Giovanni Sercambi

Novelle

A cura

di

Giovanni Sinicropi

Edizione di riferimento

Giovanni Sercambi, Novelle, a cura di Giovanni Sinicropi, Gius. Laterza & Figli Tipografi-Editori-Librai, Bari 1972

** GLOSSARIO SERCAMBIANO

** INDICE DEI NOMI E DEI PERSONAGGI NELLE NOVELLE

La presente edizione riflette adunque il testo del codice Trivulziano 193 studiato al lume della testimonianza parziale offerta dal codice Lucchese 266 e giustificato nelle sue forme lessicali, morfologiche e sintattiche al lume degli altri scritti degli Sercambi e di opere di scrittori a lui contemporanei. La punteggiatura, che costituisce forse la misura fondamentale della nostra interpretazione, è stata scandita tenendo nell'orecchio il timbro «orale» della narrazione del Sercambi: di un narratore cioè che aveva sempre presente un ben definito uditorio, sui gusti del quale egli modellava il suo impasto linguistico particolare, che da una parte riflette la situazione del vernacolo lucchese tra la fine del xiv ed il principio del secolo xv, e dall'altra tende ad essere un mezzo allusivo dell'ambiente borghese raccolto intorno alla corte del Guinigi, nutrita alla tradizione fiorentina e con ambizioni e gusti umanistici.

Bisogna riconoscere che un sistema di punteggiatura sviluppatosi dentro un sistema sintattico di natura fortemente prescrittiva e letteraria mal si adatta a registrare tutti i movimenti e le libertà che si vuol concedere il tipo di narrazione paraipotattica di intonazione popolaresca qual è quella del Sercambi. Nell'interpungere abbiamo perciò tenuto presente questa situazione. L'interpunzione ha qui dunque lo scopo precipuo di dar la possibilità alla narrazione parlata del novelliere di spiegarsi in tutte le sue volute e di scandire le sue pause; ha lo scopo di precisare i legamenti lasciando allo stesso tempo libera l'inflessione e l'intonazione.

 

Indice

Novelle I-XX

Novelle XXI-XL

Novelle XLI-LX

Novelle LXI-LXXX

Novelle LXXXII-C

Novelle CI-CXX

Novelle CXXI-CXL

Novelle CXLI-CLVI

 

Introduzione

Nov. ii - Prologo - de sapientia - Di Alvisir dalla Tana di levante, ricco, con 3 figliuoli

Nov. iii - Prologo - de simplicitate - Di Ganfo pilicciaio

Nov. iiii - Prologo - de malvagitate et malitia - Del preditto Ganfo e di Zanobi calzolaio

Nov. v - Prologo - de magna trudentia - De' re Gostanzo di Portogallo e della donna, figliuola de' re di Tunisi

Nov. vi - Prologo - de summa justitia - Di monna Ambrogia e Cateruzza sua figliuola

Nov. vii - Prologo - de justitia et crudelitate - Del conte Lambnisco da Rodello, omo più tosto da rubare che da offerire

Nov. viii - Prologo - de transformatione nature - Di messer Renaldo de' Buondalmonti di Firenze

Nov. viiii - Prologo - de simplici juvene - Di Felice da Bologna, ricco, e di uno suo fattore, Ugolino Schierini

Nov. x - Prologo - de latrone et simplici mercatante - Dell'oche per Ognisanti

Nov. xi - Prologo - de vitio luxurie in prelato - Di Ranieri pellaio in Pisa

Nov. xii - Prologo - de vituperio pietatis - Di Vanni tintore, di San Paulino

Nov. xiii - Prologo - de muliere volubili - Di monna Leggiera

Nov. xiiii - Prologo - de muliere adultera - Di ser Cola da Spoleti e di Matelda sua donna

Nov. xv - Prologo - de bono facto - Di Pincaruolo

Nov. xvi - Prologo - de ventura in matto - Di Grillo che diventò notaio

Nov. xvii - Prologo - de tristitia et vilitate - Di Isabetta e Tristano da Cortona

Nov. xviii - Prologo - de periculo in amore - Di Checca delli Asini figliuola di Asinino, vedua bella

Nov. xviiii - Prologo - de novo modo furandi - Di Cupin ladro in Parigi

Nov. xx - Prologo - (manca il titolo)

