Marco Polo

 

Il Milione (veneto)

in lingua veneta

 

 

 

Edizione elettronica di riferimento:

http://www.bibliotecaitaliana.it:6336/dynaweb/bibit/autori/p/polo/milione_veneto

 

Edizione cartacea di riferimento

Il Milione veneto : ms. CM 211 della Biblioteca civica di Padova, Barbieri, Alvaro (a c. di), Andreose, Alvise (a c. di), Mauro, Marina (a c. di), Renzi, Lorenzo (a c. di), Marsilio, Venezia, 1999

Capitolo I

Del prolago: sì come misier Nicollò e misier Mafio Pollo, zitadini de Veniexia, andò inprimamente in Chostantinopolli, e dapuo’ in Soldania, e possa là dove era Barcha Achaan; e molte altre cosse.

Signori re, duchi, marchexi, chonti, chavalieri, prinzipi et baroni, et tuta zente a chui dileta de saver le diversse zenerazion de zente e dei regniami del mondo, tolé questo libro e fatello lezer.

Et qui troverete tute le grandisime meraveie et diversitate della grande Armenia, de Persia, Tartaria e de India et de molte altre provinzie.

Et questo libro ve chonterà per ordine sì chome misier Marcho Polo, nobelle et savio zitadin de Veniexia, à rezitado segondo che lui medemo vide chon i suo’ hochi.

Ben chonta in questo libro molte cosse ch’el non vide, ma ello le intexe da savii homeni e degni de fede; e però meterà le chosse vezude per vezuda, e le aldide per aldida, azò che ’l nostro libro sia drito e veraze e senza reprension niuna; nì nonn è nostra intenzion de rezitar né de scriver chossa che non sia veraxia.

E sapiate veramente che nostra chreenza si è, dapo’ che ’l nostro Segnior Dio chreò Adam, nostro primo padre, ch’el non fo nesuno homo, nì cristian nì pagan, nì altra zente del mondo che tanto vedesse e zerchasse delle diverse parte del mondo e meraveie chome à fato questo misier Marcho Pollo.

E questa è la chaxione per che el se mosse a far scriver questo libro: perché el pareva a llui ch’el fosse gran mal e grande reprensione che chusì grande e stranie chosse e meraveie non fosseno dite e sapute dale giente per le diversse parte del mondo, e non fosseno messe in perpetual memoria.

A saver queste chosse el stete in quele parte del mondo ben ani XXVI.

E siando in charzere a Zenova, alora se fè’ scriver questo libro a misier Ristazo da Pixa, lo qual era prixion chon esso lui: lui lo redusse in scritura, e questo fo ano domini MCCXCVIII.

In quelo tenpo che misier Balduino era inperador de Chostantinopoli, che fo ani MCCL, misier Nichuola Pollo, che fo pare de Marcho, e misier Mafio Pollo, fradelo de misier Nicollò, valenti e savii e avezuti, se partìno de Veniexia e andò chon suo’ merchadantie in la zità de Chostantinopoli.

E llì àveno chonseglio de dover andar plui innanzi, et per sua utilitate et per sue merchadantie.

E chonprarono molte zoie e intrò in nave in Chostantinopoli e andò in Soldania.

Quando ’li fono in Soldania, aparsse a lor un tenpo de andar plui avanti, e partìsse de Soldania e mesesse in chamino.

E chavalcòno tanto che i zonse ala zità là dove era Barcha Chan, che era segnior d’una parte de’ Tartari, li quali abitava in la contrà de Balgara.

Et era questo segnior Barcha Chan signior onorà.

A misier Nicolò e misier Mafio i mostrò grande alegreza de soa venuta.

Egli ge donò tute le zoie che lor avevano siego et Barcha Chan li rezevete volentiera e molto li piaque, e fè’ge donar altre cosse che valevano ben do a tanto, le qual cosse egli le mandàno a vender in quelle parte <e> fono molto ben vendute.

E quando egli fono stadi in la tera del Barcha Chan ben uno ano, sì comenzò una guera tra Barcha Chan e <Alau>, el signior de’ Tartari de Levante.

E andò l’uno contra l’altro chon tuta soa forza e chonbaté insieme.

E gran dalmazio fo dal’uno lato e dal’altro, ma el ave ale fine la vitoria Alau.

E per chaxion de quella guera non se podeva andar per quella via, donde quelli do fratelli non podeva tornar dale parte del Barcha perché ogniuno iera morto o prexo, ma avanti se podeva ben andar.

E alora i do fratelli delliberò de andar avanti per la via de levante, per tornar possa per traversso in Costantinopolli, poiché i non poteva tornar per la via donde ierano andadi.

E partìsse della tera de Barcha e andò in una zità verso levante, che à nome Onchacha, ch’è ala fin del regniame del segnior del Ponente.

Et da Onchacha se partì e pasàno el fiume che se chiama Tigri, uno d’i quatro fiumi del paradixo, e andò per uno dexerto ch’è longo XVII zornate.

Nì non trovò zità né chastello, ma trovò moltitudine grande de Tartari che abitàno alle chanpagnie chon loro bestie.

E quando i ave passato quel dexerto, i trovò una zità che à nome Bochara, molto nobelle e grande, e lla provinzia à nome altrosì Bochara, et era re uno che aveva nome Banich;

E lla zitade è lla maor che sia in tuta Persia.

In questa chontrà stete quelli do fratelli tre ani.

In quel tenpo <zonse un> anbasiator[e] de Alau, che era signior del Levante, [el] qual era mandad[o] da Alau al Grande Chan, segnior de tuti i Tartari.

E questo valentomo vide questi do fradeli e avene grande meraveglia, e vetelli vollentiera perché el non aveva mai visto alchuno latino.

E parllò ai do fratelli e diselli: «Se vui me vollé chreder, vui podé aquistar grande richeze e grande onore.

Lo grande signior d’i [Tartari] non vide mai niuno latino e à grande volontate de vederne, e se vui vollé vegnir chon mi, e’ ve menerò salvi e seguri, e sì ve fazo zerti ch’el ve farà grande onor e averé de tal venuta grande utilità».

Capitolo II

Chome misier Nicollò e misier Mafio andò chon uno anbasiator al Gran Chaan e chomo egli fo visti vollentiera.

Quando quelli do fratelli àveno intexo quelle parolle, egli àveno suo chonseglio e delliberòno de andar chon quel valentomo alla corte del Gran Chaan.

E messesse in via chon lui, e andò uno ano per griego e per tramontana innanzi che i gionzieseno alla tera ove era el Gran Chan.

E trovò molte stranie e meraveioxe chosse per la via, le qual se chonterano in questo libro in altro luogo destintamente.

Quando questi doi fratelli fo zonti dal Gran Chaan, lui i vedèno vollentiera e fè’lli grande onor, e mostròlli gran festa e grande allegreza della lor venuta.

E domandòlli della condizion de’ Latini molto sotilemente: inprimamente dimandò dell’inperator, chome el mantegniva sua segnioria, e chome lui mantegniva suo inperio in iustizia; e chome el feva quando l’aveva grande briga, e a che modo ello andava in oste, et de anbasiarie et de tute altre cosse e chondizion.

E poi el domandò chon gran deligienzia de misier lo papa e della chondizion della Giexia de Roma, e de tute le uxanze e chondizion de’ Latini.

E misier Nicollò e misier Mafio, li qual era savii e aveduti e saveva ben la lengua tartarescha, a zaschaduno ponto per si rispoxe ordenatamente.

Capitolo II

Chome misier Nicollò e misier Mafio andò chon uno anbasiator al Gran Chaan e chomo egli fo visti vollentiera.

Quando quelli do fratelli àveno intexo quelle parolle, egli àveno suo chonseglio e delliberòno de andar chon quel valentomo alla corte del Gran Chaan.

E messesse in via chon lui, e andò uno ano per griego e per tramontana innanzi che i gionzieseno alla tera ove era el Gran Chan.

E trovò molte stranie e meraveioxe chosse per la via, le qual se chonterano in questo libro in altro luogo destintamente.

Quando questi doi fratelli fo zonti dal Gran Chaan, lui i vedèno vollentiera e fè’lli grande onor, e mostròlli gran festa e grande allegreza della lor venuta.

E domandòlli della condizion de’ Latini molto sotilemente: inprimamente dimandò dell’inperator, chome el mantegniva sua segnioria, e chome lui mantegniva suo inperio in iustizia; e chome el feva quando l’aveva grande briga, e a che modo ello andava in oste, et de anbasiarie et de tute altre cosse e chondizion.

E poi el domandò chon gran deligienzia de misier lo papa e della chondizion della Giexia de Roma, e de tute le uxanze e chondizion de’ Latini.

E misier Nicollò e misier Mafio, li qual era savii e aveduti e saveva ben la lengua tartarescha, a zaschaduno ponto per si rispoxe ordenatamente.

Capitolo IV

Chome misier Nicollò e misier Mafio menò Marcho, fio de misier Nicolò, ala chorte del Gran Chaan; e molte altre cosse.

E qua<n>do che i fono zonti a Llagiaza, ei steteno pocho e veneno in Achre.

E zonsseno da mezo aprille, anno domini MCCLXXII, e trovò che ’l papa era morto, el qual aveva nome papa Climento.

Quando i àveno intexo della morte del papa, egli andò da uno grande e vallente chierego da Piaxenza che aveva nome misier Tedaldo, lo qualle era legato per la Giexia de Roma in le parte oltramare et era in Achre.

Et a llui sì fèno l’anbasiata del Gran Chaan.

Lo legato aldì volentiera queste novelle, e dè’lli per conseglio che i aspetasse fina fosse elleto un papa e doveseno far a llui la soa anbasata.

E allora i do fratelli se partìno d’Achre e veneno a Negroponte, e da Negroponte veneno a Veniexia.

Misier Nicollò trovò che lla dona soa era morta, ed era rimaxo un fio che avea nome Marcho, lo qual misier Nicollò non l’aveva mai veduto perché nonn era anchora nato quando el se partì da Veniexia.

Et ’d’aveva zià Marcho ani XV, e fo quelo Marcho che conpuoxe questo libro.

E stete li do fratelli zercha do ani aspetando la elezion del papa se fesse.

E vezando che tropo se induxiava, sì se partì, e menò Marcho chon loro, e andò in Achre e trovò lo legato lo qual è dito de sovra.

E andò a Ieruxalem per tuor del’oglio della lanpada, segondo che i aveva chomandado el Gran Chaan, e tolse de quel’oio e tornò in Achre dal legato, e tolseno conbiato da llui per tornare al Grande Chaan.

Allora el legato fè’ far le letere per mandar al Gran Chaan, le qual testemoniava chomo egli erano stati fedelli a far la soa anbasiata, ma non aveva posuto, peroché lla Giexa non aveva anchora papa.

E partìsse con le letere e andò a Llagiaza.

Uno choriero li fo mandado driedo, da parte del legato, fazandoi asaver ch’el iera elleto papa e aveva nome misier Gregorio da Piaxenza.

E dimandò che i dovesse inchontenente tornar in Achre, e lo re d’Armenia li fè’ aparechiar una galìa.

Eli tornò al papa molto volentiera, e misier lo papa li rezevete aliegramente et dè’lli le suo’ letere le dovesse portar al Gran Chaan.

E sì li dè’ do frati predichatori che dovesse andar chon loro.

L’uno aveva nome fra’ Nicolò da Vizenza, l’altro frar Guielmo da Tripolli, et erano molto savii e valenti homeni.

E andò tuti quatro, e Marcho con loro, a Llagiaza.

E siando elli lì, el soldan de Babilonia vene in Armenia chon grande oste e fè’ gran dano per la contrà, sì che li do frateli e lli frati predichatori fono a perìcollo de morte, sì che li do frati predichatori, temando ch’eli non podeseno andar oltra, rimaxeno chon el maestro del tenplo.

E lli doi fratelli se fexeno dar tute le letere e andò oltra, e menò siego Marcho.

E chavalchò tanto ch’i zonseno a una zità che aveva nome Clemenifu, là ove era el Gran Chaan.

De quelli che i trovòno per la via se dirà in altro luogo de questo libro.

E stete a chavalchar da Lagiaza ala tera dove era el Grande Chaan tre ani e mezo, per chaxion de’ gran fiumi e delle neve e delle piove e del fredo, ché pocho podevano chavalchar de inverno.

E quando el Gran Chaan aldì dire che misier Nicolò e misier Mafio tornavano da llui, el ge mandò incontra li suo’ messi ben XL zornate, li qual messi fexeno tropo ben servir questi anbasiatori.

Quando li do fratelli e Marcho fono zonti alla zità ch’è dita de sovra, là ove era el Grande Chaan, egli andò al gran pallazo, là dove iera el Gran Segniore e molta gran baronia.

E inzionechiòssi davanti a llui chon grande umilitate e chon gran reverenzia.

