Marco Polo

 

Il Milione (veneto)

in lingua veneta

 

 

 

Edizione elettronica di riferimento:

http://www.bibliotecaitaliana.it:6336/dynaweb/bibit/autori/p/polo/milione_veneto

 

Edizione cartacea di riferimento

Il Milione veneto : ms. CM 211 della Biblioteca civica di Padova, Barbieri, Alvaro (a c. di), Andreose, Alvise (a c. di), Mauro, Marina (a c. di), Renzi, Lorenzo (a c. di), Marsilio, Venezia, 1999

 

 

Capitolo CI

Della provinzia de Ganbala, dove è i buò grandi sì chome lionfanti.

Bangalla è una provinzia verso mezodì ale confine d'India, la quale non aveva ancora conquistà el Gran Chaan, e quando io, Marcho Pollo, iera in soa corte, tuta fiata guerizava so zente per chonquistarla.

Quella provinzia sì à re, et à lenguazio per si.

La zente si è idolatra; e vive de charne e de rixo et de late; àne banbaxio asai, de quel se ge fa grande merchadantie.

El n'è spigo galanga, zenzero, zucharo e molte altre spezie in grande abondanzia.

El n'è buò grandi chome elinfanti, ma non sono chussì grosi.

El n'è molti omeni chastradi, li quali sono chonprati dai merchadanti, li quali i menano a vender ai baroni per diversse provinzie.

Anchora se ne vende schiavi in quésta provinzia.

Capitolo CII

Della provinzia de Tangigu, dove el re à tre<xento> moler.

Tangigu è una provinzia verso levante, e à re e lenguazio da per si.

I sono idolatri e fano trabuto al Gran Chaan.

Lo re de questa provinzia à ben trexento moier.

In questa provinzia è oro asai e molte spezie; è alifanti e venaxion de tute bestie, ma sono mo<l>to lonzi dal mar, però le suo' merchadantie valeno puocho.

I viveno de charne, de late e de rixo; i non àno vin de vignie, ma fano poxone de rixo e de spezie.

I omeni e lle femene de questa provinzia se fano penture sul volto e sul chollo e sule man e al chorpo e ale ganbe; e fano queste penture chon aguchie molto sotilmente e in tal modo ch'elle non se parteno mai.

E fano figure de lioni e de dragoni et de oxielli.

Chi à plui de quelle belle figure sono reputati plui belli dai altri.

Capitolo CIII

Della provinzia de Chamu, dove i omeni e lle femene portano brazali d'oro.

Amu si è una provinzia verso levante, la qual è sotoposta al Gran Chaan.

La zente è idolatra, e viveno de bestiame; et è grande abondanzia de tute cosse da viver, e à lenguazio per si.

El g'è chavali, axeni, buò.

I merchadanti i menano molto a vender in India, et sì nde n'è moltitudine de bufali e de buò e de vache, perché el n'è luogi de bona pastura.

I omeni e lle femene portano <a>le braze e ale ganbe brazali d'oro et d'arzento de gran valor.

Capitolo CIV

Della provinzia de Taloman, dove se spende le porzellane per moneta.

Da llonzi d'Amu verso levante oto zornade, el g'è la provinzia de Toloman.

La zente de Toloman si è idolatra, et è sotoposti al Gran Chaan, e àno lenguazio per si.

In questa provinzia è bella zente ma nonn è biancha, anzi è bruna.

El g'è zità e chastelle asai, e molte montagnie grande e forte.

I omeni de questa contrà sono valenti per arme.

I fano arder i corpi morti, e lle osse meteno in casete de legnio e le portano alle chaverne che sono ale montagnie altisime; e sì le chonzano in cotal muodo che omeni né bestie non le posono tochare.

El se ne truova oro asai, e 'l se ne spende le porzellane d'India per moneta pizolla.

Capitolo CV

Della provinzia de Gingin, dove è i chani mastini cusì forti.

Dingin è una provinzia verso levante la qual truova l'omo quando el se parte de Toloman.

L'omo chavalcha ben dodexe zornade sopra uno fiume e trova piuxor zità e chastelle.

In chavo de queste dodexe zornade se truova la zità de Suruglu, ch'è molto grande e nobelle chontrà, e sotoposta al Gran Chaan.

La zente è idolatra et sono molto valenti per arme.

In questa provinzia è seda asai; el se ge fa drapi de schorzo d'arbori – et sono molto belli –, li quali portano l'instade.

E sì n'è tanti lioni che non olsa dormir nesuno la note fuor de chaxa, perché i lioni devorano zaschuno che i truovano.

Le nave, che vano per el fiume che ò dito de sopra, per lo qual se traze molte merchadantie, non olsano star la note apresso ala riva, ché i lioni vano la note ale barche, e sse i truovano alchun homo dentro sì 'l manzano; ma i ligano le barche lonzi dalla riva, sì che i lioni non i pò noxer.

Li lioni de questa provinzia sono grandenisimi e pericholoxi, ma in questa chontrà è tanti chani et de tanto ardimento che i vano arsaglire i lioni, purché i siano almeno do chani e uno homo.

Sapiate che uno homo ardito chon do chani alzideno uno lion a tal modo: l'omo, chavalchando per la foresta chon suo archo et chon do de quelli chani, s'el truova el lion i chore sopra arditamente e li chani i dàno de morso ale chosie e alla choda.

E se lo lione se volze, i chani sano sì fuzir e schivar che 'l lion non pò tochar; e s'el se mete alla soa via, li chani ve vano drieto morsegandollo e perseguandolo, sì che 'l lion, per quelli morsi e per el gran bagliar che fano i chani, à paura e va ad alchun arboro grosso per apuzar la gropa e mostrar la testa ai chani, azò i no 'l possa morsegar de driedo.

E alora l'omo ch'è a chavalo non fa fin de saitar, sì che spesse fiate mira lo lion fortemente.

E tanto atende lo lion ai chani che l'omo el pò bonamente saitar a suo seno; e alle fine lo lion muor dalle saite.

Capitolo CVI

Della zità de Cinvanglu, ove se fa de tera sal.

Quando l'omo se parte de Gingin, el va quatro zornate trovando pur zità e chastelle.

In chavo de queste quatro zornade se truova la zitade de Chanchasu, la qual è grande e bella, et è de Chatai, et è verso mezodì.

Et ène grande abondanzia de seta, e lavorasse molti drapi d'oro et de seta et zendati.

Et da questa zità va l'omo versso mezodì tre zornade e truova la zità de Cinvanglu, la qual è molto grande et è della provinzia de Chatai.

In questa zità se fa sal in grande quantità.

El ge n'è tera molto salmastra; de quela tera i fano uno monte e zetano tanta aqua ch'ella riesse de soto, e poi, tolto de quella aqua, i la fa boglir in gran chaldiere et deventa sal biancho e menuto.

Da lonzi da Chivanglu zinque zornate è lla zità de Zinvangli; per mezo quella passa uno fiume per lo qual va molte nave.

Capitolo CVII

Della zità de Signi, ov'è el gran navilio.

Da llonzi da Zinvanglu sie zornade verso mezodì è la grande zità de Chandifu, la qual soleva aver uno re innanzi che 'l Gran Chaan la chonquistasse.

Ell à dodexe zità soto de ssi.

El ge n'è grande abondanzia de seda, e molti zardini e fruti.

Da lonzi de [Chandifu] tre zornade versso mezodì se truova la nobelle zità Singiumatu, et è verso mezodì.

El vien un grande fiume a questa zità; la zente dela tera lo parteno in do parte e fa andar una parte verso levante, zioè verso lo Mangi, e l'altra versso ponente, per lo Chatai.

Questa zità à grandisimo navilio: le nave sono molto grande.

Per questo fiume grandisime merchadantie se portano, sì ch'el è una gran meraveglia a veder.

Quando l'omo se parte della zità de Singiumatu, el va per mezodì sedexe zornade trovando tuta fiata molte zità e chastelle, in le qual è molte merchadantie, ma non ge n'è altre chosse che siano da scrivere.

Tuta quella zente è idolatra et è soto el Gran Chaan.

Capitolo CVIII

Del fiume de Charamoira, dove è una zità da una riva et dal'altra.

L'omo quando l'à chavalchato quelle sedexe zornade, el truova uno fiume che vien della tera del Prete Zane che è apelata Charamoira, lo qual è largo ben sete meglia, et vane nave grande.

In questo fiume se prende molto pesie.

Et sapiate che 'l Gran Chaan à in questo fiume ben vintimilia nave per portar le sue oste in le ixolle de mar, quando el fa bexognio.

Zaschuna de quelle nave vuol ben trenta marinari, i porta ben quindexemilia chavali chon i omeni et chon la vituaria.

Sopra questo fiume, là dove stano le nave, si è do zitade, l'una da una riva e l'altra dal'altra.

L'una zità è mazior del'altra, e à nome la mazior Choigangiu, la menor à nome Chaigiu, et sono apresso el Mar Oziano.

A una zornata, quando l'omo passa questo fiume, ell entra in l[a] grande e nobel provinzia de Mangi, dela quale voio chontar da mo' inanzi.

Capitolo CIX

Là dove Baian Cint'ogi aquistà la provinzia de Mangi.

In la gran provinzia de Mangi era uno re che aveva nome Facfur, lo qual era molto posente e richo, né nonn era al mondo uno mazior signior de lui, tratone el Gran Chaan.

Ma nonn era homo d'arme, nì in suo regniame non iera chavali, nì non iera homeni costumadi a fato de guera nì de bataglia, perché la provinzia de Mangi è in forte chontrade et ène molte aque.

E zaschuna zità à grande aque e fosse profonde e large ben una balestrada, piene d'aqua: però i non temeno nisun.

E non aveano aparechiamento fato da bataia, ma viveno delizioxamente.

Tuto el mondo non averave prexo quella provinzia se i fosseno stati valenti per arme.

Quel re viveva molto dellichatamente, et non se intrometeva in fati d'arme, et era molto luxurioxo, ma aveva grande bontà, ché el mantegniva el so reame in grande iustizia, e non se ne fazeva niuno malle.

La note stava le stazon averte spesse fiate e non se ne trovava niente meno.

Et era molto misericordioxo ale povere persone.

E sapiate che zaschaduno ano el feva nodrigar vintimilia fantini de quelli ch'erano zitadi e abandonadi dalle mare.

In quella provinzia le femene che non posono notrigar né allevar i suo' figlioli per povertà, i zetano via; inchontenente quel re fazeva nodrigar e allevar tuti queli fantini.

E quando niuno omo grando o richo che non aveva figlioli domandava al re alchuno de quelli, e lo re i li dava quello el voleva, e chonvignivalo tegnir chome suo figlio.

E quelli che non erano domandadi, lo re achonpagniava uno de quelli mamoli con una de quelle mamolle, et davali tanto che i podeva ben viver.

Questo re tegniva grandenisimo stado: ello aveva ben mille entro donzelli et donzelle che servìa lui e lla soa chorte.

Hor – avene in l'ano mille duxento e sesantaoto – Chublai, el Gran Chaan, mandò uno suo barone che era molto valente chavalier, lo qual aveva nome Boian, che vien a dir a questa nostra lengua 'c ogi', et dè' grandisima zente a chavalo e a pe', e grande moltitudine de nave per chonquistar quella provinzia de Mangi.

Lo re de Mangi ave dai suo' astrologi che nesuno dovea conquistar quella provinzia se non uno de [c] ogi, sì ch'el se reputà molto seguro.

Quando Baian c ogi fu zonto alla provinzia e lla prima zità de Mangi, che à nome Corgaigiu, el disse alla zente della zità che se rendesse al Gran Chaan, e i respoxeno de no.

E Baian se partì e andò inanzi al'altra, né quelli se volsse re<n>der.

E pur andava seguramentre tra quelle do zità e non dubitava, se ben el se lasava i nemixi de driedo al suo oste.

Quando el fo al[a] s[esia] zità, el la chonbaté e avella per forza; poi andò al'altra e prexella; anchora andò inanzi chonquistando tere sì che in pochi dì el prexe dodexe zità.

Quando la zente de Mangi aldì queste novelle, i àveno gran paura.

E Baian andò alla maistra zità del regniame, zioè alla grandisima zità de Quinsai, là dove era el re e lla sua chorte.

E quando lo re vide l'oste sì meraveioxo, e sapiando che erano zente uxata in fati d'arme et de guera, l'ave sì gran paura ch'ello intrò in nave.

E grande zente se n'andò chon lui, sì che lu ave in so chonpagnia ben mille nave.

E andò a ixolle fortisime che erano innel Mar Ozian, e lassò la tera in guardia della regina che era molto savia dona, e romaxe chon ella grandisima zente per defexa della tera.

E quando la regina ave intexo che 'l chapetanio dell'oste avia nome Baian, zioè a dir c ogi, ella s'aricordò ziò che aveva dito li suo' astrollogi: che la tera non se podeva chonquistar se non per uno da c ogi, e inchontanente mandò per Baian, e si rendé al Gran Chaan.

Quando la regina fo renduta, tuti li regniami fo renduti – e zitade e chastelle – al Gran Chaan, tratone una zità che avea nome Sainfu che se tene ben ani tre.

La regina fo menata ala chorte del Gran Chaan e 'l Gran Chaan la fè' servir e honorar sì chome a una granda regina se chonvegnia.

Lo re Facfur, che fuzì ale ixolle, non se partì mai da quelle isolle, e llì morì.

