo e inpensela de roso e fermà ben le zenture de lo ligname, e puo' la onse tuta de bitiro la nave e li cuori, e in nave mese do paramenti de bo e asè batiro per onzer la nave quando li farà mestier; puo' mese entro la spensaria de xl dì per aver che manzar e che ber, e sì mese borito per manzar e altre cose per cusinar de far quelo che li à luogo a le persone. E sì mese uno alboro in mezo de la nave e mese l'antena e tute cose che li aveva besogno a la nave. E san Brandan comandà a li so' frari che in lo nome de Dio pare e de lo Fio e de Spirito Santo diebia intrar in nave; eli cusì fe, elo romase solo su lo lido.

[4]

Qua intrà san Brandan in nave

Et abiando benedido lo porto [e] li so' frari, elo sì li aparete tre frari de lo so monestier. E como elli fo da lui, eli se gità zoso in tera a pruovo de li so' piè, digando cusì: "O pare, o pare, lasane vegnir con ti o' che tu voi andar; e se tu non ne lasi vegnir, nu' moriremo qua cusì in questo luogo da fame e da sede. E sepi che nui avemo ordinado infra de nui de pelegrinar tuto lo tenpo de la nostra vita". E vegando lo santo la soa angustia, sì li comandà ch'eli debia intrar in nave digando: "Sia como vui volé, belli fioli mie'". E puo' li dise cusì: "Io sè como vui se' vegnudi; questo frar sì à fato bone ovre, in veritade Dio li à apariado molto buon luogo e a vui do rio luogo e tenebroso".

E in quela fiada san Brandan montà in nave, e abiando destesa la vela, eli comenzà a navegar contra mezodì, e ave de presente bon vento, e non li besogna se no tegnir la vela in ordene: e cusì andà xl dì, (e in cavo de li xl dì) lo vento zesà e besognàli navegar e tanto navegà de longo, che eli fo stanchi e ch'eli non podeva plui lavorar. E de presente san Brandan li comenzà a confortar e amonirli, digando cusì: "O frari mie', non abié paura, ché Dio s(i) è nostro rezedor e nostro governador, e perzò ch'elo ne darà ben quelo che ne averà besogno. Onde logé tuti li remi in nave e le oltre cose de la nave in li suo' luogi e lasé su la vela destesa, e Dio faza zo ch'elo voi de li so' servi e de questa nave".

Ed eli senpre manzava da vesporo e la nave pur se moveva, perché ogno vento la menava via.

[5]

(Como elo vene un can e menà san Brandan

con li soi frari infina a un castelo)

E siando consumado li xl dì, eli aveva manzado ogna cosa: eli trovà una isola ver tramontana, e iera molto erta e plena de sasi, e prosimando a lo lido eli vete una riva molto alta e dreta con' uno muro; e sì ne iera molti rieli, che veniva zoso da la montagna in mar, e non podeva trovar porto o' che se astalase la nave. E li frari, siando torbadi da fame e da sede, tuti tolse li vasieli e inplìli d'aqua per ber e logà questa aqua (in nave), e vegando san Brandan questo fato, dise cusì: "Non fé cusì, ch'elo è mateza a far quelo che vui fé. Quando Dio non vol mostrar 'de porto, perché volé-vi per forza tuor le so cose? A mi non plase che vui toié questa aqua". Onde elli la gità via e in cavo de li tre dì Iesù Cristo li lasà zonzer a porto, et elli alogà la so nave e desmontà zoso per manzar, e per l'isola andà zercando da manzar, e stete tre dì a trovar questo porto intorno questa isola, e in ora de nona elli zonse a uno porto molto streto, sì che apena 'de intrà la so nave. E ananti che elli ne intrase, sen Brandan signà lo porto e benedìlo devotamentre, e là s'iera una gran piera molto alta e taiada per mezo e stava dreta como muro, e tuti sì desmontà de nave e vene in tera.

Alò santo Brandan comandà a tuti ch'eli non trazese alguna cosa fuora de la nave, e andando su per la riva de lo mar e' li vene incontra un can e feli careze a pruovo li piè de sen Brandan, sì como suol far ziascun a so misier. E in quela fiada san Brandan dise a li so' frari: "Non ve par che Dio ve à mandado bon meso? Andéli driedo seguramentre o' ch'elo ve menerà". E in quela fiada san Brandan con li suo' frari sì andà driedo lo can fina a lo castelo, e intrando dentro elo sì vete una gran masion, in la qual iera molti leti da zasier e sezi da seder e aqua in vasieli da lavar i piè. E sentando zoso lo santo sì comenzà (a parlar) a li so' frari, digando cusì: "O frari, vardé ben che 'l Satanas non ve ingana o non ve duga a intentazion. Io sì lo vego inganar (uno) de li tre frari, li qual ne vene driedo da lo nostro monestier, ch'elo vuol comenzar uno furto pesimo e rio per l'anema soa, a casion che l'anema soa è dada za in le man del diavolo". E quela casa, in la qual eli stava, ela iera quasio inbrigada intorno li paredi de vasieli apicadi, li qual iera de diverse nature de metali, sì como de freni e de corni adornadi d'arzento intorno. E in quela fiada san Brandan dise a lo so menistro che soleva dar lo pan a li frari, ello li dise: "Apresté lo disnar che Dio ne ha mandado". E quelo incontinente se levà suso per apariar; e andando per l'albergo, trovà la tola tuta aprestada de mantili e de pan blanco e de pesi ben coti e nenzioli molto blanchi in ziascun leto. E como elli fo a la tola, vegando queste cose cusì ben aprestade lo santo Brandan comenzà la benedizion con li frari e dise questo verso: Qui dat escam omni carni confitemini Deo celi. E sentàse a tola e comenzà a manzar loldando Dio devotamente; e ave da ber quanto eli volse, e abiando conplido de manzar, regrazià Dio e lo santo dise a li frari: "Andé, adoré defina sera, e puo' ziascun vada a dormir in lo so leto e poséve, perché le vostre nenbre si è stanche e tropo fatigade de lo vogar, che vui avé fato cotanto".

E quando li frari dormiva san Brandan vete una ovra de lo diavolo, ch'el fe far a uno de li so' frari. E elo vete uno fante negro lo qual aveva uno fren in man e zugava con eso davanti li piè de uno de li frari, e incontinente san Brandan levà suso e comenzà a orar, e stete in orazion defin dì. E quando fo ora de zo, sì ordenà de dir lo so 'fizio, e como li ave conplido de dir lo so ofizio, eli voleva andar in nave: eli vete la tola plena de cose per dover manzar, ond'eli stete là e manzà e bevè quanto elli volse, e questo li durà tre dì; e per questa casion eli stete in questo luogo tre dì e Dio li mandà quelo che li aveva luogo.

[6]

Qua comese uno frar furto e morì

Siando pasado li tre dì, elimontà in nave e comenzà a navegar e far lo so viazo, e lo santo pare dise a li frari: "Vardé ben tuti che nesun de vui non ebia tolto alguna cosa de questo luogo". Eli respose: "Non voia Dio che algun de nui ebia fato furto nì vetuperado lo so viazo". E abiando cusì dito, lo santo pare dise: "Vedé questo nostro frar, de lo qual io ve disi ieri? Elo à tolto uno fren d'arzento e àlo scoso in sen de lo diavolo; e elo lilo de' e elo lo tolse senza mia parola. Or sapié quelo ch'elo 'nde die far: nui posemo tuti perir per questo pecado".

E cusì tosto como lo frar lo ave oldido, elo trase lo fren de soto e gitàse a li piè de lo abado, digando: "O pare santo, perdoname, ben so ch'io ò pecado; oré Dio per l'anema mia, che ela non piera per questo furto". E tuti li frari fo tristi e gitàse in tera devotamente e comenzà a pregar Dio per l'anema soa; e levando li frari suso da la orazion, lo frar che aveva fato lo furto si fo levado suso dreto in piè e stava molto gramo e vergognoso dananti l'abado. E tuti quanti vete sair uno fantolin negro de soto li drapi de lo frar che aveva lo fren, lo qual urlava a olta vosie, digando cusì: "O santo pare, perché me cazes-tu via de lo mio luogo con le tuo orazion? Sepi ch'elo è pasado sete ani ch'io son stado da ogna ora con questo frar per inganarlo de algun pecado mortal, e mai non lo puti inganar se no questa note. Mal fè, abado, ché per ti me convien mudar albergo e partìme da la mia ereditade!". E abiando quelo cusì dito, san Brandan dise in questo muodo a lui: "Io sì te comando in nome de lo Pare e de lo Fiolo e de lo Spirito Santo, ch'è nostro signor Iesù Cristo, che tu te parti via e non diebi nuoser ad algun omo defin lo dì de lo zudisio". E cusì quelo se partì, vegando tuti, e puo' se volse inver lo frar e diseli: "Incontinente confesate ben con uno prèvede, e puo' morirà e partiràse l'anema toa dal corpo. E in questo luogo die star lo to corpo, e qua si è la toa sepoltura, e in Niferno si è quela de lo to conpagno ch'è frar e che vene con ti da lo monestier".

E de presente ello sì comenzà a tuor penetenzia e rezever devotamente lo corpo del nostro signor Iesù Cristo, e l'abado e li frari comenzà a cavar la fosa per elo, e cusì tosto como lo frar ave rezeudo lo santo sacrifizio, elo morì e l'anema soa fo tolta da li agnoli e portà in zielo. Vegando cusì li frari, eli sopelì lo so corpo in questo luogo e feli l'ofizio so ordenadamente.

[7]

Qua vene lo procurador con uno cofano

plen de pan e de aqua

E puo' li frari andè a lo lido con lo abado et intrà in nave tuti quanti. Inanti ch'eli se partise da lo lido e là li sovravene uno zovene lo qual li aduse uno cofano plen de pan e un gran vaso plen de aqua e diseli cusì: "Rezevé questa benedizion de man de uno servo de Dio. Sapié ch'elo ve besogna far uno longo viazo; e farélo ben e troveré o' che vui anderé alguna consolazion e dureràve questo pan e questa aqua infina lo dì de la Pasqua".

E abiando rezeude queste cose e abiando fato la benedizion, eli comenzà a navegar inver ponente e dezunava ogni terzo dì e cantava tute le ore.

[8]

Qua fe li frari la Zena Domino

e trovà le piegore così grande

Et una fiada andando la nave in qua e in là, eli vete una isola da pruovo e comenzà andar inver de quela isola. E sì li vene uno bon vento per aiutorio, onde eli non navegà plui e la nave zonse tosto a lo porto. E siando in lo porto, l'abado comandà che tuti esia fuora e elo romase da driedo da tuti e cercando per tera questa isola, trovà molti flumi de aqua clara e pleni de diversi pesi e de fontane. E eli siando retornadi in un luogo, l'abado comandà che lo so 'fizio se diebia far là e cantar la mesa e far comunegar e consolazion de conpagnia, perch'ela iera la Zuoba Santa. E cusì fo fato e là zenà e si stete là fin Sabado Santo.

E andando per l'isola de qua e de là, eli trovà gran conpagnia de piegore blanche como banbasio e grande como buò che le covriva la tera. E san Brandan clamà li suo' frari e comandàli ch'eli toia seguramente de queste bestie per dover manzar e altre cose; onde eli tolse una piegora e non plui e abiandoli taiado la testa eli tolse uno agnelo per benedir, e sì fe d'eso quelo che 'nde fo da far, sì co' li parete lo meio.

E abiando tute cose ben aprestade per lo dì de la santa Pasqua che era la doman, ed elo li aparse uno omo che avea in man una gran sporta de pan, che iera coto soto la zenere, e altre cose da manzar; e elo la mese zose in tera davanti san Brandan e puo' se gità in tera devotamente tre fiade da li suo' piè, digando cusì devotamente: "O malgar(i)ta de Dio, como è quest'avegnudo a mi, non siando degno de (zo, che) cotal persona diebia eser aparudo in questi santi dì aver de lo mio pan, ch'i' ò fato con fadiga e con le mie man?". E san Brandan lo prese per la man e levòlo suso de tera e de'-li pasie, e puo' li dise: "Fiol mio, vui sié lo ben vegnudo. Sapié che lo nostro signor misier Iesù Cristo n'à ordenado, za boni dì, questo luogo per dover far la festa de la soa Pasqua, ch'è de la soa santa resurezion". Elo respose questo omo cusì: "O pare, vui staré ancuò qua e faré quelo che vui avé a far in lo Sabado Santo, che è ancuò; mo doman per tenpo seré in quela isola, che sé colà, la qual vui vedé e là faré vostra stanzia e canteré la santa mesa e diré le altre ore. E a Dio plase che questo se faza in quela isola e non in questa".

E abiando cusì dito, lo abado fese alogar tute le cose in nave per andar a quelo luogo la doman per tenpo. E siando ben cargada la nave de cose, l'omo dise: "Misier, la nave è sì plena, ch'ela non può plui tegnir, mo non ve dubité de roba ch'ela ve manca. Andé via quando vui volé e io ve manderé, pasando li viii dì, tuto quelo che ve averà luogo per manzar e per ber; e serà tanta roba, ch'ela ve durerà fina l'oltra Pasqua de le Pentecoste". E como elo ave cusì dito e san Brandan li respose e diseli cusì: "Como sas-tu là che nui saremo pasando li viii dì?". E elo dise: "Vui seré in questa note ben per tenpo in questa isola, la qual vui vedé qua da pruovo e doman infina l'ora de sesta; e puo' navegeré a una altra isola, ch'è pruovo de quela e si è inver ponente e si è apelada lo paradiso de le osiele, e là ve staré fina l'otava de le Pentecoste". E abiando quelo cusì dito, lo abado lo domandà de le piegore, como ele iera cusì grande e cusì blanche e cotante ed elo li dise cusì: "Vui dové saver che in questa isola si è bone erbe e rosada che cazie plena de mana, e lo êro molto tenperado e bon, onde elo è sì gran bon star; e nesun non li tuò' la late soa per forza, da che li agneli suo' non teta plui; in quanto non è inverno che le faza morir da fredo nì infermar e no 'nd' è lovi che le alzida nì becheri. Ed ele se vive al so seno e va e sta là ch'ele vol de dì e de note, e inperziò è cusì grande e cusì blanche e cusì cotante".

[9]

Hic invenerunt piscem Iasconium

et super eum fecerunt festum Pasche

Et abiando quelo cusì dito, elo tolse conbiado e andà tuti in nave e comenzà a navegar inver quela isola, fazandose crosie e digando la benedizion; e (como) eli fo a l'isola, la nave se astalà ananti ch'eli podese prender porto, e san Brandan comandà a li frari che eli esia de nave e intrà in mar segura(mente) per vegnir a la tera. Eli cusì fese e siando inn-aqua eli tolse le corde e tirà la nave a lo porto e ligàla ben.

E questa isola iera plena de piere e no 'nde iera erba in alguna parte e lo lido non aveva sablon, mo pur tera ferma. Puo' se conzà tuti li frari in orazion per diversi luogi e lo abado romase in nave, ed elo saveva ben che isola che la iera, mo non lo voleva dir ad eli, perché eli nonn-avese paura. E siando vegnudo lo dì, elo comandà per tenpo a tuti li prèvedi che ziascun canta una mesa; eli cusì fe, e como san Brandan con tuti li altri frari e ave cantado le so mese in nave, li frari comenzà a portar fuor de na' de la carne cruda per cuoserla e pesi, li qual eli aveva con si aduti da la oltra isola. E como eli avé cusì fato, eli mese uno lavezo al fuogo e, fazando gran fuogo soto e boiando forte lo lavezo, tuta la isola comenzà a tremar a muodo de una onda; e li frari per la paura comenzà a corer a la nave e lasà ogna cosa e pregà devotamente lo santo ch'elo abia cura d'eli, e lo abado li tolse tuti per la man in nave. E como eli fo tuti entro, eli comenzà forte a navegar [e] questa isola se destendea in ver ponente. E vete da lonzi uno gran fuogo ardente per la quantità de doa mia, e lo santo pare li dise che cosa iera questo: "O frari mie', ché vui ve meraveié de lo fuogo, che vui vedé che esie de quela isola de là?". Ed eli respose: "Ziò è veritade; sapié, misier, quanto nui avemo abudo gran paura". E elo li dise: "Fioli mie', non abié miga paura; Dio in questa note me revelà in una vision questo, che la isola o' nu' fosemo e che arde cusì, non è isola, mo si è lo primo pesie e lo mazor de tuti li altri e lo plui longo, e à nome Iason".

[10]

Hic invenerunt insulam que est dicta

paradisum (avium) blancarum

E navegando a pruovo questa isola o' eli iera, dananti e fose mo' vegnudi a la somitade de quela isola, contra ozidente eli vete una altra isola là da pruovo, quasio zonta con questa per uno mar [non] grando, plena de erba e de bosci, e ogni erba e ogni albori s'iera inflorido. Et eli comenzà a voler piar porto e andava pur intorno, e navegando eli inver mezo dì de la dita isola et eli trovà uno rielo d'aqua dolze che desendeva in mar, e eli iera a porto e là afermà la nave et eli desmontà de la nave. San Brandan li comandà che elli tirase la nave plui a tera che eli podese con li canevi su per lo lido de lo flume, e questo flume iera anplo puoco plui de la nave, e lo abado solo romase in nave et eli cusì fese per spazio de uno miaro, e la iera una fontana donde insiva questa aqua de lo flume. Puo' dise cusì san Brandan: "Vedé che lo signor nostro Iesù Cristo ne à dado uno luogo per far la festa de la Pasqua de la soa resurezion!". E puo' dise: "Frari mie', se nui non avesemo abudo le spensarie se no l'aqua de questo flume, elo ne seria stado sufiziente e per manzar e per ber; tanto è la soa bontade e late".

E sovra questa fontana s'iera uno alboro molto anplo e iera torto e non iera tropo alto da tera e iera tuto coverto de osiele tute blanche e iera tante ch'elo non iera foia nì ramo vuodo. E vegando lo santo questa cosa, eli comenzà a pensar in si che cosa questa iera e per che casion ele fose cotante e tute ad un. E pensando de ziò, elo se gità in tera e con lagreme devotamente fe una orazion e dise: "O Dio, lo qual cognosi tute le cose e che reveli tute le cose secrete e le cose che non se sa, vui savé la angustia de lo mio cuor e la mia volontade; onde io ve priego vui e la vostra maestade e adorove, mi pecador, vui ve digné per la vostra misericordia revelarme questa cosa, ch'è cusì fata e cusì sacreta, la qual vé li mie' ochi. E ben so, misier, ch'io non son degno per li mie' meriti, mo per la vostra bontade vui lo dobié far".

[11]

Hic volavit avis super prodam navis

et allocuta est sanctum Brandanum

E como elo ave cusì dito planamente, elo se asentà zoso in tera e vardava queste osiele, e una de queste osiele se partì de su l'alboro o' che iera le altre e, volando, le so ale sonava como una canpana e vene verso l'abado che sedeva zoso, e questa osiela se reposava su la proda de la nave e comenzà a destender le ale in segno de alegreza e con belo viso sì vardà lo santo pare fermamente.