E lui i vete volentiera e lietamente sopramodo, e fexelli levar in pie’, e dimandòlli chome egli aveano fato chon el papa, e chome aveano fato per la via.

Et egli respoxeno ordenatamente a tute quelle cosse ch’elli aveano a dire.

E poi li aprexentò l’olio ch’elli avevano portato de Ieruxalem, lo qual lui el rezevé chon gran reverenzia, e mostrò ch’ello l’avesse molto charo, e fexello logar ordenatamente.

E poi domandò de Marcho, chi lui era.

Misier Nicolò respoxe chome era suo figlio, e lui i feze grande chareze.

Capitolo V

Chome Marcho intrà in grazia del Gran Chaan, e chome lui lo mandava in tute suo’ gran fazende e anbasiate.

Hor avene che chostor stete alla chorte del Gran Chaan, e tuta la chorte li feva grande onor et erano onoradi altratanto quanto baroni che fusse in la corte.

E Marcho inparò bene i chostumi de’ Tartari e lle uxanze e lla lengua loro, e in pocho tenpo inparò quelle letere.

Per el seno e per i beli costumi ch’ell aveva, el fo in grazia del segnior.

E piaque al Grande Chaan de provar chome Marcho savesse far una anbasiaria a una tera ala qual el stete ad andar ben mezo ano.

E perché el saveva che ’l segnior aldiva volentiera novelle, e spesse fiade reprendeva suo’ messi che i non sapeva ben dir le chondizion delle tere donde i passavano, e solea dire che lli era altretanto charo che so mesi savesse ben le novelle delle chorte e lle chondizion, chome s’el fosse le prinzipal anbasiate, Marcho, sapiando ziò, atexe chon gran dilligienzia a saver tute le chondizion delle chorte donde el passò, sì che quando el tornò al Gran Segnior, el sape tropo ben render soa anbasiada.

Avea tropo ben fato quel per che ’l <m>andò a dire, e intriegamente le chondizion e lle novelle delle chorte reportà, onde ello entrà granmente in grazia del Gran Segnior, sì che in la corte chomenzò a chiamar Marcho, de llì inanzi, missier Marcho, e chusì l’apellerà da qui inanzi el nostro libro.

Capitolo VI

Chome misier Marcho vete chotante cosse, e chome lui le fè’ scriver in questo libro.

Hor stete misier Marcho in corte del Gran Chaan ben XVII ani.

E in tuto questo tenpo el non challò d’andar per anbasiade, perché ’l signior vedeva ch’el saveva chusì ben far quello per che lui el mandava, e sapeva chusì ben render tute le chondizion delle tere dove ello el mandava, perché tute le grande anbasiarie chometeva a llui, e mostravali tanto amore e fevali tanto onore che molti baroni li aveva grande invidia.

E questa è la raxione: ché misier Marcho sape chusì ben le chondizion delle chorte de Oriente, perché ’lo andava tanto atorno e invegnia d’ogni gran cosse, e grande dilligienzia aveva de saver render raxione al signior.

Capitolo VII

Chome i anbasiatori de uno re vene ala chorte del Gran Chaan e domandò per grazia al signior che quel misier Nicollò, Mafio e Marcho andasse con loro.

Quando misier Nicolò e misier Mafio e misier Marcho fo stati in la chorte del Gran Chan tanto chome ò dito de sopra, egli domandò piuxor fiade parolla al signior de poder tornar a sua tera, ma tanto era l’amor ch’ell li aveva ch’el non li volea dar chonbiado né parolla che i se ne andasse.

Qui erano in quel tenpo che morì una regina d’India che aveva nome Balchana e ’l marito aveva nome re Argon.

Quella regina aveva ordenato in suo testamento che ’l re non se podesse maridar se non de quella chaxa de quella regina Balchana.

De che Argon sì mandò tre suo’ anbasiatori, gran baroni, molto granmentre e chon gran chonpagnia al Gran Chaan, a pregar ch’el li dovesse mandar una donzella del parentado de Balchana, la qual dovesse eser sua moglier.

L’uno de questi baroni avea nome Onbatai, el segondo Apascha, el terzo Choila.

Quando egli àveno fato la anbasiata del suo segnior, lo Gran Chan li fexe grande onor, e po’ fè’ vegnir una donzella davanti de ssi de quel parentà che i voleano, che aveva nome Gogatin ed era de XVII ani e molto bella dona.

E disse a quelli baroni: «Questa è quella che vui andé zerchando».

E li baroni, quando i àveno udita la parolla, fono molto lieti e chontentisimi.

E siando questi baroni a chorte, missier Marcho zonsse ch’el vegniva d’India d’una anbasiaria.

E lli baroni, vedando missier Nicollò e misier Mafio e misier Marcho, e chogniosando ch’elli erano latini e cusì vallenti homeni, e aldando ch’elli aveano voluntà de partirsse, domandà per grazia al Gran Signior che i lli desse in soa conpagnia, ché ’lli andaseno seguri per mar chon quella dona.

Sì che lo Grande Chaan disse alle fin de far ziò ch’elli volleano, e mostrò che molto li agravasse.

Capitolo VIII

Chome misier Nicollò, Mafio et Marcho tornò a Veniexia; et molte altre cosse.

Quando i do fradelli e misier Marcho se doveano partire, lo Gran Segnior li fè’ vegnir denanzi e fè’lli dare do tavolle d’oro de chomandamento che i foseno franchi per tuta soa segnioria e dovesse aver le spexe intriegamente per si e per sua conpagnia.

E inpoxelli sua anbasiata al papa, al re de Franza e al re de Spagnia e a piuxor altri re de chorona de cristianitade.

Po’ fè’ aparechiar XIV nave, le qual avea zaschaduna quatro albori, e molte fiade andò a vella; e a [chon]tar a che muodo fu questo serève tropo longo, e però taxeremo in questo luogo.

Quando le nave fo apariade grandemente, el Gran Chaan le fè’ guarnire per spexe de do ani.

Fato questo, misier Nicollò, misier Mafio e misier Marcho tolseno chonbià dal Gran Chaan e intròno in nave con tuta la soa chonpagnia, li qualli fo tra tuti seicento persone senza li marinari.

E navegò ben tre mexi, e po’ zonseno a una issola ch’è verso mezodì ch’à nome Iava, in la qualle i trovòno molte cosse meraveglioxe, le qual se conterano altrove in questo libro.

Poi se partìno da quella ixolla e navigò per lo Mar d’India ben XVIII mexi inanzi ch’i zonzesseno al luogo dove i dovea andar per achonpagniar i baroni e lla dona.

Per la via trovòno molte cosse meraveglioxe, le qual se conterano in questo libro.

Quando elli fo zonti alla tera ove i menavano la dona, i trovò che quel re che doveva eser suo marito era morto, sì ch’ela fu dada al figliuolo.

E quando egli zonseno ala tera là ove egli andavano, egli fèno raxon che tuti i omeni che era intradi chon loro in nave in la tera del Gran Chan erano morti, tratone XVIII.

Eli trovàno che la signoria delle tere de [Ar]gon tegniva uno che avea nome Achatu, perché el figliuolo del re era pizollo.

E a llui rechomandòno la dona e fèno le anbasiate del Gran Segniore intriegamente.

E quando egli àveno fato tute le suo’ anbasiate, eli tolseno chonbiato da Achatu e messesse in via.

E i ge dè’ IV tavolle d’oro de chomandamento: le due d’esere franchi, la terza del lione, la quarta che li fosse fato onoratamente le spexe e schorta e chonpagnia, sì chome i piaxeano e sapeano chomandare per tuta sua tera.

E chusì li fu fato intriegamente chome alla persona de lui: piuxor fiade li fo dadi CC omeni a chavallo che i achonpagniòno, e plui e meno che i aveva de bexognio per darge schorta de tera in tera.

E bixogniava spesse volte perché i trovàno molti luogi de perìcollo, perché la ria zente feva plui seguramente mal perché Achatu non era segnior naturale nì prinzipal.

Or chavalchò tanto questi valenti omeni che i vene a Tripesende, e da Tripesende veneno a Chostantinopolli, e da Costantinopoli a Negroponte e da Negroponte a Veniexia.

E questo fo ano domini MCCLXXXXV.

Questa istoria avemo contata azò che chadauno possa veder in che modo poté questi do fratelli e misier Marcho veder e sapere e udir tante cosse che se scriverano in questo libro.

Capitolo IX

Chome chomenzo a dire delle cosse che vete misier Marcho andando e vigniando e stagando; e prima de Armenia Pizolla, et de quella mollte altre cosse.

Dapoi che nui avemo scrita la istoria della nostra via, e chome nui andasemo, stesemo e tornassemo, sì ve vo’ dir per ordine de quelle cosse le qual nui vedesemo e trovasemo.

Chomenzaremo, a nome de Dio, della provinzia de Armenia.

Vui dové saver ch’ell è do Armenie, una Pizolla e una Granda.

in Armenia Pizolla se trova uno re che mantien ben la corte in zustixia; quelo regniame è sotoposto al Tartaro.

ène molte zità e molte chastelle, ed è grande abondanzia de tute cosse; ed è contrade de gran solazo, e uxa molto la zente della contrada de chazare e de oxellare d’ogni mainiera.

Ma non è sana provinzia, anzi inferma duramente; ma solea per li tenpi li gentilomeni eser prodomeni e valenti per arme, ma ora sono chativi e villi e sono grandi bevadori.

Capitolo X

De Llagiaza, o’ che meteno tute le merchadantie che vien de zia da mar.

Anche mo’ è in quella provinzia sul mare una zità ch’à nome Laglaza, la qual è zità de gran merchadantia.

E tute le spezie che sono infra tera e tuti i drapi che se den adur de llì in zia meteno tuti chavo a quella zità.

E tute le altre cosse e merchadantie de Veniexia e de Zenova e de molte altre parte, se reduxeno molto lì.

E tuti quelli che vuol andar verso oriente per tera, tuti meteno chavo in questa zità.

Capitolo XI

De Turchomania, [o’] se trova boni chavali e muli, e dove fo martorizià san Biaxio.

ò dito de Armenia Pizolla, sì ve dirò de Turchomania.

In Turchomania si è tre generazion de zente; l’una si è Turchimani che adorano Machometo e àno soa lezie, ed èno senplize zente, e àno sozo lenguazio, e stano in montagnie e in piano, segondo che i se trova bon pàschollo per le sue bestie, e viveno pur de bestie.

E lì se trova tropo boni chavali turchomani e tropo boni mulli e de gran priexio.

Le altre do ziente èno Armini e Grexi, li qual viveno et abitano insieme mesedatamente in cità et in chastelle, e viveno d’arte <e> de merchadantie.

E lì si lavora i mior drapi e i plui belli che siano al mondo, e sì sse lavora drapi de seta cremexi e d’altri colori molto richamente.

Le mior e lle plui famoxe cità de quella provinzia si èno Chomo, Cesare e Sabastala.

E lì fo marturizià misier san Biaxio.

Molte altre zità e chastelle ve n’è, delle qual non fazo menzion perché serève tropo longo.

Egli sono sotoposti al Tartaro del Levante e el [i manda] signior sì chome li piaxe.

Capitolo XII

Della Grande Armenia, dove è l’archa da Noè e risorze una fontana d’oio.

La Grande Armenia è una grande provinzia.

Lo chomenzamento suo è una zità che à nome Artinga, in la qual se llavora i mior bochasini che sia al mondo.

Ed è i mior e i plui belli bagni che sia al mondo, ed èno d’aqua sorzente.

èno Armini ed èno sotoposti al Tartaro.

ène molte chastelle e zità; la plui nobille zità della contrà è apellata Artinga, e à arzivescovo; ène do altre mazior: àno nome Argiron e Dercieri, ed è molto grande provinzia.

L’instade ge abita l’oste del Tartaro del Levante perché el ve n’è molti boni pàscolli l’instate per le bestie, ma l’inverno non ge stano per la grande fredura della neve, la qual è grande oltra mexura, sì che le bestie non poraveno viver.

E però se parteno de llì e vano in luogi chaldi ove si trova erba per lo bestiame.

In questa Grande Armenia è l’archa de Noè su una grande montagnia.

Armenia Grande deverso mezodì chonfina chon una provinzia ch’è verso levante che à nome Mosul, e abita in quella contrà cristiani che èno apellati iachobini e nestorini, e nonn è bene in la drita fe’.

De loro fato ne chonteremo in questo libro.

Deverso tramontana chonfina Armenia chon Zorzania, delli qual se conterano in lo sequente capitollo.

A quel chonfin verso Zorzani<a> è una fontana, <de>la qual sorze un lichore sì chome olio, e lì sì ’n vien sì grande abondanzia de quel licore che tal fiata se ne charga cento nave a[l trat]o; el nonn è bon da manzar, ma è molto bon da arder e da ongier li chamelli per la rognia e per altre infirmitate.

