Carlo Goldoni

Sior Todero Brontolon

Commedia veneziana di tre atti in prosa rappresentata

per la prima volta in Veneziail Carnovale dell'Anno 1762.

Edizione di riferimento:

Tutte le opere di Carlo Goldoni, a cura di Giuseppe Ortolani, Arnoldo Mondadori editore, Milano maggio 1948

L'AUTORE A CHI LEGGE

Todero è il nome proprio della persona, e vuol dir Teodoro; Brontolon non è il nome di famiglia di Todero, ma un adiettivo che deriva da brontolare, soprannome datogli dalle persone che lo conoscono a fondo, e che spiega e mette in ridicolo il di lui carattere inquieto fastidioso, indiscreto. Usavasi un tempo dare ai personaggi delle Commedie de' nomi e de' cognomi tratti dal loro carattere, o dai loro difetti. Per esempio Coviello, Spaccamonti, Asdrubale, Tagliaferro, Gelsomino degli Affettati, e simili; e i personaggi medesimi si chiamavano eglino stessi con questi nomi e con questi cognomi, come se si vantassero delle loro caricature: anche a' giorni nostri vi sono de' Comici che cadono in questo errore. Il bravo, eccellente Tartaglia, che dopo aver fatto per tanti anni il piacere di Roma, è passato a far quello di Venezia, quando parla di se medesimo sulla scena, si chiama il signor Tartaglia: domandate il signor Tartaglia: avete a far con Tartaglia: lasciate fare a Tartaglia ecc. Come mai un uomo può denominarsi egli stesso dal proprio difetto? O come può darsi ad intendere che l'accidente abbia dato ad un uomo un nome o un cognome che combini col suo difetto? In tal caso, credo che un tale cambierebbe il nome, e sfuggirebbe di mettersi da se stesso in ridicolo.

Todero, se fosse anche della famiglia Brontoloni, per poco che conoscesse il proprio carattere non soffrirebbe esser così chiamato, e cambierebbe di nome. Non vi è niente di più fastidioso, di più molesto alla Società, di un uomo che brontola sempre; cioè che trova a dire su tutto, che non è mai contento di niente, che tratta con asprezza, che parla con arroganza e si fa odiare da tutti. Todero in questa commedia non è brontolon solamente, ma avaro e superbo. L'avrei potuto intitolare o il Superbo o l'Avaro; ma come la sua superbia consiste solamente nel comandar con durezza a' suoi dipendenti, e la sua avarizia è accompagnata da un taroccare fastidioso, insolente, ho creduto bene d'intitolarlo dal difetto suo più molesto ch'è il Brontolone, o sia il Vecchio fastidioso. Tutta la morale di questa Commedia consiste nell'esposizione di un carattere odioso, affinché se ne correggano quelli che si trovano, per loro disgrazia, da questa malattia attaccati. E in fatti qual maggiore disgrazia per un uomo, che rendersi l'odio del pubblico, il flagello della famiglia, il ridicolo della servitù? Eppure non è il mio Todero un carattere immaginario. Pur troppo vi sono al mondo di quelli che lo somigliano; e in tempo che rappresentavasi questa Commedia, intesi nominare più e più originali, dai quali credevano ch'io lo avessi copiato. Dio mi guardi da esporre in pubblico il difetto di chi che sia in particolare; ma in verità, quando scorgo tai caratteri odiosi, faccio forza a me stesso, e vi vuole tutto quel principio di onestà che mi sono prefisso, per risparmiar loro quel ridicolo che si danno da se medesimi. Senza aver in vista persona alcuna, ho colto bene nel segno, e la Commedia, non ostante l'odiosità del Protagonista, ha incontrato moltissimo, ed è stata con fortuna più volte rappresentata.

PERSONAGGI

Todero mercante vecchio

Pellegrin figliuolo di Todero

Marcolina moglie di Pellegrin

Zanetta figlia di Pellegrin e di Marcolina

Desiderio agente di Todero

Nicoletto figliuolo di Desiderio

Cecilia cameriera di Marcolina

ortunata vedova

Meneghetto cugino di Fortunata

Gregorio servitore

Pasqual facchino (questo personaggio non compare negli elenchi di tutte le edizioni originali, ndr)

La scena si rappresenta in Venezia, in casa di Todero

ATTO PRIMO

Scena prima

Camera di Marcolina.

Marcolina e Cecilia

Marcolina: E cussì? Ghe xe caso che possa bever el caffè sta mattina?

Cecilia: Co no la manda a tórselo alla bottega, ho paura che no la lo beva.

Marcolina: Per cossa? No ghe n'è del caffè in casa?

Cecilia: Siora sì, ghe ne xe, ma el paron vecchio l'ha serrà el caffè e l'ha serrà el zucchero sotto chiave.

Marcolina: Anca questa ghe xe da novo? Fra le altre insolenze che ho sofferto da mio missier [1], ho anca da tollerar che el me serra el zucchero, che el me serra el caffè?

Cecilia: Cossa dìsela? Più vecchio che el vien, el vien pezo che mai.

Marcolina: Com'ela stada? Che grillo ghe xe saltà in testa? Che vovada [2] xe stada questa?

Cecilia: La sa che el xe un omo che bìsega per tutto [3], che brontola de tutto. L'è andà in tinello [4], l'ha dà un'occhiada al zucchero, l'ha dà un'occhiada al caffè; l'ha scomenzà a dir: Vardè; un pan de zucchero in otto zorni el xe debotto finio; de una lira de caffè debotto ne ghe ne xe più. No gh'è regola; no gh'è discrezion. L'ha tolto suso la roba; el se l'ha portada in camera, e el se l'ha serrada in armer.

Marcolina: Son tanto stufa de sti stomeghezzi [5], che debotto no posso più. Che diavolo de vergogna! Xe tanti anni che son in sta casa, e gnancora no son parona de gnente? E quel sempio [6] de mio mario, grando e grosso, con una putta da maridar, el gh'ha paura a parlar? Nol xe gnanca bon de mantegnir de caffè so muggier? Eh! per diana de dia, i gh'ha rason che gh'ho sta fia da logar [7]; da resto, grazie al cielo, gh'ho casa mia, e ghe vorave far véder che no gh'ho bisogno de lori.

Cecilia: Per dir la verità, la xe squasi una cossa da no creder, che un omo de trentacinque o trentasìe anni, maridà, pare de fioi, con tanta intrada [8], con un negozio in casa che butta ben [9], no sia paron de spender un ducato a so modo, e abbia da star soggetto al pare co fa [10] un putello.

Marcolina: Siora sì, e s'ha da véder sta mostruosità, che un capo de casa fazza sgangolir [11] el fio, la niora, la nezza, e po se lassa menar per el naso da un tangaro [12], de un fattor, che se fa la ponga [13] per elo, e lo conseggia a esser un can col so sangue.

Cecilia: Certo: el paron gh'ha chiappà benvoler a lu e a so fio, e fursi al fio più che al pare.

Marcolina: Ma se pol dare un sempio, un alocco, una malagrazia compagna?

Cecilia: Dìsela de sior Nicoletto?

Marcolina: Sì, de quella cara zoggia de sior Nicoletto, della degnissima prole de sior Desiderio, agente amorosissimo de quel orbo de mio missier.

Cecilia: Eh! se s'ha po da dir la verità, sior Nicoletto nol xe po tanto una malagrazia.

Marcolina: Oh che cara Cecilia! ve piàselo quel pampalughetto? [14]

Cecilia: Cossa vorla che el me piasa? A mi se sa che nol m'ha da piàser... Da resto, in verità dasseno [15] ...

Marcolina: Orsù a monte [16], che no vôi sentir a parlar de colori. Mio missier li ha volesti tor in casa per farme despetto; e se mio mario no ghe remedierà, ghe remedierò mi. Che destrighemo [17] sta putta, che se marida mia fia, e po troverò mi la maniera de remediarghe.

Cecilia: Cara siora parona, no vorave che la credesse...

Marcolina: I batte; andè a véder chi è.

Cecilia: Credo che la me cognossa..

Marcolina: Andè a véder chi è, ve digo.

Cecilia: Vago, vago. Siora sì, vago. (No ghe starave depenta in sta casa. Se no fusse per quel putto, no ghe starave gnanca se i me indorasse) (parte)

SCENA SECONDA

Marcolina, e poi Cecilia

Marcolina: A una donna della mia sorte? Serrarghe tutto? No esser patrona de gnente? Mai un spasso? Mai un devertimento? Brontolarme fina el magnar? M'hai trovà in t'un gàttolo? M'hai tolto senza camisa? Gh'ho dà sie mile ducati e son civil più de lori: che i so vecchi xè vegnui co le sgalmare [18], e casa mia xè più de cent'anni che la gh'ha negozio impiantà [19].

Cecilia: Xè una signora che la domanda. (Con sdegno)

Marcolina: Chi xèla?

Cecilia: Mi no so; credo che la sia siora Fortunata. (Come sopra)

Marcolina: Coss'è, siora? Cossa xè sti musoni [20]?

Cecilia: Sia malignazo [21] sta vita, e chi la ghe piase.

Marcolina: Coss'è stà, con chi la gh'aveu?

Cecilia: Son andada a véder chi è. I m'ha dito: tirè; ho tirà; xè vegnù el paron vecchio, e el m'ha dito un mondo de roba [22].

Marcolina: Oh! la finiremo sta musica. Sì, da quela che son, che la finiremo. Andè, andè, disèghe a quella signora, che la resta servida.

Cecilia: (Se el missier xè impastà de tossego, gnanca la niora no xè impastada de zucchero). (Parte)

SCENA TERZA

Marcolina, poi Fortunata

Marcolina: Sior sì [23], nol vorave mai che da mi vegnisse nissun. El me voi tettar de mazo [24] anca in questo.

Fortunata: Patrona, siora Marcolina.

Marcolina: Patrona, siora Fortunata.

Fortunata: Cossa fala? Stàla ben?

Marcolina: Servirla; e ela?

Fortunata: Cussì e cussì

Marcolina: La se comoda. Vorla cavarse el zendà [25]? (Siedono)

Fortunata: Eh! n'importa; da sta stagion [26] no l'incomoda.

Marcolina: Vorla un poco de fogo?

Fortunata: No, no, dasseno; ho caminà, no gh'ho fredo.

Marcolina: Gnanca mi, la veda; no tengo squasi mai fogo sotto.

Fortunata: Tutto xè un usarse. Co se xè usae, no se poi far de manco. Co no se se usa, no se ghe pensa.

Marcolina: Siora sì, siora sì, son stada usada cusì da puttela, e voggio che se usa cusì anca mia fia.

Fortunata: Cossa fála siora Zanetta?

Marcolina: Ben, ben poverazza. Dopo che l'ha avù quella malatia, in bon'ora lo possa dir [27], la xè vegnua tanto fatta [28].

Fortunata: La diga, siora Marcolina, la vorla maridar la so putta?

Marcolina: Magari [29] che ghe capitasse una bona occasion.

Fortunata: Per dirghe la verità, son vegnua a trovarla giusto per questo.

Marcolina: Dasseno?

Fortunata: Gh'ho un partio per le man, che se el ghe tocca, dasse no vòi che la me benedissa.

Marcolina: Oh care le mie vissere [30]! chi xèlo?

Fortunata: Mo a pian: avanti che ghe diga chi el xè, la me diga se la xè in stato de maridarla.

Marcolina: No gh'òggio ditto de sì?

Fortunata: Disponela ela de la so putta?

Marcolina: Ghe dirò: doverave disponer so pare, ma so pare no farà né più, né manco, de quello che dirò mi.

Fortunata: E sior Todero?

Marcolina: La sarave bela, che quando xè contento el pare e la mare el nono non s'avesse da contentar.

Fortunata: Mo no sàla che sti vecchi i voi esser patroni de tutto?

Marcolina: Siora sì, fin a un certo segno. Ma col partio xè bon, co l'occasion xè a proposito, per cossa vorla che el diga de no voler?

Fortunata: La dota chi ghe l'ha da dar?

Marcolina: Ghe l'ha da dar mio missier; ma gnanca per questo nol pol miga dir de no ghe la voler dar; perché po, alla fin dei fini, mio mario xè bonazzo [31], el sta a tutto, el lassa che so pare fazza tutto quelo che el vol; ma co bisognasse, me basterave l'anemo de farlo parlar. De la roba in casa ghe n'è, el gh'ha la dota de so mare, ghe xè la mia, gh'ho ose in capitolo [32] anca mi. La putta s'ha da maridar, e ca de diana [33], se mio missier farà el matto, ghe xè giustizia per tutti.

Fortunata: No, siora Marcolina; co gh'ha da esser dei strepiti, no femo gnente.

Marcolina: Digo cussì per dir; ma strepiti no ghe n'ha da esser, e no ghe ne sarà. Mio missier xè avaro, xè stravagante, xè tutto quel che la vol; ma l'ha sempre dito ch'el vorave che mia fia se logasse; e da do parole che l'ha dito giersera, mi credo che nol veda l'ora che la se marida. No miga perché el ghe voggia ben, sàla, perché el xè un de quei vecchi, che no vol ben altri che a si [34] stessi, ma per liberarse da una bocca de più.

Fortunata: Via donca, co la xè cusì, la ghe parla.

Marcolina: Ghe parlerò. La me diga el putto chi el xè.

Fortunata: Se la sa, cossa ghe darali de dota?

Marcolina: Mo, cara siora Fortunata, la vol metter el carro avanti i bo [35]. Sentimo prima chi xè el partio, e po ghe daremo quella dota che se convegnirà.

Fortunata: Cossa gh'àla paura? Che ghe propona una persona ordenaria? Sàla che sto putto che ghe propono, xè un fior, xè una copa d'oro? Sàla che in sto paese no ghe xè altrettanto? Sàla che el xè un mio zerman [36]?

Marcolina: Oh Caspita! so zerman?

Fortunata: Mo siora sì; cossa dìsela? Ghe xè eccezion?

Marcolina: Certo che col xè so parente, nol pol esser altro che una persona civil; ma, cara siora Fortunata, per esser un bon partio, ghe vol qualcossa de più.

Fortunata: Sàla che el xè fio solo, che el gh'averà do boni mile ducati d'intrada, e che el gh'ha una carica in aspettativa? Sàla che nol gh'ha un vizio al mondo, che el xè un putto che, no fazzo per dir, ma el gh'ha un'aria propriamente da zentilomo? Sàla che el xè sior Meneghetto Ramponzoli, fio de sior Massimo e de siora Scolastica Caramali?

Marcolina: Oh se la me ne dirà tante, ghe dirò siora sì; lo cognosso; son contenta; magari.

Fortunata: Mo! magari certo, magari.

Marcolina: Xèlo informà de sta mia putta? Sàlo che merito che la gh'abbia? Sàlo che oracolo [37] che la xè?

Fortunata: Oh! el sa tutto.

Marcolina: Sàlo mo, anca, che la xè una putta ben fatta? Che la xè un pometto da riosa [38]?

Fortunata: Vorla che ghe parla da amiga? El l'ha vista.

Marcolina: Come? Quando? Mia fia no pratica co nissun; in casa mia no ghe vien nissun. (Riscaldandosi)

Fortunata: Via via, siora Marcolina, no la vaga in còlera, che no ghe xè mal. El l'ha vista al balcon.

Marcolina: Sotto la zelusia?

Fortunata: Sotto la zelusia. E el l'ha vista anca fora de casa, una mattina a bonora.

Marcolina: Se la va col zendà [39] fina a la centura!

Fortunata: Cossa serve? No sàla? Co i putti vol, no so se la me capissa.

Marcolina: Zanetta sa qualcossa donca.

Fortunata: Da quel che ho inteso, no i s'ha mai parlà; ma coi occhi credo che i abbia fatto la parte soa.

Marcolina: Oh povereta mi!

Fortunata: Eh via, cara ela: fússele cussì tutte le putte dal dì d'ancuo [40]; e fússeli cusì i putti, come che xè sto sior Meneghetto.

Marcolina: Cara siora Fortunata, no so cossa dir; za che la xè vegnua a favorirme con tanto bon cuor, la fazza che sto negozio gh'abbia bon fin.

Fortunata: La diga, cara ela, cossa ghe darali de dota?

Marcolina: La diga ela: cossa pretenderàvelo?

Fortunata: El putto xè una pua [41], xè una pasta de marzapan, e de ste cosse nol ghe ne sa, e nol ghe ne vorrà gnanca saver; so pare e so mare i se rimette in mi, e quel che fazzo mi, xè ben fatto. Gh'ho ditto: co siora Marcolina semo amighe, so che siora che la xè; la putta xè una bona putta, lassè far a mi. Mi mo, védela, vòi che andèmo a la bona. Mi no vòi domandar; vòi che la diga ela tutto quelo che la pol far, e se me parerà conveniente, la me varda mi e no la pensa altro.

Marcolina: Ghe dirò. Mi ha portà in casa sie mile ducati. Manco de quelo che gh’ho dà mi, a mia fia no i ghe poderà dar.

Fortunata: Bezzi contai [42]?

Marcolina: S'intende. I ghe li scriverà in banco.

Fortunata: Siora Marcolina, me dàla parola?

Marcolina: Ghe dago parola.

Fortunata: Porla mantegnirmela la parola che la me dà?

Marcolina: Siora sì. Ghe dago parola, e son capace de mantegnirghela.

Fortunata: Basta cussì. A bon reverirla. (S'alzano)

Marcolina: Vàla via cussì presto?

Fortunata: Vago a dar la risposta. Ma la varda ben, sàla?

Marcolina: Cossa serve? Sémio puteli?

Fortunata: Se vegnirò col putto, me lasserala véder la putta?

Marcolina: Co sarà serà el contratto [43].

Fortunata: E no avanti?

Marcolina: Oh! la vede ben...

Fortunata: Gnente, gnente?

Marcolina: La xè una siora che intende...

Fortunata: Eh! via, cara ela, che al dì d'ancuo le se vede le putte. No se sta più su sti rigori, no; le se vede.

Marcolina: Basta, co se tratta de ela.