E de presente lo santo pare cognosè che Dio s'arecordava de lui e de la soa orazion, e stagando cusì la osiela elo li parlà e dise: "Se tu è' meso de Dio, dime chi tu è' e donde tu è' e che è quele altre osiele e perché 'nd'è cotante ad un". Ela li respose in questo muodo: "O servo de Dio, nui semo de quela gran conpagnia che caziè de zielo con quelo agnolo Luzifero, ch'è nemigo de l'umana generazion; e nui non pecasemo per nui e per cognusimento e per questo nui (non) semo o' che nui fosemo creadi, mo sì semo cazadi fuora con le conpagnie de queli che pecà grievemente. E per quelo che in nui non è quelo pecado, Dio lo qual è nostro signor, ch'è zusto e verasio, per la so misericordia e per la so zustisia e vendeta ne à alogadi in questo luogo defina a la so volontade. Vero è che nui non sostegnimo alguna pena nì alguna cosa: per la presenzia de Dio nu' podemo veder lume e non se podemo partir da la conpagnia de li altri, li qual no se demise e stete fermi. E nui andemo vagizando de qua e de là per diverse parte de lo aiere, soto lo so fermamento, e de la tera sì como fa li altri spiriti, li qual vien mandadi; mo in li santi dì e in lo dì de la domenega nu' rezevemo corpi tal como vui vedé e stemo qua e loldemo lo nostro criator. Sapié ch'el è pasado uno ano che vui se' in questo viazo e sie ani avé ancora a star ananti che vui torné a casa, e ogno ano dové far qua la Pasqua. E in cavo de li sete anni troveré lo luogo che vui andé cercando e avé proponudo in cuor vostro de veder: la tera de promision de li santi".

E come elo ave cusì dito, elo se levà de su la nave e tornà indriedo da le altre in lo so luogo. E como fo l'ora de vesporo, tute queste osiele che iera su l'alboro comenzà a cantar a una vosie, e batandose le ale diseva in so canto dolzementre: Te decet hymnus, deus, in Syon et tibi reddetur votum in Ierusalem; exaudi orationem meam et clamor meus ad te veniat e questo verso fermava per spazio de una ora; e iera aviso a lo abado e a li frari ch'iera con lui che 'l son de le suo ale fose uno soave canto de planto. E in quela fiada san Brandan dise a li suo' frari: "Manzié quanto v'à luogo e che li corpi vostri sia pasudi e saziadi, sapiando che le vostre aneme è pasude de divina grazia". E abiando zenado, eli dise conpleta e puo' andè a dormir fin la terza parte de la note, mo lo santo abado non dormì, mo si veglà e stete in orazion, e quando fo l'ora del maitin, elo li clamà. E sia(n)do levadi suso, eli dise matin e comenzà a dir questo verso: Domine, labia mea aperies; e como li ave conplido de dir lo maitin, e tute le osiele con lo beco e con le ale sonava dir molto soavementre: Laudate dominum, omnes angeli eius, laudate eum, omnes virtutes eius. E così somientementre per lo spazio de una ora diseva al besporo; e como fo l'ôra clara, ele comenzà tute a cantar per prima, digando: Timor domini sit super nos et super timentes te; dominus, initium sapientie timor domini. E in ziascun so canto tegniva uno muodo de canto (per) ingual tenpo de una ora, e a terza diseva questo verso dolzementre: Psallite deo nostro, psallite regi nostro, psallite sapienter, e (a) sesta diseva: Illuminet dominus vultum (suum) super nos et misereatur nostri, e a nona diseva: Ecce quam bonum et quam iocundum habitare fratres in unum. E in questo muodo le dite osiele de dì e de note rendea laldo al nostro signor.

[12]

Hic venit procurator ad fratres

cum nave plena ad potum et cibum

E cusì san Brandan defina la otava de Pasqua pasiè li so' frari, e siando pasado tuti li dì de la Pasqua, elo dise cusì: "Tolemo de questa fontana le spensarie, avegna ch'ela non sia defina mo' se no per lavar le man e i piè".

E abiando cusì dito, eli sovravene lo bon omo che fo da eli l'oltra fiada ananti Pasqua, lo qual li de' la pastura, e vene da eli con una nave plena de cose da viver per manzar e per ber, e abiando vuda la so nave, elo sì parlà a l'abado e a li altri frari, cusì digando: "O frari mie', vui avé ancuomè sofizientemente fin Pasqua de Pentecoste da viver; onde non bevé de questa fontana, perch'ela è tropo forte da bever, e diròve la so natura. Sapié, chi ne beve elo li vien de boto uno sono sì forte, ch'elo dorme uno dì e una note, ch'è spazio de xxiiii ore, onde la late è questa virtù dentro da la fontana, e de fuora si è aqua e non late, anche ela si è cusì blanca".

E abiando cusì dito, elo tolse conbiado e la benedizion de li frari e andà via; e san Brandan romase in quelo luogo defina l'otava de Pentecoste. E in lo dì de Pasqua lo abado cantà mesa con tuti li altri e puo' vene lo procurador de li puoveri de Cristo e duseli quele cose che li aveva besogno per la festa e per molti dì dapuò e, manzando eli, questo bon omo li parlà e dise cusì: "A vui, servi de Dio, sì besogna a far un gran viazo, e perzò io ve conseio che vui inplé tuti li vostri vosieli de l'aqua de questo flume e porté con vui de lo pan seco quanto vui podé portar e salvélo per uno altro ano; e io ve ne darò quanto la vostra nave porà portar e tegnir".

E abiando cusì dito, quelo tornà indriedo e sì li aduse lo pan biscoto, lo qual elo li aveva inpromeso. E siando pasado li oto dì, eli inplì li vosieli d'aqua e andè via.

[13]

Qua vene l'osiela su la prora

de la nave e parlà a lo abado

E voiando li frari intrar in nave per andar via, elo vene l'osiela volando viazamentre su la proda de la nave, e lo abado se acorse de questo fato e fo a lo legno e dise a li frari ch'eli se sofra de intrar in nave. Eli stete tuti quanti e la osiela comenzà a dir a muodo de uno omo e dise: "Vui dové saver che vui doveré star co nu' lo santo dì de la Pasqua ogno ano defina sie ani, e la Zuoba Santa dové far ogno ano là che vui l'avé fata questo ano e lo Sabado Santo dové far là che vui l'avé fato mo', e la note de la Pasqua faré là o' che l'avé fata, zioè sovra lo pesie che à nome Iason e, o' che vui vardé e o' che vui ve volzé, el ve covignerà far ogno ano como v'ò dito e questi luogi visitar; e partandove de qua, in cavo de li oto dì vui azonzeré a una isola, che à nome isola de fameia de Labeo abado servo de Dio: con lu' faré la festa de Nadal de lo nostro signor Dio". E como elo ave cusì dito, elo volà via e tornà al so luogo e de presente li frari intrà in nave e levà su la vela e tolse li remi in man e comenzà a navegar forte inver ponente e tute le osiele ad uno bósie e' comenzà a cantar molto dolzementre e diseva: Exaudi nos, deus salutaris noster, spes omnium finium terre (et) in mari longe.

E in quela fiada san Brandan con tuta la so conpagnia andà navegando in qua e in là per mar per spazio de tre mesi, e mai non pote trovar porto nì alguna isola nì tera nì porto se no zielo e aqua, e dezunava ogn(i) terzo dì e tal fiada plui.

[14]

Qua trovà li frari lo monestir de san Abeo 

con xxiiii munesi e fe la festa de Nadal

Et in cavo de li tre mesi sì vene uno dì in lo qual li aparse una isola non tropo lutan, e como li aprosimà a lo lido, elo li sovravene uno vento forte lo qual i portà in una parte de la qual eli navegà xl dì continuamente intorno questa isola, nì no (podeva) prender porto, siando senpre da pruovo. E in cavo de li xl dì li frari iera stanchi e fo in concordia de star in orazion e pregar Dio che li trazia de questa briga. Eli iera sì avenà da la grameza, ch'eli non podeva lavorar plui. Eli stagando continuamente in orazion tre dì e in astinenzia de parlar, la nave se movè forte per si e fo zonti a uno porto streto de una nave e vete là do fontane d'aqua: una iera torbeda e l'altra clara, e li frari fo tuti confortadi e desirava de tuor de l'aqua clara e apariavase con li vasieli. Lo abado li dise cusì: "Fioli mie', no fé negota de scovegnivele e non tolé aqua nì altre cose de questa isola senza parola de quelo vetran che ve abita in lo servizio de Dio; e non ve dubité che lui ve ne darà asè d'esa, onde non la involé e non voié ber aqua involada". E in quela fiada eli desmontà de nave e vardà in quela parte eli doveva andar.

Elo li vene viazamentre incontra uno belo vetran, che aveva li caveli blanchi como neve e la faza bela e colorida e la barba longa infina in tera e molto blanca, e como elo li fo da pruovo, elo se inzoneclà in tera devotamente, ananti ch'elo dese pasie a lo abado, e san Brandan andà a la terza fiada da lui e levàlo suso de tera con li altri frari e dese pasie benignamente e prese per la man; e intranbi abadi cusì andà ad un per la otava parte de uno mio, e fo zonti ad un monestier. E como san Brandan con li suo' frari fo apreso la porta de lo monestier, elo stete fermo e dise a questo vetran: "Pare, de chi è questo monestier? E chi è signor d'eso? E onde è queli che 'nde abita?". E altre parole asè li dise e de mol(t)e cose li domandà; e lo vetran pur tasieva e non li respondeva ad alguna parola, mo pur con la man li feva belamente insegne de responsion e pur tasieva. E vegando san Brandan ch'elo servava astinenzia e non iera sordo, sì clama a si li so' frari e comandali ch'eli tegna silenzio defina che serà tenpo e luogo de poder parlar, e a ziò che eli non dia casion de ronper la penetenzia e la obedienzia de li frari de lo luogo. E in piziolo spazio, da ch'elo ave fato questo comandamento, elo li vene xi munegi incontra da lutan con crosie e con casete de requilie e de santi e cantava digando inni e altre cose, zoè un capitolo che dise: Surgite deo, sancti, de mansionibus vestris et proficiscemini obviam veritati. Locum sanctificate et plebem benedicite et nos famulos vestros in pace custodire dignemini. E abiando conplido de dir questo verso, lo abado de lo monestier sì de' pasie a san Brandan e a li suo' frari, e abiando cusì fato elo li menà con si dentro da lo monestier per tuti li luogi e disevali: "Questo è cotal luogo e da là cotal cosa". E abiando mostrado tuto dentro e de fuora, elo fe vegnir aqua calda e lavà i piè a tuti li so' frari et eli cantava questo verso: Mandatum novum do vobis, ut quemadmodum ego feci vobis ita et vos faciatis.

E siando questo fato (con) consolazion, eli lo menà in lo rifituorio e fe segno con la man e sona[n]do la canpanela ch'eli andase dentro da le tole a seder, et eli 'nde andà. Puo' sonà ancora la canpanela e in piziola ora vene uno frar de lo monestier con pani molti blanchi e con radise fresche de erbe de molto soave gosto. E aconpagnàse uno de li frari de lo monestier con uno de li frari forestieri per ordene a la tola, e dentro do frari fo dado uno pan intriego e do radise, e puo' fo sonado la canpanela ancora e uno frar sì li aduse da ber.

E lo abado de lo monestier se confortà tal fiada questi frari con aliegro viso, digando: "Questa è la bevanda de quela fontana, che vui vosesi ancuò tuor de l'aqua fortiviamentre per ber; or ve bevé seguramentre, ch'ela è de la fontana clara, e tolé 'nde in caritade e con alegreza e con timor de Dio. E de l'altra fontana torbeda, la qual vui vedesi, sì vien lavado li piè ogni dì a li frari e è calda per natura. Li pani, che vui avé vezudi cusì beli e boni, non se fa in questo monestier nì non savemo in che luogo nì chi li aduga al monestier, mo sì semo zerti ch'elo è don da Dio e grazia ch'elo ne fase per la so bontade, non voiando abandonar li so' servi. Sapié che nui semo xxiiii frari e ogno dì avemo xii pani per nostro manzar, zoè uno pan in do frari, e ogna domenega e ogna altra festa ne vien dado u(n)o per omo, a casion ch'eli ebia per zena de quelo con le frègole che se recoie. Ma mo', anch'elo no sia festa, Dio ne manda uno perr-omo perché vui se' qua vegnudi e ave voiudo mandar la spesa. In questo muodo Cristo nostro signor sì ne à norigadi fina mo' de lo tenpo de san Patr(iz)io e de san Albeo, nostri pari, e si è ben otozento ani pasadi. Vero è che (de) la vechieza e la debelitade ele nostre nenbre si è inmun. E devé saver che in questa isola nu' non avemo algun desasio de manzar, ma cusinato de fuogo nui non avemo mai, e non avemo mai fredo nì caldo che ne faza recresimento, perché lo aiere è molto tenperado; e quando lo è ora de cantar mesa e maitin e besporo, li luminarie de la gesia vien inprese e non savemo da chi e arde tanto como dura l'ofizio, 'ceto ch'a lo maitin, che dapuò ch'elo è dito ele arde defin dì, e mè non manca l'oio dentro".

E como eli ave beudo tre fiade, lo abado segondo soa usanza sonà la canpanela per segno, e tuti li frari insenbre con gran silenzio se levà su da tola e andà innanti li santi abadi infina la gliesia e driedo eli sì andava li santi abadi, zoè san Brandan e l'oltro. Intrando dentro la gliesia, vene xii altri frari incontra questi de fuora e inzoneglàse zoso in tera allegramente dananti li abadi; e quando san Brandan vete questi frari, sì dise cusì: "O abado, perché non manzà con nu' questi frari?". Ed elo respose in questo muodo: "Eli no 'nde manzà per una casion ch'eli non podeva star a tola con nui, ma mo' eli anderà a manzar e vigneràli dado quelo che serà plaser de Dio e nu' intreremo in gliesia e canteremo besporo, a casion che questi frari, che va a manzar, canta anch'eli besporo driedo nui".

E quando fo cantado besporo, san Brandan comenzà pensar e dir e veder o' che iera fata la gliesia e vegando ch'ela iera quara da ogna parte, e tuti li alt(a)ri, vasieli, orzuoli e li càlesi de la gliesia, tute queste cose iera de cristalo clarisimo. Li stali da seder intorno la gliesia s'iera xxiiii e lo luogo de lo abado s'iera in mezo de li do cuori de li frari e iera 'nde vii luminarie, le qual ne fo adute fin lo comenzamento: e le tre stava ad alto dananti l'oltar mazor e le altre quatro iera partide in do parte, zioè do dananti da ziascun de li altari, e vedeva che li alt(a)ri iera de claro cristalo. E l'ofizio comenzà l'abado tute fiade, e puo' uno cuoro diseva a l'altro cuoro devotamente, e diseva l'altro, e nesun comenzava algun canto se no l'abado e nesun de li frari non osava insir de la gliesia senza lizenzia de lo abado e voiando insir de gliesia per alguna soa besogna, elo scriveva suso una tola de zera quelo che li besognava a far e puo' lo mostrava a l'abado et ello li dava parola. E sì viti che nesun non aveva ardir de far bósie nì algun clamor per lo luogo e se algun voleva saver alguna cosa o tuor conseio, si tegniva questo muodo insteso con lo abado.

E così menando lo dì, lo abado de lo luogo dise: "Lo è ora de andar a zena fin ch'elo è claro dì". E andà in refituorio, e ave a zena pan e radise e bevè aqua. E abiando zenado, eli andà a cantar conpleta; e como lo abado ave comenzado: Deus in adiutorium meum intende e tuti quanti se inclinava in zonegloni e feva onor a la Ternitade. Eli comenzà questo verso: Iniuste egimus, iniquitatem fecimus: tu autem qui pius es pater nobis, domine (parce nobis); in pace in id ipsum dormiam et requiescam, quoniam tu, domine, singulariter in spe constituisti me. E driedo queste cose cantava l'ofizio per ordene, e como elo fo conplido tuto l'ofizio de cantar e de dar la benedizion, lo abado e tuti li frari insì fuora de la gliesia e ziascun andà a la so zela e ziascun de li frari de lo luogo sì tolse in so conpagnia con si uno de li frari forestieri e lo abado de lo monestier sì tolse in so conpagnia l'abado Brandan e romase in la gliesia per volerli mostrar como Dio feva inpiar le lume in gliesia. E stete la note inn-orazion, defina che la gliesia fo aluminada, con silenzio e umilitade e puo' dise l'abado: "Lo è ben otanta ani ch'io son in questa isola abado per far penetenzia, e mè no 'nde fo alguna persona se no vui con li vostri conpagni. Verò è che nui aldemo bósie d'omeni con nui cantar, quando nui cantemo lo loldo de lo maitin; e nui semo xxiiii frari in questo luogo e nesun de nu' parla la setemana se no con insegne de le dede de le man e de li ochi, 'zeto le feste, driedo disnar fin a besporo e non plui. E nesun de nui se inferma nì durà alguna pasion nì alguna paura de algun spirito, che va de qua e de là e tal fiada, da che nui fosemo in questo luogo". E san Brandan dise: "A nui plaseria ben star qua uno ano". Ed elo respose: "Nonn-è a vui lizita cosa in questo luogo, inperqu'elo nonn-è plaser de Dio. Non ve recorda ch'io ve fi revelar per quelo che ve besognava far, anzi che vui vignise qua in questo luogo? Sapié ch'elo ve besogna tornar indriedo a lo vostro luogo con xi frari o' che Dio v'aprestà lo luogo de la vostra sepoltura, e sapié ch'el è con vui do frari li qual romagnerà in lo viazo: l'un romagnerà in una isola, che à nome Anacorita, e l'altro morirà a mala morte e serà condanado a le pene de l'Inferno".

E parlando cusì belamentre enfra si, elo vene una saita de fuogo, vegando eli, per una fenestra e andà inpiando tute le candele de la gliesia che iera dananti li altari, e puo' tornà fuora incontinente e queste candele romase inprese da una flama de fuogo molto clara. E puo' san Brandan lo domandà chi studiava le candele e como ele se studava le candele da doman. Et elo li dise: "Pare, vegni a veder questo miracolo con mi". Et andà in conpagnia apreso le candele e vete dentro, e non iera entro niente se no la flama in mezo, zoè nì oio nì aqua nì stopin nì flama, onde elo vete ben che questo fuogo iera spiritual e non corporal. E 'l santo li dise: "Como può arder corporalmente chela cosa che no à corpo? Spiritual criatura non è visibele a le corporal, e questo se sa per l'anema, ché lo corpo non la può veder". E lo santo abado sì li respose così digando: "Mo' non avé-vi leto intro la Bibia che quando Dio vene a Moise su lo monte Senai, ch'è inn-Armenia, per casion de parlarli, quela selva de le spine pareva tuta arder e si à vezudo la flama molto da lutan la note, e da doman non se trovava alguna cosa e de zo men, nì algun segno de fuogo?".

E siando vegnudo lo dì e non abiando miga dormido la note, elo fo cantado la mesa ordenadamente, e lo abado Brandan fe vegnir li suo' conpagni e domandà lizenzia, voiandose partir da lo luogo. Ed elo li dise quelo abado vetran cusì: "A vui non è lizita cosa a doverve partir, inperché vui dové far con nui lo Nadal e tute le feste de lo signor Dio defina la otava de la Befania". E como lo ave questo dito e san Brandan romase in lo luogo con li prediti frari e per cotanto tenpo in quela isola de la fameia de lo abado Albeo. E siando pasado tute le feste e abiando rezeudo la vituaria in nave e la benedizion e lo conbiado da queli frari santi, san Brandan intrà in nave con li suo' conpagni e fe levar la vela e volzer la nave a lo ponente.

