> Domenico Merlini - Saggio di ricerca sulla satira contro il villano Appendice 5 - Satira contro i villani

Domenico Merlini

Saggio di ricerca sulla satira

contro il villano

Edizione di riferimento

Satira contro il villano, a cura di Domenico Merlini, Loescher Editore, Torino 1894

APPENDICE

5.

Satira contro i villani [1]

La satira che noi pubblichiamo si trova in un codice Marciano [It. IX, 453], ed è la prima di parecchie satire anonime che si leggono nel fascicolo terzo, che noi faremmo risalire non oltre la fine del secolo XVI; appartiene a quel genere di Capitoli satirici che ebbero tanta voga in quel secolo per parte degli imitatori del Berni. Abbiamo riferito del Capitolo soltanto la parte caratteristica ed importante per il nostro studio, degna di nota specialmente per l’odio atroce da cui è informata, che contrasta sensibilmente colla forma di esercizio accademico con cui la satira incomincia.

 

Ora e con... [2] questo caldo insano,

Signor Antonio mio Pruzzacarino,

Vogliovi ragionar dello villano.                                          3

Non voglio già chiamarlo contadino

Perchè sarebbe troppo alto cognome,

Come a uno sgherro il dire paladino.                                6

Io vo dall’opre registrando il nome,

Perchè villano ogni difetto include [3]

.      .      .      .      .      .      .       .       .                                   9

Fur ben le sorti nostre et aspre et crude

Quando a Natura, empia matrigna, piacque

Al mondo dar bestie di pietà ignude.                                12

Tra l’altre bestie diede a noi mortali

Questa villana bestia assai più ria

Dell’altre vieppiù crude e micidiali,                                   15

Di carità, di amor priva che, Arpia

Ingorda sendo ognora al ben rubella,

Da ogni costume buon sempre travia.                              18

Come nasce col puro ognor l’Agnella,

Il Lupo col vorace e con l’inganno,

La Tigre col crudel, con l’alma fella,                                 21

Così nasce il villan con l’odio, a danno

Nostro pronto, et ognor si vede in fatti

Quant’egli possa porne in doglia e affanno.                    24

Sempre con rabbia, sdegno, e con rancore

Vede, ode il Cittadino, e mali pensa

Fargli, e quando non può sente dolore.                            27

Se in casa l’hai con caritade immensa,

Ciò che ti può rubar ti ruba e brava

Et have a rubar sempre l’alma accensa.                           30

Se t’è lavorator ti tol la fava,

Il miglio, il vino, e quel che puoti tutto,

E quanto che più può del tuo ne cava.                              33

D’ogni delitto rio, d’ogni empia colpa

villan fassi reo, vedi che sorte,

Dove e se può ’l ladron ne snerva e spolpa.                       36

Tu puoi ben dir ch’adopri egli la schiena

In cavar fossi, in terrazzar, che astuto

Dice : farò, né al fin suo detto mena.                                  42

Se ti bisogna a qualche tempo, et ora

Un’opra dal villan, carezze e preghi

Voglionvi sì che il cor rabbia divora.                                   45

Onde convien che il Cittadin rinneghi

Talvolta, la sua fede, o incrudelisca

Contro, sta schiatta ria e lasci ch’anneghi.                          48

Sbasisca il traditor villano e cada

Che non face pietade ad alcun mai

Che abbia veduto a che rio gioco vada.                                51

Pregando tu ’l villan nulla farai

Perchè più s’inasprisce, empio diventa,

Ti serve meglio se al villano dai.                                             54

Questa deve esser sempre l’orazione

Che al villan si dee far, che altro piacere

Non sa il villan che il gusto del bastone.                                57

Presta al villan danari in ginocchione

Mentre piangendo te ne fa richiesta

Che al render poi farà, tristo, il buffone.                                60

Se tu offendi il villan, per caso poi

Se un dì può più di te, mai non si lassa

Se non t’uccide o squarcia come i buoi                                  63

Ma se non può, non di legger la passa,

Ma la serba nel cor, fin che gli viensi

Occasione di porti in una cassa.                                              66

Se in casa il villan lasci praticare,

Cerca torti l’onor, sta sull’avviso

Di farti mal, pur che lo possa tare.                                          69

Ha poi nel core il rio villan radice

Di virtù, che non cura e non tien conto

Se è becco e alcun sul viso glielo dice.                                     72

Tutti i peccati ancor che grandi e gravi

Ha in sè il villan, né trovo in lui ragione

Che una lagrima mandi onde quei lavi.                                  75

Non crede nello Credo, e confessione

Fa il villan tutta alla rovescia, e i passi

Non sa di fede, o di convinzione.                                              78

Non sa che creder debba, e in dubbio stassi,

Il battesimo nega il villan empio

Rubaria con conscientia e Cristo e il Tempio.                           81

Chi chiedesse al villan, certo udirla

Mille crudel’consigli; ai parer retto

Sarebbe uccider quei gran cortesia.                                           84

Se vuoi merito avere appresso a Dio

Scortica tu ’l villan, bastonal sempre,

Struscia ’l villan, sì ch’egli paghi il fio.                                       87

Martoreggia ’l villan, pungil, tai tempre

Non mutar mai, perché; fia a Cristo grato

Ch’una natura tal fiera si stempre.                                             90

Tieni pure il villan crudel stentato,

Tormentalo tu pure in ogni guisa

Che il cielo avrai, dove sarai beato                                              93

Se serbi fino a morte sta divisa.

 

Note

________________________

 

[1] Ci fu comunicata dal Prof. Vitt. Rossi.

[2] Nel Ms. a questo punto vi è una sigla indecifrabile.

[3] Il Novati (Carm. med. aevi, pag. 28) ha riprodotto da, un cod. Mare, la seguente declinazione del nome «Rusticus»:

            Singulariter. Pluraliter.

            N. hic villanus N. hi maledicti

            G. huius rustici G. horum trietium

            D. huic tferfero (sic) D. hic mendacibus

            A. hunc furem A. hos nequissimos

            V. o latro V. o pessimi

            Ab. ab hoc depredatore. Ab ab hic infidelibus.

Indice Biblioteca Indice dell'opera  Appendice 06 Appendice 04

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 22 agosto 2010