Anonimi

3 Laude di Bergamo

[metà secolo XIII]

[cod. Y. 4. 26. - Biblioteca civica di Bergamo]

Edizione di riferimento:

Giornale storico della letteratura italiana, diretto e redatto da Francesco Novati e Rodolfo Renier, vol. XLIV (fasc. 3.) anno XXII. fasc. 132., Casa Editrice Ermanno Loescher, Torino 1904 - Autore della ricerca: Arnaldo Foresti

I.

[b, frammento Borsetti]

c.8r e segg.

 .    .    .    .    .    .    .    .    .

E quando guardi la tua facia

E' romagni plu fregia che la glaza

Per che a l'è guasta e spudazada

e del so esser desfigurada.

Planzi !

O fiol me, tu me eri dad

Per signior e per podestad,

A darme zoya e alegreza,

E tuto m'è tornàd in granda tristeza.

Planzi !

Perzò me parla e sí me di'

Que demo far Zoan e mi?

Se tu no me parli, e' voy morí,

Ni de quest mal e' voy guarì.

Planzi!

Cescadú di to m'à abandonada

Se no Zoan e la beada,

Quela che à nom la Mandalena

Che porta mego dolor e pena,

Planzi !

E li altri me dolce seror

Che semper sta in grand dolor.

Doncha me to' e sí nom lassà,

Ché de quest mond e' voi passà.

Planzi!

O vita mia eio te alevè,

Cum grand' alegreza e' te nudrigè,

E in una ora tu m'abandoni:

Chi te offende tu i el perdoni.

Planzi !

Pàrlem in pocho, angel me bel,

La tua pena è 'l me cortel;

L'anima mia si passa

E d'alegreza si fa bassa

Planzi !

Ché a nol fo may in questa vita

Alcuna femina xí afflita,

Cum tu me lassi tribulada

E da omnia parte desconsolada.

Planzi!

E Cristo respós: O mader mia,

Al me convé far questa via;

Per to fiol te lassi Zoan

Che sta tego trist e gram.

Planzi !

E po' guarda in su verso lo pader,

E sí 'l chiama, olzando la mader:

In li to ma, o signior me,

E' te recomandi lo spirito me.

Planzi !

E po' inclina quel la testa

E stramortí tut in la vista

Per ol spirito che se partiva

E tut ol mond che se ascuriva.

Planzi !

E quela inclina [1] dolorosa

Ch'era xí trista et angustiosa

Cazela in terra strangossada

Per lo so fiol che l'abandonava.

Planzi !

E po' disse a li seror:

Consolém in quest dolor

Del me fiol, che a grand tort

Per li zudé anchó el m'è mort.

Planzi!

E li respós: O mader mia,

Consoléf nostra tapina,

Che ol to fiol si salvarà

Omnia hom che in lu credí vorà.

Planzi!

Mader de Crist che è salvador

Pregél per tuti i peccador;

Che quand eli passarà del mond

Che 'l ie defenda dal profund.

Planzi!

Chi vol seguir la bona via

Prendia la sancta disiplina,

Non dórmia plu in ti peccad

Che Cristo n'aspegia al regnio bead.

Planzi !

II.

Ceschadú sí pianga cum dolor

La passion del salvador,

Dolce segnior omnipotent

Che sufri pena e troment,

E Iuda si fe' lo tradiment,

Donde tu morisse su la cros.

Trenta dener ne recivè

Quel fals malvas che te vendè;

E per me' la bocha el te basà

Quand i Zudé si te pià.

Ay te mena cum tal foror

Cum se tu fos stad un malfactor,

Denanz a Pillat ay te menà

E falsament ay t' acusà.

E tuti cridava ad alta vos

Moria Yhesu malfactor!

El se apella re di Zudé

E si se fa fiol de Dé.

Ay te spoya i pang del dos,

E sí te bate tuta la not;

E per la facia ay te spuda,

De spin pongenti ay te incorona.

E per farte plu fort desnor

Portar te fi in col la cros,

E tuti cridava è si disiva

Crucifiga crucifiga!

E su la cros ay te drizà

Li man e li pe ay t'ingiodà

In mezo te mis de do ladró,

Lu salvas e l'altro no.

La madre sua era illo apres

Che lo vediva penar ades,

E sí ie disiva: O vita mia,

Tome tego in compagnia!

O dolorosa vita tapina

L'anima mia si fi partida;

Dame la mort, fiol me car,

Ché 'l corpo me sí se fend e sí se part.

E Yhesu Cristo si ie respós

Humelment in plana vos

Per to fiol te lassi Zoan,

E a lu te recomand.

Sancta Maria sí planziva

E cum li palmi se bativa;

E san Zoan la consolava

E fortament sí lagremava.

E lagremand Zoan sí disiva

Mader de Christo, virgina Maria,

Per quei dolz frug che tu é portàd

Tuto lo mondo serà salvàd.

