Anonimo

Insegnamenti a Guglielmo

codice vaticano latino 4476)

Edizione di riferimento:

Poeti del Duecento, a cura di Gianfranco Contini, (vol. II de La letteratura italiana. Storia e testi, diretta da Raffaele Mattioli, Pietro Pancrazi e Alfredo Schiaffini), Milano-Napoli, Ricciardi, 1960, tomo I, pp. 173-185 (nuova edizione Ricciardi-Mondadori, 1995).

note tratte da G. Contini e integrate da G. Bonghi

Compagnọ Guliemo, tu me servi tropo,

e no me lo çitar possa adosso [1];

mandote saluto quanto e' posso:

Deo te faça [2] a bon porto arivar.

 

Ve' e recevọ ço ke te mando in scrito,              5

e no fastidïarẹ [3] lo me' dicto [4]:

pregote ke tu 'l debie governarẹ [5].

 

Questo te conseg[i]o de schivare,

ke multi n'à fato desvïare [6]:

lo zogọ [7] de la buschaça [8] a lo 'mprumar [9].               10

 

E l'autro: eser tropo bevatore [10],

quel conduçe l'omọ tosto a desenore [11]

e falo de grant presio [12] desmontarẹ [13].

 

Brigar [14] cu lẹ puitane [15] è mortal peccà;

l'anima e 'l corpo sì n'è fortọ damnà;                       15

ki l'à per usu [16], ben dé mendigar [17].

 

Ki requere e volẹ ço ke te digo [18]

no pò starẹ ke no fïa mendigo [19];

intel paradisọ no porà intrarẹ.

 

Se tu vo' star al mondo cortesament                20

e vo' eser amà da tu[ta] çentẹ,

ben guarda quan' tu po' de v[i]lanar [20].

 

Se per ventura tu no à' melle [21] in bota [22],

fa' sì ke tu n'abie in la tua boca;

parola dolça gran pax fas farẹ.                                25

 

Omo ke sia malparlerẹ d'altrù,

no te voler acompagnarẹ con lu:

tosto av[r]istu le so mende imparare.

 

Se tu staré con bona brigata,

seguramentẹ poré andarẹ per strata:                      30

a l'autrù mal se pò l'om castigarẹ. [23]

 

Tu[t] è venduto ki prendẹ rea compagna: [24]

multa fiata perçò tes lo bregagna; [25]

fam fa l'omo tristọ e tostọ perigolarẹ. [26]

 

Quel omo fo nato in bon segno [27]                     35

ke prenderà dal savio conseg[i]o

e savrà altrù ben conseg[i]arẹ.

 

E quel fu nato in rëa ventura

ke briga [28] a 'sto mundo in tal mesura,

e [a] tuti so vesinị se fas blasẹmarẹ. [29]                      40

 

Né no andar de nocto per la tera:

si no, te traré adosso l'autrù guera;

quel k'e levà, tosto se pò incargarẹ. [30]

 

Per si [31] s'agata tostọ ke non è bon, [32]

ni no se lava tostọ con' fa 'l savon: [33]                        45

per molte colse se pò l'ommọ vastarẹ. [34]

 

Con l'omọ ke spende più k'el no gaagna,

no volere intrare in sua compagna:

tostọ te farafọ [35] venire a mendigarẹ.

 

E quel ke spende lọ so e no sa com',                50

no ne serve a Deo ni a om:

primament pensa quando dé' spensar. [36]

 

E donar quando vo' alegrament,

se tu 'l vo' dare, fa'l cortesament:

per bel semblante se fa l'omo amar. [37]                     55

 

Quel servixio no varà nïent

ki fi fato a l'omọ desconosent: [38]

a cui tu servi no ge l'imputarẹ.

 

Un servisio è ke li [aut]ri [avança]:

ki servo a Deo sanza di[morança]                           60

segurament porà alberga[r].

 

Se tu fi' convitato a [la] mensa,

de poco favelarẹ te sia a m[ente]:

là u' te fi dicto, tu te dé' asentar.

 

S'el t'è dato a mag[i]ar con al[tra] [çento],      65

ke sia maor de ti o menor de t[empo],

tosto te costuma de tag[i]ar.

 

Tan' ke tu mange, no levar lo na[po],

né no tẹ purgarẹ lo naso sança d[rapo];

poi a due man lo napo di' levarẹ,                             70

 

bever un poco u quant t'è necesso,

e po l'à' mete al compagnọ sì presso

k'el posa beverẹ sanza invitare.

 

E dè' mandegar tant fi' ke te basto:

non è bon pre[n]der trop[o] gran pasto;          75

ki l'à per usu, ben dé mendigar.

 

De povertà pò scampar l'omọ ke l'à;

de felonia çascu[n] ke l'à fiarà;

bïà quelù ke se n'à gu[a]rdar.

 

Quel[ù] se fatiga ben inderno                           80

ki in roto vaselo fa governo:

in omọ vano no te parentar.

 

Grande pene conven sofrire quelù

a ki besogna de pregar altrù:

è quela cousa dura da provar.                                 85

 

Ancora n'è un'altra k'e mag[i]or:

l'omo quando el prega so peçor;

quel k'à la dog[i]a no sa que far.

 

E star in altrù força è gran dollo[r],

quel ke l'à provà lo sent al corẹ                                90

.   .   .   .   .   .    .    .    .    .  [ar]

 

Note

_________________________

 

[1] çitar ... adosso - rimproverare

[2] faccia

[3] avere a noia, non infastidirti per la mia poesia

[4] componimento

[5] conservare

[6] allontanare dalla retta via

[7] gioco

[8] bisca (clandestina) con accento peggiorativo

[9] in primo luogo

[10] bevitore, ubriacone

[11] disonore

[12] pregio

[13] cadere in basso

[14] avere a che fare, andare insieme a/con

[15] puttane, prostitute

[16] per abitudine

[17] mendicare

[18] ço ke te digo: si riferisce alla lussuria

[19] mendicante: chi ama e pratica con volontà solo la lussura, non può che diventare povero e mendicante, e quindi non potrà entrare nel aradiso.

[20] commettere villanie

[21] miele

[22] botte, bottiglia

[23] correggere

[24] compagnia

[25] contratta, vende

[26] correre pericoli (rende l'uomo cattivo e lo fa vivere nel pericolo)

[27] l'uomo che è nato sotto buona stella

[28] litiga

[29] si fa biasimare da tutti i suoi vicini

[30] incolpare: chi gira di notte può essere facilmente incolpato

[31] si = lui

[32] si sospetta che lui non è una persona onesta

[33] e l'accusa non si lava via come si fa lavandosi col sapone

[34] per molte cose l'uomo può essere rovinato

[35] presto ti farà venire a mendicare

[36] prima di tutto pensa a quanto deve sperperare

[37] l'uomo si fa amare per il suo comportamento affabile

[38] che fu fatto a un uomo irriconoscente

Indice Biblioteca

Biblioteca

Progetto Duecento

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 28 agosto 2011