Giovanni Boccaccio

Filostrato

Edizione di riferimento

Giovanni Boccaccio, Filostrato

Proemio

Filostrato è il titolo di questo libro, e la cagione è questa: per ciò che ottimamente si confà con l'effetto del libro. Filostrato tanto viene a dire quanto uomo vinto e abbattuto d'amore, come veder si può che fu Troiolo dall'amor vinto sì fervidamente amando Criseida, e sì ancora nella sua partita

 

Filostrato alla sua più ch'altra piacevole Filomena salute

Molte fiate già, nobilissima donna, avvenne che io, il quale quasi dalla mia puerizia infino a questo tempo ne' servigi d'Amore sono stato, ritrovandomi nella sua corte intra i gentili uomini e le vaghe donne dimoranti in quella parimente con meco, udii muovere e disputare questa quistione, cioè: uno giovane ferventemente ama una donna, della quale niun'altra cosa gli è conceduta dalla fortuna se non il poterla alcuna volta vedere, o talvolta di lei ragionare con alcuno, o seco stesso di lei dolcemente pensare. Quale gli è adunque di queste tre cose di più diletto? Né era mai che ciascuna di queste tre cose, da cui l'una e da cui l'altra, non fosse da molti studiosamente e con acuti argomenti difesa. E perciocché a' miei amori, più focosi che avventurati, pareva cotal quistione ottimamente esser conforme, mi ricorda che, vinto dal falso parere, più volte mescolandomi tra' quistionanti, tenni e difesi di gran lunga esser maggiore il diletto potere della cosa amata talvolta pensare, che quello che porgere potesse alcuna dell'altre due; affermando, tra gli altri argomenti da me a ciò indotti, non essere piccola parte della beatitudine dello amante, potere secondo il disio di colui che pensa disporre la cosa amata, e lei rendere secondo quello benivola e rispondente, come che ciò solamente durasse quanto il pensiero, il che del vedere né del ragionare non potea così certamente avvenire. O stolto giudizio, o sciocca estimazione, o vano argomentare, quanto dal vero eravate lontani! Amara esperienza, me misero, mel dimostra al presente. O speranza dolcissima dell'afflitta mente, e unico conforto del trafitto core, io non mi vergognerò d'aprirvi con qual forza nel tenebroso intelletto m'entrasse la verità contro la quale io puerilmente errando avea l'armi prese. E a cui il potre' io dire, che alcuno alleggiamento potesse porre alla penitenza datami, non so s'io mi dica da Amore o dalla Fortuna, per la falsa oppinione avuta, se non a voi?

Affermo adunque, bellissima donna, esser vero che, poi che voi nella più graziosa stagione dell'anno della dilettevole città di Napoli dipartendovi e in Sannio andandone, alli occhi miei, più del vostro angelico viso vaghi che d'altra cosa, vi toglieste subitamente, quello che io per la vostra presenza doveva conoscere, molto meglio, non conoscendolo, per lo suo contrario prestamente mi si fece conoscere, cioè per la privazione di quella; la quale tanto fuori d'ogni dovuto termine m'ha l'anima contristata, che assai apertamente posso comprendere quanta fosse la letizia, allora poco da me conosciuta, che mi veniva dalla vostra graziosa e vaga vista. Ma perché alquanto appaia più questa verità manifesta, non mi fia grave, né il voglio intralasciare, come che altrove più che qui si distenda, che avvenuto mi sia, a dichiarazione di tanto errore, dopo la vostra partenza.

Dico adunque, se Iddio tosto coll'aspetto del vostro bel viso gli occhi miei riponga nella perduta pace, che poscia che io seppi che voi di qui partita eravate e in parte andatane dove niuna onesta cagione a vedervi mi doveva mai potere menare, che essi, per li quali la luce soavissima dei vostri Amore mi menò nella mente, oltre la fede che porgere possono le mie parole, hanno assai volte di tante e di sì amare lagrime bagnata la faccia mia e il dolente seno riempiuto, che non solamente è stata mirabile cosa onde tanta umidità sia ad essi venuta, ma ancora non che in voi, la quale credo che come gentile siete così siate pietosa, in uno che mio nimico fosse, ancora che di ferro avesse il petto, a forza di sé avrebbero messa pietate. Né solamente questo è avvenuto quante volte ricordato mi sono d'avere la vostra piacevole presenza perduta con gli effetti tristi, ma qualunque cosa è davanti a loro apparita, di loro maggior miseria è stata cagione. Oh me, quante volte per minor doglia sentire si sono essi spontanamente ritorti da riguardare li templi e le logge e le piazze e gli altri luoghi ne' quali già vaghi e disiderosi cercavano di vedere, e talvolta lieti videro, la vostra sembianza, dolorosi hanno il cuor costretto a dir con seco quel misero verso di Geremia: «O come siede sola la città la quale in qua addietro era piena di popolo e donna delle genti!».

Certo io non dirò ogni cosa parimente attristandoli, ma io affermo solo una esser quella che alquanto la lor tristizia mitiga riguardando, e questa è riguardare quella contrada, quelle montagne, quella parte del cielo, fra le quali e sotto la quale io porto ferma oppinione che voi siate. Quindi ogni aura o soave vento che viene, così nel viso ricevo quasi come il vostro sanza niuno fallo abbia tocco. Né è perciò troppo lungo questo mitigamento, ma quale sopra le cose unte veggiamo fiamme talvolta discorrere, tale sopra l'afflitto cuore questa soavità discorre, fuggendo subita per sopravvegnente pensiero che mi mostra non potervi vedere, essendo già di ciò sanza misura acceso il mio disio.

Che dirò de' sospiri li quali nel passato piacevole amore e dolce speranza mi soleano infiammati trarre del petto? Certo io non ho altro che dirne se non che, multiplicati in molti doppi di gravissima angoscia, mille volte ciascuna ora di quello per la mia bocca di fuori sono sforzatamente sospinti. E similmente le mie voci, le quali già alcuna volta mosse, non so da che occulta letizia procedente dal vostro sereno aspetto, in amorosi canti e in ragionamenti pieni di focoso amore, s'udirono sempre poi in chiamare il vostro nome di grazia pieno e amore per mercede, o la morte per fine de' miei dolori, o in grandissimi ramarichii permutate possono essere sute udite da chi m'è presso.

In cotal vita adunque vivo a voi lontano, e sanza pro comprendo quanto fosse il bene e il piacere e il diletto che da' vostri occhi per addietro male da me conosciuto mi procedea. E come che tempo assai pur mi prestassero e le lacrime e' sospiri a potere del vostro valore ragionare e ancora a pensare della vostra leggiadria dei costumi gentili, della donnesca alterezza e sembianza vaga più ch'altra, la quale io sempre con gli occhi della mente riguardo tutta, e niente perciò di tale ragionamento o pensiero non dico che piacere l'anima non ne senta, ma questo piacere viene mescolato con un disio ferventissimo il quale tutti gli altri miei disii accende in tanta fiamma di vedervi, che appena in me reggere li posso che non mi tirino, posta giù ogni debita onestà e ragionevole consiglio, colà dove voi dimorate; ma pur vinto dal volere il vostro onore più che la mia salute guardare gli raffreno, e non avendo altro ricorso, sentendomi la via chiusa del rivedervi per la cagione mostrata, alle lacrime intralasciate ritorno. Ahi, lasso, quanto m'è la Fortuna, crudele e inimica de' miei piaceri, sempre stata rigida maestra e correggetrice de' miei errori! Ora, misero me, il conosco, ora il sento, ora apertissimamente il discerno, quanto di bene, quanto di piacere, quanto di soavità, più nella luce vera degli occhi vostri, veggendola co' miei, che nella falsa lusinga del mio pensiero dimorasse.

Così adunque, o splendido lume della mia mente, col privarmi della vostra amorosa vista, ha Fortuna risoluto la nebula dell'errore per addietro da me sostenuta. Ma nel vero sì amara medicina non bisognava a purgare la mia ignoranza; più lieve castigamento m'avrebbe nella diritta via ritornato. Ora così è: le mie forze a quelle della Fortuna, quantunque la mia ragione sia molta, non possono resistere. E come che si vada, io son pure per la vostra partenza a tal punto venuto, quale di sopra v'hanno le mie lettere dichiarato, e con mia gravissima noia sono divenuto certo di ciò che io prima, non certo, in contrario disputava. Ma da venire è oramai a quel termine, per lo quale scrivendo infino a qui trascorso sono, e dico che, veggendomi in tanta e così aspra avversità per lo vostro partire pervenuto, prima proposi di ritenere del tutto dentro dal tristo pettoùl'angoscia mia, acciocchè palesata per avventura non fosse nel futuro di molto maggior efficacia cagione. E ciò sostenendo con forza, fu ora che assai vicino a disperata morte mi fece venire, la quale allora se pur venuta mi fosse, senza niuno fallo cara mi sarebbe stata. Ma poi non so da che occulta speranza di dovervi pure quando che sia rivedere, e nella prima felicità gli occhi miei ritornare, mi nacque non solamente di morte paura, ma desiderio di lunga vita; quantunque misera, non vedendovi, la dovessi menare. E conoscendo assai chiaramente che, tenendo io del tutto come proposto avea la mia concetta doglia nel petto nascosa, era impossibile che dellemolte volte che essa abbondante e ognitermine trapassante sopravveniva, alcuna intanto non vincesse le forze mie, già debolissime divenute, che morte senza fallo ne seguirebbe e poi per conseguente non vi vedrei, da più utile consiglio mosso, mutai proposto e pensai di volere con alcuno onesto ramarichio dare luogo a quella e uscita del tristo petto, accioché io vivessi e vi potessi ancora vedere e più lungamente vostro dimorassi vivendo. Né prima tal pensiero nella mente mi venne, che il modo subitamente con esso m'occorse; del quale avvenimento, quasi da nascosa divinità spirato, certissimo augurio presi di futura salute. E il modo fu questo: di dovere in persona d'alcuno passionato sì come io era e sono, cantando narrare li miei martiri. Meco adunque con sollicita cura cominciai a rivolgere l'antiche storie per trovare cui io potessi fare scudo verisimilmente del mio segreto e amoroso dolore.

Né altro più atto nella mente mi venne a tale bisogno, che il valoroso giovane Troiolo, figliuolo di Priamo nobilissimo re di Troia, alla cui vita, in quanto per amore e per lontananza della sua donna fu dolorosa, se fede alcuna alle antiche lettere si può dare, poi che Criseida da lui sommamente amata fu al suo padre Calcàs renduta, è stata la mia similissima dopo la vostra partita. Per che della persona di lui e de' suoi accidenti ottimamente presi forma alla mia intenzione, e susseguentemente in leggier rima e nel mio fiorentino idioma con stilo assai pietoso, li suoi e li miei dolori parimente compuosi; li quali e una e altra volta cantando, assai gli ho utili trovati secondo che fu nel principio l'avviso.

E' vero che, dinanzi alle sue più amare lagrime, in simile stilo parte della sua felice vita si trova, la quale puosi non perch'io disideri che alcuno creda che io di simile felicità gloriare mi possa - perciocché né mi fu mai tanto favorevole Fortuna né, sforzandomi di sperarlo, mel può in alcun modo concedere la credenza che ciò avvenga - ma per questo le scrissi, perché la felicità veduta d'alcuno, molto meglio si comprende quanta e quale sia la miseria sopravvenuta. La qual felicità nondimeno, in tanto è alli miei fatti conforme, in quanto non meno di piacere io dagli occhi vostri traeva, che Troiolo prendesse dall'amoroso frutto che di Criseida gli concedea la Fortuna.

Adunque, valorosa donna, queste cotali rime in forma d'uno picciolo libro, in testimonianza perpetua a coloro che nel futuro il vedranno, e del vostro valore, del quale in persona altrui esse sono in più parti ornate, e della mia tristizia, ridussi; e ridottole, pensai non essere onesta cosa quelle ad alcun'altra persona prima provenire alle mani che alle vostre, che d'esse siete stata sola e vera cagione. Per la qual cosa, come che picciolissimo dono sia da mandare a tanta donna quanta voi siete, nondimeno, perciocché l'affezione di me mandatore è grandissima e piena di pura fede, le vi pure ardisco mandare, quasi sicuro che non per mio merito ma per vostra benignità e cortesia, da voi ricevute saranno. Nelle quali se avviene che leggiate, quante volte Troiolo piangere e dolersi della partita di Criseida troverete, tante apertamente potrete conoscere le mie medesime voci, le lagrime e' sospiri e l'angosce; e quante volte la bellezza e' costumi, e qualunque altra cosa laudevole in donna, di Criseida scritta troverete, tante di voi esser parlato potrete intendere. Dell'altre cose che oltre a queste vi sono assai, niuna, sì come già dissi, a me n'appartiene né per me vi si pone, ma perciocché la storia del nobile e innamorato giovane ciò richiede. E se così siete avveduta come vi tegno, da esse potrete comprendere quanti e quali siano i miei disii, dove terminino e che cosa più ch'altro dimandino e se alcuna pietà meritino. Ora io non so se esse fieno di tanta efficacia che a voi, leggendole voi con alcuna compassione, possano toccare la casta mente, ma Amore ne priego che questa forza lor presti. Il che se avviene, quanto più umilmente posso, priego voi che alla vostra tornata mettiate sollicitudine, tale che la vita mia, la quale ad un sottilissimo filo pendente è da speranza con fatica tenuta in forse, possa, vedendovi io, lieta nella prima certezza di sé ritornare; e se ciò non può forse così tosto com'io disidererei avvenire, almeno con alcun sospiro o pietoso priego per me ad Amore, fate che alle mie noie presti alcuna pace, e lei smarrita riconfortiate. Il mio lungo sermone da se medesimo chiede fine, e perciò, dandogliele, priego colui che nelle vostre mani ha posto la mia vita e la mia morte, che elli nel vostro cuore quello disio accenda che solo può essere cagione della mia salute.

Parte prima

Qui comincia la prima parte del libro chiamato Filostrato, dell'amorose fatiche di Tro­io­lo, nella quale si pone come Troiolo s'innamorasse di Criseida, e gli amorosi sospiri e le lacrime per lei avute prima che ad alcuno il suo occulto amore discoprisse. E primamente la invocazione dell'autore

1

Alcun di Giove sogliono il favore

ne' lor principii pietosi invocare,

altri d'Apollo chiamano il valore;

io di Parnaso le Muse pregare

solea ne' miei bisogni, ma Amore

novellamente m'ha fatto mutare

il mio costume antico e usitato,

po' fui di te, madonna, innamorato.

2

Tu, donna, se' la luce chiara e bella

per cui nel tenebroso mondo accorto

vivo; tu se' la tramontana stella

la quale io seguo per venire a porto;

àncora di salute tu se' quella

che se' tutto 'l mio bene e 'l mio conforto;

tu mi se' Giove, tu mi se' Apollo,

tu se' mia musa, io l'ho provato e sollo.

3

Per che, volendo per la tua partita,

più grieve a me che morte e più noiosa,

scriver qual fosse la dolente vita

di Troiolo, da poi che l'amorosa

Criseida di Troia sen fu ita,

e come prima gli fosse graziosa,

a te convienmi per grazia venire,

s'i' vo' poter la mia 'mpresa fornire.

4

Adunque, o bella donna, alla qual fui

e sarò sempre fedele e suggetto,

o vaga luce de' begli occhi in cui

Amore ha posto tutto il mio diletto;

o isperanza sola di colui

che t'ama più che sé d'amor perfetto,

guida la nostra man, reggi lo 'ngegno,

nell'opera la quale a scriver vegno.

5

Tu se' nel tristo petto effigiata

con forza tal, che tu vi puoi più ch'io;

pingine fuor la voce sconsolata

in guisa tal che mostri il dolor mio

nell'altrui doglie, e rendila sì grata,

che chi l'ascolta ne divenga pio.

Tuo sia l'onore e mio sarà l'affanno,

se' detti alcuna laude acquisteran.

6

E voi, amanti, priego ch'ascoltiate

ciò che dirà 'l mio verso lagrimoso,

e se nel core avvien che voi sentiate

destarsi alcuno spirito pietoso,

per me vi priego che Amor preghiate,

per cui, sì come Troiolo, doglioso

vivo, lontan dal più dolce piacere

ch'a creatura mai fosse in calere.

Come Calcàs fuggì di Troia e la cagione e perché
7

Erano a Troia li greci re d'intorno,

nell'armi forti, e, giusto a lor potere,

ciascuno ardito, fier, pro' e adorno

si dimostrava, e colle loro schiere

ognor la stringean più di giorno in giorno,

concordi tutti in un pari volere,

di vendicar l'oltraggio e la rapina,

da Parìs fatta, d'Elena reina;

8

quando Calcàs, la cui alta scienza

avea già meritato di sentire

del grande Apollo ciascuna credenza,

volendo del futuro il vero udire,

qual vincesse, o la lunga sofferenza

de' Troiani o de' Greci il grande ardire,

conobbe e vide, dopo lunga guerra,

li Troian morti e distrutta la terra.

9

Per che segretamente di partirsi

diliberò l'antiveduto saggio,

e preso luogo e tempo di fuggirsi,

ver la greca oste si mise in viaggio;

onde allo 'ncontro assai vide venirsi,

che 'l ricevetter con lieto visaggio,

da lui sperando sommo e buon consiglio

in ciascheduno accidente o periglio.

Come Criseida si va a scusare ad Ettore del fallo di Calcàs suo padre
10

Fu 'l romor grande quando fu sentito,

per tutta la città generalmente,

che Calcàs era di quella fuggito,

e parlato ne fu diversamente,

ma mal da tutti, e ch'elli avea fallito,

e come traditor fatto reamente;

né quasi per la più gente rimase

di non andargli con fuoco alle case.

11

Avea Calcàs lasciato in tanto male,

sanza niente farlene sapere,

una sua figlia vedova, la quale

sì bella e sì angelica a vedere

era, che non parea cosa mortale:

Criseida nomata, al mio parere,

accorta, onesta, savia e costumata

quant'altra che in Troia fosse nata.

12

La qual sentendo il noioso romore

per la fuga del padre, assai dogliosa

quale era in tanto dubbioso furore,

in abito dolente e lagrimosa

ginocchion si gittò a piè d'Ettore,

e con voce e con vista assai pietosa,

scusando sé ed il padre accusando,

finì 'l dir suo mercé addimandando.

13

Era pietoso Ettòr di sua natura;

per che, vedendo di costei il pianto,

ch'era più bella ch'altra creatura,

con pio parlar la confortò alquanto,

dicendo: - Lascia con la ria ventura

tuo padre andar che n'ha offeso tanto,

e tu sicura, lieta e sanza noia,

con noi, mentre t'aggrada, ti sta' 'n Troia.

14

L'onore ed il piacer qual tu vorrai,

come Calcàs ci fosse, abbi per certo,

sempre da tutti quanti noi avrai;

a lui rendan gli dii il degno merto.

Ella di questo il ringraziò assai

e più volea, ma non le fu sofferto;

ond'ella si drizzò, e ritornossi

a casa sua, e quivi riposossi.

15

Quivi si stette con quella famiglia

ch'al suo onor convenia di tenere,

mentre fu 'n Troia, onesta a maraviglia

in abito ed in vita, né calere

le bisognava di figlio o di figlia,

come a colei che mai nessuno avere

n'avea potuto; e da ciascuno amata

che la conobbe fu ed onorata.

Ne' sacrifici tutti a Pallade nel tempio Troiolo schernisce gl'innamorati;
in quell'ora egli medesimo s'innamora
16

Le cose andavan sì come di guerra,

tra li Troiani e' Greci assai sovente;

tal volta uscieno i Troian della terra

sopra li Greci vigorosamente,

e spesse volte i Greci, s'el non erra

la storia, givano assai fieramente

fino in su' fossi e d'intorno rubando,

castella e ville ardendo e dibruciando.

17

E come che' Troian fosser serrati

dalli Greci nemici, non avvenne

che per ciò fosser mai intralasciati

li divin sacrificii, ma si tenne

per ciascun sempre in quelli modi usati;

ma con maggiore onore e più solenne,

ch'alcuno altro, Pallade onoravano

in ogni cosa, e più ch'altro guardavano.

18

Per che, venuto il vago tempo il quale

riveste i prati d'erbette e di fiori,

e che gaio diviene ogni animale

e 'n diversi atti mostra suoi amori,

li Troian padri al Palladio fatale

fer preparare li consueti onori;

alla qual festa donne e cavalieri

fur parimente, e tutti volentieri.

19

Tra li qua' fu di Calcàs la figliuola

Criseida, quale era in bruna vesta,

la qual, quanto la rosa la viola

di biltà vince, cotanto era questa

più ch'altra donna bella; ed essa sola

più ch'altra facea lieta la gran festa,

stando del tempio assai presso alla porta,

negli atti altiera, piacente ed accorta.

20

Troiolo giva, come soglion fare

i giovinetti, or qua or là veggendo

per lo gran tempio, e co' compagni a stare

or qui or quivi si giva ponendo;

ed ora questa ed or quella a lodare

incominciava e di ta' riprendendo,

sì come quelli a cui non ne piaceva

una più ch'altra, e sciolto si godeva.

21

Anzi talora in tal maniera andando,

veggendo alcun che fiso rimirava

alcuna donna seco sospirando,

a' suoi compagni ridendo il mostrava,

dicendo: - Quel dolente ha dato bando

alla sua libertà, sì gli gravava,

ed a colei l'ha messa tra le mani:

vedete ben se' suoi pensier son vani.

22

Che è a porre in donna alcuno amore?

Ché come al vento si volge la foglia,

così 'n un dì ben mille volte il core

di lor si volge, né curan di doglia

che per lor senta alcun loro amadore,

né sa alcuna quel ch'ella si voglia.

O felice colui che del piacere

lor non è preso, e sassene astenere!

23

Io provai già per la mia gran follia

qual fosse questo maladetto foco,

e s'io dicessi ch'amor cortesia

non mi facesse, ed allegrezza e gioco

non mi donasse, certo i' mentiria;

ma tutto il bene insieme accolto, poco

fu o niente, rispetto a' martiri

volendo avere ed a' tristi sospiri.

24

Or ne son fuor, mercé n'abbia colui

che fu di me più ch'io stesso pietoso,

io dico Giove, dio vero, da cui

viene ogni grazia, e vivomi in riposo;

e benché di veder mi giovi altrui,

io pur mi guardo dal corso ritroso,

e rido volentier degl'impacciati,

non so s'i' dica amanti o smemorati.

25

O ciechità delle mondane menti,

come ne seguon, sovente gli effetti

tutti contrarii a' nostri intendimenti!

Troiol va ora mordendo i difetti

e' solliciti amor dell'altre genti,

sanza pensare in che il ciel s'affretti

di recar lui, il quale Amor trafisse

più ch'alcun altro, pria del tempio uscisse.

26

Così adunque andandosi gabbando

or d'uno or d'altro Troiolo, e sovente

or questa donna or quella rimirando,

per caso avvenne che in fra la gente

l'occhio suo vago giunse penetrando

colà dov'era Criseida piacente,

sotto candido velo in bruna vesta

tra l'altre donne in sì solenne festa

27

Ella era grande, ed alla sua grandezza

rispondeano li membri tutti quanti,

e 'l viso avea adorno di bellezza

celestiale, e nelli suoi sembianti

quivi mostrava una donnesca altezza;

e col braccio il mantel tolto davanti

s'avea dal viso, largo a sé faccendo,

ed alquanto la calca rimovendo.

28

Piacque quell'atto a Troiolo e 'l tornare

ch'ella fé 'n sé alquanto sdegnosetto,

quasi dicesse: «E' non ci si può stare».

E diessi a più mirare il suo aspetto,

il qual più ch'altro in sé degno li pare

di somma lode, e seco avea diletto

sommo tra uomo ed uom di mirar fiso

gli occhi lucenti e l'angelico viso.

29

Né s'avvedea colui, ch'era sì saggio

poco davanti in riprendere altrui

che Amor dimorasse dentro al raggio

di quei vaghi occhi con li dardi sui,

né s'ammentava ancora dell'oltraggio

detto davanti de' servi di lui;

né dello strale, il quale al cor gli corse,

finché nol punse daddover, s'accorse.

30

Piacendo questa sotto il nero manto

oltre ad ogni altra a Troiol, sanza dire

che cagion quivi il tenesse cotanto,

occultamente il suo alto disire

mirava di lontano, e mirò tanto,

sanza niente ad alcuno discoprire,

quanto duraro a Pallade gli onori;

poi co' compagni uscì del tempio fori.

31

Né se n'uscì qual dentro v'era entrato

libero e lieto, ma n'uscì pensoso

ed oltre al creder suo innamorato,

tenendo bene il suo disio nascoso

per quel che poco avanti avea parlato:

non forse in lui ritorto l'oltraggioso

parlar fosse, se forse conosciuto

fosse l'ardor nel quale era caduto.

Troiolo, piaciutogli Criseida, di lei pensando seco delibera
di seguire il nuovo amore, d'essere innamorato ringraziando
32

Poi fu del nobil tempio dipartita

Criseida, Troiol al palagio tornossi

co' suoi compagni, e quivi in lieta vita

con lor per lungo spazio dimorossi;

per me' celar l'amorosa ferita,

di quei ch'amavan gran pezza gabbossi,

e poi mostrando ch'altro lo stringesse,

disse a ciascun ch'andasse ove volesse.

33

E partitosi ognun, tutto soletto

in camera n'andò ed a sedere

si pose, sospirando, a piè del letto,

e seco a rammentarsi del piacere

avuto la mattina dello aspetto

di Criseida cominciò, e delle vere

bellezze del suo viso, annoverando

a parte a parte, e quelle commendando.

34

Lodava molto gli atti e la statura,

e lei di cuor grandissimo stimava

ne' modi e nell'andare, e gran ventura

di cotal donna amar si reputava,

e vie maggior, se per sua lunga cura

potesse far, se quanto egli essa amava,

cotanto o presso da lei fosse amato,

o per servente almen non rifiutato.

35

Immaginando affanno né sospiro

poter per cotal donna esser perduto,

e che esser dovesse il suo disiro

molto lodato, se giammai saputo

da alcun fosse, e quinci il suo martiro

men biasimato essendo conosciuto,

argomentava il giovinetto lieto,

male avvisando il suo futuro fleto.

36

Per che, disposto a seguir tale amore,

pensò voler oprar discretamente,

pria proponendo di celar l'ardore,

concetto già nell'amorosa mente,

a ciascheduno amico o servidore,

se ciò non bisognasse, ultimamente

pensando che amore a molti aperto,

noia acquistava e non gioia per merto.

37

Ed oltre a questo, assai più altre cose,

qual da scoprire e qual da provocare

a sé la donna, con seco propose,

e quindi lieto si diede a cantare,

bene sperando, e tutto si dispose

di voler sola Criseida amare,

nulla pregiando ogni altra che veduta

ne gli venisse, o fosse mai piaciuta.

38

E verso Amore tal fiata dicea

con pietoso parlar: - Signor, omai

l'anima è tua che mia esser solea;

il che mi piace, però che tu m'hai,

non so s'io dica a donna ovvero a dea,

a servir dato, ché non fu giammai,

sotto candido velo in bruna vesta,

sì bella donna come mi par questa.

39

Tu stai negli occhi suoi, signor verace,

sì come in loco degno a tua virtute;

per che, se 'l mio servir punto ti piace,

da quei ti priego impetri la salute

dell'anima, la qual prostrata giace

sotto i tuoi piè, sì la ferir l'acute

saette che allora le gittasti,

che di costei 'l bel viso mi mostrasti.

Come Troiolo è soprapresso d'amore oltre il tuo avviso, e qual fosse la sua vita
40

Non risparmiarono il sangue reale,

né d'animo virtù ovver grandezza,

né curaron di forza corporale

che in Troiolo fosse, o di prodezza,

l'ardenti fiamme amorose, ma quale

in disposta materia secca o mezza

s'accende il foco, tal nel novo amante

messe le parti acceser tutte quante.41

Tanto di giorno in giorno col pensiero

e col piacer di quello or preparava

più l'esca secca dentro al core altiero,

e da' belli occhi trarre immaginava

acqua soave al suo ardor severo;

per che astutamente gli cercava

sovente di veder, né s'avvedea

che più da quegli il foco s'accendea.42

Costui o qua o là ch'el gisse, andando,

sedendo ancora, o solo o accompagnato,

com'el volesse, bevendo o mangiando,

la notte e 'l giorno ed in qualunque lato,

di Criseida sempre gia pensando;

e 'l suo valore e 'l viso dilicato

di lei - diceva - avanza Pulissena

d'ogni bellezza, e similmente Elena.

