Carlo Goldoni

 

IL GONDOLIERE VENEZIANO

OSSIA

GLI SDEGNI AMOROSI

 

Intermezzo di due parti per musica.

 

  

 

Edizione di riferimento

Tutte le Opere di Carlo Goldoni, a cura di Giuseppe Ortolani, Mondadori, Milano 1951

 

 

Personaggi

 

BETTINA putta de campiello.

BULEGHIN barcariol de  Venezia.

 

La scena è in Venezia.

 

 

PARTE PRIMA

 

 

SCENA PRIMA

 

Buleghin solo.

 

Buleghin:                        Cosa dirastu mai, Bettina cara,

Che tardi son vegnuo a retrovarte?

Za me feguro

De véderla instizzada,

Rabbiosa co è una chizza,

Buttar le bave come fa un serpente,

E dir che ella de mi no pensa gnente.

Ah ziogo maledetto!

Ti xe la mia rovina, te cognosso,

No posso star senza le carte adosso.

Per esser sta fin desso

Al ziogo de bassetta, ho perso i bezzi,

E desgustà Bettina, poveretta!

 

Sento el ziogo che me chiama,

E Bettina che me brama;

Né so a chi abbia da badar.

Per un sento - gran tormento,

E per l'altra gh'ò contento:

Gramo mi, cossa oi da far?

 

Ma pur bisogna

Sforzarse, e far coraggio;

Soffrir con bona pase i so schiamazzi,

E lassarla criar quanto ghe piase,

Che al fin, dopo el crior, se fa la pase.

 

 

SCENA SECONDA

 

Bettinae detto.

 

Bettina:                           Certo che a una bell'ora

A véderme vegnì, sier mandolato;

Credea che in tel caligo

Ve fussi perso, o descolà in tel giazzo.

Al certo gran faccende,

Gran ziri e gran negozi

Bisogna che gh'abbiè in sta cittae.

De mi non ve curè, za me ne accorzo;

Vu gh'avè troppi impegni...

Per no dir troppo, taso,

Ma credi, Buleghin, che la gh'ò al naso.

Buleghin:                        Me stupiva dasseno, in veritae,

Che gh'avesse una volta el gran contento

De trovarte in bonazza;

Ma d'ognora ti xe co fa una bissa,

E ti butti le bave co è una chissa.

Bettina:                            Sier  frascon, senz'inzegno,

Za che volè che diga,

No gh'oi forsi rason de lamentarme?

O pensè che no sappia

La vita che tegnì, e zorno e notte?

So che in tutti i cantoni

Volè far da galante

Con qualche paronzina;

L'altro dì mi ho savesto

Che fevi el cicisbeo

A Checca, fia de Catte lavandera;

L'avè menada ai freschi in verso sera,

Che ghe facevi drio el cascamorto,

E po avè marendà con ella in orto.

Buleghin:                         Chi t'ha ditto ste ciarle, cara matta?

Me maraveggio ben che ti ghe badi.

Ma se posso saver chi xe ste lengue

Che de panchiane te vien a stornir,

Co un pistolese mi lo vôi sbasir.

Bettina:

Che caro sier gradasso inanemao,

Che tutti vuol mazzar, quando che i dise

La veritae che xe schietta e real,

Ma alla fin po restè co fa un cocal.

 

Vardè là che bambozzetto,

Scartozzetto,

Che vuol tutti spaventar!

Ma col sente un po de zente,

El xe el primo a tacchizzar.

 

Buleghin:                         No se femo nasar, Bettina cara,

No me far la zelosa, se sta volta

Son vegnù troppo tardi a visitarte.

Ti sa, vissere care,

Quanto che t'amo; né altra donna mai

Mi gh'averò in tel cuor

Che ti, anema mia, raise care;

Donca no me far più la sdegnosetta.

Varda el to Buleghin; batti la lana,

O che me mazzo, al sanguenin de diana.

Bettina:                           Donca, se no te vardo, ti è ressolto

De volerte mazzar in mia presenza?

Frascon, mi no te credo in mia coscienza. (finge partire)

Buleghin:                        Ferma, Bettina cara, no andar via,

O del mio cuor fazzo una beccaria. (vuol ferirsi

Bettina:                            Distu dasseno, o fastu una mattada,

O qua me vusto far una frittada?