E ne viene le zente de molto lonzi per questo olio, e tute le contrate atorno non arde altro oglio se non questo.

Capitolo XIII

De Zorzania, la qual non poté prender re Alexandro, e dove è una tore de fero.

In Zorzania è uno re ch’è apellato senpre Mandemilich, che è a dire in nostra lengua ’Davit re’, ed è sotoposto al Tartaro.

In antico tenpo, sechondo che se dixe, naseva tuti li re de quella provinzia chon uno segnio d’agugla sula spalla drita.

Eli sono bella zente, e valenti per arme e boni archatori e boni chonbatitori in bataglia, ed èno cristiani e tien el modo de’ grezi, e portano li chavelli churti a modo de’ chierexi.

Questa è la provinzia che non poté passar Allesandro quando el volsse andar al Ponente, perché la via si è streta e molto dubioxa.

Dal’uno lato si è el mar, dal’altro si è gran montagnie che non se posono chavalchare.

La via è molto streta entro la montagnia e ’l mare, e dura questa via chusì streta plui de quatro ligne, sì che pochi omeni defenderaveno quel luogo da tuto el mondo.

E questa è la chaxion per che Alesandro non ne poté passar.

E vedando ch’el non podeva passar sora quella zente, volse vedar a loro che i non podeseno vegnir a llui né a sua zente, e si fè’ far una tore e una gran forteza alla bocha de quel passo, e messe nome a quela tore la Tore del Fero.

In la provinzia de Zorzania si è zitade e chasteli asai.

ène seda in grande abondanzia, là se lavora draparia belletisima de seda e d’oro, e là è i mior astori del mondo.

Lì è abondanzia de tute cosse da viver.

La zente viveno de lavor de tera e de merchadantie.

La provinzia è tuta piena de montagnie e de streti passi e forti sì che Tartari non àno posuto aver intriegamente la segnioria de quella provinzia.

Capitolo XIV

Del monestier de sen Lunardo, hove è uno lago che non se trova pesie se non de quarexema.

Ancora in quella contrà è uno monestier de munexi che è apellato san Lionardo.

A pe’ de quel monestier è uno gran lago che vien d’una montagnia, e in quella aqua non se trova mai pesie in tuto l’ano se non de quarexema.

E chomenzase a trovar el primo dì della quarexema e dura perfina ’l sabado santo: in tuto questo tenpo se trova pesse asai.

Quello gran lago è apellà Mar de Gheluchelan, e volze atorno ben settecento mia, ed è da lonzi da ogni mare ben XII zornade; e vien d[entr]o el fiume de Eufrates, ch’è uno d’i quatro fiumi del paradixo, e molti altri fiumi, ed è tuto zircondado da montagnie e de tera.

De llì vien la seda ch’è apellata ghella.

Or avemo dito delle confine d’Armenia deverso tramontana, mo’ ve diremo delle altre confine dentro mezodì e llevante.

Capitolo XV

De Mosul, dove è el papa de’ cristiani ch’è de llà dal mar.

Mosul è uno regniame ove abita piuxor gieneration de zente.

El n’è una zente ch’è apelata Arabi e adorano Macometo.

Ancora n’è un’altra gienerazion de altra zente che èno cristiani, ma non chredeno fermamente ziò che i deno secondo che tien la Chiexia de Roma.

E anche èno retezi, ed èno apellati nestorini e iachobini, et àno uno patriarcha ed è apellato Iacholie.

E questo patriarcha fa arziveschovi, veschovi e abati, e preti e chierisi, e mandali per Oriente, per India e in Achate e in Baldacho, chusì chome fa el papa in queste nostre contrade.

Tuti cristiani ch’èno in quelle parte èno tuti nestorini e iachobini.

I pani de seda e d’oro ch’èno diti musolini se fano in quella provinzia.

Tuti li grandisimi merchadanti ch’èno diti musolini, li quali aduxeno grande quantitade de tute cosse <e> c[a]re spezie, èno de questo regniame la maor parte.

Anchora in le montagnie de questa provinzia abita zente ch’èno diti Chardi, e una parte de quella zente èno cristiani nestorini e iachobini.

E in altre parte èno saraxini che adorano Machometo, chi altra cossa; ed èno prodomini per arme, ma sono malvaxia zente e robano volentiera le merchadantie.

Or lasamo de questo regniame e diremo della grande citade de Baldacho.

Capitolo XVI

Del castello dove sta el papa de’ saraini, e chome el fo prexo, e del texoro i fo trovato.

Baldaco è una grandisima zità ove abita lo chalefo de tuti i saraini del mondo, sì chome a Roma dimora la maor parte el papa de’ cristiani.

Per mezo la zità passa uno fiume molto grande, e per quello fiume va e vien marchadanti chon molte marchadantie, e nàvegase e puòse intrare nel Mar d’India.

E sapiate che quel fiume de Baldacho è longo fina al Mare d’India XVIII zornate.

E i merchadanti che vuol andar in India vano per quel fiume defina a una zità che à nome Chisi, e lì intrano innel Mar d’India.

Ancora ve digo che dentro da Baldacho e Chisi, sora quel fiume, è una gran zità che à nome Bosera, e atorno quella zità è grandi boschi de datalli d’i mior del mondo.

In Baldacho se lavora drapi d’oro de molte guixe, drapi de seta de molte guixe, de nasix e de naeli e de chremexi, e fasege diversi lavorieri a bestie e oxeli ed altre figure molto richamente.

Baldacho è lla plui nobille zitade e lla plui mestiera che sia in quelle contrade.

E sapiate ch’el fo in Baldacho uno chalifo de’ saraxini [a]l qual <se> trovò el maor texoro d’oro et d’arzento e de piere prezioxe che trovasse mai omo, e diròve chomo.

In l’ano della incharnazion de Cristo MCCLV lo Gran Segnior de’ Tartari che aveva <nome> Alau, che fo fradello del Gran Segnior che regnia mo’, ello lo qual à nome Chublai, asenblò un oste grandenisimo e vene sovra Baldacho, e prexe la zità per forza.

E questo fo molto grande fato perzioché in Baldacho era plui de omeni centomillia a chavalo, senza i pedoni.

E quando lo re vene in la cità, el trovò al chalifo una tore piena d’oro e d’arzento e de piere prezioxe e altro texoro asai.

Ed era lo texoro sì grande ch’el non se chrede che mai se trovasse maor quantitade insieme.

Quando Alau vide questo texoro, el se dè’ grande meravegia, e mandò per lo chalifo e fè’lo vegnir davanti, e sì li disse: «Chalifo, e’ me d[o] gran meraveglia della avarizia toa, che tu fosti sì mixero che tu non volesti spendere né donar de questo texoro ali chavalieri e alla tua zente, e savevi ben che vegniva sora de ti per disfarte, sì chome nemigo mortalle.

Se tu avesti dispensato el tuo texoro per la zente toa, forsi che averisti defexa tua zità».

El chalifo non sape che risponder de niente.

E alora disse Alau: «Chalifo, dapo’ ch’io ò vezuto che tu ami tanto questo texoro, io te ’l voglio dar a manzar».

E fè’ prender el chalifo e meter in la tore.

Alau disse: «Dapo’ che tu à chusì amato questo texoro, manzane!».

E chomandò che non i fosse dado da manzar nì da ber.

E po’ disse: «Manzia de questo texoro quanto tu voi, e sapi di zerto che tu non arai mai altro da mangiar nì da bere».

in chavo de quatro zorni el chalifo morì.

Da questo chalifo innanzi non ave saraini plui chalifo.

Or avete odito de Baldacho e del texoro, mo’ ve dirò de Turis.

Ben ve porìa dir dei lor chostumi e delle lor uxanze, ma perché tropo sera<ve> longo a dire, sì taxerò e chonteròve altre cosse meraveglioxe e stranie.

Capitolo XVII

De Turis, là dove abita diverse zenerazion de zente.

Turis è una gran zità in una grande provinzia, ed à molte zità e molte chastele, ma perzioché Turis è lla plui nobille cità della provinzia, sì ve ne conterò del suo afar.

La ziente de Turis vive de merchadantie e d’arte; lì se lavora molti drapi d’oro e de seta ch’èn[o] de gran valor.

La zità è in sì bon luogo ch’el vienno li merchadanti d’India e de Baldacho, e de Mosul e de Chremosor, e de molte altre parte; eziandio li merchadanti latini ge vano spesse fiade.

Lì s’achata piere prezioxe in grande abondanzia.

In quella zità guadagnia molto li merchadanti.

In quella zità abita grandisima zente: armini, nestorini, iachobim e persi.

Lo puovolo della tera adorano Machometo.

La zità è tuta intorniata de molti belli zardini ch’èno pieni di nobelisimi fruti.

<Li> saraini de Turis èno malvaxia zente e falssa e deslialle.

Capitolo XVIII

De uno bel miracollo che adevene dentro Baldacho e Mosul; et altre cosse.

Ancora ve voio chontar una grande meraveia ch’e’ incontrò dentro Baldacho e Mosul.

El fo uno chalifo de’ saraini in Baldacho che voleva gran mal a’ cristiani, e dì e note pensava chomo el podesse a tuti quelli ch’erano in suo’ contrade dar la morte o farli renegare la cristiana fede.

El se chonsegliò de ziò chon i suo savii, e elli era molto solìziti de trovar via ch’el podesse esere perché i vuol gran mal a’ cristiani.

E sapiate che tuti saraini del mondo vogliono gran mal a’ cristiani.

Uno di quelli savii diseno al chalifo: «Misier, nui avemo trovato quello che tu vai zerchando.

Lo vanzelio de’ cristiani dixe chi averà tanta fe’ chome è grande uno gran de senavro, che s’el dirà ala montagnia che se toia via de so luogo e vada altro’, ch’ella se partirà.

Vui fareti chongregar tuti i cristiani e ditelli i fazano muovere una de ’ste nostre montagnie; non g’è dubio che i no ’l porano far.

Alora vui direte: over che i n’àno intro tuti tanta fe’ chome è un gran di senavro, over che ’l suo evangiellio nonn è bon, unde ellegiano qual via i vogliono: o diventar tuti saraini, over de eser tuti morti, pizoli e grandi, a malla morte».

Quando el chalifo ave intexo questo conseglio, fo molto lieto, lui e lla ziente soa, e pensò che per questo modo podeva menare a chonpimento el suo dexiderio.

E mandò per tuti i cristiani che stava in le suo’ contrade, li qual erano in grande quantitade, e mostròli quello evanziellio e feze’l lezier, e dimandò se quel era la veritade, et elli respoxeno de sì.

El chalifo sì li dè’ do partiti: o ch’eli deventaseno tuti saraini o ch’elli fesseno muover quella montagnia ’lo i mostrò, o che li faraveno tuti morir; et dè’lli termene diexe zorni.

Li cristiani fono in grande tribolazion, ma tuta fiata avevano bona speranza innel nostro segnior misier Iesu Cristo che li doveseno aidar a questa afare.

Quando fo passato VIII zorni un anziolo de Dio aparse in vixione a uno santo veschovo, e dise da parte de Dio che lu el dovesse dire a uno chalzolaro che aveva meno uno ochio, ch’el dovesse far lo dì ordinato orazione a Cristo, e lui farìa muover la montagnia segondo che dimandava el chalifo.

E disege la nome e lla chaxa del chalzolaro.

E aveva el veschovo piuxor fiade vista quella tal vixion, et lui la disse ai altri, e mandòno per quel chalzolaro, e pregòllo ch’el dovesse far questa orazion a Iesu Cristo.

El bon homo se schuxiava digando ch’el era pechator e non era degnio d’aver questa grazia.

Or sapiate che lui se schuxiava per umanità, ché l’era homo de santa vita, ed era onesto e chasto, e guardavasse da ogni pechato.

Ogni dì andava a messa e fazeva ellimoxine segondo la soa possanza, ed era grande amigo de Dio.

Or s’aveva lui medemo trato fuora l’ochio dreto per la chaxione ch’io ve dirò.

El aveva piuxor fiade aldido dir e lezer e predichar che ’l nostro Segnior disse in l’evangielio: «Se l’ochio dreto te schandolizia, tratello dela testa e buta’l via».

Questo chalzolaro non sapeva lezier né scriver, e iera de bona sinplizità, e chredeva che quella parolla se intendesse sì chome ’la sonava, né non sapeva chonsiderare in quella parolla altro intendimento.

Or avene uno dì che una zovene dona, la qual era molto bella, vene a chaxa de questo chalzolar per chonprar do chalzari, e ’l volsse veder el pe’ alla dona per sapere che chalzari ella voleva.

La dona iera deschalza e mostròli el pe’ e lla ganba, e ’l dimonio tentò questo chalzolar sì ch’el ave dilleto de veder el pe’ e lla ganba de questa dona.