E questa nave, dapuò ch'ela fo partida dal porto, o sia per lo navegar o sia per la vela, ela andava mo' in qua, mo' in là; e cusì andà fazando fina la Quaresema e non saveva o' ch'eli fose.

[15]

Hic fratres invenerunt unum fontem

plenum piscium et radicum bonarum erbarum

Siando vegnudo lo tenpo de la Quaresema, eli vete una isola a pruovo si e de zo fo molto aliegri e comenzà fortemente a navegar inver quela isola, e (i) iera za falido lo pan e l'aqua, sì ch'eli zunava tre dì e può' aveva da manzar, sì che el'iera molto inflevelidi e fati grami. In cavo de li tre dì eli vete porto, onde lo abado benedì lo porto e comandà a li frari ch'eli insise fuora tuti de la nave.

Eli cusì fese, e adeso eli ave trovado una fontana molto clara e de molte bele erbe e radise asè intorno la fontana e vete asè pesi de molte nature che andava per l'aqua de lo flume che insiva de la fontana e descoreva in mar. E in quela fiada san Brandan dise a li so' frari: "Dio ve à dado mo' consolazion driedo la gran fadiga; or tolé de li pesi e de le erbe e de le radise tante, che nui sì 'nde abiemo asè per cena e rostì de li pesi seguramente, ché Dio ve à questi tuti aprestadi per la soa bontade." Eli cusì fe, e como eli s'aprestava de tuor de quela aqua per ber e lo abado li dise cusì: "O frari mie', bevé de questa aqua puoco e vardé che vui non manzié soperclio, anch'ela sia cusì bela e cusì bona, a ziò ch'ela non ve intorbase per lo ventre, perch'ela va farà tosto dormir soperclo plu che non se convignerà a tal zente como vui se' ". E elo no fo de queli che tene lo so conseio de lo abado, e li altri tene altro muodo, sì che tal ne bevè una copa e tal do e tal tre. Queli che ne bevè per una copa, ela non li fe algun inbrigamento, mo queli che ne bevè do, dormì do dì e do note e queli che ne bevè tre, dormì tre dì e tre note. E vegando lo abado questo dormir sé longo e forte, elo comenzà a pregar Dio per eli; e siando pasado li dì de lo dormir sì forte, eli se desmesedà de lo dormir et elo li dise così: "O frari mie', vui avé perdudo molte ore le qual vui non avé loldado Dio per casion del dormir lo qual vui avé fato; (è) ben che nui andemo in altre parte e fuzimo mo' questo pericolo a zo che pezo non avegna. Dio sì [n'] à dado qua zibo da viver e vu' per ingordisia de la gola par che vui voié morir e avé fato lo vostro pizoramento. A mi plase che nui debiemo partir de questa isola. Onde tolé le spese de questo luogo sofizientemente, zoè de li pesi e de le altre cose e de l'aqua, tanto ch'ela basta defina lo dì de la Zuoba Santa; e de l'aqua non bevé al dì so no una copa e cusì la non farà a vui algun inbrigamento". Onde eli andè arcoier erbe e radise e pià de li pesi asè, e abiando ben cargado la nave de ziò che li aveva luogo, eli intrà in nave e levà su la vela e comenzà a navegar inver lo mar Ozian e puo' contra senterion.

E adeso li vene bon vento che durà tre dì, (e driedo li tre dì) eli trovà l'aqua de lo mar quasio tuta presa e aglazada, e l'aqua non pareva che se movese, onde li frari (fo) molto tristi. E lo abado li dise così: "Salvé li remi apreso vui in nave e lasé su la vela e la nave vada o' Dio vol ed elo sia mo' nostro governador".

E cusì la nave andè torzeda ben xx mia, e puo' Dio li mandò uno bon vento contra levante: eli levà plui ad alto la vela e comenzà a navegar e dezunava ogni terzo dì.

[16]

Hic fratres fecerunt (diem) Iovis

et Cenam Domini et procurator visitavit (eos) et dona eius

E cusì andando un dì, sì li aparse una nivola molto granda dananti e puoco lonzi da si, e lo abado li dise: "O fioli mie', cognosé-vui questa nivola? E quela isola è quela la qual nu' fosemo ano e fesemo la Zuoba Santa, e in quela sta lo bon omo lo qual à nome procurador de li poveri de Cristo". Ed eli li dise: "Nui non la cognosemo, mo ben se ne recordemo". E in quela fiada li frari comenzà plui a navegar per granda alegreza ch'eli ave, e vegando lo abado questo ch'eli faseva, elo li dise cusì: "Sinpli, non ve fadigé cusì forte le persone; no savé-vui che Dio è nostro navegador e governador de la nave? Lasé star li remi et elo faza quelo ch'elo vuol de la nave e de nui: ben crezio che lui ne durà a bon porto".

E tanto tosto eli fo aprosimadi a lo lido de questa isola e de presente li vene incontra quelo medesimo omo che li vene l'altra fiada, che sé procurador de li poveri de Cristo, e prese la nave per la sartia e menàla belamentre in porto, e tuti quanti desmontà de la nave loldando Dio fortemente. E lo bon omo con dev(o)zion basià li piè de tuti e comenzà da lo abado e dise questo verso: Mirabilis deus in sanctis suis, (deus) Israel ipse dabit (virtutem) et fortitudinem plebi sue; benedictum sit nomen eius in sempiternum. E abiando colu' fenido lo verso e' aidàli tuti a insir de nave ed elo destese là uno pavion e aparià l'aqua calda da lavarli li piè e vestìli tuti de blammere blanche. E là fe la zena o' ch'eli stete tre dì, e fe so vita e l'ofizio co' ben li parete a far de la pasion de Cristo con gran devozion. E siando fenide tute queste cose lo sabado santo, costui dise a li frari: "Amisi mie', monté in nave per andar via, a ziò che vui sié in questa note de Pasqua là che vui fese (la Pasqua) l'oltro ano, e là ve staré defina ora de sesta e non plui, fazando quelo che vui averé a far defina quela ora, e puo' monté in nave e navegé a quela altra isola de le osiele blanche o' che vui fose ano lo dì de Pasqua e in quela isola vui fese la Pasqua fina la otava de Pentecoste. E porté con vui tute queste cose che ve fa mestier per manzar e per ber, e io vignerè da vui questa altra domenega e duròve roba pur asè; tolé 'nde mo' per oto dì". Eli cusì fe ed elo se partì da eli, e puo' fo tornado, como lui i aveva promeso, ed elo cargà una soa navesela de pan e de aqua e de carne salada e de altre cose bone e sì lile conduse o' ch'el'iera.

E san Brandan (li) de' la soa benedizion e tuti intrà in nave e comenzò a navegar in ver la isola, sì como li à dito lo bon omo, e como eli fo a pruovo la isola, eli vete lo so lavezo ch'eli aveva lasado l'altro ano quando li scanpà via per paura, e in quela fiada lo abado con tuti li frari desmontà de nave e comenzà a cantar de li tre pùari Anania, Azaria, Misael, zoè quelo salmo che dise: Cuncta ei benedicite. E abiando quelo salmo fenido de dir, lo abado sì dise a li frari cusì: "Vui podé inpensar in lo cuor vostro che Dio à fato umana questa bestia soto nui, ch'ela no 'nde fase algun inbrigamento". Ora andà li frari per la selva in qua e in là e orava devotamente, e cusì stete infina la ora de lo maitin, e puo' se reco(lse) tuti e cantà lo matin e puo' prima, e puo' dise uno prèvede una mesa e durà le mese infina terza.

E san Brandan intrà in nave a cantar la so mesa e benedì lo agnelo e de' la benedizion a tuti li frari e dise: "Frari mie', nu' femo in questo luogo la Pasqua che nui fesemo l'oltro ano ch'è pasà e le altre cose infina a l'ora de sesta". E puo' dise: "Andemo via con la nave e Dio la governa".

Et eli cusì fe e aprosimà a la isola e a lo porto so ch'eli doveva arivar, eli vete la fontana e l'alboro de le osiele blanche, e tute cantava ad una bósie, digando: Salus deo nostro sedenti super thronum. E puo' diseva: Dominus deus illuxit nobis; constituite diem solemnem in condensis usque ad cornu altaris, e questo sonava a dir, sì como con le ale e con lo beco, per lo spazio de meza ora. E lo abado con li frari sì se spazià de insir de nave e tolse fuora la roba e fo logado soto lo pavion soto lo qual eli stete l'oltro ano defina la otava de le Pentecoste. E lo bon omo in l'otava de Pentecoste sì vene con una so nave plena de pan seco e de altre cose sì como elo l'inpromese a l'altra isola e de'-li la roba per portar con si.

E como eli manzava, elo vene la osiela volando e astalàse su la proda de la nave, e steva con le ale destese e batevale tal fiada e tute queste osiele sonava sì como organo; e vagando lo abado che questa osiela lo vardava e pareva ch'elo li volese parlar, et ela li dise: "In veritade Dio à provezudo de darve quatro luogi per li quatro tenpi de l'ano in li qual u' dové conplir vii ani de lo vostro pelegrinazio; e cusì andaré e là seré in li diti tenpi, como vui se' stadi in questo altro ano che vui avé zià pasado: zioè che vui dové eser ogno ano la Zuoba Santa con lo procurador de li poveri de Cristo e in quela so isola, e così (devé star la note de Pasqua su lo pesie) Iason, e in questa isola devé far questo tenpo da una Pasqua a la otava de l'altra, e lo Nadal dové far ogni ano defina la otava de la Pifania con la fameia de lo abado Albeo in lo so monestier. E como vui averé pasado li vii ani, vui troveré de gran cose e stranie e paseré asè pericoli, e cusì fazando vui troveré la tera de promision de li santi la qual vui andé zercando; e como vui ne serì, vui ne staré xl dì e no plui, e siando pasado li xl dì, (Dio) ve condurà prestamente in la vostra tera, onde vui ve partisi per conplir lo vostro intendimento".

E como la osiela ave cusì dito, de presente e san Brandan se levà suso devotamente e gitàse in tera con tuti li so' frari e rendendo loldo e grazia a Dio so criator; e abiando conplida la so orazion e questa osiela tornà a lo so luogo e stete con le altre. E siando fato questo, quelo bon omo ch'è procurador sì li dise cusì: "Vui ve steré qua fina la otava de Pasqua, e io me ne anderè via e puo' tornerè da vui con le spensarie che ve averà luogo". E cusì tolse conbiado e lo abado li de' la soa benedizion e tuti li frari.

Elo sì andà via e lo santo pare stete là in queli dì; e siando fenidi tuti li dì de le feste e la otava de la Pasqua, san Brandan comandà a li suo' frari ch'eli se aprestase de navegar e inpla li vasieli d'aqua de la fontana. Eli cusì fese, e aconduta la nave fina a lo mar e como eli se stava, elo vene lo bon omo con la so nave ben cargada de le cose da viver como elo li aveva promeso. E abiando tute le cose logade in nave, elo li de' pasie a tuti e tolse conbiado e tornà indriedo donde elo iera vegnudo.

E lo santo pare con li suo' conpagni navegà inver ponente e stete in nave così xl dì de qua e de là.

[17]

Hic apparuit (eis) una bestia prava

E cusì andando un dì torzedi, sì li aparse dananti in mar una gran bestia molto strania da veder e de boca li insiva una gran splumada, e perché ela coreva forte, l'aqua feva gran movimento; e pareva ch'ela vegnise viazamente driedo eli per devorarli. E como eli ave vezudo questa bestia cusì bruta e cusì granda, la qual li vegniva driedo cusì tosto con la boca averta, mostrando ch'ela li volese devorar, eli ave molta gran paura e comenzà forte a cridar e dise: "O Dio, nui ve pregemo che vui ne aidé e liberéne da questa bestia cusì prava, ch'ela no 'nde posa devorar". E san Brandan li confortà e dise cusì: "Omeni de poca fe', non abié paura. Dio, lo qual è nostro aidador, sì ne canperà ben da questa bestia e anche da li altri pericoli".

Ela sì li avisinava e le onde se levava molto grande intorno li frari e stava in la nave malamente e li frari pur cridava e aveva gran paura; e lo abado vegando questo fato se mese devotamente inn-orazion e dise: "Misier Iesù Cristo, lo qual non solé abandonar li vostri amisi, s'ili retorni a vui con ferma fe', io ve priego umelemente che vui dobié scanpar li vostri servi de questa nave, sì como vui scanpase Anoè da lo diluvio de l'aqua e Davit de le man de Golias giganto e Ionas de lo ventre de lo pesie, Daniel da li lioni e Iosepo da li fradeli e Moise de le man de Faraon".

E como elo ave questo dito, de presente parete vegnir una altra granda bestia da ozidente e andàli ben da pruovo de la nave, mo no la tocà, e andà incontra la prima bestia e arsaìla molto ardidamente e fese con esa una gran bataglia e asè dura. E a le fin questa menor bestia gità una gran flama de fuogo per la boca e con questo fuogo ela alzise l'altra bestia e sì 'nde fese tre peze, e puo' se partì e tornà indriedo ond'ela vene. E vegando questo fato tuti li frari e san Brandan parlà e dise cusì: "Vui avé abudo gran paura, mo che ve par de questo che Dio ve à lasado veder? Ben se' scanpadi de gran pericolo e sì se' vendegadi de la bestia che ve voleva devorar. Elo è granda la misericordia del Signor ed elo sì sia senpre loldado e benedido".

[18]

Hic apparuit eis insula

in qua steterunt tribus mensibus

propter malum tempus

Et andando l'oltro dì eli vete una isola molto lutan da si e molto plena de albori e iera granda e molto bela et eli, prosimando a lo lido de quela isola e desmontando zoso de la nave, eli vete la terza parte de quela bestia che fo morta da l'altra. E in quela fiada li dise san Brandan: "O conpagni, vedé una parte de quela bestia marina che ve volse devorar? E vui devorerì ela e a Dio plase che cusì sia e perzò Elo ve l'à fata gitar in tera. Sapié che vui staré qua asè in questa isola innanti che vui ve posé partir, e questo serà per lo rio tenpo che serà e tosto se torberà. E perziò ve digo viazamente: levé plu inn-alto questa nave e conduséla su la tera e andé zercando uno luogo o' che vui posé tirar lo pavion per star soto".

Ed eli cusì fese. E como eli ave fato tuto questo, lo abado li dise: "Andé da questo pesie che sé su lo lido e taié 'nde tanto e dusé 'nde con vui che ne sia sufizienti a le spese per tre mesi e insalé ben li pezi in nave, e sapié che in questa note che vien elo serà manzado lo romagnente da le bestie salvaze". Ed eli andà, segondo como lo abado li dise, driedo terza infina pasado besporo; e abiando fato tuto quelo che lo abado li aveva dito, eli dise: "Co' poremo nui viver e far cusinato de alguna cosa senza aqua, ché nui non avemo aqua in nave e in questo luogo non par alguna fontana?". E lo abado li dise: "Non ve lagné de alguna cosa: non credé-u ch'ela sia mazor briga a Dio a darne da manzar cha da ber? Sì como elo ve dà (da) manzar, cusì ve darà da ber. Or andé per l'isola inver mezo dì e vui troveré una clara fontana de bona aqua e erbe asè e bone e radise, e vui sì ne tolé asè de quelo che ne à luogo e no 'nde tolé de soperclio".

E andando eli inver quela parte che lo abado li dise, eli trovà ogni cosa e ben fe cusì como elo li dise; e la note se intorbà lo tenpo. E andando de qua e de là e toiando de l'aqua, eli trovà le ose de lo pesie e non altro, e andàse lo tenpo sì malmente torbando de pluoba e de tenpesta, ch'eli stete in quelo luogo tre mesi e plui; e rasionando con lo abado, eli li dise como eli non trovava se no le ose de la bestia et elo li dise: "Io sè che vui ne andase per veder s'elo iera vero quelo ch'io ve aveva dito, e mo' io ve voio dir un'altra cosa che nonn-è ancora, serà ver doman: e se vui voré, vui 'nde porì manzar, in per quelo che lo mar ne giterà fuor si una gran parte de uno pesie molto grando". E siando vegnudo la doman, eli andà a la marina e trovà questa parte de questo pesie grando, lo qual lo mar aveva gitado fuora la note, onde eli ne tolse per manzar tanto quanto li potè portar via.

E siando a pruovo de li tre mesi, l'abado dise una sera: "Frari mie', doman serà uno belo tenpo e l'oltro dì e l'altro, e lo tenpo serà sì abonazado che nui poremo navegar seguramente là o' che ben 'de parerà". E cusì como elo dise, cusì fo la veritade, onde siando pasado tre mesi e iiii dì puo', lo santo fe cargar la nave de cose da manzar e fe inplir li vasieli d'aqua e fe tuor de le radise de le erbe per si, a casion ch'elo non vuol manzar carne nì pesie nì osiela da ch'elo fo fato prèvede. E abiando ben cargada la nave de le cose, eli levà la vela e comenzà andar inver la parte de seterion.

[19]

Qua aparse a li frari tre puovoli

e uno de li frari ne romase vivo

Et andando via per lo mar, eli vete in do dì una isola molto lonzi da si, e lo abado li dise: "Vedé-u quela isola ch'io vego da lonzi?". Ed eli li respose e dise de sì. Ed elo li dise: "Che 'nde vedé-vu'?". Ed eli li dise: "Nui vedemo tre puovoli, zoè tre conpagnie de zente che sé in quela isola. E una conpagnia si è de fenti pizoli, e la segonda si è de omeni zoveni, la terza si è de omeni vechi". E lo abado li dise cusì: "Io ve fazo asaver che uno de li nostri frari romagnerà in questa isola con una de queste zente". E li frari lo comenzà a domandar: "Di' 'nde, misier, a nu' qual è quelo che 'nde die romagnir in questa isola". E como eli stete in un altro rasionar et elo li vete star li suo' frari molto grami, et elo li mostrà qual iera lo frar e dise cusì: "Questo è lo frar che die romagnir in questo luogo con una de queste conpagnie". E lo frar stete tuto stenido; e iera uno de queli frari che vene driedo san Brandan e che intrà in nave e partìse da lo monestier e li qual lo santo no fese menzion quando elo fo in nave la prima fiada.

E avisinando eli a l'isola, la nave s'acostà per si a lo lido e l'isola iera molto basa e de gran pianura, onde ela non iera plui alta de l'aqua de lo mar, e non iera alguna piera nì alboro nì erba nì altra cosa che podese eser movesta dal vento. Questa isola iera molto granda e bela e iera tuta coverta de graneli d'ua madura; e de questi graneli tal iera de color zalo como stopazo e tal iera de color inviolado como ingranata e tal iera de color blanco como neve. E dentro una conpagnia e l'altra iera spazio de tera vuoda con' uno trato de piera che se geta con le man, e ziascuna conpagnia cantava molto dolzementre e soavemente e non se partiva de luogo, e quando una cantava le altre tasieva, mo quando una aveva dito uno so verso e l'altra li respondeva digando quelo verso insteso e non calava de dir; e questo si è lo verso ch'eli diseva: Ibunt sancti de virtute (in virtutem) et videbunt deum deorum in Syon. La conpagnia de li pùeri s'iera vestidi de vestimenta blanca como late, la conpagnia de li zoveni s'iera vestidi de color tal como ingranata, la conpagnia de li vetrani s'iera vestidi de lo color de lo stopazo, e tute queste vestimente iera fate a muodo de cote da gagi da Vanzielio, tuti infrisiadi de frisi anpli e de gramite in asè parte.