Buleghin:                        No fazzo né frittada, né sguazzetto,

Ma vôi cavarme el cuor che gh'ò in tel petto. (vuol ferirsi

Bettina:                            Eh sta savio, buffon. Vivi anca un poco,

Né volerme lassar, pezzo d'aloco.

Buleghin:                        Vivrò, za che til vuol, cara Bettina,

Vivrò come te piase,

Ma con patto, mio cuor, che femo pase.

Bettina:                           Femo pase, sì, sì. Mi te l'accordo,

Ma con questo però che da qua avanti

Ti lassi andar i vizi.

All'ostaria no vôi che ti ghe vaghi,

Che no ti vardi più nissuna donna.

Vôi che ti lassi el ziogo de bassetta,

Che un zorno me farave poveretta.

Buleghin:                        Ogni trista memoria ormai se tasa,

E se ponga in obrio le andate cose:

M'insegna a dir cussì Torquato Tasso.

T'obbedirò, Bettina, a cao basso.

 

Bettina:                                    Ti ha inteso el mio patto:

        Sta fermo, sta saldo.

Buleghin:                                Con tutto sto caldo

        Te vôi soddisfar.

Bettina:                                    Sta forte in cervello.

Buleghin:                                Te zuro costanza.

Bettina:                                    Se un zorno in sostanza...

Buleghin:                                Vorrem solazzar.

        a due                                  Vorrem solazzar.

 

 

 

PARTE SECONDA

 

SCENA PRIMA

 

Bettina vestita da barcariol.

 

Bettina:                            Cossa mai fastu far, Cupido infame?

Quante invenzion e quante furbarie

No vastu suggerindo ai to seguazi?

Quante istorie gh'è mai? Ti xe per tutto,

Per tutto se menzona el to gran nome,

In somma ti fa far a tutto el mondo

Spropositi bestiai senza retegno.

Son costretta anca mi far co fa i altri,

Sol per ti, Buleghin, che t'amo tanto.

Ti m'ha promesso, è vero, de obbedirme,

Ma troppo no me fido

Dei zuramenti e delle to promesse;

Me son giusto per questo

Da barcariol vestia

Per volerme chiarir con la presenza,

E veder se ti xe fermo e costante,

Se da ponente ti è, o da levante.

 

La zelosa sempre cerca

De trovar in qualche intrigo

Quel so caro, quel so amigo,

Per poderlo maltrattar.

Ma ben spesso la se falla,

Ché la balla

Senza mai trovar intoppo

Torna indrio de galoppo

E fa el muro rebombar.

 

Pur troppo se pol dar che me succeda

De trovar quel che cerco,

E che trovà che l'abbia,

Me penta po d'aver recercà tanto.

Mi cerco Buleghin fido e costante,

Mi el cerco senza vizi e pien d'inzegno,

Ma tal mai no lo trovo,

Se nol fo far de legno. (parte

 

 

SCENA SECONDA

 

Buleghin , poi Bettina .

 

Buleghin:                          Cossa ghe possio far? Anca sta volta

Ghe son cascà, senza che me ne accorza.

Ma se l'ultimo taggio

Me andava ben, mi me reffava certo.

In fin tutto xe andà: son in malora,

Ho perso i bezzi, el bollo, e l'arecordo.

Tutto ho ziogà: fin el feral de barca;

Che se 'l paron lo sa, el me manda via.

Ma se avessi badà alle parole

Della mia cara Betta, no sarave

In stato come son de desperarme.

Mi no gh'ò muso

Né so come mai far, andarghe inanzi;

Perché s'ella me vede

Senza i anei in deo, la se ne accorze.

Allora sì che in bocca al gatto è 'l sorze.

Bettina:                            Compare, cossa xe? Se mi no fallo, (avanzandosi

Me par véderve in oca; e zurerave

Che pensè alla regata

Che presto se ha da far in Canalazzo.

Vu certo ve sè messo, e sè pentio

Perché forsi ve manca un bon compagno.

Se questo xe, fradel, feve coraggio

Che son qua mi per farve aver el primo;

E se tegnirme drio vu ve impegnè,

El porchetto sarà de chi lo vuol,

El bon premio avrè vu, mi ve lo zuro,

Che in gondola a do remi, ho una vogada

Sì avalìa e destesa,

Che el mio provier no fa gnente fadiga:

E po quando so in poppe,

E che gh'ò el remo in man, sto forte e saldo;

E senza mai staccarme vago via

Infin che nu zonzemo alla stalia.

