Dante Alighieri

LA DIVINA COMMEDIA

Purgatorio

Canto XVI

lunedì 11 aprile, verso le sei del pomeriggio: vespero

cornice III, il fumo avvolge ogni cosa

Marco Lombardo

(Corrado da Palazzo, Gherardo da Camino e Guido da Castello)

iracondi avvolti da un denso fumo, che lo soffoca e acceca (come in vita si lasciarono accecare e soffocare dall'ira). 

canto: Agnus Dei

Comincia il canto decimosesto del Purgatoro. Nel quale l'autor mostra come, entrato nel fummo del terzo girone, dove si purga il peccato dell'ira, truova Marco Lombardo, il quale ragiona con lui del mondo ch'è guasto e della cagione.

 

      Buio d'inferno e di notte privata 

d'ogne pianeto, sotto pover cielo, 

quant'esser può di nuvol tenebrata, 

      non fece al viso mio sì grosso velo 

come quel fummo ch'ivi ci coperse, 

né a sentir di così aspro pelo, 

      che l'occhio stare aperto non sofferse; 

onde la scorta mia saputa e fida 

mi s'accostò e l'omero m'offerse. 

      Sì come cieco va dietro a sua guida 

per non smarrirsi e per non dar di cozzo 

in cosa che 'l molesti, o forse ancida, 

      m'andava io per l'aere amaro e sozzo, 

ascoltando il mio duca che diceva 

pur: «Guarda che da me tu non sia mozzo». 

      Io sentia voci, e ciascuna pareva 

pregar per pace e per misericordia 

l'Agnel di Dio che le peccata leva. 

      Pur 'Agnus Dei' eran le loro essordia; 

una parola in tutte era e un modo, 

sì che parea tra esse ogne concordia. 

      «Quei sono spirti, maestro, ch'i' odo?», 

diss'io. Ed elli a me: «Tu vero apprendi, 

e d'iracundia van solvendo il nodo». 

      «Or tu chi se' che 'l nostro fummo fendi, 

e di noi parli pur come se tue 

partissi ancor lo tempo per calendi?». 

      Così per una voce detto fue; 

onde 'l maestro mio disse: «Rispondi, 

e domanda se quinci si va sùe». 

      E io: «O creatura che ti mondi 

per tornar bella a colui che ti fece, 

maraviglia udirai, se mi secondi». 

      «Io ti seguiterò quanto mi lece», 

rispuose; «e se veder fummo non lascia, 

l'udir ci terrà giunti in quella vece». 

      Allora incominciai: «Con quella fascia 

che la morte dissolve men vo suso, 

e venni qui per l'infernale ambascia. 

      E se Dio m'ha in sua grazia rinchiuso, 

tanto che vuol ch'i' veggia la sua corte 

per modo tutto fuor del moderno uso, 

      non mi celar chi fosti anzi la morte, 

ma dilmi, e dimmi s'i' vo bene al varco; 

e tue parole fier le nostre scorte». 

      «Lombardo fui, e fu' chiamato Marco; 

del mondo seppi, e quel valore amai 

al quale ha or ciascun disteso l'arco. 

      Per montar sù dirittamente vai». 

Così rispuose, e soggiunse: «I' ti prego 

che per me prieghi quando sù sarai». 

      E io a lui: «Per fede mi ti lego 

di far ciò che mi chiedi; ma io scoppio 

dentro ad un dubbio, s'io non me ne spiego. 

      Prima era scempio, e ora è fatto doppio 

ne la sentenza tua, che mi fa certo 

qui, e altrove, quello ov'io l'accoppio. 

      Lo mondo è ben così tutto diserto 

d'ogne virtute, come tu mi sone, 

e di malizia gravido e coverto; 

      ma priego che m'addite la cagione, 

sì ch'i' la veggia e ch'i' la mostri altrui; 

ché nel cielo uno, e un qua giù la pone». 

      Alto sospir, che duolo strinse in «uhi!», 

mise fuor prima; e poi cominciò: «Frate, 

lo mondo è cieco, e tu vien ben da lui. 

      Voi che vivete ogne cagion recate 

pur suso al cielo, pur come se tutto 

movesse seco di necessitate. 