Nov. xxi - Prologo - de furto extra naturam - Di Zaccheo ladro: con un cagnolo rubava in Pisa

Nov. xxii - Prologo - de falsario -Di Giuda d'Ascoli, ladro per inganno

Nov. xxiii - Prologo - de inganno et falsitate - Di Ghisello da Racanati, ladro vendendo certe anella contrafatte

Nov. xxiiii - Prologo - de summa avaritia - Di messer Bertoldo Aldimari, avaro, e del famiglio Rospo

Nov. xxv - Prologo - de simplicitate et stultitia - Di Valore e Truglio, omini grossi

Nov. xxvi - Prologo - de placibili sententia Di monna Bambacaia da Montescudaio, savissima in dar sentenzie.

Nov. xxvii - de sententia vera - Di Lucrezia e Elena, andando a monna Bambacaia per una quistione

Nov. xxviii - de pulcra responsione - De' giovani e giovane in un prato fiorito

Nov. xxviiii - Prologo - de astutia in juvene - Di messer Adorno Spinola e di Andriolo suo figliuolo innamorato di monna Cara delli Adorni

Nov. xxx — Prologo - de inganno - Di monna Antonia vedova, de' Virgiliesi di Pistoia

Nov. xxxi - Prologo - de libidine - Del monesterio dell'Olmo d'Arezzo e della badessa

Nov. xxxii - Prologo - de avaritia et luxuria - Di Pierozzo e monna Soffia in Perugia

Nov. xxxiii - Prologo - de prudentia et castitate - Di monna Lionora e di Salvestro da' Fieschi di Genova

Nov. xxxiiii - Prologo - de vana luxuria - <Di> monna Merdina vedova, de' Buondalmonti di Firenze

Nov. xxxv - Prologo - de novo inganno - Di monna Felice e di Ghirardo da San Casciano in quel di Pisa

Nov. xxxvi - Prologo - de malitia et prudentia - Di prete Pasquino e della troia

Nov. xxxvii - Prologo - de turpi tradimento - Di prete Ruffaldo e di Giglietta

Nov. xxxviii - Prologo - de malitia in juvene - Di una compagnia fatta per un milanese et un fiorentino in Viterbo, e di Daniello loro fattore

Nov. xxxviiii - Prologo - de superbia et pauco bono - Di un conte ladrone: stava a Bruscola in quel di Bologna, si salvò per una avemaria dicea la mattina e la sera

Nov. xl - Prologo - de vera amicitia et caritate - Di II fanciulli di due signori auti per orazioni fatte a Dio: li portonno tutti e due a battegiare a Roma

Nov. xli - Prologo - de fide bona - Di uno giudeo nomato Adamo: vedendo venire a Roma molti signori e gentili omini a visitare la corte di Roma, per quello si fé' cristiano, come in ditta novella

Nov. xlii - Prologo - De Puritate - Di Ladislao da Roma e di sua donna Biatrice, bella et onesta

Nov. xliii - Prologo - de castitate - Di Lucrezia, moglie di Bruto principe di Roma, come s'amazzò

Nov. xliiii — Prologo - de re publica Di quel fuoco ch'era in Roma a modo di un pozo, ardendo sempre.

Nov. xlv - Prologo - de re publica - Come Aniballe asediò Roma, e come Formione uscì fuori et amazzòlo innel paviglione al fuoco stando co' baroni

Nov. xlvi - Prologo - de lealtate - Della Tarpea di Roma 've stava tutto lo tesoro di Roma

Nov. xlvii - Prologo - de falso perjurio - <Del> vedere in Roma quando le donne faceano fallo, per quella macina

Nov. xlviii - Prologo - de amore et crudelitate - In Roma, al tempo di Giulio Cesari e di Tulia, nata di gentil sangue, donna di Pompeo

Nov. xlviiii — Prologo - de recto amore et justa vindicta - Di Vergilio, quando romase apiccato a mezzo io muro per amore di una figliuola dello 'mperadore la quale avea nome Isifile

Nov. l — Prologo - de prudentia in consiliis - <Di> monna Cicogna, che lo figliuolo andò col padre in consiglio.

Nov. li - Prologo - de falsitate mul1eris - Di Aristotile e monna Orsina, donna di Allesandro Magno, e di Viola.

Nov. lii - Prologo - de hypocrita et fraudatore - <Di> frate Calandrino con Narda!