E quando eli zonse a lo porto, elo iera la quarta parte del dì; e quando elo fo là, una de le conpagnie comenzà, segondo como io è dito, per tre fiade, e puo' comenzà a salmiziar, digando ziascuna conpagnia lo so verso. E li salmi fo questi: Deus misereatur nostri; deus in nomine; credidi propter quod locutus sum, e una orazion. A terza diseva questi salmi: Legem pone michi domine; deus in adiutorium meum; credidi propter, e la orazion. A sesta dise: Fundamentum eius; qui confidunt in domino; dilexi quoniam, e la orazion. A nona dise: De profundis; ecce quam bonum; lauda Ierusalem, e la orazion. A besporo: Te decet hymnus; benedictus; deus deus meus; laudate pueri dominum, e li cinque Salmi Graudali: e questi diseva signando. E como li aveva conplido de dir la orazion, elo vene una gran nivola blanca e coverse tuta la isola e per questa nivola li frari non pote plui veder queste conpagnie; vero è che eli aldiva li canti ch'eli faseva. Et in l'ora de lo maitin eli sonava cantar tute le conpagnie asunade questi salmi: Laudate dominum de celis; cantate domino; laudate dominum in sanctis suis; benedictus dominus deus Israel; te dominum laudamus. E quando fo li ôrori del dì, elo se clarà l'isola e fo discoverta da la nivola, e l'isola aparse e tute le conpagnie e comenzà a cantar questi salmi: Miserere mei, deus noster; deus deus meus, ad te de luce vigilo; domine refugium. A terzia: Omnes gentes plaudite; deus in adiutorium; dilexi quoniam, e la orazion. E puo' li pareva aver uno grando [agnello] blanco ch'eli faseva sacrifizio de lu'; e fe una benedizion de lu' e comunegàse devotamente. E como eli toleva la comuneganza ad un ad un, tuti dise questo verso: Hoc sacrum corpus domini et salvatoris sanguinem sumite vobis revertentes ad vitam eternam.

E quando eli fo tuti comunegadi da questo benedeto [agnello], e de queli fo do de li zoveni a uno cofano plen de graneli tali de uva madura, e de' questo cofano serado a li frari e dise cusì: "Tolé questa cosa in nave, ch'ela ve tornerà in otulitade". E como eli lo de', li dise cusì: "Tolé de lo fruto de l'isola e de li forti omeni e rendè 'nde lo nostro frar e non dové tegnir l'altru', e puo' andé con Dio e in gran pasie". E in quela fiada san Branda(n) clamà a si quelo frar e diseli: "Da' pasie a nu' e puo' va' da questi che te domanda. Sepi che in bon'ora e' t'ingenerà to pare, da che tu è' degno per merito de tuo bone ovre de star in questa bona zente sì preziosa". E lo frar devotamente de' pasie a tuti. E como elo ave cusì fato digando: "A Dio v'acomando", l'abado dise: "Fiol mio, non te recordes-tu quante grazie Dio ne à dade in questo viazo? Va' con Dio e priega Dio per nui".

E cusì elo se partì e andè via con queli do zoveni a la soa conpagnia, e como fo l'ora de nona e lo abado comandà a li suo' frari ch'eli dovese apariar da manzar e dovese tuor uno de li graneli de lo cofano, ch'elo voleva veder e cercar questa cosa così bela de colori. E (vezandola) eser cusì granda e cusì pesente, sì se fe gran meraveia e dise: "Io no viti mai nì non lo è oldido dir ch'elo fose in lo mondo cotal cosa de uva". L'un granelo è stado sì grando co' l'altro e cusì pesente, mo s'iera deferenzia in lo color de lo scorzo de fuora. E puo' comandà ch'elo li fose aduto uno cadin mondo e balanze, perch'elo vol saver ziò che questa cosa pesa e per veder ziò che sé dentro: elo tropà ch'ela pesa una livra e, ronpando lo so scorzo, che iera groso como suola de cuoro de bo e insiva 'nde un sugo como miel e rendeva molto grando odor e soave, e partì quelo granelo e per peso ne venà a ziascun una onza e ziascun fo sì pasudo per la onza, ch'elo non li ave luogo manzar plui in quelo dì. E puo' fe cusì ogni dì infina li dodese dì e questi dodese dì eli non manzà altra cosa e non bevè e si fo sazii, retignando senpre in boca uno savor de miel. E siando conplido li xii dì e fo conplido li xii graneli che li fo dadi.

E andando via de qua e de là, elo li mancà la vituaria, e in quela fiada san Brandan comandà a li suo' frari ch'eli stia in pasie e stia in orazion devotamente e ch'eli zuna tre dì; e cusì fe.

[20]

Hic venit una avis maior pavonis ad fratres

portans ramum arboris et fructum

E como fo pasado li tre dì, in ora de meza terza sì vene una osiela forte volando e iera molto granda e plui bela de paon e mazor, e parete vegnir da la parte de l'isola o' ch'el'iera stadi con la nave e o' che iera li tre puovoli de la zente e così ben vestida. Questa osiela sì aveva in beco uno ramo de uno alboro molto stranio da veder e per la beleza de le foie e de li rami e del fruto e avevali in cavo uno rozo de uva molto grosa e ziascuna uva aveva in si xii grani e l'un iera sì groso como l'altro e ziascuno aveva color claro plui de piere preziose. E siando ela vegnudo in nave, ela mese questo ramo su lo sen de lo abado che sedeva; e de presente ela volà via.

Vegando questa cosa, lo abado Brandan devotamente loldà Iesù Cristo e clamà li so' frari a si e sì li dise devotamente: "Vedé che zoia è questa? Alegréve e confortéve in Domenedio che non anbandona li so' amisi. Elo ve à mandado uno rico disnar: or loldélo e regraziélo como vui savé". Et eli cusì fe. E le uva de quelo ramo iera tute gualive e ziascun granelo iera groso como uno pomo in peso de una livra e iera xii uve; in ziascuna uva iera xii graneli. E vegando lo abado questa cosa, elo de' a ziascun frar la so uva e fazando quelo ch'eli vol e cusì avé che manzar xii dì, e in cavo de queli xii dì lo abado comandà a li so' frari ch'eli debia dezunar e orar; ed eli cusì fese.

[21]

Hic apparuit eis una insula plena arborum

fructiferarum et multorum bonorum

Et in cavo del terzo dì eli vete una isola a pruovo de si, la qual iera tuta plena de albori molto spesi e iera cargadi tuti de uva como li aveva abudo a manzar, e lo so odor e savor è tal ch'elo non se poria mai dir chi non lo vedese. E tuti questi albori iera pleti inver tera per lo gran peso de la uva, e non 'nd'iera alguna che non fose ben cargada. Lo abado desmontà in tera solo e dise a li frari che lo aspetase, e andà l'abado solo per tuta l'isola, voiando veder che 'nde iera per l'odor che elo sentiva e de le erbe e de li flori; e de questi fruteri s'iera tal e tanti che seria sufiziente per uno paradiso. Li osieleti, che 'nde iera, cantava sì preziosamente e iera sì beli da veder, che mai non se poria dir, onde per questo elo non se recordava de tornar da li frari, ed eli senpre lo aspetava in nave e pur vardava ch'elo vegnise, e tuta fiada li vegniva a lo naso uno soave odor lo qual li duseva uno picolo vento e per questo eli s'aveva desmentegato lo zunar e 'l manzar e lo abado che eli aspetava. E andando lo abado entro per questa isola, elo trovà sie belisime fonte le qual gitava sie rieli, e questi rieli s'iera pleni d'erbe molto verde e oliose e le so radise iera longe e grose e tropo preziose da manzar; e abiando lo abado ben zercado tuta questa isola, elo fo tornado a li so' frari e portà con si uno ramo con lo fruto de questa isola, e de'-lo a li frari cusì digando: "Frari mie', bona cosa è a star qua: onde desmonté fuor de nave e fiché lo pavion e déve bon cuor e confortéve in Dio e arcuì de li boni fruti de questa isola preziosa la qual Dio ne à conduti".

E così eli stete in esa xl dì e xl note e pasevase ogno dì una fiada de quela uva e de le erbe e de quele radise. E siando pasado li xl dì, eli montà su la nave e portà con si de li fruti de li albori de questa isola quanto eli ne potè portar, e elo (li) parete de navegar. In questo so viazo li aparse de gran tribulazion.

[22]

Hic apparuit eis avis Grifa in mari et altera

bestia, pro quibus habuerunt timorem

Et andando cusì via, eli vete una granda osiela e bruta da veder e à nome Grifa, la qual pareva da lutan vegnir contra la nave e a muodo de rabiosa, sì ch'elo pareva che ela li volese malamente devorar; (e aveva nome Grifa) in per quelo che in parte iera osiela e in parte bestia e in parte pesie e tegniva la boca averta e li ochi averti e (iera) tuta rebufada; onde li frari dise a lo abado con gran temor: "O pare, como devemo nu' far, ch'elo ne par vegnir sora una ria bestia per devorar 'de?". E lo abado li dise: "Non abié paura alguna e non ve temé de negota: Dio si è e serà in nostro aiutorio, elo ne à defendudo molte fiade e anche mo' ne porà-lo defender, s'elo li plaserà". Lo beco (de la Grifa) s'iera torto e le so ongle torte e le ale so iera taiade como rasori. Et eli stagando in parlamento, una altra osiela fo zionta e aveva uno ramo in boca, e como ela fo per mezo la nave, ela gità lo ramo in sen de lo abado e cridava contra l'altra e fe tanto bataia con esa, che ela avense e sì la olzise. E siando morta, ela caziè zoso in mar a pruovo la nave, e como questo fo fato, questa bona osiela tornà indriedo donde ela iera vegnuda.

E in quela fiada san Brandan con li suo' frari navegadori sì loldà Dio devotamente e umelemente, e dapuò puochi dì eli vete una isola, per la qual eli se confortà tuti. Lo abado con eli viazamente vene a la isola, la qual iera de la fameia de lo abado Abeo. E là con lu', segondo como eli iera usadi, eli stete e fe 'nde la festa de lo Nadal fina l'otava de la [Pifania]; e siando pasado tute le feste, elo prese conbiado e tolse la benedizion de lo abado Abeo e da li so' frari xxiiii. Entrà in la so nave e partìse e andà via per lo mar de qua e de là, e mè no ave reposo se no in li diti dì de le feste, zoè da una Pasqua infina l'oltra, e quando elo iera in alguna de quele isole preziose.

[23]

Hic invenerunt mare clarissimum, in cuius fundo erat

omne genus volatilium celi et animalium terre

Et una fiada san Brandan aveva cantado mesa in la festa de san Piero apostolo in la so nave: elo con li suo' frari vete uno mar sì claro ch'elo no li iera 'viso che 'nde fose miga de aqua, vegando molto claramente ogni cosa su per lo fondi. E uno d'eli vardà entro e vete su lo fondi gran diversitade de bestie che zaseva zoso de qua e de là e de quele altre iera grande e altre piziole, e iera 'viso ch'eli le podese tocar con le man, e sì l'iera 'viso ch'eli vedese una gran zitade con case e con tore, e tute queste bestie se tegniva la boca a lo cul de l'oltra e pareva piegore e cavre, porchi, cani, lovi, buò, aseni, lioni, grifoni, orsi, muli, bufali, ganbeli, dragoni, lionfanti, zervi. E vegando che lo abado pareva cantar mesa, eli lo pregà molto devotamente [che elo planamentre disese] questa soa mesa, a ziò che le bestie che sé in lo mar non lo senta e che non li dese briga. E como eli ave cusì dito, lo abado fese boca da rider e rise uno puoco e puo' dise: "Io me fazo gran meraveia como vui se' cusì sinpli; el par che vui abié plui paura de queste bestie che ziase zoso in gran pasie ca de colu' che sé Signor del zielo e de la tera e de questa aqua e de queste bestie e de li pesi! Non abié paura, infin che vui se' scanpadi da la bestia pesima in mar, che pareva che 'nde volese devorar, e da la grifa e da lo pesie che vui li fese fuogo adoso e steteli adoso ed elo ve stete quieto, e da la tenpesta e da li xl dì e da li altri pericoli grandi, e ben podé-u scanpar da queste bestie che sé lutan da vui plu de cinque mia"

E como elo ave dito questo, elo comenzà a cantar lo plu ch'elo pote. E loldava Dio santamentre e cantà la mesa molto forte con arquanti de li frari. Elo [no] iera de queli che molto atendava a le bestie, e cusì tosto como elo ave comenzado la mesa, tute le bestie levà suso e mente comenzà andar soto l'aqua, altre stava sovra l'aqua, como sta li musioni su lo vin, mo elo non fo alguna che tocase la nave; e queste iera tante che li frari non podeva veder altra cosa se no lo zielo e queste bestie. E tute stete lutan da la nave e andando de qua e de là per questa aqua, e como la mesa fo cantada, tute andà via, e siando andade via eli stete oto dì ananti ch'eli podese pasar questo mar.

[24]

Hic invenerunt buscum arborum qui surgunt de terra

et in terram redeunt, sive sol ascendit vel descendit

E cusì eli ave pasado lo mar claro e in cavo de li oto dì l'abado cantà una mesa, e adeso eli navegà tre dì, e in cavo de li tre dì eli trovà una isola in la qual iera uno bosco de molte amare erbe, e mente iera bele da veder e iera plene de foie e de flori e de fruti, altri aserbi e altri maduri. In si pareva aver cotal vertude, che da doman, sì tosto como lo sol levava, ele insiva fuora de la tera e a puoco a puoco ele cresieva su inn-alto infina l'ora de nona, e in quela fiada elo stava un puoco ferme non montando nì desmontando, e tute iera valide in si le foie e simele in ziascuna so fegura e in lo fruto; e puo' sì tosto como lo sol comenzava a desmontar driedo l'ora de nona e li albori comenzava a tornar soto tera; cusì non calava de far a puoco a puoco, infina che lo sol tornava soto tera, sì che quando lo sol va soto tera e li albori ne va anche eli nì per ziò par fuora la tera, mo tuta par salda, nì par la tera onde ele insiva fuora.

E per le oltre parte tuta l'isola si è plena d'erbe bele e olente de soave odor, e in una altra parte de quela isola si è albori molto beli et è 'nde de diversi colori. E su la zima de ziascun s'iera uno pomo redondo e meraveioso de color da veder, e iera sete e sonava parlar molto soavemente e cantar sì como canto de uno reloio de sete canpanele. E là da pruovo s'iera montagne sete e ziascuna s'iera de uno metalo, e là da pruovo s'iera sete fonte e ziascuna menava uno rielo, e una s'iera d'aqua e l'altra de vin, la terza de sangue, la quarta d'oio, la quinta de late e l'altra de miel e l'altra de balsemo.

[25]

Hic apparuit in mare una columna grandis

de cristallo et cooperta canopeo

Et andando con la nave in qua e in là, una fiada vene ch'eli, abiando uno dì cantado mesa, eli vete in mar una gran colona su dreta, e voiando eli andar defina ad esa, eli no brigà tre dì navegando et in cavo de li tre dì eli fo da pruovo. E lo abado comenzà a vardar ad alto per voler saver e veder la zima, e non pote ben saver, perch'elo non pote ben veder intorno e perch'ela pareva plui alta ca l'àiera. Puo' li parete zenta de uno rede, ligado con una soga de canevo, fato sì co' rododado e (iera sì) anpli li forami (ch'elo ne podeva pasar una nave). (Et) elo pensava, voiando saver che cosa e questa iera e perch'ela 'nde iera. Lo so color iera d'arzento e iera plu duro de malmoro e la colona pareva de cristalo molto claro e la so figura iera tal como lo pérolo de cristalo lavorado. E in quela fiada san Brandan dise a li suo' frari: "Meté li remi in nave e logé ben la vela e lo albore e algun de vui vada a pope e tegna ben lo gropo de la pozia e toia uno cavo e meta a la colona".

Et ela iera molto longa ben per uno mier e lo so forame se destendeva infina su lo fondi, e lo abado vegando questa cosa dise a li so' frari: "Meté la nave entro per algun muodo e per algun forame e vederì questa meraveia de Dio". Ed eli siando intradi dentro, eli sì vardà de qua e de là ed eli vete lo mar plu claro de vero, onde per quela claritade eli vete ogni cosa per tuto lo fondi, sì como s'elo no 'nde fose aqua, e vardando lo pè de la colona vete ch'ela pareva eser fermada soto, sì como s'aferma le colone de li marmori a le gliesie, e tuto lo cavo de lo canevo ch'azaseva in tera molto da lonzi. E lo santo misurà uno de li forami entro de li quatro canevi e trovà in ziascuna parte iiii braza, a casion che li forami iera quari, e cusì eli navegà tuto lo dì a pruovo lo ladi de la colona et eli trovà ch'elo iera l braza per ziascun quaro, e brigà a far questo iiii dì e in lo quarto dì eli trovà uno càlese molto grando de la maniera de lo canevo e la patena è de color de la colona, e iera questa cosa a una fenestra e cazea zoso, como cazie lo calese de lo prèvede, quando lo à sacrificado; e questo iera a lo lido de la colona inver ostro. E de presente lo abado tolse questa cosa in man e comenzàla a vardar per gran meraveia e dise: "Loldà sia Dio, lo qual ne à ancuò mostrado queste gran cose, e per nu' porà eser dito e crezudo da molta zente".

E abiando questo fato, lo abado comandà ch'elo se canta mesa de Spirito Santo e puo' tuti debia manzar. E tanto eli iera stadi consoladi a veder queste cose e mesurar questa colona, ch'eli non aveva abudo cura de manzar nì de ber, e voiando ben veder questo fato eli trovà che questa colona iera fata como uno pérolo de cristalo; lo pè, ch'ela iera su fermada, s'iera ben lavorada e quelo lavorier s'iera lavorado e fermado sovra quatro piere de iiii colori, e iera 'nde ben tuti e no 'nde mancava alguna cosa nì de pè nì de altro.

E siando pasà la note, eli navegà contra seterion, et eli pasando per uno de li forami de lo rede e de lo canevazo, eli levà lo albero e conzà la vela; et arquanti se alogà a pope e tegniva lo canevazo per gropo e li altri conzava tute le cose per la nave. E abiando fato tuto questo, Dio li mandà uno bon vento che li portà viazamente in oto dì a pruovo la boca de lo Inferno, inver la parte de Aquilone, ond'è lo vento che nome Buora.