Fortunata: A bon reverirla.

Marcolina: La diga, la metterali all'ordine pulito [44]?

Fortunata: Modestamente.

Marcolina: No digo cossazze [45]. Ma sàla? La sa in che tempi che semo [46].

Fortunata: Vorla che el ghe spenda intorno tutti i sie mile ducati?

Marcolina: Che i se fazza onor, che no i se fazza burlar.

Fortunata: Cara siora Marcolina, ghe xè più dì che lugánega [47].

Marcolina: Eh! cara siora Fortunata, al dì d'ancuo chi se marida, no ha da sperar de sivanzar [48] sulla dota.

Fortunata: La diga, cara ela, co la s'ha maridà ela, gh'ali fatto ste gran spesazze?

Marcolina: Oh! per mi, fia mia, i ghe n'ha speso pochetti.

Fortunata: Védela donca? Xè segno che tutti no pensa a un modo. Una cossa de mezzo, che staga ben, che vaga ben. Cossa occorre far tanti abiti st'anno, perché st'anno che vien no i sia più alla moda? Faremo, faremo pulito. Un bon anello, le so zogette, un per de abiti boni.

Marcolina: Merli, la veda, sora tutto merli [49].

Fortunata: Ghe sarà el bisogno. No la s'indubita, ghe sarà el bisogno. Con so bona grazia. Se vederemo.

Marcolina: Patrona.

Fortunata: Xèla contenta?

Marcolina: Oh siestu benedetta!

Fortunata: Bondì, vita mia. (Si baciano)

Marcolina: Mo quanto che ghe son obligada!

Fortunata: No àla dito magari? La vederà se sarà magari. Mi? Co me metto? Ditto, fatto [50]. Patrona. (Parte)

SCENA QUARTA

Marcolina, poi Pellegrin.

Marcolina: In verità dasseno una fortuna più granda no podeva desiderar. Son segura che mia fia starà ben; so che putto che el xè, so che casa che i gh’ha. Oh per diana, xè qua mio mario! Ho giusto da caro [51] che ghe lo dirò prima a elo, e farò che elo ghe lo diga a so pare. Vegnì qua mo, sior Pellegrin.

Pellegrin: No criè, vedè, mi no ghe n'ho colpa.

Marcolina: De cossa?

Pellegrin: : Ho sentìo in cusina, che avè crià per el zucchero e per el caffè... No criè con mi, che mi no so gnente.

Marcolina: Eh! adesso no xè tempo de parlar de ste cosse. V'ho da dir qualcossa che importa più.

Pellegrin: De ben, o de mal?

Marcolina: De ben, de ben.

Pellegrin: : Sia ringrazià el Cielo. Ho sempre paura che ghe sia del mal.

Marcolina: Ho maridà vostra fia.

Pellegrin: : La xè maridada?

Marcolina: M'intendo la xè promessa.

Pellegrin: Chi l'ha promessa?

Marcolina: Mi.

Pellegrin: Vu?

Marcolina: Sior sì, mi. Ve opponeressi fursi a quel che ha fatto vostra muggier?

Pellegrin: Mi no parlo.

Marcolina: Lo so che in sta casa mi no son parona de gnente. Ma no gh'ho altro al mondo che sta creatura, e su la mia creatura crederave de poder arbitrar.

Pellegrin: Xè vero, la xè la vostra creatura; ma crederave che la fusse anca mia.

Marcolina: Sior sì. Gh'avè rason; ma co ve dirò a chi l'ho promessa, sarè contento anca vu.

Pellegrin: Ben; sentiremo. Se me parerà.

Marcolina: Se ve parerà? Ve metteressi in testa de desfar quel che ho fatto?

Pellegrin: Oh bella! Me disè che avè promesso mia fia; me disè che sarò contento: voleu che sia contento avanti de saver el novizzo [52]?

Marcolina: Vostra muggier no xè capace da far una stramberia [53]

Pellegrin: Mi no digo ste cosse. .

Marcolina: Parlè in t'una certa maniera...

Pellegrin: Voleu che tasa? Taso.

Marcolina: Sior Meneghetto Ramponzoli lo cognosseu?

Pellegrin: Siora no.

Marcolina: E so pare, sior Massimo?

Pellegrin: Gnanca [54].

Marcolina: E siora Scolastica?

Pellegrin: Pezo [55].

Marcolina: Ma che omo seu? No cognossè nissun. No cognossè i zermani [56] de siora Fortunata Marsioni?

Pellegrin: Mi no cognosso gnanca le anguelle, se no basta i marsioni [57].

Marcolina: Se no i cognossè vu, li cognosso mi.

Pellegrin: Benissimo.

Marcolina: E el partio xè bon. E la putta anderà a star da regina. Cossa diseu?

Pellegrin: Cossa voleu che diga? Sarà cussì, come che disè.

Marcolina: Ve par che abbia promesso troppo a prometterghe sie mile ducati?

Pellegrin: Per mi, co mio pare xè contento elo, son contento anca mi.

Marcolina: Bisogna che ghe parlè a vostro pare.

Pellegrin: Cossa voleu che ghe diga?

Marcolina: Diseghe quel che v'ho dito mi.

Pellegrin: Mo se mi sta zente no la cognosso.

Marcolina: Se no la cognossè vu, la cognosso mi.

Pellegrin: Donca parleghe vu.

Marcolina: Mo andè là, che sè un gran omo de stucco.

Pellegrin: Via, principieu a criar?

Marcolina: Delle volte me faressi andar zo dei bazari [58]. Cossa voleu? Che quella povera putta fazza la muffa in casa? Voleu che la fazza la vita che fazzo mi? Vostro pare deventa ogni zorno pezo che mai. No se pol più viver; ne manca el nostro bisogno. Destrighè [59] quella putta, sior Pellegrin, destrighè quella putta. (Con collera)

Pellegrin: Ma mi, cossa voleu che fazza?

Marcolina: Seu un omo, o seu un pàmpano?

Pellegrin: A vu cossa ve par che sia?

Marcolina: Si, sè omo in quelle cosse che no m'importa; e sè un pàmpano, co se tratta de vu e della vostra fameggia. Andè subito da vostro pare; diseghe che xè capità sta bona occasion, che assolutamente no se l'avemo da lassar scampar. Parleghe della dota. Senti cossa che el ve dise. Manco de sie mile no certo. Se nol cognosse el putto, xè giusto che el lo cognossa: son una donna ragionevole; xè giusto che el sia informà. L’informerò mi, se bisogna; ma intanto parleghe vu. Sentì se el xè ben disposto; rilevè se el gh'avesse qualche difficoltà. Se el gh’ha delle difficoltà, parleghe fora dei denti; disè l'animo vostro, desmissieve [60], buttè via quella gnagnera [61]. Ah! cossa diseu?... Puh! omeni senza sesto; piegore monzue [62]. Gh’ho una rabbia intorno, che no la posso più sopportar.

Pellegrin: Ma che sugo [63] ghe xè mo adesso d'andar in collera?

Marcolina: Parlo, parlo, e no me respondè.

Pellegrin: Bisogna ben che pensa anca mi el modo, come che ho da parlar, come che me ho da introdur.

Marcolina: Ghe voi tanto! De cossa gh'aveu paura? Al pare s'ha da portar respetto, se gh'ha da parlar con respetto; ma in te le cosse giuste se poi dir la so rason; perché saveu, fio caro? Chi se fa piegora, el lovo la magna [64].

Pellegrin: Ben, ghe parlerò.

Marcolina: Parleghe subito.

Pellegrin: Ghe parlerò... avanti che andemo a disnar.

Marcolina: Andè subito, ve digo.

Pellegrin: No ghe xè sta pressa.

Marcolina: Destrigheve; no me fe andar in collera che debotto debotto...

Pellegrin: Via, quieteve, anderò subito. (Ah poveretto mi! Prego el Cielo che me daga pazienza). (parte)

Marcolina: Mo che omeni, mo che omeni che se trova! El m'ha toccà a mi per mia maledetta desgrazia. Mi che son tutta spirito, tutta fogo! E lu el xè una pepa [65], che propriamente par che el casca da tutte le bande. E mia fia? Oh! anca ela no la poi dir de no esser fia de so pare; la xè una gnegnè co fa elo. A mi no la me someggia seguro. Mi, per diana de dia, no me perderave, se fusse in mezzo un'armada. (Parte)

SCENA QUINTA

Camera di Todero.

Todero e Gregorio

Todero: Vegnì qua mo, sior.

Gregorio: La comandi.

Todero: Saveu che vho da dir? Che son stà in cusina, che ho visto un fogaron del diavolo [66], che le legne no i me le dona, e che no vòi che se butta suso in quela maniera.

Gregorio: Ah! la xè stada ela in cusina?

Todero: Sior sì, son stà mi. Cossa voressi dir?

Gregorio: Mi no digo gnente; ma co son vegnù a casa da spender, ho trovà el fogo desfatto, la carne no bogiva, e ho crià co la serva.

Todero: No se poi far boger una pignatta senza un carro de legne?

Gregorio: Come vorla che la bogia con do stizzetti?

Todero: Suppiè [67].

Gregorio: Mi gh'ho cento cosse da far, no posso star miga là tutta la mattina a suppiar.

Todero: Co no ghe sè vu, che vaga a suppiar la massera [68].

Gregorio: Anca ela l'ha da far i letti, l'ha da scoar [69], l'ha da laorar.

Todero: Co no poi la massera, che vaga in cusina mia nezza [70], che ghe vaga so mare.

Gregorio: Figurarse, se ele voi andar in cusina!

Todero: Co no ghe xè nissun, disèmelo, che anderò a suppiar mi.

Gregorio: (Che el suppia quanto che el vuoi, mi un de sti dì me la batto [71]).

Todero: Chi ghe xè adesso in cusina?

Gregorio: Per adesso ghe xè Cecilia.

Todero: Mio fio dove xèlo?

Gregorio: Za un poco el giera in camera co la patrona.

Todero: Coss'è sta patrona? In sta casa no ghe xè altri patroni che mi. Cossa fàveli in camera?

Gregorio: Giera la portiera tirada su; cossa vorla che sappia mi?

Todero: Dove xè la putta?

Gregorio: In tinelo.

Todero: Cossa fala?

Gregorio: La lavora.

Todero: Cossa laórela?

Gregorio: M'ha parso che la mettesse i doppioni a una camisa.

Todero: Sior Desiderio ghe xèlo?

Gregorio: Sior sì, el xè in mezzà [72].

Todero: Cossa falo?

Gregorio: Mi ho visto che el scriveva.

Todero: E el putto?

Gregorio: El xè in mezzà co so pare.

Todero: Scrìvelo?

Gregorio: Mi no so dasseno, no gh'ho abbadà.

Todero: Andeghe a dir a sior Desiderio, che el vegna qua.

Gregorio: La servo. (In atto di partire)

Todero: E po andè in cusina.

Gregorio: Adesso no gh'ho gnente da far in cusina.

Todero: Mettè suso i risi.

Gregorio: A sta ora ho da metter suso i risi? Vorla disnar avanti nona?

Todero: Voggio disnar all'ora solita. Ma i risi i se mette suso a bonora, acciò che i cressa, acciò che i fazza fazion. Son stà a Fiorenza, e ho imparà là come se cusina i risi. I li fa bogier tre ore; e mezza lira de risi basta per otto o nove persone.

Gregorio: Benissimo. La sarà servida. (Ma per mi me ne farò una pignatella a mio modo). (In atto di partire)

Todero: Vardè cossa che fa mia niora e mio fio, e sappièmelo dir.

Gregorio: Sior sì, sior sì, ghe lo saverò dir. (Tutto sì; ma la spia no la voggio far). (parte)

SCENA SESTA

Todero, poi Desiderio.

Todero: Nissun fa gnente in sta casa. Mio fio xè un alocco; le donne no gh'ha giudizio. Se no fusse quel bon galantomo de sior Desiderio, poveretto vu. Son vecchio; certe fadighe no le posso più far; gramo mi, se nol fusse elo; el xè un omo attento, el xè un omo fedel, el xè nato in tel paese dove che son nato anca mi; el xè anca, alla lontana, un pochetin mio parente; avanti che mora, lo voggio beneficar. Ma no voggio miga, per beneficarlo elo, privarme mi: che son vecchio, xè vero, ma posso viver ancora dei anni assae; ghe n'è dei altri che xè arrivai ai cento e quindese, ai cento e vinti, e no se sa i negozi come che i possa andar. Troverò ben mi la maniera de beneficarlo senza darghe un bezzo del mio. Vèlo qua. No vòi per altro che el creda che gh'abbia bisogno de elo, no vòi che el se insuperbissa. Lo voggio beneficar; ma vòi che el laora, e che el se sfadiga.

Desiderio: Son qua, cossa me comàndela?

Todero: Aveu fenio de metter zo la scrittura?

Desiderio: Ghe son drio [73]. Ma no ho podesto gnancora fenir.

Todero: Cossa diavolo feu? In cossa ve perdeu? No fè gnente.

Desiderio: La dise che no fazzo gnente? Me par de far qualcossa e più de qualcossa. Mi a Rialto [74], mi in Piazza, mi a Palazzo, mi a scuoder [75], mi a pagar...

Todero: Via, via; andemo drio fin domattina?

Desiderio: Mo, caro sior Todero...

Todero: Sior Todero, sior Todero! Una volta ve degnevi de dirme sior paron.

Desiderio: La compatissa; me par, secondo el bon ordene mercantil, che le incombenze che la m'ha onorà de darme...

Todero: Chi magna el mio pan, m'ha da respettar.

Desiderio: La m'ha onorà de ammetterme alla so tola.

Todero: Ma mi son el paron.

Desiderio: L'ha avù anca la bontà de dirme, che semo un pochetto parenti.

Todero: Se fussimo anca parenti più de quel che semo, son paron, e voggio esser trattà da paron.

Desiderio: Benissimo. Da qua avanti ghe dirò sior paron.

Todero: Dove xè vostro fio?

Desiderio: In mezzà, che el copia le lettere.

Todero: Gh'àlo voggia de far ben quel putto?

Desiderio: Mi me par de sì.

Todero: E mi ho paura de no.

Desiderio: Vizi nol ghe n'ha certo.

Todero: Se nol ghe n'ha, el ghe ne pol aver.

Desiderio: Mi no so cossa dir, mi nol lasso praticar con nissun.

Todero: Quanti anni gh'àlo?

Desiderio: Disdott'anni.

Todero: Maridèlo [76].

Desiderio: Con che fondamento vorla che lo marida?

Todero: Lo mariderò mi.

Desiderio: Caro sior paron, certo, che se ela volesse, la poderia darghe stato, la poderia far la sorte de quel povero putto.

Todero: Sior sì, lo mariderò mi.

Desiderio: Ma senza impiego chi vorla mai che lo toga?

Todero: Lassème el pensier a mi.

Desiderio: No credo mai che la ghe vorà dar una putta ordenaria. Semo pover'omeni; ma gnanca per questo...

Todero: Tasè là.

Desiderio: No parlo.

Todero: Saveu chi ghe voggio dar?

Desiderio: Mi no saverave.

Todero: Mia nezza.

Desiderio: Siora Zanetta?

Todero: Sior sì. Mia nezza Zanetta.

Desiderio: Oh! se contenterali so sior pare e so siora mare?

Todero: Son paron mi.

Desiderio: La vederà che nasserà dei sussuri.

Todero: Son paron mi, ve digo.

Desiderio: Mi, la me compatissa, no vòi che per causa mia...

Todero: Seu stuffo de star con mi! Gh'aveu voggia che ve manda a bon viazo?

Desiderio: Mi no so cossa dir. Ela sa, ela vede, la faza ela, mi me rimetto in ela.

Todero: Mia muggier m'ha dà sie mile ducati. Mia niora ha portà in casa sie mile ducati. Xè giusto che anca mia nezza gh'abbia sie mile ducati.

Desiderio: Caro sior Todero...

Todero: Coss'è sto sior Todero? Siben che mia nezza sarà muggier de vostro fio, credeu de no averme da dir sior paron?

Desiderio: Sior sì, tutto quel che la vol.

Todero: (Per adesso lo vogio tegnir un poco basso).

Desiderio: E cossa vorla che fazza mio fio?

Todero: Che el tenda al mezzà, che el se arleva sotto de vu, perché a una vostra morte el me possa servir, come che fe vu.

Desiderio: (El gh'ha intenzion che mora avanti de elo).

Todero: Tegnirò la dota in tel mio negozio; ve pagherò el tre per cento; el pro della dota servirà per pagarme le spese della muggier.

Desiderio: E come vorla che i se vesta?

Todero: No xèli vestii? Vedeu sta velada [77]? Xè undes'anni che me l'ho fatta, e la xè ancora che la per nova.

Desiderio: E se vegnirà dei putei?

Todero: Non parlè altro, no me secchè. Ho pensà a tutto, ho previsto tutto. Credo che me cognossè, credo che lo sappiè che no son un can, che no son un spilorza; diese ducati più, diese ducati manco... no varderò de spenderli, se bisogna.

Desiderio: Diese ducati più, diese ducati manco?

Todero: Andè in mezzà, andè a fenir de metter zo la scrittura, e stè zitto, e no parlè co nissun. Mia nezza sposerà vostro fio.

Desiderio: Mi no so cossa dir. (Orsù, mi fazzo conto de lassar correr. Se el ghe dà la putta con sie mile ducati de dota, co la sarà fatta, la discorreremo). (parte)

SCENA SETTIMA

Todero, poi Pellegrin

Todero: Sior sì, in sta maniera no dago fora i bezzi de la dota. Za la putta, se la sta in casa, bisogna che la mantegna, e obbligo pare e fio a star con mi, e a servirme come vòi mi. Se nascerà dei fioi, qualcossa sarà. Se i sarà maschi, i vegnirà grandi, i me servirà. I manderò fora in te i miei loghi, i me servirà da fattori. Co Desiderio no sarà più bon, i starà in mezzà con Nicoletto. Xè meggio sempre aver in casa de la zente de cuor.

Pellegrin: Sior pare, patron.

