Carlo Goldoni

Il Burchiello

Stanze veneziane.

Edizione di riferimento

Tutte le opere di Carlo Goldoni a cura di Giuseppe Ortolani, vol. XIII Componimenti poetici, Arnoldo Mondadori editore, Milano 1955

Il presente poemetto fu pubblicato dalla tipografia Remondini a Venezia ne' Componimenti per le felicissime Nozze di Sue Eccellenze il Sig. Alvise Priuli e la Signora Lucrezia Manini, dedicati a Sua Eccellenza il Signor Giovanni Priuli Senatore Arnplissimo Fratello dello Sposo, nel 1756. Più tardi, quando il Goldoni lo ristampò nel 1° tomo dei Componimenti diversi (Pasquali, 1764), lo intitolò Il Burchiello di Padova, ma non bisogna confonderlo con un secondo poemetto del medesimo titolo, in ottave italiane, stampato dall'autore nel 1760 in difesa dei padri gesuiti e ristampato più volte.

Il matrimonio ebbe luogo nel settembre 1756. L'antica famiglia Priuli che il Goldoni celebra in questo poemetto, vantò una lunga serie di dogi, di cardinali e di letterati: nel settecento era suddivisa in nove rami.

A S. E. Alvise il Goldoni dedicò nel '59 il Campiello; e ricordò nella lettera il presente poemetto e le recite nella villeggiatura di Bagnoli. Anche nella dedica del Vecchio bizzarrro a S. E. Bonfadini (1757) si ricordano le recite a Bagnoli e il Burchiello. Lucrezia Manin fu la terza figlia del senatore Lodovico Alvise (n. 1694) e di Maria Basadonna, sposi nel 1723; sorella minore di Lodovico (1726-1802), ultimo infelicissimo doge di Venezia. La ricca famiglia dei Manin, o Manini, era venuta nel secolo XIV di Toscana in Friuli dove godeva titolo comitale; ed era stata assunta nel 1651 al patriziato veneto per l'esborso fatto da un conte Lodovico di centomila ducati allo Stato, durante la guerra di Candia.

Il famoso burchiello conduceva i viaggiatori da Venezia fino al Portello di Padova (e viceversa) pel canale della Brenta, attraverso quattro chiuse dette porte (ai Moranzani, alla Mira, al Dolo e a Stra), da non confondere distinguerlo con la cosiddetta barca notturna o barcaccia, come il Goldoni la chiama, che serviva al trasporto del bestiame e dei poveri. Una descrizione ne fa il nostro autore nel secondo poemetto (1760).

In questo poemetto, scritto dietro compenso, per sbarcare un lunario poco felice economicamente, per celebrare nozze di cui  forse nulla gli importava,  il Goldoni fa buona prova di fantasia originale e, superando il tema frivolo ed elogiativo,  coglie l'occasione per descrivere il tragitto in burchiello da Fusina al Dolo, e farci assistere ai dialoghi dei viaggiatori e a qualche gustosa scenetta, come quella dei morosi nel camerino, sotto gli occhi della madre compiacente.

 

Tutto è vivo, come in una commedia, dalle macchiette, quale il zotto d'Anguillara, agli arrivi alla Mira e al Dolo. Interessante anche il ricordo delle recite aristocratiche nella villeggiatura dei conti Widmann a Bagnoli, alle quali il Goldoni aveva partecipato nell'estate precedente. Né mancano i garbati elogi alla nobiltà veneziana che dimostrano l'amore del popolo delle lagune per le antiche gloriose famiglie dei suoi reggitori, di cui ricordava e vantava i meriti con un senso d'orgoglio. Al di là della prolissità, dobbiamo ammirare la semplicità e naturalezza del linguaggio, la bonomia del racconto, la vivacità pittoresca del dialetto; e ci «lasciamo affascinare a poco a poco dalla suggestione d'un'età e d'una società per sempre scomparse, ma delle quali sembra celarsi nell'intimità nostra non so che vaga impressione quasi d'un'altra vita vissuta, come ci avviene nel contemplare pastelli e stampe dei vecchi maestri del Settecento».

Quanto siamo lontani dalla poesia ampollosa del Secentismo e da quella svenevole dell'Arcadia.

I.

Gera in barca da Padoa, o sia Burchiello,

Che va via per la Brenta ogni mattina;

La laguna passar voleva in quello,

E una sedia levar zonto a Fusina [1].

Ma el comodo m'ha parso cussì bello,

Cussì cara m'ha parso una velina [2],

Che son andà con quel burchiello al Dolo [3],

E ho sparagnà de la vettura el nolo.

II.

Folta la compagnia de zente varia,

Tutti pera sentadi in ordinanza:

Gh'era zente civil, zente ordenaria;

De caratteri vari una missianza.

E el mio cervel, che per el più zavarial

Caratteri a trovar de nova usanza,

In verità, ghe n'ha trovà tre o quatro

De stampa original per el Teatro.

III.

Per esempio... ma no, no i voggio dir,

Perché adesso gh'è troppi che me sente;

A tempo e a logo me ne voi servir,

Senza che da nissun se sappia gnente.

In scena i vederemo a comparir,

Ma in abito e in aspetto differente;

Acciò la zente sboccaizza [4] ardita,

No m'abbia a dir: fio d'una fata e dita [5].

