Niccolò Machiavelli

Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio

L'edizione telematica di quest'opera ci è stata gentilmente offerta dal Liceo Classico "Jacopo Stellini" http://multilab.tol.it/webscuola/udin02 di Udine, che ringraziamo vivamente.

La revisione e l'impaginazione html, ad opera di Giuseppe Bonghi, è stata operata sul testo:

 

- Machiavelli, Tutte le opere, a cura di Mario Martelli, Sansoni, Firenze 1971 - (che presenta un errore nell'intestazione del cap. XXII del libro 3, laddove scrive comità, parola inesistente in italiano anziché umanità)

- Niccolò Machiavelli, Opere, Palermo, 1868

pubblicazione © 1998

Indice generale

DEDICA

Niccolò Machiavelli a Zanobi Buondelmonti e Cosimo Rucellai salute.

Libro 1

Introduzione

 

Capitolo 1

Quali siano stati universalmente i principii di qualunque città, e quale fusse quello di Roma.

Capitolo 2

Di quante spezie sono le republiche, e di quale fu la republica romana.

Capitolo 3

Quali accidenti facessono creare in Roma i tribuni della plebe, il che fece la republica più perfetta.

Capitolo 4

Che la disunione della plebe e del Senato romano fece libera e potente quella republica.

Capitolo 5

Dove più sicuramente si ponga la guardia della libertà, o nel popolo o ne' grandi; e quali hanno maggiore cagione di tumultuare, o chi vuole acquistare o chi vuole mantenere.

Capitolo 6

Se in Roma si poteva ordinare uno stato che togliesse via le inimicizie intra il popolo ed il Senato.

Capitolo 7

Quanto siano in una republica necessarie le accuse a mantenerla in libertade.

Capitolo 8

Quanto le accuse sono utili alle republiche, tanto sono perniziose le calunnie.

Capitolo 9

Come egli è necessario essere solo a volere ordinare una repubblica di nuovo, o al tutto fuor degli antichi suoi ordini riformarla.

Capitolo 10

Quanto sono laudabili i fondatori d'una republica o d'uno regno, tanto quelli d'una tirannide sono vituperabili.

Capitolo 11

Della religione de' Romani.

Capitolo 12

Di quanta importanza sia tenere conto della religione, e come la Italia, per esserne mancata mediante la chiesa romana, è rovinata.

Capitolo 13

Come i Romani si servivono della religione per riordinare la città e seguire le loro imprese e fermare i tumulti.

Capitolo 14

I Romani interpetravano gli auspizi secondo la necessità, e con la prudenza mostravano di osservare la religione, quando forzati non la osservavano; e se alcuno temerariamente la dispregiava, punivano.

Capitolo 15

I Sanniti, per estremo rimedio alle cose loro afflitte, ricorsero alla religione.

Capitolo 16

Uno popolo, uso a vivere sotto uno principe, se per qualche accidente diventa libero, con difficultà mantiene la libertà.

Capitolo 17

Uno popolo corrotto, venuto in libertà, si può con difficultà grandissima mantenere libero.

Capitolo 18

In che modo nelle città corrotte si potesse mantenere uno stato libero, essendovi; o, non vi essendo, ordinarvelo.

Capitolo 19

Dopo uno eccellente principe si può mantenere uno principe debole; ma, dopo uno debole, non si può con un altro debole mantenere alcuno regno.

Capitolo 20

Dua continove successioni di principi virtuosi fanno grandi effetti; e come le republiche bene ordinate hanno di necessità virtuose successioni, e però gli acquisti ed augumenti loro sono grandi.

Capitolo 21

Quanto biasimo meriti quel principe e quella republica che manca d'armi proprie.

Capitolo 22

Quello che sia da notare nel caso de' tre Orazii romani e tre Curiazii albani.

Capitolo 23

Che non si debbe mettere a pericolo tutta la fortuna e non tutte le forze; e, per questo, spesso il guardare i passi è dannoso.

Capitolo 24

Le republiche bene ordinate costituiscono premii e pene a' loro cittadini, né compensono mai l'uno con l'altro.

Capitolo 25

Chi vuole riformare uno stato anticato in una città libera, ritenga almeno l'ombra de' modi antichi.

Capitolo 26

Uno principe nuovo, in una città o provincia presa da lui, debbe fare ogni cosa nuova.

Capitolo 27

Sanno rarissime volte gli uomini essere al tutto cattivi o al tutto buoni.

Capitolo 28

Per quale cagione i Romani furono meno ingrati contro agli loro cittadini che gli Ateniesi.

Capitolo 29

Quale sia più ingrato, o uno popolo o uno principe.

Capitolo 30

Quali modi debbe usare uno principe o una republica per fuggire questo vizio della ingratitudine; e quali quel capitano o quel cittadino per non essere oppresso da quella.

