Anonimo urbinate

I dolori di Cristo e le pene dell'Inferno

Testo di riferimento:

Rime giullaresche e popolari d'Italia, a cura di Vincenzo De Bartholomaeis, Arnaldo Forni editore, Sala Bolognese 1977, per gentile concessione della Casa Editrice Zanichelli di Bologna – copia anastatica dell'edizione del 1926.

Urbino, Archivio della Confraternita di S. Croce. Laudario.

Edizione cartacea di G. Grimaldi in Studj Romanzi, XII, pag. 72.

.  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  . 

.  .  .  .  .  .  .  maravella si dolea

Ke per fillolo Ihesu Christo avea;

En tanta povertate se vedea

K' aiutar né valer no lo potea;

Molto fó smesurata la follia;

Perké scuntrao

Ke tanto l'Alto Re se humilao

Ke della umana carne se incarnao,

E poi gio per lo mondo e ppredecao

E dodici discipuli acquistao,

Quando nostra salute annuntiao;

Et tra li quali fó ki lo falçao

E ffó traduto!

E pper trenta denari fó venduto

Quello ked era da Celo venuto,

Volendo araquistar l'omo perduto

Lo quale facto avea de vile luto;

Da li Iuderi fó preso e bbactuto

E la faça li fó plena de sputo

E dde lordura.

E ccolpa non aveia la carne pura

Ke dovesse pater tanta laidura

Per fallo ke facesse criatura;

Sença rasone e ssença dirictura

Li dero sì crudele battetura

Ke la biankeça quasi tornò scura

Del sangue alliso.

Como a llatrone davalli arriciso,

E ttucto li çoçavano lo viso,

Perkè lo volea dare Paradiso;

A la colunna fó al martorio miso,

E ppoi se nne facéno skerni e rriso

Et ordenaro como fose ucciso

Plu vilmente.

Or ki vide jammai si vile gente?

A Ihesu Cristo k' era lor parente

Davano pena sì crudelemente

Sença avere colpa di nigente;

Fecero uno consillo fraudulente:

Ke dovesse gridare insemblamente

Onne criatura

La morte de la lucida figura

Co pplu si li potesse dare dura.

.  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .

Ke Salamone avea fra le soi mura

De lo palaço bello a ddesmesura,

Lo quale ce no prese derictura

Per nulla bina.

 Fine ke venne la nostra Regina

Ke sse sapesse la sua medecina,

E Ssalamone per plu gran doctrina

Lo mise a la probatica piscina;

Però ke l' Alta Signoria divina

Non ce potesse morte e ddisciplina

Per lo so grato.

L'Alto Signore Deo l'avea ordenato

Ke quello lengno fosse retrovato;

Quando fó Ihesu Cristo judecato

Et a ccusì crudele morte dato

Per ll' omo ke commise lo peccato;

Inn esso morendo fó deliberato;

E ccusì avenne.

En quello legno la morte sostenne

Cristo, lo quale per nui salvar venne;

Ora pensate quant'amor ne tenne

Ke sse degnò vistir le nostre penne!

Et ancor trova tal ke lo revende

E ssi desdegna, s' omo lo reprende

De quello errore!

Or ke farà lo mixer peccatore

Ke ssì villano è stato a sso Signore

De l' angososa morte e ddel dolore

Lo quale sofferio per lo so amore,

Per trarlo de lo foco e ddell'ardore

In ne lo quale gia sença tenore

Ki avea peccato?

Morendo Cristo, fó deliberato

Onn' óm k' era a morte condannato;

E nne redusse in sì nobele stato

Ke ne potemo far ço ke nn' è grato;

E ppoi lo Paradiso n'à ordenato

Ké sse nçè posi ki è travallato

Per lo so amore.

Loco receverà gloria et honore

Cum quilli canti plini de dolçore

Li quali se fa nanti a lo Signore;

E ttanto sentarà sì dolçe oddore

Ke d' onne ben el averà sapore;

Prenderà luce da lo Creatore

Ked è splendente.

Or ve lo guadangnate, bona gente,

Fine ke site e lo mondo presente!

Ka nno fó facto peraltro, almio parvente,

Si nno como niscisse puramente;

Sì ccomo l' acqua ke turbore sente

E nnella rena sclara, mantenente

Deven pulita.

E ccusì voi ke sit' en esta vita,

Ke potete far l' opera complita

De gire a Ihesu Cristo ke ve invita,

Non aspettate l'ultima finita!

Ké cki non pilla la bona partita,

A mmalo porto la sua nave à ll'ita,

Ké va in Inferno.