IV.

In sto mistier che fazzo mi, per diana,

Se core dei pericoli no pochi,

Qualche volta se parla alla lontana,

E gh'è de quelli che se sente tochi:

Ma chi cria, da so posta se condana,

E i fa pezzo de mi. Poveri alochi!

Mi parlo in general, no a tu per tu;

Se vu ve lamenté, donca sè vu.

V.

Basta, lassemo andar, che no i me diga

Che per tuttoghe ficco la Commedia.

Xe ben che vaga avanti,e che me sbriga,

Acciò che chi me ascoltano se tedia.

La zente ancuo de brevità xe amiga,

Le cosse longhe fa morir d'inedia,

E nissun pol gnancora indivinar

Quel che gh'ho in testa de voler cantar.

VI.

Andando donca col remurchio a prova [6]

Per la laguna placida e serena,

A parlar se prencipia; ognun se prova

Del curto viazo a minorar la pena.

Chi conta qualche istoria, o qualche nova;

Chi parla e ride colla bocca piena;

Chi trafega alle carte i so contanti;

Chi se sbrega [7] a criar coi remurchianti.

VII.

Una mare [8] ghe giera con do pute [9],

Che s'aveva logà in tel camerin [10]:

Per dir la verità, le giera brute,

Ma però le gh'aveva un bel sestin [11].

Le stava là che le pareva mute,

Ma un zovene ghe fava de penin [12];

La mare (se le fie se devertiva)

Stava col muso in sen [13], e la dormiva.

VIII.

Un reverendo Padre francescan,

Che diseva l'offizio col compagno,

Giera de ste cale [14] poco lontan,

E el vedeva la mosca in bocca al ragno;

Onde bon sacerdote, e bon cristian,

Che dell'anime a Dio sol far guadagno,

Per impedir, per desmissiar [15] la vecchia,

Gloria Patri el gh'ha dito in t'una recchia.

IX.

L'ha averto i occhi, l'ha vardà le fie [16];

El novene, cantando, ha cambià logo.

El s'ha messo a zogar quattro partie,

Ma se vedeva che el gh'aveva el fogo.

Con modestia anca mi fava le mie,

E la vesina mantegniva el zogo [17].

Chi gierela? dirà: cari patroni,

No vai scoverzer i mi pettoloni [18].

X.

Una donna la xe savia, onestissima,

Ma la gh'ha i so riguardi, e se lo digo,

Ghe sarà della zente indiscretissima

Che studierà de metterme in intrigo.

E pur troppo sta azion maledettissima

Me l'ha fatta una volta un certo amigo;

E chi reporta, zonze' assae de più,

Come ha fatto pur troppo anca colù.

X.

Sta mutria da do musi [19] gazerada [20]

Un zorno fursi saverà chi son...

Ma fora son andà de carizada [21],

Giusto come l'autor del Ciceron [22],

Che a ogni piccolo passo, una fazzada

Almanco el tira zo de digression,

Per criticar el mondo; e della dona

L'ha dito tanto mal: Dio ghel perdona.

XI.

Donca, vegnindo a quel che dir voleva

(Torniamo a bomba, dirave un Cruscante),

Chi parlava in burchiello, e chi taseva;

Chi diseva: Che tempo stravagante!

Chi se lagnava perché no pioveva;

Chi su le malattie fava el zelante;

Chi tendeva a parlar del terremoto,

E chi dei casi che succede al loto.

XII.

Mi de malinconie no vôi parlar,

Perché patisso delle rane [23] assae,

spesse volte me tocca provar

Delle cattive, pessime zornae,

Spezialmente co son per lavorar

Drio delle mie Commedie indiavolae:

Ma la rana mazor che me martella,

Xe quando che no gh'ho bezzi in scarsella.

XIII.

Donca (me metto a dir) ànemo, via,

Principiemo, Signori, a muar proposito.

Viazando co sta bella compagnia

Parlar de cosse tetre el xe un sproposito.

Via, mettemose tutti in allegria.

Salta suso un genial Padre Proposito:

E pur, signori miei, son d'opinione

Che non la durerà Porto Maone [24].

XIV.

Subito sbalza in piè dal lai de poppe [25]

Un co' un per de mustachi inviperio;

El scomenza a criar: tippete toppe;

Sento quell'altro a dir: Poffar i' mio.

Salto suso: Tasè co ste faloppe,

Non andemo più in là, siemo in drio [26];

Cossa m'importa a mi che se combatta?

Lasso che chi ha la rogna se la gratta.

XV.

Siori, ascoltème mi, che gh'ho una niova

Da darve a tutti, se no la savè.

E diseme che son fio d'una lova [27],

Se, co l'ho dita, no me ringraziè.

Sterne attenti a sentir da poppe a prova [28],

No dormì, no fe chiasso, e no parlè.

Quel che adesso dirò, pol bastar solo

Per vu, e per mi, fin che arrivemo al Dolo.

XVI.

Tutti attenti me varda: i Religiosi

Se fa la crose, e mette zo l'offizio:

Se me tira d'arente i più curiosi,

Ma l'amiga sta salda [29], e gh'ha giudizio.

In tel so camerin resta i morosi [30],

E ghe fazzo, parlando, un bel servizio.