43

Né del dì trapassava nessuna ora

che mille volte seco non dicesse:

- O chiara luce che 'l cor m'innamora,

o Criseida bella, Iddio volesse

che 'l tuo valor, che 'l viso mi scolora,

per me alquanto a pièta ti movesse;

null'altro fuor che tu lieto può farmi,

tu sola se' colei che puoi atarmi.44

Ciascun altro pensier s'era fuggito

della gran guerra e della sua salute,

e sol nel petto suo era sentito

quel che parlasse dell'alta virtute

della sua donna; e, così impedito,

sol di curar l'amorose ferute

sollicito era, e quivi ogni intelletto

avea posto, e l'affanno e 'l diletto.45

L'aspre battaglie e gli stormi angosciosi,

ch'Ettor e gli altri suoi fratei facieno

seguiti da' Troian, dagli amorosi

pensieri però niente il rimovieno;

come che spesso, ne' più perigliosi

assalti, anzi ad ogni altro lui vedieno

mirabilmente nell'armi operare

color che stesser ciò forse a mirare. 46

Né a ciò odio de' Greci il movea,

né vaghezza ch'avesse di vittoria

per Troia liberar, la qual vedea

stretta d'assedio, ma voglia di gloria:

per più piacer tutto questo facea

e per amor, se 'l ver dice la storia,

divenne in arme sì feroce e forte,

che li Greci il temien come la morte. Troiolo più che mai acceso, prima dubita non Criseida ami altrui, appresso seco di sé ragiona e duolsi d'amore47

Aveagli già amore il sonno tolto,

e minuito il cibo, ed il pensiero

multiplicato sì che già nel volto

ne dava pallidezza segno vero,

come che egli il ricoprisse molto

con riso infinto e con parlar sincero;

e chi 'l vedea pensava ch'avvenisse

per noia della guerra ch'el sentisse.48

E qual si fosse non è assai certo:

o che Criseida non se n'accorgesse

per l'operar di lui ch'era coverto,

o che di ciò conoscer s'infignesse;

ma questo n'è assai chiaro ed aperto,

che niente pareva le calesse

di Troiolo e dell'amor che le portava,

ma come non amata dura stava.49

Di quinci sentia Troiol tal dolore

che dir non si poria, talor temendo

non Criseida fosse d'altro amore

presa, e per quello lui vilipendendo,

ricever nol volesse a servidore;

né, mille modi seco ripetendo,

veder poteva di farle sentire

onestamente il suo caldo disire.50

Onde quand'elli aveva spazio punto,

seco d'Amor si giva a lamentare

a sé dicendo: - Troiolo, or se' giunto

che ti solevi degli altri gabbare!

niun ne fu mai quanto tu consunto

per mal saperti da Amor guardare;

or se' nel laccio preso, il qual biasmavi

tanto negli altri ed a te non guardavi.51

Che si dirà di te intra gli amanti

se questo tuo amor fia mai saputo?

di te si gabberebbon tutti quanti,

di te direbbono: «ecco il provveduto

che' sospir nostri ed amorosi pianti

morder soleva già, ora è venuto

dove noi siamo; Amor ne sia lodato

ch'a tal partito l'ha ora recato».52

Che si dirà di te fra gli eccellenti

re e signor, se questo fia sentito?

Ben potran dir, di ciò assai scontenti:

«Vedi come questi è del senno uscito,

che 'n questi tempi noiosi e dolenti,

sì nuovamente d'amore è 'nretito!

Dove in la guerra dovria esser fiero,

egli in amar consuma il suo pensiero».53

Ed or fostù, o Troiolo dolente,

poscia ch'egli era dato che amassi,

preso per tal ch'un poco solamente

d'amor sentisse, onde ti consolassi!

Ma quella per cui piangi nulla sente

se non come una pietra, e così stassi

fredda com'al sereno intero ghiaccio,

ed io qual neve al foco mi disfaccio. 54

Ed or foss'io pur venuto al porto

al qual la mia sventura ora mi mena!

Questo mi saria grazia e gran conforto,

perché morendo uscirei d'ogni pena;

che se 'l mio mal, del qual nessuno accorto

ancora s'è, si scuopre, fia ripiena

la vita mia di mille ingiurie al giorno,

e, più ch'altro, sarò detto musorno.55

Deh aiutami, Amor! e tu per cui

io piango, preso più che altro mai;

deh, sii pietosa un poco di colui

che t'ama più che la sua vita assai,

volgi il bel viso oramai verso lui,

da colui mossa che in questi guai

per te, donna, mi tiene; io te ne priego,

deh, non mi far di questa grazia niego.56

Io tornerò se tu fai, donna, questo,

qual fiore in vivo prato in primavera,

né mi fia poscia l'aspettar molesto,

né il vederti sdegnosa od altiera;

e s'el t'è grave, almeno a me, che presto

ad ogni tuo piacer son, grida fera:

«Ucciditi» ch'io il farò di fatto,

credendoti piacere in cotal atto.57

Quinci diceva molte altre parole

piangendo e sospirando, e di colei

chiamava il nome sì come far suole

chi soverchio ama, e alli suoi omei

mercé non trova, ma tutte eran fole

e perdiensi ne' venti, ché a lei

nulla ne pervenia, onde il tormento

multiplicava ciascun giorno in cento.

Parte seconda Qui comincia la seconda parte del Filostrato, nella quale Troiolo manifesta il suo amore a Pandaro cugino di Criseida, il quale lui conforta e a Criseida scuopre l'occulto amore, e con prieghi e con lusinghe la induce ad amare Troiolo. E primamente, dopo altri ragionamenti, Troiolo a Pandaro, nobile giovane troiano, discuopre in tutto il suo amore

1

Standosi in cotal guisa un dì soletto

nella camera sua Troiol pensoso,

vi sopravvenne un troian giovinetto

d'alto legnaggio e molto coraggioso;

il qual veggendo lui sopra il suo letto

giacer disteso e tutto lacrimoso,

- Che è questo - gridò - amico caro?

Hatti già così vinto il tempo amaro? 2

- Pandaro, - disse Troiol - qual fortuna

t'ha qui guidato a vedermi languire?

Se la nostra amistà ha forza alcuna,

piacciati quinci doverti partire,

ch'io so che grave più ch'altra nessuna

cosa ti fora il vedermi morire;

ed io non son per più istare in vita,

tant'è la mia virtù vinta e smarrita.3

Né creder tu che l'assediata Troia,

o d'arme affanno, od alcuna paura

cagion mi sia della presente noia;

quest'è tra l'altre la mia minor cura.

Altro mi strigne a pur voler ch'i' moia,

dond'io mi dolgo per la mia sciagura;

che ciò si sia non ten curare, amico,

ch'i' 'l taccio per lo meglio e nol ti dico.4

Di Pandar crebbe allora la pietate

ed il disio di ciò voler sapere.

Ond'el seguì: - Se la nostra amistate,

discopri a me qual sia la crudeltate

che di morir ti fa tanto calere;

ch'atto non è d'amico, alcuna cosa

al suo amico ritener nascosa.5

Io vo' con teco patir queste pene,

se dar non posso a tua noia conforto,

perciocché all'amico si convene

ogni cosa partir, noia e diporto;

ed io mi credo che tu sappi bene

s'i' t'ho amato a diritto ed a torto,

e s'io farei per te ogni gran fatto,

e fosse che volesse, od in che atto.6

Troiolo trasse allora un gran sospiro

e disse: - Pandar, poscia che ti piace

pur di voler sentire il mio martiro,

dirotti brievemente che mi sface;

non perch'io speri che al mio disiro

per te si possa porre fine o pace,

ma sol per soddisfare al tuo gran priego,

al qual non so com'io mi metta al niego.7

Amore, incontro al qual chi si difende

più tosto pere ed adopera invano,

d'un piacer vago tanto il cor m'accende,

ch'io n'ho per quel da me fatto lontano

ciaschedun altro, e questo sì m'offende

come tu puoi veder, che la mia mano

appena mille volte ho temperata,

ch'ella non m'abbia la vita levata.8

Bastiti questo, caro amico mio,

sentir de' miei dolor, li quai giammai

più non scoversi; e priegoti per Dio,

s'alcuna fede al nostro amor tu hai,

ch'ad altri non discovra tal disio,

ché noia men poria seguire assai.

Tu sai quel c'hai voluto; vanne, e lascia

qui me combatter colla mia ambascia. 9

- Oh, - disse Pandar - com'hai tu potuto

tenermi tanto tal foco nascoso?

ché t'avrei dato consiglio od aiuto,

e trovato alcun modo al tuo riposo.

A cui Troiolo disse: - Come avuto

da te l'avrei, che sempre te doglioso

per amor vidi, e non ten sai atare?

Me, dunque, come credi soddisfare? 10

Pandaro disse: - Troiolo, i' conosco

che tu di' 'l ver, ma spesse volte avvene

che quei che sé non sa guardar dal tosco,

altrui per buon consiglio salvo tene,

e già veduto s'è andare il losco

dove l'alluminato non va bene;

e benché l'uom non prenda buon consiglio

donar lo puote nell'altrui periglio.11

Io ho amato sventuratamente

ed amo ancora per lo mio peccato;

e ciò avvien perché celatamente

non ho, sì come tu, altrui amato.

Sarà che Dio vorrà ultimamente:

l'amore ch'io t'ho sempre mai portato,

ti porto e porterò, né giammai fia

chi sappia che da te detto mi sia.12

Però ti rendi, amico mio, sicuro

di me, e dimmi chi ti sia cagione

di questo viver sì noioso e duro,

né temer mai di mia riprensione

d'amor, perciocché quei che savi furo

ne dichiarar, con lor savio sermone,

ch'amor di cuor non potea esser tolto

se non da sé per lungo tempo sciolto.13

Lascia l'angoscia tua, lascia i sospiri

e ragionando mitiga il dolore,

ché sì faccendo passano i martiri,

e molto ancora menoma l'ardore

quando compagni in simili disiri

colui si vede il quale è amadore;

ed io, come tu sai, oltre mia voglia

amo, né men può trar crescer di doglia.14

Forse fia tal colei che ti tormenta,

che 'n tuo piacer potrò oprare assai,

ed io farei la tua voglia contenta,

se io potessi, più ch'io non fei mai

la mia; tu il vedrai, purché io senta

chi sia colei per cui questa pena hai.

Leva su, non giacer, pensa che meco

ragionar puoi come con esso teco.15

Istette alquanto Troiolo sospeso,

e dopo il trarre d'un sospiro amaro,

e di rossor nel viso tutto acceso

per vergogna, rispose: - Amico caro,

cagione assai onesta m'ha difeso

di farti il mio amor palese e chiaro,

perciocché quella che qui m'ha condotto,

è tua parente. - E più non fece motto.16

E sopra il letto ricadde supino,

piangendo forte e nascondendo il viso.

A cui Pandaro disse: - Amico fino,

poca fidanza t'ha nel petto miso

cotal sospetto; orsù, lascia 'l tapino

pianto che fai, ché, s'io non sia ucciso,

se quella ch'ami fosse mia sorella,

al mio poter, avrai tuo piacer d'ella. 17

Leva su, dimmi, dì chi è costei,

dimmi, dì tosto, sì ch'io veggia via

al tuo conforto, ch'altro non vorrei.

E' ella donna che sia 'n casa mia?

Deh, dilmi tosto, ché, s'ell'è colei

ch'io vo meco pensando ch'ella sia,

non credo che trapassi il giorno sesto,

ch'io ti trarrò di stato sì molesto. 18

Troiolo a questo nulla rispondea,

ma ciascuna ora più 'l viso turava;

e pure udendo ciò che promettea

Pandaro, seco alquanto più sperava,

e volea dire e poi si ritenea,

tanto d'aprirlo a lui si vergognava;

ma stimolandol Pandaro, si volse

ver lui piangendo, e ta' parole sciolse: 19

- Pandaro mio, io vorrei esser morto,

pensando a quel ch'amore m'ha sospinto,

e s'io potessi, sanza farti torto,

celarlo, già non men sarei infinto;

ma più non posso, e se tu se' accorto

sì come suo', veder puoi che distinto

Amor non ha qual uom ami per legge,

fuor che colei cui l'appetito elegge.20

Altri, come tu sai, aman le suore,

e le suore i fratelli, e le figliuole

talvolta i padri, e' suoceri le nuore,

le matrigne i figliastri talor suole

anche avvenir; ma me ha preso Amore

per tua cugina, il che forte mi duole:

io dico per Criseida. - E questo detto,

boccon piangendo ricadde in sul letto.21

Come Pandaro udì colei nomare,

così ridendo disse: - Amico mio,

per Dio ti priego, non ti sconfortare.

Amore ha posto in parte il tuo disio,

tal che el nol potea meglio allogare,

perch'ella il val veracemente, s'io

m'intendo di costumi, o di grandezza

d'animo, o di valore o di bellezza.22

Nulla donna fu mai più valorosa,

nulla ne fu più lieta e più parlante,

nulla più da gradir né più graziosa,

nulla di maggiore animo tra quante

ne furon mai; né è sì alta cosa

ch'ella non imprendesse tanto avante

quanto alcun re, e che 'l cor non le desse

di trarla a fine, sol che si potesse. 23

Solo una cosa alquanto a te molesta

ha mia cugina in sé oltre alle dette,

che ella è più che altra donna onesta,

e più d'amore ha le cose dispette;

ma s'altro non ci noia, credo a questa

troverò modo con mie parolette

qual ti bisogna. Possi tu soffrire,

ben raffrenando il tuo caldo disire.24

Ben puoi dunque veder ch'Amor t'ha posto

in loco degno della tua virtute;

sta' dunque fermo nell'alto proposto

e bene spera della tua salute,

la quale io credo che seguirà tosto

se tu col pianto tuo non la rifiute.

Tu sei di lei ed ella di te degno,

ed io ci adoprerò tutto 'l mio 'ngegno.25

Né creder, Troiol, ch'io non veggia bene

non convenirsi a donna valorosa

sì fatti amori, e quel ch'ancor ne vene

ed a lei ed a' suoi, se cotal cosa

alla bocca del vulgo mai pervene;

ché, per follia di noi, vituperosa

è divenuta, dove esser dovea

onor, dappoi per amor si facea.26

Ma perciocché 'l disio s'è impedito

all'operare, e tutto simigliante

non conosciuto, parmi per partito

poter pigliar, che ciaschedun amante

possa seguir il suo alto appetito,

sol che sia savio in fatto ed in sembiante,

sanza vergogna alcuna di coloro

a cui tien la vergogna e l'onor loro.27

Io credo certo ch'ogni donna in voglia

vive amorosa, e null'altro l'affrena

che tema di vergogna; e s'a tal doglia

onestamente medicina piena

si può donar, folle è chi non la spoglia

e poco parmi le cuoca la pena.

La mia cugina è vedova e disia,

e se 'l negasse non gliel crederia.28

Per che, sentendo te saggio ed accorto,

a lei e ad amendue posso piacere,

ed a ciascun donar pari conforto,

poscia ch'occulto il dobbiate tenere,

e fia come non fosse; e farei torto,

se 'n ciò non ne facessi il mio potere

in tuo servigio; e tu sii savio poi,

in tener chiusa tale opera altrui.29

Udiva Troiol Pandaro contento

sì nella mente, ch'esser gli parea

quasi già fuor di tutto il suo tormento,

e più nel suo amor si raccendea;

ma poi ch'alquanto stato fu attento,

a Pandaro si volse e gli dicea:

- Io credo ciò che tu di' di costei,

e troppo ne par più agli occhi miei.30

Ma come mancherà per ciò l'ardore

ch'io porto dentro, che non vidi mai

ch'ella s'accorgesse del mio amore?

Ella nol crederà se tu 'l dirai;

poi, per tema di te, questo furore

biasimerà, e niente farai.

E se nel cor l'avesse, per mostrarti

d'essere onesta, non vorrà 'scoltarti.31

Ed oltre a questo, Pandar, non vorria

che tu credessi che io desiassi

di cotal donna alcuna villania.

Che e' le fosse a grado ch'io l'amassi

solamente vorrei: questo mi fia

sovrana grazia se io la 'mpetrassi.

Di questo cerca, e più non ti dimando.

Poi bassò 'l viso alquanto vergognando. 32

A cui, ridendo, Pandaro rispose:

- Niente nuoce ciò che tu ragioni.

Lascia far me, ché le fiamme amorose

ho per le mani e sì fatti sermoni,

e seppi già recar più alte cose

al fine suo con nuove condizioni.

Questa fatica tutta sarà mia,

e 'l dolce fine voglio che tuo sia.33

Troiolo destro si gittò in terra

del letto, lui abbracciando e basciando,

giurando appresso che la greca guerra

vincer nulla sariegli triunfando,

a petto a questo ardor che tanto 'l serra:

- Pandaro mio, io mi ti raccomando,

tu savio, tu amico, tu sai tutto

ciò che bisogna a dar fine al mio lutto. Pandaro discuore a Criseida l'amore che Troiolo le porta, e lei contradicente conforta ad amare lui34

Pandaro disioso di servire

il giovinetto, il quale e' molto amava,

lasciato lui dove gli piacque gire,

sen gì ver dove Criseida stava;

la qual, veggendo lui a sé venire,

levata in piè, di lungi il salutava,

e Pandar lei, cui per la man pigliata

in una loggia seco l'ha menata.35

Quivi con risa e con dolci parole,

con lieti motti e con ragionamenti

parentevoli assai, sì come suole

farsi talvolta tra congiunte genti,

si stette alquanto come quei che vuole

al suo proposto, con nuovi argomenti,

venir, se el potrà, e nel bel viso

cominciò forte a riguardarla fiso.36

Criseida che il vide, sorridendo

disse: - Cugin, non mi vedesti mai

che tu mi vai così mente tegnendo?

A cui rispose Pandaro: - Ben sai

ch'i' t'ho veduta e di vedere intendo,

ma tu mi par più che l'usato assai

bella ed hai più di che lodare Iddio

che altra bella donna, al parer mio.37

Criseida disse: - Che vuol dir cotesto?

Perché più ora che per lo passato?

A cui Pandar rispose lieto e presto:

- Però che 'l tuo è 'l più avventurato

viso che donna avesse mai in questo

mondo; se io non ne sono ingannato,

a sì fatto uomo ho sentito che piace

oltre misura sì che se ne sface.38

Criseida alquanto arrossò vergognosa

udendo ciò che Pandaro diceva,

e risembrava mattutina rosa.

Poi ta' parole a Pandaro moveva:

- Non ti far beffe di me, che gioiosa

d'ogni tuo ben sarei. Poco doveva

avere a far colui a cui io piacqui,

che mai più non avvenne poi ch'io nacqui. 39

- Lasciamo star li motti - disse allora

Pandaro - e dimmi: se' ten tu accorta?

A cui ella rispose: - Non ancora

più d'un che d'altro, se io non sia morta.

E' vero ch'io ci veggio ad ora ad ora

passare alcun che sempre alla mia porta

rimira, non so io s'el va cercando

di veder me, o altro va musando.40

Pandaro disse: - Chi è el colui?

A cui Criseida disse: - Veramente

io nol conosco, né ti so di lui

più oltre dire. - E Pandaro che sente

che di Troiol non dice ma d'altrui,

così seguì a lei subitamente:

Non è colui il qual tu hai feruto,

uom che non sia da tutti conosciuto.41

- Chi è dunque costui che si diletta

sì di vedermi? - Criseida disse.

A cui Pandaro allora: - Giovinetta,

poi che colui che 'l mondo circoscrisse

fece il primo uom, non credo più perfetta

anima mai 'n alcun altro venisse,

che quella di colui che t'ama tanto,

che dir non si potrebbe giammai quanto.42

Egli è d'animo altiero e di legnaggio

onesto molto, e cupido d'onore,

di senno natural più ch'altro saggio,

né di scienza n'è alcun maggiore;

prode ed ardito e chiaro nel visaggio,

io non potrei dir tutto il suo valore.

Deh, quanto ell'è felice tua bellezza,

poi che tal uomo più ch'altro l'apprezza.43

Ben è la gemma posta nell'anello,

se tu sei savia come tu sei bella:

se tu diventi sua così com'ello

è divenuto tuo, ben ha la stella

giunta col sole; né mai fu donzello

giunto sì bene ad alcuna donzella

come tu seco, se savia sarai:

beata te se tu 'l conoscerai!44

Solo una volta ha nel mondo ventura

qualunque vive, s'ei la sa pigliare;

chi lei vegnente lascia, sua sciagura

pianga da sé sanza altrui biasimare;

la tua vaga e bellissima figura

la t'ha trovata, or sappi adoperare.

Lascia me pianger che 'n malora nacqui,

ch'a Dio, al mondo ed a Fortuna spiacqui.45

- Tentimi tu, o parli daddovero,

- Criseida disse - o sei del senno uscito?

Chi dee aver di me piacere intero

se già non divenisse mio marito?

Ma chi è questi, dimmi, è el stranero

o cittadin, che per me è smarrito?

Dilmi s'tu vuoi e se dir lo mi dei,

e non chiamar sanza cagion gli omei. 46

Pandaro disse: - Egli è pur cittadino,

non de' minori, e mio amico è molto;

dal qual, per forza forse di destino

tratto ho del petto ciò che io t'ho sciolto.

El vive in pianto misero e meschino,

sì lo splendor l'accende del tuo volto;

e perché sappi chi cotanto t'ama,

Troiolo è quei che più ch'altro ti brama.47

Dimorò sovra sé Criseida allora

Pandaro riguardando, e tal divenne

qual da mattina l'aer si colora,

e con fatica le lagrime tenne

venute agli occhi per cadere fora.

Poscia come il perduto ardir rivenne,

un poco seco prima mormorando,

così a Pandar disse sospirando:48

- Io mi credeva, Pandaro, se io

in tal follia giammai fossi caduta,

che Troiolo venuto nel disio

mi fosse mai, tu m'avessi battuta

non che ripresa, sì come uom che 'l mio

onor cercar dovresti: oh Dio aiuta!

che faran gli altri, poi che tu t'ingegni

di seguir farmi gli amorosi regni?49

Ben so che Troiolo è grande e valoroso,

e ciascuna gran donna ne dovria

esser contenta; ma poi che 'l mio sposo

tolto mi fu, sempre la voglia mia

da amore fu lontana, ed ho doglioso

il core ancor della sua morte ria,

ed avrò mentre che sarò in vita,

tornandomi a memoria sua partita.50

E se alcuno il mio amor dovesse

aver, per certo a lui il donerei,

sol ch'io credessi che e' gli piacesse.

Ma come tu conoscer chiaro dei,

che or vaghezze si trovano spesse

chente egli ha ora, e quattro dì o sei

durano, e passan poscia di leggero,

cambiando amor, così cambia il pensiero.51

Però mi lascia tal vita menare

chente Fortuna apparecchiata m'have;

el troverà ben donna da amare

al piacer suo ed umile e soave;

a me onesta si convien di stare.

Pandar, per Dio, deh. non ti paia grave

questa risposta, e lui fa che conforti

con piacer nuovi e con altri diporti52

Pandaro seco si tenea scornato

udendo il ragionar della donzella,

e per partirsi quasi fu levato;

poi pure stette, e rivolsesi ad ella

dicendo: - Io t'ho, Criseida, lodato

quel ch'io farei a mia carnal sorella

o a mia figlia o moglie s'io l'avessi,

s'e miei piacer da Dio mi sian concessi.53

Però ch'io sento che Troiolo vale

cosa maggiore assai che non sarebbe

il tuo amore, e vidil ieri a tale,

per questo amor, che forte me ne 'ncrebbe.

Forse non credi e però non ten cale;

ben so ch'a forza te ne 'ncrescerebbe,

se sapessi quel ch'io del suo ardore.

Deh, 'ncrescati di lui per lo mio amore!54

Io non credo ch'al mondo sia alcuno

più segreto uom di lui né con più fede,

ed è leal quanto ne sia nessuno,

né più oltre di te disia o vede;

ed a te, stando in vestimento bruno,

giovane ancor, d'amare si concede.

Non perder tempo, pensa che vecchiezza

o morte torrà via la tua bellezza.55

- Oh me, - disse Criseida - tu di' vero,

così cen portan gli anni a poco a poco,

e' più si muoion prima che 'l sentiero

si compia, dato dal celeste foco.

Ma lasciamo ora di questo il pensiero,

e dimmi se d'amor sollazzo e gioco

ancor poss'io avere. In che maniera

t'avvedesti di Troiol la primiera?56

Sorrise allora Pandaro e rispose:

- Io 'l ti dirò da poi che 'l vuoi sapere.

L'altrieri, essendo in quiete le cose

per la triegua allor fatta, fu 'n calere

a Troiol ch'io con lui per selve ombrose

m'andassi diportando; ivi a sedere

postici, a ragionar cominciò meco

d'amore, e poi di lui a cantar seco. 57

Io non gli era vicin, ma mormorare

udendol, ver di lui mi feci attento,

e per quel ch'io mi possa ricordare,

ad Amor si dolea nel suo tormento,

dicendo: «Signor mio, già mi si pare

nel viso e ne' sospiri ciò ch'io sento

dentro dal cor per leggiadra vaghezza,

la qual m'ha preso con la sua bellezza.58

Tu stai colà dov'io porto dipinta

l'immagine che più ch'altro mi piace,

e quivi vedi l'anima che vinta

dalla folgore tua pensosa giace;

la qual la tiene intorno stretta cinta,

chiamando sempre quella dolce pace,

che gli occhi belli e vaghi di costei

sol posson dare, car signore, a lei.59

Dunque, per Dio, se 'l mio morir ti noia,

fallo sentire a questa vaga cosa,

e lei pregando, impetra quella gioia

che suole a' tuoi suggetti donar posa.

Deh, non voler, signor mio, che io moia,

deh, fal, per Dio, tu ve' che l'angosciosa

anima giorno e notte sempre grida,

tale ha paura ch'ella non l'uccida.60

Dubiti tu sotto la bruna vesta

d'accender le tue fiamme, signor mio?

Nulla ti fia maggior gloria che questa;

entra nel petto suo con quel disio

che dimora nel mio e mi molesta;

deh, fallo, i' te ne priego, signor pio,

sì che per te li suoi dolci sospiri

conforto portino alli miei disiri».61

E questo detto, forte sospirando,

bassò la testa non so che dicendo,

poscia si tacque quasi lagrimando.

In me di quel che era, ciò veggendo,

entrò sospetto, e proposi che, quando

tempo più atto fosse, un dì ridendo

di domandarlo ciò che la canzone

volesse dire, e poi della cagione. 62

Ma tempo a questo prima non occorse

che oggi ch'io 'l trovai tutto soletto:

andando io nella sua camera, in forse

se el vi fosse, ed egli era in sul letto,

e me vedendo, altrove si ritorse;

di che io presi alquanto di sospetto,

e fattomi più presso, ch'el piangea

il trovai forte, e forte si dolea.63

Come io seppi il più lo confortai,

e con nuova arte e con diverso ingegno,

di bocca quel ch'avesse gli cavai,

datagli pria la mia fede per pegno

ch'io nol direi ad alcun uom giammai.

Questa pietà mi mosse, e per lei vegno

a te, a cui in brieve ho soddisfatto

di quel che prieghi in ogni modo e atto.64

Tu che farai? Deh, dilmi, starai altera,

e lascerai colui, che sé non cura

per amar te, a morte tanto fera

venire? O reo distino, o rea ventura

ch'un sì fatto uom per te amando pera!

Almanco della tua vaga figura

non gli fostù né de' tuoi occhi cara,

forse il campresti ancor da morte amara.65

Criseida disse allora: - Di lontano

il segreto scorgesti del suo petto,

come ch'el ferma poi tenesse mano

quando il trovasti pianger sopra il letto;

e così 'l faccia Iddio lieto e sano

e me ancora, come per tuo detto

pietà me n'è venuta. Io non son cruda

come ti par, né sì di pietà nuda.66

E stata alquanto, dopo un gran sospiro,

trafitta già, seguì: - Deh, io m'avveggio

dove ti trae il pietoso disiro,

ed io il farò, poi piacer ten deggio,

ed egli il vale, e bastigli s'i' 'l miro;

ma per fuggir vergogna e forse peggio,

priegal ch'el sia saggio, e faccia quello

ch'a me biasmo non sia, né anche ad ello.67

- Sorella mia, - allor Pandaro disse

tu parli bene, ed io nel pregheraggio.

Vero è che io non credo ch'el fallisse,

tanto il conosco costumato e saggio,

fuor se per isciagura non venisse;

tolgalo Iddio, ed io ci metteraggio

compenso tal che ti sarà 'n piacere;

fatti con Dio e fa il tuo dovere.Come Criseida, partito Pandaro, seco ragionando, esamina se amare deggia Troiolo o no, e alla fine delibera di sì68

Partito Pandar, se ne gì soletta

nella camera sua Criseida bella,

seco nel cor ciascuna paroletta

rivolvendo di Pandaro e novella,

in quella forma ch'era stata detta,

e lieta seco ragiona e favella

in cotal guisa, seco sospirando,

oltre l'usato Troiol immaginando:69

«Io son giovane, bella, vaga e lieta,

vedova, ricca, nobile ed amata,

sanza figliuoli ed in vita quieta,

perché esser non deggio innamorata?