Todero: Sioria.

Pellegrin: Se la se contenta, ghe vorave parlar.

Todero: Coss'è, sior? Piove?

Pellegrin: Per cossa?

Todero: Chi v'ha insegnà la creanza de vegnir a parlar con vostro pare col capello in testa?

Pellegrin: La compatissa. (Si cava il cappello)

Todero: Cossa gh'aveu da dirme? Qualche strambezzo [78] de vostra muggier?

Pellegrin: Sior no, ghe vorave parlar de mia fia.

Todero: Cossa che casca [79] a quella sempia [80]?

Pellegrin: Perché mo ghe dìselo sempia?

Todero: Perché la xè una scempia; e perché son paron de dir quel che voggio: g'àla gnente in contrario, patron?

Pellegrin: Mi no digo gnente.

Todero: Cossa volevi dirme de vostra fia?

Pellegrin: Ghe saria una bona occasion de logarla.

Todero: La xè logada.

Pellegrin: La xè logada?

Todero: Sior sì; fè conto che la sia maridada.

Pellegrin: Senza che mi sappia gnente?

Todero: In sta casa comando mi.

Pellegrin: E mia muggier lo sàla?

Todero: La lo saverà, quando vorò mi.

Pellegrin: Caro sior pare, no voria che nassesse qualche desordene.

Todero: Che desordeni voleu che nassa?

Pellegrin: Mia muggier ha promesso la putta a un certo sior Meneghetto Ramponzoli.

Todero: Vostra muggier l'ha promessa? E gh'avè stomego [81] da soffrirlo? E gh'avè tanta poca prudenza da dirlo? Da quando in qua le donne àle da tòrse sta libertà de comandar, de disponer, de prometter le fie? A vu le ve la pol far, che sè un pezzo de giazzo vestio da omo. Ma mi no la tegnirò [82]. Comando mi, son paron mi, e la voggio maridar mi. E vu, sior, cossa diseu?

Pellegrin: Mi no digo gnente. Me despiase per mia muggier.

Todero: Diseghe che la vegna a parlar con mi.

Pellegrin: La diga, sior pare, poderávio almanco saver chi xè el novizzo che l'ha destinà per mia fia?

Todero: Lo saverè co [83] me parerà a mi.

Pellegrin: De diana! finalmente po son so pare.

Todero: E mi son el pare del pare, e son paron dei fioi, e son paron de la nezza, e de la dota, e de la casa, e de tutto quelo che voggio mi. (parte)

Pellegrin: Oh poveretto mi! adesso sì stago firesco. Cossa dirà mia muggier? Son tra l'ancuzene [84] e el martello. No so quala far. M'anderave a sconder. M'anderave a buttar in canal. (parte)

SCENA OTTAVA

Camera di Marcolina.

Marcolina e Fortunata

Marcolina: Brava, siora Fortunata; la xè tornada presto. Me pòrtela de le bone nove?

Fortunata: Per mi bonissime. E ela che nove me dàla?

Marcolina: Oh! no gh'òi dito, cara ela? Ho parlà con mio mario, e el xè contentissimo.

Fortunata: E el vecchio?

Marcolina: Al vecchio ghe xè andà a parlarghe so fio, e za, senz'altro, la fazza conto che la cossa sia fatta.

Fortunata: La putta sala gnente?

Marcolina: Siora sì, no vorla? Ghe l'ho dito subito. Oh poverazza, la s'ha messo a pianzer de la contentezza.

Fortunata: Possio véderla mi, siora Zanetta?

Marcolina: Oh! cossa che la dise! la chiamo subito.

Fortunata: La diga. Ho menà con mi una persona. Me dàla licenza che la fazza vegnir avanti?

Marcolina: Che persona xèla?

Fortunata: Eh! via, siora Marcolina.

Marcolina: Ah! furbacchiotta, veh! t'ho capio.

Fortunata: Se no fussimo avanzai come che semo, no me torave sta libertà.

Marcolina: Via, via, no xè sottoscritto el contratto, ma i xè promessi in parola; la lo fazza vegnir, che la xè patrona.

Fortunata: Lo chiamerò; intanto la fazza vegnir la putta.

Marcolina: La farò vegnir. Ma me par che voggia la convenienza, che el parla prima con mi.

Fortunata: Sì, sì, la gh'ha rason; dasseno la gh'ha rason. Adesso ghe digo a la donna, che la lo chiama. (s'accosta alla scena)

Marcolina: No crederave mai che mio missier fasse qualche scena. Veramente la xè vegnua siora Fortunata più presto che no credeva. Basta, son mi in te l'impegno, e nassa quel che sa nasser, la mia parola la gh'ha da valer.

Fortunata: La vederà, se el xè un putto de sesto.

Marcolina: I sói [85] coss'àli ditto?

Fortunata: Oh! contentissimi. I xè fora de lori dalla contentezza.

Marcolina: Quando gh'àli intenzion de voler dar la man?

Fortunata: Oh! credo mo che i gh'abbia gusto, che quel che s'ha da far, el se fazza presto.

Marcolina: Per mi, più presto che i fa, i me fa più servizio.

Fortunata: Vèlo qua, vèlo qua. Cossa dìsela?

Marcolina: Pulito, dasseno, el me piase.

Fortunata: Che el resta servido, sior Meneghetto.

SCENA NONA

Meneghetto e dette

Meneghetto: Patrone mie riverite.

Marcolina: Serva umilissima.

Fortunata: Védela, sior zerman? Questa xè siora Marcolina, mare de siora Zanetta, che sarà la so sposa.

Meneghetto: Confesso non esser degno de sta fortuna. Son pien de debito con siora zermana, che s'ha compiasso de procurarme sto onor; e poderò chiamarme felice, se arriverò a meritarme el so benigno compatimento.

Marcolina: Veramente la fortuna xè mia d'aver un zenero cussì cortese, e sarà fortunada mia fia d'aver un sposo cussì gentil e compito.

Meneghetto: La prego. (vuol prender la mano di Marcolina per baciargliela)

Marcolina: Cossa fála?

Meneghetto: La supplico. (come sopra)

Marcolina: Non la s'incomoda.

Meneghetto: La permetta un atto del mio rispetto, e la se degna de accettarme no solamente per zenero, ma per fio.

Marcolina: (Propriamente el me intenerisce).

Fortunata: Séntela, siora Marcolina? Cossa gh'òggio dito?

Marcolina: Certo el xè pien de spirito e de bona grazia.

Meneghetto: La prego de no confonderme con troppa bontà.

Marcolina: Me despiase che mia fia.. se volemo, gh'ha del talento, ma no la xè gnancora... come sorave a dir, desmissiada [86].

Meneghetto: Eh, la xè zovene, avezza a star retirada; le idee xè ancora confuse; col tempo le se svilupperà.

Fortunata: Oh sì, la gh'averà un bon maestro; la se farà.

Marcolina: La senta. Bona la xè certo. Per bona ghe la dago e ghe la mantegno.

Meneghetto: Co la xè bona, de più no saverave desiderar. Cossa ghe xè de meggio a sto mondo della bontà, della pase, della bona armonia?

Marcolina: (Oh! siestu benedetto. Parlo quell'alocco de mio mario [87]?).

Fortunata: Mo via, siora Marcolina la ne fazza sta grazia, la lassa che reverimo siora Zanetta.

Marcolina: Zanetta, vien de qua, fia mia.

SCENA DECIMA

Zanetta e detti, poi Pellegrin

Zanetta: Cossa comàndela?

Fortunata: Patrona, siora Zanetta.

Zanetta: Patrona.

Fortunata: (Ah! cossa ve par?). (A Meneghetto)

Meneghetto: (Più bella ancora darente [88] che da lontan). (A Fortunata)

Marcolina: (Cossa distu? Te piàselo?). (A Zanetta)

Zanetta: (Eh! nol me despiase). (A Marcolina)

Marcolina: (Eh sì; so che ti l'ha visto de l'altre volte). (A Zanetta)

Zanetta: (Mi! quando?). (A Marcolina)

Marcolina: (Sì, sì, caretta, no parlemo altro). (A Zanetta)

Fortunata: (Via, diseghe qualcossa). (A Meneghetto)

Meneghetto: Perméttela che abbia l'onor de umiliarghe la mia servitù? (A Zanetta)

Zanetta: Patron riverito.

Meneghetto: E po, perméttela che possa congratularme con mi medesimo dell'acquisto che son per far, de una sposa piena de tanto merito e de tanta bontà? Che possa assicurarla della mia stima, del mio amor e del mio rispetto?

Zanetta: Conosso la mia ignoranza, e me vergogno a no saver responder come voria. Mi no posso dir altro, se no che la ringrazio de la so bontà; che la prego de compatirme, e che farò de tutto per meritarme el so compatimento e el so amor. (A Meneghetto)

Fortunata: (Via, via, no la s'ha portà tanto mal). (A Meneghetto)

Meneghetto: (Siora sì, se ghe vede una verità, un'innocenza; la gh'ha un non so che, che me penetra, che me pol).

Marcolina: Oh! vegnì qua, sior Pellegrin.

Pellegrin: Chi èlo sto sior?

Marcolina: El novizzo de vostra fia.

Pellegrin: (Oh poveretto mi!).

Meneghetto: El pare della mia sposa? (A Fortunata)

Fortunata: Sior sì, giusto elo el xè.

Meneghetto: La permetta che abbia l'onor...

Pellegrin: Grazie, grazie, patron. (Sentì una parola). (A Marcolina)

Meneghetto: (Cussì el me riceve? Mi no capisso gnente).

Marcolina: Cossa gh'è? (Agitata, a Pellegrin)

Pellegrin: (Mio pare no vol; el la vol maridar elo; el dise che el l'ha promessa, el cria, el strepita; se el sa, se el vien de qua, poveretti nu!). (A Marcolina)

Marcolina: (Zitto, che no i sappia gnente, per amor del Cielo).

Fortunata: Coss'è? Ghe xè qualcossa da novo? (A Marcolina)

Marcolina: Eh! gnente, gnente. Anderà tutto ben.

Fortunata: Via donca, sior Pellegrin, za che el xè qua, che el daga parola anca elo a sior Meneghetto de darghe so fia, e de darghe sie mile ducati de dota, come semo restai d'accordo.

Pellegrin: Mi no so gnente.

Marcolina: Come! no savè gnente? (A Pellegrin)

Pellegrin: No so gnente, e no ghe ne vòi saver gnente.

Fortunata: Siora Marcolina, cossa xè sto negozio?

Marcolina: Mi ho dà la parola, e mi la mantegnirò.

SCENA UNDICESIMA

Gregorio e detti

Gregorio: Sior patron, siora patrona, el patron vecchio xè in tutte le furie. El voleva vegnir de qua. El correva, el xè cascà, el s'ha fatto mal a una man. Son corso per agiutarlo, e el m'ha dà una spenta, che el m'ha tratto da qua a là. No so cossa el gh’abbia: mi ho paura che el deventa matto.

Marcolina: (Presto, andè de là, vardè, tegnilo, che nol vegna de qua a far strepiti, che nascerà un precipizio). (A Pellegrin)

Pellegrin: (Vedeu, siora? No ve l'òggio ditto?). (A Marcolina)

Marcolina: (Causa vu, che no gh'avè spirito, che no gh'avè condotta, che gh'avè paura a parlar).

Pellegrin: (Sì! causa mi! Magneme ancora, che gh'avè rason. Andemo, vegnì via con mi). (A Gregorio, e partono)

Fortunata: Andemo, sior Meneghetto.

Marcolina: No so cossa dir, son cussì mortificada, che no gh’ho fià da parlar.

Fortunata: La compatissa; la sa cossa che gh’ho dito. Avanti de impegnarse, se varda come che se se impegna.

Marcolina: Siora sì, quel che ho promesso, son donna capace de mantegnirghelo.

Fortunata: Chiaccole senza fondamento; andemo via de qua, sior zerman.

Marcolina: Se i vol andar, mi no i posso tegnir. Ma questo xè un affronto che la me fa.

Fortunata: L'affronto l'avemo recevesto nu. Patrona.

Meneghetto: Me despiase in te l'anema un contratempo de sta natura. Attribuisso tutto a la mia sfortuna. Bisogna che el Cielo no l’abbia destinada per mi. Pazienzia: ghe son umilissimo Servitor.

Marcolina: Patron. (Sostenuta)

Meneghetto: Siora Zanetta, prego el Cielo che ghe daga maggior fortuna.

Zanetta: Oh! caro sior, mi son una povera desfortunada. (piangendo)

Fortunata: Andemo, andemo. (A Meneghetto)

Meneghetto: Oh Dio! la pianze. (A Fortunata)

Fortunata: Me despiase, ma no so cossa farghe.

Meneghetto: Cara signora, la supplico de perdon. Da cossa mai xè nate ste novità? Ghe xè obietti contra la mia persona? Xè tolta de mira la mia fameggia? Crédeli che el mio stato e la mia condizion me fazza esser indegno de imparentarme con lori?

Marcolina: Nissuna de ste cosse, signor. Mio mario e mi semo persuasi de elo, de la so casa, de la so condizion, e sora tutto de la so proprietà e de la so bona maniera. Ma el satiro de mio missier, ambizioso de voler comandar...

Fortunata: Mi l'ho prevista, siora Marcolina; e la sa che ghe l'ho dito, e ghe l'ho replicà, e ela ha abuo da dir...

Marcolina: Siora sì, mi son la stramba, mi ho fatto el mal [89], e gh'ho torto mi.

Zanetta: E mi, poverazza, torrò de mezzo. (piangendo)

Meneghetto: Mo via, pussibile che no ghe sia rimedio? Tutte le cosse a sto mondo le gh’ha qualche difficoltà. Par che no se possa conseguir una bona fortuna senza l'accompagnamento de qualche spasemo, de qualche travaggio. Specialmente in tei matrimoni ghe xè sempre qualche desturbo, e po le cosse se giusta; e quel pochetto de amaro che s’ha sofferto, fa parer più dolce la consolazion delle nozze.

Fortunata: (Mo va là, fio mio, che ti gh'ha un discorso che t'innamori).

Marcolina: Che i me daga tempo, e i vederà se son capace de dir, de far e de mantegnir.

Meneghetto: Tempo; la dise benissimo, tolemo tempo. Mi no gh'ho sta pressa de maridarme. M’ho determinà a farlo, più per condessender ai mi genitori, che per propria mia volontà. Adesso che ho abù la fortuna de cognosser sta putta, me par che el cuor me stimola a farlo; e se dovesse aspettar, e patir, e sfadigar per averla, me par che sia tutto ben impiegà, per el merito de un tal acquisto.

Marcolina: Cossa diseu, Zanetta?

Zanetta: No so cossa dir. No posso far altro che raccomandarme al Cielo, perché el me conceda sta grazia.

Fortunata: Zerman, se vede ben che sè innamorà.

Meneghetto: Ghe par che sia innamorà? Co la lo dise ela, sarà cussì. Mi in verità no so dirlo, perché non ho mai fatto l'amor. Subito che ho pensà a maridarme, ho desiderà d'esser capace de voler ben; sta signora me dà in tel genio, e me par che, se la fusse mia, ghe vorave ben. Vedo che la me compatisse, che la me varda con qualche bontà, che la se rammarica per causa mia; e no la vol che corrisponda al bon cuor,... no la vol che spera dal tempo la nostra quiete, la nostra consolazion? Me raccomando alla prudenza della madre, me raccomando alla bontà della fia, dependerò dai so ordeni, dai so comandi e ghe son umilissimo Servitor. (parte)

Fortunata: Cossa disela, siora Marcolina?

Marcolina: Digo cussì, che se credesse de restar in camisa, voggio certo e seguro che el sia mario de mia fia.

Fortunata: El Cielo ghe conceda la grazia. De sti putti, fia mia, ghe ne xè pochetti. La senta: la gh'ha rason che el xè mio zerman, da resto, son vedoa... e per diana de dia, no me lo lascerave scampar. (parte)

Zanetta: Séntela, siora mare?

Marcolina: Andè, andè, fia, e raccomandeve de cuor.

Zanetta: Oh! son tanto desfortunada, che ho paura che nol me tocca. (parte)

Marcolina: Sì, se el Cielo vorrà, el sarà too, e el Ciel l'ha da voler, perché el Cielo vol le cosse giuste, e xè giusto che a una bona putta ghe abbia da toccar la grazia de un bon mario. (parte)

ATTO SECONDO

SCENA PRIMA

Camera di Todero.

Todero, poi Gregorio.

Todero: Oh! che cara spuzzetta [90]! Prometter la fia senza dirmelo a mi? Senza voler dipender da mi? Chi sóngio mi? El cuogo? El sguattero? El facchin de casa? Ghe farò véder chi son. Adesso son in impegno de farghela véder, se m'andasse la casa. Oe, gh'è nissun de là? (chiama)

Gregorio: Cossa comàndela?

Todero: Andè a chiamar Nicoletto.

Gregorio: La servo.

Todero: Chi ghe xè in cusina?

Gregorio: El patron.

Todero: El patron? Chi èlo el patron?

Gregorio: Ho falà; voleva dir el fio del patron.

Todero: Cossa fallo Pellegrin in cusina?

Gregorio: El xè sentà al fogo, el se scalda, e el suppia.

Todero: Sì, nol xè bon da far altro che da suppiar. Anemo, via, andeme a chiamar Nicoletto.

Gregorio: La servo subito. (parte)

Todero: Gran desgrazia aver un fio bon da gnente! Eh! n'importa, n'importa. Xè meggio cussì. Xè meggio che nol sappia gnente, piuttosto che el sappia troppo. Cussì comando mi, son patron mi, e lu e so muggier i ha da dipender da mi; e mia nezza la voggio maridar mi. Cossa falo costù che nol vien? Vèlo qua. Vòi che el la sposa avanti che quella spuzzetta arriva gnanca a saver con chi ho destinà de sposarla.

SCENA SECONDA

Nicoletto e detto

Nicoletto: (Gh'ho una paura co vegno a parlar co sto vecchio, che me trema le buele in corpo).