La madre ascolta, e la ghe sta davanti:

Quel che i fazza, no so: tiremo avanti.

XVII.

E scomenzo così: Siori, a Venezia

Se farà sto settembre un noviziado

Tra do persone (no la xe facezia)

Belle, nobili, ricche, e d'alto grado.

La novizza gentil nome ha Lugrezia,

E dei conti Manini è el so casado,

Sier Alvise Priuli xe el consorte...

Ecco del Moranzan remo alle porte [31].

XVIII.

Per solito savè che tutti smonta,

Chi a bever el caffè, chi l'acquavita.

Chi de qualcossa gh'ha la voggia pronta,

E chi el compagno per usanza imita.

Sta volta tutti resta, e i vol che conta;

Perché l'istoria i vol sentir compita

Del sposo, della sposa, e dei parenti,

E a bocca averta i me ascoltava attenti.

XIX.

Savia (seguito a dir) xe la novizza,

Granda, ben fatta, spiritosa e bella,

Che no gh'ha pretension, che mai s'instizza,

Che gh'ha cento virtù raccolte in ella.

Quel furbetto d'Amor, che i cuori impizza [32],

Che ne liga, ne struscia [33], e ne martella,

In quei bei occhi, in quel bel viso adorno,

Fonda l'aveva i so dissegni un zorno.

XX.

Ma l'onestà, che regna e se conserva

Tra le nobili dame in sto paese,

Fa che viva la putta [34] in gran riserva

In monestier, fin disdot'anni, a spese [35].

El genio, el cuor, l'inclinazion se osserva;

Anca senza parlar le vien intese;

E le vede el novizzo [36] co xe fatto,

Fra quei che lo pol far, el so contratto.

XXI.

No dirò se sia ben, o se sia mal,

In genere de nozze un tal costume;

Ma una fortuna, che a ogni ben preval,

Xe un tesoro trovar senza aver lume.

Co 'l Priuli l'ha vista (Dio immortal!),

L'ha ringrazia de la fortuna el nume;

E l'ha dito: Col cuor, col mio conseggio,

Non avería desiderà de meggio.

XXII.

E el dixe ben, el dixe ben, cospetto!

e meggio no se pol desiderar:

Che se unissa beltà con intelletto,

Sì facilmente no se pol trovar.

A prima vista s'ha sveggià un affetto

In tutti do, che fa maraveggiar,

E se vede apparir, come da un velo,

Che xe ste nozze stabilide in Cielo.

XXIII.

Salta suso una donna in cao de tola [37],

De settant'anni, e fursi più; la dise:

Questa, sior Carlo, xe una gran parola,

Sti matrimoni el Ciel li benedise.

Ma per mi, saria meggio viver sola,

Gh'ho un cattivo mario, le mie raìse [38].

Salta suso el mario: Meggio per mi

Che ti fussi crepada almanco ti.

XXIV.

A rider s'ha sentio tutto el burchiello

A sto pensier sì spiritoso e vago.

In tanto caminevimo a bel bello,

E se scoverze el campaniel d'Oriago [39].

Tutti me dise: Seguitè, fradello.

Torno al fil del discorso, e tutti appago;

Ché propriamente ardeva da la voggia

Del novizzo parlar, che xe una zoggia.

XXV.

Prima de tutto ve dirò, che el xe

(Seguito a dir) ne la più bella età.

Zovene senza barba, no a la fè [40],

Che nol me piase un omo marida;

Ma gnanca vecchio che non sia, perché

Vecchio con zoventù no se confà.

Una sposa per far lieta e contenta,

L'ha da esser cussì, giusto sui trenta.

XXVI.

E se sa, che per cento e più riguardi,

Più zovene ha da esser la consorte,

Perché l'omo s'invecchia assae più tardi,

Per natura più vegeto e più forte.

Tor una vecchia un zovene, Dio guardi,

L'incorrerave quella brutta sorte

De veder presto el povero mario [41]

De un matrimonio disugual pentio.

XXVII.

Sto novizzo no xe d'una bellezza

Femenina più tosto che viril,

Ché nei omeni savi no se apprezza

Certa caricatura pueril.

Se ghe vede in tel viso un'allegrezza,

Un'aria de bontà dolce e zentil,

Che fa che el piasa, e che se diga: in ello

Gh'è un non so che, che lo fa grato e bello.

XXVIII.

E po basta de vederlo a trattar,

Sia co le dame, o sia coi cavalieri;

Credemelo, da lu gh'è da imparar.

Se scoverze da l'uso anca i pensieri.

Sempre modesto el sentirè a parlar

Con sentimenti nobili e sinceri;

E quel che più me piase, e più me tocca,

Sempre la verità ghe sento in bocca.

XXIX.

L'è virtuoso, senza ostentazion,

L'è zovene da ben, senza impostura :

Capace, quando porta l'occasion,

In un circolo a far la so figura.

Serio el sa star, e el xe in conversazion

Spiritoso, grazioso per natura;

E se el vedessi a recitar, credelo,

L'è quel che mai se poi sentir de belo.

XXX.

Una volta l'ha fatto da Rinaldo,

E el pareva Vitalba [42] in tel parlar.

L'anno passa, co giera quel gran caldo,

A Bagnoli [43] l'ho visto a recitar.