Capitolo 31

Che i capitani romani per errore commesso non furano mai istraordinariamente puniti; né furano mai ancora puniti quando per la ignoranza loro o tristi partiti presi da loro ne fusse seguiti danni alla republica.

Capitolo 32

Una republica o uno principe non debbe differire a beneficare gli uomini nelle sue necessitadi.

Capitolo 33

Quando uno inconveniente è cresciuto o in uno stato o contro a uno stato, è più salutifero partito temporeggiarlo che urtarlo.

Capitolo 34

L'autorità dittatoria fece bene, e non danno, alla republica romana: e come le autorità che i cittadini si tolgono, non quelle che sono loro dai suffragi liberi date, sono alla vita civile perniziose.

Capitolo 35

La cagione perché la creazione in Roma del decemvirato fu nociva alla libertà di quella republica, non ostante che fusse creato per suffragi publici e liberi.

Capitolo 36

Non debbano i cittadini, che hanno avuti i maggiori onori, sdegnarsi de' minori.

Capitolo 37

Quali scandoli partorì in Roma la legge agraria: e come fare una legge in una republica, che riguardi assai indietro, e sia contro a una consuetudine antica della città, è scandolosissimo.

Capitolo 38

Le republiche deboli sono male risolute e non si sanno diliberare; e se le pigliano mai alcun partito, nasce più da necessità che da elezione.

Capitolo 39

In diversi popoli si veggano spesso i medesimi accidenti.

Capitolo 40

La creazione del decemvirato in Roma, e quello che in essa è da notare: dove si considera, intra molte altre cose, come si può o salvare, per simile accidente, o oppressare una republica.

Capitolo 41

Saltare dalla umiltà alla superbia, dalla piatà alla crudeltà, sanza i debiti mezzi, è cosa imprudente e inutile.

Capitolo 42

Quanto gli uomini facilmente si possono corrompere.

Capitolo 43

Quegli che combattono per la gloria propria, sono buoni e fedeli soldati.

Capitolo 44

Una moltitudine sanza capo è inutile: e come è non si debbe minacciare prima, e poi chiedere l'autorità.

Capitolo 45

È cosa di malo esemplo non osservare una legge fatta, e massime dallo autore d'essa; e rinfrescare ogni dì nuove ingiurie in una città, è, a chi la governa, dannosissimo.

Capitolo 46

Li uomini salgono da una ambizione a un'altra; e prima si cerca non essere offeso, dipoi si offende altrui.

Capitolo 47

Gli uomini, come che s'ingannino ne' generali, ne' particulari non s'ingannono.

Capitolo 48

Chi vuole che uno magistrato non sia dato a uno vile o a uno cattivo, lo facci domandare o a uno troppo vile e troppo cattivo o a uno troppo nobile e troppo buono.

Capitolo 49

Se quelle cittadi che hanno avuto il principio libero, come Roma, hanno difficultà a trovare legge che le mantenghino: quelle che lo hanno immediate servo, ne hanno quasi una impossibilità.

Capitolo 50

Non debba uno consiglio o uno magistrato potere fermare le azioni delle città.

Capitolo 51

Una republica o uno principe debbe mostrare di fare per liberalità quello a che la necessità lo constringe.

Capitolo 52

A reprimere la insolenzia d'uno che surga in una republica potente, non vi e più sicuro e meno scandoloso modo, che preoccuparli quelle vie per le quali viene a quella potenza.

Capitolo 53

Il popolo molte volte disidera la rovina sua, ingannato da una falsa spezie di beni: e come le grandi speranze e gagliarde promesse facilmente lo muovono.

Capitolo 54

Quanta autorità abbi uno uomo grave a frenare una moltitudine concitata.

Capitolo 55

Quanto facilmente si conduchino le cose in quella città dove la moltitudine non è corrotta: e che, dove è equalità, non si può fare principato; e dove la non è, non si può fare republica.

Capitolo 56

Innanzi che seguino i grandi accidenti in una città o in una provincia, vengono segni che gli pronosticono, o uomini che gli predicano.

Capitolo 57

La plebe insieme è gagliarda, di per sé è debole.

Capitolo 58

La moltitudine è più savia e più costante che uno principe.

Capitolo 59

Di quale confederazione o lega altri si può più fidare; o di quella fatta con una republica, o di quella fatta con uno principe.

Capitolo 60

Come il consolato e qualunque altro magistrato in Roma si dava sanza rispetto di età.

Libro 2

Introduzione

 

Capitolo 1

Quale fu più cagione dello imperio che acquistarono i Romani, o la virtù, o la fortuna.

Capitolo 2

Con quali popoli i Romani ebbero a combattere, e come ostinatamente quegli difendevono la loro libertà.

Capitolo 3

Roma divenne gran città rovinando le città circunvicine, e ricevendo i forestieri facilmente a' suoi onori.