Se forse l'onestà questo mi vieta,

io sarò saggia, e terrò sì celata

la voglia mia, che non sarà saputo

ch'io aggia mai nel core amore avuto.70

La giovinezza mia si fugge ogni ora,

debbol'io perder sì miseramente?

Io non conosco in questa terra ancora

niuna sanza amante, e la più gente,

com'io conosco, veggio s'innamora,

ed io mi perdo il tempo per niente;

e come gli altri far non è peccato,

né ne può esser alcun biasimato.71

Chi mi vorrà se io c'invecchio mai?

Certo nessuno, ed allora avvedersi

altro non è se non crescer di guai.

Niente vale il dì dietro pentersi

e dir dolente: "perché non amai?".

Buon è adunque a tempo provvedersi:

costui è bel, gentil, savio ed accorto,

che t'ama, e fresco più che giglio d'orto,72

di real sangue e di sommo valore,

e Pandar tuo cugin tel loda tanto;

dunque che fai? Perché dentro dal core,

com'egli ha te, lui non ricevi alquanto?

Perché non gli dai tu il tuo amore?

Non odi tu la pièta del suo pianto?

Oh quanto bene ancora avrai con lui,

se com'egli ama te, tu ami lui!73

Ed ora non è tempo da marito,

e se pur fosse, la sua libertate

servare è troppo più savio partito.

L'amor che vien da sì fatta amistate

è sempre tra gli amici assai gradito:

ma, sia quanto vuol grande la biltate

che a' mariti tosto non rincresca,

vaghi d'avere ogni dì cosa fresca;74

l'acqua furtiva assai più dolce cosa

è che il vin con abbondanza avuto;

così d'amor la gioia che sia nascosa

trapassa assai del sempre mai tenuto

marito in braccio. Adunque vigorosa

ricevi il dolce amore, il qual venuto

t'è fermamente mandandolo Iddio,

e soddisfa al suo caldo disio».75

E stando alquanto, poi si rivolgea

nell'altra parte: «Misera», dicendo

«che vuoi tu far? Non sai tu quanto re

vita si trae con esso amor languendo,

nella qual sempre convien che si stea

in pianti ed in sospiri ed in dolendo,

avendo poi per giunta gelosia

che è peggio assai che ogni morte ria?76

Appresso, questi ch'al presente t'ama

è di troppo più alta condizione

che tu non sei; questa amorosa brama

gli passerà, ed in abusione

sempre t'avrà, e lasceratti grama,

d'infamia piena e di confusione.

Guarda che fai, ché il senno da sezzo

né fu, né è, né fia mai d'alcun prezzo.77

Ma posto pur che questo amor lontano

debba durar, come puoi tu sapere

ch'el debba star celato? Assai è vano

fidarsi alla Fortuna, e ben vedere

quanto uopo fa non può consiglio umano;

e se si scuopre aperto, puoi tenere

la fama tua in etterno perduta,

la qual sì buona hai fino a qui avuta.78

Dunque cotali amor lasciali stare

a cui e' piaccion». Poi appresso il detto

incominciava forte a sospirare,

né si poteva già dal casto petto

il bel viso di Troiolo cacciare;

per che tornava sopra il primo effetto

biasimando e lodando, in tale erranza

seco faccendo lunga dimoranza. Rapporta Pandaro a Troiolo quel ch'ha fatto, il quale, veduta Criseida, bene sperando, sommamente si rallegra79

Pandar, che da Criseida dipartito

s'era contento, sanza altrove gire,

a Troiolo diritto s'è reddito,

e di lontano gli cominciò a dire:

- Confortati, fratel, ch'i' ho fornito

gran parte, credo, del tuo gran disire.

E postosi a seder, gli disse ratto,

sanza interpor, com'era stato il fatto.80

Quali i fioretti, dal notturno gelo

chinati e chiusi, poi che 'l sol gl'imbianca,

tutti s'apron diritti in loro stelo,

cotal si fé di sua virtute stanca

Troiolo allora, e riguardando il cielo,

incominciò come persona franca:

- Lodato sia il tuo sommo valore,

Venere bella, e del tuo figlio Amore. 81

Poi Pandaro abbracciò mille fiate

e basciollo altrettante, sì contento

che più non saria stato se donate

gli fosser mille Troie; e lento lento

con Pandar solo, a veder la biltate

di Criseida andò, guardando attento

se alcun atto nuovo in lei vedeva,

per quel che Pandar ragionato aveva. 82

Ella si stava ad una sua finestra,

e forse quel ch'avvenne ella aspettava;

né si mostrò selvaggia né alpestra

verso di Troiol che la riguardava,

ma tutta volta in su la poppa destra,

onestamente verso lui mirava.

Di che allegro Troiol se ne gio,

grazie rendendo a Pandaro ed a Dio.83

E quella trepidezza che 'ntra due

Criseida tenea, sen fuggì via,

seco lodando le maniere sue,

gli atti piacevoli e la cortesia.

E sì subitamente presa fue,

che sopra ogni altro bene lui disia,

e duolle forte del tempo perduto,

che 'l suo amor non avea conosciuto.84

Troiolo canta e fa mirabil festa,

armeggia e dona e spende lietamente,

e spesso si rinnuova e cangia vesta,

ogni ora amando più ferventemente;

e per piacer non gli è cosa molesta

ancor seguir, mirar discretamente

Criseida, la qual, non men discreta,

gli si mostrava a' tempi vaga e lieta. Il riguardare di Criseida aaccende più Troiolo; di che egli ragiona con Pandaro, il quale il consigliò che egli lescrivesse ed egli il fa85

Ma come noi, per continua usanza,

per più legne veggiam foco maggiore,

così avvien, crescendo la speranza,

assai sovente ancor cresce l'amore;

e quinci Troiol con maggior possanza

che l'usato sentì nel preso cuore

l'alto disio spronarlo, onde i sospiri

tornar più fier che prima e li martiri.86

Di che Troiol con Pandaro talvolta

si dolea forte: - Lasso me, - dicendo

el m'ha Criseida sì l'anima tolta

co' suoi begli occhi, che morire intendo

per lo disio fervente che s'affolta

sì sopra il cuor nel quale io ardo e 'ncendo.

Deh, che farò? che contento dovria

solo esser della sua gran cortesia.87

Ella mi guata e soffere ch'io guati

onestamente lei; questo dovrebbe

essere assai a' miei disii 'nfiammati

ma l'appetito cupido vorrebbe

non so che più, sì mal son regolati

gli ardor che 'l muovon, e nol crederebbe

chi nol provasse, quanto mi tormenta

tal fiamma che maggiore ognor diventa.88

Che farò dunque? Io non so che mi fare,

se non chiamarti, Criseida bella;

tu sola sei che mi puoi aiutare,

tu, valorosa donna, tu sei quella

che sola puoi il mio foco attutare,

o dolce luce e del mio cor fiammella:

or stess'io teco una notte d'inverno,

cento cinquanta poi stessi in inferno. 89

Che farò, Pandar? Tu non di' niente?

Tu mi vedi arder in sì fatto fuoco,

e vista fai di non aver la mente

a' miei sospir? Deh, ve' com'io mi cuoco?

Aiutami, io ten priego caramente,

dimmi ch'io faccia, consigliami un poco;

se da te e da lei non ho soccorso,

di morte nelle reti son trascorso.90

Pandaro allora disse: - Io veggio bene

ed odo quanto di', né sonmi infinto,

né mai m'infingerò alle tue pene

donare aiuto, e sempre son succinto

a far non sol per te ciò che convene,

ma ogni cosa sanza esser sospinto

o da forza o da priego: fa tu ch'io

aperto veggia il tuo alto disio.91

Io so che 'n ogni cosa, per un sei

tu vedi più di me, ma tuttavia

io fossi in te, intera scriverei

ad essa di mia man la pena mia,

e sopra ciò per Dio la pregherei,

e per amore e per sua cortesia,

che di me le calesse; e questo scritto

io glielo porterò sanza rispitto.92

Ed oltre a questo, ancora a mio potere

la pregherò ch'abbi di te mercede.

Quel ch'ella rispondrà potrem vedere,

e già di certo l'animo mio crede

che sua risposta ti dovrà piacere;

e però scrivi, e ponvi ogni tua fede,

ogni tua pena, ed il disio appresso:

nulla lasciar che non vi sia espresso.93

Questo consiglio a Troiol piacque assai,

ma, come amante timido, rispose:

- Oh me, Pandaro, che tu vederai,

come si vede che son vergognose

le donne, ché lo scritto che portrai,

Criseida, per vergogna, con noiose

parole rifiutrà, e peggiorato

avremo oltre misura il nostro stato.94

A ciò Pandaro disse: - Se ti piace,

fa quel ch'io dico e me poi lascia fare,

ché, se Amor mi ponga in la sua pace,

io te ne credo risposta arrecare

di sua man fatta; se ciò ti dispiace,

timido e tristo te ne puoi stare.

Ripiaterai poi te del tuo tormento:

ché per me non riman farti contento.95

Allora disse Troiol: - Fatto sia

il piacer tuo; io vado e scriveraggio,

ed Amor priego, per sua cortesia,

lo scrivere e la lettera e 'l viaggio

fruttevol faccia. - E di quindi s'invia

alla camera sua, e come saggio

alla sua donna carissima scrisse

una lettera presto, e così disse:Scrisse Troiolo a Criseida che il muove a scrivere l'amore ch'egli me porta e le sue pene, e domandale mercé96

«Come può quei che in affanno è posto,

in pianto grave ed in stato molesto

come sono io per te, donna, disposto,

ad alcun dar salute? credo chesto

esser non dee da lui; ond'io mi scosto

da quel che gli altri fanno, e sol per questo

qui da me salutata non sarai,

perch'io non l'ho se tu non la mi dai.97

Io non posso fuggir quel ch'Amor vuole,

il qual più vil di me già fece ardito,

ed el mi strigne a scriver le parole

che tu vedrai, e vuol pure obbedito

esser da me sì come egli esser suole;

perciò se per me fia in ciò fallito,

lui ne riprendi, ed a me perdonanza

ti priego doni, dolce mia speranza. 98

L'alta bellezza tua, e lo splendore

de' tuoi vaghi occhi e de' costumi ornati,

l'onestà cara e 'l donnesco valore,

li modi e gli atti più ch'altro lodati,

nella mia mente hanno lui per signore

e te per donna in tal guisa fermati,

ch'altro accidente mai fuor che la morte

a tirarvine fuor non saria forte.99

E che ch'io faccia, l'immagine bella

di te sempre nel cor reca un pensiero,

ch'ogni altro caccia che d'altro favella

che sol di te, benché d'altro nel vero

all'anima non caglia, fatta ancella

del tuo valor, nel quale io solo spero:

e 'l nome tuo m'è sempre nella bocca

e 'l cor con più disio ognor mi tocca.100

Da queste cose, donna, nasce un foco

che giorno e notte l'anima martira,

sanza lasciarmi in posa trovar loco.

Piangonne gli occhi e 'l petto ne sospira,

e consumar mi sento a poco a poco

da questo ardor che dentro a me si gira;

per che ricorrere alla tua virtute

sol mi convien, s'io voglio aver salute.101

Tu sola puoi queste pene noiose,

quando tu vogli, porre in dolce pace,

tu sola puoi l'afflizion penose,

madonna, porre in riposo verace,

tu sola puoi, con l'opre tue pietose,

tormi il tormento che sì mi disface;

tu sola puoi, sì come donna mia,

adempier ciò che lo mio cor disia.102

Dunque, se mai per pura fede alcuno,

se mai per grande amor, se per disio

di ben servire ognora in ciascheduno

caso, qual si volesse o buono o rio,

meritò grazia, fa ch'io ne sia uno,

cara mia donna, fa ch'io sia quello io,

ch'a te ricorro sì come a colei

che se' cagion di tutti i sospir miei.103

Assai conosco che mai meritato

non fu per mio servir quel per che vegno,

ma sola tu che m'hai il cor piagato,

e altri no, di maggior cosa degno

mi puoi far, quando vogli; o disiato

ben del mio cor, pon giù l'altiero sdegno

dell'animo tuo grande, e sii umile

ver me, quanto negli atti sei gentile.104

Or io son certo che sarai pietosa

come sei bella, e la mia grave noia,

discretamente lieta e graziosa,

sanza voler ch'io misero muoia

per molto amarti, donna dilettosa,

ancora tornerà in dolce gioia;

ed io ten priego, se 'l mio priego vale,

per quello amor del quale or più ti cale. 105

Io come ch'io sia un piccol dono,

e poco possa e vaglia molto meno,

sanza fallo alcun tutto tuo sono;

or tu sei savia: s'io non dico appieno,

intenderai, so, me' ch'io non ragiono,

e spero simil che l'opere fieno

migliori assai che, miei merti e maggiori;

Amore a ciò ti disponga ed incuori.106

El mi restava molte cose a dire,

ma per non farti noia le vo' tacere,

e 'n questa fine priego il dolce sire

Amor che, come te nel mio piacere

ha posta, così me nel tuo disire

ponga con quel medesimo volere,

sì che, com'io son tuo, alcuna volta

tu mia diventi, e mai non mi sia tolta».107

Scritte adunque tutte queste cose

in una carta, per ordin piegolla,

e 'n sulle guance tutte lagrimose

bagnò la gemma, e quindi suggellolla,

e nelle mani a Pandaro la pose,

ma mille volte e più prima basciolla:

- Lettera mia - dicendo - tu sarai

beata, in man di tal donna verrai.Porta Pandaro la lettera di Troiolo a Crisedia, la quale innanzi che la togliesse si turbò un pochetto 108

Pandaro, presa la lettera pia,

n'andò verso Criseida, la quale

come 'l vide venir, la compagnia

con la quale era lasciata, cotale

gli si fé 'ncontro parte della via,

qual pare in vista perla orientale,

temendo e disiando; e' salutarsi

di lunge assai, poi per le man pigliarsi. 109

Quindi disse Criseida: - Quale affare

or qui ti mena? Hai tu altre novelle?

Alla qual Pandar sanza dimorare

disse: - Donna, per te l'ho buone e belle,

ma non tai per altrui, come mostrare

ti potran queste scritte tapinelle

di colui che per te mi par vedere

morir, sì poco te n'è in calere.110

Telle, e vedraile diligentemente,

e d'alcuna risposta il farai lieto.

Stette Criseida temorosamente

sanza pigliarle; un poco il mansueto

viso cambiò, e quindi pianamente

disse: - Deh, Pandar mio, se in quieto

stato ti ponga Amore, abbi rispetto

alquanto a me, non pure al giovinetto.111

Guarda se quel che vuogli or si convene,

e tu stesso sia giudice in questo,

e vedi se prendendole fo bene,

e se 'l tuo domandare è tanto onesto.

El non si vuole per levar le pene

altrui, per sé fare atto disonesto.

Deh, non le mi lasciar, Pandaro mio,

portale indietro, per amor di Dio.112

Pandaro, alquanto di questo turbato,

disse: - Questo è a pensar nuova cosa,

che quel ch'è più dalle donne bramato,

di ciò ciascuna e ischifa e cruciosa

si mostra innanzi altrui; io t'ho parlato

tanto di questo, ch'omai vergognosa

non dovresti esser meco: io te ne priego

che or di questo non mi facci niego. 113

Criseida sorrise lui udendo,

e quelle prese e miselesi in seno:

- Quando avrò agio - poi a lui dicendo

le vederò com'io saprò appieno.

Se io fo men che ben questo faccendo,

il non poter del tuo piacer far meno

me n'è cagione; Iddio del cielo il veggia

ed alla mia simplicità provveggia. Legge Criseida la lettera di Troiolo con diletto e, piacendole d'essergli benivola, forte ad amare lui si dispone114

Partissi Pandar poi gliel'ebbe date,

ed essa, vaga molto di vedere

quel che dicesser, sue cagion trovate,

le compagne lasciò, ed a sedere

ne gì nella sua camera, e spiegate,

lesse e rilesse quelle con piacere,

e ben s'accorse che Troiolo ardea

vie più assai che 'n atto non parea.115

Il che caro le fu, perché trafitta

esser sentiesi l'anima nel core,

di che ella viveva molto afflitta,

come che punto non paresse fuore;

e ben notata ogni parola scritta,

di ciò lodò e ringraziò Amore,

seco dicendo: «A spegner questo foco»

conviene a me trovare e tempo e loco.116

Ché s'io il lascio in troppo grande arsura

multiplicare, el potrebbe avvenire

che nella scolorita mia figura

si vederebbe il nascoso disire,

che mi saria non piccola sciagura.

Ed io per me non intendo morire,

né far morire altrui, quando con gioia

posso schifar la mia e l'altrui noia.117

Io non sarò per lo certo disposta,

come io sono infino a quici stata;

se Pandar tornerà per la risposta,

io gliela darò piacevole e grata,

s'el mi costasse come non mi costa;

né da Troiol sarò mai più spietata

potuta dire. Or foss'io nelle braccia

dolci di lui stretta e faccia a faccia!». Torna Pandaro a Criseida per la risposta, la quale dopo alquanti motti promise di farla e fecela118

Pandaro che da Troiolo sovente

era studiato, a Criseida reddio,

e sorridendo disse: - Donna, chente

ti par lo scriver dello amico mio?

Ella divenne rossa incontanente,

sanza dire altro se non: - Sallo Iddio.

A cui Pandaro disse: - Hai tu risposto?

A cui ella gabbando disse: - Tosto?119

- S'io debbo mai potere adoperare

per te, - Pandaro disse - or fa di farlo.

Ed ella a lui: - E' nol so io ben fare.

- Deh, - disse Pandar - pensa di appagarlo,

e' suole Amor saper bene insegnare.

Io ho sì gran disio di confortarlo

che tu nol crederesti, in fede mia:

la tua risposta sol questo poria.120

- Ed io 'l farò poiché t'aggrada tanto,

ma voglia Iddio che ben la cosa vada!

- Deh, sì andrà - disse Pandaro - in quanto

colui il vale, a cui più ch'altro aggrada.

Poi si partì, ed ella dall'un canto

della camera sua, ove più rada

usanza di venire ad ogni altro era,

a scriver giù si pose in tal manera: Risponde Criseida a Troiolo, il quale non legando né sciogliendo, del suo amore cautamente il lascia sospeso121

«A te amico discreto e possente,»il qual forte di me

inganna Amore,

come uom preso di me 'ndebitamente,

Criseida, salvato il suo onore,

manda salute, e poi umilemente

si raccomanda al tuo alto valore,

vaga di compiacerti, dove sia

l'onestà salva e la castità mia.122

Io ho avuto da colui che t'ama

tanto perfettamente ch'el non cura

già d'alcun mio onor né di mia fama,

le carte piene della tua scrittura,

nelle quai lessi la tua vita grama,

non sanza doglia, s'io abbia ventura

che mi sia cara, e benché sien fregiate

di lucciole, pur l'ho assai mirate.123

Ed ogni cosa con ragion pensando,

e l'afflizioni e 'l tuo addomandare,

la fede e la speranza essaminando,

non veggio com'io possa soddisfare

assai acconciamente al tuo dimando,

volendo bene ed intero guardare

ciò che nel mondo più è da gradire,

che è onesta vivere e morire.124

Come che il piacerti saria bene,

se 'l mondo fosse tal chente dovrebbe,

ma perché è tal quale a noi si convene

per forza usarlo, seguir ne potrebbe,

altro faccendo, disperate pene.

Alla pietà per cui di te m'increbbe,

malgrado mio, pur mi convien dar lato,

di che sarai da me poco appagato. 125

Ma è sì grande la virtù ch'io sento

in te, ch'io so ch'aperto vederai

ciò ch'a me si conviene, e che contento

di ciò che io ti rispondo sarai,

e porrai modo al tuo grave tormento,

che nel cor mi dispiace e noia assai;

e 'n verità s'el non si disdicesse,

quel volentier farei che ti piacesse. 126

Poco è lo scriver, come puoi vedere,

e mi' arte in questa lettera, la quale

vorrei che più ti recasse piacere,

ma non si può ciò che si vuole aguale;

forse farà ancor luogo il potere

al buon volere, e se non ti par male,

presta alla pena tua alquanto sosta,

perché non ha ogni detto risposta.127

Il proferer che fai qui non ha loco,

ché certa son ch'ogni cosa faresti;

ed io nel ver, come ch'io vaglia poco

vie più che mille volte mi potresti

e puoi aver per tua, se crudel foco

non m'arda, il che son certa non vorresti.

Né dico più se non ch'io priego Iddio

che ne contenti il tuo e 'l mio disio».Riceve Troiolo la risposta di Criseida e quella con Pandaro esamina, lieta speranza per quella prendendo 128

E poi che ella ebbe in tal guisa detto,

la ripiegò e suggellolla e diella

a Pandaro, il qual, tosto il giovinetto

Troiol cercando, a lui n'andò con ella,

e presentagliel con sommo diletto;

il qual, presala, ciò che scritto in quella

era con festa lesse sospirando,

secondo le parole il cor cambiando.129

Ma pure in fine, seco ripetendo

bene ogni cosa che ella scrivea,

disse fra sé: - Se io costei intendo

amor la stringe, ma sì come rea,

sotto lo scudo ancor si va chiudendo;

ma non potrà, pur che forza mi dea

Amore a sofferir, guari durare,

ch'ella non vegna a tutt'altro parlare.130

E 'l simigliante ne pareva ancora

a Pandaro, col quale el dicea tutto;

per che più che l'usato si rincora

Troiol, lasciando alquanto il tristo lutto,

e spera in brieve deggia venir l'ora

ch'al suo martiro deggia render frutto:

e questo chiede, e dì e notte chiama

come colui che solamente il brama.Crescendo l'ardore di Troiolo, Pandaro desideroso di servirlo induce Creseida a dover esser con lui131

Crescea di giorno in giorno più l'ardore

e come che speranza l'aiutasse

a sostener, pur gli era grave al core,

e deesi creder che assai il noiasse;

per che più volte del suo gran fervore

stimar si può che lettere dittasse.

Alle quai quando lieta e quando amara

risposta gli veniva, e spessa e rara.132

Per che sovente d'Amor si dolea,

e di Fortuna cui tenea nemica,

e spesse volte: «Oh me,» seco dicea

s'un poco pur la pungesse l'ortica

d'amor, com'ella me trafigge e screa,

la vita mia, di solazzo mendica,

tosto verrebbe al grazioso porto,

al qual prima ch'io vegna sarò morto».133

Pandaro, che sentia le fiamme accese

nel petto di colui cui egli amava,

era de' prieghi suoi spesso cortese

a Criseida, e tutto le narrava

ciò che di Troiol vedeva palese;

la quale, ancor che lieta l'ascoltava,

diceva: - Io non posso altro, io gli fo quello

che m'imponesti, caro mio fratello.134

- Non basta questo: - Pandar rispondea

io vo' che tu 'l conforti e che gli parli.

A cui Criseida allo 'ncontro dicea:

- Cotesto non intendo mai di farli,

ché la corona dell'onestà mea,

per partito verun non vo' donarli;

come fratel, per la sua gran bontate

l'amerò sempre con ferma onestate. 135

Pandaro rispondea: - Questa corona

lodano i preti a cui tor non la ponno,

e ciaschedun com'un santo ragiona,

e poi vi colgon tutte quante al sonno.

Di Troiol non saprà giammai persona;

or pena assai e fa pur ben del donno.

Assai fa mal chi può far ben nol face,

e perder tempo a chi più sa più spiace.136

Criseida dicea: - La sua virtute

tenera so ch'ell'è del mio onore,

né da me altro che cose dovute

domanderia, tanto è il suo valore;

ed io ti giuro, per la mia salute,

ch'io son, da quel che tu dimandi in fore,

sua mille volte più ch'io non son mia,

tanto m'aggrada la sua cortesia.137

- Se el t'aggrada, or che vai tu cercando?

Deh, lascia star questa salvatichezza.

Intendi tu che el si moia amando?

Ben potrai cara aver la tua bellezza,

s'uccidi un cotale uom; deh, dimmi quando

tu vuoi ch'ei vegna a te, cui el più prezza

che non fa 'l cielo, e dimmi come e dove;

non voler vincer tutte le sue prove.138

- Oimè lassa! a che m'hai tu condotta,

Pandaro mio, e che vuoi tu ch'io faccia!

Tu hai l'onestà mia spezzata e rotta,

io non ardisco di mirarti in faccia.

Oh me lassa, me misera, a che otta

la riavrò io? il sangue mi s'agghiaccia

intorno al cor, pensando quel che chiedi,

e tu non te ne curi e chiaro il vedi.139

Io vorrei esser morta il giorno ch'io

qui nella loggia tanto t'ascoltai;

tu mi mettesti nel core un disio

ch'appena credo ch'el n'esca giammai,

e che mi fia cagion dell'onor mio

perdere e, lassa, d'infiniti guai.

Ma più non posso; poiché t'è 'n piacere,

disposta sono a fare il tuo volere.140

Ma s'alcun priego può nel tuo cospetto,

ti priego, dolce e caro mio fratello,

ch'a tutti ciascun nostro fatto o detto

occulto sia: tu puoi ben veder quello

che seguir ne poria, se tale effetto

venisse a luce. Deh, parlane ad ello

e fannel savio, e come tempo fia,

io farò quel che suo piacer disia.141

Rispose Pandar: - Guarda la tua bocca,

ché el per sé, né io, mai nol diremo.

- Or haimi tu - diss'ella - per sì sciocca,

che vedi di paura tutta triemo

ch'el non si sappia? Ma poiché ti tocca

l'onore e la vergogna che n'avremo

sì come a me, passerommene in pace,

e tu ne fa omai come ti piace.142

Pandar disse: - Di ciò non dubitare,

ché in ciò avrem ben buona cautela.

Quando vuoi tu ch'el ti vegna a parlare?

Traiamo omai a capo questa tela,

ché farlo tosto, poiché si dee fare,

fia molto meglio, e molto me' si cela

dopo il fatto l'amor, poscia ch'avrete

composto insieme ciò che far dovrete. 143

- Tu sai - disse Criseida - che in questa

casa son donne ed altre genti meco,

delle quai parte alla futura festa

debbono andare; allora sarò seco.

Questa tardanza non gli sia molesta;

del modo e del venire allora teco

favellerò; fa pure ch'el sia saggio,

e sappia ben celare il suo coraggio.

Parte quarta

Qui comincia la quarta parte del Filostrato nella quale si mostra primamente perché avvenisse che Criseida fosse renduta al padre; Calcàs domanda uno scambio di prigioni e gli è conceduto Antenore; richiedesi Criseida; deliberasi di renderla; Troiolo si duole primieramente seco, appresso con Pandaro ragionano varie cose per consolazione di Troiolo; perviene la fama a Criseida della sua futura partita; visitanla donne, le quali partite, Criseida piange; Pandaro ordina con lei che Troiolo si vada la sera; egli va; ella tramortisce; Troiolo si vuole uccidere, ella si risente; vannosi a letto, piangono e ragionano varie cose; ultimamente Criseida promette di tornare al decimo giorno; Troiolo si parte. E primieramente combattono i Troiani dove molti ne sono presi e morti da' Greci1

Tenendo i Greci la cittade stretta

con forte assedio, Ettòr, nelle cui mani

era tutta la guerra, fé seletta

de' suoi amici e ancora de' Troiani,

e valoroso con sua gente eletta

incontro a' Greci uscì ne' campi piani

come più altre volte fatto avea,

con vari accidenti alla mislea.2

Vennergli i Greci incontro, e con battaglia

dura quel giorno consumaron tutto;

ma de' Troiani alfine la puntaglia

non resse bene, onde opportuno al tutto

fu il fuggir con danno e con travaglia,

e molti ne moriro in doglia e lutto,

ed assai ve ne furon per prigioni,

nobili re ed altri gran baroni.3

Tra li quai fu 'l magnifico Antenore,

Polidamàs, suo figlio, e Menesteo,

Santippo, Sarpidon, Polinestore,

Polite ancora ed il troian Rifeo,

e molti più cui la virtù d'Ettore,

nel partirsi, riscuoter non poteo;

sì che gran pianto e cruccio fu in Troia,

e quasi annunzio di vie piggior noia.4

Chiese Priamo triegua e fugli data,

e cominciossi a trattare in fra loro

di permutar prigioni quella fiata,

e per li sopra più di donare oro.