E l'ho visto anca mi, dise un gastaldo,

E el m'ha piasso, e de più no se pol far.

Zitto (digo), patroni, in cortesia,

Che descriver ve vôi la Compagnia.

XXXI.

El patron della casa... Eh so chi l'è,

(Sento che me responde un Religioso)

El Conte Widiman gh'ha un cuor da re,

Ricco, nobile, savio e generoso.

Pochissimo parlar el sentire,

Ma co 'l recita po l'è spiritoso.

Co 'l recita vestio da Truffaldin,

Me desmentego Sacchi e Catolin [44]

XXXII.

E drio de sto bonsior [45], sento una donna,

Che gh'aveva bon sesto, a dir cussì:

Cossa diseu de la so zentildonna [46]?

Caspita! a recitar l'ho vista mi.

Mo certo co la fa da prima donna,

La starave a ascoltar la notte e el dì.

La gh'ha un far dolce, una maniera franca,

E a soggetto [47] parole no ghe manca.

XXXIII.

Certo (me sento a dir da quell'amiga,

Che da rente de mi giera sentada).

La verità bisogna che la diga;

Anca a mi la m'ha piasso, e l'ho lodada.

Ma de manco no xe la Moceniga;

Brava anca ella la xe deventada,

E la gh'ha in tel patetico un valor,

Che move i affetti, e bisegals in tel cuor.

XXXIV.

In quel che voggio dir: Gh'avè rason,

Vien zo dal tierno [48] el zotto d'Anguillara [49]

El dise a mi: Cossa diseu, patron,

De so Zelenza Zorzi? Oh siestu cara!

Mi, no fazzo per dir, son un minchion,

Ma me par che la sippia [50] cossa rara;

Co la recita ella, i mi figgioli,

Vago via a zoppegar tre miggiaroli

XXXV.

Bravo, bravo, sior zotto, m'arecordo

Co i bollettini [51] ti vegnivi a tor.

Mi fin adesso t'ho stimà un balordo,

Ma adesso digo che ti xe dottor.

Anca mi, grazie al Ciel, che no son sordo,

L'ho sentia su le scene a farse onor;

E d'una serva nobile un modello

Non ho visto del soo più vero e bello.

Che bel confronto (salta suso un altro)

XXXVI.

De do serve s'ha visto in quell'incontro!

Un'altra de carattere più scaltro

Ha bisognesto che ghe dasse scontro;

Ma tutte do con parità, senz'altro,

Le ha avù in teatro el so felice incontro.

Certo, certo, respondo, missier sì:

Quella Comedia là [52] l'ho fatta mi.

XXXVII.

E m'arecordo, che stupir m'ha fato

Della sposa Priuli el bel talento:

Ogni parola, ogni so sesto, ogni ato

Giera, per verità, giera un portento.

Zovenetta gentil che ha cambià stato,

Stada fin l'altro dì chiusa in convento [53],

No se pol far de più: che Coralline!

Che Arzentine, Armelline, o Smeraldine [54]!

XXXVIII.

Lo crederessi? Sì, da servitor,

Che un vecchio è saltà suso in t'un canton,

E l'ha scomenzà a dir: Mo quel Dottor,

Mo, per diana de dia, l'è molto bon.

Le so botte gh'ha fondo [55], e gh'ha saor [56],

Nol va, co se sol dir fora de ton:

Tutti sti altri Dottori i è Dottorini,

A petto [57] a so Zelenza B onfadini.

XXXIX.

Parlo de Sier Zuane, e anca el fradello,

Che sa far da Dottor, co manca el primo,

In sta parte ch'è qua, l'è bon e bello,

Ma col fa da Moroso assae lo stimo.

No averia mai pensà che in quel burchiello

Ghe fusse un zotto, e delle donne, e un grimo [58],

E anca dei altri, che savesse tanto;

Ma Bagnoli è famoso, e el porta el vanto.

XL.

Cossa diseu, seguito a dir, signori,

De qual caro e grazioso Pantalon?

Tolèlo pur in serietà, o in amori,

Tolèlo in  ogni comica occasion,

Colla fia, col rival, coi servitori,

Verità se ghe vede in ogni azion.

I altri, se vole, xe boni e belli,

Ma fa el Priuli arecordar Garelli

XLI.

E Brighella? Sior sì, quello xe un omo;

El ve fa un Servitor grazioso e destro.

Per dir, per botizar, el xe un bel tomo,

Quando in tel recitar ghe chiappa l'estro.

Ghe voggio ben, perché el xe un galantomo;

L'ho cognossù, che andava dal maestro [60];

E co disno [61] dai soi, dai mi paroni,

Lu taggia, lu me dà boni bocconi [62].

XLII.

Recita qualche volta anca Andreetta,

Che ha depento el scenario allegro e bello:

Zovene che de tutto se deletta,

Che gh'ha man, che gh'ha voggia, e gh'ha cervello.

E ve protesto che da lu s'aspetta

Cosse che farà onor al so penello

Sul far de Piero Longhi, e al parer mio

Andreetta Pastò [63] ghe corre drio.

XLIII.

Anca lu el cerca verità e natura,

Le so figure le xe là parlanti;

E co se tratta de caricatura,

I so quadri xe vivi; e somiglianti.