      Se così fosse, in voi fora distrutto 

libero arbitrio, e non fora giustizia 

per ben letizia, e per male aver lutto. 

      Lo cielo i vostri movimenti inizia; 

non dico tutti, ma, posto ch'i' 'l dica, 

lume v'è dato a bene e a malizia, 

      e libero voler; che, se fatica 

ne le prime battaglie col ciel dura, 

poi vince tutto, se ben si notrica. 

      A maggior forza e a miglior natura 

liberi soggiacete; e quella cria 

la mente in voi, che 'l ciel non ha in sua cura. 

      Però, se 'l mondo presente disvia, 

in voi è la cagione, in voi si cheggia; 

e io te ne sarò or vera spia. 

      Esce di mano a lui che la vagheggia 

prima che sia, a guisa di fanciulla 

che piangendo e ridendo pargoleggia, 

      l'anima semplicetta che sa nulla, 

salvo che, mossa da lieto fattore, 

volontier torna a ciò che la trastulla. 

      Di picciol bene in pria sente sapore; 

quivi s'inganna, e dietro ad esso corre, 

se guida o fren non torce suo amore. 

      Onde convenne legge per fren porre; 

convenne rege aver che discernesse 

de la vera cittade almen la torre. 

      Le leggi son, ma chi pon mano ad esse? 

Nullo, però che 'l pastor che procede, 

rugumar può, ma non ha l'unghie fesse; 

      per che la gente, che sua guida vede 

pur a quel ben fedire ond'ella è ghiotta, 

di quel si pasce, e più oltre non chiede. 

      Ben puoi veder che la mala condotta 

è la cagion che 'l mondo ha fatto reo, 

e non natura che 'n voi sia corrotta. 

      Soleva Roma, che 'l buon mondo feo, 

due soli aver, che l'una e l'altra strada 

facean vedere, e del mondo e di Deo. 

      L'un l'altro ha spento; ed è giunta la spada 

col pasturale, e l'un con l'altro insieme 

per viva forza mal convien che vada; 

      però che, giunti, l'un l'altro non teme: 

se non mi credi, pon mente a la spiga, 

ch'ogn'erba si conosce per lo seme. 

      In sul paese ch'Adice e Po riga, 

solea valore e cortesia trovarsi, 

prima che Federigo avesse briga; 

      or può sicuramente indi passarsi 

per qualunque lasciasse, per vergogna 

di ragionar coi buoni o d'appressarsi. 

      Ben v'èn tre vecchi ancora in cui rampogna 

l'antica età la nova, e par lor tardo 

che Dio a miglior vita li ripogna: 

      Currado da Palazzo e 'l buon Gherardo 

e Guido da Castel, che mei si noma 

francescamente, il semplice Lombardo. 

      Dì oggimai che la Chiesa di Roma, 

per confondere in sé due reggimenti, 

cade nel fango e sé brutta e la soma». 

      «O Marco mio», diss'io, «bene argomenti; 

e or discerno perché dal retaggio 

li figli di Levì furono essenti. 

      Ma qual Gherardo è quel che tu per saggio 

di' ch'è rimaso de la gente spenta, 

in rimprovèro del secol selvaggio?». 

      «O tuo parlar m'inganna, o el mi tenta», 

rispuose a me; «ché, parlandomi tosco, 

par che del buon Gherardo nulla senta. 

      Per altro sopranome io nol conosco, 

s'io nol togliessi da sua figlia Gaia. 

Dio sia con voi, ché più non vegno vosco. 

      Vedi l'albor che per lo fummo raia 

già biancheggiare, e me convien partirmi 

(l'angelo è ivi) prima ch'io li paia». 

      Così tornò, e più non volle udirmi.