E lloco pate ria state et overno:

Da poi k' è scripto ne lo mal quaterno,

Nullo vedete luce in sempiterno:

No li guarisce medico Salerno,

Piore flume passa k' el Biserno;

Lo loco perdon lo lume e nno descerno

Li ssagurati.

Quilli ke nne le pene so mandati

Ke nnon se confessar de li peccati

Dall' infernal demunia so pillati,

E ssì so ne lo foco strascinati,

E ppoi ne la freda acqua so bagnati,

E ppoi so co li graffii graffiati

E nnocte e dia.

Onne demunio ç' à so signoria

En dare pena all'alma ked è ria

Così com' à commessa la follia

L'è ordenata le pena ove stia;

La gentileça e la rickeça sia

È tutta consumata e gita via

Sì ccomo sale.

Amico né pparente no li vale

Ke lo retraga de pena eternale;

Da poi ke ll'omo è preso a ffare male.

Non si li dice mai: « Quist' è cotale »;

Se ffosse Papa voli Cardinale,

Da poi c' offende a Patre celestiale,

È ccondannato !

 Da li serpenti tuct' è morcecato

E dde sproni de ferro è ssì adornato

Co pertusato el dosso e lo costato:

Intra 'n un fiume scuro e desolfato;

Ov'è la rota ke nno stato né stato:

Quando lo peccatore c'è mandato,

A ssé lo pilla.

Cum graffi de ferro lo dissilla,

Gettalo 'n alto tucto, lo scarmilla,

Ka nnon ce reconosce mamma filla,

'N un flume tenebroso a mmeravilla

.  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .

.  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  la trista familla

Dei peccaturi.

Quilli so bagni plini de doluri,

Ove so missi li malefacturi

K'enn esto mundo foro gaudeturi:

Plu amar le vergongne ke ll' unuri

E nno tennero a ppreço lor milluri;

S'audivano parlar predecaturi,

Levavan grido.

E pperò nell' Onferno o facto nido,

Ove bacto li denti, plango e strido,

E pponto de reposo non aquido;

Ben pare ke li bacta, te lo affido;

Così a quilli ke ddel male riddo,

Detratiando, lor medemmi uccido

Li taupini.

E li demunj grandi e ppiçolini

Accorro co li graffii e cco l'unçini;

Ben fo parere ke sso mal vicini

A cquilli ke ffor falsi pilligrini,

Ke nno gero diricti lor camini,

E ddeforençaro li consilli fini

Per lor fullia.

De libertatate intraro in manentia,

E dde gintilitate in villania,

E dde largitate ne scarsia;

Perké lassaro la diritta via,

La quale ver lo gran Signore gia,

Ove regna la Vergene Maria

E ll' altri santi.

Nostri parenti foro tucti quanti:

Perké vollero Deo aver davanti,

So in Paradiso a cquilli dulçi canti;

l' altri taupini misiri et affranti

Ke delectaro a li denari sonanti

E nne lo Inferno so sogiti tanti

K' è forte cosa!

Li taupinelli jammai n' ono posa:

Da ke entrano la porta tenebrosa,

l' alma, ke fó creata pretiosa,

A lo nemico poi devenne sposa;

Com'era innanti stata delectosa

Così po' g'è dolente e llacerosa;

Da ke de spera

Fo splandiente, torna scura e nnera;

Però ke ssì l' è stenta la lumiera

De Ihesu Cristo, k'è de luce vera,

Lo quale alluma l'alma veretera

Ke cuntra a lo nimico fa frontera;

Commacte mane e jorno, notte e ssera

E nonn allenta.

E ccosì lo nemico recredenta,

Ké, quando se la crede avere vento,

Et ella plu sse studia et argomenta

E ll' averseri poi se nne sconventa;

Vedendo ke ce perde la sementa,

Lassala in pace, jammai no la tenta

E vase via.

Or voi k' avete questa signoria

De fare male e bbene notte e ddia,

Per Deo, non sequetate la follia:

Pregate l' alta Vergene Maria 

Ke pregi lo Fillo ke nne dia

A ffare cosa ke pplacer li sia

Sença tardança.

Sì cc'ammendino la nostra offesança

C'avemo decta e ffacta 'n abundança

A lo Signore pleno de pietança

Ké ppoi possano gire all' allegrança.

Là dove interamente è delectança:

In Paradiso;

A cquella concreança

Gloriosa,

Ove receve Cristo la sua sposa.

Amen.

 

 

Indice Biblioteca

Biblioteca

Progetto Duecento

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 28 agosto 2011