Il che Calcàs sentendo, con cambiata

faccia si mise e con pianto sonoro

infra li Greci, e per lo gridar fioco

pure impetrò che l'udissero un poco.Orazion di Calcàs a' Greci, nella quale spiega loro i suoi meriti e poi domanda alcun prigione per cuiùriabbia Criseida5

- Signor miei - cominciò Calcàs - io fui

troian, sì come voi tutti sapete,

e se ben vi ricorda, io son colui

il qual primiero a quel per che ci sete

recai speranza, e dissivi che vui

a termine dovuto l'otterrete,

cioè vittoria della vostra impresa,

e Troia fia per voi disfatta e 'ncesa.6

L'ordine e 'l modo ancora da tenere

in ciò sapete, ch'io v'ho dimostrato;

e perché tutte venissero intere

le voglie vostre nel tempo spiegato,

sanza fidarmi in alcun messaggiere,

o in libello aperto o suggellato,

a voi, com'egli appar, ne son venuto

per darvi in ciò e consiglio ed aiuto.7

Il che volendo far, fu opportuno

che con ingegno e molto occultamente,

sanza ciò fare assentire a nessuno,

io mi partissi, e fello, di presente

che 'l chiaro giorno fu tornato bruno,

me n'uscii fuori, e qui tacitamente

ne venni, e nulla meco ne recai,

ma ciò ch'aveva tutto vi lasciai.8

Di ciò nel ver poco o nulla mi curo,

fuor d'una mia figliuola giovinetta

ch'io vi lasciai; oh me, padre duro

e rigido ch'io fui, costei soletta

menata n'avess'io qui nel sicuro!

Ma nol sofferse la tema e la fretta:

questo mi duol di ciò ch'io lasciai 'n Troia,

questo mi toglie ed allegrezza e gioia.9

Né tempo ancor di richieder poterla

veduto ci ho, però taciuto sono,

ma ora è tempo di potere averla,

se da voi posso impetrar questo dono;

e s'or non s'ha, giammai di rivederla

più non ispererò, e 'n abbandono

la vita mia omai lascerò gire,

sanza curar più 'l viver che 'l morire.10

Qui son con voi di nobili baroni

troiani, ed altri assai, cui voi cambiate

con gli avversarii pe' vostri prigioni;

un sol de' molti a me me ne donate,

in luogo delle cui redenzioni

io riabbia mia figlia: consolate,

per Dio, signor, questo vecchio cattivo,

che d'ogni altro sollazzo è voto e privo.11

Né d'aver or per li prigion vaghezza

vi tragga, ch'io vi giuro per Iddio,

ch'ogni troiana forza, ogni ricchezza

è nelle vostre man per certo; e s'io

non me ne inganno, tosto la prodezza

fallerà di colui che al disio

di tutti voi tien serrate le porte,

come apparrà per violenta morte. Fu conceduto Antenore a Calcàs, e in presenza di Troiolo domandata Criseida, e deliberato ch'ella si rendesse12

Questo dicendo il vecchio sacerdote,

umile nel parlare e nell'aspetto,

sempre rigava di pianto le gote,

e la canuta barba e 'l duro petto

tutto bagnato avea; né furon vote

le sue preghiere di pietoso effetto;

ché, lui tacendo, i Greci con romore

tutti gridaron: - Diaglisi Antenore.13

Così fu fatto, e Calcàs fu contento,

e la bisogna impose a' trattatori,

li quali al re Priamo il suo talento

dissero, ed a' figliuoli ed a' signori

ch'ancora v'erano, onde un parlamento

di ciò si tenne, ed agli ambasciatori

risposer brieve se gli addomandati

rendesser loro, i lor fosser donati.14

Troiolo al domandare era presente

che fero i Greci, e Criseida udendo

richieder, dentro al cor subitamente

per tutto si sentì ir trafiggendo

e d'una doglia sì acutamente,

che morir si credette ivi sedendo;

ma con fatica pur dentro ritenne

l'amore e 'l pianto, come si convenne.15

E pien d'angoscia e di fiera paura,

quel che fosse risposto ad aspettare

incominciò, con non usata cura

seco volvendo quel ch'avesse a fare,

se tanta fosse la sua isciagura

che tra' fratei sentisse dilibrare

che a Calcàs Criseida si rendesse,

come sturbarlo del tutto potesse.16

Amore il facea pronto ad ogni cosa

doversi opporre, ma d'altra parte era

ragion che 'l contrastava, e che dubbiosa

faceva molto quella impresa altiera,

non forse di ciò fosse corrucciosa

Criseida per vergogna: e 'n tal manera,

volendo e non volendo or questo or quello,

intra due stava il timido donzello.17

Mentre che egli in cotal guisa stava

sospeso, molte cose ragionate

fur tra' baron, di quel che bisognava

ora al presente per le cose state,

e, com'è detto, a chi quelle aspettava

fur le risposte interamente date,

e che fosse Criseida renduta

che mai non v'era stata sostenuta.Tramortisce Troiolo udendo che Criseida si rendeva, e subitamente si partì dal parlamento18

Qual poscia ch'è dall'aratro intaccato

ne' campi il giglio, per soverchio sole

casca ed appassa, e 'l bel color cangiato

pallido fassi, tale alle parole

rendute a' Greci del diterminato

consiglio infra' Troiani, 'n tanta mole

di danno e di periglio, tramortito

lì cadde Troiol d'alto duol ferito. 19

Il qual Priamo prese infra le braccia,

ed Ettore e' fratei, temendo forte

dell'accidente, e ciascun si procaccia

di confortarlo, e le sue forze morte,

ora i polsi fregando ed or la faccia

bagnandogli sovente, come accorte

persone, s'ingegnavan rivocare,

ma poco ancor valeva l'adoprare.20

Esso giacea fra' suoi disteso e vinto

ed un poco di spirto ancor avea,

e 'l viso suo pallido e smorto e tinto

era tututto, e più morta parea

che viva cosa, di pietà dipinto

in guisa tal, ch'ognun pianger facea;

sì grieve fu l'alto tuon che l'offese,

quando di render Criseida intese.21

Ma poi che la sua anima dolente,

per lungo spazio, pria che ritornasse,

vagata fu, ritornò chetamente;

ond'esso, quale alcun che si svegliasse

stordito tutto, in piè subitamente

si levò su, e pria che 'l domandasse

alcun che fosse ciò ch'avea sentito,

altro fingendo, da lor s'è partito.22

E verso il suo palagio se ne gio,

sanza ascoltare o volgersi ad alcuno,

e tal qual era sospiroso e pio,

sanza voler compagnia di nessuno,

nella camera ginne, e che disio

di riposarsi avea, disse; onde ognuno,

amico e servitor quantunque caro,

n'uscì, ma pria le finestre serraro.L'autore che della sua donna suole l'aiuto chiamare, qui il rifiuta dicendo come dolente senz'esso sapere gli altrui doloriùraccontare23

A quel che segue, vaga donna, appresso,

non curo guari se non se' presente,

perciocché 'l mio ingegno da se stesso,

se la memoria debol non gli mente,

saprà 'l grave dolor, dal quale oppresso

per la partenza tua tristo si sente,

ben raccontar sanza alcun tuo soccorso,

che se' cagion di sì amaro morso.24

Io ho infino a qui lieto cantato

il ben che Troiol sentì per amore,

come che di sospir fosse mischiato;

or di letizia volgere in dolore

convienmi; per che, se da te 'scoltato

non son, non curo, che a forza il core

ti cangerà, faccendoti pietosa

della mia vita più ch'altra dogliosa.25

Ma se pur viene a' tuoi orecchi mai,

priegoti, per l'amore il qual ti porto,

che abbi alcun rispetto alli miei guai,

e ritornando mi rendi il conforto

il qual col tuo partir levato m'hai:

e se discaro t'è trovarmi morto,

ritorna tosto, ché poca è la vita,

la qual lasciata m'ha la tua partita. Discrive l'autore i pianti l'angoscie e' ramarichii di Troiolo per la futura partita di Criseida26

Rimaso adunque Troiolo soletto

nella camera sua serrata e scura,

e sanza aver di nessun uom sospetto,

o di potere udito esser paura,

il raccolto dolor nel tristo petto

per la venuta subita sventura

cominciò ad aprire in tal maniera,

ch'uom non parea, ma arrabbiata fera.27

Né altrimenti il toro va saltando

or qua or là, da poi c'ha ricevuto

il mortal colpo, e misero mugghiando

conoscer fa qual duolo ha conceputo,

che Troiolo facesse, nabissando

se stesso, e percotendo dissoluto

il capo al muro e con le man la faccia,

con pugni il petto e le dolenti braccia.28

Li miseri occhi per pietà del core

forte piangean, e parean due fontane

ch'acqua gittassero abbondevol fore;

gli alti singhiozzi del pianto alle vane

parole ancor toglievano il valore,

le quali ancor delle passate strane

null'altro fuor che morte gian chiedendo,

gl'iddii e sé biastemmiando e schernendo.29

Ma poi che la gran furia diede loco,

e per lunghezza temperossi il pianto,

Troiolo acceso nel dolente foco,

sopra il suo letto si gittò alquanto,

non ristando però molto né poco

di pianger forte e di sospirar tanto,

che 'l capo e 'l petto appena gli bastava

a tanta noia quanta si donava.30

Poi poco appresso cominciò a dire

seco nel pianto: - O misera Fortuna,

che t'ho io fatto, ch'ad ogni disire

mio sì t'oppon? Non hai tu più alcuna

altra faccenda fuor che 'l mio languire?

Perché sì tosto hai voltata la bruna

faccia ver me, che già t'amava assai

più ch'altro iddio, come tu crudel sai? 31

Se la mia vita lieta e graziosa

ti dispiacea, perché non abbattevi

tu la superbia d'Ilion pomposa?

Perché il padre mio non mi toglievi?

ché non Ettòr, nel cui valor si posa

ogni speranza in questi tempi grievi?

Perché non ten portavi Polissena?

Deh, perché non Parìs con tutta Elena? 32

Se a me fosse Criseida sola

rimasa, di niuno altro gran danno

non curerei, né ne farei parola,

ma li tuoi strai dirittamente vanno

sempre alle cose donde s'ha più gola:

per mostrar più la forza del tuo 'nganno,

tu te ne porti tutto il mio conforto:

deh, ora avessi tu 'nnanzi me morto! 33

Oh me, Amor, signor dolce e piacente,

il qual sai ciò che nell'anima giace,

come farà la mia vita dolente,

s'io perdo questo ben, questa mia pace?

Oh me, Amor soave che la mente

mi consolasti già, signor verace,

che farò io se m'è tolta costei,

a cui per tuo voler tutto mi diei? 34

Io piangerò e sempre doloroso

starò dove ch'io sia, mentre la vita

mi durerà 'n questo corpo angoscioso!

O anima tapina ed ismarrita,

ché non ti fuggi dal più sventuroso

corpo che viva? O anima invilita,

esci del core e Criseida segui.

Perché nol fai? Perché non ti dilegui?35

O dolenti occhi il cui conforto tutto

di Criseida nostra era nel viso,

che farete? Oramai in tristo lutto

sempre starete, poi da voi diviso

sarà, e 'l valor vostro fia distrutto

dal vostro lagrimar vinto e conquiso.

Invano omai vedrete altra virtute,

se el v'è tolta la vostra salute.36

O Criseida mia, o dolce bene

dell'anima dolente che ti chiama,

chi darà più conforto alle mie pene?

Chi porrà 'n pace l'amorosa brama?

Se tu ten vai, oh me, morir convene

a colui, lasso, che più che sé t'ama;

ed io morrò sanza averlo mertato,

de' dispietati iddii sia il peccato. 37

Deh, or si fosse questo tuo partire

tanto indugiato ch'apparato avessi

per lunga usanza, lasso, il sofferire!

Io non vo' dir che io non m'opponessi,

a mio potere, a non lasciarti gire,

ma se pur ciò addivenir vedessi,

per lunga usanza mi parria soave

la tua partenza ch'or mi par sì grave. 38

O vecchio malvissuto, o vecchio insano,

qual fantasia ti mosse, quale sdegno,

a gire a' Greci, essendo tu troiano?

Era onorato in tutto il nostro regno

più di te nullo regnicola o strano?

O iniquo consiglio, o petto pregno

di tradimenti, d'inganni e di noia,

or t'avess'io qual io vorrei in Troia!39

Or fostù morto il dì che tu ci uscisti,

or fostù morto a piè de' Greci allora

che tu la bocca primamente apristi

a richieder colei che m'innamora!

Oh quanto al mondo mal per me venisti!

Tu se' cagion del dolor che m'accora;

la lancia che passò Protesilao

t'avesse nel cor fitta Menelao!40

S' tu fossi morto i' viverei per certo,

ché chi cercar Criseida non sarebbe;

s'tu fossi morto i' non sarei diserto,

da me Criseida non si partirebbe;

s'tu fossi morto, i' veggio assai aperto,

quel che mi duole agual non mi dorrebbe.

Dunque la vita tua è di mia morte

trista cagione, e di dogliosa sorte.Addormentasi Troiolo; poi fa chiamare Pandaro e insieme si dolgono e molte cose ragionano per la salute di Troiolo41

Mille sospiri più che fuoco ardenti

uscivan fuor dell'amoroso petto,

misti con pianto e con detti dolenti,

sanza dar l'una all'altro alcun rispetto;

e sì vinto l'avien questi lamenti

che più non potea oltre il giovinetto,

ond'el s'addormentò; ma non dormio

guari di tempo che si risentio.42

E sospirando, in piè si fu levato,

ginne alla porta che serrata avea,

e quella aperse, e ad un suo privato

valletto disse: - Fa che tu non stea:

subitamente Pandaro chiamato,

fa ch'a me vegna. - E quindi si togliea

al buio della camera, doglioso,

pien di pensieri e tutto sonnacchioso.43

Pandaro venne, e già avea sentito

ciò che chiedean li Greci ambasciatori,

e come aveano ancora per partito

preso di render Criseida i signori;

di che nel viso tutto sbigottito,

di Troiol seco pensando i dolori,

nella camera entrò oscura e cheta,

né sa che dir parola o trista o lieta.44

Troiolo, tosto che veduto l'ebbe

gli corse al collo si forte piangendo,

che bene raccontarlo uom non potrebbe.

Il che 'l dolente Pandaro sentendo,

a pianger cominciò, sì gliene 'ncrebbe,

e 'n cotal guisa, null'altro faccendo

che pianger forte, dimoraro alquanto,

sanza parlar nessuno o tanto o quanto. 45

Ma poi che Troiolo ebbe presa lena,

pria cominciò: - O Pandaro i' son morto,

la mia letizia s'è voltata in pena,

misero me, e 'l mio dolce conforto.

Fortuna insidiosa se ne 'l mena,

e con lui 'nsieme il sollazzo e 'l diporto.

Hai tu sentito ancor come ne sia

da' Greci tolta Criseida mia? 46

Pandaro, il qual non men forte piangea

rispose: - Sì, così non fosse 'l vero!

oimè lasso, ch'io non mi credea

che questo tempo sì dolce e sincero

mancasse così tosto, né potea

meco vedere ch'al tuo bene intero

potesse nuocer fuor che palesarsi;

or veggio i nostri avvisi tutti scarsi. 47

Ma tu perché tanta angoscia ti dai?

Perché tanto dolor e tal tormento?

Ciò che disideravi avuto l'hai,

esser dovresti sol di ciò contento;

lasciagli a me e questi e gli altri guai,

c'ho sempre amato, e mai un guatamento

non ebbi da colei che mi disface,

e che potrebbe sola darmi pace.48

Ed oltre a ciò, questa città si vede

piena di belle donne e graziose,

e, se 'l ben ch'io ti vo' merita fede,

nulla ce n'è, quai vuoi le più vezzose,

ch'a grado non le sia aver mercede

di te, se tu per lei in amorose

pene entrerai; però se noi perdemo

costei, molte altre ne ritroveremo.49

E come io udii già sovente dire

il nuovo amor sempre caccia l'antico,

nuovo piacere il presente martire

torrà da te, se tu fai ciò ch'io dico.

Dunque non vuogli per costei morire,

né vuogli di te stesso esser nemico;

cre' tu per pianto forse riaverla,

o ch'ella non sen vada ritenerla?50

Troiolo, udendo Pandaro, più forte

a pianger cominciò, dicendo appresso:

- Io priego Iddio che mi mandi la morte

prima che io commetta un tale eccesso;

come che belle, leggiadre ed accorte

sian l'altre donne, ed io il ti confesso,

nulla cen fu mai simile a costei

a cui son dato, e tutto son di lei.51

Da' suoi begli occhi mosser le faville

che del foco amoroso m'infiammaro;

queste pe' miei passando a mille a mille,

soavemente amor seco menaro

dentro dal cor, nel quale esso sortille

come gli piacque, e quivi incominciaro

primiere il foco, il cui sommo fervore

cagione è stato d'ogni mio valore. 52

Il qual perch'io volessi, che non voglio,

spegner non potrei mai, tant'è possente,

e se più fosse ancor non me ne doglio,

stesse Criseida nosco solamente;

del cui partir, non dell'amor, cordoglio

l'anima innamorata dentro sente;

né altra c'è, non dispiaccia a nessuna,

ch'agguagliar le si possa in cosa alcuna.53

Dunque come potrebbe Amor giammai,

o d'alcuno i conforti, il mio disio

volgere ad altra donna? I' ho assai

a sostener d'angoscia nel cor mio,

ma troppo più fino agli stremi guai

ve ne riceverei, prima che io

in altra donna l'animo ponessi;

Amore e Dio e 'l mondo questo cessi.54

E la morte e 'l sepolcro dipartire

questo mio fermo amor soli potranno,

che che di ciò mi si deggia seguire;

questi con lui la mia alma merranno

giù nello 'nferno all'ultimo martire;

quivi insieme Criseida piangeranno,

di cui sempre sarò dove ch'io sia,

se' per morire, amor non se n'oblia.55

Dunque, per Dio, il ragionar di questo,

Pandaro, cessa, ch'altra donna vegna

nel cor, dov'io in suo abito onesto

Criseida tegno come certa insegna

de' miei piacer, quantunque ora molesto

sia alla mente, ch'al suo mal s'ingegna,

il suo partir del qual fra noi si parla,

ch'ancor di quinci non veggiam mutarla. 56

Ma tu favelli divisatamente,

quasi ragioni che men pena sia

il perder che il non aver niente

avuto mai; ell'è chiara follia,

Pandaro, sieti questo nella mente:

ch'ogni dolor trapassa quel che ria

fortuna adduce a chi stato è felice,

e partesi dal ver chi altro dice.57

Ma dimmi, se del mio amor ti cale,

poscia che el ti par così leggero

il permutare amore come aguale

mi ragionavi, tu perché sentiero

non hai mutato, poi che tanto male

di te si porta il tuo amor severo?

perché non hai altra donna seguita,

ch'avesse in pace posta la tua vita?58

Se tu che viver suoi d'amor cruccioso,

non l'hai in altro potuto mutare,

io, che con lui vivea lieto e gioioso,

come 'l potrò da me così cacciare,

come ragioni, perché angoscioso

caso subitamente soprastare

ora mi veggia? Io son per altra guisa

preso, che la tua mente non divisa.59

Credimi, Pandar, credimi ch'amore

quando s'apprende per sommo piacere

nell'anima d'alcun, cacciarnel fore

non si può mai, ma puonne ben cadere

in processo di tempo, se dolore,

o morte, o povertà, o non vedere

la cosa amata ne gli son cagione,

com'egli avvenne già a più persone.60

Che farò dunque, lasso sventurato,

s'io Criseida perdo in tal maniera

che l'ho perduta? Perciocché cambiato

a lei è Antenore. Oh me, ch'el m'era

la morte meglio, o non esser mai nato!

Deh, che farò? Il mio cor si dispera,

deh, morte, vieni a me che t'addomando,

deh, vien, non mi lasciar languire amando.61

Morte, tu mi sarai tanto soave,

quant'è la vita a chi lieta la mena:

già l'orrido tuo aspetto non m'è grave,

dunque vieni e finisci la mia pena;

deh, non tardar, ché questo foco m'have

incesa già sì ciascheduna vena,

che rifrigero il tuo colpo mi fia;

deh, vieni omai che 'l cor pur te disia.62

Uccidimi, per Dio, non consentire

ch'io viva tanto in questo mondo, ch'io

il cuor del corpo mi veggia partire:

deh, fallo, morte, i' ten priego per Dio,

ch'assai mi dorrà quel più che 'l morire:

contenta in questa parte il mio disio;

tu n'uccidi ben tanti oltre al volere,

che ben puoi fare a me questo piacere.63

Così piangendo si rammaricava

Troiolo, e Pandar piangea similmente,

e nondimen sovente il confortava

quanto poteva il più pietosamente;

ma tal conforto niente non giovava,

anzi cresceva continuamente

il pianto doloroso ed il tormento,

tant'era di cotal cosa scontento.64

A cui Pandaro disse: - Amico caro,

se non t'aggradan gli argomenti miei,

ed ètti tanto quanto par discaro

il dipartir futuro di costei,

perché non prendi, in quel che puoi, riparo

alla tua vita, e va rapisci lei?

Parìs andò in Grecia e menonne

Elena, il fior di tutte l'altre donne,65

e tu in Troia tua non ardirai

di rapire una donna che ti piaccia?

Tu farai questo se me crederai;

caccia via il dolor, caccial via, caccia

l'angoscia tua e li dolenti guai,

rasciuga il tristo pianto della faccia,

e l'animo tuo grande ora dimostra

oprando sì che Criseida sia nostra.66

Troiolo allora a Pandaro rispose:

- Ben veggio, amico, ch'ogni ingegno poni

per levar via le mie pene angosciose;

io ho pensato ciò che tu ragioni,

e divisate ancor molte altre cose,

come ch'io pianga e tutto m'abbandoni

nel dolore ch'avanza ogni mia possa,

sì grieve è stata la sua gran percossa. 67

Né m'ha però da consiglio dovuto

potuto tor nel mio fervente amore,

anzi pensando ho con meco veduto

che 'l tempo non concede tale errore.

Se ciaschedun de' nostri rivenuto

quiritto fosse, ed ancora Antenore,

di romper fede i' non mi curerei,

fosse ciò che potesse, anzi il farei. 68

Poi temo di turbar con violenta

rapina il suo onore e la sua fama,

né so ben s'ella ne fosse contenta,

ed io pur so che ella molto m'ama;

per ch'a prender partito non s'attenta

il cor, che d'una parte questo brama,

e d'altra teme di non dispiacere,

ché non piacendo, non la vorre' avere. 69

Pensato ancora avea di domandarla

di grazia al padre mio che la mi desse,

poi penso questo fora un accusarla

e far palese le cose commesse,

né spero ancora ch'el dovesse darla,

sì per non romper le cose promesse,

sì perché la direbbe diseguale

a me, al qual vuol dar donna reale. 70

Così piangendo, in amorosa erranza

dimoro, lasso, e non so che mi fare,

perocché il valor se pure avanza

forte d'amor, il mio sento mancare,

e d'ogni parte fugge la speranza,

e crescon le cagion del tormentare.

Vorrei io esser morto il giorno ch'io

prima m'accesi in sì fatto disio. 71

Pandaro disse allora: - Tu farai

come ti piacerà, ma s'io acceso

fossi come tu mostri essere assai,

quantunque fosse grave questo peso,

avendo la potenza che tu hai,

se non mi fosse per forza difeso,

di portarla farei il mio potere,

a cui ch'el si dovesse dispiacere. 72

Non guarda amor cotanto sottilmente,

quanto par che tu facci, quando cuoce

ben da dover la 'nnamorata mente;

il qual se quanto di' fiero ti nuoce,

seguita il suo volere, e virilmente

t'opponi a questo tormento feroce,

e vogli innanzi esser ripreso alquanto,

che con martir morire in tristo pianto.73

Tu non hai a rapir donna che sia

dal tuo voler lontana, ma è tale,

che di ciò che farai, contenta fia,

e se di ciò seguisse troppo male,

o biasimo di te, tu hai la via

di riuscirne tosto, ch'è cotale:

renderla indietro. La Fortuna aiuta

chiunque ardisce e' timidi rifiuta.74

E se pur questa cosa a lei gravasse,

in brieve tempo ne riavrai pace,

ben ch'io non credo ch'ella sen crucciasse,

tanto l'amor che le porti le piace.

Della sua fama, perch'ella mancasse,

a dirti il ver, men grava e men dispiace:

passisene ella come fa Elena,

pur ch'ella faccia la tua voglia piena.75

Adunque piglia ardir, sii valoroso,

amor promessa non cura né fede;

mostrati un poco al presente animoso,

abbi di te medesimo mercede;

io sarò teco in ciascun periglioso

caso, cotanto quanto mi concede

il poter mio. Presumi pur di fare,

gl'iddii ci avranno poscia ad aiutare.76

Troiolo il detto molto bene intese

di Pandaro, e rispose: - Io son contento,

ma s'elle fosser mille volte accese

le fiamme mie, e maggio il mio tormento

che el non è, alla donna cortese,

per soddisfarmi, un picciol gravamento

io non farei, prima vorrei morire;

però da lei il vo' prima sentire.77

- Dunque leviamci quinci e più non stiamo;

lavati il viso, e ritorniamo a corte,

e sotto il riso il dolore occultiamo;

di nulla ancor si son le genti accorte,

che, stando qui, maravigliar facciamo

ciascun che 'l sa; or fa che tu sii forte

in ben celare, ed io terrò manera

che con Criseida parlerai stasera.Viene a Criseida la novella della sua partenza, la quale non sanza sua grande noia molte donne visitano78

La fama velocissima, la quale

il falso e 'l vero ugualmente rapporta,

era volata con prestissime ale

per tutta Troia, e con parola scorta

narrato aveva chente fosse e quale

l'ambasciata de' Greci stata porta,

e che Criseida data dal signore

alli Greci era in cambio d'Antenore.79

La qual novella sì come l'udio

Criseida, che già non si curava

del padre più: «Oh me, tristo il cor mio!»

disse fra sé. E forte le noiava

come a colei ch'avea volto il disio

a Troiolo il quale più ch'altro amava.

E per paura ciò ch'udia contarne

non fosse ver, non ardia dimandarne.80

Ma come noi veggiamo ch'egli avviene,

che l'una donna l'altra a visitare

ne' casi nuovi va se le vuol bene,

così sen venner molte a dimorare

con Criseida il giorno, tutte piene

di pietosa allegrezza, ed a contare

le cominciaron per ordine il fatto

com'ella era renduta, e con che patto. 81

Diceva l'una: - Certo assai mi piace

che tu torni al tuo padre e sii con lui.

L'altra diceva: - E a me, ma mi spiace

vederla dipartir quinci da nui.

L'altra diceva: - Ella potrà la pace

nostra ordinare e far con esso lui,

il qual sapete, come avemo udito,

che prender fa qual vuol d'ogni partito.82

Questi e molti altri parlar femminili,

quasi quivi non fosse, udiva quella

sanza risponder, tenendoli vili;

né poteva celar la faccia bella

gli alti pensier ch'avea d'amor gentili,

venuti in lei per l'udita novella.

Il corpo era qui e l'anima era altrove,

cercando Troiol sanza saper dove.83

E queste donne che far le credieno

consolazione stando, sommamente

parlando seco assai le dispiacieno,

com'a colei che sentia nella mente

tutt'altra passion che non credieno

color che v'erano, ed assai sovente

donnescamente accomiatava quelle,

tal voglia avea di rimaner sanz'elle.84

Né potea ritenere alcun sospiro,

e tal fiata alcuna lagrimetta

cadendo, dava segno del martiro

nel qual l'anima sua era costretta;

ma quelle stolte che le facean giro,

credevan per pietà la giovinetta

far ciò, ch'avesse d'abbandonar esse,

le quali esser solean sue compagnesse.85

E ciascuna voleva confortarla

pur sopra quello ch'a lei non dolea;

parole assai dicean da consolarla

per la partenza la qual far dovea

da lor, né erano altro che grattarla

nelle calcagne, ove il capo prudea;

ché ella di lor niente si curava,

ma di Troiolo solo il qual lasciava.Partite le donne, Criseida piange e duolsi della futura partita di Troiolo86

Ma dopo molto cinguettare invano,

come fanno le più, s'accomiataro

e girsen via, ed ella a mano a mano

vinta e sospinta dal dolore amaro,

nella camera sua piangendo piano

se n'entrò dentro, e sanza dar riparo

con consiglio nessuno al suo gran male,

tal pianger fé che mai non si fé tale. 87

Erasi la dolente in sul suo letto

stesa gittata, piangendo sì forte,

che dir non si poria; e 'l bianco petto

spesso batteasi, chiamando la morte

che l'uccidesse, poi che 'l suo diletto

lasciar le convenia per dura sorte,

e' biondi crin tirandosi rompea,

e mille volte ognor morte chiedea. 88

Ella diceva: - Lassa sventurata,

misera me dolente, ove vo io?

Oh, trista me, che 'n mal punto fui nata,

dove ti lascio, dolce l'amor mio?

Deh, or foss'io nel nascere affogata,

o non t'avessi, dolce mio disio,

veduto mai, poi che sì ria ventura

e me a te, e te a me or fura. 89

Che farò io, dogliosa la mia vita,

allor che più non ti potrò vedere?

Che farò io da te, Troiol, partita?

