Niccolò Machiavelli

 

Lettere

 

 

 

1502-1503

 

 

Edizione di riferimento

      Niccolò Machiavelli, Tutte le opere a cura di Mario Martelli, Sansoni Editore, Firenze 1971

Edizione di riferimento per le lettere aggiunte segnalate dalla dicitura bis accanto al numero:

      Niccolò Machiavelli, Opere, vol. II a cura di Corrado Vivanti, Biblioteca della Pléiade, Einaudi, Torino 1999.

 

 

029

Francesco Soderini a Niccolò Machiavelli

 

Empoli, 10 agosto 1502

Spectabili viro Nicolao de Machiavellis

Ex.se Reipublice Florentinae cancell. amico carissimo.

Florentiae.

Domine Nicolae carissime. Voi sapete che quando e nostri Signori mi mandorono a Urbino, acciò che si potessi fare buona diligentia, mi fecen dare certe cavalle dalle poste, fra quali ne fu dua di Antonio da Sextri, et furono ritenute da me fino al mio ritorno, nel quale una giumenta morella trovandosi stratta, la lasciai al Capitano di Bagno che la facessi governare et questa comprendo tornassi hiersera. L'altra, che fu una giumenta baia, rimenai meco, et si rendé a dì 22 di luglio, quando tornai, che si doleva di un piè dinanzi: ma Antonio diceva essersi rappresa, et che bisognava una buona cura. Io non so dire in che termine sieno queste cavalcature, posso bene fare fede che a me parseno belle, et buone, et mi servirono benissimo fino a quel dì che io tornai: però havendo patito le bestie quanto si può vedere, mi pare lo debbiate fare intendere a' S.ri Dieci, acciò che Antonio sia rifatto et della fatica et del peggio, secondo che sarà conveniente, ché a me pare meriti così il servitio ne fece: et voi siate testimone di una buona parte. Bene valete et raccomandatemi a M. Marcello.

Emporii, x Aug. M.DII.

F. De Soderinis ‑ Epis. Vult.

S.mi D.N. Papae Referendarius

 

 

030

Lorenzo di Niccolò Machiavelli a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 7 settembre 1502

Al mio karissimo mesere Nicolò Machiavelli, degnissimo mandatario al Valentino, molto mio amicho.

Al nome d'Iddio, addì vii di settembre 1502.

Karissimo mio Nicolò. E' sarà chon questa Marcho di Piero vetturale, el quale è padrone di certi muli, che furono tolti dalle gente del Valentino insieme chon molti altri e di molte altre robe, le quali per meno di chotesto signore tutti l'ànno riaute e chome più partichulare-mente a·bboccha dal detto potrete intendere. Tant'è che 'l sopradetto Marcho è lavoratore di Martino dello Scharfa, al quale io desidero fare tutt'e piaceri e chomodità, che a me sia possibile. E, per usare tutti quelli mezi che io posso in farli piacere, vi priegho chon ogni mia forza e per quanto amore è istato senpre fra·nnoi che in tutti quelli modi che voi potete benifichare el sopradetto Marcho voi con ogni diligentia lo facciate; dicendovi anchora che, quando bisognasse ispendere innella richuperazione delle sopradette robe o, per meglo dire, muli, fino alla somma di ducati 25 0 30, ne siàno chontentissimi. E anche, circha a questo, vi vogliamo dare la chommessione [ ... ] non ghuardiate in ducati 10, quando gudichassi avessino a·ffare [ ... ] se el sopradetto Marcho in questo chaso avessi di bisogno di servirsi di voi, o di dinari o di chredito, vi priegho lo faciate, promettendovi chavarvi d'ogni danno ne potessi soportare, fino alla somma di cento ducati in oro. E, se vi paressi che io facessi chon esso voi troppo a·ssichurtà, è·lla ghrande fede che io ò in voi e·lla ghrandissima vogla che io ò di servire Martino, el quale mi richiede di questa chosa chon ogni diligenzia. E perché io so che voi m'intenderete al primo, non voglo multiprichare in più parole, se none che io instimo questa chosa quanto a·mme è mai possibile, richordandovi che, dove voi la potete salvare, lo facciate per ogni verso. E·sse vi posso o di questo o d'altro chaso rendervi l'opera, sono sempre parato a' vostri chomandi. Christo di male vi ghuardi e felicitivi in ogni vostra chiusa.

Vostro Lorenzo di Nicolò Machiavelli

in Firenze

 

 

031

Francesco Soderini a Niccolò Machiavelli

 

Volterra, 29 settembre 1502

Spectabili viro Domino Niccolao Machiavello excelsae Reip. Florentinae cancellario. Florentiae.

Salve, mi Niccolae carissime. Non esset opus unius horae neque opis nostrae respondere tuis elegantissimis literis; solum igitur in presentii charitatem tuam in patriam et familiam nostram complectar, proque ea tibi immortales gratias agam ac tecum Deum humiliter rogabo, uti sue electioni et populi florentini iudicio adesse velit pro communi salute et dignitate. Nos idem semper erimus verum tali nexu patrie debitores, ut nemo nostrum sit qui non pronptissime facultates et sanguinem proprium patrie et civibus nostris sit persoluturus; et quoniam tu is es, qui virtute et charitate nemini cedas, non eris idem nobiscum sed longe carior et gratior; nam, quantum attinet ad me, utinam dignus inveniri possim his bonis quibus hactenus me divina bonitas donavit. Si quid tamen umquam vel casu sive per errorem accesserit, id omne patrie et amicis acceptum pronptissime feretur. Bene vale et me ut facis ama.

Vulterris, 29 septembris MDII.

Vester Franciscus De Soderinis Episcopus Vulterranus

S.mi D.ni N.Tri Pape Referendario

 

 

032

Niccolò Valori a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 11 ottobre 1502

Egregio viro Niccolò Machiavelli segretario degnissimo all'illustrissimo ducha Valentino.

Niccolò mio carissimo. Anchora ch'io sappia che per le lettere del publicho siete bene raguagliato, et io stia contento a quelle, non posso però fare che a mia satisfactione non vi faccia dua versi. Il discorso vostro et il ritratto non potrebbe essere suto più aprovato, et conoscesi quello che senpre io in spetie ho cogniosciuto in voi: una netta, propia et sincera relatione, sopra che si può fare buono fondamento. Et io in verità discorrendola con Piero Soderini, ne paghai il debito tanto larghamente quanto dire vi potessi, dandovi questa loda particulare et peculiare. Pare che essendo cotesto Signore etc. dovessi farsi più inanzi; et a chi ne ha iudicio, pare di aspettare lui, et che la ragione voglia vengha con qualche offerta et conditione honorevole. Il iudicio vostro è desiderato qui delle cose di costà, et il ritratto delle di Francia, et la speranza ne ha il Ducha. Perché voi ne promettete scrivere le forze et di presente di cotesto Principe, et così quelle spera et taliane et franzese, non accade dirne altro, se·nnone che quanto meglio s'intenderanno, tanto più facilmente et meglio qui ci potreno risolvere. Se nulla n'accade, sono così vostro come huomo habbiate in questa città, et bastivi, solo per le vostre bone qualità et affectione havete. Racomandomi a voi. Cristo vi guardi. A dì xi d'ottobre 1502.

Nicolò Valori in Firenze

 

 

033

Agostino Vespucci a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 14 ottobre 1502

Spectabili viro Nicolao de Malclavellis secretario et mandatario florentino honorando.

In corte de l'Ill. Duca di Romagna.

Nicholae, salve. Scribam ne an non scribam, nescio: si non, negligentia obest; si scripsero, vereor ne maledicus habear, et presertim in Marcellum et Riccium. Marcellus tanquam rei, hoc est officii tue, neglector, onus scribendi reiecit. Riccius interim, qui usquequaque rimatur istiusmodi officia, ecce tibi heri sero, cum esset in Consilio octuaginta virorum, ambitiosulus iste vocat Marcellum, qui modico illo momento et puncto temporis a Palatio aberat. Surgit statim, descendit schalas, in Chancellariam se proripit, et minitabundus quodam modo clamitat: - Heus, heus, scribite. - Blasius statim quasi divinans quod evenit, ne Riccio dettante scriberet, fugam arripit. Solus remansi miser, suspiriaque ab imo pectore ducens, et anhelus, capio pinnam cadentem, conscribillo, veritus si verbum proferrem, ne mihi id eveniat hic quod in Gallia aiunt Perusino evenisse; et quia Dominis nostris collega est, idcirco bolum devoro plus fellis quam mellis habens; ternas scribo, eo dettante, sive quaternas litteras. Homo iste cum libro, eo unde venerat redit, legit, et quod recitat approbatur. Adeoque sive hac re, sive ob aliam, iam illum Domini deputarunt mittendum, longis itineribus in Galliam ad Gallorum regem. Vides igitur quo nos inducat animus iste tuus equitandi, evagandi, ac cursitandi tam avidus; tibi non aliis imputato, si quid adversi venerit. Velim equidem quod nullus praeter te astaret mihi essetque in Cancellaria superior, quamvis tu omnia tentes et audeas quibus mihi vipera sed venenosissima insurgat, me petit, me frustatim necet, mihi pessimus et nequam et ambitiosus imperitet: sinemus vel nos aquam fluere. Blasius itidem, praeter id quod te ob talia odit, blatterat, maledictis insectatur, imprecatur ac diris agit, nihil dicit, nihil curat, flocci omnia faciens.

Credo, hercule, isthic sis magno in honore constitutus, cui Dux ipse et aulici omnes faveant, te, veluti prudentem, laudibus prosequantur, circumstent blandiantur; quod volupe est, quia te deamo; nolim tamen id negligas, propter quod munus istud paulo post amplius exequi nequeas. Et si nunc, mi Nicholae, ista obrepant ac serpant, non multo post palam fiant necesse est. Nosti hominum ingenia, nosti simulationes ac dissimulationes, simultates et odia, nosti denique quales sint, a quibus homo totus hoc tempore pendet. Tu itaque, cum prudens sis, illud age quo tibi et nobis prospicias, quo in commune consulas. Marcellum tuis litteris excites, cohorteris, urgeas, instes et ita flagites ut velit aliquot dies, officio tuo fungens, onus dictandi litteras subire, non detrectare, convivere, sed, ut facit, despicere. Murceam deam, postquam tu discessisti, is incolit arbitror, adeo murcidus, idest nimis desidiosus et inactuosus, factus est.

Uxor tua duos illos aureos accepit, opera Leonardi affinis et amantis tui.

Heri mane, dum litteras proxime scriptas Petro Soterino recitarem dumque ipse quampluries eas inter legendum mussitaret, inquit tandem: ‑ Autographus hic scriptor multo quidem pollet ingenio, multo iudicio praeditus est, ac etiam non mediocri concilio. Per adviso. Vale. Ex Cancellaria. Die xiiiia Octobris 1502, raptim et cum strepitu.

Augustinus tuus coadiutor

 

 

034

Niccolò Antinori a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 17 ottobre 1502

Spectabili viro Niccolao Maclavello secretario florentino dignissimo ac mandatario ad Ill. Ducem Romandiolae.

Spectabilis etc. Io ho inteso quello scrivete a M. Marcello sopra il salvocondocto, et per tale causa scrivo a M. Alexandro che lo facci expedire et me lo mandi; et perché voi dite che bisognerà dare qualcosa, io li scrivo la adligata et li dico come, sùbito lo harò, li manderò una veste di 30 ducati per tale expeditione. Di che vi do notitia non per altro che per vostra informatione. Harò caro mostriate non ne saper nulla. Valete.

Ex audientia nostra, Florentia, die 17 Octobris 1502.

N. Antinori

 

 

035

Biagio Buonaccorsi a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 15‑18 ottobre 1502

Nicolao Maclavello secretario florentino plurimum honorando. Ad Imola.

Cazo, Niccolò mio, che io ho tanto favore con questi S.ri che giugnendo hiersera il cavallaro mandato da voi circa hore 6 et vedutovi mie lettere, subito me le mandorono ad casa: et anche vinsi il mio stantiamento in modo seppi cinguettare, et bisognò anchora 3 volte in modo che, dubitando ser Antonio della Valle che alla terza io mi smarrissi, e' mi dette una ricetta di uno argomento che mi menò sì bene che m.a Lessandra mia ne sta di buona vogla et m.a Gostanza se ne dispera che ser Antonio publichi le sua ricette; pure credo consolarla, perché, havendosi ad mandare ad Livorno uno maestro ad rimpennare passatoi, l'ò messa innanzi et detto che la rimpenna sì bene che la gittò un tratto ser Antonio fuor del letto con una rimpennatura. Èssi appiccata questa pratica et se ser Lumaca non la rompe, credo che la si loderà di me, et lei, intesala, mi sollicita ad tirarla innanzi. Cazovinculo, ché lo sgallinare è pur tocco a voi; poiché vi è facto le spese et sete stato alloggiato così honorevolmente, fate di exequire costì la conmissione vi detti, altrimenti non vi commenderei come fa ser Stretichi M.a Gostanza, et faccendolo vi conforterò ad seguitare: voi avanzerete omni cosa che mi sta in sul quore: se mi farete parte di qualcosa, starò cheto, altrimenti contraffarò il Fedino che vi fa pur filare.

Niccolò, io non sono adirato, né anchora fo iuditio dello animo vostro verso di me da queste favole, perché in facto non mi è se non briga, et io pure ho delle occupationi poi non ci sete, ma sì bene da infinite altre cose, che mi constrignerebbono, ricordandomene, ad non vi portare quella affectione che io fo; di che io non voglo mi sappiate grado, perché, volendo non amarvi et non esser tutto vostro, non lo potrei fare, forzato, dico, sì dalla natura che mi constrigne ad farlo, benché in facto sia da tenerne poco conto, non vi potendo io nuocere, et manco giovare. Et se io vedessi o havessi visto che voi fussi il medesimo che siete meco con tutti li altri amici vostri, non ne harei facto tale impressione in me medesimo; ma io veggo che io mi ho ad dolere della mi' cattiva fortuna et non buona electione, et non di voi, poiché io non truovo riscontro alcuno in quelli che io amo tanto quanto me medesimo, et che io ho scelti per mia patroni et signori, di che voi potete essere optimo iudice, prima da voi, dipoi da qualcun altro che vi è così noto come a me. Ma di questo non si parli più, ché io non voglo se non quel che voi, et basti.

