GIOSUÈ CARDUCCI

A Satana

Inno

Edizione di riferimento:

Pubblicazione del  Popolo con lettere dell’autore e di Quirino Filopanti, tipografia degli agrofili italiani, Bologna 1869

A te, dell’essere

principio immenso,

materia e spirito,

ragione e senso;                   4

mentre ne’ calici

il vin scintilla

sì come l’anima

nella pupilla;                       8

mentre sorridono

la terra e ’l sole

e si ricambiano

d’amor parole,                    12

e corre un fremito

d’imene arcano

da’ monti e palpita

fecondo il piano;                 16

a te disfrenasi

il verso ardito,

te invoco, o Satana,

re del convito.                      20

Via l’aspersorio,

prete, e ’l tuo metro!

no, prete, Satana

non torna in dietro !            24

Vedi: la ruggine

l’ode a Michele

il brando mistico;

ed il fedele                           28

spennato arcangelo

cade nel vano.

Ghiacciato è il fulmine

a Geo va in mano.              32

Meteore pallide,

pianeti spenti,

piovono gli angeli

dai firmamenti.                   36

Nella materia

che mai non dorme,

re dei fenomeni,

e delle forme,                       40

sol vive Satana.

Ei tien l’impero

nel lampo tremulo

d’un occhio nero,                44

o ver che languido

sfugga e resista

od acre ed umido

provochi insista.                  48

Brilla de’ grappoli

nel lieto sangue,

per cui la libera

gioia non langue,                52

che la fuggevole

vita ristora,

che il dolor proroga,

che amor ne incora.            56

Tu spiri, o Satana ,

nel verso mio,

se dal sen rompemi

sfidando il dio                     60

de’ rei pontefici,

de’ re cruenti:

e come fulmine

scuoti le menti.                    64

A te, Agramainio,

Adone, Astarte,

e marmi vissero

e tele e carte,                        68

quando le ioniche

aure serene

beò la Venere

anadiomene.                       72

A te del Libano

frernean le piante,

dell’ alma Cipride

risorto amante:                    76

a te ferveano

le danze e i cori,

a te i virginei

candidi amori                      80

tra le odorifere

palme d’Idume,

dove biancheggiano

le ciprie spume.                   84

Che vai se barbaro

il nazareno

furor dell’agapi

dal rito osceno                     88

con sacra fiaccola

i templi t’arse

e i segni argolici

a terra sparse?                     92

Te accolse profugo

tra gli dei lari

la plebe memore

dei casolari.                         96

Quindi un femineo

sen’ palpitante

empiendo, fervido

nume ed amante,                100

la strega pallida

d’eterna cura

volgi a soccorrere

l’egra natura.                      104

Tu all’occhio immobile

dell’ alchimista,

tu dell’indocile

mago alla vista                    108

dischiudi i fulgidi

tempi novelli

del nero claiistro

oltre i cancelli.                     112

Alla Tebaide,

te nelle cose

fuggendo, il monaco

triste s’ascose.                      116

O dal tuo tramite

alma divisa,

benigno e Satana:

ceco Eloisa.                          120

In van ti maceri

nell’aspro sacco:

il verso ei mormora

di Maro e Flacco                 124

tra la davidica

nenia ed il pianto;

e, forme delfiche,

a te da canto,                       128

rosee nell’orrida

compagnia nera,

mena Licoride,

mena Glicera.                      132

Ma d’altre imagini

d’età più bella

tal or si popola

l’insonne cella.                     136

Ei, dalle pagine

di Livio, ardenti

tribuni, consoli,

turbe frementi                     140

sveglia; e fantastico

d’italo orgoglio

te spinge, o monaco,

su ’l Campidoglio.              144

E voi, che il rabido

rogo non strusse,

voci fatidiche,

Wiclef ed Husse,                 148

all’aura il vigile

grido mandate:

s’innova il secolo,

piena è l’ etate.                    152

E già già tremano

mitre e corone :

move dal claustro

la ribellione,                         156

e pugna e predica

sotto la stola

di fra’ Girolamo

Savonarola.                         160

Gittò la tonaca

Martin Lutero:

gitta i tuoi vincoli,

uman pensiero,                   164

e splendi e folgora

di fiamme cinto;

materia, inalzati:

Satana ha vinto.                  168

Un bello e orribile

mostro si sferra,

corre gli oceani,

corre la terra:                       172

corusco e fumido

come i vulcani,

i monti supera,

divora i piani,                      176

sorvola i baratri;

poi si nasconde

per antri incogniti

per vie profonde;                 180

ed esce; e indomito

di lido in lido

come di turbine

manda il suo grido,            184

come di turbine

l’alito spande:

ei passa, o popoli,

Satana il grande;                188

passa benefico

di loco in loco

su l’infrenabile

carro del foco.                     192

Salute, o Satana,

o ribellione,

o forza vindice

della ragione!                      196

Sacri a te salgano

gl’incensi e i voti!

