Alessandro Manzoni

Discorso sopra alcuni punti

della storia longobardica in Italia

Edizioni di riferimento

Opere di Alessandro Manzoni, a cura di Mario Martelli, prefazione di Riccardo Bacchelli, Firenze, Sansoni 1973

Alessandro Manzoni, Scritti filosofici, Introduzione e note a cura di Rodolfo Quadrelli, Milano, Biblioteca Universale Rizzoli, 1976

INDICE

Manzoni scrive quest'opera nel 1822 racogliendo le sue ricerche per la scrittura della tragedia Adelchi, - Manzoni consultò un'ampia documentazione, dalla quale trasse la convinzione che entrambi i popoli stranieri dovessero considerarsi oppressori nei confronti dei Latini. - Un'affermazione importante del saggio è il riconoscimento che nella storiografia gli umili, gli oppressi non hanno spazio, e che "una moltitudine intera passa sulla terra, sulla sua terra, senza lasciare traccia".

Capitolo I

Schiarimenti d'alcuni fatti riferiti nelle notizie storiche

Premessa

§ 1. Del matrimonio d’Adelchi e di Gisla.

§ 2. Del ripudio d’Ermengarda.

§ 3. Della successione di Carlo al regno del fratello.

§ 4. Delle Giustizie di san Pietro.

§ 5. Della discesa de’ Franchi in Italia.

§ 6. Della resistenza di Poto e d’Ansvaldo in Brescia.

§ 7. Della sorte de’ figli di Carlomanno.

Capitolo II.

Se al tempo dell'invasione di Carlomagno, i Longobardi e gl’Italiani formassero un popolo solo.

Capitolo III.

Problemi sulla facoltà lasciata agl'Italiani di vivere con la legge romana

I.

II.

III.

IV.

Capitolo III.

Appendice al Capitolo III (prima parte.)

Capitolo IV.

Intorno al significato di due luoghi della Storia dei Longobardi, di Paolo Diacono.

Capitolo IV

Appendice al capitolo IV

- Intorno al significato di due luoghi della Storia dei Longobardi, di Paolo Diacono.

Capitolo V

Della parte che ebbero i Papi nella caduta della dinastia longobarda.

Capitolo VI

Sulla cagione generale della facile conquista di Carlo.

Indice Biblioteca Progetto Manzoni

© 1996 – Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 25 novembre 2011