Hora ve voglio contar delle chondizion della provinzia.

Capitolo CX

Della prima zità della provinzia de Mangi.

La prima zità che è al'intrar della provinzia à nome <Chor>gangui, et è grande, nobelle e richa.

La provinzia de Mangi è idollatra, e fano arder i corpi morti.

Questa zità à grandisima moltitudine de nave et è sul fiume de Charamoiran.

A questa zità se fa tanto sal che n'à asai ben quaranta zità, si che 'l Gran Chaan ne à gran rendita de sal et de grande merchadantie.

E questa zità è verso sirocho; e lla zente è idolatra chome è tuta la provinzia.

Capitolo CXI

Della zità de Cingui, ove stete signior Marco Pollo ani tre per lo Gran Chan.

Quando l'omo se parte de Chorgangui, el va verso sirocho una zornada per una strada tuta salizada de molte belle piere.

Ed è quella via al'intrada de Mangi, et da zaschaduno lato della via è aqua.

E in la provinzia non se pò trar per tera d'alchun lato se non per quella via.

De chavo della zornada se truova una zità ch'à nome Panchi, ch'è molto bella e granda.

In questa zità se spende la moneda delle charte che se fa ala chorte del Gran Chaan.

Et ène abondanzia de tute chose da viver et de seda; el se ne fa gran merchadantie.

In chavo d'un'altra zornada verso sirocho è la nobel zitade de Chaillu, là dove è molto pesse e grande venaxion de bestie et de oxieli, e 'l ge n'è tanti faxiani ch'el se ne dà tre per tanto arzento chome è uno venizian grosso.

Quando l'omo se parte de Chailu, el va una zornata trovando molte belle ville e tere tropo ben lavorade; e possa truova la zità de Tingui, che non è moilto grande, ma ella sì à abondanzia de tute chosse da viver.

Et è verso sirocho, et ène grandi navillii.

Dala sinestra parte, da lonzi tre zornade da quella zità, è el Mar Ozian, et dal mar fina a questa tera è molte saline.

Et è in quel mezo una gran zità ch'à nome Zingui.

Quando l'omo se parte de Zingui, el va per sirocho una zornada per molto bella chontrà e 'l truova una nobelle zità ch'à nome Iangui, la qual à vintisete zità soto la so signioria, et sono tere de gran merchadantia.

E io, Marcho Pollo, avi la signioria de questa chontrà per lo Gran Chan ben tre anni.

Capitolo CXII

Della zità de Saianfu, ove fexe far Marco Polo i mangani.

Versso ponente si è una provinzia in lo Mangi che à nome Naigui, ch'è nobele e richa, là dove se fa molti lavorieri d'oro et de seta, et ène grande abondanzia de tute cose da viver.

E se ge truova la zità <de Saniafu>, la qual à soto suo signioria dodexe bone zità.

Questa zità se tene ani tre dapoi che 'l Gran Chaan chonquistò lo Mangi, ché l'oste del Gran Chaan non la poté asediar se non da lato de tramontana; da tute le altre è lagi molto grandi e profondi, sì che per l'aqua la zità podeva avere vituaria.

In cavo de tre ani vene messi al Gran Chaan da parte del capetanio del'oste a dir chome la tera non se podeva afamar, onde el Gran Chaan ave grand'ira.

E a quelle parole se trovò misier Nicolò e misier Mafio e io Marcho, e alora dixesemo al Gran Chaan che nui faremo far mangani che trarano sì gran piere che i chovignierave i se rendesse.

E fèno far a do maistri de llegniame che era nati de soa fameia, et erano cristiani, tri mangani sì grandi che zaschaduno trazeva piere de trexento livre, et lo Gran Chaan i fexe portar al'oste.

Quando li tràbuchi àveno trati in la zità, le piere sì ferino suxo le chaxe e fexe sì gran remor e sì gran dano a quele chaxe, che lli Tartari che erano in l'oste se ne fèno grande meraveglia.

E la zente della zità, che non aveva mai vezuto someiante chossa, àveno sì gran smarimento che inchontinente se rendéno al Gran Chaan, temando de esser tuti morti per quela cotal maniera.

Capitolo CXIII

Del fiume de Quian, che è el maor fiume del mondo.

Quando l'omo se parte dela zità Saniafu, el va per sirocho quindexe meia e truova una zità che <à> nome Singui, la qual <non> è molto grande.

Ella à gran navillii et è sopra el mazior fiume che sia al mondo, lo qual à nome Quian, et è largo in alchuni luogi undexe meglia, e in tal oto et in tal sìe, et è longo plui de zento zornade.

In questo fiume è grandisimi navilii, e in tute quelle aque de zia da mar, né in fiumi né in mar, n'è tante nave, nì se porta tante bone nì prezioxe merchadantie chome se porta in questo fiume.

E io, Marcho Pollo, vidi a questa zità de Singui, che non è molto grande, ben zinquemilla <nave> che navegavano per 'sto fiume.

Or podé pensar quanto sono le altre, ché io ve digo ch'el passa ben sedexe provinzie.

Et ène sora questo fiume duxento zità, le qual sono tute mazior de questa de Singui, et à zaschuna più nave che questa.

Le nave grande de questa provinzia àno una choverta e uno alboro e non àno sartie de chanevo, se non solamente per i arbori e per le velle, e i àno pilore o, per dir chiaro, alzane de chane, chon le qual se tira le nave su per el fiume.

E sono fate delle chane grosse che ò dito de sopra, le qual son longe ben sedexe passa.

I lle sfendeno per mezo e liga l'una in chavo del'altra, e fale longe ben trexento a passa.

E sono più forte che non serave sartie de chanevo per tirar.

Capitolo CXIV

De Chaigui, ove nasie tanta biava.

Mangui è una pizolla zità sopra questo fiume verso sirocho, in la qual se rechoie grandisima quantità de biava e de rixo, e portasse ala chorte del Gran Chaan, alla grande zità de Chanbellu.

Non intender ch'i vadano per mar, ma vano per fiumi e per lagi.

E sapiate che gran partita della chorte del Gran Chaan viveno della biava che sse aduxe de quella zità a quella de Chanbellu, <...> azio che d'uno fiume se possa menar in altro o in lagi o in questi fossi, sì che le nave si può andar da questa zità defina Chanbelu.

E anchora se pò andar per tera da Mangui fina a Chanbelu.

Per me' questa zità de Chaingui è una ixolla in mezo el fiume, sul qual è uno monestier de munexi idolatri, <in> la qual el n'è de molti altri monestieri.

E in quel monestier è ben duxento de queli munexi, et ène grande quantità de idolle.

Capitolo CXV

De Cingianfu, ove è doe giexie de cristiani; della zità de Tangigui, dove queli che la prexeno fono tuti morti; et altre cosse.

Cingianfu è una zità de Mangi o' se fa molti lavorieri d'oro et de seta.

Et ène do giexie de cristiani nestorini, le qual fè' far Marsachis veschovo: fo segnior in quella zità per el Gran Chaam, ano domini MCCLXXVIII.

E quando l'omo se parte della zità de Cingianfu, el va tre zornade per sirocho tuta fiata trovando chastelle de gran arte et de merchadantie.

E in chavo de tre zornate se truova la zità de Tingigui, molto nobelle e granda, là dove è abondanzia de tute chosse da viver.

Quando Baian andava chonquistando la provinzia de Mangi per el Gran Chaan, el mandò una zente che era apelata Alani a prender questa zità, et erano cristiani.

Questi Alani chonbatereno la zità, e sì la prexeno perché la zente della tera se rendéno a questi Allani.

Si trovàno grande abondanzia de bon vino, e bevéno tanto che la sera fono tuti ebrii e dormentòsse tuti.

Quando quelli dela zità videno ziò, i alzixeno tuti sì che non deschanpò nisuno.

E Baian, quando l'ave intexo questo, mandò uno gran oste e prexe la zità per forza, e sì arse tuti i omeni dela tera per vendeta de ziò che i aveva fato de queli Alani.

Capitolo CXVI

Della gran zità de Singui, ch'è a dir la zità della te[r]a.

Singui è una nobillsima zità, la qual volze sesanta meglia; et ène sì gran zente ch'ell è una grande meraveglia.

Se lla zente dela provinzia de Mangi fosse zente d'arme non se porta chonquistar da tuto el mondo, ma i non sono omeni per arme, ma sono boni merchadanti e sotil zente de tute arte; et ène molti filoxofi e molti miedexi.

In questa zità è ben sieamilia ponti de piera, e passa per soto zaschadun ponte una galìa, e per tal modo sono fati.

El se ge lavora mo<l>ti drapi de seda.

In le montagnie de questa zità nasie el reubarbaro e tanto zenzero che l'omo n'averave tanto quanto serave livre sesanta per tanto arzento quanto è uno venizian grosso.

Questa zità à soto si sedexe altre zità bone e de grande merchadantia et de grande arte, perché questa zità, Singui, è a dir in nostra lengua latina 'la terra', e un'altra <à> nome 'el ziello', e questo si è per la gran nobilità de questa zità.

Capitolo CXVII

Della zità Quinsai, ch'è a dir 'la zità del ziello', e la qual è lla maor zità che sia al mondo, ove è cotante zente e cotanti ponti e tante meravele.

Quando l'omo se parte de Singui, el va ben zinque zornade trovando piuxor zità molto bone et de gran merchadantia, e poi truova l'altra nobilisima zità de Quinsai, ch'è a dir 'la zità del ziello'.

Questa è la maor zità e lla plui nobelle che sia al mondo, et è la maistra zità de Mangi.

E io Marcho fu' a questa zità e vidi la chondizion de questa zità sì granda che ò dito de sopra.

Sapié per verità ch'ella volze ben zento meglia e à dodexemillia ponti de piera, li quali sono sì alti che per la mazior parte paserave soto per el ponte una gran nave.

La chaxion per che el g'è tanti ponti si è perché la zità è tuta in aqua de lagune, chome è Veniexia, e se non 'de fosse ponti, el non se porave andar per la tera se non per nave.

E <in> zaschaduno de queli ponti sta diexe guarde de dì e de note per guardar la zità, ché niuno non fesse alchuno malifizio, o ché niuno no se revelasse.

E in questa zità è dodexe arte prinzipal, in ziaschaduna arte sono dodexemilia stazon, e in zaschaduna stazon è diexe lavorenti e in tal quindexe e in tal trenta e in tal quaranta, ma non sono tuti maistri.

El g'è sì grande merchadantie che nisuno no 'l chrederave s'el no 'l vedesse.

La richa zente vive molto delichatamente.

Queli richi che sono patroni delle stazone, nì lor né le suo' done non lavorano chon le suo' man, ma fano lavorar ad altri; i stano sì netamente e vano vestiti sì nobelmente che par i siano re.

E questo si è perché quella zità sì à statuto e uxanza che zaschuno chovien far l'arte che fè' lo padre, sia richo quanto se voglia; ma nonn è astreto a lavorar chon le suo' man, ma pur chovien tegnir l'arte d'i suo' passati in chaxa soa.

Questa zità à molte belle done e viveno in gran delizie.

In questa zità è uno lago verso mezodì che volze trenta meglia.

Atorno questo lago è plui palazi e chaxe de zentili homeni, et èno lavorade sì sotilmente ch'el è una meraveglioxa chossa a veder.

El ge n'è delle giexie de idolatri.

Et in mezo de questo lago et è ixolle, e in ziaschuna è uno nobelisimo e meraveioxo palazo.

Chi vuol far noze grande o grande chorte sì vano a questi palazi, e li truova tute quelle cosse <ch>e bixogniano, zoè arnixe e tuto va<se>limento che bixognia a chotal cosse.

In la zità è molte belle cosse, et ène molte tore de piera zia e llà per la tera, aziò che, quando s'aprende fuogo, la zente schanpano soa roba in quelle tore.

El se ne prende spesse fiate fuogo perché el n'è molte chaxe de llegniame.

In la zità someiantemente è uno monte sul qual è una tore; su quella tore è una tavolla de legnio, e quando ch'el s'aprende fuogo in la tera, o quando el ne fosse alguno remor sì che quel dela tore lo possa veder o aldir, el sona quella tavolla chon uno mazo, e aldesse quel son per la tera ben da lonzi.

Le strade de questa zità sono salizade de piere sì ch'el se può andar per la tera netamente.

Et ène in questa zità ben diexemilia strade molto belle e grande.

La zente de questa zità uxa molto le stude, e molto netamente.

I manzano charne de chavalo et de tute bestie e d'ognie charne; et sono tuti idolatri e spendeno moneta de charte.

Anchora in questa zità de Quisai era el meraveioxo palazo del re che se ne fuzì, lo qual era signior de tuto el Mangi.

Et è fato a questo muodo: el muro, che volze ben diexe mia, et è quadro e molto alto; dentro da questo muro è molti belli zardini e molto delichati fruti, et ène molte fontane e piuxor lagi ove è pessi asai.

In mezo si è el palazo belletisimo, lo mazior che sia al mondo: questo palazo à vinti sale tute d'una grandeza, et èno sì grande che ben ne porta manzar diexemilia homeni a grand'asio; et èno tute depente a oro molto nobelmente.

Anchora ge n'è ben mille chamere; et ène gran quantità de altri belli palazi.

Lo Gran Chaan 'lo fa guardar tropo sotilmente questa zità perché l'è chavo de tuta la provinzia de Mangi, e per la grandenisima rendita ch'el à de questa zità.