Hai vinto il Geova

de’ sacerdoti.                       200

Il giornale di Bologna ‒ il popolo ‒ pubblicava nel N. 24 dell’8 dicembre l'inno a Satana; nel N. 25 le due lettere di Quirico Filopanti precedute da queste parole:

“L’egregio professor Filopanti ci trasmette la lettera seguente che pubblichiamo sicuri che il grande poeta risponderà col dimostrare l’intendimento rivoluzionario del nome dato alla natura e alle forze della ragione esplicantisi nella storia dell’umanità avverso alle catene loro inflitte dai dogmi e dal principio di autorità.

Il nome di Satana, sotto il quale s’invoca la ribellione e la vindice forza della ragione, ci richiama l’atto di nobile orgoglio con cui i rivoluzionari dell’89 imposero a sè stessi il nome di Sansculottes dato loro per ischerno dall’abate Maury, ci richiama l’ardito ‒ noi siamo canaglia ‒ dei garibaldini, e di Carducci stesso nell’ode per l’8 agosto.„

La risposta di Carducci usciva nell’altro numero 26, del giorno 10.

Al Direttore del giornale

il Popolo

Voi amate, come io, la libera discussione: confido perciò che inserirete volentieri la seguente lettera, e che il mio amico Carducci non se l’avrà a male. Ben inteso che tanto meno avrò per male io, se egli o voi replicherete in contrario, benché sfortunatamente io abbia poca fede che si arrivi in questa speciale quistione o a persuader io lui, od egli me.

Vi saluto di cuore.

FILOPANTI.

L'Inno a Satana

Bologna, 8 Decembre 1869.

Caro Enotrio.

Il vostro inno contiene dei versi separatamente bellissimi. Pindaro ed Orazio nulla fecero di più perfetto che la vostra descrizione della macchina a vapore. Ma nel suo insieme il vostro componimento non è poesia; e un’ orgia intellettuale.

Esso ha, fra gli altri, un difetto per me capitale: quello di essere antidemocratico.

E antidemocratico nella forma, conciossiachè, mentre la fraseologia del medesimo è appena intelligibile a quelli che hanno avuto una completa educazione di collegio, il popolo non ne comprenderà una decima parte.

È ancora più antidemocratico nella sostanza; poiché si tradisce, non si giova, il Popolo, divinizzando il principio del Male.

Petruccelli della Gattina ha fatto un romanzo il cui eroe è Giuda Iscariota. Voi, con un ingegno maggiore di quello del Petruccelli, siete caduto in una aberrazione anche più colossale. Se diceste apertamente alle moltitudini che Giuda e Satana sono esseri imaginarii, trovereste migliaia di persone sensate che vi approverebbero: ma allorché, pur credendoli imaginarii, fingete di prenderli per personaggi reali, siate coerenti alla vostra finzione, e date a quei due odiati nomi il senso che vi attribuiscono le genti; cioè prendendo l’uno per la personificazione del più vile ed abbominevole tradimento, e l’altro come la personilicazionc di tutto ciò che osteggia la virtù ed il benessere degli uomini. Forse vi siete inteso di inneggiare alla Natura, all’Universo, al Gran Tutto, a Pan, cose, o più veramente cosa immensa, buona ed augusta. Ma perché chiamarla col bruttissimo nome di Satana?

Ogni scrittore, più specialmente il poeta, dee prendere la lingua tal quale è, e non fabbricarsene una a ritroso dell’uso e del senso comune. Siete in facoltà, quando parlate nella vostra testa tra voi e voi, di chiamar fuoco ciò che noi chiamiamo acqua, e viceversa; ma questo non vi toglierà di essere fraintesi o scherniti, se vi avventurate a dire ad altrui che il fuoco bagna, e l’acqua asciuga. Così, quando esclamate :

Salute, o Satana,

O ribellione,

voi credete senza dubbio di fare uno splendido elogio del vostro protetto; invece rendete un segnalato servigio al sedicente Concilio Ecumenico, ed ai nemici di tutte le rivoluzioni, anche giuste e necessarie.