Certo io non credo mai mangiar né bere,

e se per sé non sen va la smarrita

anima fuor del corpo, a mio potere

la caccerò con fame, perch'io veggio

che sempre omai andrò di male in peggio. 90

Or vedova sarò io daddovero,

poi che da te dipartir mi conviene,

cuor del mio corpo, e 'l vestimento nero

ver testimonio fia delle mie pene.

Oimè lassa, che duro pensiero

è quello in che la partenza mi tiene!

Oh me, come potrò io sofferire,

Troiol, vedermi da te dipartire?91

Come potrò io sanza anima stare?

Ella si rimarrà qui per lo certo

col nostro amore e teco a lamentare

il partir doloroso, che per merto

di tanto buon amor ci convien fare.

ùOh me, Troiol mio, or fia el sofferto

da te vedermi gir? Ché non t'ingegni,

per amore o per forza mi ritegni? 92

Io me n'andrò, né so se fia giammai

ch'io ti riveggia, dolce mio amore,

ma tu che tanto m'ami, che farai?

deh, potrai tu sostenere il dolore?

Io già nol sosterrò, io so che guai

soverchi mi faran crepare il core.

Deh, or fosse pur tosto, perché poscia

io sarei fuor di questa grave angoscia. 93

O padre mio, iniquo e disleale

alla patria tua, sia tristo il punto

che nel petto ti venne sì gran male

qual fu volere a' Greci esser congiunto,

e li Troian lasciar! Nell'infernale

valle fostù, volesse Dio, defunto,

iniquo vecchio, che negli ultimi anni

della tua vita, hai fatti tali inganni! 94

Oimè lassa, trista e dolorosa,

ch'a me convien portar la penitenza

del tuo peccato! Cotanto noiosa

vita non meritai per mia fallenza.

O verità del ciel, luce pietosa,

come sofferi tu cotal sentenza,

ch'un pecchi ed altro pianga, com'io faccio,

che non peccai e di dolor mi sfaccio? Truova Pandaro Criseida che piange, colla quale alqquanto raagiona e ordina la venuta di Troiolo95

Chi potrebbe giammai narrare appieno

ciò che Criseida nel pianto dicea?

Certo non io, ch'al fatto il dir vien meno,

tant'era la sua noia cruda e rea.

Ma mentre tai lamenti si facieno

Pandaro venne, a cui non si tenea

uscio giammai, e 'n camera sen gio

là dov'ella faceva il pianto rio.96

El vide lei 'n sul letto avviluppata

ne' singhiozzi del pianto e ne' sospiri,

e 'l petto tutto e la faccia bagnata

di lagrime le vide, e due disiri

di pianger gli occhi suoi, e scapigliata,

dar vero segno degli aspri martiri.

La qual come lui vide, fra le braccia

per vergogna nascose la sua faccia.97

- Crudele il punto cominciò a dire

Pandar - fu quel nel qual io mi levai,

che dovunque oggi vo, doglia sentire,

tormenti, pianti, angosce ed alti guai,

sospiri, noia ed amaro languire

mi par per tutto. O Giove che farai?

Io credo che del ciel lagrime versi,

tanto ti son li nostri fatti avversi. 98

E tu, o sconsolata mia sorella,

che credi far? Cre' tu cozzar co' fati?

Perché disfai la tua persona bella

con pianti sì crudeli e smisurati?

Levati su e volgiti e favella,

leva alto il viso, e gli occhi sconsolati

rasciuga alquanto, ed odi quel ch'io dico

a te mandato dal tuo dolce amico. 99

Voltossi allor Criseida, faccendo

un pianto tal che dir non si poria,

e rimirava Pandaro dicendo:

- Oh lassa me! che vuol l'anima mia,

la qual convienmi abbandonar piangendo,

né so se mai ch'io mel riveggia fia?

Vuol ei sospiri, o pianti o che domanda?

Io n'ho assai s'egli per questi manda. 100

Ell'era tale a riguardar nel viso

quale è colei ch'alla fossa è portata,

e la sua faccia fatta in paradiso,

tututta si vedeva trasmutata;

la sua vaghezza e 'l piacevole riso

fuggendosi, l'aveano abbandonata

e 'ntorno agli occhi un purpureo giro

dava vero segnal del suo martiro. 101

Il che vedendo Pandaro, ch'avea

con Troiol pianto il giorno lungamente,

le lacrime dolenti non potea

tener, ma cominciò similemente,

lasciando star quel che parlar volea,

a pianger con costei dogliosamente;

ma poi ch'ebber ciò fatto insieme alquanto

temperò prima Pandaro il suo pianto.102

E disse: - Donna, io credo c'hai udito,

ma ne son certo, come se' richesta

dal padre tuo, e preso è il partito

di renderti dal re; sì che per questa

semmana ten dei gir, s'ho 'l ver sentito;

e quanto questo sia cosa molesta

a Troiolo, appien non si poria dire,

il qual del tutto in duol ne vuol morire.103

Ed abbiam tanto pianto oggi egli ed io,

ch'è maraviglia donde egli è venuto;

ora alla fine, pel consiglio mio,

alquanto s'è di pianger ritenuto,

e par che d'esser teco abbia disio;

per ch'io a dir, sì come gli è piaciuto,

tel son venuto, pria che vi partiate,

acciò ch'insieme alquanto vi sfoghiate.104

- Grande è - disse Criseida - il mio dolore,

come di quella che più di sé l'ama,

ma il suo m'è di gran lunga maggiore,

udendo che per me la morte brama;

or s'aprirà, s'aprir si dee mai core

per fiera doglia, il mio; ora si sfama

la nemica Fortuna in sui miei danni,

ora conosco i suoi occulti inganni.105

Grave m'è la partenza, Iddio il vede,

ma più m'è di veder Troiolo afflitto,

e incomportabil molto, per mia fede,

tanto ch'io, ne morrò sanza rispitto.

E morir vo' sanza sperar mercede,

poi che 'l mio Troiol veggio sì trafitto.

Di' che quan' vuol venir, questo mi fia

sommo conforto nell'angoscia mia.106

E questo detto, ricadde supina,

poi 'n sulle braccia ricominciò 'l pianto.

A cui Pandaro disse: - Oh me, meschina,

or che farai? Non prenderai alquanto

di conforto, pensando che vicina

sia l'ora già che quel ch'ami cotanto

ti sarà 'n braccio? Leva su, racconcia

te, ch'esso non ti trovi così sconcia. 107

Se el sapesse che così facessi,

esso s'uccideria, né il potrebbe

ritenernel nessuno; e s'io credessi

che così stessi, el non ci metterebbe,

credimi, il piè, se io far lo potessi,

ch'io so che vita ne gli seguirebbe.

Però levati su, rifatti tale

che tu alleggi e non creschi il suo male. 108

- Va - Criseida disse - io t'imprometto,

Pandaro mio, ch'io me ne sforzeraggio.

Come partito ti sarai, dal letto

sanza indugio niun mi leveraggio,

ed il mio male e 'l perduto diletto

tutto nel cor serrato mi terraggio.

Fa pur ch'el vegna e vegna al modo usato,

che troverà qual suol l'uscio appoggiato.Riconforta Pandaro altra volta Troiolo, e dicegli che la sera seguente vada a Criseida ed egli il fa109

Ritrovò Pandar Troiolo pensoso,

e sì forte nel viso sbigottito,

che per pietà ne divenne doglioso,

ver lui dicendo: - Or se' tu sì 'nvilito

come tu mostri, giovin valoroso?

Ancor non s'è da te 'l tuo ben partito;

perché ancor cotanto ti sconforti

che gli occhi in testa ti paion già morti? 110

Tu se' vivuto assai sanza costei,

non ti dà 'l cuor poter vivere ancora?

Nascesti tu al mondo pur per lei?

Dimostrati uomo alquanto e ti rincora,

caccia questi dolori e questi omei

almeno in parte; io non fe', poi dimora

in altro luogo se non qui con teco,

ch'io le parlai e fui gran pezza seco.111

E per quel che mi paia, tu non senti

la metà noia che la dolente face,

e' suoi sospiri son tanto cocenti,

e sì questa partenza le dispiace,

che trapassano i tuoi per ognun venti.

Dunque con teco datti alquanto pace,

ch'almen puoi tu, in questo caso amaro,

conoscer quanto tu a lei se' caro.112

I' ho con esso lei testé composto

che tu ad essa ne vadi, e stasera

sarai con seco, e quel c'hai già disposto

le mostrerai per più bella maniera

che tu potrai; tu t'avvedrai ben tosto

quel ch'a grado le fia con mente intera:

forse che troverete modi i quali

fien grandi alleggiamenti a' vostri mali.113

A cui rispose Troiol sospirando:

- Tu parli bene, ed io così vo' fare.

Ed altre cose assai disse, ma quando

tempo gli parve di dovere andare,

Pandaro sopra ciò lasciò pensando,

ed el sen gì, e mille anni gli pare

d'essere in braccio al suo caro conforto,

il qual fortuna poi gli tolse a torto. Criseida tramortisce nelle braccia di Troiolo, il quale credendo lei morta, tirata fuori la spada, si vuole uccidere114

Criseida, quando ora e tempo fue,

com' era usata, con un torchio acceso

sen venne a lui, e nelle braccia sue

il ricevette, ed esso lei, compreso

da grieve doglia, e mutoli amendue

nasconder non potero il core offeso;

ma abbracciati sanza farsi motto

incominciaro un gran pianto e dirotto.115

E forte insieme amendue si stringieno

di lagrime bagnati tutti quanti,

e volendo parlarsi non potieno,

sì gl'impedivan gli angosciosi pianti

e' singhiozzi e' sospiri, e nondimeno

si basciavan talvolta, e le cascanti

lagrime si bevean, sanza aver cura

ch'amare fossero oltre lor natura.116

Ma poscia che gli spiriti affannati

per l'angoscia del pianto e de' sospiri,

furon nelli lor luoghi ritornati

per l'allentar de' noiosi martiri,

Criseida, ver Troiolo levati

gli occhi dolenti per gli aspri disiri,

con rotta voce disse: - O signor mio,

chi mi ti toglie, e dove ne vo io? 117

Poi gli ricadde col viso in sul petto

venendo meno, e le forze partirsi,

da tanta doglia fu il cor ristretto,

ed ingegnossi l'alma di fuggirsi;

e Troiolo guardando nel suo aspetto,

e lei chiamando e non sentendo udirsi,

e gli occhi suoi velati e lei cascante,

che morta fosse gli porser sembiante.118

Il che vedendo Troiolo, angoscioso

di doppia doglia, la pose a giacere,

spesso basciando il viso lagrimoso,

cercando se potesse in lei vedere

alcun segno di vita, e doloroso

ogni parte tentava, ed al parere

di lui, di vita così sconsolata

dicea piangendo ch'era trapassata.119

Ell'era fredda e sanza sentimento

alcun, per quel che Troiol conoscesse,

e questo gli parea vero argomento

che ella i giorni suoi finiti avesse;

per che, dopo lunghissimo lamento,

prima che ad altro atto procedesse,

l'asciugò 'l viso e 'l corpo suo compose,

come si soglion far le morte cose.120

E fatto questo, con animo forte

la propria spada del fodero trasse,

tutto disposto di prender la morte,

acciocché il suo spirto seguitasse

quel della donna con sì trista sorte,

e nell'inferno con lei abitasse,

poi che aspra fortuna e duro amore

di questa vita lui cacciava fore.121

Ma prima disse, acceso d'alto sdegno:

- O crudel Giove, e tu Fortuna ria,

a quel che voi volete, ecco ch'io vegno;

tolta m'avete Criseida mia,

la qual credetti che con altro ingegno

tor mi doveste, e dove ella si sia

ora non so, ma 'l corpo suo qui morto

veggio da voi a grandissimo torto.122

Ed io lascerò 'l mondo, e seguiraggio

con lo spirito lei poi ch'el vi piace;

forse di là miglior fortuna avraggio,

con lei avendo de' miei disir pace,

se di là s'ama, sì come io aggio

udito alcuna volta vi si face;

poi che vedermi in vita non volete,

l'anima mia almen con lei ponete.123

E tu città la qual io lascio in guerra,

e tu Priamo, e voi cari fratelli,

fate con Dio, ch'io me ne vo sotterra,

di Criseida dietro agli occhi belli;

e tu per cui tanto dolor mi serra

e che dal corpo l'anima divelli,

ricevimi, Criseida - volea dire,

già con la spada al petto per morire, 124

quand'ella, risentendosi, un sospiro

grandissimo gittò, Troiol chiamando.

A cui el disse: - Dolce mio disiro,

or vivi tu ancora? - E lagrimando,

in braccio la riprese, e 'l suo martiro,

come potea, con parole alleggiando,

la confortò, e l'anima smarrita

tornò al core onde s'era fuggita.

Vannosi i due amanti a letto e quivi sospirano, piangono, e di molte varie cose ragionano e al mattino si lievano 125

E stata alquanto tutta alienata,

si tacque; e poscia la spada veggendo,

cominciò: - Quella perché fu tirata

del foder fuori? - A cui Troiol, piangendo,

narrò qual fosse la sua vita stata.

Ond'ella disse: - Che è ciò ch'io 'ntendo?

Dunque, s'io fossi stata più un poco,

ti sarestù ucciso in questo loco?126

Oh me, dolente a me, che m'hai tu detto?

Io non sarei in vita stata mai

di dietro a te, ma per lo tristo petto

fitta l'avrei. Or noi abbiamo assai

a lodar Dio; per ora andiamo a letto,

quivi ragionerem de' nostri guai;

s'io considero il torchio consumato,

el n'è di notte già gran pezzo andato.127

Come altra volta gli stretti abbracciari

erano stati, così furono ora,

ma questi fur più di lagrime amari,

che stati fosser di dolcezza ancora

piacevoli, ed i tristi ragionari

fra loro incominciar sanza dimora.

E cominciò Criseida: Dolce amico,

ascolta bene attento quel ch'io dico. 128

Poscia ch'io seppi la trista novella

del traditor del mio padre malvagio,

se Dio mi guardi la tua faccia bella,

nulla giammai sentì tanto disagio

quant'io ho poi sentito, come quella

ch'oro non curo, città né palagio,

ma sol di dimorar sempre con teco

in festa ed in piacere, e tu con meco.129

E voleami del tutto disperare,

non credendo giammai più rivederti,

ma poi che tu la mia anima errare

vedesti, e ritornar di nuovo, certi

pensier mi sento per la mente andare

utili forse, i quali vo' ch'aperti

prima ti sien che noi più ci dogliamo,

ché, forse, sperar bene ancor possiamo.130

Tu vedi che mio padre mi richiede,

al qual di girne non ubbidirei

se 'l re non mi stringesse, la cui fede

convien si servi, come saper dei.

Per che andar men convien con Diomede,

ch'è stato trattator de' patti rei,

qualora tornerà: volesse Iddio

né el tornasse mai né tempo rio.131

E sai che qui è ogni mio parente

fuor che mio padre, e ciascuna mia cosa

ancora ci rimane, e s'alla mente

mi torna ben, di questa perigliosa

guerra si tratta continuamente

pace tra voi e' Greci, e se la sposa

si rende a Menelao, credo l'avrete,

ed io so già che voi presso vi sete.132

Qui mi ritornerò se voi la fate,

però ch'altrove non ho dove gire;

e se per avventura la lasciate,

nel tempo delle triegue di venire

ci avrò cagione, e così fatte andate

sai che non s'usa alle donne disdire;

e' miei parenti mi ci vederanno

di buona voglia e mi c'inviteranno.133

Allora potremo alcun sollazzo avere,

come che l'aspettar sia grave noia;

ma conviensi apparare a sostenere

della fatica chi vuol della gioia

gli venga poscia con maggior piacere;

io veggio che pur stando noi in Troia,

sanza vederci più dì ci conviene

talor passar con angosciose pene.134

Ed oltre a questo, maggiore speranza,

o pace o no, mi nasce del tornarci:

mio padre ha ora questa disianza,

e forse avvisa ch'io non possa starci,

per lo suo fallo, sanza dubitanza

o di forza o di biasimo acquistarci;

come saprà ch'io ci sia onorata,

non curerà della mia ritornata.135

Ed a che far tra' Greci mi terrebbe,

che, come vedi,son sempre nell'armi?

E s'el non mi tien ivi,ove potrebbe

in altra parte io nol veggio mandarmi,

e s'el potesse, credo nol farebbe,

però ch'a' Greci non vorria fidarmi.

Qui dunque mi rimandi è opportuno,

né ben ci veggio contrario alcuno. 136

Egli è, come tu sai, vecchio ed avaro,

e qui ha ciò che el può fare o dire:

il che io gli dirò, se el l'ha caro,

per lo miglior mi ci facci reddire,

mostrandogli com'io possa riparo,

ad ogni caso che sopravvenire

potesse, porre, ed el per avarizia

della mia ritornata avrà letizia. 137

Troiolo attento la donna ascoltava,

ed il dir suo gli toccava la mente,

e quasi verisimil gli sembrava

dover ciò che diceva certamente

esser così, ma perché molto amava,

pur fede vi prestava lentamente;

ma alla fin, come vago che fosse,

seco cercando, a crederlo si mosse. 138

Laonde parte della grieve doglia

da lor partissi, e ritornò speranza,

e divenuti poi di men ria voglia,

ricominciaron l'amorosa usanza;

e sì come augel di fogflia in foglia

nel nuovo tempo prende dilettanza

del canto suo, così facean costoro,

di molte cose parlando fra loro. 139

Ma non potendo a Troiolo passare

del cuor, che questa partir si dovea,

incominciò in tal guisa a parlare:

- O Criseida mia, più ch'altra dea

amata assai, e più da onorare

da me che dianzi uccider mi volea

credendo morta te, che vita credi

che sia la mia, se tosto tu non riedi? 140

Vivi sicura come del morire

che io m'ucciderei, se tu penassi

niente troppo di qui rivenire;

né veggio bene ancor com'io mi passi

sanza doglioso ed amaro languire,

sentendot'io altrove; e dubbio fassi

novello in me, che el non ti ritegna

Calcàs, e quel che parli non avvegna. 141

Non so se pace fra noi si fia mai,

ma pace o no, appena che tornarci

credo che Calcàs ci voglia giammai,

perché non crederia potere starci

sanza infamia del fallo che assai

fu, se in ciò non vogliamo ingannarci;

e se con tanta istanza ti richiede,

ch'el ti rimandi appena vi do fede. 142

El ti darà in fra' Greci marito,

e mostreratti che stare assediata

è dubbio di venire a reo partito;

lusingheratti, e farà ch'onorata

sarai da' Greci, ed el v'è riverito,

sì com'io 'ntendo, e molto v'è pregiata

la sua virtù; per che, non sanza noia,

temo che tu giammai non torni in Troia. 143

E questo m'è a pensar tanto grave,

che dir nol ti poria, anima bella

e tu sola hai nelle tue man la chiave

della mia vita e della morte, e quella

so che la puoi e misera e soave

come ti piace, fare, o chiara stella

per cui io vado a grazioso porto;

se tu mi lasci, pensa ch'io son morto. 144

Dunque, per Dio, troviam modo e cagione

che tu non vadi, se trovar si puote:

andiamcene in un'altra regione,

né ci curiam se le promesse vote

vengon del re, se la sua offensione

fuggir possiamo; e' son di qui remote

genti che volentieri ci vedranno,

e per signori ancor sempre n'avranno. 145

Fuggiamci, dunque, quinci occultamente,

e là n'andiamo insieme tu ed io,

e quel che noi abbiam di rimanente

nel mondo a viver, cuor del corpo mio,

viviamlo con diletto insiememente.

Questo vorrei, e questo ho in disio,

s'el ti paresse, e questo è più sicuro,

ed ogni altro partito mi par duro.146

Criseida sospirando gli rispose:

- Caro mio bene e del mio cor diletto,

tutte potrebbon esser quelle cose,

ed ancor più, nella forma c'hai detto;

ma io ti giuro per quelle amorose

saette che per te m'entrar nel petto,

comandamenti, lusinghe o marito,

non torceran da te mai l'appetito.147

Ma ciò che d'andar via tu ragionavi,

non è savio consiglio al mio parere:

pensar si deon questi tempi gravi,

e di te e de' tuoi ti dee calere.

Se n'andassimo via, come parlavi,

tre cose ree ne potresti vedere:

l'una verrebbe della rotta fede,

che porta più di mal ch'altri non crede.148

E ciò sarebbe de' tuoi il periglio,

che sé per una femmina lasciati

vedendo fuor d'aiuto e di consiglio,

darian paura agli altri degli agguati;

e se io ben con meco m'assottiglio,

voi ne sareste molto biasimati,

né vi saria il ver giammai creduto

da chi avesse sol questo veduto.149

E se tempo niuno fede o leanza

richiede, quel della guerra par esso,

perciocché nullo ha tanto di possanza,

che guari possa per sé solo stesso;

aggiungonvisi molti ad isperanza

che quel che metton per altrui sia messo

per lor, che sé 'n aver ed in persona

mettono, e 'n ciò sperando s'abbandona.150

D'altra parte, che pensi tra le genti

della partita tua si ragionasse?

E' non dirien ch'Amor co' suoi ferventi

dardi a cotal partito ti recasse,

ma paura e viltà: dunque ritienti

da tal pensier se mai nel cor t'entrasse,

se el t'è punto la tua fama cara,

che del valor tuo suona tanto chiara.151

Appresso pensa la mia onestate

e la mia castità, somme tenute

di quanta infamia sarien maculate,

anzi del tutto disfatte e perdute

sarieno in me, né giammai rilevate

per iscusa sarieno, o per virtute

ch'io potessi operar che ch'io facessi,

se anni centomila in vita stessi.152

Ed oltre a questo vo' che tu riguardi

a ciò che quasi d'ogni cosa avviene:

non è cosa sì vil, pur ben si guardi,

che non si faccia disiar con pene,

e quanto tu più di possederla ardi,

più tosto abbominio nel cor ti viene,

se larga potestate di vederla

fatta ti fia, ed ancor di tenerla.153

Il nostro amor che cotanto ti piace,

è per ch'el ti convien furtivamente

e di rado venire a questa pace;

ma se tu m'averai liberamente,

tosto si spegnerà l'ardente face

che or t'accende, e me similemente;

per che, se 'l nostro amor vogliam che duri,

com'or facciam, convien sempre si furi. 154

Dunque prendi conforto, e la Fortuna

col dare il dosso vinci e rendi stanca;

non soggiacette a lei giammai nessuna

persona in cui trovasse anima franca.

Seguiamo il corso suo, fingiti alcuna

andata in questo mezzo, e 'n quella manca

li tuoi sospiri, ch'al decimo giorno,

sanza alcun fallo, qui farò ritorno.155

- Se tu - disse allor Troiol - ci sarai

infra 'l decimo giorno, i' son contento,

ma 'n questo mezzo, i miei dolenti guai

da cui avranno alcun alleggiamento?

Io non posso ora, sì come tu sai,

passare un'ora sanza gran tormento

s'io non ti veggio; come dieci giorni

passar potrò infin che tu ritorni?156

Deh, per Dio, trova modo a rimanere,

deh, non andar, se tu vedi alcun modo;

io ti conosco d'arguto sapere,

se bene intendo ciò che da te odo;

e se tu m'ami, tu puoi ben vedere

che pur di ciò pensar tutto mi rodo,

cioè che tu ten vada; veder puoi,

se tu ten vai, qual fia mia vita poi.157

- Oh me, - disse Criseida - tu m'uccidi,

ed oltre al creder tuo malinconia

troppa mi dai, e veggio non ti fidi

quant'io credea nella promessa mia.

Deh, ben mio dolce, perché sì diffidi?

Perché a te di te to' la balia?

Chi crederia che uomo in arme forte,

un aspettar dieci dì non comporte? 158

Io credo di gran lunga sia 'l migliore

di prendere il partito ch'io t'ho detto;

siene contento, dolce mio signore,

e cappiati per certo dentro al petto

ch'el me ne piange l'anima nel core

d'allontanarmi dal tuo dolce aspetto,

forse più che non credi e non ti pensi;

ben lo sent'io per tutti quanti i sensi.159

Lo spender tempo è utile talvolta

per tempo guadagnare, anima mia;

io non ti son, come tu mostri, tolta

perch'io al padre mio renduta sia;

né ti cappia nel cuor ch'io sia sì stolta

che non sappia trovare e modo e via

di ritornare a te, cui io più bramo

che la mia vita, e vie più troppo t'amo.160

Ond'io ti priego, se 'l mio priego vale,

e per lo grande amore il qual mi porti,

per quel ch'io porto a te ch'è altrettale,

che tu di questa andata ti conforti,

ché s' tu sapessi quanto mi fa male

veder li pianti e li sospiri forti

che tu ne gitti, el te ne 'ncrescerebbe,

e di farne cotanti ti dorrebbe.161

Per te in allegrezza ed in disio

spero di vivere e di tornar tosto,

e trovar modo al tuo diletto e mio.

Fa ch'io ti veggia in tal guisa disposto,

pria che da te io mi diparta, ch'io

non abbia più dolor, che quel che posto

m'ha nella mente amor troppo focoso;

fallo, ten priego, dolce mio riposo. 162

E priegoti, mentr'io sarò lontana,

che prender non ti lasci dal piacere

d'alcuna donna, o da vaghezza strana;

ché, s'io 'l sapessi, dei per certo avere

che io m'ucciderei sì come insana,

dolendomi di te ch'oltre al dovere

mi lasceresti per altra, che sai

che t'amo più ch'uom donna amasse mai.163

A quest'ultima parte sospirando

rispose Troiol: - S'io far lo volessi

ciò che tu ora tocchi sospicando,

non so veder com'io giammai potessi,

sì m'ha per te ghermito Amore amando;

né so veder come in vita si cessi

questo amor ch'io ti porto, e la ragione

ti spiegherò, ed in brieve sermone.164

Non mi sospinse ad amarti bellezza,

la quale spesso altrui suole irretire;

non mi trasse ad amarti gentilezza

che suol pigliar de' nobili il disire;

non ornamento ancora né ricchezza

mi fé per te amor nel cor sentire;

delle quai tutte sei più copiosa,

che altra fosse mai donna amorosa;165

ma gli atti tuoi altieri e signorili,

il valore e 'l parlar cavalleresco,

i tuoi costumi più ch'altra gentili,

ed il vezzoso tuo sdegno donnesco,

per lo quale apparien d'esserti vili

ogni appetito ed oprar popolesco,

qual tu mi sei, o donna mia possente,

con amor mi ti miser nella mente.166

E queste cose non posson tor gli anni

con mobile fortuna, laond'io,

con più angoscia e con maggiori affanni,

sempre d'averti spero nel disio.

Oimè lasso, qual fia de' miei danni

ristoro, se ten vai, dolce amor mio?

Certo nessun, se non la morte omai,

questa fia sola fine de' miei guai. 167

Poscia ch'essi ebber molto ragionato

e pianto insieme, perché s'appressava

già l'aurora, quello hanno lasciato,

e strettamente l'un l'altro abbracciava.

Ma poi che' galli molto ebber cantato,

dopo ben mille basci si levava

ciascun, l'un l'altro sé raccomandando

e così dipartirsi lagrimando.

Parte quinta

Qui comincia la quinta parte del Filostrato, nella quale Criseida è renduta; Troiolo l'accompagna, tornasi in Troia, piange solo, e appresso con Pandaro, per lo consiglio del quale alquanti dì vanno a dimorare con Sarpidone; tornasi in Troia dove ogni luogo rammenta di Criseida a Troiolo, ed egli per mitigare i suoi dolori, quelli medesimi canta, aspettando che 'l dì decimo passi. E primieramente è Criseida renduta a Diomede la quale Troiolo accompagna infino fuori della città, e partito da lei, ella con festa è ricevuta dal padre

1

Quel giorno stesso vi fu Diomede

per volere a' Troian dare Antenore;

per che Priamo Criseida gli diede,

di sospiri, di pianti e di dolore

sì piena che ne 'ncresce a chi la vede;

dall'altra parte era il suo amadore

in sì fatta tristizia, che alcuno

in simil non ne vide mai nessuno.2

Vero è che con gran forza nascondea

mirabilmente dentro al tristo petto

la gran battaglia la quale egli avea

con sospiri e con pianto, e nello aspetto

niente o poco ancor gli si parea,

come ch'egli attendesse esser soletto,

e quivi piangere e rammaricarsi,

ed a grande agio seco disfogarsi.3

Oh quante cose nell'altiera mente

gli venner lì, Criseida vedendo

rendere al padre! Questi parimente

d'ira e di cruccio tututto fremendo,

seco rodiesi e dicea pianamente:

- Oh misero dolente, or che attendo?

non è el meglio una volta morire,

che sempre in pianto vivere e languire?4

Ché non turb'io con l'arme questi patti?

Perché qui Diomede non uccido?

Perché non taglio il vecchio che gli ha fatti?

Perché li miei fratei tutti non sfido?

Che ora fosser ei tutti disfatti!