 

 

 

 

 

 

9  

 

 

12 

 

 

15 

 

 

18 

 

 

21 

 

 

24  

 

 

27 

 

 

30 

 

 

33 

 

 

36 

 

 

39  

 

 

42 

 

 

45 

 

 

48 

 

 

51 

 

 

54  

 

 

57 

 

 

60 

 

 

63 

 

 

66 

 

 

69  

 

 

72 

 

 

75 

 

 

78 

 

 

81 

 

 

84  

 

 

87 

 

 

90 

 

 

93 

 

 

96 

 

 

99  

 

 

102 

 

 

105 

 

 

108 

 

 

111 

 

 

114 

 

 

117 

 

 

120 

 

 

123 

 

 

126 

 

 

129 

 

 

132 

 

 

135 

 

 

138 

 

 

141 

 

 

 

145

 

Canto XVII

lunedì 11 aprile, verso il tramonto (le sei del pomeriggio)

cornice III 

scala che porta alla cornice IV

Angelo della pace

iracondi avvolti da un denso fumo, che lo soffoca e acceca (come in vita si lasciarono accecare e soffocare dall'ira);  

accidiosi: devono correre frettolosamente per la cornice, gridando esempi di sollecitudine e di accidia punita. 

L'Angelo gli toglie la terza P.  Canto: Beati i pacifici.

Comincia il canto decimosettimo del Purgatoro. Nel quale l'autor mostra come, vedute certe cose in visione, le quali sono in detestazion dell'ira, Virgilio gli aperse che cosa è amore e di quante spezie, essendo essi pervenuti nel quarto girone, dove si purga l'amore del bene scemo.

 

      Ricorditi, lettor, se mai ne l'alpe 

ti colse nebbia per la qual vedessi 

non altrimenti che per pelle talpe, 

      come, quando i vapori umidi e spessi 

a diradar cominciansi, la spera 

del sol debilemente entra per essi; 

      e fia la tua imagine leggera 

in giugnere a veder com'io rividi 

lo sole in pria, che già nel corcar era. 

      Sì, pareggiando i miei co' passi fidi 

del mio maestro, usci' fuor di tal nube 

ai raggi morti già ne' bassi lidi. 

      O imaginativa che ne rube 

talvolta sì di fuor, ch'om non s'accorge 

perché dintorno suonin mille tube, 

      chi move te, se 'l senso non ti porge? 

Moveti lume che nel ciel s'informa, 

per sé o per voler che giù lo scorge. 

      De l'empiezza di lei che mutò forma 

ne l'uccel ch'a cantar più si diletta, 

ne l'imagine mia apparve l'orma; 

      e qui fu la mia mente sì ristretta 

dentro da sé, che di fuor non venìa 

cosa che fosse allor da lei ricetta. 

      Poi piovve dentro a l'alta fantasia 

un crucifisso dispettoso e fero 

ne la sua vista, e cotal si morìa; 

      intorno ad esso era il grande Assuero, 

Estèr sua sposa e 'l giusto Mardoceo, 

che fu al dire e al far così intero. 

      E come questa imagine rompeo 

sé per sé stessa, a guisa d'una bulla 

cui manca l'acqua sotto qual si feo, 

      surse in mia visione una fanciulla 

piangendo forte, e dicea: «O regina, 

perché per ira hai voluto esser nulla? 

      Ancisa t'hai per non perder Lavina; 

or m'hai perduta! Io son essa che lutto, 

madre, a la tua pria ch'a l'altrui ruina». 

      Come si frange il sonno ove di butto 

nova luce percuote il viso chiuso, 

che fratto guizza pria che muoia tutto; 

      così l'imaginar mio cadde giuso 

tosto che lume il volto mi percosse, 

maggior assai che quel ch'è in nostro uso. 

      I' mi volgea per veder ov'io fosse, 

quando una voce disse «Qui si monta», 

che da ogne altro intento mi rimosse; 

      e fece la mia voglia tanto pronta 

di riguardar chi era che parlava, 

che mai non posa, se non si raffronta. 

      Ma come al sol che nostra vista grava 

e per soverchio sua figura vela, 

così la mia virtù quivi mancava. 

      «Questo è divino spirito, che ne la 

via da ir sù ne drizza sanza prego, 

e col suo lume sé medesmo cela. 

      Sì fa con noi, come l'uom si fa sego; 

ché quale aspetta prego e l'uopo vede, 

malignamente già si mette al nego. 

      Or accordiamo a tanto invito il piede; 

procacciam di salir pria che s'abbui, 

ché poi non si poria, se 'l dì non riede». 

      Così disse il mio duca, e io con lui 

volgemmo i nostri passi ad una scala; 

e tosto ch'io al primo grado fui, 

      senti'mi presso quasi un muover d'ala 

e ventarmi nel viso e dir: 'Beati 

pacifici, che son sanz'ira mala!'. 

