Marco Polo

 

Il Milione (veneto)

in lingua veneta

 

 

 

Edizione elettronica di riferimento:

http://www.bibliotecaitaliana.it:6336/dynaweb/bibit/autori/p/polo/milione_veneto

 

Edizione cartacea di riferimento

Il Milione veneto : ms. CM 211 della Biblioteca civica di Padova, Barbieri, Alvaro (a c. di), Andreose, Alvise (a c. di), Mauro, Marina (a c. di), Renzi, Lorenzo (a c. di), Marsilio, Venezia, 1999

Capitolo LI

Chome Chinchis Chaan feze oste contra Prete Zane per la risposta i reportà i suo' anbasiatori.

Quando Chinchis ave intexo chome el Prete Zane sparlasse de llui chusì vilanamente e chon tante menaze, e chome 'lo l'aveva apellato servo e rebello, disse ch'el convegniva vendegarse duramente de sì fata inzuria.

Et feze grandenisimo aparechiamento de zente e mandò a dire al Prete Zane ch'el se defendesse, ché 'l voleva andar a trovarlo suxo el suo tereno.

El Prete Zane se ne feze gran befe, perché el dixeva che i Tartari non era homeni d'arme, ma per tuto ziò el fexe el suo aparechiamento grande per andar chontra Chinchis.

E Chinchis vene con tuta soa zente in uno piano che è apelato Tanduch, che era nel tereno de Prete Zane, e lì messe suo chanpo.

Questa moltitudine de zente era sì grande ch'el non se podeva sapere el numero de' chavalieri e de' pedoni, ché tropo erano in tuto.

Capitolo LII

Chome Prete Zane fu morto e schonfito.

Quando el Prete Zane ave intexo che Chinchis era achanpado innel piano de Tanduch, el vi andò con tuta la soa zente in lo piano e messe el chanpo a vinti meglia.

E Chinchis dimandò i astrologi che gli dixesseno chi doveva aver la vitoria.

I astrolegi prendéno una chana e sfessella per mezo, e messe tuti do i pezi in tera uno pocho lonzi l'un dal'altro; e al'uno pezo messe nome Chinchis e al'altro Prete Zane; e disse a Chinchis: «Nui faremo nostri inchantamenti e l'una chana salterà suxo l'altra.

Se la vostra salterà sora quella de Prete Zane, nui averemo la vitoria; e sse la soa salterà sopra la vostra, lui averà vitoria».

E [a vedere] queste cosse era molta zente.

E quando egli ave leto uno gran pezo sui suo' libri, la chana de Chinchis saltò suxo quella de Prete Zane, unde Chinchis e la soa zente fo molto chonfortà.

Pasando do dì, l'una parte e l'altra fo insieme a chanpo e tolsse la bataglia forte e dura.

E gran dalmazio rezevé una parte e l'altra, perché el ge morì molta zente.

Ma ala fin Chinchis ave la vitoria e 'l Prete Zane fo morto.

Chinchis andò conquistando le tere soe e lo regniame.

Chinchis Chane, dapo' la morte de Prete Zane, stete vivo sie ani; e in questi sìe anni chonquistò molte provinzie.

E in chavo de sìe ani, siando in oste contra uno chastello che à nome Chaangu e dando bataia a quel chastelo, el fo ferito en uno zenochio de una saita e morì.

Dela soa morte ne fo grandenisimo dano, perché 'l iera segnior de gran valor.

Capitolo LIII

Della morte de Mongu Chaan.

Dapuo' la morte de Chinchis fo segnior d'i Tartari Chui Chaan, lo terzo segnior ave nome Bachui Chaan, lo quarto <...> e llo quinto Mongu Chaan, lo sexto Chublai Chaan, el qual regnia mo', e questo sollo à plui posanza che non ave tuti i altri zinque.

E sapiate per zerto che tuti l'inperatori e re de' cristiani e de' seraini nonn à tanta posanza nì chusì grande segnioria dentro tuti chusì chome à Chublai solo; e questo ve mostrerà el nostro libro veramente.

Tuti i Grandi Chaan, queli che sono desexi de Chinchis Chaan, èno portati a sepelire a una montagnia molto granda, la qual è apelata Alchai.

E se 'l Grande Chaan morisse zento zornate lonzi da quella montagnia, sì firave portato el suo chorpo a sepellire a quella montagnia. Quando el corpo del Gran Chaan fì portà alla montagnia, quelli che achonpagniano el corpo alzide tuta la zente che incontrano in la via, e dixe: «Andate a servir al nostro segnior in l'altro mondo».

E àno questa chredenza: che tuti quelli che i alzideno vadano ad achonpagniar e a servir el Gran Chaan in l'altra vita.

E questa medexima cossa fano d'i chavali che i trovano in la via, e dixeno che i à tanti chavali in l'altro mondo; e alzideno altrosì i mior chavali che aveva el segnior.

Per questa chaxion, quando morì Mongu Chan, el fo morti plui de vintimilia omeni che fono incontradi per la via quando fo portà el so corpo ala montagnia.

Capitolo LIV

Della vita e maniera de' Tartari.

Li Tartari demorano l'inverno al piano, in luogi chaldi, là ove i trova erba per soe bestie.

L'instade stano in montagnia in luogi fredi, in valle, ove i trovano boschi e pàscholi.

I fano chaxe de legnio chome serave pertege e stange, e sono choverte de feltre e sono retonde; e portale siego là ho' 'li vano, ed èno sì ordenatamente ligate le stange insieme che i lle posono portar lievemente.

Tute le fiate che i drezano quelle soe tende, la porta èno verso mezodì.

Egli àno char<e>te choverte de feltre negro, el qual è sì bon e sì ben chonzo che, s'el piove tuto el dì sula char<e>ta, el non se bagnia chossa che sia soto quella choverta del feltro.

Queste choverte fino trate per bon chamelli e suxo portano le moier e figlioli.

Le done d'i Tartari chonprano e vendeno tute quelle cosse che bixognia ala fameglia.

Li mariti non se intrometeno se non de chazare et de oxelare e de' fati de bataglia e de guera.

Egli viveno de charne e de late e de venaxion; e manzano rati de faraone, d'i qual è grande abondanzia.

In quella pianura manzano charne de chavalo e de chane, beveno late de zumente e manzano de tute charne.

Egli se guardano molto che per cossa del mondo l'uno non farave inzuria né vilania al'altro de soa moier; e àno per tropo gran male e per pesima cossa ch'i atendesse a moier d'altri.

Le femene soe sono bone e liale verso i suo' mariti; e sono molto lavorente femene e fano tropo ben quel che li bexognia ala masaria de chaxa.

Zaschuno Tartaro può aver quante moier el vuol, segondo soa uxanza, purché 'lo i possa far le spexe.

E sono fadigente femene e guardano ben li mariti dale spexe soe.

L'omo dà dota ala madre de soa moier, e lla femena che se marita non dà niente al marito per dota.

Egli àno la prima moglier per plui veraxia cha le altre.

Egli àno plui figlioli che altra zente per chaxion che i àno chotante moier.

Egli toleno le chuxine per moglier e, quando el padre è morto, el <maor> figlio tuò la moglier del padre per soa moglier, purché 'la non sia so madre.

E quando el fradelo è morto, l'altro fradelo che roman tuò so chugniada per moier.

E quando i menano moglier i fano gran noze.

Capitolo LV

Della leze d'i Tartari; et de molte altre cosse.

Le leze de' Tartari è tale: egli àno uno dio ch'è apelato Nacigai e dixeno ch'ell è dio tereno, lo quale à chura de' lor figliuoli e bestie e biave.

A quel dio i fano gran reverenzia, e zaschaduno tien quel dio in chaxa soa.

E fano questo dio de feltre o d'altro pano.

La moier meteno da lato sinestro e 'l figlio dinanzi, e fali grande onore.

Quando egli vano a mangiare, eli tolgono della charne grassa e onzeno la bocha al so dio e ala moier e al figlio, e po' sparzene del boion e del brodo per la tera de fuora della chaxa, e dichono che 'l suo dio e lla soa fameglia à la soa parte.

E possa manzano e beveno late de zumente, e chonzalo in tal modo ch'el par pur vino biancho: ed è molto bon a bevere, ed è apelato in soa lingua charanis.

Li richi omeni se vesteno de drapi d'oro e de seta e uxano riche pelle de zebelini e armelini e de vari e volpe.

Le suo' arme sono molto belle e grande e de gran valor; le arme suo sono archi, spade e maze, ma plui s'aitano d'archi cha d'altre arme, perché sono tropo boni archatori.

Indoso portano arme de chuoro choto molto forte; e sono molto valenti in bataia e durano plui dexaxio, quando el bixognia, cha altra zente.

Egli stano ben uno mexe che i non manzano altra vivanda se non late de zumenta e charne de venaxione che i vano prendando.

Li suo' chavali paseno del'erba che i trovano: e non bixognia che i portano né feno né paia ne òrzo.

Quando el bixognia, i stano tuta note a chavalo armati, e 'l chaval va tuta fiata pasando del'erba.

Egli sono quella zente che meglio vive in ogni locho e che plui dura fatiga e dexaxio e chon menor spexe, e sono i migliori da chonquistar tere che zente del mondo.

Quando el Gran Segnior d'i Tartari va in oste, à chon lui zentomillia homeni a chavalo et observa questo modo: ell aleze <uno homo> per chapetanio a hogni diexe e a ogni zento e a ogni mille e a ogni diexemillia, <sì che> non à el signior se non diexe chonseglieri.

Chusì fa quello ch'è chonseglier del signior di diexemilia e de mille o di zento.

E quando el signior di zentomilia vuol mandar mille omeni per alchuna chaxione in alchun luogo, el chomanda a uno d'i chapetanii de diexemilia che i dia mille omeni della soa zente, e quel capetanio de diexemillia chomanda a zaschadun capetanio de mille che i dia zento homeni, e zaschadun capetanio de zento chomanda a zaschadun capetanio de diexe che i dia uno homo, sì che in questo modo à mille omeni.

E vano questa cossa sì per ordine che zaschuno sa quando i vien la volta, e zaschaduno obedisse incontinente al suo capetanio tuto ziò ch'el chomanda.

Ni nonn è zente del mondo che sia chusì obediente al suo signior chome è i Tartari.

Quando l'oste va per alchuna chontrà, i mandano senpre zente da' ladi del'oste, e davanti e da driedo e da tuti i lati.

E da zaschuna parte mandano zento homeni per reguardo, aziò che l'oste non possa esser arsaltato da niuna parte perché i non senteno per tenpo.

Quando l'oste die' andar [longa vi]a, egli nòn portano niente de suo' arnixe se non una pizolla tenda dove egli stano soto quando el piove.

E zaschaduno à do botazi de chuoro dove i meteno la late che i beveno; e porta zaschaduno una pizola pigniata, là dove i chuoxe la charne.

Quando bixognia d'andar una grande via in freza, egli chavalchano ben diexe zornate che i non manzano de choto, ma àno late siego, ch'è saldo chome pasta.

E de quel late meteno in l'aqua e tanto lo menano ch'el se disfa, e poi el beveno.

Anchora, quando el bixognia, <l'omo> salasa el suo chavalo e 'l beve el sangue.

Quando i vano in bataglia con i suoi inimixi, s'egli àno el pizore, egli non àno vergognia nisuna.

Quando egli fuzeno, senpre vano saitando verso i nimixi che vi vano drieto, sì che i chonbateno fuzendo.

E a questo modo i chonduxeno i nemixi soi ove i vogliono, e fano gran dano ai nimixi chon quelle saite.

E àno sì uxati i suo' chavali che i se volzeno lievemente quando i voleno, sì che spesse fiate i nemixi se chredeno aver [vin]to che i àno perduto.

In questa maniera àno già schonfiti molta zente.

Queste è le chostume e lle uxanze de' Tartari, ma sì ve digo che i sono molto abastardadi: ché queli che abitano in locho, tal hano la maniera d'idolatri de quele chontrate e àno la soa leze e uxanza; e quelli che uxano a levante àno el modo de' saraini.

Egli fano iustizia in questo modo: quando alchuno à involato alchuna pizola cossa per la qual el non deba perder la persona, gli fì da' dalla segnioria sete bastonate, over dixesete, over vintisete, over trentasete, over quarantasete.

Per questo numero vano per infina a zento e sete, chresiando senpre diexe, segondo che rechiede la cholpa.

Piuxor vien morti da queste bastonate.

E se l'omo invola chavalo o altra cossa per la qual el debia morir, el vien tronchato in traverso con una spada.

Ben è vero che s'el può e voia pagare diexe a tanto chome l'à involato, el pò ben schanpar.

Zaschaduno che à bestie grosse chomo è chavali e sufiziente bovi, egli i bolla chon le bolle del signior, e lasale andar a pasier: senpre è guardate da uno homo.

E quando le bestie è ricolte a chaxa, se 'l signior trova dentro le suo' bestie alchuna che non abia el suo segnio, el la rende inchontanente a chollui de chi 'la è.

Li berbixi et li moltoni e gli bechi fano egli ben guardar agli pastori.

Le lor bestie sono grande, grosse e belle oltra muodo.

Anchora àno i Tartari una uxanza chusì strania: quando è morto uno figliuol pizolo ad uno homo, che non avesse avuto moier, e a uno altro è morta la figliola, che non avesse avuto marito, li parenti del mamolo e della mamolla fano parentà insieme de quelli morti sì chome i fosseno vivi.

E fano charte e instrumenti chome 'li chonsenteno e vuol che queli do morti abia matrimonio insieme.

E quando la charta è scrita, egli la ardeno e dixeno che el fumo che va in aere va a quelli do in l'altra vita e che i se tien per marido e moier in l'altro mondo.

E fano gran noze e sparzeno quelle +noze+ za e llà, e dixeno que 'l vano a' suo' figlioli in l'altra vita.

Anchora fano depenzer in charte uno mamolo e una mamola a semeglia de quelli do morti, e fano depenzer chavali, drapi e denari e arnixe, e poi fano ardere quelle charte e dixeno che quelli do àno quelle cose veramente in l'altra vita.

E fate quelle chosse, i parenti de queli do morti se tien parenti chusì chome se quelli do morti fosseno vivi.

Capitolo LVI

De Metrit, ove se chavalcha i zervi.

Quando l'omo se parte da Chorochoran e de Allai, là ove se sepelisse quelli della chaxa del Grande Chaan, el va per tramontana per una contrà ch'è apellata el piano de Barga e dura ben quaranta zornate.

La zente della contrà sono apellati Metrit e sono salvadega zente; egli viveno de bestiame e lla mazior parte manzano zervi; anchor ve digo che i chavalchano i zervi.

Egli sono sotoposti al Grande Chaan e àno chostumi d'i Tartari; e non àno biava nì vino.

L'instade àno venaxion de bestie e de oxelli assai, ma l'inverno nonn è nesuna bestia nì oxello per gran fredura che v'è.

E quando l'omo è andado quelle quaranta zornade, el truova el Mar Ozian.

E lì è montagnie, là <o'> se trova asai falchoni pellegrini; egli àno i soi nidi in quelle montagnie; non <ge> abita homo, nì bestia, nì oxello se non solamente falchoni pellegrini e un'altra gienerazione d'oxieli ch'àno nome bargolai.

De questi oxieli pasieno questi falchoni; egli sono grandi chome perdixe e àno i pie' chome papagali e volano molto.