[26]

Qua aparete una isola bruta che sé Inferno

E siando andadi con lo vento in parte de 'Quilon, eli vete una isola che l'iera da pruovo, la qual iera tuta plena de sasi grandi e de piere, e quela molto soza da veder, e no 'nde iera erba nì albori in nesuna parte e iera plena de fusine de favri e de rode e de agudi e de marteli e de ancuzine e de falze e de siege de fero e de verigole grande e de daladore de marangon. E apreso ziascuna fusina s'iera uno omo forte bruto da veder e stava a muodo de favro. E tuti questi favri bateva a le so fosine diverse cose e altri agudava, et a luogo a luogo s'iera fornasie e ardeva forte e iera molte grande; e vegando l'abado queste cose, le qual iera rie da vedere e spaurose, sì dise così a li so' frari: "O frari mie' carisimi, questo è rio luogo da star, e sì è conpasion de queste cose ch'io vego e perziò non voria andar quenze nì aprosimarse, se Dio ne volese dar grazia".

E abiando cusì dito, elo vene uno forte vento e mese la nave molto preso questa isola che iera una gram montagna a pruovo lo mar. E sì como Dio volse, la nave pasà con salvamento per uno dreto corso, e siando uno puoco pasado ananti, sì como s'iera uno trato de piera, eli oldì uno son de foli molto forte bufar a muodo de uno ton de zielo, e batimento de marteli su ancuzeni molto speso feva li colpi. E oldando questo lo santo abado se signà e armàse de l'arme de la crosie in quatro parte, digando cusì: "O signor Dio Iesù Cristo, scanpame da questa isola, s'elo te plase".

E abiando cusì dito, adeso vene uno omo de l'isola corando inver de nu', e iera vechio e aveva la barba molto longa e iera tuto negro e nudo e peloso como uno rizo e de gran fumo e puzava da solfere e da oio petroleo, e sì tosto che costu' à vezudi questi servi de Dio, elo tornà tosto indriedo e andà a la so fosina. E lo abado se signà ancora e comandàse a Dio, e puo' dise a li frari: "O fioli mie', levé su plu alta la vela e navegé plu forte e plu tosto che vui podé e scanpemo via da questa isola, ch'elo n'è mal star". E como elo ave cusì dito, de presente vene uno mal vechio da una barba su lo lido corando, e duseva in man do gran tenaie con una gran maza de fero, a muodo de una pela, de peso de livre l e gitava da torno de si setele de fuogo, como fa lo fero boiente trato fuora de la fosina. E como elo fo su la riva, elo la gità driedo li frari, mo sì como plasete a Dio ela non li nosè, mo sì li pasà da pruovo per lo spazio de uno mier de tera. E o' ch'ela caziè in mar, l'aqua comenzà a boir como uno lavezo plen de carne a fuogo. E abiando vezudo questo fato e li tantasi per lo fato de uno mier, eli vete tuti queli omeni de quela vila eser tal che mo' quelo barbaro corando a lo lido, e ziascun aveva in le tenaie una maza de fuogo, e insì 'nde fuora uno gran fumo e puzolenti, lo qual turbà l'aire malamente. E l'aqua sonava boir a muodo de uno gran lavezo e asè ne fo che se le gitava adoso l'un de l'altro e puo' tornava tuti indriedo a le so fosine e piava le maze e coreva a lo mar e gitàvalile driedo; onde che tuta l'aqua de lo mar in quela riviera ardeva. E puo' pareva che questa isola brusiase tuta e feva gran flama e fumo, e briga tre dì questo so brusiar; e andando via eli oldiva uno gran cridamento e urlamento de molta zente e al naso li vegniva una gran puza e lo abado confortava li suo' frari e diseva: "Conpagnoni, sté seguramente e non ve dubité, che le arme de Dio è plui forte ca quele del mondo, e fazove asaver che nui semo in le parte de lo Inferno e questa isola si è una de le so isole e avé vezudo alguna cosa de le so insegne, e perziò voio orar e vegliar e star in orazion, a ziò che nui non posemo temer queste male cose".

E como elo ave cusì dito, eli oldì una bósie che sonava dir molto dolorosamente: "O santo pare, lo qual è servo de Dio e amigo, ora per mi topin: sepi ch'io son perso a mal mio grado e a forza e a vui voria volentiera vegnir, mo io non poso, doloroso. Io son sventurado malamente, a voi a mi, che mai nasì in lo misero mondo, lo qual è plen de ingani e de tribulazion. O como io son 'treto da ogna parte e non so che me strenza nì con che cosa! Dolorosa la vita mia da qua innanti!". E li frari fo tuti in gran spavento, e clamà a si la soa misericordia de Dio e pregàlo ch'elo li faza grazia ch'eli non debia andar in luogo rio quando eli morirà. E vardando inver quela isola, eli vete questo omo nudo che vegniva menado a lo tormento e oldiva bósie che sonava dir: "Al fuogo, al fuogo". Altri diseva: "A l'aqua, a l'aqua". Altri diseva: "Pia, pia". E altri diseva: "Apica, apica". Altri diseva: "Liga, liga". Altri diseva: "Muora, muora tuti li nostri nemisi che sé servi de Dio!". E in quela fiada tuta l'aqua de lo mar se comenzà intorbar e a muover, e puo' se aprese e feva gran flama in molte parte e gran prone de fuogo ad alto e puo' cazeva zoso in mar; e la puza vegniva granda, sì como de solfere e de oio petralo. E per questo fumo e per la puza eli non saveva o' ch'eli doveva andar, e oldiva bósie che diseva: "Rosti, rosti, meti in fuogo, bati, bati, taia, taia, siega, siega, strenzi, strenzi!". E uno altro dì, andando via, lo li aparse uno gran monte inver ponente e iera in mar, e dentro quela parte de seterion sovravene subite nivole; e in quela pareva diverse cose, sì como grifoni, orsi, porzi, zervi, cavali, ganbeli e in la zima del monte pareva insir uno gran fumo.

E voiando scivar questo luogo, uno vento li mese pruovo tera e la nave ferì in tera fortemente; e la riva iera molto alta e de su lo monte descoreva uno flume de sangue vivo, e uno de li frari de li tre, che iera romaso con l'abado in conpagnia, volse insir de la nave, e insì 'nde prestamente e comenzà andar zoso infina lo fondi de la riva; e como elo fo zoso, elo fo preso ed elo comenzà forte a cridar e dise: "O santo pare, mal me partì da la toa conpagnia! Io son preso e non so da cui, inperch'io no è balia de tornar là da vui". E li frari comenzà a tuor via la nave e volevasi partir de lo porto e orava Dio digando cusì: "O misier, abi misericordia de nu' pecatori!". E lo abado pur vardava questo frar e vedeva ben ziò ch'elo faseva e vedeva quelo cativelo vegniva menado malamente da uno omo so conpagno de domonii a lo luogo de tormenti, e vete como elo fo inglotido da la boca de uno dragon che à viiii cavi, e puo' como elo lo cavava de soto, e puo' vegniva menado in uno luogo e là li vegniva apreso lo fuogo intorno. E in quela fiada dise lo abado: "O fiolo, a voi a ti, dolente!  Perché nasies-tu? Par a mi che tu ebi remitado aver cotal luogo per le to ovre; a tal fin te vezio eser conduto!".

E como elo ave questo dito, elo vene uno vento forte e menà via la nave inver l'ostro; e como eli andava, eli vete da lonzi, vardando inver questa isola onde eli iera vegnudi, e lo monte così alto tuto descoverto e in la zima forte brusiava, e le flame andava molto alto inver l'aire de lo zielo e vene zioso cusì ardando in piziola ora e parea tuto una flama de fuogo. E vegando questo, lo abado con tuti li frari e' navegà forte inver mezodì per lo tenpo de dì sete, et eli non vete se no zielo ed aqua.

[27]

Qua aparse suso una piera Iuda in mar

E siando pasado li sete dì, andando eli vete da lonzi eser in mar una forma piziola, sì como de uno omo che pareva sentar suso una piera in mar e aveva davanti da si uno velo molto lutan a la mesura de una sartia de nave e iera apicado entro do forche de fero e non stava de scasegar per lo vento, e cusì questo omo pareva eser conbatudo da le onde de lo mar, sì como suol far le nave da le onde, quando ela è in pericolo de perir per lo conbatimento de le onde. Et eli andando ananti, e de li frari che iera in nave (altri) diseva ch'elo non iera omo, anzi iera osiela, altri pensava questa cosa fose una navesela. E lo abado, oldando questi frari così dir, sì li respose e dise: "Frari mie', lasé star queste vostre rasion e non conté ziò che vui avé comenzado, mo drezé la nave vostra e andé a quelo luogo lo qual vui vedé e saveremo che cosa ela è".

E como eli fo da pruovo, eli vete ch'el iera uno omo nudo e molto peloso e desformado da li altri, lo qual sedeva suso una gran piera, e le onde de l'aqua de lo mar li bateva d'intorno malamente da ogna parte, zioè dal cavo a li piè, e così lo covriva tuto spese fiade; e quando le onde tornava indriedo, elo pareva quasio tuta la piera nuda su la qual sedeva questo cativelo desventurado. E lo pano che l'iera dananti e ben lonzi da lui molto apicado e spese fiade se menava a muodo de uno confalon per lo vento che lo scasegava, e ben spese fiade dava a li frari per li ochi e per lo fronte. E como eli ave ben vezudo questa cosa, eli se fe gran meraveia, e in quela fiada san Brandan comenzà a parlar e dise così: "Io te domando chi tu è', e per che casion tu è' qua e sta' cusì, e par che tu fazi qua una gran penetenzia, e che merito dies-tu aver de questo, e se tu è' vivo o se tu è' morto e quanto tu die' star cusì".

Et elo li respose in questo muodo: "Io son morto e non son vivo; io son Iuda Scarioto, lo qual alzisi mio pare con una piera et avi mia mare per muier, mo non lo saveva, e zasì conn-esa longo tenpo e avi de lie molti fioli, e sì fu' grando marcadante e falsava tute le marcadanzie ch'io podeva, da ch'ele iera in mia balia, e tosorava li deneri grosi e dava a usura dinari, drapo e biave, e fu' gran laron; e puo' fu' apostolo de Iesù Cristo, et elo me fe spendedor de la conpagnia e corezedor de ogna cosa che li vegniva donado. E per poder mantegnir li mie' fenti ch'io aveva in altra parta, elo me de' balia de tuor tuta la desima de ogna cosa e ch'io la mandase a li mie' fenti; e io cusì feva. Perché Maria Madalena spese tanto in onguento in lo corpo de Cristo, onzandoli lo cavo e li piè una sera in casa de Simon levroso, ela aduse uno onguento che li aveva costado trisento denari d'arzento, e cusì li aveva costado a la stazon. E io me coreziè malamente per lo diesimo che me vegniva, io non lo puti aver; pensiè de regovrar questo diesimo e così me vene in cuor de falsar la conpagnia e de tradir lo mio signor e darlo per xxx dinari, e così fi e regovriè da lui lo diesemo ch'io aveva perdudo. E non inpensiè suso ch'io fisi rio inpensier, mo io non criti che le cose dovese andar sì malamente e ben criti che alguna cosa de mal non fose, mo fime questo inpensier: elo saverà a ben scanpar per la soa gran sapienzia e per la soa vertude ch'elo à in lui. E questo inpensier me inganà, onde quando io viti per zerto che Iesù Cristo iera del tuto condenado da Pilato e ch'elo doveva eser pur morto, io fu' tropo dolentre e tristo de ziò ch'io aveva fato de lu', e per quela casion io rendì tuti i deneri indriedo e crezando ch'eli l'avese lasado, e clamième forte in colpa, oldando tuti. Io vegando che questo non me podeva zovar, sì como desperado per grameza e per dolor, conpriè una soga e apichème a uno alboro, como se apica li laroni e là io morì. E siando morto, io fu' meso adeso a star così como vui vedé star". E puo' dise: "Questo ch'io è, io non lo è miga per mio merito, mo per spizial grazia che Dio me à fata sì como li à plasudo; nì non m'è luogo de penetenzia che tropo me vaia, mo si è uno luogo de perdonanza e de alguna aparenzia de refrizierio, la qual me vien fata a l'onor de Dio ogna domenega. Et ancuò è domenega e perziò me avé vu' posudo trovar qua. Ed ème 'viso in veritade che quando io son su questa piera ch'io sia in Paradiso e plu me rende consolazion che poria far tuti li deleti de lo mondo metandoli tuti ad un, como ben manzar, zugar, balar, cantar e ben ber, con bele done star a soa voia, trovà' tesoro soto tera et eser levado (da) uno gran signor in alguna degnitade. E tuto questo si è per la gran paura ch'io è de le crudel pene e de li forti tormenti ch'io è e ch'io porto e ch'io spiero aver in questa note che vien, e puo' tuta fiada fina una altra domenega et ogne altre feste prinzipal de Dio e de la so dolze mare. E per lo so amor elo fa molte grazie et asè, zoè a li vivi e a li morti. Onde sapié ch'io ston qua ogna domenega e ogno Nadal defina la festa de la Pefania, e in lo dì de la Santa Pasqua fina lo conplimento de lo dì de Pentecoste, e in le quatro feste de santa Maria, la qual è fontana de misericordia e plena de grazie: zoè lo dì de la so nativitade e de la so anoziazion e de la soa purificazion e de la soa asension, et in lo dì de Ogni Santi. E anche sia in questa figura che vui me vedé, no parando ch'io abia alguna altra pena, io ardo tuto e son tal co' lo fero roente in la fornasia e sì como una masa de plonbo la qual è descolada in una ola, e quando io son tolto de qua, io ston de dì e de note in mezo de quelo monte altisimo lo qual vui vedé da lonzi. E sapié che in quelo monte si è Lavita(n) con li suo' cavalieri, e tuti sta in pene diverse; e io s'iera in quelo luogo, quando fo inglotido lo vostro frar che vene con vui e insì de nave cusì matamente. E perch'elo zonse a lo Inferno e lo Inferno mostrà segno d'alegreza, onde lo fuogo fo mazor e insìne cotal flama e fumo e puza; e così fase ogna fiada, quando elo 'nde azonze le aneme de li pecatori e lo dragon le devora. Or ve ò dito com'io ston e per che casion e' die 'nde star fin lo dì del Zudisio e como io son malamente cruziado in lo profondo de l'Inferno con lo re Rodes e Pilato, Ana, Caifas, li qual patizià con mi e feme far lo pagamento per lo tradimento ch'io fisi de lo corpo de Cristo nostro signor. E perch'io sè che vui se' amigo de Dio, sì ve sconzuro per la so parte, lo qual è signor de onor e rendetor de lo mondo, che digné lu' pregar per mi a ziò ch'io sia lasado qua infina doman, che li demonii non me posa far mal nì menar via a quela ria ereditade, la qual io conpriè per mal priesio".

[28]

Hic invenerunt (speluncam) sancti Pauli in insula parva

Et in lo terzo dì navegando, elo li aparse una isola piziola inver mezodì e ierali da lutan; e sì tosto como li frari l'ave vezuda, eli comenzà forte a navegar verso de quela. E como eli aprosimà a la isola, san Brandan li dise così: "O frari mie', non ve voié così forte fadigar nì le vostre menbre stancar, perché asè se' fadigadi da che nui fosemo fuora del nostro monestier. Io ve fazo asaver ch'elo è mo' sete ani conplidi a questa Pasqua, che mo' vien, che nu' se partisemo fuora de lo monestier per casion de andar in tera de veritade e de promision de li santi; tosto nu' vegniremo a conplimento de l'intendimento nostro e puo' torneremo a casa sani e salvi. Ancora troverì e vederì san Polo eremita, servo de Dio et omo de penetenzia spiritual; e si è in questa isola stado ben lxx ani per far penetenzia e no à manzado alguna cosa de zibo za se fase xl ani, nì abudo alguna vestimenta indoso. E in li primi xxx ani lo fu pasudo meraveiosamente da uno pesie de mar lo qual li mandava Dio ogno terzo dì".

E aprosimando eli a lo lido de questa isola, la riva iera sì alta, che per quela casion eli non podeva prender porto, e questa isola iera de una montagna molto redonda e alta zerca pasa cc (e) in la zima de sovra non iera erba nì alboro nì alguna altra cosa se no una piera molto granda e ben polida e tuta quara da ogna parte e s'iera tanto longa como larga e olta; e tanto andà intorno navegando, ch'eli trovà uno porto molto streto e iera sì serado che apena la nave 'de pote intrar con la proda. La montagna s'iera molto pericolosa da andar su lo monte, e vagando questo san Brandan, elo li dise così a li suo' frari: "Spetéme qua e non ve partì defin ch'io non torno e a vui no è lizita cosa a vegnir 'de nì trovar quelo che 'nde sta senza so parola, sapiando ch'elo ne sta uno servo de Dio per far una soa penetenzia, e quelo san Polo ch'io ve disi, da ch'elo ne fo, mè no fo vesitado da omo se no mo'. E s'elo se porà far, vui lo vederé con mi".

E così elo se mese andar su lo monte e li frari romase in nave. E siando questo san Brandan andado su lo monte de questa isola, elo vardà in qua e in là: elo vete do spelonche, zoè abitacoli soto tera, e ierali da pruovo e l'un avea la so porta inver levante e l'oltra inver ponente; e davanti la spelonca de ver levante s'iera una fontana molto bela e redonda e insiva l'aqua fuora de la viva piera e iera a pruov' a la intrada de la spelonca o' stava lo santo servo de Dio, e lo rielo per spazio de uno brazo sì entrava in la piera ch'(i)era tuta sfloregada de picoli busi.

[29]

De modo et forma fontis, qui erat ante ostium

spelunce sancti Pauli heremite

In la forma iera un puoco cavada in lo fondi e s'iera molto bele piere preziose xii e l'una piera no iera de tal color como l'altra e ierane xii figure molto stranie, sì como de cristalo clarisimo, e iera intorno le sponde e no su lo fondi e semeiava a li xii segni de lo zielo e de la tera, et in zerte parte d'ese s'iera arquante stele d'oro plu claro de cristalo e l'una iera mazor de l'altra e plu bela; e in mezo de l'aqua s'iera una pela de tera e no se moveva e non se podeva muover e le xii figure senpre andava intorno l'aqua de la fontana e sonava uno molto soave son per lo so movimento.

E sì tosto como san Brandan fo suso e a pruovo la porta de la spelonca de ver levante, elo insì fuora uno vetran e dise questo verso, andandoli incontra: Ecce quam bonum et quam iocundum habitare fratres in unum. E como elo ave cusì dito, san Brandan intese lo dito de lo servo de Dio e tornà zoso e comandà a li frari ch'eli vegnise su lo monte et eli porà veder cose stranie (e molto meraveiose). E siando eli zonti su lo monte là da lo servo de Dio, eli se de' pasie a un a un devotamente, e lo servo de Dio li de' pasie molto benignamente ad un ad un digando: "Ben vigné". E menzonàli tuti per nome e per sovranome et eli, oldando queste parole e vegando eser così peloso de caveli e de barba e de peli blanchi e de peli longi, eli s'à fato gran meraveia, inperché elo iera molto strania cosa da veder, a casion che questa soa vestimenta de barba e de caveli e de peli sì li andava per tera. Tuti li suo' caveli e la barba e li suo' peli iera blanchi como neve e andava per tera per la soa longeza e non li pareva se no li ochi e la boca e lo naso e le ongle de la man, e no avea oltra vestimenta indoso se no li suo' peli de le carne, como à le piegore e iera molte vechi.