Del disegno se vede la bravura,

Col colorito no se va più avanti,

E più prove ghe xe de quel che digo,

In casa Vidimana e Mocenigo.

XLIV.

Ma adesso che sto nome benedetto

Del Mocenigo m'è vegnù in tel cuor,

So Zelenza Zuane, o sia Zanetto [64],

M'arecordo, s'ha fatto un bell'onor,

Recitando a Bagnoli in t'un soggetto,

Dove mi recitava da Fatter [65].

Lii, che scrivo e compono, me perdeva;

Lu, da bon cortesan [66], se la godeva.

XLV.

Quella è una Compagnia de dilettanti,

Che fa stupir nel lavorar soggeti [67].

So fusse cussi bravi i comedianti,

No ghe saria bisogno de poeti.

Ma no xe da stupir, che tante e tanti

Dame compite e nobili soggeti,

Che sa, che intende, e che ha le grazie in viso,

Sappia ben recitar all'improviso.

XLVI.

Oh se vedessi quanta zente vien

In sta occasion da cento bande e cento!

De foresti el teatro è sempre pien,

E i corre a gara per cazzarse [68] drento.

Le donne e i contadini i fa un velen [69].

Per aver bolletini i xe un tormento.

I ne assedia, i ne affanna, i ne vien drio,

E i li domanda per amor de Dio [70].

XLVIII.

Chi dise: Son vegnù sie mia lontan;

Chi dise: Ho tralassà de laorar.

Andar zo de leva chi ha lassà el pan [71]:

Chi s'ha fatto dal pare bastonar.

Chi dise: El gusto el pairò doman.

Chi per vegnirghe se faria squartar.

Chi quattro zorni avanti se prepara:

Domandeghelo al zotto d'Anguillara.

XLIX.

E no vien solamente i contadini,

Ma dame e cavalieri in quantità,

Miedeghi, religiosi e cittadini,

E zente dotta d'ogni qualità.

Per sentir la Comedia in quei confini

I se parte per fin da le città:

Sterzi, sedie, cavalli, e che la vaga [72]!

A Bagnoli se gode, e no se paga.

L.

El paron generoso accoglie tuti

Con trattamento nobile e cortese.

E ho godesto anca mi de sti bei fruti.

L'anno passà son stà a Bagnoli un mese.

A no lodar bisogneria esser muti

Le gran tole [73], i gran spassi, e le gran spese:

Ma quel che più de tute fa stupor,

Del paron de la casa el gran bon cuor.

LI.

Tutti gode un'intiera libertà.

Dorme chi vol dormir; magna chi ha fame;

Balla chi vol ballar; canta chi sa.

Chi va solo in zardin, chi co le dame.

Chi a sie cavalli strascinar se fa.

Chi visita le razze [74], e chi el bestiame [75].

Chi zopa al tavolin la notte e 'l dì,

Come fevimo spesso el Zacco [76] e mi.

LII.

Per parlar de Bagnoli, da una parte

El novizzo ho lassà, che vôi lodar;

Ma siccome anca lu xe spesso a parte

De quei gusti, che là se sol provar,

Se adesso el fusse qua, fursi con arte

El me provocheria de seguitar.

Del Widiman l'è bon amigo, e un dì

Parlar a tola l'ho sentìo cussì:

LIII.

Me marido, el savè, togo una putta

Che de véder gnancora ho avù el piaser;

Me assicura però che no l'ò brutta

Qualchedun che l'ha vista in monestier.

Ma so che la gh'ha inzegno, e la xe tutta

Spirito, e grazia, e voggia de saver.

Donca, amici, per vostra cortesia,

Che posto ghe daremio in Compagnia?

LIV.

Tutto quel che la vol, la xe patrona:

Dise la Widimana gentilissima.

Ghe cedo el posto mi de prima Dona,

Che la lo accetta pur, son contentissima.

Questo, questo po no, la me perdona,

Ella, siora Quintilia, xe bravissima,

(Responde el Cavalier) e basta ben

Qualche parte de più, se la ghe vien.

LV.

No voggio che a nissun la toga el posto,

Nol permetterò mai: tutte xe brave

Le dame, el so, che a recitar s'ha esposto,

E in confronto la mia se perderave.

Ma per provarla, e principiar, più tosto

Un soggetto [77] trovar se poderave

Con una parte poco interessante,

Per una terza Dona principiante.

LVI.

Eh, la poderà far la parte mia:

Dise la dama, che a servirla aspira...

Mola el cao [78], mola el cao, sento che i cria:

Vardo per un balcon, semo alla Mira [79].

Tutti se leva su, tutti va via,

Finché passa el Burchiello [80], i se ritira.

Tutti me dise: Torneremo presto,

E conterè de sti novizzi el resto.

LVII.

Si ben (rispondo mi), ché ghe xe ancora

Molto da dir, e molto da contar.

Togo spada e baston, e sbalzo fora,

Un certo bisognetto a destrigar.

Me se caluma drio [81] quella signora

Che vesina de mi soleva star.

Ghe dago man, fin che la fa i scalini,

E ghe pago una resta de pappini [82].

LVIII.

Xe restà in barca quelle do sorelle

Co la mare e el moroso in compagnia;

No le vedeva l'ora, frasconzelle [83],

Che tutti dal burchiello andasse via.