Ma pocho stete sopra de ziò, e inchontinente el dè’ conbiado alla dona e non volsse ch’ela stesse plui.

E possa chomenzò a riprender lo chorsso de ziò ch’elo avea avuto rio pensiero.

E richordàsse de quella parolla che dise el vanziellio, segondo che nui avemo sopra dito, e inchontinente se chavò l’ochio dreto della testa per chontrizion de quel pechato.

Or avemo dita la chaxion per la qual quel chalzolaro aveva meno l’ochio.

Li cristiani pregòno tanto questo amigo de Dio ch’el promesse, avegnia ch’el fusse pechatore, ch’el farìa questa orazion a misier Iesu Cristo.

E quando vene el dì del termene che aveva dado el chalifo, tuti li cristiani se levàno ben per tenpo e andòno a chiexia, e fono chantado belle e sante messe.

E poi se congregòno insieme mascholi e femene, e grandi e pizolli, e fexesse portar la chroxie davanti, e andòno tuti innel piano ch’era a pe’ de quella montagnia, ed erano gran moltitudine.

El chalifo vene e grandisima moltitudine de saraini, li quali erano tuti aparechiati de alzider i cristiani se lla montagnia non se moveva, la qual cossa elli non podevano chreder che Cristo podesse far questo.

E allora el chalzolaro, che era chusì amigo de Dio, se inzenochiò divotamente davanti alla chroxie e levò le mane al ziello, e pregò dolzemente misier Iesu Cristo, lo qual è Segnior del zielo e della tera, ch’el fesse muovere quella montagnia de llì e metesella in quel luogo dove dixeva el chalifo, aziò che tanti cristiani non dovesse perir.

E quando l’ave fata questa orazion chon gran devozion e fede, inchontenente, per vertù de Iesu Cristo, la montagnia se partì e andò in quel luogo ov’eli voleano.

Quando <i> saraini vete questo, egli si dè’ gran meraveglia e molti de lor se fèno cristiani, e ’l chalifo altrosì.

E quando el morì, i saraini non el volsse sepellir in quello luogo dove i sepelìano gli altri chalifi, perché ’li sapeva che iera cristiano, e trovòli una chroxieta al collo.

Dite è queste chosse che nonn era da taxer, le qual fo in le contrade de Turis e Baldacho.

E mo’ sì ve diremo della provinzia de Persia.

Capitolo XIX

Del castello ch’è in Persia, innel qual stano quelli che adorano el fuogo.

Persia si è una provinzia grandinisima, la qual fo molto nobelle e de gran afar in anticho tenpo; mo’ ella <è> molto destructa dalli Tartari.

In Persia è la zità ch’è apellata Saba, della qual se partì li tre Magi che vene adorare Cristo quando el fo nato in Betelem, e in quella zità è lle lor sepolture, ed è molto bele.

Misier Marcho fo in quella zità e dimandò la zente de quella tera della condizion de quelli Magi, ma egli non lo sapevano dire de niente se non che i fono tre re de chorona che èno sepeliti in quele tre arche, e non aprexiano quello che dixe altra zente della provinzia, segondo vui aldirete, e zerto non è d’aprixiar sì chomo chossa la qual è falssa.

Vui dové sapere che de llà da Saba tre zornate, se trova uno chastello che è apellato Cholas Ataperistranee, ch’è a dir in nostra lengua ’chastello de quelli che adorano el fuogo’.

E questa si è la verità de quelli omeni de quel castello: adorano el fuogo per suo dio; e diròve la chaxione.

Dixe la zente de quel chastello che quando li tre re de quella contrà veneno adorare uno profeta che era nato in le contrade delli zudei, eli oferivano oro, inzenso e mira a quel fantolino.

E zercha questa istoria diseno molte buxie, e dentro le altre falsità diseno che quando egli se voleano partire dal profeta, lo qual era fantexino de pochi dì, el i donò un bosolo lo qual era serato, e ’li se partìno chon quel bosolo e non l’averseno.

E quando elli àveno chavalchato arquante zornate, sì averseno el bosollo per veder quel era lì dentro, e trovò entro una piera.

Eli disprixionò questa cossa e getòno la piera in uno pozo.

De tuto questo non è vero niente, ma in quella zente che non à veraxia fe’ si è questa chredenza.

Anchora elli diseno che quando queli tre re àveno zetata quella piera innel pozo, che da ziello vene una fiama de fuogo in quel pozo, e quelli tre re tolseno de quel fuogo e portòlo in soa tera, e adoràno quel fuogo per suo dio.

E anchora è tuto questo falsso, ma questa è la verità: che quella zente adorano el fuogo che fo de quel pozo segondo che i dixeno, e tuta fiata lo fa arder in lor tenpli, e sì l’adorano e tuto el lor sachrifizio fano chuoxer de quel fuogo.

E s’el vegnisse ch’el s’amorzasse alchuna fiada, eli vano ali altri che àno de quel medeximo e adoralo.

E sì se fa dar de quel che arde in le lanpade delle chiexie loro, e tornano chon quel fuogo a inprender le suo’ lanpade: e mai non la prenderano chon altro fuogo.

E vano molte fiate per trovar de quel fuogo ben diexe zornate.

Per questa chaxione adora quella zente el fuogo.

E sapiate che molta zente èno in queli erori.

E tute queste cosse chontàno quelli de quel castello a misier Marcho Pollo.

Mo’ ve voglio dire de altre zitate de Persia.

Capitolo XX

De Tonochain, là dove è destrieri da CC livre de tornexi grossi, et axeni da XXX marche d’arzento de p<ri>ex<i>o.

In la provinzia de Persia sono oto regniami: lo primo è apelato Chasom; lo sechondo, ch’è verso mezodì, Ciudistan; el terzo à nome Lori; el quarto Cielstan; lo quinto Lorstanie; lo sesto Ceraci; lo setimo Sonchara; lo otavo à nome Tenochain ed è ala insìda de Persia.

Tuti questi regniami èno verso mezodì tratone quello à nome Tenochain, l’ultimo scrito, lo qualle è apresso l’Alboro Solo , lo qual apellano i cristiani de za dal mare l’Alboro Secho.

De quel’arboro se dirà in so luogo.

In questo regniame de Tenochain è molto beli destrieri, li qual se mena in India a vender: e sapié che i chavali èno de grande valore: elli se vendeno ben duxento livre de tornexi l’uno, la mazior parte èno de questo priexio.

Anchora ve n’è axeni, i plui beli del mondo, che ben vale l’uno XXX marche d’arzento: i sono grande choradori e portano tropo ben la soma.

La zente di questa contrada mena[n]o quelli <chavali defina a> Chisin o a Chormoxe, ch’èno due zitade sora el Mar d’India, e lì se atrova i merchadanti che i conprano e portano in India, e vendeli molto chari.

Anchora se trova in questo regniame zente molto chrudelle e ria et alzidesse tuto el dì insieme, e se non fosse per paura del Tartaro del Levante, al qual i sono sotoposti, elli faraveno gran mal a’ merchadanti e a’ viandanti.

E per tuto ziò non lasano che eli non fazano spesse fiate gran dalmazio, e se non <fosse> che i merchadanti vano ben in ordine d’arme et d’archi, elli li amazerìa e roberìa e farave gran dano spesse fiate.

I àno tut[i] le leze de Machometo.

In la zitade sono molti merchadanti e homeni de arte asai, e lavorano drapi d’oro et de seda de molte guixe.

El ge nasie banbaxio asai, e llì ànno abondanzia de formento, de òrzo, de meio e de panizo, de tute biave e de vino e de tute frute asai.

<Iasdi> è una <zità> molto bona de Persia, è grande e nobelle e <de> grande merchadantie.

E sì se lavora molti drapi de seta che è apellati iasdi, e li merchadanti li portano per molte contrade.

Elli adorano Machometo.

E quando l’omo se parte de queste zità per andar inanzi, el se chavalcha sete zornate tuto per piano e non se trova abitazion se non in tre luogi.

Truovase per quela via beli boschi e ben se pono chavalchare; el gli è molte chazaxone.

Anchora egli è pernixe e chotrinixe asai, e li merchadanti che pasano de llì, sì àno grande solazo; anchora si n’è axeni salvadegi.

E in chavo de sete zornate se trova un regniame che s’apella Chrerina.

Capitolo XXI

De Chrerina, là dove nasie le turchexe e i falchoni pellegrini; et altre cosse.

Chrerina si è uno grande regniame de Persia.

In antigo tenpo andava la signioria per ereditade, ma dapo’ che <i> Tartari la conquistò, non à plui heredità, ma el Tartaro i manda signor sì chome i piaxe.

In questo regniame nase le piere che sono apelate turchexe et ène in grande abondanzia; e truovale in le montagnie e sì se deschavano.

E anchora g’è vene d’azuro e de andanicho.

Lì se lavora tute arnixe che bexognia a’ chavalieri: tropo boni freni, selle, spironi e spade, archi e tute arme, segondo lor uxanza.

E lle lor done e lle donzelle lavorano molto nobelmente a ago sora drapi de seta e de tuti cholori, e a bestie e oxelli, d’i baroni e de’ grande omeni, sì ben e sì richamente ch’ell è una gran meraveglia.

In le montagnie de questa contrà nasie i mior falconi e quelli che meglio volano che sia al mondo; ed è menori cha falchoni pelegrini, e volla sì fortemente ch’el nonn è oxello che per volar li possa schanpar innanzi.

Capitolo XXII

Della grande desexa et del pian dove è grandisimi boi e moltoni.

E quando l’omo se parte dala zità de Chrerina, el chavalcha sete zornade trovando senpre zità e chastelle e abitazion asai.

Et è tropo bon chavalchar per quela contrà, et è bon solazo; el se ge prende pernixe assai.

E quando l’omo à chavalchato sete zornate per quella pianura, e alora si trova una grandenisima disexa, sì se chavalcha ben do zornate pur al declino – trovando tuta flata grande abondanzia d’arbori asai che fano fruti –, che per anticho tenpo ne fo de gran abitazion, ma non ne abita niun se non alchun che paseno suo bestiame.

Della zità de Chrerina defina questa desexa è sì gran fredo l’inverno che apena se ne pò schanpar, chon tuto ziò che l’omo abia de molti pani.

Quando l’omo è disexo quelle do zornate che ò dite de sopra, trova una grandenisima pianura, e [al] chomenzamento de quel pian è una zità che à nome Chomandi, la qual fu <per> anticho tenpo molto nobille e grande, ma ora nonn è chusì: perché i Tartari d’altro paixe li àno fato spesse fiate gran dalmazo.

Quello piano è molto chaldo luogo.

La provinzia à nome Irobarle; soi fruti sono datali e pomi del paradixo e pistachi, e trovasse altri fruti assai, i qual non se trova in nostre chontrade per la fredura ch’è in le parte de zia.

In questo piano è una zenerazion d’oxelli che sono apellati francholini, ch’è molto divixati da questi de nostra parte.

Egli sono negri e bianchi mesedatamente, e àno rossi li pie’ e ’l becho.

Le bestie de quella contrà altrosì sono molto devixati dali nostri: inprimamente i buò sono grandisimi, tuti bianchi chomo neve, lo pello pizollo e piano, le chorne churte e grosse et sono achute; entro le spalle àno un g[o]nbo ritondo alto ben do spane: elli èno ben la plui bella cossa del mondo da veder.

E quando egli i vuol chargar, i se inzenochia in tera chome fano i ganbelli, e quando egli sono chargadi, sì se lievano in pie’ e portano molto ben el pexo sì che i sono forti oltramodo.

El ge n’è moltoni molto grandi chome axeni, e àno la choda sì grossa e sì larga ch’ella pexa ben XXX livre; e sono molto grassi et èno tropo boni da manziar.

In questo piano è molte zità e chastelle che àno le mure de tera alti e grossi perché ’li se posano defender dalla malla zente che sono in quelle parte, che vano robando el paixe e fazando gran dani.

E fì chiamà quella malla zente Charoonasi: <l>oro mari <sono> d’India e gli par<i> èno pur Tartari.

E quelli Charoonas, quando i vono chorer la contrà per robare, egli fano, per inchantamento e per opera de diavoli, che ’l tenpo chiaro se oschurisse sì chome el fosse de note, sì che l’omo non pò vedere da lonzi se non pocho; e questa oschurità fano durare sete dì.

E sano molto ben i pasi: e loro chavalchano uno a pe’ del’altro; e sono alle fiate ben diecimila, sì che i fano sì longa schiera ch’el non pò passar niuno che non sia prexo, perché ’li prendeno chotanto tereno che niuno non pò schanpar per quel piano.

Quando i fano questa cotal chavalchata, e prendeno homeni e bestie.

E quando i àno prexi li homeni, egli alzideno i vechi, e i gioveni vendeno per schiavi.