Le vostre lettere questa mattina ho mandate tutte ad posta et fidatamente. Expecto il velluto da Lorenzo et da M.a Marietta il farsetto, et sùbito havuto, vi manderò omni cosa, et se altro vi accade, scrivete.

Scrivendo, Lorenzo mi ha mandato il velluto et così per il presente latore, che sarà Baccino, ve lo mando et con epso il farsetto; ché pure siate uno gaglioffo, poiché ad posta di uno braccio di domasco voi volete portare una cosa tutta unta et stracciata: andate ad recere, che voi ci farete un bello honore.

Monna Marietta mi ha mandato per il suo fratello ad domandare quando tornerete; et dice che la non vuole scrivere, et fa mille panie, et duolsi che voi li promettesti di stare 8 dì et non più; sì che tornate in nome del diavolo, ché la matrice non si risentissi, ché saremo impacciati insieme con frate Lanciolino.

Io vi harei da dire circa {la electione di Bernardo de' Ricci per in Francia} molte cose, più bella l'una che l'altra, et così {molte favole del nostro ser Antonio da Colle, che secretamente andò ad Siena con certi sua ghiribizi, che non è stato niente}; ma penso lo farò meglo ad bocca, et più securamente. {Il Riccio} anchora non è ito, et non so se si andrà, benché habbi {havuto la comissione et ogni cosa, da' danari in fuora}; et perché dubitava {chi lo mandava, che la letera credentiale non si vincessi, per ire sicuramente lo indirizavano a lo oratore, et volevano che lui lo presentassi al Re, et dipoi exequissi la commissione, et in effetto non portava nulla, ma era facto per farli sgallinare} uno cento ducati, poiché {cotesta proda era presa, et simile quella di Milano. Non è ancora ito et non so se andrà, perché li parenti de lo imbasciatore si sono risentiti, parendo non passi sanza suo carico; et il vostro Lionardo non li vuole dare danari, se non si stantiano, il che non si vincerebbon mai sendo maxime scoperta la cosa.}

Io vo omni dì 4 o 6 volte al nuovo Gonfaloniere et è tutto nostro, et mons.re suo fratello mi domandò hoggi, sendo seco, di voi et monstra amarvi unice, et io anche feci seco lo officio dell'amico circa ’ casi vostri: così li facessi voi di me, ché non deciderrei più da voi.

Se non vi incresce, scrivete uno verso al Guidotto in mio favore che, poiché io ho lo stantiamento, mi cavi del generale; fatelo se vi pare, o se vi viene bene.

Niccolò, io desidero intendere quando il Fracassa sarà costì; et quando vi sarà, vorrò serviate uno mio amico di darli una lettera et dirli dua parole, in conformità di questo vi dirò apresso. Lo spenditore qui della S.ria, quando fu qui, li prestò 20 ducati et non li ha mai rihavuti. Vorrei gnene parlassi una parola, ché invero si porta male, sendo stato servito in tanta necessità quanto si trovava alhora; et se vorrà satisfare, ché così ne ha promesso più volte, vi fareno una lettera che li paghi a voi. Della cifra di sopra non rispondete o voi cervate lo stilo che ho facto io, cioè di scrivere in cifra. Bene valete. Florentiae, die 15 Octobris 1502.

Niccolò, io ho errato, ad volere che l'amico mio sia servito, ad monstrare di desiderarlo, perché non ne sarà nulla: et se questo è il remedio, io non me ne curo.

Vester B. B.

 

Stiamo a dì 17 et {lo amico non è ancora ito né credo che vada non potendo darli danari sanza stantiarli,} che non si vincerebbe mai; et hiersera, {volendo lui favore, uno stantiamento di Luigi de la Stufa lo fece tornare indreto 7 fave per sua gratia.}

Erami scordato dirvi che ser Antonio da Colle, sendo innanzi a {Pandolfo et parlando seco, cadé di quelo male, et bisognò fussi portato via,} et il simile li venne {per la via cavalcando in là.}

Delle cose publiche non ho che dirvi fuor di quello vi si scrive publice: quando ci sarà da farlo, non mi harà ad esser ricordato.

Siamo a dì 18 {et l'amico, cioè il Riccio, credo andrà, tanto può la rabbia, che pure non ha havuto anchora il danaio}; ma poiché s'è trovato modo {ad deliberarli la letera del passaggio et tra Signori soli, ché altrimenti non si sarebbe vinta, si troverà modo al resto, ma Lionardo vostro} farà male ad darneli.

Salvestro, cioè il Riccio, di nuovo vi si ricorda. Nec plura. Florentie, die 18 Octobris MDII.

B. Bo.

 

Post scripta. Niccolò mio, sì perché Biagio satisfà et le publiche, sì etiam per non havere tempo, non dirò altro. Sarammi grato scriviate in risposta 2 versi a Giovanni mio, o siavi quel M. Thadeo o non. Et io vi prego mi scriviate et commettiate, se scade cosa alcuna, perché con più fede nissuno vi servirà, con più jactantia et con volere più gradi ne troverrete delli altri; e perché mi conoscete non dirò altro, havendomi voi maxime a tutti li vostri comandi in anima et in corpo. Et quello vi scripsi in latino ne' dì passati rogatus feci, et non vi date molestia, perché qui non manca cosa alcuna, né si desidera mai da' Dieci cosa alcuna et M. Marcello sta assiduo in palazo. El Campriano harebbe voluto sgallinare un ducato; et voi non ne havendo scripto, non potetti riscuoterne se non 2 ducati che andorono a vostra moglera, la quale mandò uno vostro giubbone qui et velluto, il quale per le mani di Biagio vi si manda. Qui non è di nuovo, et per mia fé qui ogni uno sta di una bona vogla; et il miglior vino del paese non vale più di 12 soldi il barile et d'ogni altra cosa ci è abondantia. Bene vale.

Ex Florentia,xviii Octobris 1502.

Servitor Augustinus

in Cancellaria

 

 

036

Piero Guicciardini a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 20 ottobre 1502

Spectabili viro Nicolao de Machiavellis carissimo.

Imolae.

Carissime etc. Io hebbi pochi dì sono una vostra et usa'la come mi parve a proposito. Non vi risposi parendomi non accadessi: et circa le cose di costà non ho da dirvi altro, se non che seguitiate come havere facto insino a hora, che mi pare satisfacciate a tutti. Qui si vede una buona dispositione in tutti verso l'amicitia di cotesto Signore, per la qualità de' nimici et per credere piaccia così al Re; di che ad ogni hora se n'aspetta risposta: et inoltre perché tale amicitia, quando si vadia a buon' giuochi, servirebbe a l'uno et a l'altro per la vicinità et altri rispetti.

L'aportatore di questa sarà Girolamo, mio consueto, el quale viene costà per acconciarsi, confortatone assai da uno Grechetto stato qui a soldare pel duca, come da lui intenderete. Harò caro gli facciate quello favore potrete: et è huomo da servire bene et haverne honore. Et altro non m'accade.

In Firenze, a dì 20 d'Ottobre 1502.

P.o Guicciardini

 

 

037

Biagio Buonaccorsi a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 21 ottobre 1502

Nicolao Maclavello secretario florentino suo plurimum honorando.

Ad Imola.

Niccolò. Perché hieri quando riceve' la vostra era festa, non potetti farvi fare l'uchettone; ma stamani, di buona hora, andai ad trovare Lionardo Guidotti, et tolsi il panno, lasciandomene governare a lui come mi scrivesti; et taglossi in su uno taglo che haveva, che a me pare bello; et intròvi dentro braccia 7 e 12 di panno, che, a quello potetti vedere, vi costerà la canna da 4 ducati et 12 in giù. Hollo facto taglare a me, et del collare et altre cose ho facto quanto ne commettesti, et il meglo ho possuto. Harò caro siate servito; se non, grattatevi il culo.

Habbiamo facto cercare delle Vite di Plutarco, et non se ne truova in Firenze da vendere. Habbiate patientia, ché bisogna scrivere ad Venetia; et a dirvi il vero, voi siate lo 'nfracida ad chiedere tante cose.

Expecto habbiate scripto al Guidotto, et non trattatomi all'usato.

E' mi duole non vi havere servito in tutto, perché mona Marietta vostra ha saputo di questo uchettone, et fa mille pazie. Et se voi non havessi allogato la putta sua sì bene, come havete starebbe di mala vogla; ma desiderrebbe intendere le circumstantie della dota: il donamento et altre cose è ad ordine, et tutte le cornachie di Sardigna verranno ad honorarla et accompagnarla honorevolmente.

Io non so se io harò l'uchettone stasera; havendolo, lo manderò, se non, per il primo non mancherà. Et voi mi adviserete della ricevuta del velluto, il prezo del quale Lorenzo non volse chiedere alla Marietta, ma dice lo metterà ad piè di un altro vostro conto havere seco. Et se quel cieco del Guidotto mi havessi voluto dare li mia danari, co' danari contanti si faceva ogni cosa meglo. Habbiate patientia, ché maggiore tocca ad havere ad me.

Io non ho che scrivervi niente di nuovo, et però habbiate patientia; et se nulla verrà, vi tratterò da amico.

Ser Antonio della Valle è in sullo impazare, et disputando lui et ser Andrea di Romolo, a' dì passati, dello sbaraglino, ser Andrea li adventò uno zocholo et ruppeli le rene; et il povero huomo porta uno bardellone adosso, non sapendo o potendo fasciarsi più comodamente, et non c'è rimedio se lo vogla levare da dosso. Vanno armati amendua, non so se voi m'intendete, ser Andrea di pesce d'uovi et ser Antonio d'argomenti; et ciascuno di loro sta in su' sua. Credo che noi la comporreno, se si truova modo da racconciare le rene a ser Antonio.

Niccolò, io sono ad mal partito, perché ser Antonio ha smarrito il suo caldanuzo et fassi ad me, et vuole lo rifacci di danni et interessi: non so come me lo accordare, et vorrei pure contentarlo: però non mi mancherete del consiglo vostro.

Il presente latore, che sarà Jacopino, vi porta l'uchettone, et a me pare stia bene, et dinanzi è cucito, perché ho visto portare così e luchi: quando non vi piacci, fia poca fatica ad sdrucirlo. Et in effetto ho facto il meglo ho possuto: fate pure che la prima volta vi sia assettato adosso, che pigli buona forma.

Io vi ricordo la faccenda del Riccio di mona Dora, che lo desidero grandemente. Lionardo ha pagato il rimendo et la fattura dell'uchetone lire 5, et di tanto li siate debitore, et con me siate debitore qualche sgallinatura.

Io non ho parlato di licentia, perché voi non ve ne curate et io lo so. A me basta cacare il sangue per voi et per me, et che voi {sgalliniate.}

Niccolò, io vi ho ad dire ch'e collegi fanno mille pazie del mio stantiamento, et dicono che se non si revoca non faranno nulla, perché non voglono habbiamo dua salari; sì che, quando voi siate al termine dello havere guadagnato e danari havesti, ordinate di non havere ad chiedere stantiamento, et anche non credo lo habbiate mai, per potere poi cancellare il debito, dove appariranno li danari havete havuti. Governatevene come vi parrà meglo.

Ser Antonio da Colle {tornò qui et è ritornato ad Siena drieto ad certe pratiche che a me paiono favole, perché non haranno efecto, et cotesto Signore pure ne haveva spilato qualcosa.}

Il Riccio è anchora qui {benché habbi havuto} 150 ducati per andare: non so quello sarà.

Lorenzo di Giacomino mi dice che domattina manderà il vino et che vi ha servito da huomo da bene, et che avanti sia costì, vi costerà poco meno di 5 ducati; sì che voi ve n'andate in chiasso. Et di più mi ha pregato che, havendo cotesto Signore ad mettere le poste per di qua, che desiderrebbe operassi con li amici vostri costì che lui havessi la posta qui di Firenze. Et perché voi sapete quanto io lo ami, ve lo raccomando quanto posso.

Florentiae, die xxi Octobris MDII.

Bl. Bo.

 

 

038

Lorenzo di Giacomino a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 21 ottobre 1502

Nicolao Maclavello, Secretario florentino, patrono suo.

A dì 21 d'ottobre 1502.

Caro Nicholò. Avìsovi chome domattina vi mando e·vino. I ò autto a chompierare le cieste e le fune e la piaglia; e, quando ebi in ordine ogni chosa, e·vitturale vòle fare mecho e·piatto, i·modo gli avétte a piagiare lire 12l. No·lo voleva arechare. E' una béva vi piacierà. Per mie lettere vi darò aviso di tutto, ecc.

Avìsovi chome io vorei che voi faciesi chostì chogl'amici vostri, che mettono le poste da Roma infino chostì. Ànole mese da Roma infino qui a piarole, ch'è venutto uno a méttele di mano i·mano; sì che, se voi vorette adopierare quello sapitte, bisogna fare presto. Credo v'arétte a fare chostì cho·lui che ispaciò la stafetta. Io ve n'ò datto aviso chome la mandai volando. A voi mi rachomando. Fatte presto presto.

Vostro Lorenzo di Giachomino, Firenze

 

 

039

Salvestro di Salvestro Agostini a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 21 ottobre 1502

Prestanti viro, domino Nicolao Malclavello mandatario et secretario fiorentino, amico suo optimo.

Imola.

Magnifico Nichollò mio charisimo. Non mancherò mai che chon tuto il mio chuore io non vi sia servidore, se bene mai la mia lezione nonn·avesi la perfezione, perché una volta io più istimo una volta la vostra diligenzia inverso di me; spero i·Dio e nel mio padrone messer Marcello e nel mio Nichollò Machiavelli, nel quall'è tuta la mia fede, richordandovi che vi sono stiavo sollo della vostra buona volontà, et non so molti però et mi farà, se non che l'opera farà fede delle mia parolle.

Io vi richordo la spedizione del fatto.

E oltre al chonformare la mia lezione, fa di bisonchio una lettera alla chomunità d'Orvieto che dipoi il presente podestà io sia il primo. S'io sono prosuntuoso, n'è chausa l'opera vostra e 'l mio padrone messer Marcello.

Rachomandomi a vostra magnificentia. A dì xxi d'otobre 1502.