Quando el Gran Chaan vuol de quelli falconi, el manda a quelle montagnie.

In le ixolle ch'è in quel mar nasieno i chafarchi in grande abondanzia e 'l Gran Chaan se ne fa adar quanti el vuol.

Sono intendenti che lli clerfachi ch'èno portadi de tera de' cristiani in Tartaria n'è portadi al Grande Chaan, perché n'è grande abondanzia in quelle ixolle, ma egli sono portati al Tartaro dell Levante e a quella zente.

Anchora ve digo veramente che queste ixolle, delle quale ve n'ò dito de sopra, è tanto verso tramontana che lla stella tramontana remane alchuna chossa verso mezodì.

Capitolo LVII

De Gagni, dove è i buò grandi come elifanti.

Dito ve ò delle provinzie de tramontana al Mar Oziano, hora ve voglio dir d'altre provinzie defin ala chontrà dove abita el Grande Chaan; e paseremo per la contrà de Chanpion, della qual ò fato menzion de sopra.

Quando l'omo se parte de Chanpion, el va per una contrà ben zinque zornate; in quella contrà se alde parlar dì e note i spiriti piuxor fiate.

Dentro queste zinque zornate verso levante, se trova uno regniame che è apellato Ergul, ed è della signioria del Grande Chaan; et è della provinzia de Tangut, la quale à piuxor regniami.

La zente della contrà è de tre zenerazion: el ve n'è cristiani nestorini e idolatri e che àno la leze de Machometo.

El n'è zità asai; la zità maistra è Chugievil.

De questa zità verso sirocho se trova una zità ch'è apellata Singui; ed ène lì chastele asai, et è sotoposta al Gran Chaan.

Et sono idolatri, e 'l n'è cristiani e de quelli à la leze de Machometo.

El ge n'è buò salvadegi che èno grandi chome elinfanti, et sono molto boni e belli da veder, et sono tuti peloxi sul naxo et sul dosso; et sono bianchi e negri, e 'l pello è bon e longo tre spane.

E de questi cussì fati sono alchuni che n'àno demestegi, e queli domestegi portano gran pexo e lavorano la tera, e fano molto gran lavorare per la gran forza che i àno.

In questa contrà è el mior muschio che sia al mondo.

Ell è una bestia della qualità d'una gata, e à pello chome zervo molto grosso; e i pie' chome gata, e à quatro denti, do de sopra et do de soto, e i denti longi ben tre dedi e sono molto sotill; et è molto bella bestiolla.

El se ge trova soto el chorpo, a pe' del bonigolo dentro charne e pelle, una postiema de sangue: quella se taia fuora con tuta la pelle, e quelo sangue è muschio, del qual ge n'è chusì grande odore.

De queste bestie gi n'è grande abondanzia.

In quella contrà la zente vive de arte e de merchadantia, e àno abondanzia de biava.

La provinzia è longa vintizinque zornade.

El ge n'è faxiani ch'è de grandeza de quelli de nostra contrà do a tanto grandi, e àno la coda plui de diexe spane, o nuove, o oto, o sete almeno.

Anchora ve n'è faxiani ch'è de grandeza de queli dele nostre chontrà; et ène oxieli chon molte belle pene e molto ben coloride.

La zente de questa contrà sono grassi e àno piziol naxo e chavelli negri, et àno barba che à se non arquanti pelli dentro.

Capitolo LVIII

D'Egringaia, dove se fa i zanbelloti.

Quando l'omo se parte de Erguul e 'l va verso levante oto zornate, el trova una provinzia che à nome Egrigaia, in la qual è zitade e chastelle.

Entri in la provinzia de Tangut; la zità maistra à nome Galaci.

La zente adora uno dio, e sì nde n'è saraini asai e cristiani nestorini.

Et èno soto el Gran Chaan.

In questa zitade se fano i zanbelloti de pello de ganbeli plui belli, che someglia li nostri; e fano el fillo dela lana biancha che par veluto biancho; e signiori grandi ne portano per tuto el paixe del Grande Chaan.

Capitolo LIX

De Ciachamaor, dove se truova de zinque mainiere de grue; et altre cosse.

Se l'omo se parte de Erguul, andando verso griego e levante, el entra in le tere del Prete Zane, e poi entra in la provinzia de Tenduch, dove è zità e chastelle asai; et è soto el Gran Chaan.

La maistra zità è apelata Tenduch.

In questa provinzia [s]i [è] re l'uno del parentado del Prete Zane, et è anchora apelato Prete Zane, et è suo nome proprio <Iorzo>.

El tien la tera per el Grande Chaan, ma non tuta quella che tegniva Prete Zane, ma alchuna parte de quella.

I Grandi Chaan àno d'ognora mantegniù parentà chon lui – el re de quella contrà –, dapoi ch'è morto el gran Prete Zane, e àno senpre dado de suo' figlie a quel<i> ch'àn re[gn]ato in quella contrà.

E in questa s'atruova la piera dove se fa l'azuro; et ène asai azuro molto bon.

El ge n'è zanbeloti de pello de ganbeli molto boni.

E viveno de bestie et de fruto de tera; e 'l ge n'è arquante arte e merchadantie.

La mazior parte della zente èno cristiani, e questi signiorizano la chontrà, ma el ge n'è anchora de quelli che adorano le idolle et de quelli che adorano Machometo.

E anchora ve n'è una zente ch'è apellata Argon, ch'è a dir in nostra lengua 'griarsemaoli', perché i è nati d'una zenerazion de zente, zioè de quelli de Tenduch che adorano Machometo.

Questi sono i più belli omeni e plui sani e plui merchadanti che siano in quella contrà.

In quella provinzia fo la sedia de Prete Zane quando el signiorizava la Tartaria e tute le grande provinzie e signiorie d'atorno; e ancora ge demora tuti quelli ch'è desexi de lui.

Questo re Iorzo, del quale e' ho dito, è 'l sesto signior dapuo' el grande Prete Zane.

Questo luogo è quello che nui apellemo Ozi Magonia; elli dixeno Ung e Mongul; e in Mongul demorano i Tartari.

Quando l'omo à chavalchato per questa provinzia sete zornate per levante, el trova zità e chastelle asai, in le qual è molti idolatri e che àno la leze de Machometo, et ène cristiani nestorini; e viveno de merchadantie e d'arte.

Lì se lavora <drapi> d'oro et de seta e de molte guixe.

I èno sotoposti al Grande Chaan.

El ge n'è una zità ch'è dita Sindatui, in la quale se fa tute arnixe e l'arme che bixognia al'oste.

In le montagnie de questa provinzia, in le quale era molte bone arzetiera, in le quale se truova arzento asai – e à nome Idolffo quel luogo –, el ge n'è venaxion e chazaxion asai de bestie e de oxelli.

E quando l'omo se parte de questa zità e 'l chavalcha inanzi tre zornade, el truova una zità che à nome Ciagunor, in la quale è molto bel palaxio e grande, ch'è del Grande Chaan, innel qual el dimora quando el vien in questa zità, e 'l ge sta volentiera, perché el ge n'è lagi e aqua asai.

Là el truova zexani, grue, faxiani e pernixe asai, e altri oxielli de molte guixe.

E l<ì>, perché el n'è molte bone oxelaxione, el ge sta volentiera e oxella chon i grifalchi e chon li falchoni.

El ge n'è de zinque maniere <de> grue: la prima è tute negre chome chorvi e sono molto grande; la segonda è tute bianche, le ale èno molto belle, ché 'le à le pene tute piene de ochi retondi, a muodo ch'è le pene d'i pavoni, et è de cholor d'oro molto respiendente; la terza è della maniera delle nostre; la quarta sono pizolle e àno le suo' pene vermele e negre, et è molto belle; la quinta è tute grixe e àno el collo vermeio e negro, molto ben fato, et sono grandenisime.

Apresso de questa zità è una valle in la qualle el Gran Chaan à fato fare molte chaxe pizolle, in le qual el fa tegnir grandisima quantitade de pernixe, e fa star piuxor homeni ala guardia de quelle pernixe, e quando el ne vuole el ge n'à in grande abondanzia.

Capitolo LX

De Cianedai, dove si sfendeno le chane e sì sse chuovre le chaxe.

L'omo, quando el se parte de questa zità e 'l va tre zornade dentro tramontana e griego, el truova una zità che à nome Chiantai, la qual fè' far questo Chublai del qual se dixe in questo libro.

In questa zità è uno grandenisimo palazo de marmoro e de piere vive.

Le sale e lle chamere sono tute lavorade a oro, et èno nobelisima cossa da veder.

Apresso questo palazo è uno muro ch'à fato far el Gran Chaan, che volze atorno ben quindexe meglia, dentro del qual muro è fontane e fiumi e pradarie assai.

El Grande Chaan tien dentro bestie de tute maniere: zervi, daini, chavrioli, per dar a manzar ai grifalchi e ali falconi ch'ello tien in muda.

In quelo luogo ve n'è plui de duxento grifalchi ala fiata e altri tanti falchoni, e lui medeximo i va a veder ogni setemana una fiata.

E piuxor fiate, quando el chavalcha per questa pradaria ch'è torniata de quel muro, el mena siego un leopardo sula gropa del suo chavalo e, quando el vuol, el lo lassa a zervo o chavriol e fa dar ai grifalchi e ai falconi la bestia ch'è prexa; e per questo modo se va solazando quando li piaxe.

Anchora sapiate che in mezo el luogo de quella pradaria à el Grande Chaan una chaxa granda che è tuta de chane, et è tuta dorada dentro e llavorata et depenta dellichadamente.

E lla chovertura tuta de rame: e sì fortemente e sì ben intrigada <che aqua non ge pò noxer>.

E sapié che quelle chane sono grosse plui de tre spane e longe plui de diexe infina a quindexe passa.

El se taia el nodo e po' se sfende per mezo, e zaschadun de chotal copi àno choperte le chaxe, e sono boni.

E perché le cha[n]e n'è chusì grande e grosse, el se pò ben far chaxe.

E de queste chane la grande chaxa del Gran Chaan, ch'è in mezo de quella pradaria, è fata; et è sì ordenadamente chonposta insieme che lla si pò desfar e far quando egli vuoleno, e ha se liga e sostiene chon plui de duxento chorde de seda.

El Gran Chaan demora tre mexi del'ano là, zioè zugnio, lugio et avosto, inperoché lla chontrà è molto tenperata e 'l non v'è grande chaldo.

E questa cha' sta in pie' queli tre mexi e tuto l'altro tenpo sta desfata, per esser chussì ordenada chome ò dito de sopra.

Quando è li vintioto d'avosto, lo Grande Chaan se parte in quel dì de questa zità e de questo palazo, e 'l fa quel dì el sachrifizio de late, segondo che dixe el magi del Gran Chaan ch'el die' far in cotal dì, aziò che li suo' domenedii li salveno e guardano tute le suo' chosse: e homeni e femene e bestie e hoxeli e biave e tute altre cosse, ché lui à una grandenisima quantità de chavali e ben diexemilia zumente tute bianche senza alchuno altro colore, chome è i chavali.

Del late de queste zumente non beve nesuno se non el Grande Chaan e queli che sono de quella caxa inperialle e una zente che è apelata Oriach – questo onore e questo privilegio dè' Chinchis Chaan [a] quella zente.

Quando el Grande Chaan è zonto a quel luogo, là dove se die' far quel sacrifizio, el sparze de quel late in l'aiere et per la tera, e dixe queli suo' maistri che i spiriti e idolle beveno de quel late, e per questo sachrifizio chonservano le suo' chosse del signior sì chome ò dito de sopra.

E questo se fa ogni ano a dì vintioto avosto

Anchora ve digo che quando queli chavali bianchi e quelle zumente paseno alla chanpagnia, e paseno per alchuna via donde voglia pasar alchuno homo, le zente g'àno sì grande reverenzia che niuno passerave fina a tanto che tute quelle bestie non aveseno pasato.

Anchora el Gran Chaan à soi ministri e inchantatori che fano per arte de diavoli spesse fiate che mal tenpo nonn è sora el palazo del Gran Chaan, e spesse fiate che siando bel tenpo che le nuvole e 'l rio tenpo <...> sopra quel palaxio.

E fano credere questi incantatori alla zente che ziò è <per> grande soa san<t>ità o per vertù de quel dio.

Quelli de questa contrà àno chotal uxanza: che quando uno homo è zudegato a morte per la signioria, egli togliono el corpo et sì lo chuoxeno e sì 'l manzano; ma se l'omo muor per so mal egli non lo mangiano.

Anchora de questi inchantatori d'i qual ò dito de sopra: fano spesse fiate per arte de demonii che quando el Grande Chaan sede a tavolla in la soa gran salla, e lle cope chon le qual el beve sono almeno lonzi dala soa tavola ben diexe braza, elle se lieva per arte de diavoli senza che homo le tocha, e sì sse mete suxo la tavolla del Gran Chaan signior.

Quando se de' fa<r la festa de>le idole <de> questi inchantadori, eli domandano [a]l Grande Chaan per far i soi sachrifizii moltoni che abiano el chollo negro e inzenso e legnio d'aloe, aziò che 'l sachrifizio sia hodorificho.

E lui li fa dar tuto quel ch'i domanda, azò che le idolle diebano conservar le suo' biave e lle bestie e li fruti della tera.

E quando 'li àno queste chosse, i chuoxeno l[a] charne e la mete chusì chota dananzi dalle idolle, e sparze in l'aiere del'aqua dov'è chota la charne, e dixeno che le idolle àno la soa parte.

I fano a zaschaduno idollo <per si la soa festa, come nui femo ali nostri santi, e zaschaduno idollo> à 'l so nome.

E àno molti monestieri de idolle; e in quella chontrà è uno monestier ch'è grande quanto una pichola zità, lo qual à ben doamillia monexi segondo la sua uxanza.

E questi munexi si vesteno plui honestamente del mondo, e porta raxo el chavo e lla barba, e fano alle suo' feste gran chanti e grandenisime luminarie.

Dentro li religioxi de questa chontrà è grande deferenzia, ché ll'è de quelli che àno de molte moier et de queli che viveno in gran chastitate.

E non manzano se no semola in pasta chon aqua chalda, e zunano; e vano vestidi de negro e de biancho, e portano vestimente de chanavazo; e zaxeno suxo pani aspri e durisimi, e fano vita molto aspra per amor delle suo' idolle.

Quelli religioxi che nonn èno dela seta de chostori dixeno che quelli che fano questa vita chusì dura sono eretexi, ch'eli non adorano le idolle a quel modo che i deno de raxione.

Tute l'idolle de questa zente ànno nomi de femene.

Capitolo LXI

Dove chomenza tuti i fati del Gran Chaan.

In questa parte del nostro libro sì ve chonteremo de tuti li grandisimi fati e meraveglie del Grande Chaan, lo quale al tenpo de mo' à nome Chublai Chan – Chan vien a dire in nostra lengua 'el gran segnior d'i segniori'.

E questo segnior che regnia mo' può ben veraxiamente eser apellato signior d'i signiori perché l'è plui posente signior de zente e de tere e de texoro che sia al mondo, nì che mai fusse da Adam fin questo tenpo.

E che sia la verità nui el mostreremo innel nostro libro apertamente, sì che zaschùno intenderà esser chusì chome nui dixemo senza contrasto.

Capitolo LXII

Della bataia che fo dentro el Gran Chaan e Naian.