Lo re loro è apellato Negodar.

Questo Negodar andò alla chorte de Cigati, ch’era fradel charnal del Gran Chaan, e andò ben con diecimila homeni de soa zente.

E stete uno tenpo in sua chorte e po’ se partì della chorte de Chiagati chon gran zente, e quella zente che andò con lui era chrudelisimi e felloni, e andò in Armenia Mazior.

E passò questo Negodar chon quella malla zente per Baldaxia e per un’altra provinzia che à nome Paserai e per <una> che è apellata Arionichisorennor, e glì perse molto de soa zente e de suo’ bestie, perché le vie erano strete e malvaxie.

Quando el ave prexe tute queste provinzie, el intrò in India in chonfine d’una provinzia ch’è apellata Dilvar.

E prexe una bona cità che à nome Dilvar e demorà in quella zità per lo regniame ch’el tolsse a uno re, lo qual era mo[l]to <richo>.

Ed è in sì forte contrà ch’el non à paura de niun, nì lu ni soa zente; e fa guera a tuti gli altri Tartari che abitano intorno a lui.

Or ve ò chontado de quel piano e de quelle zente che fa vegnir la oschurità per robar.

E sì ve digo io, Marcho, ch’e’ fu’ una fiada in grande pericolo d’eser prexo da quella zente in quella oschurità, ma e’ schanpì a uno chastello che era lì apresso avea nome Chalosebini, ma piuxor dei mie’ conpagni fono prexi, e tali morti e tali fono venduti.

Capitolo XXIII

De uno piano dove addiviene alle fiate sì gran caldo che lla zente chonvien star soto aqua se deno viver.

Quella pianura, della qual ò dito de sopra, dura deverso mezodì zinque zornate; et in capo delle zinque zornate se trova una altra disexa che chonvien che l’omo vada pur in zio al declino ben XX meglia.

E sono molte malvaxie e dubioxe vie perché el ge n’è spesse fiate de malvaxie zente che robano i viandanti.

Quando l’omo è desesso queste XX mia, se trova uno pian molto bello ch’è longo do zornate, e à nome el pian de Formoxa.

El g’è molte aque e fiumi asai; el g’è molti da[tal]i, e truovige asai oxelli francholini e papagali e altri oxeli asai ch’èno molti diversati da’ nostri de<le> nostre contrate.

E quando l’omo à chavalchato do zornate, el truova el Mar Oziano; e suxo la riva del mar è una zità ch’è apelata Chormos, la qual à porto.

E vienge i merchadanti de India con le suo’ nave, e portano a quella zità spezie e piere prezioxe e perle e drapi d’oro et de seta e denti d’elifanti e molte altre merchadantie.

E piuxor zità e chastelle à soto de si, et è chavo del regniame e el re à nome Reamad Achomach.

El gi è grandisimo chaldo e inferma tera.

Se alchuno marchadante forestier ge muor, el re ge tuò tuto el suo aver.

In questa tera se fano vino de datali e de molte altre bone spezie, et è molto bon; e quando ge beve queli che non ’d’è uxi, gli fa vegnir gran fluxo e purga molto el ventre, ma possa i fa ben asai, ch’elo ’l fa ingrasar la persona.

La zente de quela contrà non uxano nostro vin; se egli manzano pan de formento o charne egli se infermano; ma per eser sani egli manzano datali e pesie in salato, ed è tonina; e manzano zevolle: questa vivanda uxano per eser sani.

Le lor nave sono malvaxie, e sì ne perisse asai, peroché ’le non sono inchiodà de chiodi de fero, ma sono chusite de fillo che se fano de schorze delle noxie d’India.

Egli fano maxerare quelle schorze e deventano fille che èno chome sete de chavalo, e fano questo fillo e chuxeno le lor nave chon esso; e quelo filo se defende ben dal’aqua de mare e dura asai.

Le nave à solamente un arboro e una vela e uno timon, e [no è] coverta.

Ma quando i àno messo le merchadantie in nave, egli le chuovreno de chuoro choto e sopra quel chuoro meteno li chavali ch’eli portano in India a vendere.

Eli non àno fero da far chiodi, ma fano chon chavechie del legnio e chon quelle ficano le suo’ nave, e puo’ le chuxeno con <lo> fillo dito de sopra.

E però è gran perìcollo a navegar con quelle nave, e molte ne perisie perqué ’l Mar d’India è tropo tenpestoxo.

La zente è tuta negra e adorano Machometo.

L’instate non abitano in le zitade perché lì moriraveno, ma stano tuti fuora della tera a suo zardini: li àno fiumi, aque asai, sì che zaschuno à aqua asai per el so zardino, e glì abitano.

Piuxor fiate l’instate, deverso uno dexerto de sabione ch’è atorno de quel piano, viene chaldo sì smexurato che alzide hognomo, e chusì tosto chome eli se ne achorzeno ch’el vegnia, inchontenente i entrano tùti in le aque e stàne fin ch’ell è pasato.

E sse chusì non feseno, el non ne schanperave nesun.

Anchora ve digo che, per el gran chaldo ch’è in quella contrà, eli semena òrzo e suo formento e lle altre biave del mexe de novenbrio, e àno ricolto ogni cossa del mexe de marzo.

E alora secha tute l’erbe e le foie <sì> che non se <ne> trova, ezeto i datali, che durano perfina ’l mazio.

Anchora ve digo che egli non inpegolano le sue nave chon pegola, ma sì le onzeno con olio <de> pesse.

Anchora v’è chotal uxanza: che quando l’omo è morto, la moier lo pianze ben quatro ani, ogni dì una volta, e chongregasse li parenti e li vexini in chaxa del morto e fano gran pianto e chridano molto forte, e sì se lamenta molto della morte.

Capitolo XXIV

De uno piano ove nasie formento che fa el pan amaro sì che el non se puo manzar.

Or ve laserò de questa zitade e sì ve dirò della tramontana, per chontare de quelle provinzie, e ritornerò per una via alla zità de Chrerina.

Lo re Ruchomode Diachomach, donde nu ne p[a]rtemo, ed è homo del re de Trerianan.

In retornare [de] Cremoxa a Chrerina è uno molto bello piano; e g’è grande abondanzia de vituaria.

Ed ège molti bagni chaldi d’aqua sorzente et è molto boni ala rognia e a molte altre malatie.

E truovase pernixe asai e gran derata de frute e datali.

G’è asai del pan del formento, e sì amaro che alchun non ne può manziar s’el nonn è uxato un bon tenpo, e ziò <in>contra per le aque de quelle contrà, che sono amare.

Or ve voglio dir delle contrade deverso tramontana.

Capitolo XXV

De do dexerti, là dove non abita alchuno se non axeni salvadegi.

Quando l’omo se parte da Chrerina, el chavalcha ben sete zornate ed è molto malvaxie via.

L’omo va ben tre zornade ch’el non trova aqua, né fiume né riazuol, se non molto puocha; e quella che se trova è salsa e verde chome una erba, e sì è amara che nonn è niuno homo che possa sofrir a beverne.

E chi ne bevesse una fià, el ge buterave in fluso e menerave plui de diexe fiate.

Anchora, chi manzasse uno puocho de sale che se fa là de quella aqua, sì incontrerave el semeiante.

E però chovien che quelli che pasano quelle chontrade portano siego aqua da bevere.

Le bestie non <ge> abita perché ’le non truova da manzar, ma a gran forza stano perché ’le àno gran deschorenzia.

In tute queste tre zornate nonn è niuna abitazion, ma èno sollamente deserti e tereno molto arido.

De chavo de queste tre zornate se trova un altro deserto che dura ben quatro zornate, innel qual nonn è arbori nì aqua se non amara, e le bestie non ’de abitano se non solamente asini salvadegi.

Capitolo XXVI

De Chobinan, dove se fa la tuzia e ’l spudio.

Cobinan è una zità molto grande.

Le zente adora Machometo.

Lì è fero e azalle e andanicho asai; e llì se fa molt[i] spe[chi] de azali molto belli e grandi.

E anchora se ge fa el spodio, e diròve chome: eli tolleno d’una vena de tera ch’è in quella contrà e sì la mete in una fornaxia de fuogo ardente.

De sovra la bocha della fornaxia è una gradella de fero.

Lo vapor che esie de quella tera che s’apicha a quella gradella si è tutia; e quella altra tera che roman in fuogo è el spodio.

Capitolo XXVII

De Chanochai, là dove è l’Alboro Solo che s’apella Secho.

L’omo, quando el se parte de questa zità Chobinan, el va per uno dexerto ben oto zornade, lo qual è molto secho e arido luogo e non g’è arbori nì fruti.

E lle aque che se ge trova è molto amare, e chonviene quelli che pasa per quel dexerto portano chon si la vituaria e anchora del’aqua per li omeni; le bestie beveno de quelle del dexerto a grande pena.

In chavo de queste oto zornate se trova la provinzia de Chunonchain.

El n’è zità e chastele asai, ed è ale chonfine di Persia verso tramontana.

El g’è una grandisima pianura in la quale è l’Alboro Solo, lo quale apella i cristiani l’Alboro Secho.

E dichove chome l’è fato: ell è molto grande e molto groso, le sue foie è dal’una parte verde e dal’altra bianche; e fa rizi chome quelli delle chastagnie, ma non è niente dentro.

Lo legnio è molto forte ed è zallo chomo bosso; e nonn è niuno alboro apresso d’esso ben a zento mia, se non dal’uno lato de quel’alboro, apresso a quello a diexe meglia.

E lì se dixe che fo la bataglia dentro Allexandro e Dario.

Le zitade e lle chastelle della provinzia de Chunonchain àno grande abundanzia de tute chosse.

La contrà è molto tenperata, e in tenpo chalda e in tenpo freda.

Le zente adorano Machometo et ène molto bella zente, e spizialmente le femine sono molto belle oltra modo.

Capitolo XXVIII

De Mulete, dove abitava el Vechio della montagnia.

Mullete è una grande chontrata, là ove solea abitar el Vechio della montagnia per li tenpi passati.

Diròve delli fati del Vechio sechondo che io, Marcho, intixi da molte giente de quella contrà.

Lo Vechio era apellato in loro lengua Alaodin.

El aveva fato fare, in una valle ch’è dentro do montagnie, lo plui bel zardino e ’l mazore che fusse mai visto.

Lì era abondanzia e dilleto d’ogni dellichato fruto, e lì era pallazi belletisimi, tuti depenti e dorati, sì che tropo erano bella chossa.

Lì era done e donzelle le plui belle del mondo, le qual saveano tute sonare tuti i strumenti e ballare e chantare tropo dellichatamente e meglio che altre femene del mondo.

Ancora g’era conduti che per tal coreva vino, per tal late, per tal mielle e per tal aqua, e faxeva dire alla sua zente che quel zardino era el paradixo.

E però l’avea fato fare in cotal maniera, azò che lla soa zente, <ch’erano> saraini, chredesse ch’el fosse paradixo.

Machometo disse in la soa lezie che quelli che vano in paradixo àno belle femene e trovano fiumi de vin et de mielle, e perzò aveva fato fare el zardino a quel modo che aveva dito Machometo, e i saraini de quelle contrate chredeano fermamente fosse el paradixo.

In questo zardino el non lasava intrar se non quelli li qual èno saraxini.

E lì era uno chastello alla intrà de quel zardino, sì forte che tuto el mondo non l’averìa prexo.

E negun non podeva intrar innel castello né intrar innel zardino per altra via se non per quel chastello.

Lo Vechio tegniva in soa chorte moltitudine de zente e zoveni fina a XX ani, li quali aveano vista d’eser boni per arme.

Quelli zoveni aldivano spesse fiate lezer la leze de Machometo, ove lui disse chomo lo paradixo è fato; e sì chredeano questi zoveni fermamente questa lezie e che questo fosse el paradixo.

Questi zoveni feva lui meter in lo zardino a quatro, a diexe e a vinti ani, segondo chome ’lo volea.

El ge feva dar una bevanda per la quale egli se adormentavano inchontinente molto fortemente; e fevali meter in lo zardino e possa li feva desedare.

E quando queli zoveni se trovava in quel zardino e vedeano quelle chosse chussì fate chome dixe la lezie de Machometo, eli se chredeano esser in paradixo veraxiamente.

E lle done e lle donzelle, che erano chon loro chontinuamente e tuto el dì, sonavano e chantavano e balavano et erano in continua allegreza, sì che i zoveni ge stavano volontieri che per soa voia mai i non vorìa eser insìti.

El Vechio tegnìa sua corte granda ed onorata, e feva chredere a quella sinplize zente de quella montagnia ch’ello era per tera mente de dio.

E quando el Vechio volea mandar as<as>eni e far alzider alchun homo, el i feva dar la bevanda de far adormentar a chotanti de quelli zoveni e, dormentati, li feva portar suxo lo palaxo so, che era fuora dello zardino.