La mare, che pareva una de quelle

Che tegnisse le putte in zelusia,

Per quel che i barcarioli m'ha contà,

A dormir in canton [84] la s'ha conzà.

LIX.

Vu me dirè: Cossa t'importa a ti

Della mare che dorme, e de so fie?

Certo che no m'importa, ma... cussì,

Le me fa rabbia ste vecchiazze arpie.

Compatisso le zovene anca mi,

Le gh'ha paura de far le scarpie [85],

Ma ste vecchie no posso sopportar,

E se podesse, le faria frustar.

LX.

Son stà omo de mondo in zoventù,

Ma ho sempre odia ste vecchie malandrine.

Certe botte candiotte [86] ho cognossù,

Mare de cantatrice e ballerine,

Che giera in fatti fiori de vertù

Per arlevar le putte innocentine.

Co vedo de ste cosse, no gh'è caso,

 Se i me cuse la bocca mi no taso.

LXI.

Tanto giusto che digo ste parole,

Passa le porte, e va de là el burchiello.

Saltemo in barca a forza de capriole,

Chi mette zo la spada, e chi el cappello.

Tutti se senta [87], e senza andar per viole [88]

Torno al primo descorso, e digo quello

Che sentirà, se gh'averè pazienza

Che fenissa de dir, de so Zelenza.

LXII.

Del novizzo, signori, ho za parlà;

Adesso de la Casa ho da parlar,

Che per onori, e per antichità,

No ghe xe chi la possa superar.

Za do secoli in ponto, tutti sa,

Che s'ha visto do Dosi a incoronar:

Un Lorenzo Priuli, e drio de quello,

Gerolemo Priuli so fradello

LXIII.

E el terzo Dose, nell'età passada,

Un Antonio xe stà Procurator,

Che giera prima general d'armada,

Che s'ha fatto in Dalmazia tanto onor;

E de veste [89] e de stole [90] in sta Casada [91]

Tante ghe ne xe sta, che saria un tor

I pesci a numerar della laguna,

Volendole contar una per una.

LXIV.

Roma i PRIULI se recorda ancora

Co la porpora sacra in Eminenza,

E la va parecchiando a quel che onora

La sede episcopale de Vicenza:

Dotto e santo Prelato [92], che innamora

Co la soave, amabile presenza,

E coi santi costumi, e el tanto zelo,

Caro alla Patria, al Vaticano e al Cielo.

LXV.

Ghe giera un Visentin [93] in t'un canton,

Che 'l papolava [94] formagiella [95] e pan.

Sento che 'l dise: Disì ben, patron [96],

El Vescovo el Signor ne tegna san.

Nol sa cossa che sipia [97] l'ambizion.

El so cuore xe giusto un marzapan.

Vicenza mezza santa a l'è vegnua;

Mo sì, a vel zuro per la santa Rua [98].

LXVI.

Co l'ha tasesto, ho principià a parlar:

Gh'è so Zelenza Antonio Marin Primo,

Che sier Zuane se sol nominar

Gran cavalier che venero e che stimo.

El so cuor, la so mente, el so pensar

Lodar da tutti, e benedir sentimo;

Lu dirige la casa, e lu conseggia,

Qual dolcissimo padre de fameggia.

LXVII.

E cedendo al fradello el primo logo

L'ha procura sto illustre matrimonio;

Che per la Casa l'anderia in tel Togo,

E se ne ha visto più d'un testimonio;

L'abbandona i teatri, i spassi, el zogo,

Per acudir al ricco patrimonio,

Essendo el so diletto, el so piaser,

A pagar prontamente chi ha da aver.

LXVIII.

Quanto pochi ghe n'è de sti cuorazzi [99],

Che se impegna cussì per i fradelli!

I primi per lo più tra sti siorazzi [100]

So che i vorave aver tutto per elli;

E i segondi fradelli, poverazzi [101],

Sotto ghe tocca star, co è tanti agnelli [102],

E se de maridarse ghe vien voggia,

Sior no, i ha da morir co la so zoggia [103].

LXIX.

Ma che zoggia credeu che ghe convegna?

No so, alla fé. Basta, tiremo avanti,

Perché in ste cosse la prudenza insegna:

Tresca coi fanti, e lassa star i Santi [104].

Posso ben dir, che d'ogni lode è degna

Sta fameggia Priuli, e tutti quanti

Son seguro che a quel che digo mi,

Col cuor in man responderà: Sior sì.

LXX.

E adesso che a sto sangue benedetto

Quello unito sarà de Ca Manin,

Figureve che frutti da quel letto

A Venezia promette el so destin!

Véder, se Dio me darà vita, aspetto,

Prima che passa l'anno, un fantolin [105],

E po tanti, che basta a dar bel bello

In ogni gerarchia qualche modello.

LXXI.

Via, sposa, compatì l'augurio ardito:

So anca mi che el far fioi [106] xe cossa incomoda,

Ma a le donne sto peso ha el Ciel prescrito:

Chi è savia, come vu, soffre e s'accomoda.

Quel portar nove mesi el ventre afflito

Certo el xe un peso che un pochetto incomoda;

Ma finalmente l'è un piaser giocondo

Dar dei eroi, dar dei sovrani al mondo.

LXXII.

Ché sovrani xe tutti quei che nasse

Dalle patrizie Dame Veneziane.

