Giovanni Pascoli

Poemi italici

Poemi italici

   I Poemi italici, pubblicati l'anno prima della morte, si ricollegano idealmente a Odi e Inni, ma esasperano quel faticoso simbolismo che già era il limite alle Canzoni di Re Enzio.

  Tre soli sono giunti a noi, oltre a poche «tracce» custodite dalla Biblioteca di Bologna. Quelli completamente sviluppati s'intitolano Paulo Ucello, Rossini e Tolstoi; quelli promessi, ignorando la morte vicina, avrebbero dovuto celebrare Marsilio Ficino, Michelangelo e Galileo.

INDICE GENERALE

POEMI CONVIVIALI

 

PAULO UCELLO

ROSSINI

Preludio

Canto Primo

Canto Secondo

TOLSTOI

CAP. I - In prima come Paulo dipintore fiorentino s’invogliò d’un monachino o ciuffolotto

CAP. II - Della parete che Paulo dipingeva nella stanzuola, per sua gioia, con alberi e campi in prospettiva.

CAP. III - Come in essa parete avea dipinti d’ogni sorta uccelli, per dilettarsi in vederli, poi che averli non poteva.

CAP. IV - Come mirando le creature del suo pennello non disse l’Angelus e fu tentato.

CAP. V - Della mormorazione che fece Paulo, il quale avrebbe pur voluto alcun uccellino vivo.

CAP. VI - Come santo Francesco discese per la bella prospettiva che Paulo aveva dipinta, e lo rimbrottò.

CAP. VII - Come il santo intese che il desìo di Paulo era di poco ed ei gli mostrò che era di tanto.

CAP. VIII - Come il santo partendosi da Paulo, che pur bramava sì piccola cosa, disse a lui una grande parola.

CAP. IX - Come il santo gli mostrò che gli uccelli che Paulo aveva dipinti, erano veri e vivi anch’essi, e suoi sol essi.

CAP. X - All’ultimo come cantò il rosignolo, e Paulo era addormito.

Indice Biblioteca

Biblioteca

Progetto Pascoli

Progetto Pascoli

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 08 maggio 2011