Luigi Pulci

La Beca di Dicomano

Edizione di riferimento:

Luigi Pulci, Opere minori, Poemetti in ottava rima, Orvieto, Paolo (a c. di), Mursia, Milano, [1986]

edizione elettronica di riferimento

http://www.bibliotecaitaliana.it/dynaweb/bibit/periodo/400/pulci/poemetti_ottava_rima

La Beca di Dicomano

I

Ognun la Nencia tutta notte canta

e della Beca non se ne ragiona,

e 'l suo Vallera ogni dì si millanta

che la suo Nencia è in favola e in canzona.

La Beca mia, che bella è tutta quanta,

guardate ben come 'n sulla persona

gli stanno ben le gambe e pare un fiore

da fare altrui sollucherare il cuore.

II

La Beca mia è solo un po' piccina

e zoppica ch'appena te n'addresti;

nell'occhio ha in tutto una tal magliolina

che, s' tu non guati, tu non la vedresti;

piloso ha intorno a quella suo bocchina

che proprio al barbio l'assomiglieresti,

e com'un quattrin vecchio proprio è bianca:

solo un marito come me le manca.

III

Come le vespe all'uve primaticce

tutto dì vanno dintorno ronzando,

e come fanno gli asini alle micce,

e gaveggin' ti vengon codïando:

tu gli 'nfinocchi come le salcicce

e coll'occhietto gli vai infinocchiando;

ma s' tu potessi di quell'altro atarti,

infino al re verrebbe a gaveggiarti.

IV

Tu se' più bianca che non è il bucato,

più colorita che non è il colore,

più sollazzevol che non è il mercato,

più rigogliosa che lo 'mperadore,

più framettente che non è l'arato,

più zuccherosa che non è l'amore;

e quando tu motteggi fra la gente,

più ch'[a] un bu' acqua tu se' avvenente.

IV bis

[Tu se' più destra che lo scarafaggio]

[quando tu balli e fai quel maziculo,]

[più lieta se' che l'asino di maggio,]

[più canterina che non è il cuculo;]

[e se' di latte, Beca, più che el gaggio]

[e hai 'l viso più morbido che 'l culo,]

[più scherzaiuola se' che 'l becherello,]

[più dolce zuga che 'l mie ciucherello.]

V

Beca, sa' tu quand'io 'mpazzai d'amore?

Quando ti veddi quel color celestro,

che tu n'andavi alla Città del Fiore

e mona Ghilla avea sotto 'l canestro.

I' mi senti' così bucare il cuore

come s' tu 'l foracchiassi col balestro,

e dissi: «La ne va a que' cittadini,

vedra' che melarance e gaveggini!»

VI

Abbiate tutte quante passïone,

fanciulle, ché la Beca è la più bella

e canta sopr'un cembol di ragione

e del color dell'aria ha la gonnella

e mena ben la danza in quel riddone:

non c'è più dolce grappola quant'ella,

ch'i' mi sollucro quand'ella scambietta

di procurar più sù che·lla scarpetta.

VII

Non ci va la più bella a canto o festa

che la mie Beca è la più colorita,

e sempre fior' di sciàmito ell'ha 'n testa

e par con esso una cosa fiorita;

quant'una coppa d'oro ell'è onesta,

ché·lla non è la Beca punto ardita,

e va sempre in contegno d'un bel passo

e non ti guarda mai se non giù basso.

VIII

La Beca è la più dolce trempellina,

tutta la notte nel letto tenciona;

e io pur suono, e casca giù la brina,

e vommi liverando la persona;

e com'io tocco la mie pifferina,

i' sento che la ride e dice: «Suona!»

Ma s'io mi cruccio, come dicon quegli,

io ne farò un dì duo tranconcegli.

IX

Io t'arrecai stanotte, Beca, un maio

e appicca'tel dinanzi al balcone;

io mi tirai poi drieto al tuo pagliaio,

ché 'l vento mi brucava il capperone,

e combatte' ventàvolo e rovaio.

E com'io ebbi a bocca lo sveglione,

per farti, Beca, una cosa pulita,

mi prese a punto il granchio nelle dita.

X

Io ero iersera dal noce di Meio,

da quel muraccio là de' Saracini:

vegnavamo io, Beco, Tonio e Teio

a vegghiar teco, quattro gaveggini,

che dira' tu, se mi debbo dir reio?

Ché noi scontramo tanti lumicini

che mai vedesti più nuova faccenda:

ognun brucò, che l'era la tregenda.

XI

Ognun mi dice: «C'hai tu fatto, Nuto?

perché s'è teco la Beca crucciata?»

Per mal che Die ti dia, or l'hai saputo:

perch'io gli dissi che s'era lisciata.

Ma la soghigna quand'io la saluto,

ché la s'è tutta poi radolicata:

non si cansa perciò quand'io la 'ntoppo,

ch'io ne vo ad essa ch'io paio zoppo.