Perché in pianto ed in dolente grido

Troia non metto? Perché non rapisco

Criseida ora, e me stesso guarisco?5Chi 'l vieterà s'io il vorrò pur fare?

O perché con li Greci non m'accosto

s'ei mi volesser Criseida donare?

Deh, perché più dimoro, che non tosto

corro colà e follami lasciare?

Ma così fiero ed altiero proposto

gli fé lasciar paura, non uccisa

Criseida fosse in sì fatta divisa.6

Criseida, poi vide che partire

le convenia, quale ella era dogliosa,

con quella compagnia che dovea gire,

sopra il caval montò, e dispettosa

con seco stessa cominciò a dire:

- Ahi, crudel Giove, e Fortuna noiosa,

dove me ne portate contra voglia?

Perché v'aggrada tanto la mia doglia?7

Voi mi togliete, crudi e dispietati,

a quel piacer che più m'andava al core,

e forse vi credete umiliati

esser con sacrificio e con onore

alcun da me, ma voi sete ingannati:

in vostro vitupero e disonore

mi dorrò sempre finch'io non ritorno

a riveder di Troiol il viso adorno.8

Quinci si volse disdegnosamente

ver Diomede e disse: - Andianne omai,

assai ci siam mostrati a questa gente,

la quale omai sperar può de' suoi guai

salute, se ben mira sottilmente

all'onorevol cambio che fatto hai:

ché hai per una femmina renduto

un sì gran re, e cotanto temuto.9

E questo detto, al caval degli sproni

diè, sanza dir fuor che a' suoi addio;

e ben conobbe il re e' suoi baroni

lo sdegno della donna. Indi sen gio

sanza ascoltare o commiati o sermoni,

o riguardare alcuno, e se n'uscio

di Troia, nella qual giammai tornare

più non dovea, né con Troiolo stare. 10

Troiolo in guisa d'una cortesia,

con più compagni montò a cavallo

con un falcone in pugno, e compagnia

le fero infin di fuori a tutto il vallo,

e volentieri per tutta la via

l'averia fatta infino al suo istallo;

ma troppo discoverto saria stato,

e poco senno ancora riputato.11

E tra lor già venuto era Antenore

dalli Greci renduto, e con gran festa

ricevuto l'aveano e con onore

li giovani Troiani; e benché questa

tornata fosse a Troiol dentro al core,

per Criseida data, assai molesta,

pur con buon viso il ricevette, e fello

con Pandar cavalcar davanti ad ello. 12

E già essendo per accomiatarsi,

egli e Criseida si fermaro alquanto,

e dentro agli occhi l'un l'altro guatarsi,

né ritener poté la donna il pianto,

e poscia per le man destre pigliarsi,

e ver lei Troiol ancor s'accostò tanto,

che, pian parlando, ella il poté udire,

e disse: - Torna, non mi far morire.13

E sanza più, rivoltato il destriere,

tutto tinto nel viso, a Diomede

non parlò punto, e di cotal mestiere

sol Diomede s'accorse, e ben vede

l'amor de' due, e dentro al suo pensiere

con diversi argomenti ne fa fede;

e di ciò mentre seco si pispiglia,

nascosamente sé di colei piglia.14

Il padre la raccolse con gran festa,

come ch'a lei gravasse tale amore;

ella si stava tacita e modesta,

se stessa seco con grave dolore

tutta rodendo, ed in vita molesta,

pure a Troiolo avendo fermo il core,

che tosto si dovea permutare,

e lui per nuovo amante abbandonare.Troiolo tornato in Troia sospira e piange e rammaricandosi ripete i diletti avuti di Criseida15

Troiolo in Troia tristo ed angoscioso,

quanto fu mai nessun, se ne rivenne,

e nel viso fellone e niquitoso,

pria ch'al palagio suo non si ritenne;

quivi smontato, troppo più pensoso

che stato fosse ancora, non sostenne

che da alcun gli fosse nulla detto,

ma se n'entrò in camera soletto. 16

Quivi al dolor ch'aveva ritenuto

diè largo luogo, chiamando la morte,

ed il suo ben piangeva, che perduto

gli pare avere, e sì gridava forte,

che 'n forse fu di non esser sentuto

da quei che 'ntorno givan per la corte;

e 'n cotal pianto tutto il giorno stette,

né servo né amico nol vedette. 17

Se 'l giorno era con doglia trapassato,

non la scemò la notte già oscura,

ma fu il pianto e 'l gran duol raddoppiato;

così il menava la sua isciagura:

el biastemmiava il giorno che fu nato,

e gli dii e le dee e la natura,

il padre e chi parola conceduta

avea ch'el fosse Criseida renduta. 18

Esso se stesso ancor maladicea,

che sì l'aveva lasciata partire,

e che 'l partito che preso n'avea,

cioè con lei di volersi fuggire,

non l'avea fatto, e forte sen pentea,

e di dolor ne voleva morire;

o che almen non l'avea domandata,

che forse gli saria stata donata.19

E sé in qua ed ora in là volgendo,

sanza luogo trovar per lo suo letto,

seco diceva talora piangendo:

«Che notte è questa, volendo rispetto

avere alla passata, s'io comprendo

qual'ora or sia! Aguale il bianco petto,

la bocca, gli occhi e 'l bel viso basciava

della mia donna e stretta l'abbracciava. 20

Ella basciava me, e ragionando

prendevam festa lieta e graziosa;

or sol mi trovo, lasso, e lagrimando,

in dubbio se giammai tanto gioiosa

notte deggia tornare; ora abbracciando

vado il piumaccio, e la fiamma amorosa

sento farsi maggiore, e la speranza

farsi minor per lo duol che l'avanza. 21

Che farò, dunque, misero dolente?

Aspetterò, pur ch'io 'l possa fare;

ma se così s'attrista la mia mente

nel suo partir, come perseverare

io spero di potere? Egli è niente

a chi ben ama il potersi posare».

Per che 'n tal guisa fece il simigliante

la notte e 'l dì ch'era passato avante.

Troiolo dogliendosi narra a Pandaro quale abbia avuta la passata notte, il quale il riprende e lui conforta andare in alcun luogo22

Pandar non era il dì potuto andare

a lui, né alcun altro; onde il mattino

venuto, tosto sel fece chiamare

per poter seco alquanto il cor meschino,

parlando di Criseida, alleggiare;

Pandar vi venne, e bene era indovino

di ciò che quella notte fatto avea,

ed ancora di ciò ch'allor volea.23

- O Pandar mio, - disse Troiolo, fioco

per lo gridare e per lo lungo pianto

che farò io, che l'amoroso foco

sì mi comprende dentro tutto quanto,

che riposar non posso assai né poco?

Che farò io, dolente, poi che tanto

m'è stata la fortuna mia nemica,

ch'i' ho perduta la mia dolce amica? 24

Io non la credo riveder giammai;

così foss'i' allor caduto morto,

che io da me partir ier la lasciai!

o dolce bene, o caro mio diporto,

o bella donna a cui io mi donai,

o dolce anima mia, o sol conforto

degli occhi tristi fiumi divenuti,

deh, non ve' tu ch'io muoio? Ché non m'aiuti? 25

Chi ti vede ora, dolce anima bella?

Chi siede teco, cuor del corpo mio?

Chi t'ascolta ora, chi teco favella?

Oimè lasso più ch'altro, non io!

Deh, che fai tu? Or ètti punto nella

mente di me, o messo m'hai in oblio

per lo tuo padre vecchio ch'ora t'have,

laond'io vivo in pena tanto grave? 26

Qual tu m'odi ora, Pandaro, cotale

ho tutta notte fatto, né dormire

lasciato m'ha questo amoroso male;

e pur se sonno alcun nel mio languire

trovato ha luogo, niente mi vale,

perché, dormendo, o sogno di fuggire,

o d'esser solo in luoghi paurosi,

o nelle man di nemici animosi.27

E tanta noia m'è questo vedere,

e sì fatto spavento m'è nel core,

che vegghiar mi saria meglio e dolere;

e spesse volte mi giugne un tremore

che mi riscuote e desta, e fa parere

che d'alto in basso i' caggia e, desto, Amore

insieme con Criseida chiamo forte,

or per mercé pregando ed or per morte.28

A cotal punto, qual odi, venuto

misero sono, e duolmi di me stesso

e del partir, più che giammai creduto

io non avrei. Oh me, che io confesso

che io deggia sperare ancora aiuto,

e che la bella donna ancor con esso

verrà tornando; ma il cuor che l'ama

non mel consente ed ognora la chiama.29

Poscia ch'egli ebbe in tal guisa gran pezza

parlato e detto, Pandaro, doglioso

di così grave e noiosa gramezza,

disse: - Deh, dimmi, Troiol, se riposo

o fine dee aver questa tristezza,

non credi tu che il colpo amoroso

da altri mai che da te sia sentito,

o di partenza sia stato al partito?30

Ben son degli altri così innamorati

come tu se', per Pallade tel giuro,

e sonne ancor di quei che sventurati

son più di te, men pare esser sicuro,

e non si son però del tutto dati,

come tu se', a viver tanto duro;

ma la lor doglia, quando troppo avanza,

s'ingegnan d'alleggiar con isperanza.31

E tu dovresti il simigliante fare:

tu di' che ella infra 'l decimo giorno

t'ha impromesso di qui ritornare;

questo non è tanto lungo soggiorno,

che tu nol debbi potere aspettare

sanza attristarti, e star come musorno.

Come potresti sofferir l'affanno,

se allontanarsi convenisse un anno? 32

E' sogni e le paure gitta via,

in quel che son lasciali andar ne' venti;

essi procedon da malinconia,

e quel fanno veder che tu paventi;

solo Iddio sa il ver di quel che fia,

ed i sogni e gli auguri a che le genti

stolte riguardan, non montano un moco,

né al futuro fanno assai o poco. 33

Dunque, per Dio, a te stesso perdona,

lascia questo dolor cotanto fiero;

fammi esta grazia, questo don mi dona,

levati su, alleggia il tuo pensiero,

e de' passati ben meco ragiona,

ed a' futuri il tuo animo altiero

dispon, che torneranno assai di corto;

dunque, sperando ben, prendi conforto.34

Questa città è grande e dilettosa,

ed ora è 'n triegua sì come tu sai;

andianne in qualche parte graziosa

di qui lontana, e quivi ti starai

con alcun d'esti re, e la noiosa

vita con esso lui trapasserai,

mentre che passi il termine c'ha dato

la bella donna che 'l cor t'ha piagato.35

Deh, fallo, i' te ne priego, leva suso

non è atto magnanimo il dolersi

come tu fai, ed il giacer pur giuso;

e s'e tuoi modi sì stolti e diversi

fuor si sapesser, saresti confuso,

e diria l'uom che tu de' tempi avversi,

come codardo, e non d'amor, piangessi,

o che d'essere infermo t'infingessi.36

- Oh me, chi molto perde piange assai,

né 'l può conoscer chi non l'ha provato

qual è quel ben che io andar lasciai;

per ciò non doverei esser biasmato

s'altro che pianger non facessi mai;

ma poi che tu, amico, m'hai pregato,

conforterommi a tutto mio potere,

in tuo servigio e per farti piacere.37

Mandici Iddio il dì decimo tosto,

sì ch'io mi torni lieto com'io era

quando di render questa fu risposto:

non fu mai rosa in dolce primavera

bella, com'io a ritornar disposto

sono, come vedrò la fresca cera

di quella donna ritornata in Troia,

che m'è cagion di tormento e di gioia. 38

Ma dove potrem noi per festa andare

come ragioni? Andianne a Sarpidone?

E come vi potrò io dimorare?

Io avrò sempre in l'animo questione

non forse questa potesse tornare

anzi il dì dato per nulla cagione;

ché non vorrei non esserci se viene,

per quanto il mondo vale e può di bene.39

- Deh, io farò che sanza indugio, alcuno,

se ella torna, fia per me venuto

rispose Pandar; - io porrò qui uno

per questo sol, sì che ben fia saputo

da noi. Or fosse el già! Non c'è nessuno

da cui come da me fosse voluto;

sì che per questo già non lascerai;

andianne là dov'ora detto m'hai. Troiolo e Pandaro insieme vanno a Sardipone, dove appena poté soffire Troiolo di stare cinque di40

I due compagni nel cammino entraro,

e forse dopo quattromila passi,

là dove Sarpidone era, arrivaro;

il quale come 'l seppe, incontro fassi

a Troiol lieto, e molto gli fu caro.

Li quali, avvegna che e' fosser lassi

del molto sospirar, pur lietamente

festa fer grande col baron possente.41

Costui, sì come quei che d'alto core

era più ch'altri in ciascheduna cosa,

fece a ciascun maraviglioso onore

or con cacce, or con festa graziosa

di belle donne e di molto valore,

con canti e suoni, e sempre con pomposa

grandezza di conviti tanti e tali,

che 'n Troia mai s'eran fatti eguali.42

Ma che giovavan queste feste al pio

Troiol che 'l core ad esse non avea?

Egli era là dove spesso il disio

formato nel pensier suo nel traea,

e Criseida come suo Iddio

con gli occhi della mente ognor vedea,

or una cosa or altra immaginando

di lei, e spesso d'amor sospirando.43

Ogni altra donna a veder gli era grave,

quantunque fosse valorosa e bella;

ogni sollazzo, ogni canto soave,

noioso gli era non vedendo quella,

nelle cui mani Amor posto la chiave

avea della sua vita tapinella;

e tanto bene avea, quanto pensare

a lei potea, lasciando ogni altro affare.44

E non passava sera né mattina

che con sospiri costui non chiamasse:

- O luce bella, o stella mattutina.

Poi come s'ella presente ascoltasse,

mille fiate e più rosa di spina

chiamandola, che ella il salutasse,

pria ch'el ristesse, sempre convenia,

e 'l salutar col sospirar finia.45

Nessuna ora del giorno trapassava

che non la nominasse mille fiate;

sempre il suo nome in la bocca gli stava,

e 'l suo bel viso e le parole ornate

nel cuore e nella mente figurava;

le lettere da lei a lui mandate,

il dì ben cento volte rileggea,

tanto di rivederle gli piacea.46

E' non vi furon tre dì dimorati

che a Pandar Troiol cominciò a dire:

- Che facciam noi qui più? Siam noi legati

a dovere qui vivere e morire?

Aspettiam noi d'essere accomiatati?

A dirti il vero, i' me ne vorre' ire.

Deh, andianne, per Dio, assai siam suti

con Sarpidone e volentier veduti. 47

Pandaro a lui: - Or siam noi per lo foco

venuti qui, o è 'l decimo giorno

venuto? Ancor deh, temperati un poco,

ché l'andarne ora parria uno scorno.

Dove n'andrai tu ora ed in qual loco

nel qual tu facci più lieto soggiorno?

Deh, stiamo ancor due dì, poi ce n'andremo,

e, se vorrai, a casa torneremo.48

Come che Troiol contra voglia stesse,

pur si rimase ne' pensieri usati,

né valea perché Pandar gliel dicesse,

ma dopo il quinto dì accomiatati

quantunque a Sarpidon ciò non piacesse,

ver le lor case si son ritornati,

dicendo Troiol nel cammino: - Oh Dio,

troverò io tornato l'amor mio?49

Ma Pandar seco diceva altrimente,

come colui che conosceva intera

la 'ntenzion di Calcàs, pur pianamente:

«Questa tua voglia sì focosa e fiera

si potrà raffreddar, s'el non mi mente

ciò ch'io udii infin quand'ella c'era;

ed il decimo giorno e 'l mese e l'anno,

pria la riveggi, credo passeranno».Troiolo tornato a Troia va a vedere la casa di Criseide, e ogni luogo che vede dove veduta l'avesse, di lei si rammenta50

Poi che furono a casa ritornati,

intramendue in camera n'andaro,

ed a seder si furono assettati,

e di Criseida molto ragionaro,

sanza dar sosta Troiol agl'infiammati

sospir; ma dopo alquanto si levaro,

Troiol dicendo: - Andiamo, e sì vedremo

la casa almen, poi ch'altro non potemo.51

E questo detto, il suo Pandaro prese

per mano, e 'l viso alquanto si dipinse

con falso riso, e del palagio scese,

e varie cagion con gli altri finse

ch'eran con lui, per nasconder l'offese

ch'el sentiva d'amor; ma poi ch'attinse

con gli occhi di Criseida la magione

chiusa, sentì novella turbagione.52

E' parve che il cor gli si schiantasse,

poi veduta ebbe la porta serrata

e le finestre; e tanto di sé 'l trasse

la passion novellamente nata,

ch'el non sapea se stesse o se andasse,

e nella faccia sua tutta cambiata

n'averia dato segno manifesto

a chi l'avesse riguardato presto.53

Con Pandar poi come potea doglioso

della sua nuova angoscia ragionava;

poi dicea: - Lasso, quanto luminoso

eri luogo e piacevol, quando stava

in te quella biltà che 'l mio riposo

dentro degli occhi suoi tutto portava;

or se' rimaso oscuro sanza lei,

né so se mai riaverla ti dei.54

Quando sol gia per Troia cavalcando,

ciaschedun luogo gli tornava a mente;

de' quai con seco giva ragionando:

«Quivi rider la vidi lietamente,

quivi la vidi verso me guardando,

quivi mi salutò benignamente,

quivi far festa e quivi star pensosa,

quivi la vidi a' miei sospir pietosa.55

Colà istava, quand'ella mi prese

con gli occhi belli e vaghi con amore;

colà istava, quand'ella m'accese

con un sospir di maggior fuoco il core;

colà istava, quando condiscese

al mio piacere il donnesco valore;

colà la vidi altera, e là umile

mi si mostrò la mia donna gentile».56

Poi ciò pensando, giva soggiugnendo:

«Lunga hai fatta di me, Amor, la storia,

s'io non mi voglio a me gir nascondendo,

e 'l ver ben mi ridice la memoria:

dove ch'io vada o stea, s'io bene intendo,

ben mille segni della tua vittoria

discerno, c'hai avuta trionfante

di me, che schernii già ciascuno amante. 57

Ben hai la tua ingiuria vendicata,

signor possente e molto da temere;

ma poi ch'a te servir l'alma s'è data

tutta, sì come chiaro puoi vedere,

non la lasciar morire sconsolata;

ritornala nel suo primo piacere,

stringi Criseida sì come fai,

sì chella torni a dar fine a' miei guai».58

El se ne gia talvolta in sulla porta

per la quale era la sua donna uscita:

«Di quinci uscì colei che mi conforta,

di quinci uscì la mia soave vita;

fino a quel loco le feci la scorta,

e quivi da lei feci dipartita,

e quivi, lasso, le toccai la mano»

seco dicea, seguendo a mano a mano. 59

«Quindi n'andasti, cuor del corpo mio;

quando sarà che tu quindi ritorni,

caro mio bene e dolce mio disio?

Certo io non so, ma questi dieci giorni

più che mille anni fien! Deh, vedrotti io

giammai tornar con li tuoi atti adorni,

a rallegrarmi sì com'hai promesso?

Deh, fia el mai? Deh, or foss'egli adesso!».Troiolo seco medesimo considerata la qualità di se stesso, conta qual sia la sua vita60

Egli pareva a se stesso nel viso

esser men che l'usato colorito,

e per questo faceva un suo avviso

d'esser talvolta dimostrato a dito,

quasi dicesser: «Perché sì conquiso

è divenuto Troiolo e smarrito?».

Color che 'l dimostrassono, e non era

ma sospica chi sa la cosa vera.61

Per che gli piacque di mostrare in versi

chi ne fosse cagione, e sospirando,

quando era assai stanco di dolersi,

alcuna sosta quasi al dolor dando,

mentre aspettava nelli tempi avversi,

con bassa voce si giva cantando

e ricreando l'anima conquisa

dal soperchio d'amore, in cotal guisa: 62

- La dolce vista e 'l bel guardo soave

de' più begli occhi che si vider mai,

ch'i' ho perduti, fan parer sì grave

la vita mia, ch'io vo traendo guai;

ed a tal punto già condotto m'have,

che 'nvece di sospir leggiadri e gai,

ch'aver solea, disii porto di morte

per la partenza, sì me ne duol forte.63

Oh me, Amor, perché nel primo passo

non mi feristi sì ch'io fossi morto?

Perché non dipartisti da me, lasso,

lo spirito angoscioso che io porto,

per ciò che d'alto mi veggio ora in basso?

Non è, Amore, al mio dolor conforto

fuor che 'l morir, trovandomi partuto

da quei begli occhi ov'io t'ho già veduto.64

Quando per gentil atto di salute,

ver bella donna giro gli occhi alquanto,

sì tutta si disfà la mia virtute,

che ritener non posso dentro il pianto;

così mi fan l'amorose ferute

membrando la mia donna a cui son tanto,

oh lasso me, lontano a veder lei,

che se 'l volesse Amor, morir vorrei.65

Poi che la mia ventura è tanto cruda

che ciò che gli occhi incontra più m'attrista,

per Dio, Amor, che la tua man li chiuda,

poi c'ho perduta l'amorosa vista;

lascia di me, Amor, la carne ignuda,

ché, quando vita per morte s'acquista,

gioioso dovria essere il morire

e sai ben dove l'alma ne dee gire. 66

Ella n'andrà in quelle belle braccia

donde ha fortuna rea 'l corpo gittato;

non vedi tu che già nella mia faccia

io son del color suo, Amor, segnato?

Vedi l'angoscia che da me la caccia,

trannela tu, e nel seno più amato

da lei la porta, ov'ella attende pace,

ché già ogni altra cosa le dispiace.67

Poi ch'egli avea cantando così detto,

al sospirare antico si tornava,

il dì andando, e la notte nel letto,

di Criseida sua sempre pensava,

né d'altro quasi prendea diletto;

e' dì passati spesso annoverava,

non credendo giammai giungere a' dieci,

ch'a lui tornasse Criseida da' Greci.68

Li giorni grandi e le notti maggiori

oltre all'usato modo gli parieno;

el misurava dalli primi albori

infino allor che le stelle apparieno;

e dicea 'l sole entrato in nuovi errori,

né i cavai come già fer corrieno;

della notte diceva il simigliante,

e l'una, due, diceva tutte quante.69

Era la vecchia luna già cornuta

nel partir di Criseida, ed el l'avea,

da lei uscendo in sul mattin, veduta;

per che sovente con seco dicea:

«Allor che questa sarà divenuta

colle sue nuove corna, qual facea

quando sen gì la nostra donna, fia

tornata qui allor l'anima mia».70

El riguardava li Greci attendati

davanti a Troia, e come già turbarsi,

vedendoli, solea, così mirati

con diletto eran; e ciò che soffiarsi

sentia nel viso, sì come mandati

sospiri da Criseida, solea darsi

a creder fosser, dicendo sovente:

O qua o quivi è mia donna piacente.71

In cotal guisa e 'n altri modi assai,

il tempo sospirando trapassava;

e con lui Pandaro era sempre mai,

che a ciò far sovente il confortava,

ed in ragionamenti lieti e gai,

a suo poter, di trarlo s'ingegnava,

donando a lui ognor buona speranza

della sua vaga e valorosa amanza.

Parte sesta

Qui comincia la sesta parte del Filostrato, nella quale primieramente Criseida, essendo appresso il padre, si duole esser lontana a Troiolo; viene a lei Diomedès, favellagli, biasimali Troia e' Troiani e appresso le discuopre il suo amore, al quale ella risponde e lascialo in dubio se ella gli piaccia o no; e altrimenti intiepidita di Troiolo il comincia a dimenticare. E primieramente si duole piagnendo Criseida di essere da Troiolo lontana

1

Dall'altra parte in sul lito del mare,

con poche donne, tra le genti armate,

stava Criseida, ed in lagrime amare

da lei eran le notti consumate,

ché 'l giorno più le convenia guardare

per che le fresche guance e dilicate,

pallide e magre l'eran divenute,

lontana dalla sua dolce salute.2

Ella piangeva, seco memorando

di Troiolo lo già preso piacere,

e gli atti tutti andava disegnando

stati tra loro, e le parole intere

tutte con seco venia ricordando,

qualora ella n'avea tempo e potere;

per che, da lui vedendosi lontana

fé de' suoi occhi un'amara fontana.3

Né saria stato alcun sì dispietato

ch'udendo lei rammaricar dolente,

con lei di pianger si fosse temprato;

ella piangeva sì amaramente,

quando punto di tempo l'era dato,

che dir non si potrebbe interamente,

e quel che peggio ch'altro le facea,

era, con cui dolersi non avea.4

Ella mirava le mura di Troia,

e palagi, le torri e le fortezze,

e dicea seco: «Oh me, quanta gioia,

quanto piacere e quanto di dolcezze

n'ebb'io già dentro, ed ora in trista noia

consumo qui le mie care bellezze!

Oh me, Troiolo mio, che fa' tu ora?

Ricordati di me niente ancora?5

Oh, me lassa! or t'avessi io creduto,

e 'nsieme intrambedui fossimo giti

dove e 'n qual regno ti fosse piaciuto,

ch'or non sarien questi dolor sentiti

da me, né tanto buon tempo perduto!

Quando che sia saremmo poi redditi;

e chi di me avria mai detto male

per ch'andata ne fossi con uom tale?6

Oimè lassa, che tardi m'avveggio,

e 'l senno mio mi torna ora nemico;

io fuggii 'l male e seguitai il peggio,

donde di gioia il mio cuore è mendico;

e per conforto invan la morte cheggio,

poi veder non ti posso, o dolce amico,

e temo di giammai più non vederti;

così sien tosto li Greci diserti! 7

Ma mio poter farò quinci fuggirmi,

se conceduto non mi fia 'l venire

in altra guisa, e con teco reddirmi

com'io promisi; e vada dove gire

ne vuole il fumo, e ciò che può seguirmi

di ciò ne siegua, ch'anzi che morire

di dolor voglia, voglio che parlare

possa chi vuole e di me abbaiare». 8

Ma da sì alto e grande intendimento

tosto la volse novello amadore.

Or prova Diomede ogni argomento

che el potea per entrarle nel core,

né gli fallì al suo tempo lo 'ntento,

e 'n brieve spazio ne cacciò di fore

Troiolo e Troia, ed ogni altro pensiero

che 'n lei fosse di lui o falso o vero.Come Diomedès parla a Criseide di varie cose, e ultimamente l'amore il quale le porta le scuopre9

Ella non era il quarto giorno stata

dopo l'amara dipartenza, quando

cagione onesta a lei venir trovata

da Diomede fu, che sospirando

la trovò sola, e quasi trasformata

dal dì che prima con lei cavalcando

di Troia quivi menata l'avea;

il che gran maraviglia gli parea.10

E seco disse nella prima vista:

«Vana fatica credo fia la mia;

questa donna è per altrui trista,

sì com'io veggio, sospirosa e pia.

Troppo esser converria sovrano artista

chi ne volesse il primo cacciar via

per entrarvi egli; oh me, che male andai

per me 'n Troia quando qui la menai!».11

Ma come quei ch'era di grande ardire

e di gran cuor, con seco stesso prese,

s'el ne dovesse per certo morire,

poi quivi era venuto, l'aspre offese,

ch'Amore gli facea per lei sentire,

di dimostrarle, e sì come s'accese

prima di lei; e postosi a sedere,

di lungi assai si fece al suo volere.12

E prima seco entrò a ragionare

dell'aspra guerra tra loro e' Troiani,

lei domandando quel che le ne pare,

s'e lor pensier credea frivoli o vani;

quinci discese poi a domandare

se le parean de' Greci i modi strani,

né molto poi s'astenne a domandarla

perché stesse Calcàs di maritarla.13

Criseida, che ancor l'animo avea

in Troia fitto al suo dolce amadore,

dell'astuzia di lui non s'accorgea,

ma, sì come piaceva al suo signore

Amore, a Diomede rispondea,

e spesse volte gli passava il core

con grieve doglia, e talor gli donava

lieta speranza di quel che cercava.14

Il qual, come con lei rassicurato

fu, ragionando cominciò a dire:

- Giovane donna, s'io ho ben guardato

nell'angelico viso da gradire

più ch'altro visto mai, quel trasformato

mi par veder per noioso martire,

dal giorno in qua che di Troia ci partimmo,

e qui come sapete ne venimmo. 15

Né so ch'esser si possa la cagione

s'amor non fosse, il qual, se savia sete,

gittrete via, udendo la ragione,

per che, sì com'io dico far dovete:

li Troian son si può dire in prigione

da noi tenuti, sì come vedete,

che siam disposti di non mutar loco,

sanza disfarla con ferro e con foco. 16

Né crediate ch'alcun che 'n Troia sia

trovi pietà da noi in sempiterno;

né mai commise alcun'altra follia

o commettrà, se 'l mondo fosse eterno,

che assai chiaro esempio non gli fia,

o qui tra' vivi o tra' morti in inferno,

la punizion ch'a Paride daremo,

della fatta da lui, se noi potremo.17

E se vi fosser ben dodici Ettori,

com'un ve n'è, e sei tanti fratelli,

se Calcàs per ambage e per errori

qui non ci mena, parimente d'elli,

quantunque sieno, i disiati onori

avremo e tosto; e la morte di quelli,

che sarà 'n brieve, ne darà certanza

che non sia falsa la nostra speranza.18

E non crediate che Calcàs avesse

con tanta istanzia voi raddomandata,

se ciò ch'io dico non antivedesse;

ben ho io con esso lui trattata

questa quistione in pria ch'egli il facesse,

e ciascuna cagione esaminata;

ond'el per trarvi di cotal periglio

di rivolervi qui prese consiglio.19

Ed io nel confortai, di voi udendo

mirabili virtù ed alte cose,

ed Antenor per voi dargli sentendo,

m'offersi trattator, ed el m'impose

ch'io il facessi, assai ben conoscendo

la fede mia, né mi fur faticose

l'andate e le tornate per vedervi,

per parlarvi, udirvi e conoscervi.20

Che vo' dir, dunque, bella donna cara?