Sapiate che questo re che à nome Chublai è della drita linea inperiale de Chinchis Chaan, del qual ligniazo de raxion senpre è quello che die' esser re de' Tartari.

Questo Chublai è el sesto Chaan.

E sapiate che ano domini mille e duxento e zinquantasìe chomenzò a regniare Chublai, e ave la segnioria per el so gran seno e per soa valentixia e prodeza, ché li suo' fradelli e lla suo' parenti lo voleano inbrigare ché 'l non regniasse, ma el sape sì far ch'el regniò, ch'a lui vegnia el regnio de raxion.

E chomenzò a regniar innel milleximo che chore, MCCLXXXVIII, sì che ello, regniando XLII ani, e pò esser de etade de LXXXV.

Inanzi ch'el fosse signior, ello andava ogni ano in oste perché l'era molto pro' e valente, era chavaliero e bon chapetanio.

Ma dapo' ch'el fo signior, el non andò plui in oste se non una solla fiata, ma mandava suo' baroni segondo che a lui piaxe et piaxeva.

Perché 'lo g[e] andò in propria persona quella fiada si fo questa chaxion: ano domini MCCLXXXVI, un che aveva nome Noian, ch'era baron de Chublai Chaan, el qual iera zovene de XXX ani, et era segnior de molte tere e de molte zente e de piuxor provinzie, e podeva ben far quattrocentomila homeni a chavalo.

Soi antezesori era stadi soto la segnioria del Gran Chaan e llui medieximo, ma chonsiderando quello lui podeva far con tanta zente, e perché l'iera zovene, se pensò de non eser plui soto la signoria del Grande Chaan, e sì disse che, s'el podesse, el torave la signioria del Gran Chaan in lui.

E requerì a questo fato uno che iera nievo del Gran Chaan che aveva nome Chaidu, lo qual podeva far ben centomila homeni a chavalo, e voleva mal al Grande Chaan et era suo rebello.

Quel Chaidu, el qual podeva far centomila homeni, disse che lli piaxeva molto, e ordenò d'eser insieme, zaschun chon sua zente e chon soa forza, e andar sora le tere del Gran Chaan.

E ordenòno i dì che i voleano eser insieme, e fezeno grande aparechiamento.

Quando el re ave intexo et aldido queste novelle, el non ave paura niuna, sì chome signior grande e de gran valore, e sì se aparechiò chon soa zente per esser chontra chostori.

E disse ch'el non porterave mai corona né tegnir<ave> tera s'ello non li meteva a male morte chusì chome traditori.

E in XXII dì feze uno aparechiamento tazitamente, e chongregò trexento e sesantamilia homeni a chavallo.

La chaxone per che el non fè' mazior exerzito è questa: s'el avesse fato mazor exerzito, el non averìa fato chusì zelatamente né chusì tosto quello ch'el avea pensato.

De soa zente in grandisima quantità era andada in altre provinzie per chonquistar tere, e s'el avesse mandado per loro el non i averave abudi a tenpo, ché sapié ch'el pò far, quando el non à tropo gran freza, sì grande moltitudine de zente ch'el parerave inposibel a dir lo numero.

Questi CCCLX milia homeni a chavalo ch'el chongregò sono suo' falchonieri e altra zente che demoravano apresso de llui.

Fato questo aparechiamento, el fexe vedere ai soi astrologi che fine doveva aver questo fato.

Egli respoxe che i averìa vitoria, e lui se messe ala via chon quella zente.

E andò tanto che in vinti dì el zonse alle grande pianure, là dove era Noian chon soa zente, ch'era ben quattrocentomila milia homeni a chavalo, et era atendato l'oste per aspetar Chaidu chon soa zente, per andar poi sora le tere del re Chublai.

El Tartaro vene in quella pianura sì zelatamente, e fè' sì ben guardar tuti quei passi e lle vie, che niuno non podeva andar né vegnir ch'el non fosse prexo, sì che Noian né sua zente non sapeno niente della venuta del Tartaro.

Or se messe el Tartaro in cotal luogo che Noian non sape niente chon tuta soa zente.

Una doman per tenpo vene verso l'oste de Noian e mesesse suxo uno pozio che era apresso Noian.

La zente de Noian era dexarmata e stava in grande solazo, nì non se guardava l'oste perché i non podevano chredere che omo del mondo vegnisse sopra de loro che i no 'l saveseno ben a bonora.

E quando i videno la zente del Tartaro chuxì vexino e chusì subitamente, i àveno gran smarimento.

El Gran Signior era suxo una grande forteza che era tropo ben edefichata sopra quatro alifanti, e li suxo era el suo gran chonfalon, sì ch'el pareva molto da lonzi.

La soa zente era tuta ordinata a trentamila a trentamila, e zircondòno incontinente tuto el canpo atorno atorno.

E apresso zaschaduno omo da chavalo, in le schiere prime, era do homeni da pe' apreso la gropa del chavalo chon lanze in man.

Quando Noian, che era a dormir, fo desedado dala soa zente e sape de questo arsalto, fo molto smarito, e inchontinente tuta soa zente s'aparechiò e s'aschierò ben ordenatamente, e chomenzòno a sonar istrumenti e chantàno ad alta voxe.

Chonpliti questi chanti e questi solazi, chomenzòno a sonar li [na]chare del Tartaro: alora l'una parte e l'altra andòno a ferire, e fo bataglia dura e forte.

Et era sì grande la moltitudine delle saete che erano nel'agiere ch'el pareva ch'el piovese da zielo.

E poi chomenzòno a ferir de lanza et de spade et de maze, e molti fono morti del'una parte et del'altra.

La bataglia durà da maitina fina a mezodì.

E alora la zente de Noian, che i non podevano plui durar, se meseno a fuzire, e la zente del Tartaro li inchalzava alzidando e fazando gran dalmazio, sì che Naian fo prexo, e tuti li baroni e soa zente se rendéno al Gran Chaan.

E chomandò el Tartaro che Naian fosse morto e fè'llo ligare stretamente in uno tapedo, et tanto lo fè' demenare in zia et in là ch'el morì, et sì lo lasò lì dentro.

La chaxion per che lo fexe morir in cotal maniera si fo perché el disse el Tartaro ch'el non voleva che 'l sangue dela soa chaxa inperial fosse sparsso, nì che sula tera ei vedeseno morir a mala morte alchuno della chaxa.

Quando Naian fo morto, tuta la zente e li baroni delle quatro provinzie le qual signiorizava Naian f[è]no inchontenente fedeltade al Gran Chaan.

Questa è la nome delle quatro provinzie: la prima à nome Facirocia, la segonda Chauli, la terza Braschel, la quarta Sichugni.

Questo Naian era cristian batizado e avea nel suo gran chonfalone la croxie de Cristo per soa insegnia.

E quando el fo chusì sconfito e morto, i saraxini e li zudei e altra zente che desprixiava la fe' de Cristo sì se ne fèno gran befe della fe' cristiana et della croxie che avea Naian sul so chonfalon, e fevano gran derision de' cristiani.

E li cristiani se lementò de quelle inzurie al Grande Chaan, el qual aspramente reprexe quelli che dixevano ai cristiani inzuria.

E poi se fè' vegnir davanti tuti li cristiani e chomenzòli a chonfortar digando che i non avevano raxion né chaxion de aver vergonzia se la <croxie> del suo dio non aveva aidado Naian, e dise: «Segniori cristiani, el bon dio non die' aidar niuno che abia torto, anzi die' senpre mantegnir zustizia e raxion.

Naian era falso e traditor, et era rebello del suo segnior, et però quel vostro dio è iusto et non el volse aidar», sì che per le suo' parolle li cristiani rimaxeno chonsolati.

Né alchuno dapoi non gli osòno plui dir inzuria né tentarli della sua fede, ma steteno quieti et pazifichati.

Capitolo LXIII

Delle signiorie che àno i baroni del Gran Chan.

Quando el Gran Chaan ave avuta questa vitoria, el tornò alla sua maistra zità de Chanbelù, e li stete in grande solazo.

E quando Chaidu ave intexe queste novelle, el ave gran paura che non li incontrasse chusì a lui chome era inchontrà a Naian, sì ch'el non pensò plui d'andar contra le tere del Tartaro chome lui aveva ordinato.

Or avete intexo chome el Grande Chaan non andò in oste in persona, dapo' ch'el fo re, se non questa fiata.

E questa fiata g'andò perché questa chossa li parsse tropo malvaxia dala parte de Naian; le altre fiade manda in oste o suo' figlioli o suo' baroni.

Hor laseremo questa materia e diremo de queli el fa chapetanii che se portano ben in oste e in bataglia.

E queli capetani che se portano ben in oste e in bataglia, quello capetanio de cento ello el fa chapetanio de mille, e a ziaschaduno achresie signioria secondo suo chondizion, et dàlli grandi doni e vaselame grande de arzento e tavolle de chomandamento del signiore.

Quello ch'è signiore de zento à tavola d'arzento; <qu>e<l> signior de mille à tavola d'oro over d'arzento indorata; quel signior de diexemillia à tavolla d'oro chon testa de llion.

La tavolla de colui ch'à signioria de zento o de mille pexa C vinti sazi, e in ziaschaduna de queste tavolle si è scrito el chomandamento e dixe chusì la lit<er>a: «Per la forza del gran dio e per la gran grazia ch'el à dada al nostro inperador, el nome de Chaan sia benedeto».

E tuti quelli che non obediseno a queste tavolle, sechondo che chomanda queli che le àno, èno morti e destruti.

E anchora ve digo che tuti questi che àno queste tavole àno previlegii e scriture dala chorte de tute quelle chosse che i deno fare in soa segnioria.

Quelo che à signioria sopra centomila e quello ch'è chapetanio de hoste general sì à una tavolla d'oro che pexa CCC sazi, et ège scrite letere al muodo ò dito de sopra, e stanpito è 'l solle e lla luna.

E zaschaduno ch'à questa tavola chusì fata sì se chonvien far portar suxo uno palio, in segnio de grande signioria, et quando el sede in luogo chonvienne sedere in chariega d'arzento.

E anchora dal grande signiore <è> aquistà da' grandi signiori un'altra tavolla d'oro, in la qual è scholpita la figura del elerfalcho.

E tuti ch'àno tavolla de elerfalcho pò menar siego tuta la zente e tuti li chavali de zaschuno re ch'è sotoposto al Grande Chaan s'el vuole, e zaschuno altro baron.

E chonviene ch'el sia obedito da loro de tuto ziò ch'el li chomanda.

Capitolo LXIV

Della statura del Gran Chaan.

El grande signiore che à nome Chublai è de chotal fata: el è de bella statura, né grando né pizolo, ma è de mezana grandeza.

E charnudo de bella maniera, et è tropo ben fato de tute menbre; e à el vixo biancho e vermegio chome ruoxa, e à ochi negri e bel naxo ben fato.

à quatro moier, le qual el tien per dreta moier, e 'l maor fiol ch'ell à dela prima de 'ste quatro moier de' eser inperator dapoi la soa morte.

E zaschuna de queste quatro moier tien chorte per si, e non g'è neguna che non tegnia CCC altri homeni e femene, sì che zaschaduna de queste à ben in soa chorte diexemillia persone fra omeni e femene.

Anchora el Gran Chaan à molte chonchubine.

In Tartaria si è una zente ch'è apellata Ongaro ch'èno molto bella zente achostumata.

De quella zente el Tartaro à setezento donzelle, e sono guardate in uno palaxio da done le qual àno grande chura de quelle donzelle; e chonvieno sapere s'elle àno alchuno difeto o infirmità.

Quelle che se truova senza defeto sono messe a star in chamera del Gran Chaan, et sono sie de quelle donzelle e stane dì quatro, e àno chura della chamera e meteno el signior a leto.

Et in capo de dì quatro ge vano sìe altre; e chusì se chanbiano senpre in chapo de quatro dì.

Anchora sapiate che Chublai, el Gran Chan, à de queste soe quatro moier vintidò figlioli.

El primogenito ave nome Chinchin per amor del bon Chinchis Chaan, e chostui doveva esser el Gran Chaan se 'l padre fosse morto inanzi lui; ma el morì questo Chinchin, e romaxe de lui uno fiol che à nome Temur.

Questo die' eser Grande Chaan dapoi la morte de Chublai, peroché 'l fo fiol del primogenito.

E sapiate che questo Temur è valente homo e à fato molte belle prodeze, et à abudo piuxor vitorie in bataglia.

Anchora sapiate che questo Gran Chaan à ben vintizinque altri figlioli de soe chuchubine, i quali sono boni e valenti per arme, e zaschaduno de lor è grande barone.

E sì ve digo anchora che <fra> quelli vinti<dò> figlioli ch'el à delle quatro moier è ben sete re de sete gran regniami, e tuti mantien ben suo' regniami in raxione e in zustizia.

E zerto l'è ben raxion che i sia valenti segniori perché el padre è el plui savio signior e plui sazente de tute cosse e lo mior chapetanio de oste e retor de zente e omo de mazor valor che fosse mai entro li Tartari.

Or avemo dito dele fature del Grande Chaan e de suo' maniere e de suo' figlioli, mo' ve diremo de soa chorte et de suo' grandeza.

Capitolo LXV

Del palaxio del Gran Chaan.

El Gran Chan demora chontinuamente tre mexi del'ano, zoè desenbrio, zener e fevrer, in la soa maistra zità de Chanbelu, la qual è in la provinzia de Chatai.

In questa zità è 'l suo gran palazo, e sì ve diremo chome el è fato.

Inprimamente el è zirchondado d'uno muro et è quadro; e per zaschadun quadro ell è longo uno meglio, sì ch'el volze quatro miglia; et è molto grosso muro e tuto saldado fuora, de color biancho e vermeglio, <de> ben diexe passa.

In zaschadun chanto di questo muro è uno grande palazo molto bello e richo, e in questi palazi se tieno le arnixe del Gran Chaan, zioè archi, charchasi, selle, freni e chorde de archi e tute cosse che bixognia in hoste.

E anchora in zaschaduna faza del muro è uno palazo someienti a quelli che sono alli chantoni, sì che dentro da quel muro è oto palazi.

E tuti questi oto pallazi sono pieni de arnixe del Gran Chaan, ché in ziaschadun palazo è pur d'una chossa, sì che in quello che è archi nonn è altro, et in quello ch'è le sele nonn è altro.

E per questo modo àno partide le chose.

In la faza de questo muro, el qual è verso mezodì, si è quindexe porte, e quella de mezo è molto granda, e quella non se avre mai se non quando el Gran Chaan entra ho esie.

E apresso de quella porta da zaschuno ladi è una porta pizolla, e per quele entra quelli che sono in chonpagnia chon el Gran Chaan.

E zaschaduna altra faza à solamente una porta in mezo el muro: per tute quelle porte entra tute zente che vuol, estrato per la gran porta che ò dito de sovra.

Dentro da questo muro si è un altro muro arquanto lonzi, sovra el qual è oto palazi al muodo degli altri ò dito de sopra, e in questi palazi ge n'è altre arnixe del Grande Chaan.

E da lato deverso mezodì è zinque porte inel muodo delle altre, e zaschadun altro lado [à] pur una porta chusì chome à l'altro.

E in mezo el spazio ch'è dentro questo muro sechondo, si è el palazo del Gran Chaan, el qual è fato a questa maniera: el nonn à niuno solaro; lo padimento è alto plui cha 'l tereno de fuora ben diexe spane; la chovertura è molto altisima.