Digo, co vedo un zentilomo in fasse :

Questo avrà un zorno cariche sovrane,

O in quel posto, o in quel grado, o in quella classe,

A norma delle leggi veterane,

Chi Savio Grando [107], chi Procurator [108],

Chi del manto e del corno [109] avrà l'onor.

LXXIII.

E ai fioi che nasserà dal vostro sen,

Zentildonna gentil, de gloria degna,

Per sangue e per retaggio se convien

I primi onori, e la primaria insegna.

El vostro illustre parentà xe pien

Del primo sangue che su l'Adria regna:

E ben s'unisce a quella d'un Priuli

L'antiga vostra nobiltà in Friuli [110].

LXXIV.

Della Casa Manin parla le istorie,

Noto xe el so splendor, la so grandezza;

E accresce el prezzo delle antiche glorie

La rara al mondo splendida ricchezza;

E le recenti venete memorie

Dei governi che retti ha con saviezza

El degnissimo vostro genitor,

El conte Lodovico Senator.

LXXV.

I me vedeva un pochettin scaldà,

Nissun ardiva gnanca de fiatar [111]:

Quando vedo saltar de qua e de là

Vetturini e facchini a strepitar,

E camerieri a dir con civiltà:

Chi vien a l'osteria, chi vol disnar?

Chi vol per Padoa un carozzin da nolo?

E mi digo: A la fé, che semo al Dolo [112].

LXXVI.

Me despiase lassar sta compagnia,

Che mostrava per mi tanta bontà;

Bisogna, in verità, che vaga via,

I me aspetta a disnar de là da Stra [113],

Dove che tante volte in vita mia,

Segondo usanza, sarò stà mandà [114]!

E mi fasso l'istesso de bon cuor

Con tutti quelli che me fa sto onor.

LXXVII.

Vago un pochetto in Lombardia a viazar,

Prima a Mantoa, e po a Parma, e po a Milan.

Ma spero, se Dio vol, de retornar,

Co [115] sti novizzi se darà la man:

E poderme con lori consolar

Col cuor sincero, da bon venezian [116];

E i me vol tanto ben, siei benedetti,

Che puoi esser che magna dei confetti [117].

LXXVIII.

Qua per fenir l'istoria doveria

Parlar de quella che me giera arente,

Che non se sa gnancora chi la sia;

Ma credo che nissun saverà gnente.

Ho tolto el mio baul, son andà via,

E l'ho lassada con quell'altra zente;

Perché mi son cussì: presto me tacco,

E presto facilmente me destacco.

LXXIX.

Tutti m'ha saludà, tutti m'ha dito:

Ve ringraziamo, che n'avè contàa

Tutto quanto drio man [118], cussì pulito,

Che n'avè propriamente consolà.

Gnanca dasseno se l'avessi scrito,

Non averessi cussì ben parlà.

E i dise ben, che co ghe penso su,

Dei spropositi fazzo assae de più.

LXXX.

Son andà in terra [119], ho nolizà [120] un calesse

A bon marcà, perché ghe n'ho pocheti [121],

Che i bezzi no ne sbusa le braghesse [122]

A nualtri pastori, o sia poeti.

Son montà suso [123], e colle piante istesse

Sfogando andava i riverenti affeti

Verso quei Sposi che ho loda de cuor,

Dei quai son e sarò bon servitor.

Note

_____________________________

[1] Il primo luogo che si trova in terra ferma, dove vi è la Posta.

[2] Una donna presso l'autore nel Burchiello.

[3] Una delle belle situazioni sulla Brenta.

[4] Sboccata.

[5] Detto ingiurioso: figlio di ecc.

[6] Un battello di vari remiganti, che tirano il burchiello per la Laguna, attaccato alla prora.

[7] Chi si sfiata.

[8] Madre. 

[9] Due fanciulle.

[10] Si erano messe nel camerino, che è una parte più ritirata del burchiello.

[11] Bella disinvoltura, buona grazia.

[12] Faceva il gio, colino co' piedi.

[13] Col capo chino.

[14] Caìe, vuol dire mala gente.

[15] Risvegliare.

[16] Le figlie. (d) (e) (f (g) di) (i)

[17] La donna presso dell'Autore lo secondava.

[18] Magagne.

[19] Faccia da due faccie.

[20] Indegna.

[21] Fuori di carreggiata.

[22] La Vita di Cicerone del Passeroni.

[23] Rane si chiamano quelle degl'ipocondriaci immaginari.

[24] prima o poi crollerà Port Mahon (prima o poi il vento cambia) ndr.

[25] Dal lato della puppa del burchiello.

[26] Ritiriamo, tronchiamo questo discorso: preso dal siar della gondila.

[27] Figlio di una lupa, barzelletta.

[28] Da puppa a prora.

[29] Parla sempre della sua vicina.

[30] Gli amanti.

[31] Le porte del Moranzano sono le prime che si trovano. Quelle porte sono sostegni d'acqua.

[32] Accende.

[33] Ci affatica.

[34] La fanciulla.

[35] In pensione.

[36] Lo sposo.

[37] In  capo di tavola.

[38] Le mie raise è termine d'amicizia, come se dicesse: caro amico ecc.

[39] Villaggio sulla Brenta.

[40] No per mia fe'.

