Bernardo Giambullari

[Firenze, 1450 - ivi, 1529]

Poesie in ottava rima

Edizione di riferimento:

Bernardo Giambullari, Rime inedite o rare, Marchetti, Sansoni Antiquariato, Firenze, 1955

Indice

I. - Rispetti d'amore

II. - Farsetta - [Contrasto di Tonio e del suo creditore]

I

Rispetti d'amore

1

Non so in che modo i' possa salutare

tante bellezze e sì gentil figura,

né qual saluto degno i' possa dare

che si convenga a tua bellezza pura.

Die ti contenti e me ti facci amare

sopr'ogni amor, ché forse per ventura

le tuo bellezze e leggiadri sembianti

disiderati sono da più amanti.

2

La crudel pena che 'l mie cor tormenta

mi fa venire a te con gran sospiri,

e sol di quel che 'l mie cor si lamenta,

ch' a troppi amanti e tuo' begli occhi giri.

Vorre' piuttosto la mie vita spenta

fussi in un punto, che tanti martiri.

Se tu m'ami col cor come tu dici,

perché vuo' tanti amanti per amici?

3

Non può esser perfetto o buono amore

né di pulzella né di maritata

che presti l'occhio a più d'un amatore

e tengasi dell'esser vagheggiata.

Chi vuol godere el tempo con onore,

sol d'un amante istia innamorata:

con lui si die buon tempo, e poi dimostri

di legger salmi e di dir paternostri.

4

Quanta filice vita ha quella dama

che sa tener celato il suo amore

e non risponde a ognun che la chiama;

sol uno amante si ritien nel core.

Se fedelmente l'un l'altro si brama,

gioventù rende con frutto suo fiore;

e chi ama l'onor debbe pensare

di chi e come si debbe fidare.

5

I' posso farti real sagramento

che altro amor non è drent'al mie petto,

se none il tuo, che mi dà tal tormento

ch'i' ho la vita mia quasi in dispetto.

Se non ch' i spero pur d'esser contento,

donna, da te, non sare' più suggetto

di questo amor che tanto mi tormenta,

ma 'n tuo presenza arei mie vita spenta.

6

Se ami il tuo onore in questa vita,

abbi del servo tuo compassione

e non ti far con altro amore unita,

ché tu faresti torto alla ragione.

Con tuo licenza vo' far dipartita.

Iddie ti doni ogni consolazione

che disidera il tuo allegro core,

amando me, salvando il tu' onore.

7

Fin che del corpo mio l'anima fore

per te non esce, non sarai contenta:

tu pensi accrescer fama al tuo valore

avendo per tu' amor mie vita spenta.

Oh, quanta pena n'arà il tuo core,

se tua gioventù passi e poi ti penta!

Ma certo son che tu ti pentirai,

e 'n tempo che dolente ne sarai.

8

I' non credo che sia maggior dolore

che ricordarsi del tempo passato,

essendo suto un filice signore,

e ritrovarsi poi in basso stato;

e credo che gran pena si' al core

vedersi da ognuno abbandonato.

Chi vuol esser servito a' suo' bisogni,

serva l'amico d'altro che di sogni.

9

Se di straziarmi tu ha' preso diletto,

i' spero di vederne la vendetta,

ché mancherà el tuo leggiadro aspetto

e non istarai sempre giovinetta;

e poi ne piangerai con gran dispetto

dicendo: - Crudeltà, sie maladetta! -.

Vorra'ti far benigna e graziosa,

e non ti gioverà nessuna cosa.

10

Credo che la giustizia del Signore

non sie finita e non finirà mai;

e così credo che lo dio d'amore

arà piatà delle mie pene e guai.

Vedrò vendetta del tuo duro core

a me stato crudel come tu sai:

tu ti trovera' vecchia e con gran doglia,

e non arai nessun che ben ti voglia.

11

Questo non è come del confessare,

ch'ognora è tempo tornare alla menda;

sin alla morte si può indugiare,

con tutto che 'l Signor troppo s'offenda.

Ma la bellezza nòn può ritornare.

Or gusta bene e fa' che tu m'intenda,

e non volere istar tanto alla dura

che volto muti tuo bella figura.