Le mure delle sale e delle chamere èno tute choverte d'oro e d'arzento, et èno tropo nobelmente depente a oxeli e altri beli colori de plui raxion, ch'èno sora i muri e la choverta.

Per le penture èno invernichade, quele cosse luxeno sì ch'ell è una gran meraveglia.

La sala è sì granda ch'el ne manzerave ben siemillia homeni.

Dentro uno muro e l'altro, che ò dito de sopra, si n'è molto beli e boni arbori, grandi pradi e zardini, in li quali sono molte stranie bestie, zioè zervi bianchi e bestie che fano el muschio, caprioli, daini e vari e molte altre bestiole stranie, sì che tuto el spazio dentro è pieno de queste bestiole, trato nele vie dove la zente vano.

Da uno lado de questo palazo de fuora, zioè deverso maistro, è uno lago molto grando, in lo quale è de molte maniere de pessi, i quali ge fa meter el Gran Chaan.

E quando el vuol de quel pessie sì n'à a soa volontà.

In quel lago sì entra uno gran fiume e esie puo' fuora del lago.

Egli <à> fate rete de fero e de rame sì che 'l pesie non se può partir.

Anchora ve digo che deverso tramontana, da lonzi del palazo zercha una liga, è uno montexello alto ben zento passa, e volze atorno plui d'un meglio, e quel monte è pieno d'albori li quali non perdeno foglie per tuto l'ano, ma continuamente sono verdi.

E quando el Gran Signior sa che in alguno luogo de quelle contrade sì à uno bel alboro delichato, ello lo fa adure a quello zardino con tute le radixe e chon tuta la tera, sia grando quanto el se vuole, e falo portare ai <eli>fanti.

In questa maniera in questo zardino è i plui beli arbori del mondo, e quel monte è tuto choverto d'erba, la qual è molto verde, nì non g'è chossa che non sia verde, e però li fì dito el Monte Verde.

In suxo el monte, in mezo luogo, è uno palazo grando e bello e tuto verde.

In questo monte el Grande Chaan à grande solazo, e tuta la zente ge va perché lo luogo è bello sopra modo.

Capitolo LXVI

De Temur, <...> ab anticho del Gran Chaan.

Apresso de questo palazo che è dito de sopra, à fato far el Gran Chaan uno altro palazo simigiante a quello per ogni muodo, e in quello demora Temur, lo qual die' regniar dapo' lui, segondo che è dito de sopra.

E sapiate che quel Temur, perché el die' eser re dapoi Chublai, sì tien corte in la maniera che fa Chublai, e à bolle e suzeli inperial chusì chome el Gran Chaan, ma non sì chonplidamente.

Or avemo dito d'i grandi palazi del Gran Chaan, hora ve voio contar della gran zità de Chanbelu, in la qual è questi palazi, e perché 'la fo fata là dove 'la è, e chome 'la è fata.

Capitolo LXVII

Della zità del Gran Chaan apelata Ganbelu.

In la provinzia de Chatai fo per el tenpo passato una grande zità che avea nome Chanbellu, la quale era molto nobille e grande.

Chanbelu si è a dire in nostra lingua 'zità del signior'.

Lo Grande Chaan trovò per i suo' astrologi che quella zità doveva eser contra l'inperio, sì che el Grande Chaan la fexe desfar intorno de quel luogo e fè'lla meter altro', dal'altro lato de uno gran fiume ch'è in quel luogo, e fexe vegnir tuta la zente ala tera nuova de Chanbelu.

Ella volze vintiquatro meglia et è quadra a fillo, sì che zaschadun quadro è sìe meglia.

Et è murada de muro ch'è alto vinti passa, et è grosso dal pe' ben vinti passa, e pur va sotiando sì che de sopra el nonn è grosso se non tre passa, et è tuto biancho et à quatordexe porte.

E sopra zaschaduna porta è uno belo e grande palazo, sì che zaschaduno quadro à zinque palazi e tre porte maistre.

In questi palazi si è molte sale grande e belle dove el se luoga le arme de cholor che guardano la tera.

Le strade della zità sono molto large et èno drite chome fillo, et è sì drite che respondeno per longo da porta a porta.

Et ène de molti beli palazi e molte belle chaxe e albergi.

In mezo della zità è uno palaxio molto grande; suxo quel palaxio è una chanpana che sona la sera, e quando l'è sonada tre fiade, niuno non olssa andar atorno s'el non fosse per gran nezesità de infermi o de femena che partorisse.

E quello che va per la tera chovien ch'el porta lume.

Zaschuna porta è guardada la note da mille omeni; el non se fa questa guarda per paura della tera, ma se fa perché li Tartari non posano far dano né robar.

Lo segnior atende molto per suo onor che robarìa non se faza in la tera là dove l'abita.

Deli borgi della zità e d'altre suo' grandeze ve chonteremo in altro luogo de questo libro.

Capitolo LXVIII

Della corte del Gran Chan et dela zente che ne manzia.

Sapiate che 'l Gran Chaan per sua grandeza, ma non per paura ch'el abi de niuno, se fa guardar dì e note a dodexemilia homeni a chavalo, li quali è apelati Quesitan, che vien a dire in nostra lingua 'chavalieri e fedeli del segnior'.

Questi dodexemilia homeni àno quatro chapetanii, sì che zaschadun de queli quatro sono chapetanii de treamilia.

Un de questi demora tre dì e tre note dentro dal palazo là dove sta el Gran Chaan, e a le spexe della chorte infino questo termene, sì ne va l'altro chapitanio chon li soi treamilia; e chusì se mutano continuamente tuto l'ano.

Quando el Gran Chaan tende soa tavolla in la soa salla per alchuna chorte e festa e allegreza ch'el voia far, la chorte sì dà da manziar in cotal muodo: che la tavola del Gran Chaan è molto alta plui che le altre; e senta in tramontana, sì che lo vixo guarda per mezo<dì>.

Sua prima moier sede apresso de lui dalla parte sinestra; el figliolo e li nepoti e queli sono della sua chaxa inperial siede dal'altra parte dextra, ma egli siede a una altra tavola la quale è plui bassa, et è tanto plui bassa che 'l chavo de quelli vien ali pie' del Gran Chaan; e possa siede i baroni e l'altra zente anchora plui bassi.

E in questo modo è ordenad[e] le done: dala parte sinistra, ch'è dai pie' della prima regina, è lla mensa delle altre regine et delli altri menor figioli del Gran Chaan.

E anchora zaschaduna dona se mete a sedere sechondo i è ordenato dala chorte, et è ordenato dentro la sala in tal muodo che 'l Gran Chaan può veder tuti queli sono a mensa, e senpre ge n'è grande moltitudine.

E de fuora de questa salla è gran moltitudine de zente.

E spesse fiade, quando el Gran Chaan fa alchuna solemnitade o quando el fa chortexia a tanta zente ch'è ale tavolle che èno de fuora della grande salla, manzia plui de diexemillia persone, perché i portano grandi prexenti de diverse parte, e aduxeno e chuoxeno chosse molto stranie.

Molti de loro vieno ala chorte ch'è chi tieno tera ho signioria da llui, sì che per questa raxion ge n'è chusì grande moltitudine de zente al manzar.

E anchora ge vien senpre molti homeni de chorte a chantare e a far de diversi solazi.

In mezo el luogo della gran sala se mete una gran vezia de vino d'oro fin, e quella sta senpre piena de vino over de altre dellichate bevande; e atorno a' pe' de quella vezia si è quatro altri menori vasieli.

E de quella grande viene in quelle pizolle; et de quelle quatro pizolle se traze el vino in vaseli d'oro che sono al muodo de' bochali; e zaschuno de queli bochali tieno tanto vino che oto homeni o diexe ne àno asai, e in uno de quelli se mete in tavolla dentro do homeni.

E zaschaduno de quelli che sono a tavolla à una chopa d'oro chon pe'; e in questo modo altrosì à le done che manzano alla chorte.

E sapiate che zaschaduno de queli vaseli d'oro è de gran priexio; e zerto el grande segnior à sì grando vaselamento d'oro e d'arzento ch'el nonn è homo al mondo ch'el podese chreder s'el non vedesse.

Quelli che fano la chredenza al signior e queli che i serveno ala soa tavola sono grandi baroni, e àno fasata la bocha de belle tovaie de seta et d'oro, aziò che 'l fiado loro non vada sula vivanda o in la copa del signior.

E quando el Gran Segnior vuol bevere, tuti li instrumenti che sono in la chorte sì sona, et ène gran quantità de instrumenti.

E quando el segnior à la soa chopa in mano, tuti li baroni e tute le donzelle che serveno a soa corte se inzenochia e fa gran reverenzia al signior, e allora el beve; e senpre quando el beve egli tien questo muodo.

Delle vivande che èno al disnar della chorte non ve digo niente perché zaschadun die' chredere che in tal luogo e in chorte ne sia grande abondanzia.

Anchora sapiate che tuti i baroni e chavalieri che manzano alla chorte menano siego soe moglier e altre done.

Quando la chorte à manzado e levade le tavolle, allora viene davanti del signior e dal'altra zente granda moltitudine de zugolari de molte guixe e homeni che fano molti grandi speradri.

E tuti fano gran solazo davanti del signior e del'altra zente, et ène grande allegreza e rixi in tuta la chorte.

E fato questo, la zente se parte e zaschuno vano a soa chaxa sechondo che a lui piaxe.

Capitolo LXIX

Di baroni che vesteno el Gran Chan tredexe fiate al'ano.

Ancora sapiate che li Tartari fano tuti festa de soa natività de Chublai.

El Gran Chaan naque a dì vintioto setenbrio.

In quel dì fa 'lo la mazior festa ch'el faza in tuto l'ano, trato quella ch'el fa in chavo del'ano sechondo che nui ve diremo.

Or sapiate che 'l dì della natività soa lo Gran Chaan se veste de drapo nobelisimo ch'è tuto d'oro batuto; e ben dodexemilia baroni e chavalieri se vesteno chon lui de uno cholor a una maniera, sechondo el muodo della vestimenta del segnior, ma non tanto bella; ma tuti sono drapi de seta e d'oro.

E piuxor de queste vestimente valle, chon le priede e chon le perle che èno suxo, più de diexemillia bexanti d'oro.

E sapiate che 'l Gran Chan dona tredexe fiade al'ano riche vestimente a dodexe<milia> baroni e chavalieri; e quelli dodexe<milia> baroni e chavalieri sì li vesteno tuti de una senbianza chon esso si.

E <a> questo podé chreder chome è 'l Gran Segnior, ch'el non [è re] al mondo che podesse mantegnir continuamente una chussì grande chossa chome è questa.

Capitolo LXX

Del dì della natività del Gran Chaan.

El dì della natività del re, tuti li Tartari del mondo e tuti quelli che da lui à signioria fano gran prexenti, e zaschaduno manda done alla corte segondo che è ordinato.

E ancora quelli che vuoleno domandar dal signior alchuna grazia o alchuna signioria sì li porterà grandi prexenti: in quel dì el re à dodexe baroni che risponde a quelle petizion.

E in quela festa tute le zente che sono sotoposti ala segnioria del Gran Chaan chovien far grande honore ai soi dii – zioè cristiani, tartari, zudei, saraxini e tuta zente – ché dio dia vita e alegreza e sanità chonplitamente al Grande Chaan.

Capitolo LXXI

Della festa che fa i Tartari el so chavo d'ano.

I Tartari fa el suo chavo d'ano el mexe de fevrer.

El Gran Chaan e tuti i Tartari fano in chavo de fevraro gran festa e, mascholi e femene, se vesteno de vestimente bianche purché i posano.

I dixeno che la vestimenta biancha è chossa de bona ventura e che perziò tuto l'ano i deno aver bona ventura e alegreza.

E in questo dì tuta la zente de tute le provinzie e de tuti i regniami che tien segnioria oltra el Gran Chaan sì li portano grandi prexenti d'oro e d'arzento e de perle e de piere prezioxe, e drapi bianchi che èno molto richi.

E tuti li Tartari prexentano l'uno al'altro chosse bianche.

In quel di fano grande alegreza aziò che i abia alegreza tuto l'ano.

E in cotal dì fì prexentado al Gran Chaan plui de zentomilia chavali bianchi e richi, e tuti li alifanti del re fino menadi in quel dì ala chorte – e sono ben zinquemilia –, tuti choverti de drapi taiadi a bestie e oxelli.

E zaschuno alifante à adosso do grandi chofani a modo de scrigni, li quali èno molto boni e richi e belli; e in queli scrigni è lo va<se>limento del segnior e tute arnixe che bixognia per quella chorte biancha.

E ancora ge n'è ala chorte grandenisima quantità de chavali tuti choverti de drapi, e sono tuti chargadi de chosse che bixognia ala corte e ala festa biancha.

E tuti pasano davanti del Gran Chaan; e questa è la plui bella chossa del mondo a veder.

E in quel dì, da doman per tenpo, innanzi che s'aparechia le tavolle, tuti li re, duchi, prinzipi e baroni, astrologi, medegi, falchonieri e molti altri ofiziali del re, chapetani e retori de tere e d'oste, vienno tuti ala gran salla davanti dal segnior, e quelli che non pò vegnir in sala stano de fuori in alchuno luogo che 'l Gran Signior li pò veder.

E tuta questa zente sta in ordine sechondo che se chonvien a suo condizion.

Apresso del re se mete i figlioli e li nepoti e queli che sono della sua chaxa, apresso loro poi li re, duchi, poi i baroni e i chavalieri segondo le so dignità.

Quando zaschuno è sentado in so luogo, el se lieva uno in mezo e chrida ad alta voxie: «Inclinate et adorate», e incontenente ognion se inzenochia e mete la fronte in tera, e adora el re sì chome el fosse dio; in cotal muodo l'adorano tre fiade.

Fato questo, zaschuno vano in ordine a uno altare ch'è fato in quella salla.

Suxo in quel'altar è una tavola tuta vermeglia, in la quale è scrita la nome del Gran Chaan; apresso de quella è uno teribollo chon inzenso asai, e zaschuno tuò in man quel teribollo e inzensa quella tavolla a onor del Gran Segnior.

E fato questo chon gran reverenzia, zaschadun torna al suo luogo, e poi zaschun fa el suo prexente in prexenzia del re, e queste è chosse de gran valor.

E possa se mete le tavole, e zaschadun va a tavolla segondo che ò dito de sopra.

Finito el disnar, vano i zugolari solazando la chorte, e poi zaschuno se parte.

Capitolo LXXII

Delli baroni che vesteno el Gran Chan; e altre cosse.

Ancora sapiate che per lo Gran Chaan è ordenati dodexemilia baroni, li quali è apelati Ispini, che è a dire 'fedeli del segnior', ai qual dona el segnior tredexemilia vestimente al'ano per zaschadun.

E fa tredexe feste al'ano, sì ch'el veste queli dodexemilia baroni tredexe fiade al'ano, e ogni festa sì muta cholori.

E queste vestimente è ornate de perle e de piere prezioxe, sì che ziaschuna vestimenta è de gran valor.

E anchora sì dona a zaschuno de queli baroni una zentura d'oro de gran valor; e anchora sì dona a zaschuno de queli baroni una chalzamenta de chamuto, lavorade chon fil d'arzento sotilmente, sì che zaschuno de loro par uno re quando i àno queli ornamenti chusì meraveglioxi.

Lo re se veste senpre chon queli de quel cholor, ma le suo' vestimente sono plui prezioxe.