Todero: Via, vegnì avanti. Cossa feu là incantà?

Nicoletto: Son qua. Cossa comàndela?

Todero: Aveu fenìo de copiar le lettere?

Nicoletto: Debotto [91].

Todero: Debotto, debotto! No la fenì mai.

Nicoletto: Fazzo quel che posso. (tremando)

Todero: (Se vede che el gh'ha tema [92] de mi).

Nicoletto: (Cossa che anderave via volentiera!). (scostandosi un poco)

Todero: Vegnì qua.

Nicoletto: Son qua. (si accosta)

Todero: Che mestier gh'averessi intenzion de far?

Nicoletto: Cossa vorlo che diga? Mi no saveria cossa dir.

Todero: Ve piase star in mezzà?

Nicoletto: Sior sì.

Todero: Staressi volentiera con mi?

Nicoletto: Sior sì.

Todero: Scrivereu? Lavorereu? Imparereu?

Nicoletto: Sior sì.

Todero: Sior sì, sior sì; no savè dir altro che sior sì. (con sdegno)

Nicoletto: (si ritira con timore).

Todero: Vegnì qua. (dolcemente)

Nicoletto: (si accosta con timore).

Todero: Ve voleu maridar?

Nicoletto: (fa segno di vergognarsi).

Todero: Via, respondè. Ve voleu maridar?

Nicoletto: Ohi cossa che el dise! Mi maridarme? (come sopra)

Todero: Sior sì; se volè maridarve, mi ve mariderò.

Nicoletto: (vergognandosi fa dei risetti).

Todero: Anemo, respondème: sì, o no?

Nicoletto: (ride più forte, storcendosi).

Todero: Voleu, o no voleu?

Nicoletto: Se el disesse dasseno!

Todero: Sior sì, digo dasseno; e se volè, ve mariderò.

Nicoletto: Per cossa me vorlo maridar?

Todero: Per cossa, per cossa? Co digo de maridarve, no avè da cercar per cossa.

Nicoletto: Sàlo gnente sior pare?

Todero: El sa, e nol sa; e co vel digo mi, son paron mi, e chi magna el mio pan, ha da far quel che voggio mi.

Nicoletto: Oh bella! el me vol maridar!

Todero: Sior sì.

Nicoletto: Quando?

Todero: Presto.

Nicoletto: El diga. Chi me vorlo dar?

Todero: Una putta.

Nicoletto: Bela?

Todero: O bela o brutta, la torrè come la sarà.

Nicoletto: (Ohi se la xè brutta, mi no la voggio).

Todero: Cossa diseu? (con sdegno)

Nicoletto: Gnente. (con timore)

Todero: Co saverè chi la xè, gh'averè da caro.

Nicoletto: La cognóssio?

Todero: Sior sì.

Nicoletto: Chi xèla?

Todero: No ve voggio dir gnente; e vardè ben: de quel che v'ho dito, no parlè co nissun, che se parlè, poveretto vu.

Nicoletto: Oh! mi no digo gnente a nissun.

SCENA TERZA

Cecilia e detti

Cecilia: Sior patron.

Todero: Cossa gh'è? Coss'è stà? Cossa voleu? Cossa me vegniu a seccar?

Cecilia: Via, via, nol vaga in collera. Manco mal che in te la so camera ghe vegno manco che posso.

Todero: Faressi meggio a filar.

Cecilia: Ho filà fin adesso.

Todero: Ve pésela la rocca, che no la podè portar da una camera all'altra?

Cecilia: Me par mo anca de far...

Todero: Manco chiaccole. Cossa seu vegnua a far in sta camera?

Cecilia: Son vegnua a dirghe da parte de so siora niora...

Todero: (Manco mal che no l'ha dito della patrona)

Cecilia: Che se el se contenta, la vorave venirghe a dir do parole.

Todero: Diseghe che adesso no posso, che gh’ho da far.

Cecilia: Do parole sole...

Todero: No posso, ve digo, andè via de qua.

Cecilia: Ben, ben, nol vaga in collera; ghe dirò che nol pol. (in atto di partire)

Nicoletto: (Oe: v'ho da parlar). (piano a Cecilia)

Cecilia: (Se vederemo). (a Nicoletto, e parte)

Todero: Dove xè vostro padre?

Nicoletto: El giera in mezzà che el scriveva.

Todero: Aspettème qua fin che torno.

Nicoletto: Staralo un pezzo?

Todero: Starò fin che vorrò mi. Aspetteme, e no ve partì. (Vôi tornar a parlar con so padre. Vòi concluder, vòi stabilir, voggio destrigarme. Mia niora me vol parlar? Sior sì, m'imagino cossa ch’éla me vol dir. Che l'aspetta che marida so fia, e po che la me parla quanto che la vol). (parte)

SCENA QUARTA

Nicoletto, poi Cecilia

Nicoletto: Oh bella! el me vol maridar. La xè ben curiosa! mi ho paura ancora che el me burla. Magari che el disesse da senno. Sangue de diana, se me marido, ho da saltar tant'alto dall'allegrezza.

Cecilia: Nicoletto. (sulla porta)

Nicoletto: Oe, Cecilia, senti.

Cecilia: Gh'è pericolo che el vegna?

Nicoletto: El xè andà in mezzà da mio pare.

Cecilia: Se el me trova qua, poveretta mi.

Nicoletto: Eh! col va in mezzà, el ghe sta un pezzo.

Cecilia: Cossa me volevi dir?

Nicoletto: Voleu che ve ne conta una bela?

Cecilia: Via mo, contèmela.

Nicoletto: Ma vardè ben, vedè, no disè gnente a nissun.

Cecilia: Oh! mi no parlo.

Nicoletto: Indovinè mo! Sior Todero el me vol maridar.

Cecilia: El ve vol maridar? (con ammirazione)

Nicoletto: Sì, anca per diana che el me vol maridar.

Cecilia: Eh! via, che el ve burla.

Nicoletto: Nol burla gnente, nol burla. El me l'ha dito, el l'ha confermà, el me l'ha torná a dir. Anzi mi no voleva creder, e el m'ha fina crià, perché no credeva.

Cecilia: Mo, me contè ben una cossa granda!

Nicoletto: Ah! cossa diseu? Pareroggio bon [93] co sarò maridà?

Cecilia: Sàlo gnente vostro sior pare?

Nicoletto: Sior Todero m'ha dito de sì, che el lo sa.

Cecilia: E chi gh'àlo intenzion de darve?

Nicoletto: No so; nol me l'ha volesto dir.

Cecilia: Ve maridereu volentiera? (mortificata)

Nicoletto: De diana! mi sì, no vedo l'ora.

Cecilia: No savè chi sia la novizza, e no vedè l'ora de maridarve?

Nicoletto: El m'ha dito che la cognosso, che co saverò chi la xè, gh'averò da caro.

Cecilia: Vu no andè in casa de nissun; donne in sta casa no ghe ne vien. Col dise che la cognossè, parerave che la novizza avesse da esser in casa.

Nicoletto: Che la fusse siora Zanetta?

Cecilia: Uh, che diavolo de bestialità! Figurarse se a vu el ve daria una so nezza!

Nicoletto: Oe, Cecilia, ghe sarave pericolo che fussi vu?

Cecilia: E se fusse mi, ve despiaserave?

Nicoletto: Magari. Oh magari, oh magari!

Cecilia: Sentì! no stè a far fondamento delle mie parole, ma se poderave anca dar. El paron xè cussì de quel temperamento che sempre el brontola, che sempre el cria; ma mi so che nol me vede mal volentiera. Qualche volta el m'ha dito che son una donnetta de garbo. Xè quattro mesi che nol me dà el salario, e ogni volta che ghe lo domando, el me dise: lassa che te lo suna [94]; lassa, lassa, che te vòi maridar.

Nicoletto: Cussì el ve dise?

Cecilia: Sì anca varenta i mi occhi [95], che el me l'ha dito.

Nicoletto: «Lassa, lassa, che te vôi maridar»?

Cecilia: Lassa, lassa che te vòi maridar.

Nicoletto: Mo la sarave ben bela!

Cecilia: Gh'averessi gusto, Nicoletto?

Nicoletto: Mi sì, per diana. E vu gh'averessi gusto?

Cecilia: Oh! se savessi quanto ben che ve voggio!

Nicoletto: Varè, vedè, per cossa no me l'aveu mai dito?

Cecilia: Perché son una putta da ben, e le putte no le ha da parlar de ste cosse, co no le gh'ha speranza de maridarse.

Nicoletto: Adesso mo gh'averè speranza de maridarve.

Cecilia: Mi sì, vedè: se ho da dirve la verità, gh'ho tanta fede che l'abbia da esser cussì.

Nicoletto: Oh, che cara Cecilia!

Cecilia: Cossa diseu? Oh! chi l'avesse mai dito?

Nicoletto: Oh, che cara muggier! (le vuol toccare una mano)

Cecilia: Via, sior sporco, tegnì le man a casa.

Nicoletto: Oh, se sè cattiva, mi no ve voggio.

Cecilia: Co sarà el so tempo, no sarò cattiva.

Nicoletto: Vien zente.

Cecilia: Oh poveretta mi!

Nicoletto: Eh! xè Gregorio.

Cecilia: Zitto, Zitto.

Nicoletto: Mucchi, mucchi [96].

SCENA QUINTA

Gregorio e detti

Gregorio: Nicoletto, andè da basso in mezzà, che el paron ve chiama.

Nicoletto: Vago, vago.

Cecilia: Oe, sentì: caro vu, no ghe disè gnente al paron che m'avè trovà qua. (a Gregorio)

Gregorio: Eh! no abiè paura, no parlo. Fazzo coi altri quel che me piaserave che fusse fatto con mi. (parte)

Nicoletto: Vago a sentir cossa che i me dise.

Cecilia: Sì, fio, andè. Pol esser che sappiè qualcossa de più. Vardè ben, non me menzonè [97]: se i ve parla de mi, mostrè de vegnir da la villa [98], e co savè qualcossa, aviseme.

Nicoletto: Sì ben, ve conterò tutto. Sangue de diana, sangue de diana, sangue de diana. (parte saltando)

Cecilia: I fa ben a maridarlo a bonora. I putti, co no i se marida, i chiappa delle pratiche [99], e i se desvia. Siestu benedetto: adesso el xè un colombin. Me toccheràlo a mi? Oh! mi gh'ho bona speranza, seguro. El cuor me dise de sì, e col cuor me dise una cossa, nol fala mai. (parte)

SCENA SESTA

Camera di Marcolina.

Marcolina e Pellegrin

Marcolina: Sentì, el la pol slongar vostro pare; ma scapolarla no [100] certo. L'ànemo mio ghe lo voggio dir. Gnanca ascoltarme nol vol? Cossa sóngio mi? Una villana? Una massera? Cussì el me tratta? Co sta insolenza? Co sto disprezzo? E vu gh'avè tanto cuor de véder strapazzada vostra muggier?

Pellegrin: Me dava de maraveggia, che no gh'avesse da intrar anca mi.

Marcolina: Cussì no gh'intressi; cussì no ghe fussi. Cussì no v'avéssio mai visto, né cognossù.

Pellegrin: M'avesselo negà [101] mio pare, piuttosto che maridarme.

Marcolina: Mi, mi son stada negada.

Pellegrin: E mi certo ho bu una gran fortuna a sposarve.

Marcolina: De mi, de cossa ve podeu lamentar?

Pellegrin: De gnente.

Marcolina: De gnente, certo de gnente; e se disessi all'incontrario, saressi un ingrato, un busiaro [102], un omo de cattivo cuor. Che disturbi v'òggio dà, in tanti anni che son vostra muggier? M'oggio mai lamentà de la vita miserabile che ho dovesto far? Òggio mai preteso gnente de più del puro necessario per mantegnirse? Vostro pare coss'àlo speso per mi? Che abiti m'àlo fatto? Quela povera putta gh'àla altro intorno, che delle strazzette che gh'ho dà mi? Sóngio una de quelle che ghe piasa i bagordi, i devertimenti? Vaghio mai fora della porta? Gh'òggio visite in casa? Gh'òggio conversazion? Sóngio gnanca patrona de bever un caffè, se me ne vien voggia? E pur ho sempre soportà, e soporto, e no digo gnente. Perché soportio? Perché son una donna discreta, perché son una donna d'onor. Vedo anca mi che quel benedetto vecchio xè d'un natural che bisogna soffrir, chi no vol che nassa dei criminali [103]. Ma che nol me tocca la mia creatura. Soffrirò tutto; ma no soffrirò mai che el me la marida a so modo, senza gnanca che sappia chi el ghe vol dar. La xè le mie viscere. No gh'ho altro ben a sto mondo, no gh'ho altra consolazion che quelle care raìse [104]; e co penso che i me la vol tor, co penso che i me la pol negar, che i me la pol sassinar, me sento proprio che me schioppa [105] el cuor. (piange)

Pellegrin: Via, cara muggier, no pianzè, no ve desperè. Pol esser che sior pare la voggia maridar ben. No savemo gnancora a chi el gh'abia intenzion de volerla dar. Cara fia, quieteve. (si asciuga gli occhi)

Marcolina: Eh! caro marìo, vostro pare savè chi el xè. Co se trattasse de sparagnar, ho paura che nol varderia de precipitarla.

Pellegrin: Gnancora no se pol dir cussì. Aspettemo, sentimo cossa che el dise. Sentimo chi el ghe vol dar.

Marcolina: Sentì: meggio de sior Meneghetto, no certo. Se lo cerchemo co la candeletta, no ghe trovemo un marìo compagno. Un putto civil, che gh'ha del soo, che sta ben; fio solo, zovene, de bona grazia, che sa, che intende, che gh'ha giudizio, dove diavolo lo voleu trovar?

Pellegrin: Xèlo solo al mondo? No ghe vol esser dei altri?

Marcolina: Ma pussibile che no se possa gnancora arrivar a saver chi sia colù che vostro pare s'ha cazzà in testa de volerghe dar?

Pellegrin: Un zorno el se saverà.

Marcolina: Sior sì, tiremo avanti cussì e intanto se perderà l'occasion. Senti, sior Pellegrin, mi ve parlo schietto. Se savè in che impegno che son. Ho dà parola, e el mio decoro voria che la mantegnisse; ma son una donna tanto discreta, e ho da far con zente tanto pulita, che se la mia putta no restasse pregiudicada, per scansar i strepiti, i sussuri e le disunion, vorave anca inzegnarme de remediarghe e de cavarme con reputazion.

Pellegrin: Sì, sieu benedetta. Sè sempre stada una donna de garbo, e in sta occasion son seguro che opererè da par vostro. Cara muggier, se me volè ben...

Marcolina: Se no ve volesse ben, no averave sofferto quel che ho sofferto.

Pellegrin: Lo vedo, lo cognosso anca mi. Un zorno respireremo, no v'indubitè. Mio pare xè vecchio assae.

Marcolina: Eh! vostro pare, fio caro, el gh'ha intenzion de sepellirne quanti che semo.

Pellegrin: No so cossa dir: che el viva, fina che el cielo vol.

Marcolina: Che el viva pur: mi no ghe auguro la morte; ma vorave che el pensasse che ghe semo anca nu a sto mondo. Che el xè patron; ma che per questo no l'ha da tiranneggiar. Vorave che el pensasse che sè so fio; che se el gh'ha bisogno de agiuto, no l'ha da servirse dei strani [106], e lassarve vu in t'un canton; e che se el gh'ha voggia de far del ben, el primo ben el l'ha da far al so sangue.

Pellegrin: Vu parlè da quella donna che sè. Chi sa? Pol esser che se scambia le cosse. Usémoghe sto rispetto. Mostrémoghe ubbidienza in questo.

Marcolina: In cossa?

Pellegrin: Lassemo che el la marida elo sta putta.

Marcolina: Se el la mariderà ben, volentiera. Se no, ghe salterò ai occhi co fa un basilisco [107]. Butterò sottosora Venezia; o che el creperà elo, o che creparò mi.

Pellegrin: Mo via, Marcolina, no ve stè a irrabiar.

SCENA SETTIMA

Cecilia e detti

Cecilia: Sior Pellegrin, la vaga in mezzà da basso, che el patron la chiama.

Pellegrin: Vago. (Chi sa che nol me diga qualcossa?). (a Marcolina)

Marcolina: Sentì se el ve parla; e se no, parleghe vu. Andè co le bone, procurè de cavarghe de bocca chi xè sto partio che el gh'ha per le man.

Pellegrin: Sì ben: farò el pussibile de saver. (Chi sa? Mi gh'ho speranza che tutto abia d'andar ben). (parte)

SCENA OTTAVA

Marcolina e Cecilia

Marcolina: Disè, saveu dove che staga de casa siora Fortunata?

Cecilia: Siora sì, la sta qua su la riva del Vin [108].

Marcolina: Metteve su la vesta e el zendà [109], andè da siora Fortunata, reverila da arte mia, diseghe che me premeria subito de parlarghe. Diseghe se la pol favorir da mi, se no che anderò mi da ela.

Cecilia: Siora sì, subito. La diga, siora patrona, ghe vorave confidar una cossa.

Marcolina: Su che particolar?

Cecilia: Su un particolar mio de mi.

Marcolina: (Vardava se la saveva qualcossa sul proposito de mia fia). Via, destrighève, che me preme che andè a far sto servizio.

Cecilia: Ma la prego de no dir gnente a nissun.

Marcolina: Che bisogno ghe xè? Co no s'ha da parlar mi no parlerò.

Cecilia: La senta: el paron vecchio el vol maridar Nicoletto.

Marcolina: El vol maridar Nicoletto? Come l'aveu savesto?

Cecilia: Ghe dirò tutto; ma cara ela, no la diga gnente a nissun.

Marcolina: Mo via, cossa serve? Disème, come l'aveu savesto?

Cecilia: No vorave che qualchedun me sentisse. (va a guardare)

Marcolina: (Poveretta mi! che a quel vecchio ghe fusse vegnù in testa la bestialità de darghe mia fia?).

Cecilia: La senta. Nicoletto me l'ha confidà elo.