      Già eran sovra noi tanto levati 

li ultimi raggi che la notte segue, 

che le stelle apparivan da più lati. 

      'O virtù mia, perché sì ti dilegue?', 

fra me stesso dicea, ché mi sentiva 

la possa de le gambe posta in triegue. 

      Noi eravam dove più non saliva 

la scala sù, ed eravamo affissi, 

pur come nave ch'a la piaggia arriva. 

      E io attesi un poco, s'io udissi 

alcuna cosa nel novo girone; 

poi mi volsi al maestro mio, e dissi: 

      «Dolce mio padre, dì , quale offensione 

si purga qui nel giro dove semo? 

Se i piè si stanno, non stea tuo sermone». 

      Ed elli a me: «L'amor del bene, scemo 

del suo dover, quiritta si ristora; 

qui si ribatte il mal tardato remo. 

      Ma perché più aperto intendi ancora, 

volgi la mente a me, e prenderai 

alcun buon frutto di nostra dimora». 

      «Né creator né creatura mai», 

cominciò el, «figliuol, fu sanza amore, 

o naturale o d'animo; e tu 'l sai. 

      Lo naturale è sempre sanza errore, 

ma l'altro puote errar per malo obietto 

o per troppo o per poco di vigore. 

      Mentre ch'elli è nel primo ben diretto, 

e ne' secondi sé stesso misura, 

esser non può cagion di mal diletto; 

      ma quando al mal si torce, o con più cura 

o con men che non dee corre nel bene, 

contra 'l fattore adovra sua fattura. 

      Quinci comprender puoi ch'esser convene 

amor sementa in voi d'ogne virtute 

e d'ogne operazion che merta pene. 

      Or, perché mai non può da la salute 

amor del suo subietto volger viso, 

da l'odio proprio son le cose tute; 

      e perché intender non si può diviso, 

e per sé stante, alcuno esser dal primo, 

da quello odiare ogne effetto è deciso. 

      Resta, se dividendo bene stimo, 

che 'l mal che s'ama è del prossimo; ed esso 

amor nasce in tre modi in vostro limo. 

      co chi, per esser suo vicin soppresso, 

spera eccellenza, e sol per questo brama 

ch'el sia di sua grandezza in basso messo; 

      è chi podere, grazia, onore e fama 

teme di perder perch'altri sormonti, 

onde s'attrista sì che 'l contrario ama; 

      ed è chi per ingiuria par ch'aonti, 

sì che si fa de la vendetta ghiotto, 

e tal convien che 'l male altrui impronti. 

      Questo triforme amor qua giù di sotto 

si piange; or vo' che tu de l'altro intende, 

che corre al ben con ordine corrotto. 

      Ciascun confusamente un bene apprende 

nel qual si queti l'animo, e disira; 

per che di giugner lui ciascun contende. 

      Se lento amore a lui veder vi tira 

o a lui acquistar, questa cornice, 

dopo giusto penter, ve ne martira. 

      Altro ben è che non fa l'uom felice; 

non è felicità, non è la buona 

essenza, d'ogne ben frutto e radice. 

      L'amor ch'ad esso troppo s'abbandona, 

di sovr'a noi si piange per tre cerchi; 

ma come tripartito si ragiona, 

      tacciolo, acciò che tu per te ne cerchi».

 

 

 

 

 

 

9  

 

 

12 

 

 

15 

 

 

18 

 

 

21 

 

 

24  

 

 

27 

 

 

30 

 

 

33 

 

 

36 

 

 

39  

 

 

42 

 

 

45 

 

 

48 

 

 

51 

 

 

54  

 

 

57 

 

 

60 

 

 

63 

 

 

66 

 

 

69  

 

 

72 

 

 

75 

 

 

78 

 

 

81 

 

 

84  

 

 

87 

 

 

90 

 

 

93 

 

 

96 

 

 

99  

 

 

102 

 

 

105 

 

 

108 

 

 

111 

 

 

114 

 

 

117 

 

 

120 

 

 

123 

 

 

126 

 

 

129 

 

 

132 

 

 

135 

 

 

 

139

Canto XVIII

notte fra lunedì 11 e martedì 12 aprile

cornice IV

Abate di san Zeno; schiera di anime precedute da Maria (che si affretta a visitare Elisabetta) e Cesare (che rapidamente assediò Marsiglia e corse in Spagna)

accidiosi: devono correre frettolosamente per la cornice, gridando esempi di sollecitudine e di accidia punita. 