Salvestro di Salvestro d'Achostino,

Fiorenzia

 

 

040

Piero Soderini a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 22 ottobre 1502

Spectabili viro Nicolao de Malclavellis secretario florentino mandatario ad Ill.um Ducem Romandiolae amico etc.

A Imola.

Spectabilis vir amice charissime. Poi che io fui designato da questo populo al grado che voi sapete della nostra città, non ho scripto ad alcuno né signore né amico mio particulare, iudicando sia conveniente expectare di esser tratto et in palazo: et però non ho scripto etiam a cotesto Ill.mo Principe. Et ideo scriverrò ad voi in raccomandatione di alcuni ai quali ne' mesi passati furono tolti sei muli ad Castel Durante da certi huomini di sua Ex.tia; di che pare ne' dì passati dal nostro magistrato de' Dieci ne sia suto similmente scripto. Voglo che voi siate contento in nome mio parlare con la Ill.ma Sua S.ria; et in primis mi offerirete ad quella; dapoi verrete con sua Ex.tia ad lo individuo de' 6 muli tolti, li quali gli piaccia per amore mio fare restituire a Marco et Iacopo Brinciassi nostri vecturali, et di questo iterum atque iterum la pregherrete: et io, come ho detto, mi riserverò a scrivere a sua Ill.ma S.ria poi sarò in palazzo, in quel modo iudicherò conveniente a la persona mia privata et ad la publica. Interim mi offerirete ad la sua bona gratia, quale Dio augumenti in sua felicità. Bene vale. Ex Florentia, die xxii Octobris M.D.II.

Petrus de Soderinis

 

 

041

Bartolomeo Ruffini a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 23 ottobre 1502

Prestanti viro D. Nicolao Malchlavello mandatario et secretario florentino patrono et benefactori honorando.

Ad Imola.

Nicolò, padrone honorando etc. Io intendo da Biagio che voi siate per maritare la mia fanciulla et che le darete, potendo, uno buono capitale, il che sarebbe ad gran mia satisfactione. Pregovi da core che havendone occasione voi v'ingegniate con il tavolaccino o altri vostri ministri che la si venda avanti al partir vostro di costà, perché non le posso più dare le spese et ho gran bisogno de' danari. Il pregio, se voi non lo sapete, lo sa il tavolaccino e a·llui scrivo la alligata per farli intendere il desiderio mio, et tutto si facci con reputatione della fanciulla e con honore vostro, farla offerire in modo che non perda di reputatione, anzi ne acquisti, come saprete ordinare.

Le vostre lettere ad Biagio et alli altri sono ad tutti gratissime, et li motti et facetie usate in epse muovono ogni uno ad smascellare delle risa, et danno gran piacere. Et questo Ognisancti sarete ricordato al proveditore di quel facto che soliamo havere, et vi si manderà a casa. La donna vostra sta bene et vi desidera et manda qui spesso ad intendere di voi et del ritorno. Altro non mi occorre. Ad voi mi raccomando. Bene vale. Florentiae, die xxiii Octobris 1502.

Vester Bartholomeus Ruffini

In Cancelleria

Io vi scripsi più dì sono in raccomandatione di uno, detto il Cianchera, fiorentino et parente mio, et lui vi doveva portare la lettera: desiderrei intendere quello ne sia sequito, et vi pregho non vi incresca darmene uno motto. Vale.

 

 

042

Niccolò Valori a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 23 ottobre 1502

Prestanti viro Niccolò Machiavelli secretario deg.mo florentino. Al Ducha Valentino.

Carissime tanquam frater. Io ho una vostra de' 20, che mi è suta carissima, come mi saranno sempre tutte le cose vostre. Et veramente i raguagli et discorsi vostri non potrebbano essere migliori, né più aprovati. Et volessi Idio che ogni huomo si governassi come voi, che si farebbe mancho errori. Noi qui, perché le nuove dipendano di costà, non habiamo molto che dirvi. Mandamo ser Alexandro a Roma, che doverrà essere cosa grata a cotesto Principe, et voi ve ne potrete honorare assai. Le gente comandate non si sono mandate alle frontiere, perché non farebbano se nnone male; ma potete bene dire a sua Ex.tia s'è mandati più conestabili de' migliori et da·ffare fatti al Borgho et negli altri luoghi. Et tutta voltasi pensa fare qualche dimostratione che darà reputatione a sua Excellentia, et sicurtà a·nnoi. Circa a' casi nostri particulari, Deus testis che io v'amo et stimo più che fratello. Et perch'io so haresti voglia d'esserci a questa cerimonia del Gonfaloniere nuovo, ne farò pruova, ma non riuscirà, perché lui etiam non se ne accorda molto. Bastavi in coscientia, non s'è mancato secho di fare l'officio per voi, et satisfare alla verità. Et per la fede è fra noi, io in particulare ne ho parlato secho due volte a·llungho, in modo credo che d'amicho vi sia diventato amicissimo. Quello desiderate in secondo luogho, non vi doverrebbe essere dinegato; ma questi nostri collegii sono in modo attraversati, non habbiamo mai possuto farne fare loro nessuno; non restereno d'aiutarne, et voi et gli altri. Né più per fretta, se·nnone sono senpre a' piaceri vostri. Cristo vi guardi. A dì 23 d'Ottobre 1502.

Niccolò Valori in Palagio

 

 

043

Jacopo Salviati a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 27 ottobre 1502

Magnifico domino Niccolao de Machiavellis apud Ill. Ducem Valentinensem. A Imola.

Ihesus. Addì xxvii d'Ottobre 1502.

Magnifice vir etc. Io ho la vostra de' 23, per la quale resto avisato a quanto vi trovate d'acchatto, et il desiderio avete di ricuperarlo, per soprire a' vostri affari. All'entrata del futuro mese, et a pochi dì di quello se ne risquoterà lo octavo, et rimanente dipoi subcessive per e tempi correranno. Et perché desidero compiacervi, et soprire possiate a' comodi vostri, sono parato servirvi sino a detta somma di mio, non per ritragli di detto assegnamento, ma in presto. Accadendovi, avisate, et pagherogli a·cchi commetterete, quando così v'attagli. E per questa non acchade altro. Sono a' piaceri. Cristo vi guardi.

Delle nuove, accepto la deliberazione n'avete presa, et quella commendo.

Jachopo Salviati in Firenze

 

 

044

Biagio Buonaccorsi a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 28 ottobre 1502

Nicolao Maclavello suo plurimum honorando.

In Imola.

Niccolò. Anchora che voi siate savio et prudente, et che la mia sia presumptione ad volervi ricordare come habbiate ad scrivere, et di quelle cose maxime che a omni hora vedete in viso, tamen io vi dirò brevemente quello mi occorre, non obstante che qui io habbi facto il debito mio in tutti quelli luoghi et con tutti quelli, che vi havessino volsuto dare carico. Et prima vi ho ad ricordare lo scrivere più spesso, perché lo stare 8 dì per volta ad venire qua giù vostre lettere non passa con vostro honore, né con molta satisfactione di chi vi mandò; et siatene stato ripreso da' Signori et dalli altri, perché, sendo coteste cose della importantia sono, qui si desidera assai intendere spesso in che grado si truovino. Et non obstante che voi habbiate scripto largamente le genti che si truova cotesto Principe, et li aiuti in che li spera, et il prompto animo suo ad defendersi; et che voi habbiate benissimo dichiarato et le forze sua et quelle delli inimici, et messole avanti alli ochi, tamen voi fate {una conclusione troppo gagliarda} quando voi scrivete, che {li nimici non possono horamai nuocere molto a cotesto Signore}; et a me pare, non che di questo ne habbiate havuto carico che io sappia, che voi non ne possiate fare iudicio così resoluto, perché costì ragionevolmente et secondo havete scripto, non si debbano publicare li progressi delli inimici, et che forze si habbino così ad punto, da che ha ad nascere il iudicio vostro. {Et qui per diversi advisi si intende le cose della lega essere gagliarde, et non si fa molto buono iudicio de le cose di cotesto Signore}; sì che come voi havete facto et prudentemente discorso che havete particularmente tutto quello ritrahete, {del iudicio rimetetevene a altri}; et cazovi nel forame. Et non me ne rispondete cosa alcuna.

La lettera al Salviato si presentò, et lui ve ne responde. Et scrivendomi voi che, riscotendo, vi mandi la berretta, non havendo riscosso, non credo la voglate; volendola a omni modo, advisate che la comperrò del mio, et con più rispiarmo potrò. Le altre vostre a Niccolò et Albertaccio similmente si presentorono; et io di bocca feci lo officio da amico con Piero Soderini leggendoli la vostra, perché, nell'ultimo, dove voi chiedete licentia o etc., lui rise, et io seguitai con dire che mi havate scripto che, se non eri provisto, ve ne verresti, perché havate inteso che qui non si stantiava se non alli electi per li 80, et che voi non volavate consumarvi. Ridendo mi rispose et dixe: ‑ Elli ha ragione, ma li scrive troppo di rado. ‑ Et così finirono li nostri ragionamenti. Et io vi conforto ad non adormentarvi, perché voi non ritrarresti mai il servito: governatevi hora come meglo vi pare.

Èssi ordinato il vostro stantiamento, ma non credo ne sia nulla, che Dio vi benedisca et facci grande.

Le cose tra ser Antonio et ser Andrea si comporranno, et ser Andrea s'è molto confortato, havendo inteso il remedio ad ripararsi che ser Antonio non li entri sotto, ché se gnene appicca un tracto, per Dio, non vi si ficherà più. Dell'arco non ne vuole fare nulla: accordavisi più tosto al baleno. Facc'elli.

Voi vedrete per la inclusa di Jacopo Salviati quello vi risponda circa etc. Advisatemi quello habbi ad fare, et farassi.

Il S.re Niccolò Valori mi ha facto fare dua lettere in nome vostro, una al S.re Luigi Venturi, et l'altra al S.re Giannozo, pregandoli vi provegga: et in effecto mi hanno promesso lo faranno. Io ci uso omni extrema diligentia, et credo bucherare tanto, ve li manderò. Nec plura.

Florentiae, die 28 Octobris 1502.

Blasius

 

 

045

Niccolò Valori a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 28 ottobre 1502

Prestanti viro Nicolao Machiavelli segretario degnissimo.

Al Ducha Valentino.

Niccolò mio carissimo. Noi siamo tanto occupati ch'io v'ò trattato male: et quod peius, non so se con fatti vi potrò trattare meglio: potete bene essere cierto non mancherà per diligentia. Gli avisi venghono da voi non potrebbano essere più aprovati; ma a parlare come sogliamo, si desiderrebbe scrivessi più spesso, ancora si pensi non sia santa ragione. Noi qui habiamo da Roma come il Papa è a strette pratiche d'accordo con tutti questi collegati, et hiersera ce ne fu qualche riscontro et aviso da·cCortona di ragunate et ristringnimento di gente, et che si taglierà in sul nostro: sì che si vorrebbe questa cosa scoprilla, più che vi sarà possibile, et avisarne il nostro gonfaloniere, quale è tutto vostro; et a me non rispondere, perché sarò fuori di qui et non voglio attendere a stato. Potendo, si pagheranno i ducati a Biagio per voi: et perch'io sono chiamato, non vi dirò altro se·nnone sono vostro, come vi sapete. Che Idio sano vi conservi.

A dì 28 d'ottobre 1502.

Nicolò Valori in Palagio

 

 

046

Niccolò Valori a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 31 ottobre 1502

Prestanti viro Niccolò Machiavelli segretario degnissimo.  In Imola.

Carissime tamquam frater. Noi habiamo dato per conto vostro a Biagio ducati 40, che meglio non s'è possuto fare, per dua cagione, l'una per la scarsità et miseria in che ci troviamo, l'altra mi riserberò nella penna. Se io ho manchato di satisfarvi con i ducati, Deus testis, ho sopperito et in publicho et in privato di fare congnioscere le opere vostre, quae nihilominus per se luceant, non è fuora di proposito scoprine; et in verità et con i Signori nuovi et Dieci ne ho satisfatto ad me medesimo. Et veramente queste due ultime lettere ci havete mandate, v'è suto tanto nervo et vi si mostra sì buono iudicio vostro, che le non potrebbano essere sute più aprovate.

Et in spetie ne parlai a·llungho con Piero Soderini, che non iudicha si possa a nessuno modo rimuovervi di costì, et io non manchai fargli intendere quello bisognava fare, et vedrete lo troverrete favorevolissimo alle domande vostre. Confortovi a pacientia et fare come solete, ché doverranno essere più cogniosciute le opere non sono sute sino qui. Et se io posso nulla per voi, poi non ho fratelli, fo pensiero non vi havere et non mi habbiate in altro luogho che di fratello. Et questa vi vaglia in luogo di contratto. Christo vi guardi. A dì 31 d'ottobre 1502. Non entro in nuove, perché etiam non ne voglio da voi.

Vostro N. V. in Palagio

 

 

047

Biagio Buonaccorsi a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 1 novembre 1502

Niccolò Machiavelli in Imola suo plurimum honorando Imola.

Niccolò mio. Io non responderò alla vostra de' 27 ad lungo per non havere tempo. Solo vi dirò che io ho lasciato indrieto me per voi, et ho tanta importunità usata et sollicitudine col S.re Niccolò Valori che hieri sgallinai per voi ducati trenta d'oro in oro et bolli in mano et per questo non li mando per non sapere come si venissimo securi respecto a coteste gente franzese: io expecto commissione da voi di quello volete facci, et se volete li mandi ad vostro ristio per il primo, et tanto farò. Scrivetemene largo et chiaro, et in modo che se disgratia advenissi, non vi sia tenuto io. Sovi bene dire che io non so come lo stantiamento si habbi ad vincere; pure harete un tracto danari: bastivi che io li ho in mano et poteteli spendere; et ho facto quello che persona non stimava, per insegnarvi come si serve.

Al Zerino fu tolto alla porta il velluto, vedrò di rihaverlo; et M.a Lessandra mia farà il bisogno se la potrà, perché la vuole per comare et io voi per compare, et non spenderete, cazo d'asino.

Intendete se costì messer Alexandro acceptassi una lettera da' Salviati di pagarvi 30 ducati et io li darei loro qui et farei farmene lettera di cambio, ma venendo sicuramente in contanti, sarà meglo: advisate.