In questa zità è solamente una giexia de cristiani nestorina.

'D'è chotal ordinamento in questa zità e in tuta quella parte de Mangi, ch'el chonvien che zaschadun abia scrito sora la porta dela chaxa soa el nome so e dela moier e de tuti queli de soa fameglia, e chonvien ch'el scriva altrosì tuti i chavali ch'ell à in caxa.

E quando el muor, o se parte uno della fameglia per abitar in altra chaxa, el chonvien ch'el se guasta tuta la scritura del nome de quello, e metesse el nome de quello è zonto da nuovo.

E in questo muodo se [s]a in tuta la zità quanta zente g'è.

Anchora tuti i albergatori chonvien scriver el nome de' forestieri che albergano a chaxa soa, e scriveno el dì e 'l mexe che i ène albergati.

E quando in questa provinzia de Mangi nasse alchuno fantin, lo pare e lla mare fano scriver el dì e ll'ora ch'ell è nato, sì che zaschuno sa el so dì e la so ora e soto qual pianeto ell è nato.

E quando alchuno vuol andar in alchuno viazo, el domanda chonseglio ai astrologi, e sechondo che i chonseiano chusì fano, o del'andar o de star: quella zente atende molto astrologia.

Quando alchuno muor in questa provinzia, li parenti se vesteno de chanevazo e ardeno el corpo morto chon imagine fate in charte, de dinari, de chavali, de schiave et de schiavi, e dixeno ch'ell averà in l'altra vita tute queste cosse vive e lli denari d'oro.

E fano grandi chanti quando i corpi èno arssi e sonano molti strumenti, ché i dixeno che soi dii sì lo rezeve chon chusì fato onor in l'altra vita.

Da lonzi de questa zità de Quinsai vintizinque meglia è lo Mar Ozian, dentro griego e llevante.

E lì è una zità che <à> nome Ganfu; et ène uno porto bonisimo e vienge grandisima quantità de nave d'India e d'altre chontrà.

Della zità al mar va uno gran fiume per lo qual vien le nave infin ala tera; quel fiume passa per parechie altre chontrade.

Ancora ve digo che 'l Gran Chaan à partida la provinzia de Mangi in nuove regniami, e zaschadun regniame à 'l so re segondo ch'el piaxe al Gran Chan.

Questi nuove re è molto grandi e posenti, ma tuti sono ala segnioria del Gran Chaan, e chonvien che zaschuno fazano raxion hogni ano de intrade et delle spexe et delle altre cosse ali fatori del Gran Chaan.

In la zità de Quinsai demora continuamente uno de queli re, e à soto sua signioria plui de zento e quaranta zità.

E sapiate per zerto che la provinzia de Mangi sì à plui de mille e duxento zità; e in zaschuna se guarda per el Gran Chaan, aziè che la provinzia non se rebelasse.

Queste guarde è in sì grandisima quantità ch'el parerave grandenisima meraveglia ad aldir, et <non> èno tuti Tartari, ma el g'è molti delle contrade de Chatai; et sono molti a chavallo e molti a pe', e sono tuti dela zente del'oste del Gran Chaan.

Mo' ve voio chontar della gran rendeda del Gran Chaan de questa zità de Quinsai et della provinzia.

E diròve inprimamente del sale.

Lo Gran Chaan sì à zaschaduno ano rendita del sal, che sse fa in questa zità e in le suo' pertinenzie, ben otanta tomani d'oro: e zaschadun toman sì val otantamilia sazi d'oro, e monta otanta tomami sìe fiade mille millia siezento sazi d'oro – e zaschadun sazio val plui d'uno fiorino d'oro.

Ancora delle altre cosse, delle altre marchadantie, senza el salle, si rende gran trabuto [a]l Gran Chaan, ché in questa provinzia nasie più zuchari cha in tuto l'altro mondo, et ène grandenisima quantità de spezie.

Et de tute altre spezie et de tute le merchadantie se rende ala corte tre sazi e mezo.

Del vino che sse fa del rixo et del charbon se dà altrosì gran rendita; e de tute le dodexe arte che èno in Quinsai e in la provinzia.

Et della seda, dela qual ge n'è grandenisima quantità, se dà diexe per zento, e questa è grande intrà.

Anchora ge n'è piuxor merchadantie che dàno diexe per zento, sì che io, Marcho, aldì far gran conto in suma de questa rendita senza el sal, e aldì far raxion che pur in lo regniame de Quinsai, ch'è una delle nuove parte della provinzia de Mangi, monta zaschadun ano ben duxentomilia tomani d'oro.

E questa è ben chossa desmexurata.

Capitolo CXVIII

De molte zità della signioria de Quinsai.

Quando l'omo se parte de Quinsai, el va una zornada verso sirocho, tuta fiada trovando chaxe e zardini e tere de gran fruti, e possa vi truovi <la zità> de Chanpingui, ch'è molto grande e bella.

E poi val tre zornade, sì truova la zità de Ugin.

Po' se parte de Ugin e va tre zornade per sirocho trovando tuta fiada zitade asai, e sì spesse ch'el par se vada per una.

Et ène abondanzia de tute chosse da viver.

Et ène le plui grosse chane che siano in tute quelle chontrade: el ge n'è chane grosse ben quatro spane e longe ben quindesse passa.

De chavo de do zornade è la zità de Giengui, molto grande e nobelle.

Poi va l'omo quatro zornade per sirocho trovando tuta fiada zità e chastelle.

E in quella chontrà è molt<i li>oni grandi e fieri; non à quella provinzia de Mangi moltoni [n]é berbixi, ma àno boi e vache, chavre e porzi in gran quantità.

Quando l'omo à chavalchà quelle quatro zornade, el truova la zità de Cinagna, ch'è molto grande e nobelle; et è su uno monte che parte el fiume in do parte: l'una parte va in su, l'altra va in zio verso la marina.

Et è l'ultima zità della signioria de Quinsai.

Capitolo CXIX

Del regniame de Fongu, dove i omeni se manzano.

Quando l'omo se parte de Cinoian, el entra inel regniame de Furgu.

E va sìe zornade per sirocho, per montagnie e per pianure, e truova zità e chastelle asai.

Et ène abondanzia de tute chosse da viver, et ène gran chazaxon de bestie et de oxielli, et ène molti lioni; è zenzero e galanga, e molte spezie oltra mexura: per tanto arzento quanto è uno venizian grosso averave l'omo tanto zenzero che serave otanta livre.

Et ène uno fruto che par pur <grogo>, e ben <val> tanto per adovrar.

La zente de questa contrà manza volentiera de una charne umana, purché l'omo non muora de soa morte, e àlla per tropo bona charne.

Quando i vano in alchuna bataglia, zaschuno se fa uno segnio in fronte chon uno fero chaldo; e vano tuti a pe', trato i chapetanii, e uxano lanze e spade; e sono homeni crudelissimi: i alzideno i omeni e beveno el sangue e manzano la charne.

A mezo de quelle sìe zornade che ò dito de sopra, se truova <la zità> de Quelinfu, la qual è molto nobel zità e granda.

E à tre ponti de piera lavoradi tuto a belle collone de marmoro, e zaschuno ponte è longo uno miaro e largo oto passa.

Et ène seda, zenzero, galanga assai; è galine che non àno pene, ma àno pello chome le gate et sono tute negre, e fano vuove chome quelle dele nostre contrà, et sono molto bone da manziar.

Et ène molto bona zente, spezialmente le done.

El ge n'è molti lioni, per i qual è gran pericolo a pasar per quelle contrade.

In cavo de quelle sìe zornade, truova <l'omo, oltra> quindexe mia, la zità de Unquen, dove se fa gran quantità de zucharo, e da questa zità se porta in Chanbelu el zucharo che bixognia alla chorte del Gran Chaan.

Quando l'omo se parte da Unque, el va zinque meglia e truova la zità de Furgu, ed è cho del regniame de Choncha, ch'è l'uno d'i nuove regniami de Mangi.

In questa zità demora grande oste del Gran Chaan per guardia della contrà.

è quando alchuna zità se volesse revellar, quella zente chore là e fano ziò che bixognia a chonservamento della signioria del Gran Chaan.

Per mezo questa zità va uno fiume ch'è largo mezo meiaro; e <in> questa zità se fa molte nave per navegar per questo fiume.

Nasende zucharo in grande abondanzia.

E grande merchadantie de perlle e piere prezioxe, le qual se portano d'India; e questa <zità> è apresso el Mar Ozian, et ène gran abondanzia de chosse da viver.

Capitolo CXX

Della zità de Nigni, ove se fa schudelle de porzelane.

L'omo, quando se parte de Fungu, el passa el fiume e va zinque zornade per sirocho, trovando zità e chastelle molto bone, et ène grande divizia de tute chosse da viver.

Et ène molte montagnie e boschi, là dove se truova molti de quelli arbori che fano la ganfora.

E quando l'omo è andado zinque zornade, el truova la zità de Zaizen, ch'è molto granda.

E a questa zità è el porto dove zonze le nave d'India chon molte merchadantie; e per una nave de piper che vada in Alexandria, per eser portado tra i cristiani, ne va a questo porto zento.

E sapiate che questo è uno d'i do porti del mondo al qual è portado plui merchadantie che a porto del mondo.

El Grande Chaan à <sì> gran trabuto de questo porto ch'ell è una grande meraveglia: zaschuna nave de perlle et de piere prezioxe et de tute altre merchadantie paga ala corte diexe per zento.

E lle nave tuoleno per nollo dai merchadanti de marchadantia sotil trenta per zento, e de llegno aloe et de zendadi et de altre merchadantie grosse tuoleno quaranta per zento, sì che li merchadanti pagano ben, dentro l'intrada del signior e 'l nollo, ben la mità della merchadantia.

In questa chontrà è grande abondanzia de tute chosse da viver.

Anchora in questa contrà è una zità à nome Linigui, in la qual se fa schudelle de porzellane de mar molto belle.

Quelli de questa chontrà àno lenguazio per si.

De questo regniame, ch'è una delle nuove parte de Mangi, à lo Gran Chaan maior rendita chome l'à del regniame de Quinsai.

De altri regniami de Mangi non voio contar, perché tropo serave longe parolle, nì non voglio plui dir de queste chontrade perché ve voio chomenzar delle gran meraveioxe cosse d'India, in la qual io, Marcho Pollo, stiti uno gran tenpo e zerchai molte chontrade.

Capitolo CXXI

Delle nave et dele maniere d'India.

Voiandove chontar delle meraveioxe cosse d'India, sì chomenzeremo inprimamente delle nave che uxano per el Mar d'India.

Sono a questo modo fate: elle sono chomunalmente tute d'albero, e àno una coverta; in la maor parte [à] chamerelle, e in zaschuna pò star uno merchadante a suo axio.

La nave non à se non un timon, e zaschuna a quatro arbori.

E anchora à zaschuna nave do altri arbori che se lievano e tuoseno tute fiade che i voleno.

Le nave sì àno inclavate do tavolle, l'una sul'altra insieme, et èno chusì atorno; et èno chusì inchiodate chon agudi de fero et sono chalchate dentro et de fuora.

E nonn è inpegolate de pegolla, perché i non àno pegolla, ma i tridano lo chanevo a menudo e àno chalzina e olio de' arbori, et de queste tre cosse mesedade inseme onze la nave.

E quella cossa se tiene chome vischio e 'l val altratanto chome pegolla.

Zaschuna nave vuol ben duxento marinari e porta ben zinquemilia sporte de piper, e tal sieamillia: e vano chon remi, e zaschuno remo vuol quatro marinari.

Queste nave àno siego barche sì grande che i portano ben zinquemillia sporte de piper, e tal siemillia, e vano chon remi e a vell[e], e spesse fiade aidano a tirar la nave granda.

Zaschuna gran nave mena do de quelle barche, l'una mazior dell'altra; ancora mena batelli pizolli ben diexe per le anchore e per peschar e per altri servixi della nave.

E tuti questi batelli mena le nave ligadi de fuora ale coste, e lle do barche grande àno altrosì batelli.

Quando la nave fa alchun gran viazo o à navegado uno ano, el bixognia ch'ella sia conza: i ge meteno e zonzeno un'altra tavolla sule do prime atorno tuta la nave, e po' l'onze e chalchano, e l'altra fiada ge ne azonze un'altra, sì che èno quatro; e chusì fano fin a zinque tavolle.

Mo' ve voglio chontar d'India.

Capitolo CXXII

Dell'ixolla de Zinpagu, dove è cotanto oro.

Cipagu è una ixolla verso levante ch'è in l'alto mar, ben lonzi da tera duxento meglia, et è molto grande ixolla.

La zente de quella ixolla è biancha e de bella maniera, et è idolatra; e àno uno re e non dàno trabuto ad altri.

El ge n'è oro oltra mesura, e niuno non pò portar de quel'oro fuora de quella ixolla, e perziò g'è puochi merchadanti e puoche nave de teraferma.

Lo signior del'ixolla à uno palazo meraveioxo molto grande, lo qual è tuto choverto d'oro fin de sopra, al muodo che intra nui se chuovre le giexie de pionbo.

E tuto lo padimento delle chamere, ch'èno molte, èno choverte d'oro fin, alto ben doa deta; e lle sale e lle finestre del palaxio èno tute coverte d'oro fin: non se porìa chontar la gran richeza e 'l gran valor de quel palaxio.