Capitolo 4

Le republiche hanno tenuti tre modi circa lo ampliare.

Capitolo 5

Che la variazione delle sette e delle lingue, insieme con l'accidente de' diluvii o della peste, spegne le memorie delle cose.

Capitolo 6

Come i Romani procedevano nel fare la guerra.

Capitolo 7

Quanto terreno i Romani davano per colono.

Capitolo 8

La cagione perchè i popoli si partono da' luoghi patrii, ed inondano il paese altrui.

Capitolo 9

Quali cagioni comunemente faccino nascere le guerre intra i potenti.

Capitolo 10

I danari non sono il nervo della guerra, secondo che è la comune opinione.

Capitolo 11

Non è partito prudente fare amicizia con uno principe che abbia più opinione che forze.

Capitolo 12

S'egli è meglio, temendo di essere assaltato, inferire o aspettare la guerra.

Capitolo 13

Che si viene di bassa a gran fortuna più con la fraude; che con la forza.

Capitolo 14

Ingannansi molte volte gli uomini, credendo con la umiltà vincere la superbia.

Capitolo 15

Gli stati deboli sempre fiano ambigui nel risolversi: e sempre le diliberazioni lente sono nocive.

Capitolo 16

Quanto i soldati de' nostri tempi si disformino dagli antichi ordini.

Capitolo 17

Quanto si debbino stimare dagli eserciti ne' presenti tempi le artiglierie; e se quella opinione, che se ne ha in universale, è vera.

Capitolo 18

Come per l'autorità de' Romani, e per lo esemplo della antica milizia, si debba stimare più le fanterie che i cavagli.

Capitolo 19

Che gli acquisti nelle republiche non bene ordinate, e che secondo la romana virtù non procedano, sono a ruina, non ad esaltazione di esse.

Capitolo 20

Quale pericolo porti quel principe o quella republica che si vale della milizia ausiliare o mercenaria.

Capitolo 21

Il primo pretore ch'e' romani mandarono in alcuno luogo, fu a Capova, dopo quattrocento anni che cominciarono a fare guerra.

Capitolo 22

Quanto siano false molte volte le opinioni degli uomini nel giudicare le cose grandi.

Capitolo 23

Quanto i Romani nel giudicare i sudditi per alcuno accidente che necessitasse tale giudizio fuggivano la via del mezzo.

Capitolo 24

Le fortezze generalmente sono molto più dannose che utili.

Capitolo 25

Che lo assaltare una città disunita, per occuparla mediante la sua disunione, è partito contrario.

Capitolo 26

Il vilipendio e l'improperio genera odio contro a coloro che l'usano, sanza alcuna loro utilità.

Capitolo 27

Ai principi e republiche prudenti debbe bastare vincere; perché, il più delle volte, quando e' non basta, si perde.

Capitolo 28

Quanto sia pericoloso a una republica o a uno principe non vendicare una ingiuria fatta contro al publico o contro al privato.

Capitolo 29

La fortuna acceca gli animi degli uomini, quando la non vuole che quegli si opponghino a' disegni suoi.

Capitolo 30

Le republiche e gli principi veramente potenti non comperono l'amicizie con danari, ma con la virtù e con la riputazione delle forze.

Capitolo 31

Quanto sia pericoloso credere agli sbanditi.

Capitolo 32

In quanti modi i Romani occupavano le terre.

Capitolo 33

Come i Romani davano agli loro capitani degli eserciti le commissioni libere.

Libro 3

Capitolo 1

A volere che una setta o una republica viva lungamente, è necessario ritirarla spesso verso il suo principio.

Capitolo 2

Come egli è cosa sapientissima simulare in tempo la pazzia.

Capitolo 3

Come egli è necessario, a volere mantenere una libertà acquistata di nuovo, ammazzare i figliuoli di Bruto.

Capitolo 4

Non vive sicuro uno principe in uno principato, mentre vivono coloro che ne sono stati spogliati.

Capitolo 5

Quello che fa perdere uno regno ad uno re che sia, di quello, ereditario.

Capitolo 6

Delle congiure.

Capitolo 7

Donde nasce che le mutazioni dalla libertà alla servitù, e dalla servitù alla libertà, alcuna ne è sanza sangue, alcuna ne è piena.

Capitolo 8

Chi vuole alterare una republica, debbe considerare il suggetto di quella.

Capitolo 9

Come conviene variare co' tempi volendo sempre avere buona fortuna.

Capitolo 10

Che uno capitano non può fuggire la giornata, quando l'avversario la vuol fare in ogni modo.

Capitolo 11

Che chi ha a fare con assai, ancora che sia inferiore, pure che possa sostenere gli primi impeti, vince.

Capitolo 12

Come uno capitano prudente debbe imporre ogni necessità di combattere a' suoi soldati, e, a quegli degli inimici, torla.