E sapiate che queste vestimente ènno in suma zento e zinquantasiemillia, et èno de sì gran valor che apena se porave contar.

E questo fa lo signior perché soa chorte e soa festa sia plui ornata.

Anchora ve digo una gran maraveglia: che quando el Gran Chaan fa festa e solennitade segondo ò dito de sopra, li fì menado dananzi uno lione molto grande, lo qual se mete a zaxere e mostra ch'el aba segnior chome farave uno chan.

Capitolo LXXIII

De quel che fa el Gran Chan nel tenpo ch'el dimora nella zità de Chanbellu.

In quel tenpo ch'el Gran Chaan demora in la zità de Chanbelu, zioè <de> dezenbrio e de zener e de fevrer, ell è ordenamento che sesanta zornade atorno quella chontrà la zente deno chazare e oxelare, e che zaschuno die' portar al signior tute le gran hestie ch'eli prendeno.

E fì trate de queste bestie intere, po' fì mandade sule charete o in nave la mazior parte al Gran Chaan, zioè de zervi o de chavrioli, daini, zengiari, orsi e tute quelle ch'èno de somegiente grandeza.

E questo fano quelli che sono apresso el Gran Chaan a trenta zornade.

Queli che sono più da lonzi non li mandano la charne, ma chonvien ch'eli mandano tute le chore afaitade; e quelle chuore se adovrano in fati d'arme et a oste.

Capitolo LXXIV

Delli oxelli e bestie che <à> el Gran Chan, afaitati a hoxellare.

Ancora sapiate che 'l Gran Chaan à lionpardi asai afaitadi a prender bestie a chaza, e anchora lovi zervieri afaitati a chaza, et sono tropo boni a ziò.

Anchora sì à lioni grandisimi, maziori cha queli de Babilonia, et sono bellisimi, e àno el suo pello vergato per longo, negro e vermeglio <e> biancho, et sono tropo bella cossa a vedere.

Quelli lioni sono alchuni afaitadi a prender zengiari, orsi, buò salvadegi, zervi, chavrioli e axeni salvadegi e tute altre bestie salvadege.

E quando i voleano chazar chon i lioni, i portano do de quelli lioni su una chareta, e zaschuno lion à 'l suo chanuol pizolo.

E anchora à el Gran Chaan moltitudine de aquille che èno afaitade a prendere lievore, volpe, chapriuole, daineti e lupi.

Quelle che prendeno i lupi sono grandenisime e forte, sì che el nonn è lupo ch'elle non prendano.

Capitolo LXXV

Delli chani et della caza del Gran Chan.

El Grande Chaan à do baroni che sono fradeli charnali: l'uno à nome Chaian e l'altro Ningri.

eno apellati Civiti, zioè a dir in nostra lingua 'queli che tien i chani mastini'.

Zaschadun de questi do fradelli à soto si diexemilia omeni, e sono tuti vestidi i diexemilia de biancho e i diexemilia de vermeglio, e quando i vano ala chaza del Gran Segnior, si portano quelle vestimente chon si.

E in questi vintimilia è ben quatromilia homeni li qual à zaschuno grandi mastini, dui al plui.

E quando el Gran Chaan va ala chaza, questi do baroni menano siego tuta quella zente chon quella gran moltitudine de chani.

Lo segnior e i suo' baroni stano in mezo ala chanpagnia grande, là o' se fa questa chaza, e dal'uno lato è uno de quelli baroni chon i suo' diexemillia e chon li suo' chani, e dal'altro lato è l'altro chon li suo' homeni e chani; e tuti se meteno in schiera l'uno un puocho lonzi dal'altro, sì che la schiera è longa vexino de una zornata.

E poi, quando aràno prexo tanto tereno chomo i par, sì se moveno alla chaza vigniando tuti versso el segnior; et truovano molte bestie salvadege, e nesuna pò schanpar che non sia prexa, e se ne schanpa sono poche.

E questa è molto bella cossa a veder.

Capitolo LXXVI

Quando el Gran Chan se parte da Ganbellu per andar oxelando.

Quando el Gran Chan demora in la zità de Chanbellu tre mexi, zioè dezenbrio, zener e fevrer, el se parte de Chanbelu del mexe de marzo, e va verso mezodì fina al Mar Ozian, ch'è lonzi do zornade dala zità.

E mena chon si diexemilia falchoni, e portano siezento cherfalchi, falchoni pelegrini e sachari e plui in grande abondanzia; e portano molti astori.

E portano questi oxieli za e llà, a zento e a duxento, sechondo che par a loro; e la mazior parte deli oxelli che èno prexi sono portadi al Gran Chaan.

E quando el Gran Chaan va oxelando chon i suo' oxeli o chon li suo' grifalchi, el va ben chon lui diexemilia omeni che èno ordenadi per la chanpagnia a do a do, e stano zia e llà.

E sono apellati Chostaar, zioè a dir 'guarde', ché guardano i oxelli quando i volano et èno partidi al modo ò dito de sopra, sì ch'eli ochupano molto tereno.

E zaschuno àno uno chapelo da oxeli, aziò che li oxielli vegniano.

E quando li oxeli fino lasati volar, i volano drito perzioché queli ch'è deputati ala dita guardia v'àno tropo gran chura, sì che i non posono perder.

E s'el bixognia sechorso a queli oxeli, queli ch'èno plui presso se choreno inchontanente.

E tuti li oxeli de prova domestegi àno zaschuno una tavola pizola d'arzento al pe', in la qual è scrito lo nome de cholui de chi è l'oxello; e per questo muodo, quando l'oxello è prexo, el è chogniosuto de chi l'è: inchontenente el ge vien renduto.

E se queli che prendeno l'oxello non lo chogniosesse quello de chi è l'oxello, i 'l portano ad uno [b]arone ch'è apellato Barlarguci, ch'è a dire 'guardiano delle chosse perdute'.

E chi trovaseno chavalo o altra cossa che fosse smarita o desviata, ella se chonvien menar a prexentar a quel baron, e lui el fa tuore e guardare, e àne bona chura.

Chi trovasse cossa che non fuse soa e non la prexentasse a quel baron, serìa tenuto ladro; e queli ch'àno smarita o perduta la cossa vano a questo barone: e se lui l'à, i la fa render incontenente.

Questo baron sta senpre in plui alto luogo in quella chanpagnia e à el so chonfalone alto azò che la zente vedano lì dove l'è.

E in questo muodo non se perde chossa che non sia tosto trovata.

E quando el Gran Chaan va chusì chazando e prende chusì tanti oxelli e bestie ch'è molto delletevele cosa a veder, el va senpre sora a quatro elinfanti, sopra li quali è una molto bella chamera de legniame e d'oro batuto, e de sopra è choverta de chuoro de lioni.

In quella chamera chontinuamente tien dodexe grifalchi d'i mior ch'ell abia; chon lui sta in quella arquanti baroni per far solazo e chonpagnia al signior.

Atorno de questi elinfanti chavalcha altri baroni che achonpagniano el signior, e quando videno grue e altri oxelli, i 'l fano asaver al signior, e lui el fa dischoprire la chamera de sopra e fa lasar queli grifalchi ch'el vuole.

E piuxor fiade prendeno le grue, vedendolo el signior, siando suxo el leto suo ch'è in quela chamera, e àne gran solazo.

Quando el zonze a una gran chanpagnia che à nome Cacia Mordoi, ello trova aparechiate le suo' tende e li suo' pavioni e queli d'i fioli e de' altri baroni, e queste tende sono plui de diexemilia, molto belle e riche.

La tenda del Gran Chaan è fata a questo muodo. quela là o' 'l tiene soa chorte, ela è sì grande ch'el ge starave soto ben mille chavalieri, e in questa tenda demora i chavalieri e li baroni

Una altra tenda se tende verso ponente, in la qual sta el signior, e quando el vuol parlar a niuno, el fa intrar li dentro et trova la gran sala, e po' una grande e bella chamera là dove dorme el segnior.

E anchora ge n'è altre chamere e chaminade, ma el non se tien chon la tenda granda là dove è sale e chamere, ma è fate a questo muodo: zaschuna delle salle à tre colone de legnio de spezie molto ben lavorade; possa è in le sale de fuora, e tute sono choverte de chuoro de lioni molto belle e sono molto ben chonze in sule tende.

Et èno tuti queli chuori vergati bianchi, vermegli e negri, e de color natural.

De queli lioni chusì fati se trova asai.

Vento né pioza non li può noxer a quel chuoro, perché le defendeno tropo ben.

Dentro, quelle sale e chamere è tute choverte de pelle de armelini et de zebelini, che sono le plui belle e lle più chare pelle che sia al mondo e che sono de mazior valor.

E sapiate che tante pelle de zebelini quante bixognierave per una roba d'uno chavaliero val ben, se l'è delle fine, doamilia bexanti d'oro; le chomunal val ben mille bexanti d'oro.

Li Tartari l'apelano in soa lingua rondes et sono de grandeza de fuine.

De queste pelle sono choverte <le> sale e la chamera <d>ella tenda del Gran Chaan, et sono taiate e lavorate <sì> so[til]mente ch'ell è una gran maraveglia a veder.

Le corde che tien le salle e lle chamere sono tute de seta.

Queste tre tende èno de sì gran valor ch'uno pizolo re non le porìa chonprar.

Atorno queste tende si è tende belle e adorne o' stano le amige del signior, et èno suo' paviglioni molto richi.

Anchora li grifalchi e li altri oxeli e bestie àno so tende in grande quantitade.

Ed è sì grande zente in so chanpo ch'ell è una grande meraveglia: el par ch'el sia la mazior zitade che lui abia.

De tute parte vien zente a quel solazo, e 'l signior tien siego in quel chanpo tuta la fameglia della corte, miedexi e astrolexi e altri ofiziali, chusì ordinatamente chome el fa in la soa maistra zità.

In quel luogo demora el Gran Chaan perfina al tenpo della Pasqua nostra della resuresione, e in questo tenpo non challa d'andar oxelando sopra lagi et fiumi, e prendeno gran zexani e altri oxelli.

E la soa zente, ch'è sparta per tuta <...>, l[i] prexent[a] venaxione assai, sì ch'el à in questo tenpo gran solazo ch'el nonn è omo al mondo ch'el chredesse s'el non el vedesse, perché l'è tropo mazior solazo e chossa che io non ve digo.

Anchor, niuno merchadante nì homo d'arte nì de villa può tegnir oxiello da oxielar nì chan da chazar a vinti zornade atorno dala stanzia dove dimora el Gran Chaan, ma in tute le altre provinzie e chontrade della soa signioria pò tegnir l'omo oxeli e ziò che a lui piaxe, e pò chazar e oxelar.

Ancora sapiate che in tute le chontrade e le provinzie <d>el Gran Chaan, nì re nì baroni nì altro homo ossa chazar nì prender lievori, daini né chavrioli nì zervi, nì de queste chotal bestie del mexe de marzo né defina otubrio.

E chi fesse contra ziò serìa duramente ponito, perché 'l signior à chusì ordenato.

Ed è obedito sì lo chomandamento, che li lievori e lli daini e lle altre bestie ch'io ò dite, vien spesse fiade ai pie' degli omeni, e niuno non le olsa prendere.

Quando el signior è stato chotanto tenpo chome ò dito in quel solazo, el se parte chon soa zente e torna alla maistra zità de Chanbellu per la via donde el viene a quel luogo; e tuta fiata va oxelando e chazando e solazando per infina alla zità, chome ò dito, de Chanbelu.

Capitolo LXXVII

Della zità de Ganbellu et della corte del Gran Chan.

Quando el è zonto in la zità de Chanbelu, el fa gran festa e chorte tre dì in so maistro palazo.

In questa zità de Chanbelu è gran moltitudine de chaxe, e sapiate veramente che de fuora è chaxe e palazi altrosì belli chome è queli del signior.

Et ène dodexe porte; e de fuora de zaschuna porta è uno borgo molto grande.

E in questi borgi alberga merchadanti e forestieri e altra zente grandisima.

E molta zente vien a questa zità a chaxion della chorte del signior et delle gran merchadantie che sono portade a questa zità.

In questa zità non se sepelisse niuno morto e, quando muor alchuno, quelli idolatri i fì portadi a ardere de fuora de tuti i borgi.

Per la grande moltitudine de forestieri che pasano per questa zità, el ge n'è ben vintimilia pechatrize, le qual non olsa niuna star dentro dala zità, ma stano de fuora entro i borgi.

Anchora ve digo ch'el non è in tera del mondo dove se porta tante piere prezioxe e perle e seda e spezie e tute altre merchadantie chome in questa, et 'de n'è adute d'India e della provinzia de Chatai et de Mangi et delle altre provinzie d'atorno: nì è zitade al mondo là dove se faza sì gran merchadantia.

E questo è per la chorte del Gran Chaan e per la gran moltitudine della zente che meteno chavo in questa zità, e perché la zitade è in tropo bon luogo et è in mezo de molte provinzie, e perché el ge sta senpre oste grande a chaxion dei signior.

E sapiate che zaschadun zorno entra in questa zità plui de mille charete chargé de seta, ché in questa zità se fa gran lavori de drapi d'oro et de seta.

Le zente delle contrà d'atorno vien in questa zità per tute chosse li bexogniano, e però se ge duxe chusì grandisima quantità de merchadantie.

Capitolo LXXVIII

Della moneda del Gran Chan.

El Gran Signior fa far moneda a questo muodo: el fa tuor la schorza sotil del more<r>, quella ch'è dentro la scorza grosa e llo legnio, et de quella fa far charte a muodo de quelle de papiro; et deventano tute negre, e poi le fa taiar al muodo de' denari: alchuno è pizolo a muodo d'uno tornexe pizolo, e alchuno val tanto quanto un venizian grosso, e alchuno val do grossi veniziani, e alchuno li val zinque veniziani, e altri diexe; e altri val uno bexante d'oro e altri do e altri tre; e chusì montano fina a diexe bexanti d'oro; e zaschuno de questi denari è stanpito chon el signiale e chon la stanpa del re.

E fì fata questa moneda in la zità de Chanbelu, perché 'li sono deputadi a ziò per lo re e non per altri, e chi fesse el chontrario perderìa la vita.

E sì ne fa in sì grandisima quantità ch'el se porave chonprar tuto el texoro del mondo.

E sì ve digo che piuxor fiate al'ano ge vien piuxor merchadanti insieme che aduxeno tante perlle e piere prezioxe e oro e arzento che val ben quatrozentomilia bexanti d'oro; e presentano queste chosse al signior, e fino stimadi per dodexe savii homeni deputadi a zò per lo Gran Chaan, e fino pagadi de quella moneda.

E i chonprano altre merchadantie e portalle in soe chontrà o altrove dove i voleno per guadagniar.

E questa moneda fal[a] lui spender per tute provinzie e regniami e tere che sono soto la soa segnioria.

E puoche tere che non i obedisano a lui che non spendano questa moneta: in neguno tereno forestiero non ossa refudar questa moneda, e chi la refudasse serave a pericolo della persona.

Ancora ve digo che piuxor fiade al'ano el fa comandare in Chanbelu che tuti quelli ch'àno arzento e oro e piere prezioxe le diebano portare ai trexorieri soi, et è molto ben obedito: e fì pagadi de quella moneta, e zaschuno la tuoi volentiera.

E per questo muodo se fa portar el Gran Chaan la maor parte del texoro ch'è in soa signioria.