M’aspetto da voi una spiritosa risposta, alla quale io non replicherò, checché diciate; imperciocché desidero di rimanervi amico, a patto soltanto che non pretendiate che io lo sia egualmente di Satanasso.

Voglio rimaner fedele ai due grandi principii che ebbi già la fortuna di proclamare in Campidoglio, e che spero di poter proclamare di nuovo: Dio e Popolo.

State sano.

Filopanti.

A

QUIRICO  FILOPANTI

Caro e onorando amico.

L’Inno a Satana è lirico almeno in questo, che è l’espressione subitanea, il getto, direi, di sentimenti tutt’affatlo individuali, come mi ruppe dal cuore, proprio dal cuore, in una notte di settembre del 1863.

L’anima mia, dopo anni parecchi di ricerche e di dubbi e di esperimenti penosi, aveva alla fine trovato il suo verbo; e Verbum caro factum est: ella gittò allegra e superba all’aria il suo epinicio, il suo eureka. Avrà abbracciato dell’ombre, può darsi: avrà, invece del grido dell’aquila di Pindaro, fatto il verso del barbagianni; può darsi più che probabilmente anche questo. Ma certamente io non intesi fare cosa di parte; non un evangelio nè un catechismo nè un salmo per chi che sia. Tanto era lontano dal pensiero della propaganda (la quale io lascio di gran cuore ai teologi e ai filosofi sistematici) che stampai l’inno sol due anni appresso, e in poche copie, che regalai a pochi amici o conoscenti. Me lo ristamparono in giornali democratici, massonici, mezzi e mezzi, a Palermo, a Firenze, a Spoleto, senza farmene nè pure un cenno avanti. Almeno l’amico Bordoni del popolo me ne ha chiesto il permesso: doveva io dirgli di no? o perdio? Dunque, onorato amico, questo riman fermo, che l’inno è roba tutta mia, sangue del mio sangue, anima dell’anima mia, e non un manifesto politico d’occasione. Errò, per via di bene, ma errò il popolo, quando scrisse che Bologna avea fatta la sua protesta contro il Concilio mandando al Comune l’autore dell’Inno a Satana. Troppo onore per un rimatore: novantanove su cento di quelli che votarono per il Carducci sapevano molto di Enotria Romano e di Satana!

Del resto, tu non potevi non intendere a qual nume inneggiassi io. Tu l’hai detto: alla Natura. E alla Ragione; aggiunge il redattore del popolo. Sì, ho inneggiato a queste due divinità dell’anima mia, dell’anima tua e di tulle le anime generose e buone, a queste due divinità che il solitario e macerante e incivile ascetismo abomina sotto il nome di carne e di mondo; che la teocrazia scomunica sotto il nome di Satana.

Satana per gli ascetici è la bellezza, l’amore, il benessere, la felicità. Quella povera monacella desidera un cesto d’indivia? in quel cesto v’è Satana, quel frate si compiace d’un uccellino che canta nella sua cella solinga? in quel canto v’è Satana. Ecco, nella caricatura ridicola della leggenda, quel feroce ascetismo che rinnegò la natura, la famiglia, la repubblica, l’arte, la scienza, il genere umano; che soppresse, a profitto della vita futura, la vita presente; che, per amore dell’anima, flagellò, scorticò, abbrustolò, agghiadò il corpo.

Per i teocratici poi, mette conto ripeterlo?, Satana è il pensiero che vola, Satana è la scienza che esperimenta, Satana il cuore che avvampa, Satana la fronte su cui è scritto: Non mi abbasso. Tutto ciò è satanico. Sataniche le rivoluzioni europee per uscire dal medio-evo, che è il paradiso terrestre di quella gente; i comuni italiani, con Arnaldo, con Cola, col Burlamacchi; la riforma germanica, che predica e scrive libertà; la Olanda che la libertà incarna nel fatto; l’Inghilterra che la rivendica e la vendica; la Francia che l’allarga a tutti gli ordini, a tutti i popoli, e ne fa legge dell’età nuove. Tutto ciò è satanico; colla libertà di coscienza e di culto, colla libertà di stampa, col suffragio universale; s’intende.

E Satana sia. Dice bene il Bordoni e diceva bene David, se non m’inganno: « Nelle loro maledizioni ci esaltiamo, e ci gloriamo nei loro vituperi. » Noi siamo satanici.