XII

Beca, per queste sante Die guagnele,

ch'io son per modo pazzo de' tuo fichi

ch'i' te ne lasciaria pan bianco e mèle:

dunche facciamo un poco come amici!

E se tu vuoi da me nespole o mele

o castagnacci, fa' che tu mel dichi;

e se tu vuoi le more, che tu l'abbia,

ch'i' te le arrecherò di buona rabbia.

XIII

Se tu vuoi alle volte una 'nsalata

di raperonzi o vuoi di cerconcello,

o ch'io ti leghi un dì qualche granata

al bosco, chiedi pur, vezzo mio bello;

o se tu vuoi di fior' la mattinata

o ch'io pigli di granchi un mazzerello,

tu sai ch'io mi dispero che tu goda;

di pesci aval non se ne piglia coda.

XIV

Io ti so', Beca, a casa bazzicato

già tanto tempo, perch'io ti gaveggio;

e mai l'ho più detto a corpo nato

e nol dir tu, ché noi faremo il peggio.

Io torno proprio com'un disperato

la sera a casa, quand'io ti veggio;

e, per aver di non trar guai scusa,

io piglio un poco la mia cornamusa.

XV

Io ti vorre' un po', Beca ..., tu m'intendi?

Io tel dirò, ma tiemmel di segreto:

Beca mie, guata che, se tu m'attendi,

io ti gaveggerò sempre po' drieto.

A·tte che monta, quando tu merendi,

venirtene poi qui nel castagneto?

Noi ne faren, vedrai, buon lavorìo,

ma rechera'ti di verso el bacìo.

XVI

Se tu vuoi ch'i' tel metta nell'anello

el cotal, dico el dito, Die ch'i' 'l dica,

vientene un dì là da quel mucchierello

a piè del pero mio, dove è la bica,

in sul fitto miriggio: allotta è el bello,

ch'e cristian' dormon che duròn fatica.

Tu sai che zieto, el ser, mi t'impalmòe

fin quando el Giubileo ci passòe.

XVII

Tu sai ch'i' sono ignorante e da bene

e ho bestiame e case e processione;

se tu togliessi me, io torre' tene,

un piattel bastere' fra dua persone;

io ho com'uva le bùgnole piene

e sempre del gran d'anno ho nel cassone:

e goderenci insieme com'un sogno

e non arai a cercar di gnun bisogno.

XVIII

Indozzar possa quella mala vecchia

che tutta notte sta a rivilicare;

vengale il gattagancio ne l'orecchia,

che la non possa el capo brulicare,

Beca mie dolce più ch'un cul di pecchia,

che la t'ha sempre tolto a rimorchiare:

la t'andrà tanto rimorchiando, ch'io

ti farò come fe' ier l'asin mio.

XIX

Non ti bisogna dileggiar parecchi,

ch'i' mi son bene addato d'un fancello

che ti gaveggia, Beca, di sottecchi

e fammi proprio el cul com'un cancello

da poi che t'arrecò que' marron' secchi;

ma 'l fatto s'ha a ridur poi nell'anello:

parmi mill'anni tu mel porga, el dito,

ch'i' te lo metta come tuo marito.

XX

Tu vuoi sempre di drieto e gaveggini

e non daresti loro un berlingozzo,

quest'altre dànno insino a' moccichini:

almanco come al can mi dessi un tozzo!

E non conosci più e cornamusini,

o che l'uom sia Smaello, o bello o sozzo:

tu non arai mai senno, i' ti prometto,

se io, che n'ho buondato, non tel metto.

XXI

Beca, sai tu quel che Vallera ha detto?

Ch'i' t'ho sturato e rotto la callaia,

e che per mezzo el favùl per dispetto

t'ho cacciato el buciacchio, e su·ppell'aia;

e ch'io son quel che brulico in sul tetto

sempre la notte quando el Serchio abaia:

io voglio al podestà ir per fragore

e menerogli el sindaco al rettore.

XXII

Tu sai ben, Beca, come io tel rivìlico

e s'io ti suono ben quel zufoletto

e quando fu ch'io seminai il basilico ...

O Die, che par che rovini giù 'l tetto!

Quest'altri gaveggini stanno in bilico

per farti serenate a mio dispetto:

se tu vuoi la più bella trempellata,

noi verreno a sonarti, una brigata.

XXIII

La Beca mia è soda e tarchiatella

che gli riluce, Idio la salvi, il pelo;

e io ne vo com'un birrone a ella

la sera in sul far bruzzo, ch'io trafelo.

Squasimodeo, che·lla mi par pur bella

e buzzico un miccin quivi dal melo:

ella mi guata e non mi tien più broncio,

ch'i' mi son pur aval con lei riconcio.

Indice Biblioteca Progetto Cantari e serventesi

© 1996 - Tutti i diritti sono riservati

Biblioteca dei Classici italiani di Giuseppe Bonghi

Ultimo aggiornamento: 24 agosto 2010