El n'è perlle in grande abondanzia rosse e retonde e grosse, e valeno plui che lle bianche; et ène molte piere prezioxe.

Ell è tropo gran fato quel della richeza de questa ixolla.

El Gran Chaan, aldando de questa richeza, mandò do suo' anbasiatori per prender quella ixolla chon gran quantità de navilli, i qual portò oste grandisimo a chavallo e a pe'.

L'uno de quelli baroni ave nome Abatan e l'altro Vansancon, et erano vallenti e savii chavalieri tuti do.

E i sse partìno dal porto de Zaito e de Quinsai, e andòno a Zinpagu e desexeno in tera e fèno guasto e gran dano per el piano e per ville del'ixolla.

Dentro questi do baroni naque invidia et desdegnio, sì che uno non voleva far quel che voleva l'altro, et perziò nonn ave soa andata gran prosperità.

E non prexeno alguna forteza de zità nì de chastelle se non sollamente uno chastello, el qual prexeno per forza.

E perziò quelli ch'erano in quel castello non volsse mai rendersse a quelli do baroni, i fexe taiar la testa a tuti, tratone oto omeni delli qual non li podeva taiar fero.

E questo era perché zaschun de quei oto aveva una piera prezioxa inchantanda inel brazo, et era messa dentro charne e pelle, sì che niuno non se ne serìa achorto, e chi aveva sopra si quella piera non podeva esser taiado de fero.

E quando li baroni intexe la chaxione, e' li fèno amazar chon maze de legnio e morìno inchontenente: li baroni àveno quelle piere.

Or avene uno dì che deverso tramontana vene uno vento sì forte che li marinari si diseno che se le nave non sse delongaseno tute dala riva, ch'elle se ronperaveno tute, sì che quelli àveno conseglio e montàno tuti sule nave, sì ch'el non rimaxe in tera nisuno de soa zente.

E navegòno verso una ixolla ch'era apresso a Cinpagu quatro meglia.

Lo mar ingrossò sì fortemente che molte nave se ronpéno a quella ixola, e li omeni schanpàno tuti in tera; le altre nave schanpàno tute e ritornòno tute in suo' chontrade.

E quelli che schanpàno in tera fono ben trentamilia homeni, ma perché le suo nave erano tute rote e perché li chonpagni erano partidi e llì erano chusì vexini a Cinpagu, eli se tegnivano tuti per morti.

Quando el mar fo abonazato, lo signior de Zinpagu andò a quella ixola chon molte nave e chon gran zente per prender queli ch'erano schanpati sul'ixola.

E quando li trentamilia vide che i suo' nemixi vegnìa sopra loro, i se messeno in arbori che era apresso el porto.

E quelli de Zinpagu desseseno delle nave per andar a zerchar gli inemixi et delongàsse dale nave, nelle qual non rimaxe alchuno per guarda.

I trentamilia montàno sule nave e andò al'ixolla de Zianpagu, ala qual nonn era rimaxo zente per guarda, ma tuta la zente era sul'ixola pizolla senza nave.

E quando i zonseno a Zanpagu, i deseseno tuti in tera, e avevano el chonfalon del signior, lo qual era rimaxo sule nave, e andò ala maistra zità del'ixolla.

Quelli pochi omeni che era rimaxi per guardar dela tera, vedando el confalon del signior, averseno le porte della zità e véneno incontra quelle zente chredando che i fosse la soa zente.

E quelli trentamilia intràno tuti in quella zità e meseno fuora tuta la zente, ma téneno entro femene quelle che i piaque.

Quando el signior de Zanpagu sape che quella zente aveva prexa quella zità, ave grandisimo dollor, ello e tuta soa zente.

E tanto prochurò che da Zinpagu i fo mandato nave de altre zità e da piuxor porti, sì ch'el tornò a Zinpagu chon tuta soa zente; e asedià quella zità in tal modo che niuno non podeva né intrar né insir della zità che non fusse prexo, sì che quelli che erano in la tera non podeva far asaver del suo stado al Gran Chaan, e perziò non àveno alchun secorsso.

L'asedio sì durò ben sete mexi, e vezando che i erano chussì streti e che i non avevano secorsso, sì [s]i rendéno infin de sete mexi, salvo le persone.

Questo fo ano domini mille duxento e sesantanuove.

In questa ixolla e in questa contrà si è idolle, e ànno cho de bò, e tal de porcho e tal de molton e tal de chane e tal de bestie.

E tal idolle è uno chavo chon quatro faze, e tal à tre teste, l'una sul collo e su zaschuna spalla una; tal à quatro mane e tal diexe e tal zento e tal plui; e quelle idolle ch'à plui mane dixeno ch'ell è plui vertuoxo.

E quando i èno dimandati perché i fano idole chusì diverse, diseno ch'i voleno far chusì chome fexeno i suo' antezesori.

Quando i omeni de questa ixolla prendeno alchuno che non sia de sua zente, s'el è prexo non se può rechuperar per moneda, i l'alzideno e sì lo chuoxe, e invita tuti a chaxa soa tuti i suo' parenti a quel convido e manzano molto savorìamente; e dixeno che la charne del'omo si è la mior charne de manzar al mondo.

<Questo> mar là dove è questa ixolla e molte altre ixolle, si è el Mar Ozian, e in quella contrà è apellato lo Mar de Cin, ch'è a dir 'lo Mar de Mangi'.

Cin tanto val a dir in quella lingua de quella contrà quanto Mangi; e à quel mar nome Cin perché l'è sopra la provinzia de Mangi.

Et è a levante e a sirocho, segondo che dixeno li savii patroni che uxano per quel mar; e sechondo che dixeno i savii marinari che uxano per quel mar, in quel mar è setemillia quatrozento e quarantasete isolle, le qual sono abitade la mazior parte.

E in tute quelle ixolle non nasie alchun arboro che non sia odorifera e de gran utilità.

El nasie molte spezie e pevere biancho chomo neve, e del negro altrosì.

Et è chossa molto meraveioxa del'oro et delle spezie che nasie in quelle chontrà de quelle ixolle, ma perché 'le èno chusì da lonzi, rare fiade vano merchadanti: el se sta ad andar uno ano.

I vano l'inverno e torna l'instade.

El non g'è venti se non de do guixe: l'uno regnia l'inverno, l'altro d'instade.

Questa contrà è molto lonzi dala tera d'India.

De questa contrà e' non ve dirò plui, ma e' ve dirò de Zaiton.

Capitolo CXXIII

De Cianban, ove el re aveva CCCXXVI fioli e fie.

Quando l'omo se parte de Zaiton e 'l navega per ponente, alchuna cossa verso garbin, milleduecento meia, el truova una zità ch'è apelata Cianban, ch'è molto richa tera e grande.

La zente è idolatra e à uno re, e à lenguazo per si.

Et è in questa contrà molti elifanti e grande abondanzia de legnio aloe, et ène molti boschi de ebano negro.

Ano domini MCCLXXVIII, el Gran Chaan mandò uno suo anbaxiador che aveva nome Sogatu chon molta zente per conquistar questa contrà.

La zità e lle chastelle erano sì forte che la zente del Gran Chaan non podeva prender niuno, ma perzioché i feano gran guasto per la contrà, lo re promesse de render trabuto ogni ano al Gran Chaan vinti alifanti, li mior ch'el podeva trovar in soa contrà.

E io, Marcho, fu' in questa contrà ano domini MCCLXXV, e trovai quel re era molto anticho e avea gran moltitudine de moiere, e aveva trexento e vintisìe figlioli dentro maschi e femene, entro i quali era ben zento e zinquanta homeni da portar arme.

Capitolo CXXIV

Del'ixolla de Iava, ove è molte spezie.

L 'omo, quando se parte de Cianban e vada verso mezodì e sirocho milleduecento meia, el truova una grande isolla, la qual è apellata Iana, e volze ben treamillia meia, segondo che dixeno i boni marinari che uxano in questa contrà.

La zente è idolatra e à uno re che non fa trabuto a niuno.

In questa ixolla è grande richeze, et ène molto piper e noxe moschate e spigo e galanga e chubebe e garofali e tute altre bone spezie.

Li merchadanti fano grande guadagnio a questa ixolla.

Lo Gran Chaan non l'à mai posuta aquistar.

Capitolo CXXV

Del'ixolla de Sudar et de Chondur.

Quando l'omo se parte de Iana e 'l navega dentro mezodì e garbin settecento meglia, el truova do ixolle che sono apellate Sendor et Condur.

Et de longe de queste ixolle seicento meia è una provinzia ch'à nome Leocharde, molto grande e richa, e à uno re che non fa trabuto a nesuno, perché niuno non i può andar sopra per farli dalmazio.

La zente sono idolatra, e à lenguazio per si.

In questa chontrà nasie birzi domestegi che èno chome lovini, et sono molti boni.

El ge n'è oro in grande abondanzia; è alifanti asai; el se truova porzelane che se spendeno in le provinzie che ò dite de sopra.

Pocha zente vano a questa contrà, perché l'è luogo molto stranio.

Capitolo CXXVI

Del'ixolla de Pentain, o' no è alto el mare, ma IV passa.

Quando l'omo se parte de Leochar e navega cinquecento meglia per mezodì, el truova una ixolla che <à> nome Pentain, et è molto salvadego luogo.

El ge n'è boschi e albori de grande odore et de grande utilità.

Per mezo queste do ixolle zercha sesanta meglia, nonn è plui de passa quatro d'aqua, e chonviene che lle nave grande che pasano lì alza i timoni.

Quando l'omo è andado quelle sesanta meia, el truova uno regniame che è apellato Malanie l'ixola, e la maistra zità Pentain, e à lenguazio per si, et ène spezie in grande abondanzia.

Capitolo CXXVII

Del'ixolla de Iava menore, dove non se vede la stela tramontana.

Se ll'omo se parte de Pentain e 'l navega per sirocho zercha meia zento, el truova l'ixola de [Ia]va Menor, che volze ben plui de tremilia meglia, in la qual ixolla si è oto regniami, e zaschun regniame a 'l so re.

La zente de questa ixolla à lenguazio per si, et è idolatra.

El ge n'è grande abondanzia de spezie, et ène spezie che mai non fo adute in queste nostre chontrà.

Questa ixolla è tanto inver mezodì che da questa ixolla non se può veder la stella tramontana nì puocho né asai.

Io non fu' in tuti i regniami de questa ixolla, ma fu' sollamente inel regniame de Ferlech e in quel de Basaron et in quel de Samara e in quel de <Da>groian e in quel de Lanbri et in quel de Fanfur, e nelli altri do non fu', e però ve dirò pur de questi.

Capitolo CXXVIII

De Ferllech, ove i omeni adora la prima cossa che i vedeno la maitina.

A chaxion d'i merchadanti saraxini che uxano molto innel regniame de Ferlech, la zente <de> quel regniame, ch'è apresso al mar, è chonvertida ala leze de Machometo.

Queli abitano ale montagnie non àno lezie niuna, ma sono chusì chome biestie, e la prima chossa che i vedeno da doman per tenpo, quando egli se lievano, sì l'adora per so dio.

Eli manzano ogni charne bona e ria, e eziandio charne umana.

Capitolo CXXIX

De Basina, dove sono i liochorni.

Quando l'omo se parte del regniame de Ferlech, el entra nel regniame de Besaron, lo qual à lenguazio proprio, e nonn à la zente della contrà leze se non chome bestie.

Eli s'apelano per el Gran Chaan, ma non ge fano trabuto se non qualchuna fiata i mandano chosse stranie.

El g'è alifanti <e liochorni>, e àno pello de bufalo e 'l pe' chomo alifante, e à la testa chomo porcho zengiaro e porta senpre la testa verso tera; e sta volentiera inel paltano e inel fango; et è soza bestia a veder; e à uno chorno in mezo la fronte molto grosso e negro.

E à la lengua spinoxa de spine longe, e chon la lingua fano gran mal ala zente e alle bestie.

In questo regniame si è spezie de diverse maniere in gran quantità.

El ge n'è simie pizolle che àno el vixo chomo l'omo e àno altri menbri someianti al'omo.

'Le sono prexe e vien pelade: egli laseno li pelli ala barba e per lo chorpo sechondo ch'à l'omo; po' le meteno in forma e chonzale chon le spezie, sì ch'ele non marziseno, e fale sechare; e po' le mandano per lo mondo a vendere.

E fano chreder a molti homeni ch'ele siano homeni chusì pizoli.

Ancora in questo regniame è molti astori negri chome chorvi, e sono molto grandi e oxelano molto bene.

Capitolo CXXX

De Samara, dove se fa el vin d'arbori.

Quando l'omo se parte de Bosaran, el truova el regniame de Samara, ch'è in questa medexima ixolla, in la qual contrada io, Marcho, demorai zinque mexi, a chaxion de rio tenpo che nui avesemo, che non ne lassò navegar; nui desendesemo de nave in tera e fesemo beltresche de llegniame, in le qual nui demoravemo per paura della malla zente bestiale ch'è in quella contrà, che manza charne umana.

In questa contrà non par la stella tramontana nì stelle de maistro.

La zente è idolatra et è molto salvadega e manzia d'ogni charne.

El g'è pesie asai, el mior del mondo.