Nov. liii - Prologo - de pigritia - <De> lo re Sparaleone di Portogallo, vilissimo

Nov. liiii - Prologo - de placib1li loouela - Di messer Piero <da> Rabatta catelano, corsale crudelissimo

Nov. lv - Prologo - de falsitate et tradimento - Del castel di Castri in Sardigna, lo quale era di uno nomato Passamonti, lo quale avea una bellissima figliuola per nome Zuccarina

Nov. lvi - Prologo - de sapientia et vero judicio Di David e Salamone suo figliuolo, profeta

Nov. lvii - Prologo - de natura feminili - Di monna Bambacaia, che die sentenzia della donna presa: Ranieri da San Casciano non la volea che dicea non esser pulcella

Nov. lviii - Prologo - de pulcra et magna sapientia - Di quello delle tre figliuole da Vinegia

Nov. lviiii - Prologo - de bona responsione - Di messer Tedici Sinibaldi vecchisimo e di monna Gentile de' Guasconi

Nov. lx - Prologo - de dishonesto adulterio et bono consilio - Di Sandro, come ingravidò la cugnata maritata, ma lo marito era ito oltramonti per uno anno per liverar certe mercantie e non l'avea menata

Nov. lxi — Prologo - de superbia contra rem sacratam - Della superbia de' re Astulfo: e fece che li preti non cantasseno un verso della Magnificat. Lo nostro Signore Idio non volse tanto male, come leggerete innella seguente novella

Nov. lxii - Prologo - de competente consilio de adultera - Di Giacchetto e di Diana di Michelozzo da Firenze

Nov. lxiii - Prologo - de justa sententia - Di Salamone garzone e di Samuella de' Maccabei, bella, donna di Melchisedech, orno di gran vertù

Nov. lxiiii - Prologo - de meretrice et justo judicio - Di Salamone e di quelle II meretrici e de' figliuoli

Nov. lxv - Prologo - de dishonestate viri - De lo figliuolo dello imperadore di Gostantinopoli : capitato a Genoa, mal compunto se n'andò a casa

Nov. lxvi - Prologo - de nova malitia in tyranno - Del Veglio della Montagna di levante

Nov. lxvii - Prologo - de ebrietate et gulositate in prelato - Di prete Bernardo Busderla, prete di San Giusto in Lucca

Nov. lxviii - Prologo - (de) desmemoragine prelati Di Paulo Sermarchesi, servendo alla messa con lo prete di San Giusto

Nov. lxviiii - Prologo - de doctrina data a puero - Di Giannino da Parigi: avendo un suo padre vecchissimo e non pòtendog uadagnare, lui e la moglie l'aveano in noia di tanto viver'e, lo misseno suso a lato al tetto in s'uno lettuccio tristo, sì come dice la novella nota

Nov. lxx - Prologo . de vidua libidinosa - Delle salsicce adoperate per monna Orsarella vedova da Firenze.

Nov. lxxi - Prologo - de bonis moribus

Di Dante fiorentino, come andò a Napoli a' re liberto

Nov. lxxii - Prologo - de justa responsione - Come lo re di Napoli volse provare di veder lo senno di Dante da Firenze in più modi

Nov. lxxiii - Prologo - de presumptione stulti - Di Salvestro barbieri di Bargecchia: come messer Bernardino de' cattani di Montemagno, radendosi, li donò tutto lo legname di una casa che iacea lo barbieri

Nov. Lxxiiii - Prologo - de amicitia probata - Di Lommoro e Fruosino

Nov. lxxv - Prologo - de competente misura - Di Turello, che andò a stare a Pisa

Nov. lxxvi - Prologo - de vituperio mulieris - Di monna Cicogna de' Guazzalotti di Prato

Nov. lxxvii — Prologo - de vituperio facto per stipendiarios - Della città d'Arezzo, come fu disfatta per parte e le donne vituperate

Nov. lxxviii - Prologo - de simplicitate viri et uxoris - Di Mucchietto e Stoltarella

Nov. lxxviiii - Prologo - de muliere adultera et tristitia viri - Di Cazzutoro e monna Dolciata, donna di Vespa di Saminiato

