Anonimo

Laus pro defunctis

Edizione di Riferimento:

Crestomazia della Poesia italiana del periodo delle origini, compilata ad uso delle scuole secondarie classiche dal professor Adolfo Bartoli, ed. Loescher Ermanno,  Torino 1882

Vivus:

Perdona, Cristo, al peccatore

Servo tuo desceplinato;

Misericordia a tutte l'ore

Sempremaie sirà chiamato:

Recomprastel su'm la croce

Dicendo, pate, ad alta boce.

Vivus:

Que è l'uomo che 'l faie sì grande,

E contra luie pon lo suo amore ?

En qual parte, Cristo, el mande

Sì tosto perde suo valore;

Maie non retorna a quista vita

Puoie che l'alma s'è partita.

Mortuus:

Lo spiritu mio è menovato

E i dì mieie non son niente:

Solo el sepolcro a me è lassato,

So abandonato da onne gente

E solo enn-ella fossa schura

Io so lassato su' m quista hora.

Mortuus:

Misericordia, misericordia

A voio grido, amice mieie;

Mo è 'l tempo de la concordia,

Faite biene, o frateie mieie:

La man de Cristo m'à tocato.

Però tantaggio a voie gridato.

Mortuus:

Ei dì mieie sì son passate

Più velocie che cursiere

Ei mieie pensiere son dissipate

Che me pongiono a tutte l'ore,

E quista vesta m'è remasta

Dal mondo che dice: ora non basta.

Mortuus:

Ella mia vita trapassaie,

Cristo, ei tuoie comandamente:

Onde io giaccio en molte ghuaie

E 'l letto mio è fuoco ardente.

Taupini! non saccio que me fare!

Vedete, io non me posso aitare.

Vivus:

L'anema recomparaste

Ell'alto lengno de la croce;

Del sangue tuo el preçço pagaste,

Adunqua non sì sì feroce:

Securre aie misere dolorose

Ch'e tante pene (a) stan renchiuse.

Mortuus:

De pelle e carne me vestiste,

A la tua imagen m'àie formato.

A me la vita concedeste;

Non deggo essere condannato,

Rompe Cristo, le catene,

Famme la via ch'io veng'a tene.

Vivus:

Muovete, Jhesu cortese,

Non essere duro a la concordia

A l'aneme che sonno acese,

Demanda sempre misericordia.

Non so(n) quo faccia (n) qui taupine;

Onno sperança de buon fine.

Mortuus:

Una boce va gridando:

Misericordia, mieie amice;

Pietà e mercè v' ademando,

Ciò è l'anema felice,

Che va venalle per quille pene

E par privata d'onne bene.

Mortuus:

Misericordia v' ademando

Almeno a voie, amice mieie,

Che m'aitate a uscir de bando

Quil che mo non se può per lieie.

La man de Dio sì m'à tocato,

Però vo così taupinato.

Vivus:

Que te poderia valere,

Fratello nostro, a uscir de pene?

Se 'l podessemo sapere

Cosa che te desse alena

Volentiere te serveramo,

Compangno, tuie tanto amamo.

Mortuus:

La lemosena conforta

E famme el tempo abreviare;

E quanto più elpover ne porta,

Più me sento alebecare ;

Chè quando el povero è pasciuto

Alora truovo el grande aiuto.

Vivus:

Dare lemosena non puote

L'uom che pure a sè non basta.

Como vuole c'a dar se mute

Chi non à pan nè de la pasta?

Nonn-è rechiesto a l'uomo dare

Quando convien luie mendecare.

Mortuus:

Chi non me puote aidare de mano,

Almen colla oratione non taccia.

Un altro aiuto è 'l più sovrano,

La sancta messa dir me faccia.

El sacrifizio de l'altare

'E sopra a tuttea Dio laudare.

Devoti:

0 fratello, or ne responde:

Chi serà tua compagnia?

En quista fossa me te nasconde

Sol remarraie notte e dia.

Nonn-àie amico nè parente,

Che non te lasse amantenente.

Devoti:

Molto semo con voie estate,

0 fratel nostro, tuoie compaugne;

E voie mo sete trapasate,

E tutte noie mo sì te piangne.

Pregate Cristo, o buna gente,

Che stia denante, a luie presente.

Devoti:

Per Dio pensate, peccatore,

E a ciò ponete mente:

Vedete el mondo tradetore

A cuie noie stamo servente?

A luie servire quist è 'l merto

Ch'ad onne huomo dà per demerto.

Indice Biblioteca

Biblioteca

Progetto Cantari e serventesi

Poesia religiosa

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 28 agosto 2011