Lasciate de' Troian l'amor fallace,

cacciate via questa speranza amara,

che 'nvano sospirare ora vi face,

e rivocate la bellezza chiara

la qual più ch'altra a chi intende piace;

ch'a tal partito omai Troia è venuta,

ch'ogni speranza ch'uom v'ha, è perduta.21

E s'ella fosse pur per sempre stare,

sì sono il re e' figli e gli abitanti

barbari, scostumati e da prezzare

poco a rispetto de' Greci, ch'avanti

ad ogni altra nazion possono andare,

d'alti costumi e d'ornati sembianti;

voi siete ora tra uomin costumati,

dove eravate tra bruti insensati. 22

E non crediate che ne' Greci amore

non sia assai più alto e più perfetto

che tra' Troiani; e 'l vostro gran valore,

la gran biltà e l'angelico aspetto

troverà qui assai degno amadore,

se el vi fia di pigliarlo diletto;

e se non vi spiacesse, io sarei esso,

più volentier che re de' Greci adesso.23

E questo detto, diventò vermiglio

come fuoco nel viso, e, la favella

tremante alquanto, in terra bassò 'l ciglio,

alquanto gli occhi torcendo da ella;

ma poi tornò da subito consiglio

più pronto ch'el non era, e con isnella

loquela seguitò: - Non vi sia noia,

io son così gentil com'uom di Troia.24

Se 'l padre mio Tideo fosse vissuto

com'el fu morto a Tebe combattendo,

di Calidonia e d'Argo saria suto

re, sì com'io ancora essere intendo;

né era stran nell'un regno venuto,

ma conosciuto, antico e reverendo,

e, se creder si può, di dio disceso,

sì ch'io non son tra' Greci di men peso.25

Priegovi dunque, se 'l mio priego vale,

che via cacciate ogni malinconia,

e me, se io vi paio tanto e tale

qual si conviene a vostra signoria,

in servidor prendiate; io sarò quale

l'onestà vostra e l'alta leggiadria,

ch'io veggio in voi più che 'n altra, richiede,

sì ch'ancor caro avrete Diomede. Criseida maravigliandosi dell'ardire di lui, secondo le cose ragionate risponde 26

Criseida ascoltava, e rispondea

poche parole e rade, vergognosa

secondo che di lui 'l dir richiedea;

ma poi, udendo quest'ultima cosa,

seco l'ardir di lui grande dicea,

a traverso mirandol dispettosa,

tanto poteva ancor Troiolo in essa,

e così disse con voce sommessa:27

- Io amo, Diomede, quella terra

nella qual son cresciuta ed allevata,

e quanto può mi grava la sua guerra,

e volentier la vedrei liberata;

e se fato crudel fuor me ne serra

questo mi fa con gran ragion turbata;

e d'ogni affanno per me ricevuto,

priego buon merto te ne sia renduto. 28

Ben so che' Greci son d'alto valore

e costumati, sì come ragioni,

ma de' Troian non è guari minore

l'alta virtù, e le lor condizioni

l'hanno mostrate nelle man d'Ettore;

né senno è, credo, per divisioni,

o per altra cagione, altrui biasmare,

e poscia sé sopra gli altri lodare.29

Amor io non conobbi, poi morio

colui al qual lealmente il servai,

sì come a marito e signor mio,

né greco né troian mai non curai

in cotal atto, né m'è in disio

curarne alcun, né mi sarà giammai.

Che tu sie di real sangue disceso

cred'io assai, ed hollo bene inteso.30

E questo assai mi dà d'ammirazione,

che possi porre in una femminella,

come son io, di poca condizione,

l'animo tuo; a te Elena bella

si converria; io ho tribulazione,

né son disposta a sì fatta novella.

Non per ciò dico che io sia dolente

d'essere amata da te, certamente.31

Il tempo è reo, e voi siete nell'armi:

lascia venir la vittoria ch'aspetti,

allor saprò io molto me' che farmi:

forse mi piaceranno più i diletti

ch'ora non fanno, e potrai riparlarmi,

e per ventura più cari i tuoi detti

mi fieno ch'or non son; l'uom dee guardare

tempo e stagion quando altrui vuol pigliare.32

Quest'ultimo parlare a Diomede

fu assai caro, e parvegli potere

isperar sanza fallo ancor mercede,

sì com'egli ebbe poi a suo piacere,

e rispuosele: - Donna, io vi fo fede

quanto posso maggiore, ch'al volere

di voi io sono e sarò sempre presto.

E altro disse, e gissen dopo questo.33

Egli era grande e bel della persona,

giovane fresco e piacevole assai,

e forte e fier, sì come si ragiona,

e parlante quant'altro greco mai,

e ad amor la natura avea prona;

le quai cose Criseida ne' suoi guai,

partito lui, seco venne pensando,

d'accostarsi o fuggirsi dubitando.34

Queste la fer raffreddar nel pensiero

caldo ch'avea pur di voler reddire;

queste piegaro il suo animo intero

che 'n ver Troiolo aveva, ed il disire

torsono indietro, e 'l tormento severo

nuova speranza alquanto fé fuggire;

e da queste cagion sommossa, avvenne

che la promessa a Troiol non attenne.

Parte settimaQui comincia la settima parte del Filostrato, nella quale primieramente Troiolo il dì decimo attende Criseida alla porta, la quale, non venendo, scusa, e tornavi l'undecimo dì e più altri, e non venendo essa alle lacrime tornava; consumasi Troiolo; Priamo il domanda della cagione; tacela Troiolo; sogna Troiolo Criseida essergli tolta; dicelo a Pandaro e vuolsi uccidere; Pandaro il ritiene e stornalo da ciò; scrive a Criseida; Deifobo s'accorge del suo male; giacendo lui, le donne il visitano; Cassandra il riprende ed egli riprende lei. E primamente, venuto il decimo dì, Troiolo e Pandaro aspettan Criseida in sulla porta1

Troiol, sì com'egli è di sopra detto,

passava tempo il dì dato aspettando,

il qual pur venne dopo lungo aspetto;

ond'egli, altre faccende dimostrando,

in ver la porta se ne gì soletto,

con Pandaro di ciò molto parlando;

e 'n verso il campo rimirando gieno

s'alcuno in ver Troia venir vedieno.2

E ciascun ch'era da costor veduto

venir ver loro, o solo o accompagnato,

che Criseida fosse era creduto,

fin ch'el non s'era a lor tanto appressato

ch'apertamente fosse conosciuto.

E così stetter mezzo dì passato,

beffati spesso dalla lor credenza,

sì come poi mostrava esperienza.3

Troiolo disse: - Anzi mangiare omai,

per quel ch'io possa creder, non verrebbe:

ella penrà a disbrigarsi assai

dal vecchio padre più che non vorrebbe,

per mio avviso; tu che ne dirai?

Io pur mi credo che ella sarebbe

venuta se venire ella dovesse,

e s'a mangiar con lui non si ristesse.4

Pandaro disse: - Io credo dichi vero,

però andianne e poi ci torneremo.

A Troiol piacque al fine, e così fero

e lo spazio che stettero, assai stremo

fu, che tornar, ma gl'ingannò 'l pensiero

sì com'apparve, e trovaronlo scemo;

ché questa gentil donna non venia,

e già la nona su 'n alto salia.5

Troiolo disse: - Forse che 'mpedita

l'avrà il padre, e vorrà che dimori

infino a vespro, e però sua reddita

al tardi fia omai; stiamci di fuori

sì che ella abbia l'entrata espedita,

ché spesse volte questi guardatori

soglion tenere in parole chi viene,

sanza distinguere a cui si conviene.6

Il vespro venne e poi venne la sera,

e molti avevan Troiolo ingannato,

il quale in ver lo campo sospeso era

istato sempre, e tutti riguardato

avea color che di ver la rivera

venieno a Troia, ed alcun domandato

per nuove circostanze, e non avea

nulla raccolto di ciò che chiedea.7

Per che si volse a Pandaro dicendo:

- Fatto avrà questa donna saviamente,

se de' suoi modi meco ben comprendo:

ella vorrà venir celatamente,

perciò la notte attende, ed io 'l commendo;

non vorrà far maravigliar la gente,

né dir: «Costei che fu raddomandata

per Antenor, c'è sì tosto tornata?».8

Però non ci rincresca l'aspettare,

Pandaro mio, io ten priego per Dio;

noi non abbiam or altra cosa a fare,

non ti gravi seguire il mio disio,

e s'io non erro, veder la mi pare:

deh, guarda in giù, non vedi tu quel ch'io?

- No, - disse Pandar - se ben gli occhi sbarro,

quel che mi mostri pare a me un carro.9

- Oh me, che tu di' ver! - Troiolo disse

or così va, cotanto mi trasporta

quel ch'io vorrei ch'al presente avvenisse!

Era del sole già la luce smorta,

e stella alcuna in ciel parea venisse,

quando Troiolo disse: - El mi conforta

non so che pensier dolce nel disire:

abbi per certo ch'or ne dee venire.10

Pandaro seco, ma tacitamente,

ridea di ciò che Troiolo dicea,

e conosceva manifestamente

la cagion che a ciò dire il movea,

e per non farlo di ciò più dolente

che el si fosse, sembianti facea

di crederlo, e dicea: «Di Mongibello

aspetta il vento questo tapinello!».11

L'attendere era nulla, e li guardiani

facean sopra la porta gran romore,

dentro chiamando cittadini e strani,

qual non volesse rimaner di fore,

con le lor bestie ancor tutti i villani;

ma Troiol fé tardar più di due ore;

infine, essendo il ciel tutto stellato,

con Pandar dentro se n'è ritornato.12

E benché se medesmo molte volte,

or con una or con altra, il dì, avesse

isperanza ingannato, tra le molte

voleva Amor davver pur ch'el credesse

ad alcuna di quelle meno stolte;

per che da capo il suo parlar diresse

ver Pandaro, dicendo: - Stolti siamo

che questo giorno aspettata l'abbiamo.13

Ella mi disse dieci dì starebbe

col padre, sanza più istar niente,

e poscia in Troia se ne tornerebbe.

Il termine è per questo dì presente,

dunque doman venir se ne dovrebbe,

se bene annoveriam dirittamente;

e noi siam qui tutto dì dimorati,

tanto n'ha fatto il disio smemorati.14

Domattina per tempo ritornare,

Pandar, ci si vorrà. - E così fero.

Ma poco valse in su e 'n giù guardare,

ch'ad altri già l'avea dritto il pensiero;

di che costor, dopo molto badare,

sì come fatto avieno il dì primiero,

fatto già notte, dentro si tornaro,

ma ciò a Troiol fu soverchio amaro. 15

E la speranza lieta ch'egli avea,

quasi più non avea dove appiccarsi,

di che con seco molto si dolea,

e forte cominciò a rammaricarsi

e di lei e d'Amor, né gli parea

per cagion nulla che tanto indugiarsi

dovesse a ritornare, avendogli essa

la ritornata con fede promessa.16

Ma 'l terzo e 'l quarto e 'l quinto e 'l sesto giorno,

dopo il decimo dì, già trapassato,

sperando e non sperando il suo ritorno,

da Troiol fu con sospiri aspettato;

e dopo questo, più lungo soggiorno

ancor dalla speranza fu 'mpetrato,

e tutto invan; costei pur non tornava,

laonde Troiol se ne consumava.17

Le lagrime che erano allenate

pe' conforti di Pandaro, e' sospiri,

tornar sanza esser da lui rivocate,

dando lor via i focosi disiri,

e quelle che speranza risparmiate

aveva, usciron doppie pe' martiri

che 'n lui gabbato più si fer cocenti

che pria non eran, ben per ognun venti.18

In lui ogni disio istato antico

ritornò nuovo, e sopr'esso lo 'nganno,

che gli parea ricevere, e 'l nemico

spirto di gelosia, gravoso affanno

più ch'alcun altro e di posa mendico,

come san quei che già provato l'hanno.

Ond'el piangeva giorno e notte tanto,

quanto bastavan gli occhi ed egli al pianto.19

El non mangiava quasi e non bevea,

sì avea pien d'angoscia il tristo petto,

ed oltre a questo, dormir non potea

se non da' sospir vinto, ed in dispetto

la vita sua e sé del tutto avea,

e come fuoco fuggiva 'l diletto,

ed ogni festa ed ogni compagnia

similemente a suo poter fuggia.20

Ed era tal nel viso divenuto

che piuttosto che uom pareva fera,

né l'averia alcun riconosciuto,

sì pallida e smarrita avea la cera;

del corpo s'era ogni valor partuto,

e tanta forza appena ne' membri era

che 'l sostenesse, né conforto alcuno

prender volea che gli desse nessuno.Priamo e' figliuoli si maravigliano di veder Troiolo così sfigurato, né da lui qual sia la cagione posson sapere21

Priamo che 'l vedea così smarrito,

a sé alcuna volta lui chiamava,

dicendo: - Figlio, che hai tu sentito?

Qual cosa è quella che tanto ti grava?

Tu non par desso tu, sì scolorito;

che è cagion della tua vita prava?

Dilmi, figliuolo, tu non ti sostieni,

e s'io discerno ben, tutto men vieni.22

Il simigliante gli diceva Ettore,

Parìs e gli altri fratelli e sorelle,

e domandavan donde esto dolore

sì grave avesse e per quai ree novelle.

Alli quai tutti diceva ch'al core

si sentia noie, ma quai fosser quelle,

niun poteva tanto addomandare,

che da lui più ne potesse apparare.Vede Troiolo in sogno Criseida essergli tolta, rammaricarsi di lei con Pandaro e vuolsi uccidere, e a gran pena è da lui ritenuta23

Erasi un dì, tutto malinconoso

per la fallita fede, ito a dormire

Troiolo, e 'n sogno vide il periglioso

fallo di quella che 'l facea languire:

ché gli parea, per entro un bosco ombroso,

un gran fracasso e spiacevol sentire;

per che, levato il capo, gli sembiava

un gran cinghiar veder che valicava. 24

E poi appresso gli parve vedere

sotto a' suoi piè Criseida, alla quale

col grifo il cor traeva, ed al parere

di lui, Criseida di così gran male

non si curava, ma quasi piacere

prendea di ciò che facea l'animale;

il che a lui sì forte era in dispetto,

che questo ruppe il sonno deboletto. 25

Com'el fu desto cominciò a pensare

sopra ciò ch'avea in sogno veduto,

e chiaro parve a lui considerare

che volea dir ciò che gli era apparuto,

e prestamente si fece chiamare

Pandaro al qual, come a lui fu venuto,

piangendo cominciò: - Pandaro mio,

la vita mia non piace più a Dio. 26

La tua Criseida, oh me, m'ha ingannato,

di cui io più che d'altra mi fidava

ella ha altrui il suo amor donato,

il che più che la morte assai mi grava;

gli dii me l'hanno nel sogno mostrato.

E quinci il sogno tutto gli narrava,

poi cominciò a dir quel che volea

sì fatto sogno, e così gli dicea:27

- Questo cinghiar ch'io vidi è Diomede

per ciò che l'avolo uccise il cinghiaro

di Calidonia, se si può dar fede

a' nostri antichi, e sempre poi portaro

per sopransegna, sì come si vede,

i discendenti il porco. Oh me, amaro

e vero sogno! Questo l'avrà 'l core

col parlar tratto, cioè 'l suo amore.28

Questo la tien, dolente la mia vita,

sì come aperto ancor potrai vedere,

questo impedisce sol la sua reddita;

se ciò non fosse, ben v'era il potere

del ritornar, né l'avrebbe impedita

il vecchio padre, né altro calere;

laond'io sono ingannato credendo,

ed ischernito, invan lei attendendo.29

Oh me, Criseida, qual sottile ingegno,

qual piacer nuovo, qual vaga bellezza,

qual cruccio verso me, qual giusto sdegno,

qual fallo mio o qual fiera stranezza,

l'animo tuo altiero ad altro segno

han potuto recare? Oh me, fermezza

a me promessa, oh me, fede e leanza,

chi v'ha gittate dalla mia amanza?30

Oh me, perché andar mai ti lasciai?

perché credetti al tuo consiglio rio?

perché con meco non te ne menai,

com'io aveva, lasso, nel disio?

perché li patti fatti non guastai,

come nel cuor mi venne allora ch'io

ti vidi render? Tu non disleale

saresti e falsa, né io tristo aguale.31

Io ti credetti, e sperava per certo

santa esser la tua fede, e le parole

essere un ver certissimo ed aperto

più ch'a' viventi la luce del sole;

e tu parlavi ambiguo e coperto,

sì com'egli ora appar nelle tue fole,

ché solamente a me non se' tornata,

ma con altro uom ti se' innamorata.32

Che farò, Pandaro? Io mi sento un foco

di nuovo acceso nella mente forte,

tal ch'io non truovo nel mio pensier loco;

io vo' con le mie man prender la morte,

ché 'n tal vita più star non saria gioco;

poi la Fortuna a sì malvagia sorte

recato m'ha, il morire fia diletto,

dove il viver saria noia e dispetto.33

E questo detto, corse ad un coltello,

il qual pendea nella camera aguto,

e per lo petto si volle con ello

dar, se non fosse ch'el fu ritenuto

da Pandaro lo quale il tapinello

giovane prese, com'ebbe veduto

lui disperar nelle parole usate,

con sospiri e con lagrime versate.34

Troiol gridava: - Deh, non mi tenere,

amico caro, io ten priego per Dio;

poi che disposto sono a tal volere,

lascia seguirmi il mio fiero disio,

lasciami s' tu non vuoi prima sapere

qual sia la morte alla qual già corr'io;

lasciami, Pandaro, io ti feriraggio

se non mi lasci, e poi m'uccideraggio. 35

Lasciami tor del mondo il più dolente

corpo che viva; lasciami, morendo,

contenta far la nostra fraudolente

donna, la quale ancora andrò seguendo

tra l'ombre nere nel regno dolente;

lasciami uccider, ché 'l viver piangendo,

peggio è che morte. - E dicendo, sforzava

sé per lo ferro, il qual quel gli negava.36

Pandaro ancora faceva romore

con lui tenendol forte, e se non fosse

che Troiolo era debole, il valore

di Pandar saria vinto; tali scosse

Troiolo dava, atato dal furore.

Pure alla fine il ferro gli rimosse

Pandar di mano, e lui contra 'l volere

fece piangendo con seco sedere.37

E dopo amaro pianto, verso lui

con tai parole si volse pietoso:

- Troiolo, sempre, in tal credenza fui

di te ver me, che s'io stato fossi oso

di domandar per me o per altrui

che t'uccidessi, che tu animoso,

sanza indugio nessun l'avessi fatto,

com'io farei per te in ciascun atto.38

E tu a' prieghi miei non hai la morte

sozza e spiacevol voluto fuggire,

e s'io non fossi stato ora più forte

di te, t'avrei qui veduto morire;

nol mi credea, e le promesse porte

da te a me, le mi veggio fallire,

benché ancor tu questo ammendar puoti,

se con effetto ciò ch'io dico noti.39

Per quel che a me paia, tu hai concetto

che Criseida sia di Diomede,

e s'io ho ben raccolto ciò c'hai detto,

null'altra cosa di ciò ti fa fede

se non il sogno, il qual prendi in sospetto

per l'animale il qual dente lede,

e sanza più voler sentirne avanti,

finir volei con morte i tristi pianti.40

Io ti dissi altra volta che follia

era ne' sogni troppo riguardare;

nessun ne fu, né è, né giammai fia

che possa certo ben significare,

ciò che dormendo altrui la fantasia

con varie forme puote dimostrare;

e molti già credettero una cosa,

ch'altra n'avvenne opposita e ritrosa.41

Così potrebbe addivenir di questo:

forse che là dove tu l'animale

al tuo amore interpreti molesto,

ti fia egli utile e non farà male

sì come stimi; parti egli atto onesto

ad alcun uom, non che ad un reale

come tu se', con le sue man s'uccida,

e faccia per amor sì fatte strida?42

Questa cosa era in tutt'altra maniera

da dover far, che tu non la facevi:

pria sottilmente si volea se vera

fosse, saper, sì come tu potevi,

e se falsa trovata e non intera,

mente l'avessi, allora ti dovevi

dalla fede de' sogni e dallo 'nganno

d'essi levar, che venieno a tuo danno.43

Se ver trovassi che tu per altrui

da Criseida fossi abbandonato,

non dovevi con tutti i pensier tui

per partito pigliar diliberato

pur di morire, ch'io non so da cui

giammai ne fossi se non biasimato,

ma si voleva prender per partito

di schernir lei com'ella ha te schernito. 44

E se pure a morire i pensier gravi

ti sospignean per sentir minor doglia,

non era da pigliar ciò che pigliavi,

ch'altra via c'era a fornir cotal voglia;

e ben te la doveano i pensier pravi

mostrar, per ciò che davanti alla soglia

della porta di Troia i Greci sono,

che t'uccidran sanza chieder perdono.45

Andremo dunque contra i Greci armati,

quando morir vorrai, insiememente:

quivi, sì come giovani pregiati,

combatterem con loro, e virilmente

loro uccidendo, morrem vendicati,

né vieterolti allor certanamente,

sol ch'io m'avveggia che cagion ti mova

giusta a voler morire in cotal prova.46

Troiol, ch'ancor fremia di cruccio acceso,

quanto potea, dolente, l'ascoltava,

e poi che l'ebbe lungamente inteso,

qual esso ancor doglioso lagrimava,

ver lui si volse, il quale stava atteso

se dall'impresa folle si mutava,

e 'n cotal guisa gli parlò piangendo,

sempre il parlar con singhiozzi rompendo:47

- Pandaro, vivi di questo sicuro,

che io son tutto tuo in ciò ch'io posso,

e 'l vivere e 'l morir non mi fia duro

come ti piacerà, e se rimosso

da furor fui da consiglio maturo,

poco davanti quando tu addosso

mi fosti per la mia propria salute,

non sen dee ammirar la tua virtute.48

In tale error la subita credenza

del tristo sogno mi fece venire;

or men cruccioso, la mia gran fallenza

aperta veggio e 'l mio folle disire;

ma se tu vedi con che sperienza

di questa sospecione il ver sentire

io possa, dillo, per Dio ten richieggio,

ch'io son turbato, e da me non la veggio. 49

A cui Pandaro disse: - Al mio parere,

con iscrittura è da tentar costei,

però che s'ella non t'avrà 'n calere,

non credo che risposta abbiam da lei;

o se l'avrem, potrem chiaro vedere,

per le scritte parole, se tu dei

sperare ancor nella sua ritornata,

o s'ella s'è d'altro uomo innamorata.50

Poi si partì, giammai non le scrivesti,

né ella a te, ed il suo star cagione

potrebbe tale aver, che tu diresti

che ella avesse ben di star ragione;

e potrebbe esser tal, che riprendresti

più tiepidezza ch'altra offensione.

Scrivile adunque, ché se ben lo fai,

chiaro vedrem ciò che cercando vai.51

Già incresceva a Troiol di se stesso,

per che 'l credette volentieri, e tratto

da parte, comandò ch'a lui adesso

da scriver fosse dato, ed el fu fatto;

ond'egli alquanto pensato sopr'esso

che scrivere dovea, non come matto

incominciò, e sanza indugio scrisse

alla sua donna, e 'n cotal guisa disse:Scrive Troiolo a Criseida qual sia la cagione della vita sua, e pregiarla, siccome ella promise, deggia tornare52

«Giovane donna, a cui Amor mi diede

e tuo mi tiene, e mentre sarò 'n vita

mi terrà sempre con intera fede,

per ciò che tu nella tua dipartita

in miseria maggior ch'alcun non crede

qui mi lasciasti, l'anima smarrita

si raccomanda alla tua gran virtute,

e mandarti non può altra salute.53

El non dovrà, come che divenuta

sia quasi greca, la lettera mia

da te ancor non esser ricevuta,

per ciò che 'n poco tempo non s'oblia

sì lungo amor qual tiene ed ha tenuta

nostra amistà congiunta, la qual sia

etterna priego, e però prenderaila

e 'nfino alla sua fine leggeraila.54

Se 'l servidore in caso alcun potesse

del suo maggior dolersi, forse ch'io

avrei ragion se di te mi dolesse,

considerando al tuo affetto pio

la fede data, e le molte promesse,

ed il giurato ciascheduno iddio,

che torneresti in fra 'l decimo giorno:

né fra quaranta ancor fatt'hai ritorno.55

Ma per ciò che a me convien piacere

quanto a te piace, rammarcar non m'oso,

ma, quanto umile posso, il mio parere

ti scrivo, più che mai d'amor focoso,

e similmente il mio caldo volere,

e la mia vita ancor, volenteroso

di saper qual la tua vita sia stata,

poi che tra' Greci fosti permutata.56

Parmi, se 'l tuo consiglio ho bene a mente,

che potuto abbino in te le paterne

lusinghe, o nuovo amor t'è nella mente

entrato, o, quel che rado ci si cerne,

vecchio divenir largo, che 'l tegnente

Calcàs cortese sia, dove le 'nterne

tue intenzion mi mostraro il contraro

nell'ultimo tuo pianto e mio amaro. 57

Poi sì lontano oltre al nostro proposto

se' dimorata, che tornar dovevi

secondo le promesse così tosto,

se 'l primo o 'l terzo fosse, mel dovevi

significar, poi che sai ch'io m'accosto

ed accostava a ciò che tu volevi,

ché paziente l'avre' i' comportato,

quantunque grave assai mi fosse stato. 58

Ma forte temo che novello amore

non sia cagion di tua lunga dimora,

il che se fosse mi saria dolore

maggior ch'alcun ch'io ne provassi ancora;

e se l'ha meritato il mio fervore

nol dei tu avere a conoscere ora;

di questo vivo misero in paura

tal, che diletto e speranza mi fura. 59

Questa paura dispietate stride

trarre mi fa, quando vorrei posarmi;

questa paura sola mi conquide

dentro al pensiero, ond'io non so che farmi;

questa paura, oh me lasso, m'uccide,

né so né posso più da lei atarmi;

questa paura m'ha recato in parte,

ch'a Vener non sono util né a Marte. 60

Gli occhi dolenti, dopo il tuo partire,

di lagrimar non ristetter giammai;

mangiar né ber, riposar né dormire

poi non potei; ma sempre ho tratto guai,

e quel che più della mia bocca udire

s'è potuto, è nomarti sempre mai

o chiamar te od Amor per conforto;

per questo sol cred'io ch'io non sia morto.61

Ben puoi omai pensar quel ch'io farei

se certo fossi di quel c'ho dottanza:

certo mi credo ch'io m'ucciderei

di te sentendo sì fatta fallanza;

ed a che far da poi ci viverei

ch'io avessi perduta la speranza

di te, anima mia, cui io attendo

per sola pace, in lagrime vivendo?62

Li dolci canti e le brigate oneste,

gli uccelli, e cani e l'andar sollazzando,

le vaghe donne, i templi e le gran feste

che per addietro soleva ir cercando,

fuggo ora tutte, e sonmi, oh me, moleste,

qualora vengo con meco pensando

che tu di qui dimori ora lontana,

dolce mio bene, e speme mia sovrana.63

Li fior dipinti e la novella erbetta

che' prati fan di ben mille colori,

non posson trarre a sé l'alma ristretta

donna, per te, negli amorosi ardori;

sol quella parte del ciel mi diletta,

sotto la quale or credo che dimori,

quella riguardo, e dico: "Quella vede

ora colei da cui spero mercede". 64

Io guardo i monti che d'intorno stanno

al luogo che da me ti tien nascosa,

e sospirando dico: "Coloro hanno,

sanza sentirla, la vista amorosa

degli occhi vaghi, per la quale affanno

lontano ad essi in vita assai noiosa;

or foss'io un di loro, o sopra un d'essi

or dimorass'io, sì ch'io la vedessi".65

Io guardo l'onde discendenti al mare

al qual tu ora dimori vicina,

e dico: "Quelle, dopo alquanto andare,

quivi verranno dove la divina

luce degli occhi miei n'è gita a stare,

e da lei fien vedute; oh me, tapina

la vita mia, perché 'n loco di quelle

andar non posso sì come fanno elle? ".66

Se 'l sol discende, con invidia 'l miro,

perché mi par che vago del mio bene,

cioè di te, tirato dal disiro,

più che l'usato tosto se ne vene

a rivederti, e dopo alcun sospiro,

mi viene in odio, e cresce le mie pene;

ond'io temendo ch'el non mi ti tolga,

la notte priego che tosto giù 'l volga.67

L'udir talvolta nominare il loco

dove dimori, o talvolta vedere

chi di là venga, mi raccende il foco

nel cor mancato per troppo dolere,

e par ch'io senta alcun nascoso gioco

nell'anima legata dal piacere,

e meco dico: "Quindi venissi io

onde quel viene, o dolce mio disio!".68

Ma tu che fai tra' cavalieri armati,

tra gli uomin bellicosi, tra i romori,

sotto le tende in mezzo degli agguati,

sovente spaventata da' furori,

dal suon dell'armi e dalle tempestati

marine, a cui vicina ora dimori?