L'amico non andò in Francia, et Piero è in Palazo, et voi staresti meglo qua: perdonatemi, ché l'affectione mi fa parlare.

Io mando ad M.a Marietta questo cavallaio ad sapere se la vuole nulla, et a voi mi raccomando. Florentie, die prima Novembris 1502.

Il salvocondotto non vi si manda stasera perché ser Andrea ha giucato tuttodì ad sbaraglino; ma li è deliberato et per il primo verrà.

Blasius

 

 

048

Biagio Buonaccorsi a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 3 novembre 1502

Nicolao Malclavello suo plurimum honorando. etc.

Niccolò. Io vi scripsi per Carlo cavallaio brevemente, non havendo tempo, et per quella vi detti adviso come per il mezo del S.re Niccolò Valori et mia sollicitudine cavamo dal camarlingo delle prestanza ducati 30, li quali io ho nelle mani ad vostra instantia, ma non li mandai per Carlo, non sapendo come si venissimo sicuri. Per questa vi dico il medesimo, che io non li manderò, se non ho da voi expressa commissione: però me ne rispondete chiaro, etc.

Il velluto lo rihebbi et mandalo ad casa vostra.

Il Gonfaloniere vi scrive la alligata: vedete sia servito et di fare honore alle commissioni sua, et ingegnatevi di tornare.

Nec plura. Raccomandomi a voi. Florentie, die iii Novembris 1502.

Frater Blasius

 

Signori: Antonio Canigiani, Niccolò Capponi, Zanobi Carnesechi, Ugo della Stufa, Piero di Brunetto, Antonio Benozi, Thomaso Guardi, Tinoro Bellacci, Piero Soderini gonfaloniere.

 

 

049

Biagio Buonaccorsi a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 3 novembre 1502

Nicolao Malclavello suo honorando.

Imola.

Niccolò mio. Perché costà non venga huomo sanza mia lettere, vi fo questi pochi versi, havendovi scripto hoggi insieme con una del Gonfaloniere, il quale poi che intrò in Palazo, pare si sia omni cosa cominciata ad indirizare; et di già ha dato principio di volere che le faccende si faccino ad buon'ora, perché la mattina a 18 hora, et la sera a 3 omni uno sbuca. Et questa sera ha facto imbasciadore in Francia il vescovo de' Soderini suo fratello, con tanto favore che è stata cosa mirabile; et ha parlato, poi che fu facto, alli Ottanta et decto che, benché habbi al essere al vescovo cosa grave, pure lui farà ultimum de potentia che vi vadia; et di certo vi andrà, et con lui Alexandro Nasi. Èssi hoggi cominciato ad assettarli la audientia de' Dieci nel modo sapete; et la nostra Cancelleria per hora servirà a' Dieci, et la sala a noi: et questo vi basti, cazo infreddato.

Io vi ho scripto havere li 30 ducati, né volere mandarli sanza vostra commissione; sì che advisate, et tanto farò. Il capitano che pagò il fante ritenne li 30 soldi: fammeli dare, se vorrà; se non, harò patientia; et di tutto harete buono conto.

La Lessandra non è ita alla Marietta, perché la non si parte di casa Piero del Nero, et lei non sapeva la casa; manderovela come prima potrà.

Io vi manderò la berretta di velluto, se voi non scrivete in contrario.

Nec plura. Florentiae, die iii Novembris 1502.

Blasius

Carlino Bonciani, quel bello, è stato morto, né so da chi. Giovanbatista Soderini si raccomanda a voi.

 

 

050

Biagio Buonaccorsi a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 5 novembre 1502

Nicolao Maclavello suo plurimum honorando.

Niccolò mio. Chi iudica le cose troppo presto, spesso si ha ad ridire, come di presente adviene a me. {Il nuovo Gonfaloniere comincia ad rassettare la città dal volere scemare li salarii a' cancelieri} et ha facto di havere in nota tutti li ordinarii, et il salario loro, in modo che se questa cosa si desta, farà dua cattivi effecti: l'uno della diminutione, l'altro che non obterrà nessuno. Et io vi havevo scripto mirabilia, parendomi pure il principio buono: non errerò più, perché mi governerò dì per dì, et anche mi parrà lungo tempo, et più tosto farò hora per hora. Voi medesimo conoscete l'importantia della cosa, et quello faccino di malo effetto simili rumori, però non ve ne scriverrò altrimenti ad lungo. Io con ser Antonio Vespucci ho facto una diligentia, ma ad dire meglo, ho voluto fare, che mi pareva ci havessi ad giovare assai; et questo era, che in sulla nota si mettessi il salario risquotavamo ad punto il mese, ad ciò si vedessi dove battevano le centinaia, et che le non tornavono nulla: non credo si facci anche questo. Et così omni uno s'arrovescia, {et il Gonfaloniere} lo fa sanza saputa nostra; ma perché io vi ho detto non volere iudicare più sì presto, di questo anchora fo il simile, per non mi havere ad ridire, perché potrebbe essere che così come elli ha volsuto in nota et tavolaccini et cavallari et omni altro, volessi questo per il medesimo effetto, cioè per vedere et sapere una volta quanti ministri habbi. Harei caro fussi ad questo fine, benché il rumore sia in contrario, et parlisi di quello vi ho detto di sopra. Stareno ad vedere, et pregherreno Dio ci aiuti.

El tempo della rafferma ne viene forte, et io non piglerò già cura per voi di andare ad dire dello arbero et de' frutti, et della mula et della merda, perché non lo farò per me, et anche non satisfarei. Pensate a questo, ché importa.

Scrivendo, ho ricevuto la vostra de' 3, et benché io sia in faccende, et perciò, Niccolò mio, disperato, sendomi facto forza ad ire in Francia con questi oratori, che sono il vescovo de' Soderini et Alexandro, come vi scripsi, pure ho lasciato stare o, ad dire meglo, lascerò et farò quanto mi dite; et in Francia mi lascerò prima impiccare che andare.

El drappo l'acconcerò in modo non si guasterà, et advertirò il cavallaro come advisate.

Dello accatto voi intendesti quello vi scripse il Salviato, et il medesimo mi ha confermato dipoi, dicendomi vi servirà di suo, ma non in su quello assegnamento; volendo, perché non si può trarre la cosa, dell'ordinario et di quello ve ne havete ad rimborsare hora, lo dirò al Guidotto, et farò quello mi dirà.

Il velluto lo riebbi, et andò ad casa. A Lorenzo ho dato ducati 29, et mi manderà il drappo, et scriverràvi, secondo mi ha promesso, del costo et di omni altra cosa; sì che io me ne rimetto a lui.

Scrivendo, Lorenzo è stato ad me et mi dice che, per non havere in bottega raso nero, che sia cosa da servirvi, bisogna lo comperi, et che per essere tardi et cattivo tempo, ad volere servirvi bene, bisogna differisca ad lunedì; et io, che vorrei fussi contento et havessi honore, non me ne sono curato.

Li ambasciadori vanno via domani, et io credo mi sgabellerò al certo, et portano seco lettere di cambio di 10 mila scudi per la paga, etc. Et se l'amico fussi vivo, rinnegherebbe Dio, perché monsignore, subito che acceptò, dixe era a cavallo, et sollicitò Alexandro, et così col nome di Dio andranno. Né altro di presente mi accade.

La lettera alla Marietta mandai subito, et così manderò l'altra ad Andrea. Florentiae, die VIII novembris MDII

Frater Blasius

 

 

051

Marcello Virgilio di Adriano Berti a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 7 novembre 1502

Spectabili viro Nicolao Malchiavello secretario et mandatario Fiorentino apud Ill.um Ducem Romandiolae tanquam fratri. A Imola.

Spectabilis vir etc. Il Gonfalonieri stamani mi ha detto che non li pare ad verun modo che tu ti parta, per non li parere anchor tempo, et lasciare cotesto luogo vacuo di qualche segno di questa città; per havervi ad mandare un altro, non sa chi si potessi essere più a proposito, respecto a molte cose. Però mi ha detto ch'io ti scriva così, et ti advertisca ad non partire; et se io lo fo volentieri, Dio lo sa, che mi truovo con le faccende mie, con le tue et con la lectione addosso. Et se tu harai ad sequire il Duca o non, andando ad Rimine, per la publica ti si dirà più appunto. Vale. Ex Palatio Florentino, die vii Novembris MDII.

Tuus Marcellus Virgilius

 

 

052

Biagio Buonaccorsi a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 12 novembre 1502

Niccolao Malclavello maiori suo honorando.

Niccolò honorando. Io vi scripsi hiersera per Carlo cavallaro et non vi pote' mandare quelli danari, che ne ho havuto dispiacere grandissimo per vostro amore, et così la berretta, la quale benché havessi nello scannello aconcia, non me ne ricordai. Questa mattina dipoi Lorenzo è stato ad me, et hammi portato li 29 ducati che io li havevo dati, et così per il presente cavallaro, che sarà un cazo, ve li mando et con epsi la berretta, la quale vi costa uno ducato, che per essere colore vario non ho possuto fare meglo. Habbiate patientia.

A Lionardo ho dato la poliza, che risquota quelli 2 fiorini vi toccano hora dello accatto; et havendoli, li manderò ad m.a Marietta o li farò scrivere a lui ad vostro conto, così li 30 soldi che anchora non li ho riscossi, ma sono in buono luogo; et volendo altro, advisate, che volentieri farò omni cosa.

Di quello vi scripsi dello scemare etc., non se n'è sentito altro; ma c'è chi dice che non è necessario farlo solamente de' salari, ma anchora delli huomini. Dio lasci seguire il meglo. Et io vi credo ne siate stucco, et che non vi habbi ad dare molta briga; et doverresti fare omni instantia di tornare, come havete facto infino ad qui. Hare'vi ad scrivere parechi cose {da pazi} che ha fatto il nostro {Riccio in questo suo ofitio del Collegio,} ma lo farò ad bocca, stimando non habbiate ad soprastare di costà molto tempo. Non voglo lascare di dirvi che di quelli 150 gnen'è {rimasti in mano dieci} et vorrebbe {li fussino lasciati per havere speso; ma non ne sarà nulla.}

Florentiae, die xii Novembris 1502.

Frater Blasius

 

 

053

Francesco Cei a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 12 novembre 1502

Spectabili viro, domino Niccholao Machiavello, amicho suo precipuo. Imole.

Karissime tanquam frater honorande, etc. Perbenché io sappia che siate hochupatissimo, non lasserò pertanto di darvi un pocho d'affanno della inclusa al mio caro et diletto Agostino, la quale desiderrei che in sua mano facessi dare; e, dandovi risposta, per sichuro modo me la mandassi, chon offerirvene ristoro chon tutta quella chiachiera, che per me si sappia ho possa, al vostro ritorno, che al prexente più che mai n'abbondiamo. Né dirò altro, se·nnon che 'l Pincio si dicie essere risucitato: ghran segno della fede nostra! Pensiate se ci à a manchare materia. E perché questa penna non mi rende, a voi me rechomando. A Dio.

Ex Florentia, die xii novenbris 1502.

Vester Francischus Ceus

 

 

054

Piero Soderini a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 14 novembre 1502

Spectabili viro M. Niccolò Machiavelli tanquam fratri carissimo mandatario florentino apud ill.mum Ducem Romandiolae. Imola.

Niccolò carissimo. Io ho ricevuto 2 vostre ultimamente, alle quali prima non ho facto risposta per le occupationi del Palazo, le quali ci sono grandissime. Èmi piaciuto intendere quanto havete scripto in publico et in privato: così seguiterete frequentemente et diligentemente di scrivere, perché assai si desidera intendere che cotesto Ill.mo S.re sia presto a ordine per potere incontrare li inimici sua; et voi ci significherete che gente a piè et a cavallo si truovi, et ne manderete lista. Noi habiamo trovato la ciptà molto disordinata di danari, di assegnamenti, et di molte altre cose, come vi può benissimo essere noto: attendesi a pensare di riordinare tutto et di già si è facto la paga a Lione al Re Christianissimo et dato danari a tutte le nostre genti d'arme a cavallo et a parte delle fanterie. Hora si attende a pensare di fare el pagamento a Milano. Alla paga de' Svizeri, che corre per tutto dì 20 di questo, li assegnamenti furono consumati mesi sono: attendesi a pensare di farne di nuovo, ma le difficultà ci sono grandissime: tuttavolta non si perde tempo et speriamo presto tirare avanti qualche cosa al proposito, per potere essere buoni et per noi et per altri: che insino a qui è stato el contrario. La ciptà tutta è ben disposta verso la Ex.tia di cotesto S.re, et io particularmente non sono per mancare di fare tutte quelle cose che sieno a utilità di questa Republica et contento della sua Ex.tia; e presto credo potreno fare intendere che noi siamo per fare altro che parole. Mons. di Volterra è ito oratore al Re Christianissimo con comissione di non operare altrimenti per la Ex.tia di cotesto S.re che per la Repubblica nostra; et benché la sua Ex.tia non habbi bisogno di favori apresso quella Maiestà, perché lei è per favorire altri, nihilominus, per non mancare in tutto quello che a noi sia possibile, è per spendere el nome publico et privato, sempre che intenda così desiderarsi dalla Ex.tia  sua, alla quale mi offerite iterum atque iterum.

Da Martino Scarfi mi è stato raccomandato uno Jacopo Brinciassi da Legnaia, al quale fu tolto 6 muli, immo 5, in Urbino o lì intorno. Parlatene e raccomandate, che ve ne prego.

Per questa non dirò altro. Ricordovi quello vi ha scripto Tomaso mio della sua faccenda di Roma, la quale l'importa assai; et io desidero che lui ne sia sa. tisfacto.

xiiii novembris 1502.

Petrus de Soderinis Vexillifer perpetuus Reip. Florentinae

 

 

055

Biagio Buonaccorsi a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 15 novembre 1502

Nicolao Malclavello suo plurimum honorando.