E perchè no? Satana non è egli un tipo per eccellenza artistico? Pigliamolo nel Testamento vecchio. Egli è il primo ribelle contro il dispotismo accentratore e unitario di Geova nel deserto della creazione. Egli è vinto: ma l’arcangelo Michele, a cui l’ascetismo vestì dal medio evo in poi un magazzino d’armi che non finisce mai, tant’è, m’ha l’aria d’un gendarme; e io sto per il vinto.

Sto per il vinto; e, senza volerlo, inchinava un po’ per il vinto anche l’apologista del supplizio del re d’Inghilterra, anche il segretario del Cromwel, anche Giovanni Milton. Come terribile l’ha egli dipinto, come maestosamente aggrondato! Quando leggo nel Paradiso perduto il concilio di Satana, parmi che da quei versi mi venti sul viso l’aura tempestosa del Lungo Parlamento che condannò Carlo I, e l’anima mia ritorna alle notti sublimi della Convenzione francese.

Sto per il vinto, e per il tentatore. Che cosa disse egli in fatti, questo tentator generoso, alla compagna dell’uomo? Le accennava, nell’orto di Geova, in quell’orto chiuso e uniforme, le accennava l’albero mistico che portava il pomo della scienza e della vita, del bene e del male; e ‒ Mangiate, le disse, di questo; e parete siccome iddii. ‒ E che cosa altro, di grazia, dissero agli uomini Pitagora, e Anassagora, Socrate, Platone, Aristotile? Che cosa altro dissero loro il Keplero, il Galileo, l’Humboldt, il Newton, il Descartes, il Kant ?

Di questo ribelle, magnanimo, di questo tentator generoso, Moise, per ossequio alla razza sacerdotale cui apparteneva. Moise troppo memore della servitù dell’Egitto ove i pantani del Nilo producevano sacerdoti e serpenti, Moise, dico, ne fece un rettile. Tu sai, onorando amico, se il cattolicismo ha caricato poi di sassi di fango e di onte questo povero rettile. Rettile? che dico? Ne ha fatto, nelle sue ebre fantasmagorie del medio evo, un mostro, con corna e coda e... con un corredo di deformità che cresce grottescamente nei secoli. Domandane a Dante e al Tasso.

In questo caso, io, oppresso dalla società fin da primi anni, mi dichiarai per il ribelle alla monarchia solitaria di Geova, per il tentatore degli schiavi di Geova alla libertà e alla scienza, per l’oppresso dalla gendarmeria di Geova. E, se Ary Scheffer lo aveva tratteggiato sublime di malinconia e involto di fosco splendore, io l’ho cantato raggiante e tonante e folgorante di vita sull’universo. Lo Scheffer lo figurava quando il misticismo pareva voler allegarsi alla libertà: io lo canto, avendo in conspetto il regno della ragione.

Del resto tu, mio onorando amico, grida pure il tuo vecchio e glorioso grido, Dio e Popolo. Con cotesto grido combatterono per la libertà e per l’onore dell’Italia Roma e Venezia; e io mi scopro il capo dinanzi agli uomini che lo profferiscono, dinanzi agli uomini che contano omai quarant’auni di sacrifizii e di abnegazioni, non ascetiche perdio, ma romane.

Solo una cosa m’è dispiaciuta nella tua lettera: quel «M’aspetto da voi una spiritosa risposta, alla quale io non replicherò, checché diciate. » È vero: nella mia faretra, per dirlo alla pindarica, ormai che sono in vena, io serbo delle frecce, alcune acute come pungiglioni, altre anche avvelenate. Ma queste le riserbo per certi paladini che m’intendo io, quando non me ne ritenga il disprezzo. Tu e dall’ingegno e dalla virtù e dalla vita incontaminata spesa tutta per la libertà e per il bene hai autorità di ammonirmi e di consigliarmi: per te io non ho che Ghirlande di fiori, dei fiori nati alle aure più pure dei liberi monti.

Addio. Credi che, a immenso intervallo per l’ingegno, ma non a picciolo intervallo anche per le idee, io sono lungi dalla poesia satanica dello Shelley. Io non sono scettico. Io amo e credo. E ti stringo la mano onorata

Tuo Giosuè Carducci (Enotrio Romano)

Homepage Biblioteca

Biblioteca

Progetto Carducci

© 1966 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici Italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 20 dicembre, 2011