Nov. lxxx - Prologo - de bona providentia contra homicidam - L'altore, bisognandoli certe mercantie, bisognò andare a Firenze; e per meno spesa portonne in dosso un fardello di drappi che portavano, come dice la novella

Nov. lxxxi - Prologo - de dishonesta juvena et equali correctione - Di una giovana di Lucca maritata a Pescia: andando a marito l'acompagnonno molti lucchesi giovani; e giunti, una monna Fiorita delli Orlandi mottegiera, in mal più che in bene mottegiando la sposa, li nostri la casticonno piace vilmente

Nov. lxxxii - Prologo - de devozione in sancto juliano  - Di Castagna, divoto di san Giuliano

Nov. lxxxiii - Prologo - de crudelitate maxima - Come messer Stanghelino da Palù amazzò la moglie et un giovano che li trovò insieme in letto, e iiii figliuoli

Nov. lxxxiiii - Prologo - de bona providentia - Di Suffilello da Montalto, ladro

Nov. lxxxv - Prologo - de bona fortuna in adversitate - Di frate Moriale che condusse la parte e gente in Italia

Nov. lxxxvi - Prologo - de magnanimitate mulieris et bona ventura juvenis - Di Ciandro e de' re don Alfons di Spagna

Nov. lxxxvii - Prologo - de periculo in itinere - Di Giannozzo da Firenze, che avendo venduti castroni per ducati mille a Bologna, II gaglioffi l'amazzonno e rubonno

Nov. lxxxviii - Prologo - de rationabili dominio et bona justitia - Indel reame di Francia era un bosco grandissimo: lo tenea la contessa d'Artese, nel mezzo era un bel palagio, alcune volte vi si riposava

Nov. lxxxviiii - Prologo - de latrone et bona justitia - Di Bovitoro e Bellucco ladroni

Nov. lxxxx - Prologo - de malitia hospitatoris - Dell'oste da Torre della Fossa in quel di Ferrara: lui con la donna rubavano et uccideano li osti che vi veniano

Nov. lxxxxi — Prologo - de falsatore et bona justitia - Di Fiordo, lo quale fabricava di rame et ottone ducati al cugno di Vinegia in grandissima quantità; e spesi molti, e' dipoi fu giunto da una veliera

Nov. lxxxxii - Prologo - de maximo furto - Al tempo di madonna Reina, donna di messer Bernabò di Milano: tenea lo suo tesoro in una torre rinserato con molte chiavi e porti

Nov. lxxxxiii - Prologo - de restauro facto per fortunam - Fue innella terra di Bari: per amor della morìa preseno altro camino. Trovandosi un mercante ricco, per <più> aricchire prese a navicare

Nov. lxxxxiiii - Prologo - de malvagitate hypocrite - Di frate Bonzeca ipocrito arcatore di parole: con certe malizie ingannava le povere persone

Nov. lxxxxv — Prologo - de malitia in inganno - Del preditto frate: avendo ricevute di molte bastonate in quel di Pisa, venne in quel di Lucca per fare simile arte

Nov. lxxxxvi - Prologo - de ceco amore - Di uno pisano: abitava in Lucca al tempo de' Pisani, catino di ogni miseria

Nov. lxxxxvii - Prologo - de captivitate stipendiari - Della guerra tra Firenze e Pisa e de' caporali presi

Nov. lxxxxviii - Prologo - de vilitate - Del Tromba, come fé'

Nov. lxxxxviiii - Prologo - de falsitate mulieris - <Di> Giorgiana fant'e di Azzo de' Pulci: da Firenze cacciato andò ad Ancona

Nov. c - Prologo - de malitia hominis - In Firenze era uno monestero di donne: 8 giovane et una badessa giovana

Nov. ci - Prologo - de subita malitia in muliere - <Di> Toccora servente in Spoleti

Nov. cii - Prologo - de mala correctione - Innel contado di Parma, in una villa chiamata Boera, dove si menano le bestie a pascere

Nov. ciii - Prologo - de avaritia magna - Di maestro Pace medico in Pisa, avarissimo

Nov. ciiii - Prologo - de inganno in amore  - Innel tempo di Grimaldo giudici di Arborea, e di monna Mante donna del signore di Castri

Nov. cv - Prologo - de invidia - Di Bioccolo Boccadivacca cavalieri: per mala signoria se n'andò indelle terre di messer Mastino