Marcolina: Elo ve l'ha confidà? Cossa v'àlo dito?

Cecilia: Eh! m'ha dito cussì che sior Todero lo vol maridar.

Marcolina: E chi gh'àlo intenzion de volerghe dar?

Cecilia: Se no l'andasse in collera, mi ghe lo diria.

Marcolina: In collera? Ho d'andar in collera? Gh'entrio mi in sto negozio, che ho d'andar in collera?

Cecilia: Se volemo, la ghe pol intrar, e no la ghe pol intrar.

Marcolina: (Me vien un freddo dalle ongie dei pì fin alle raìse dei cavei).

Cecilia: La senta. Pol esser ancora che fala; ma da quel che m'ha dito Nicoletto, e da quel che mi posso congetturar, credo certo de no m'ingannar.

Marcolina: E cussì, se pol saver chi la sia?

Cecilia: Se gh'ho da dir la verità, gh'ho pensier d'esser mi.

Marcolina: Vu?

Cecilia: Siora sì, mi.

Marcolina: (Oimei, Me xè tornà el fià in corpo).

Cecilia: Ghe lo confido, perché so che la me vol ben, e la gh'averà da caro che anca mi sia logada.

Marcolina: Ma diseme, cara vu, con che fondamento vorlo mio missier maridar sto putto?

Cecilia: Mi no so po, i ghe penserà lori; so che lo sa anca sior Desiderio.

Marcolina: E quella volpe vecchia de sior Desiderio, che in materia del so interesse xè fursi pezo de mio missier, che pretende de esser nostro parente, che disna a tola con mi, se contenterà che so fio sposa una cameriera, che no gh'ha dota, che no gh'ha gnente a sto mondo?

Cecilia: Cara ela, se no gh'ho dota, gh'ho dell'abilità, e anca mi gh'ho dei parenti che xè civili al pari de sior Desiderio, e anca qualcossetta de più.

Marcolina: Ma lo saveu de certo che i voggia maridar Nicoletto, e che vu siè quella che i ghe vol dar? Cossa v'àlo ditto? Come v'àlo parlà?

Cecilia: Ghe dirò, co xè andà da basso el paron, el m'ha chiamà Nicoletto, e el dise... No savè, el dise, sior Todero me vol maridar. Digo mi: dasseno? Sì, dasseno, el dise. Digo mi, digo: chi ve vorlo dar? El dise: no so, el dise. El m’ha dito che la cognosso, che col saverò, gh'averò da caro. Oh, digo, vu no conossè nissun, bisogna che la novizza sia in casa. El dise... bisogna, el dise. Digo mi, digo: se fusse mi quela? Magari, el dise. Oe, el gh'ha un gusto matto, e anca mi in verità son contenta.

Marcolina: E no gh'avè altro fondamento che questo?

Cecilia: Oh! la senta, la senta. Sàla quante volte che el paron m'ha dito che el me vol maridar?

Marcolina: V'àlo mai parlà de Nicoletto?

Cecilia: Oh giusto! no sala che omo che el xè? El xè capace de chiamarme dal dito al fatto, e dirme: sposelo, che vòi che ti lo sposi. Oe, se el me lo dirà, e mi lo sposerò.

Marcolina: Ben, ben, ho inteso.

Cecilia: Ghe despiase che me marida?

Marcolina: Andè, andè, dove che v'ho dito.

Cecilia: De diana! mi son vegnua a parlarghe col cuor averto...

Marcolina: Andè, ve digo, andè subito, che me preme.

Cecilia: (Mo che rustegona! Oh, la xè pezo de so missier. Ghe zogo mi che la gh'ha invidia, perché no se marida so fia). (parte)

SCENA NONA

Marcolina, sola

Oh, no ghe vedo chiaro in sto negozio! Cecilia xè un pezzo che la gh’ha voggia de maridarse, e la se va taccando su i specchi. Da quel che la m'ha dito, bisogna che i abbia parlà de maridar Nicoletto; ma no gh'è nissuna rason de creder che i ghe voggia dar una serva. Ghe scommetterave la testa, che quel vecchio matto de mio missier ha dà volta al cervelo a sto segno, de immaginarse de poderghe dar la mia putta; e quel temerario de Desiderio xè capacissimo de darghe sotto, e de stuzzegarlo a costo del precipizio de sta fameggia. Mai me xè passà per mente tal cossa: averia pensà a tutte le cosse del mondo, fora che a questa; ma el descorso de Cecilia me fa sospettar, e el mio sospetto no xè senza rason. El dise che el l'ha impromessa, e no l'ardisse de dir con chi. Vedo la confidenza che el gh'ha co sta zente; so che l'è superbo, ma che la superbia ghe passa, quando che se tratta dell'avarizia. So che l'è capace de tutto, e no sarave una maraveggia che el fusse anca capace de strapazzar el so sangue, e de sassinar una nezza. Ma no, no la gh'anderà fatta. Fin che sti occhi xè averti, sto gusto nol lo gh'averà. Finalmente son mare, sulla mia creatura gh'ho rason de parlar anca mi, e se la legge no vol che sia patrona la mare de maridar a so modo una fia, nissuna legge pol obbligar una mare a lassarla sacrificar.

SCENA DECIMA

Pellegrin e detta

Pellegrin: (Son stordio; no so in che mondo che sia).

Marcolina: E cussì, sior Pellegrin, gh'avemio gnente da novo?

Pellegrin: Gnente. (Se ghe lo digo, la va in bestia contra de mi).

Marcolina: Aveu parlà co vostro sior pare?

Pellegrin: Siora sì, gh'ho parlà.

Marcolina: Cossa volévelo?

Pellegrin: Gnente... cussì ... el m'ha domandà... se sè in collera; cossa che ghe volevi dir ...

Marcolina: Poverazzo! vu sè el più bon omo del mondo. Se vede che le busie no le savè dir. V'àlo parlà della putta?

Pellegrin: Sì ben; el m'ha anca parlà della putta.

Marcolina: V'àlo dito che el la vol maridar?

Pellegrin: El m'ha dito che el la vol maridar.

Marcolina: Mo via, no ve fe tirar le parole fora de bocca. Cossa v'àlo dito?

Pellegrin: Cussì, che el la vol maridar.

Marcolina: V'àlo dito chi el ghe vol dar?

Pellegrin: No, nol me l'ha dito.

Marcolina: Eh! sì, che el ve l'averà dito.

Pellegrin: No, ve digo, nol me l'ha volesto dir.

Marcolina: Zurèlo mo, che nol ve l'ha dito.

Pellegrin: Cossa serve che zura? Co ve digo che nol me l'ha dito!

Marcolina: Vedeu? Sè un busiaro.

Pellegrin: Perché mo songio un busiaro?

Marcolina: Perché mi so che el ve l'ha dito.

Pellegrin: Come lo podeu saver? Giera la porta serada. S'ha parlà in fià [110], co no gh'avè el foletto che ve lo diga no podè saver.

Marcolina: Sior sì, gh'ho el mio foletto, e el foletto m'ha dito tutto.

Pellegrin: Eh! via, buttè a monte sti puttelezzi [111].

Marcolina: Anca sì che ve so dir el con e el ron [112] de tutto quel che avè dito e che avè parlà?

Pellegrin: Mo dirave ben che gh'avè el foletto dasseno!

Marcolina: Se ve dirò quel che so, sareu capace de negarme la verità?

Pellegrin: No: se sentirò che andè a segno, ve prometto de dirve tutto.

Marcolina: Ve impegneu da galantomo, da omo d'onor?

Pellegrin: Da galantomo, da omo d'onor.

Marcolina: El novizzo che ha destinà a mia fia sior missier, xè el degnissimo sior Nicoletto.

Pellegrin: Come diavolo l'aveu savesto? (maravigliandosi)

Marcolina: (Ah pur troppo l'ho indovinada!).

Pellegrin: Cossa diseu de sta bella novità?

Marcolina: Disème prima vu, patron: cossa aveu resposo a sta bella proposizion?

Pellegrin: No so gnente. Se m'ha giazzà el sangue, che no gh'aveva fià da parlar.

Marcolina: Ma pur qualcossa averà bisogná che disè; i v'averà obligà a responder qualcossa.

Pellegrin: Figurarse; ghe giera là mio pare, sior Desiderio, el putto: se diseva gnente gnente, le giera cosse da precipitar.

Marcolina: Avè sempre tasesto donca?

Pellegrin: Credeu che no parlerò?

Marcolina: Parlerè, n'è vero? Parlerè co no ghe sarà più tempo de poder parlar. Povera donna mi! Pussibile che abbia da nasser sto caso? Pussibile che su i mi occhi i me vegna a portar via la mia creatura? No, no i me la porterà via. No, cani, no, sassini, no, traditori; el mio sangue no me lo lasserò strapazzar; le mie carne me le defenderò mi; me la defenderò mi la mia zoggia. Che i vegna, se ghe basta l'anemo, che i vegna a dirme de menarmela via i troverà una vipera, un basilisco, un'anema desperada. (agitatissima)

Pellegrin: Ma via, muggier. (accostandosi)

Marcolina: Lassème star.

Pellegrin: Muggier, digo.

Marcolina: Andè via de qua.

Pellegrin: Mo no me fe desperar.

Marcolina: Son più desperada de vu.

Pellegrin: Oh poveretto mi!

Marcolina: Oh Cielo, agiutème per carità!

SCENA UNDICESIMA

Fortunata e detti

Fortunata: Coss'è, creature [113]? Cossa xè stà?

Marcolina: Gnente, fia, gnente; la se senta. Deghe una carega. (a Pellegrin)

Pellegrin: Siora sì, subito. (porta una sedia a Fortunata)

Fortunata: Son qua, siora Marcolina, cossa me comàndela?

Marcolina: Cara ela, la perdona se l'ho incomodada.

Fortunata: Oh cossa disela? Gnente affatto. Vorave esser in caso de poderla servir.

Marcolina: Via, sior Pellegrin, se avè da far, andè, che sta signora ve dà licenza.

Fortunata: Per mi, che el se comoda pur.

Pellegrin: (Ho inteso, no la me vol). Patrona. (a Fortunata)

Fortunata: Patron riverito. (a Pellegrin)

Pellegrin: (Mia muggier no me vol. Mio pare me magna i occhi; anderò a serrarme in soffitta). (parte)

SCENA DODICESIMA

Marcolina e Fortunata

Marcolina: Mi veramente l'aveva mandada a incomodar per una razon; ma adesso ghe n'ho diese che me obbliga a pregarla, a sconzurarla de assisterme, de no me abbandonar.

Fortunata: Cara siora Marcolina, son qua in quel che posso, con tutto el cuor. Veramente giera andada un pochetto in collera; ma ho po pensà che ela no ghe n'ha colpa, e quel putto m'ha tanto savesto dir, che no so per lori cossa che no farave.

Marcolina: Aveva giusto a caro de saver da ela, co l'è andà via de qua, cossa che l'ha dito: se l'ha preteso de cavarse con civiltà, o se el gh'ha veramente per la mia putta quella premura che el mostrava d'aver.

Fortunata: Ghe attesto e ghe protesto, che un putto più schietto e più sincier nol gh'è, nol ghe xè stà, e nol ghe sarà. No àla sentio? El xè pronto a soffrir, a aspettar...

Marcolina: El ponto sta, siora Fortunata, che più stemo, faremo pezo. Ghe xè de le cosse per aria con quel mio missier... Se ghe disesse tutto, la se meteria le man in ti cavei.

Fortunata: La diga: senza che buttemo via le parole tra ela e mi, che mi za la sa che no posso concluder gnente, parleravela volentiera un'altra volta col putto?

Marcolina: Magari che el Cielo volesse.

Fortunata: Se la vol, el xè poco lontan. Co xè vegnù la so serva, el giera a casa da mi. Curioso anca elo, gramo, perché la sa... la zoventù... la ghe piase... no l'ha mai fatto l'amor... el m'ha compagnà fin da basso, e el m'aspetta da quel da le acque. Gh'à1a balconi che varda in cale?

Marcolina: Siora sì; quel balcon che xè là, varda giusto sora quel da le acque.

Fortunata: Vorla che el chiama?

Marcolina: Sì, sì, l’a1 chiama.

Fortunata: La parlerà con elo, la ghe dirà a elo. Per mi? De diana! no con una man, ma co cento. (corre alla finestra)

Marcolina: In tel caso che son, me par che me sia lecito de tentar tutto. Co no se intacca l'onor della casa, co no se intacca la reputazion de la putta, no me vergogno a umiliarme. No me vergogno a pregar. Chi sa che el cielo no m'assista. Che in grazia de quella innocente, el cielo no benedissa le mie intenzion.

Fortunata: El vien subito.

Marcolina: Grazie, siora Fortunata.

Fortunata: Oh! mi po son de bon cuor.

Marcolina: Co parlo, la m'aggiuta anca ela.

Fortunata: No la s'indubita. La lassa far a mi.

SCENA TREDICESIMA

Meneghetto e dette

Meneghetto: Perméttele?

Fortunata: La favorissa.

Marcolina: Serva, sior Meneghetto.

Meneghetto: Ghe fazzo umilissima riverenza. La perdoni, mi non averave ardìo de vegnir, se no m'avesse dà coraggio siora zermana.

Marcolina: El pol esser seguro che da mi, in casa mia, el sarà sempre visto ben volentiera.

Meneghetto: Effetto della so bontà.

Fortunata: Poverazza! la xè tanto bona, e la gh'ha sempre dei travaggi che la fa suspirar.

Marcolina: Ma! cossa vorla far? Semo a sto mondo, bisogna starghe.

Meneghetto: Me despiase a sentir che la gh'abbia delle cosse che la desturba; ma chi gh'ha el cuor ben fatto, come che la gh'ha ela, sente manco i travaggi, e se difende con più coraggio.

Marcolina: Eh! fio mio; son più debole de quel che el crede; e po, quando dol, dol, e co se sente toccar sul vivo, in verità el coraggio no basta.

Fortunata: Povera signora! la ghe conta, la ghe conta, la ghe diga tutto a sior Meneghetto; el xè un galantomo, sàla?

Meneghetto: Vorria col sangue istesso poder esser de giovamento a una persona che merita tutto el ben.

Marcolina: Caro sior Meneghetto, za che la sorte ha fatto che possa aver l'onor de parlarghe, el me permetta che ghe diga una cossa che me afflize, che me tormenta, a la qual elo solo, volendo, el ghe poderia rimediar. Mio missier, omo indiscreto, irragionevole, de cattivo cuor, xè sempre più inviperio a voler disponer della mia putta, e quel ch'è pezo, a volerla precipitar. S'ha penetrà la so intenzion, s'ha savesto a chi el gh'ha in ànimo de volerla dar; e me vergogno a dirlo, e me bogie el sangue a pensarlo. La senta, se se pol dar un omo più can, più perfido, più incivil. Una putta de quella sorte, una putta che, no fazzo per dir, la xè un fior, una pua, una pasta de marzapan, el gh'averave intenzion de darla a un fio de un nostro fattor.

Fortunata: Eh via!

Meneghetto: Pussibile sta cossa?

Marcolina: Cussì no fússela per mi, e per quella povera innocente che non merita un affronto de sta natura.

Fortunata: Mo el xè ben un vecchio senza giudizio e senza reputazion.

Meneghetto: E cossa penseràvela de far in sto caso? (a Marcolina)

Marcolina: Caro sior Meneghetto, la prego de parlarme sinceramente: la mia putta ghe vàla a genio?

Meneghetto: Anzi gh'ho tutta la stima...

Marcolina: No parlemo de stima, lassemo da una banda le cerimonie: ghe piàsela? Ghe par d'aver gnente d'amor?

Fortunata: No àlo dito che el ghe voi ben? (a Meneghetto)

Meneghetto: Quel che ho dito, l'ho dito de cuor, e fursi ho dito manco de quel che sento. Siora Zanetta merita tutto, e me chiamerave felice se la podesse conseguir in consorte.

Fortunata: Séntela, no ghe l'òggio dito? (a Marcolina)

Marcolina: La prego de perdon, la compatissa una mare piena de zelo e de confusion. Se nol gh'avesse la dota subito, se l'avesse da aspettar, mettemo sto caso, fin dopo la morte de mio missier, gh'averàvelo difficoltà de facilitar?

Fortunata: De dia! àlo da viver sempre sto vecchio? Mi credo che el gh'abbia debotto cent'anni.

Meneghetto: Veramente in materia d'interesse anca mi ho da dipender dai mi maggiori; ma son seguro che i me voi ben, e co se trattasse de contentarme, son certo che no i gh'averave nissuna difficoltà d'aspettar; onde ardisso de dir che, se no ghe fusse altro che sta sola difficoltà, posso comprometterme de accordarla, e che per mi, circa alla dota, saria contentissimo de aspettar.

Fortunata: Séntela? El xè de sto cuor. (a Marcolina)

Marcolina: Donca, co la xè cussì, xè facile che el la gh'abbia ogni qualvolta che el voi; e più presto che femo, se cavemo fora da ogni pericolo, da ogni batticuor. Mio mario xè contento; mi son contenta; la putta più che più. Co '1 pare e la mare ghe la dà, co elo la voi, se trova do testimoni, e se fa tutto quello che s'ha da far.

Fortunata: Brava siora Marcolina; cossa dìselo sior zerman? Ghe par che la l'abbia pensada pulito?

Meneghetto: Ghe dirò, se le me permette, ghe dirò el mio debole sentimento. Circa alla dota, ghe confermo quel che gh'ho dito: la xè una cossa che me riguarda mi solamente, e posso arbitrar senza far ingiuria a nissun. Ma sposarla senza che el nono lo sappia, sposarla a despetto del patron della casa, l'onestà nol consente, e la mia pontualità ghe resiste. Xè vero che el pare e la mare gh'ha autorità su la putta; ma dipendendo anca lori dal capo de la fameggia, no i pol disponer de un matrimonio senza l'assenso de chi ghe pol comandar. I pol ben opponerse con vigor, con rason e per giustizia, se occorre, perché un vecchio imprudente no sacrifica malamente el so sangue, no daga una nezza a una persona indegna che non la merita, e che ghe poi far disonor; ma gnanca per questo, la me perdona, no i l'ha da maridar in scondon, no i ha da corregger un mal con un altro mal, no s'ha da perder el respetto a un pare e a un missier, che s'ha da compatir per natura, che s'ha da venerar per l'età, e s'ha da soffrir per legge, per convenienza e per onestà.