12

I' son disposto, dappo' che ti piace,

darti la vita po' che 'l cor m'ha' tolto;

almeno i' uscirò di contumace

se 'l corpo fia dall'anima disciolto.

O Amore, traditor crudo e fallace,

che sì possente regna in tuo bel volto!

che per suo forza, nel fiore de' mi' anni

di gioventù, mi strugge in tanti affanni.

13

O, se la vita mia per te si spegne,

la pover'alma ne va disperata

sol pell'opere tue crude e indegne,

e da ognuno ne sarai biasimata.

Sendo tal foco istato di tue legne,

sì com'egli è, tu se' pur troppo ingrata:

se tu consenti di voler lasciare

perdere un'alma, e tu la puo' salvare.

14

Rimarrà poi di me piatà nel core

a ciaschedun che sentirà l'effetto

della mie morte con tuo disonore,

sendo palese tuo questo difetto.

Fie spento il corpo, e l'alma dal Signore

sarà mandata al fuoco maladetto.

Essendo tu di tanto mal cagione,

l'anima tua n'arà gran punizione.

15

E se tu penserai che questo e 'l vero,

per tua salute ti farai piatosa;

rivolgerai il tuo duro pensiero

quanto se' bella, più sarai graziosa.

Per coscienza qualche refrigero

tu porgerai a mie vita angosciosa.

Ma se piatà in te debbe regnare,

or che gli è tempo, più non indugiare.

16

Avendo tu legatomi sì stretto

co' tuo begli occhi da mille catene

che util, che conforto o che diletto

ne torna a te di darmi tante pene?

Misericordia chiamo e morte aspetto

che 'l caldo sangue diacci nelle vene.

In lei ispero, ed è sì brutta cosa;

e 'nnanzi a te, di me sarà piatosa.

17

O credi tu serbar le tuo bellezze?

Come la neve al sol gli anni le strugge.

Non vedi già delle tuo bionde trezze

come 'l canidolor si vola e fugge ?

Oh, quanto piangerai tuo gentilezze,

e l'esser suta come un fiore all'ugge!

Ma sa' tu quando tu 'l conoscerai ?

Quando fuggire da ognun ti vedrai.

18

Tu vedi per durezza (ombrosa vista !)

dimolte vecchie c'han persi e lor anni,

e ripensando poi lor cor s'attrista

e vivon con invidia e con affanni.

Dell'esser cruda, altro non s'acquista

che odio e sdegno con dispetti e danni;

perché chi ama e non si vede amare,

gran passione il fa poi rimutare.

19

E' c'è dimolte c'hanno per natura,

mentre che son nel fior di giovinezza,

quanto più l'ami, più stanno alla dura,

e fansi crude in vêr di chi l'apprezza;

stimonsi tanto che non han paura

che mai debba finir la lor bellezza,

e con questa speranza se ne vanno

nella vecchiezza con dispetto e danno.

20

E veggendosi poi per loro errore

fuor de' diletti e della bella etate,

maladiscon durezza e spesso Amore,

e più che mai nel cor sono 'nfiammate;

e riveggendo alcun lor amadore

vorrebbon giuoco e le son dileggiate;

e ragion vuol, e chi nol sa lo 'ntenda,

che merito per merito si renda.

21

E' si conviene al fatto dell'amore,

chi si vuole un amante conservare,

esser graziosa e tenera di core,

e quando ha tempo partito pigliare.

Rade in vecchiezza acquistono amadore;

quando si può, non si vuole indugiare:

chi passa giovinezza con piacere,

nella vecchiezza non si può dolere.

22

Quante ne son che mai non han voluto

acconsentir d'amar chi amò loro,

ch'essendo vecchie poi han conosciuto

aver perduto sì ricco tesoro,

la lor bellezza e 'l piacer non avuto,

e veggon non potere aver ristoro;

e per invidia poi queste son quelle

che son nimiche di tutte le belle.