Niccolò honorando. Poi che io hebbi scripto la alligata, comparse la vostra de' 10, et dipoi una delli 8, venuta per uno vetturale (che vi venga il cacasangue), et scrivendo, la vostra de' 13. Et circa ad quello ne ricercate per la preallegata de' dieci, di intendere se io sono ito in Francia, et in che modo me ne liberai, in primis vi respondo che io mi credo essere in Firenze. Potrebbe essere me ne ingannassi, perché, considerato la calca me ne fu facto, mi pare anchora essere in compromesso; né altro mi liberò da tale gita, che una extrema diligentia usata dalli amici, et con lo havere facto io intendere chiaramente lo animo mio al vescovo; il quale, benché anchora insieme con Alexandro me ne riscaldassi, pure, monstroli che io ero per sopportare omni pena più tosto che andare, mi promisse di aiutarmene, et così fece.

La cagione che ha mosso monsignore ad andare così presto, non è stata ad altro fine che per amore del fratello, et per credere al certo havere ad fare là qualche buono fructo, per essere appresso la M.tà del Re la città in buona gratia, et havere tal sicurtà del nuovo Gonfaloniere, che non li sarà dato cagione di alterarla, perché non se li mancherà, de' pagamenti debiti, di uno dì solo; et hora hanno portato seco li diecimila ducati, Et omni bene che ha ad havere la città, et honore che ha ad havere il fratello, ha ad dependere dalla M. del Re, dove, per fare et l'una et l'altra cosa, è ito volentieri, et con animo li habbi ad riuscire, secondo mi dixe al partire suo: et io, conosciutolo, ne sto di bonissima vogla. Hallo mosso anchora la necessità, perché li pareva si fussi troppo indugiato ad mandarvi oratori, come pareva anchora a voi quando eravate qui; et lui è huomo resoluto. Et dello augmento non ha parlato, ma sì bene Alexandro, il quale per la auctorità del Gonfaloniere ne è stato contento, benché nel favorirlo il Gonfaloniere promectessi al Collegio, che per l'advenire non se ne parlerebbe più.

Di quello vi scripsi dello scemarci etc. non s'è poi altrimenti parlato, né anche credo se ne habbi ad parlare; et dello ambulare io ne sto di buona vogla, perché la dispositione universalmente è buona; pure, li appetiti sono varii. Et voi staresti meglo qua che costà; et credo desideriate di tornare, ma voi vedete quello vi fa scrivere il Gonfaloniere: governatevene in quel modo che voi crediate obtenere il desiderio vostro, et anche non li dispiacere. Il presente apportatore vi porterà la berretta et li danari, et sarà Carlo, et vengono ad vostro ristio. Harò caro venghino ad salvamento, che così piacci a Dio et a' ladri. Mandai la vostra alla Marietta, et le raccomandatione et ambasciate ho facte a tutti, et di più raccomandatovi a Giovambaptista Soderini, che li parlo omni mattina allo studio. Et tornate per l'amore di Dio, che io non posso contentare Piero Guicciardini, benché quasi habbi preso la piega. Diguazomi il meglio posso et duro troppa fatica, ma voi me la etc.

A questi Signori pareva che voi indugiassi ad scrivere, perché una allegata da voi de' dì 5 non comparse mai, né voi forse la scrivesti; et quel cazo del Totto penò 8 dì ad giugnere, et Carlo hora ha servito benissimo.

El Guidotto ha la poliza di quelli 2 ducati: non so se li ha riscossi, ricorderognene in malhora.

Io non scriverrò già ad ser Octaviano, che li venga prima il cacasangue: commettetemi altro.

Dove si acconci per il Gonfaloniere ve l'ò scripto diffusamente, et di lui non vi ho da dire altro, se non che omni dì li cresce la reputatione, et lui se la saprà mantenere.

Niccolò, voi berete bianco, perché credesti {fare costì qualche conclusione che piacesse a cotesto Signore,} et questa risposta la intorbida, {et siate uno cazo, se voi credessi che noi voliamo comperare tanto tanto a punto penitere.}

Mandovi in uno legato 29 ducati, 25 scempi et 2 doppioni, et la berretta. Advisate della ricevuta, et non guardate se non fussi così bello oro, ché mi parve fare un mondo ad haverli così. Vorrei scrivessi ad Niccolò Valori, et lo ringratiassi della opera fece per voi, perché è huomo che per natura è tirato ad servire li amici. Bene valete. Florentiae, die xv Novembris 1502.

Frater Blasius

 

 

056

Francesco Machiavelli a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 15 novembre 1502

Spectabili viro Nicholò di messer Bernardo Machiavelli, mandatario fiorentino appresso alla Signoria del ducha di Valenza.

Al nome d'Iddio, addì xv novembre 1502.

Spectabilis vir et maior honorande, etc. Poi siate stato appresso a cotesta Signoria, non v'ò scritto per non essere acaduto, che llo arei fatto come al presente et con fede et affezzione. Et della presente è causa che e Mariscotti da Marradi sono senpre stati molto fedeli a questa città et buoni servidori in publicho et in privato; onde io, per questo rispetto et per la amicitia tengho con qualchuno di loro, sono forzato alle giuste loro domande non mancare et per loro intercedere dove stimi giovalli. Egli ànno avuto è circh'ad anni 3 una brigha con uomini dello contado di Bresighella, che si chiamano e Zacherini; de' quali già fu mortone uno molto innocentemente et contro alla voglia di detti Mariscotti; et dapoi che furono così in brigha, questi Mariscotti non ànno mai aùto da·lloro alchuno acordo, se·nnone per via dello Capitano di Bresighella. Desiderrei che, per amore mio, voi obtenessi dal ducha una lettera al prefato capitano di Bresighella che tra loro facessi, se·nnone una buona pace, almeno uno acordo per qualche anno. Sarete causa di qualche grande bene, e questi Mariscotti vi ne resteranno ubrighati sempre. Altra volta ne scrisse da Roma la signoria del duca, e·lla cosa fu interrotta. Ora spero, mettendoci voi le mani, la condurrete in ogni modo, che è cosa molto onesta. Di questi Mariscotti n'è costà parechi nello campo dello duca, credo a Santo Arcangiolo. E io non voglio più tediarvi, salvo vi racomando di nuovo detta opera. E delle cose vostre non vi dirò nuova alchuna, che stimo ogni dì n'abbiate nuove, che stanno tutti bene. E io mi racomando a voi sempre. Che Christo, etc.

Vostro Francesco Machiavelli in Firenze

 

 

057

Biagio Buonaccorsi a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 18 novembre 1502

Nicolao Malclavello suo honorando.

Imola.

E' bisogna che io mi adiri con voi in omni modo, perché voi mi scrivete per questa vostra de' 14, come se da me venissi lo havere differito ad mandarvi li danari, et non da voi che havete tanta fermeza che non vi basta una hora ad stare in uno proposito. Voi sapete ch'e danari io li haveo dati a Lorenzo, et bisognommi poi, havendo voi mutato sententia, expectare Lorenzo che era in villa ad poterveli mandare; et se io ho differito qualche poco, è stato per il desiderio havevo di contentarvi; et quando io vi offersi de' mia, che di nuovo lo raffermo, non haveo anchora ritracti de' vostri. Et basterà solo uno cenno, quando ne vogliate, ché io non sono come voi, che vi venga 40 mila cacasangui, che voi havete tanta paura di non havere ad spendere 20 soldi, poi vi richiesi per compare, che io non vi potevo scrivere peggio, che si disdirebbe a me, havendo havuto per maestro uno che era principe delli avari: andate ad recere. Et il volere hora così ad punto intendere della mancia, mi chiarisce più che doverresti a simili cose minime non pensare. Sì che voi la havesti col malanno che Dio vi dia; ché io non ho procurato per voi, qui in questa vostra absentia, li casi vostri, come facesti voi nella mia; et il proveditore non è in Firenze, ma a Arezo. Et se voi non volete vi scriviamo più la festa de' Magi; scriverrenvi quella dell'asino, et fareno in modo che vi contentereno. Et cazo nel forame a voi et le comare.

Di Dieci non si ragiona per anchora, et di omni altra cosa vi ho scripto ad bastanza.

Lionardo Guidotti riscosse quelli dua ducati dello accatto, et halli messi ad vostro conto, come mi ordinasti. Se altro vi accade, scrivete.

Le vostre si dettono.

Florentiae, die xviii Novembris MDII.

Frater Blasius

 

 

058

Biagio Buonaccorsi a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 26 novembre 1502

Nicolao Maclavello, in Imola.

Niccolò. Le lamentationi tocherebbono ad farsi a voi questo tracto, se io non fussi stato: perché hiersera si propose il vostro stantiamento, et non si vinse; così quello di Francesco della Casa et quello di ser Alexandro Bracci; tanta buona gratia havete, che vi venga il cacasangue a tutti a tre; et, se si propone più, io andrò ad piagnere per voi, se bisognerà, ma non credo che giovi; sì che state hora ad sgallinare ad vostro modo; et, se voi volete che io possa piagnere, fate di provedermi di cento di coteste cipolle, che per Dio dua collegi stamani mi pregorono che io vi scrivessi che per il primo ne mandassi qualcuna. Se voi lo farete, le presenterò loro per vostra parte; et questo vi dico sanza burlare, et farete piacere a più di uno vostro amico.

Domani si faranno ' Dieci, li nomi de' quali vi manderò per il primo; et così, se altro ci sarà di nuovo.

Èssi scoperto il parentado delle 2 sorelle di Giovambaptista Soderini, una ad Giovanni Manelli, l'altra a Lodovico de' Nobili. Alla barba vostra.

Mona Marietta è arrabbiata, et non vi vuole scrivere. Non posso fare altro.

Florentiae, die xxvi 9bris 1502.

Frater Blasius

 

 

059

Piero Soderini a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 28 novembre 1502

Nicolao Maclavello, secretario florentino.

Spectabilis vir etc. Niccolò, io ho ricevuto a' dì passati più tue, alle quali per me non si è resposto per le molte occupationi in le quali sono stato et di presente sono, come puoi stimare; solo mi occorre per la presente significarti, che non ti parta, perché quando fia tempo della licentia, io mi ricorderò di te: et stanne di buona vogla.

In questo mezo scriverrai spesso, ritrahendo di coteste cose il più ti fia possibile come infino ad qui hai facto; di che io, insieme con questi altri Signori, mi tengo satisfactissimo: et quando ti accade cosa alcuna, me lo farai intendere. Bene vale. Ex Palatio, die XXVIII Novembris M.D.II.

Petrus De Soderinis

Vexillifer Iustitiae

 

 

060

Piero Soderini a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 4 dicembre 1502

Viro Nicolao de Maclavellis, mandatario [ ... ] apud illustrissimum ducem etc.

Imolae.

Spectabilis vir, etc. Poi ti scripsi, ho due tue, all'usato gratissime. Alle quali non mi occorre altro che commendarti et confortarti, mentre stai di costà, seguire de' progressi occorrenti tenermene raguagliato, oltre ad quello scriverai a' signori dieci. Preterea, che non cessi mantenermi nella gratia di cotesto illustrissimo signore, et io farò diligentia che presto te ne possi tornare. Bene vale. Ex palatio florentino, IIII decembris MDII.

Petrus de Soderinis, vexillifer iustitiae perpetuus populi florentini

 

 

061

Totto Machiavelli a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 5 dicembre 1502

Egregio viro Nicolao Machiavello horatori fiorentino apud illustrissimum Valentie ducem.

Iesus. Al nome di Dio, a dì v di dicembre 1502.

Honorande frater, etc. Questa per farvi intendere chome io fu' qui hieri [...]rno, e le chose essere passate del tutto bene e credo samza [ ... ] alcuno, che non solo non ci aremo danno, ma torneremo in su [ ... ] con utile di più che duchati 100 d'oro, e im brieve tempo, ché, secondo ci scrive, Filippo doverrà essere qui co' ritratti prima che mezzo genaio. E pertanto vorrei mi avisassi, ponendo a Rimini o Pesero le robe nostre, se le sono per venire sichure da quivi a questa via, quale di questi due luoghi giudichate più sicuro al condurle qui.

Amchora vorrei per ogni modo che voi traesse dalla excellentia del duca uno salvochondotto per robe di Piero del Nero e chompagnia e di Filippo Rucellai e chompagnia con una patente che a detto Filippo, el quale sarà conduttore di dette robe, li sia fatto honore e riguardato dove la presenterà innelle terre e luoghi di sua signoria; e mandatemela quanto prima potete, perché credo Filippo sia a questa ora a Rauga, e quivi à comissione da me di fermarsi tanto che io gli mandi questa patente vi domando; e di quella ne piglate chopia pure di mano del suo cancelliere.

A Vinegia io feci piglare li ordini al nostro nipote, chome rimanemo si facessi a Bologna, e ne ho la fede episcopale autentiche. Hora ci resta, quando e' sia tempo di poterli fare qualche bene, di farlo; e, per essere voi in luogho che sarebbe facile cosa li potessi giovare, ve lo richordo, pure che si spenda pocho oltre alle bolle; e, avendosi a spendere, che noi lo intendiamo, e quanto e in che chosa, imperò che, per via di spendere, egli à uno che gli parrà buono partito; ma, per quello io abia inteso, voi havete chostì Alexandro Spannochi, che è molto vostro e può ogni cosa innel ducha. E per questo noi speriamo che per suo mezzo facciate in questo caso qualche buona opera.

Andrea di Mariotto di Parigino sarà il presemte aportatore; el quale vi rachomando quanto posso, perché è mio amicho. Della causa sua vi raguaglerà lui di bocha. Prieghovi [...] quanto per mia cosa propria. Né altro. Idio vi guardi.

Vostro Totto Machiavelli, im Roma

 

 

062

Piero Soderini a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 7 dicembre 1502

Spectabili viro Nicolao de Malclavellis, mandatario florentino apud Ill.um Ducem Romandiolae.  Imolae.

Niccolò carissimo. Questa sera ho havuto una vostra de' ii, et resto advisato quanto mi scriviate; et mi piace adsai intendere la buona dispositione di cotesto Signore; della quale io per me non ho mai dubitato, per sapere molto bene quanto la sua Ex.tia sia stata sempre di buona volontà verso la nostra republica, et etiam quanto quella sia stata amata da tutti li huomini che desiderano bene vivere di questa città, et spero a ogni modo habbi ad seguire in tra noi coniunctione di natura che ciascuna delle parti ne farà bene: perché le amicitie ad invicem non possono essere più ad proposito. E se bene noi siamo in parte diminuti dello stato nostro et ancora disordinati et agravati forte dalle superflue spese sopportate anni 9 continui, nientedimancho speriamo (mediante la divina gratia et la diligentia che noi mectereno nel riordinarci) presto potreno essere tali che noi hareno buoni et utili non solamente per le cose nostre proprie, ma etiam potreno fare di quelle che haranno a dare consolatione et piacere ad altri.