Fortunata: Mo andè là, fio mio, che doveressi far l'avvocato.

Marcolina: No so cossa dir. El parla ben, el dise ben. El so discorso me serve de rimprovero, de mortificazion. Sarà quel che piaserà al cielo: se vede che la mia putta no xè destinada per lu.

Meneghetto: Mo perché? Perché vorla metter sta cossa in desperazion? No se pol trovar de le strade oneste, dei mezzi forti e civili per mover l'animo de so sior missier? Tentemo; provemo a farghe parlar.

Fortunata: Che el ghe parla elo, sior Meneghetto. Chi vorlo mai a sto mondo che possa parlar meggio de quelo che el ghe pol parlar elo? M'impegno che, se el ghe dise lu do parole, el lo reduse un agnelo.

Meneghetto: Per mi non gh'ho difficoltà de parlarghe.

Marcolina: No i lo cognosse; no i sa chi el sia; no faremo gnente.

Fortunata: Se pol provar.

Meneghetto: Provemo. Cossa mai sarà? Me diralo de no? Pazenzia.

Marcolina: E se el ghe dise de no, no gh'è altro.

Meneghetto: Se el me dise de no, vorla che mi lo obbliga a dir de si?

Marcolina: Allora no ghe sarà più speranza che Zanetta sia so muggier.

Meneghetto: Me despiaserave ne l'anima; ma la vede ben... (si vede muovere la portiera)

Fortunata: Oe, chi xè drio quela portiera?

Marcolina: (No saverave).

Fortunata: (Che ghe fusse el vecchio?).

Marcolina: (No crederia).

Fortunata: (Vorla che varda?).

Marcolina: (La varda pur).

Fortunata: (Se el fusse elo, el ghe poderave parlar). (s'accosta)

Marcolina: Mah! no gh'è rimedio.

Meneghetto: Chi sa? No la se despiera.

Fortunata: Oh! ela la xè? (scopre la portiera, e vede Zanetta col fazzoletto agli occhi, appoggiata alla porta)

SCENA QUATTORDICESIMA

Zanetta e detti

Zanetta: Oh! poveretta mi! (vergognandosi)

Fortunata: Via, via, no la se vergogna.

Marcolina: Cossa feu là vu, siora? (a Zanetta)

Zanetta: La compatissa. (vuol partire)

Fortunata: Eh via, che la se ferma un pochetto. (la trattiene)

Marcolina: No, cara ela, la lassa che la vaga via. (a Fortunata)

Fortunata: De diana! cossa gh'àla paura? La sa pur con chi l'ha da far. (a Marcolina, trattenendo Zanetta)

Meneghetto: La prego de non usar per mi sto rigor. So che no merito gnente; ma la mia onestà spero che no ghe possa pregiudicar. (a Marcolina)

Marcolina: Semo troppo lontani, sior Meneghetto; ghe vedo poca speranza che possiemo riuscir.

Meneghetto: Chi sa? No semo tanto lontani.

Zanetta: Eh! ho sentìo che nol ghe pensa gnente de mi.

Meneghetto: Come, siora Zanetta? (accostandosi) Come mai porla dir sta cossa? Se la dise d'aver sentìo, l'averà inteso quanta premura che gh'averia de aver la fortuna d'averla.

Zanetta: Siora mare voleva, e elo no vol.

Meneghetto: Voggio quel che posso voler. No voggio quel che no convien de voler.

Marcolina: Oh! via, basta cussì. La ghe permetta che la vaga in te la so camera. (a Fortunata)

Fortunata: Per mi, che la vaga pur.

Meneghetto: La se assicuri, siora Zanetta, che la stimo e che ghe voggio ben.

Zanetta: Mi no ghe credo né bezzo né bagattin [114]. (parte)

Fortunata: Séntelo, sior zerman?

Meneghetto: Pazenzia. Spero che un dì la me crederà. Sti rimproveri i xè tante ferìe al mio cuor; ma la compatisso, no la xè in stato gnancora de destinguer l'amor da la convenienza. Lo protesto, ghe voggio ben; più che la vedo, più la me piase, e le so lagreme le me move a compassion, e sempre più le me impegna. Con so bona grazia: vòi parlar co sior Todero, vòi tentar de vencerlo, se mai posso. El cielo me daga forza, me daga abilità de far breccia, per la consolazion de sta casa, per la consolazion del mio cuor. Tutto se fazza, tutto se tenta; ma che se salva el decoro, la giustizia, la convenienza, l'onor. (parte)

Fortunata: No la s'indubita gnente. Se el ghe parla, el xè certo. Me par de véderlo. El ghe accorda tutto. La staga aliegra, la se consola. Voggio andar a consolar quela povera putta. La me fa tanto peccà [115]. (parte)

Marcolina: Certo che sior Meneghetto el gh'ha una maniera de parlar che l'incanta. Se l'avesse da far con un altro, son segura che el lo persuaderia. Ma co mio missier? Pol esser; ma me par impussibile. El xè un vecchio che gh'ha ste tre piccole qualità: avaro, superbo e ostinà. Da resto po, el xè el più bon omo del mondo. Chi el sente elo, tutti xè cattivi, tutti xè pessimi, e lu xè bon. I xè cussì sta zente: co no i roba, co no i zoga, co no i fa l'amor, ghe par de esser oracoli de bontà. Da resto all'avarizia i ghe dise economia, alla superbia i ghe dise ponto d'onor, e all'ustinazion parola, pontualità. Poveri alocchi! Ghe vol altro per esser zente da ben! Ghe vol buon cuor, sora tutto buon cuor. Amar el so prossimo, voler ben al so sangue, giustizia con tutti, carità per tutti. Povero vecchio! Se el tira avanti cussì, el se n'accorzerà. El cielo ghe daga del ben a elo, e me daga pazenzia a mi, e un poco de consolazion a quele care viscere de mia fia. (parte)

ATTO TERZO

SCENA PRIMA

Camera di Todero.

Todero e Desiderio

Todero: Chi èlo sto sior che me vol parlar?

Desiderio: Mi no saveria. El xè un zovene, proprio, civil.

Todero: Domandeghe cossa che el voi.

Desiderio: Mo no sarave meggio, che la lo fasse vegnir?...

Todero: Sior no. Volè sempre far el dottor. Domandeghe cossa che el vol.

Desiderio: Benissimo. (Ghe vol una gran pazenzia). (parte)

Todero: Stago a véder, che el sia qualchedun mandà da mia niora, o per pregarme, o per fanne qualche bulada [116].

Desiderio: Con tutta civiltà, e con un mondo de cerimonie, el m'ha domandà perdon se a mi nol me dise cossa che el vol, perché la xè una cossa che nol la pol dir a altri che a ela.

Todero: xèlo Solo?

Desiderio: El xè solo.

Todero: Gh'àlo spada?

Desiderio: El xè in tabarro. Mi no gh'ho mo osservà, se el gh'abbia anca la spada.

Todero: Orbo, alocco, no savè mai gnente.

Desiderio: Anderò a véder, se el gh'ha la spada.

Todero: Aspettè, vegnì qua. Xèlo foresto, o xèlo venezian?

Desiderio: Al parlar el me par venezian.

Todero: Che muso gh'àlo?

Desiderio: El gh'ha muso da galant'omo.

Todero: Diseghe che el vegna.

Desiderio: Manco mal. (in atto di partire)

Todero: Eh! cossa me vienli a intrigar i bisi [117]? Sentì, vegnì qua.

Desiderio: La comandi.

Todero: Dove xè vostro fio?

Desiderio: El sarà in mezzà.

Todero: Arrecordève ben, che doman vòi che se destrighemo [118], vòi che i se sposa, e vòi esser fora de sto pensier.

Desiderio: Ben, quel che la comanda.

Todero: Fazzo conto [119], che ghe daremo la camera dove che dormì vu.

Desiderio: E mi dove vorla che vaga?

Todero: Ve farè un letto postizzo in mezzà.

Desiderio: Basta. Vederemo...

Todero: Coss'è sto vederemo?

Desiderio: Quel sior aspetta.

Todero: Lassè che l'aspetta.

Desiderio: El se stufferà.

Todero: Se el se stufferà, l'anderà via.

Desiderio: (Mo che omo! mo che satiro! mo che natural!).

Todero: Che difficoltà gh'aveu de farve un letto in mezzà?

Desiderio: Gnente. Bisognerà che el letto la lo proveda.

Todero: In tel vostro letto quanti stramazzi gh'aveu?

Desiderio: Do.

Todero: Ben, tirèghene via uno, doppielo, el servirà per pagiazzo e per stramazzo per vu.

Desiderio: E la vol che staga i novizzi con un stramazzo solo?

Todero: Vardè che casi! quanti credeu che ghe ne sia in tel mio letto? Uno, e xè quindes'anni che nol se pettena.

Desiderio: Mo, caro sior Todero...

Todero: Sior diavolo che ve porta.

Desiderio: Caro sior patron...

Todero: Zitto. No alzè la ose.

Desiderio: Almanco per sti primi dì...

Todero: Tasè. Andè a spionar a pian pian da la portiera, se quel sior xè andà via.

Desiderio: (In fatti bisognerave che el fusse andà). (va alla porta)

Todero: Ghe xèlo?

Desiderio: El ghe xè.

Todero: (Gh'ho capio. Bisogna che el gh'abbia una gran premura. Col sta tanto, so che ora che xè [120]; el sarà qua per bezzi, el gh'averà bisogno de bezzi. Sì, sì, se el xè un bon negozio, l'ascolterò; se el xè una cana sbusa, lo mando via). Diseghe che el vegna.

Desiderio: (Poverazzo! l'ha avù una gran pazenzia. De là no ghe xè gnanca careghe da sentarse). (parte)

SCENA SECONDA

Todero, e poi Meneghetto

Todero: Eh! al dì d'ancuo no gh'è più da far ben. No se sa de chi fidarse. Bisogna andar cauti; contentarse de vadagnar poco; ma far i so negozietti seguri.

Meneghetto: (Per verità, el primo recevimento xè qualcossa de particolar. No se pol trattar pezo con un vilan. Vòi soffrir tutto. Dal canto mio no vòi che ste signore abbia motivo de lamentarse).

Todero: (Sì, el xè ben all'ordene [121]; ma pol esser che tutto quel che el gh'ha a sto mondo, el lo gh'abbia a torno, e chi sa gnanca se el l'ha pagà).

Meneghetto: Patron mio riverito.

Todero: Servitor suo.

Meneghetto: La perdona l'incomodo.

Todero: Gh'ho un mondo de daffari. Gh'ho cento cosse da destrigar. La me diga in cossa che la posso servir.

Meneghetto: Me despiase de desturbarla; ma la supplico de tolerarme.

Todero: Xèlo negozio longo?

Meneghetto: El pol esser curto, e el poderave esser longhetto.

Todero: Se fusse per bezzi, ghel digo avanti: no ghe n'ho.

Meneghetto: No signor; per grazia del cielo no ho bisogno de incomodarla per questo.

Todero: Ben: la diga donca quel che la vol.

Meneghetto: (Stimo che nol me dise gnanca se me vòi sentar). La perdoni: no gh'àla ela una nezza da maridar?

Todero: Sior no.

Meneghetto: No?

Todero: Sior no.

Meneghetto: La favorissa. Sior Pellegrin no gh'àlo una fia?

Todero: Sior sì.

Meneghetto: No xèla da maridar?

Todero: Sior no.

Meneghetto: Mo perché no xèla da maridar?

Todero: Perché la xè maridada.

Meneghetto: Ghe domando mile perdoni. So sior pare e so siora mare no i lo sa che la sia maridada.

Todero: Ghe domando do mila scuse. Se no i lo sa lori, lo so mi.

Meneghetto: Per amor del cielo, la compatissa l'ardir. E la putta lo sàla?

Todero: Se no la lo sa, la lo saverà.

Meneghetto: Donca no la xè maridada.

Todero: Donca mi intendo che la sia maridada. (con sdegno)

Meneghetto: La prego, la prego; no la se altera, per carità. Son un galantomo, son un omo d'onor; no permetterave mai, che per causa mia l'avesse da soffrir el minimo despiaser. Intendo adesso quel che la vol dir. El l'ha promessa, e i omeni d'onor, i omeni che fa conto della so parola, co i ha promesso una cossa, i la considera come fatta. Bravissimo; son persuaso, lodo el so bon costume, e me ne consolo con ela infinitamente.

Todero: (Sì ben, sì ben, el gh'ha bona chiaccola. A véderlo, no credeva tanto).

Meneghetto: (Xè un'ora che stago in piè. Debotto no posso più).

Todero: Orsù, gh'àla altro da comandanne?

Meneghetto: Se la me permettesse, gh'averia qualche altra cossa da dirghe.

Todero: La prego de destrigarse.

Meneghetto: Me despiase de véderlo a star incomodo.

Todero: Me despiase anca a mi.

Meneghetto: La se senta.

Todero: No gh'ho tempo da perder.

Meneghetto: (Pazenzia. Sopporterò). Me onoreràvela de dir a mi, chi sia la persona a la qual l'ha promesso e, segondo ela, l'ha maridà sta so nezza?

Todero: Cossa ghe importa a ela a saverlo? Cossa gh'ìntrela in ti fatti mi?

Meneghetto: Per amor del Cielo, no la se scalda, la me tollera con bontà. No son qua né per turbar la so pase, né per arrogarme quell'autorità che no gh'ho. Son qua per ben, e la resterà persuasa de la mia onestà, e de la mia bona intenzion. Vorla favorirme de dir chi sia sto novizzo?

Todero: Sior no.

Meneghetto: La me permetterà donca, che mi ghe diga che el so.

Todero: La lo sa? (con maraviglia)

Meneghetto: Per obbedirla.

Todero: La diga mo, chi el xè.

Meneghetto: Sì, signor, subito. El fio del so fattor.

Todero: Da chi l'aveu savesto, sior? (con isdegno)

Meneghetto: No xè necessario che ghe diga de più.

Todero: Vòi che me disè, chi ve l'ha dito.

Meneghetto: Ghe lo dirò; ma prima la favorissa ela de dirme, per che causa ste nozze che xè per farse, e che segondo ela xè fatte, la le ha tegnue sconte per el passà, e la seguita a volerle sconder presentemente?

Todero: Ve tomo a dir, che non ho da render conto né a vu, né a chi che sia, de quel che fazzo, e de quel che voggio, e de quel che penso.

Meneghetto: Perméttela che ghe diga, che no solo mi so quel che la fa, ma anca quel che la pensa?

Todero: Come? Seu qualche strigon?

Meneghetto: No, signor, no son un strigon; ma son un zovene che, per grazia del cielo, gh'ha tanto lume che basta per conosser i omeni, e arguir dalle operazion i pensieri e i sentimenti interni che le ha prodotte. La soffra, sior Todero, la soffra con bontà che ghe diga, che un omo de la so sorte, in concetto de omo ricco, de omo d'onor, gh'ha rason se el se vergogna de far saver al mondo una debolezza de sta natura, che no merita de esser approvada da chi che sia.

Todero: Coss'è, sior? Chi ve manda? Chi v'ha imboccà? Per chi me vegnìu a parlar?

Meneghetto: Nissun me manda. Vegno mi, da mia posta. Parlo per ela, e se ho da confessarghe la verità, parlo anca per mi.

Todero: Oh! adesso intendo. Seu quello che ha domandà mia nezza a so mare, e che so mare ve l'aveva accordada senza de mi?

Meneghetto: La perdoni. Una mia zermana ha parlà. Qualcossa xè stà discorso; ma l'assicuro in via d'onor, in via de pontualità, che senza el so assenso no se averave concluso mai. So el mio dover, so el respetto che se convien a un pare de fameggia, a un capo de casa, a un omo respettabile della so qualità.

Todero: (No se pol negar, che nol gh'abbia delle massime da omo civil).

Meneghetto: No so se la cognossa la mia fameggia.

Todero: Chi seu?

Meneghetto: Meneghetto Ramponzoli per obbedirla.

Todero: I Ramponzoli li cognosso.

Meneghetto: Me lusingo che nissun possa intaccar in gnente né el mio costume, né la mia civiltà.

Todero: Mi no digo che cussì no sia.

Meneghetto: E no poderia lusingarme, che la me concedesse so nezza?

Todero: Mia nezza xè maridada.

Meneghetto: No la xè maridada. (flemmaticamente)

Todero: Sior sì, che la xè maridada. (con caricatura)

Meneghetto: Ghe domando perdon: no la xè maridada. (come sopra)

Todero: Son in parola de maridarla, ho promesso de maridarla, e posso dir: la xè maridada. (con isdegno)

Meneghetto: Col fio del so fattor?

Todero: Con chi me par e me piase a mi.

Meneghetto: Za che da mi l'ha sofferto tanto, la supplico de soffrir anca questo. Se dise che la la vol maridar al fio del so fattor, gnente per altro che per el sparagno miserabile della dota.

Todero: Chi dise sta baronada? Chi dise sta falsità? No xè vero gnente. Ghe dago sie mile ducati. E se no credè, vardè, e disèghelo a chi nol crede; e disèghe a ste lengue indegne che me crede un avaro, che son galantomo, e che ghe dago a mia nezza sie mile ducati, sie mile ducati, sie mile ducati. (colla carta alla mano)

Meneghetto: Come! la ghe dà so nezza al fio del so fattor con sie mile ducati de dota, e no la se degnerà de darmela a mi?...

Todero: La xè maridada. (con forza)

Meneghetto: No la se degnerà de darmela a mi, che la toria senza dota? (caricando la voce)

Todero: Senza dota? (con maraviglia)

Meneghetto: Sull'onor mio, senza dota. (caricando, come sopra)

Todero: E un omo della vostra sorte se marideria senza dota?

