Giuseppe Parini

Al Padre D. Paolo Onofrio Branda

Alla nutrita ed accesissima disputa originata dal padre barnabita Onofrio Branda (1710‑1776) autore di due Dialoghi della lingua toscana, Milano, 1759 e 1760, cui intervennero numerosissimi letterati, il Parini prese parte con tre scritti: una lettera Al Padre D. Paolo Onofrio Branda milanese C. R. di S. Paolo e professore della Rettorica nella Universit?di S. Alessandro, Milano, Galeazzi, 1760; un Avvertimento, che fece seguito ad una replica del Branda, e un'altra Lettera di Giuseppe Parini Milanese in proposito d'un'altra scritta contro di lui dal padre D. Paolo Onofrio Branda milanese, entrambi pubblicati dallo stesso editore nello stesso anno; vi accenn?anche successivamente nel 1766, nella Prefazione alle poesie del Tanzi.

Il primo dei tre scritti ?certo il pi?significativo, non solo per l'interessante messa a punto della questione linguistica ("Le lingue... sono tutte indifferenti per riguardo alla intrinseca bruttezza o belt?loro") e per la fervida professione di spiriti lombardi, ma soprattutto per la franchezza con la quale, in nome della ragionevolezza e dell'amore della verit?il giovane Parini non esita ad opporsi al purismo gretto e pedantesco di un suo antico maestro e ad un costume meschino e insincero di polemica letteraria.

 

Al Padre Don Paolo Onofrio Branda

Avvertimento

Lettera a Onofrio Branda

  fine 1759

  14 aprile 1760

  28 luglio 1760

Homepage Biblioteca

Biblioteca

Progetto Settecento

Progetto Settecento

? 1996 - Tutti i diritti sono riservati  ediz. ? 2004 -

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 07 maggio 2011