Il vescovo di Urbino ne ha molto stretto et in publico et in privato di volere concessione di potere dimorare nel nostro dominio: èssi recusato farlo, et si recuserà et ad lui et ad altri di quello stato di maggior qualità fino che non s'intendessi la mente della Ex.tia di cotesto S.re, perché questa republica è consueta, quando ella volta il viso in una parte, ad procedere con sincerità d'animo et con vera benivolentia in ogni sua actione di momento. Né si troverrà mai con verità, da poi che io sono montato in questo palazo, che si sia o decto o facto alcuna cosa d'altro sapore o tenore che di quanto sopra si dice: et così è la verità: et così potete asseverare meo nomine ad cotesto Ill.mo S.re.

Di quella faccenda di che ne scrivete, per altra vi risponderò in maiori otio.

Io vi scriverrò una lettera in favore di Pagolo Rucellai di Roma per causa di allumi. Benché sia molto calda, non uscirete de' termini convenienti, et che voi vedrete di non vi havere ad provocare la Ex.tia di cotesto Signore.

Il tornare vostro sarà presto, come desiderate.

Bene valete. Ex palatio florentino, vii Decembris M.D.II.

Petrus de Soderinis Vexillifer Iustitiae perpetuus populi Florentini

 

 

063

Piero Soderini a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 21 dicembre 1502

Spectabili viro Nicolao de Malclavellis mandatario florentino apud Ill.m Ducem Romandiolae etc.

Spectabilis vir etc. Io ho ricevuto due tua alle quali responderò brevemente, et perché e' mi pare sia più necessario provederti che altro, ho ordinato di presente ti sia mandato quella somma di denari che tu vedrai: et tu seguirai nello officio tuo di veghiare bene le cose di costà et scrivere spesso, et quando si vedrà che volta habbino preso coteste gente non ti si mancherà di licentia et si ordinerà chi habbi in tuo luogho ad venirvi, havendo disegnato tenere appresso a cotesto Ill.mo Signore uno nostro segno. Tu in questo mezo non mancherai della diligentia, la quale infino ad qui hai usato. Ex Palatio, die xxi Decembris MDII.

Petrus De Soderinis Vexillifer Justitiae

 

 

064

Biagio Buonaccorsi a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 21 dicembre 1502

Nicolao Maclavello suo plurimum honorando.

Io vi vorrei scrivere uno guazabuglo di cose, che se io lo facessi vi farei spiritare; però me la passerò di leggieri, et Totto vi raguaglerà della opera che io ho facto col Gonfaloniere, che voi siate provisto; et se la ha havuto buono fine, il provedimento ve lo dimonstra, et della licentia voi vedrete per la alligata quello vi scriva lo ill.mo Gonfaloniere nostro. Bastavi che per le cose vostre ho havuto una buona fortuna, non so come io havessi facto nelle mia; ma io dubito che la mancia vostra non uadi ad sacco, perché qui si grida tra questi cancellieri che voi siate una cheppia, et non facesti mai loro una gentileza. Et io che desidero purgare omni infamia che vi venissi adosso, la riempierò loro alle spese et barba vostra; et andate ad recere, se voi non ve ne contentate, che così ha ad ire. Po' che la oratione di ser Antonio etc. ha facto sì buona opera ne sono molto lieto, et se voi non mi scrivevate che la vi havessi menato sì bene, io vi mandavo la mia; ma per paura non cachiate il quore, non lo farò, perché sarebbe facile cosa, havendovi quella smosso, che sopradgiungendo quest'altra la vi facessi uno cattivo scherzo, et anche havendola ad operare non me ne voglo sgraticolare.

Messer Federigo Folchi s'è morto, habbiate patientia, et Carlo Bonciani si morì; et se voi farete quella consolatoria qua giù, voi riharete il cambio in costà, perché ci è chi vi ha pensato: hovelo scripto con le lachrime in su li ochi: pure, cacciatevi di drieto questa cura, et lasciate pensarvi a altri, et io vi andrò prevedendo di mano in mano.

Ser Antonio della Valle è impacciato perché m.a Gostanza sua è pregna et quelli sua figluoli dicono non esser suo, et lui se ne dispera; et hannola rimessa ne' frati di S.to Filice et hanno sodo amendua le parti di starne al iudicato; et l'abate li ha voluto toccare il corpo, et infino ad hora le cose vanno assai bene: intenderete il successo.

Totto è stato meco hoggi 4 hore con una chiachiera serrata, che mi è presso advenuto quel medesimo che a Ser Raphaello quando parla con Luca: pure mi sono in modo adiutato che io ho decto le ragioni mia al pari di lui; ma un'altra volta io mi armerò in modo che io li farò cacare il sangue: e' mi ragionava di Vinegia et io di Francia, et per questa volta la si posò bene; ma io li decti la giunta in su' casi di {Lucca,} che vi so dire lo feci stare un'ora trasognato.

Dalla corte non c'è anchora lettere, cioè da monsignore, da una breve letteruza in fuora, da Lione; ma bene c'è hoggi lettere in privato dalla corte proprio, et danno nuove dello adrivare suo là, et dicono esserli stato facto honore grandissimo, et visto tanto volentieri quanto huomo che vi andassi mai: intenderete quello seguirà. Ma io vi expectavo in queste belle stanze ad fare buona cera, et per adventura avanti torniate, chi ambulerà qua et chi là. Dio ci aiuti. Io governo in buona parte questo officio al comando vostro, et così mi vo diguazando, et expectovi, per Dio, con grande desiderio, et non credo vedere l'ora; et M.a Marietta riniega Dio, et parli havere gittato via le carne sua et la roba insieme. Per vostra fé, ordinate che l'abbia le dotte sua come l'altre sua pari, altrimenti non ci si harà patientia.

De' mogliazi ci si sono facti di nuovo vi ho scripto ad bastanza, et il vostro Albertaccio Corsini è delli Octo nuovi.

Io sono successo ne·luogo vostro, quando questi Dieci fanno certe cenuze, et ser Antonio sta intonato, tal sia di lui; et de cipolle vi ricordo, che, sendo hora al fuoco, mi sono sute ricordate da quelli dua {collegi} parte si vengano ad scaldare; fate voi, {et andate a recere et cazovi 'n culo}. Florentiae, die xxi Decembris MDII.

Frater Blasius

 

Voi harete inteso come li Savelli ripresono più dì fa certe forteze sute loro occupate dalli Orsini quando perderono lo stato, et il Papa promecte alli Orsini gente et omni altro aiuto; ma per anchora non si è colorito nulla, et coloro sono intrati in possessione: {dubitasi che la cosa non habbi coda.} Vedreno quello seguirà.

 

 

065

Biagio Buonaccorsi a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 22 dicembre 1502

Nicolao Malclavello, fratri suo honorando.

Cazo v'inculo, ché noi vi mandiano danari et drappo et ciò che voi chiedete, et mona Marietta è disperata, et io ho speso 44 soldi di bianchi della vostra mancia in una taxa per una lettera per Totto vostro a Prospero Colonna. Habbiate patientia, et io mi vi raccomando, et il gonfaloniere mi dice stasera di nuovo vi darà presto licentia. Non altro.

Florentiae, die xxii decembris mdii.

Frater Blasius

 

Voi sgallinerete pure uno farsetto di questo drappo, tristaccio che voi siate.

 

 

066

Pier Francesco di Corbizzo a Niccolò Machiavelli

 

Castrocaro, 23 dicembre 1502

Magnifico domino Nicolao Machiavello, dignissimo secretario Excellentissimi domini mei [...] florentini Ciesene, maiori meo singularissimo.

Magnifico misser Nicolò mio singularissimo. Ebi risposta de vostra magnificentia, e per quela intendo quanto abiate operato con la excellentia del duca del nostro Salvestro di Boxi e ultima sua volontà, che, faciendo acordo li Boxi con li Naldi, sùbito lo farà extrare de prexone. Il che, in risponsiva a quella di vostra magnificentia, io mando ser Bartolomeo Mazuolo da Bertinoro actinento di li Boxi, prexento exibitore. Esso a boca ne farà intendre quello n'è seguito, che da li Boxi non è mancato e non mancha, et quelo si bixognaria operare per condure tale opra. Prego essa li dia quela indubitata fede, che a mi proprio, con pregando con ogni mie forze e se io debo mai aver gratia, voglia operare in metere tuto el suo favor, a ciò tal acordo si faci, che quelo poverello de Salvestro sia cavato di tanta calamità, ché sta molto male rispecto a questi crudeli fredi, sì che tuto lo riputerò a mi proprio, e per una gratia non potria aver la magiore, e io non posso più pregare. Et, quando li paresse se avesse a fare una previxione più che una altra, lo farà intendre, e tanto si farà. A la quale del continuo me ricomando. In Castracaro, a dì xxiii decembre 1502.

Vostro Piero Francesco de Corbizo

 

 

067

Biagio Buonaccorsi a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 9 gennaio 1503

Nicolao Maclavello suo plurimum honorando.

Niccolò. Io non so quale sia stato maggiore o il carico che havete del non ci adrivare vostre lettere, o il contento che dipoi si è havuto, visto per queste vostre che siate vivo; perché qui non se ne stava sanza sospecto, veduto che da 8 dì che era seguìto il caso, non ci era vostre lettere, et pure da omni banda et da omni altri ci piovevano li advisi. Adrivò hieri la vostra dell'ultimo di dicembre, scripta in sulla presura di coloro, la quale fu data in quello di Urbino a uno viandante, et quello che voi spacciasti fu svaligiato, et qui non comparse mai. Et la lettera capitò al Borgo ad Giovanni Ridolphi, il quale per tucte sua lettere si rimecteva de' particulari a voi; et visto quella breve lettera, si immaginò quello che in facto era, cioè che da voi non si era mancato di diligentia, scrivendo queste formali parole, ché s'è portato amorevolmente verso di voi. Le altre vostre del primo et de' dua sono adrivate hoggi, che siamo a dì 9, et così habbiamo havuto cattiva fortuna in questi vostri advisi di questa cosa, benché di assai luoghi sempre habbiamo havuti li particulari, et assai veri. Doverrete hora poterle mandare più facilmente, havendo più luoghi de' nostri vicini dove fare scala, et non se ne perdere più, ché, da quella dell'ultimo dì in fuora et queste dua, non ci è capitato altre lettere.

Subito che adrivò hieri quella prima, mandai uno correndo alla Marietta, ad ciò non stessi più sospesa; et hoggi sono stato col signore Domenico Stralli che fa lo officio del dipositario, et hammi promesso di rimborsarmi de li 5 ducati, li quali manderò subito alla Marietta vostra.

Hovi scripto più volte ad questi dì, et datovi molti advisi, et così molte chiachiere. Harò caro intendere se le havete havute. Bene valete.

Florentiae, die viiii Januarii mdiii.

Frater Blasius

 

 

067 bis1

Niccolò Machiavelli a Totto Machiavelli

 

Firenze, post 23 gennaio  1503.

Carissime frater. Sabato fece 8 dì, ti si scrisse, dandoti notizia come e' ci pareva di pensare di far San Piero in Mercato litigioso, come aúto da messer Baldassarre per simonia perché 'l piovano vechio non volle mai cedere alla renunzia, se non aveva cento ducati da Pèro, e di questo ce ne è tanti testimoni e sí autentici e sí disposti al provare, che se questa cosa si dà in accomandita a chi voglia la golpe, el priore ci ha una speranza grandissima, e crede che sia costì chi ci attenderà. Messesi innanzi messer Piero Accolti o el cardinal di San Piero in Vincula o messer Ferrando Puccietti.

A me pare che tu ti ingegni di torre uomo che non solum sia atto a favorire la causa, ma ancora a spendere di suo, e che dal canto nostro non corra spesa; e piú tosto convenire co lui grassamente, purché e' titoli una volta rimanghino: dell'altro cose [...] mettile a tuo modo, perché la spesa si lievi da dosso a noi, e che altri [...] colli favori e con la industria e con danari. Dal canto nostro puoi offerire la simonía certa, la contenteza de' 23 de' padroni, la professione facile, le pruove della simonia vera et autentica, le quali son tutte cose da farci correre un di cotesti cortigiani, che non sogliono attendere ad altro che a simile imprese, quando e' ne possono avere. E tu sai che per la soddomia, che è causa piú ingiusta, sono molti che hanno e' benefizii litigiosi, et assai li hanno perduti. È costì messer Giovanni delli Albizi, che è uomo d'animo: penserai se a questo tu potessi valertene in cosa alcuna. Nicolò nostro ci farà tutti quelli favori che saranno possibili, e parli mill'anni vedere el fummo di questo fuoco. Le altre letere si mandorno per la via dello 'mbasciatore, et arai ricevuto la cifera, con la quale ora ti scrivo. Di nuovo ti ricordo el mettere in questa impresa uomo che spenda et abbi favori da sé. Vale.

 

 

067 bis2

Niccolò Machiavelli ad Antonio Giacomini Tebalducci

 

Firenze, 19 maggio 1503.

Magnifico viro Antonio Tebalduccio dignitissimo generali Commissario Cascinae et benefactori suo precipuo.

Magnifice vir. Bastiano da Castiglione, presente apportatore, et uno delle lancie spezate deputate da questi Signori, è mio amico, et ha voluto che io ve lo raccomandi. Io lo ho fatto volentieri, perché so che voi etiam lo amerete quando arete facto esperienza di lui; né ha voluto che io vi scriva altro, sed non che io vi preghi che voi lo adoperiate et mettiate ad quelli periculi et fazzioni che occorreranno: et da le opere sua vuole essere giudicato, et io di tanto vi priego, raccomandandomi ad voi infinitissime volte.

Die xviiii maii MDIII.

Vostro deditissimus Niccolò Machiavegli,

Cancellieri in Firenze.

 

 

068

Lodovico di Niccolò Buonaccorsi a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 30 ottobre 1503

Spectabili viro, domino Nicholò di messer Bernardo Machiavelli, in Roma, amicho karissimo.