El non g'è formento ma viveno de rixo, e i non àno vino se non chusì fato: el ge n'è una sorta d'arbori someiante ale palme pizolle d'i dataleri, e àno chomunalmente quatro rame; i le taiano a zerto tenpo dell'ano quel ramo, e a zaschun de queli rami ligano un òrzo al modo che se tuono l'aqua dela vite, e quelle rame gozano molto spesso e inpieno i òrzi entro uno dì e una note.

E questo dura piuxor dì.

E quando quelle rame non gozano plui, i zetano del'aqua a' pe' degli arbori, e sta uno pocho e lle rame zetano chomo da prima.

I uxano quel ligore in luogo de vino, et è molto bon et ànonde asai, e nge n'è de biancho et de vermeglio, ch'el par pur vino.

In questa chontrà è asai noxe d'India grosse et anchor molto bone.

Capitolo CXXXI

Del regniame de <Da>groian, ove s'alzide l'infermi.

L'altro regniame de questa ixolla à nome Dagroian.

La zente àno el suo re, à el suo lenguazio et è idolatra e salvadega zente.

E àno una cotal uxanza: che quando alchun homo o femena s'inferma, i parenti so mandano per i maistri e domandano se quel'infermo die' guarir, e i maistri fano suo' inchantamenti de demonii.

Se i dixeno che l'infermo debia morir de quel mal, i parenti del'infermo mandano per omeni che àno arte de alzider i infermi, e quelli i meteno alchuna chossa in bocha sì che l'infermo perde el fiado.

E poi el taiano e chuoxeno, e sì se chongrega tuti i parenti del morto e sì 'l manzano quando l'è choto.

E manzando i archoglieno tute le osse e lle medolle, azò che non se marzisano nì deventaseno vermi, ché i dixeno che se quelli vermi moriseno da fame che l'anima de quel morto n'averave gran pena.

Le osse meteno in chaverne de montagnie, azò che omo né bestia non le possa tochar.

Quando quelli de questa contrà prendeno alchun homo che non sia de sua chontrà, ello non se può rechonprar per moneda, ma egli el manzano.

Capitolo CXXXII

Del regniame de Lanbri, ove i omeni à corne.

La<n>bri è un altro regniame de questa ixolla, là o' fì berzi e chanfora e altre spezie in gran abondanzia.

Lì semenano li berzi, e quando i èno chresuti, sì li repiantano; <e lasali> tre ani, e poi li deschavano chon tute le radixe.

E sapiate ch'io, Marcho, ne portì a Veniexia e fine semenare, ma non naqueno, perché non avevano tereno chaldo e chaldisimo.

La zente della contrà è idolatra.

Anchora ve digo una cossa ch'è molto strania: che in questa contrà è molti homeni, che non abitano ala zitade ma demorano alle montagnie, che i àno chorni grandi chome uno palmo e gross[i] chome chode de' chani.

In questa contrà è alichorni e altre bestie assai.

Capitolo CXXXIII

Del regniame de Fanfar, ov'è i arbori che fa farina.

Lo sexsto regniame de questa ixolla à nome Fanfur.

El ge nasie la mior ganfora che se truova là; ella se vende altratanto <chome> oro a pixo.

El non 'd'è formento ma rixo asai, e de quel viveno, e de llate e vino d'arbori che ò dito de sopra.

In questa provinzia è una maniera d'arbori grandi e grossi, e àno la scorza sotil, e dentro sono tuti pieni de farina, dela qual se ne fa molti manzari de pasta molto boni, e io, Marcho, ne manzì piuxor fiade.

De altri do regniami de questa ixola non ve conterò niente, perché io non ge fu' mai.

Capitolo CXXXIV

Del'ixola de Nechuveran, ove i omeni va nudi.

Quando l'omo se parte del'ixola de Iava e del regniame de Lanbri e 'l va zento e zinquanta meglia per tramontana, el truova do ixolle, l'una à nome Nechu<ve>ran e l'altra Angama.

La zente de Nagiveran non à re, ma viveno chome bestie et sono tuti nudi, mascholli e femene, e non se chuovreno de cossa niuna, et sono idolatri.

E àno boschi de sandoi vermegli et de noxie d'India; et à garofali, e 'd'è berzi, et 'd'è molte altre bone spezie.

Capitolo CXXXV

Del'ixolla de Ogriman, ove i omeni àno el vixo de chani.

Ongaman è l'altra ixolla ben granda.

La zente è idolatra e viveno quaxi chome bestie salvatiche, e viveno de late et de rixo e manzano ogni carne, anchora de umana, et sono chrudelisimi.

E diròve una grande meraveglia.

Sapié per zerto che i omeni de questa ixolla àno testa quaxi chome chani mastini, e àno denti e ochi semeianti ai chani.

El g'è abondanzia de tute cosse et de spezie, e 'l ge n'è molti fruti devixati dai nostri.

Capitolo CXXXVI

Del'ixolla de Stinan, ove nasie i rubini.

Quando l'omo se parte del'ixola de Angaman e 'l va per ponente zercha mille meglia, alguna cossa verso garbin, el truova l'ixolla de Silan, ch'è una delle mazior et delle meglior ixolle del mondo.

Ella volze ben duamillia e quatrozento meglia, e sì ve digo ch'ell è mazior che segondo ch'el se truova innel mapamondi da' boni marinari.

Ella volzeva ben treamilia e zinquezento meia, ma el vento da tramontana ge fiere sì forte che in diversi tenpi à fato ruinare in l'aqua granda parte del tereno de quella ixola.

La zente de questa ixolla vano tuti nudi se non che zaschuno àno davanti una peza che i chuovre.

E non sono valenti per arme, anzi sono chativi e villi; e quando i bixognia zente per far fati d'arme, i toleno soldati d'altre contrade, e spezialmente saraini, contra i suo' inemixi.

El non ve n'è niuna biava se non rixo; el g'è molte semenze de susiman, dele qual i fano oglio, e viveno de charne et de llate.

El ge n'è abondanzia de berzi dei mior del mondo, e 'l ge n'è del vin d'arbori che ò dito de sopra.

I àno uno re rechisimo, che non dà trabuto a niuno.

In questa ixolla se truova i nobelli rubini plui che in altra parte del mondo.

Anchora se truova molti safili e topazi, anoristi e molte altre prie prezioxe.

Lo re de questa ixolla à el plui bello rubin che mai fosse vezudo al mondo: ell è ben longo una spana e grosso chome el brazo d'un homo; è respiendente e senza alchuna machulla, et è vermeglio chome fuogo, et è la plui bella cossa del mondo a veder.

Lo Gran Chaan mandò suo' messi a questo re, pregandollo che i lla donasse, e lui ge donerìa el valsente de una zità.

Lo re rispoxe ch'el non i la darìa per cossa del mondo, ché l'era sta' de' suo' antezesori.

Capitolo CXXXVII

Della provinzia de Maabar, ove se truova perlle in grande quantità.

Quando l'omo se parte del'ixolla de Selilan, andando per ponente zercha sesanta meglia, el truova la gran provinzia de Maabar, la qual è apelata India Mazor: questa è la mazior India che sia ed è teraferma.

In questa provinzia è zinque re che sono fradelli charnali.

Questa è la plui nobelle e la plui richa provinzia del mondo

Innel comenzar de questa provinzia è uno re che à nome Senderba e è apelato Re Devar.

In questo regniame se truova perlle asai, molto grosse, bone e belle, e ve dirò chome elle se truovano.

Innel mar de questa provinzia è uno colfo dentro l'ixolla e teraferma; in tuto questo colfo nonn è alta l'aqua plui de oto o diexe passa, in algun luogo 'la nonn è alta plui de passa do: in questo colfo se truova le perle.

El se aconpagnia molti merchadanti e tuoleno molte nave, grande e pizolle, e tuoleno homeni a priexio, che vano in fondi del colfo a prender le ostrege in le qual sono le perlle.

E menano homeni siego ch'è diti abraianin, li quali inchantano i pessi aziò che i non ge posano far mal [a] queli omeni che vano al fondi del'aqua.

E <a> questi inchantadori i dàno delle vinti perlle <una>, e alo re dàno delle diexe una; e per quella caxion a lo re gran guadagnio de perlle.

Queli incantadori incantano li pesse el dì, e la sera desfano l'inchantamenti aziò che niuno andasse de note a peschar le perlle.

E per questa caxion non se fa per li merchadanti se non de dì.

Quando i merchadanti àno le nave e lla zente che i bexognia, i vano in colfo ad uno luogo ch'è dito Baitabar, e vano ben sesanta meglia in lo mar, e li butano le anchore, e poi entrano in le nave pizolle e vano peschando.

Quelli che deno prender le ostrege entrano in l'aqua e va al fondo, e lì trova quelle ostrege; e in le charne de quelle ostrege se truova le perlle, grosse e menute, et de tute guixe.

E quando i non pono più sofrir in l'aqua, i vieneno su e sta uno puocho, e torna ancora al fondo, e chusì fano tuto el dì.

E questa pescharia dura in quel luogo d'aprille infin mezo mazio, e dapo' inanzi non se truova plui de quelle ostrege in quel colfo, ma da lonzi de llì trexento meglia se ne truova lo setenbre infina mezo otubrio.

De queste perlle se truova in quel colfo sì grandenisima quantità ch'ell è una grandenisima meraveia, e queste se sparze per tuto el mondo.

Tuta la zente de Maabar, ch'è dito India Maior, va nuda da ogni tenpo, ma portano dananzi uno drapo per chovrirse.

El re se ne va nudo chomo i altri e à al collo uno frixo pieno de zafiri et de smeraldi et de rubini et de molte altre rare piere; e a zaschadun brazo e a zaschaduna ganba sì à tre frixi choverti de piere prezioxe; e a' pie' e ai dedi del pe' porta piere prezioxe, e ll'è una meraveglia a vederllo.

Al collo i pende una cordella de seda, in la quale è zento e quatordexe homini, entro grandi e pizolli, e chovien ch'el diga, la doman e lla sera, zento e quatordexe ora[zion] a honor delle suo' idolle.

Sapiate che lle perlle e lle piere ch'el porta sora si, sì valeno una bona zità.

Quel re tien per si le plui belle perlle e lle mior che se truova in quella contrà.

E à quel re ben zinquezento moier, e tolse a uno so fradello una moier perché li piaque, e chollui chonvene sofrir per non chader in ira del re.

Lo re de questo regniame à molti conpagni, li qual chavalchano senpre chon lui et sono suo' servitori; e quando el re è morto, el so corpo se arde e queli se zetano sul fuogo e sse ardeno chon lui, e chredeno che i deba eser suo' chonpagni in l'altra vita, chusì chomo sono stadi in questa.

In questo regniame nonn nasie chavali e perziò questo re e i altri quatro re chonsumano gran parte delle suo' rendite pur in chavali: e i chonprano ogni ano dentro lor zinque re ben diexemilia chavali.

In la contrà de Churmos e de Quixi e de Dufar e d'Eser e de Eden el nasie molto boni chavali e i merchadanti de quella contrà ne portano in nave a vender in questa provinzia de Maabar quanti i ne bexognia, e ne fano gran guadagnio: e i vendeno chomunalmente l'uno zinquezento sazi d'oro, che val ben zinquezento marche d'arzento.

E sapiate in cavo dell'ano i è tuti quaxi morti, e però chonsuma tanto texoro pur in chavali, perché i se renuova ogni ano.

<Elli non àno> mereschalchi, e i merchadanti non ge lassa andar niuno mereschalcho d'altre chontrade purché i llo possa vedare.

I non sano guardar i chavali perché el tereno nonn è bon per chavali, ché de gran destriero et de gran destriera non <na>schono se non pizolli chavali e chativi, e àno i pie' streti e non sono mai boni per chavalchar; i dàno a manzar ai chavali charne chota chon rixo e molte altre cosse chote.

In questo regniame se fa grande zustixia de queli che cometeno furto e omezidio.

E quando alchuno omo à chomesso chossa per la qual el debia eser zudegato a morte, il domanda per grazia ala segnioria ch'el medeximo se possa alzider ad onor d'una idolla, e lo re i dà lizenzia.

E alora se chongrega tuti li parenti del malfator e metelli al collo ben dodexe cortelli, e metello in una scragnia.

E sì llo porta per tuta la zità, e vano tuti cridando: «Questo valentomo se vuol alzider per amor de chotal dio».

E quando i èno zonti in luogo dove se fa la zustixia, e chollui tuò uno chortello in mano e chrida ad alta voxie: «Io m'alzido per amor de cotal dio», et dàsse uno colpo del cortello.

Poi tuò l'altro et dàsse l'altro colpo, e tanto fa chusì ch'el muor, e li parenti ardeno el corpo chon grande allegreza.

Ancora è uxanza in questa provinzia che quando l'omo muor e 'l corpo fì arso, piuxor delle moier se meteno innel fuogo, e quelle che fano chusì è molto laudade dala zente.

Quelli de questa provinzia sono idolatri e molto adora el bò, e dixeno che 'l bò è molto santa cossa; e non manzano charne de bò per chossa del mondo, nì non alzideno neguno bò.

Dentro questa zente è una zenerazion de zente che èno apellati goni.

Questi manzano ben charne de bò, ma i non l'alzideno, ma quando el bò muor de soa morte e non <è> morto d'altri, el manzano.

Sechondo chomo se dixe in questa chontrà, questi goni sono disexi de quelli che alzidéno misier san Tomaxo apostollo, e sapiate che niuno de questa zente non pò intrar in la chiexia là ove misier san Tomaxio apostollo fu morto: diexe omeni non porave meter uno de questi goni in questa giexia.