23

Così di molte so che ne vedete,

benché sien vecchie, ell' han giovane 'l cor

perché le sono state nella rete

ed han provato che cos' è l'amore,

e nel gran caldo s' han tratto la sete

ed han saputo conservar l'onore;

e però vivon liete e sanza affanno:

chi non fa quand' e' può, po' s'abbi 'l danno.

24

I' vorre' pur da te, donna, sapere

se in te regna alcuna discrezione,

dappoi ch' i' veggo che col mie potere

non ti posso mutare d'oppenione.

Se tu non mi vuo' ben, fammi 'l dovere

di quel ch' i' t'ho servita, ed è ragione;

se tu non vuoi che poi di te mi doglia,

contenta almen un tratto la mie voglia.

25

Ha' tu però sì poca coscienza

che, se tu pensi a me, non te ne 'ncresca

ch' i' abbi avuto tanta pacienza,

e tanta crudeltà di te non esca?

Oimè, che per quest'aspra penitenza

il mio misero core arde com'esca!

S'i' fussi un cane e stessi con altrui,

i' are' pur le spese almen da lui.

26

I' sono stato a te tanto suggetto

con tanta fedeltà e tanto amore,

e per te ho lasciato ogni diletto;

liberamente a te donato ho 'l core;

e quando i' son dinanzi al tuo cospetto,

par ch' io debb'esser qualche traditore:

per farmi bene el peggio che tu puoi,

tu sguardi ognuno, e me veder non vuoi.

27

I' vorre' sol da te, donna, un piacere:

che tu ponessi fine a tanti guai.

Se tu non mi vuo' ben, non mi tenere

più a speranza, e cortesia farai,

perché mi par, sicondo il mie parere,

avere 'n te perduto tempo assai;

e meglio è ravvedersi qualche volta

che seguir sempre errore a briglia sciolta.

28

I' son disposto e ho diliberato

essere o drento o fuor di tante pene,

dappoi che tanto tempo i' sono stato

per te legato in sì crudel catene.

Fa' tuo pensiero e poi dammi commiato,

se ti dispon di non mi voler bene;

e questo sia per fine di mie' prieghi:

che tu mi sciolga o più stretto mi leghi.

II.

Farsetta

 [Contrasto di Tonio e del suo creditore]

- Salveti Iddio come fa l'erpicetto

alle zolle del campo ch'egli spiana.

I' vorre' pur saper, Ton de Puccetto,

s'i' ho 'spettare un'altra settemana.

- I' ho andare atare a Buon de Netto,

ch'aviamo a bilicare una campana:

que' ch' i' aroe istimati d'avegli,

e potra' far sanza venir per egli.

 

- Intendo avegli innanzi ch' i' me muti,

e tu te credi ch' i' voglia' aspettare:

i' potre' ben po' dir d'avegli avuti,

che credo che t'andresti a deleguare

- Diavol che per due dì tu me rifiuti,

che te possa vedere isgretolare!

Ma tu non gli ara' mai, zecca de capra,

che te venga un malor che 'l cuor te s'apra!

 

- S'e' fusse pur parecchi soldi meno,

ma ell'è un po' troppo gran ragione,

te caverei la camicia de seno,

torre' ti la gonnella e 'l capperone.

Ma i' me caccerò com'un baleno,

e andronne deritto alla ragione.

- Per cinque lire porta el borsellino:

s' tu sapra' fare, tu arai un fiorino.

 

- Die ve mantenga tutti come state.

I' vengo a voi e chieggove ragione.

Messe' lo Podestà, vo' che sappiate

ch'i ho con uno avuto gran quistione,

perch' i' ho aver da lui cinque lirate,

tutti quattrin del gigghio e del lione,

e me vorre' pagar muneta strana

d'una bilicatura de campana.

 

- Costui deb'esser qualche ladroncello

e vuolti di parole trastullare.

Com' hae nome? E' manderò per ello;

dimmelo tosto e più non indugiare.

- Ton de Puccetto, che gli esca el cervello!

che sta lassù rimpetto al casolare.

- Va' per costui e abbil qui menato.

- Prima ch' i' vadi, i' vogli' esser pagato.

 

- Pagalo prima, ch'egli è ben dovere,

el messo nostro ch' ha nome Maciulla.