Non t'è el, donna mia, gravosa noia,

ch'esser solei sì dilicata in Troia?69

Io ho nel ver di te compassione

più che non ho di me, sì com'io deggio;

ritorna dunque, e la tua promissione

intera fa, prima ch'io caggia in peggio;

io ti perdono ogni mia offensione

per dimoranza fatta, e non ne cheggio

ammenda, fuor vedere il tuo bel viso,

nel quale è sol tutto il mio paradiso. 70

Deh, io ten priego per quella vaghezza

che me di te e te di me già prese,

e similmente per quella dolcezza

che li cuor nostri parimente accese,

e poi appresso per quella bellezza

la qual possiedi, donna mia cortese,

per li sospiri e pe' pietosi pianti

che noi facemmo insieme già cotanti;71

pe' dolci baci e per quello abbracciare

che già ne tenne insieme tanto stretti,

per la gran festa e 'l dolce ragionare,

che più lieti facea nostri diletti,

per quella fede ancor la qual prestare

ti piacque già ne' lagrimosi detti,

quando l'ultima volta ci partimmo,

né più insieme appresso poi reddimmo;72

che di me ti ricordi, e che tu torni.

E se per avventura se' 'mpedita,

mi scrivi chi dopo li dieci giorni

t'ha ritenuta di qui far reddita.

Deh, non sia grave a' tuoi parlari adorni,

in questo almen contenta la mia vita

e 'n dirmi se io deggio più di spene

in te avere omai, dolce mio bene.73

Se mi darai speranza, aspetteraggio,

come che mi sia grave oltre misura;

se tu la mi torrai, m'uccideraggio,

e darò fine alla mia vita dura;

ma come che si sia mio il dannaggio,

la vergogna fia tua, ch'a sì oscura

morte recato avrai un tuo suggetto,

non avendo el commesso alcun difetto.74

Perdona se nell'ordine dettando

io ho fallito, o se di macchie piena

forse vedi la lettera ch'io mando:

che dell'uno e dell'altro la mia pena

n'è gran cagion, però che lagrimando

vivo e dimoro, né le mi raffrena

nullo accidente; dunque son dolenti

lagrime queste macchie sì soventi. 75

E più non dico, ben ch'a dire assai

ancor mi resti, se non che ne vegni;

deh, fallo, anima mia, ché tu potrai,

se pur quanto tu sai tu te ne 'ngegni.

Oh me, che tu non mi conoscerai,

tal son tornato ne' dolor malegni!

Né più ti dico se non Dio sia teco,

e tosto faccia te esser con meco».76

Quinci la diede a Pandar suggellata,

che la mandò; e la risposta invano

da essi fu per più giorni aspettata:

onde il dolor di Troiol più che umano

perseverò, e fugli raffermata

l'oppinion del sogno suo non sano;

non però tanto ch'el non isperasse

che pure ancor Criseida l'amasse.Deifobo s'accorge della cagione del dolore di Troiolo, inanimalo alle future battaglie, e a' fratelli manifesta quello che ho sentito 77

Di giorno in giorno il suo dolor crescea

mancando la speranza, onde a giacere

porsi convenne, ché più non potea;

ma pur per caso un dì 'l venne a vedere

Deifobo, a cui molto ben volea,

il qual non vedendo el, nel suo dolere,

- Criseida - a dir cominciò pianamente

deh, non mi far morir tanto dolente.78

Deifobo s'accorse allor che quello

fosse che lo strignea, e fatta vista

d'udito non l'aver, disse: - Fratello,

ché non conforti omai l'anima trista?

Il tempo gaio ne viene e fassi bello,

rinverdiscono i prati, e lieta vista

danno di sé, e 'l dì è già venuto

che della triegua il termine è compiuto,79

sì che 'l nostro valore al modo usato

potrem nell'armi a' Greci far sentire:

non vuoi tu più con noi venire armato,

che 'l primo solevi essere al ferire,

e come pro' da loro esser dottato

tanto, ch'avanti a te tutti fuggire

gli solei fare? Ettòr n'ha già commossi,

che doman siam con lui di fuor da' fossi.80

Quale il lion famelico, cercando

per preda, faticato si riposa,

subito su si leva, i crin vibrando,

se cervo o toro sente, od altra cosa

che gli appetisca, sol quella bramando;

tal Troiol udendo la guerra dubbiosa

ricominciarsi, subito vigore

gli corse dentro allo 'nfiammato core. 81

E 'l capo alzato disse: - Fratel mio,

io son nel vero alquanto deboletto,

ma io ho della guerra tal disio,

che rinforzato tosto d'esto letto

mi leverò, e giuroti, se io

mai combattei con duro e forte petto

contra li Greci, or più combatteraggio

ch'ancor facessi, in sì grand'odio gli aggio.82

Intese ben Deifobo ove gieno

quelle parole, e confortollo assai,

dicendogli che e' l'aspetterieno,

per ciò non s'induggiasse più omai

al suo conforto, ed addio si dicieno.

Troiol rimase con gli usati guai,

Deifobo a' fratei sen venne ratto,

ed ebbe a lor tutto contato il fatto.83

Il che essi credetter prestamente

per atti già veduti, e per non farlo

tristo di ciò, di non dirne niente

fra sé diliberaro, e d'aiutarlo;

per ch'alle donne loro incontanente

fer dir ch'ognuna fosse a visitarlo

con suoni e cantator, e fargli festa

sì ch'obliasse la vita molesta.Le troiane donne reali visitano Troiolo il quale Cassandra riprende, ed egli lei, commentando Criseida, duramente rimorde84

In poco d'or la sua camera piena

di donne fu e di suoni e di canti;

dall'una parte gli era Polissena

ch'un'angiola pareva ne' sembianti,

dall'altra gli sedea la bella Elena,

Cassandra ancora gli stava davanti,

Ecuba v'era ed Andromaca, e molte

di lui cognate e parenti raccolte.85

Ciascuna a suo potere il confortava,

tale il domandava che sentia;

esso non rispondea, ma riguardava

or l'una or l'altra, e nella mente pia

di Criseida sua si ricordava,

né più che con sospir ciò discopria;

e pur sentiva alquanto di dolcezza,

e per li suoni e per la lor bellezza.86

Cassandra, che per caso aveva udito

ciò ch'a' fratei Deifobo avea detto,

quasi schernendolo che sì smarrito

si dimostrava, ed era nel cospetto,

disse: - Fratel, per te mal fu sentito,

sì come io m'accorgo, il maladetto

amor, per cui disfatti esser dobbiamo,

come veder, se noi volem, possiamo. 87

E poi che pur così doveva andare

di nobil donna fostù 'nnamorato!

ma condotto ti se' a consumare

per la figlia d'un prete scellerato,

e mal vissuto e di picciolo affare.

Ecco figliuol d'alto re onorato,

che 'n pena e 'n pianto mena la sua vita,

perché da lui Criseida s'è partita! 88

Turbossi Troiol la novella udendo,

sì perch'udiva dispregiar colei

la qual el più amava, e sì sentendo

che 'l suo segreto agli orecchi a costei

pervenuto era, il come non sapendo;

pensò che per risponso degli dei

ella il sapesse; non per tanto disse:

«Ver parria questo se io mi tacesse». 89

E cominciò: - Cassandra, il tuo volere

ogni segreto, più che l'altra gente,

con tue 'maginazioni antivedere,

t'ha molte volte già fatta dolente;

forse più senno ti saria 'l tacere,

che sì parlare scapestratamente:

tu gitti innanzi a tutti i tuoi sermoni,

né so che di Criseida ti ragioni.90

Per che, vedendo te soprabbondare,

io vo' far quello ch'io non feci ancora,

cioè la tua bestialità mostrare:

tu di' che per Criseida mi scolora

soverchio amore, e vuoilmi rivoltare

in gran vergogna, ma infino ad ora

non t'ha di questo il vero assai mostrato

il tuo Apollo, il qual di' c'hai gabbato.91

Per tale amor Criseida giammai

non mi fu in piacer, né credo sia

nessuno al mondo né che fosse mai

ch'ardisse a sostener questa bugia;

e se, sì come tu dicendo vai,

ver fosse, giuro per la fede mia,

mai non l'avrei di qui lasciata gire;

prima m'avria Priam fatto morire.92

Non che io credo che l'avria sofferto,

come sofferse che Parìs Elena

rapisse, onde abbiam ora cotal merto;

per ciò la lingua tua pronta rafrena.

Ma pognàm pur che così fosse certo

ch'io per lei fossi in questa grave pena:

perché non è Criseida in ciascun atto

degna d'ogni alto uomo, qual vuoi sia fatto? 93

Io non vo' ragionar della bellezza

di lei, che al giudicio di ciascuno

trapassa quella della somma altezza,

per ciò che fior caduto è tosto bruno;

ma vegnam pure alla sua gentilezza,

la qual tu biasmi tanto, e qui ognuno

consenta il ver s'io dico ed altri il nieghi,

ma il perché il priego ch'egli alleghi.94

E' gentilezza dovunque è virtute,

questo non niegherà alcun che senta,

ed elle sono in lei tutte vedute

se dall'opra l'effetto s'argomenta;

ma pur partitamente a tal salute

è da venir, sol per lasciar contenta

costei che tanto d'ogni gente parla,

sanza saper che sia quel ch'ella ciarla.95

Se non m'inganna forte la veduta,

e quel ch'altri ne dice, più onesta

di costei nulla ne fia o è suta,

e se 'l ver odo, sobria e modesta

è oltre all'altre, e certo la paruta

di lei 'l dimostra; e similmente è questa

tacita ove conviensi e vergognosa,

che 'n donna è segno di nobile cosa.96

Appar negli atti suoi la discrezione,

e nel suo ragionar, il quale è tanto

saldo e sentito e pien d'ogni ragione;

ed io ne vidi in parte uguanno quanto

fosse, in la scusa della tradizione

fatta per lei del padre: e nel suo pianto,

del suo altiero e ben reale sdegno

con decenti parole diede segno.97

I suoi costumi sono assai palesi,

e perciò non mi par ch'abbin mestiere

né d'altrui né da me esser difesi;

né credo in questa terra cavaliere,

e siencen quanti voglian de' cortesi,

cui non mattasse in mezzo lo scacchiere,

di cortesia e di magnificenza,

sol che 'n ciò far le basti la potenza. 98

Ed io il so che già istato sono

dov'ella me ed altri ha onorati

sì altamente, che in real trono

ne seggon molti alli quali impacciati

parria essere stati, e 'n abbandono,

sì come vili, n'avien tralasciati.

Se ella è stata qui sempre pudica,

la fama sua laudevole lo dica.99

Che più, donna Cassandra, chiederete

in donna omai? il sangue tuo reale?

Non son re tutti quelli a cui vedete

corona o scettro o vesta imperiale;

assai fiate udito già l'avete:

re è colui il qual per virtù vale,

non per potenza; e se costei potesse,

non cre' tu ch'ella come tu reggesse? 100

Ben sapria meglio assai che tu tenerla,

io dico, s' tu m'intendi, la corona,

né saria qual se' tu, donna baderla,

che dai di morso a ciascuna persona;

degno m'avesse Dio fatto d'averla

per donna, sì come fra voi si suona,

ch'io mi terrei in grandissimo pregio

ciò che donna Cassandra tien dispregio.101

Or via andate con mala ventura,

poi non sapete ragionar; filate,

e correggete la vostra bruttura,

e le virtù d'altrui stare lasciate.

Ecco dolore, ecco nuova sciagura,

che una pazza per sua vanitate

quello ch'è da lodar riprender vuole,

e s'ascoltata non è, ne le duole.102

Cassandra tacque, e volentieri stata

esser vorrebbe altrove quella volta,

e tra le donne si fu mescolata

sanz'altro dire; e come gli fu tolta

dal viso, così tosto ne fu andata

al palagio real, né mai più volta

per visitarlo dievvi: non fu ella

sì ben veduta ed ascoltata in quella.103

Ecuba, Elena e l'altre commendaro

ciò ch'avea detto Troiol, e dopo un poco

piacevolmente tutte il confortaro,

e con parole e con festa e con gioco;

e quindi insieme tutte se n'andaro,

ciascheduna tornandosi al suo loco,

e poi più volte il visitaro ancora,

mentre in sul letto debol fé dimora.104

Troiolo sì per lo continuare

d'essere in doglia, divenne possente

con pazienza quella a comportare,

e sì ancora per l'animo ardente

che contro a' Greci aveva di mostrare

la sua virtù, gli fece prestamente

le forze racquistar ch'avea perdute

per le troppo agre pene sostenute.105

Ed oltre a ciò Criseida gli avea scritto

e mostrato d'amarlo più che mai,

e false scuse al suo tanto star fitto,

sanza tornare, aveva indotte assai,

e domandato ancor nuovo rispitto

al suo tornar che non dovea giammai

esser; ed el l'avea dato, sperando

di rivederla, ma non sapea quando.106

E 'n più battaglie poi con gli avversari

fatte, mostrò quanto in arme valea,

e' suoi sospiri e gli altri pianti amari

che per loro operare avuti avea,

oltre ogni stima li vendea lor cari,

non però quanto l'ira sua volea;

ma morte poi, ch'ogni cosa disface,

amore e la sua guerra pose in pace.

Parte ottavaQui comincia l'ottava parte del Filostrato, nella quale primieramente Troiolo con lettere e con ambasciate ritenta Criseida, la quale il mena per parole; appresso, per un vestimento tratto da Deifobo a Diomede, conosce Troiolo, a un fermaglio il quale v'era, Criseida esser di Diomede; duolsene con Pandaro e del tutto si dispera, e ultimamente ucciso da Achille finiscono i suoi dolori. E primamente Troiolo con lettere e con ambasciate ritenta la fede e l'amore di Criseida1

Egli era, com'è detto, a sofferire

già adusato, e più nel fece forte

l'alto dolor, da non poter mai dire,

che 'l padre, ed egli e' fratei per la morte

ebber d'Ettòr, nel cui sovrano ardire

e le fortezze e le mura e le porte

credien di Troia, il qual lunga stagione

li tenne in pianto ed in tribulazione.2

Ma non per ciò amor si dipartia,

come ch'assai mancasse la speranza;

anzi cercava in ogni modo e via,

come suole esser degli amanti usanza,

di poter riaver, qual solea pria,

la dolce sua ed unica intendanza;

lei del non ritornar sempre scusando,

per non poter ciò essere stimando.3

Ei le mandò più lettere, scrivendo

quel che sentia per lei la notte e 'l giorno,

e 'l dolce tempo a mente riducendo,

e la fede promessa del ritorno,

spesse fiate ancora riprendendo

cortesemente il suo lungo soggiorno;

mandovvi Pandar, qualora tra essi

o triegue o patti alcun furon promessi.4

Ed el similemente ebbe in pensiero

ancor più volte di volervi andare,

di pellegrino in abito leggero,

ma sì non si sapeva contraffare

che gli paresse assai coprire il vero,

né scusa degna sapeva trovare

da dir, se fosse stato conosciuto

in abito cotanto disparuto.5

Né altro aveva da lei che parole

belle e promesse grandi sanza effetto,

onde a presumer cominciò che fole

eran tututte, ed a prender sospetto

di ciò che era ver, sì come suole

spesso avvenire a chi sanza difetto

riguarda in fra le cose c'ha per mano;

per che non fu il suo sospetto vano.6

E ben conobbe che novello amore

era cagion di tante e tai bugie,

seco affermando che giammai nel core

né paterne lusinghe mai, né pie

carezze avuto avrien tanto valore;

né gli era luogo a veder per quai vie

più s'accertasse di ciò che mostrato

già gli aveva il suo sogno sventurato.

7

Al quale amor raccorciata la fede

aveva molto, sì com'egli avviene

che colui ch'ama mal volentieri crede

cosa ch'accresca amando le sue pene;

ma che pur fosse ver di Diomede,

come pria sospettò, fé ne gli fene

non molto poi un caso, che gli tolse

ciascuna scusa, ed a creder lo volse.

Mostrava Deifobo per Troia un vestimento da lui tratto nella battaglia a Diomede,
nel quale Troiolo conobbe un fermaglio da lui donato a Criseida
8

Stavasi Troiol non sanza tormento

del suo amore timido e sospeso,

quand'egli udì, dopo un combattimento

tra li Greci e' Troiani assai disteso

fatto, con uno ornato vestimento,

a Diomede gravemente offeso

tratto, tornar Deifobo pomposo

di cotal preda, e seco assai gioioso.

9

E mentre che portarlosi davanti

facea per Troia, Troiol sopravvenne,

e molto il commendò fra tutti quanti,

e per vederlo meglio alquanto il tenne;

e mentre e' rimirava, gli occhi erranti

or qua or là d'intorno a tutto, avvenne

che esso vide nel petto un fermaglio

d'oro, lì posto forse per fibbiaglio.10

Il quale esso conobbe incontanente,

sì come quei che l'aveva donato

a Criseida, allora che dolente

partendosi da lei, preso commiato

quella mattina avea ch'ultimamente

era la notte con lei dimorato;

laonde disse: - Io veggio pur ch'è vero

il sogno ed il sospetto e 'l mio pensiero. Troiolo si duole insieme con Pandaro dello inganno di Criseida, il quale apertamente è conosciuto11

Quindi partito, Troiolo chiamare

Pandar si fé, il quale a lui venuto,

si cominciò con pianto a rammarcare

del lungo amore il quale avea tenuto

a Criseida sua, ed a mostrare

aperto il tradimento ricevuto

gli cominciò, dolendosene forte,

sol per ristoro chiedendo la morte.12

E cominciò così piangendo a dire:

- O Criseida mia, dov'è la fede,

dov'è l'amor, dov'è ora il disire,

dov'è la tanto gridata mercede

da te a Dio, oh me, nel tuo partire?

Ogni cosa possiede Diomede,

ed io, che più t'amai, per lo tuo 'nganno

rimaso sono in pianto ed in affanno.13

Chi crederà omai a nessun giuro,

chi ad amor, chi a femmina omai,

ben riguardando il tuo falso spergiuro?

Oh me, che io non so, né pensai mai

che tanto avessi il cuor rigido e duro,

che per altr'uom io t'uscissi giammai

dell'animo, che più che me t'amava,

ed ingannato sempre t'aspettava.14

Or non avevi tu altro gioiello

da poter dare al tuo novello amante,

io dico a Diomede, se non quello

ch'io t'avea dato con lagrime tante

in rimembranza di me tapinello,

mentre con Calcas fossi dimorante?

Null'altro far tel fé se non dispetto,

e per mostrar ben chiaro il tuo 'ntelletto.15

Del tutto veggio che m'hai discacciato

del petto tuo, ed io oltre mia voglia

nel mio ancora tengo effigiato

il tuo bel viso con noiosa doglia.

Oh, lasso me, che 'n malora fui nato.

Questo pensier m'uccide e mi dispoglia

d'ogni speranza di futura gioia,

e cagion èmmi d'angoscia e di noia.16

Tu m'hai cacciato a torto della mente,

là dov'io dimorar sempre credea,

e nel mio luogo hai posto falsamente

Diomedès; ma per Venere dea

ti giuro, tosto ten farò dolente

con la mia spada alla prima mislea,

se egli avviene ch'io 'l possa trovare,

purché con forza il possa soprastare.17

O el m'ucciderà, e fieti caro,

ma spero pur la divina giustizia

rispetto avrà al mio dolore amaro,

e similmente alla tua gran nequizia.

O sommo Giove, in cui certo riparo

so c'ha ragione, e da cui tutta inizia

l'alta virtù per cui si vive e move,

son li giusti occhi tuoi rivolti altrove? 18

Che fanno le tue folgori ferventi?

Riposansi elle, o più gli occhi non tieni

volti a' difetti delle umane genti?

O vero lume, o lucidi sereni,

pe' quai s'allegran le terreni menti,

togliete via colei nelli cui seni

bugie e 'nganni e tradimenti sono,

né più la fate degna di perdono. 19

O Pandar mio, che ne' sogni aver fede

m'hai biasimato con cotanta istanza,

or puoi veder ciò che per lor si vede,

la tua Criseida te ne fa certanza:

hanno gli dei di noi mortal mercede

ed in diverse guise dimostranza

ci fan di quello ch'è a noi ignoto,

per nostro bene spesse volte noto.20

E questo è l'un de' modi che dormendo

talor si mostra, io me ne sono accorto

molte fiate già mente tenendo;

or vorre'io allor essermi morto,

da poi che per innanzi non attendo

sollazzo, gioia, piacer né diporto;

ma per lo tuo consiglio vo' 'ndugiarmi

a morir co' nemici miei nell'armi.21

Mandimi Dio Diomedès davanti

la prima volta ch'i' esco alla battaglia;

questo disio tra li miei guai cotanti,

sì ch'io provar gli faccia come taglia

la spada mia, e lui morir con pianti

nel campo faccia, e poi non me ne caglia

che mi s'uccida, sol ch'io muoia, e lui

misero truovi nelli regni bui.22

Pandaro con dolor tutto ascoltava,

e ver sentendol, non sapea che dirsi,

e d'una parte a star quivi il tirava

dell'amico l'amor, d'altra a partirsi

vergogna spesse volte lo 'nvitava

pel fallo di Criseida, e spedirsi

qual far dovesse seco non sapea,

e l'uno e l'altro forte gli dolea.23

Alla fine così disse piangendo:

- Troiol, non so che mi ti debba dire;

lei quant'io posso tanto più riprendo,

s'è come di', e del suo gran fallire

niuna scusa avanti far ne 'ntendo,

né mai dov'ella sia più voler gire;

ciò ch'io fei già il fei per tuo amore,

lasciando addietro ciascun mio onore.24

E s'io ti piacqui, assai m'è grazioso;

di quel ch'or fassi altro non posso fare

e come tu così ne son cruccioso,

e s'io vedessi il modo d'ammendare,

abbi per certo, io ne sarei studioso:

faccialo Dio che può ciò che gli pare,

priegol io quanto posso ch'El punisca

lei sì che più 'n tal guisa non fallisca.Cerca Troiolo di Diomede nella battaglia, diconsi villania e ultimamente Troiolo è da Achille ucciso25

Grandi furo i lamenti e 'l rammarchio,

ma pur fortuna suo corso facea;

colei amava con tutto il disio

Diomedès, e Troiolo piangea;

Diomedès si lodava di Dio,

e Troiolo il contrario si dolea;

nelle battaglie Troiol sempre entrava,

e più ch'altrui Diomedès cercava.26

E spesse volte insieme s'avvisaro

con rimproveri cattivi e villani,

e di gran colpi fra lor si donaro,

talvolta urtando, e talor nelle mani

la spada avendo, vendendosi caro

insieme molto il loro amor non sani;

ma non avea la Fortuna disposto

che l'un dell'altro fornisse il proposto.27

L'ira di Troiolo in tempi diversi

a' Greci nocque molto sanza fallo,

tanto che pochi ne gli uscieno avversi

che non cacciasse morti del cavallo,

sol che ei l'attendesser, sì perversi

colpi donava; e dopo lungo stallo,

avendone già morti più di milIe,

miseramente un dì l'uccise Achille. 28

Cotal fine ebbe il mal concetto amore

di Troiolo in Criseida, e cotale

fine ebbe il miserabile dolore

di lui al qual non fu mai altro eguale;

cotal fine ebbe il lucido splendore

che lui servava al solio reale;

cotal fine ebbe la speranza vana

di Troiolo in Criseida villana.

Parla l'autore a' giovani amadori assai brievemente, mostrando più nelle mature che nelle giovinette donne porre amore29

O giovinetti, ne' quai con l'etate

surgendo vien l'amoroso disio,

per Dio vi priego che voi raffreniate

pronti passi all'appetito rio,

e nell'amor di Troiol vi specchiate,

il qual dimostra suso il verso mio;

per che, se ben col cuor gli leggerete

non di leggieri a tutte crederete.30

Giovane donna, e mobile e vogliosa

è negli amanti molti, e sua bellezza

estima più ch'allo specchio, e pomposa

ha vanagloria di sua giovinezza,

la qual quanto piacevole e vezzosa

è più, cotanto più seco l'apprezza;

virtù non sente né conoscimento,

volubil sempre come foglia al vento.31

E molte ancor perché d'alto lignaggio

discese sono, e sanno annoverare

gli avoli lor, si credon che vantaggio

deggiano aver dall'altre nell'amare,

e pensan che costume sia oltraggio,

torcere il naso, e dispettose andare;

queste schifate ed abbiatele a vili,

ché bestie son, non son donne gentili. 32

Perfetta donna ha più fermo disire

d'essere amata, e d'amar si diletta;

discerne e vede ciò ch'è da fuggire,

lascia ed elegge provvida, ed aspetta

le promission; queste son da seguire,

ma non si vuol però scegliere in fretta,

ché non son tutte sagge perché sieno

più attempate, e quelle vaglion meno.33

Dunque siate avveduti, e compassione

di Troiolo e di voi insiememente

abbiate, e fia ben fatto; ed orazione

per lui fate ad Amor pietosamente,

che 'l posi in pace in quella regione

dov'el dimora, ed a voi dolcemente

conceda grazia sì d'amare accorti,

che per rea donna al fin non siate morti.

Parte nona

Qui comincia la nona parte del Filostrato e l'ultima, nella quale l'autore parla all'opera sua e imponli a cui e con cui deggia andare e quello deggia fare, e fine.1

Sogliono i lieti tempi esser cagione

di dolci versi, canzon mia pietosa,

ma te nella mia grave afflizione

ha tratto amor dell'anima dogliosa

contra natura, né ne so ragione

se non venisse da virtù nascosa,

spirata e mossa dal sommo valore

di nostra donna nel trafitto core.2

Costei, sì com'io so, ché spesso il sento,

mi può far nulla e molto da più fare

che io non sono, e quinci l'argomento

della cagion del tuo lungo parlare

credo che nasca, ed io me ne contento

che più da ciò che dalle doglie amare

venuto sia; ma che che si sia stato,

noi siamo al fine da me disiato. 3

Noi siam venuti al porto, il qual cercando

ora fra scogli ed or per mare aperto,

con zefiro e con turbo navigando,

andati siam, seguendo per lo 'ncerto

pelago l'alta luce e 'l venerando

segno di quella stella, che esperto

fa ogni mio pensiero al fin dovuto,

e fé poi che da me fu conosciuto.4

Estimo dunque che l'ancore sieno

qui da gittare, e far fine al cammino,

e quelle grazie con efietto pieno,

che render dee il grato pellegrino,

a chi guidati n'ha qui rendereno;

e sopra il lito, ch'ora n'è vicino,

le debite ghirlande e gli altri onori

porremo al legno delli nostri amori.5

Poi tu, posata alquanto, te n'andrai

alla donna gentil della mia mente:

oh, te felice che la vederai

quel ch'io non posso far, lasso dolente!

E come tu nelle sue man sarai

con festa ricevuta, umilemente

mi raccomanda all'alta sua virtute,

la qual sola mi può render salute.6

E nell'abito appresso lagrimoso

nel qual tu se', ti priego le dichiari

negli altrui danni il mio viver noioso,

li guai e li sospiri e' pianti amari

ne' quali stato sono e sto doglioso,

poi che de' suoi begli occhi i raggi chiari

mi s'occultaron per la sua partenza,

ché lieto sol vivea di lor presenza.7

Se tu la vedi ad ascoltarti pia

nell'angelico aspetto punto farsi,

o sospirar della fatica mia

priegala quanto puoi che ritornarsi

omai le piaccia, o comandar che via

da me l'anima deggia dileguarsi,

per ciò che dove ch'ella ne deggia ire,

me' che tal vita m'è troppo il morire.8

Ma guarda che così alta ambasciata

non facci sanza Amor, ché tu saresti

per avventura assai male accettata,

ed anche ben sanza lui non sapresti;

se seco vai, sarai, credo, onorata.

Or va', ch'io priego Apollo che ti presti

tanto di grazia ch'ascoltata sii,

e con risposta lieta a me t'invii.