In questa provinzia è molti monestieri de idolle <e> molti omeni che oferiseno le suo' figliolle alle idole, a quelle i àno mazior reverenzia.

E quando i munexi vuol far festa ale idolle, spesse fiade queste donzelle portano da manzar alle idolle e aparechiano la tavolla apresso le idolle, e fano grandi bali e chanti tanto quanto un gran barone podesse disnar a bel axio, e dixeno che lle idolle manzano la sustanzia della charne.

Ele sedeno possa ala tavolla e manzano quella charne chon gran reverenzia, poi se 'n torna zaschuna a chaxa soa.

A questo muodo tien queste donzelle infina 'le se maritano.

In questa provinzia lo re e tuta l'altra zente siedeno in tera e dixeno che i fa ziò perché i è nadi de tera e in tera dieno tornare, perziò non se pò tropo onorar la tera, e che nisuno non la die' desprixiar.

E quando i omeni de questa contra vano a bataia, i non se vesteno per ziò, e sì non porta arme <se non lanze e scuti>.

E non alzideno neguna bestia nì alchuno animalle, ma quando i voleno manziar charne, e' la fano alzider ad alguno che non sia de soa zente.

Zaschuno homo e zaschuna femena se chonvien lavar tuti in aqua do fiade al dì: da doman e la sera, e altramente non oserave manziar.

E chi non fesse questo serave tegniù dentro loro chomo li patarini dentro nui.

In questa chontrà se guarda la gran parte de bever vino, e queli che beveno vino e quelli che vano per mare altrosì nonn è rezevuti <a> testimonianza perché i dixeno che i è omeni desperati.

I non àno per pechato niguno luxuria.

In questa contrà non nasie alchuna biava se non rixo.

El ge n'è grandenisimo chaldo et perziò vano nudi.

El non ge [p]i[o]ve se non de zugnio et de luio et de agosto, e s'el non fosse la piova de questi tre mexi che refrescha l'aiere e lla tera, el ge serave sì gran chaldo che niuno non ge porìa viver.

Dentro questa zente è molti che sano filosofia e atendeno molto ad aguri e a int[o]po d'oxeli et de bestie, a' stranuti, e a' indivini e inchantatori.

E in questa contrà è tuti i oxelli molto devixati dai nostri, tratone la quaia: quella è chusì fata chome le nostre.

El ge n'è astori tuti negri chome chorvi, et sono megliori cha i nostri e oxella tropo ben.

El ge n'è balbastreli grandi chomo astori, i quali volano pur de note.

Capitolo CXXXVIII

Del regniame de Mirsuli, ove se truova i diamanti.

Morfili è uno regniame che truova l'omo quando el se parte de Maabar, andando per tramontana zercha mille meia.

La zente de questo regniame è idolatra e non rende trabuto a niuno, e viveno de charne, de llate et de rixo.

In questo regniame è montagniuole asai, e lì se truova i diamanti quando el piove.

I omeni vano quando l'aqua è rimessa: zerchano in li rigi delle montagnie e llì truova i diamanti.

Anchora se truova altrosì l'instade, quando è grandenisimo chaldo, <...> perché a gran pena ge pò l'omo sofrir per el caldo smexurato e perché in quelle montagnie è gran moltitudine de serpenti grandi e grossi.

Anchora ge n'è valle profondissime e zirchondade da montagnie altisime sì poste che niuno homo non pò desender in fondo de quelle montagnie.

In quel fondo è molti diamanti.

Or ve dirò chome fano per aver de queli diamanti.

In quelle montagnie et 'd'è molte aguie bianche che abitano lì per prender de quelli serpenti; queli che vuoleno d'i diamanti zetano in quelle valle gran peze de charne, e lla charne chaze sali diamanti e li diamanti se fichano sula charne.

Le aguie volano ala charne e sì la portano a bechar in tal luogo che omo non ge può andar.

Queli che teneno le aquille a mente vano là e chazalle via; elle fuzeno e lassa la charne, e i omeni toleno i diamanti che sono fiti in la charne.

E forsi per aventura le aquile, bechando le charne, algune fiade va in luogo che alguno non le pò chazar via.

In quelle charne è fiti molti diamanti e l'aquilla ne ingiotisse bechando la charne; e queli homeni zerchano dove è state quelle aquille la note e truovano i diamanti.

E in questo muodo i se truova, e trovasene in grandenisima abondanzia, nì non se truova in tuto l'altro mondo diamanti se non in questa chontrà.

I grandi re e gli baroni chonprano i più belli et li maziori.

In questa contrà se fa el plui bello e plui sotil e plui delichato bocharano che sse faza in tuto l'altro mondo.

El ge n'è molte bestie e li mazior moltoni che siano al mondo.

De quelle chosse che i viveno n'è in grande abondanzia in quella chontrada.

Capitolo CXXXIX

Del corpo de misier san Tomaxio.

El corpo de misier san Tomaxio apostollo è in la provinzia de Maabar, <in> una pizolla zità ala qual vano pochi merchadanti perché 'la nonn è in bon luogo per merchadanti, et è molto fuora de luogo.

El ge n'è molti cristiani e molti saraini che vieno in pellegrinazio al corpo dell'apostollo.

I saraini de quella chontrà àno in gran reverenzia misier san Tomaxio e dixeno ch'el fo saraino e ch'ell è gran profeta, e apellano misier san Tomaxio avarian, ch'è a dire 'santo homo'.

I cristiani de quelle contrà vano in pellegrinazio al corpo de misier san Tomaxio e tuòno dela tera de quel luogo dove el fo morto – et è tera rossa –, e portala siego.

E quando alchuno è infermo, i desstenpera quella tera chon aqua o chon altro lichore e dàlla a ber al'amalato, e 'l guarisse inchontenente.

E questo incontra a molti.

Hor ve chonterò uno gran mirachollo.

Ano domini MCCLXXXVIII, uno baron de quella contrà avea gran quantità de rixo sì ch'el fexe inpir tute le chaxe della giexia de misier san Tomaxio.

I cristiani che aveva chura del luogo lo pregava molto ch'el non ochupasse quel luogo, aziò che i podeseno albergar i pelegrini che vegnivano a vixitar el corpo santo.

Quel baron non volsse tuor fuora el rixo.

Misier san Tomaxio aparsse de note in vixion a quel baron e aveva in man una ferzella de fero, la qual el messe sula golla a chollui, e disse: «Se tu non fa' incontenente despaziar le chaxe mie, el chonvien che tu muori de malla morte».

Quando el fo desedado, inchontenente el fè' trar fuora tuto el rixo.

I cristiani ne referì grazia a Dio e a misier san Tomaxio, e quel baron disse quella vixion publichamente.

Molti miracholli fa tuto el dì misier san Tomaxio in quella contrà ai cristiani che sse rechomandano a llui in le suo' nezesitade.

La zente de quella contrà è tuta negra, e ben è vero che i naseno bianchi, ma i onzeno i fantini ogni setemana tre fiade chon oglio de susiman, e quella onzione i fano deventar plui negri che i non sono: quello ch'è plui negro è reputà plui bello.

Questa zente fano depenzer lo suo dio e lle suo' idolle tute negre, e 'l diavollo depenzano biancho, e dixeno che dio xè negro e 'l diavollo biancho.

Quando la zente de questa contrà vano in oste, zaschuno porta siego del pello del bò salvadego, e l'omo da chavallo liga quel pello alla coda del chavallo, e l'omo da pe' liga ai suo' chavelli.

E dixeno che 'l bò è sì santa cossa che chi à de quel pello non i può incontrar pericolo niuno.

E per questa caxion quel pello è molto charo in quella chontrà.

Capitolo CXL

Del regniame de Lier, dove la zente non dixe boxie.

Quando l'omo se parte de quella contrà in la qual è el corpo de san Tomaxio e 'l va verso ponente, el truova una provinzia ch'è apellata Lier.

In questa contrà <è> i abraiani, li quali è plui veritevole zente che sia al mondo: i non dirave una bosia nì una falsità per cossa del mondo.

Et sono molto chasti; zaschuno è chontento de soa moglier, e si guarda molto de tuor l'altrui e de robar et de involar.

E non beveno vino e non manzano de charne, e non alzideno niuno animalle.

I èno idolatri e tendeno molto a' agurii d'oxielli e a intopo de bestie.

Quando i vuoleno far alchun merchato, i vuoleno anche saver quanto è longa la soa onbra al solle.

E àno soe regulle azò i fano grande hastinenzia e manzano molto tenperatamente.

I uxano a manzar d'una erba la qual i fa ben paire, et perziò i èno molto sani e mai non se fano tuor sangue.

In questa contrà è molti religioxi segondo soa fe' che serveno alle giexie, là dove è le suo' idolle, li qual sono apellati zingui, e viveno plui che zente che sia al mondo.

I viveno chomunalmente ben zento e zinquanta ani; e questo è per la <lor> vita, ché i fano molto grande astinenzia de manzar et de ber, e uxano bone vivande.

E uxano una vivanda molto strania da udire, che i uxano do fiade al mexe: una bevanda d'arzento vivo mesedado chon zafaran.

Et sono uxi a questa cossa fino che i èno picoli, e dixeno che per questa bevanda i viveno plui tenpo.

Ancora è altri religioxi in questa provinzia che fano molto aspra vita per amor delle suo' idolle.

I vano tuti nudi e non se chuovreno de niente, e dixe che i non àno vergognia de star a cotal modo perché i non àno alchun pechato.

I adorano el bò, e portano uno bò pizollo de bronzo ligato sul fronte; e onzesse tuti chon una onzion fata de polvere d'osse de bò.

E non manzano in schudella né in taier, ma sule foglie de pome de paradixo e su altre foie grande quan[d]o 'le èno siche: i non manzano su foie verde nì manzeraveno fruto verde perché i dixeno che lle cosse verde àno anima.

E non alziderave nesuno animal, nì grando nì pizollo, perché i dixeno l'è gran pechato.

I non farave niuna cossa che fosse pechato sechondo soa lezie per cossa del mondo.

I dormeno nudi sula tera e fano arder tuti i corpi morti.

Capitolo CXLI

De Coilon, dove è molto endego.

Coillun è uno regniame che l'omo truova partandosse da Maabar e andando verso garbin zinquezento meglia.

El ge n'è cristiani, zudei, idolatri asai.

I àno lenguazio proprio.

Lo re de Choillun non fa trabuto a niun. 5In questo regniame nasie berzi chome luvini molto boni; è piper in grande abondanzia: tute le chanpagnie e tuti i boschi èno piene de piper.

El piper se choie de mazio, de zugnio et de luio.

Li arboselli che fano el piper sono domestegi.

El ge n'è abondanzia d'endego molto <bono>, lo qual se fa d'erba.

I tolleno quella erba e sì la meteno in gran tine e lasalla star tanto chusì che l'erba se disfa; po' la meteno al solle, l[o] qua<l> rendeno grandisimo chaldo in quella contrà.

El sol la fa boglir, e poi se prende insieme chome pasta; poi el taia menudo segondo ch'el se aduxe de zia.

In questa contrà è gran briga a viver per el grandenisimo chaldo che ve n'è: chi metesse vuove in uno fiume inchontanente le serave chote.

A questa contrà va diverssi merchadanti d'asai provinzie e fano gran guadagnio.

In questa contrà è molte diversse bestie da tute <le altre> del mondo; el ge n'è lioni tuti negri senza altro chollor, el ge n'è pa<pa>gali bianchi chomo neve ch'àno i pie' e 'l becho vermeglio; anchora ge n'è papagali de diversse guixe, miori e plui belli de quelli che l'omo aduxe in nostre parte; el ge n'è galine devixade dalle nostre.

Et àno tute cosse devixade dalle nostre, e fruti, bestie, oxelli; e questo è per el gran chalor.

El non ge n'è biava alchuna se no rixo.

I fano vino de zucharo, et è tute cosse devixate dale nostre da viver, e 'l n'è gran merchato da viver.

El ge n'è molti astrologi e molti miedexi.

La zente è tuta negra e zaschuno va nudo, mascholi e femene, ma davanti se chuovreno d'uno bel drapo.

I sono luxurioxa zente; i tolleno per moglier le chuxine e lle maregnie e lle chugniade dapoi la morte d'i maridi.

E questo se observa per tuta India.

Capitolo CXLII

De Comari, ove è simie che par homeni.

Comari è una chontrà d'India dela qual se pò veder alchuna cossa della stella tramontana, la qual non par del'ixolla de Iava perfina che l'omo se parte da questo luogo.

El va per mar ben trenta meglia e alora par la stella tramontana, e par sora l'aqua l'è uno brazo.

E questa contrà è molto salvadega.

El ge n'è bestie molto stranie, e spizialmente simie che par pur homeni; el g'è chati paosani molto stranii; el ge n'è lioni e lionpardi e onze assai.

Capitolo CXLIII

De Lila, ove i merchadanti non olsa arivar per mal tenpo.

Quando l'omo se parte de Chomari e 'l va verso ponente zircha trexento meglia, el truova el regniame de Li.

La zente è idolatra e à lenguazio proprio.

E àno re ch'è molto richo de texoro ma nonn è possente de zente, ma la contrà è sì forte che nisuno non può andarli sopra per far dano.

In questa contrà nasie piper <e> zenzero in grande abondanzia.