Dante cade in un sonno profondo.

Comincia il canto decimottavo del Purgatoro. Nel quale l'autore mostra ancora come amore in noi si crea. E appresso ode cose ad incitare la sollecitudine; e poi parla con l'abate di San Zeno da Verona, e ultimamente ode cose in vitupèro della pigrizia.

 

      Posto avea fine al suo ragionamento 

l'alto dottore, e attento guardava 

ne la mia vista s'io parea contento; 

      e io, cui nova sete ancor frugava, 

di fuor tacea, e dentro dicea: 'Forse 

lo troppo dimandar ch'io fo li grava'. 

      Ma quel padre verace, che s'accorse 

del timido voler che non s'apriva, 

parlando, di parlare ardir mi porse. 

      Ond'io: «Maestro, il mio veder s'avviva 

sì nel tuo lume, ch'io discerno chiaro 

quanto la tua ragion parta o descriva. 

      Però ti prego, dolce padre caro, 

che mi dimostri amore, a cui reduci 

ogne buono operare e 'l suo contraro». 

      «Drizza», disse, «ver' me l'agute luci 

de lo 'ntelletto, e fieti manifesto 

l'error de' ciechi che si fanno duci. 

      L'animo, ch'è creato ad amar presto, 

ad ogne cosa è mobile che piace, 

tosto che dal piacere in atto è desto. 

      Vostra apprensiva da esser verace 

tragge intenzione, e dentro a voi la spiega, 

sì che l'animo ad essa volger face; 

      e se, rivolto, inver' di lei si piega, 

quel piegare è amor, quell'è natura 

che per piacer di novo in voi si lega. 

      Poi, come 'l foco movesi in altura 

per la sua forma ch'è nata a salire 

là dove più in sua matera dura, 

      così l'animo preso entra in disire, 

ch'è moto spiritale, e mai non posa 

fin che la cosa amata il fa gioire. 

      Or ti puote apparer quant'è nascosa 

la veritate a la gente ch'avvera 

ciascun amore in sé laudabil cosa; 

      però che forse appar la sua matera 

sempre esser buona, ma non ciascun segno 

è buono, ancor che buona sia la cera». 

      «Le tue parole e 'l mio seguace ingegno», 

rispuos'io lui, «m'hanno amor discoverto, 

ma ciò m'ha fatto di dubbiar più pregno; 

      ché, s'amore è di fuori a noi offerto, 

e l'anima non va con altro piede, 

se dritta o torta va, non è suo merto». 

      Ed elli a me: «Quanto ragion qui vede, 

dir ti poss'io; da indi in là t'aspetta 

pur a Beatrice, ch'è opra di fede. 

      Ogne forma sustanzial, che setta 

è da matera ed è con lei unita, 

specifica vertute ha in sé colletta, 

      la qual sanza operar non è sentita, 

né si dimostra mai che per effetto, 

come per verdi fronde in pianta vita. 

      Però, là onde vegna lo 'ntelletto 

de le prime notizie, omo non sape, 

e de' primi appetibili l'affetto, 

      che sono in voi sì come studio in ape 

di far lo mele; e questa prima voglia 

merto di lode o di biasmo non cape. 

      Or perché a questa ogn'altra si raccoglia, 

innata v'è la virtù che consiglia, 

e de l'assenso de' tener la soglia. 

      Quest'è 'l principio là onde si piglia 

ragion di meritare in voi, secondo 

che buoni e rei amori accoglie e viglia. 

      Color che ragionando andaro al fondo, 

s'accorser d'esta innata libertate; 

però moralità lasciaro al mondo. 

      Onde, poniam che di necessitate 

surga ogne amor che dentro a voi s'accende, 

di ritenerlo è in voi la podestate. 

      La nobile virtù Beatrice intende 

per lo libero arbitrio, e però guarda 

che l'abbi a mente, s'a parlar ten prende». 