Buleghin:                          Compare, a quel che sento, vu sè franco

E de barca a menar vu gh'avè el primo;

Ma 'l pensier de regata no me afflize

Né l'arte del vuogar me dà tormento.

Una mazor passion mi gh'ò qua drento.

Bettina:                             Cossa gh'aveu mai,

Se dir se puol a un vostro zenso,

Che mi tal me ne vanto;

E se posso giovarve in qualche conto,

Disème, comandè, che sarò pronto.

Buleghin:                          Vu gavè un cuor, fradel, troppo amoroso

E obrigarme cerchè, co dise quello

Al grand'Argante, quando per Olindo

El manda a desfidar el bon Tancredi;

E sì ben che el mio mal no gh'à remedio,

Ve vogio dir almanco la so causa.

Gh'ò do tormenti al cuor che lo trafize,

Gh'ò 'l ziogo e gh'ò l'amor che me dà impazzo.

Bettina:                            (Che gran furbazzo!)

Buleghin:                         Ma quel che pezo xe, l'è che a Bettina,

Al mio cuor, gh'ò promesso

De no ziogar mai più; anzi ò zurao.

E po 'l diavol infame per gabarme

Al ziogo el m'à portà a no voggiando:

Gh'ò lassa i bezzi, i anei, anca el feral;

E se Betta lo sa, l'avrà rason

De dirme disgrazià, furbo, baron.

Bettina:                             (El gramo xe vegnuo zo col brenton;

Ma una prova vôi far, se la me riesse).

Fe una cossa, fradel, lassè Bettina

E tendè al ziogo, che una volta o l'altra

Fortuna vegnirà colla segonda,

Che se la ve se mostra un dì pietosa,

Meggio de Betta troverè morosa.

Buleghin:                          Sangue de diana!

Me  l'avè  fatta  dir, caro  compare!

Che mi lassa Bettina?

Che mi lassa el mio cuor? Nol sarà mai:

Piuttosto vôi lassar de star al mondo;

Mi lasserò el paron, lasserò i vizi,

Sì, lasserò le man, la testa, el naso,

Ma che lassa Bettina no gh'è caso.

 

Bettina, lassarte,

Né mai sbandonarte?

Più tosto me voggio

Strazzar sto mio cuor;

Gh'ò in odio la vita,

Za sento la fita,

La piaga crudele

Che m'à fatto amor.

 

Bettina:                            (Gramo, el me fa peccà). In veritae

Tanto ben ghe volè a sta Bettina,

E po la desgustè cussì per puoco?

Scuseme, zenso car, vu sè un aloco.

Buleghin:                          Ah? che pur troppo el so per mia desgrazia.

Ma ve zuro, fradel, se mai più ziogo,

Che me possa brusar drento del fuogo;

E se mai più desgusto la mia Nina,

Me frusta el bogia, e po vaga in berlina.

Bettina:                             Ah Buleghin baron! perché mai vustu

Chiamarte tanto mal, se za Bettina

Te perdona el to fallo anca sta volta?

Vàrdeme, Buleghin; no ti cognossi

La to Betta vestia da barcariol?

Sì, sì, son quella

Che ho scoverto bel bel la baronada;

Giudizio in avegnir... L'ho perdonada.

Buleghin:                         Che stravaganza è questa? E dove songio?

Se dorma mi non so, o pur se veggia!

Che caso, che stupor, che maraveggia!

Ah sì che ti xe Betta, te cognosso.

Perdóneme, mio cuor, anche sta volta,

E se de castigarme ti ha piaser,

Per castigo deventa mia muggier.

Bettina:                            Sì sì, in fede la man te do, cuor mio:

To muggier mi sarò, ti mio mario.

 

Caro ti, no ziogar tanto,

 Mi te prego, el mio tesor.

Buleghin:                                         El mio ziogo sarà quanto

                        De Bettina xe l'amor.

Bettina:                                           No me dar più sto tormento.

Buleghin:                                        Te darò, mio ben, contento.

Bettina:                                           Te prometto in recompensa...

Buleghin:                                        Mi te zuro in mia conscienza...

Bettina:

Buleghin:

}

a due

  Tutto too sarà 'l mio cuor.

 

Fine dell'Intermezzo

 

 

 

Indice Biblioteca Indice degli Intermezzi

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 18 dicembre 2004