E in questo podé veder ch'el pò aver el mior texoro che omo che sia al mondo, e non li costa niente, unde el pò ben far le spexe meravegioxe, e zaschaduno chonvien conprar quelle monede da llui.

Capitolo LXXIX

Dei dodexe baroni ch'àno a proveder sopra la corte del Grande Chaan.

El Gran Chaan à altrosì dodexe baroni ai quali elo à chomesso la so autoritade a proveder quello che bixognia de ordenar e de far sopra trentaquatro provinzie.

E questi demorano continuamente in uno gran palazo che è in Chanbelu, ch'è molto grando e bello, chon molte salle e chamere,

E àno questi baroni per chadauna provinzia uno zudexe e molti nodari che obedisse questi baroni in quello che i vuoleno proveder inel suo ofizio, sechondo che bixognia ale provinzie ale quali èno deputati.

E stano quelli zudexi e nodari chontinuamente in quel palazo, e zaschuno à soa chaxa in quel palazo.

Questi baroni ellezeno queli che dieno eser signiori in quelle provinzie e in le zitade là o' i manda signiori per el Gran Chaan, e poi fino confirmade per lo signior.

E sì i fì dado tavole d'oro et de arzento, sechondo ch'è uxanza della soa chorte.

Ancora è questi baroni a proveder del'oste: là dove i dieno andar e star, e de tute le altre cosse che apertien al regimento e ala signioria del signior, ma tuto fano per saputa del signior.

Questi baroni sono apellati Scieng, che vuol dir 'la chorte mazor'; <e 'l palazo> dove i demorano è altrosì apellat[o] Scieng.

E posono questi baroni molto servir a chi i vuoleno.

Capitolo LXXX

Chome el Gran Chan manda i so messi.

Da questa zità de Chanbellu se parte molte vie per le qualle se pò andar per diverse contrade e provinzie.

E quando l'omo se parte de Chanbellu per zaschaduna de queste vie, che se vada quindexe meglia, el truova una posta ch'è apelata ianbi, là dove alberga i mesi del Gran Segnior.

E sono questi albergi guarniti de lleti et de altre arnixe molto bene.

E a queste poste è ben trexento o quatrozento chavalieri, li qual sono aparechiati quando i bexogniano ali messi del re.

E per questo muodo se truova de queste poste a hogni quindexe over trenta mia, per tute le provinzie delle qual ò dito de sopra, o per tute le provinzie che respondeno ala signioria del Grande Chaan.

E in molti luogi stranii e salvadegi dove nonn è abitazion, se trova de quelle poste, over de quelli palazi; ma in queli luogi nonn se trova sì spesse, ma l'una lutan dal'altra ben trentazinque o quaranta mia, e talle plui.

In questo muodo truova i messi del signior albergi e chavali aparechiati quando sono mandati da lui.

E sapiate veramente che li palazi àno plui de diexemilia chavalieri e plui de duxentomilia <chavali> deputati solamente a queli messi del signior, azò che posano chanbiare quando el bixognia.

Ancora dentro queste poste si è ville vexine l'una dal'altra tre meglia, in le qualle è arquante chaxe, e in quelle demora i chorieri da pe' del signior.

E zaschaduno de quelli corieri à una zentura tuta piena de sonagli grossi, azò che quando i vano i siano aldidi da lonzi; e vano senpre in gran chiopa, e non va neguno plui de tre a meglia.

E quando quelli della villa aldeno da lonzi i sonagli, inchontanente un altro s'aparechia; e quando cholui è zonto, el tuò le letere ch'el porta e tuò una poliza che i dà lo retor ch'è in la villa, e metesse in via fina al'altra villa; e 'l ge n'è un altro aparechiato; e chusì fano defina ch'ell è zonto là dove manda el Gran Signior chon la letera.

E per questo muodo à el signior novelle dentro in uno dì e una note ben zercha de diexe zornade.

E questi chorieri portano tal fiata al signiore fruti de diexe zornade dentro uno dì e una note.

Questi corieri non fano alchun trabuto al signior, ma i rezeveno dalla corte gran salario per la sua fadiga.

Anchora sapiate che 'l signior non à niuna spexa delli chavali che stano a queste poste, ma le zità e lle chastelle che sono vexine a quele poste chonvien aver quella spexa, sechondo che vieneno per rata.

Ma li palazi e lli chavali che sono in li luogi salvadegi, quelli sono sollamente alle spexe del signior.

Anchora ve digo che lli messi da chavallo vano ben zento e duxento o duxento e zinquanta meglia e tal fiata trexento.

Quando i portano novelle d'alchuna tera che sia revelada o d'alchuna cossa granda, i vano do insieme a chavalo, e sì sse ligano forte la testa e 'l chorpo, e vano chorando quanto li chavali posono portar.

E quando i sono zonti alla posta, i trovano i altri chavali aparechiati, freschi e boni, e montano suxo quelli e lasano gli altri, e metesse alla corssa.

E per questo modo vano tuto el dì.

E questi mesazi sono molto aprexiati e àno gran salario dalla chorte.

Capitolo LXXXI

Chome el Gran Chan provede alla soa zente quando i àno perso la ricolta.

Quando ell è grande abundanzia de biave, el Gran Chaan ne fa chonprar in grandenisima quantità de formento, òrzo, meio, rixo e de tute altre biave, e falle reponer e sì ben guardar ch'elle non se guasta per tre ani nì per quatro.

E per zerto tenpo dell'ano manda soi messi fedelli per le provinzie a saver se alchuna zente à perduto el so recholto a chaxion de gielli o de mal tenpo o per alchuna altra pestilenzia, e sse alcuno à dano delle suo' biestie per mortalità che vegnia in quele.

E quando el trova alchuna zente che eba rezevuto dano del suo ricolto e delle suo' biestie, eli perdona el trabuto de quel'ano sechondo che 'l dano rechiere; e falli mandare della soa biava, aziò che i n'abiano per semenza e per soa vita in quel'ano; e fali vender delle suo' biestie a bon merchato.

E quando el è charestia, el fa vender de quela biava, e sì lla mexura e dàlla per uno bexante, e fa dar quatro mexure per uno bexante.

E per questo modo provede a quella zente aziò ch'i non abia senestro de vituaria.

E in la zità de Chanbellu à fato le schiere de tute le fameglie povere che non à da viver nì può chonprar; a tute queste fameie, le qual sono molte – et sono in fameglia alchuni sìe persone, alchuni oto, alchuni diexe, e plui e meno –, fa donare ogni ano tante biave quanto li bexognia tuto l'ano.

E anchora a tute quelle persone che vano ala chontrà soa per domandar el pan, sì li fa dar e nonn è venduto a niuno.

E sapiate ch'el nonn è dì ch'el non ge vada plui de trentamillia fra homeni e femene; e questi poveri lo tien per uno domenedio per molte bontà ch'el fa.

Ancora à fato el Gran Chaan per tute le maistre vie piantare arbori apresso la via, e l'uno arboro apresso l'altro a do passa; e questo à fato azò che li merchadanti sapiano tegnir le strade, ché i truovano molti luogi dexabitadi per i qual i non saverave tegnir le vie se non fosse quegli arbori.

Capitolo LXXXII

<...>

In la zità de Canbelu se beve poson de rixo e d'altre bone spezie, e sala sì chonzare ch'ela è mior da bever cha vino.

Ed è clara e bella, e fa plui tosto inbriagare la persona che non fa el vino, ché ll'è molto chalida cossa.

Ancora per tuta la provinzia de Chatai se truova una vena de piere che sse chava della montagnia, e sono negre e ardeno chome legnio.

E chi mete la sera de quell[e] pier[e] inel fuogo e falle ben inpiar, elle tien sì ben el fuogo ch'elle starano a brasia defin ala doman.

E per tuta quella provinzia s'arde de quelle priede, e chostano meno che non fa le legnie, e per sparagniamento delle legnie si ardeno molto quelle priede.

Capitolo LXXXIII

Del bel ponte che vete misier Marco Pollo.

El Gran Chaan volsse che io, Marcho, andasse a una soa chontrà verso ponente, e io me partì de Chanbelu e andì per ponente ben quatro mexi; e però ve conterò quel ch'io trovai in quella via andando e tornando.

Quando l'omo se parte da Chanbellu, el va diexe meglia e trova uno gran fiume ch'è apellato Pulisanglinz, el qual dura perfin nel Mar Oziano; e per quel fiume va molte nave chon marchadantie al Mar Ozian.

Suxo questo fiume è uno d'i plui belli ponti che sia al mondo.

Ell è longo ben quatrozento passa e largo ben oto passa, sì che può ben andar diexe chavalieri pari per lo ponte; ed à vintiquatro archi e vintiquatro pille, le qual è tute de marmaro molto ben lavorade.

Da zaschaduno lato è uno muro de lastre de marmoro, et è do cholone lavorade a chotal muodo.

In chavo del ponte è una cholona de marmoro, et è suxo uno lione de marmoro, e soto la colona un altro molto grande.

E lonzi dala cholona un passo e mezo si è un'altra colona al muodo dela prima chon do lioni de marmoro.

Dentro quelle do cholone si è uno muro basso de marmoro.

E chussì è fato tuto el ponte fina al'altro chavo, dal'uno lato al'altro, sì che quel ponte è lla plui bella cossa del mondo da vedere.

Capitolo LXXXIV

Della zità de Grongi e della provinzia de Catai.

Quando l'omo se parte de questo ponte, el va trenta mia trovando tuta fiada chaxe belle e palazi, vignie e chanpi.

De chavo de trenta mia se trova una zità che à nome Grogin, grande e bella, là dove è molte badie de idolle.

La zente vive d'arte e de marchadantie; lì se lavora drapi de seta e d'oro e zendaieli.

E n'è molti albergi per forestieri che pasano.

E quando l'omo è partito da questa zità et è andado uno meiaro, el trova do vie, l'una va verso ponente e l'altra verso sirocho: quella da ponente va in la provinzia de Chatai e quela de sirocho va verso mare ala provinzia de Manci.

Sì se chavalcha per ponente per la provinzia de Chatai ben diexe zornade, tuta fiata trovando de molte belle zità e chastelle, e de molte gran merchadantie e de gran arte, e de belli chanpi e zardini, e domesticha zente.

Capitolo LXXXV

Del regniame de Tainfu, et de molta seta.

Dapoi che ss'è partido da Grogin, chavalcha diexe zornade e 'l truova uno regniame ch'è apellato Tainifu in chavo della provinzia.

Et è regniame grando e bello, e sì se fa grande marchadantie e arte; e fasege gran quantità d'arme per l'oste del Gran Chaan.

Sì n'è vignie e vino asai.

In tuta la provinzia de Chatai nonn nasie vino se non in questa chontrà, e de llì se porta per tuta la provinzia.

El ge n'è seda in grande abondanzia et ène molti morari a chaxion de' vermi che fano la seda.

Capitolo LXXXVI

Della zità de Pianfu.

Quando l'omo se parte de Staifu el chavalcha ben sete zornade per ponente per molte belle chontrà, trovando tuta fiada zità e chastelle asai, là dove se fa grande merchadantie.

In chavo de sete zornade el truova una zità che à nome Pianfu ch'è molto grande e de gran valor, et ène seda assai.

Capitolo LXXXVII

Del castello de Chaichui, dove fo el tradimento del re d'Oro.

Quando l'omo se parte de Pianfu, el va per ponente do zornade e poi trova uno bel chastello ch'à nome Chaichui, lo qual fè' far uno re che aveva nome d'Or.

Sechondo che dixe la zente della contrà, quello re d'Or ave guera chon Prete Zane, e iera in sì forte luogo che 'l Prete Zane non podeva nuoxer, et ave gran ira.

In la corte del Prete Zane se atrovavano sete zoveni che sse preferino de dar quel re vivo in le man del Prete Zane, donde el ne fo molto aliegro.

E queli sete zoveni veneno ala chorte del re d'Oro a muodo de' donzelli, e diseno che i erano de stranie chontrà e che i gierano venuti ala sua chorte per servire ala soa maiestà.

Lo re li rezevé aliegramente per soi donzelli, e lor chon grande alegreza servìa el signior per aver sua grazia, sì ch'el amava molto questi donzelli e fidavasse molto de llor.

E passati do ani, lo re chavalchando uno dì a solazo da lonzi dal chastello uno meiaro, e abiando siego questi sete zoveni e pochi altri, questi traditori videno che i podea conpir quel per che i ierano venuti.

E meseno man ale spade e prexeno el re, e menàlo al Prete Zane, lo qual ne fo molto lieto e chomandò ch'el fosse menado alla chanpagnia a guardar le suo' biestie, e fè'llo ben guardar.

E quando el fo stado chusì do ani, el Prete Zane s'el fè' vegnir davanti e fè'llo vestir a muodo de re.

E sì li disse: «Re d'Oro, tu poi ben veder che tu nonn è niente a mia chonperazion e che nonn è d'agualizar miego, ch'io t'ò chonduto a guardar le bestie, e sì te porave alzider s'io volesse».

E lo re d'Oro el chonfessò ben.

El Prete Zane respoxe: «Dapoi che tu medeximo l'ài chonfesato, io non te domando altro, ma de qui innanzi te voglio far onor e servixio».

E inchontenente li dè' chavali e arme e arnixe e bella chonpagnia, e sì lo lasò tornar al suo regniame, donde el re d'Oro, defin ch'el fo vivo, fo amigo e servidor del Prete Zane de llì inanzi.

Capitolo LXXXVIII

Del fiume de Charamoran, dov'è sì gran derada de faxani.

L'omo quando se parte de questo chastello de Chaichui, el va per ponente zercha vinti ameia e truova uno fiume che à nome Charamoran, lo qual è sì largo che non se pò passar per ponte; et è molto profondo e va infina al Mar Ozian.

Sopra de questo fiume è molte zità e chastelle, in le qual se fa molte merchadantie.

Per la chontrà ch'è atorno questo fiume nasie zenzero e seda in gran quantità.

Et ène sì grande abondanzia d'oxieli ch'ell è una meraveglia: el se ge dà tre faxiani per uno aspro d'arzento, che val pocho plui d'un grosso venezian.

Quando l'omo à passato questo fiume, andando tre zornade per ponente, el trova una nobel zità che à nome Chazianfu.

La zente de quella zità e tuta la provinzia de Chatai sono idolatri; e in quela zità è molte sede e molte merchadantie de drapi d'oro et de seda.

Capitolo LXXXIX

Del regniame de Margara, dove abita el fiol del Grande Chaan.

Quando l'omo se parte della zità de Chazianfu, el chavalcha oto zornade per ponente, trovando tuta fiata zità e chastelle e chanpi, et ène grandenisima quantità de moreri per i vermi che fano la seda.

Le giente èno tuta idolatria.

El ve n'è venaxion de bestie et d'oxielli asai.

In chavo de queste oto zornade se trova una nobelle zità del richo e nobile regniame che à nome Margara, in la qual è re el fio del Gran Chaan che à nome Mangala.

La zente de quella zità è idolatri.

Et ène abundanzia de merchadantie et de seda, et de tute quelle chosse che bixognia a chorpo umano.

De fuora della zità è el palazo de Mangala, in uno piano ch'è murado atorno atorno de un grosso muro e forte, che volze ben zinque meia.

Et è entro quel muro e fiumi e lagi e fontane asai.

Lo muro è tuto merlato.

