GIANNI ALFANI

RIME

Edizione di riferimento

Rimatori  del Dolce stil novo, A cura di Luigi di Benedetto, Bari, Gius. Laterza & figli Tipografi-editori-librai 1939 - xvii

I

Guato una donna dov' io la scontrai,

che co gli occhi mi tolse

il cor, quando si volse

per salutarmi, e nol mi rende mai.

Io la pur miro lá dov' io la vidi,

e veggiomi con lei

il bel saluto che mi fece allora;

lo quale sbigottí sí gli occhi miei,

che gl' incerchiò di stridi

l'anima mia, che li pingea di fora

perché sentiva in lui venire umile

un spirito gentile

che le diceva: - Omai

guata costei, se non tu ti morrai!-

Amor mi vien, cola dov' io la miro,

amantato di gioia

nelli raggi del lume ch'ella spande;

e contami che pur conven ch' i' moia

per forza d'un sospiro,

per costei debbo far sí grande,

che l'anima smarrita s'andrá via.

Ah, bella donna mia,

sentirai tu che guai!

Che te ne' ncresca q uando li udirai!

Tu se' stata oggimai sette anni pura,

danza mia nova e sola,

cercando 'l mondo d'un che ti vestisse;

ed hai veduto quella, che m'imbola

la vita, star pur dura

e non pregare alcun che ti coprisse.

Però ti conven gire a lei pietosa

e dirle: - i' son tua cosa,

madonna; tu che sai,

fa ch' io sia ben vestita di tuo' vai. -

- Se tu mi vesti ben, questa fanciulla

donna uscirá di culla. -

- E' saprò s'i' serrai

alcuna roba mia; sí l'avrai. -

II

Ballatetta dolente,

va mostrando il mi' pianto

che di dolor mi cuopre tutto quanto.

Tu te n'andrai imprima a quella gioia

per cui Fiorenza luce ed è pregiata;

e quetamente, che no le sia noia,

la priega che t'ascolti, o sconsolata;

poi le dirai affannata

come m' ha tutto infranto

il tristo bando che mi colse al canto.

S'ella si volge verso te pietosa

ad ascoltar le pene che tu porti,

traendo guai dolente e vergognosa,

le' pingi come gli occhi miei son morti

per li gran colpi e forti

che ricevetter tanto

da' suoi nel mi' partir, ch'or piango in canto.

Poi fa sí ch'entri nella mente a Guido,

perch'egli è sol colui che vede Amore,

e mostrali lo spirito ch'un strido

me trae d'angoscia del disfatto core;

e se vedrá 'l dolore

che 'l distrugge, i' mi vanto

ched e' ne sospirra di piéta alquanto.

III

Quanto piú mi disdegni piú mi piaci,

e quan' tu mi di': « taci »,

una paura nel cor mi discende

che dentro un pianto di morte v'accende.

Se non t'incresce di veder morire

lo cor che tu m' hai tolto,

Amor, l'ucciderá quella paura

ch'accende il pianto del crudel martire,

che mi spegne del volto

l'ardire, in guisa che non s'assicura

di volgersi a guardar negli occhi tuoi;

però che sente i suoi

sí gravi nel finir che li contende,

che non li può levar, tanto li 'ncende!

IV

Se quella donna ched i' tegno a mente

a' tasse 'l su' servente,

i' sarei ribandito ora a Natale;

ma i' son certo ca non le ne cale!

Però, parole nate di sospiri

ch'escon del pianto che mi fende il core,

sappiate ben contar de' miei martiri

la chiave che vi serra ogni dolore

a quelle donne c' hanno il cor gentile;

sí che parlando umile

prieghin colei per cui ciascuna vale

che faccia tosto il mio pianto mortale.

S'ella fa lor questa grazia ch' i' chieggio,

colui, che pel mi' peggio

non lascia partir l'anima dal male,

perderá quella prova dove sale.

V

Donne, la donna mia ha d'un disdegno

si ferito' l meo care,

che se voi non l'a'tate e' se ne more!

Ella l' ha disdegnato casi forte,

per ch' i' guarda' negli occhi di costei,

che ha ferito un mio compagno a morte;

e sol per questo la miraro i miei;

ond' i' vi dico ch' i' m'ucciderei,

se 'l su' dolce valore

non avesse pieta del mi' dolore.

Questa mia bella donna che mi sdegna

legò si stretto il meo cor quando il prese,

che non si sciolse mai per altra insegna

che vedesse d'amar; tanto l'accese

d'una fiamma del su' piacer che tese

lo su' arco ad Amore,

col qual ne pinge l'anima de fare.

VI

De la mia donna vo' cantar con voi,

madonne da Vinegia,

però ch' ella vi fregia

d'ogni adorna bellezza che vo' avete.

La prima volta ched i' la guardai,

volsemi gli occhi sui

si pien d' amor, che mi preser nel core

l'anima isbigottita, si che mai

non ragionò d'altrui,

come legger si può nel meo colore.

O lasso, quanto è suto il meo dolore

poscia, pien di sospiri,

per li dolci disiri

che nel volger degli occhi voi tenete!

Di costei si può dir ben che sia lume

d'amor, tanto risplende

la sua bellezza adentro d'ogni parte;

ché la Danubia ch' è cosi gran fiume

e 'l monte che si fende

passai, e in me non ebbi tanta parte,

ch' i' mi potesse difender che Marte

cogli altri sei del cielo

sotto il costei velo

non mi tornasser, come voi vedete.

Deh, increscavi di me, donne, per Dio,

ch' i' non so che mi fare!

Si san or combattuto feramente,

ch'Amar, la sua mercé, mi dice ch'io

non le tema mostrare

quella ferita dond' i' vo dolente.

lo l' ho scontrata e pur di parla mente,

son venuto si meno

e di sospir si pieno,

ch' i' caggio morto e voi non m'acorrete.

VII

A GUIDO CAVALCANTI

Guido, quel Gianni ch'a te fu l'altr' ieri

salute, quanto piace alle tue risa,

da parte della giovi ne da Pisa,

che fier' d'amar me' che tu di trafieri.

Ella mi domandò come tu eri

acconcio di servir chi l' have uccisa,

s'ella con l ui a te venisse in guisa

che noI sapesse altri ch'egli e Gualtieri;

si che i suo' parenti da far macco

non potesser giammai lor piu far danno

che dir: mendate da la lungi scacco.

lo le risposi che tu senza inganno

portavi pien di tai saette un sacco,

che gli trarresti di briga e d'affanno.

Indice Biblioteca Progetto Dolce stil nuovo

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 09 aprile 2007