Lorenzo il Magnifico

La Nencia da Barberino

- Edizione Elettronica: Settembre 1996 a cura di Giuseppe Bonghi

Revisione, Impaginazione, Edizione HTML: Giuseppe Bonghi, settembre 1996

Edizione di riferimento:

Lorenzo il Magnifico, Poesie, Introduzione e note di Federico Sanguineti, Biblioteca Universale Rizzoli, Milano1992

- introduzione

I.

Ardo d'amore e conviemme cantare

per una dama che me strugge el cuore,

ch'ogni otta ch'i' la sento ricordare

el cuor me brilla e par che gl'esca fuore.

Ella non truova de bellezze pare,

cogli occhi gitta fiaccole d'amore;

i' sono stato in città e 'n castella

e mai ne vidi ignuna tanto bella.

II.

I' sono stato a Empoli al mercato,

a Prato, a Monticelli, a San Casciano,

a Colle, a Poggibonzi, e San Donato,

a Grieve e quinamonte a Decomano;

Fegghine e Castelfranco ò ricercato,

San Piero, e 'l Borgo e Mangone e Gagliano:

più bel mercato ch'entro 'l mondo sia

è Barberin dov'è la Nencia mia.

III.

Non vidi mai fanciulla tanto onesta,

né tanto saviamente rilevata;

non vidi mai la più leggiadra testa,

né sì lucente, né sì ben quadrata;

con quelle ciglia che pare una festa,

quand'ella l'alza ched ella me guata;

entro quel mezzo è 'l naso tanto bello,

che par proprio bucato col succhiello.

IV.

Le labbra rosse paion de corallo,

e àvvi drento duo filar' de denti

che son più bianchi che que' del cavallo:

da ogni lato ve n'à più de venti;

le gote bianche paion de cristallo,

senz'altro liscio, né scorticamenti,

rosse entro 'l mezzo, quant'è una rosa,

che non se vide mai sì bella cosa.

V.

Ell'à quegli occhi tanto rubacuori,

che la trafiggere' con egli un muro;

chiunch'ella guata convien che 'nnamori,

ma ella à 'l cuore com'un ciottol duro,

e sempre à drieto un migliaio d'amadori,

che da quegli occhi tutti presi furo;

la se rivolge e guata questo e quello:

i', per guatalla, me struggo el cervello.

VI.

La m'à sì concio e 'n modo governato,

ch'i' più non posso maneggiar marrone;

e àmme drento sì ravviluppato,

ch'i' non ò forza de 'nghiottir boccone;

i' son com'un graticcio deventato,

e solamente per le passïone

ch'i' ò per lei nel cuore (eppur sopportole!),

la m'à legato con cento ritortole.

VII.

Ella potrebbe andare al paragone

tra un migghiaio de belle cittadine,

che l'apparisce ben tra le persone

co' suo begghi atti e dolce paroline;

l'à ghi occhi suoi più neri ch'un carbone

di sotto a quelle trecce biondelline,

e ricciute le vette de' capegli

che vi pare attaccati mill'anegli.

VIII.

Ell'è diritta mente ballerina,

che la se lancia com'una capretta,

girasi come ruota de mulina,

e dassi della man nella scarpetta;

quand'ella compie el ballo, ella se 'nchina,

po' se rivolge e duo colpi iscambietta, e fa le più leggiadre riverenze

che gnuna cittadina da Firenze.

IX.

La Nencia mia non à gnun mancamento,

l'è bianca e rossa e de bella misura,

e à un buco ento 'l mezzo del mento

che rabbellisce tutta sua figura;

ell'è ripiena d'ogni sentimento,

credo che 'n pruova la fesse natura,

tanto leggiadra e tanto appariscente,

che la diveglie el cuore a molta gente.

X.

Ben se ne potrà chiamare avventurato,

chi fie marito de sì bella moglie;

ben se potrà tenere in buon dì nato,

chi arà quel fioraliso sanza foglie;

ben se potrà tener santo e bïato,

e fien guarite tutte le sue doglie,

aver quel viso e vederselo in braccio,

morbido e bianco, che pare un sugnaccio.