Nov. cvi - Prologo - de longo inganno - Al tempo di messer Johanni dell'Agnello signore di Pisa si funno II anconetani arcatori

Nov. cvii - Prologo - de malitia ml'lieris adultere - Innella città di Vinegia fu bellissima donna nomata Santina da Ca' Baldù

Nov. cviii - Prologo - de presumptuosis - Quando Pistoia vivea a comune (alcuni presuntuosi) al fine loro tutto voleano fare, né non voleano consiglio

Nov. cviiii - Prologo - de summa golositate - Quando la corte di Roma era a Vignone, un pastiscieri facea pastelli di carne di uomo

Nov. cx - Prologo - de magna golositate - Come Nicolao Corbi fue fatto castellano con x compagni in su Porta di Borgo

Nov. cxi - Prologo - de prelato adultero - Innel contado di Perugia, in una villa nomata Passignano: di uno nomato Canoro, ricco, e di una sua donna, Menica

Nov. cxii - Prologo - de justo judicio - Indella terra nostra signoregiata da' Pisani fue un nostro lucchese: non sapendo far arte prese a comprare proventi

Nov. cxiii - Prologo - de avaro - Di Bruglioro da Corniglia di riviera di Genova, avarissimo

Nov. cxiiii - Prologo - de pompa bestiale - In Pistoia uno chiamato Sardo banchieri facea del grosso e non sofferia altrui

Nov. cxv - Prologo - de mala custodia - Innel contado di Pisa, a Calci, funno 4 omicidiali, isbanditi a stare a Pescia nel contado di Lucca

Nov. cxvi - Prologo - de pigritia - Di uno maestro di legname : per negligenza, vedendo lo fuoco apreso a un ruciolo, arse la casa

Nov. cxvii - Prologo - de pessima malitia in prelato - In quel di Bologna, in una villa nomata La Valle, <fu> uno chiamato Papino, lo quale per alcuna cosa fu chiamato da' vicini frate Papino

Nov. cxvm - Prologo - de inimico reconciliato ne confidetur - Al tempo che li Pisani erano signori di Lucca e Pisa, un Gualfreduccio e '1 Sessanta isbanditi, l'uno la fregò <a l'>altro per comparatico

Nov. cxviiii - Prologo - de ingenio mulieris adultere - Al tempo del vecchio re di Napoli, re Manfredi, e di madonna Lagrinta, che s'inamorò di uno scudieri

Nov. cxx - Prologo - de dishonesto famulo - Al tempo del populo di Pisa fu uno anziano nomato Vannuccio da - Calci, calzolaio, et era suo donzello uno nomato Frasca da Ripadarno

Nov. cxxi - Prologo - de pulcra responsione - Di madonna Colomba de' Busdraghi e di Matteo Boccadivacca

Nov. cxxii - Prologo - de apetito canino et non temperato - Di Taddeo cristiano di cintura di Ierusalem, ricco, e di uno suo figliuolo, Paulo

Nov. cxxiii - Prologo - de inganno placibili - Di frate Tomasino da Controne di Santo Agustino, molto ghibellino : andando a Controne, non volendo frate in compagna, menò Giorgio da Ghivizano

Nov. cxxiiii - Prologo - de desperato dominio - Di due conti di Borgogna: vicini e parenti, venneno a guerra.

Nov. cxxv - Prologo - de mala fiducia inimici - Di messer Marcovaldo e della sua donna, Anna da Ca' Baldù bella e solaciera

Nov. cxxvi - Prologo - de tradimento facto per monacum - Di Galissone e dell'abate Marsilio.

Nov. cxxvii - Prologo - de malitia mulieris adultere et simili malitia viri - Di Scipione da Ca' Cornero e della donna nomata Briscida de' Magnanimi da Vinegia, servente

Nov. cxxviii - Prologo - (manca il titolo latino) Di messer Maffeo Orso, dugio di Vinegia, et una sua nipote nomata Perinetta, bellissima.

Nov. cxxviiii - Prologo - de pauco sentimento in juvene - Di Bartolo di Maestro Allesandro da Lucca: essendo ito a stare a Vinegia s'inamorò di una veneziana servente, che ve ne sono assai.