Ihesus, addì 30 d'ottobre 1503.

Spetabili viro, etc. E' non m'è achaduto, dipoi la partita vostra di qui, lo schrivervi, e la chagione di questa si è, chome intenderete per la lettera de' nostri signori Dieci, egli è suto preso chostì da chotesti Orsini e, per quanto intendo, è ne le mani del signiore Giulio el mio fratello charnale Guglielmo di Nicholò Bonachorsi, già chontarolo del signiore ducha e vostro chonoscente pe' tenpi pasati. Di che, vi voglio preghare, per l'amicitia avete a me, insieme operare chon gli amici vostri e chosì cho' reverendisimi nostri chardinali e altri nostri amici che chostì sono, a chui abiamo più lettere di favore, che sono intercluse in questa vostra, preghandovi che, per mezo d'essi e chon l'usata vostra prudenzia, vogliate adoperare s'abbi la liberazione di detto Ghuglielmo: a la quale e lui e tutti noi altri frategli ve ne restereno obrighatisimi in senpiterno, senpre parati a' piacer' vostri. Et, sanza fare altre proferte, a voi mi rachomando. Non vi sarà grave darmi aviso l'openione n'avete, adirizando le lettere a' signiori Dieci; e ne sarà fatto buono servigio. Christo di male vi ghuardi. Vostro

Lodovicho di Nicholò Bonachorssi, in Firenze

 

 

069

Biagio Buonaccorsi a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 2 novembre 1503

N. Maclavello secretario fiorentino Romae suo maxime honorando.

In casa il R.mo Cardinale de' Soderini.

Spectabilis vir etc. Questa mattina ho ricevuto la vostra de' xxx per le mani di Nicolò del Bene dal quale si è havuto lo adviso della nuova electione del Pontifice, che a Dio piacci sia secondo el desiderio et bisogno non solo nostro, che lo sapete ad punto, ma di tutta Italia: et èmmi suto grato havere inteso la ricevuta delle mia dua. Et perché voi monstrate desiderio intendere quello sia successo del caso del {Godi} anchora che io dubiti non mi trattiate come quello della paglia quando era a Saminiato, pure ve lo dirò: {colui con grande demonstratione è stato preso et più dì sostenuto in camera del capitano et dua dì fa è stato libero sanza lesione alcuna: là universalmente la cosa non poteva dispiacere più et se ne faceva romore grande {in modo che} lo amico ha fuggito le mosse, ma non ha {havuto grado alcuno et forse si pente di tale imprese}. Et per hora la cosa ha havuto il fine suo, et, secondo si iudicava, buono.

Le vostre alligate alla mia le detti a Niccolò il quale volse li legessi la vostra, et hanno havuto optimo ricapito: voi havete posto l'ochiolino in su quelli pochi danari de' salvocondotti: sia nel nome di Dio, voi sarete satisfacto et li altri si gratteranno il culo; et la vostra buona fortuna vince omni dificultà.

Io suplisco al tutto alla provincia nostra {et lo amico se ne passa di leggieri} et per infino ad hora la cosa va molto quieta et d'accordo; et chi governa lo uficio si chiama infino ad hora satisfacto: non mi scrivete di questo niente.

La Marietta per anchora non ha partorito; et se non che il mio fanciullo è stato malissimo et anchora non leva capo dal primaccio vi harei mandato la donna: andravi subito potrà et di tutto sarete advisato.

Perché vi s'è scripto copiosamente tutto quello che è occorso, per la presente non vi dirò altro. Raccomandomi a voi et vi prego quanto so et posso mi raccomandiate al mio r.mo patrone: et ricordovelo ad ciò non facciate all'usato, et il desiderio mio di che più volte vi ho parlato anchora vi sia ad mente: et ricordatevi delli amici vostri.

Florentiae, die ii Novembris Mdiii.

Uti frater Blasius

 

 

070

Angelo Tucci a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 8 novembre 1503

Spectabili viro Niccolao de Machiavellis, secretario et mandatario florentino Rome etc.  Rome.

 Spectabilis vir, etc. In questa sarà una lettera diritta al reverendissimo cardinale de' Soderini ad instantia di frate Raffaello di Francesco Tucci, frate observante di san Francesco; per la quale si ricercha che sua signoria sia mezo a fare dare dalla sanctità del papa la auctorità episcopali al prefato frate Raphaello; et, come si scrive al detto reverendissimo cardinale, crediamo basterebbe solamente el sì a bocha sanza fare altra spesa. Et però mi sarà grato ricordiate questa cosa a sua signoria et che veggiate che, potendosi haverla sanza spesa, si facci, ché ne farete anche cosa grata al magnifico nostro gonfaloniere: et, quanto prima si può, né aspetto risposta. Nec alia. Bene valete.

Die viii novembris 1503.

Angelus Tuccius,

unus ex magistris Dominorum

 

 

071

Battista Machiavelli a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 9 novembre 1503

Egregio viro Nicolao Machiavello reipublice florentine oratori honorando. Rome.

 

Egregie orator etc., compare mio honorando. Voi havete avuto uno bello et visto figliuolo, el quale questo dì s'è baptezato honorevolemente, come richiegono le qualità vostre. Che Dio ce lo preservi di buona mente et di corpo valido. Per questa m'occorre poco che dire: so che Totto v'à dato utimamente informatione di dua badie; l'una si chiama Sancto Zeno che è in Pisa et è del vescovo di Pistoia et è dell'ordine di Camaldoli, rende l'anno fiorini cento d'oro: l'autra si chiama Sancto Giusto, pure dell'ordine di Camaldoli, diocesi volterrana, e del medesimo vescovo di Pistoia. Quando dètti questo aviso a Totto, non dissi che v'avisasse che voi avertissi che San Giusto era del cardinale de' Medici, et che credevo che 'l Cardinale quando glene dètte, s'avesse servato el rigresso, et così credo. Dannovisi questi svisi perché è d'età d'anni 64. Et in fecto è suo anche Sancto Pagolo di Firenze: rende f. 120 d'oro: credo che 'l cardinale detto v'abia rigresso. Per una altra mia vi dètti aviso di Sancto Pulinari qui di Firemze, el quale è di messer Isac figluolo dell'Argirolopo greco: era familiare di Sancto Cremente; so cerchava farne partito; replicolo, se non avessi avuto la lettera.

Hogi ho avuto informatione d'una pieve che si chiama Sancto Piero a·sSillano, diocesi volterrana, che rende più di f. 100: è el prete vechio d'anni sessanta otto o più: sono patroni e frati di Badia, che si diroga facilmente a' religiosi: ha nome el recttore dono Andrea. Per hora non ho circha a questo altro che dirvi. Racomandatemi al Minerbetto. Vorrei m'avisassi se è vero ch'el nostro arcivescovo habia facto partito o sia per fare dello arcivescovado et in chi.

Die 9 Novembris 1503.

Vostro parente

Baptista in Firenze

 

 

072

Luca Ugolini a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 11 novembre 1503

Spectabili viro Nicholao de Machiavellis, secretario et mandatario florentino. Romae.

 

Ihesus, a dì 11 di novembre 1503.

Compare charissimo. Profitio, et veramente mona Marietta vostra non v 'à inghannato, ché tutto sputato vi somigla: Lionardo da Vinci non farebbe ritratto meglo.

Compare, le mie lettere dovectono fare pocho frutto, o forse rimasono in sulla chassa. Dubito che lo 'ntenerire facesti cholla chomare non le mettessi in oblivione. Insomma, io non ho né da voi né da monsignor de' Pucci né da messer Giorgio havuto risposta. Prego mi rispondiate uno verso chome la fanno e se vicitasti messer Lorenzo Pucci e chosì se havete visto messer Giorgio. Se non lo fate, dirò che siate uno compare o volete di pagla o volete di chazzo, et farenvi il simile dalle bande di qua anche a' chasi vostri, e le lectere e ogn'altra chosa andrà a traverso. Doverresti per uno centesimo d'ora póre le girandole e' mulini da chanto e darvi agli amici, maxime a chi ha dato la fede a chi n'haveva bisogno.

I' ò scripto a messer Giorgio mio che, quando scrive, vi dia le lettere, che verranno salve, e sarà chiaro non andranno in chancelleria; et voi anchora, quando lo vedete, gli richordate el fare bene e scrivere spesso; e, schadendoli e favori vostri, tractatelo da amicho.

Questo humido già ha ingrossate le fave et ristretto e buchi, di natura che qui s'arma lenni dalla cintola in giù con uno diamitro chondecente. Havete passata una gram fortuna, trovandoti chostì.

Compare, a voi mi rachomando. E degnateci. Vostrissimo

Lucha Ugholini, capitano

 

 

073

Biagio Buonaccorsi a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 15 novembre 1503

Nicolao Maclavello secretario florentino Romae suo honorando.

 

Niccolò. Elli è comparsa questa mattina la resposta vostra alla nostra delli 8, spacciata ad posta per le cose di Romagna, dove voi discorrete coteste cose lungamente, et maxime di quello si possa sperare costà, che in facto saranno provisioni da fare poco frutto. Et qui si è facto tutto il possibile, et pare a ogniuno che qui la città, oltre allo interesse suo, habbi anchora operato in beneficio di cotesta s.ta Sede, tanto da haverne qualche grado. Et presto si vedrà che Vinitiani non fanno questo per odio del Duca, ma per loro sfrenata cupidità et ambitione, etc.

Io non voglio mancare di farvi intendere in privato anchora, benché per la nostra di hieri lo harete possuto vedere, che {qui è tanto in odio cotesto nome solo del Duca, che ogni volta che gli è ricordato in una lettera, non pare che vi possi essere cosa più accetta. Et vogliovi dare questo segnio di questa cosa: che, proponendosi ieri per via di parere ne li Ottanta et buon numero di cittadini, se si haveva ad dare il salvacondotto o non, quelli che non volevano furono circa novanta, et quelli del sì circa venti. Et qui} è ferma oppinione che {il Papa voglia levarselo presto dinanzi, et ad questo fine dica di mandarlo in Romagnia et non per altro; et voi ne lo universale ne siate uccellato,} scrivendo ora {di lui gagliardo. Né è chi manchi di credere che voi ancora vogliate cercare di qualche mancia, che non è per riuscirvi,} perché qui non bisogna {ragionarne} ma sì bene di qualche cosa che {gli havessi ad nuocere.} Hovi voluto fare intendere questo ad vostra informatione.

Il vostro figluolo et la Marietta sta bene, et così tutti li altri vostri, et qua vi desiderano. Pregovi che venendovi alle mani una plasma, ma vorrei fussi piccola, la togliate ad mia instantia, et io rimborserò chi ordinerete: io non vi scrivo questo, perché creda ne habbiate ad usare una minima diligentia, ma perché io non sono chiaro anchora ad facto di voi, et sono un pazo. Florentiae, die 15 Novembris 1503.

Frater Blasius

 

Noi operreno che quello tatto sia di qualità da haverne honore, non dubitate; ma pare uno corbachino, si è nero.

 

 

074

Piero di Francesco del Nero a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 16 novembre 1503

Egregio viro Nicolao Maclavello, secretario ac mandatario florentino Romae, apud pontificem maximum. Romae.

Tanquam fili karissime. Dispiacemi assai la mala vostra contentezza, ma pocho mancho o molto più la causa d'essa. E a conforto vostro io vi dicho che io, che non sono mai uscito dalle mani della mamma (che sono 4 anni ch'ella morì), che, se quelle volte che io ò parlato, mangiato, dormito con morbati, 20 volte sarei morto. Verèbemi voglia di dire che voi non fusse Nicholò, essendovi in tanto prosternato et invilito per una chosa che aviene a ogn'omo 100 volte in vita. In e chasi simili, chi è più diligiente fa uno pocho di purghagione achomodate, et poi vi pensa tanto quanto basta. Non vorrei, in vostro servigio, Totto m'avessi mostrata la vostra, né anchor voi aresti voluto; ma lui à facto l'uficio in questo di savio, a fine che io possa amonirvi chome si conviene, ché avete aùto uno figliuolo, che a me in questo anno possa avenire non credo chosa, non sendo di molto peso, m'abi a turbare, ché non fu mai il più bello naccherino, né il più vivo. Moteggio con voi, che n'avete bisogno, et fate che io non habi a dire chome disse Cesare ad Dolobella: bellum profecto consulum haberemus, etc. Fate d'essere huomo. La Marietta sta benissimo né le mancha o mancherà nulla. Né per questa altro. Idio vi ghuardi.

In Firenze, a dì xvi di novembre 1503.

Vostro Piero Francesco del Nero

 

 

075

Totto Machiavelli a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 17 novembre 1503

Egregio viro Nicolao Machiavello, secretario ac mandatario florentino apud pontificem maximum. Rome.

Ihesus. Al nome di Dio a dì xvii di novembre 1503.

Honorande frater, etc. Hiarsera ebbi una vostra, per la quale io ò inteso da voi el pericholo in che siate stato, che invero non si può dire che non sia stato grande. Nondimeno, questi sono chasi che, innel conversare con gli altri huomini, avengono ogni anno qualche volta a chi va atorno; e, se a voi non è avenuto più, avete grande ventura. Ma io vi fo intemdere che l'anno passato a Vinega innelle medesime barche fumo più volte persone insieme, che infra 3 o 4 dì poi si morirono di peste. E che più? E nostri govani, che sono al paese di Levante, passono a ogni hora di Pera in Gostantinopoli con le medesime barche, che passono e morti di morbo, e in fatto fatto a qualcuno s'apicha e muore, ma de' 10 anni un tratto ne muore uno de' nostri merchanti, che in tanto tempo vi sono passati parechi miglaia di volte, e pertamto non ne fanno riguardo veruno. Ma per questo io non dicho che non sia bene riguardarsi, ma non si disperare però d'un chaso che avenga chome è avenuto a voi, ma stare di buono animo, e fare pensiero di non avere per nessuno modo avere male: e chi fa a questo modo e riguardasi, per nessuno modo è da pensare che gli abia male veruno. E però state di buono animo, ché lo invilire è chosa da fanciulli o da donne.

Né altro. Idio vi guardi.

Vostro Totto, im Firemze

 

 

076

Piero Soderini a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 17 novembre 1503

Spectabili viro Nicolao de Machiavellis secretario florentino apud summum Pontificem.