[41] Marito.

[42] Famoso comico.

[43] Sontuosa villeggiatura di Sua Eccellenza il Signor Conte Lodovico Widiman.

[44] I due più famosi Arlicchini d'Italia.

[45] Maniera bassa, derivata da Monsignore.

[46] Della sua dama consorte.

[47] All'improvviso.

[48] Tiemo è la parte scoperta al disopra del coperto del burchiello.

[49] Un zoppo del paese d'Anguillara, non lontano da Bagnoli, so: lito ad intervenire colà a tutte le recite.

[50] Che ella sia: maniera di dire del contado.

[51] I viglietti che si regalano.

[52] L'Autore ha avuto l'onor di scrivere varie commedie per questa nobile compagnia.

[53] S'intende, uscita non ha molto di monistero.

[54] Nomi di varie attrici che hanno fatto il carattere di servetta sui teatri di Venezia.

[55] arguzia.

[56] Sapore.

[57] A fronte.

[58] Un vecchio.

[59] Antico Pantalone, di cui vive ancora la memoria in Venezia.

[60] Quando io andava alla scuola, quand'io era giovanetto.

[61] Quan' do io desino.

[62] Il sig. Pietro Gentili, che abita in Casa Widiman continuamente.

[63] Il sig. Andrea Pastò, buon pittore, specialmente in picciole figure alla maniera del celebre Pietro Longhi.

[64] Dirai, nutivo di Giovanni.

[65] L'Autore ha recitato anche egli, e per verità assai male.

[66] Da uomo franco.

[67] Commedie all'improviso.

[68] Per cacciarsi, per trovar luogo.

[69] Fanno rabbia.

[70] I viglietti, come ognuno si può immaginare, si donano. Il padrone di casa ne distribuisce a tutti i recitanti, ed essi li danno a piacer loro. Io ho sentito più volte de' contadini a domandarli per l'amor di Dio.

[71] Lasciano andar a male il pane.

[72] Allegramente! baldoria!

[73] Tavole, trattamenti.

[74] S. E. mai, diman ha bellissime razze di cavalli da carrozza.

[75] Animali bovini.

[76] Il sig. Antonio Zacco, degnissimo Padovano.

[77] Una commedia da recitare all'improvviso.

[78] Molar el cao. Frase marinareccia veneziana, con cui si ordina a chi regge la corda, di rallentarla, acciò più non tiri il cavallo, ed il burchiello possa acostarsi a terra, o passare i sostegni.

[79] Villaggio delizioso sulla Brenta.

[80] Finché il burchiello passa il sostegno.

[81] Mi vien dietro, detto facetamente.

[82] Ciambelle.

[83] Scioccarelle.

[84] Si è messa a dormire in un canto.

[85] Le ragnatele.

[86] Botte candiotte si dice a certe persone picciole e grosse, come d'ordinario si vedono certe madri di Virtuose.

[87] Tutti si mettono a sedere.

[88] Andar per viole è una frase burlesca  che significa: senza andar per le lunghe.

[89] S'intende delle toghe che chiamansi Vesti segnate, che distinguono le dignità.

[90] La stola d'oro è il segno che distingue l'ordine primario de' Cavalieri della Serenissima Repubblica.

[91] Casato.

[92] L'Eminentissimo cardinale Friuli, vescovo di Vicenza, a cui fu conferita la porpora dal Regnante Pontefice Clemente XIII qualche anno dopo.

[93] Vicentino.

[94] Mangiava, burlescamente.

[95] Cascio vicentino.

[96] La maniera di parlare de' Vicentini è un poco più caricata della comune de' Veneizani.

[97] Che sia.

[98] Qui vi è un poco di comica caricatura. Nel giorno del Corpus Domini si fa a Vicenza una gran festa. Portano in processione una macchina chiamata la Rua, e scherzando si dice: La Santa Rua.

[99] Cuori grandi, magnanimi.

[100] Gran signori.

[101] Meschini.

[102] Come agnelli

[103] Evvi il costume di mettere in capo una corona di fiori a quelli che si suppongono morire colla loro verginità.

[104] Proverbio.

[105] Un bambino.

[106] Far figliuoli.

[107] Una delle primarie dignità della Repubblica.

[108] Procurator di San Marco, altra dignità che si conferisce per merito di servigi prestati.

[109] Corona ducale.

[110] La nobilissima Casa Manin, antichissima nella vasta provincia del Friuli.

[111] Rifiatare.

[112] Grosso e delizioso villaggio, situato di qua e di là della Brenta, a mezzo viaggio da Venezia a Padova.

[113] Un altro villaggio ricco e dilettevole sulla Brenta, poco distante. Mandar uno di là da Stra è un'ingiuria che non merita di essere spiegata.

[114] L'Autore crede di essere stato mandato, e di aver rimandato.

[115] Quando.

[116] I Veneziani in generale sono sinceri.

[117] Dei dolci che si accostumano nelle nozze.

[118] Per ordine, con metodo.

[119] Disceso dal burchiello.

[120] Noleg giato.

[121] L'Autore ha pochi danari.

[122] I danari col loro peso non fan no rompere i calzoni ai poeti. L'Autore sa quel che dice.

[123] Sono salito in calesse.

Indice Biblioteca

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 08 luglio 2008