XI.

Se tu sapessi, Nencia, el grande amore

ch'i' porto a' tuo begli occhi tralucenti,

e la pena ch'i' sento, e 'l gran dolore

che par che mi si svèglin tutt'i denti,

se tu 'l pensasse, te creperre' el cuore,

e lasceresti gli altri tuo serventi,

e ameresti solo el tuo vallera,

che se' colei che 'l mie cuor disidèra.

XII.

Nenciozza, tu me fai pur consumare,

e par che tu ne pigli gran piacere;

se sanza duol me potessi cavare,

me sparere' per darti a divedere

ch'i' t'ò 'nto 'l cuore, e fare'tel toccare;

tel porre' in mano e fare'tel vedere;

se tu 'l tagghiassi con una coltella

e' griderrebbe: - Nencia, Nencia mia bella! -

XIII.

Quando te veggo tra una brigata,

convien che sempre intorno mi t'aggiri;

e quand'i' veggo ch'un altro te guata,

par proprio che del petto el cuor me tiri;

tu me se' sì 'nto 'l cuore intraversata,

ch'i' rovescio ognindì mille sospiri,

pien' de singhiozzi, tutti lucciolando,

e tutti quanti ritti a te gli mando.

XIV.

Non ò potuto stanotte dormire,

mill'anni me parea che fusse giorno,

per poter via con le bestie venire,

con elle insieme col tuo viso addorno;

e pur del letto me convenne uscire,

puosimi sotto 'l portico del forno,

e livi stetti più d'un'ora e mezzo,

finché la luna se ripuose, al rezzo.

XV.

Quand'i' te vidi uscir della capanna,

col cane innanzi e colle pecorelle,

e' me ricrebbe el cuor più d'una spanna,

e le lagrime vennon pelle pelle;

eppoi me caccia' giù con una canna,

dirieto a' mie giovenchi e le vitelle,

e avvïa'gli innanzi vie quinentro

per aspettarti, e tu tornasti dentro.

XVI.

I' me posi a diacer lungo la gora,

abbioscio su quell'erba voltoloni,

e livi stetti più d'una mezz'ora,

tanto che valicorno e tuo castroni.

Che fa' tu entro, ché non esci fuora?

Vientene su per questi valiconi,

ch'i' cacci le mie bestie nelle tua,

e parrem uno, e pur saremo dua.

XVII.

Nenciozza mia, i' vo' sabato andare

sin a Firenze, a vender duo somelle

de schegge, ch'i' me puosi ier a tagghiare

mentre ch'i' ero a pascer le vitelle;

procura ben quel ch'i' posso recare,

se tu vuo' ch'i' te comperi cavelle:

o liscio o biacca into 'n un cartoccino,

o de squilletti o d'àgora un quattrino.

XVIII.

Se tu volessi per portare a collo

un collarin di que' bottoncin' rossi,

con un dondol nel mezzo, recherollo:

ma dimmi se gli vuoi piccini o grossi;

s'i' me dovessi tragli del midollo

del fusol della gamba o degli altr'ossi,

o s'i' dovessi vender la gonnella,

i' te l'arrecherò, Nencia mie bella.

XIX.

Ché non me chiedi qualche zaccherella?

So che n'aopri de cento ragioni:

o uno 'ntaglio per la tuo gonnella,

o uncinegli, o magghiette, o bottoni,

o vuoi pel camiciotto una scarsella,

o cintol', per legarti gli scuffoni,

o vuoi, per amagghiar la gammurrina,

de seta una cordella cilestrina.

I.

Gigghiozzo mio, tu te farai con Dio,

perché le bestie mie son presso a casa;

i' non vorrei che pel baloccar mio

ne fusse ignuna in pastura rimasa;

veggo che l'ànno valicato el rio,

e odomi chiamar da mona Masa;

rimanti lieta, i' me ne vo cantando,

e sempre Nencia ento 'l mie cuor chiamando.

Biblioteca

desti della Nencia

Progetto Lorenzo dei Medici

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 12 luglio 2011