E quando li erano desedati, trovavasse fuora del zardino et erano molto dollenti e avevano grande volontà de tornar in quel paradixo.

E vedendosse dal Vechio, e ’l Vechio i domandava donde egli venìano.

Egli sì dixeano ch’elli venìa dal paradixo e che veramente quel era el paradixo segondo che dixea la leze de Machometo; e dixeano tuto quelo i aveano trovato.

E i altri, che non g’era mai stati, avea gran dexiderio d’andarne; e molti dexideravano de morire per andarne.

E quando el Vechio volea far morir alchun grande segnior, ello provava per li zoveni che erano stati in paradixo, in questo modo: el mandava piuxor de quelli zoveni per la contrà non molto de longo, e comandavali ch’elli alzideseno alchuno homo ch’el i divixava.

E mandavali driedo, quando egli andavano, alchuno sechretamente che chonsiderase quello fosse plui ardito e plui valente.

E choloro andavano alzider quel homo, e alla fiata era alchuno de loro prexo e morto.

Quelli che schanpavano tornava a dir el fato al Vechio, e alora saveva chi era migliore per alzider homeni che piazea a llui.

E fazea chreder ali asasini che se i moriva ch’elli tornava in paradixo, sì che, <per> la gran volontade ch’eli aveva de tornar in paradixo, el non podeva schanpare niuno che non fosse morto.

Egli non feva forza s’elli erano morti.

E sì ve digo che piuxor re e baroni li fevano trabuto per star ben chon lui, per paura che lui non i fesse alzider.

Or avemo chontà del Vechio della montagnia, mo’ ve voio dir della sua destruzione.

Capitolo XXIX

Chome fu morto e dexerto el Vechio della montagnia.

Ano domini MCCLXII, Allau, che era re de’ Tartari del Levante, aldando questa cossa che feva el Vechio della montagnia, mandò el suo oste sora el suo castello, ove stava el Vechio.

E durò l’asedio tre ani, perché el castello era sì fortisimo che per bataglia non porave eser prexo.

E l’oste era de fuora grandisimo e meraveioxo, e però non l’averìa mai prexo se non fusse che li manchò la vituaria al castello.

Sì che, chonpidi i tre ani, per difeto de vituaria el fo prexo e fo morto el Vechio che avea nome Alodin e tuta soa zente e tuti quelli asasini.

E da quello Alodin in zia nonn è nesuno Vechio né de quelli assasini in quel luogo.

E in chotal modo fenì la segnioria quel malvaxio Vechio e quelli asasini.

Capitolo XXX

De Sipurgan, dove è i mior meloni del mondo.

Quando l’omo se parte da quel chastello, el chavalcha per uno bel piano e per belle chostiere, là dove è molta bella erba e molti beli pàscholli e molte frute e assa’ chosse da manzar in grande abondanzia.

E questa chontrada dura ben sie zornate; el ge n’è zitade e chastelle asai.

La zente de quella contrà adora Machometo.

E alchuna fiata trova l’omo deserti de quaranta mia et de zinquanta, in li qual nonn è aqua, ma chonvien che lli viandanti portano siego l’aqua.

Le bestie nonn àno da bever fin ch’elli non eseno del deserto.

E quando l’omo à chavalchato queste sìe zornate, el trova una zità che à nome Sopurgan.

In quella zitade è abondanzia de tute chosse; e anchora d’i mior meloni del mondo el ge n’è in grandisima abondanzia; egli li taiano atorno chome se fa le zuche da salvare, e poi li meteno a sechar al solle, e deventano dolzi chome mielle; e portali vendendo per la contrà d’intorno in grande abondanzia.

El ge nasie asai bestie e oxeli oltra muodo.

Capitolo XXXI

De Balach, dove Allesandro tolsse per moier la fia de Dario; e altre cosse.

Quando l’omo se parte de quella contrata, el trova una zità che à nome Balach, che fo in antigo tenpo tropo bella e granda, ma <li> Tartari e altra zente l’à molto guastà.

Soleane esser de molte chaxe e molti palazi de molte maniere, ma ora sono guasti.

In questa zità si tolsse moier Alesandro la fia de Dario, segondo che quella zente dixe.

La zente della tera adorano Machometo.

Defino a questa zità dura la signioria e ’l tereno del Tartaro del Levante.

E quando l’omo se parte de questa zità, el chavalcha do zornade dentro griego e levante.

Quella zità che ò dito de sopra è <a>le chonfine de Persia dentro griego e levante.

E quando l’à chavalchato quelle do zornade, el truova abitazion dexabitade, perché la zente sono tuta fuzita e reduta ala montagnia per paura de malla zente et delli exerziti li feva gran dalmazio.

Lì se trova aqua asai; e sì nde n’è chazaxion de bestie, e trovasse dei buò.

Capitolo XXXII

Del chastello de Taichan, là dove è le montagnie de sal e li porzispini.

E in cavo de queste do zornade, se trova uno chastello che è apellato Taichan.

Là si è gran merchato de biava et è molto bela chontrata.

E lle suo’ montagnie sono deverso mezodì, e sono molto alte e grande et sono tute de sal.

Le contrate d’intorno ge vien fina a XXX zornate per tuor de quel sal, el qual è lo mior dei mondo; ell è sì duro che i no ’l pò aver se non chon pichoni de fero, ed èno sì grande abondanzia che tuto el mondo ne averìa asai defina ala fin del sechullo.

E quando <l’omo> se parte da questo chastello, el se va tre zornate tra griego e levante, tuta fiata trovando belle contrate e grande abondanzia d’abitazion.

El ge n’è vignie e biava e frute asai.

àno la leze e lla fe’ de Machometo, et sono malvaxia zente et gran bevatori e tuto el dì vorìa ber; et àno molto bon vino choto.

Egli non tien niente in testa se non una cordella longa ben diexe spane., et quella si volzeno atorno la testa; et sono molto boni chazatori, et trovasse chazaxion assai.

E non àno altre vestimente se non de chuori de bestie che i prende.

E quando l’omo è andado tre zornate, sì trova una zità che à nome Schasen, che è al piano, e lle sue altre zitade e chastelle sono ale montagnie.

Per mezo quella zità passa uno gran fiume; et trovasse de molti porzispini.

E quando i chazatori li voleno prender e gli meteno grandi chani sopra, li porzi s’adunano tuti insieme e po’ zetano ali chani le spine che i àno adosso e per la testa, et sì li velenano.

Questa contrà sì [à] lenguazio per si.

I vilani che àno el bestiame sì ’l trano ale montagnie e sì fano belle abitazion entro i monti, ch’èno de tera.

Quando l’omo se parte de questa zità che è dita de sopra, el va tre zornate che non se trova abitazion, nì da manzar nì da ber, ma li viandanti el portano siego quanto i bexognia per chamino; et in capo de tre zornate si trova la provinzia de Balastia.

Capitolo XXXIII

Del regniame de Balastia, là ove porta le femene brage; et altre cosse.

Ballastia è una provinzia che à lenguazio per si.

La zente à lla leze de Machometo e ’l regniame è grande e va per hereditade.

Questi re èno dessessi dal re Allexandro et della figliola de Dario, re de Persia; e anchora s’apellano tuti queli re Chulitame, che vien a dir in nostra lingua ’re Allexandro’, per amor del gran Alexandro.

In questa provinzia nasie le piere prezioxe che sono apellate balasi, che èno molto belli et de gran valore, e naseno entro le montagnie; i fano grande chaverne in le montagnie.

E anchora sapiate che ’l re i fa chavar per si: nesuno altro homo non ne può andar a quella montagnia per chavar de quelle piere che non fosse morto incontenente.

E anchora sapiate ch’ell è pena l’aver e lle persone se alchuno ne trazesse fuora del suo regniame; ma lo re de questa contrà sì le manda de zia e de llà, a’ grandi re e a’ baroni, e a talli per trabuto e a talli per amor, e anchora ne fa vender per oro <e> per arzento.

E questo fallo perché i suo’ [b]alla[s]i non serìa de sì grande valore chome i sono.

E se lui ne lasasse chavar a zente che i portasse per lo mondo, el ne serìa sì gran derata che quel re non guadagniarìa niente.

E però è chusì grande pena che niuno n[e] trazia senza soa parolla.

E anchora in questa contrà è un’altra montagnia o’ se trova le piere che sse fa l’azuro, el mior che sia al mondo; queste piere se trova per vena in la montagnia, chusì chome i altri metali.

Anchora ge n’è montagnie delle qual se traze arzento in quantitate.

La chontrà è molto freda.

Anchora sapiate che el ge nasie chavali molto boni, et sono gran choradori e non portano feri ai pie’; e sì vano tuto ’l dì per montagnie.

<Ancora nasie in quele montagnie> falconi sagri che volano tropo bene; e nasege falconi leneri; e naseno asai bestie e oxelli.

E nd’è asai formento; e àno bon panizo e mellega; e àno asai oglio d’oliva e fano olio de somenti e de susimani et de noxie.

In questo regniame è molti streti passi e molti forti luogi, sì che la zente nonn à paura che altra zente li possa vegnir a farli dano.

Le lor zità e lle lor chastelle sono in gran montagnie e in luogi fortisimi; e sono boni archatori et boni chazatori.

La mazior parte de lor se vesteno de chuori de bestie, perché ’li àno charestia de pano; e lle grande done e lle zentil portano pani de ganba e meteno molto pano in le lor brage.

Tal dona è che porta in uno par de brage ben zento braza – et è pano sotil de banbaxio –, e tal ne porta LXXX et tal XXX.

E questo fano per parer che i sia grossi da zentura in zio; e questa è reputata gran belleza in le done de quella contrada.

Capitolo XXXIV

De Basia, là ove se porta zerchi d’oro ale orechie.

Da llonzi da Balastia ben X zornate verso mezodì è una provinzia che à nome Baxia; e àno lenguazi<o> per si.

La zente della provinzia adora le idolle et è zente bruna; e sano molto de inchantamento et de arte de demonii.

I omeni portano ale orechie zerchi d’oro et d’arzento et de perle et de piere prezioxe.

Et è zente molto malizioxa e schaltrita segondo le suo’ uxanze.

Lo luogo è molto chaldo.

La lor vita sì è charne e rixo.

Or ve conterò de Chesimur, che è verso sirocho sete zornate.

Capitolo XXXV

De Chesimur, hove è i grandi inchantatori.

Chesimur hè una provinzia che à lingua per si; et èno idolatri; et sono grande inchantatori de diavoli: e fano per inchantamento chanbiar el tenpo e fano far grande oschuritate e fano altre chosse asai per i suo’ inchantamenti.

Or <da> questo luogo se può ben andar al Mar d’India.

I sono bruni e magri; la vita lor è charne e rixo.

L’aere è molto tenperà, nì chaldo nì fredo.

El n’è chastelle asai e grandisimi dexerti atorno e sì fortisimi passi che i non àno paura de homo del mondo; e mantiensi per si senza altra segnoria

Eli àno re che i mantien bona segnioria.

E lì èno remiti segondo la soa malvaxia fe’, i quali abitano in remitorio e fano grande astinenzia e de manziar et de bere; et sono molto solìziti de [no] far chossa che sia chontra la soa leze; et sono tenuti molto santi dalla soa zente.

E viveno gran tenpo in la soa penitenzia che i fano per amor delle soe idolle; e àno badie e monestieri de soa fe’.

Or lasiamo de questa provinzia e sì anderemo inanzi; noi torneremo in India; e’ no nde voglio tornar a questo ponto, perché al tornar de nostra via conteremo tute le chosse d’India per ordine.

Et però torneremo ala provinzia deversso Balasia, perché da altra via non se pò andar.

Capitolo XXXVI

De Vochan, dove è molti moltoni ch’àno sì grande le chorne che se fano schudelle.

Quando l’omo se parte de Balaxia, el va do zornate dentro levante e griego sora uno fiume ch’è del fradello del signior de Balastia: là è chastelle e abitazion asai.

Le zente sono valente per arme e adorano Machometo.

Et in capo de tre zornate se trova una provinzia pizolla ch’è tre zornate per ogni parte ed è apellata Vochan.

Quella zente àno lenguazo per si e àno leze de Machometo; et sono valenti omeni per arme, et èno sotoposti ala segnioria de Balastia.

Eli ano bestie salvatiche asai e àno grande chazasione de tute chosse.

E quando l’omo se parte de quella contrà, el va tre zornate tuta fià per griego e per montagnie, e montase tanto che l’omo va suxo una grandisima montagnia.

E dixesse che quelo è el plui alto luogo del mondo.

E quando l’omo è suxo in quel’alto luogo, sì trova uno piano dentro doe montagnie, in le quale n’è un fiume molto bello; e n’è i mazior p[aschol]i del mondo: una magra bestia deventerìa grassa in quel luogo in diexe dì.