- Diavol te 'ndozzi ch' ha' tu avere ?

Vuoi ch' i' te paghi e non ha' fatto nulla!

- Intendo per la via di poter bere,

e 'ntignervi di pane una midulla

- Tè, col malanno! e va' sempre de corso,

che te possa affogare al primo sorso.

 

- Tu sia per mille volte el ben trovato,

com è per carnasciale el porco in terra.

Propio dal Podestà ci son mandato,

che tu venga laggiù in una serra.

- I' so ch' i' non me sono indebitato.

Ma beiàn prima, e poi farén la guerra.

Passa qua drento e a seder t'assetta,

ch' i' vo' che no' beiàno una mezzetta.

 

- Or oltre avvìeti innanzi, ch' i' ne vengo,

e di' al Podestà ch' i' mi son mosso.

- Beuto ho tanto ch'i' non mi sostengo,

e abbiàn manicato un pippion grosso.

I' lo lasciai che disse: - I' non me tengo,

e verronne correndo quant' i' posso -.

E' vole torre un de' suo' capperoni

e recarv'entro un paio de buon capponi.

 

- I' non m'addetti per la grande stizza

de recarvi un canestro de meluzze;

ma se a me la ragione se derizza,

doman n'arete duo piene cestuzze:

qual è percossa, qual passa e qual vizza,

e chiamansi per nome mele afruzze,

che bastan vie quinentro de gennaio

e vanne più di mille ent'uno staio.

 

- Die ve dofenda da ciaschedun fallo

e guardivi la roba e le persone.

Per far più tosto i' v' ho recato el gallo,

ché pigghiar non pote' verun cappone.

E' se fuggiron tra 'l bue e 'l cavallo;

i' pigghia' questo che correr non puone:

egghi è gottoso e vecchio e non può 'ndare;

non so se vo' 'l potrete manicare.

 

Fatelo al fuoco molto ben bollire,

e se se cuoce, e voi lo manicate.

Egghi ha fruttato più de cento lire

alle galline ch' egli ha già calcate.

- I' l' ho sì caro ch' i' nol potre' dire;

ma vo' pure che 'nsieme v'accordiate.

Che differenza ha' tu, e che quistione

con costu' qui che mi chiede ragione?

 

- Messe' lo Podestà, questo m'è nuovo

e giurerei ch' i' nol vedessi mai:

i' me ricerco drento e non me truovo

ch' i' sappi che se vuol né che s'abbai.

- Perché me tengo e tosto non me muovo

a darten una che tu tralga guai ?

Fellon cattivo, come 'l sa' tu dire

che tu non debba darmi cinque lire ?

 

- S'i' t'esco drieto e dòtti ento le rene,

i' te fracasserò tutto de netto,

i' te farò squillar tutte le vene

che le parranno le grondi d'un tetto.

E de che diavol ha' tu aver da mene ?

Non so per quel ch' i' non te manimetto.

- Se voi vi date, el cavalier v' invita,

che vi farà sentir la margherita.

 

- Costui deleggia e strazia me e voi,

e hamme dato questo scioperio.

I' ho lasciato a giovo un pa' de buoi,

ch'avevo a compier oggi un lavorio.

Egli arebbe a rifare amendu' noi,

me del mie tempo e voi del cicalio

che fatto avete qui con noi insieme.

I' vogghi' andare e liverar quel seme.

 

- Tu ha' ragione. E te ho conosciuto,

ma non ti voglio affatto gastigare,

ma fare in parte di quel ch' è dovuto

perché tu 'mpari a volere ingannare.

Da' duo fiorini a messer Benvenuto

costì notaio, e lascerotti andare;

e questo fo per tua condannagione:

non ti doler, ch' i' t'ho fatto ragione.

 

- I' priegh'Iddio che ve faccin veleno,

questi danar che voi me gli rubate.

Come ve sostien mai questo terreno,

che 'ntero intero non ci isfondoliate ?

Altri danar non ho né più né meno,

e anche sanza questi me mandate.

Ma voi parevi quel che voi non siate:

che cachiate le rene e le curate!

f i n e.

Indice Biblioteca Progetto 200

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 08 novembre 2007