Capitolo 13

Dove sia più da confidare, o in uno buono capitano che abbia lo esercito debole, o in uno buono esercito che abbia il capitano debole.

Capitolo 14

Le invenzioni nuove, che appariscono nel mezzo della zuffa, e le voci nuove che si odino, quali effetti facciano.

Capitolo 15

Che uno e non molti sieno preposti ad uno esercito, e come i più comandatori offendono.

Capitolo 16

Che la vera virtù si va ne' tempi difficili, a trovare; e ne' tempi facili, non gli uomini virtuosi, ma quegli che per ricchezze o per parentado hanno piu' grazia.

Capitolo 17

Che non si offenda uno, e poi quel medesimo si mandi in amministrazione e governo d'importanza.

Capitolo 18

Nessuna cosa è più degna d'uno capitano, che presentire i partiti del nimico.

Capitolo 19

Se a reggere una moltitudine è più necessario l'ossequio che la pena.

Capitolo 20

Uno esemplo di umanità appresso i falisci potette più che ogni forza romana.

Capitolo 21

Donde nacque che Annibale, con diverso modo di procedere da Scipione fece quelli medesimi effetti in Italia che quello in Ispagna.

Capitolo 22

Come la durezza di Manlio Torquato e la umanità di Valerio Corvino acquistò a ciascuno la medesima gloria.

Capitolo 23

Per quale cagione Cammillo fusse cacciato di Roma.

Capitolo 24

La prolungazione degl'imperii fece serva Roma.

Capitolo 25

Della povertà di Cincinnato e di molti cittadini romani.

Capitolo 26

Come per cagione di femine si rovina uno stato.

Capitolo 27

Come e' si ha ad unire una città divisa; e come e' non è vera quella opinione, che, a tenere le città, bisogni tenerle divise.

Capitolo 28

Che si debbe por mente alle opere de' cittadini, perché molte volte sotto una opera pia si nasconde uno principio di tirannide.

Capitolo 29

Che gli peccati de' popoli nascono dai principi.

Capitolo 30

A uno cittadino che voglia nella sua republica fare di sua autorità alcuna opera buona, è necessario, prima, spegnere l'invidia: e come, vedendo il nimico, si ha a ordinare la difesa d'una città.

Capitolo 31

Le republiche forti e gli uomini eccellenti ritengono in ogni fortuna il medesimo animo e la loro medesima dignità.

Capitolo 32

Quali modi hanno tenuti alcuni a turbare una pace.

Capitolo 33

Egli è necessario, a volere vincere una giornata, fare lo esercito confidente ed infra loro e con il capitano.

Capitolo 34

Quale fama o voce o opinione fa che il popolo comincia a favorire uno cittadino: e se ei distribuisce i magistrati con maggiore prudenza che un principe.

Capitolo 35

Quali pericoli si portano nel farsi capo a consigliare una cosa; e, quanto ella ha più dello istraordinario, maggiori pericoli vi si corrono.

Capitolo 36

Le cagioni perché i Franciosi siano stati e siano ancora giudicati nelle zuffe, da principio più che uomini, e dipoi meno che femine.

Capitolo 37

Se le piccole battaglie innanzi alla giornata sono necessarie; e come si debbe fare a conoscere uno inimico nuovo, volendo fuggire quelle.

Capitolo 38

Come debbe essere fatto uno capitano nel quale lo esercito suo possa confidare.

Capitolo 39

Che uno capitano debbe essere conoscitore de' siti.

Capitolo 40

Come usare la fraude nel maneggiare la guerra e' cosa gloriosa.

Capitolo 41

Che la patria si debbe difendere o con ignominia o con gloria; ed in qualunque modo è bene difesa.

Capitolo 42

Che le promesse fatte per forza, non si debbono osservare.

Capitolo 43

Che gli uomini, che nascono in una provincia, osservino per tutti i tempi quasi quella medesima natura.

Capitolo 44

E' si ottiene con l'impeto e con l'audacia molte volte quello che con modi ordinarii non si otterrebbe mai.

Capitolo 45

Quale sia migliore partito nelle giornate, o sostenere l'impeto de' nimici, e, sostenuto, urtargli; ovvero da prima con furia assaltargli.

Capitolo 46

Donde nasce che una famiglia in una città tiene un tempo i medesimi costumi.

Capitolo 47

Che uno buono cittadino per amore della patria debbe dimenticare le ingiurie private.

Capitolo 48

Quando si vede fare uno errore grande a uno nimico, si debbe credere che vi sia sotto inganno.

Capitolo 49

Una republica, a volerla mantenere libera, ha ciascuno dì bisogno di nuovi provvedimenti; e per quali meriti Quinto Fabio fu chiamato Massimo.

Indice Biblioteca

Biblioteca

Progetto Machiavelli

Progetto Machiavelli

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 04 maggio 2011