Ella respós: Dolenta mi,

Morta fosse in questo dí!

Volzívasse verse la zent,

E fasiva questo lament:

O voy che andé per me' la via,

Vegnid, a vedi sta doya mia,

Se al fo may alcun

Somient al me dolor.

E Yhesú Christo dis: E' ò sid;

E y ga sporzi fel e asid,

El creator non vols circhà,

Poy sí dis: A l'è consumad.

Quand ven illa ora dela sexta,

Cristo leva al celo la testa,

Chiamavel el padre, e sí disiva:

E' te recomandi l'anima mia.

Abassa li ogi e stramortí

Per lo spirito che se partí.

La mader sua sí 'l guardava,

Cazela in terra strangossada.

Lungin ebreo non demorà,

D'una lanza l'implagà,

Sanguo et acqua si ne insí,

E tut ol mond s'ascurí.

E tuta la terra sí tremava

E molti corpi resusitava.

Insiva fora di monumeng,

Che era stati morti longo temp.

E la mader del creator

Si stava illò cum grand dolor;

Era plu trista e desconsolada

Del so fiol che, l'abandonava.

E li seror la consolava

E sí disiva: O mader beada,

Ceschadú che in del to fiol credirà

L'anima sua salva serà.

Ceschadú pregi Crist veras

Che al na conservi in bona pas,

Che al ne guardi tuti day peccad

Cum sia defis dal fogo eternai.

Amen.

III.

Salve Jesu Christo salvator superno,

Misericordia, misericordia, padre eterno;

E l'anima col corpo guardi da lo inferno;

Misericordia Jesu agnello inmaculato.

Salve Jesu Christo tanto flagellato,

Alla colonna nudo forte se' ligato,

Di sputo e di sangue per tuto se' bagnato;

Misericordia Jesu ne l'orto ingenochiato.

Salve Jesu Christo da l'omo judicato,

Ne l'ora de la terza sul monte se' menato,

In mézo di ladroni in croce se' levato;

Misericordia Jesu padre glorioso.

Salve Jesu Christo col capo tuo spinoso,

Misericordia che Jesu in croce vego sanguinoso,

In signo del cel e de la terra posto glorioso;

Misericordia Jesu ch' i' ò molto peccado.

Salve Jesu Christo col capo inchinato,

In su lo legno della croce molto scy penato

Per dare pace e gratia a l'omo tanto ingrato;

Misericordia Jesu a l'anima donçella.

Salve Jesu Christo con la tua bocha bella,

Tremano li lapri e la lingua non favella,

Serrati son i denti in la morte cruda e fella;

Misericordia Jesu ay peccadori gramosi.

Salve Jesu Christo con li ochi lacrimosi,

Serrati son in croce che tanto erano piatosi,

Tu stay per noi penoso con li ochi gratiosi;

Misericordia Jesu che non sia dannato.

Salve Jesu Christo in croce saciato,

Con la cana felle e mirra te fo dato,

Quando dicesti: Sitio, l'aceto fo mirrato;

Misericordia Jesu per noi crucifigato.

Salve Jesu Christo in croce vulnerato,

Il core ce mostri col petto insanguinato,

Aqua con sangue spargesti lanceato;

Misericordia Jesu per tuto il mondo adorato.

Salve Jesu Christo in croce consumato,

Quando ti fo aperto con la lanza il costato

Dal principo Longino mandato da Pillato;

Misericordia Jesu vita nostra.

Salve Jesu Christo alla toa man dextra

Con fossa desnodata per la salute nostra

Chiavata su la croce senza colpa vostra;

Misericordia Jesu cum pia voce.

Salve Jesu Christo che pendi in su la croce,

Da la man sinistra con le vene dolorose

Le quale vide Maria tute sanguinose;

Misericordia Jesu a tuta gente.

Salve Jesu Christo dal corpo pendente,

Con lo capo basso inchinato se' dolente,

Pur per abrazar ogni omo che se pente;

Misericordia Jesu che semo in i peccati missi.

Salve Jesu Christo con i pedi tanto fissi

E l'uno sopra l'altro fortemente missi,

Su l'alta croce col chiovo crocifissi;

Misericordia Jesu Christo ora may.

Salve Jesu Christo non te partir già may,

Tanto m' ài aspettato ch' ancora ni aspectarai,

In fine a la morte e poi me darai;

Misericordia Jesu Christo, gloria cum li angioli.

Salve Jesu Christo cum la tua madre pia

Del sancto paradiso mostraci la via,

In sempiterno laude a Jesu Christo sia.

 

Nota

_________________________

[1] Così il ms., e forse è un errore dell'amanuense, il cui occhio scappò un momento al primo verso della stanza precedente: o forse è una didascalia che si riferisce all'atto del coro in questo punto, introdotta nel verso.

Indice Biblioteca

Biblioteca

Progetto Duecento

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 28 agosto 2011