E vegando queste cose, san Brandan comenzà cazé' in pensier et eser molto gramo in cuor so, e diseva planamente enfra de si: "A voi a mi, dolente, ch'io porto indoso bon abito de munego, lo qual me cuovre la carne e tieme colda la persona, e soto mi e lo mio comandamento sta molti omeni soto l'ordene mio e de lo mio abito; e, como à plasudo a Dio, in questo mio stado, io me credeva far penetenzia per plaser a Dio. E mo' io è trovado qua uno servo de Dio, lo qual è omo como li altri et è in altro stado de ziò che iera li altri e per stanzia de luogo e de abito de vestimente. Avegna ch'elo sia così vieglio, per molti ani è stado in questa piera, nì manzà pan nì manzà vin nì cusinato da fuogo; et elo è ancora belo e fresco e sta san de lo corpo e mondo in anema de li vizii e de li pecadi". Et elo rasionando in si queste cose e de le altre, lo servo de Dio sì li parla e dise: "O servo santo e degno de reverenzia, tu pò molto eser aliegro e consolado con Dio, vegando e cognosando e recordandote de tante cose stranie e tanti miracoli quanti Dio te à mostradi in questo to viazo; e ben te à Dio tal cose mostrade e lasade veder, ch'elo non lo volse mai far ad algun de li altri santi; e ti (di') in cuor to che tu no è' degno de portar abito de munego e no te cognosi ben eser amigo de Dio, nì te conpudi de far ben plasevele vita a Dio; e questo fase la to umilitade e bontade. Sepi che tu è' verasio munego e bon e plu ca munego, inperché la mazor parte de li munegi no lavora, mo ti lavori molti lavorieri, ché tu duri fadiga tuto lo dì con le mane navegando e con lo cuor e con la lengua orando e far far ad altri le someiante cose; e à' pensier de mantegnir li tuo' conpagni in bon stado de salvazion. Mo' no te cognoses-tu che tu è' andado sete ani conplidi alò per lo mar, mo' in qua mo' in là, sostignando de gran paure e de gran tribolazion, e à'-te pasado infina a lo dì d'ancuò con tuti li tuo' frari e à'-te conservado indoso le vestimente? Onde la toa vita si è bona et utele e santa e zusta. E io, misero me, ston qua sì como una osiela, su questa piera, como fase l'aguia, e sì son nuo e non è cosa che me cuovra le carne se no li mie' caveli e li mie' peli de la barba e de lo doso: io sè ch'elo è una paura a vederme".

E in quela fiada san Brandan umelemente el domandà como elo aveva nome e de qual abito de frari elo iera stado e onde elo iera e quanto tenpo iera ch'elo iera stado luogo a far questa penetenzia. Et elo sì li respose in questo muodo: "Lo mio nome si è Paulo et io sì fu' norigado fin da fantolin de tre ani in lo monestier de lo abado Patrizio, lo qual fo santo omo. In quelo monestier io stiti ani l e fome dado per ofizio a vardar lo zimituorio e lo inclosto dentro da li frari, como eli moriva e aidàvali a sopelir. El vene uno dì, como io stava in quelo luogo e diseva mie orazion, elo me vene sovra lo mio degan e diseme che uno de li frar iera morto e diseme ch'elo se voleva far la sepoltura per sotorarlo e mostràme lo luogo o' che io doveva cavar la doman. E come vene da sera, elo me parete uno vetran ch'io non cognoseva e parlàme digandome così: 'O frar mio, anch'elo te sia comandado dal degan che tu fazi doman una fosa per sotorar uno morto, sì (no) la fa, inperché che quelo luogo è d'altri, anche ti non lo sapi'. E io lo vardiè e no lo cognoseva chi lo fose, e disili così: 'O pare, chi es-tu?'. Et elo me dise: 'Che è zo che tu non me cognosi? Mo no son io Patrizio lo to abado?'. 'E' ben lo cognoso, e s'io lo vedese ben lo cognoseria'. Et elo me dise così: 'Sapi, Polo, ch'io son Patrizio lo to abado, avegna che ti no me cognosi'. E io li disi: 'Como se' vui Patrizio, che voi non lo somié?'. Et elo dise: 'Sapi ch'io son Patrizio e ti no me cognosi ch'io son morto e non vivo, e ieri pasiè de questa vita e non son plu in lo siegolo. E bon sta e trova in l'altra vita, sì ch'io me ne clamo ben contento. Mo elo la sa ben tuti li altri frari et Albeo die eser abado e serà bon omo e de santa vita e amigo de Dio'. E puo' me dise: 'Quelo (luogo) ch'è signado da lo dagan to per far la sepoltura si è mio e de lo mio corpo et altri lo die far e non ti; e questo ch'io te digo no lo dir ad altri. E fazote asaver ch'elo non plase a Dio che tu sti plu in questo luogo nì a quest'ofizio, mo doman da (matina) farà cusì: como lo maitin serà dito, in lo nome de Dio doman per tenpo va'-tene a lo lido de lo mar e là tu troverà una navesela con tuti li suo' apariamenti e ti entrerà entro in lo nome de Dio e laseràte andar o' che Dio vorà. Et ela te condurà in puochi dì per la vertude de Dio in quelo luogo o' che tu die' far una durà e aspra penetenzia; e là die' morir, quando Dio vorà. E quelo luogo si è molto solitario e stranio da veder e si è a pruovo lo Paradiso Teresto e molte cose de lo Paradiso Teresto tu vederà che te serà de gran consolazion in toa vita. Sta' seguramente, che tu die' aver consolazion e salvazion; et elo te sé za aprestado uno molto belo luogo lo qual tu serà metudo in l'oltra vita'. E come elo me ave cusì dito, io no lo viti plu nì no me acorsi como elo se partì nì in qual parte elo andase; onde io stiti così tuto pensoroso quela note. E la doman per tenpo segondo lo dito de questo santo omo io fisi, e no fu prego e sì andiè a lo lido de lo mar e troviè una navesela molto piziola con li suo' remi e con le suo forche, e così in nome del Pare e del Fio e del Spirito Santo io intriè dentro e sentième zoso in mezo e segondo lo santo pare me avea dito io fisi; e la navesela se partì de lo porto. E tulsi uno remo in man e comenziè a vogar inver quela parte o' che stava volta la proda, zo fo inver levante. Ed ela me portà per uno mar molto verde, puo' lo troviè molto roso e puo' molto claro plu de cristalo, e stì 'ndi tre dì in mezo de quelo mar cusì claro. Io sì troviè una alta montagna molta redonda e alta inver lo zielo ben la otava parte de uno miaro, zoè questo luogo o' che io son, e la navesela se trase in una picola e streta intrada e pareva eser molto pericolosa d'andar. E io vegando questo fato, insì fuora e comandiè-me a Dio e puo' diè de lo pè a la navesela et ela se partì da riva e tornà indriedo inver quela parte donde ela iera vegnuda, e pareva andar molto tosto. Io stiti sete dì a cercar tuta questa isola, e quando lo setimo dì io vini su questa zima e io troviè questa gran zima e questa piera quara; e vegando queste do spelonche de ver levante e questa bela fontana, io volsi intrar in questa spelonca de ver levante: e qua me son stado dapuò dal primo dì infina mo'. E in lo primo dì ch'io ne intriè, sì me stiti infina nona; e abiando fame io insì fuora e vardième de torno, e viti da lonzi vegnir una piziola navesela, la qual non calà de corer si(n) fo-la a la riva e là se ferma, e no 'nde iera dentro alguna persona, mo sì 'nde pareva entro una bestia. Onde io andiè zoso e troviè ch'elo iera uno pesie, onde ch'elo iera molto grando e aveva iiii piè e stava dreto in li do piè de driedo, e in boca aveva una piera e uno (az)alin da bater fuogo, e in li piè de driedo iera uno fasio de legne seche e gramegna per esca da fuogo. E io, vegando questo, comenziè a pensar ziò ch'elo voleva significar, e stando in questo pensier, lo pesie insì fuora belo e vivo e mésese ad andar su per la riva. E como elo fo davanti da la porta da la mia spelonca, elo gità le cose zoso e, scasegandose a muodo de pesie con lo cavo e con la coda, et elo morì. E io inpensiè che Dio me avea mandado questa cosa e parevame ch'io doveva bater fuogo e inpiarlo e cuoser questo pesie e manzar a mia voia; onde io batì fuogo in la gramegna e aprìsilo e rostì de lo pesie e fi 'nde tre moreli; e puo' io manziè l'un e fo lo cavo, lo qual fo molto bon da manzar, e puo' bevì de l'aqua, mo no de la fontana, e così zuniè quelo dì. E in l'oltro dì a nona sì manziè un oltro morelo e in lo terzo dì la coda. Quando vene lo quarto dì, a l'ora de nona io viti da lonzi per lo mar vegnir corando quela picola navesela e iera entro uno cusì fato pesie con cotal cose como iera l'altro; e io vegando che questa mandata Dio me la mandava, e io sì andiè e tolsi questa cosa e sì me la cosi, e fi questo como io fi de l'altro e tini quelo insteso muodo. E in questo muodo Dio me pasiè trenta ani e altra cosa non manziè, e in queli trenta ani e' non avi mai sede se no de domenega, e perziò io no beveva. E la domenega, in l'ora de terza, io vedeva una copa de cristalo a la fontana plena d'aqua la qual ne intrava planamente; e a puoco a puoco sì ne insiva dentro la piera quara e no 'nde insiva plu tuta la setemana se no quela. E in quelo dì, siando pasado li xxx ani, Dio me mandà zibo, onde de quelo no ve digo mo' altro".

Et abiando dite queste parole, elo li de' conbiado, digandoli: "S'elo ve plase cercar questa isola, sì lo podé far; se no brigé de partir, ché vui avé a far vostri viazi. E tosto conpliré i vostri desiderii e per quelo vui se' fuora de lo monestier vostro. Or io sì è a dir le mie ore e far le mie orazion. Dio sia con vui".

[30]

Hic apparuit una insula, in qua omni anno faciebant

Cenam Domini et visitabantur a procuratore

Siando pasado tute queste cose, l'abado Brandan no volse plu zercar questa isola, mo sì tornà a la nave con li suo' frari e intrà entro e comenzà forte a navegar, e sì come plasete a Dio in puochi dì uno vento li concluse a una isola là ch'eli fo altre fiade. E là iera la fontana cusì bona e de la qual eli iera usadi a tuor de l'aqua e de inplir li suo' vasieli per far longo viazo; e siando pasado lo tenpo de tute le feste de tute do le Pasque, lo procurador de li poveri, lo qual iera con eli segondo usanza, sì dise così a san Brandan: "O pare mio, intré in nave viazamente con li vostri frari e si enpla li vasieli d'aqua de questa fontana".

[31]

Hic procurator pauperum Christi se associavit cum fratribus

et conduxit eos in Paradisum et stetit cum eis

Et in questa fiada de mo', dese lo procurador: "Io voio eser vostro conpagno e serò e voiove menar e condur in quela parte o' che ve à luogo andar; e senza mi non posé mai trovar la tera de veritade de la promision de li santi. In veritade io sè che a Dio plase ch'io vegna mo' con vui per dirve li fati e menarve de qua e de là per quelo Paradiso da le dilizie, lo qual Dio ordenà in tera in mezo de lo mondo e felo per uno so giardin d'amisi ê lo incomenzamento de lo mondo et elo ne alogà Adamo, primo omo, e sì lo fe vardian e signor de ziò (che i iera dentro), zeto de uno alboro ch'elo voleva salvar per si; ben li donav-elo tanto de le altre, che Adamo le podeva ben vardar quelo per lui; mo non lo fese".

E abiando lo procurador dite queste parole, lo abado montì in nave con questo omo e con li suo' frari, e como eli intrava in nave, tute le osiele de quela isola, picole e grande, sì vene a lo lido: et altre andava volando in qua e in là e altre se astalava su li albori e altre stava zoso in tera e iera 'nde de ogna maniera, e tute comenzà a cantar molto meraveiosamente, onde per quelo cantar eli iera sì aliegri e sì consoladi, ch'eli non se saveva ben partir da riva. E lo bon omo li diseva pur: "Levé la vela e andemose 'nde in bona ventura". E como eli comenzà a levar la vela, elo zonse una gran conpagna de osiele blanche como neve, de le qual altre iera fate como mosche e altre como ave, altre como scuarzuole e volava per àiere in qua e in là e quasio a una bósie comenzava a cantar e diseva a muodo de omeni e de femene e de fenti questo verso per canto molto soavemente: Dominus prosperum iter faciet illis in tempore, et implebit desiderium eorum; spes omnium finium terre et (in) mari longe. Letamini in domino; exultate, iusti, et gloriamini omnes corde recti; gloria patri et filio et spiritui sancto, sicut erat in principio et nunc et semper et in secula seculorum. Amen. E cantando queste e le altre tasieva tute. E como elo fo conplido questo canto cusì prezioso, san Brandan con queli che iera con lui comenzà forte a navegar inver levante. E andando cusì per mar, tute le osiele se partì e tornà a li suo' luogi; e siando andadi cusì navegando, eli fo zonti a l'isola de lo procurator, e como eli fo a quela isola, la nave forte per si ferì in tera.

E, siando in lo porto, eli comenzà aliegramente a cantar: te deum laudamus, te dominum e diselo tuto quanto, e lo procurador si insì inprima fuora de la nave e puo' lo abado e puo' li frari tuti quanti; e ligà ben la nave e puo' stete con lo procurador in quela isola xl dì. Elo li fe le spese granmentre de tute bone cose e menàli per tute quele rive ch'elo vardava e mostràli ogni cosa.

[32]

Hic fratres pervenerunt ad insulam

pulcram procuratoris in qua steterunt xl dies

E siando eli con lo procurador in quela soa isola, la qual iera molto bella e granda, lo abado Brandan con li suo' frari trovà e vete tante cose stranie de le cose de le altre contrade, che apena poria eser scrito: mo tuta fiada, o crezudo o non crezudo, elo trovà una via tuta de aste lavorada de diverse piere preziose in beli lavorieri devisadi l'un da l'altro, e queste aste s'iera lavorade con oro e con arziento molto ben. E questa via iera longa uno mier, e da li ladi sì pareva eser fosadi puoco cavadi e in quele s'iera rane belisime da veder per la stranieza de li lavorieri qu'ele aveva lavorade le so pele; onde ele iera plu bele da veder quele so ovre che non è le porpore nì li frisi anpli lavor(ad)i de molte sede ad oro e con perle e con piere preziose. E queste rane cantava sì dolzemente e sì ben e aveva (sì) belo muodo, ch'elo non averia avantazio la vosie de lo arpenil nì de lo canon nì de lo mezocanon nì de lo seltierio. S'iera suso per li rieli zumentele che andava cantando su per l'erba, e iera 'nde de piziole e de grande lusierte che coreva de qua e de là, tante bele da veder per zerti lavorieri che iera lavorade le so pele, che ben non se pò dir nì scriver.

L'erba de la riviera tanto iera bela e oliosa, ch'ela soperclava in beleza e in odor tute le nostre erbe oliose, ond'elo è niente lo odor de la savina, de lo rosmarin e de la menta e de le viole e de le ruose e de lo comin e de le naranzie. Li albori per li luogi iera tanto beli e grandi, che per la longeza e per la groseza, ch'è a mioramento, per nu' non se poria dir e tuti iera gargadi de flori e de diversi colori e de fruti; e su ziascun ramo de tuti s'iera fruti maduri e aserbi e mezi maduri e mezi aserbi, zoè dataleri, pigneri de asè nature, pereri, castegneri, susineri, persegeri, ziotroni, zinamomo, caroberi. Vedesemo cane de zucaro e altri albori de diversi fruti, che no è in le parte de Italia, che briga seria a contarlo. Li grii per li canpi tanto iera beli e tanto sonava bon in so cantar, che non incresieria mai a oldirli. E de queste cose e de le altre sì ne iera per la riviera de la via. Tuti li albori s'iera cargadi de osieleti che cantava tanto dolzementre e tanto soavi versi faseva, che chi nonn-avese altro paradiso ca questo cantar, seria sofiziente, nì no averia luogo nì ber nì manziar nì altra cosa voler dir nì far se no a star a oldir li suo' versi cusì preziosi, e no 'nde averia luogo lo canto de li nostri rusignuoli nì merli nì loldole nì gardelini montani nì faganeli.

E queste cose e de le altre.

[33]

Hic apparuit eis unum flumen

quatuor bendarum et iiii colorum in capite vie

Et in cavo de la via s'iera uno gran flume e iera anplo ben c pasa e plui; la soa aqua s'iera partida in quatro parte, l'una non someiava l'altra, e coreva forte, e da lutan pareva ch'ele fose iiii tele destese de cotal colori: l'una pareva che fose aqua plu clara de cristalo e menava plu piere preziose e grande e piziole d'ogna fata colori e perle, che no fa (da nu') li flumi piere da muri o da colzina; la (segonda) parte s'iera vino vermeio molto prezioso per odor e per savor e per claritade e menava piere preziose como sasi grandi de zeso e de marmore e peze d'oro e pesi et animali molto strani da veder e da oldir e altre figure che no è entro nu'; l'oltra parte s'iera late dolze e soave e oliosa e menala peze d'arzento longe e grose et altre cose stranie, animali vivi in diverse figure che no è intro nu'; l'ltra parte s'iera di oio molto zialo e claro e dolze e vertuoso, e menava zera e fusi de seda e tera d'ogni man color e piere preziose de ogni color e de ogna natura, mo si è tute menude, mo tute fine per vertude (e) per color.

[34]

Hic invenerunt pontem admirabilem supra flumen

E sovra questo flume s'iera uno ponte molto anplo de iiii travi: l'un iera de cristalo e l'altro iera de ingranata e lo terzo s'iera de perle e l'altro iera de topazio. E sovra questi travi s'iera taseli grosi ben de una spana de xxiiii maniere piere preziose e da ogno cavo de lo ponte s'iera do colone molto longe e grose de iiii colori: l'una s'iera de calzedonio, l'oltra de smeraldo, l'oltra de safil ben zelestro, l'altra de uno gaconzo zalo. E sovra le do colone s'iera uno travo de una ingranata belisima, e su le altre do s'iera uno travo de una clarisima corniola.