El ge n’è grande abondanzia de tute salvadexine et abondanzia de moltoni salvadegi, li quali sono grandisimi.

I àno i chorni grandi ben sìe spane, e almeno quatro over tre.

De questi corni fano li pastori grande schudelle ove i manzano; e anche li pastori fano chomo maxiere de questi chorni atorno lo locho ove eli tien le sue bestie.

E per questo piano va l’omo ben dodexe zornate ed è apellato Pamor; né in tute queste dodexe zornate nonn è abitazion nì erba, e chonvien che i viandanti portano siego la vituaria.

Osei non se ge trova per la gran fredura e per la grande alteza ch’è là suxo.

E sì ve digo che per lo grandenisimo fredo che xè el fuogo nonn è sì chaldo né sì chiaro chomo l’è in altri luogi e non chuoxe chusì ben le chosse.

Or partiremo de qui e sì chonteremo innanzi d’altre cosse, andando per griego e per levante.

Quando l’omo è andado tre zornate, el chonvien ch’el chavalcha ben quaranta zornate per montagnie e per choste e per valure, e pasasse molti fiumi e molti luogi dexerti.

E in tute queste quaranta zornate nonn è abitazion nì erba, ma chonvien che lli viandanti portano siego la vituaria.

Questa chontrata è apellata Balor.

Le zente abitano ala montagnia, che sono molto alte.

Elli èno idolatri e molto salvatichi, e viveno de venaxione e de bestie; e sì sse vesteno dello chuoro delle bestie che i prende; e sono molto chrudel zente e malvaxie.

Or laseremo de questa chontrà e sì ve chonterò della provinzia de Chaschar.

Capitolo XXXVII

De Chaxar, dov’è la zente molto scharssa e avara.

Chascar fo zià uno regniame per si, ma ora sono sotoposti al Grande Chaan.

Elli à la leze de Machometo.

In quella provinzia è zità e chastelle asai; la plui nobille zità del regniame de Chaschar <è Chaschar>.

Questa provinzia è intra griego e llevante.

Egli viveno de merchadantia e d’arte et àno molto belle vignie e possesion e zardini.

Lì nasie banbaxio asai.

De quella chontrà esie molti merchadanti che vano per el mondo fazando merchadantie.

La zente della contrata sono scharssa e mixera: mal manzano e mal beveno.

In quella chontrà demora alquanti cristiani nestorini e àno le suo’ giexie.

La zente della provinzia àno lenguazio per si.

La provinzia dura zinque zornate.

Capitolo XXXVIII

De Sanmarchan, dove è el miracolo della colona.

Sanmarcan è una zità grandisima e bella.

In quella zità abita cristiani e saraini; et è sotoposti al nievo del Grande Chaan, ma nonn è ben amixi, ma stano ala fiata mal insieme.

In questa zità <incontrà> una chotal meraveglia.

El nonn è anchor gran tenpo che un fradel del Gran Chaan, che aveva nome Chagatai, se fè’ cristiano, et era signior de quella zità e de molte altre.

E i cristiani de Sanmarchan, quando el signior fo fato cristian, ave grande alegreza e fèno in la zità una grande chiexia a onor de misier san Zuane Batista.

La chiexia era fata per cotal maniera che una colona de marmoro, che era in mezo della chiexia, sostegniva tuto el choverto.

Soto quella colona fu messo un grande marmoro per pillastro, lo qual iera stato de’ saraini della zità; e gli saraini non osavano dir niente, perché el signior era molto favorevole ai cristiani.

E i saraini dixeano che i voleva a ogni muodo la piera soa, la qual sostenìa la cholona della giexia de’ cristiani.

E li cristiani li proferseno grande avere aziò che i la conzedesse.

Ma i saraini, voiando che lla chiexia se guastasse, disse che i non volea nì oro nì arzento, se non sollamente la soa piera.

E tanto fexe <i> saraini che ’l figiol de Zigatai, lo qual aveva la signioria, comandò a’ cristiani che de lì a diexe dì la piera fusse renduda.

Li cristiani ave gran dolore e non sapeva chome i se doveseno far, azò che ’l cholmo della giexia non chazesse.

E quando vene el termene che aveva dado, la cholona, per volontà de Dio, se levò de sula piera ben quatro spane e non tochava de soto niente e stava ferma chomo ella feva dinanzi; e anchora sta chussì, senza che altra cossa la sostegnia.

Capitolo XXXIX

De Charchan, dove abita cristiani e saraini insieme.

Charchaan è una provinzia che dura ben sete zornade.

La zente serva la leze de Machometo e ’l ge n’è altrosì cristiani nestorini.

La tera è sotoposta al nevodo del Grande Chaan, del qual e’ ò dito de sopra.

El ge n’è abondanzia de tute cosse, ma el non ve n’è niuna altra cossa de meter in questo libro.

Capitolo XL

De Chotan, dove nasie el banbaxio asai.

Chotan è una provinzia dentro griego e llevante, ed è longa oto zornate; ed è sotoposta al Grande Chaan e à la leze de Machometo; et ène zitate e chastele asai.

La zitade de Cotan è <la> plui nobile zità de quella chontrà.

El ge n’è abondanzia de tute cosse: el ge nasie banbaxio asai; e viveno de merchadantie e d’arte; e non èno homeni d’arme.

Capitolo XLI

De Pein, hove l’omo può tuor moier s’el sta XX dì fuora della chassa, e lla femena marito.

Pien è una pizolla provenzia ch’è llonga zinque zornate ed è dentro griego e levante; ed è sotoposti al Gran Chaan e ànno leze de Machometo.

El ge n’è zàade e chastelli asai.

La plui nobile zità della provinzia à nome Pien.

El g’è un fiume dove se [trova] asai piere prezioxe che èno apellate diaspri e chalzidoni.

De vituaria el ge n’è grande abondanzia, e de banbaxio; eli viveno de merchadantie et d’arte.

E anchora ve digo che i àno cotal uxanza, che quando l’omo se parte de chaxa per andar in viazo, <e> eli non sa ove i deba rivar né demorar plui de XX dì in suxo, la moier che roman a chaxa, inchontinente chome lui è partito, ’la tuol un altro marito.

Et è lizita cossa, sechondo la sua uxanza, che l’omo che va in viazo può tuor moier s’el vuol tuore.

La provinzia la qual ò dito de sopra, da Chasar infina a questa, sono tute della Gran Turchia.

Capitolo XLII

De Ciarcian, dove la tera è pur sabion.

Ciarcian è una provinzia <ch’>è altrosì della Gran Turchia, <et> è dentro griego e levante.

Le zente de questa provinzia à la leze de Machometo; et ène zità e chastelle asai.

La zità maistra del regnio è Ciarcian.

El ge n’è fiumi che menano diaspri e chalzedonii, e li merchadanti portano quelle piere prezioxe ala provinzia de Chatai e àno gran guadagnio de quelle piere, delle qual el ge n’è in grande abondanzia ed èno molto bone.

Tuta questa provinzia è pur sabion.

La mazior parte el n’è le aque amare, e avegnia ch’el se ne truova in molti luogi de dolze et de bone.

Quando alchuno oste passa per quella contrà, quelli de quella provinzia che èno in luogo dove l’oste passa se parteno tuti chon le moier e chon i fioli e chon le bestie, e vano per lo sabione do o tre zornate a’ luogi dove i sano che se trova aqua e erba.

E quando l’oste non vedeno donde i posono eser andadi, per lo sabion per lo qual non par piedega né sentiero, non sano che farsse.

Et in quel modo schanpano dai suo’ nemixi.

E quando pasano oste d’amixi, i schanpano per quel modo le bestie solamente, perché quelli dell’oste non vuol pagar niente de chossa che i togliano dala zente donde egli passano.

E quando l’omo se parte de Ciarcian, el va ben zinque zornate per sabion, là dove è aqua amara e pesima, ma in alchuno luogo se ne trova de bona.

Capitolo XLIII

De Lop, dove è uno dexerto che abita demonii che inganano i omeni.

Quando l’omo se parte ed è andado quelle zinque zornate, sì trova uno gran dexerto, al’intrar del qual è una gran zità che à nome Lop ed è dentro levante e griego.

Questa zità è soto la segnioria del Gran Chaan.

Le zente della zità à la lezie de Machometo.

Quelli che voleno pasare quel gran dexerto sì se ripossa una setemana in quella zità e refreschano le suo’ bestie; e possa toleno vituaria per uno mexe per si e per suo’ bestie, e passa entro el deserto.

E segondo che dixe la giente della chontrà, quel dexerto è sì longo che apena podesse l’omo azonzer al’altro chavo in uno ano; e llà dove l’è plui streto si è briga a pasarlo in uno mexe.

Ell è pur montagnie e sabion; e non se trova da manziar.

E quando l’omo è andado uno dì e una note, se trova aqua che è bona da ber, ma non ’de averave asai gran zente, mè ne averìa asai ben M homeni, ma non anchor chon le suo’ bestie.

E per tuto el deserto va l’omo uno dì e una note ch’el non trova niente ananzi che sse trova aqua da ber.

In tre o in quatro luogi se truova aqua salsa e amara, tuta l’altra è bona da ber: truovasse vintioto fiate – [o] in quel chontorno – <aque> buone.

Bestie nì oxieli non se truova in quel dexerto perché ’le non ge truova da mangiar.

E quando l’omo chavalcha de note per quel dexerto, se alchuno se indromenzasse ch’el rimagnisse drieto dagli altri suo chonpagni, o per altra cossa cha per dormir, e non potesse azonzer i suo’ conpagni, spesse fiate incontra ch’el aldirà trar voxe de demonii che par pur che i sia i suo’ chonpagni, e tal fiata che i demonii chiamano quel homo per nome.

E tal fiata i farano desviare in tal maniera che non truova mai i chonpagni et de lui non se alde mai novella.

E per questo muodo molti èno persi in quel dexerto.

E alchuna fiata olde l’omo, de bel zorno chiaro, voxe di demonii; e tal fiata par che sona instrumenti in aere, e spizialmente tanburli.

E a questo modo se passa quel dexerto chon gran paura.

Capitolo XLIV

De Fochion, dove i non sotora i morti nì <li> ardeno se non al tenpo dato per li astrologi.

Quando l’omo à pasato quelle XXX zornate de dexerto, el trova una zità che à nome Sachion, la qual è sotoposta al Grande Chaan.

E la provinzia à nome Thangoth.

Egli sono tuti idolatri, trato arquanti cristiani nestorini e alquanti che àno la leze de Machometo.

Queli idolatri àno lenguazio per si e <no> sono marchadanti omeni, ma viveno pur de ricolto della tera.

El n’è molti m[one]st<ie>ri che èno tuti pieni de idolle de molte guixe, ai quali fano gran sachrifizio e grande reverenzia.

Zaschuno homo che à fi[o], el fa molto notrichare <uno> molto<ne> ad o[no]re delle idolle.

E in chavo dell’ano, quando vien la festa delle suo’ idolle, l’omo mena el fiuolo e ’l moltone davanti le idolle e fali grande reverenzia, elo e ’l fiulo.

E possa chuoxeno el moltone e meteno la charne davanti dale idolle chon gran riverenzia; e llì <la> lasano tanto ch’elli dixeno so orazione e suo ofizio.

E cholui che fa quel sacrifizio priega quelle idolle che lli conserva <e> g[uar]di suo’ fioli.

Eli dixeno che lle idolle manzano quella sustanzia de quella charna.

E sì se la portano a chaxa o altrove là dove i volleno e fano chongregare tuti li parenti e manzano quela charne chon gran riverenzia e grande allegreza; e poi repone tute le hosse in uno scrignio.

E sapiate che tuti quelli che sono idolatri per tuto el mondo, fano ardere i chorpi d’i homeni et delle femene quando i sono morti.

E quando i chorpi sono morti, li parenti soi portano quelli chorpi a ardere, e per la via donde die’ eser portato el chorpo fa far i parenti del morto chapane de pertege e d’altri legni, per piuxor luogi, e sì le chuovre de drapi d’oro e de seda.

E quando elli zonzeno a quelle chapane, i meteno el corpo in tera a pe’ de quella chapana; e ’li zetano in tera davanti del morto vino e chosse da manzar, e dixeno ch’el fora rezevuto a chotal onore in l’altro mondo.

E quando i èno azonti al luogo ove i ’l deno ardere, eli fano fare moneta de charte de papiro grande chome bexanti e fano intaiar in quelle charte omeni e femene e chavali; e tute chosse zetano in lo fuogo e falle arder chon el corpo.

E dixeno ch’el averà chotanti servi et serve e chavali e denari in l’altra vita chome èno quelli che èno arsi chol corpo.

E quando egli i portano a ardare, tuti i strumenti della tera ge vano inanzi sonando.