Spectabilis vir etc. Alle tue ultime non farò altra risposta se non che continui, come per altra ti dissi, giorno per giorno, che mi fia oltre a modo grato, et più particularmente puoi delle cose del Reame, et sappi ti farai honore di qua. Bene vale. Ex palatio fiorentino, die xvii Novembris MD.III.

Petrus de Soderinis

Vexillifer Justitiae populi fiorentini

 

 

077

Biagio Buonaccorsi a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 17 novembre 1503

Nicolao Maclavello secretario florentino Romae, suo honorando. 

Romae.

Questa mattina ho ricevuto la vostra delli xi, col postscripto de' xiii, che dovesti ricordarvi di me ad punto quando andavate al cesso, poiché voi la trovasti tra li scartafacci, cercando di qualcosa per uno paragone, a l'usato; et basti.

Voi doverresti essere chiaro che nelle cose che vi importano, io non le ho altrimenti mai havuto ad quore che le mie proprie. Et però, se vi scripsi del fanciulo mastio, vi scripsi la verità; et di più vi dico che la Marietta l'à dato ad balia qui in Firenze; et lui et lei sta bene, gratia di Dio. Vero è che la vive con grandissima passione di questa vostra absentia; né vi è remedio. Et quando la Lessandra potrà andarvi, non ne mancherà, che pure domenica vi fu. Et lei et io pensiamo sempre ad farvi piacere. Così pensassi voi ad me.

Io vi scripsi ultimamente, non mi ricordo già del dì, tutto quello mi occorreva, che vi fu qualcosa da haverlo caro. Se voi harete facto all'usato, non lo harete letto. Vostro danno. Né io vi scrivo con altro animo. Dal canto mio non si mancherà mai del debito, benché alle volte mi adiri, et ad ragione.

Piaceràmi habbiate aggiunto alla lettera mia al Cardinale quello dite: di che ne dubito; non dubito già della ricevuta, perché ne ho da lui resposta. Voi sapete il desiderio mio; et buscando per voi, ricordatevi che io sono qui in tanta fatica et servitù quanto posso, con quello emolumento vi è noto.

Li ambasciatori per costì s'apprestano, et hanno il tempo assignato tutto dì 25 di questo. Et Niccolò Valori anchora presto ne andrà in Francia.

Erami scordato respondere alla domanda vostra delli altri compari, che furono messer Batista Machiavelli, messer Marcello, Lodovico, il capitano Domenico et io, di bella brigata; et demovi tutti grossi nuovi. Bene valete. Florentiae, die xvii Novembris mdiii.

Uti frater Bl.

 

 

078

Totto Machiavelli a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 21 novembre 1503

Egregio viro Nicholao Machiavello secretario ac mandatario florentino apud Pontificem maximum.

Al nome di Dio, a dì xxi di Novembre 1503.

Honorande frater etc. Dipoi ebbi la vostra de' 13 non ò da voi lettere; non ò anchora inteso voi aviate scritto in altri: pertanto con desiderio aspetto aviso da voi, e chome per altra vi ò detto, se voi volete che io vemgha costà, avisate, che non arò rispetto a morbo né a chosa veruna e sarò sempre a' vostri bisogni.

Vi debbe essere stato scritto chome Piero del Nero è stato fatto de' Dieci, che è chosa molto a proposito vostro, e anchora è stato tratto de' 6 della merchatantia; e sono dua mesi e non più che si levò da spechio, sì che vedete se gli è riuscito quello voi stimavate se si levava da spechio.

Per altre circha a' beneficii dove si avesse a fare riserba vi dicemo abastanza circha a quello si poteva avisarvi insino a ora, e M. Batista dice sarebbe una ottima chosa avere una aspettativa per la somma di fiorini 500 o 600 in questi dua veschovadi, coè Firenze e Fiesole.

Anchora si intende che il veschovado di Pesero l'à auto M. Simone Rucellai, e per questo il suo chanonichato viene a vachare perché è di quelli del papa. Poterete intendere se il pontefice l'à servato a sé, e vedere se vi pare da farne impresa.

Né altro. Idio vi guardi.

Vostro Totto Machiavelli in Firenze

 

 

079

[Angelo Tucci] a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 21 novembre 1503

Machiavello mandatario fiorentino. Rome.

Nicolò mio. Voi intenderete per le publiche in che termine si reduchino le cose di Romagna, et dallo exemplo di Faenza si può facilmente fare iuditio de l'altre cose, e ogni altro luogo farà meno retta che non à facto Faenza. Noi ne abbiàno pagato più che il debito et con favorirle e tenerle vive e preservarle, et chi doveva e posseva tenerne più cura, non à facto e si può credere non abbi a fare altrimenti del restante, in modo che noi siano per essere più savi per l'avenire e imparare d'altri e fare più tosto di aquistare qualche grado con chi diventa grande, che di opporci noi soli, etc. Che sucesso ne abbi a seguire, si indicherà dagli effetti.

Noi non possiàno credere che queste cose non procedino di conscientia et consentimento del pontefice, sì per non vederlo niente risentire in facto, come per non potere credere che Vinitiani procedessino tanto scopertamente e senza alcuno colore a occupare quello della Chiesa; e però è bene vedere di scoprire questa parte e non restare di farsi intendere et mostrare che noi, non vedendo altro provedimento, ci ingegnereno a non essere li ultimi e aquistare grado di questi progressi, poiché altro rimedio non abbiàno.

Delle cose de' Franzesi stiamo con desiderio intendere e progressi: e quali anche doveranno voler riparare a tale dì a questi disordini, che non potranno; e vedranno come sieno per tenere le cose di Lonbardia, quando Romagna sia in mano de' Vinitiani, e crederanno alla experientia quello che non ànno voluto credere alle ragioni, ché non solamente non ci ànno volsuto pensare, ma, a ciò che noi non ci possiàno obviare per noi medesimi, ne ànno menato le gente d'arme nostre; le quali se fussino state da queste bande, indubitatamente non seguiva tanto inconveniente. Insomma, questa Italia si riduce a discretione, etc. e noi ne abbiàno per ogni via pagato el debito, né possiàno sostenere el cielo con le spalle. Fàllo bene intendere dove bisogna, e maxime che a questa cosa bisogna altro rimedio che noi fareno, perché e Vinitiani saranno prima signori di tutta Romagna et in meno tempo che non ànno messo e Franzesi a passare el Garigliano. Tu se' prudente, etc. Vale.

Florentia, die 21 novembris 1503.

 

 

080

Marietta Corsini a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 24 novembre 1503

Spectabili viro Nicholò di Messer Bernardo Machiavelli. In Roma.

Al nome di Dio a dì 24.

Carissimo Nicholò mio. Voi mi dilegiate ma non n'avete ragione, ché più rigollio arei se voi fussi qui: voi che sapete bene chome io sto lieta quando voi non siete qua giù; e tanto più ora che m'è stato detto chostassù è si gran morbo, pensate chome io sto chontenta, che e' non trovo riposo né dì né note. Questa è la letizia ch'i' ò del bambino. Però vi prego mi mandiate letere un poco più speso che voi non fate, ché non ò aute se non tre. Non vi maravigliate se io non v'ò scripto, perché e' non ò potuto, ch'ò auto la febre insino a ora: non sono adirata. Per ora el bambino sta bene, somiglia voi: è bianco chome la neve, ma gl'à el capo che pare veluto nero, et è peloso chome voi; e da che somiglia voi, parmi bello; et è visto che pare che sia stato un ano al mondo; et aperse li ochi che non era nato, e mese a romore tuta la casa. Ma la bambina si sente male. Ricordovi el tornare. Non altro. Iddio sia co' voi, e guardevi.

Mandovi farseto e dua camice e dua fazoleti e uno sciugatoio, che vi ci cucio.

Vostra Marieta in Firenze

 

 

081

Biagio Buonaccorsi a Niccolò Machiavelli

 

Firenze, 4 dicembre 1503

Nicolao Maclavello mandatario et secretario florentino tanquam fratri honorando. Romae.

Compare honorando. Questa mattina ho ricevuto dua vostre de' 29 et 30 et mi maraviglio non habbiate ricevuto mie lettere da' 21 in qua, che pure vi ho scripto dua o 3 volte et ultimamente per le mani di Bolognino, quale venne in costà con danari del Re; la quale mi sarà caro intendere habbiate ricevuto, perché per vostro amore ne desidero resposta, ad ciò si mitigassi il S.re Agnolo Tucci, il quale, come per quella harete visto, era alterato gravissimamente contro di voi, per non li havere mai resposto, che dice havervene facto scrivere dal Gonfaloniere et da quanti cancellieri è in questo Palazo. Scripsivi qualcuna delle parole che in presentia di tutti ' S.ri haveva usato contro di voi, che invero furono di mala natura: {tutti li altri Signori} stettano ad udire, che chi per una passione et chi per un'altra non si hebbono per male; et alla tornata vostra vi ragguaglierò di cose che non le iudico da scrivere; bastivi che ci è di maligni cervelli, et a chi dispiace scriviate bene del Volterra et a chi un'altra cosa; et così altri con poco suo grado si affatica et con mettervi del suo. * Se voi fussi stato presente alla resposta, haresti iudicato vi amo più che me medesimo: non mi sforzerò già di persuadervelo altrimenti perché un dì harete tanti riscontri di questo, che lo crederrete et forse userete verso di me altri termini non havere facto fino qui; et dove io possa farvi honore, o di parole o di fatti, sanza respecto la do per il mezo: né sono per murarmi mai di questo animo, anchora che poco vi possa fare.

Chi vi scrive che troviate altro exercitio, non vi vuole bene; perché io non veggo altro pericolo ne' casi nostri che il consueto. Il Vespuccio una volta ha carpito il tordo, che buon pro li facci, et anche a noi altri se ci riuscirà. Credo habbiate speso assai et spendiate anchora: non so già come qui habbiate ad esserne satisfacto. Una volta li ambasciatori verranno fra 4 o 5 dì et voi harete subito licenzia; et io non so per anchora niente di venire, né qui si pensa a questo. Verranno honorevolissimamente ad ordine et maxime il Girolamo et Matheo Strozi che si fanno vesti et altre cose sumptuosissime: et credo hareno honore, et se havete havuto voglia divenire costà, credo vi costerà qualcosa; se già certo indizio che mi è venuto alli orechi non vi avviso {perché intendo che il Gonfaloniere pensa mandarvi con Roano verso Alamagnia, per essere là a questo loro parlamento}. Se fa per voi, bene quidem, se no, ordinate li defensori; {ma questo sia secreto, che mi faresti danno assai}.

La Marietta non ha possuto fino qui scrivere per essere stata im parto credo lo farà per lo advenire, et pure hieri vi andò la Lessandra; et per Dio non è possibile farla acquiescere che stia in pace.

Duolmi delli affanni vostri et a Lodovico Morelli farò l'ambasciata. Sarà in una poliza in questa quello desideri per il fratello quello de' Tucci, et dice che, spendendo, vi rimborserà. Pregovi ne riscriviate una sola parola. Bene valete.

Florentiae, die 4 Decembris mdiii.

Frater Blasius

 

Nicolò vostro dice non vi scrive per non vi dare noia, ché ha raguagliato Totto vostro, et li casi sua non vi ricorda.

 

 

082

Niccolò Machiavelli ad Agnolo Tucci

 

[Roma, novembre-dicembre 1503]

Magnifice vir etc. Ho ricevuta la vostra de' 21 anchora che io non intenda la soscriptione, ma parmi riconosciervi alla mano et alle parole; pure, quando m'ingannassi, el risponderne ad voi non sarà male allogato né fuora di proposito. Voi mostrate el periculo che porta el resto di Romagna, sendo perduta Faenza; accennate che vi bisogna pensare a' casi vostri, non si provedendo altrimenti per chi può, o doverebbe; dubitate che 'l Papa non ci sia consentiente; sete in aria nello evento delle cose franzesi; ricordate che si ricordi et che si solleciti etc. Et benché tutte queste medesime cose mi sieno sute scripte dal publico, et che si sia risposto sì largamente che voi in su lo scrivere facto vi potete consigliare, tamen per non manchare dello ofitio anchora con voi, havendomene invitato, vi replicherò el medesimo; et parlerò in vulgare, se io havessi parlato con l'Ofitio in gramaticha, che non mel pare havere facto.

Voi vorresti una volta che 'l Papa et Roano rimediassino a' casi di Romagna con altro che con parole, giudicando che le non bastino a' fatti che fanno et hanno facto e Vinitiani, et ci havere facto sollecitare l'uno et l'altro in quello modo che voi sapete, di che ne son nate quelle resolutioni che vi si sono scripte, perché el Papa spera che Vinitiani habbino ad compiacerlo, et Roano crede o con pace o con tregua o con vittoria essere a·ttempo ad ricorreggiere; et stanno ciascun di loro sì fixi in su queste opinioni, che non vogliono porgere horechio ad nessun che ricordi loro alcuna cosa fuora di questo. Et perciò vi si può fare questa conclusione: che di qua voi non aspettiate né genti né danari, ma solo qualche breve o lettera o ambasciata monitoria, le quali fieno anche più et meno galiarde che saranno più o meno potenti e rispetti che debba havere el Papa o Francia. E quali quanto e' possino o debbino essere, voi lo potete giudicare benissimo, guardando Italia in viso, et pensare dipoi a' casi vostri, veduto et examinato quello che si può fare per altri in securtà vostra, et inteso quello che si può sperare di qua; perché, quanto ad quello che si può sperare al presente, non si può più replicarlo, ché io lo ho già detto. Soggiugnerò solo questo: che se altri ricercha da Roano o le vostre genti, o potersi servire di Gianpaulo, bisogna mostrare di volerle, o per difendere lo Stato vostro (et di questo non se li può ragionare, ché si altera come un diavolo, chiamando in testimonio Iddio et li huomini che è per mettersi l'arme lui, quando alcuno vi torcessi un pelo), o per volere aiutare che Romagna non pericliti; et ad questo pensa essere a·ttempo, come è detto. Questo è in substanza quello che vi si può scrivere delle cose di qua, né credo per chi vi ha ad scrivere el vero vi si possa scrivere altro.

 

 

 

Indice Biblioteca Progetto Machiavelli Indice dell'opera

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici Italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 27 febbraio 2005