[35]

De arcu aureo supra columnam capitis pontis

E su queste altre trave s'iera fato uno arco d'oro molto reluzente, soto lo qual iera intaiado li xii mesi de l'ano de piere preziose, como seria sovra uno marmore; e de sovra l'arco s'iera intaiado li xii segni de lo zielo e su ziascun s'iera lavorado de piere preziose li vii planeti e iera partido per gradi e per ore. Da una de le sponde s'iera lavorado de piere preziose e tuto lo Vechio Testamento e da l'oltra sponda s'iera lavorado tuto lo Nuovo Testamento de piere preziose e tuto lo stado de le p(r)elazion e de li rezimenti signorili, zoè de papa e de inperadori defina tute le gran cose (è) e che serà infina la fin de lo mondo. E l'un de li cavi de lo arco si è su li cavi de una figura che sé fata con' lo Papa, tuto ben apari(a)do su una cadiglia como elo senta, fata su iiii animali molto meraveiosamentre; e l'altro cavo de lo arco si è su una figura fata come lo Inperador, como lo è meio adobado e incoronado, sentado su una carieglia fata molto strania su iiii similitudine de li iiii evangelista; e tute queste cose si è molto ben lavorade de piere preziose con oro e con arzento, e quelo che pareva carne, sì par propiamente de carne, e così de li drapi e de le altre cose. E si è tante belle figure e ben intaiade, ch'ele par pur eser vive, e tanto ben fate in soa visa, che mai non incresieria ad algun omo a vederle: per la vertude de le piere e de la beleza soa poriase 'nde star senza manzar e senza ber e par che lo Inperador varda lo Papa e par ch'elo li parla de qualche cosa. E al mezo de lo arco in la plu alta parte che 'nde sia si è lavorado de gran mioramento una cadiegla molto granda su iiii animali, e sì ne sé intaiado lo dolze signor Dio, segondo como lo die star lo dì de lo zudisio a zudegar lo mondo, e tuto è de piere preziose e (si è) do figure cusì fate l'una como l'altra e stase contra doso per poder ben parer da intranbe parte e (a) tute persone. E su la ponta de lo siegolo zelestro ela si è uno gran spechio molto belo e doplo e de tante vertude, ch'elo se ne può splegar ogna persona da qual parte eli vol star per vederse; e su per lo spiego de lo zielo de lo Signor è lavorado li plu beli intai ad oseli ed a albori e razii et a bistiole, che s'elo non fose altro de bele, quele seria sofiziente per aver gran consolazion a lo spirito e gran deleto a lo corpo.

E da lo ladi de ver mezodì, lonzi lo trato de una piera con le man, si è in mezo de lo flume una colona de cristalo fita molto grosa e longa e su questa colona si è lavorada una gran roda tuta de piere preziose e end'è molto ben fato lo Paradiso e tuto quelo che 'nde sé e como elo sta con ogni cosa; e questa è tal zoia da veder, che s'elo non fose altre cose a lo mondo da veder, elo basteria per aver consolazion et alegreza.

E da lo ladi de ver tramontana, lonzi ben uno trato de piera con una fonda, si è in mezo de lo flume una colona molto bela e grosa e longa de uno malmoro roso, tuta zerclada de fero e aplonbada, e su questa colona si è lavorado una gran ruoda de piere brute, e no è preziose nì straluzire: e sì ne iera molto ben lavorado lo Inferno, tuto quelo ch'è intro e como elo sta con ogni cosa; e questa si è tal paura da veder, che s'elo non fose altra cosa bruta e spaurosa, questa seria sufiziente, e no è nì no fo nì serà algun sì rio, che se elo la vedese benché senpre, elo averia paura e temor de andar in Inferno.

[36]

(Hic) loquitur de castello, quod est

ultra pontem, et de suis habitationibus

Et oltra questo ponte s'iera uno castelo, tuto ben murado intorno de uno muro de piere preziose tute clare, e s'iera incolzinado e masenado e ben merlado, con tore e con toresele molto ben fate a la gran visa. Le porte s'iera meze d'oro e meze d'arzento, con diverse piere prieziose cente e gentilmente lavorade. Le vie dentro e le case comunalmentre e li palasi grandi e ben lavoradi dentro e de fuora, ch'elo non se può ben dir; entro le case s'iera tute cose de masarie che à luogo a ziascuna fameia, et in quelo castelo non iera zente, mo sì pareva ch'elo fose abitado. E io domandiè como elo aveva nome e lo procurador me dise: "Lo à nome Bel Veder".

Lo vasielamento iera tuto de piere preziose, sì como de ziaspo e de safil e de smeroldo, de ingranate, de rubin e de iaconzi e de corniola e de matista e de labandina e de cristalo e de pantera. Là iera gali belisimi, deluzi(di) de pene plu de paon e iera mazor ca oche, e fasiani e pernise e colonbi et altre cose molte in quantitade; e iera 'nde tal cose, che, chi lo disese, elo pareria una sinplitade a dirlo. E così vegando de qua e de là per tuto, io stili con lo procurador xl dì e non volse ch'io 'nde stese plu.

E cusì per quela casion io me partì.

[37]

Qua comenzà li frari intrar in le parte de lo Paradiso Teresto

E siando pasado li xl dì, questo procurador me menà per una via a la nave e fene tuti intrar i(n) nave et elo vene co nu' aliegramentre. E siando nu' andadi navegando fina a pruovo la sera, elo vene uno gran caligo sì scuro e sì speso, che l'un de nu' apena può veder l'altro, e in piziola ora elo comenzà grandi flantisi e toni forte e oribeli da oldir, per la qual cosa li frari tuti ave gran paura. E lo procurador dise: "Non ve temé de alguna cosa". E puo' li dise così [a] san Brandan: "Savé-vu' che caligo è questo?". Et elo li respose: "No sè". Et elo li dise: "Mo' ve vardé indriedo e diséme che ve par e ziò che vui vederì". Et elo se volse indriedo e inanti e dise: "Io no vego alguna altra cosa se no questo gran caligo e sento uno molto grande odor e soave che tuto me consola".

E lo procurador li parlà e dise così: "Questo cusì gran caligo che vui vedé cusì (à) circondada quela preziosa isola la qual vui andé zercando, za è pasado sete ani; e perché vui se' stadi fermi in la fe' e se'-ve ben portadi in questo viazo, Dio ve vol ancuomè consolar. E per questo che vui avé vezudo e sostegnudo, vui podé ancumè saver che granda è la signoria de Dio e la soa vertude e lo so seno, et à fato asè mazior cose a la zente pecarise che no è queste e non se può conprender per lo pecado; et avé uno puoco provado como per molte maniere de tribolazion et angustie si vé lo Paradiso che vien dito regno de Dio; e in per altra via non se può andar se no per molte tribolazion de l'anema e de lo corpo: e cusì ne andà tuti li santi e le sante de Dio e lu' che fo omo, segondo natura, como li altri. Io so che vui avé vezudo asè cose stranie da veder e da creder a chi lo disese in algun luogo, mo tuta fiada l'è ben gran cose da eser crete. E ancora voio che vui sapié che tuto è niente a respeto de le altre che vui vederé e tocheré in la nobele tera de promision de li santi, o' ch'eli sta tuti aliegri e pleni de bon conforto, sperando de veder li suo' corpi che die resusitar da morte a vita, e in quela fiada eli averà conplidamente la so gloria e la soa parte de Paradiso, che Dio à inpromeso a dar a tuti li so' fedeli che morirà in stado de salvazion. E perziò dise Zuane Evangelista: Biadi li morti li qual muor in lo Signor, perché le so ovre li va driedo per mierito e tròvale in l'alt[r]o siegolo, che mè no vien a fin. E zià tosto vederé la pruova de lo dito che dise Davit profeta in uno verseto: Beati qui habitant in domo tua, domine. E Dio sì dise, siando omo: In domo patris mei multe mansiones sunt".

E siando a queste parole per lo spazio de una ora in questo gran caligo e andando ananti tuta fiada la nave, et eli fo fuor adeso e vete una gran claritade sì como lo sol, e pareva sì como ôrori ben clari e luzidi in color zalo; e andando inanti, la claritade pur cresieva sì plenamente, che molto se fe gran meraveia. E vedeva per zielo tute le stele molto meio ch'elo non se può veder in altra parte, e sì vedeva li sete planeti andar per lo zielo tuti neti o' ch'el'iera, e iera in questo luogo una sì gran luse, che lo sol no 'nd'aveva luogo. Apareali stranio ond'ela vegniva e s'elo iera uno altro sol, che sé in queste parte mazor de l'oltro et elo respose: "La luse che par sì granda in queste parte si è ben de uno altro sol, che non someia a quelo che sé per li segni de lo zielo. E questo sol che rende qua cotal luse, è uno sol che no se parte de luogo per nesun tenpo e asè plu alto, e si è zento mia fiade plu lusente de quelo che va entro per le stele. E sì co' la luna riceve lume dal sol e perziò par claro e non per si, e così lo sol che luse a lo mondo è conpagno de l'oltro e la luna vien continuamente vardada da lo sol; onde che quelo de sovra sì inlumina quelo de soto, e da lu' elo vien così luzido e così belo e lusente per ogno tenpo; e chi fose cusì in alto, como è lo sol conpagno de la luna, sì ne poria rezever qualche luse. E cusì non può vardar ben lo sol baso quelo da alto, como non può l'ochio de l'omo ben vardar in lo sol, e, per luse cusì preziosamente como è in questo luogo e plena de vertude, si è tute le cose in queste riviere così bele e cusì stranie e cusì grande e cotanto bone. E questo si è nobele sol, elo si è Dio glorioso lo qual manifesta qua alguna cosa de la so potenzia a li suo' santi".

E como nu' andevemo plu ananti con la nave, et eli vedeva lo zielo plu belo e lo àiere plu claro e mazor luse de dì et oldiva osieli molto dolzemente cantar de diverse bósie per muodo musico; e tanta iera la alegreza e lo conforto che re(ze)veva lo abado e li frari con lui e lo soave odor de bone erbe et oliose, che quasio ch'elo l'insiva l'anima del corpo, tanto iera consolado de ziò ch'elo aldiva e ch'elo sentiva. E così andando la nave fo zonta a lo porto e stete ferma a la riva, ed eli loldà con gran reverenzia Dio, digando questo salmo: Te deum laudamus, te dominum confitemur.

[38]

Hic fratres descenderunt de nave et invenerunt terram

promissionis sanctorum paradisi delitiarum

Et abiando eli conplido lo salmo, eli desmontà de nave, et elo vete quela tera nobele e plu preziosa de tute le altre per la soa beleza e de quele cose che 'nde iera e de erbe oliose e de pradi e de flori e de fruti. E (li albori) iera luti cargadi de osieleti beli da veder per le so bele pene e piume e per le so dolze bósie et alte e clare, cantando tanto ben e tanto dolzementre e soavementre e per rasion, che mai non se poria dir con la boca e con cuor inpensar e con pena scriver; e questi osieli andava volando de ramo in ramo e de alboro in alboro molto plasevelemente; onde per li canti de li osieli e per le erbe verde e li so' flori de li albori sì pareva che fose tenpo de primavera, e li fruti maduri de la via e de le pome e de le pere sì pareva che fose lo tenpo de zugno. E andando li frari per quele rive, trovà tuta la tera vergada e vara de diversi colori e a ovre bele, como s'ele fose destesi tapedi o porpore con oro e senza oro molto a diverse ovre e de gropi e de foie e de scachi e de albori e de osieli e de altre bele cose fase in drapi e in porpore et in penture a li muri de le gliesie e de li palazi e in le sale e in le camere e per gran divisamento per aver dileto al cuor e gran [................] foia sì aveva da uno ladi lo sol e tal che aveva la luna; sì ne viti pome ingranade molto grose e lo so granelo iera groso como nosie; sì ne viti tege de fava longe uno brazo e lo favo groso como nosie; sì viti zieriesie grose como persegi e como pome comunal; sì viti ruose grande como taieri e nespole grande como pome; sì viti cane berganege longe lx piè e grose como albori de nave; sì viti mandragole grande como omeni comunal; sì viti ganbari grandi como omeni; sì viti animali molti stranii da veder e de diverse figure, et altre da do piè et altre da tre et altre da quatro, in per infina xii piè, altri aveva uno cavo et altri do et altri tre e cusì in per infìna xii; de questi, altri aveva man, altri ale, e altri con pene e altri con sede, altri con pelo, altri con scorzo duro; e de questi, altri aveva corne forzelade, altre cresta, altre barba; altre uno ochio, altre do, altre tre infina xii ochi; e de queste, altre cantava e altre balava, altre andava, altre saltava e altre coreva.

S'iera canpi lavoradi e volti como eli fose da semenar; e altri s'iera semenadi e zià iera nasudo in erba le cose; e altri iera pleni de banbasio e altri aveva zafaran e altri garofali e altri melegete e altri risi e altre cose molto stranie da veder e da oldir.

Sì viti molte fontane de diversi colori le qual gitava flumi, e queli flumi gitava molti rami e viti ch'eli menava piere preziose e molte clare e de ogna fata colori.

[39]

Hic fratres invenerunt duos prophetas Enoc et Eliam

qui locuti sunt eis in paradiso delitiarum

Sì troviè Enoe et Elia et asè altri santi che andava de qua e de là, solazandose e rasionando in conpagnia et a doi et a tre in diversi luogi, e questi s'iera molto beli da veder e ben vestidi, e pareva che tuti ne vardava e niente ne diseva se no Enoe ed Elia, li qual s'iera mal vestidi e pareva eser vestidi de sachi molto vetrani e iera de brigada. E questi vene da mi molto aliegramentre e fene belo rezeto e domandàne de novele, e nu' li disesemo asè cose e como nu' ieremo partidi da casa e che cose n'iera parse de ben e de mal in tuto lo viazo.

E lo abado Brandan li domandà ch'ili iera e che zente iera questa che pareva eser in questo luogo. Et eli me respose cusì: "Nu' semo do profeti, questo si è Alia e mi son Anoe. Stagando in una plaza, avanti che fose lo diluvio, sì predicava a lo puobolo e diseva de la fin de lo mondo e como Dio aveva comandado a Noè ch'elo fese l'arca per poder scanpar a l'aqua e lu' e tuti queli de so fameia. Et altre bone cose li diseva asè et avevali dito queste cose molte fiade. Et elo stivelà lo tenpo e vene arquanti flantisi e toni. E como io feva fin a le parole, cusì vestido de sachi como vui me vedé, elo ferì lo ton fortisimamente sovra lo mio cavo. In quela io fu' piado in brazo e no sapi da chi e fu' duto in questo luogo e fome dito: 'Sta' qua infina che vignerà Anzicristo, lo qual voiando tuta la fe' de Cristo vastar con parole e con miracoli e per aver ch'elo donerà e per tormenti ch'elo farà far, Dio te manderà indriedo in quele parte, e con lu' e davanti da lu' e da driedo lu' livrerè de dir le to parole e conbaterà con lu' arditamentre e seguramentre e vasterà tuto lo so dito e renderà testemonianza de Dio, recordando lo Veio Testamento'".

E quando elo ave dito cose asè, elo tasiete et Elia dise: "Io son quelo gran profeta de lo qual se dise ne la Bibia che dise asè cose, e fo' dapuò che lo mondo fo renovado, siando pasado zià longo tenpo lo diluvio. E como io predicava una fiada in plen puovolo, el vene da zielo uno gran flantiso e uno ton e ferì sovra de mi, e sì fo' portado via molto viazamentre in quelo nobele luogo e fome comandado ch'io no me parta de qua infin tanto che Dio manderà per mi in tenpo de la falsa predicazion lo fiol de la perdizion, che vien dito eser lo dragon de Babilonia, zoè Anticristo, lo qual die zudegar lo mondo a si per asè muodi. E de lu' à parlado molti profeti e san Zane vangelista ê lo Apocalixi, che fo una vision che li aparete, siando strangusiado a la zena de lo Signor per lo gran dolor ch'elo aveva quando elo aldì che Iuda lo doveva atradir. Onde nu' do semo stadi qua dapuò e staremo vivi e sani infina quelo tenpo con questi nostri drapi. E dapuò non avemo manzado nì beudo nì dormido nì avemo abudo note nì alguna infermitade nì cosa che ne sia stada de desp(l)aser; e questo si è per la volontade de Dio e per vertude de queste preziose cose. Mo se nu' manzasemo e bevesemo, elo no besogneria dormir, le qual cose è brute, et in questo luogo non può eser alguna bruta cosa nì ria se no tute bone cose e monde. E senpre è dì, como vui vedé, e (lo tenpo) è molto tenperado, zoè la primavera, e mè no recresie a star qua, tanto n'è plasevele star e bon per lo êro puro e per le piere preziose e per le bone erbe oliose e per li flori e per li dolzi cantari de li osieli, che mè no cala, como vui aldì, e cotal seremo lo dì che nu' se partiremo de qua, como in quelo dì che nu' 'nde fosemo zonti, nì non seremo plu vechi nì plu fleveli nì plu mati, nì non perderemo pur un cavelo de cavo nì uno pelo da doso; nì avemo briga de dispuiar nì de vestir nì inpensier de alguna cosa se no che nu' se solazemo de qua e de là, vegando queste grande meraveie che Dio à fato. E da che nu' 'nde fosemo, asè è de qua vegnudi e 'nd'è stadi tanto quanto Dio à voiudo, onde vui dové star xl dì e non plu. Andé e vegnì o' che ve plase".

Et andando nui de qua e de là, nu' trovasemo do bele vale et altri luogi molti preziosi, e per le vie e per le strade e per li canpi nu' trovavemo plu spese le piere preziose e li monti de cuogoli d'oro e d'argento e lazuro fin per sablon plu che no è per entro li nostri cuogoli sablon, e plu lazuro che no è de nu' polvere de tera nì sablon. E lo procurador ne menà quasio per tuto. E nu' voiando andar per veder l'alboro onde Adamo tolse lo pomo, ch'elo è legno de sienzia bona et è lo alboro de vita, e cusì de altre cose, et elo ne dise queste cose s'iera oltra lo flume corente plu claro de cristalo e molte altre gran cose plu de tute quele che nu' avemo trovade e vezude; e a Dio non plase che nu' vedesemo de quele.

Onde li frari con tuti nu' fosemo sì consoladi et aliegri e confortadi, ch'eli non aveva fame nì sede nì sono nì alguna cosa che li fose de desplaser. Vero è che uno so gran dileto per voler provar che iera eli, et eli beveva a la fiada de l'aqua de quele bele fontane le qual eli trovava, mo no per sede ch'eli avese: e quela aqua ch'eli beveva tosto se revertiva in sudor e non la spanse per altra via; e sì tocava de quele cotal erbe e de tal ne toleva in man per deleto e de le foie e de li albori.

[40]

Qua se partì li frari da li profeti e trovà uno bosco

de stranie erbe et albori e altre cose bele

Et andando in qua e in là, eli vete uno bosco molto belo e in mezo sovra tuti li albori s'iera uno grando alboro tuto cargado de pomi d'oro e le foie iera tute blanche como neve, et in zima s'iera uno molto belo osielo dreto in piè x cotanto mazior che no è lo paon, (mo li) semeiava per la coda e per la capela e per le pene so che iera belisime et asè plu bele e meio fate ca quele da lo paon. E questo osielo comenzà a cantar sì altamente e sì ben, che quasio ne insiva lo spirito de lo corpo, e per li so' dolze versi e' sonava a dir questo verso: Quis similiter tui, domine deus, quis similiter in virtute est, qui faciat magna opera (virtutis)? Tu solus qui regnas in eternum. Et ultra: Beati qui (te) viderunt et electi sunt in salutari tuo. E como elo ave dito questo verso, elo se mese a volar oltra lo gran flume. Et adeso nu' andasemo apreso lo bosco, e là iera albori cargadi de piere preziose, con foie d'arziento e con foie d'oro e de geme a li rami, e pareva ch'eli brasase da l'altro ladi e vegniva 'nde a lo naso uno odor sì soave, che quasio nu' strangusi(a)vemo, e parevano sì como (de) inzenso e aloe e muscio e balsemo e de anbra e de 'osmarin e de savina e de ruose e como oldor de ziasemin; e per questa cusì gran flama e non vedevemo fumo. Nu' andasemo da quelo ladi o' pareva la flama, e nu' non trovasemo per zo altro se no li albori, e levando nu' lo cavo in su e vardando da l'oltro ladi onde nu' ieremo vegnudi e nu' vedesemo flama asè mazor: e nu' tornasemo indriedo e non trovasemo per zo altro fuogo.