Meneghetto: Anzi; siccome per grazia del cielo no son in stato d'aver bisogno, mi no vago in cerca de dota.

Todero: Caro sior, se vorla sentar?

Meneghetto: Grazie a la so bontà; (prende una sedia, e siede) e ela no la se senta?

Todero: No son stracco. (resta pensoso)

Meneghetto: (Pol esser che l'avarizia lo persuada). E cussì, che risposta me dàla?

Todero: Caro sior... L'ho promessa... El contratto xè sottoscritto... Lassè che torna a lezer sta carta. (finge di legger piano)

Meneghetto: (Voggia el cielo, che la vaga ben).

Todero: (Senza dota! El saria el mio caso. Ma in sostanza, che dota ghe daghio a Desiderio e a so fio? Gnanca un bezzo. Xè vero che maridando mia nezza co sto sior, in fazza del mondo parerave più bon... Ma chi farà i mi interessi? Se desgusto Desiderio e so fio, chi me servirà? Bisognerà che paga un fattor, che paga un zovene ... ). (cogli occhi sulla carta, fingendo sempre di leggere)

Meneghetto: Ala letto? Ala visto? Possio sperar? (alzandosi)

Todero: Ho letto, ho visto, ho pensà. Ghe torno a dir, mia nezza xè maridada.

Meneghetto: Come? (mortificato)

Todero: Come! Come! La xè cussì.

Meneghetto: Ma la favorissa...

Todero: La perdoni. Gh'ho troppo da far. No me posso più trattegnir.

Meneghetto: Ma la me diga almanco...

Todero: Gh'è nissuna de là? Oe, Desiderio, dove seu?

SCENA TERZA

Desiderio e detti

Desiderio: La comandi.

Todero: Compagnè sto signor. (a Desiderio) La scusa. Ho da far. A bon reverirla. (parte)

Meneghetto: (Che maniera impropria, incivil).

Desiderio: (Manco mal, che ho tutto sentìo).

Meneghetto: (No gh'è remedio. Anderò da siora Marcolina; anderò a licenziarme). (va per sortire dalla porta per dove è entrato)

Desiderio: Per de qua, la veda, per de qua se va fora più presto. (mostrandogli l'altra porta)

Meneghetto: Avanti d'andar via, vorave riverir siora Marcolina.

Desiderio: No la ghe xè, la veda.

Meneghetto: No la ghe xè?

Desiderio: La xè andada fora de casa.

Meneghetto: La xè andada fora de casa? Bravo. Ho capio. (Costù sa qualcossa. Eh, no me degno de vegnir a parole con lu. Anderò via, e tornerò). (parte per dove Desiderio ha accennato)

Desiderio: Patron reverito. El va via senza saludarme. Poverazzo! Se cognosse el so bruseghin [122]. In fatti... Co ghe penso anca mi... Cossa dirà siora Marcolina? La sbrufferà un poco. E po? E po bisognerà che la sbassa le ale, e che la se contenta anca ela. (parte)

SCENA QUARTA

Altra camera.

Cecilia e Nicoletto

Cecilia: Vegnì mo qua, sior, cossa diavolo me diseu?

Nicoletto: Zitto, che no i senta.

Cecilia: Eh! no ghe xè nissun. Disè, disè; cossa v'insunieu?

Nicoletto: Mi no m'insonio gnente. Ve digo cussì, che sior Todero me vol dar so nezza.

Cecilia: A chi?

Nicoletto: A mi.

Cecilia: Con quel muso [123]?

Nicoletto: Co sto muso.

Cecilia: Eh! via, andèghela a contar ai morti.

Nicoletto: Sangue de diana, che me faressi dir! Cossa sóngio? Un pampalugo [124]? Non ho da saver quel che i dise? Doman m'ho da maridar, e non ho da saver chi ha da esser mia muggier?

Cecilia: Doman v'avè da maridar?

Nicoletto: Siora sì, doman.

Cecilia: Chi ve l'ha dito?

Nicoletto: Sior pare me l'ha dito. E el m'ha dito, che gnancora no diga gnente a nissun.

Cecilia: (Per diana! scomenzo a aver paura che el diga la verità. Se fusse mi, i m'averave dito qualcossa).

Nicoletto: E no dormirò più co sior pare, e mi gh'averò la camera tutta per mi, e lu l'anderà a dormir in mezzà, e mi gh'averò la novizza, e i me vestirà pulito, e anderò fora de casa quando che vorò mi. (gloriandosi di tutto questo)

Cecilia: (La xè una cossa che me farave strassecolar). Come diavolo se pol dar, che el paron ve voggia dar a vu una so nezza?

Nicoletto: Varè, vedè. Cossa sóngio mi?

Cecilia: Ve par che vu v'abbiè da metter con quella putta?

Nicoletto: Co i me mette lori, bisogna che i me possa metter.

Cecilia: Schiavo sior novizzo, donca. (con ironia)

Nicoletto: Ah! Cossa diseu? (allegro)

Cecilia: E de mi no ghe pensè più gnente? (mortificata)

Nicoletto: No ghe penso? Siora sì che ghe penso.

Cecilia: Co sposè la parona, per mi no gh'è più speranza.

Nicoletto: Perché no gh'è più speranza? Co la morirà ela, ve sposerò vu.

Cecilia: Eh! povero mamalucco. Ma mi mamalucca, che no doveva tender alle parole de un frasca [125].

Nicoletto: Oe, no me strapazzè, savè, che ghel dirò a sior pare.

Cecilia: Cossa m'importa a mi? Disèghelo a chi volè vu. Sior sì, sè un frasca, un cabala [126], una carogna.

Nicoletto: Voleu zogar che debotto... (con isdegno)

Cecilia: Coss'è sto debotto? (alzando la voce)

Nicoletto: Son paron anca mi. (si riscaldano tutti due)

Cecilia: Mi no ve cognosso per gnente.

Nicoletto: E ve farò mandar via.

Cecilia: Vu me farè andar via?

SCENA QUINTA

Marcolina, Fortunata e detti

Marcolina: Oe, Oe. Cossa xè sto sussuro?

Fortunata: Siora Marcolina, xèlo questo quel bel novizzo?

Marcolina: Siora sì. Cossa dìsela?

Fortunata: Mo caro! Mo che bella zoggia! Mo che fortunazza che ghe toccheria a quella putta! (ironica)

Cecilia: (Me par anca impussibile, che la parona ghe la voggia dar).

Nicoletto: Le diga, lo Sàle anca ele che son novizzo? Siora Zanetta lo sàla?

Marcolina: Tocco de temerario, ti averessi tanto ardir de pretender de sposar la mia putta? No ti te vergogni, sporco, ignorantazzo, pezzente, de metterte con una mia fia? Cossa credistu, perché ti gh'ha dalla toa quel vecchio sordido de mio missier, che gh'averò paura de farte dar un fracco [127] de bastonae? Se ti gh'averà ardir gnanca de vardarla mia fia, gnanca de minzonarla [128], no ti magnerà più pan, te farò scavezzar i brazzi, no ti sarà mai più omo in tempo de vita toa.

Nicoletto: (Aseo [129]!).

Cecilia: (Oh che gusto che gh'ho!).

Fortunata: Vedeu, sior novizzo? Questa sarà la dota che ghaverè.

Nicoletto: Mo per cossa mo? Cossa gh'òggio fatto?

Marcolina: Cossa che ti m'ha fatto?

Fortunata: No, siora Marcolina, la me compatissa, no la gh'ha rason de andar in colera co sto putto. Elo no ghe n'ha colpa. N'è vero, fio mio? Vu no ghe n'avè colpa. (fingendo dolcezza)

Nicoletto: Mi no ghe n'ho colpa.

Fortunata: Cossa gh'importa a elo de sposar so fia? Disè la verità, a vu no v'importa gnente. (a Nicoletto)

Nicoletto: Mi no, gnente.

Fortunata: Figurarse, se in sta età gh'importa de maridarse! No ghe pensè, n'è vero de maridarve? (a Nicoletto)

Nicoletto: (non risponde e guarda in terra).

Fortunata: Coss'è, no respondè? Ghaveressi voggia de maridarve?

Nicoletto: Mi sì, che me marideria.

Fortunata: Oh caro! e pretenderessi siora Zanetta?

Nicoletto: Mi no pretendo gnente, mi no pretendo.

Marcolina: Via, via, siora Fortunata, ho capio: da una banda lo compatisso. Poverazzo, el se voria maridar, ma no gh'importa miga d'aver mia fia. Ghe scometto mi, che el gh'averia più a caro d'aver Cecilia. (finge anch'ella dolcezza)

Fortunata: Cossa diseu? La sposeressi Cecilia? (a Nicoletto)

Nicoletto: Mi sì che la sposeria.

Cecilia: Bisognerave véder, se mi lo volesse.

Marcolina: La varda, cara ela! che casi! Stamattina cossa m'àla dito?

Cecilia: Mo no védela che no gh'importa gnente de mi? Che el me lassa mi per un'altra?

Marcolina: Per un'altra? Coss'è sto dir per un'altra? Ve metteressi dal pari con una mia fia?

Fortunata: Creature [130], queste xè tutte chiaccole che no serve gnente. Se vede che sti do se vol ben; ma el putto i l'ha fatto zo, e Cecilia se n’ha avù un pocheto per mal. Siora Marcolina, se la se contenta, mi voggio che la giustemo. Co l'è fatta, l'è fatta. Sto povero putto me fa peccà. Cecilia gh'ha del merito, e bisogna procurar de farghe sto ben. Maridémoli [131], e co i sarà maridai, la sarà fenia. Cossa diseu, sior Nicoletto?

Nicoletto: Certo! acciò che i daga de le bastonae?

Marcolina: Mo no, caro fio, no ghe sarà sto pericolo. Diseva cussì, se pretendevi Zanetta, no miga per no darvela a vu, che sè un putto de garbo; ma perché l'ho promessa a un altro, e perché son desgustada co mio missier. Da resto ve voggio ben, ve assisterò, ve defenderò, no ve lasserò mancar el vostro bisogno. Se sior Todero ve manderà via, ve farò trovar un impiego.

Fortunata: Sì, sior Meneghetto ghe lo troverà.

Marcolina: Via, Nicoletto, cossa respondeu?

Nicoletto: Cossa vorla che diga? Mi farò tutto quel che la vol.

Marcolina: E vu, Cecilia, cossa diseu?

Cecilia: Cara ela, co la s'impegna che no ne mancherà pan...

Marcolina: Credo che me cognossè, credo che de mi ve possiè fidar.

Fortunata: Sentì, fioi: quel che s'ha da far, bisogna farlo presto, perché se i lo vien a saver...

Nicoletto: Se mio pare lo sa, poveretto mi.

Fortunata: Oe, voleu che chiamemo do testimoni, e che se destrighemo qua su do piè?

Cecilia: Vorla che chiama Gregorio? (a Marcolina)

Fortunata: Uno solo no basta.

Cecilia: Anderò al balcon, e farò vegnir de suso un de quei zoveni dal caffè.

Marcolina: Sì, via, destrighève.

Cecilia: Vago subito. (Eh! come che nasse i casi, quando che manco i s'aspetta.) (parte)

Fortunata: La ghe nha una voggia, che la s'inspirita. (a Marcolina)

Nicoletto: Lo saveralo mio pare?

Marcolina: Lassè far a mi.

Fortunata: Ve defenderemo nu. Cossa gh'aveu paura?

SCENA SESTA

Cecilia, Gregorio, un facchino e detti

Cecilia: Oh son qua: ghe giera giusto el facchin che ha portà le legne, e se serviremo de elo.

Marcolina: Vegnì qua mo, Gregorio; vegnì qua, quel zovene. Siè testimoni de sto matrimonio tra ste do creature. Via, dève la man.

Nicoletto: Oe, Gregorio, no ghe disè gnente a sior pare.

Gregorio: No saveu? Mi no parlo.

Fortunata: Via, destrighève.

Nicoletto: Me trema le gambe.

Cecilia: Anemo, dè qua. (prende la mano a Nicoletto) Questo xè mio mario.

Fortunata: Via, disè anca vu. (a Nicoletto)

Nicoletto: Coss'òggio da dir? (a Fortunata)

Fortunata: Questa xè mia muggier. (a Nicoletto)

Nicoletto: Questa xè mia muggier.

Fortunata: La xè fatta.

Cecilia: Ve ringrazio, savè, sior Pasqual. (al facchino)

Pasqual: Patrona, magneremo sti confetti.

Gregorio: Sì, sì, andemo, vegnì con mi, che marenderemo. (parte con Pasqual)

Fortunata: Novizzi, me ne consolo.

Cecilia: Grazie.

Nicoletto: Sóngio novizzo adesso?

Fortunata: Sior sì.

Marcolina: Vien zente. Andè de là; per adesso no ve lassè véder.

Cecilia: Andemo. (a Nicoletto)

Nicoletto: Dove?

Cecilia: De là, con mi.

Nicoletto: A cossa far?

Cecilia: Via, mamalucco, andemo. (lo prende per mano e parte)

SCENA SETTIMA

Marcolina, Fortunata, poi Meneghetto

Fortunata: Mo no la podeva andar meggio!

Marcolina: Tegniralo sto matrimonio?

Fortunata: Oe; i novizzi xè in camera; che i lo desfa, se i pol.

Marcolina: Per la condizion no ghe xè gnente da dir.

Fortunata: Siora Zanetta, co la '1 saverà, la salterà tant'alta.

Marcolina: Mio mario ha da restar.

Fortunata: E el vecchio?

Marcolina: E sior Desiderio?

Fortunata: Oh! che rider!

Meneghetto: Eh! sior Desiderio no riderà.

Fortunata: Oe, sior Meneghetto. (accennando ch’egli viene)

Marcolina: Oh! bravo.

Meneghetto: Le perdoni. Ho trovà la porta averta. Me son tolto la libertà de entrar. (mortificato)

Fortunata: Cossa gh'è, sior Meneghetto?

Marcolina: Sior Meneghetto, cossa xè stà?

Meneghetto: Ho parlà, ho fatto quel che ho podesto, e no gh'è remedio. (con a afflizione)

Marcolina: No? (ridendo)

Fortunata: No dasseno? (ridendo)

Meneghetto: Le ride? (con ammirazione)

Fortunata: Anca sì, che ghe xè remedio.

Meneghetto: Mo come?

Fortunata: Oe, a le curte...

Marcolina: Levemolo de pena. (a Fortunata)

Fortunata: Nicoletto l'ha fatta... (tutte due parlano sì presto, che Meneghetto, ch’è in mezzo di loro, rimane quasi stordito)

Marcolina: El s'ha maridà...

Fortunata: L'ha sposà Cecilia...

Marcolina: E so pare no sa gnente...

Fortunata: No gh'avemo più paura de lu...

Marcolina: La mia putta xè in libertà…

Fortunata: E la sarà vostra de vu...

Marcolina: Co el se contenta de aspettar la dota..

Fortunata: Siora sì, l'ha promesso, e l'aspetterà.

Marcolina: Ma destrighemose...

Fortunata: Cossa diseu? (a Meneghetto)

Meneghetto: Oimei! per carità. La me lassa chiappar un pochetto de fià. Tutte ste cosse xè nate in cussì poco tempo?

Marcolina: Sior sì, la xè cussì. Gh'àlo paura che lo voggiemo burlar?

Meneghetto: (Son fora de mi. No so in che mondo che sia).

Marcolina: El par incantà. (a Fortunata)

Fortunata: L'amor, fia mia, l'amor, la consolazion.

Marcolina: Anca mi me sento sbalzar el cuor.

Fortunata: E mi? In sta cossa no gh'intro più che tanto; ma gh’ho una sodisfazion, come se fusse per mi.

Marcolina: Oe, vardè Desiderio. (a Fortunata, accennando ch'ei viene)

Fortunata: Retirève, retirève, zerman. (a Meneghetto)

Meneghetto: Me par un insonio. Ho paura de desmissiarme. (si ritira)

SCENA OTTAVA

Marcolina, Fortunata e Desiderio

Desiderio: (Son intrigà. Vorave dirghelo a siora Marcolina, e no so come far).

Marcolina: (Ancora, col vedo, se me move [132] el sangue). (a Fortunata)

Desiderio: (Figurarse! la sarà inviperia. Ma se mio fio ha da sposar so fia, bisogna ben che ghe parla). Patrona, siora Marcolina.

Marcolina: Patron. (con indifferenza)

Fortunata: Sior Desiderio, patron. (cortesemente)

Desiderio: Patrona. No so se la sappia l'onor che, sior Todero m'ha volesto far. (a Marcolina)

Marcolina: Oh! sior sì, el so. (dolcemente)

Fortunata: Me consolo, sior Desiderio.

Desiderio: Grazie. Mi certo non averave mai avudo sto ardir...

Marcolina: Oh, cossa che el dise! Me maraveggio. (con ironia)

Fortunata: Le cosse, co le xè destinae ... (urtandosi con Marcolina)

Desiderio: (Vardè, vedè, mi no credeva mai che la se quietasse cussì facilmente).

Marcolina: (Oe: el vecchio). (a Fortunata)

Fortunata: (Adesso vien el bon). (a Marcolina)

Marcolina: (Xè tre dì che nol vedo). (a Fortunata)

Fortunata: (Tasemo, no ghe disemo gnente). (a Marcolina)

SCENA NONA

Todero e detti

Todero: Cossa feu qua? Perché no tendeu al mezzà? (a Desiderio)

Desiderio: Caro sior, son vegnù a far le mie parte co siora Marcolina.

Fortunata: Sior Todero, patron.

Todero: Patrona. (a Fortunata, rusticamente)

Marcolina: Patron, sior missier. (dolcemente)

Todero: Patrona. (con ammirazione) Andè a far quel che avè da far. (a Desiderio)

Desiderio: La lassa almanco che fazza el mio dover co siora Marcolina; la lassa che la ringrazia.

Todero: De cossa?