Quando alguna nave prende porto in questa contrà per mal tenpo o per alchuna altra chaxion, s'ella non andava termenatamente a questa contrà, quelli de quella contrà robano tuto ziò ch'è in la nave e non chredeno aver pechato, ma dixeno a quelli dela nave: «Vui portavi questa vostra merchadantia ad altre contrade, ma el nostro dio e lla nostra bona ventura v'à mandadi a nui chon questa roba».

Questo se fa per tuta questa contrà.

El ge n'è lioni e altre fiere bestie in gran quantità.

Capitolo CXLIV

Del Melibar, ove sono chotanti chorsari de mare.

Mellibar è uno grandenisimo regniame de India Mazior et è verso ponente; e à re e llenguazio proprio, e non fa trabuto <ad> altro.

La zente è idollatra.

De questo regniame par la stella tramontana alta sopra aqua ben doa passa.

In questo regniame e in quel de Gonzurach, ch'è a pe' de questo, g'è ziaschadun ano plui de zento nave de corsari che vano robando le nave che vano per mar.

Quelli corsari menano le moier e gli figlioli con lor, grandi e pizoli, e stano tuta l'instade in corsso.

I fano schiere in mar, e lutanasse una nave dal'altra ben zinque meglia, sì che vinti nave tien ben zento mia.

E quando alguno de queli legni vedeno alchuna nave, i se fa segnio de fuogo l'uno al'altro, sì che puoche nave schanpano s'ele nonn è ben armade e ben achonpagniade.

Questi corsari toleno le nave e lla roba, e ai omeni non fa alguno malle e dixeno: «Andé e guadagnié del'altra roba, ché forsi per àventura ne vignierì anchor per le man».

In questa contrà è grandenisima quantità de piper et de zenzero, et de turbiti et de noxe d'India.

El se ge lavora bocharano belletisimo.

E non ve digo della zità niente, ché tropo sera ve longa materia.

Capitolo CXLV

De Gonzarach, ove sono i arbori che fano el banbaxio.

Gonzurach è uno altro regniame che à re e lenguazio proprio, et è verso ponente.

La zente è idolatra.

Da questa contrà par ancora meio la stella tramontana: par ben alta sìe braza.

E in questo regniame è i mior chorsari che sia al mondo; i fano una chotalle malvaxità: quando i prendeno i merchadanti, i dàno a bevere [t]hamarendi in aqua de mar, sì che li merchadanti àno sì gran fluso che non li roman niente in corpo.

Questo fano perché i merchadanti soleano ingiotir perlle e piere prezioxe spesse fiate quando i vedeno che i corsari i vienno a prender.

E a questa chaxion non pò schanpar niente i merchadanti.

El ge n'è piper e zenzero e endego in gran quantità.

Anchora ge n'è arbori che fano el banbaxio in grande abondanzia; queli albori sono alti plui de sìe passa chomunalmente, et dura ben vinti ani, e poi sono vechi e non val più niente.

El banbaxio che fa questi arbori defina dodexe ani è bon da filar, e da lì inanzi nonn è bon da filar, ma è bon da far zuponi e per molte altre cosse.

In questo regniame è molto churame e lavorasse molto ben.

Capitolo CXLVI

Del regniame de Chana e de Chanbrach e de Semerach e de Resmachoran.

Quando l'omo se parte de Gonzurach e va versso ponente per mar, el truova el regniame de Chana e quel de Chanbrach e quel de Semarch e quel de Resmachoran.

Zaschadun de questi regniami à re e lenguazio per si, e sono tuti del'India Mazior.

In questi regniami se fa de grandisime marchadantie, ma non ge n'è altre cosse che sia da scriver.

E sapiate che ò dito pur delle provinzie et delle tere ch'èno sovra el mar in questa India, ma delle provinzie ch'èno infra tera non ve n'ò dito niente perché longo serave a dirne.

Capitolo CXLVII

De do ixolle dove in una abita pur homeni senza femene, et in l'altra pur femene.

Se ll'omo se parte de Resm<ac>oran e 'l va ben zinquezento mia in alto mar verso mezodì, el truova do ixolle ch'è apresso l'una dell'altra trenta mia.

In l'una abita homeni senza femene, sì che l'ixolla è apellata in quella lingua l'Ixola Maschia; in l'altra abita femene senza homeni: è apellata l'Ixolla Femena.

Quelli de queste ixolle è una chossa insieme, et sono cristiani.

Le femene non vieno mai al'ixolla d'i homeni, ma i omeni vano al'ixolla delle femene e stano tre mexi dell'ano chontinui, zaschun in chaxa de soa moier; poi parteno e torna alla soa ixolla e stano i altri nuove mexi dell'ano.

Le femene tengono chon si tuti i fantolini maschi fina a quatordexe ani, poi i mandano ad abitar chon i padri.

Le femene non fano se non nutrigar figlioli e aver chura de' figliolli et de zerti fruti che èno in l'ixolla.

I omeni fano tute chosse bexognia a mantegnirsse elli e lle suo' moglier.

In questa contrà è grande abondanzia d'anbro, a chaxone delle bellene, delle qual se ne prende molte in quel mare.

I èno molto boni peschatori e prendeno tanto bon pesie che i 'l sechano e àno grande abondanzia in tuto l'ano e fano gran merchadantia.

E viveno de charne et de llate et de rixo.

I non àno altra segnioria se non che i àno per signior uno veschovo ch'è sotoposto alla chorte del veschovo de Schoira.

Capitolo CXLVIII

De una ixolla de Schoira, ove sono pur cristiani.

Quando l'omo se parte da queste ixolle e 'l va verso mezodì zercha zinquezento meglia, el truova l'ixolla de Schoira.

Queli de questa ixolla sono cristiani e àno arziveschovo.

In questa ixolla è gran abondanzia d'anbro e llavorasege molti drapi de banbaxio molto belli.

è molte merchadantie, spezialmente de pesse; e uxano charne, pesse, rixo – e altra biava non àno.

I vano tuti nudi.

A questa ixolla vano molti corsari a vender le chosse i àno robade in mar, e questi cristiani le conprano volentiera perché i sano che quelle cosse sono tolte a' pagani e i xaraxini, e non ali cristiani.

In questa ixolla è molti merchadanti.

è zente entro queli cristiani, i quali, se una nave andasse a vella e avesse bon vento, faraveno vegnir per inchantamento uno vento chontrario che la farave tornar indriedo.

Infino, per inchantamento de demonii, fano trar el vento donde i volleno.

Capitolo CXLIX

Del'ixolla de Madeigoschar, ove se dixe del'oxello che è chusì grando.

Madeigoschar è una ixolla versso mezodì e da lonzi da Schoira zercha mille meglia.

Et sono saraini e àno la leze de Machometo; e àno quatro antixi ch'àno la signioria de tuta l'ixolla.

Questa ixolla è una delle plui belle et delle mazior che sia al mondo, e dixeno ch'ella volze IV milia mia.

In questa ixolla nasie plui alifanti cha in altre chontrade del mondo.

In tuto l'altro mondo non se fa chusì gran merchadantie de denti <de> alifanti como se fa in questa ixolla e in quella de Zanchibar.

In questa ixolla nasie molti ganbelli, e nonn è homo al mondo ch'el chredesse se non lo vedesse.

E non se nde manzia altra charne se non de ganbelli, e dixeno l'è la plui sana charne che sse posano manzar né uxar.

El ge n'è molti boschi de sandali vermegli: è albori molto grandi.

E fasene gran merchadantie.

El ge n'è molto anbro perché in quel mar è molte balene e molte chapedoge; le bellene e lle gapedoge fano l'anbro.

E liopardi e onze asai, e lioni oltra mexura, cervi, capriolli, daini assai e oxelli molti devixati dai nostri.

El ge n'è gran venaxion de bestie et de oxelli.

A questa ixolla vano molte nave chon merchadantie che sono molto grande.

Ale altre ixolle ch'è oltra questa versso mezodì va poche nave se nonn è de quelle de Zangibar, per chaxion che 'l mar chore sì forte verso mezodì che lle nave a gran pena pò tornar indriedo.

E sì ve digo che lle nave che vien da Maabar a questa ixolla de Madeigoschar vienno in vinti dì e penano a tornar a Maabar ben tre mexi: e questo per el chorente che va versso mezodì.

E quel corente non va mai se non in quelle parte.

In quelle altre ixolle che sono verso mezodì, ale guai non vano nave per chaxion del corente, dixe le zente de quella contrà che el ge parsse, zerto tenpo del'ano, una zenerazion de oxielli grandenisimi, i quali sono apellati ruc e sono semeglianti a aquille.

E sono sì grandisimi, sechondo che i dixeno queli che i àno vezuti, che le pene delle ale sono longe ben dodexe passa ed èno grosse che sse chonvien ala longeza.

E àno sì gran forza che uno de quelli oxielli prende un alinfante e lievalo alto in aiere e lasalo chader in tera sì ch'el muor; poi se destende sul'elinfante e sì se 'n pasie.

Io averìa chreduto che quel'oxiello fosse el grifone se non che quelli che l'àno vezudi dixeno ch'ell è tuto chomo oxello e non chome bestia, chome se dixe del grifon.

Lo Gran Chaan mandò soi messi a quelle ixolle per far lasar un so messo ch'era prexo e saver delle stranieze de quelle chontrà.

Queli messi tornàno e menàno quel prexo, e rezetòno chosse molte stranie de quelle contrade, e portàno de quelle cosse al Gran Chan, zò fo denti de porcho zengiaro, tra i quali ne era uno che pesava quatordexe livre.

E diseno ch'el ge n'è molti zengiari grandi chome bufali.

El ge n'è zirafe e asini salvadegi assai e molte bestie devixà dalle nostre.

Capitolo CL

Del'ixolla de Zanchibar, ove è homeni chusì grandi e forti; et altre cosse.

Zanchibar è una ixolla nobellisima che volze ben doamillia meglia.

La zente del'ixolla è idolatra e à re e llenguazio proprio.

Et è tuti grandi e grossi, ma non sono chussì alti chomo rechiere la groseza, et sono sì grassi e sì menbruti che i pareno ziganti.

Et sono sì forti che uno omo porta el chargo de quatro omeni de nostra zente; e manzia uno ben per zinque d'i nostri.

Et èno tuti negri e vano tuti nudi, ma se chuovreno dananzi.

E àno sì chrespi i chavelli che apena se destendeno chon aqua.

I àno la bocha molto granda, el naxo rebufato in su e lle orechie grande e i ochi grossi ch'el è oribel cossa a veder.

Le femene èno altrosì molto soza cossa: ele àno gran bocha, grossi ochi e grosso naxo, e àno quatro chotanti grosse le mane che non àno le femene de nostra contrà.

Questa zente vive de charne et de llate et de rixo et de datalli, e non ànno vino de vignie, ma i fano vino de rixo et de zucharo et de spezie, ch'è molto bon.

I èno molto forti e boni chonbatatori in bataia e non àno quaxi paura della morte.

I non àno chavali ma i chobateno sui elifanti e sui ganbelli, e fano sì grandi chastelli suli ellinfanti ch'el sta suxo da sedexe in vinti omeni; e chonbateno chon lanze e spade e chon piere suli elifanti.

I chastelli èno choverti de llegniame.

E quando i dieno andar ala bataia, i dàno da ber alli ellifanti de quel poson de spezie che i fano per si, e li ellifanti deventano plui fieri e plui regoglioxi.

In questa ixola è lioni molto devixati dai nostri delle nostre contrade; è onze e liopardi assai e molti ellifanti, e moltoni e ber[b]isi tuti d'una fata et d'uno chollor, et èno tuti bianchi e àno el collo negro.

E in tuta l'ixolla non èno moltoni che non sia de cotal fata.

El ge n'è girafe asai, ch'è molto bella cossa a veder: ell[e] àno el collo longo e lle ganbe dananzi longe e quelle da driedo churte; la testa è alta dalla tera ben tre passa, e àno pizolla testa e non fano mal a niuno; e sono tute rosse e bianche.

E se ge fano gran merchadantie, e spezialmente d'i denti d'ellifanti.

El ge n'è anbro in gran quantità perché se ge prende molte bellene.

Tute le bestie de questa ixolla sono molto devixate dale nostre.

Hor sapiate che nonn ò dito del'ixolle d'India se non delle plui nobelle et delle mazior.

El nonn è homo al mondo che de tuta India savesse contar perché tropo è gran cossa.

La gran parte delle altre ixolle, delle qualle e' non fazo menzion, sono sotoposte a quelle delle qual ò dito.

E sapiate veramente che in questo Mar d'India è ben dodexemilla et setezento ixolle, dentro abitade e non abitade, segondo che mostra el chonpasso e lle scriture d'i boni marinari che uxano quel mar.

Dapoi che ò dito de India Mazor, che dura dala provinzia de Maabar defina a Rischomorchoran, et della Menor, che dura de Zinba fina Anruessil, ora ve voio contar d'India Mezana, ch'è apellata Albaxia.

Capitolo CLI

De Albaxia, ove el re manda el veschovo al sepulchro de misier Iesu Cristo.

Albaxia è una grandenisima provinzia ch'è apellata India Mezana.

El mazior re de questa provinzia è cristiano; tuti i altri re de questa provinzia sono sotoposti a lui, et sono sìe, entro i qual n'èno tre cristiani et altri tre saraini.