In mezo de quel muro è uno palaxio belletisimo, lavorato dentro a oro batuto.

Atorno quel muro demora l'oste del re Mangala, ed è gran solazo della venaxone che se trova in quel luogo.

Capitolo XC

Del regniame de Chonchin, dove è molte bestie salvadege.

Partandosse l'omo da quel palazo, se va tre zornade per ponente per uno piano molto bello, là dove è zità e chastelle asai.

La zente uxa molto merchadantie, àno seda assai.

In chavo de quelle tre zornade se trova grande montagnie e valle che èno della provinzia de Cuncin; per quelle montagnie e valle sono zità e chastelle assai.

Gli abitanti sono idolatri, e viveno de lavoriero della tera et de venaxion.

El ge n'è molti boschi dove se trova lioni, orsi, lupi, chavrioli e altre bestie assai.

In questa mainiera chavalcha l'omo vinti zornade per monti e per vale e per piani e per boschi, trovando zità e chastelle e asa' boni albergi.

Capitolo XCI

Della provinzia de Achalae Man<gi>, dov'è molto zenzero.

L'omo quando à chavalchà quelle vinti zornade, el trova una provinzia ch'à nome Acbalac Mangi, ch'è tuta piana.

El ge n'è zitade e chastelle assai, et èno verso ponente.

Et èno idolatri, e viveno de merchadantia e d'arte.

In questa provinzia nasie sì grande moltitudine de zenzero ch'el se porta per tuta la provinzia de Chatai; et ène grande abondanzia de formento et de rixo e d'òrzo et de tute altre biave.

La maistra zità à nome Acmelec Mangi, zioè a dir 'una delle confine de Mangi'.

Questo piano chusì bello dura do zornade; in chavo de do zornade se truova grandi monti, valle e boschi.

E va l'omo ben vinti zornade per ponente, trovando assai zitade e chastelle.

La zente è tuta idolatria; e viveno de lavoriero e de tera e de venaxion e de bestiame.

El ge n'è molti lioni, orsi e zervi e chavrioli, daini e lupi, e 'l ge n'è grande moltitudine de quelle bestie che fano el muschio.

Capitolo XCII

Della rendita del ponte de Quiantun.

Quando l'omo à chavalchato quelle vinti zornade de montagnie per ponente, el trova uno piano e una provinzia che à nome Sindifa, e fo zià molto richa e grande, e ave uno re che fo molto richo.

E volzeva la zitade de vinti mia, ma ora l'è partida in tre parte.

El è uno re in questa zità molto posente: quando el vene a morte, el lasò tre fioli, e a zaschuno la soa terza parte del regniame, e partireno questa zitade in tre parte; e zaschuna parte à 'l so muro atorno; et era queste tre parte dentro dal muro grande.

Lo Gran Chaan chonquistò lo regniame e questa zità, e desertò questi tre re, sì che la chontrà è sotoposta al Gran Chaan.

Per mezo questa zità pasa uno fiume che à nome Quianfu, ch'è molto profondo, ben largo mezo meglio, e 'l se ne prende molti pessi.

Sopra questo fiume è molte zità e chastelle; et 'd'è tanta moltitudine de nave e de merchadantie che vano per questo fiume, ch'el nonn è homo al mo<n>do ch'el chredesse s'el non el vedesse.

E dura plui de otanta zornade e va fina al Mar Ozian.

In la zità de Sindifa sopra questo fiume è uno ponte de piera ch'è longo mezo meglio e largo oto, et è choverto d'una bella choverta de llegniame, tuta choverta nobelmente de inpenture; e quella choverta sostien cholone de marmoro.

E suxo questo ponte è molte stazon de diverse arte, de stagnio et de llegniame, e sono edefichate che da doman se meteno e la sera se lieva.

Anchora su questo ponte è una chamera dove è quel che rizeve la rendita s[o]a, che è signior a quel ponte, la qual è ben mille bexanti d'oro al dì.

La zente de questa chontrà si è idolatri.

E quando l'omo se parte de questa zità, el chavalcha zinque zornade per uno piano e truova ville e chastelle asai.

Lì se lavora zendati molto belli in gran quantità; e là è molte bestie salvadege.

Capitolo XCIII

Della provinzia de Teber, dove è le chane che fano grande schiopo quando l'ardeno.

Quando l'omo è andado quelle zinque zornade, el trova una provinzia ch'è molto guasta, la qual à nome Teber.

E dura ben vinti zornade, in le qual non se truova abitaxion nesuna, ma chonviense che i viandanti portano siego la vituaria per tute quele vinti zornade.

Quella provinzia fo destruta per Mongu Chan per guera, e 'l ge n'è molte zitade e chastelle guaste.

El ge n'è chane molto meraveglioxe, e grosse atorno ben tre spane, et da uno nodo al'altro altratanto, et sono longe quindexe a passa.

Li viandanti e li merchadanti che pasano de note per quella chontrà fano grandi fuogi de legnie, e puo' tuoleno de quelle chane verde in gran quantità e sì le meteno suxo el fuogo.

E quando ele <è> stade uno puocho, elle se torzeno e se de<s>fendeno, e sclopano sì forte ch'el se può aldir piuxor meglia.

E questo rumor fa li merchadanti e lli viandanti a chaxion ch'è le bestie salvadege, delle qual è sì gran moltitudine in quelle chontrà che de note non porave schanpar la zente chon le suo' bestie da quelle bestie salvadege.

E quando le chane fano quel rumor chusì smexurato, tuti li lioni, orsi e altre bestie fere àno gran smarimento, e 'le fuzeno e non se tentano de vixinare a quel fuogo.

E a questo modo schanpa de note li viandanti chon le suo' biestie dalle bestie salvadege.

Quelli che non èno uxi d'aldir quello rumor n'àno gran paura.

E li chavali che non èno uxi d'aldir, àno sì gran paura che i ronpeno i chavestri e fuzeno, e per questo modo n'è zia persi asai; ma l'omo, quando è 'l chavalo che non sia uxo a questo rumor, i abinda i ochi e l'inchavestra da tuti i pie', sì ch'el non pò fuzir.

Et è grando perìchollo a pasar per quelle parte per chaxion de quelle bestie salvadege.

In chavo de quelle vinti zornade se truova una provinzia ch'à nome Teber, in la qual se truova chastelle asai e ville.

Et ène una molto soza uxanza: che in quela chontrà nesuno homo torave mogier che fosse donzella per cossa del mondo.

E dixeno che la femena non è de matrimonio s'ella nonn è stata chon pluxor homeni.

Quando i merchadanti o altri forestieri pasano per quella chontrà, e' i chovien chonzar le sue tende per albergar presso della zità, chastelle o ville, o dove i vuoleno albergar, e non oseraveno albergar dentro de quelle tere, perché 'l non piaxe ala zente de quelle chontrade.

Et quando i sono albergadi, le femene de quella zità, chastelle o ville, che àno le figliolle grande e donzelle in chaxa, le menano a quelli forestieri, a vinti o a trenta al trato sechondo che èno i forestieri, sì che zaschuno à la soa; e sì li priegano che i lle debiano tegnir chon si quelle donzelle per infina i starano lì.

E gli forestieri tien quelle che i voleno, ma non le oserave menar via in altro luogo né in altra chontrà.

E quando i forestieri se vuol partir, chonvien che i dona alchuna zoia a quella che i àno tenuta, aziò ch'ella possa mostrar argumento e insegnia che l'eba avuto amator.

E quando quelle donzelle se vuol ornare, o quando i parenti sì le vuol maritar, elle se mete quelle zoie al chollo; e quella che n'à più zioie sì mostra eser la mior e lla plui grazioxa, e trova plui tosto marito.

E quando elle è maritate, li mariti le tenono sì chare che tropo avereve per malle se alchuno altro atendesse a so moier.

Quella chontrà è sotoposta al Gran Chaan, e chonfina chon la gran provinzia de Mangi e chon molte altre provinzie molto grande.

Ed à oto regniami, e à molte zità e chastelle, monti, fiumi, lagi, là dove se truova molto oro de paiuola.

El ge nasie molto zenzero e molte spezie che non fo mai vezude in nostre chontrà.

Quelli de quella chontrà èno idolatri e chrudelli e molto malvaxia zente, e non àno per pechado a robar nì a far mal, et èno li maor scherani del mondo.

E viveno de chazaxion et de venaxion de bestie, et de fruti de tera.

In quella chontrà è molte de quelle bestie che fano el muschio, et sono apellati guderi.

La zente de quella contrà à molti chani che lle prendeno, sì che i àno molto muschio.

Et è grandisimi mastini, grandi chome axeni, et sono boni per prender le bestie salvadege, e altri chani da chaza de piuxor vixe.

E i àno moneta per si; e sì se ge spende choralli per moneta e molto chari, perché tute le femene porteno chorali al chollo, e àno questi per una gran zoia.

In questa provinzia se fano molti zanbelloti e drapi d'oro et de seta.

E sì n'è molti astrologi e inchantatori de demonii.

La zente è malvaxia, de malvaxii chostumi.

El ge nasie molti falchoni che oxielano molto ben.

Capitolo XCIV

Della provinzia de Guandi, là dove l'omo, quando l'à briga, se mete el capello al'uxio, et è signior de chaxa quanto el vuol.

Gandi è una provinzia verso ponente, la qual à oto re, et è soto el Gran Chaan.

La zente della provinzia è idolatra.

El è molte zitade e chastelle, et ène uno lago dove se trova molte perlle, ma el Gran Chaan non le lassa trar fuora se non per si.

S'el le lasasse trar liberamente, el se ne trarave tante ch'ele non s'aprixierave niente, ma ène pena la persona che ne trazesse senza parolla del Gran Chaan.

In le montagnie de questa provinzia se truova una sorta de piere che sono apelate turchexe e sono molto belle, e 'l ge n'è asai.

E non se olsa trar senza parolla del Gran Chaan.

In questa provinzia è talle uxanza: quando niuno forestier passa per quella contrà e vada a chaxa de niuno homo per albergar o per altra cossa, el signior dela chaxa se parte inchontenente, e chomanda a soa moier e a soa fameglia che i debia obedir a cholui e a' suo' chonpagni in tuto ziò che i chomanderà, nì non torna in caxa defin ch'el n'è el forestier.

E li forestieri mete de fuora delle porte uno chapello ho alchuno altro segnio; e quando el signior della caxa se ne vuol vegnir e veda el segnio de fuora, el torna indrieto, e non va in cha' defin che 'l forestier ge fosse; e sì ne sta i forestieri do o tre dì.

E questa è una soza uxanza; è per tuta la provinzia de Gandi; et non se tieno queste chosse per dexenor perché i fano questo a onor delle suo' idolle, e dixeno che per questa chortexia i soi dii i donano abondantia de tuti i beni tereni.

In questa provinzia se fa moneda a questo muodo: i àno verge d'oro e sì le pexa a sazi, e sechondo ch'el pexano el valle; e questa si è la grosa moneta.

La pizolla moneta si è de tal maniera: i chuoxeno sal in una chaldiera e poi la zetano in formelle et deventa saldo e duro, e fano <denari> pizoli che pexa zercha uno tornexelo pizolo; li otanta de questi denari pizoli val un sazio d'oro: e questa è la pizolla moneta.

I àno grande abondanzia de bestie che fano el muschio.

I àno pessie asai che i piano in lago dove se truova le perlle.

I àno lioni e zervi, daini, chavrioli, lupi.

E grande abondanzia deli garofali se truova in arburseli pizoli, che àno le ramele chome [orba]ge, e alchuna cossa menor e plui strete; e fa la fior biancha e pizolla chome el garofalo, e 'l g'è in gran quantitade.

E àno zenzero e zinamomo e altre spezie che è non mai adute in queste nostre parte.

E àno oxelli de tute guixe asai.

I non àno vino de vignie, ma fano vino de formento et de rixo et de spezie, molto bon.

Quando l'omo se parte de Gandin, el chavalcha ben diexe zornade trovando senpre zità e chastelle e ville asai.

E quella zente àno quella uxanza ch'àno quelli de Gandi; e àno venaxion de bestie assai, <e> de oxelli.

In chavo de queste zornate diexe, se truova uno gran fiume ch'à nome Briuis, al qual fenise la provinzia de Gandi.

In questo fiume se truova asai oro de paiuola.

Sopra de questo fiume nasie asai zinamomo, e entra quel fiume inel Mar Ozian.

Capitolo XCV

Della provinzia de Charaian et de laci, dove l'omo non à vergognia a chi zaxe chon so moier, purché 'la sia in conchordia; e li se spende le porzellane per moneda.

Quando l'omo à pasato questo fiume, el entra in la provinzia de Caraian, in la qual è zinque regniami.

Et è versso ponente, et 'd'è soto el Gran Chaan.

Et ène re uno figiuolo del Gran Chaan ch'à nome Esetemur, lo qual è molto posente, savio e richo, e mantien ben soa segnioria et la tera in gran iustizia.

La zente della chontrà è idolatra.

E quando l'omo se parte da quel fiume, el chavalcha zinque zornade trovando zità e chastelle assai.

In chavo de queste zinque zornade se truova la gran zità ch'à nome Iaci, la qual è molto granda e nobelle, e fa grande merchadantia.

In questa zità è idolatri e cristiani nestorini.

El n'è formento e rixo assai, ma lla zente della chontrà non manzano pan de formento, perché el non è sano in quella provinzia, ma fano pan de rixo, <e beveno vin de rixo> et de spezie, le qual plui tosto innivria l'omo cha non fa el vino.

I àno moneta in cotal modo: i spendeno porzellane bianche che se trovano innel mar; le otanta porzellane val uno sazio de arzento, che val do venizian grossi – oto sazi d'arzento firs val uno sazio d'oro fin.

In questa zità se fa salle in grande abondanzia, e se fa d'aqua de pozo, del qual salle à tuta la provinzia, e lo re sì n'à grande intrada.

In questa zità non chura l'omo se l'uno va ala moier dell'altro, purché sia de volontà della femena.

In questa chontrà è uno lago che volze ben zento meglia, in lo qual se truova molto pesie e bon.

La zente de questa chontrà manzano la charne chruda a chotal muodo: i lla taiano menuta e poi la meteno in uno savor d'aio et de spezie, e poi la manzano chusì chomo nui manzemo la cota.

Capitolo XCVI

Della zità de Charaian et de Iaci, là dove se truova i serpenti colobri, e chome li prendeno.

Quando l'omo se parte dela zità de Iaci, el chavalcha diexe zornade per ponente et truova la maistra zità della provinzia de Charaian, la qual à nome Charaian et è soto el Gran Chan.

In questa provinzia se truova asai del'oro de paiuola in fiumi, e anchora se truova in lagi et in montagnie oro plui grosso de paiuola; e àno tanto oro che i dàno un sazio d'oro per sie d'arzento.

E in questa provinzia <se> spende le porzelane le quali ò dito de sopra, et èno porzelane d'India.

El se ge truova cholubri e grandi serpenti, et èno molto oribel chossa a veder.

E ve digo chon veritade ch'el g'è molti cholubri che sono longi ben diexe passa e volzeno aterno ben diexe spane: e questi èno i maiori.

E àno do ganbe dananzi, apresso el chavo, e non àno pie' se no una ongia chome de lione o de falcone, e 'l chavo àno molto grande, e lla bocha che ingiotirave uno homo al trato, e à i denti grandisimi.