[41]

De columna ignis que tangebat celum in modo scale

E vardando da l'altro ladi ancora, nu' vedesemo una mazior flama de fuogo molto clara e alta et in mezo sì pareva (una colona che pareva) tocar lo zielo, molto dreta e grosa e (i) iera lavorado una scala de gradi, li qual iera molto ben lavoradi de grose piere preziose como oro masenado e con perle e con corniole . Et in picola ora parete vegnir uno agnolo tanto belo e plasevele, sì per la soa persona e sì per le so vestimente, e iera sì como uno fante de xv ani, che boca de omo non lo poria contar . E quando elo fo per mezo la zima de lo alboro cargado de le pome d'oro, elo volà su e cantà uno canto tanto ben e tanto plasevelementre con dolze versi e con soave bósie, che dir non se pò ben; mo pur questo fo la veritade. E la canzon fo xxiiii coble ben longe de parole, e fo canto d'amor fato sì como de femena donzela ad un so amador, e como lo ave conplido de cantar la canzon, sì parlà e dise cusì: "Questo canto (è) de l'anema de iusto, ch'elo vol tuor per so sposo lo fiol de Dio, che sé uno belo donzelo, zentil, savio, pro' e ardido, cortese, acorto, rico e plen de alegreza; e de questo non può vegnir a men. Elo se conple li xl dì ancuò, onde bastave quelo che Dio ve à consentido a veder e aldir e tocar. Andé mo' ananti et inpensé de tornar a casa. E Dio, lo nostro signor, ve manda a dir ch'elo ve darà salude, zoè Paradiso a le aneme vostre quando ele paserà de questo siegolo; or sté ancuomè seguramente".

E como elo ave cusì dito, elo tornà là donde elo vene. E como elo fo ben andado via e plu non parse, da ogna parte de questa colona sì pareva insir fuora molte ave da miel e iera grande como colonbi; e là da pruovo s'iera uno luogo con uno puoco de aqua, in la qual aqua s'iera una granda multitudine de rane molto grande et a do a do; una vardava l'oltra, cantando plu soavementre che non fase algun strimento de corde, quando ch'elo è meio per sonar. E là apreso iera vermi de queli che va pur saltando entro per quele preziose erbe così oliose, e là da pruovo s'iera 'nde grii beli e molti grandi entro per quela tera crevada e intra l'erba, che plu soavementre sonava cantar so' verseti che non fa algun strimento che nu' avemo, quando elo meio sona, e sì andava volando arquanti vermi su per le erbe, sì beli e de beli colori e ben lavoradi, che tropo iera gran zoia a veder.

E como nu' avesemo ben vezudo queste cose e volevemose partir, elo zonse una gran conpagna de piegore grande como buò, e agneli e cavre e cavrioli e zervi et unicorni, bolpe, lievori, cani, tuti pascolando e zugando; e driedo queste bestie sì vegniva tanti fenti pizioli, como iera queste bestie. E iera tanto beli e sì bene aconzi de so bele veste, ch'elo (no) se poria ben contar, tuti infrisiadi e ingirlandadi de flori e de frisi d'oro con piere preziose e con perle e con spechi, e tuti cantava plu dolzementre e plu soavementre che nesun de nu', siando bon cantador, poria cantar per canto musico e per terza e per quarta e per quinta e per otava: le suo bósie s'iera anzeliche a casion de la zioventude, ond'el'è clare, soave, alte da oldir.

E per tute queste cose questi frari iera sì pleni d'alegreza e sì consoladi, ch'eli non se recordava de alguna cosa che fose, se no stavase così, vardando e ascoltando tante preziose cose, che quasio elo li insiva l'anima del cuor per gran dolzeza d'amor, ch'eli iera sì sazii e pleni, ch'eli non curava de alguna cosa e steva cusì e non diseva niente.

[42]

De septem fontibus

E siando andado via le bestie e li fenti, sì como Dio volse, eli se recordà e comenzà andar plu avanti per l'isola. Eli trovà sete fontane, l'una a pruovo l'altra e l'una tocava l'altra senza riva de tera de mezo da l'una a l'altra. Ziascuna menava uno rielo ben grande: l'una s'iera d'aqua clarisima plu de cristalo, la segonda de vin, la terza de late, la quarta de sague, la quinta de mana meza e l'altra mitade de balsemo, la sesta de oio bon e claro, la setima de miel. E là da pruovo s'iera sete cavali molto grandi e ben aprestadi de cavalcar e sete pavioni dreti in piè e sete gliesie de sete piere preziose: in ziascuna s'iera intaiadi dentro tuti li sagramenti. Dentro l'una s'iera tuta de cristalo, la segonda iera de granata, la terza de zafin, la quarta de stopazo, la quinta de robin, la sesta de smeraldo, la setima meza de coralo e meza de corniola. E ziascuna de quele gliesie sì aveva sete altari e sete candele da arder et in ziascuna s'iera balsemo per brusiar, e dananti queste sete gliesie s'iera una granda plaza e ben fata per li delicadi lavorieri che 'nde iera de piere preziose.

E in cavo de la plaza s'iera una gran colona de claro cazadonio, oltra muodo ben lavorada de intai e tuto lo Veio Testamento e lo Nuovo, et in cavo de la colona s'iera una molto bela ruoda da molin e iera tuta plena de canpanele e (i) iera sonaii pizioli e grandi et altre mazor, e dentro una canpanela e l'oltra s'iera sonaii de tre maniere. E questa ruoda pareva (sonar) uno sì prezioso son, che ognomo 'nde staria volentiera a oldir senza manzar e senza ber. E in so sonar sonava tal fiada sì como zinbalo e arpa e chintara e tal fiada como reluogio e tal fiada como elo sonase ad un in concordia viola, lauto e tinpana, ziamara, saltierio, canun, flabuoli e ogno altro strimento. E questo so dolze e soave sonar tanto vegniva fato per ordene e ben, lo non se poria contar, e s'elo non fose mè oltro canto de osieli nì de persone nì altro paradiso, elo seria sufiziente a tuto lo mondo.

(La colona) iera granda ccclx cubiti, la plaza s'iera granda uno stadio, zoè l'otava parte de uno miaro, e si è tuta la plaza lavorada de molte stranie cose con piere preziose e oro e arzento; e no è bona cosa in tera e inn-aqua che no sia là fato. E 'n cavo de la gradada si è uno mar plu claro de cristalo, e questo mar si è plen de pesi e de molte cose stranie e da oldir e da contar, e chi lo disese pareria una sinplitade, mo pur cusì è la veritade; e de zo fa recordanza lo profeta Davit in un verso che dise: Hoc mare magnum et spatiosum; reptilia illic, (quorum) non est numerus. Et andando su per la riva de questo mar che molto zircondava questa preziosa isola, eli trovava uno gran flume corente tal como de late, no tropo anplo, e sovra ne iera uno ponte belisimo e lavorado de piere preziose con oro e con arzento e con corniole.

E ma' andasemo (oltra lo ponte e) su lo cavo de lo ponte s'iera una riviera molto bela e delicada per le gran cose che 'nde iera, che tropo seria gran cosa a dir, e apena lo credesemo; e in cavo de questa isola s'iera uno mar molto roso e la tera rosa. Tanto andasemo su per la riviera, nu' catasemo uno gran ponte e iera sì grando e sì longo che nu' non podevemo veder l'oltro cavo nì la riva da l'altra parte; e voiando nu' pasar oltra lo ponte, asè andasemo per su e trovasemo lo ponte roto e levado da l'oltro ladi, onde vegando nu' che nu' non podevemo andar plu avanti, sì loldesemo lo Signor grandementre e tornasemo indriedo. E andando per una altra via de questa isola, asè (cose) trovasemo, sì como fontane bele e albori tuti cargadi de frute, e mè no 'nde vene note nì luse de sol, mo molto plu claro tenpo e plu luzido l'aire che no è lo sol. E senpre podevemo veder le stele de lo zielo da ogna parte e da ogna ora; e lo sol e la luna e li planeti ben se dizerne lo so movimento. E molte fiade me pareva che lo sol ne fose su lo cavo e la fiada la luna. E de queste cose che nu' trovavemo, sì como pome, pere, pigne, uve, naranzie, piere preziose e altre cose, ne podevemo tuor a la nostra volontade. È plu in quele parte cotal cose che non è in le nostre de quele che 'nde nasie da ogno tenpo: plu 'nde sé lazuro fin che no è da nu' sablon, e così è de le piere preziose e de li monti de lo auro e de lo arzento, como è qua le montagne de tera e de marmori e de oltri sasi.

[43]

Et andando nu' per questa riviera in qua e in là, nu' trovasemo uno gran flume, lo qual pasava questa isola e partivala dretamente per mezo nì non ne pareva algun ponte. E in quela fiada san Brandan se volse inver li suo' frari e diseli cusì: "Frari mie', questo flume è sì grando per anpleza, che nu' non lo posemo pasar. E perch'elo parte questa preziosa isola per mezo, nu' no posemo plu cercar questi luogi e non podemo ben saver como è granda questa isola. E puo' sì 'nde sé una altra rasion, che Dio non vol che nu' sapiemo nì che nu' invegnemo che sé da questa parte. Ben avemo tante cose vezudo e sapudo e tocado che ne può ben bastar".

E como elo ave dito cusì, elo li vene incontra uno molto belo zovene ben vestido e molto adorno, e iera molto plasevele criatura da veder, tuto frisiado de gran frisi d'oro, con piere preziose e con asè man de àsiole e con splegeti e vegnando cantando dolzementre una plasevele canzon da oldir e aveva uno sparvier in man. Elo li saludà molto cortesemente e puo' li abrazà e basiàli per la boca con granda alegreza e menzonàli tuti per nome e si desmentegà niente, como s'elo fose stado senpre con eli. E puo' dise questo verso de saltierio: Beati omnes qui habitant in domo tua, domine, quoniam in secula seculorum laudabunt te. Et: [Exulta] et lauda habitatio Sion, quia (magnus) in medio tui sanctus Israel.

E como elo ave cusì dito, elo dise cusì a san Brandan: "Amigo mio e servo de Dio, questa si è la preziosa isola e amorosa, la qual vui avé requerida per molto tenpo de dì e de note e per asè mesi e ani e avé 'nde durado de gran fadige e con desasio e con molti gran pericoli. Mo benedeto sia Dio, adeso che vui se' asè ben scanpadi e se' stadi pro' e valenti e fermi in la fe' de poder vegnir a conplimento de lo vostro intendimento, e Dio ve ne à asè ben servido e fatove 'nde à a plaser. E perziò non l'avé posuda trovar così tosto, perché Dio volse inprimamentre e mostrarve de diverse cose e de le cose sacrete e meraveie ch'elo à fato in le parte de lo ponente per tera e per mar, de le qual cose vui 'nde avé vezude arquante; mo niente è a le altre che vui non avé vezude e che 'nd'è al postuto. Or ve ne torné ancuomè indriedo con la navesela vostra, e andéve 'nde in la vostra tera, donde vui ve partise, o' che vui se' usadi a star longo tenpo, e là ve conplì la vostra penetenzia a l'onor de lo salvador, che ve renderà bon incanbio. Sì che biadi vui quando vui nasiesi in questo mondo! E de lo vostro tornar indriedo a la tera vostra, onde servì a Dio e a queli de lo monestiero et anche ad oltri, seràlo gran consolazion et a lo corpo e a l'anema. E de queste cose, le qual è in questa isola così bela, e cose così bone e cusì preziose tolé 'nde seguramentre quante vui volé e cargé 'nde ben la nave vostra sì como ve plase. E se vui savé cognoser le plu preziose geme, de quele tolé 'nde tante co' vui podé tegnir e dar a chi ben ve parerà, e seràve meio quelo che vui diré de quelo che vui avé vezudo e trovado in questo vostro viazo. Or avé vezudo in vostra vita per gran grazia da Dio lo che sé in la tera de promision de li santi e in quelo Paradiso prezioso in tera che Dio inplantà in lo comenzamento de lo mondo, quando elo se mese a increar le cose, et in quelo orto de le dilizie, lo qual lo de' in varda a lo primo omo che ave nome Adamo; e quando 'nde lo mese, elo li comandà ch'elo goldese a soa voia de ogna cosa e rezese como elo vol e tuto fose so, 'zeto uno alboro molto belo che portava pome; e in quelo li comese e comandàli che al postuto non lo diebia tocar nì de lo pomo manzar, mo de ogna cosa golda a la soa volontade. E quelo (dì) ch'elo ne lo mese, elo pecà e pasà lo so comandamento; e ananti volse obedir a lo priego che fe la muier, soa dona Eva, che lo inganà malamentre, non li abiando ofendudo, ch'el non volse obedir lo comandamento de lo signor Dio che lo avea fato e increado a la soa inmagine e a la soa similitudine et avevali dado tanti beni a golder. Elo ave plu tema de ofender a la femena soa ch'a Dio che iera signor de intranbi do e de tuto lo mondo; vero è che ela lo tradì molto vezadamentre, onde elo no 'nde stete se no mezo dì con quela soa muier, zoè la doman per tenpo infina nona e non plu; e como elo fo pasado nona, lo Signor, sapiando questo falo, andà da lu' e represelo de ziò ch'elo avea fato contra lo so comandamento. Et elo, se scusiando, de' la colpa a la femena che i lo fe far, onde vegando lo signor ch'elo avea così forte falido e non se 'nde clamà in colpa, mo sì la dava a la dona e diseva: 'Ela me lo fese far', et elo li cazà fuora tuti do, siando nudi. E da ch'eli fo fuora, elo li vestì e de'-li indoso una peliza bela nuova a ziascun e puo' li comandà ch'eli devese lavorar e viver de lo so sudor e de le suo fadige da mo' inanti. Puo' comandà a uno anziolo ch'elo vardase ben lo luogo, ch'eli non tornase dentro nì altri 'nde posa intrar senza parola, e cusì dapuò elo fo ben vardado tute fiade, e puo' lo defende uno gran coldo lo qual non può nesun sofrir, s'elo non fose per divin miracolo. Ond'è per spizial grazia che Dio ve à fata che vui 'nde se' posudi vegnir e lo agnolo non ve l'à vedado. Mo' ve digo cusì ch'elo è vegnudo lo dì de la vostra partision e che vui ve parté de qua e debié tornar a lo vostro monestier, e là ve staré infina tanto che Dio ve clamerà a si per via de morte. E dapuò ch'elo serà pasado molti tenpi e ani driedo la vostra fin, diràse questo fato de vui e de questa tera (e questa tera) serà manifestada a li vostri sozesori e spizialmentre quando elo comenzerà ad eser la persecuzion de li cristiani per lo Ancicristo. E questo flume grando, lo qual vui vedé, parte questa isola per mezo e è 'nde senpre tal luse e no note alguna fiada nì algun caligo nì nesuna perturbazion. E questo presente luogo, segondo natura, si è senpre plen de ogno ben, et abonda li fruteri e li fruti aserbi e maduri e sta 'nde suso per ogno tenpo; e la luse de questa isola si è luse de Cristo e no de sol nì de luna, e perziò no 'nde vien note per nesun tenpo".

Puo' li dise cusì: "Io son uno de li donzeli de Dio e àme mandado qua da vui per vederve e perché vui vedé mi e ch'io ve parla. E da soa parte ve digo ch'elo ve plaqua de tornar in la vostra patria, de la qual vui ve partise con intenzion de trovar e de veder quele cose che vui avé vezudo e trovade per spizial grazia de Dio. E de ziò ve podé clamar contenti de queste cose che vui avé vezudo. Vardéve dananti e da driedo e da ogna parte e vederé che tuta la tera de questa isola è de ogna maniera de geme e tolé 'nde tanto como ve par. Ancora ve digo che questa isola si è plena de geme preziose de ogno color; tolé 'nde, ché vui avé ben parola de tuor 'de, e se vui ne tolé, elo ve porà zovar".

E como elo ave cusì dito, de presente elo se partì in tal muodo, ch'eli non lo vete plu, e san Brandan comandà a li suo' frari ch'eli debia seguramentre tuor de li fruti de questa isola de ogna maniera e toia de le geme de ogna maniera e toia 'nde quele ch'eli voi. Et eli cusì fe, et abiando questo fato, eli domandà conbiado a lo procurador che iera là con eli e sì montà su la so nave con li suo' frari et in lo nome de Iesù Cristo comenzà a navegar ver ponente, et in piziola ora eli azonse a lo caligo così grando ch'eli trovà l'altra fiada et andà per mezo eso et andando per lo spazio de tre dì, eli fo fuora de lo caligo: eli vete lo sol e ave la so luse e non vete plu l'altra sì gran luse et eli ave da mo' inanti dì e note. E como eli fo fuora per lo spazio de una ora, eli vene a una isola la qual vien clamada l'isola de le dilizie e là eli stete arquanti dì con molta consolazion, inperch'el (i) iera tante bele cose e bone e stranie da le altre, che no se trovava inn-altre parte, che no à luogo dirlo, perch'elo non seria ben crezude e seria tegnude sinplitade. Et in lo quarto dì, in nome de Dio e de bona ventura, eli se partì de quelo luogo; e la nave abiando senpre bon tenpo, lo non zesà dapuò infin tanto ch'elo fo retornado san e salvo in la soa patria onde elo iera partido con eli.

E così, abiando rezeudo la benedizion de lo (procurador, lo) biado san Brandan per dreta via con li suo' munegi in quatro dì eli tornà in lo so luogo, e tuti quanti iera sani e salvi e beli e grasi e plu zoveni ca quando eli se partì, stagando in lo dito de queli che li vete. Et eli così tosto como eli fo zionti a la soa riva de lo so luogo, eli comenzà a cantar aliegramentre questi salmi: Te deum laudamus; puo' dise salmizando: Ecce quam bonum et quam iocundum habitare fratres in unum; puo' dise: Lauda Ierusalem dominum, lauda deum tuum Syon; puo' dise: Benedicite omnia opera; puo' dise: Benedictus dominus deus Israel, quia visitavit et fecit redemptionem plebis sue. E sì tosto como eli ave comenzado lo canto de Te deum laudamus, tuti queli de lo monestier se levà prestamente et andà a veder questi cantadori e ben cognosè lo so abado e tuti li altri e rezevèli graziosamentre e fazandoli devota reverenza. Et elo li de' la so benedizion a tuti e puo' li rendè pasie.

 Et elo per la soa santitade ancuò eli priega Dio per mi e Dio me dia grazia de far bona fin de l'anema e de lo corpo e puo' priega Dio per tuti queli che lege questa soa leienda e per chi l'olde volentiera la soa istoria a l'onor de Dio e de lu' che fo bon omo, santo e onesto regilioso fina lo tenpo de la soa fanzia defina lo dì de la soa morte. Amen.

Deo gratias amen.

indice anonimi

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici Italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 11 giugno, 2007

Edizione elettronica di Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it

Revisione di Catia Righi, catia.righi@risorsei.it

HTML e Impaginazione di Giuseppe Bonghi