Nov. cxxx - Prologo - de magna gelosia - Di uno Marco da Castello, faccitore di capelline e di guanti: avendo auto in parte delle donne di Vinegia, li fu proferto donna, unde li entrò gelosia

Nov. cxxxi - Prologo - de juvene subtili in amore -Di Iosofach di Babillonia e di Tisbe e Piramo.

Nov. cxxxii — Prologo - de prava amicitia - Del re Aluisi di Parigi, come mandò messer Alberigo, orno piccolo, valente, alla guerra di Prusia.

Nov. cxxxiii - Prologo - de malvagio famulo - Di Namo da Verona e di Malvagio famiglio e di una fante, Jacomina veneziana.

Nov. cxxxiiii - Prologo - de perfecta societate - In Lucca fu al tempo di Carlomagno due mercadanti, l'uno nomato Giabbino e l'altro Cionello

Nov. cxxxv - Prologo - de prava amicitia vel societate - Indella giurisdizione di Pisa erano II gentilotti e di parentado <assai forti>, l'uno chiamato il conte Guarnieri da Montescudaio, l'altro il cattano da Suereto.

Nov. cxxxvi — Prologo - de tyranno ingrato - Come, li pisani avendo guerra con Firenze, alcuni cittadini di Pisa volseno fare dogio Johanni dell'Agnello per salvezza della città di Pisa e di Lucca.

Nov. cxxxvii - Prologo - de summa ingratitudine - Della parte ch'era in Saminiato, cioè Cicioui e Mangiadori, quando venne lo 'mperador Carlo

Nov. cxxxviii - Prologo - de malitia mulieris adultere  - In Milano, al tempo di messer Maffeo signore di Milano, fue un maestro di legname con una sua donna; con l'arte si guadagnava la vita

Nov. cxxxviiii - Prologo - de summa et justa vindicta de ingrato - Delle parti di Parma, tra Rossi e Palavigini.

Nov. cxl - Prologo -  de bona et justa fortuna - De' re Riccardo d'Inghilterra e del figliuolo Orlandino

Nov. cxli - Prologo - de romito adultero et inganno - Fue innella città di Bellem in Giudea uno nomato Esaia con una sua figliuola, Isabetta.

Nov. cxlii - Prologo - de bona ventura - In quel di Milano era <un> contadino con 3 figliuoli; ve n'era uno nomato Malgigi, che di questo <in> tutta <la novella) si

Nov. cxliii - Prologo - de geloso et muliere malitiosa - Di messer Ghirardino Spinola geloso della donna

Nov. cxliiii - Prologo - de placibili furto unius mulieris - Della donna del soldano di Babillonia, giovana, uno Antoniotto da Montalto di Genova li tolse per sotil modo

Nov. cxlv - Prologo - de maxima ingratitudine - La novella parla che tra' gentilomini e lo populo fu divisione

Nov. cxlvi - Prologo - de motto placibili - Di messer Luchino Visconte di Milano e di messer Azzo - Nov. cxlvii - Prologo - de falsatore - Di Basino da Triesti, mercadante di perle

Nov. cxlviii - de justo matrimonio - In Pisa fu uno messer Gallo da San Casciano, et una figliuola nomata Giovanna, bellissima

Nov. cxlviiii - Prologo - de subito amore accenso in muliere - In Firenze, di una giovana de' Berlinghieri nomata Agata maritata a un ostieri da Montevarchi

Nov. cl - Prologo - de novo ludo - Innel contado di Firenze, in una villa chiamata Staggia, <fu> una donna nomata Ancroia, moglie di un Torneo molto divoto di <san> Martino

Nov. cli - Prologo - de inganno in amore - Di Ranieri setaiuolo: di monna Antoniella sua donna si fé' compare un Curradino per averla

Nov. clii - Prologo - de muliere voluptuosa in libidine - Di Popone mugnaio in Empoli e di messer Veri de' Medici e della donna con Popone

Nov. cliii - Prologo - de muliere constante - Del conte Artù, che prese donna a suo modo

Nov. cliiii - Prologo - de pauca sapientia viri contra mulierem - Di messer Nicolo Bisdomini e di monna Piacevole di Firenze

Nov. clv - Prologo - de falsitate juvenis - Di Ardigo Ricci da Firenze

Nov. <clvi> - Prologo - de pauco sentimento domini - Della città di Limi: fue distrutta per una femina

 

glossario

Indice Biblioteca

Biblioteca

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 16 maggio 2012