      La luna, quasi a mezza notte tarda, 

facea le stelle a noi parer più rade, 

fatta com'un secchion che tuttor arda; 

      e correa contro 'l ciel per quelle strade 

che 'l sole infiamma allor che quel da Roma 

tra Sardi e ' Corsi il vede quando cade. 

      E quell'ombra gentil per cui si noma 

Pietola più che villa mantoana, 

del mio carcar diposta avea la soma; 

      per ch'io, che la ragione aperta e piana 

sovra le mie quistioni avea ricolta, 

stava com'om che sonnolento vana. 

      Ma questa sonnolenza mi fu tolta 

subitamente da gente che dopo 

le nostre spalle a noi era già volta. 

      E quale Ismeno già vide e Asopo 

lungo di sè di notte furia e calca, 

pur che i Teban di Bacco avesser uopo, 

      cotal per quel giron suo passo falca, 

per quel ch'io vidi di color, venendo, 

cui buon volere e giusto amor cavalca. 

      Tosto fur sovr'a noi, perché correndo 

si movea tutta quella turba magna; 

e due dinanzi gridavan piangendo: 

      «Maria corse con fretta a la montagna; 

e Cesare, per soggiogare Ilerda, 

punse Marsilia e poi corse in Ispagna». 

      «Ratto, ratto, che 'l tempo non si perda 

per poco amor», gridavan li altri appresso, 

«che studio di ben far grazia rinverda». 

      «O gente in cui fervore aguto adesso 

ricompie forse negligenza e indugio 

da voi per tepidezza in ben far messo, 

      questi che vive, e certo i' non vi bugio, 

vuole andar sù, pur che 'l sol ne riluca; 

però ne dite ond'è presso il pertugio». 

      Parole furon queste del mio duca; 

e un di quelli spirti disse: «Vieni 

di retro a noi, e troverai la buca. 

      Noi siam di voglia a muoverci sì pieni, 

che restar non potem; però perdona, 

se villania nostra giustizia tieni. 

      Io fui abate in San Zeno a Verona 

sotto lo 'mperio del buon Barbarossa, 

di cui dolente ancor Milan ragiona. 

      E tale ha già l'un piè dentro la fossa, 

che tosto piangerà quel monastero, 

e tristo fia d'avere avuta possa; 

      perché suo figlio, mal del corpo intero, 

e de la mente peggio, e che mal nacque, 

ha posto in loco di suo pastor vero». 

      Io non so se più disse o s'ei si tacque, 

tant'era già di là da noi trascorso; 

ma questo intesi, e ritener mi piacque. 

      E quei che m'era ad ogne uopo soccorso 

disse: «Volgiti qua: vedine due 

venir dando a l'accidia di morso». 

      Di retro a tutti dicean: «Prima fue 

morta la gente a cui il mar s'aperse, 

che vedesse Iordan le rede sue. 

      E quella che l'affanno non sofferse 

fino a la fine col figlio d'Anchise, 

sé stessa a vita sanza gloria offerse». 

      Poi quando fuor da noi tanto divise 

quell'ombre, che veder più non potiersi, 

novo pensiero dentro a me si mise, 

      del qual più altri nacquero e diversi; 

e tanto d'uno in altro vaneggiai, 

che li occhi per vaghezza ricopersi, 

      e 'l pensamento in sogno trasmutai.

 

 

 

 

 

 

9  

 

 

12 

 

 

15 

 

 

18 

 

 

21 

 

 

24  

 

 

27 

 

 

30 

 

 

33 

 

 

36 

 

 

39  

 

 

42 

 

 

45 

 

 

48 

 

 

51 

 

 

54  

 

 

57 

 

 

60 

 

 

63 

 

 

66 

 

 

69  

 

 

72 

 

 

75 

 

 

78 

 

 

81 

 

 

84  

 

 

87 

 

 

90 

 

 

93 

 

 

96 

 

 

99  

 

 

102 

 

 

105 

 

 

108 

 

 

111 

 

 

114 

 

 

117 

 

 

120 

 

 

123 

 

 

126 

 

 

129 

 

 

132 

 

 

135 

 

 

138 

 

 

141 

 

 

 

145

       

Canti XIII-XV

 

Canti XIX-XXI

© 1997 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 16 settembre 2007