E quando l’omo è morto, i parenti mandano per i soi astrologi e sì li dixe el mexe, el dì e ll’ora che el naque.

E li astrologi fano suo’ inchantamenti e dixeno in qual dì e che ora el die’ eser arso.

E tal fiata el fano tegnir in chaxa una setemana e alchuna fiata uno mexe e tal fiata undexe mexi, e li parenti non l’oseraveno portar fuora de chaxa se non quando choloro chomanda.

Defina tanto che ’l chorpo sta in chaxa, egli el tien in chotal muodo: eli àno una chassa de tolle grosse ben una spana; e quelle tolle è ben chonzonte insenbre, e lla chassa è tuta depenta.

Lì dentro meteno el corpo e serano ben la chassa e sì la chuovreno chon belli drapi; e ’l chorpo achonzano chon spezie, sì ch’el non puza.

E defin che ’l chorpo è in chaxa, eli aprestano le tavolle davanti ala chassa ogni dì, e sì ge meteno suxo da manzar sì chome s’el fosse vivo.

E disseno che l’anima soa manza de quelle chosse e sta tanto la mensa dinanzi ala cassa quanto uno homo podesse disnar a suo bel axio; e chussì fano a o[gni] dì.

Queli indivini dixeno tal fiata ali parenti del morto ch’el non è bon ch’elli el tragano de chaxa per la porta, perché i trovano tal fiata per stella o per altra chaxione che quella porta nonn à bona ventura de quel fato; e sii trazeno de chaxa per altra porta che per la prinzipal, over i fano ronper el muro e tra<r>7llo per quella via.

E a questo modo tiene tuti i idolatri del mondo.

Capitolo XLV

De Chamul, la provinzia de’ chagozi.

Chamul è una provinzia che fo già regniame per si, in la qual è zità e chastelle asai.

La maistra zità è dita Chamul.

La provinzia è verso maistro intro do deserti; dal’una parte è el gran deserto che ò dito de sopra e dal’altro lato è uno dexerto che dura tre zornate.

La zente della chontrà adora le idole e àno lenguazio per si; e viveno de fruti de tera e àno grande abondanzia de vituaria, e sì ne vende ai viandanti che pasano per quella chontrà.

Ed è homeni de gran solazo e non atendeno ad altro se non a sonar strumenti e a chantar e balar e solazar.

Se alchuno forestiero ge passa per la chontrà e va a chaxa de niuno de lor per albergar, el signior della chaxa lo rezeve volentiera e chomanda ala moier ch’ela sia obediente a quel forestier in tuto ziò ch’el vuol chomandar.

E partesse e va a far i suo’ fati in villa e in altro luogo dove el vuol.

E la dona tien cholui chome s’el fosse suo marito.

Tuti quelli de quella provinzia rezeveno vergongia per suo’ moier, ma non s’el tien per dexenor.

Le femene della contrà sono molto bele.

Inel tenpo che regniava Mangu Chan, lo qual fo signior de tuti i Tartari, li omeni de Chamul li fono denonziato di questa dischonza chossa.

El re i mandò a dir che i non doveseno albergar nesuno forestier plui a quel modo e che i non sostegniseno plui quel dexenor dele suo’ moier.

Quando ’li rezevéno el chomandamento, egli forono mo<l>to dolenti e àveno suo chonseglio; e mandò anbasiatori al Gran Chan, e grandi prexenti.

E sì ’l pregàno ch’el non dovesse devedar questa chossa, la qual egli e suo’ antezesori avevano senpre servata, peroché, fina tanto che i fano questa chortexia ai forestieri delle suo’ done, le suo’ idolle l’àno tropo per ben e che lor tere àno abondanzia de tuti i beni.

Quando Mangu Chaan ave intexe quelle parolle, el disse ai anbasatori: «Dapoi che vui vollé aver questo dexenor e questa vergognia, e vui ve l’abié!»; e sì revochò el chomandamento.

E quelli anbasatori tornò a chaxa chon grande alegreza.

E anchora mantien quella zentil uxanza per la provinzia.

Capitolo XLVI

De Chinguitalis, là dove se trova la salamandra.

Chingitalis è una provinzia che è anchora apreso el dexerto dentro tramontana e maistro; ed è longa sedexe zornate; et è sotoposta al Grande Chaan.

El ge n’è tre zità e chastelle assai; et ène tre zenerazion de zente: zioè idolatri e cristiani nestorini e quelli ch’à la leze de Machometo.

E alle chonfine de questa provinzia verso tramontana è una montagnia in la qual è molte bone vene d’andanicho e de azuro.

E sì se ge trova una vena della qual se fa la salamandra; quella salamandra della quale e’ digo non è bestia nì serpente, chome se dixe, ma sì se fa in la maniera che ve dirò.

Io avì uno chonpagnio che fo de Turchia che ave nome Zursichar, lo qual iera molto savio homo, e fo tre ani segnior in quella provinzia per lo Grande Chaan a far chavar la salamandra e l’azuro e l’andanicho.

Quel mio chonpagnio me disse el fato e io el digo a vui.

Quando l’omo à chavato dentro della montagnia de quella vena ò dito, el omo la squarza e meseda insieme, e fa fillo chomo lana.

E l’omo la fa sechare e poi la pesta in uno mortaro de chuore.

Poi la fa lavare e ro[man]e quelle fille; e la [tera] che se parte de quelle fille se zeta via perché ’l[a] non val niente.

Po’ se fa filar quelle fille, le qual pareno lana; e po’ se ’n fa tovaie e drapo, le qual <non> èno bianche, ma se le se mete innel fuogo ardente e lasale una peza, lle tovaie e i drapi deventa bianche chomo neve.

E ogni fiada che i prendesse alchuna machia, eli i mete al fuogo e fali bianchi chome neve.

In questo modo sta el fato della salamandra, la qual mandò el Gran Chaan al papa perché ’lo la metesse atorno el sudario santo del nostro segnior misier Iesu Cristo benedeto.

Capitolo XLVII

De Fechur, dove se trova el reobarbaro.

Quando l’omo se parte de questa provinzia de Chinguitalis, el va diexe zornade dentro griego e levante.

In queste diexe zornate nonn è abitazion niuna se non alchuni luogi.

In chavo de diexe zornate, se trova una provinzia ch’è apellata Fechur, in la qual è molte zità e chastelle.

La zità maistra è apellata Fechur.

El ge n’è cristiani e idolatri e sono sotoposti al Grande Chaan.

La grande provinzia gieneral, là dove è questa provinzia de Fechur e lle do altre provinzie che e’ ho dite de sopra, zioè Chamul e Chinguitalis, à nome Tanguett.

Per tute le montagnie de questa provinzia se trova el riobarbaro in grande abondanzia, e li merchadanti lo chonprano [lì e] lo porta per tuto el mondo.

Elli non fano fare altra merchadantia e non viveno del fruto della tera.

Capitolo XLVIII

De Chanpion, là dove l’omo pò aver XXX moier segondo soa lezie.

Chanpion è una zità molto grande e nobelle, ed è cho: signorizia tuta la provinzia de Tanguch.

La zente adorano le idolle; el ge n’è de quelli ch’à la leze de Machometo e deli cristiani.

E àno li cristiani tre giexie molto belle e grande in quela zità.

Quelli che adorano le idolle àno molti monestieri e badie segondo suo’ leze.

Ed àno molto grande quantità e moltitudine de idolle, ed [à]no de quelle che sono grande diexe passi: ed è tal de llegnio, tal de tera e tal de piera; et sono tute indorade.

Questi grandi zaseno e ’l g’è atorno altre idolle pizolle che par che faza riverenzia ale grande.

Li religioxi idollatri viveno plui onestamente che non fa l’altra zente, e molti de llor viveno chastamente e guardasse de pechar contra sua leze.

Eli àno lunari chusì chome nui avemo li mexi e a questo modo conputano el tenpo del’ano.

El g’è tal lunaxone che i non alziderave bestie né oxeli, zinque dì, per cossa del mondo, né no manzirìa charne che fosse morta in quelli zinque dì.

E quelli zinque dì viveno plui chastamente cha in tuto l’ano.

Questi idolatri posono aver defina a trenta moier e plui, se i àno richeze da zò.

E li omeni dàno per dota ale femene bestie, schiavi e moneta sechondo la sua chondizion.

La prima moier àno per dreta moier.

Se l’omo à moglier che no li piaza, el ge pò dar chonbiado al suo seno.

Eli toleno per moier le chuxine e le maregnie.

Eli non àno per pechato molti pechati ch’èno dentro da nui <gravi>, ma viveno a muodo <de> bestie.

E sapiate che misier Nicolò e misier Mafio e io, Marcho, stesemo in questa zità de Chanpion zinque ani per nostri fati.

Quando l’omo se parte dala zità de Chanpion, el chavalcha dodexe zornate e trova una zità che à nome Ocina, ch’è in chavo del dexerto de sabion, verso tramontana; et è dela provinzia de Tangut.

Et èno idolatri.

Ed àno gamelli e bestiami assai.

El ge nasie falconi l[ener]i e sacri in gran moltitudine et èno molto boni.

Eli non fano marchadantia, ma viveno de fruto de tera e de bestiame.

In questa zità tuò i viandanti vituaria per quaranta dì, ché, quando l’omo se parte de questa zità, el chavalcha quaranta zornate per uno diserto, lo qual è verso tramontana, in lo qual nonn è abitazion nì erba e ’l <non> ge abita zente, se non l’instate, in le montagnie e in valle de deserto.

Se ge trova bestie salvadege asai e axeni salvadegi in gran abondanzia; el n’è molti pini.

In le fin de questo dexerto, in chavo de quaranta zornate, truova l’omo la zità de Caroccoran – et è verso tramontana –, in la qual fo fato fugire el primo signior che ave mai i Tartari de soa zente.

Capitolo XLIX

Chome li Tartari fexeno signior primieramente <uno> de soa zente.

Hor avete intexo e udito de molte provinzie e regniami e zitade.

Hora ve voglio chontar del Gran Chaan, signior d’i Tartari, chome el fo fato inprimamente e qual fu la chaxion della soa signioria; e diròve de soa chondizion e de tuti i Tartari.

Ell è verità che lli Tartari inprimamente abitàno in le chontrate <de tramontana>, ove era grandenisime pianure in le qual non è hora abitazion nesuna, né de zità né de chastelle, se non ch’el gi è boni pàscholi e grandi fiumi e aque asai.

E lì abitavano li Tartari e non avevano signior, ma davano trabuto a uno grande segniore che era apellato in soa lengua Mochan, che è a dire in nostra lengua ’Prete Zane’, del qual parla tuto el mondo.

Or avene che i moltiplichò sì che Prete Zane ave paura che i non gli nosiesse et esser chontra lui.

E mandòge soi baroni e volseli partire da insieme e desparzerli, aziò che i aveseno menor possanza.

Li Tartari l’aveno molto per mal, unde egli se chongregò tuti insieme e partìsse de quella chontrà e andò per dexerti verso tramontana in tal contrate che i non avevano paura de Prete Zane.

E deliberòno insieme de non obedire et de non rendere trabuto al Prete Zane.

E in quel muodo e in quelle contrà steteno pluxor ani in luogo seguro.

Capitolo L

Chome el signior d’i Tartari se volse aparentar chon Prete Zane.

Quando egli furono stati chusì uno gran tenpo, egli elleseno per so re uno de sua zente che aveva nome Chinchis, lo qual iera savio, pro’ e homo de gran valore; e questo fo ano domini MCLXXXVII.

Quando el fo coronato, tuti i Tartari che erano sparti per diverse chontrate vene a llui e fexeli reverenzia e obedienzia sì chome a suo signior.

E llui sape mantegnir franchamente la signioria.

E quando Chinchis vide ch’el aveva chotanta zente, el fè’ armare e aparechiare tuta la soa zente, la qual iera grandenisima quantità oltra muodo, e andò chonquistando tere; e in pochi ani el chonquistò otto provinzie.

E quando el chonquistava alchuna tera, el non lasava far malle ad alchuno e non lasava tuor ad alchuno niente del suo, ma donava a queli ch’el conquistava, sì che egli andavano siego chonquistando dele altre tere.

E fazeva tropo bona segnioria, unde el iera amado da tuta zente.

E fatosse chusì grande segniore, el volse far parentado con Prete Zane e mandòli a domandar per suo’ anbasiatori sua figliuola per moglier; e questo fo ano domini MCC.

El Prete Zane li respoxe molto vilanamente, e disse che egli dixeseno a Chinchis che el convegniva ch’elo ’l metesse a mala morte peroché ’l iera rebello del suo segnior et perché ’l iera stato sì ardito ch’el aveva domandà soa figliola.

E li anbasiatori tornò a Chinchis, e diselli queste cosse per ordine.

 

 

Indice Biblioteca

cap. LI-C

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 28 agosto 2011