E li cristiani de questa contrà àno uno segnio de fero chaldo sul volto in modo de croxe, e fano questo per chonpimento de batexemo dapuo' che i èno batizadi.

Anchora è in la provinzia zudei che portano do segni, zioè uno su zaschuna galta.

E i saraini de questa provinzia àno uno segnio dala fronte fina a mezo el naxo.

Lo re demora in mezo la provinzia e li saraxini demora versso la provinzia de Eden.

In questa provinzia predicò misier san Tomaxio apostollo e chonvertìge molta zente, e poi andò alla provinzia de Maabar, là dove el fo martorizià, e llà ove è el suo corpo chussì chome ò dito de sopra.

In questa provinzia è molti homeni valenti per arme e molto belli chavalieri.

I àno quaxi chontinuamente guera chon el soldan de Aden e chon queli de Nubia e chon molta altra zente.

Ano domini MCCLXXXVIII, lo re cristiano che signiorizià tuta la provinzia voleva andar in Ieruxalem a vixitar el santo sepulchro del nostro segnior misier Iesu Cristo, e li baroni del so regniame, temando non i podesse incontrar perìcollo perché el doveva passar per tere de saraini, non lo lasò andar, ma i dèno per conseglio ch'el mandasse uno santo vescovo della contrà e mandasse quella oferta che i piaxesse, onde lo re mandò quel santo veschovo al sepulchro chon grande e onorada oferta.

Quando el vescovo se ne tornava, el vene per quella contrà de Aden, e quando el soldan de Aden, ch'è tropo chrudel contra cristiani, sape che quel vescovo era cristiano et era messo del re d'Albaxia, ello el fè' prender e disse s'el non se convertisse ala fe' de Machometo ch'ello i farave onta e dexenor.

El veschovo respoxe ch'el se laserìa avanti alzider che el negasse la fede de Cristo.

El soldan, aldando le parolle del veschovo, fo molto turbato e chomandò che 'l veschovo fosse zirconzixo in despeto della fe' cristiana e del suo signior, che era cristian, e poi lo lassò andar chusì zirconzìxo.

El veschovo se partì con tuta soa conpagnia e andò tanto per mar e per tera ch'el zonse alla provinzia de Albaxia.

E quando el re sape quello era fato al suo vescovo, el ave grand'ira, e al plui presto ch'el poté fexe grande apariamento de chavali et de pedoni et de alinfanti inchastelati, e andò tanto chon sua zente ch'el zonse in le tere de Aden.

E lo soldan de Aden vene chontra lui con soa zente ai forti passi per mantegnir e mitigar ch'el non pasasse, unde el ne fo una gran bataglia infra quella zente.

E avegnia che 'l soldan de Aden avesse siego do altri re e zente molto granda, anpuo' lo re d'Albaxia vinse la bataglia, e fo morti molti saraini.

El re d'Albaxia intrò in le tere de' saraini, e i saraini i fono inanzi in tre o in quatro luogi, e senpre furono schonfiti e morti i saraini in grandisima quantità; sì che 'l re d'Albaxia stete in le tere del soldan de Aden ben uno mexe e fè' far gran guasto in la contrà, e poi se ne tornò in soa contrà chon grande onore.

La zente della provinzia vive de rixo, de charne e de llate, e uxano oio de susiman.

El ge n'è alinfanti asai de India, ché in questa contrà non nasie elinfanti; el ge nasie girafe asai e lionpardi e onze e aseni salvatichi, e oxelli devixati de quelli delle nostre contrà; el ge n'è galine tropo belle a veder e struzi grandi chome axeni, e gati pauli e maimoni asai.

El ge n'è de queli gati che par a veder quaxi volto d'omo; el ge n'è papagali e simie asai de piuxor guixe, et 'd'è grande venaxion de bestie et d'oxeli.

In questa provinzia è molte zitade e chastelle, e fasene grande merchadantie; e fasene molti bocharani e molti altri drapi de banbaxio.

Capitolo CLII

Della provinzia de Aden, ove i dàno a manzar ale suo' biestie el pessie.

La provinzia de Aden à uno re ch'è apellato soldan.

La zente de questa provinzia sono tuti saraini e àno in gran odio i cristiani.

El ge n'è molte zitade e chastelle.

In questa provinzia è uno porto nobille, dove mete chavo le nave d'India chon le merchadantie e chon le spezie.

Li merchadanti trazeno le spezie de questo porto e sì lle meteno in altre nave pizolle e sì lle portano per uno fiume intorno a sete zornade, e po' le trazeno de nave e chargano ganbelli.

E portalle ben trenta zornade, e poi truova el fiume de Alexandria, e per quel fiume le chonduxeno in Alexandria.

Questa è la mazior via e lla plui zerta se possa far a insir d'India in Allexandria; per questa via se mena molti chavalli a vender in India.

Lo soldan de Aden, per la gran intrada e per el gran texoro ch'el rezeve chontinuamente da' marchadanti che menano le merchadantie per le sue contrade, è uno de plui richi che sia al mondo.

Quando el soldan de Babilonia fexe oste ala zità de Achre e lla prexe, ano domini MCCLXX, lo soldan de Aden dè' al soldan de Babilonia in aitorio trentamilia omeni a chavalo e ben quarantamilia ganbelli.

E questo fè' plui per el gran odio ch'el aveva a cristiani che non fo per amor ch'el avesse al soldan de Babilonia.

E da lonzi del porto de Aden a quatrozento meglia è una zità grandisima ch'è della provinzia de Aden, e à nome Esier, et è versso maistro, et à piuxor zità e chastelle soto de ssi et è sotoposta al soldan de Aden.

Quelli de questa zità èno tuti saraini.

E questa zità à uno porto molto bon, del qual se porta molti cavali a vender in India ch'el nonn è homo al mondo che podesse saver el numero.

In questa provinzia nasie assai inzenso biancho; et èno pizoli et ène asai de queli arbori ch'el fano.

Et de zaschadun arboro intachado in piuxor luogi per quelle tache esie fuora l'inzenso, et dal'alboro medeximo n'esie asai senza ch'el sia intachado: questo è per el gran chalor che v'è.

E nasege asai datali, e non ge nasie alguna biava se non rixo, et de quel puocho.

El ge fì portada la biava delle altre contrade.

El ge n'è pesie asai, spezialmente tonina, e 'l ge n'è sì gran divizia che per uno venizian grosso se n'averave do grande.

I viveno de rixo et de zucharo et de datalli.

El ge n'è moltoni pizolli che non àno orechie nì forame in la testa, ma in luogo delle orechie àno do chornexelle pizole.

Achora ve digo che lle suo' biestie, zioè chavali, buò, moltoni, ganbelli manzano pesie, e questa è la lor vita.

In tuta questa contrà nonn è erba, anzi è plui secha contrà del mondo.

El pesie che manzano le bestie è molto pizollo e prendesse de marzo, d'april et de mazio: el se ne prende alora sì gran quantitade ch'el è una meraveglia.

I lo sechano e possa lo salvano tuto l'ano, et dàlo a manzar frescho e secho ale suo' biestie ch'elle manzano tropo ben.

Ancora de pesse grando che i prendeno ne fano bischoti: i taiano el pesie grosso menudo e inpastalo insieme e fano pan de pesie anchora d'i bischoti, e falo sechar al solle e 'l se chonserva posa tuto l'ano.

Capitolo CLIII

Della chondizion della chorte che èno verso tramontana, là o' tirano i chani le tra[z]e.

Dito della condizion d'India et della provinzia de Aden, che confina con India Mezana, mo' ve voio tornar a contar delle contrade versso tramontana, et sono tere de' Tartari.

E llà abita gran zente tartarescha verso tramontana che à uno so re della chaxa del Gran Chan, e tuti quelli èno desexi de Chinchis Chan.

Questa zente àno dreta lezie e 'l muodo d'i driti Tartari, e adorono uno dio ch'è apelato Nacigai.

E fano questo dio de feltro e dixeno ch'ell è dio tereno, ch'à chura delle cosse terene.

Questa zente non abita in zità nì chastelle, ma demorano in le pianure de quelle provinzie, e non àno guera chon niuna altra zente.

Lo re tien quella zente chon gran paxe.

El ge n'è gran moltitudine de bestiame, zoè ganbelli, chavali, buò e moltoni e altre bestie asai.

El g'è orsi tuti bianchi et sono longi chomunalmente ben vintidò spane; el ge n'è volpe tute negre e molto grande, aseni salvatichi e molte bestiolle che sono apelati zebelini, delle qual se fa plui dellichate e riche portature che siano al mondo.

E val tante pelle de' zebelini quanto bexognierave per una roba d'uno chavaliero mille bexanti d'oro!

El ge n'è vari, [e] rati de faraon asai ge n'è: i ne prendeno tante l'instade che i non uxano quaxi altra charne l'instade.

Quelle bestiolle nonn èno molto grande.

Ell è grande abondanzia de salvadexine, perché la chontrà è molto salvadega.

Soto la segnioria de questo re è una contrà che nesuno non può andar a chavallo né nesuna grieve bestia, perché dentro la chontrà del re è molti passi e molti lagi e molte fontane, et ène sì gran fredura in quella contrà ch'el g'è molte giaze senpre per la via e fangi, sì che per le giaze non 'de può andar nave nì per el fango bestie grave.

E dura questa contrà cusì fata ben tredexe zornade, et ège montagnie e valle in mezo de quelle montagnie.

In quelle montagnie se prende molte bestiolle ch'àno molta charne e dellichata pelle.

La zente de quella contrà è inzegniate ch'el se possano quelle pelle trar fuora de quella contrà ch'è chusì fangoxa e agiazata, et de quelle pelle fano gran guadagnio.

Quelli che prendeno quelle bestie, come è vari, zebelini, armelini, arcolini, volpe negre e altre bestie, sono queli che abitano in quelle montagnie: sano far tanti inzegni ch'el non ne chanpa quaxi niuna.

Hor ve dirò chome se va a quelle montagnie per chonprar quelle pelle.

In cavo de zaschuna zornata de quelle tredexe è una abitazion, e sono chaxe in le qual abitano homeni i quali aduxeno quelli che va et queli che vien.

Ell è a zaschaduna de queste poste ben quaranta chani che sono puocho menor de' axeni; questi chani sono uxi a tirar chome fano i buò in nostre contrà, et tirano traze.

Queste traze non àno ruode ma sono piane de soto e lleziere, sì che per eser do homeni sula traza non sse ne ficha se non puocho in quel fango.

Sula traza è messo chuoro d'orsso, e su quel chuoro stano i omeni a tirar quella traza.

E sì n'è de quelli chani grandi che sono uxi a ziò; e i chani che sono ligati ala traza sì lla tirano driedo.

Chon queste traze va senpre uno de queli che stano ala posta aziò che i guidi i chani per la mior via.

Questi chani non vano se non da una posta al'altra, e a zaschaduna posta chanbiano traza e chani.

E queste poste è albergi per albergar quelli che vano e pasano per quella contrà.

El g'è tropo gran fredura.

Capitolo CLIV

Della Oschurità, dove non àno mai la luxe del sol.

Alle confine de questo regniame de Tartari ch'è dito de sopra, è una contrà ch'è apellata la Oschurità, perché de tuto el tenpo dell'ano ge n'è oschurità al muodo che nui avemo in 'ste nostre contrà in la prima sera; non ge par mai sol.

La zente de questa contrà non àno re né signior; è chome bestie.

Questi abitano in questa contrà oschura sono molto belli e grandi e ben fati de' suo' menbri, ma i non àno nisuno chollor, anzi sono molto palidi.

I Tartari che chonfina chon questa zità ge fano spesse fiate gran robar.

E quando i vano in quella Oschurità per robar, aziò ch'i sapiano tornar indriedo per quella via instessa, àno una tal uxanza.

I vano tuti a chavalo su chavalle che abia polieri, e vano chon i polieri, i qual li lasano al'intrar della Oschurità a homeni che i guardano, e poi vano oltra a robar.

E quando i àno robado quel che i posono, i se volzeno per tornar indriedo e lasano andar le chavalle, et elle sano tropo ben tornar dove è i figlioli.

E a questo modo se ne tornano fuora della Oschurità e torna in suo' chontrà.

I omeni de questo luogo prende molte bestiolle, delle qual i fano molto gran guadagnio delle pelle.

La gran Rosia confina siego, però ve ne dirò.

Capitolo CLV

De Rosia, che è la dredana provinzia de questo libro.

Rossia è una gran provinzia verso tramontana.

La zente sono cristiani e àno el modo grixescho in fati della giexia, e sono molto sinplize zente.

I sono molto belli homeni e belle femene, e sono tuti bianchi e biondi.

I non fano trabuto a niuno se non al re d'i Tartari de Ponente.

El ge n'è passi molto forti.

El non 'de n'è grande merchadantie se non de pelle de armellini et de arcolini e vari e zebelini et de volpe negre; et de queste n'è grandenisima abondanzia, et sono le più belle e lle mior del mondo.

El ge n'è molte arzentiere delle qual se traze arzento assai.

El ge n'è grandenisimo fredo e a gran pena se ne può viver.

La provinzia è sì granda ch'ella tien infina al Mar Ozian.

In quelo mar si è arquante ixolle in le qual nasie molti erfalchi e falchoni pellegrini, li qual se portano per diversse parte del mondo.

 

 

 

Indice Biblioteca

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 28 agosto 2011