Ell è sì smexurato e oribel chossa a veder ch'el nonn è homo nì bestia al mondo che nonn abia paura.

E questi serpenti se prendeno a questo muodo: sapiate ch'el demora el dito in chaverne soto tera per lo gran chaldo, e la note esie fuora e vasse perchazando s'el pò trovar alchuna cossa, omo o bestia, per devorarlo.

El va ale chaverne là dove è i lovi e i orsi e i figlioli demorano, e manza i grandi e i pizioli se li truova, e 'l nonn è bestia che da llui se difenda.

Quando ell à manzado, el va per el sabion, e per chaxion ch'ell è chusì grando e grosso e chussì posente, el fa per la via donde 'l va sì gran fossa in lo sabion ch'el par ch'el ge sia voltato una vezia de vino.

Li chazatori che vuoleno prendere el cholubro meteno, li dì ch'el uxano, per quella via per la qual el uxa, i mete molti palli de legnio grossi e forti, e in chavo de questi palli è fito uno fero d'azalle, lo qual è longo una spana et è aguzo chome uno fero de lanza et è taiente chome uno raxor.

Questi pali i fichano tuti soto tera, e quando el cholubro va per quella via, el va molto grieve e fiere sui palli, e 'l fero lo sfende per mezo, e sì sse ficha in entro dal chorpo sì che 'l serpente muor.

E per questo muodo li prende li chazatori.

E poi li traze la fielle fuor del chorpo, e sì la vendeno molto chara perché l'è molto medezinalle: che se uno omo fosse morsso da chan rabioxo e 'l bevesse uno pocho de quel fielle, el guarirave inchontenente.

E se alchuna femena non podesse partorire, s'ella prende uno pocho de quel fiel ella partorisse inchontinente.

E sse alchuno homo avesse alchuna nasenza, el ge meta suxo uno pocho dc quela fielle e 'l guarisie in puochi dì.

E per questa chaxion se vende questa fielle molto chara.

Anchora se vende la charne de quel serpente molto chara perché 'la è molto bona da manziar, e la zente <la> manzano volentiera.

In questa provinzia nasie molto boni chavali, e fino menati a vender in India.

E sapiate che i trazeno al chavalo do nodi o tre della choda, aziò ch'el non possa dar della choda al chavalier, e aziò che i non mena la choda <quando> i choreno, ché tropo par a quelle zente deschonza chossa quando el chavalo, chorandò, mena la choda.

Quella zente chavalcha longo chomo li Franzeschi.

I uxano churaze de chuoro de bufalo e lanze e saete e balestre, e atosegano tuti li pilloti.

Innanzi che 'l Gran Chaan chonquistasse questa provinzia, i faxevano una chossa molto deschonza: che quando passava per quella chontrà uno homo che fosse de bela aparenzia o che fosse savio o ben achostumado, quando el ge albergava, sì l'alzideva la note in caxa soa.

E non feva già per tuorli el so, ma perché i dixevano che 'l seno e chostumi e lle grazie e l'anima de quel valentomo romagnia in quella chaxa.

E per questa caxion alzideva molti, ma dapoi che 'l Gran Chaan chonquistò quella provinzia, ch'è zercha ani trentazinque, i non uxa plui quella malizia per paura del Gran Chaan, che non la lassa plui far nì uxar per niuno muodo.

Capitolo XCVII

Della provinzia de Ardanda, là dove l'omo zaxe in parto quando la moier à partorito.

L'omo, quando el se parte de Charaian, el <va> zinque zornade e truova una provinzia che à nome Ardandan.

La zente è sotoposta al Gran Chaan.

La maistra zità à nome Notian.

I omeni de quella provinzia àno i denti choverti d'oro e zaschuno fano formelle segondo che requiere i suo' denti: questo fa homeni e non le femene.

I omeni sono tuti chavalieri sechondo la soa uxanza, e non fano chossa del mondo se non andar in oste e chazare; e lle done fano tute quelle cosse che bixognia alla fameglia; e àno schiavi altrosì che fano quelli servixii che chomanda i signiori.

In questa provinzia è uxanza che quando l[a] femen[a] à partorito, ella lava e fassa suo fiuolo, e al plui tosto ch'ella pò 'la se lieva de lleto e fa i fati della chaxa.

Et de llà a quaranta dì ella nonn à nesuna briga del suo fiuolo se non de darli lo late, ma el marito della femena se mete a zaxer in leto e tien el figiuol siego, e àne chura defina a quaranta dì.

E infra quel tenpo i parenti e i amixi vixitano e achonpagniano quel homo che zaxe chome s'el fosse apartorido, e fage gran solazo.

E questo fano perché i dixeno che quella femena sì à abuda tanta fadiga a portar el figiol in chorpo nuove mexi e partorirlo ch'el nonn è chonvenevolle chossa ch'ella non eba plui briga.

La femena porta da manzar al so marido alo leto.

Questa zente manza rixo chon charne e chon late segondo soa uxanza, e beveno posone de rixo e de spezie ch'è molto bon.

Soa moneda è horo; anchora spendeno porzelane.

I dàno uno sazio d'oro per zinque d'arzento perché i non à arzento apresso a molte zornade; et però ne viene i merchadanti e chanbiano arzento per oro, e ne fano gran guadagnio.

Questa zente non àno idolle, ma zaschuno della chaxa adorano el mazior della chaxa e dixeno: «De questo semo desexi».

I non sano de letere né scriture perché i stano in luogo molto salvadego, e in grandi boschi e in grande montagnie, là o' non se può andar l'instade per cossa del mondo, perché l'aiere n'è sì ch[o]r<o>to d'instade, che nisun forestier ge porave andar ch'el non morisse.

Quando alchuno à qualche obligazion chon altri, i fano una tessera chon uno becho, e sfendello per mezo e fano tache; e uno tiene l'un[a] e l'altro l'altra mità; e quando l'omo à pagado, eli rende la soa mità del becho.

In questa provinzia e in le do altre ch'io ò dito de sopra nonn è medezi, ma quando l'omo è infermo, el fa vegnir a chaxa soa i maistri che tieno le idolle et sono incantatori de demonii.

Quando i èno vegniudi al'infermo, l'infermo li disse el mal ch'ell à et li maistri chomenzano [a] sonà instrumenti e a chantar e a balar a honor delle suo' idolle.

E tanto fano questo che 'l demonio entra in uno de chostori inchantadori, e poi chaze in tera chome s'el fosse morto.

E allora i maistri dimandano <da quelo> è versato in tera per che chaxion è quel homo infermo, e quello responde: «Perché el fè' despiaxer a chotal idolle».

E li maistri dicono: «Nui ti pregemo che i perdoni e lui farà sacrifizio de so sangue».

Se 'l demonia chrede che cholui debia morir de quel mal, el responde: «Questo amalato à tanto ofexo che 'l dio nostro non vuol perdonar, ma el vuol ch'el diebia morir».

E se 'l demonio chrede che l'infermo diebia guarir de quel mal, el responde a questi maistri, e dixe: «S'el vuol guarir, el chonvien ch'el faza chuoxer chotanti moltoni che abia el colo negro e ch'el faza far puxon de spezie, ch'è tropo bona da bever, e che el faza sachrifizio de queste cosse a quel'idollo.

E chonvien ch'el eba chotanti maistri e chotante done de queli che serveno a quele idolle, li quali faza gran festa e reverenzia alle idolle, e fato questo, quel'idollo i perdonerà».

Fata questa responsione, li parenti del'infermo fano tuto questo ch'à dito questo homo indemoniado.

E alzideno moltoni e sparze el sangue al ziello a honor dei'idollo; e fano chuoxer la charne e fano quelle bevande de spezie.

E fano vegnir a chaxa dell'amalado queli maistri e quelle done che dixe l'indemoniato; e fano gran luminaria; e vano inzensando la caxa e fano fumo de legnio abe e sparzeno in l'aiere el boion et dele bevande; e balano e chantano a onor de quel'idollo.

E domandano s'el gli è anchora perdonato, et quel'indemoniato dixe alchuna fiata ch'el chonvien ch'el faza anchora la chotalle chossa, e lla fano inchontanente.

E quando el demonio i dixe ch'egli è perdonato e ch'el guarirà, queli maistri et quelle femene se meteno a tavolla e manzano quella charne et beve le bevande, che sono molto delichate, chon grande allegreza e chon gran solazo.

Poi torna zaschuno a chaxa soa, et l'amalato guarisie tal fiata, segondo che piaxe a Dio, e quella zente e' chredeno che l'idollo l'abia guarito.

E per questo muodo ingana el diavolo quella zente idolatra.

Capitolo XCVIII

De una bataia che fo tra uno gran baron del Gran Chaan et d'uno grande re.

A chaxion del regniame de Charaian e de Vocian fo una grande bataia in quella contrà in milleduxento e setantadò.

El Gran Chaan mandò uno so baron, che avea nome Nischardin, chon dodexemilia chavalieri, per guarda e per defexa della provinzia de Charaian.

Quel capetanio era molto savio e valente chavalier, e aveva siego chavalieri molto valenti per arme.

Et quando el re de Mien et de Bangala, che confina chon Charaian, sape che quella zente vegniva, ave paura che i non voleseno chonquistar le tere soe, e fexe un gran apariamento per andar chontra le zente del Gran Chaan.

E ave ben doamilia elinfanti tuti incastellati de liegniame, e suxo ziaschuno chastello era dodexe homeni, in tal quindexe.

E anchora aveva ben sesanta<milia> homeni in tera, da chavalo e da pie'.

Fato questo apariamento, el vene versso la zità de Nocian, là o' era la zente del Gran Chaan, e messesse a chanpo apresso de Vocian a tre zornade.

Quando Naschardin sape questo el dubitò, perché l'aveva puocha zente a chonperazion del re de Mien, ma el mostrò ch'el non avesse nesuno smarimento, perché l'aveva siego bona zente; ma se messe chon soa zente in via, e andò innel piano de Vocian, e là aspetò i nemixi.

Apresso de quel luogo, là dove el se messe, era uno boscho de molti arbori grossi e spessi, e perziò se messe apresso de quel boscho: aziò ch'el podesse chondur ai nemixi soi, perché 'l sapeva che i elinfanti non porave intrar innel boscho chon i chastelli.

El re de Mien vene con sua zente in quel piano e messesse andar sopra li Tartari, e gli Tartari andò arditamente sopra de llor.

E quando i chavali d'i Tartari àveno veduti i elinfanti, i àveno sì grande smarimento che i Tartari non li podeva far andar innanzi, sì che i desexeno tuti da chavalo e ligòli agli albori del boscho; e andò tuti a pe' inchontra la schiera dananzi, che era quella dei elinfanti.

La zente del re chonbateva de sui chastelli, ma i Tartari era plui valenti e plui uxi de bataglia che nonn era quella zente, sì che i Tartari inirono tanto i elifanti che i se messe in rota e in fuga.

E messesse i elifanti andar al boscho de tal corsa che quelli che i guidavano non i podevano tegnir nì menar ad altro luogo.

Quando i alifanti entròno innel boscho, i chomenzàno andar in zia <e> in là, e ronpéno tuti i chastelli ai albori del boscho, ch'erano grandi e spessi.

E vezando questo, i Tartari i chorseno tuti ai suo' chavali inchontenente, i lasàno andar i alifanti per el boscho e andàno arditamente a chonbater chon l'altra zente ch'era romaxa molto smarita sul canpo.

E quando i àveno trate tute le saete, i se messe a chonbater chon le spade.

La bataia fo molto dura e forte, e sì ge morì de molta zente del'una parte e del'aitra, ma ala fin lo re Mien se messe in fuga con soa zente, e i Tartari andòno driedo alzidando queli che fuzivano, e molti ne alziseno.

Quando i ave fato gran dalmazio in la zente del re Mien, tornarono per prendere i elinfanti che erano innel boscho, ma non ge podeva prender nisuno, pure finalmente ne ave duxento.

Et da questa bataglia inanzi chomenzò el Gran Chaan ad aver alinfanti per bataglia; possa chonquistò le tere dei re Mien e de Pangala.

Capitolo XCIX

Della gran dessessa, dove l'omo va pur in zio do zornade e meza.

Quando l'omo se parte de questa provinzia de Charaian, el truova una grandenisima desexa per la qual l'omo vano ben do zornate e meza pur al declino.

E non ge n'è abitaxione, ma ad uno luogo, là o' se fa fiera e merchato tre dì della setemana, e vien de molta zente dale montagnie.

A quela fiera aduxeno oro per chanbiar in arzento, e i merchadanti d'altre chontrà gli aduxeno l'arzento et tuò de questo oro; e fane gran guadagnio perché i àno uno sazio d'oro per zinque d'arzento.

Quelle zente che aduxeno l'oro abitano per soa signioria in luogi altisimi e forti, et sono sì diversati luogi che non 'de va mai niuno se non egli, sì che l'altra zente non sano dove i abitano.

Quando l'omo à chavalchato de quelle do zornate e meza, el truova la provinzia de Mien, la qual chonfina chon l'India inversso mezodì.

L'omo va quindexe zornade per molta salvadega [cont]rada e per molti boschi, là dove è molti elinfanti, elichorni e altre bestie salvadege asai.

In quela contrà salvadega nonn è abitazion.

Capitolo C

Della provinzia de Mian, dove el re se fexe far sì bella sepoltura.

In cavo de queste quindexe zornade l'emo truova una zità che à nome Mien, ch'è molto nobelle e grande, e in chavo del regniame.

La zente è idolatra, et è soto el Gran Chan, e àno lenguazio per si.

In questa zità fo uno re molto richo, e quando el vene a morte, el ordenò che i fosse fato uno mo[n]imento a chotal muodo: e' si fè' far sopra el monimento do torexelle de piera, e zaschaduna alta ben diexe passa, e grosse sechondo che requireva la alteza.

De sopra erano retonde; l'una era tuta choverta d'oro e l'altra d'arzento, et era alto ben uno dedo, sì che el non pareva altro cha oro e arzento sul cholmo, et era molte chanpanelle d'oro che sonava quando trazeva vento.

E l'altra tore era choverta d'arzento, chome ò dito de sopra, e aveva le chanpanelle d'arzento; et era questa la plui bella cossa a veder del mondo.

Questa cossa fè' far quel re per anima soa e aziò ch'el fosse memoria de lui dapoi la soa morte.

Questa provinzia chonquistò el Gran Chaan in cotal muodo: el se trovà uno dì ala corte el Gran Chaan una gran moltitudine de zugolari et de strazatori, e 'l signior i disse ch'el voleva che i andaseno a chonquistar la provinzia de Mien: el ge darave bon chapetanio e grande aitorio d'altra bona zente.

E i diseno che i erano apariadi d'obedire ogni suo chomandamento.

E andàno chon el capitanio e chon la zente del Gran Chaan, e chonquistò la provinzia de Mien.

E quando i videno quelle do tore e quel texoro, i n'ave gran meraveglia e mandòno a dir al Gran Chaan i desfaraveno quelle tore s'el volesse, e si li manderaveno quel texoro.

El Gran Chaan, aldando che quel re aveva fato far questa cossa per anima soa, el comandò che i non guastaseno niente, perché l'è uxanza d'i Tartari de non guastar niente che sia de morto.

In quella provinzia è molti elinfanti e buò salvadegi grandi e belli, e zervi e daini, chavrioli e altre bestie de tute maniere.

 

 

Indice Biblioteca

cap. C-CLV

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 28 agosto 2011