Desiderio: De la bontà che la gh'ha, de accordar anca ela che la so putta sia muggier de mio fio.

Todero: E vu, siora, cossa diseu? (a Marcolina)

Marcolina: Mi no digo gnente.

Todero: Ah? (a Marcolina)

Marcolina: Mi no digo gnente.

Desiderio: No séntelo? La ghe la dà volentiera. (a Todero)

Todero: (Manco mal. No credeva che la se la passasse co sta pachea [133]).

Fortunata: (Mi stimo assae che la tegna duro. Me vien da dar un sbroccon da rider, che debotto no posso più).

Desiderio: Se la se contenta, xè meggio che chiama mio fio, e che se concluda. I m'ha dito che el giera qua. Sàla gnente ela dove che el sia? (a Marcolina)

Marcolina: Mi no so gnente.

Fortunata: Eh! so mi dove che el xè: el xè de là co la so novizza. (ridendo)

Desiderio: Co la so novizza? (ridendo)

Fortunata: Sior sì, co la so novizza.

Desiderio: Védela, sior Todero? (con allegria)

Todero: Sior corno. (con ironia)

Desiderio: Védela, sior paron? El xè co la so novizza. (ridendo)

Todero: Che i vegna qua.

Desiderio: Subito, li vago a chiamar. (parte)

SCENA DECIMA

Marcolina, Todero e Fortunata

Fortunata: (Oe, ghe semo). (a Marcolina)

Marcolina: (No vedo l'ora de sentirli a sbruffar).

Todero: Dove xè Pellegrin? (a Marcolina)

Marcolina: Mi no so dasseno.

Todero: Che alocco! che pampalugo! Nol se vede mai.

Marcolina: Poverazzo! El gh'ha un pare che lo fa tremar.

Todero: Anemo. Scomenzémio? (con collera)

Fortunata: Zitto, Zitto, che vien el novizzo.

SCENA UNDICESIMA

Desiderio tirando per un'orecchia Nicoletto, e detti

Nicoletto: Ahi! ahi! ahi! (dolendosi dell'orecchia)

Fortunata: Oh bello! (ridendo)

Nicoletto: Ahi! ahi! (come sopra)

Todero: Cossa feu? Seu matto? Seu inspirità? (a Desiderio, con isdegno)

Desiderio: Tocco de furbazzo! Tocco de desgrazià! (a Nicoletto)

Todero: Cossa v'àlo fatto? (a Desiderio, come sopra)

Desiderio: Cossa che el m'ha fatto? El m'ha tradìo, el m'ha sassinà, el s'ha maridà.

Todero: Sior bestia, sior strambazzo, no seu stà vu che l'ha maridà?

Desiderio: Sior diavolo, sior satanasso, l'ha sposà la massera. (a Todero, forte)

Todero: L'ha sposà la massera? (a Fortunata, con maraviglia)

Fortunata: Oh, mi no me n'impazzo.

SCENA DODICESIMA

Cecilia e detti, poi Gregorio

Cecilia: Sior sì, cossa voràvelo dir? El m'ha sposà mi. No l'ha sposà una massera, l'ha sposà una cameriera civil, una putta da ben e onorata.

Todero: Pare e fio, fora subito de casa mia. (a Desiderio)

Cecilia: Ah! sior patron, se raccomandemo a la so carità.

Todero: No gh'è carità che tegna. Baroni, canaggia. Fora subito de casa mia. (strillando)

Desiderio: Coss'è sto scazzarne? Coss'è sto strapazzar? Son qua; vòi star qua, e no voggio andar via. (con forza)

Fortunata: Olà, olà, patroni. (alzando la voce)

Marcolina: Oe, Gregorio, andè presto a chiamar mio mario. (con affanno, e forte. Gregorio si fa vedere, e corre via)

SCENA TREDICESIMA

Meneghetto e detti

Meneghetto: Le scusi, le perdoni, coss'è sto strepito? Per amor del Cielo, no le fazza sussurar la contrada.

Todero: Coss'è, sior? Cossa feu qua? Cossa gh'intreu? (a Meneghetto)

Meneghetto: Son passà a caso. S'ha sentìo strepito, s'ha sentìo criar. La zente ha fatto bozzolo davanti la so porta. El capo de contrada voleva vegnir. Tutti voleva intrar. Ho credesto ben d'impedir, e son vegnù mi a offerirghe umilmente e de buon cuor el mio agiuto e la mia mediazion.

Todero: Andè via de qua. Pare e fio, fora subito de casa mia. (a Desiderio)

Desiderio: Ghe torno a dir, sangue de mi, che no voggio andar.

Meneghetto: Zitto, sior Desiderio. No fè strepito, no ve fe nasar [134]. Ve conseggio andar via co le bone: se no mi, vedeu? Mi, per la stima e per el respetto che gh'ho per sior Todero, mi trovarò la maniera de farve andar.

Desiderio: Dove òi d'andar? Cossa òi da far co sto aseno maridà?

Meneghetto: A Nicoletto ghe penserò mi, ghe provederò mi.

Fortunata: E Cecilia, se sior Todero no la vol in casa, la vegnirà a star con mi.

Cecilia: Oh sieli benedetti! Andemo, andemo, el mio caro mario. (lo prende per mano)

Nicoletto: Andemo, andemo. Oh che gusto! oh che bella cossa! Son maridà. (parte con Cecilia)

SCENA QUATTORDICESIMA

Todero, Marcolina, Fortunata, Meneghetto e Desiderio

Desiderio: E mi? Cossa ha da esser de mi?

Todero: E vu tornerè a Bergamo a arar i campi.

Desiderio: Oh! sior patron, la sa con quanta attenzion, con quanta fedeltà l'ho servia. La servirò ancora, per gnente, senza salario, per gnente.

Todero: Me servire per gnente? (con più dolcezza)

Desiderio: Sior sì, ghe lo prometto.

Fortunata: Sior sì, sior sì, el ve servirà per gnente. Ma de aria no se vive. El ve servirà per gnente, e el se pagherà da so posta. (a Todero, forte)

Desiderio: Cossa gh'ìntrela ela? Me vorla veder precipità?

Todero: Tasè là. (a Desiderio) Son poveromo; mi no posso pagar un fattor. (a Fortunata)

Marcolina: Caro sior missier, no gh'avè vostro fio?

Todero: Nol xè bon da gnente. (a Marcolina)

Fortunata: Sior Meneghetto lo assisterà. (a Todero)

Todero: Cossa gh’intrelo elo in ti fatti mii? (a Fortunata)

Fortunata: El gh'intreria, se '1 volesse. (a Todero, dolcemente)

Marcolina: Intèndelo, sior missier? (a Todero, dolcemente)

Todero: Coss'è, coss'è stà? Cossa voleu che intenda? Che zente seu? No savè gnanca parlar.

Fortunata: Parlè vu, sior zerman. (a Meneghetto)

Meneghetto: Sior Todero, la vede che quella scrittura sì fatta xè revocada dal fatto.

Todero: Ben; e cussì?

Meneghetto: Se la se degna de accordarme so siora nezza...

Todero: Via; gh'è altro?

Meneghetto: Son pronto a darghe la man.

Todero: E no disè altro più de cussì?

Meneghetto: La comandi.

Todero: No m'aveu dito che la torè senza dota?

Meneghetto: Sior sì, senza dota.

Todero: Mo vedeu? No savè parlar. Sior sì, son galantomo: quel che ho promesso, mantengo: ve la darò.

Marcolina: Bravo, sior missier, son contenta anca mi.

Todero: No ghe xè bisogno che siè contenta, o che no siè contenta; co son contento mi, basta.

Marcolina: (Mo el xè ben un omazzo!).

Todero: E vu, sior, cossa feu qua? (a Desiderio)

Desiderio: Stago a veder sta bella scena: vedo tutto, capisso tutto. Che i se comoda, che i se sodisfa; ma mi non anderò via de qua. Ho servio, semo parenti. Faremo lite.

Meneghetto: Avanti de far lite, che sior Desiderio renda conto della so amministrazion.

Desiderio: El diavolo che ve porta. Vago via per no precipitar. (parte)

SCENA QUINDICESIMA

Todero, Marcolina, Fortunata, Meneghetto, poi Zanetta

Todero: Credeu che el m'abbia robà?

Fortunata: Anemo, anemo: ve sè liberà, no ghe pensè più. La vegna, la vegna, siora Zanetta. (alla porta)

Zanetta: Cossa comàndela?

Fortunata: (Ala savesto?). (a Zanetta)

Zanetta: (Ho sentio tutto). (a Fortunata, con allegria)

Meneghetto: Finalmente, siora Zanetta, spero che el Cielo seconderà le mie brame e me concederà l'onor de conseguirla per mia consorte.

Zanetta: Sior sì... la fortuna... per consolarme... El compatissa, che no so cossa dir.

Marcolina: Via, dève la man.

Todero: Tasè là, siora: tocca a mi a dirghelo. (a Marcolina)

Zanetta: (Oh poveretta mi!).

Todero: Sposève. (a Zanetta e Meneghetto)

Meneghetto: Questa xè mia muggier.

Zanetta: Questo xè mio mario. (forte con spirito, e presto)

Fortunata: Brava, brava. La l'ha dito pulito.

SCENA ULTIMA

Pellegrin e detti

Pellegrin: Coss'è? Cossa xè stà? Ghe xè strepiti, ghe xè sussuri? Me maraveggio; son qua mi; son paron anca mi. (in aria di voler far il bravo)

Todero: Martuffo!

Marcolina: Saveu che strepiti, saveu che sussuri che ghe xè? Che vostra fia xè novizza.

Pellegrin: Con chi?

Marcolina: Co sior Meneghetto.

Pellegrin: No ve l'òggio dito, che sarave andà tutto ben?

Marcolina: Siorsì, xè andà tutto ben; ma no per vu, no per la vostra direzion. Muè sistema, sior Pellegrin; za che sior missier ha mandà via de casa sior Dediserio, preghèlo che el ve fazza operar, che el ve prova, che el se prevala de vu. In quel che no savè, sior Meneghetto ve assisterà. Mi pregherò sior missier de compatirme, de averme un poco de carità, de non esser con mi cussì aspro, de non esser in casa cussì sutilo. Ringraziemo el Cielo de tutto, e ringraziemo de cuor chi n'ha sofferto con tanta bontà; pregandoli, che avendo osservà che brutto carattere che xè l'indiscreto, che xè el brontolon, no i voggia esser contra de mi né indiscreti, né brontoloni.

Fine della Commedia.

Note

________________________

[1] missier: suocero

[2] vovada: pazzia

[3] che bìsega per tutto: che mette le mani per tutto

[4] tinello: camera destinata a mangiare in famiglia

[5] stomeghezzi: cose strane, insoffribili

[6] sempio: sciocco

[7] da logar: da collocare

[8] intrada: entrata, rendita

[9] che butta ben: che rende molto profitto

[10] co fa: come

[11] sgangolir: penare

[12] tangaro: villano

[13] che se fa la ponga: che si arricchisce, come i polli s'empiono la ponga, cioè il gozzo

[14] pampalughetto: scioccherello

[15] dasséno: davvero

[16] a monte: finiamo

[17] destrighemo: collochiamo

[18] sgalmare: scarpe di legno (calzature dei contadini - ndr.)

[19] negozio impiantà: traffico stabilito

[20] Cossa xè sti musoni?: perché siete ingrognata?

[21] malignazo: per non dir maladetto.

[22] un mondo de roba: un mondo di villanie.

[23] Sior sì: così è.

[24] tettar de mazo: frase bellissima derivata da un senso peggiore e significa: vuole impacciarsi.

[25] zendà: taffetà nero, che portano in testa le veneziane.

[26] da sta stagion: si figura che sia in tempo d’inverno.

[27] possa dir: per una spezie di superstizione, le donnicciuole accompagnavano con questo augurio gli annunzi della propria o dell’altrui salute.

[28] tanto fatta: tanto grassa.

[29] Magari: Dio volesse.

[30] care le mie vissere: termine amicale, come se dicesse: caro il mio bene, cara amica.

[31] bonazzo: buonaccio, assai buono, compiacente.

[32] ose in capitolo: voce in capitolo, cioè l’autorità di parlare ed agire.

[33] ca de diana: lo stesso che per diana.

[34] a si: a sé.

[35] i bo: i bovi.

[36] zerman: cugino.

[37] oracolo: il volgo dice un oracolo, per dire una cosa eccellente.

[38] pometto da riosa: bianca e colorita come una mela rosa.

[39] Se la va col zendà: le figlie oneste e ben allevate in Venezia vanno coperte col loro zendale.

[40] dal dì d'ancuo: al giorno d’oggi.

[41] pua: buono, innocente. (Pua propriamente significa: bambola)

[42] Bezzi contai: in danaro contante

[43] Co sarà serà el contratto: quando il contratto sarà concluso, stabilito.

[44] la metterali all'ordine pulito: domanda se i parenti dello sposo, secondo l’uso di Venezia, manderanno dei bei vestiti alla sposa.

[45] cossazze: non cose grandi, di gran pezzo.

[46] La sa in che tempi che semo: in oggi bisogna fare qualcosa di più, per uniformarsi al costume.

[47] ghe xè più dì che lugánega: proverbio che significa: convien risparmiare.

[48] sivanzar: avanzare.

[49] sora tutto merli: soprattutto che vi siano dei bei merletti.

[50] Ditto, fatto: detto, fatto: cioè, presto mi spiccio.

[51] Ho giusto da caro: ho piacere.

[52] el novizzo: lo sposo.

[53] stramberia: cosa malfatta.

[54] Gnanca: Nemmeno.

[55] Pezo: ancora meno.

[56] i zermani: i cugini

[57] marsioni: barzelletta tirata dalla somiglianza del pesce anguella col pesce marsione.

[58] andar zo dei bazari: andar in collera:

[59] Destrighè: levate d’imbarazzo, cioè maritatela.

[60] desmissieve: risvegliatevi, cioè prendete coraggio.

[61] gnagnera: flemma, indolenza, timor panico.

[62] piegore monzue: pecore senza spirito.

[63] che sugo: che motivo.

[64] Chi se fa piegora, el lovo la magna: proverbio: chi si rende pecora, si fa mangiare dal lupo, cioè si lascia sottomettere.

[65] pepa: senza spirito.

[66] un fogaron del diavolo: un gran fuoco.

[67] Suppiè: soffiate.

[68] la massera: la serva.

[69] scoar: spazzar.

[70] mia nezza: mia nipote.

[71] me la batto: vado via.

[72] (in mezzà: cameretta adibita a studio o ufficio, soprattutto mercantile, ricavata nell’ammezzato; detta anche mezzanino, ndr)

[73] Ghe son drio: ci lavoro.

[74] Rialto: Piazza de’ mercanti, ch’è come la borsa nei paesi stranieri.

[75] scuoder: riscuotere.

[76] maridèlo: maritatelo.

[77] velada: giustacore. (Cioè, sorta di giubbone)

[78] strambezzo: sproposito.

[79] ghe casca: le succede, le capita.

[80] sempia: sciocca.

[81] stomego: cuore.

[82] no la tegnirò: non lo soffrirò.

[83] co: quando.

[84] ancuzene: incudine.

[85] i sði: cioè, i suoi genitori.

[86] desmissiada: risvegliata, cioè, in questo senso: è ancora timida.

[87] Parlo quell'alocco de mio mario?: Pare egli quello sciocco di mio marito?

[88] darente: da vicino.

[89] mi ho fatto el mal: io ho fatto il male.

[90] spuzzetta: signorina, con ironia.

[91] debotto: quasi: quanto prima.

[92] tema: timore.

[93] (Pareroggio bon: farò una bella figura, ndr.).

[94] suna: sunare in questo senso vuol dire ammassare e custodire.

[95] Sì anca varenta i mi occhi: giuramento popolare, che significa: è tanto vero quanto quanto mi son cari i miei occhi.

[96] Mucchi, mucchi: lo stesso che: zitti, zitti, stiamo zitti.

[97] non me menzonè: non mi nominate.

[98] de vegnir da la villa: di non sapere niente.

[99] i chiappa delle pratiche: fanno delle cattiva conoscenze

[100] (el la pol slongar vostro pare; ma scapolarla no: può tirarla per le lunghe, ma spuntarla no, ndr.)

[101] negà: affogato.

[102] busiaro: bugiardo.

[103] (criminali: brutti fattacci che interessano la polizia criminale, ndr.)

[104] raìse: lo stesso che viscere.

[105] schioppa: crepa.

[106] strani: stranieri.

[107] (basilisco: leggendario serpente dallo sguardo mortale, ndr.)

[108] riva del Vin: una strada lungo il Canal Grande, dove arrivano molte barche cariche di vino.

[109] Metteve su la vesta e el zendà: Mettetevi la gonnella nera e il zendale.

[110] in fià: sottovoce.

[111] buttè a monte sti puttelezzi: lasciate queste ragazzate.

[112] el con e el ron: la sostanza, l’intiero (per filo e per segno, ndr.)

[113] creature: termine d’amicizia.

[114] bezzo né bagattin: niente affatto.

[115] La me fa tanto peccà: mi fa compassione.

[116] bulada: bravata.

[117] a intrigar i bisi: a disturbare.

[118] che se destrighemo: che ci spicciamo.

[119] Fazzo conto: penso

[120] so che ora che xè: prevedo cosa vorrà

[121] ben all'ordene: ben vestito.

[122] bruseghin: dispiacere.

[123] Con quel muso?: segno di disprezzo, volendo dire che non ha faccia che meriti una tale sposa.

[124] un pampalugo: uno sciocco.

[125] frasca: giovinastro.

[126] cabala: cioè cabalone, bugiardo.

[127] fracco: carico.

[128] de minzonarla: di nominarla.

[129] Aseo: aceto.

[130] creature: termine d’amicizia.

[131] maridemoli: maritiamoli insieme.

[132] se me move: mi si rimescola.

[133] (pachea: flemma, calma. Voce marinaresca che significa propriamente bonaccia, ndr.)

[134] no ve fe nasar: non vi fate scorgere.

Biblioteca

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 01 marzo 2011